Page 1

VIII Summit sull’Industria della comunicazione in Italia

IL PROGETTO LOMBARDIA CABLATA Raffaele Tiscar

.

Finlombarda S.p.A

Roma, 25 gennaio 2011 Unioncamere | Sala Longhi Palazzo Sallustio


Il Progetto Bul Lombardia: Sintesi del Progetto I principali elementi qualificanti del Progetto Banda Ultra Larga Lombardia: •Investimento: 1,4 Mld di euro; •Arco temporale di 6-7 anni, secondo un modello organizzativofinanziario di project-financing; •167 Comuni per 4.200.000 residenti; •Infrastruttura sviluppata con una configurazione “aperta”; •Fase realizzativa assimilabile ad una operazione di finanza di progetto (del tipo B.O.T): •Soggetti pubblici coinvolti nel sostegno della domanda di servizi.


Il Progetto Bul Lombardia: Il ruolo di regione Lombardia ♣ Promuovere lo sviluppo delle reti di Telecomunicazioni a Banda Larga (BUL) attraverso un impegno diretto nella realizzazione delle infrastrutture sul territorio. ♣ Contribuire al superamento della principale barriera per gli operatori. ♣ Abilitare nuovi servizi, che incideranno fortemente su produttività, efficienza, competitività e qualità della vita dei cittadini. ♣ Tenere il passo con le maggiori aree industrializzate europee. ♣ Anticipare in misura significativa sviluppi che il mercato assicurerebbe in tempi più dilatati, e quindi di anticipare i vantaggi in termini di sviluppo economico e occupazione


Modelli Strategici: Milestone del progetto Due condizioni per lo sviluppo del progetto imprescindibili in considerazione del ruolo istituzionale di Regione Lombardia: Realizzare una rete in fibra ottica che consenta:

 la neutralità rispetto telecomunicazioni;

agli

operatori

delle

 l’universalità consentendo a tutti i cittadini di accedervi a parità di condizioni. Realizzare un’operazione che non produca distorsioni del mercato ma che abbia effetti positivi sulla concorrenza del settore senza avvantaggiare uno o più soggetti. •


Il Progetto Bul Lombardia: I servizi veicolabili su fibra di interesse per RL ¬ Servizi dell’Amministrazione Democracy”

Digitale

e

“Digital

¬ Sanità Digitale e Telemedicina ¬ Scuola Digitale e Formazione Professionale su base elearning ¬ Giustizia e Sicurezza Digitali ¬ Intelligent Trasportation Systems e Logistica Digitale ¬ Telelavoro e Collaborazione Digitale ¬ Servizi Software as a Service (SaaS) e cloud Computing per le imprese


I servizi veicolabili su fibra: Alcuni esempi

SanitĂ digitale

Telepresenza


Il progetto BUL Lombardia: I Cluster di riferimento Cluster Comuni

16 7

Popolazione Superficie

4.203.399 (kmq)

3.791

Milano 1 1299633

Altri

Totale

1.37 8

1.546

413.9374

9.642.406

182

19.890

23.861

Famiglie

1.781.705

668.158

1.718.070

4.167.934

Imprese

351.110

196.261

29.2514

839.885

Abitazioni

1.584.584

583.335

1.465.035

3.632.954

UI

1.960.977

731.670

2.094.225

4.786.872

439.303

39.308

859.766

1.338.377

Edifici


Il progetto BUL Lombardia: I Cluster di riferimento Cluster

Milano

Resto Reg i one

Totale

1108,78

7140,84

208,11

404,11

92,62

1078,36

14,71

35,20

417,99

3205,14

73,66

152,25

99,29

815,03

31,63

48,36

115,88

215,98

43,23

56,09

P o p o la z /.Ab i t a z i o ni

2,65

2,23

2,83

2,65

P o p o la z /. Edifici

9,57

33,06

4,81

7,20

U I/Edifici

4,46

18,61

2,44

3,58

Persone/famiglia

2,36

1,95

2,41

2,31

P o p o l a z i o n e/km q Imprese/kmq A b i t a z i o n/i k m q U n i t Ă non res./ k m q Edifici/km q


Lo scenario infrastutturale: Modello Societario Il progetto complessivo (167 comuni) è stato suddiviso in 3 cluster in funzione del parametro della densità abitativa di ciascun comune e della contiguità territoriale. Holding

SPV 1

SPV 2

SPV 3

SPV 4

SPV 5

SPV 6

SPV 7

SPV 8


Lo scenario infrastutturale: Modello operativo

\ B o r c h iCaP E

OLT

strada

ODF

Pozzetto

Centrale RETE

PRIMARIA

Pozzetto

Muffola RETE

SECONDARIA

A s s econsiderati t

nel

modello

ADDUZIONE ORIZZONTALE


Lo scenario infrastutturale: Modello architetturale Il modello si basa sull’architettura FTTH (Fiber to the Home) in cui la rete di accesso è interamente ottica dalla centrale fino all’utente. Benché questa sia l’architettura che permette le prestazioni maggiori, è anche quella che comporta i costi di realizzazione più alti e implica i maggiori vincoli a causa della necessità di cablare in fibra gli edifici. L’architettura FTTH può essere di 2 tipi: Soluzione Point-to-point – P2P (1 fibra per ogni utente) Soluzioni GPON (1 fibra per N utenti)


Modelli Strategici:Total replacement Per Total replacement (detto anche switch-off) si intende la sostituzione, all’interno di una specifica area di centrale TI, della rete in rame con la rete in fibra, questo comporta: ¬ La migrazione forzosa degli utenti finali sulla rete in fibra, compresi quelli che si trovano in unbundling, e quelli che usufruiscono di servizi di bitstreaming; ¬ Risparmio di costi operativi dovuti ai minori tassi di guasto nuova rete; ¬ Nessuna competizione infrastrutturale.


Modelli Strategici: Overlay Per Overlay si intende il mantenimento, all’interno di una specifica area di centrale Telecom Italia, della rete in rame in parallelo a quella in fibra, questo comporta: ¬ Per gli utenti, la possibilità di scegliere di migrare sulla fibra ottica; ¬ Per gli operatori, la decisione o meno di perseguire una strategia di migrazione dei propri clienti da rame a fibra; ¬ Per la rete in rame, la creazione di uno scenario di competizione; ¬ La permanenza dei costi operativi di gestione, in carico a Telecom Italia e agli operatori alternativi.


Lo scenario infrastutturale: Modello industriale I modelli economico-finanziari ad oggi ipotizzati sono basati sulle seguenti assumptions: Rapporto Capitale/Debito: 30%-70% Prezzo medio fibra: stimato in circa 10-11 €/mese per utente Tasso penetrazione del mercato: ♣60% nel caso di operazione in Overlay; ♣ 100& nel caso di operazione in Total replacement.


Conclusioni: Strategie a Confronto

Rischio di mercato: Popolazione servita:

S w i t c ho f f

Overlay

Assente

Tipico di operazioni Di mercato

Tendente al 100% dei 167 Comuni

60% dei 167 Comuni

Rimborso del Debito

10-12 anni

Oltre12 anni

Cassa Depositi e Prestiti

Partecipa

Non partecipa

BancabilitĂ

Migliore grazie alla minimizzazione del rischio

Govenance

Da strutturare con Patti Parasociali

Da valutare per ogni singolo BOT EntiPubblici


Grazie per l’attenzione Raffaele Tiscar Project Manager Banda Ultra Larga Finlombarda S.p.A. raffaele.tiscar@finlombarda.it

/tiscar_ilPRogettoLombradiaCablata  
/tiscar_ilPRogettoLombradiaCablata  

http://iem.frosselli.org/docs/pres/2011/tiscar_ilPRogettoLombradiaCablata.pdf

Advertisement