Page 1

15 Novembre 2007 - Anno V - Nr. 46

In questo numero:

Editoriale Editoriale Questo numero del giornalino esce, per questo mese, nel giorno della festa di Madre Morano. Una festa che assume, quest’anno, un significato particolare in quanto ricorre il Centenario della sua morte. Mi piace ricordare, in questa occasione, una frase che Giovanni Paolo II rivolse ai fedeli radunati il 5 novembre 1994, a Catania, per la beatificazione di M.Morano: “Vi sia di incitamento Madre Morano che, animata da profondo anelito di amore e di santità, per anni percorse serena e intrepida le strade della vostra città e della regione”. Un’esortazione a tutti i cristiani e, a noi FMA in particolare, a percorrere le strade del mondo motivate dall’amore e dalla voglia di diventare santi. Oggi si parla di animazione della strada, di incontrare i giovani lì dove vivono, di incrociare le strade degli uomini e delle donne di oggi…peccato che si parli così poco della motivazione che dovrebbe spingerci a fare questo. Una motivazione che non è costituita da “pie devozioni” o da esortazioni al “dover essere” o da “parole moralistiche” ma da uno stile di vita orientato esclusivamente alla santità. Questo significa vivere immersi pienamente nel mondo guardandolo con gli occhi di Dio per trovarvi la Sua Presenza, il suo Respiro, il suo Anelito appassionato per la salvezza della persona umana. Tutto questo richiede, da parte nostra, un continuo plasmarci sulla Sua Parola e non sulle nostre “parole” che, il più delle volte, esprimono un egoismo così profondo da essere “strutturale”; un continuo cercare il Suo Progetto e non a tentatare di orientare la storia con le nostre manipolazioni o strumentalizzazioni. Madre Morano può, sicuramente, darci una mano ad essere realmente “povere” …costi quel che costi!

Parola di…Ispettrice Carissimi, abbiamo appena concluso il Capitolo Ispettoriale che è stato, per tutti, un’esperienza di Spirito Santo. L’approfondimento del tema nelle

Raccontiamoci la vita – 13 Novembre 2007

“Parola di”…ispettrice Microfono a… 9 Capitolo ispettoriale 9 Animatori della comunicazione 9 Cercare la verità 9 Suore navigate su Internet Scrivono dalle comunità… 9 Madre Morano nella sua “terra” 9 Felice evento a San Cataldo 9 Più vita allo sport, più sport alla vita 9 Festa insieme: PGS in piazza 9 Madre Morano ritorna a Modica 9 Un sito web alla scuola animatori Agenda Notizie di famiglia Scrivici comunità ci aveva preparato a tale evento mettendo in risalto l’importanza di vivere, nell’oggi, la profezia della nostra consacrazione: il primato di Dio. Un’affermazione che è, anzitutto, un cammino in cui la mediazione di Maria ai piedi della croce è indispensabile, Lei, Madre e compagna, ci aiuta a crescere nel dono totale e gratuito agli altri. In questo “viaggio” non siamo soli, ma “Comunità Educante”, solo così possiamo essere segni autentici di comunione. Comunità che crescono insieme nella corresponsabilità e nella collaborazione per essere sempre più capaci di offrire ai giovani, lì dove essi vivono, spazi di senso e signficato. Queste convinzioni, continuamente rinnovate e rimotivate, ci aiuteranno a vivere il prossimo Capitolo Generale con un cuore nuovo e con la voglia di rinnovare il nostro essere consacrati a Dio per i giovani Ci sono di esempio i Beati della Famiglia Salesiana: Zefferino Namuncurã e M.Maddalena Morano. Zeffirino seppe riempire di senso cristiano e di vigore "spirituale" le piccole cose, la sua santità semplice ci dimostra che è possibile “puntare in


alto”, vivere la nostra vocazione battesimale e/o di persone consacrate come via sicura di santità. Accanto a lui rifulge un’altra stella nel firmamento della santità salesiana: Madre Maddalena Morano di cui, oggi, ricorre la festa liturgica. Ella che ha scommesso tutta la sua vita sull’educazione e l’evangelizzazione ci incoraggia e ci indica la strada della speranza. Vi saluto, quindi, con le sue stesse parole: “Coraggio sempre… vai avanti e insieme continueremo le meraviglie operate da Dio in noi e nella nostra terra sicula”. E’ questo l’augurio che vi faccio, sentitemi vicina con tanto affetto.

pastorale, andando più vicino ai giovani lì dove si trovano, cioè principalmente sulle strade, nello stile dell’animazione. A conclusione delle giornate capitolari sono state elette come delegate al Capitolo Generale Sr Gina Sanfilippo e Sr Mariella Lo Turco. A presiedere alle Celebrazioni Eucaristiche Don L. Perelli, Ispettore SDB, Don A. Rubino, Vicario ispettoriale SDB, S.E. Mons. C. La Piana, Arcivescovo di Messina, S.E. Mons. P. Vigo, Vescovo della diocesi di Acireale. Barbara Prestianni

“ANIMATORI CULTURA”

Microfono a… CAPITOLO ISPETTORIALE “Chiamate ad essere, oggi, segno ed espressione dell’amore preveniente di Dio” questo il tema principale che ha animato il Capitolo Ispettoriale svoltosi ad Acireale da mercoledì 31 ottobre a domenica 4 novembre. A prendervi parte l’Ispettrice, sr Giuseppina Barbanti, il Consiglio Ispettoriale, le direttrici, le delegate per ogni casa, più altre 26 elette da tutte le comunità, e tutte le suore giovani con voti temporanei. Da più di un anno le comunità si sono preparate all’evento, indetto ogni sei anni, argomentando ed approfondendo la suddetta tematica lanciata dal Consiglio Generalizio. Sono state l’Ispettrice e Sr Aurelia Rossi, madre visitatrice, ad inaugurare l’inizio dei lavori. Infatti la visita della consigliera generale, è coincisa con il Capitolo Ispettoriale. Tre le domande salienti dibattute secondo una prospettiva sociologica, salesiana e biblica, con l’aiuto e l’intervento di relatori laici e non: “perché il tema del CGXXII è importante per noi oggi?” “come esprimiamo nelle comunità educanti l’amore preveniente di Dio, cuore del sistema preventivo?” “dove ci orienta l’amorepreveniente?” Le risposte sono state riassunte nel documento che sarà inviato alla commissione preparatoria del Capitolo Generale e che è stato presentato e approvato sabato 3 novembre. Molteplici i punti contenuti da attenzionare, ma su uno in particolare c’è stato fervente accordo: che bisogna intervenire con più forza a livello

Raccontiamoci la vita - 13 Novembre 2007

DELLA

COMUNICAZIONE

E

DELLA

E’ questo il titolo dell’incontro residenziale che si è tenuto a Roma presso il Centro Salesianum. La settimana è stata promossa dalla Fondazione Comunicazione e Cultura della Cei(Conferenza episcopale italiana), dal Centro Interdisciplinare Lateranense della Pontificia Università Lateranense e dall’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Essa è stata la fase conclusiva del corso on line frequentato attraverso la formazione a distanza da oltre 300 allievi da tutta Italia. Il convegno si è aperto con il video “Parole e immagini di una Chiesa giovane e vive”, seguito da un’introduzione ai lavori di Mons. Dario Edoardo Viganò, Direttore scientifico del Corso. Subito dopo è stata proposta una relazione dal titolo “Chiesa e cultura: dalla frattura al dialogo” di S.E. Mons. Giuseppe Betori, Segretario Generale della CEI. L’obiettivo è stato quello di preparare gli Animatori della cultura e della comunicazione trasferendo loro conoscenze e competenze tali da poter operare su tutto il territorio nazionale a servizio delle 26mila parrocchie italiane”. Tutto ciò ha dato vita alla figura di un operatore che, come proposto nel sesto capitolo del Direttorio sulle comunicazioni sociali “sappia farsi interprete delle odierne istanze culturali, impegnandosi a vivere questa epoca della comunicazione non come tempo di alienazione e di smarrimento, ma come tempo prezioso per la ricerca della verità e per lo sviluppo della comunione tra le persone e i popoli”. Il corso sarà riproposto per l’anno 2008. Ulteriori informazioni sul sito www.anicec.it

CERCARE LA VERITÀ “I mezzi di comunicazione sociale: al bivio fra protagonismo e servizio. Cercare la Verità per condividerla." È il tema scelto da Papa Benedetto XVI per la 42 Giornata Mondiale delle Comunicazioni Sociali 2008.

2


"Il Santo Padre invita a riflettere sul ruolo dei media in relazione, soprattutto, al rischio, sempre più presente, che essi diventino referenziali a se stessi e non più - o non solo - strumenti al servizio della verità. Verità che va cercata e condivisa", afferma l'Arcivescovo Claudio Maria Celli, Presidente del Pontificio Consiglio delle Comunicazioni Sociali, il Dicastero della Santa Sede che prepara la documentazione di studio ed il supporto liturgico sul tema, da distribuire alle Conferenze Episcopali ed alle organizzazioni cattoliche internazionali di comunicazioni sociali. La Giornata Mondiale delle Comunicazioni Sociali, l'unica giornata mondiale stabilita dal Concilio Vaticano II ("Inter Mirifica", 1963), verrà celebrata in molti paesi, su raccomandazione dei vescovi del mondo, la Domenica che precede la Pentecoste (nel 2008, il 4 maggio). Il Messaggio del Santo Padre per la Giornata Mondiale delle Comunicazioni Sociali verrà tradizionalmente pubblicato in occasione della ricorrenza di San Francesco di Sales, patrono dei giornalisti (24 gennaio).

SUORE NAVIGATE SU INTERNET E SCRIVETE SUI BLOG Il Cardinale Camillo Ruini, vicario per la diocesi di Roma, ha auspicato che le religiose utilizzino di più gli strumenti che la tecnologia informatica mette a disposizione di tutti nel mondo della comunicazione.“Suore, navigate su internet e scrivete sui blog”, ha esortato prendendo la parola mercoledì scorso nell’aula magna della Pontificia Università Urbaniana nel corso dell’assemblea diocesana dell’Unione Superiori Maggiori d’Italia (USMI), che a Roma rappresenta 1.287 comunità e oltre 22.000 suore. “Un sacerdote di Novara mi ha riferito che il tema ‘Gesù’ è molto dibattuto sui blog dai ragazzi. Il loro approccio però è impostato da libri distruttivi oggi molto diffusi, e non dal testo di Benedetto XVI su ‘Gesù di Nazaret’”, ha spiegato il Cardinal Ruini, secondo quanto riportato dal settimanale della diocesi di Roma “RomaSette”. “Quale sarà tra dieci anni l’idea di Cristo se queste idee dovessero avere la meglio? – si è chiesto –. Io non mi intendo di Internet, ma specialmente le giovani suore dovrebbero entrare nei blog per correggere le opinioni dei ragazzi e mostrare loro il vero Gesù”. Le suore, ha sottolineato il Cardinale, possono fare molto in questa “nuova forma di apostolato”. “L’emergenza educativa – ha ricordato il Cardinal Ruini – è al centro delle preoccupazioni di Benedetto XVI, per il quale l’educazione alla fede coincide con il servizio alla società, perché formare alla fede significa formare la persona umana”. “Solo dando motivazioni al vivere si sconfigge il nichilismo e si dà valore alla persona umana – ha osservato –. Valore che si misura a

Raccontiamoci la vita - 13 Novembre 2007

partire da Cristo, dal fatto che Dio stesso si è fatto uomo”. Più delle tecniche di educazione, per il porporato, conta la testimonianza dell’educatore e il suo contenuto.Per questo, il Cardinale ha fatto appello alla “creatività” degli educatori di fede per trovare le occasioni di diffondere il libro di Benedetto XVI, che dimostra la “saldezza della fede” nel Gesù storico dei Vangeli e fonda l’identità del cristiano nel suo incontro con la persona di Gesù Cristo. Ci sono poi le scuole cattoliche, in cui “le suore possono testimoniare Cristo in tutti gli insegnamenti, nelle scienze, nella storia e perfino nella letteratura italiana, in un inscindibile connubio di fede e cultura”.“La vostra creatività deve trovare strade nuove per la sfida vocazionale, che deve evolversi di pari passo con la società”, ha detto il Cardinal Ruini alle quasi 450 suore presenti. “Ciò vale in modo speciale per il mondo femminile che è cambiato profondamente e per il quale le religiose devono trovare nuovi linguaggi”, ha aggiunto. “Nelle nostre azioni agisce lo Spirito di Gesù Cristo e senza Cristo il mondo diventa sempre più povero di scopi”, ha concluso. DA ZENIT, 23 OTTOBRE 2007

Scrivono dalle comunità… MADRE MORANO NELLA SUA “TERRA” Sr.Genevieve Olmi ci scrive da Torino per raccontarci brevemente l’esperienza del pellegrinaggio del reliquiario di Madre Morano “La reliquia continua a transitare per la nostra casa: va e viene in vari luoghi e torna qui! L’accoglienza nelle Case delle anziane (ToS.Giuseppe e Giaveno) è stata commovente. C’era una grande attesa, tanta partecipazione. Stasera abbiamo pregato insieme le comunità delle case del “35” e “27”. Erano presenti i pronipoti di Madre Morano. Alla fine della celebrazione, uno di loro ha dato la sua testimonianza: abbiamo capito quanto era ed è bella questa famiglia…che oltre tutto ha dato anche altre FMA. Domani andremo in Basilica e poi la reliquia riprenderà i suoi giri e sabato sera, insieme ai salesiani, celebreremo i Vespri e Sr.Carla Castellino farà la commemorazione. Certo, c’è un po’ di concorrenza con Zefirino Namuncura ma tra i santi si intendono!” Torino, 7 Novembre

3


FELICE EVENTO PER LA CITTÀ DI SAN CATALDO Il passaggio di un santo non può lasciare indifferenti. Il santo s’impone sempre. La sua vita è il riflesso della santità di Dio. La presenza delle reliquie di Madre Morano ha attirato un po’ tutti. Ha affascinato ovviamente noi suore ma non meno i bambini e i ragazzi del Grest durante la lunga permanenza estiva della sua reliquia nella nostra casa dal giorno 11 al 17 Luglio. Durante la seconda esposizione, dal giorno 1 al 5 di ottobre, la reliquia ha affascinato il nostro mondo giovanile scolastico, gli adulti: exallievi, Cooperatori, simpatizzanti dell’opera salesiana, genitori degli alunni, cittadini che, attraverso le pagine del giornale, hanno conosciuto questa Suora dalla forte personalità ,ma col volto mite, intelligente e simpatico, una vera Figlia di D.Bosco. Visitando la reliquia, gli occhi di questa Madre si posarono su ciascuno, spingendo un pò tutti, al di là dell’ammirazione, a fare delle riflessioni opportune sui valori di cui ella si è fatta portatrice instancabile; in un mondo che, come il nostro, aveva urgente bisogno di educatori “veri”. Durante i momenti di preghiera e attraverso piccole pubblicazioni messe a disposizione, hanno conosciuto fatti concreti della sua bella e generosa esistenza , le esortazioni,i consigli pieni di fede; le inevitabili delusioni,gli entusiasmi,le coraggiose scelte e i sacrifici affrontati per migliorare le condizioni socio culturali della nostra gioventù. Madre Morano ci ha fatto riflettere… Quegli Occhi hanno ridestato in tutti noi tanta nostalgia…tanta voglia di ri-creare quel mondo di semplicità, di audacia pastorale, di lealtà e coerenza eroica che la nostra Beata ha lasciato alle origini dell’opera in Sicilia. Nostalgia di una santità possibile anche oggi ,fatta a misura di gente come noi; santità possibile da vivere a tutte le età,condizioni e tempi . Il Sac. Giovanni Speciale, responsabile diocesano dei religiosi, ha ringraziato vivamente la Comunità per aver fatto conoscere la vita di questa nostra santa Madre; ha espresso il suo vivo apprezzamento per la nostra Famiglia Salesiana , ci ha esortato a seguire le vie luminose dei nostri Santi, per rendere sempre più attuale il carisma e farlo rivivere nell’oggi. Un passaggio, questo, che è stato una vera benedizione per tutti. Grazie,Madre Morano! La comunità FMA

PIÙ VITA ALLO SPORT, PIÙ SPORT ALLA VITA Il 28 ottobre a Palermo il Movimento Giovanile Salesiano zonale con la PGS ha avuto una giornata di festa. Erano presenti circa 400 giovani delle comunità SDB ed FMA di Palermo, di

Raccontiamoci la vita - 13 Novembre 2007

Trapani e la PGS di Erice. Il tema era: "Educare con il cuore di d. Bosco: più vita allo sport, più sport alla vita. Con la sola forza dell'amore puoi rivoluzionare il sistema". La mattina i ragazzi hanno sfilato fino all’Istituto Salesiano Ranchibile di Palermo dove si sono svolti i tornei sportivi che hanno visto gareggiare le varie squadre PGS. Alle 12.30 la Celebrazione Eucaristica, presieduta da D.Naselli, un pilastro della PGS Sicilia, ha visto i partecipanti coinvolti intensamente. Nel pomeriggio la festa è continuata con i giochi a stand organizzati dagli animatori delle nostre comunità, insieme ai cooperatori ed exallievi. E’ stata un’esperienza molto bella per tutti e ci ha confermato, ancora una volta, che la festa e lo sport possono essere vie di santità nel carisma salesiano Sr.Stefania Maccarrone

“FESTA INSIEME” PGS IN PIAZZA Il comitato provinciale della PGS catanese quest’anno ha voluto far coincidere nell’unica giornata di Domenica 28 Ottobre nella villa comunale di Pedara l’apertura del nuovo anno sportivo 2007/2008 e la “Festa mini” rivolta principalmente ai piccoli pigiessini. Anche per tale motivo l’evento è stato intitolato “Festa insieme”. Nel resto di Italia invece le altre province hanno mantenuto separate le due date dedicando la giornata solo ai mini-atleti. Ad essere festeggiato anche il quarantesimo compleanno della Polisportiva in un mese che già faceva gli auguri ai 110 anni di presenza salesiana nel paese ospite. Numerosi i partecipanti accorsi, circa 300 tra genitori, atleti e allenatori ad adornare la verdeggiante cornice dell’anfiteatro del Parco Belvedere. Dopo il doveroso saluto delle autorità cittadine si è proceduto alla premiazione delle squadre classificatesi prime nelle rispettive categorie e specialità nell’anno sportivo 2006/2007. 4 gli sport premiati: calcio, pallacanestro, pattinaggio e pallavolo. Nel rispetto dello spirito salesiano la mattinata è stata animata dal gruppo “C.G.S. MIARAMANDEHA” dei salesiani di Pedara, i cui ragazzi sono riusciti a coinvolgere nei balli, realizzati sul palco allestito per l’occasione, anche i dirigenti, tra cui il presidente della PGS provinciale Massimo Motta. Ad esibirsi anche gli allievi della scuola musici e sbandieratori di S. Gregorio di Catania, ma la prima parte della festa è culminata con la Celebrazione Eucaristica la cui omelia è stata incentrata sullo spirito di coesione e corretta competizione che deve animare lo sport in genere. Per il pranzo i pigiessini sono stati accolti nell’oratorio salesiano e poi dislocati nel

4


pomeriggio per concludere la giornata esibendosi nelle rispettive attività. Barbara Prestianni

MADRE MORANO RITORNA A MODICA Dopo 107 anni, la Beata Maddalena Morano, I° ISPETTRICE DI SICILIA, ritorna nella nostra città. La prima volta che venne a Modica era superiora generale della FMA di Sicilia e venne per aprire una delle sue case, ora viene con una sua piccola reliquia molto importante per la famiglia salesiana di Sicilia e di tutto il Mondo. La reliquia è arrivata al Centro Polivalente Laura Vicuna giorno 27/10/2007 alle ore 10.00 è accolta dai bambini della scuola materna con canti e preghiere. La reliquia portata ,dalla direttrice della casa Suor Enza, in processione per il corridoio della scuola elementare seguita dai bambini della scuola materna. Dopo il passaggio per i corridoi della scuola elementare la reliquia viene accolta dai ragazzi del CIOFS-FP e dagli alunni della scuola elementare nel salone. Nel pomeriggio il reliquario è portato in processione dall’istituto alla parrocchia Madonna delle Lacrime dove le nostre care suore cooperano. Nella parrocchia delle Lacrime è stata preseduta un SS Messa in onore del reliquario dal parroco della parrocchia Don Gianni Marina. Domenica 28-10 la reliquia è stata portata nelle parrocchie gestite dagli SDB, in mattinata all’ Oratorio San Domenico Savio a Modica Alta, dove è stata preseduta una SS Messa dal parroco Don Gino Tirrito SDB, nel pomeriggio la reliquia è andata nella casa salesiana di Ragusa ove il direttore della casa Don Basilio, ha celebrato l’ Eucaristia in onore della Beata. Giorno 29 tutte le classi dell’ Istituto Regina Margherita e del CIOFS FP a turno hanno sostato in preghiera davanti al reliquario esposto alla venerazione. Lunedì pomeriggio, cioè giorno 29, come tutti i lunedì la nostra splendida casa alle ore 15.00 si è arricchita dei tanti bambini e giovani che frequentano il centro giovanile e la PGS locale, che alle 15.30 hanno sostato in venerazione insieme agli educatori davanti alla reliquia della Beata, il momento è iniziato con un bel balletto dei bambini del gruppo danza; seguito dal momento di preghiera animato dai ragazzi delle varie attività. Nel tardo pomeriggio di lunedì la Direttrice della casa insieme ad altre consorelle ha portato la reliquia nella parrocchia di Sant’Anna sito a Modica Alta, parrocchia che educa secondo lo stile di Don Bosco, dopo l’ accoglienza festosa è stata celebrata una SS Messa dal parroco Don Ernesto Scarso.

Raccontiamoci la vita - 13 Novembre 2007

L’ultimo giorno della reliquia nella nostra casa è stato il 30-10, dove il reliquario contente un osso della Beata è stato esposto nella Cappella dell’ Istituto alla venerazione dei fedeli. Alle 19.00 dello stesso giorno nella Chiesa Madre San Giorgio di Modica, Sua Eccellenza Reverendissima Mons. Mariano Crociata, Vescovo di Noto, ha presieduto una celebrazione Eucaristica in onore della Beata Maddalena Caterina Morano, la celebrazione è stata concelebrata dai presbiteri della Chiesa Madre di Modica, della Parrocchia Madonna delle Lacrime di Modica, dal parroco della Parrocchia di Sant’Anna e da tre salesiani fra Modica e Ragusa. Il passaggio di questa reliquia è stato un avvenimento bellissimo per tutta la Famiglia Salesiana di Modica e Ragusa, che spero abbia toccato a tutti il cuore. Pierpaolo Galota

UN DONO NON È MAI PICCOLO I ragazzi della comunità di Cesarò hanno partecipato alla Sagra del suino e del porcino organizzata dal comune di Cesarò. Durante questa festa popolare sono stati allestiti degli stand tra cui uno è stato dato ai giovani per fare la fiera del dolce che servirà a sponsorizzare due progetti pro-missioni: “il progetto Boliva: un ponte verso la vita” che servirà a sostenere gli studi, l’educazione e la formazione di 117 bambine e ragazze; il “progetto Ucraina: adesso più che mai”, che servirà alla ristrutturazione di una casa per accogliere ragazze povere. I progetti sono proposti dall’associazione exallieve FMA e ulteriori informazioni si possono trovare sul sito: www.exallievefma.org

UN SITO WEB ALLA SCUOLA ANIMATORI Dopo l’inaugurazione del nuovo anno pastorale hanno preso il via i lavori per la zona di Bronte. La realizzazione di un sito web e la creazione di alcune rubriche, questa l’ innovativa proposta avanzata in consulta per il consueto laboratorio che terrà occupati i ragazzi della scuola animatori di secondo livello. Il progetto prevede la suddivisione dei partecipanti in 5 gruppi ognuno dei quali avrà il compito di realizzare una rubrica. Inoltre ogni casa avrà un responsabile il cui compito sarà organizzare i lavori di pubblicazione di notizie, relative alla vita comunitaria del proprio paese, redatte dai futuri animatori. L’iniziativa è stata avanzata dal rappresentante zonale, Davide Cartillone, nonché studente alla Facoltà di Informatica, che, nonostante qualche titubante, è alla fine riuscito ad entusiasmare gli animi. Il messaggio che il Rettor Maggiore, don Pasqual

5


Chavez, vuole infatti veicolare è quello di “educare con il cuore di Don Bosco, cioè, vivere il Sistema Preventivo […] con una rinnovata presenza tra i giovani, fatta di vicinanza affettiva ed effettiva […] Curare lo sviluppo integrale dei giovani mediante una rinnovata scelta di un`educazione che previene il male attraverso la fiducia nel bene che esiste nel cuore di ogni giovane”. Certamente, in un mondo in continua evoluzione, il campo della comunicazione riveste un ruolo tanto importante da dover essere attenzionato anche e soprattutto da una realtà, quale quella salesiana, volta principalmente al raggiungimento dei giovani e l’abbozzarsi di un tale laboratorio è dimostrativo di ciò.” Barbara Prestianni

Notizie di famiglia h Vivono già nell’abbraccio del Padre:

9 9 9

Il fratello di Sr.Francesca Terranova La sorella delle sorelle Sarto Il nipote di Sr.Giuseppina Borgh

Scrivici Vuoi che questo sia anche il tuo giornalino? Allora mandaci, entro il 10 di ogni mese, tutte le notizie, gli eventi, gli appuntamenti della tua comunità, associazione, gruppo e noi li pubblicheremo.

Agenda… …FMA Novembre 17-18 Incontro adolescenti 18-19: Visita ispettoriale (CL) 20-22 Visita ispettoriale (San Cataldo) 23 Visita ispettoriale (Caltavuturo) 24-25: Spiritualità FMA 24-25: Incontro CIOFS/FP 26-27: Consiglio ispettoriale 28-30 Visita ispettoriale (Gela) Dicembre 1-3: Incontro direttrici ed econome 2: Festa centenario casa di Palagonia 3-5 Visita ispettoriale (Nunziata) 6-9 Seminario Sistema Preventivo 11: Direttivo (Roma) 12-13: Visita ispettoriale (Pachino)

…Famiglia Salesiana

Novembre 23 PGS: Giunta regionale 24-25 MGS: Consulta regionale 25 Exallieve CT: Incontro zonale Dicembre 1-2 FS: Un anno per il tuo futuro 2 Exall/CT: Festa M.Morano(Palagonia) 7-9 PGS: Formazione istruttori 9 MGS: Attività zonali

Figlie di Maria Ausiliatrice Ispettoria Sicula “M.M.Morano” via Caronda, 224 Catania Tel: 095. 72.85.011 Fax 095.50.25.27 Responsabile: Ambito comunicazione sociale E.mail: comunicazioneISI@pcn.net Sito web: www.fmasicilia.pcn.net Notiziario a diffusione interna

Raccontiamoci la vita - 13 Novembre 2007

6

Raccontiamoci la vita  

Giornalino Ispettoriale nr.46- 13 Novembre 2007

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you