Page 13

Architettura in Città 2014

Partner

Indizi per un futuro condizionale V

alorizzare il patrimonio rurale del sistema territoriale di Stupinigi, per ridefinire l’unità semantica di un paesaggio che, nonostante le sue alterazioni, sorprende ancora per eccezionalità e coerenza; ritrovare una coscienza di luogo condivisa attraverso l’agricoltura, elemento fondante intorno al quale innescare sinergie tra risorse agricole, cittadini, beni patrimoniali, economia e fruizione dei beni storico-artistici del territorio. Questi gli obiettivi che il progetto Stupinigi fertile si pone attraverso l’organizzazione di molte attività tra cui il restauro di una porzione dei poderi per creare uno spazio di accoglienza, l’agricoltura sociale, la programmazione di interventi artistici che rivestono un ruolo di cucitura tra le varie azioni.

La ricerca artistica è considerata il grimaldello capace di svelare ciò che è sedimentato a Stupinigi, di affrontare tematiche socio-economiche attuali con valenza locale e generale, di dare spazio alla dimensione etica ed estetica, di prefigurare un senso, una rosa di sensi, per abitare quel lembo di terra (dove chi abita è inteso nell’accezione

di residente, cittadino, visitatore). Gli artisti invitati, uniti dall’attitudine comune di concedere un’attenzione particolare alla dimensione relazionale, si muovono in modo indiziario ricercando tra i documenti storici, raccogliendo testimonianze, percorrendo il paesaggio, analizzando le strutture sociali del passato e interrogando quelle del futuro, prendendo in considerazione la componente aulica e quella quotidiana, misurandosi con la potenzialità del patto tra dimensione naturale, rurale e urbana, sperimentando percorsi di cittadinanza, facendo dialogare la cultura materiale e quella immateriale del territorio, per trarre degli spunti per inaugurare una rin-

La ricerca artistica è il mezzo attraverso cui svelare ciò che è sedimentato in un luogo, prefigurare un significato per chi lo abita e inaugurare una nuova percezione e modalità di fruizione. novata percezione e fruizione dei luoghi. Gli artisti declinano in base alla propria poetica la natura del luogo: dall’analisi documentale della storia in stretta connessione con il territorio condotta da Maurizio Cilli, all’esplorazione della relazione tra le forme animate e inanimate che abitano un ambiente alla base del lavoro di Andrea Caretto e Raffaella Spagna; dall’ascolto sensibile prestato alla memoria collettiva e al vissuto privato da Marzia Migliora, che a Stupinigi lavora con il danzatore Francesco Gabrielli a un’opera che trova il suo cardine nell’agricoltura, all’indagine di Sandrine Nicoletta incentrata sulla condizione psicofisica dell’uomo e sull’analisi del suo rapporto con gli spazi che attraversa; dalla sperimentazione che Anna Scalfi Eghenter conduce sui sistemi organizzativi, intervenendo sulle regole per generare scarti percettivi e relazionali nelle dinamiche sociali alla registrazione fotografica delle tracce materiali e sociali del paesaggio antropizzato operata da Giuseppe Moccia. Le opere site specific saranno presentate in un calendario che si articola da giugno a novembre 2014. Si inizia con Diorama Stupefacio, il lavoro di Maurizio Cilli che indaga e delinea un paesaggio d’idee oggi avvolto nell’oblio, collezionando i racconti delle evasioni oziose dai tumulti della città e dei piaceri per la vita in villa, le figure dei Principi, dell’architetto, di S. Uberto e il significato del Cervo, così come il rituale della Chasse à courre, il cerimoniale di corte, le liste di approvvigionamento. Infine l’artista tira le fila di questa narrazione disegnando un Parco culturale ancora possibile. I temi sollevati da Stupinigi fertile sono al centro del Modulo Spazio pubblico e pratiche relazionali del Master Relational Design promosso dall’accademia ABADIR di Catania, i cui esiti saranno in mostra al BasicVillage. Rebecca De Marchi

| 13

Stupinigi fertile è un progetto di valorizzazione a rete del sistema territoriale di Stupinigi promosso dal Comune di Nichelino e dell’Associazione Stupinigi è…, coordinato da Stefano Olivari, sviluppato con il sostegno della Compagnia di San Paolo e in collaborazione con l’Ente di gestione delle Aree Protette dell’Area Metropolitana di Torino, la Regione Piemonte, la Fondazione Ordine Mauriziano, Coldiretti che promuove l’avviamento di percorsi di agricoltura sociale nelle aziende, e per le attività artistiche con il programma di arte pubblica della Provincia di Torino Eco e Narciso, a cura di Rebecca De Marchi. Stupinigi fertile è partner del Master Relational Design dell’Accademia ABADIR di Catania. Per maggiori informazioni www.stupinigifertile.it www.ecoenarciso.it www.relationaldesign.org Mostra

Stupinigi fertile / Master Relational Design

Gli esiti del workshop seguito dagli studenti del Master Relational Design Festival Architettura in Città BasicVillage Corso Regio Parco, 39 Torino Performance

Stupinigi fertile / Eco e Narciso Diorama Stupefacio

Presentazione dell’opera site specific di Maurizio Cilli Festival Architettura in Città Podere Mauriziano Viale Torino, 4 Nichelino Sabato 14 giugno ore 10.30  Diorama Stupefacio.

Studio n° VII, collage, ink jet e matita su carta, 2014 Maurizio Cilli

Profile for Fondazione per l'architettura / Torino

Il giornale di Architettura in Città  

In attesa della quarta edizione del festival Architettura in Città (10-14 giugno), un approfondimento di alcuni dei temi trattati nel progra...

Il giornale di Architettura in Città  

In attesa della quarta edizione del festival Architettura in Città (10-14 giugno), un approfondimento di alcuni dei temi trattati nel progra...

Advertisement