Page 79

Sezione 3: I settori di intervento

Ricerca scientifica

incubatore universitario d’impresa creato dalla Fondazione nel 2002 con l’intento di agevolare la nascita di nuove imprese fornendo spazi, attrezzature e servizi a condizioni agevolate, così come il sostegno al CISSPE – Centro Interdipartimentale di Studi per i Servizi alla Persona dell’Università degli Studi di Padova (30.000 euro) per l’attuazione di un progetto di ricerca (attualmente in corso) elaborato con l’Ufficio Scolastico Territoriale, la Provincia e la Camera di Commercio di Rovigo, che intende verificare l’apprendimento delle competenze dei giovani rispetto alle esigenze del mondo del lavoro locale.

PROGETTI E INIZIATIVE REALIZZATE PER PERSEGUIRE L’OBIETTIVO “SOSTENERE LA CREAZIONE SUL TERRITORIO DI LABORATORI D’AVANGUARDIA E PIATTAFORME TECNOLOGICHE CONDIVISE”

La Fondazione ha infine aderito al progetto AGER2 – Agroalimentare e Ricerca [A Progetti approfonditi 2013] con uno stanziamento per il triennio 2013-2015 che prevede una delibera di 500.000 euro a carico dell’esercizio 2013, e di altre due tranche sempre di 500.000 euro ciascuna a carico degli esercizi 2014 e 2015 (stanziamento complessivo 2013-2015: 1,5 milioni di euro). L’iniziativa si svolge in collaborazione con altre Fondazioni ed è finalizzata allo sviluppo del settore agroalimentare attraverso il sostegno ad attività di ricerca scientifica dalle forti ricadute applicative, con l’obiettivo di contribuire al miglioramento dei processi produttivi, allo sviluppo delle tecnologie impiegate ed alla valorizzazione del capitale umano. Il progetto coinvolge altre 8 fondazioni, per uno stanziamento complessivo di circa 7 milioni di euro. PROGETTI E INIZIATIVE REALIZZATE PER PERSEGUIRE L’OBIETTIVO “FAVORIRE L’INTERNAZIONALIZZAZIONE” Anche nel 2013 la Fondazione ha sostenuto il progetto Dottorati di Ricerca per Studenti Stranieri (1.383.000 euro), che ha visto l’attivazione di 15 borse di studio triennali destinate a laureati stranieri per la partecipazione alle Scuole di dottorato di ricerca e ai Corsi Internazionali di dottorato di ricerca dell’Università di Padova. Il 2 dicembre 2013, è stata pubblicata la prima edizione del bando Visiting Scholars – Grant Program 2013, iniziativa che si è posta l’obiettivo di migliorare il profilo internazionale dei ricercatori under 45 del territorio nel campo delle Scienze Umane e Sociali, e di stimolare, al contempo, la creazione di rapporti bilaterali tra gli Istituti di ricerca locali ed importanti centri scientifici internazionali. Il bando, per il quale è stata programmata una somma di 400.000 euro per il sostegno di soggiorni di ricerca all’estero di durata compresa tra 2 e 6 mesi, vedrà l’assegnazione dei contributi nel 2014.

Nel 2012 è stato approvato un importante intervento a valere sulle disponibilità dell’anno 2013 (1.200.000 euro) per il progetto di ampliamento del Laboratorio Te.Si. – Tecnologie e Sistemi di Lavorazione [A Progetti approfonditi 2013 A video su www.youtube. com/fondcariparo] del Dipartimento di Ingegneria Industriale dell’Università di Padova, per l’acquisto di strumentazioni e apparecchiature scientifiche d’avanguardia, l’adeguamento di impianti interni e l’acquisto di arredi tecnici. Il laboratorio è collocato presso il Cen.Ser. di Rovigo e rappresenta un centro di eccellenza internazionale nell’ambito della ricerca scientifica e industriale, particolarmente nel campo delle tecnologie per la produzione manifatturiera di prodotti in materiale polimerico. Nel 2013 è proseguita un’attività di valutazione ad ampio raggio avviata nel 2012, svolta da specifici gruppi di lavoro composti da esperti esterni rispetto al territorio di riferimento, istituiti appositamente per la valutazione della qualità scientifica di alcuni progetti realizzati con l’utilizzo di attrezzature acquistate grazie al sostegno della Fondazione. Nei primi mesi del 2013 si è conclusa la valutazione delle attività del Laboratorio LANN – Laboratorio di ricerca per la Nanofabbricazione e i Nanodispositivi basati sulla nanolitografia, e del Laboratorio ECSIN – European Center for Sustainaible Impact of Nanotechnology. Il primo è stato giudicato positivamente dal punto di vista della strumentazione impiegata e della formazione del personale, ma migliorabile per quanto riguarda la visibilità internazionale ed il trasferimento di tecnologie alle aziende; ECSIN è stato giudicato in modo molto positivo sul versante delle strutture e delle competenze scientifiche disponibili, ma nettamente migliorabile in relazione all’efficienza produttiva della ricerca svolta ed all’attività di trasferimento tecnologico. Sono proseguite invece durante tutto l’anno le attività di valutazione del Laboratorio CIGA (Centro per le decisioni giuridico-ambientali e la certificazione etica d'impresa) e del Laboratorio Te.Si. (Tecnologie e Sistemi di Lavorazione).

69

Bilancio Sociale 2013  
Bilancio Sociale 2013  

Documento di rendicontazione economica, sociale e ambientale della Fondazione

Advertisement