Issuu on Google+

R

Agricoltura • Agroalimentare • Turismo RURALE

N° 9 • 15 Maggio 2013

IMU AGRICOLA

è fatta

SOSPENSIONE per fabbricati e terreni in attesa della RIMODULAZIONE AGRICOLTURA i giovani e la crisi: L’Italia è il futuro

AGRoalimentare ciliegia delle terre di bari: Progetto di filiera corta al 2° anno

mondo gal ”natural mete”: Itinerari nel Sud-Est Barese


Editoriale

15 MAGGIO 2013 - n. 9 - Anno 8

Quindicinale di Agricoltura Agroalimentare Turismo RURALE

Iscritto all’Albo Cooperative a Mutualità Prevalente N.A182952 Editrice G.Ed.A. Giovani Editori Associati Soc. Coop. Via Alcide De Gasperi 11/13 - 70015 - Noci (BA) Direttore responsabile Vito Castellaneta Grafica e impaginazione

Hanno collaborato Donato Fanelli, Antonio Resta, Rocco Resta, Nicola Trisolini, Giuseppe Perrotta, Paola Dileo, Giuseppe Rutigliano, Giacinto Mongelli, Nicoletta Mirizzi, Gianni Colaianni, Rino Pavone, Maria Fortino

Dati istat confermano strategicità agroalimentare

L

di vito castellaneta

e esportazioni di prodotti agroalimentari e bevande crescono del 7% nel primo trimestre dell’anno in controtendenza rispetto all’andamento generale”. Lo mette in evidenza la Coldiretti in occasione della pubblicazione dei dati Istat sul commercio con l’Estero, che “confermano la strategicità del buon cibo italiano nel trainare la ripresa economica”. “A far registrare i maggiori incrementi delle vendite all’estero - osserva la confederazione, sulla base di proprie elaborazioni su dati Istat relativi al primo bimestre del 2013 - sono stati i prodotti simbolo del Made in Italy alimentare come il vino (+15%), l’olio di oliva (+14%), l’ortofrutta (+10%) e la pasta (+10%). Si tratta di un trend positivo che conferma l’andamento dello scorso anno, con il record di 31,8 miliardi di euro di fatturato all’estero fatto registrare dall’agroalimentare nazionale. Il vino e’ il prodotto agroalimentare più esportato con un valore record di 4,7 miliardi di euro nel 2012 seguito dall’ortofrutta fresca, dalla pasta e dall’olio di oliva che sono i comp o -

nenti base della dieta mediterranea riconosciuta in tutto il mondo per le sue qualità salutistiche. Mentre il Made in Italy nel suo complesso registra una flessione, l’agroalimentare conferma la sua strategicità per l’economia del Belpaese. “Le imprese agricole in particolare mette in evidenza la Confagricoltura - stanno accentuando il processo di integrazione e di internazionalizzazione per compensare con l’export la flessione del mercato nazionale. I loro sforzi stanno dando buoni frutti e ci sono le premesse per rafforzarsi nell’anno in corso”. “Servono però adeguate politiche di accompagnamento per essere al fianco delle imprese che guardano oltrefrontiera”.

Pubblicità Click On Studio Via Q. Sella, 40 - 70122 - Bari Tel. 080 9755146 www.clickonstudio.it Stampa Grafica 080 - Modugno (BA) Registrato al Registro Nazionale della Stampa Tribunale di Bari N. 61/06 del 15/11/2006 www.foglie.tv redazione@foglie.tv 347 9040264

Seguiteci sui nostri Social

Iscriviti alla nostra newsletter su foglie.tv


MOVENTO 48 SC La soluzione vincente per il controllo delle cocciniglie

Dopo il primo anno di utilizzo, Movento 48 SC si è confermato essere il prodotto ottimale per il controllo della cocciniglia su vite da tavola. Grazie al meccanismo d’azione innovativo, alla doppia sistemia, alla persistenza d’azione e al rispetto degli organismi utili presenti nel vigneto, Movento 48 SC garantisce una protezione ottimale e duratura delle tue uve, contribuendo ad ottenere una produzione finale di qualità, in linea con gli standard richiesti dal mercato. Inoltre, grazie al suo profilo residuale estremamente favorevole, Movento 48 SC ti garantisce la tranquillità di conferire al mercato un prodotto in linea con le esigenze della G.D.O.


Sommario AGRICOLTURA

14 IMU: MARINI

20

Restituire i 45 mln degli agricoltori vitivinicoltura: Vendemmia verde 2012-2013 opportunità finanziamenti: Rivolti alle aziende agricole

14

AGROALIMENTARE

turismo rurale

12 sic murgia dei trulli:

12

salute

Progetto di filiera corta al 2° anno

21 tassa rifiuti:

Solo cambio di sigla

Per il secondo anno consecutivo

23 monopoli bandiera blu:

23

formazione

36 time for talent:

Continuano i workshop di AIESEC

17 insufficienza cardiaca:

10 ciliegia delle terre di bari: 28

Escursioni in territorio di Monopoli

ambiente

Un’acino d’uva per contrastarla obesità: Corsi di formazione

36

mondo g.a.l.

10

26 gal sud est barese:

31 radici del sud:

Il progetto Natural Mete

27 gal ponte lama:

Con le scuole per l’educazione alimentare

Festival dei vitigni autoctoni

28

economia

31 N°9 - 15 MAGGIO 2013

19 crisi:

24

Gli italiani tagliano il pesce i giovani e la crisi: ”L’Italia è il futuro”

26 5


I NUTRIENTI SPAA - Prove in campo 2012

POMODORO DA MENSA SUPERAMENTO Estratto CRISI DI TRAPIANTO INTRODUZIONE L’areale nord Pescara ha evidenziato nel corso della primavera 2012 notevoli criticità per quanto riguarda l’attività di trapianto e primo colturamento degli ortaggi in quanto l’andamento climatico dei mesi di marzo aprile e maggio è stato fortemente atipico e i dati pluviometrici e termici si sono decisamente discostati dalle medie decennali. Al mese di marzo caratterizzato da bassissime precipitazioni e temperature insolitamente alte è seguito il mese di aprile caratterizzato da ben 11 eventi temporaleschi ed il mese di maggio anch’esso caratterizzato da 10 eventi piovosi e temperature decisamente basse (t media al 14/05 di 12°c e al 23/05 di 15°c). FINALITà DELLA PROVA Si è voluto saggiare l’attività di supporti nutrizionali SPAAgro, in un quadro agrometereologico quanto mai penalizzante, articolati in interventi volti a limitare le accresciute negatività dell’annata. Le finalità tecniche perseguite sono state principalmente: • Favorire l’espansione dell’apparato radicale, penalizzato da terreni asfittici e freddi, con interventi molto precoci (pre-post trapianto); • favorire l’emissione di foglie vere ed i fenomeni di sintesi clorofilliana penalizzata dalla scarsa insolazione e dalla bassa somma termica del periodo; • favorire lo sviluppo vegetativo del primo palco produttivo, l’emissione e successiva allegagione dei primi fiori.

6

SCHEMA DELLA PROVA La prova si è svolta nel Comune di CittàSant’Angelo PE lungo la vallata del fiume Fino su terreno argilloso-calcareo mediamente sciolto. L’appezzamento di circa 2.000 mq di superficie è stato diviso in tre parcelle: 1. A SPAAgro (1.200 mq) in cui si sono effettuati il trattamento di pretrapianto su piantine ancora in alveolato di polistirolo (saturazione per immersione del terriccio avvolgente le radichette + irrorazione foglioline), trattamento in drip al terreno subito dopo il trapianto, trattamento al verde e radicale in drip all’emissione delle foglie vere, trattamento in verde al completamento degli assi vegetativi del primo palco; 2. B SPAAgro (una fila tra A e C) dove sono stati effettuati i soli trattamenti al verde ed in drip all’emissione delle foglie vere ed al completamento degli assi vegetativi del primo palco, con gli stessi prodotti della tesi A Spaagro. 3. C confronto aziendale (800 mq) dove sono stati effettuati i soli trattamenti al verde ed in drip all’emissione delle foglie vere ed al completamento degli assi vegetativi del primo palco con quanto previsto dal protocollo normalmente seguito dall’azienda. Tale suddivisione è stata dettata dalle possibilità di partizione che la struttura dalla rete di irrigazione in drip presentava sul terreno. Le piantine di pomodoro sono state messe a dimora il 28 di aprile. Lo schema degli interventi, i formulati somministrati, le dosi impiegate e le epoche di intervento sono riportate in tabella 1.

www.foglie.tv


Tabella 1 RISULTATI La coltura di pomodoro, pur subendo un andamento stagionale penalizzante, nel mese di maggio ha mantenuto un accrescimento abbastanza contenuto ma regolare per poi decisamente svilupparsi nel mese di giugno che è stato molto favorevole alla coltura. Al primo rilievo effettuato al 23/06/2012 la situazione risultava essere: 1. Tesi A SPAAgro: le piante apparivano in ottima attività vegetativa, l’altezza delle stesse appariva maggiore di circa 20 cm rispetto alle piante della tesi B e di circa 35 cm rispetto alle piante della tesi C. (FOTO 1). Gli assi vegetativi del primo palco apparivano decisamente robusti con un discreto numero di fiori più o meno allegati; N°9 - 15 MAGGIO 2013

2. Tesi B SPPAgro: le piante apparivano in buona attività vegetativa anche se minore rispetto alla tesi A. Gli assi vegetativi del primo palco apparivano robusti con un numero di fiori quasi completo: 3. Tesi C aziendale: le piante apparivano con un’attività vegetativa leggermente sotto la media e comunque decisamente inferiore alla tesi A. Gli assi vegetativi del primo palco apparivano sufficientemente robusti ma con un numero di fiori decisamente carente.

7


I rilievi di produttività del primo palco fiorale sono stati effettuati al 30/06/2012 per dare modo alle bacche di svilupparsi. A tale data la situazione era la seguente (FOTO 2) 1. Tesi A SPAAgro: le piante apparivano in ottima attività vegetativa , l’allegagione dei fiori del primo palco molto buona con frutti numerosi e ben sviluppati. (FOTO 3) 2. Tesi B SPPAgro: le piante apparivano in ottima attività vegetativa pari alle piante della tesi A; buona l’allegagione dei fiori del primo palco con frutti ben sviluppati ma sotto la media come numero. (FOTO 4) 3. Tesi C aziendale: le piante apparivano con un’attività vegetativa media e comunque inferiore alla tesi A. Buona l’allegagione dei fiori del primo palco ma bacche in numero decisamente carente anche se ben sviluppate. (FOTO 5)

8

www.foglie.tv


Il rilievo ponderale del peso delle bacche del primo palco, effettuato a campione rispetto alla media della popolazione di piante rilevate, ha evidenziato uno scostamento positivo della tesi A di oltre il 28%; la tesi B si è tenuta sulla media mentre la tesi C si è scostata in negativo del 32 %. TABELLA 1

CONSIDERAZIONI Le risultanze messe in evidenza dalla prova portano a dedurre che in condizioni critiche di trapianto sono di capitale importanza interventi molto precoci che devono tendere a preservare e ad incrementare lo sviluppo dell’apparato radicale. Ricordiamo infatti che la sintesi delle citochinine avviene nel nucleo del meristema apicale della radice e le stesse vengono trasportate nella sezioni epigea della pianta per via xilematica. Il rapporto ormonale auxine/citochinine, inoltre, regola la morfogenesi dei tessuti e l’equilibrio funzionale tra apparato ipogeo di assunzione dei nutrienti e apparato fotosintetico aereo. L’anticipo degli interventi ha come principale effetto non solo un migliore sviluppo vegetativo della pianta, che con il tempo in ogni caso tende a recuperare il gap di partenza, ma sopratutto un’ immediata migliore induzione fiorale già evidente sul primo palco fruttifero, sintomo di un precoce recuperato equilibrio del sistema vegeto-produttivo. Se tale azione biologica viene completata dal successivo impiego sul verde di prodotti ad azione biopromuovente/allegante sembra possibile raggiungere produzioni accettabili anche in annate con inizio decisamente sfavorevole. Infine decisivo

sembra l’utilizzo per via radicale, in sostituzione di un azotato chimico ureico, di un fosfito di potassio somministrato allo stadio di emissione delle foglie vere, che ha sicuramente energizzato il sistema di assorbimento ed incrementato le correnti linfatiche ascensionali, e con esse il contenuto di citochinine dell’apparato aereo, senza creare eccessi di vigoria e conseguenti maggiori sensibilità a patologie biotiche e abiotiche. CONCLUSIONI La tecnica di supporto su colture in stato di stress con formulati ad azione biopromuovente sotto il profilo dell’attività enzimatica (protiram 5 bio), del metabolismo energetico (fosfito-pro) e della sintesi proteica (zolfo-pro) se debitamente formulati con una fonte di amminoacidi ad alto significato biologico (precursori di vitamine e ormoni vegetali) appare molto interessante. La conseguente azione fitostimolante può precocemente generare un ciclo metabolico “virtuoso” con tangibili riscontri sui livelli produttivi finali. Di capitale importanza, a nostro avviso, sostenere le piantine a livello radicale molto precocemente in fase di pretrapianto (anche in vivaio) e immediatamente dopo la messa a dimora. SPAAgro - Dott. Agronomo Romano d’AMARIO

Ufficio Marketing 338.61.70.033 Raffaele Moliterni 347.12.26.637 N°9 - 15 MAGGIO 2013

9


A

groalimentare

10

www.foglie.tv


N째9 - 15 MAGGIO 2013

11


T

urismo Rurale

Si parte con le escursioni in territorio di Monopoli

Sentieri panoramici del SIC Murgia dei Trulli

I

di Paola Dileo

l SIC “Murgia dei Trulli” attira i primi visitatori. Il 1° maggio scorso un gruppo di escursionisti ha scelto i sentieri panoramici della campagna monopolitana per una passeggiata “verde” tra gli ulivi secolari, i muretti a secco e la lussureggiante macchia mediterranea. Prescelto come itinerario il percorso n. 2, di due km circa, che collega le contrade Mammut (alle pendici della scarpata calcarea) e Impalata (in collina), qui sono state recuperate le auto per raggiungere il belvedere della “Loggia di Pilato” e quindi l’area di sosta n.10 in contrada Tortorella per la degustazione dei prodotti tipici. Una prima risposta agli interventi di conservazione che la Regione Puglia ha realizzato attraverso il PO FESR 2007-2013, in particolare con la Linea d’intervento 4.4.3 “Attrattori culturali, naturali e turismo”, opere ecosostenibili per la valorizzazione delle peculiarità territoriali del SIC

12

www.foglie.tv


“Murgia dei Trulli” che comprende i comuni di Monopoli (capofila), Castellana Grotte, Alberobello, Fasano, Locorotondo. La fruizione degli aspetti naturalistici, storici e culturali prevede: la partecipazione delle comunità locali; la conoscenza delle esigenze ecologiche e dei processi di salvaguardia dell’ambiente naturale; la creazione di percorsi sentieristici; la gestione conservativa attiva del territorio e del suo paesaggio; l’educazione ambientale; la conoscenza e la divulgazione dei prodotti tipici; “Questa uscita sperimentale, organizzata con il Centro Turistico Giovanile “Egnazia” di Monopoli, rappresenta la sintesi auspicata, perché in grado di coniugare i percorsi a valenza naturalistica e culturale con le migliori offerte dei prodotti tipici e stagionali – spiega Paolo Leoci, consigliere delegato allo Sviluppo Rurale e al SIC per il Comune di Monopoli, anche promotore dell’iniziativa –“. Una formula che ha raccolto già i primi consensi, “sempre per questo mese è previsto l’arrivo a Monopoli di una comunità di Genzano di Lucania. Dopo un breve tour nel centro urbano, ci sposteremo nell’agro per una distensiva camminata tra i sentieri panoramici degli ulivi secolari in contrada Mammut”. Di rito una sosta alle aree attrezzate per la

N°7 - 15 aprile 2013

degustazione dei tipici di alta qualità nostrani e lucani “non mancheranno – anticipa Leoci- il pane di Genzano di Lucania, il vino Aglianico del Vulture , fave e piselli freschi locali, friselle al pomodoro con olio extravergine, olive denocciolate, mozzarelle prodotte

con il sistema del siero innesto e altro. Il tutto per favorire anche lo scambio enogastronomico tra le due comunità. Queste iniziative dimostrano che la destagionalizzazione turistica è possibile – conclude -.

13


A

gricoltura

imu: marini restituire i 45 mln pagati in più da agricoltori

I

n attesa che si proceda ad una revisione complessiva dell’imposta municipale unica è almeno necessario che lo Stato rispetti l’impegno sancito per legge a restituire i 45 milioni di extragettito pagati in più dagli agricoltori lo scorso anno, come previsto dal decreto legge 6 dicembre 2011, n. 201”, afferma il Presidente della Coldiretti Sergio Marini. “Se non si interverrà adeguatamente - fa notare il Presidente - le imprese agricole saranno costrette ingiustamente a versare a giugno una rata ancora ‘gonfiata’ pari a 346 milioni tra terreni e fabbricati strumentali. Una situazione inaccettabile in un paese civile, alla quale ci auguriamo venga al più presto posto rimedio”, conclude Marini.

Agrinsieme, all’agricoltura vanno restituiti come minimo 160 milioni di euro

L

’imu sui terreni agricoli e sui fabbricati rurali va abolita. E per il 2012 vanno restituiti come minimo 160 milioni di euro pagati in più rispetto alla ‘soglia’ concordata con il Governo” in attuazione della “cosiddetta ‘clausola di salvaguardia’, contenuta in un’apposita legge, che prevede, appunto, la restituzione dell’extragettito”. Lo afferma Agrinsieme, il coordinamento costituito da Cia-Confederazione Italiana Agricoltori, Confagricoltura e Alleanza delle Cooperative italiane. “In attesa delle decisioni che il Governo andrà a prendere nei prossimi giorni sull’imu - sottolinea l’organizzazione - Agrinsieme, preoccupato per le gravi difficoltà che condizionano il settore agricolo sempre più oberato dai costi e da un’asfissiante burocrazia, chiede la sospensione della rata di giugno, al fine di non aggravare ulteriormente gli

14

imprenditori agricoli di un’imposta iniqua che va colpire beni produttivi indispensabili per il lavoro”. “E’ urgente risolvere, con la totale abolizione dell’imu agricola, una situazione non più accettabile che crea pesanti problemi alla gestione aziendale, con forti ostacoli alla crescita e alla competitività”, conclude Agrinsieme. www.foglie.tv


N째6 - 1 aprile 2013

15


16 www.foglie.tv


S Un acino d’uva per contrastare l’insufficienza cardiaca alute

I

l segreto per agire in modo efficace e naturale contro l’insufficienza cardiaca, associata alla pressione arteriosa alta, pare sia racchiuso in un acino d’uva. L’ipertensione e le sue implicazioni interessano circa 1 miliardo di persone al mondo. Questa patologia, come risaputo, è tra l’altro l’anticamera di ictus, infarto e altri problemi cardiaci. Ora, i ricercatori dell’Università del Michigan Health System hanno dimostrato in uno studio pubblicato sul Journal of Nutritional Biochemistry e sovvenzionato dal National Institutes of Health (NIH), che l’uva è una naturale fonte di antiossidanti – come i polifenoli – che sono i responsabili dei benefici apportati al cuore e al sistema cardiaco. Queste sostanze, secondo lo studio, influenzano l’attività dei geni e i percorsi metabolici che migliorano i livelli di glutatione (o GSH), il più abbondante tripeptide o antiossidante cellulare presente nel

cuore. I soggetti analizzati nel corso della ricerca sono stati alimentati per 18 settimane con una dieta arricchita di acini d’uva, dopo di che sono stati osservati gli effetti sul cuore. I risultati hanno mostrato che il consumo d’uva ha promosso la riduzione del volume, o ispessimento del cuore, la riduzione della fibrosi e migliorato la funzione diastolica del cuore (ossia la fase di espansione del muscolo). Il meccanismo d’azione dell’uva è stato individuato proprio nello sviluppo dell’attività di difesa antiossidante da parte dei geni che aumentano la produzione di glutatione. “Le conoscenze acquisite con il nostro studio, tra cui la possibilità dell’uva di influenzare diversi percorsi genetici relativi alla difesa antiossidante – ha spiegato il dottor E. Mitchell Seymour, autore principale dello studio – forniscono ulteriori prove del fatto che

l’uva, e i suoi effetti benefici, lavorano su più livelli”.


18

www.foglie.tv


E

conomia

Crisi costringe gli italiani a “tagliare” il pesce

N

el 2013 il pesce fresco scompare dalle tavole degli italiani, con un calo delle quantità acquistate che raggiunge il 15% per i calamari e il 14% per le alici, ma riduzioni si registrano anche per i polpi (-10%), le trote (-9%), le cozze (-6%) i merluzzi (-4%), mentre a crescere sono solo le triglie (+6%)”, sottolinea Coldiretti Impresa-Pesca, rendendo noti i risultati di proprie analisi su dati Ismea, diffuse in occasione di “Slow Fish”. “Ad essere danneggiati non sono soli i consumatori - sostiene Coldiretti Impresa-Pesca - ma anche i pescatori italiani, che oltre alla riduzione degli acquisti devono affrontare il ritardo di oltre quattro mesi nei pagamenti dei fondi alle imprese di pesca che hanno effettuato il fermo biologico nel 2012. Il problema di questi debiti dello stato, che rischia di affondare la flotta italiana, si somma a quello della man-

N°8 - 1 MAGGIO 2013

Foggia: a Manfredonia apre sportello di impresa pesca

è cata erogazione della cassa integrazione straordinaria (cig) ai marinai imbarcati sui pescherecci che hanno rispettato lo stop alle attività di pesca nell’estate scorsa”, aggiunge la Confederazione.

attivo a Manfredonia, nell’ufficio di zona della Coldiretti di Foggia, uno sportello di impresa pesca per assistere le imprese per tutto ciò che afferisce alle problematiche di natura fiscale, tributaria, previdenziale e del lavoro, nonché in materia di accesso al credito e finanziamenti pubblici.

19


A

gricoltura

Vitivinicoltura

Disposizioni e contributi regionali per la vendemmia verde 2012/2013

C

on la determinazione n. 211/2013 del dirigente del Servizio Agricoltura sono approvate le disposizioni regionali per l’applicazione della misura della vendemmia verde, relativamente alla campagna 20122013. Il termine ultimo per il rilascio telematico sul portale SIAN della domanda di aiuto è fissato al 29 maggio 2013. Per vendemmia verde si intende l’eliminazione dei grappoli non ancora giunti a maturazione, riducendo a zero la resa della relativa unità vitata. Il sostegno, che consente di avvalersi di contributi comunitari, ha l’obiettivo di contribuire a ripristinare l’equili-

brio tra domanda e offerta del mercato vitivinicolo nella Comunità per evitare crisi di mercato ed accrescere il prodotto commerciabile. Possono accedere ai benefici gli imprenditori agricoli singoli e associati e organismi esercitanti attività agricola, che rispondono ai requisiti normativi e tecnici indicati nell’avviso. La copia cartacea della domanda di aiuto rilasciata nel portale SIAN entro il 29 maggio 2013, sottoscritta dal richiedente e corredata della documentazione prevista dall’avviso, deve essere contenuta in plico chiuso sul quale deve essere apposta, oltre all’indicazione del mittente, completa dei recapiti

Opportunità di finanziamento per le aziende agricole

I

mportante appuntamento giovedì 23 Maggio presso il Museo Diocesano di Trani (nei pressi della Cattedrale), dove si terrà l’incontro di presentazione ufficiale dei dieci Bandi del GAL Ponte Lama. La realizzazione dell’evento parte dall’esigenza di far conoscere al territorio le opportunità di finanziamento del Fondo Europeo Agricolo per lo sviluppo rurale, che il Gruppo di Azione Locale di Bisceglie e Trani offre a soggetti pubblici e privati. Durante l’incontro saranno presentati una serie di Bandi che finanzieranno in modo trasversale diversi settori: Agriturismi, Masserie Didattiche, Masserie sociali, Artigianato locale, Commercio Prodotti tipici, Servizi ricreativi, Offerta Turistica, Affittacamere, Servizi alla popolazione locale, Patrimonio rurale. Con la pubblicazione collettiva di questi bandi, il GAL Ponte Lama intende offrire un’occasione unica per dare slancio ai territori di Bisceglie e Trani, ripartendo dalle ricchezze che già possiede e creando nuovo reddito e

20

telefonici e fax, la seguente dicitura: “O.C.M. vino - Domanda VENDEMMIA VERDE - Reg. (CE) 1234/2007 e s.m.i. - Annualità 2012/2013”. Il plico deve pervenire perentoriamente al Servizio Agricoltura - Ufficio Produzioni Arboree ed Erbacee, Lungomare N. Sauro 45 - Bari, entro le ore 13,00 del 31 maggio 2013, pena l’irricevibilità dello stesso e l’esclusione degli aiuti. Responsabile del procedimento è l’Ufficio Produzioni Arboree ed Erbacee del Servizio Agricoltura, a cui compete di espletare l’istruttoria delle domande di aiuto e di formulare la graduatoria regionale di ammissibilità agli aiuti sulla base delle risultanze istruttorie. Le risorse finanziarie assegnate alla Regione Puglia per la realizzazione dei progetti della misura “Vendemmia Verde” saranno erogate direttamente da AGEA (Organismo Pagatore Nazionale).

Mostra Bovina Interregionale

Il successo dei soci di Confagricoltura Bari

B nuovi sbocchi occupazionali. A fare gli onori di casa il sindaco di Trani, Nicola luigi Riserbato, seguito poi dagli interventi di Antonio Piazzolla, neo presidente del consiglio di amministrazione del GAL Ponte Lama e del Direttore Tecnico, Gianni Porcelli, che illustrerà gli aspetti tecnici delle Misure di finanziamento già aperte o di prossima apertura. Durante l’incontro lo staff del GAL Ponte Lama fornirà agli intervenuti informazioni e materiale divulgativo relativo a tutti i bandi.

rillanti affermazioni degli allevatori soci di Confagricoltura Bari alla recente Mostra Bovina Interregionale del Centro Sud che si è svolta a Noci. Riconoscimenti tanto più significativi se si considera l’importanza qualitativa della rassegna nocese e il gran numero di soggetti rappresentati provenienti da diverse regioni. Per la razza Bruna, campionessa assoluta è risultata, per la categoria “vacche”, un soggetto dell’azienda Petruzzi di Iaia Maria di Monopoli, cui sono andati anche i riconoscimenti per la categoria “vacche in lattazione” e il premio di primo espositore. Per la razza Frisona, categorie manze e giovenche, vincitori capi dell’ allevamento di Sebastiano Delfine di Putignano. www.foglie.tv


A

mbiente

La qualità del servizio resta deprecabile

TARSU, TIA, TARES: solo cambio di sigla per la tassa sui rifiuti

I

n attesa della sbandierata TARES che si anticipa come l’ennesimo salasso per le famiglie italiane, non possiamo ignorare i rincari delle tariffe negli ultimi 5 anni e per un servizio non ancora conforme alla normativa UE (1999/31/CE) basato, sostanzialmente, sul conferimento in discarica e non sul riciclo dei rifiuti. Il nostro Paese continua a disattendere le prescrizioni comunitarie in materia e, a suo carico, sono state avviate numerose procedure d’infrazione. I dati forniti dall’Osservatorio di Cittadinanza Attiva evidenziano una gestione irrazionale dei rifiuti, a danno dell’ambiente, dei contribuenti e dell’economia nazionale. Negli ultimi 5 anni le tariffe TARSU sono come impazzite: pressoché raddoppiate a Salerno (+98%), a Reggio Calabria (+96%), schizzate anche a Napoli (+87%), Bari (+63,5%), Trapani (+55%), Roma (+53%), Avellino (+51%). Nel 2012 il record si è registrato a Bari, dove la TARSU è aumentata del 30% rispetto al 2011, seguita da Messina (+22%) e Firenze (+21%). Ma è a Napoli che si registra la spesa più alta per lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani pari a 529€ (importo medio annuo). Tra i 10 capoluoghi con le tariffe più alte solo tre non sono del meridione: Roma (378€), Carrara e Venezia (346€). La media più alta si conferma in Campania, mentre la più bassa è in Molise (154€). Il servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti nel nostro Paese presenta profonde differenze fra le varie regioni, ma anche al loro interno: il Sud ne produce meno ma sono maggiori i costi in bolletta (mediamente si spendono sulle 270 €, segue il Centro con 255€ e il Nord con 234€). È però il Centro a produrre più quantità di rifiuti (613 kg pro capite) seguito dal Nord (533 kg) e dal Sud (495 kg). Mentre la raccolta differenziata risulta essere largamente praticata al Nord: le regioni settentrionali sono nettamente avanti (49%), sostanzialmente in linea con l’obiettivo di legge, rispetto al Centro (27%) e al Sud (fermo al 21%). In ItaN°9 - 15 MAGGIO 2013

di Paola Dileo

lia solo il 34% dei rifiuti urbani viene recuperato, rispetto alla media europea del 40%; fanalino di coda con il nostro Paese solo il Portogallo (19%) e la Grecia (18%). La metà dei rifiuti prodotti finisce in discarica (15 milioni di tonnellate ogni anno), mentre in Europa viene in media stipato solo il 38% dei rifiuti. A contendersi il primato europeo nella corretta gestione dei rifiuti sono Austria, Germania, Belgio, Olanda che recuperano oltre il 60% della materia prima, con un conferimento in discarica pressoché nullo. Non puntare sul riciclo si traduce non solo in maggiori costi ambientali e gestionali, perdita di competitività, ma anche in multe a carico degli stati membri UE trasgressori. Se da un lato l’Italia continua a distinguersi negativamente in Europa in tema rifiuti, dall’altro può vantare sull’intero territorio nazionale, senza differenza di latitudine, un ricco repertorio – sempre in crescita – di comuni virtuosi che hanno fatto della sostenibilità ambientale un motore di sviluppo locale. Comuni che armati di buon senso, hanno conseguito risul-

tati concreti nella gestione integrata dei rifiuti e non solo. Perché nelle politiche locali si persegue una strategia d’insieme improntata all’ecologia privilegiando la raccolta differenziata e la riduzione dei rifiuti; l’efficienza e l’indipendenza energetica; la riqualificazione di aree dismesse; cementificazione zero; criteri di bioedilizia nel regolamento comunale; mense scolastiche ecosostenibili (filiera corta e prodotti biologici); acquisti etici (case dell’acqua, sporte riutilizzabili, prodotti sfusi, pannolini lavabili, mercati contadini, autoproduzioni), mobilità sostenibile (trasporto pubblico integrato, car-sharing, car-pooling ecc.); turismo e ospitalità sostenibile; processi per stimolare la partecipazione attiva. L’elenco potrebbe continuare. Nuovi stili di vita, scelte di sobrietà che hanno conquistato già diversi comuni italiani (www.comunivirtuosi. org), pronti a dimostrare che le buone prassi ci sono e, soprattutto, sono esportabili.

21


S

peciale

Vinitaly Le xxxxxxxxtico

èxxxxxxxxxxo

I

xxxxx

al comune di monopoli

22

www.foglie.tv


A

mbiente

Il riconoscimento arriva per il secondo anno consecutivo

Monopoli fa il bis con la Bandiera Blu

A

nche per l’anno 2013 il Comune di Monopoli ha ricevuto la Bandiera Blu, il prestigioso riconoscimento della FEE (Foundation for Environmental Education) giunto alla 27esima edizione. L’assegnazione è stata annunciata nell’ambito della cerimonia svoltasi questa mattina presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri di Roma. La Puglia si è attestata al quinto posto in classifica riconfermando le 10 Bandiere Blu tra cui Monopoli. “Un risultato importante che premia ed incoraggia il lavoro fatto sinora per la nostra città, non solo sul fronte della balneabilità delle acque, ma anche su quello dei servizi, dell’accoglienza e dell’ambiente”. Così ha commentato il prestigioso vessillo, Emilio Romani, Sindaco dell’amministrazione uscente nonché candidato Sindaco per le prossime amministrati-

C

S

r

i

ve 2013. “Questo riconoscimento, che proietta la nostra meravigliosa terra sulla scena nazionale, rappresenta uno stimolo a fare sempre di più e meglio per valorizzare la risorsa mare che rende unica la nostra Città. L’assegnazione della bandiera blu è un’ulteriore conferma di come la nostra amministrazione abbia lavorato in un’ottica di complessiva crescita del territorio. Un esempio di come Monopoli possa recitare un ruolo importante nel panorama regionale e nazionale, puntando, anche in un periodo di

x

x

x

crisi economica, su qualità, impegno comune e rispetto dell’ambiente”. Sono state premiate infatti le località le cui acque di balneazione sono risultate eccellenti così come stabilito dalle analisi dell’Arpa. Molto rilievo è stato dato alle attività di educazione ambientale e gestione del territorio messe in atto dalle Amministrazioni Comunali a tutela dell’ambiente e nella promozione di un turismo sostenibile (cura dell’arredo urbano e delle spiagge e miglioramento degli accessi al mare).

x

x

t

di Anxxxxxxxta

xxxxxxxxxxxxx

N°9 - 15 MAGGIO 2013

23


E “I giovani e la crisi” conomia

All’Assemblea dei giovani Coldiretti

A

ll’Auditorium della musica di Roma, sala Sinopoli, si è svolta l’Assemblea di Coldiretti Giovani Impresa dal titolo: “L’Italia è il futuro”. Oltre duemila giovani provenienti da tutte le Regioni che hanno deciso di costruire il loro futuro in Italia, nonostante le grandi difficoltà, hanno partecipato all’appuntamento insieme al Presidente della Coldiretti Sergio Marini, al Delegato Coldiretti Giovani Impresa Vittorio Sangiorgio, al più giovane Ministro del Governo Nunzia De Girolamo (Ministro delle Politiche Agricole) e ad altri esponenti dell’Esecutivo e rappresentanti delle forze politiche, sociali ed economiche. Nell’occasione presentata la prima Indagine Coldiretti/Swg su “I giovani italiani e la crisi” che scatta la cruda fotografia di come i giovani

24

riescono a sopravvivere con la disoccupazione record, dei compromessi a cui devono sottostare, del sentimento patriottico, del confronto con i genitori, delle passioni, capacità, aspirazioni e dei sogni, ma anche le proposte concrete per favorire il ricambio generazionale e il lavoro delle nuove generazioni, che è stato indicato come priorità dal Governo. Un quadro impietoso che non frena tuttavia l’entusiasmo di tanti giovani che non si sono arresi alla crisi ed alla disoccupazione ed hanno scelto di impegnarsi in un’attività concreta, che offre tanto spazio alla creatività. Lo dimostrano le molte esperienze curiose ed innovative realizzate da giovani agricoltori che sono state presentate all’Auditorium con dimostrazioni pratiche nell’ambito dell’“Open Space sull’ingegno contadino” con le idee

brillanti che battono la crisi. Per verificare se il profondo rinnovamento che si è avuto nel Parlamento e nel Governo (che sarà messo a confronto con il livello europeo) ha interessato anche gli altri ambiti nell’ultimo anno presentato il secondo Report sull’età media della classe dirigente italiana nei diversi settori, dalla politica all’economia, dall’Università al Pubblico Impiego, fino alle forze sociali, realizzato dai giovani della Coldiretti in collaborazione con l’Università degli Studi della Calabria.

www.foglie.tv


Conxxxxxxxde

Sxxxxxxxxa

P

xxxxxxx

La consegna del Premio al Senatore Dario Stefàno

Il vaxxxxxxvolte

Raxxxxxxxxxxvi

L

N°8 - 1 MAGGIO 2013

xxxx

25


M

ondo

G.A.L.

Intanto proseguono gli incontri con le scuole alla scoperta del territorio

“Natural mete” itinerari nel sud est barese

M

obilità sostenibile, turismo, ambiente, educazione alimentare, i temi al centro dell’attività del GAL negli ultimi mesi. Lo scorso 8 maggio è stato presentato alla stampa il progetto “Natural- mete nel Sud Est Barese”: itinerari slow e turismo sostenibile per valorizzare il territorio. Nell’incontro organizzato in occasione della sesta tappa del Giro d’Italia partita da Mola di Bari, sono intervenuti oltre al presidente del GAL Pasquale Redavid e al direttore Arcangelo Cirone, il Sindaco di Mola di Bari Stefano Diperna e l’Assessore alla cultura Vito Carbonara che hanno espresso grande soddisfazione per l’attenzione crescente a questi temi sia da parte delle istituzioni che della popolazione. Il Giro d’Italia è stato quindi non solo un grande evento sportivo, ma anche l’input per sensibilizzare il territorio sulla mobilità sostenibile e sulle potenzialità di un turismo rispettoso dell’ambiente. I referenti tecnici del progetto del GAL, Vito Santamaria e Leonardo Lorusso, hanno poi illustrato gli itinerari in fase di individuazione che toccano alcune delle zone più affascinanti della fascia premurgiana a sud di Bari.

26

di Maria Fortino

In occasione della 6a tappa del Giro d’Italia è stato presentato alla stampa il progetto sugli itinerari a cura dei tecnici del GAL, mentre insieme alle scuole già si viaggia alla scoperta del territorio.

A questo progetto sono destinati circa 800.000 Euro con i quali saranno ripristinati una parte dei sentieri e adeguate alcune strutture che fungeranno da infopoint individuate di concerto con le amministrazioni dei sei comuni del territorio. Nell’ottica di un lavoro sinergico con il territorio e le istituzioni, anche il progetto “La scuola incontra il G.A.L.”, opera di pari passo con gli altri interventi come, tra gli altri, il finanziamento di agriturismi e masserie didattiche, la realizzazione di percorsi escursionistici e di centri visita, la promozione della filiera corta e la valorizzazione del prodotto tipico locale anche attraverso la partecipazione a fiere nazionali ed internazionali che portino fuori dal territorio la conoscenza dei valori e dei sapori della nostra terra. Il progetto, già sperimentato nell’anno accademico 20112012, vede quest’anno coinvolte 12 scuole per un totale di 600 alunni, che durante il mese visiteranno le masserie didattiche del territorio: Masserie Minoia, Masseria Montepaolo e Masseria dei Monelli a Conversano e Masseria www.foglie.tv


Lama San Giorgio a Rutigliano. Le scuole che hanno aderito al progetto sono per Mola di Bari la scuola primaria “S. Giuseppe” e la scuola secondaria di 1° “Alighieri – Tanzi”; per Casamassima la Scuola Secondaria di 1° “Dante Alighieri” e la primaria “G. Marconi”; a Conversano le scuole primarie “Falcone” e “Via Firenze”; a Rutigliano la primaria “Settanni” e la Scuola Secondaria di 1° “A. Manzoni”; le scuole primarie “F. Caporizzi/Collodi” e “De Amicis” di Acquaviva delle Fonti; a Noicattaro l’Istituto comprensivo statale “Pascoli-Parchitello” e la primaria “De Gasperi”. I percorsi individuati sono due, uno di valorizzazione del territorio: “Conoscere il nostro Territorio” con visite focalizzate sul patrimonio naturalistico, paesaggistico e storico-culturale, con particolare riferimento agli ambiti rurali. L’altro è dedicato alla “Dieta mediterranea” che intende educare e sensibilizzare sulle tematiche inerenti la dieta mediterranea, patrimonio UNESCO, i suoi aspetti salutistici e il legame con la realtà produttiva locale e gli aspetti legati alla stagionalità dei prodotti.

Proseguono anche le attività legate ai bandi: è stato infatti riaperto quello relativo alla Misura 323 “Tutela e riqualificazione del patrimonio rurale” che scade il 27 giugno, mentre scade il 31 maggio quello per amministrazioni pubbliche locali : “Servizi essenziali per le popolazioni rurali”. Per ogni ulteriore informazione è possibile consultare il sito del GAL.

La conferenza stampa di presentazione del progetto sugli itinerari

Il GAL Ponte Lama e la scuola R. Monterisi insieme per l’educazione alimentare di Rocco Resta

G

li alunni della Scuola Secondaria di Primo Grado “R. Monterisi” insieme ad alunni e docenti di tre scuole europee (Inglesi, Tedeschi e Austriaci) con le quali è stato realizzato un progetto europeo di scambio, hanno lasciato le loro aule per andare alla scoperta delle campagne biscegliesi. L’iniziativa rientra nel progetto europeo “Comenius” fondato sulla condivisione di corretti stili di vita, alimentazione, esercizio fisico, tempo libero. Sicuri della complicità di una bella giornata di sole, i ragazzi hanno fatto merenda in campagna con le ciliegie di Bisceglie. Quale modo migliore per riscoprire i nostri prodotti, se non incontrandoli nei

N°9 - 15 MAGGIO 2013

luoghi della loro produzione? Trait d’union tra l’azienda agricola che ha ospitato gli alunni e la scuola è il GAL Ponte Lama che ancora una volta sposa i progetti volti all’educazione alimentare a all’interazione con il mondo rurale. In questi giorni sta partendo, infatti, la campagna 2013 “Ciliegie delle Terre di Bari”, un’altra attività di promozione del nostro prodotto di punta che si snoda su tutto il territorio nazionale per promuovere e valorizzare un’eccellenza gastronomica del nostro territorio facendo Guarda il video cultura di prodotto.

27


S

alute

Corso di formazione in nutrizione umana: “dalla clinica alla pratica”

Obesità e malattie cardiometaboliche

S

i è tenuto a Squinzano dal 12 al 16 maggio, presso il Centro Polispecialistico MEDEX, un Convegno medico di alto livello, dal titolo: ” Obesità e malattie cardiometabolitiche. Il Convegno è stato organizzato dalla Dott.ssa Elisa Occhineri, Biologa Nutrizionista e responsabile scientifico. L’evento accreditato al Ministero della Salute, articolato in quattro moduli si è rivolto ai Biologi, ai laureati in Farmacia, Chimica e Tecnologie Farmaceutiche. I laureati in Scienze e Tecnologie alimentari, Agraria, Scienze e Tecnologie Agrarie e Dietistica hanno trovato in questo corso una valida integrazione alle loro conoscenze in campo nutrizionale. Si è tenuto conto delle importanti novità emerse negli ultimi anni con

28

discussioni e confronti su casi concreti e argomenti reali. Quattro giorni, quindi, di condivisione su argomenti quali l’identificazione di patologie complesse che se diagnosticate tempestivamente sono suscettibili di cure specifiche e tempestive. Il corso nasce quindi con l’obiettivo principale di dare, a tutti coloro che vogliono interessarsi di nutrizione umana, un’occasione per rinforzare le loro conoscenze nella gestione integrata dei pazienti che potrebbero presentare dei problemi correlati alle patologie più frequenti e incrementare le capacità di lavoro in un team multidisciplinare. Per facilitare l’approccio oltre alle lezioni frontali usate metodologie diverse come il problem solving e il metaplan che hanno coinvolto in maniera attiva i partecipanti e nella discussione in plenaria si sono potuti

confrontare i gruppi con un più sicuro apprendimento su casi concreti e argomenti reali. I contributi scientifici sono stati trattati da illustri medici del settore: Dott. Quirico Capellini Dott. Alessandro Distante Dott. Marcello Guido Dott. Federico Mello Dott.ssa Elisa Occhineri Dott. Giuseppe Palaia Dott. Sergio Pede La Segreteria scientifica è stata curata da: Dott.ssa Elisa Occhineri Biologa Nutrizionista, Dott. Sergio Pede - Responsabile ambulatorio di cardiologia DSS1 Brindisi Animatori di formazione: Dott.ssa Marina Arnesano Dott.ssa Maria Chiara Bracciale Dott.ssa Laura Poci Direttore dei tutor: Dott. Alfonso Renna

www.foglie.tv


Monopoli città dell’olio


E

conomia

Taxxxxxxxxxle

I

30

Baxxxxxxxxa

xxxxxxxxxxxxx

www.foglie.tv


A

groalimentare

Dal 5 al 10 giugno a Carovigno (Brindisi)

Radici del Sud, il festival dedicato ai vitigni autoctoni del Mezzogiorno

B

en 66 le aziende pugliesi che, da mercoledì 5 a lunedì 10 giugno 2013, nello splendido Resort Masseria Caselli di Carovigno (Brindisi) saranno protagoniste dell’ottava edizione di Radici del Sud, il festival dedicato ai vitigni autoctoni del Mezzogiorno che premia le migliori etichette del meridione. Dal 5 al 10 giugno 18 giudici internazionali e 16 nazionali registreranno le emozioni e i nuovi traguardi raggiunti dalla eccellenza del sud Italia e li faranno rimbalzare in ogni parte del mondo. La richiesta di partecipazione da parte degli addetti ai lavori quest’anno è pervenuta dai più importanti esperti della Germania, Cecoslovacchia, Belgio, Polonia, Russia, U.S.A., Giappone, Norvegia, Danimarca oltre che dall’Italia. Anche quella delle aziende produttrici è cresciuta rispetto alle precedenti edizioni di Radici del Sud, 136 cantine di Puglia, Basilicata, Campania, Calabria e Sicilia per circa 240 etichette parteciperanno al blind tasting più importante del sud Italia sottoponendosi al wine-tasting composta da una giuria nazionale e internazionale. Inoltre numerose saranno le attività collaterali organizzate per far acquisire maggiore familiarità con le realtà territoriali enogastronomiche dove nascono i particolari vini che partecipano a Radici del Sud per poterne comprendere meglio carattere ed essenza ed evidenziarne il profilo storico/culturale di grande impatto. Per quanto riguarda l’export sono in crescita notevole i vini del sud Italia (Puglia, Campania, Basilicata, Calabria e Sicilia) soprattutto nei gusti dei consumatori tedeschi. Nel 2012 le esportazioni generali sono state pari a 164 milioni e 151mila euro. Nel dettaglio, per quanto riguarda i vini pugliesi nel 2012, le esportazioni sono state pari a 121 milioni e N°9 - 15 MAGGIO 2013

550mila euro, con un aumento del 23,7% rispetto al 2011. E addirittura un incremento del 99.5% negli ultimi cinque anni, dal 2007 al 2012. Davvero ricco quindi l’evento in programma per l’ottava edizione di Radici del Sud, volto a promuovere le grandi eccellenze del meridione e permettere al visitatore di passare una giornata d’estate in uno degli angoli più belli della Puglia, a pochi chilometri dal mare.

31


32

www.foglie.tv


N째6 - 1 aprile 2013


M G.A.L. Gxxxxxxa ondo

A

S

x

x

x

x

x

x

i

o

n

e

di Mxxxxxxo

xxxxxxxxxx

Il Presixxxxxxxxxxxe Redavid

D 34

Artxxxxxxxvo xxxxxxxxxxxxxxxx

www.foglie.tv


SIPCAM ITALIA

Presenta nuove soluzioni per il controllo delle mosche dei fruttiferi: La Mosca mediterranea della frutta e la Mosca delle ciliegie sono i principali ditteri tripetidi diffusi nelle aree di coltivazione meridionale. La mosca del ciliegio (Rhagoletis cerasi, L.) è un parassita che vive a spese del ciliegio, generalmente non attacca i frutti di altre colture e compie una sola generazione per anno; la mosca della frutta (Ceratitis capitata, W.), invece, è un parassita polifago che può causare danni notevoli alle produzioni di drupacee (Pesco, Nettarino, Albicocco, Susino), Pomacee, Agrumi, Melograno, Cachi, ecc. La difesa può essere particolarmente difficoltosa soprattutto per la Mosca della frutta che, negli ambienti meridionali, compie diverse generazioni per anno. I danni causati da questi insetti sono spesso devastanti e possono causare notevoli perdite di produzione. La corretta impostazione delle strategie di controllo dei ditteri si basa sul tempestivo impiego di trappole cromotropiche, eventualmente attivate con feromoni, per il monitoraggio della presenza degli insetti adulti. La difesa da questi pericolosi parassiti va avviata in concomitanza con la fase fenologica dell’invaiatura dei frutti e può essere condotta sia contro

N°6 - 1 aprile 2013

gli adulti che contro le larve delle mosche. A partire dall’11 marzo 2013, per il controllo mosca del ciliegio e mosca della frutta su Drupacee e Agrumi, è possibile impiegare EPIK®, a base di acetamiprid (molecola originale Nippon Soda), già registrato sulle colture per il controllo di Afidi, Cimicetta, Aleurodidi, Cicaline, Minatrice fogliare, ecc. La s.a. Acetamiprid (EPIK®), appartiene alla famiglia chimica dei neonicotinoidi, è dotata di citotropicità e buona sistemia, si caratterizza, rispetto ai principali competitor di mercato, per la riconosciuta selettività sui pronubi (Api e Bombi) ed altri insetti utili. Le caratteristiche di Acetamiprid (EPIK®) permettono di impiegare il prodotto sia per il controllo degli adulti che delle larvette dei ditteri, purchè nelle primissime fasi di sviluppo delle stesse. Su Agrumi, Drupacee e Ciliegio, l’intervallo di sicurezza di EPIK® è di 14 giorni, pertanto se ne consiglia l’impiego nel primo intervento a ridosso dell’invaiatura, facendolo seguire, se necessario, dall’impiego di Trebon® up (Etofenprox, della famiglia chimica dei fenossibenzil-eteri), attivo contro gli adulti dei ditteri, con un intervallo di sicurezza più breve (7gg)

35


F

ormazione

AIESEC continua il suo processo di avvicinamento degli studenti alle imprese

C

on il primo evento di apertura del 29 aprile presso la facoltà di Economia il team del ‘’Time for Talent – The Agrifood Challenge’’ ha messo le basi per i sei gruppi di studenti che parteciperanno attivamente al progetto. Ogni gruppo è stato assegnato ad una delle sei aziende collaboratrici, nel corso delle scorse settimane ogni gruppo ha iniziato ad interagire con l’azienda partner e ha costruito un piano di internazionalizzazione a seconda delle esigenze e delle caratteristiche dell’azienda. A coadiuvare il lavoro dei ragazzi ci sono stati i primi tre workshop che hanno consentito agli studenti di avere un concreto aiuto dai relatori che hanno tenuto le conferenze creando momenti di pura interazione e scambio di idee per migliorare le loro strategie. Il primo workshop si è tenuto il 3 maggio presso la facoltà di Agraria ed è stato aperto dal Prof. Bozzo che ha fornito una panoramica generale del sistema agroalimentare pugliese e quindi la SAMER, azienda speciale della camera di commercio, ha illustrato le problematiche dell’analisi del prodotto, e di come potersi approcciare ai processi di analisi chimica per dare il via alla ricezione del prodotto sui mercati nazionali ed internazionali. Il secondo workshop si è tenuto il 09 maggio presso la facoltà di Economia e ha trattato la certificazione dei prodotti. Il tema è stato introdotto dalla Prof Laura Costantino che ha dato informazioni riguardo la legislazione in materia di sicurezza alimentare, a seguire il Dott. Fabio Spilotros, manager di Halal International Authority, ha dato un esempio di certificazione, la certificazione Halal, e quindi ha spiegato le varie tecniche di commercializzazione con l’oriente, giustificando appunto l’importanza della certificazione per l’esportazione. Il terzo workshop si è tenuto il 15 maggio presso l’ex Palazzo delle Poste e ha introdotto e articolato l’ampia

36

tematica della contrattualistica per la commercializzazione con l’estero. L’avvocato Valeria Schiralli, collaboratrice di Eunomia, studio di avvocati per le consulenze aziendali, ha sviluppato il workshop in tre fasi, ha introdotto prima la tematica con nozioni generali riguardo il contratto e il problema della legislazione da applicare, quindi ha analizzato nel concreto alcune clausole di un contratto gentilmente concesso da una delle aziende partner, e quindi ha dato ampio spazio alle domande degli studenti che hanno per ogni caso specifico sollevato diverse questioni risolte dall’ avvocato. Il quarto e ultimo workshop prima della chiusura del progetto si terra il 22 maggio presso la facoltà di Economia e Click on Studio, agenzia di marketing e consulenza per aziende

con Rino Pavone, in collaborazione con Piero Netti di Pensiero Multiplo, sviscereranno la problematica del marketing del prodotto pugliese e di come evidenziare le qualità e il primato qualitativo della produzione della nostra regione dando ampio spazio all’ E-Commerce, tematica che negli ultimi tempi sta prendendo particolarmente piede per i vantaggi del canale diretto che si crea tra produttore e consumatore. Ogni gruppo di studenti sta assiduamente lavorando per darsi un opportunità di crescita e per dare la possibilità alle aziende che commerciano in realtà piccole o grandi che siano di godere della loro intraprendenza e creatività. Ci auguriamo che al termine di questa iniziativa vincano le collaborazioni e le opportunità!

www.foglie.tv


Bxxxxxxxe

CHEMTURA cixxxxxxxxx

N째8 - 1 MAGGIO 2013

37


A è nxxxxx gricoltura

L

38

xxxxxxxx

www.foglie.tv


N째6 - 1 aprile 2013

39


40

www.foglie.tv


A

groalimentare

Olxxxxxxno

L

L’imxxxxxrodi di Nixxxx

xxxxxxxxx

Si xxxlio

G

Al xxxxti di Rxxxxxta

xxxxxxxxxxx

N°8 - 1 MAGGIO 2013

41


A

gricoltura

42

www.foglie.tv


Studio Finagri: professionalità in campo

L

o Studio Finagri offre un servizio di consulenza altamente specializzata nel mondo della finanza agevolata ed all’assistenza alle aziende agricole, individuando la migliore soluzione per le necessità finanziarie dell’impresa, già costituita o da costituire, occupandosi di tutti gli aspetti necessari all’istituzione delle pratiche necessarie per l’ottenimento dei finanziamenti o dei contributi a fondo perduto, nelle varie forme ed intervenendo in tutte le necessità di servizi delle aziende agricole e delle industrie agroalimentari. Lo Studio Finagri, mette le aziende in primo piano, individuando con un certo anticipo le agevolazioni, i contributi e le relative aperture dei bandi, esaminando i dati raccolti nei precedenti colloqui (anche telefonici) con i clienti, approntando quando necessario: • studi di fattibilità economico-finanziari • assistenza tecnica e consulenza • istruttoria dell’Ente preposto

I NOSTRI SERVIZI NELL’AMBITO DELLA CONDIZIONALITA’ Con l’introduzione della condizionalità nel regime di pagamento unico, le aziende agricole hanno avvertito la necessità di adeguarsi alle “nuove condizioni” dettate dalla regolamentazione. Del resto, questi adeguamenti sono stati resi necessari anche dall’incombenza di un abbattimento dei pagamenti diretti per errate procedure nell’ambito del regime di condizionalità. La Finagri srl, attenta ad offrire servizi che rispondessero alle normative cogenti per il settore agricolo, ha aggiornato il proprio staff di esperti per rispondere con professionalità alle nuove esigenze del settore.

Si e formata, così, fin dal 2005, un equipe di professionisti, a valenza multidisciplinare, per poter far fronte alle esigenze della condizionalità offrendo ed operando ad alto livello nei seguenti segmenti di servizi al mondo agricolo: - Gestione delle normative ambientali (habitat, Natura 2000, uccelli selvatici, siti SIC/ZPS, aree naturali protette, parchi) - Valutazione di incidenza ambientale per le aree protette; - Gestione delle normative per la protezione delle acque dagli inquinamenti comprese le procedure per le autorizzazioni a pozzi artesiani ecc.; - Implementazione delle norme per l’utilizzazione dei fanghi di depurazione in agricoltura; - Gestione delle aree vulnerabili ai nitrati; - Organizzazione e gestione di corsi per il conseguimento del patentino per l’acquisto ed utilizzazione dei prodotti fitosanitari; - Assistenza per la normativa sulla gestione dei rifiuti speciali e pericolosi; - Organizzazione di corsi e gestione delle tematiche relative alla sicurezza alimentare; - Assistenza per tutta la tematica relativa alla salute ed al benessere degli animali per le aziende zootecniche; - Implementazione di sistemi di tracciabilità e rintracciabilità; - Tutta l’assistenza per l’implementazione delle norme relative alle buone condizioni agronomiche ed ambientali. Un’esperienza consolidata, uno staff di professionisti di grande livello, una struttura adeguata logisticamente e la certezza di poter rispondere al meglio alle esigenze della condizionalità.

Per la certezza di un risultato

FINAGRI srl

Consulenze tecniche e finanziarie in agricoltura ed agraoindustria Via Piave, 114 - 76011 - Bisceglie - BT - Tel/Fax 080 392 51 83 - e-mail: info@studiofinagri.it N°6 - 1 aprile 2013

www.studiofinagri.it

45 43

www.foglie.tv


T

urismo Rurale

I

44

Il Pxxxxxxrgia

Prxxxxxxxxxura xxxxxxxxx

www.foglie.tv


W

eb

A P x x x x x x x di Paxxxxxx

D

46

xxxxxxxxx

www.foglie.tv


47



FOGLIE n.09/2013