Page 27

44

LA BATTAGLIA D'OTTOBRE

ALLA CONQUISTA DEL COL DI LANA

vorare sotto un tetto, protetti dalle schegge e dalla neve e di notte possono servirsi di candele, mentre sino ad ora hanno la

vorato nel buio più completo. Ti puoi immaginare con quanto profitto! Un tetto poi, sia pure un telo di tenda, che non ferme

rebbe neppure una pallottola morta di shrapnell, in tempi di guerra, da per ragioni psicologiche, uno straordinario senso di protezione

45

distribuiti ai soldati sotto il fuoco. Sono stati una vera manna per essi che te ne sono tanto grati. Le sigarette, munizioni di gran

valore, giunsero nel momento che tutto lo stock era esaurito qui e a Caprile. Sto bene ma un po' stanco ; si dorme poco.

Costone Ji Agai, 18 ottobre 1915.

malèdre°bombe."° ^ costo^° '°niando edalsi ostone Agai con lui, nel buio, mi cascò in un camminamento

bmctt intorno: al ^mio collo, e la™tua lampadina si è-PP-nte, consumata con tutta.il Telegramma.

sare che si prende parte alla battaglia delle nazioni, alla più grande

18 ottobre 1915.

Pregoti mandarmi al dììi

duemila sigarette macedonia; Abbracci.'"'^"'^

Eccoti il diario della battaglia d'ottobre. Scrivo sulle mie ginocchia, seduto sulla branda, nel piccolo ma nitido ricovero di Cabibi, sottotenente d'artiglieria di montagna, sul costone di Agai. Ieri Peppino mi annunziò l'azione generale che si ventilava già da vari giorni. E un'azione su tutto il nostro settore, anzi, mi si dice, su tutto il fronte italiano, nonché su quello delle nazioni alleate. Se così è, tu già saprai la notizia. E emozionante pen

^ 21 ottobre 1915.

componendo un lun^TeltL"^ of

battaglia della storia umana. Rimasi con Garibaldi sino a mezzanotte, sino a che, dati

gli ordini di combattimento, l'ebbi anch'io 1 Questa mattina assai per tempo dovevano incominciare le ope razioni. Mi sono svegliato alle 5, ma tutto era silenzio. Disposto r occorrente per il combattimento, sono andato alla casermetta del mio plotone autonomo.

(Ottobre 19, ore 2 pom.). — Chiamai gli uomini all'adunata, ne feci l'appello e mi awicd per un ripido sentiero tra i boschi sino

rnie notizie per vari giorni.

alla parte più centrale degli accampamenti del costone di Agai. Lì il giorno prima avevo fatto costruire, in tre ore, un robustissimo

ricovero per Garibaldi nell'angolo più rientrante dello scavo, già iniziato da vari giorni per la costruzione di un grande ricovero. La.... La bau I- j battaglia dura

da sette ai '

^chi momenti disponibili, ma

Questa battaglia non è che una serie jPo^^wni difficilissime. Tutti ali • j

posta. ® contrattacchi

mclumenti sono arrivati e li ho

_ .—.--Sijtiafrr.

(In questo momento Giuseppe Garibaldi, coricato sul suo letto da campo, detta gli ordini per l'attacco a fondo sul costone di Castello, che sta alla nostra destra: tra poco ricomincia la sparatoria).

Lettere di guerra di un ufficiale del Genio dal 29 agosto 1915 al 17 agosto 1918  
Lettere di guerra di un ufficiale del Genio dal 29 agosto 1915 al 17 agosto 1918  
Advertisement