Issuu on Google+

SOCIETÀ DANTE ALIGHIERI SOCIETÀ DANTE ALIGHIERI

Fondazione Opera Immacolata Concezione Onlus

SOCIETÀ SOCIETÀ SOCIETÀ SOCIETÀ DANTE ALIGHIERI DANTE ALIGHIERI DANTE ALIGHIERI DANTE ALIGHIERI

Fondazione Fondazione Fondazione Opera Immacolata Onlus Fondazione OperaConcezione Immacolata Concezione Onlus Opera Immacolata Concezione Onlus Opera Imm Opera Immacolata Concezione Onlus

A casa coi nonni

PARTNERS EDITORIALI In abbinamento gratuito alle seguenti testate

Storie di famiglie allargate... tra le generazioni

[ATHESIS2: TESTATA-ARE-LARENA-PAG-PUB-01 <ARE_F1 -1 > ... 29/03/11]

EDIZIONEDELLUNEDÌ

FINO A SABATO 2 APRILE

I promotori del concorso ringraziano gli edicolanti per la loro preziosa collaborazione

SCONTO RECUPERABILE COME BUONO SPESA DAL 4 AL 23 APRILE

SAN GIOVANNI LUPATOTO - LEGNAGO

SCONTO RECUPERABILE COME BUONO SPESA DAL 4 AL 23 APRILE

MARTEDÌ 29 MARZO 2011 €1,20

ANNO146 NUMERO87 www.larena.it

SAN GIOVANNI LUPATOTO - LEGNAGO

Ricercadell’ateneodiPadovasulvernacolo

EventoaMilanoperl’attorenatoaVerona

Raldondiventala«università» deldialettoveronese

LibroemostraperWalterChiari a20annidallascomparsa fPAG48

fPAG26

L'EDITORIALE

EMERGENZA. Lampedusa:sbarchiaquota20mila.Ipescatoribloccanoilporto.Ilprefetto:viatutti

IlBelpaese trapaure eistinto umanitario

This book is printed by the sun Rivoltaanti-immigrati

GinoCavallo emergenza che preoccupa l’Europa e sconvolgeLampedusa, costringe a ridefinire regole e confini del dibattito politico. Si tratta della brusca accelerazione di processi in atto da tempo, ma che ora (e non solo in Italia) non si possono più gestire con logiche di basso profilo, puramente elettoralistiche per intenderci. I raid sulla Libia finiranno, si spera, al più presto ma non basteranno nuovi governi dall’incerta identità a restituire la normalità ad una terra da sempre tra le più tormentate del pianeta. L’Europa pensa più alla sua moneta che al dramma in atto alle sue porte. I «volonterosi» si infiammano per le catene di comando, pensano alle bombe e meno, molto meno, a «danni collaterali» che non siano le forniture di petrolio. L’offerta di mediazione della Turchia, cui non è certo estranea l’aspirazione di Ankara ad entrare a far parte dell’Unione europea, sta mettendo in ombra l’ipotesi di un piano italotedesco. E la batosta elettorale sta convincendo la cancelliera Angela Merkel ad occuparsi sempre meno della crisi libica. Eppure, malgrado le preoccupanti notizie da Lampedusa, la protesta di un’intera comunità che si rifiuta di pagare (da sola) per tutti, il desolante cinismo del Vecchio continente, il dramma che si consuma nel Mediterraneo offre al nostro Paese un’opportunità storica per riaffermare un primato che non ha colore politico: quello dell’umanità. Quando tutto sembra andare a rotoli, dove non arrivano macchine organizzative in apparenza imbattibili, là trovi degli italiani che non si arrendono e continuano ad alimentare la speranza. Segue a fPAG4

L’

GuerrainLibia:verticeaquattro,mal’Italiavienesnobbata.Continuanoiraid VENETO. Preoccupa l’onda dei clandestini

Lereazioni

Campid’accoglienza: polemicaNord-Sud Napolitano:evitare scelteaffrettate fPAG3 ViolenzeinSiria

Tosi:«AncheaVerona temonuovetensioni» Anche il sindaco di Verona Tosi lancia un grido di allarme per l’emergenzamigranti. «Come sindaco», afferma, «sono estremamente preoccupato per quello che potrà succedere nei nostri quartieri, nel momento in cui persone che non hanno un lavoro e che difficilmente troveranno un’occupazione,si ritroverannosulla strada». Per quanto riguarda i profughi, ribadisce, «a Verona abbiamo messo a disposizione nell’immediato 30 posti letto, e se ci sarà bisogno di affrontare altre esigenze faremo di sicuro lanostraparte, purché sianorealmente profughi». fPAG9

ProtestaaLampedusa. Sull’isolala situazionesi è fatta insostenibile

FINO A SABATO 2 APRILE

DA OGGI IN EDICOLA

li a so 99

€ 4,

1a GUIDA

SCONTO RECUPERABILE COME BUONO SPESA DAL 4 AL 23 APRILE

Borghi e Paesi delle Tre Venezie

a richiesta con L’Arena

Incidente

ASanMichele travolgeunprete conloscooter poisidàallafuga fPAG14

The first carbon-free printing company in the world

IlgovernodiAssad prometteriforme malapoliziaspara suidimostranti fPAG3

Veronetta

SAN GIOVANNI LUPATOTO - LEGNAGO

Viaailavori allaPassalacqua Trasloco peridocenti

ste Italiane S.p.a. - Sped. in a.p. - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art. 1, comma 1, DCB Verona

SEGRETERIA ORGANIZZATIVA Fondazione Opera Immacolata Concezione – Onlus ISBN 978 88 6129Tel. 900 9049.6683000 faxIn049.6683220 Italiarisparmi Stalliblu in altri trequartieri calatidel60% e-mail: info@oiconlus.it Casabene rifugio IncuboinGiappone

«Ilnocciolosièfuso» AFukushima l’acquaradioattiva finisceinmare fPAG4

Oltre cinquemila i migranti presenti sull’isola di Lampedusa (da inizio anno quasi 20mila quelli arrivati) in condizioni precarie. Una situazione esplosiva. Che ha innescato la protesta degli isolani: i pescatori ieri hanno bloccato l’ingresso al porto, rovesciati anche i casso-

netti della spazzatura. Il prefetto ha annunciato l’arrivo di sei navi per i trasferimenti. Intanto, i leader di quattro Paesi - Usa, Francia, Germania e Gran Bretagna - hanno tenuto una videoconferenza sulla Libia, summit da cui è stata esclusa l’Italia. fPAG2 e 3

SOSTAAPAGAMENTO. InValdonega,PonteCrencanoePindemonte

IN SOCCORSO DEI RESIDENTI. Si allarga la zona della sosta a pagamento blu. Si pagherà presto anche in Valdonega, Ponte Crencano e quartiere Pindemonte. Sul tavolo dell’assessore alla Mobilità Corsi, c’è già una richiesta di introdurre gli stalli blu, presentata dalla Seconda circoscrizione (Borgo Trento, Valdonega, Avesa, Quinzano, Parona). L’obiettivo è venire incontro ai residenti dei tre quartieri dove da quando si paga in Borgo Trento, si riversano molte auto in cerca di posteggi gratuiti. fPAG 17 Sabato orario continuato Domenica aperto

a Offerte di Primaver

TASSE. Berlusconiil piùricco. Alcune sorprese

Redditideiparlamentari: veronesiametàclassifica Sfiorato il podio dei Paperoni di Piazza Affari, il premier Ber-

«Mediatrade» IlCavaliere vadaigiudici poirisale sulpredellino

2012

5ª edizione concorso “Longevità e Cultura”

Domenica 23 settembre 2012

ANNO146 NUMERO87 www.larena.it

fPAG15

Polemiche

Ilsindaco di Verona, FlavioTosi

INOSTRISOLDI. Confcommerciofotografalacrisi

Dal 1990 ad oggi il risparmio complessivo delle famiglie italiane si è ridotto di circa 20 miliardi di euro e se vent’anni fa per ogni 100 euro di reddito se ne risparmiavano 23, oggi le famiglie riescono a metterne da parte meno di di 10 con una riduzione di quasi il 60 per cento della propensione al risparmio. Nello stesso periodo, con un reddito disponibile «sta-

Autore:ZANINI Data:29/03/11 Ora:11.1

EDIZIONEDELLUNEDÌ

SOLO PER POSSESSORI CARTA CLUB - SPESA MINIMA 30 EURO

Autore:ZANINI Data:29/03/11 Ora:11.13

SOLO PER POSSESSORI CARTA CLUB - SPESA MINIMA 30 EURO

FINO A SABATO 2 APRILE

SOLO PER POSSESSORI CARTA CLUB - SPESA MINIMA 30 EURO

[ATHESIS2: TESTATA-ARE-LARENA-PAG-PUB-01 <ARE_F1 -1 > ... 29/03/11]

gnante e sostanzialmente» invariato dal 1990 al 2010, il risparmio annuo pro capite, in termini reali, si è ridotto (circa 4.000 euro nel 1990, 1.700 euro nel 2010). È quanto emerge da un'analisi della Confcommercio, che sottolinea che un terzo delle famiglie ritiene l'investimento in immobili la principale forma di utilizzo del risparmio. fPAG 7

Pistaciclabile: tagliatiglialberi Protestano ancheiciclisti fPAG12

AddioaBarbara Grandefolla perifunerali dellagiovane mamma fPAG 30

Padova Centro Civitas Vitae – Auditorium “Pontello” Fondazione Opera Immacolata Concezione Onlus Ricercadell’ateneodiPadovasulvernacolo Via Toblino, 53

Raldondiventala«università» deldialettoveronese

fPAG26

Even

Libr a20


La logica delle separatezze e delle specializzazioni spinte che si è imposta in questi decenni, ha portato al dominio della componente più forte, la finanza speculativa, con una cifra semplicistica e sprezzante della comunità appiattendola sull’alfabeto del numero. Un contributo decisivo è venuto dal far credere, da parte della classe politica, che l’indebitamento pubblico non aveva confini, pronto a soddisfare frammentazioni, particolarismi, superfluità. Il risultato è questa gravissima crisi di fronte alla quale urge un cambiamento radicale ispirato alla coesione sociale, alla sussidiarietà, all’intergenerazionalità per una rappresentazione collettiva della capacità del condividere, l’opposto degli egoismi imperanti. Il 2012, anno europeo dell’invecchiamento attivo e la solidarietà tra le generazioni, diventa allora un preciso richiamo alla nostra coscienza, una ricorrenza importante non tanto per collezionare eventi, ma per consolidare un cammino. Così nella Quinta Edizione del nostro concorso “Longevità e cultura”, da un lato, si può diffondere a tantissime famiglie venete questo messaggio positivo grazie alla collaborazione, oltre del Corriere del Veneto, de Il Gazzettino, Il Mattino di Padova, il Corriere delle Alpi, La Nuova di Venezia e Mestre, La Tribuna di Treviso, Il Giornale di Vicenza, L’Arena. Dall’altro si è focalizzato un tema emblematico “A casa coi nonni, storie di famiglie allargate tra le generazioni“, dove la longevità qualifica ancor più il suo carattere di risorsa. Infatti, la relazione verticale (ricerca del senso della vita nella prospettiva della eternità) e la relazione orizzontale (usare la libertà per staccarsi dall’io ed incontrare l’altro) proprie della terza età, costituiscono la dote in grado di uscire all’esterno, nel tessuto familiare e comunitario, per aiutare la società ad essere migliore irrompendo nel campo aperto del cambiamento. I giovani credono che il mondo in cui entrano abbia un assetto compiuto, che le forze negative dominanti non possano essere sconfitte da una operosa, vigile coscienza e si adagiano, lo subiscono, al massimo lo contestano con episodi di distruzione, perché lo considerano molto più immutabile di quanto in realtà non sia. Ebbene: una cosa fondamentale che tutti i longevi hanno imparato è che nei decenni che formano l’arco della vita assai più cose cambiano, possano cambiare, possano essere cambiate, debbano cambiare di quanto uno pensi nei suoi primi anni. Forti di questo convincimento nella longevità applicano la potenzialità di integrare in positivo le contraddizioni, i limiti, le negatività del contesto: la relazione intergenerazionale diventa così attitudine di vissuto quotidiano verso mete significative, comune aspirazione prioritaria per andare oltre. La raccolta di queste storie dimostra una sensibilità diffusa, patrimonio valoriale su cui riprogettare in meglio l’assetto di questa realtà che non ci piace, mettendo insieme la freschezza delle energie giovanili con l’esperienza dei longevi per affrontare con fiducia le vicende della vita e del mondo. Ne esce un quadro di fondata speranza e di sorprendente vitalità nell’onorare insieme il dono della vita, sia quando è all’inizio, sia quando si prolunga nel tempo.

Augurandoci di poter condividere con Lei questi scenari, siamo lieti di invitarLa alla giornata conclusiva del concorso: “A casa coi nonni: Storie di famiglie allargate tra le generazioni” Programma: 10.15 Accoglienza - Welcome coffe 10.30 Inizio lavori Introduce e modera Angelo Ferro - Presidente Fondazione OIC Interventi La Giuria: Relazione della Presidente della Giuria Antonia Arslan Ambrogio Fassina - Presidente Cleup Fabio Franceschi - Presidente Grafica Veneta Luisa Scimemi - delegata Dante Alighieri I Partners editoriali Maurizio Cattaneo Ario Gervasutti Paolo Papetti Antonio Ramenghi

Direttore dell’Arena Direttore del Giornale di Vicenza Direttore Il Gazzettino Direttore Il Mattino di Padova - Corriere della Alpi La Nuova di Venezia e Mestre - La Tribuna di Treviso

Alessandro Russello

Direttore Corriere del Veneto

12.45 Premiazioni e riconoscimenti 13.00 Al termine Lunch di convivialità


Proposta INVITO sfumato