Page 1

Finalmente, dopo più di cinque anni dall'inizio dei lavori, siamo felici di accogliere la notizia che la Maggioranza ha trovato tempi e modi per poter proporre al Consiglio Comunale il nuovo PAT. Dopo un tempo di travaglio così lungo ci aspettavamo contenuti corposi, pianificazioni lungimiranti e innovazioni significative. Speravamo veramente che per una volta il bene della comunità tutta prevalesse, con una visione che abbracciasse non solo il presente ma che potesse rappresentare una pietra miliare anche e sopprattutto per le future generazioni. Con sorpresa scopriamo invece che le principali manovre del nuovo PAT consistono in due punti: − una nuova area commerciale vasta più di 20.000 m quadri lungo la circonvallazione di Gaiarine; − una nuova zona residenziale/direzionale di più di 50.000 m cubi in sostituzione della zona ex mostra Jesse a Francenigo. Per quanto riguarda il primo punto troveremo molto interessanti le argomentazioni che la Maggioranza utilizzerà per giustificare una scelta cosi ardita, sia considerando il valore aggiunto del territorio agricolo comunale che andrà a distruggere e le attività commerciali già esistenti che andrà inevitabilmente a danneggiare. Per il secondo punto, con dati alla mano sull'andamento della popolazione comunale e sulla quantità di esistenti abitazioni, anche di nuova o nuovissima costruzione, attualmente sfitte, troviamo veramente incomprensibile la motivazione che spinge a voler costruire circa 200 nuovi appartamenti in un territorio che non ne ha assolutamente bisogno. Già di per sé i due punti di cui sopra giustificano un forte discostamento dall'approvazione di questo documento. Ma l'aspetto più eclatante, quasi comico, di questo PAT è l'assoluta disinvoltura con la quale la Maggioranza asseconda spinte e richieste individuali e se ne infischia del bene della comunità tutta. All'anacronistica strada intrapresa dalla Maggioranza ci sentiamo in dovere di opporre un'idea di sviluppo territoriale completamente diversa e volta


alla valorizzazione dell'esistente. In altre parole ci chiediamo perchĂŠ la Maggioranza continui a cavalcare l'idea di “cattedraliâ€? nel deserto incuranti del valore del territorio a cui vanno a rubare il posto invece di riqualificare in modo filologico i nostri centri storici incentivandone le potenzialitĂ sia commerciali che abitative.

dichiaraizone-di-voto_03022012  
Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you