Issuu on Google+

2012 Nell’anno 2012, la Fondazione Mediterraneo svolge un’intensa serie di attività in 30 Paesi: più di 400 eventi caratterizzano un’azione iniziata nel 1994 e che assegna alla Fondazione Mediterraneo un ruolo significativo. Tra le attività si citano l’inaugurazione della “Casa del Maghreb Arabo””, la realizzazione dell’opera monumentale “Totem della Pace” in varie città del mondo (Buccino, Baku, ecc.). Tra gli assegnatari del Premio Mediterraneo si citano: Pietro Grasso, Taysser Quba’a, Majallie Whbee, Hillary Rodham Clinton, Matilda Raffa Cuomo, la Scuola Militare Nunziatella, Habib Ben Yahia, Michel Vauzelle, Suor Maria Pia Giudici, Mohamed-El Aziz Ben Achour, i Giovani della “Primavera Araba”, Mika Yamamoto, Irina Bokova, Don Luigi Ciotti, Vittorio di Pace, Teresa Ribeiro, Greenpeace International.

In 2012 the Fondazione Mediterraneo carried out an intensive program of activities in 30 Countries. More than 400 events were organized characterizing the actions that had began in 1994, in relation to which the Fondazione Mediterraneo plays an important role. Activities included the inauguration of the “Casa del Maghreb Arabo”, the creation of the monumental sculpture, the “Peace Totem” in different cities of the Mediterranean (Buccino, Baku). Winners of the Mediterranean Award included Pietro Grasso, Taysser Quba’a, Majallie Whbee, Hillary Rodham Clinton, Matilda Raffa Cuomo, the Scuola Militare Nunziatella, Habib Ben Yahia, Michel Vauzelle, Suor Maria Pia Giudici, Mohamed-El Aziz Ben Achour, the Youths of the “Arab Spring Revolutions”, Mika Yamamoto, Irina Bokova, Don Luigi Ciotti, Vittorio di Pace, Teresa Ribeiro, Greenpeace International.


“napoli.it”16 febbraio 2012

2080 

RASSEGNA STAMPA


“libero.it” 16 febbraio 2012

RASSEGNA STAMPA 

2081


“Napoli Village” 13 febbraio 2012

2082 

RASSEGNA STAMPA


“Ansamed” 14 febbraio 2012

RASSEGNA STAMPA 

2083


“Nice Matin” 24 febbraio 2012

2084 

RASSEGNA STAMPA


“Nice Matin” 13 marzo 2012

RASSEGNA STAMPA 

2085


“Khabat” 16 marzo 2012

“Nice Matin” 29 marzo 2012

2086 

RASSEGNA STAMPA


“Il Mattino” Xxxxxxx 5 aprile 2012

RASSEGNA STAMPA 

2087


“Il Mattino” Xxxxxxx 5 aprile 2012

2088 

RASSEGNA STAMPA


“Il Mattino” Xxxxxxx 6 aprile 2012

RASSEGNA STAMPA 

2089


“Il Mattino” Xxxxxxx 6 aprile 2012

2090 

RASSEGNA STAMPA


“Il Mattino” Xxxxxxx 6 aprile 2012

RASSEGNA STAMPA 

2091


“Il Mattino” Xxxxxxx 6 aprile 2012

2092 

RASSEGNA STAMPA


“Il Mattino” Xxxxxxx 6 aprile 2012

RASSEGNA STAMPA 

2093


“Il Mattino” Xxxxxxx 6 aprile 2012

2094 

RASSEGNA STAMPA


“Il Mattino” Xxxxxxx 6 aprile 2012

RASSEGNA STAMPA 

2095


“Il Mattino” Xxxxxxx 6 aprile 2012

2096 

RASSEGNA STAMPA


“Vola l’Aquila” Xxxxxxx 6 aprile 2012

RASSEGNA STAMPA 

2097


“Vola l’Aquila” Xxxxxxx 6 aprile 2012

2098 

RASSEGNA STAMPA


“Il Mattino” Xxxxxxx 8 aprile 2012

RASSEGNA STAMPA 

2099


“Il Mattino” Xxxxxxx 8 aprile 2012

2100 

RASSEGNA STAMPA


“Il Mattino” Xxxxxxx 8 aprile 2012

“Il Corriere del Mezzogiorno” 10 aprile 2012

RASSEGNA STAMPA 

2101


“Il Corriere del Mezzogiorno” Xxxxxxx 10 aprile 2012

“Il Corriere del Mezzogiorno” 10 aprile 2012

2102 

RASSEGNA STAMPA


“Il Corriere del Mezzogiorno” Xxxxxxx 10 aprile 2012

RASSEGNA STAMPA 

2103


“Il Corriere del Mezzogiorno” Xxxxxxx 10 aprile 2012

2104 

RASSEGNA STAMPA


“Il Corriere del Mezzogiorno” Xxxxxxx 10 aprile 2012

RASSEGNA STAMPA 

2105


“Il Corriere della Xxxxxxx Sera” 10 aprile 2012

2106 

RASSEGNA STAMPA


“Il Corriere della Xxxxxxx Sera” 10 aprile 2012

RASSEGNA STAMPA 

2107


“Il Corriere della Xxxxxxx Sera” 10 aprile 2012

2108 

RASSEGNA STAMPA


“Il Mattino” Xxxxxxx 10 aprile 2012

RASSEGNA STAMPA 

2109


“Il Mattino” Xxxxxxx 10 aprile 2012

2110 

RASSEGNA STAMPA


“Il Mattino” Xxxxxxx 10 aprile 2012

RASSEGNA STAMPA 

2111


“Il Mattino” Xxxxxxx 10 aprile 2012

2112 

RASSEGNA STAMPA


“Il Mattino” Xxxxxxx 10 aprile 2012

RASSEGNA STAMPA 

2113


“Il Mattino” Xxxxxxx 10 aprile 2012

2114 

RASSEGNA STAMPA


“Il Mattino” Xxxxxxx 10 aprile 2012

RASSEGNA STAMPA 

2115


“Il Mattino” Xxxxxxx 10 aprile 2012

2116 

RASSEGNA STAMPA


“Il Mattino” Xxxxxxx 10 aprile 2012

RASSEGNA STAMPA 

2117


“La Repubblica” Xxxxxxx 10 aprile 2012

2118 

RASSEGNA STAMPA


“La Repubblica” Xxxxxxx 10 aprile 2012

RASSEGNA STAMPA 

2119


“La Repubblica” Xxxxxxx 10 aprile 2012

2120 

RASSEGNA STAMPA


“La Repubblica” Xxxxxxx 10 aprile 2012

RASSEGNA STAMPA 

2121


“La Repubblica” Xxxxxxx 10 aprile 2012

2122 

RASSEGNA STAMPA


“Il Mattino” Xxxxxxx 11 aprile 2012

RASSEGNA STAMPA 

2123


“Il Mattino” Xxxxxxx 11 aprile 2012

2124 

RASSEGNA STAMPA


“Il Mattino” Xxxxxxx 11 aprile 2012

RASSEGNA STAMPA 

2125


“Il Corriere del Mezzogiorno” Xxxxxxx 12 aprile 2012

2126 

RASSEGNA STAMPA


“Il Corriere del Mezzogiorno” Xxxxxxx 10 aprile 2012

RASSEGNA STAMPA 

2127


“Il Corriere della Xxxxxxx Sera” 12 aprile 2012

2128 

RASSEGNA STAMPA


“Il Mattino” Xxxxxxx 12 aprile 2012

RASSEGNA STAMPA 

2129


“Il Mattino” Xxxxxxx 12 aprile 2012

2130 

RASSEGNA STAMPA


“Il Mattino” Xxxxxxx 12 aprile 2012

RASSEGNA STAMPA 

2131


“Il Mattino” Xxxxxxx 13 aprile 2012

2132 

RASSEGNA STAMPA


“Il Mattino” Xxxxxxx 13 aprile 2012

RASSEGNA STAMPA 

2133


“Il Mattino” Xxxxxxx 13 aprile 2012

2134 

RASSEGNA STAMPA


“Il Mattino” Xxxxxxx 14 aprile 2012

RASSEGNA STAMPA 

2135


“Il Mattino” Xxxxxxx 14 aprile 2012

2136 

RASSEGNA STAMPA


“Il Mattino” Xxxxxxx 14 aprile 2012

RASSEGNA STAMPA 

2137


“Il Mattino” Xxxxxxx 14 aprile 2012

2138 

RASSEGNA STAMPA


“Il Mattino” Xxxxxxx 15 aprile 2012

RASSEGNA STAMPA 

2139


“Il Mattino” Xxxxxxx 15 aprile 2012

2140 

RASSEGNA STAMPA


“Il Mattino” Xxxxxxx 15 aprile 2012

RASSEGNA STAMPA 

2141


“La Repubblica” Xxxxxxx 15 aprile 2012

2142 

RASSEGNA STAMPA


“La Repubblica” Xxxxxxx 15 aprile 2012

RASSEGNA STAMPA 

2143


“Il Mattino” Xxxxxxx 16 aprile 2012

2144 

RASSEGNA STAMPA


“Il Mattino” Xxxxxxx 16 aprile 2012

RASSEGNA STAMPA 

2145


“Il Mattino” Xxxxxxx 16 aprile 2012

2146 

RASSEGNA STAMPA


“Il Mattino” Xxxxxxx 16 aprile 2012

RASSEGNA STAMPA 

2147


“La Repubblica” Xxxxxxx 16 aprile 2012

2148 

RASSEGNA STAMPA


“La Repubblica” Xxxxxxx 16 aprile 2012

RASSEGNA STAMPA 

2149


“La Repubblica” Xxxxxxx 16 aprile 2012

2150 

RASSEGNA STAMPA


“Il Mattino” Xxxxxxx 17 aprile 2012

RASSEGNA STAMPA 

2151


“Il Mattino” Xxxxxxx 17 aprile 2012

2152 

RASSEGNA STAMPA


“Esercito” 25 maggio 2012

RASSEGNA STAMPA 

2153


“Interno” 25 maggio 2012

2154 

RASSEGNA STAMPA


“Napoli Post” 25 maggio 2012

RASSEGNA STAMPA 

2155


“Il Mattino” 28 agosto 2012

2156 

RASSEGNA STAMPA


“Il Mattino” Xxxxxxx 28 agosto 2012

RASSEGNA STAMPA 

2157


“Il Mattino” Xxxxxxx 28 agosto 2012

2158 

RASSEGNA STAMPA


“Il Mattino” 30 agosto 2012

RASSEGNA STAMPA 

2159


“UNESCO” 1 settembre 2012

2160 

RASSEGNA STAMPA


“UNESCO” 1 settembre 2012

RASSEGNA STAMPA 

2161


1 settembre 2012

2162 

RASSEGNA STAMPA


1 settembre 2012

RASSEGNA STAMPA 

2163


1 settembre 2012

2164 

RASSEGNA STAMPA


1 settembre 2012

RASSEGNA STAMPA 

2165


1 settembre 2012

2166 

RASSEGNA STAMPA


“La Stampa” 1 settembre 2012

RASSEGNA STAMPA 

2167


“La Stampa” 1 settembre 2012

2168 

RASSEGNA STAMPA


“Corriere della Sera” 2 settembre 2012

RASSEGNA STAMPA 

2169


“Corriere della Sera” 2 settembre 2012

2170 

RASSEGNA STAMPA


“Il Mattino” 1 settembre 2012

RASSEGNA STAMPA 

2171


“La Repubblica” Xxxxxxx 4 settembre 2012

2172 

RASSEGNA STAMPA


“Oggi” settembre 2012

RASSEGNA STAMPA 

2173


“Oggi” settembre 2012

2174 

RASSEGNA STAMPA


“Oggi” settembre 2012

RASSEGNA STAMPA 

2175


“Oggi” settembre 2012

2176 

RASSEGNA STAMPA


“Il Mattino” 1 settembre 2012

RASSEGNA STAMPA 

2177


“Corriere della Sera” 2 settembre 2012

2178 

RASSEGNA STAMPA


“Corriere della Sera” 2 settembre 2012

RASSEGNA STAMPA 

2179


“Il Mattino” 2 settembre 2012

2180 

RASSEGNA STAMPA


“Il Mattino” 2 settembre 2012

RASSEGNA STAMPA 

2181


“Il Mattino” 2 settembre 2012

2182 

RASSEGNA STAMPA


“La Repubblica” 2 settembre 2012

RASSEGNA STAMPA 

2183


“Il Mattino” 3 settembre 2012

2184 

RASSEGNA STAMPA


“Corriere del Mezzogiorno” Xxxxxxx4 settembre 2012

RASSEGNA STAMPA 

2185


“Corriere della Sera” Xxxxxxx 4 settembre 2012

2186 

RASSEGNA STAMPA


“Corriere della Sera” Xxxxxxx 4 settembre 2012

“La Repubblica” 4 settembre 2012

RASSEGNA STAMPA 

2187


“Il Mattino”Xxxxxxx 4 settembre 2012

2188 

RASSEGNA STAMPA


“La Repubblica” Xxxxxxx 4 settembre 2012

RASSEGNA STAMPA 

2189


“La Repubblica” Xxxxxxx 4 settembre 2012

“Roma” 4 settembre 2012

2190 

RASSEGNA STAMPA


5 settembre Xxxxxxx 2012

RASSEGNA STAMPA 

2191


5 settembre Xxxxxxx 2012

2192 

RASSEGNA STAMPA


5 settembre 2012

RASSEGNA STAMPA 

2193


“Il Mattino” 5 settembre 2012

2194 

RASSEGNA STAMPA


6 settembre Xxxxxxx 2012

RASSEGNA STAMPA 

2195


“Il Mattino”Xxxxxxx 6 settembre 2012

2196 

RASSEGNA STAMPA


7 settembre 2012

RASSEGNA STAMPA 

2197


“Metropolis” 7 settembre 2012

2198 

RASSEGNA STAMPA


“Il Mattino” 7 settembre 2012

RASSEGNA STAMPA 

2199


“Il Mattino” 7 settembre 2012

2200 

RASSEGNA STAMPA


“Il Mattino” 7 settembre 2012

RASSEGNA STAMPA 

2201


7 settembre 2012

2202 

RASSEGNA STAMPA


7 settembre 2012

RASSEGNA STAMPA 

2203


“Il Denaro” 7 settembre 2012

2204 

RASSEGNA STAMPA


7 settembre 2012

RASSEGNA STAMPA 

2205


“Il Mattino” 24 settembre 2012

2206 

RASSEGNA STAMPA


“Signal”Xxxxxxx settembre 2012

RASSEGNA STAMPA 

2207


“Euromesco” 5 ottobre 2012

2208 

RASSEGNA STAMPA


“Euromesco” 5 ottobre 2012

RASSEGNA STAMPA 

2209


“Euromesco” 5 ottobre 2012

2210 

RASSEGNA STAMPA


“Euromesco” 5 ottobre 2012

RASSEGNA STAMPA 

2211


“Euromesco” 5 ottobre 2012

2212 

RASSEGNA STAMPA


“Euromesco” 5 ottobre 2012

RASSEGNA STAMPA 

2213


Med News [Selezione]

Le principali attività della Fondazione Mediterraneo, della sua Rete, delle reti ed istituzioni alle quali ha aderito sono descritte sul giornale “Med News” che – dal 1995 – viene realizzato e distribuito dalla Fondazione, in formato elettronico e cartaceo, in varie lingue. Si tratta di un utile strumento per illustrare più dettagliatamente le iniziative svolte ed i risultati conseguiti. In questo capitolo della Rassegna Stampa sono raccolti alcuni numeri di “Med News”.


2396 

RASSEGNA STAMPA


RASSEGNA STAMPA 

2397


2398 

RASSEGNA STAMPA


RASSEGNA STAMPA 

2399


2400 

RASSEGNA STAMPA


RASSEGNA STAMPA 

2401


2402 

RASSEGNA STAMPA


RASSEGNA STAMPA 

2403


2404 

RASSEGNA STAMPA


RASSEGNA STAMPA 

2405


2406 

RASSEGNA STAMPA


RASSEGNA STAMPA 

2407


2408 

RASSEGNA STAMPA


RASSEGNA STAMPA 

2409


2410 

RASSEGNA STAMPA


RASSEGNA STAMPA 

2411


2412 

RASSEGNA STAMPA


RASSEGNA STAMPA 

2413


2414 

RASSEGNA STAMPA


RASSEGNA STAMPA 

2415


2416 

RASSEGNA STAMPA


RASSEGNA STAMPA 

2417


2418 

RASSEGNA STAMPA


RASSEGNA STAMPA 

2419


2420 

RASSEGNA STAMPA


RASSEGNA STAMPA 

2421


2422 

RASSEGNA STAMPA


RASSEGNA STAMPA 

2423


2424 

RASSEGNA STAMPA


RASSEGNA STAMPA 

2425


2426 

RASSEGNA STAMPA


RASSEGNA STAMPA 

2427


2428 

RASSEGNA STAMPA


RASSEGNA STAMPA 

2429


2430 

RASSEGNA STAMPA


RASSEGNA STAMPA 

2431


2432 

RASSEGNA STAMPA


RASSEGNA STAMPA 

2433


2434 

RASSEGNA STAMPA


RASSEGNA STAMPA 

2435


2436 

RASSEGNA STAMPA


RASSEGNA STAMPA 

2437


2438 

RASSEGNA STAMPA


RASSEGNA STAMPA 

2439


2440 

RASSEGNA STAMPA


RASSEGNA STAMPA 

2441


2442 

RASSEGNA STAMPA


RASSEGNA STAMPA 

2443


2444 

RASSEGNA STAMPA


RASSEGNA STAMPA 

2445


2446 

RASSEGNA STAMPA


RASSEGNA STAMPA 

2447


2448 

RASSEGNA STAMPA


RASSEGNA STAMPA 

2449


2450 

RASSEGNA STAMPA


RASSEGNA STAMPA 

2451


2452 

RASSEGNA STAMPA


RASSEGNA STAMPA 

2453


2454 

RASSEGNA STAMPA


RASSEGNA STAMPA 

2455


2456 

RASSEGNA STAMPA


RASSEGNA STAMPA 

2457


2458 

RASSEGNA STAMPA


RASSEGNA STAMPA 

2459


2460 

RASSEGNA STAMPA


RASSEGNA STAMPA 

2461


2462 

RASSEGNA STAMPA


RASSEGNA STAMPA 

2463


2464 

RASSEGNA STAMPA


RASSEGNA STAMPA 

2465


2466 

RASSEGNA STAMPA


RASSEGNA STAMPA 

2467


2468 

RASSEGNA STAMPA


RASSEGNA STAMPA 

2469


2470 

RASSEGNA STAMPA


RASSEGNA STAMPA 

2471


2472 

RASSEGNA STAMPA


RASSEGNA STAMPA 

2473


2474 

RASSEGNA STAMPA


RASSEGNA STAMPA 

2475


2476 

RASSEGNA STAMPA


RASSEGNA STAMPA 

2477


2478 

RASSEGNA STAMPA


RASSEGNA STAMPA 

2479


2480 

RASSEGNA STAMPA


RASSEGNA STAMPA 

2481


2482 

RASSEGNA STAMPA


RASSEGNA STAMPA 

2483


2484 

RASSEGNA STAMPA


RASSEGNA STAMPA 

2485


2486 

RASSEGNA STAMPA


Anno XVII – n. 25 – 5-30 settembre 2012

Redazione: 80133 Napoli – Via Depretis, 130

A quattro donne il “Premio Mediterraneo” Il prestigioso riconoscimento a Hillary Clinton, Irina Bokova, Suor Maria Giudici ed alla memoria di Mika Yamamoto. Il “Delfino d’Argento” a Corrado Beguinot Hillary rodHaM clinton (USa) Segretario di Stato

Per la sua azione promotrice di una nuova politica degli USA nel Mediterraneo, grazie alla quale è stato possibile sostenere la “Primavera araba” ed iniziare il lungo cammino della democratizzazione dei Paesi arabi fondato sulla libertà e sulla solidarietà. Da sempre ha ritenuto che la Società Civile euromediterranea ha un ruolo essenziale nel processo di pace e nello sviluppo condiviso nella regione.

irina GueorGuieva Bokova (BUlgarIa) Direttore Generale dell’UNESCO

Per l’impegno profuso nella difesa e tutela del patrimonio culturale mondiale e per aver rafforzato la diplomazia culturale come base fondamentale per la pace ed il mutuo rispetto tra i popoli. In particolare, con la sua azione, ha consentito di attribuire alle culture immateriali ed intangibili uno spazio di valore considerandole patrimonio mondiale dell’umanità.

in MeMoria di Mika yaMaMoto (gIappone) Giornalista

“Per aver sacrificato, a 45 anni, la propria vita – colpita a morte durante uno scontro ad Aleppo tra ribelli e soldati dell’esercito siriano – con lo spirito di informare il mondo sui crimini contro l’umanità affinché queste barbarie vengano impedite in un mondo che si considera civile e sostenitore dei diritti umani e della pace”.

Suor Maria Pia Giudici (ItalIa) “Per l’impegno e la dedizione alla pace ed al dialogo tra fedi diverse e laici, accogliendo con rispettosa naturalezza ed amore, cercando nella semplicità e spiritualità la vera essenza per riscoprire nel proprio animo la forza di amare se stessi e gli altri. I suoi scritti ci guidano ad una riflessione interiore per abbattere le sovrastrutture che soffocano l’amore per il Creatore e le sue creature, riportandoci alla verità”.

corrado BeGuinot (ItalIa) Per aver, nel suo lungo percorso, dedicato la propria vita alla ricerca scientifica ed alla sperimentazione progettuale nelle tematiche della pianificazione urbanistica territoriale, sfociate, a livello internazionale, all’ideazione e promozione della città europea interetnica cablata. Con la Fondazione Aldo Della Rocca rappresenta il precursore della nuova era interetnica cablata quale base della Pace nel mondo in cui tutti i popoli della terra, fraternamente uniti, saranno ritenuti “Un solo Popolo in una sola Città”.

Hillary rodHaM clinton (USa) Secretary of State

For her actions promoting a new direction for USA policy in the Mediterranean Region, thanks to which it has been possible to give support to the “Arab Spring” movement and embark on the long process towards democratization in Arab countries based on freedom and solidarity. She has always sustained that Euro‑Mediter‑ ranean Civil Society has an essential role to play in the building of peace and co‑development for the region.

irina GueorGuieva Bokova (BUlgarIa) Director General of UNESCO

For her commitment for the defence and safe‑ guard of world cultural heritage as well as for strengthening the cultural diplomacy as a funda‑ mental basis for peace and mutual respect among peoples. In particular, by her action, she has made it possible to attribute a valuable space to imma‑ terial and intangible cultures, considering them as world heritage of mankind.

in MeMory of Mika yaMaMoto (Japan) Journalist

“For having sacrificed her own life at the age of 45 years – after being fatally wounded during fighting in Aleppo between rebels and Syrian army soldiers – and for her courageous spirit in inform‑ ing the world of the crimes against humanity so that such savagery can be prevented so that our world can be considered worthy of claiming to sup‑ port human rights and peace”.

SiSter Maria Pia Giudici (Italy) “For her commitment and dedication to peace and dialogue among different faiths and laypeople, and for welcoming people in a dignified, natural and loving manner in her quest for the true es‑ sence of things. Her simplicity and spirituality help rediscover the way to people’s souls through the power of love for oneself and each other. Her writings offer us guidance and spiritual re‑ flection to overcome prejudice that suffocates love for God and his creatures, leading us back to the way of truth and light”.

corrado BeGuinot (Italy) For having dedicated his own long life to scien‑ tific research and experimentation with designs for town planning at international level, which have led to the creation and promotion of the European in‑ terethnic cabled city. Together with the Aldo Della Rocca Fondazi‑ one, he is considered the precursor to the new interethnic cabled era as a basis for world peace, in which all peoples of the world can be united in kindred spirit and be considered as a “Single peo‑ ple in a single City.”

RASSEGNA STAMPA 

2487


Anno XVII – n. 25 – 5-30 settembre 2012 | 2

Il Premio Mediterraneo per il Patrimonio Culturale alla Direttrice Generale dell’UNESCO Irina Bokova Napoli | 03 Settembre 2012 Il presidente della Fondazione Mediterraneo, Michele Capasso, con Pia Molinari ha accolto nella sede della Fondazione Mediterraneo la Direttrice Generale dell’UNESCO Irina Bokova, consegnandole il “Premio Mediterraneo per il Patrimonio Culturale 2012” “per la sua azione – si legge nella motivazione - in favore della tutela, valorizzazione e promozione del patrimonio culturale anche quale vettore di dialogo e pace nel mondo’’. Presente alla cerimonia il Direttore Generale dell’ALECSO (l’organizzazione equivalente all’UNESCO dei Paesi della Lega Araba) Mohamed-El Aziz Ben Achour. Sono intervenuti membri della Fondazione Mediterraneo, delegazioni di vari Pae-

si, diplomatici, esponenti del mondo culturale, scientifico, politico, religioso e militare di vari Paesi, i Sindaci della Costa d’Amalfi (patrimo-

nio UNESCO dell’Umanità) che sostengono e promuovono il “Totem della Pace” dello scultore Mario Molinari. Tra i presenti l’Amba-

sciatore Francesco Caruso, il Presidente dell’ICOMOS mondiale Gustavo Araoz, il Presidente dell’ICOMOS Italia Maurizio De Stefano, la

Un momento della cerimonia nella sala della Fondazione Mediterraneo

2488 

RASSEGNA STAMPA

delegata del Quebec a Roma Daniela Renosto, Corrado Beguinot, Vittorio di Pace, Claudio Azzolini. ‘’In un momento storico importante, perché segue ormai il passaggio da una società affondata nella mania del troppo avere ad una nuova umanità aperta al desiderio di più essere, si assuma la consapevolezza di una realtà di fondo: il Patrimonio Culturale dell’Umanita’, nei suoi vari ambiti, e’ vettore di nuovi stili di vita. Custodia e promozione del Creato verso strategie di Pace, attraverso sempre piu’ veri e profondi movimenti di civilizzazioni e religioni’’. Questo il testo elaborato dalla Fondazione Mediterraneo: la Direttrice Generale dell’UNESCO Irina Bokova ha aderito a questo appello della Fondazione Mediterraneo per il Patrimonio culturale nel mondo.


Anno XVII – n. 25 – 5-30 settembre 2012 | 3

Il Premio Mediterraneo Informazioni 2012 in memoria della giornalista giapponese Mika Yamamoto Napoli | 03 Settembre 2012

no il “Totem della Pace” (autore Mario Molinari). Tra i presenti il Direttore Generale dell’ALECSO Mohamed-El Aziz Ben Achour, l’Ambasciatore Francesco Caruso, il Presidente dell’ICOMOS mondiale Gustavo Araoz, il Presidente dell’ICOMOS Italia Maurizio De Stefano, la delegata del Quebec a Roma Daniela Renosto, Corrado Beguinot, Vittorio di Pace, Claudio Azzolini.

I

l presidente della Fondazione Mediterraneo, Michele Capasso, ha accolto il Console del Giappone prof. Alberto Carotenuto annunziandogli il “Premio Mediterraneo Informazione 2012” dedicato alla memoria della giornalista giapponese Mika Yamamoto “per aver sacrificato, a 45 anni, la propria vita – colpita a morte durante uno scontro ad Aleppo tra ribelli e soldati dell’esercito siriano – con lo spirito di informare il mondo sui crimini contro l’umanità affinché queste barbarie vengano impedite in un mondo che si considera civile e sostenitore dei diritti umani e della pace”. Sono intervenuti Pia Molinari ed altri membri della Fondazione Mediterraneo, delegazioni di vari Paesi, diplomatici, esponenti del mondo culturale, scientifico, politico, religioso e militare di vari Paesi, i Sindaci della Costa d’Amalfi (patrimonio UNESCO dell’Umanità) che sostengono e promuovo-

Michele Capasso con il Ministro dell’Ambasciata del Giappone a Roma Hoshiyama Takashi

Ad Hillary Clinton il Premio Mediterraneo Diplomazia

Su espressa indicazione dei familiari della giornalista Mika Yamamoto – barbaramente assassinata ad Aleppo – è l’Ambasciatore del Giappone in Italia il delegato a ritirare il Premio Mediterraneo, assegnatole con la cerimonia del 3 settembre 2012 a Napoli. Il Presidente della Fondazione Mediterraneo, Michele Capasso, ha consegnato il prestigioso riconoscimento nelle mani del Ministro Hoshiyama Takashi che ha ringraziato, a nome della famiglia, per l’alto onore.

Il Premio Mediterraneo “Delfino d’Argento” a Corrado Beguinot

Napoli | 03 Settembre 2012

L

a giuria internazionale del “Premio Mediterraneo” ha assegnato il prestigioso riconoscimento per la sezione “Diplomazia” al Segretario di Stato USA Hillary Clinton “per la sua azione promotrice di una nuova politica degli USA nel Mediterraneo, grazie alla quale è stato possibile sostenere la “Primavera araba” ed iniziare il lungo cammino della democratizzazione dei Paesi arabi fondato sulla libertà e sulla solidarietà”. La cerimonia di assegnazione si svolgerà nei prossimi mesi con una giornata dedicata allo studio della politica estera USA nel Mediterraneo. Nel corso di un incontro a Roma con il Presidente Bill Clinton, Michele Capasso ha trasmesso la motivazion e della giuria.

I

Michele Capasso, Vittorio di Pace e Corrado Beguinot

l presidente della Fondazione Mediterraneo, Michele Capasso, con Vittorio di Pace e Pia Molinari, ha accolto il professor Corrado Beguinot consegnandogli il “Premio Mediterraneo Delfino d’Argento 2012” “per aver, nel suo lungo percorso, dedicato la propria vita alla ricerca scientifica ed alla spe-

rimentazione progettuale nelle tematiche della pianificazione urbanistica territoriale, sfociate, a livello internazionale, all’ideazione e promozione della città europea interetnica cablata. Con la Fondazione Aldo Della Rocca rappresenta il precursore della nuova era interetnica cablata quale base della Pace nel mondo in cui tut-

ti i popoli della terra, fraternamente uniti, saranno ritenuti un solo Popolo in una sola Città”. Sono intervenuti membri della Fondazione Mediterraneo, delegazioni di vari Paesi, diplomatici, esponenti del mondo culturale, scientifico, politico, religioso e militare di vari Paesi, i Sindaci della Costa d’Amalfi.

RASSEGNA STAMPA 

2489


Anno XVII – n. 25 – 5-30 settembre 2012 | 4

A Suor Maria Pia Giudici il Premio Mediterraneo per il Dialogo Interreligioso Il “Premio Mediterraneo Edizione Speciale 2013” al Cardinale Carlo Maria Martini Napoli | 3 Settembre 2012

I

San Biagio (Subiaco) | 30 Settembre 2012

I

l presidente della Fondazione Mediterraneo, Michele Capasso, ha consegnato a Suor Maria Pia Giudici il “Premio Mediterraneo per il Dialogo Interreligioso 2012” “per l’impegno e la dedizione alla pace ed al dialogo tra fedi diverse e laici, accogliendo con rispettosa naturalezza ed amore, cercando nella semplicità e spiritualità la vera essenza per riscoprire nel proprio animo la forza di amare se stessi e gli altri”. In occasione del novantesimo compleanno di Suor Maria Pia Giudici si è svolta la cerimonia in presenza di amici e consorelle della religiosa. Suor Maria Pia Giudici ha ringraziato per l’alto riconoscimento scrivendo: Carissimo Michele, dirti grazie è poco! A te, che mi sei stato vicino per questa inimmaginabile festa del 90mo compleanno, vorrei far sentire il mio cuore grato. È così bello amare e sentirsi amati! La vita è tutta qui: abbarbicata alla Parola Sacra che ci rassicura circa la realtà che Dio “per primo ci ha amato” (1Gv 4,19). E ogni nostro vero amore è un rivoletto chiaro che scorre di lì. Ho ricevuto auguri e doni. Il dono più bello è il tuo cuore vivo, Michele: il tuo cuore che ha palpitato con me nel grazie e nella lode. Ora voglio dirti che questo grappolo di anni – dono grande del Signore! – io lo offro nuovamente a Lui anche per te. Ti benedica dunque con tutto quello che hai nel profondo. E tu dirai a Lui di benedirmi in questo mio andare verso la maturazione ultima, nel gran sole della sua promessa di gioia senza fine. Mi piace chiudere con questi versi di Eliot: grande poeta inglese che amo: “Noi dobbiamo muovere senza fine verso un’altra intensità per un’unione più completa: comunione più profonda (…) Andare attraverso il grido dell’onda e del vento della procellaria e del delfino. Nella mia fine è il mio principio.” Con affetto e gratitudine, insieme agli Angeli e a tutta San Biagio. Sr Maria Pia Giudici FMa

2490 

RASSEGNA STAMPA

l presidente della Fondazione Mediterraneo, Michele Capasso, ha consegnato – nel corso di una cerimonia solenne svoltasi il giorno dei funerali del Cardinale Carlo Maria Martini – alla giuria del “Premio Mediterraneo” una lettera di Suor Maria Pia Giudici con la quale si richiede di assegnare il “Premio Mediterraneo Edizione Speciale 2013” alla memoria del Cardinale Carlo Maria Martini. La giuria, composta da esponenti delle tre religioni monoteiste, del mondo laico e da atei, ha accettato all’unanimità. La cerimonia si svolgerà nel 2013 in una giornata dedicata all’opera del Cardinal Martini. Sono intervenuti membri della Fondazione Mediterraneo, delegazioni di vari Paesi, diplomatici, esponenti del mondo culturale, scientifico, politico, religioso e militare di vari Paesi, i Sindaci della Costa d’Amalfi (patrimonio UNESCO dell’Umanità) che sostengono e promuovono il “Totem della Pace” (autore Mario Molinari). Tra i presenti il Direttore Generale dell’UNESCO Irina Bokova, il Direttore Generale dell’ALECSO Mohamed-El Aziz Ben Achour, l’Ambasciatore Francesco Caruso, il Presidente dell’ICOMOS mondiale Gustavo Araoz, il Presidente dell’ICOMOS Italia Maurizio De Stefano, la delegata del Quebec a Roma Daniela Renosto, Corrado Beguinot, Vittorio di Pace, Claudio Azzolini. La testimonianza

Il Card. Carlo Maria Martini è stato certamente un astro di prima grandezza non solo nel cielo della Chiesa, ma nell’orizzonte che abbraccia il mondo intero. Ha saputo dialogare anche con chi sta fuori dalla Chiesa Cattolica: con credenti di altre religioni, ebrei protestanti ortodossi islamici e anche con agnostici e atei. Giustamente Enzo Bianchi lo ha definito Padre della Chiesa dei tempi moderni. E per Padre della Chiesa s’intende Maestro d’illuminati verità e di vita intemerata. Non fu soltanto un intelligente e dotto cultore degli studi biblici, ma un uomo appassionato del Vangelo. La sua regola di vita era il Vangelo: l’impegno a conformarsi a Cristo che ancora è con noi; non solo provocandoci intorno alle domande ultime, ma aprendoci gli occhi sul nostro vissuto, sulla storia di oggi anche dentro i meandri della coscienza. Il Card. Martini non s’impelagò mai in strategie di interessi partitici, ma – vangelo alla mano – seppe illuminare gli uomini di buon volere circa le scelte giuste vere e buone. A una società ancora intorpidita nella selva di desideri legati al più avere, testimoniò la bellezza, l’apertura, la nobiltà del più essere. Visse e ci insegnò a vivere, e a leggere il nostro quotidiano nella prospettiva del Mistero. Nel mare dei suoi scritti illuminanti mi piace riportare qui una sua frase: Ripartire da Dio: non dare mai nulla per scontato e, come la notte cerca l’aurora, cercare senza sosta il volto nascosto del Padre. Sr Maria Pia Giudici FMa


Anno XVII – n. 27 – 10 settembre 2012

Redazione: 80133 Napoli – Via Depretis, 130

La Fondazione Mediterraneo nominata primo “Amico della Nunziatella”

Cerimonia di cambio del comandante alla Scuola Militare ‘’Nunziatella’’ di Napoli: al colonnello Bernardo Barbarotto è subentrato il colonnello Maurizio Napoletano, proveniente dal Terzo Reparto Impiego delle Forze-Centro Operativo Esercito dello Stato Maggiore Esercito. La cerimonia si è svolta nel cortile Vittorio Veneto, alla pre-

senza, tra gli altri, del comandante dell’Accademia Militare di Modena, generale di Divisione Massimiliano Del Casale. Il presidente della Fondazione Michele Capasso ed altri membri – quali il decano architetto Vittorio di Pace e Claudio Azzolini – hanno partecipato alla cerimonia. In questa occasione, in presenza dei “due comandanti”, è stato attribuito alla Fondazione Mediterraneo

il primo titolo di “Amico della Nunziatella”. Il presidente Capasso, in segno di riconoscimento dell’attestazione conferita ufficialmente alla Fondazione, ha trasmesso la decisione della giuria del Premio Mediterraneo di assegnare il prestigioso titolo di “portatore di Pace” a tutti i comandanti uscenti della Nunziatella.

RASSEGNA STAMPA 

2491


Anno XVII – n. 27 – 10 settembre 2012 | 2

La lingua dei segni come elemento di inclusione sociale delle donne e dei giovani sordi La Fondazione Mediterraneo sostiene e promuove, nell’ambito della Rete Italiana della Fondazione Anna Lindh, il progetto. Il presidente Michele Capasso è intervenuto alla conferenza stampa di presentazione sottolineando l’impegno della Fondazione Mediterraneo nel promuovere la lingua dei segni nei paesi arabi mediterranei. Questo primo progetto vede l’Algeria partner principale

2492 

RASSEGNA STAMPA


Anno XVII – n. 10 – 15 settembre 2012 | 3

Nel silenzio di San Biagio festeggiati i 90 anni di Suor Maria Pia Giudici In occasione del 90° compleanno di Suor Maria Pia Giudici, si è svolta a San Biagio - Comunità di preghiera da lei fondata – una giornata di festa, con una messa speciale celebrata – sotto la pioggia – da Don Ferdinando Colombo accompagnato da Don Mario Maritano e Don Michele Vojtas. Il presidente Michele Capasso ha partecipato commosso alla giornata celebrativa sottolineando l’importanza del messaggio di carità e semplicità scaturente dalle opere e dagli scritti di Suor Maria Pia Giudici, specialmente per ciò che riguarda il dialogo tra religioni e culture diverse. Sua Santità Benedetto XVI ha concesso la Sua Benedizione Apostolica per questa occasione.

RASSEGNA STAMPA 

2493


Anno XVII – n. 27 – 10 settembre 2012 | 4

Assemblea Generale della Rete Euromesco Si è svolta a Barcellona, nella sede dell’Unione per il Mediterraneo, l’Assemblea generale e straordinaria della rete di istituti di politica internazionale “Euromesco”. In questa occasione è stato ratificato lo statuto e sono state analizzate le attività in programma per il 2012-2014 alla luce degli eventi accaduti nella riva sud del Mediterraneo. La Fondazione Mediterraneo è membro di Euromesco dal 2006 ed ha partecipato all’Assemblea con il presidente Michele Capasso. In questa occasione Roberto Aliboni, membro fondatore di Euromesco, ha scritto la prefazione del volume di Capasso “La Grande Méditerranée”, anticipando gli spunti anticipatori del testo La lectio magistralis su “La Grande Mèditerranée” è stata tenuta da Michele Capasso nel 2007 a Marrakech, in occasione del conferimento del dottorato honoris causa da parte dall’Università Cadi Ayyad. La “Grande Méditerranée” di Capasso non è una delle tante, più o meno convenzionali perorazioni del Mediterraneo quale luogo d’incontro e cooperazione fra i diversi popoli che gravitano verso questa area antica ed illustre, ma è la visione del Mediterraneo come “città” condivisa di giustizia sociale e democrazia: una sfida al superamento di differenze e conflitti, in un luogo dove differenze e conflitti hanno un valore simbolico. La “Grande Méditerranée” è in realtà una metafora del pianeta. “La Grande Mèditerranèe – dice l’autore nella lectio – est faite d’hommes et de femmes différents, voire en conflit, mais qui veulent justice sociale et démocratie”. Quando questi uomini e donne si renderanno conto che è questa la vera sfida comune, crolleranno le differenze religiose e culturali che oggi inutilmente li dividono. Mentre tutti sono assorbiti da queste differenze e credono che sia la contrapposizione fra Islam e Occidente la causa dei conflitti, Capasso in virtù della sua visione può vedere con chiarezza che il conflitto sta innanzitutto nel modello di sviluppo imposto dai paesi europei e poi nell’assenza di democrazia nei paesi arabi – assenza che è funzionale al modello occidentale stesso: il conflitto sta dunque nell’assenza di giustizia sociale e democrazia. Esso si fa schermo delle differenze, ma le sue vere radici stanno nell’ingiustizia sociale e nella dittatura politica, che sono perciò i nemici da battere perché si disveli ai nostri occhi la grande “koiné” mediterranea che unisce i suoi popoli. In questa stessa prospettiva – in passi, che letti oggi non possono non sorprendere – Capasso anticipa nella sua “lectio” il risveglio che, nel 2011, è poi in effetti avvenuto, sotto il nome di “primavera araba”. Egli letteralmente profetizza che i regimi dittatoriali arabi dovranno “faire face aux souffles de liberté et démocratie qui déferleront de plus en plus fort grâce aux jeunes et à la diffusion de nouvelles

2494 

RASSEGNA STAMPA

technologies d’information et de communication … et nous assisterons, certainement, à la chute de ces régimes et au début d’un parcours de transition vers la démocratie et les droits de l’homme. ». D’altra parte, profetizza ugualmente l’erompere dell’attuale crisi economica occidentale, destinata a sprigionarsi dall’assenza di valori etici, di partenariato e co-sviluppo: “Le modèle économique dominant – dice Capasso – sera la cause d’une des plus graves crises de l’histoire du monde”. La primavera araba è poi in effetti arrivata, ma a due anni dal suo inizio è chiaro che, mentre essa è una preziosa occasione per cominciare a realizzare una comunità di giustizia e democrazia nel Mediterraneo, ostacoli e difficoltà sulla via del suo compimento sono invece numerosi e gravi. E non ci si può meravigliare che, di fronte a tali difficoltà, l’Università Cadi Ayyad abbia meritoriamente deciso di ripubblicare la

“lectio” di Capasso onde ricordare gli obbiettivi che essa indica. In effetti, da un lato i paesi occidentali, benché la crisi dell’economia occidentale, iniziata nel 2008, non accenni a terminare, mantengono i loro modelli socio-economici neo-liberali, respingendo l’adozione di qualsiasi criterio di solidarietà e giustizia sociale. Mentre la disoccupazione, in particolare quella giovanile, infuria nei paesi arabi e si propaga a quelli del Sud Europa, in un contesto di corruzione e scandalosa disuguaglianza, i paesi occidentali e l’Unione Europea continuano a proporre ai paesi rivoluzionari la stessa ricetta. Il risultato finale potrebbe facilmente essere una più forte disuguaglianza fra Nord e Sud e un ampliamento (ai paesi del Sud Europa) dell’area storica di sottosviluppo e disagio socio-economico della “Grande Mèditerranée”, invece che un suo restringimento. D’altra parte, se le condizioni di

profondo disagio socio-economico che dopotutto stanno alla base delle rivoluzioni arabe non verranno superate in tempi relativamente brevi, difficilmente le rivoluzioni politiche iniziate in quei paesi potranno avere un esito positivo. Nuove e vecchie forze conservatrici avrebbero il sopravvento instaurando un autoritarismo islamista al posto di quello di stampo secolare che le rivoluzioni hanno abbattuto. In effetti, il dibattito politico che è in corso soprattutto in Egitto e Tunisia – dove dei governi a guida islamista si sono affermati – appare deludente in termini di libertà e diritti umani. Nello scorso settembre, la diffusione nella rete di un miserabile filmetto volto a deridere il Profeta, oltre che a legittime manifestazioni di dissenso, ha messo capo a un discorso all’ONU del presidente Morsi inteso a rispondere alla questione stabilendo paletti alla libertà di espressione. Non c’è dubbio che i governi isla-

Roberto Aliboni coordina una delle sessioni del lavoro

misti di centro, al potere in Egitto e Tunisia, hanno difficoltà a resistere alle pressioni dei fondamentalisti che militano nell’opposizione e nelle stesse file dei loro partiti. Il dibattito sullo “stato civile” invece di andare verso la definizione dell’autonomia fra la sfera religiosa e quella civile sta andando verso la conferma di uno stato civile in qualche subordinato ad una imprescindibile sfera religiosa. In questa prospettiva, Tariq Ramadan, in un’editoriale di pochi giorni fa sul New York Times” (“Waiting for an Arab Spring of Ideas” 30 settembre 2012), ha giustamente criticato la “mancanza di idee” della primavera araba. Di fronte a questa assenza di idee, sta purtroppo una medesima assenza da parte dei governi occidentali, che di fronte alle difficoltà dei governi islamisti centristi a tenere la barra diritta nel mare dell’opposizione islamista e islamica, invece di comprendere che debbono moltiplicare il loro impegno verso le rivoluzioni stanno tentennando, e diventano facili prede di tutti quei conservatori che nei paesi dell’Occidente non hanno mai cessato di diffidare dell’Islam, in quanto insuperabile differenza. Sorprende ancora una volta come il riflusso conservatore nella difficile fase post-rivluzionaria sia previsto nella “lectio” di Capasso, quando egli dice che in questa fase “le refuge vers des réalités identitaires individuelles e vers les idéologies religieuses sera presque naturel, j’oserais dire un signe d’affranchissement et de revanche qui, s’il n’est pas correctement géré, pourrait conduire à une dérive fondamentaliste encore plus dangereuse que les dictatures mêmes”. È esattamente quello che sta succedendo mentre questa “lectio magistralis” viene di nuovo pubblicata. Perciò, come gli uomini di buona volontà che siedono a Marrakech, così anche quelli, come noi, che stanno dall’altra parte del Mediterraneo sperano che la riproposizione della “lectio” contribuisca a fermare la deriva politica dell’islamismo e quella della prevaricazione economica occidentale, onde sia possibile avviare il cammino verso la “città mediterranea” che Capasso ci indica. Roberto Aliboni Roma, 10 ottobre 2012


Anno XVII – n. 28 – 18 settembre 2012

Redazione: 80133 Napoli – Via Depretis, 130

Malta cuore del Mediterraneo Conclusa la VIIa Sessione Plenaria dell’Assemblea Parlamentare del Mediterraneo

Da destra, il Presidente Michele Capasso, il Primo Ministro di Giordania Fayez Al-Tarawneh, il Presidente dell’APM Francesco Maria Amoruso, il Presidente della Regione PACA e Vicepresidente APM Michel Vauzelle, il Presidente del Parlamento di Malta Michael Frendo, l’On. Antonio Martino Presidente della Delegazione italiana all’UIP, il Vicepresidente dell’APM Majallie Whbee, il Segretario Generale dell’APM Sergio Piazzi.

Alcuni partecipanti.

Malta | 13 Ottobre 2012 Si è svolta a Malta la VIIa Sessione Plenaria dell’APM. La Fondazione Mediterraneo, primo membro osservatore dell’APM – ideata a Napoli nella sede della Fondazione Mediterraneo, che ha organizzato la prima riiunione costitutiva nel luglio 2005 – ha partecipato ai lavori apportando il ventennale contributo per il dialogo e la pace. In questa occasione sono stati affrontati i temi della Siria, del dialogo interreligioso, delle nuove povertà e dei nuovi bisogni.

RASSEGNA STAMPA 

2495


Anno XVII – n. 28 – 18 settembre 2012 | 2

Ad Israele e Palestina il Premio Mediterraneo di Pace

Il palestinese Taysser Quba’a e l’israeliano Majallie Whbee ricevono il prestigioso riconoscimento della Fondazione Mediterraneo Nel corso di una cerimonia svoltasi a Malta in occasione della VIIa Sessione Plenaria dell’Assemblea Parlamentare del Mediterraneo, il Presidente della Fondazione Mediterraneo Michele Capasso ha consegnato il “Premio Mediterraneo di Pace” al Vice Presidente dell’Assemblea Parlamentare del Mediterraneo (APM) Taysser Quba’a ed al Vice Presidente dell’Assemblea Parlamentare del Mediterraneo (APM) Majallie Whbee per l’impegno profuso nel promuovere il dialogo tra Israele e Palestina all’interno dell’Assemblea Parlamentare del Mediterraneo.

2496 

Premio mediterraneo for Peace to Taysser Quba’a

Premio mediterraneo for Peace to Majallie Whbee

Vice Presidente Assemblea Parlamentare del Mediterraneo

Vice Presidente Assemblea Parlamentare del Mediterraneo

Malta, 12rd october 2012

Malta, 12rd october 2012

Per l’impegno profuso nel promuovere il dialogo tra Israele e Palestina all’interno dell’Assemblea Parlamentare del Mediterraneo, affrontando con equilibrio e verità storica i problemi antichi ed attuali che impediscono il processo di Pace, nella consapevolezza che quest’ultimo costituisce l’unica via percorribile per due Popoli in due Stati: destinati dalla Storia e dalla Geografia a coesistere sulla stessa Terra.

Per l’impegno profuso nel promuovere il dialogo tra Israele e Palestina all’interno dell’Assemblea Parlamentare del Mediterraneo, affrontando con equilibrio e verità storica i problemi antichi ed attuali che impediscono il processo di Pace, nella consapevolezza che quest’ultimo costituisce l’unica via percorribile per due Popoli in due Stati: destinati dalla Storia e dalla Geografia a coesistere sulla stessa Terra.

RASSEGNA STAMPA


Anno XVII – n. 28 – 18 settembre 2012 | 3

Il Totem della Pace Tricolore di Molinari continua il suo viaggio nel mondo Il “Totem della Pace Tricolore” di Molinari al Presidente del Parlamento di Malta Michael Frendo Il Presidente Michele Capasso ha consegnato un esemplare de “Totem della Pace” Tricolore di Mario Molinari - che la Fondazione Mediterraneo ha realizzato in occasione del 150° anniversario dell’Unità d’Italia - al Presidente del parlamento di Malta Michael Frendo, concordando la realizzazione del “Totem della Pace” a Malta nell’anno 2013.

All’Ambasciata d’Italia il “Totem della Pace Tricolore” di Molinari Il “Totem della Pace” Tricolore di Mario Molinari continua il suo viaggio tra le Ambasciate d’Italia nel mondo. A Malta il Presidente Michele Capasso ha consegnato un esemplare dell’opera di Molinari nelle mani dell’Ambasciatore d’Italia a Malta Efisio Luigi Marras ha espresso il proprio apprezzamento per l’iniziativa e per il ventennale impegno della Fondazione Mediterraneo.

Il “Totem della Pace Tricolore” di Molinari al Prefetto di Napoli Andrea De Martino La Fondazione Mediterraneo ha donato al prefetto di Napoli Andrea De Martino il “Totem della Pace Tricolore” al termine del suo mandato. L’occasione è la firma dell’atto di nascita dell’Associazione Antiraket a San Sebastiano al Vesuvio. Tra i presenti il presidente onorario del FAI Tano Grasso, Silvana Fucito, il sindaco Giuseppe Capasso, Nino Daniele – già sindaco di Ercolano – Raffaele Aratro, autorità civili, militari e religiose impegnate nella lotta alla camorra ed alla criminalità organizzata. Nel suo breve intervento il presidente Michele Capasso ha ricordato l’impegno del prefetto De Martino per affermare i valori della legalità e del “Bene Comune” ed il suo sostegno al progetto del “Totem della Pace” manifestato in più occasioni.

RASSEGNA STAMPA 

2497


Anno XVII – n. 28 – 18 settembre 2012 | 4

Commemorato a Malta Guido de Marco Il Presidente Michele Capasso, il Presidente del Parlamento di Malta Michael Frendo, il Presidente dell’Assemble Parlamentare del Mediterraneo Francesco Maria Amoruso ed il deputato George Vella hanno ricordato Guido de Marco, già Presidente della Repubblica di Malta e tra i fondatori della Fondazione Mediterraneo.

Da sinistra: Francesco Maria Amoruso, Michael Frendo e Michele Capasso.

Michele Capasso e George Vella.

Guido de Marco – President of The Republic of Malta Prof. Guido de Marco was appointed President of Malta on 4th April 1999. He was re-appointed Deputy Prime Minister of Malta and Minister of Foreign Affairs on September 8, 1998, following the Nationalist Party’s victory at the 1998 General Elections, a capacity which he held until his nomination to the Presidency of Malta. On the 11th September, he presented Malta’s request for the reactivation of its application for membership to the European Union to H.E. Wolfgang Schüssel, Foreign Minister of Austria and President of the European Union. Prof. Guido de Marco was first elected in the interests of the Nationalist Party to the House of Representatives in April 1966 and has been returned to Parliament at every General Election. Appointed Secretary General of the Nationalist Party in 1972, he served until 1977 when elected Deputy Leader and had since been uninterruptedly confirmed until his resignation in March 1999. When the Nationalist Party was returned to office in 1987, Prof. de Marco was appointed Deputy Prime Minister and Minister of the Interior and Justice. During his tenure, Prof. de Marco introduced several bills in the House of Representatives that integrated important conventions, such as the European Convention on Human Rights into domestic law. As Interior Minister he led the reform and modernization of the Police Force and founded the Police Academy. As Minister of the Interior and Justice he attended Conference of European Law Ministers in Lisbon (1988), and the Hague (1989) and of the Commonwealth Law Ministers in New Zealand (1990). It was also during his tenure that Malta became a member of the

2498 

RASSEGNA STAMPA

Pompidou Group, where he participated at its meeting of Ministers held in London in 1989. Prof. de Marco led Malta’s delegation to the United Nations General Assembly Special Session on Drugs held in New York. He was appointed as Minister of Foreign Affairs in May 1990 and remained in office until October 1996. One of his first acts as Foreign Minister was submitting Malta’s application for membership of the European Communities in Brussels on July 16th, 1990. Stressing Malta’s European vocation, Prof. de Marco also underlined the validity of the Mediterranean dimension. He continued to promote and pursue the principle that the Euro-Mediterranean dialogue was a basic element in creating structures to consolidate regional security and co-operation. He was also instrumental in consolidating Malta’s active contribution to the work of international organisations, including the United Nations, the OSCE, the Council of Europe and the Commonwealth.

On 18th September 1990, Prof. Guido de Marco was elected President of the United Nations General Assembly (45th Session). During this time he initiated a dialogue, that later led to a presidential motion unanimously approved, to revitalize the General Assembly and other aspects of reform necessary during a time of transition in international relations. Representing the General Assembly, as its President, Prof. de Marco undertook a number of diplomatic initiatives leading to his visit to the refugee camps in the Occupied Territories and Jordan, to Ethiopia and Albania. Other initiatives include his meetings with US Secretary of State, James Baker during the Gulf War and with H.H. Pope John Paul II. He was also invited to Mosow for talks by the USSR Council of Ministers and to the People’s Republic of China. As President of the United Nations General Assembly he also visited the Democratic Republic of Korea and the Republic of Korea in May

1991 leading to the admission of these two countries to the United Nations, as well as Chernobyl, the Czech and Slovak Republic. During his Presidency, Prof. de Marco also proposed a new role for the Trusteeship Council, an initiative which was pursued by Malta within the United Nations and which is still under discussion to date. Between 1990 and 1996, Prof. de Marco also spearheaded other key initiatives in both the bilateral and multilateral fields including the expansion of Malta’s representation overseas and the conclusion of important agreements in areas essential for economic growth and co-operation. He headed Malta’s delegation tot he various CSCE/ OSCE Conferences. In January 1992, at the CSCE Council in Prague, Malta launched Prof. de Marco’s initiative to declare the CSCE a regional arrangement in terms of Chapter VIII of the United Nations Charter, a proposal which was later approved by the Heads of State and Government at the Helsinki Summit. He also continued

to promote dialogue between the CSCE and the Mediterranean nonparticipating States. Prof. de Marco has given particular attention to the Maltese Community overseas and has visited Maltese migrants in Australia, Canada, the United States, the United Kingdom and smaller communities in a number of other countries. Prof. de Marco was elected by the House of Representatives to be one of its representatives at the Parliamentary Assembly of the Council of Europe in 1967 where he remained for almost twenty years as a member of this Parliamentary Assembly. He served as member and rapporteur on several occasions of the Legal Affairs Committee and Vice President of the Committee on Rules of Procedure. During 1996 – 1998 he was re-elected by the House of Representatives as a member of Malta’s delegation to the Council of Europe’s Parliamentary Assembly during which time he was elected Chairman of the newly constituted Monitoring Committee. He also continued to serve in his capacity as Vice-President on the Independent World Commission on Oceans. Between 1996 and 1998 Prof. de Marco served as Shadow Minister and Opposition Spokesman on Foreign Affairs and as a member of the Parliamentary Committee on Foreign Affairs. Prof. Guido de Marco was born at Valletta on 22nd July 1931, son of the late Emanuele and Giovanna nee’ Raniolo. He was educated at St. Joseph High School, St. Aloysius College and the University of Malta. He graduated as a Bachelor of Arts in 1952, in Philosophy, Economics and Italian and in 1955 as a Doctor of Laws. Since 1967 he has been a lecturer and later a Professor of Criminal Law at the University of Malta. He is married to Violet nee’ Saliba. They have a son, Mario and two daughters, Gianella and Fiorella, all members of the legal profession.


Anno XVII – n. 28 – 18 settembre 2012 | 5

Il Senatore Francesco Maria Amoruso eletto Presidente dell’Assemblea Parlamentare del Mediterraneo Il Senatore Francesco Maria Amoruso è stato eletto Presidente dell’Assemblea Parlamentare del Mediterraneo per il biennio 2012-2014. Il Presidente Capasso ha pubblicamente espresso il compiacimento per l’alto incarico, auspicando una sempre più stretta cooperazione tra l’Assemblea Parlamentare del Mediterraneo e la Fondazione Mediterraneo.

Francesco Maria Amoruso e Michele Capasso.

Il discorso ufficiale del Presidente Amooruso

Il Presidente Michele Capasso incontra il Primo Ministro della Giordania Il Presidente Michele Capasso ha avuto un incontro con il Primo Ministro del Regno Hashemita di Giordania Fayez Al-Tarawneh con il quale ha analizzato la situazione in Siria e le iniziative poste in essere dalla Giordania per l’accoglienza dei profughi Siriani. Capasso ha consegnato al Primo Ministro copia dell’Appello per la Siria.

Il Presidente Michele Capasso con il Primo Ministro della Giordania Fayez Al-Tarawneh.

RASSEGNA STAMPA 

2499


Anno XVII – n. 28 – 18 settembre 2012 | 6

Alla Maison des Alliances riunita la Giuria del “Mare Nostrum Award Grimaldi” Si è riunita, come ogni anno, alla “Maison des Alliances” la Giuria del “Mare Nostrum Award Grimaldi” presieduta da Folco Quilici.

Nella foto, da sinistra: Paul Kyprianon, Luciano Bosso, Diana De Feo, Michele Capasso, Folco Quilici, Vassiliki Armogeni e Brahi Aouam.

I membri della Giuria La giuria dei Mare Nostrum Awards è presieduta da Folco Quilici. Ad affiancarlo, altre personalità eminenti del giornalismo e della cultura: Brahi Aouam, console della Repubblica di Tunisia a Napoli, Vassiliki Armogeni, giornalista greca della rivista Efoplistis, Michele Capasso, presidente della Fondazione Mediterraneo, Diana De Feo, giornalista Rai, Enric Juliana, vicedirettore del quotidiano spagnolo La Vanguardia, Mimmo Jodice, fotografo, Paul Kyprianou, già presidente del gruppo Armatori Ro/Ro europei, Virman Cusenza, direttore de Il Mattino di Napoli.

I vincitori del 2012 Domenico Barbati Giovanni Russo Spyridon Russos Carlos Solito Riida Maamri

2500 

RASSEGNA STAMPA


Anno XVII – n. 29 – 15 novembre 2012

Redazione: 80133 Napoli – Via Depretis, 130

The Anna Lindh Foundation 2013

André AzoulAy President of Anna Lindh Foundation Gathered together in Istanbul from June 28 to July 1st, the Advisory Council of the Anna Lindh Foundation and representatives from the Euro-Mediterranean Youth leaders from 35 countries have confirmed and defined the agenda of the Anna Lindh Mediterranean Forum which will take place in Marseille from the 4th to 7th of April 2013, and which will be the largest gathering of civil society from the North and South of the Mediterranean since the beginning of Arab Spring. Speaking in Istanbul, the President of the Anna Lindh Foundation, André Azoulay highlighted “the symbolic and pioneering characteristic of the encounter and the dialogue between the personalities of the Advisory Council of the Foundation and NGO leaders from both the North and the South, representing the younger generation in the Mediterranean”. “This space synthesises and converges without social barriers and involves all ideological, cultural or political tendencies, is emblematic of the legitimacy and the singularity of the action of the Anna Lindh” explained Mr Azoulay, underlining the choice made by the Foundation since 2008 “to confirm its approach in the most direct contact with the most credible instances of civil society in the 42 countries of the Union for the Mediterranean”. This approach added Mr. André Azoulay “is needed today more than before when we know the place and role of the civil society in the overhaul of the institutional and political landscape in the South and the social and political impact of the crisis on the North of the Mediterranean”. The meetings in Istanbul and those to come this fall, especially the one dedicated for Women in Morocco and for Migration in Algeria, will help to refine and enrich the agenda of the Forum in April 2013 in Marseille, in order to make this meeting “The Estates-General of the Euro-Mediterranean, with an updated road map, revised and corrected by the important changes that witnesses our region,” concluded the President of the Anna Lindh Foundation. ‘’In light of the Arab Spring and world-

The Advisory Council of the Anna Lindh Foundation wide movements, youth broke free of their chains and now know they are powerful by default. Absolutely no one can take from anyone the freedom of thought. The myth of shadows has been debunked. The search for the sun is a life long struggle for each one and the mission of every young person is to keep this struggle moving’’ stated Nermine Chatila, on behalf of the participating youth, highlighting the importance of dialogue through Plato’s Allegory of the Cave. The 45 youth delegates from the 35 Euro-Mediterranean countries explored for 4 days from the 28th of June to the 1st of July what can be ‘’Youth Contributions for Dialogue and Change’’, and concluded to connect the ‘Dialogue’ agenda with the central issues of ‘Diversity’, ‘Democracy’ and ‘Development’ in accordance with the ALF 4Ds Strategy. The preparation meetings in Istanbul, which were organised in cooperation with the Turkish Ministry of Foreign Affairs and the ALF Head of National Network in Turkey, also bought together members of the newly elected Advisory Council of the Anna Lindh Foundation on the 30th of June in order to discuss the new role of the Anna Lindh Foundation and the best ways to make the Anna Lindh Forum 2013 a real momentum for the civil society of the region. ‘’The work of our Foundation represents the central role and responsibility that civil society has in shaping and consolidating a peaceful common future for the people living on both sides of the Mediterranean. Of course, fostering dialogue does not produce change overnight. It is not the easy or quick way, but it is the sure and lasting way’’ explained Ambassador Sumru Noyan, the Turkish member of the Advisory council of the Foundation at the opening of the first Advisory Council’s meeting. The Anna Lindh Forum 2013 will represent the largest gathering of civil society from the two shores of the Mediterranean since the Arab Awakening 2011 and following the ongoing social impact of the European economic crisis. The Istanbul meetings are the first of a series of meetings which will take place in different euro-Mediterranean countries around priority themes in preparation of the Forum.

Dear Heads of Network, dear colleagues, We will meet for the 11th Heads of Network Annual Meeting, in Nicosia, amidst a particularly challenging regional context. Our Meeting takes place at the end of the first year of Phase III, and less than five months before the Anna Lindh Forum 2013, which constitutes a crucial opportunity for the Foundation and its Networks. It is a Meeting through which achieved results and next steps to be taken will be carefully assessed, and ideas will be shared about the implementation of the Annual Work Plan 2013 (which will be presented at the next Board of Governors Meeting), with a special focus on the Anna Lindh 2013 Forum, the new ‘Dawrak-Citizens for Dialogue’ Programme, and other Networks activities. This year Meeting’s Agenda includes some innovative components, such as the presentation of the new ALF visual identity, an Open Mic session on the future of the Networks, an Exchange Space, managed by Network Coordinators, and key-issues for debate at the moment, such as the work with the Syrian civil society. Alongside the central issues of the Meeting, you will have the opportunity to participate in a debate on Social Justice and a Shared Development , together with Teatro Valle Occupato (Italy), the winner of the 2012 Euromed Award, and to attend the Common Action of the Cypriot Network. The Meeting will also be the first ‘green’ event of its kind for the Foundation, organised on principles of environmental responsibility, in cooperation with the Cypriot Head of Network. Since the Krakow’s meeting, there have been some good news - the Board of Governors’ approval of the Triennial Programme for 20122014, with a budget of 16,4 M€ – but also signals of financial constrains which may jeopardise some of our activities. Let me share with you the situation we face, in order to find together the most appropriate response and to build the future of the Foundation on the positive assets we have in our hands. Unfortunately, I have to inform you that the full implementation of the Triennial Programme can be threatened by the fact that the contributions of the 42 Member States (MS) have not reached the 6 M€ foreseen by the

Andreu ClAret Executif Director of Anna Lindh Foundation Board. As of today, the MS have pledged only 4.667 M€ and disbursed 3,1 M€. As you can see in the Power Point Presentation presented during the last Board of Governors’ Meeting (www.euromedalex.org/sites/default/files/ALF_ Presentation_37th_BoG_Meeting.pdf), 18 Governments have not announced any pledge to the ALF Triennial budget. The subsequent deficit in the MS pledges of 1.333 M€ is seriously endangering the financing of the activities which can only be funded with MS contributions, particularly the second Call for Proposals (CFP) expected to be launched in December 2012, as per the Triennial Programme and the AWP 2012 approved by the BoG. If the Member States do not fill this deficit, we will be obliged to reduce the Triennial ALF budget by 1.333 M€, revising the Triennial programme accordingly. The situation we face is paradoxical: the Foundation suffers financial constraints which might expose the activities of its Networks when its presence is more requested than ever, and our activities are seen with growing interest by the civil society and the regional institutions. This is the main message we should convey to the Board of Governors to find an alternative to this financial impasse. I will propose the Chairperson of the BoG to invite two Network Coordinators for such an important meeting (5th of December 2012). In the meantime, the Secretariat is working in adapting the AWP for 2013 and 2014 in order to meet as much as we can the Network needs in terms of coordination and mobilization. In this regard, a financial Network package will be presented during the meeting, including the resources for capacity building, exchange and common actions available in the current budgetary framework, beside the Step 6 - Coordination and Services component. Let me finish by thanking the Cypriot Network and its Head of Network Institution, the Cyprus Center for European and International Affairs – University of Nicosia, represented by Anthos Shekeris, as well as the Cypriot authorities, for their collaboration in preparing the Annual Meeting of the Heads of Network. Looking forward to meeting you there. Andreu Claret

RASSEGNA STAMPA 

2501


Anno XVII – n. 28 – 18 settembre 2012 | 2

The Network of Network of the Anna Lindh Foundation

The 11th Heads of Network Annual Meeting, in Nicosia Cyprus, 8-11 November 2012

ALBANIE Laura Xhaxhiu Projects Manager Albanian Forum for the Alliance of Civilizations (AFALC) P.O. Box8347 Tirana – ALBANIA Tel: + 355 4 239896 – Fax: + 355 4 272500 E-mail: laura@afalc.org ALGERIE Mouloud Sal hi President Association Etoile Culturelle d’Akbou Centre culturel BP 30 Hopital Akbou – Alger – ALGERIE Tel/fax: + 213 34358661 E-mail: etoileculturelle@yahoo.fr mosaldz@yahoo.fr ALLEMAGNE Caroline Y. Robertson-von Trotha ZAK I Centre for Cultural and General Studies Ruppurrer Str. la, Haus B 76137 Karlsruhe – GERMANY Tel: +49 721 608 4384 Fax: +49 721 608 4811 E-mail: caroline.robertson@kit.edu Swenja Zaremba ZAK I Centre for Cultural and General Studies Ruppurrer Str. la, Haus B 76137 Karlsruhe – GERMANY Tel: +49 721 608 4384 Fax: +49 721 608 4811 E-mail: Swenja.zaremba@kit.edu AUTRICHE Cengiz Gunay Austrian Institute for International Affairs Berggasse 7, – 1090 Vienna – AUSTRIA Tel: +4315811106-16 Fax: +4315811106-10 E-mail: cengiz.gunay@oiip.ac.at office@oiip.ac.at BELGIQUE Marjon Goetinck Project Manager – Network Coordinator European Institute for Research on Mediterranean and Euro-Arab Cooperation (MEDEA) Brussels – BELGIUM Tel: +32 (0)2 23113 00 Fax: +32(0)2 231 06 46 mobile: +32(0)498 33 73 95 email: m.goetinck@medea.be BOSNIE-HERZEGOVINE Miralem Tursinovic Network Coordinator Helsinski Parlament Gradjana (hCa) Tuzla Omladinski Resursni Centar (ORC) Tuzla Hadzi Bakirbega Tuzlica 1, 75000 Tuzla – BOSNIA & HERZEGOVINA Tel/Fax: +387 35 258077 E-mail: orctuzla@bih.net.ba BULGARIE Kostadinka Todorova Association International Initiatives for Cooperation 1 Ekzarh Yosif 5tr. – P.O. Box 37 Razlog 2760 – BULGARIA Tel: +359898587757 Fax: +359 747 80945 E-mail: t.kostadinka@gmail.com: office@iic-bg.org

2502 

RASSEGNA STAMPA

CHYPRE Anthos I. Shekeris Senior Research Officer Research and Development Centre-Intercollege University of Nicosia 46 Makedonitissas Av. P.O. Box 24005 1700 Nicosia – CYPRUS Tel: +357 22 841656 Fax: +357 22 35 5116 E-mail: shekeris.a@intercollege.ac.cy CROATIE Pavle Schramadei Tender Evaluation and Contracting Division Coordinator Assistant to Coordinator of the Croatian National Network National Foundation for Civil Society Development Strigina 1a 10000 Zagreb – CROATIA Tel: +385 1 23 99 100 Fax: +385 1 23 99 111 E-mail: pschramadei@zaklada.civilnodrustvo.hr DANEMARK Jakob I. Myschetzky Project Coordinator Danish Center for Culture and Development Nytorv 17, 1 – 1450 K¢benhavn K – DENMARK Tel: +45 33 179700 Fax: +4533 179701 E-mail: jim@dccd.dk EGYPTE Mostafa Abbas Secretary General Oyoun Masr Association Assistant Coordinator ALF Egyptian National Network 31 Gamal Abdel Nasser 51 – Victoria Alexandria – EGYPT Tel: +20 1004303467 Fax: +20 3 5622030 E-mail: Mostafa@ayoiunmasr.com ESPAGNE Maria-Angels Roque Network Coordinator Institut Europeu de la Mediterrimia (IEMed) C/ Girona, num. 20 5a planta 08010 Barcelona – SPAIN Tel: +34 932449850 Fax: +34 93 2470165 E-mail: marogue@iemed.org ESTONIE Thomas R. Kammerer Director European Research Centre for Ancient NearEastern Cultures University of Tartu – Olikooli 18-310, 50090 Tartu – ESTONIA Tel: +372 737 53 00 Fax: +372 737 53 01 E-mail: tkaemmerer@live.de thomas.kaemmerer@ul.ee FINLANDE Tuomo Melasuo Senior Researcher TAPRI, Tampere Peace Research Institute University 01 Tampere – Tampere – FINLAND Tel: +358 35517692 Fax: +358 3 223 66 20 E-mail: tuomo.melasuo@uta.li

FRANCE Esther Fouchier Presidente Forum Femmes Mediterranee de Marseille 74 rue Longues des Capucines 13001 Marseille – FRANCE Tel: +33 4 91 9114 89; + 3360703 1469 E-mail: 10uchier.esther@lree.lr GRECE Stefanos Vallianatos Head 01 International Relations Dept. Hellenic Foundation lor Culture SO, Stratigou Kallari Str. 154 52 Palaio Psychico – Athens – GREECE Tel: +30 210 677 65 40 Fax: +30 210 672 58 26 E-mail: stelanos@hfc.gr Stefanos Stefanidis Youth Worker – Trainer Chairman Hellenic Association of Informatics 34-40, I. Fokianoy str. – 116 35, Athens – GREECE Tel: +30-6931-744941 Fax: +30-210-7291015 E-mail: info@informatics.org.gr HONGRIE Imre Kiss Network Coordinator Hungarian Museum of Trade and Hospitality H-1051 Budapest – HUNGARY Tel: +36 1 3756 249 Fax: +36 1 269 5428 E-mail: mkvm@iif.hu:imre.kiss@iif.hu Zoltan Katay Chairman / project director Art for Heritage Cultural Association – CREMM Erdo u. 17a – T6r6kbalint – H-2045 – HUNGARY Tel: +36 70 422 58 14 Fax: +36 70 900 2 888 E-mail: zoltan.katay@cremm.com IRLANDE Ann Luttrell Education & Outreach Manager/Programmer Triskel Arts Centre Tobin 51. – Cork – IRELAND Tel: +353 214272022 – 4277300 + 353 87 9923184 E-mail: annluttrell@triskelartscentre.ie ISRAEL Anat Lapidot Network Coordinator The Van Leer Jerusalem Institute 43 Jabotinsky St. P.O. Box 4070 – 91040 Jerusalem – ISRAEL Tel: +972 25605248 Fax: +972 2 5611717 E-mail: anatl@vanleer.org.il ITALIE Michele Capasso President Fondazione Mediterraneo via Depretis 130 – Napoli 80133 – ITALY Tel: +39 081 552 30 33 Fax: +39 081 420 32 73 E-mail: Michele.Capasso@fondazionemediterraneo.org Elisa Adorno Euromediterranean Institute of North West-PARALLEL! via La Salle, 17 – 10152 Turin – ITALY Tel: +39 011 522 98 43; +39 011 522 9822 Fax: +39 011 522 98 30 E-mail: elisa.adorno@paralleli.org

JORDANIE Zina Ishaq-Nimri Assistant Director (for Academic and Technical Affairs) Royal Institute for Inter-Faith Studies (RIIFS) PO Box 830562 – Amman 11183 – JORDAN Tel: +96264618051 (ext 103) Fax:+962 64618053 E-mail: zina.ishag@riifs.org LETTONIE Inta Balode dance critic / dramaturge / project manager Latvian Contemporary Dance Choreographers Association and Olga Zitluhina Dance Company “Skaras” pln Ladezers Limbazu nov., LV-4011 – LATVIA Tel: +37129211203 E-mail: inta@dance.lv LIBAN Zahida Darwiche Jabbour Secretary General Lebanese National Commission lor UNESCO Ministry 01 Culture building 1st Iloor, Hamra Beirut – LEBANON Tel: +9611 74 91 05-8 Fax: +9611 74 91 04 E-mail: inlo@lncu.org LITUANIE Andrius BeCys President Culture center “In Actio” Vilnius – LITHUANIA Tel: +370 600 277 00 E-mail: president@in-action.eu LUXEMBOURG Claude Frisoni General Director Cultural Meeting Centre Abbaye de Neumunster 28, rue Munster L-2160 Luxembourg – LUXEMBOURG Tel: +352 26 205 29 23 Fax: +352 26 20 1980 E-mail: claude.lrisoni@ccrn.lu MALTE Cynthia Tomasuolo President The Geminarie Group 122, Margin, Oats Street, Attard ATD 3015 – MALTA Tel: +356 21436384 Fax:+356 2143 63 84 E-mail: info@geminariegroup.org MAROC Mohamed Fahmi President Centre International de Cooperation 5ud Nord Bibliotheque Universitaire Mohamed 5ekkat Km7, Route el Jadida B.P. 96276 Nassim 20190 – Casablanca – MOROCCO Tel: +212 600 980 980 – +212540039717 E-mail: mfahi.cicsn@gmail.com fal.reseaumaroc@gmail.com MAURITANIE EI Hacene Mahmoud M’Bareck President de I’Association Mauritanienne pour la Promotion du Droit Nouakchott – MAURITANIE Tel: + 222 46 456082 – + 222 36 456082 E-mail: abdah67@yahoo.fr

MONACO Jean-Laurent Terrazloni Fondation Monaco Mediterranee Jean-Laurent Terrazloni Le Victoria 13 bd Princesse Charlotte – MONACO Tel: +377 97 77 6116 Fax: +377 97 77 5899 E-mail: terrazzonimmf@libello.com MONTENEGRO Boris Abramovic Network Coordinator Ministry of Culture Vuka Ka radzica 3 81000 Podgrorica – MONTENEGRO Tel: +382 20 231-554 Fax: +382 20 231-540 E-mail: boris.abramovic@gov.me PALESTINE Fathi Darwish General Director Tawasul Om el Sharayet Street, Ramallah – PALESTINE Tel/Fax: +970 – 2 – 2956110 E-mail: darwish.fathi@gmail.com Yousri Darwish Director General Union of Cultural Centres Deputy Network Coordinator Omar al Khayam SI. AI Yazigi Bid, Gaza – PALESTINE Tel/Fax: +970 82835883 E-mail: yousridarwish@yahoo.com PAYS-BAS Mirjam Zeilmaker EUROCLIO – European Association of History Educators Laan van Meerdervoort 70 2517 AN The Hague – THE NETHERLANDS Tel: +31 70 3817836 Fax: +31 70 3853669 E-mail: mirjam@euroclio.eu

REPUBLIQUE TCHEQUE Jaroslav Bures Researcher Specialist in Med issues Institute of International Relations Erudova 3, 311850 Praha 1 – CZECH REPUBLIC Tel: +420 251108111- 313 – 240 Fax: +420 251108 222 E-mail: umv@iir.cz:bures@iir.cz ROUMANIE Alexandra Mateescu Assistant to the Network Coordinator Academy House East Wing 7th Floor Calea 13 Septembrie Sector 5 Bucharest – ROMANIA Tel: +40 744 358 522 E-mail: alexandramateescu@yahoo.com SLOVENIE Robert Krizanic Coordinator Savod Provod Presernova ulica 27, 2250 Ptuj – SLOVENIA Tel:+38641733469 E-mail: krizo19@gmail.com; povod@povod.si SUEDE Patrick Gruczkun Project Coordinator Anna Lindh Foundation for intercultural dialogue National Museums of World Culture Box 5306 – 40227 G6teborg – SWEDEN Tel: +46 317880007 E-mail: Patrick.Gruczkun@smvk.se TUNISIE Anis Boufrikha President – We love Sousse 1 rue des Vosges Trocadero 4002 Sousse Tel: +216 97 451 022 E-mail: contact.fal.tunisie@gmail.com

POLOGNE Joanna Sanetra-Szeliga Network Coordinator International Cultural Centre Rynek Glowny 25, 31-008 Krakow – POLAND Tel: +48 124242802 Fax: +48 1242185 71 E-mail: Lsanetra@mck.krakow.pl Robert Kusek Network Coordinator International Cultural Centre Foundation Rynek Glowny 25, 31-008 Krakow – POLAND Tel: +48 124242802 Fax: +48 1242185 71 E-mail: r.kusek@mck.krakow.pl

ROYAUME-UNI Nancy Barrett Director ion creative, The Department Store 5 Oak Street – Northern Quarter Manchester M4 5JD – UNITED KINGDOM Tel: + 44 (0) 7799 061562 E-mail: na ncv. barrett@ioncreative.org Richard Shotton Network Coordinator Centre for Urban Education (CU E) Manchester Metropolitan University 5 Oak Street, Northern Quarter Manchester – UNITED KINGDOM Tel: +44 161 282 8404 E-mail: rsh@i-globe.org; alfnetwork@mkmu.ac.uk

PORTUGAL Miguel Torres Network Coordinator ACERT – Associacao Cultural e Recreativa de Tondela Rua Dr. Ricardo Mota, Apartado 1183461-909 Tondela – PORTUGAL Tel: +351232814400 – +351232 814 405 Fax: +351 232 814 409 E-mail: migueltorres@acert.pt

OBSERVATEURS

REPUBLIQUE SLOVAQUE Michaela Kubikova Director National Trust of Slovakia Namestie SNP 172 03331 Liptovsky Hradok – SLOVAKIA Tel/Fax: 0042144 52 21131 E-mail: kubikova@nt.sk

LIBYE Abdulhafid Sidoun Lawyer Tripoli – LIYBA Tel: +218 217254479 E-mail: attornevabdo@vahoo.com SYRIE Salam Kawakibi Deputy Director Arabe Reforme Initiative President of Initiative for a New Syria Association 71, Rue Fondary 75015 Paris – FRANCE Tel: +33626730734 E-mail salam.kawakibi@gmail.com


Anno XVII – n. 28 – 18 settembre 2012 | 3

The Anna Lindh Foundation Unveils New Visual Identity

Nicosia, 9th November 2012 The Anna Lindh Foundation launched today a new visual identity and logo on the occasion of its 42 country annual Networks meeting, held this year in Nicosia under the EU Presidency of Cyprus. The new identity is a landmark moment for the institution, which was launched in 2005 to promote cultural relations across the Mediterranean, representing the Foundation’s coming of age as the central institution for intercultural dialogue in the Euro-Med framework. Designed by Layerhead, a Lebanese young design company, the logo is conceived on the principal of ‘Unity in Diversity’ with the Foundation as a unique institution shared by 42 Euro-Med civil societies. The new icon is illustrated by diverse pebbles of the Mediterranean Sea, with the blue colouring representing the sea itself, and the warm orange indicating the nature of the Foundation as a catalyst for intercultural action. The fresh and modern type-face also illustrates the aspiration of the Foundation as an institution actively present on the ground across the region and at the institutional level. The launch of the logo has been timed to mark the start of the Foundation’s 3rd triennial phase of operation (from 2012 to 2014) and the road to the next edition of the Anna Lindh Mediterranean Forum which will take place in Marseilles from 4th to 7th April 2013. The Forum will be a unique gathering, bringing together youth leaders, civil society groups, influential policy-makers and intercultural experts from all 42 countries of the Euro-Med region for the very first time following the historic Arab Awakening and the social impact of the economic crisis in Europe. The new visual identity is now being applied across the Network of Anna Lindh National Civil Society Networks, as well as in relation to the Foundation’s website portal and main communication tools. For more information, log on to www.euromedalex.org or contact ALF Press Officer sarah.zaaimi@bibalex.org

RASSEGNA STAMPA 

2503


Anno XVII – n. 28 – 18 settembre 2012 | 4

The Anna Lindh Mediterranean Forum Marseille, 4 to 7 April 2013

2504 

RASSEGNA STAMPA


Anno XVII – n. 28 – 18 settembre 2012 | 5

RASSEGNA STAMPA 

2505


Anno XVII – n. 28 – 18 settembre 2012 | 6

Teatro Valle Occupato has been awarded in Nicosia, Cyprus for the 7th Edition of the Euro-Med Dialogue Award

2506 

Simona Senzacqua, André Azoulay and Sylvia De Fanti

Sylvia De Fanti, Andreu Claret, Michele Capasso and Simona Senzacqua

Teatro Valle Occupato, a self organised Italian group of art workers defending Culture as a common good, has been awarded yesterday in Nicosia, Cyprus for the 7th Edition of the Euro-Med Dialogue Award in the presence of the Executive Director of the ALF Andreu Claret, the president of Fondazione Mediterraneo Michele Capasso, the Heads of the Anna Lindh National Networks and several civil society representatives, for their valuable contribution in the thematic “Youth for Change, Social Justice and a Shared Development”. Teatro Valle Occupato, an artist group which occupied the Teatro Valle refusing budgetary cuts to cultural policies and social dumping against its operators and aiming at preserving Culture as a primary right accessible to all citizens was voted by the majority of the members of the Anna Lindh Foundation’s National Networks of civil society, recognizing this year the contribution of organizations and individuals in promoting a culture of dialogue, social justice and citizenship in the Euro-Mediterranean Region. Inspired by the theory of self-government of cultural spaces, Teatro Valle artists have developed Statutes for a new foundation named “Teatro Valle Bene Comune (Common Good)” mixing arts with spaces for civic engagement. Teatro Valle lives on a daily basis the concrete practice of “Commons”, embodying the belief that a better

for Arts and Culture, an independent organization connecting arts practice and nonformal education with social development; and finally the sixth place went to Mounir Bensalah (Morocco), political activist and blogger, member of several associations and NGOs, and member of the National Council of the Moroc-

RASSEGNA STAMPA

world is possible only through qualitative relations between people. The second place of the Euro-Med Award for 2012 went to Association for Development and Enhancement of Women (ADEW) (Egypt), an organization which fights for alleviating poverty and eradicating cultural differences be-

The Euro-Med Dialogue Award

The Presidency of the Jury tween genders that perpetuate inequality. The third place went to t Israel/Palestine Center for Research and Information (IPCRI) (Israel, Palestine) only joint Israeli-Palestinian public policy think-tank in the world devoted to developing practical solutions for the Israeli-Palestinian conflict. The

fourth place went to Symβiosis (Greece), association which focuses on information and education, freedom of expression, public debate and active civic participation, so that youth and communities voice their needs and ideas. The fifth place went to Reem Kassem (Egypt) who established in 2011 AGORA

can Organization for Human Rights (OMDH). The bestowing ceremony has been followed by a debate focused on the 2012 Award theme “Youth for Change, Social Justice and a Shared Development: Which Challenges?” with the presence of Mrs Sylvia De Fanti and Mrs Simona Sen-

zacqua, actresses and political activists from Teatro Valle Occupato as well as several specialists in the topic. The Euro-Med Award for Dialogue between Cultures is an annual competition which recognises the efforts of individuals and organizations working for the promotion of intercultural dialogue. This inter-network program is coorganized by the Anna Lindh Foundation and the Fondazione Mediterraneo. The selection of five finalists for the Award is made by the Heads of the National Networks. The selection of the winner is carried out by members of the National Networks through an online voting system, encouraging the participation of the National Networks in our effort. The 2011 edition of the Euro-Med Award of Dialogue, the Presidency of the Jury chose “Dialogue for Citizenship and Freedom “ in the framework of the Believe in Dialogue, Act for Citizenship regional initiative. For the first time the Award went to an Egyptian NGO, “Development No borders”, for their work on the promotion of citizenship and active participation among youth. For more information please click here: http://www. euromedalex.org/resources/ awards/euromed-award/previous-editions/2011 The theme of the next edition of the Euro-Med Award for Dialogue, discussed by the Presidency of the Jury, will be “Migrants as Actors for Mutual Understanding”.


Anno XVII – n. 28 – 18 settembre 2012 | 7

Euro-Med Dialogue Award 2006-2012

RASSEGNA STAMPA 

2507


Anna Lindh Euro-Mediterranean for the Dialogue between Cultures 11th Heads of National Network Meeting Lefkasia (Nicosia), Cyprus 8-11 November 2012

Programme

2508 

RASSEGNA STAMPA


Anno XVII – n. 30 – 1 dicembre 2012

Redazione: 80133 Napoli – Via Depretis, 130

A Napoli il World Forum For Child Welfare 2012

Si è svolto alla Stazione Maritti‑ ma di Napoli dal 26 al 29 novembre il “World Forum for Child Welfare 2012”, giunto quest’anno alla sua 23a edizione. Organizzato sotto l’Alto Patronato del Presidente della Re‑ pubblica dall’IFCW insieme a Mentoring Usa/Italia onlus e la Fondazione L’Albero della Vita, il WF12 si è avvalso del sostegno dell’Assessorato alle Attività sociali della Regione Cam‑ pania e della collaborazione ufficiale della Curia di Napoli e del Consolato generale degli Stati Uniti di America

a Napoli. La Fondazione Mediterraneo sostiene questa iniziativa. La cerimonia inaugurale del WF12 si è aperta con l’esecuzione musicale dell’orchestra sociale “Sanitansamble” e vede la partecipazione di istituzio‑ ni nazionali ed internazionali: Stefano Caldoro, presidente della RegioneCam‑ pania; Luigi de Magistris, sindaco di Napoli; Ermanno Russo, assessore alle Attività sociali della Campania; Marco Rossi‑Doria, sottosegretario all’Istruzio‑ ne, Università e Ricerca; Gianni Pittella, vicepresidente vicario del Parlamento

europeo; Vincenzo Spadafora, garante nazionale per l’infanzia e l’adolescenza; Lorena Rambaudi, coordinatrice del‑ la Commissione Politiche sociali della Conferenza Stato‑Regioni; Catriona Wil‑ liams, presidente IFCW; Matilda Raffa Cuomo e Sergio Cuomo, Mentoring Usa/ Italia onlus; Patrizio Paoletti, presidente della Fondazione L’Albero della Vita. L’edizione 2012 ha visto presen‑ ti leader nazionali ed internazionali, esperti ed esponenti del mondo acca‑ demico impegnati quotidianamente su scala mondiale nella tutela dei minori.

Il 28 novembre si è svolto un evento speciale dal titolo “The person who changed my life”, titolo dell’omonimo libro di Matilda Raffa Cuomo. Hanno partecipato Letizia Moratti, il cardi‑ nale Crescenzio Sepe, il presidente di Eni Giuseppe Recchi, il presidente Stefano Caldoro e Maria Falcone. Michele Capasso, presidente della Fondazione Mediterraneo e Pia Moli‑ nari, responsabile dell’area “Giovani e Infanzia” della Fondazione hannoo riportato l’esperienza ventennale della Fondazione e, in particolare, le attività

ph. Claudia De Crescenzo

Sergio Cuomo e Matilda Raffa Cuomo

per l’infanzia (Osservatorio Mediterraneo per i Diritti dell’Infanzia, Premio Mediterraneo, ecc.). Il Forum si è concluso con l’as‑ segnazione del Premio Mediterraneo Rita Allamprese per l’infanzia a Ma‑ tilda Raffa Cuomo e delle “Medaglie d’Onore” per l’Infanzia all’assesso‑ re alle Attività Sociali della Regione Campania Ermanno Russo, al Presi‑ dente dell’International Forum for Child Welfare Catriona Williams e al direttore de l’Albero della Vita onlus Ivano Abbruzzi.

A Matilda Raffa Cuomo il “Premio Mediterraneo ‘Rita Allamprese’ per l’Infanzia” Napoli | 29 Novembre 2012 Con una cerimonia che ha concluso – presenti i delegati di tutto il mondo – il “World Forum for Child Welfare 2012”, è stata assegnato il “Premio Mediterraneo Rita Allamprese per l’Infanzia” a Matilda Raffa Cuomo, Presidente di “Mentoring USA” e fondartrice di “Mentoring Usa Italia”. Il prestigioso riconoscimento è stato consegnato dal presidente Michele Capasso, da Pia Molinari e dall’Assessore alle Attività Sociali della Regione Campania Ermanno ph. Claudia De Crescenzo

Russo. Matilda Raffa Cuomo si è detta onorata del Premio che ricorda la figura di Rita Allamprese, cofondatrice della Fondazione Mediterraneo dedita per oltre vent’anni ad azioni in favore dell’infanzia.

Da sinistra: Pia Molinari, Michele Capasso, Matilda Raffa Cuomo, Ermanno Russo.

RASSEGNA STAMPA 

2509


Anno XVII – n. 30 – 1 dicembre 2012 | 2

La Fondazione impegnata per la nascita di “Mentoring Mediterraneo” (Infanzia) Napoli | 29 Novembre 2012 La Fondazione Mediterraneo è impegnata nella nascita di “Mentoring Mediterraneo””. È questa la proposta fatta a conclusione del World Forum For Child WelfarE dal presidente Michele Capasso. Matilda Raffa Cuomo, presidente di Mentoring USA ha accettato con entusismo questa nuova azione tesa a ridurre l’assenza di scolarità ed istruzione nell’infanzia. Nel corso di una visita alla sede della Fondazione Mediterraneo sono state gettate le basi per questa importante iniziative a favore dell’infanzia.

Nelle immagini: Matilda Raffa Cuomo, Sergio Cuomo, Michele Capasso e Pia Molinari

Matilda Raffa Cuomo in visita alla Fondazione Mediterraneo Napoli | 29 Novembre 2012 Matilda Raffa Cuomo, Fondatrice e Presidente Onorario di Mentoring USA/Italia Onlus, accompagnata dal presidente Sergio Cuomo, ha visitato la Fondazione Mediterraneo accolta dal presidente Michele Capasso e da Pia Molinari, responsabile dell’area giovani, infanzia e creatività, che hanno illustrato le iniziative poste in essere dalla Fondazione Mediterraneo da 20 anni in favore dell’infanzia. In questa occasione la signora Cuomo ha espresso il proprio apprezzamento per un luogo “magico” in cui sono stati ospitati Capi di Stato, Premi Nobel ed alte personalità ed auspicato la concretizzazione di rapporti di collaborazione tra le due istituzioni, in modo particolare la creazione di “Mentoring Mediterraneo”.

Nelle immagini: Matilda Raffa Cuomo, Sergio Cuomo, Michele Capasso e Pia Molinari

2510 

RASSEGNA STAMPA


Redazione: 80133 Napoli – Via Depretis, 130

Anno XVII – n. 31 – 9 dicembre 2012

Mario Molinari protagonista di Luci d’Artista a Buccino Buccino | 08 Dicembre 2012

“Buccino chiama Torino”: così titola il giornalino della cittadina in provincia di Salerno, promuovendo “Luci d’Artista”: l’evento internazionale lanciato anni fa dalla Città di Torino e che quest’anno vede Buccino protagonista. Negli allestimenti un ruolo principale è assegnato alle opere di Mario Molinari che, allocate in luoghi simbolo della cittadina, si integrano con la sua storia e le sue architetture. Pia Molinari, nel corso di una visita per vedere la nuova allocazione delle opere, ha espresso il compiacimento per la professionalità e la scelta dei luoghi, esprimendo al sindaco Nicola Parisi il suo sincero apprezzamento e donando una monografia dell’opera di Mario Molinari.

RASSEGNA STAMPA 

2511


Anno XVII – n. 31 – 9 dicembre 2012 | 2

Il Totem della Pace a Buccino Buccino | 07 Dicembre 2012 Sarà realizzato a Buccino il “Totem della Pace” di Mario Molinari. Nel protocollo d’intesa sottoscritto tra il Presidente Capasso ed il Sindaco Parisi è stato concordato di installare l’opera monumentale nello storico edifico del Comune di Buccino. In questa occasione il presidente Capasso ha donato al Sindaco Parisi un esemplare del “Totem Tricolore“ di Mario Molinari, realizzato in occasione del 150° anniversario dell’Unità d’Italia.

Nelle foto: il Presidente della Fondazione Mediterraneo Michele Capasso. il sindaco di Buccino Nicola Parisi e Pia Molinari

Protocollo d’Intesa tra la Fondazione Mediterraneo e Buccino Buccino | 07 Dicembre 2012 Un protocollo d’intesa è stato sottoscritto tra la Fondazione Mediterraneo, rappresentata dal presidente Michele Capasso ed il consigliere Pia Molinari, ed il Comune di Buccino, rappresentato dal Sindaco Nicola Parisi. L’accordo prevede, tra l’altro, l’istituzione della sezione “Premio Mediterraneo Archeologia” dedicata a Marcello Gigante, nativo di Buccino e membro della Fondazione.

2512 

RASSEGNA STAMPA


Anno XVII – n. 32 – 18 dicembre 2012

Redazione: 80133 Napoli – Via Depretis, 130

Il sindaco de Magistris alla FM parla del futuro ruolo di Napoli Napoli | 05 Dicembre 2012 Nelle foto: alcuni momenti dell’intervento del sindaco Luigi de Magistris

“Napoli come esempio di rinnovamento politico ed amministrativo”: questa in sintesi la sfida raccolta da Luigi de Magistris riconosciuta in sede nazionale e internazionale. “Nel corso di un incontro a Torino”, afferma il sindaco “il ruolo di Napoli come esempio di una nuova politica fondata sulla legalità e sul bene comune è riconosciuto ed apprezzato”. Nel corso del dibattito, svoltosi in una sala gremita presso la sede della Fondazione Mediterraneo sono stati esaminati i temi più scottanti alla luce dell’attuale crisi. Il presidente Michele Capasso ha indicato in una nuova sobrietà e solidarietà il binomio su cui fondare un nuovo senso civico per il bene comune e nella competenza attiva una delle soluzioni per risolvere completamente i gravi problemi che attanagliano la città di Napoli in questo momento.

Napoli | 04 Dicembre 2012 Prosegue con successo lo scambio culturale “Cittadinanza Attiva: come funziona nel tuo paese” grazie al grande coinvolgimento di organizzatori e partecipanti. Delegazioni straniere di giovani di vari Paesi europei e mediterranei si sono incontrate alla Fondazione Mediterraneo per conoscere la realtà che i giovani italiani vivono, concentrandosi specialmente sul rapporto tra giovani e istituzioni. Presso la sede della FM da vent’anni impegnata in azioni in favore dei giovani si è svolto un meeting in cui i ragazzi si sono confrontati su come ci sia la necessità di un cambiamento e un impegno sociale profondo da parte dei giovani. Sono intervenuti tra gli altri: Michele Capasso – Presidente della Fondazione Mediterraneo Luca Palescandolo – Presidente dell’Ass. Agenzia per la Promozione dei Giovani Pia Molinari – responsabile area “Giovani” della Fondazione Mediterraneo Wassyla Tamzali – membro della Fondazione Mediterraneo. Enrico Elefante – Delegato Forum Regionale Campania.

Cittadinanza attiva: come funziona nel tuo Paese

Nelle foto: immagini del meeting alla Fondazione Mediterraneo

RASSEGNA STAMPA 

2513


Anno XVII – n. 32 – 18 dicembre 2012 | 2

Il Forno di Bianchina per aiutare le iniziative per l’infanzia

San Sebastiano al Vesuvio 30 novembre 2012

Il Forno di Bianchina a San Sebastiano al Vesuvio – che produce prodotti con forno a legna, alimentato da fasci-

ne di alberi selezionati, secondo antiche tradizioni – è partner della Fondazione nel programma “Saperi e Sapori - Aiutaci ad aiutarli aiutandoti!”. Il pane, i dolci ed i principali

prodotti da forno – una selezione di grande qualità! – è messa a disposizione degli “Amici della Fondazione” che sostengono le iniziative umanitarie in programma. Il presidente Michele Ca-

Presentato il libro “Anima in Parole”

passo e Pia Molinari hanno ricordato con Bianchina gli antichi legami di amicizia con il padre Raffaele Capasso, Sindaco della cittadina vesuviana per oltre 35 anni.

Il manifesto dell’iniziativa

Buccino | 07 dicembre 2012

Nella sala del Consiglio Comunale di Buccino è stato presentato il volume di Rosaria Rizzo “Anima in Parole”. Dopo l’introduzione del sindaco Nicola Parisi, il presidente Michele Capasso ha illustrato la ventennale attività della Fondazione sui temi della violenza sulle donne e tracciato le linee per addivenire ad una parità di genere nel Mediterraneo. Presente all’incontro Pia Molinari, membro del Consiglio Direttivo della Fondazione.

“Mediterranean Networking: Step One Lampedusa Nelle foto: una delle drammatiche immagini proiettate durante la presentazione e un momento dell’incontro con l’autrice

2514 

RASSEGNA STAMPA

Torino | 18 dicembre 2012

In occasione della Giornata Mondiale dei migranti, proclamata il 18 dicembre, è stato presentato il progetto della Rete Italiana della Fondazione Anna Lindh “Mediterranean Networking: Step One Lampedusa”: migrazione, diritti e Primavere Arabe.


Rassegna stampa anno 2012 della Fondazione Mediterraneo