Page 18

Architettura in Città 2014

Partner

Dagli scatti di Testino alle immagini del Lingotto di oggi N

el decidere se essere un architetto esecutore o visionario, tra seguire le leggi del mercato o l’ambizione artistica, Lina Bo Bardi ha scelto la seconda strada: di origine e studi italiani, ma naturalizzata in Brasile, durante la sua carriera ha affiancato all’attività di progettista quella di artista. Le sue prime installazioni in vetro stratificato, raccolte all’interno del Museu de Arte de São Paulo (peraltro, uno dei più significativi progetti a sua firma), compongono una serie di immagini sovrapposte e mischiate, che ricordano tanto la struttura visiva dinamica della rivista quanto la dimensione statica delle sale museali. A queste opere si ispira l’allestimento della mostra “SOMOS LIBRES II”, ospitata alla Pinacoteca Agnelli dal 17 maggio al 14 settembre 2014, a cura di Neville Wakefield. La mostra presenta opere della collezione personale di Mario Testino, fotografo peruviano, autore di numerose campagne pubblicitarie per rinomate case dell’industria

colleziona è rimasta fondamentalmente privata e comprende artisti come Tauba Auerbach, Richard Avedon, Cecil Beaton, Glenn Ligon, Jonathan Monk, Ugo Rondinone, Cindy Sherman, Adriana Varejão e Andy Warhol. I lavori sono immersi in un allestimento composto dalle fotografie realizzate da Testino negli studi degli stessi artisti mostrando come queste siano solo un altro aspetto della collezione che è stata modellata negli interstizi del mondo di Testino – un luogo dove studio, galleria d’arte, collezione e rivista si fondono insieme. Il curatore si concentra sulla tensione tra la pittura astratta, svelando il viaggio personale del collezionista nel mondo dell’arte contemporanea, e il medium della fotografia, tanto creativa quanto legata agli spazi del lavoro artistico: mentre le forme dipinte vengono mostrate una di fianco all’altra, la fotografia permette la sovrapposizione di fonti e mezzi diversi per creare esposizioni multiple di passato e presente, rivista e pagina, film e stampa, in modo analogo a quanto realizzato da Lina Bo Bardi. Durante il periodo della mostra saranno promossi dalla Pinacoteca Agnelli, grazie alla partnership con Eni, workshop per adulti e adolescenti dedicati alla fotografia e alla serigrafia. In Safari al Lingotto i partecipanti saranno portati ad analizzare la storia, la fortuna e gli elementi architettonici dell’edificio che ospita la Pinacoteca. Lo Scrigno e la Bolla progettati da Renzo Piano, assieme agli spazi dell’ex fabbrica FIAT ideati da Giacomo Matté Trucco come la rampa storica e la pista di collaudo, sono stati per anni i soggetti di numerose fotografie storiche e contemporanee, che, durante il workshop, verranno presentate ai partecipanti. Alla fase di osservazione seguirà il vero e proprio safari fotografico, durante il quale si andrà alla ricerca di ciò che è stato e ciò che è diventato, lasciandosi ispirare dall’archeologia industriale e dal ripristino attuato da Renzo Piano, in un tour all’interno dell’edificio. Concluderà il workshop un racconto proposto da chi ha lavorato per anni all’interno della struttura, a cura di UGAF, l’Associazione Seniores Aziende Fiat.

La fotografia come strumento per la sovrapposizione di fonti e mezzi diversi per creare esposizioni multiple di passato e presente, dallo studio di quello che c’era all’osservazione di quello che c’è. della moda e di ritratti di attori e celebrità; mentre le immagini che raccoglie con la macchina fotografica non sono difficili da rintracciare, l’arte che lo ispira e che lui

Pinacoteca Giovanni e Marella Agnelli

| 18

Dal 2007 la Pinacoteca Giovanni e Marella Agnelli presenta mostre ed eventi dedicati al tema del collezionismo. L’obiettivo è fornire nuove chiavi di lettura delle opere conservate in collezioni pubbliche e private, che inducano a riflettere non esclusivamente sulla loro qualità estetica, ma anche sulla funzione e sul significato che rivestono per la committenza e per la collezione di cui fanno parte. Tale obiettivo è in linea con la natura del museo, nato dalla volontà di collezionisti, di rendere pubblica una loro scelta e di trasmettere la gioia e la passione per l’arte. Negli spazi della Pinacoteca sono organizzati laboratori rivolti alle scuole e alle famiglie e attività educative rivolte agli adulti (visite guidate con approfondimenti e workshop). Mostra

SOMOS LIBRES II. Opere dalla collezione di Mario Testino Festival Architettura in Città Pinacoteca Giovanni e Marella Agnelli Via Nizza, 230/103 Torino 17 maggio-14 settembre Martetì-domenica ore 10.00-19.00 Workshop fotografico

Safari al Lingotto Festival Architettura in Città Pinacoteca Giovanni e Marella Agnelli Via Nizza, 230/103 Torino Sabato 14 giugno ore 15.30  Studio di Cecily

Brown, New York, 2008. Mario Testino

Profile for Fondazione per l'architettura / Torino

Il giornale di Architettura in Città  

In attesa della quarta edizione del festival Architettura in Città (10-14 giugno), un approfondimento di alcuni dei temi trattati nel progra...

Il giornale di Architettura in Città  

In attesa della quarta edizione del festival Architettura in Città (10-14 giugno), un approfondimento di alcuni dei temi trattati nel progra...

Advertisement