Page 3

[ Il fatto ]

Il cardinale dalla parte dei più DEBOLI Ad imitazione del Beato Ludovico. di Margherita De Rosa

M

olti sono coloro che seguono con apprensione le vicende legate all’Ospizio Marino di Posillipo, la meritoria opera di solidarietà a favore dei vecchi pescatori, che tanto furono cari al nostro Beato Ludovico; in verità, l’adesione alle svariate iniziative poste in essere a tal fine è stata sentita e massiccia, segno che su temi fondamentali di civiltà, per fortuna e per sensibilità, siamo tutti d’accordo, oltrepassando eventuali barriere ideologiche e partigianerie soverchie; al coro dei numerosi dissenzienti, a giusta ragione preoccupati da un provvedimento definito “temporaneo” ma che, come le tante cose “provvisorie” del nostro Bel Paese rischia di trasformarsi in una realtà stabile e definitiva, non poteva non affiancarsi la voce di S.E., il cardinale Cresenzio Sepe, che, appresa la notizia, non ha tardato a manifestare la sua vicinanza ai vecchietti, eventuali vittime, nel migliore dei casi, di strazianti e penosi pendolarismi da una casa di accoglienza all’atra, allorché le porte del ricovero di Posillipo fossero sbarrate, per un tempo, allo stato attuale, indefinito… S.E., pertanto, ha invitato la Superiora Generale delle Suore

Francescane Elisabettine Bigie ad un colloquio sereno circa gli ultimi eventi, allo scopo di meglio comprendere l’attuale situazione e pianificare la soluzione migliore, nell’interesse dei sessanta ospiti della struttura e, in modo particolare, affinché non si vanifichi l’azione del Beato Ludovico da Casoria, un’azione di carità sfrenata che non può essere oscurata, taciuta, dimenticata, poiché non si può obliare il Bene, neppure quanto, tutt’intorno, le tenebre sembrano prevalere … da fonti certe siamo a conoscenza di un sicuro confronto tra S.E. e la Superiora delle

La stampa CATTIVA e FAZIOSA a cuara della Redazione

concetto etico di giornalismo. Un giornalismo “lenzaIofattohodelladiunverità, impedisce molte corruzioni, frena la viocriminalità, accelera le opere pubbliche indi-

spensabili, pretende il funzionamento dei servizi sociali, sollecita la costante attuazione della giustizia, impone ai politici il buon governo. Se un giornale non è capace di questo si fa carico di vite umane. Un giornalista incapace, per vigliaccheria o per calcolo, della verità si porta sulla coscienza tutti i dolori che avrebbe potuto evitare, le sofferenze, le sopraffazioni, le corruzioni, le violenze, che non è stato capace di combattere” (Giuseppe Fava, ucciso dalle

Elisabettine, non possiamo tuttavia precisare la collocazione temporale dell’evento, auspichiamo soltanto che il buon senso trionfi e che i “vecchi pescatori” possano ancora gustare la bellezza di quel mare che tanto è vicino a Dio e, per questo, immensamente distante dalle povertà e dalle miserie umane: al Cardinale Sepe va la riconoscenza e la gratitudine di tutti i devoti del Beato e di quei casoriani nei quali è ancora viva la memoria di un frate che fece della sua esistenza un servizio di carità sconfinata a quegli ultimi in cui egli vedeva l’icona di Cristo e nei quali, oggi, molti vedono meno di niente … mafie, il 5 gennaio 1984). Ci riconosciamo nel giornalismo dei fatti e della verità. Per questo abbiamo citato Pippo Fava. Ovviamente in questa città è quanto mai difficile. Ma noi ci proviamo lo stesso! Non chiediamo né riceviamo contributi comunali. Non ci interessano. Ci interessa che chi si è fatto eleggere per rappresentare gli interessi degli cittadini li faccia veramente. E non sempre è così! Non abbiamo conflitti di interesse, né “interessi interessati”. Forse è questo il problema. La politica, ed il politico delle somme urgenze, delle strade gruviera che producano contenzioso per le casse pubbliche liquidato da chi dovrebbe controllare le insidie stradali, basta scorrere l’albo pretorio, dello stadio chiuso, etc. etc. Dire questo, significa essere cattivi e faziosi? Ed allora lo siamo. Negli ultimi giorni abbiamo letto di tutto e di piu’. Occorrerebbe più sobrietà e contegno in chi riveste cariche istituzionali. Noi, ci sforziamo di scrivere sempre con il dovuto rispetto verso tutti. Pretendere lo stesso rispetto nei nostri confronti ci sembra il minimo!

FARMACIA Dr. Pasquale Russo Via S. Paolo, 2-4-6 (Ang. via Carducci) - Casoria (NA) Tel. 081 7580082 - E-mail: farmaciarussopa@libero.it

il giornale di Casoria • Domenica 17 febbraio 2013

3

Il Giornale di Casoria  

Il Giornale di Casoria

Il Giornale di Casoria  

Il Giornale di Casoria

Advertisement