Page 103

Stefano Bisio

+30% L’AUMENTO DEL FATTURATO DI DATA MODUL NEL 2012 RISPETTO ALL’ANNO PRECEDENTE. NEI PROSSIMI TRE ANNI SI PROSPETTA UN’ULTERIORE CRESCITA

«Operiamo nell’ambito dell’elettronica per l’industria, uno dei settori che necessita di costante innovazione. Gli investimenti in ricerca e sviluppo sono stati possibili grazie a personale specializzato nella chimica applicata ai processi produttivi. Per ciò che concerne gli investimenti sulla formazione, il 10 per cento della nostra forza lavoro è composta da persone giovani che stanno effettuando il passaggio dal mondo dell’università a quello dell’industria. Molti dipendenti lavorano con noi da tanti anni e dopo aver concluso uno stage in Data Modul sono stati confermati con contratto a tempo indeterminato. Il fattore umano è decisamente un aspetto rappresentativo della nostra crescita aziendale». Quali sono oggi le categorie e i settori che si rivolgono al vostro prodotto? «Offriamo dal componente alla soluzione completa per settori quali l’automazione industriale e l’automotive, che rappresentano oggi circa il 60 per cento del fatturato. Inoltre stiamo crescendo negli ambiti del settore medicale, della strumentazione in genere e nel settore degli elettrodomestici». Qual è stato l’andamento del vostro business nel 2012? Quali i principali risultati raggiunti e quali le maggiori criticità? «Il 2012 è stato un anno positivo per la nostra azienda. Abbiamo ripetuto lo stesso risultato dello scorso anno, che per noi si è rivelato molto buono (eravamo cresciuti del 30 per cento rispetto al 2010). L’acquisizione di un maggior numero di progetti ci porterà ad una sostanziale crescita nel triennio 2013-2015».

Il controllo diretto in Europa, rispetto alla gestione di filiali in Asia, garantisce un supporto tecnico migliore e più rapido. Ecco perché abbiamo spostato il ciclo produttivo in Germania

Qual è la vostra situazione sul mercato estero e su quello italiano? «Il Gruppo tedesco Data Modul, operativo da 40 anni, ha raggiunto una posizione di leadership sul mercato tedesco, nel nord Europa e negli Stati uniti per quanto riguarda la fornitura di display e delle soluzioni embedded, ovvero quelle apparecchiature integrate nel sistema con funzioni di controllo, in grado di gestirne le funzionalità richieste. In Italia stiamo crescendo molto bene grazie ai nuovi progetti acquisiti. Da buoni italiani non ci manca la volontà né l’iniziativa imprenditoriale per avviare nuove opportunità all’estero. In certi paesi, specialmente quelli dell’Est Europa, la nostra mentalità italiana viene premiata dai clienti perché risultiamo più flessibili». LOMBARDIA 2012 • DOSSIER • 121

DLombardia122012  
Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you