Page 1

Semestrale Poste Italiane S.p.A. Spedizione in abbonamento postale D.L. 353/2003 (conv. In L. 27/02/2004 n. 456) art. 1 comma 1 - DCB – Bologna. In caso di mancato recapito inviare al CMP di Bologna per la restituzione al mittente previo pagamento resi.

FILO DIRETTO BOLOGNA - NAVARRA PER UNA FORMAZIONE SPECIALISTICA RICONOSCIUTA A LIVELLO EUROPEO AMPLIATA L’OFFERTA FORMATIVA UNIVERSITARIA AGLI PSICOLOGI E AGLI OPERATORI SANITARI PER L’ASSISTENZA AI BAMBINI TUTTI POSSONO SOSTENERE LE ATTIVITÀ DELLA FONDAZIONE HOSPICE, OGNI GIORNO. SCOPRI COME


S O M M A R I O EDITORIALE

ACCADEMIA DELLE SCIENZE DI MEDICINA PALLIATIVA

I VALORI DELLA SOLIDARIETÀ di Vera Negri Zamagni

C AMPU S B E NT IVO GLIO - B ol ogn a

INCONTRI A TEMA

IN PRIMO PIANO

44° anno dei Martedì di SAN DOMENICO 8° anno degli Incontri a Tema di ASMEPA

ADESIONE DI MARPOSS AL PROGRAMMA DI SOSTEGNO DELLA FONDAZIONE HOSPICE SERÀGNOLI

8 aprile 2014, ore 21

RESPONSABILI IN CHE COSA?

di Simona Poli

Quali comportamenti e impegni, da tenere e assumere, verso gli azionisti e gli investitori, verso i dipendenti e i collaboratori, verso i clienti, verso i fornitori, verso la comunità civile e verso le generazioni future. Oltre, e attraverso, la responsabilità sociale di impresa. Gli incontri si terranno presso il SALONE BOLOGNINI CONVENTO SAN DOMENICO Piazza San Domenico, 13 Bologna

Angelo Ferro

INGRESSO LIBERO

Franco Mosconi

Per informazioni: CENTRO SAN DOMENICO centrosandomenicobo@gmail.com www.centrosandomenico.it tel. 051 581718

/pag. 4

FILO DIRETTO BOLOGNA - NAVARRA PER UNA FORMAZIONE SPECIALISTICA RICONOSCIUTA A LIVELLO EUROPEO di Deborah Bolognesi e Guido Biasco

Docente di Politica Economica Internazionale ed Economia Industriale

di Monica Beccaro

Docente di Economia Industriale

/pag. 6

I NOSTRI EVENTI

PROGETTO DO UT DO

/pag. 8

Alberto Vacchi

Presidente Unindustria Bologna

APPROFONDIMENTI

LA FONDAZIONE RUSCONI PER L’HOSPICE DI BENTIVOGLIO di Nicola Bedogni

/pag.10

Organizzati da

FONDAZIONE

HOSPICE MT. C. SERÀGNOLI ONLUS

TUTTI POSSONO SOSTENERE LE ATTIVITÀ DELLA FONDAZIONE HOSPICE, OGNI GIORNO. SCOPRI COME. /pag.11 UN FURGONE PER L’HOSPICE

GUARDA IL NOSTRO VIDEO

HOSPES Periodico della Fondazione Hospice MT. C. Seràgnoli Onlus Anno 9 Numero 19 - I/2014

Direttore Responsabile Giancarlo Roversi Coordinamento editoriale Simona Poli Progetto grafico Humus Design

/pag.12 /pag. 13-14

RINGRAZIAMENTI

/pag. 15

DICONO DI NOI

Direttore Editoriale Vera Negri Zamagni

/pag. 5

AMPLIATA L’OFFERTA FORMATIVA UNIVERSITARIA AGLI PSICOLOGI E AGLI OPERATORI SANITARI PER L’ASSISTENZA AI BAMBINI

ASMEPA segreteria@asmepa.org www.asmepa.org tel. 051 19933737 Con il patrocinio di

/pag. 3

Stampa Digigraf

Stampato su carta con fibre riciclate


EDITORIALE

I VALORI DELLA SOLIDARIETÀ Cari lettori e lettrici, questo numero è dedicato prevalentemente a dare voce ai sostenitori della Fondazione Hospice e mostra in quanti modi si possa contribuire all’opera di prestare sollievo a chi soffre. C’è un gruppo di imprenditori, di cui Stefano Possati fa parte, che sostengono con continuità le attività dell’Hospice come parte della loro responsabilità verso il territorio; ci sono altre fondazioni, che scelgono di collaborare con la nostra, come la Fondazione Rusconi che ha deciso di sostenere il servizio di assistenza ambulatoriale dei nostri tre hospice per il 2014. Ma ci sono tante persone singole che si adoperano in mille modi per contribuire, come quelle che hanno donato all’Hospice un furgone per il trasporto dei familiari o quelle che organizzano concerti, tornei sportivi, cene, tombole a favore dell’hospice o che donano il loro 5 x mille. Veniamo da un periodo storico in cui ci si era illusi di poter appaltare la solidarietà allo Stato, che la somministrava attraverso la sua burocrazia, non sempre motivata a prestare i suoi servizi secondo criteri di efficienza ed efficacia. Ciò ha prodotto irresponsabilità privata e pubblica nei confronti dei bisogni degli altri e una carenza di servizi di qualità e di attenzione professionale nei confronti delle tante sofferenze che la vita riserva. Occorre oggi riprendersi questa responsabilità, perché da un lato le amministrazioni pubbliche non sprechino le risorse loro affidate e dall’altro venga data libera e concreta espressione al desiderio e al dovere di essere personalmente coinvolti nell’offrire il proprio contributo per garantire che la vita di ciascuno sia degna di essere vissuta fino all’ultimo giorno. Vera Negri Zamagni* (*) Presidente Associazione Amici della Fondazione Hospice MT. C. Seràgnoli

(

3


IN PRIMO PIANO

Le nostre interviste: Stefano Possati

Adesione di Marposs al programma di sostegno della Fondazione Hospice Seràgnoli di Simona Poli

Tre domande a Stefano Possati, Cavaliere del Lavoro e presidente del gruppo industriale bolognese, con quartiere centrale e stabilimenti a Bentivoglio. Marposs è presente con 72 sedi in 21 paesi del mondo, leader nella produzione di sistemi elettronici per la misura, il controllo e la gestione della qualità dimensionale, geometrica e superficiale delle parti meccaniche. Marposs ha aderito al programma di sostegno “Uniti per fare grandi imprese” che ha l’obiettivo di assicurare un supporto continuativo nel tempo ai progetti che porta avanti la Fondazione nell’ambito delle cure palliative. Da cosa nasce la vostra sensibilità su questa iniziativa? Bisogna premettere che Marposs è situata nello stesso Comune di Bentivoglio che ha visto la nascita e la crescita del primo Hospice Seràgnoli. Questo ha permesso a tutti noi di vivere “in diretta” la genesi di questa veramente “grande impresa”. Essa è tanto più notevole in quanto opera a fianco di malati e di famiglie che si trovano in condizioni fisiche ed emotive estremamente delicate. Quali sono le iniziative di Marposs nell’ambito della Responsabilità sociale? Marposs non è direttamente presente con iniziative proprie ma sostiene istituzioni (AIRC e TELETHON, fra le altre) attive nel campo della ricerca medica e farmacologica. La Fondazione Hospice Seràgnoli oltre all’attività assistenziale, opera nell’ambito della formazione e della ricerca nel settore delle cure palliative. Quanto è importante, a suo parere, per un’azienda sostenere progetti di lungo periodo come quelli legati alla formazione o alla ricerca? I programmi di formazione e di ricerca della Fondazione Hospice Seràgnoli sono certamente attività che richiedono un sostegno prolungato nel tempo. Sottolinerei che è importante che i sostenitori, insieme al supporto economico, diano una garanzia di continuità per potere permettere una programmazione di ampio respiro all’Hospice per le proprie attività. Questa considerazione è immediata per chiunque, come me, viva da tempo una realtà industriale con forti contenuti innovativi.

(

4


IN PRIMO PIANO

Medicina palliativa: rapporti di collaborazione internazionali

Filo diretto Bologna - Navarra per una formazione specialistica riconosciuta a livello europeo di Deborah Bolognesi e Guido Biasco

Partenariato fra l’Accademia delle Scienze di Medicina Palliativa e l’importante università di Pamplona all’avanguardia nei progetti di ricerca nel settore grazie a un valido team di esperti e ai rapporti con importanti centri di riferimento internazionali. Sottoscritto un programma di scambio di studenti e ricercatori. L’Accademia delle Scienze di Medicina Palliativa - ASMEPA è stata invitata dall’Università di Navarra a visitare le attività svolte nell’ambito della Medicina Palliativa dal Professor Carlos Centeno e dal suo team di palliativisti e ricercatori. L’istituto spagnolo sta sviluppando progetti di ricerca nell’ambito delle cure palliative in collaborazione con importanti centri di riferimento internazionali. ASMEPA è partner dell’Università di Navarra con un programma di scambio di studenti e ricercatori e con un progetto di ricerca di interesse internazionale sullo sviluppo della formazione specialistica in Medicina Palliativa in Europa. Nel 2013 l’Università di Navarra ha svolto una prima importante ricognizione sullo stato di attivazione dei percorsi di formazione in Europa e tramite la collaborazione con ASMEPA è stato possibile sviluppare lo studio e approfondire il processo storico, le caratteristiche e l’effettiva utilità della formazione specialistica in Europa. La ricerca ha confermato che, ad oggi, sono ben 18 i paesi europei (il 34% dell’Europa) che riconoscono ufficialmente programmi di formazione in medicina palliativa, pur con diverse configurazioni, ciascuna caratteristica e adeguata al modello di Cure Palliative specifico del rispettivo Paese. Il processo di affermazione della formazione specialistica in quest’ambito è iniziato in Europa nel 1987 con l’esperienza pioneristica del Regno Unito e ha visto negli ultimi anni un intensificarsi di nuovi programmi in vari Paesi. Mentre i primi piani di formazione in Cure Palliative hanno seguito percorsi simili alle tradizionali scuole di specializzazione medica focalizzati sull’approfondimento di una specifica disciplina, le esperienze più recenti stanno mostrando modalità di formazione sullla Medicina Palliativa trasversali e complementari alle altre discipline. Infatti, i medici che nei vari Paesi europei si indirizzano verso quest’ambito devono, nella maggior parte dei casi, avere già concluso il percorso di specializzazione in altri ambiti quali medicina interna, oncologia, anestesia e in alcuni casi anche in medicina generale. Il processo di creazione e ufficializzazione dei programmi di specialità medica in cure palliative è stato ed è tutt’ora molto articolato e complesso nella maggior parte dei Paesi europei, segnato da approcci diversi che hanno generato una forte eterogeneità. Tuttavia la crescente istituzione e riconoscimento dei programmi di specialità medica, attivatosi soprattutto negli ultimi cinque anni, è segnale di una sempre più fattiva istituzionalizzazione delle Cure Palliative in Europa e dell’incremento di richiesta, da parte dei medici, di predisporre una formazione e una qualifica specifica. La ricerca ha messo chiaramente in luce che la certificazione in medicina palliativa e il riconoscimento della disciplina è una condizione indispensabile per lo sviluppo delle Cure Palliative in ogni Paese e che il futuro in Europa è orientato in maniera uniforme verso la necessità di possedere certificazioni obbligatorie, tramite percorsi dedicati, per poter lavorare nell’ambito delle Cure Palliative. Anche in Italia il processo di istituzionalizzazione di una formazione certificata è in una fase di riconoscimento e stabilizzazione. I nuovi percorsi di Master di Alta Formazione e Qualificazione in Cure Palliative delineati dai decreti ministeriali della legge 38 hanno caratteristiche pienamente in linea con gli altri programmi europei di formazione e sono oggi il cardine dell’attività formativa universitaria post-laurea promossa da ASMEPA.

(

5


IN PRIMO PIANO

I nuovi Master dell’Accademia delle Scienze di Medicina Palliativa

Ampliata l’offerta formativa universitaria agli psicologi e agli operatori sanitari per l’assistenza ai bambini di Monica Beccaro* L’Accademia delle Scienze di Medicina Palliativa, in collaborazione con Alma Mater Studiorum – Università di Bologna, ha ulteriormente ampliato la sua offerta formativa universitaria, attraverso l’attivazione, per l’Anno Accademico 2013-2014 di 3 nuovi Master: uno dedicato agli psicologi e altri due rivolti a tutti gli operatori sanitari impegnati nell’assistenza dei bambini con bisogni di Cure Palliative, e delle loro famiglie. La messa a punto e realizzazione di questi percorsi formativi, in linea con quanto previsto dalla Legge 38/2010 “Disposizioni per garantire l’accesso alle Cure Palliative e alla terapia del dolore”, completa l’offerta dell’Accademia, dando l’opportunità a tutte le figure professionali, che a vario titolo sono impegnate nell’assistenza ai pazienti con bisogni di Cure Palliative, di ampliare le conoscenze e rafforzare le competenze. Durante tutto il 2014 e il 2015 il Campus Bentivoglio accoglierà professionisti per intraprendere un percorso formativo qualificante che ha in essere le caratteristiche di integrazione multidisciplinare a partire dalla formazione in aula e dal continuo confronto interprofessionale possibile grazie anche alla disponibilità delle Residenze del Campus. La completezza e la continuità dell’offerta universitaria di ASMEPA negli anni e la sua capacità di divulgazione hanno attirato per tutti i percorsi di formazione professionisti da diverse Regioni, tra le quali Valle D’Aosta, Trentino Alto Adige, Veneto, Lombardia, Piemonte, Toscana, Marche, Lazio, Campania, Umbria, Molise, Abruzzo, Calabria, Sicilia e Sardegna. Il Master di II livello “Cure Palliative e terapia del dolore per psicologi” diretto dal Professor Francesco Campione, ha l’obiettivo di fornire una formazione teorica e pratica agli psicologi chiamati a gestire un servizio di psicologia e di assistenza al lutto nell’ambito delle strutture che si (*) Responsabile Accademia delle Scienze di Medicina Palliativa

(

6

occupano di Cure Palliative. Il Master, di durata biennale part-time, è caratterizzato da un percorso formativo volto all’acquisizione delle competenze necessarie ad un’appropriata presa in carico psicologica dei bambini e delle loro famiglie, alla gestione psicologica delle équipe assistenziali e all’eventuale assistenza alle famiglie nelle fasi di elaborazione del lutto. Per quanto riguarda le Cure Palliative pediatriche, sono stati attivati un “Master Universitario Internazionale di alta formazione e qualificazione in terapia del dolore e cure palliative pediatriche (II livello)” diretto dal Professor Andrea Pession, rivolto ai medici, e un “Master Universitario di I livello in Cure Palliative Pediatriche” diretto dal Professor Giacomo Faldella, rivolto a infermieri, psicologi, fisioterapisti, assistenti sociali, sociologi, pedagogisti e altri professionisti operanti in ambito pediatrico. L’integrazione e il confronto multiprofessionale è favorito da un piano didattico integrato che prevede lezioni comuni per una consistente parte della programmazione. I master in Cure Palliative Pediatriche rispondono a un bisogno specifico individuato dalla Regione Emilia Romagna nella delibera sulla Rete delle Cure Palliative Pediatriche del dicembre 2012: la formazione dei professionisti provenienti da tutte le aziende e le realtà pediatriche della Regione. La nuova offerta universitaria ASMEPA sarà inoltre supportata dai recenti volumi pubblicati da ASMEPA Edizioni specificamente dedicati agli aspetti psico-sociali delle cure palliative e delle Cure Palliative pediatriche. Per la Collana PalliAttiva “Per l’Altro. Tempismo assistenziale, modalità di coinvolgimento e accoglienza del dolore nelle Cure Palliative” di Francesco Campione e per la collana PalliAzione “Cure Palliative Pediatriche. Il contesto psicosociale nell’assistenza al bambino e alla famiglia” a cura di Dorella Scarponi.


IN PRIMO PIANO

i recenti volumi pubblicati da ASMEPA Edizioni dedicati agli aspetti psico-sociali delle cure palliative e delle cure palliative pediatriche

(

7


I NOSTRI EVENTI

(

8


I NOSTRI EVENTI

(

9


APPROFONDIMENTI

I nostri sostenitori

La Fondazione Rusconi per l’Hospice di Bentivoglio di Nicola Bedogni

Garantita la copertura integrale del servizio di assistenza ambulatoriale per tutto il 2014. La Fondazione Pietro Giacomo Rusconi nasce nel 1927 come ente morale con precisi obiettivi statutari indicati dalla Contessa Luisa Verzaglia, volti al miglioramento della qualità della vita del tessuto cittadino bolognese nell’ambito dell’edilizia, dell’assistenza sanitaria e sociale alla persona, dello sviluppo della cultura e in particolare a sostegno della musica e allo sviluppo di nuove industrie e nuovi commerci. Questi obiettivi sono perseguiti in strettissimo contatto con il Comune di Bologna che, pur essendo la Fondazione di natura privata, è l’Ente che nomina il Consiglio di amministrazione, come da volontà testamentarie della famiglia Rusconi. Negli anni, la collaborazione con altre Istituzioni, pubbliche e private, sul tema precipuo dell’assistenza socio-sanitaria si è focalizzata in gran parte sugli aspetti del sostegno alla disabilità e alla ricerca scientifica nel campo delle patologie inguaribili. Da qui lo sviluppo di progetti realizzati in collaborazione con Medici senza frontiere, Croce Azzurra, Onlus AIAsport di San Lazzaro, Associazione Arcobaleno, A.N.I.C.I. Nell’ambito di questa attività, la Fondazione Rusconi ha deciso di sostenere integralmente il servizio di assistenza ambulatoriale dell’Hospice Bentivoglio per l’intero anno 2014. Il professore Antonello De Oto, presidente della Fondazione Rusconi spiega così la scelta della Fondazione Hospice tra gli enti a cui indirizzare il proprio sostegno: “È un servizio di consulenza che riteniamo di grande utilità sociale per il delicato ambito in cui va ad incidere. L’attivazione di un ambulatorio risponde infatti all’esigenza di intercettare in tempo i bisogni dei pazienti

(

10

con patologie inguaribili e delle loro famiglie, proprio al fine di favorire una gestione dei percorsi clinici più efficace, in vista di un progressivo miglioramento della qualità della vita durante tutto il percorso della malattia. Principalmente per questi motivi la Fondazione Rusconi interverrà a totale copertura delle prestazioni erogate dall’Hospice di Bentivoglio per l’avvio di questo nuovo importante servizio.” La consulenza specialistica in cure palliative offerta negli ambulatori è attiva nei tre hospice gestiti dalla Fondazione Hospice Seràgnoli (Bentivoglio, Bellaria e Casalecchio) ed è completamente gratuita. È rivolta ai Pazienti e alle loro famiglie, ai medici di medicina generale e ai medici ospedalieri per rispondere adeguatamente e in diversi momenti alle esigenze di cura del malato.


APPROFONDIMENTI

Tutti possono sostenere le attività della Fondazione Hospice, ogni giorno. Scopri come. I tuoi giorni di festa Matrimoni, battesimi, prime comunioni, cresime, feste di laurea, compleanni ed anniversari sono eventi che nella vita di ciascuno portano felicità e fanno nascere il desiderio di trasmettere gioia a coloro che ci stanno vicino. Puoi rendere questi giorni davvero unici, scegliendo le nostre bomboniere solidali.

Donazioni in memoria Per non dimenticare una persona cara ed esprimere affetto e vicinanza alla sua famiglia puoi scegliere di fare in sua memoria una donazione alla Fondazione Hospice. In questo modo ricorderai una persona cara attraverso un concreto gesto a sostegno dei nostri progetti.

5xMille: una firma per l’Hospice Non è una tassa in più, ma una quota di imposte a cui lo Stato rinuncia per destinarla alle organizzazioni non-profit e sostenere le loro attività. Con questo strumento potrai aiutarci nella cura dei Pazienti affetti da malattia in fase avanzata e progressiva e nel miglioramento della loro qualità di vita. È sufficiente segnalare nella tua dichiarazione dei redditi il nostro Codice Fiscale: 02261871202


Proponi un evento Puoi organizzare un concerto, un evento sportivo o teatrale, una manifestazione artistica o culturale, una cena, un torneo di carte. Qualsiasi idea è benvenuta e ogni iniziativa che promuove le attività della Fondazione e contribuisce alla raccolta fondi è per noi una risorsa preziosa.

Social Network Hai un profilo Facebook o Twitter? Puoi aiutarci a promuovere la pagina dell’Associazione Amici (Facebook.com/ AmiciHospiceSeragnoli) Diventa fan e invita i tuoi contatti a fare altrettanto scaricando le nostre cover.

Partecipa e promuovi le nostre iniziative L’Associazione Amici organizza durante l’anno molte iniziative: spettacoli cinematografici, convegni, tornei, mostre. Partecipando e chiedendo ai tuoi amici di partecipare contribuirai ai nostri progetti in modo semplice e diretto.

La Fondazione “al lavoro” Sostenerci al lavoro può essere divertente! Organizza una riffa, cucina il tuo piatto preferito e chiedi una donazione per condividerlo, dedica la vincita di una tombola tra colleghi alla Fondazione. Oppure chiedi alla tua azienda di sostenerci. Trovi tutte le informazioni sul nostro sito: http://www.fondhs.org/aziende. Ufficio Raccolta Fondi

Tel. 051 27 10 60 dono@fondazionehospiceseragnoli.org 11

(

per saperne di più


APPROFONDIMENTI

La Fondazione Hospice MT. C. Seràgnoli Onlus

ringrazia

i donatori che hanno finanziato l’acquisto di un mezzo dedicato al trasporto di persone presso gli Hospice Seràgnoli.

La donazione del furgone ci consentirà di fornire un servizio di trasporto continuativo ai familiari e agli ospiti dei Pazienti ricoverati presso gli Hospice Bentivoglio, Bellaria e Casalecchio.

(

12


RINGRAZIAMENTI

(

13


RINGRAZIAMENTI

(

14


DICONO DI NOI

C

M

Y

CM

MY

CY

CMY

K

(

15


5

IL TUO PER MILLE A FAVORE DELLA FONDAZIONE HOSPICE SERÀGNOLI www.FondHS.org/5xmille

Con la tua firma puoi dare un aiuto concreto al miglioramento della qualità di vita dei Pazienti con malattie inguaribili. Nello spazio del 5 per mille della tua dichiarazione dei redditi scrivi, nel riquadro riservato alle Onlus, il codice fiscale della Fondazione Hospice Seràgnoli

02261871202

5

C.F. 02261871202

Profile for Fondazione Hospice Seràgnoli Onlus

Hospes 19  

Il periodico della Fondazione Hospice Seràgnoli

Hospes 19  

Il periodico della Fondazione Hospice Seràgnoli

Advertisement