Issuu on Google+

Anno III - Numero 7- Domenica 24 marzo 2013

Periodico di informazione dell’area a nord di Napoli - Distribuzione gratuita

Via Fosso del Torricchio: una strada mille disagi!

PERIFERIE cittadine


[ Editoriale ]

Dal MACROCOSMO al MICROCOSMO Cronache casoriane. di Giuseppe Storti

O

rmai è notorio: viviamo come in un immenso villaggio globale. Ciò che accade nel più remoto punto del mondo può influenzare le nostre vite. C’è un nuovo capo della Chiesa mondiale. Ha scelto il nome del santo che ha più imitato Gesù di Nazaret: San Francesco di Assisi. Un Papa argentino di origini italiane che per l’appunto ha scelto per la prima volta nella storia plurimillenaria del cattolicesimo di chiamarsi come il santo poverello: Francesco primo. I latini, pensavano che nel nome di una persona si rivelassero segni premonitori del suo destino. “Nomen omen” il nome è un presagio", "un nome un destino", "il destino nel nome". Ed in effetti questo Papa sta stravolgendo, fin dall’inizio del suo pontificato prassi e consuetudini plurisecolari. Un segno di speranza in un contesto mondiale depresso dominato dalla finanza senza regole, che ha impoverito i popoli e forse le coscienze. Il potere come servizio. Una nuova concezione dell’etica pubblica che da Roma a Casoria dovrebbe costituire la regola e non l’eccezione per chi ricopre incarichi pubblici, politici ed amministrativi. Sarà così? Non lo sappiamo! Ma lo speriamo. Incombe sull’Europa la sconvolgente crisi dell’euro. La trimurti di un’Unione europea monopolizzata da banche, mercati e mercanti: Fondo monetario internazionale, Banca centrale e Commissione europea, impone regole devastanti agli stati membri dell’Unione. Ma i popoli non ci stanno. Il prelievo forzoso sui conti correnti del popolo cipriota per ricevere aiuti economici, ha provocato nella piccola isola del mediterraneo un’autentica ribellione. La stessa che

sta avvenendo in Grecia. Si scommette su chi sarà la prossima nazione che subirà gli effetti tramautizzanti delle nefaste decisioni europee imposte dalla signora Merkel, a tutela degli interessi egoistici della Germania. C’è anche l’Italia, nel novero delle nazioni, prossime vittime, del contagio dell’implosione del sogno europeo. A Roma, il “povero” Presidente Napolitano, che mai avrebbe pensato di chiudere il proprio settennato al Quirinale in maniera così traumatica, si adopera per dare un governo credibile ed affidabile al Belpaese. Intanto, tutti gli indici di finanza economica segnano nuovi record negativi. Il Sud è abbandonato a se stesso. Lo dice il Censis. Il Pil(prodotto interno lordo), ridotto del 10%. Redditi più bassi della Grecia. Trecentomila posti di lavoro persi in 4 anni. Per la scuola del Mezzogiorno cresce la spesa, decrescono i livelli di apprendimento. Insomma: un bollettino di guerra. Verrebbe voglia di dire che: mentre Sagunto viene espugnata, a Roma si discute. Una vecchia locuzione latina, di Tito Livio, che sta a rappresentare la drammaticità della situazione del Sud, nella quale risalta in maniera ancora più drammatica la condizione del capoluogo della regione Campania(Napoli) e della sua immensa e devastata area metropolitana. Scendiamo ancora più giù. Arriviamo al nostro microcosmo. Casoria, quarta città della Campania...solo per numero di abitanti. Non certamente per qualità della vita, per servizi, infrastrutture, strade, industrie, commercio. Ovvero per tutti quei parametri utili a qualificare una città in senso lato. Una città in cui l’ordinaria amministrazione è travolta da problematiche antiche ed irrisolte. Casoria non è monitorata dagli istituti statistici. Ma soffre un’irreversibile crisi

economica. Basta guardare allo stato comatoso del piccolo commercio, ed a quello dei colossi della grande distribuzione. Una vera follia, concentrare in un fazzoletto di terra, tanti ipermercati che stanno chiudendo uno dopo l’altro. Il dramma dei disoccupati e degli inoccupati è palpabile: un magma che cova sotto le ceneri, e che può esplodere da un momento all’altro. Non è pensabile illudersi di poter governare una complessità di problemi di tal genere e portata con le categorie politiche di due anni fa. Non è pensabile di poter escludere dalla gestione e dalla rappresentanza politica, partiti e movimenti che hanno raccolto consensi così elevati di cittadini che si sono riconosciuti in essi all’indomani del voto politico del 24 e 25 febbraio. Occorre: organizzare la speranza. Aprire un grande dibattito democratico e civile dove senza schemi preconcetti ed inutili dietrologie, si dia ascolto alle voci di dentro di una città che chiede solo di ripartire. Ci sono realtà politiche che si sono rimesse in movimento. Il Pdl, ad esempio, che si sta riorganizzando, dopo il successo elettorale, con giovani professionisti, seri e motivati. I ragazzi di Fate Spazio Area Nord che rappresentano una vasta area di disagio giovanile al di fuori degli schemi tradizionali della politica. I Giovani democratici, in prima linea sulle problematiche ambientali, il Movimento 5 Stelle, una realtà viva della città. Le parrocchie locali: un vero argine alle sofferenze sociali, i ragazzi di Alleanza per Casoria Insomma, Casoria si lecca le ferite, ma è già oltre gli angusti steccati dell’attuale quadro politico, che appare decisamente inadeguato a sopportare il peso della governabilità del territorio e delle sue emergenze. BUONA DOMENICA!

PROPERTY MANAGEMENT

Carlo De Vita

Raccogliamo le informazioni utili per la gestione di un patrimonio immobiliare Atti di titolarità, rilievi, informazioni ipo-catastali, impiantistica, assicurazioni e fidejussioni, valutazioni immobili, calcolo imposte e tasse immobiliari, Autorizzazioni comunali varie - agibilità Valorizziamo il tuo bene Per info Tel: 081/7588818 - 0815405187 fax 081/5400633 Cell. 335/8270557 www.napolincasa.it

2

il giornale di Casoria • Domenica 24 marzo 2013


[ Il caso ]

PERIFERIE cittadine Via Fosso del Torricchio: una strada mille disagi! di Daniela Devecchi

V

ia Fosso del Torricchio, arteria del casoriano che pochi o quasi nessuno conoscono, è segnalata già prima del doppio senso da apposita cartellonistica. Trattasi di una strada urbanizzata di Casoria, al cui ingresso è ben visibile un cumulo di macerie e spazzatura, depositata quasi quotidianamente e che non si provvederebbe mai a rimuovere del tutto. In effetti il camion di Casoriaambiente arriva fino alla strada, ma se non si rimuove del tutto una specie di “montagnella” di materiale di risulta e di “monnezza” sul lato destro venendo da Casoria e volendo prendere gli svincoli autostradali, quella strada sara’ sempre considerata una piccola discarica a cielo aperto. D’estate ci sono stati parecchi incendi proprio lì, già peraltro segnalati dal nostro giornale. Se è catastrofico vedere lo spettacolo di giorno, tra i rifiuti ci sa-

rebbero anche scarti speciali, lo scenario diventa terrificante di notte, e non certo a causa dei “lupi”: infatti, proprio a ingresso strada, la carreggiata diventa covo di incontri e di prostituzione, dato che ci si accampa proprio là a causa dell'isolamento e della quasi assente illuminazione. Come abbiamo accennato però, si tratta di un'arteria periferica della città, ma pur sempre una strada casoriana! Eppure, date le circostanze, sembrerebbe che persino il comune si sia dimenticato di Via Fosso del Torricchio e che nonostante sia stata battezzata come strada comunale, il

municipio non se ne occupi proprio. C'è da aggiungere che, proprio all'interno qualcuno ci abita e vive il disagio di un luogo abbandonato giorno dopo giorno. A quanto pare non ci sarebbero autobus che percorrono la strada, non ci sarebbero controlli per impedire prostituzione o ru-

berie, non ci sarebbero semafori o servizi di sicurezza per migliorare la vivibilità per i pochi cittadini che ci abitano, casoriani che più volte avrebbero lamentato il loro isolamento. Nessuno se ne occupa e a tutti sfuggi che qualche “cristiano” detto alla napoletana ci abiterebbe in una zona come quella e vivrebbe male il disagio di essere abbandonati a se stessi. Nonostante la promessa di telecamere mobili e di un monitoraggio completo della città, promessa fatta intorno alla fine dello scorso anno, disagi come questo, a primavera inoltrata, ci sono ancora. E chi ne soffre, come sempre sono solo le fasce deboli della cittadinanza. Intanto pero’ in un comunicato stampa pubblicato sul nostro portale l’Assessore all’Ambiente Pasquale Tignola, ribadisce che a breve le telecamere mobili saranno operative per riprendere e dare la caccia agli incivili che inquinano la città. Per l’ennesima volta l’Amministrazione e la società Casoriaambiente hanno provveduto alla pulizia delle rampe di accesso alla città e degli svincoli autostradali, pur essendo di competenza della Provincia. Insomma continua la lotta ai pirati dell’ambiente. Speriamo bene!

FARMACIA Dr. Pasquale Russo Via S. Paolo, 2-4-6 (Ang. via Carducci) - Casoria (NA) Tel. 081 7580082 - E-mail: farmaciarussopa@libero.it

il giornale di Casoria • Domenica 24 marzo 2013

3


[ Casoria nella storia ]

PADRE LUDOVICO nella storia di Napoli “Fa miracoli di carità un Figlio di San Francesco, fondatore dei frati Bigi, soccorrendo ogni miseria”. a cura di Giuseppe Storti

I

l popolo casoriano, e non solo, sta riscoprendo il proprio amore per Padre Ludovico. Siamo felici. Grazie a tutti. Alle Suore Elisabettine Bige che quest’anno hanno voluto fare dono alla città di una peregrinatio delle reliquie del grande francescano casoriano nelle principali parrocchie cittadine. Grazie all’associazione Padre Ludovico da Casoria, con la Presidente Pina Mugione e il Reverendo Parroco Don Nunzio De Lia, che hanno consegnato al Sindaco Carfora 3020 firme di fedeli e cittadini comuni a testimonianza dell’immenso affetto di quanti stanno riscoprendo le proprie radici e la propria identità nei valori professati da padre Ludovico. Padre Nunzio che si sta interessando in maniera fattiva anche della causa di canonizzazione di Padre Ludovico ha dato buone nuove ai presenti nei giorni scorsi nella sala riunioni della bellissima parrocchia di San Paolo. Abbiamo incontrato: la Prof. Lia Marino, Il Dr. Enzo Piscopo, direttore del settimanale diocesano “ Nuova Stagione” e portavoce del Cardinale Sepe,il consigliere regionale Avv. Angelo Marino, il Dr. Massimo Iodice, e tanti altri amici e fedeli di padre Ludovico. Tanti i progetti e le iniziative da mettere in campo per il prossimo bicentenario della nascita del nostro francescano, con il sindaco Carfora in prima linea. Un sindaco che per la prima volta ha visitato la Chiesa di San Paolo con i suoi spaziosi e funzionali locali, dove si svolgono innumerevoli iniziative oratoriali. Noi, continuiamo il nostro impegno che consiste nel divulgare, con l’aiuto di persone speciali che ci danno un notevole contributo,

4

la strabiliante vita, e le mirabili opere del san Francesco casoriano dell’Ottocento. Non un semplice frate francescano, ma un uomo dalla capacità quasi incredibile di creare Opere caritatevoli, un uomo in cui carità e intraprendenza si univano per dar vita a veri capolavori umanitari. Padre Ludovico fu però anche un uomo sempre attento alla società, in assiduo contatto non solo con grandi personalità religiose, ma anche con i più potenti personaggi storici del secolo diciannovesimo. Egli si era avvalso, per la realizzazione delle sue Opere, persino dell’aiuto di principi e re. La famiglia reale Borbonica lo aveva aiutato nel riscatto dei moretti dalla schiavitù e il fraticello casoriano aveva conquistato a tal punto la fiducia di Ferdinando II, che questi, mentre era a Bari ammalato, chiese proprio a lui conforto e consiglio circa il suo ritorno a Napoli. Anche dopo la caduta dei Borbone e con l’avvento dell’anticlericalismo e del laicismo, padre Ludovico continuò la sua missione con lo stesso spirito che sempre lo aveva animato a fare del bene. In seguito, quando Vittorio Emanuele II di Savoia venne a Napoli, decise premiare i nuovi sudditi con onorificenze ambitissime. Alle alte personalità che rispondevano alla sua richiesta di nomi meritevoli, sentì elencare solo patrioti e politici. Il Re allora disse. “ E di

benefattori non me ne indicate nessuno? Io li giudico non meno meritevoli degli eroi” . Una voce disse: “ Fa miracoli di carità un Figlio di San Francesco, fondatore dei frati Bigi, soccorrendo ogni miseria” , ed il Re : “ Per ora gli sia dato di essere cavaliere di San Maurizio e Lazzaro e nessuna onorificenza sia data per maggior merito”. Il padre Ludovico, nella sua umiltà, ricevette la Croce Mauriziana dal Duca Sandonato con riconoscenza, ma osservò : “ Ti pare che stia bene questo luccichio sulla povera tonaca francescana? “ e Sandonato rispose che lui poteva sentirsi in famiglia fra San Maurizio e San Lazzaro; invece il frate rispose : “ … fra i poveri, i malati è il mio posto “ e nascose il documento. Non sorprende la reazione di questo frate che mai inseguì onori o riconoscimenti; si sentiva a casa fra i deboli, fra i poveri, fu padre dei moretti, degli accattoncelli e grande devoto dell’ Immacolata e del Sacro Cuore. Da sottolineare è invece la grande considerazione che di lui tutti avevano, dai più umili agli aristocratici, dai politici ai reali. Mai però questo fraticello dimenticò la sua Patria, Casoria, a cui di sovente si recava ed in cui istituì anche Opere di carità. Si spera che Casoria, di questo modesto e semplice frate francescano, sappia custodirne il giusto e meritato ricordo.

il giornale di Casoria • Domenica 24 marzo 2013


[ L'intervista ]

CENTRO SALUS DI CASORIA: un nome, una grande garanzia! La sanità casoriana all’avanguardia. a cura di Daniela Devecchi

I

l laboratorio di analisi Salus è nato il dieci giugno del 2011 e opera attivamente presso la strada nazionale Sannitica di Casoria. Il direttore sanitario del centro Raimondo Ferrara, dapprima operante presso il centro polidiagnostico Campania, è oggi impegnato attivamente nella struttura alla periferia di Casoria, per dare ai pazienti risultati di qualità, soddisfacenti, con estrema precisione e minime attese. I prelievi effettuati in detto centro che, come afferma il dottore, “opera con le tecnologie più avanzate e all'avanguardia” soddisfano ogni tipologia di paziente: da quello che effettua analisi di routine, a colui che vuole ricevere diagnosi veloci, o a quello che viene per controllare l' esito di una qualche terapia. In merito agli aumenti di tumore riscontrati soprattutto nelle aree nord di Napoli, uno dei casi più discussi ultimamente, il professor Ferrara ha così esordito:”Non riscontro un vertiginoso

aumento dei tumori in Campania, non in maniera assoluta- continua- il fatto è che tramite le analisi di laboratorio, oggi, possiamo avere risultati immediati e tangibili, è aumentata anche la vita media, ed è migliorata la diagnosi. L' iter medicale delle neoplasie è aumentata. C'è un aumento della cronicizzazione dei tumori, questo sì, ma perchè le nuove tecniche consentono di vivere di più a causa della maggiore attività terapeutica. Dunque non ho riscontrato grandi aumenti, non in maniera assoluta”. Inoltre il centro Salus, sempre per accontentare le esigenze di ogni cittadino e per consentire diagnosi quanto più possibile celeri, utilizza anche “tecniche chimico, fisiche, biologiche di ultima generazione, per avere referti immediati per ogni tipo di patologia”. I risultati, come afferma lo stesso Raimondo Ferrara, “vengono dati in poche ore, anche nella stessa giornata”. Ma

il giornale di Casoria • Domenica 24 marzo 2013

il laboratorio Salus, non è fatto solo di semplici prelievi: si parla tanto di problema di “sterilità di coppia”, ebbene qui si utilizzano anche le più moderne tecniche per individuare e dare diagnosi precise in merito a questo tipo di disagio. E la tecnologia unita all' avanguardia non terminano qui, ci sono comunque anche verifiche esterne di qualità: il centro infatti è in contatto anche con l' istituto San Raffaele di Milano con risultati di campioni confrontati con altri 650 centri in tutta Italia e dunque riconosciuti da un importante istituto pubblico. Insomma un laboratorio alle porte di Casoria, con tecniche e velocità di risultati davvero moderni con diagnosi precise, pronte a soddisfare le esigenze e la risoluzione di micro e macro problemi. Il centro di analisi Salus si preoccupa dunque della precisione e ottimizzazione delle diagnosi, per offrire davvero al paziente, che si intenda che non debba essere “esclusivamente casoriano” delle analisi e delle prestazioni precise, specifiche e quanto più possibili veloci! Per concluderla con le dichiarazioni del professore Ferrara:”Noi vogliamo dare un referto non un numero, e siamo in questo professionalmente preparati”.

5


[ Arpino ]

Gli alunni della scuola Parco dei Pini

“SCATENANO LA LEGALITÀ” I piccoli alunni, vero esempio di giustizia. di Raffaella Battinelli

L

unedì 18 Marzo presso la scuola Parco dei Pini sita in Via Alda Negri, Casoria, si è tenuta come prima tappa di un percorso all’insegna della giustizia, un convegno intitolato “La legalità si costruisce insieme”. Per l’occasione, la scuola elementare è stata decorata dai tantissimi elaborati degli alunni. Ammirabile il servizio d’ordine composto dagli scout e dai volontari dell’Associazione Carlo La Catena VV. F. La platea composta per la maggior parte da donne si è mostrata sensibile pronta e preparata ad accogliere le tematiche affrontate, con il fondamentale ausilio della compagine politica presente al tavolo del confronto. Ha aperto le danze la giornalista Serena Albano, la quale ha egregiamente diretto e moderato gli interventi in programma.

Si è discorso dell’uso-abuso del termine legalità, proponendo di imparare a comportarsi bene e a dare il buon esempio, cambiando in primis il modo d’intendere la politica. In questo tempo di crisi però, ribadire certi concetti non è mai abbastanza. Si propenda pure perciò per l’accogliere la figura dell’eroe, da intendere però come l’uomo comune disposto a mettersi in gioco, avendo il coraggio di fare la scelta giusta al momento giusto. Valorizzare l’idea del modello della persona onesta, che si sacrifica e sceglie di accettare le conseguenze delle proprie azioni. Purtroppo la legalità non è una disciplina che s’insegna a scuola, ma occorre che gli stessi insegnanti la inseriscano nelle proprie discipline come un gioco. Imparare divertendosi. L’auspicio è quello di far ritorno all’onestà di

pensieri e sentimenti, affinché gli adulti riescano, come ai vecchi tempi, a essere un buon esempio da seguire. Il senso di giustizia come un seme che va gettato nella società primordiale per eccellenza: la famiglia. Un seme da innestare poi nel macro-cosmo della scuola e della società, come una scintilla che nasce nella coscienza di ognuno nella propria individualità per poi condividerla col prossimo, fino a vederla colorare le nostre strade, la nostra città e, perché no, il nostro Bel Paese. I bambini della scuola elementare hanno davvero rappresentato un degno esempio di giustizia, capaci di indirizzare e guidare gli adulti verso un mondo nuovo e realmente migliore. Non è un’utopia ma un concreto segno che una svolta in positivo esiste e parte dai piccoli, grandi di domani.

STUDIO SERVIZI TECNICI Lo Studio propone lo svolgere dei

D’ANNA

seguenti compiti professionali: D Progettazione

architettonica

e

strutturale civile ed industriale D Progettazione

e

coordinamento

della sicurezza nei luoghi di lavoro D Direzione e contabilità lavori D Attività catastali D Perizie e stime D Redazione tabelle millesimali

Consulenza LEGGE REGIONALE “PIANO CASA” • Ampliamenti e Ristrutturazione Edilizia • Sopraelevazioni di edifici esistenti • Cambi di destinazione

D Redazione di elaborato grafici in formato DWG o DXF

Dott. Geometra Vincenzo D’Anna

6

Studio Servizi Tecnici D’Anna ____________ Via G.nni Rocco, 2 – 80026 Casoria (NA) Tel/fax. 081.7303623 Cell. 335.8157475 email. geom.vdanna@virgilio.it www.servizitecnicidanna.it

Progettare, insieme.

il giornale di Casoria • Domenica 24 marzo 2013


[ Agenda ]

La SALUTE prima di tutto La campagna informativa sulla salute e le aree dismesse dei Giovani Democratici. di Rosa Davide

D

opo il primo incontro pubblico, la campagna di informazione e sensibilizzazione sulle importanti tematiche dell’ambiente, la salute e le aree dismesse dei Giovani Democratici di Casoria prosegue. L’iniziativa, intitolata “Alla Salute”, tenutasi lo scorso 20 Febbraio in Piazza San Paolo, è stata l’occasione per riportare la politica in una piazza e rappresenta la modalità con la quale i GD Casoria intendono far politica: con i cittadini, tra la gente e non all’interno di spazi chiusi. Unico ospite non troppo giovane, il professor Pasquale Miano, docente di composizione

architettonica e urbana dell’Università di Napoli Federico II. Il professore è l’unico ad aver svolto, a suo tempo, uno studio approfondito sulla situazione e la possibile riqualificazione delle aree dismesse casoriane. Al termine dell’incontro il dott. Miano ha voluto regalare il libro contenente questi studi ai GD Casoria, che lo utilizzeranno per approfondire le loro conoscenze ed avere anche una visione tecnica della vicenda. La campagna dei GD Casoria continua, con la raccolta di dati, fotografie, informazioni che possano essere utili a fornire delle testimonianze circa la condizione e la presenza di materiali tossici presenti all’interno delle aree dismesse casoriane. A fare da testimoni saranno i cittadini che hanno lavorato all’interno degli ex stabilimenti industriali quali Rhesia, Rhodiatoce, Tubi Bonne. Tutti coloro che hanno potuto guardare con i propri occhi il killer amianto, coloro che hanno vissuto sulla proprio pelle le conseguenze, o anche i loro parenti potranno informare i GD attraverso il loro sito web www.giovanidemocraticidicasoria.it Inoltre, la prossima settimana i ragazzi saranno per le strade di Casoria per effettuare delle video-interviste sullo stesso tema.

LAUREA IN SCIENZE DELL'ARCHITETTURA TESI DI LAUREA IN ARCHITETTURA DEL PAESAGGIO TITOLO: RIQUALIFICAZIONE PAESAGGISTICA DEL BORGO MARINARO DI CITTADELLA DEL CAPO (CS) Il dott. Alessandro Puzone in data 15/3/2013 ha conseguito la laurea in scienze dell'architettura con voto 110/110 Relatore: Prof.ssa Stefania Brancaccio Correlatore: Prof. Vito Cappiello

il giornale di Casoria • Domenica 24 marzo 2013

Anno III - Numero 7 Domenica 24 marzo 2013 Questo numero è stato chiuso in redazione il giorno 20 marzo 2013. ilgiornaledicasoria@libero.it Tel. 081 7588818 - 335 8270557 Inserto di Napolincasa News Aut. Tribunale di Napoli n. 0062 del 30/09/2005 Editore: Carlo De Vita Via S. Di Giacomo, 6/8 - 80026 Casoria (NA) casadevita@libero.it Direttore responsabile: Giuseppe Storti Segreteria di redazione: Imma D'Angelo - Anna Baratto casadevita@libero.it Direzione e redazione: Via S. Di Giacomo, 6/8 - 80026 Casoria (NA) Tel. 081 7588818 Progetto grafico, impaginazione: Grafis print s.a.s. Via A. Lauro, 1/5 - Casoria (NA) Tel. 081 7382350 - www.grafisprint.com Stampa: Printing House s.r.l. Via Capri, 2 - Casoria (NA) Tel. 081 7590707 - E-mail: info@vecaprint.it

Congratulazioni. Finalmente la laurea è arrivata e l'ennesimo traguardo è stato raggiunto. Ti auguriamo un futuro ricco di successi e soddisfazioni. Mamma, Papà, Zia Mena, Zio Toni, Enzo e Alessandro.

7



Il Giornale di Casoria