Page 1

Anno III - Numero 2 - Domenica 17 febbario 2013

Periodico di informazione dell’area a nord di Napoli - Distribuzione gratuita

Storia della metropolitana casoriana: un sogno svanito?

CASORIA: QUEL TRENO CHIAMATO DESIDERIO


[ Editoriale ]

Quel TRENO chiamato desiderio Storia della metropolitana casoriana: un sogno svanito? di Giuseppe Storti

I

l 7 maggio 2007 sul settimanale “ CASORIADUE” di cui allora ero direttore veniva pubblicato, a firma di chi scrive, questo articolo di cui riportiamo alcuni stralci: “Il sogno diventa realtà. A breve, si spera almeno, la nostra città avrà la sua metropolitana. Ovvero  un collegamento veloce con Napoli, l’unica terapia contro smog e ingorghi, contro auto e fumi velenosi. Un sogno lungo più di vent’anni. Infatti Casoria tra i 92 comuni della provincia di Napoli, è stato il primo a mettere nero su bianco l’idea, sin dal lontano 1985, con  una convenzione con la Mn spa, la stessa società che ha realizzato la linea 1 di Napoli. L’annuncio è di qualche giorno fa. Nel corso di una conferenza stampa in Regione: presenti il Presidente Bassolino e l’assessore ai Trasporti Cascetta. Con un accordo Fs-Regione sono stati stanziati 11 milioni di euro per progettare la Tav. Napoli –Bari , la Stazione Vesuvio e 6 nuove fermate metropolitane. Tra cui come ha affermato Cascetta anche le nuove Stazioni di CasoriaArpino, Frattamaggiore-Arzano, e Cesa, sulla linea Napoli Aversa, “ un’area- ha detto Cascetta- densamente popolata, in cui vivono trecentomila abitanti”. Progettista di detta opera che poteva rappresentare per la nostra città: la quarta della Campania, un eccezionale volano di sviluppo per l’economia locale e per gli investimenti nei cinquecentomila metri quadrati di ex aree dismesse, l’Ing. Domenico Salierno che nel lontano 2003 così commentava l’opera in un articolo apparso sul quotidiano “ Il Mattino”

“«È tanta la voglia di collegamenti interni ed esterni attraverso metropolitane o comunque mezzi veloci ecologici - spiega l’ingegnere Domenico Salierno, consulente del Comune per i trasporti e tra i progettisti dell’opera - Sono città che hanno subito uno sviluppo urbanistico non armonico e che ora si trovano ad affrontare una mole di traffico rispetto al quale l’unica terapia possibile è quella dei mezzi pubblici veloci in grado di collegare le città all’interno e di connetterle con la più vasta rete di sistemi su ferro, come appunto la linea 1 della metropolitana di Napoli». Sette chilometri il percorso individuato. Un primo lotto da quattro chilometri e cento metri da piazza Di Vittorio a Capodichino fino alla stazione di Casoria in piazza Dante. Il secondo tratto da quattro chilometri e 500 metri dalla stazione di Dante di Casoria con una sola canna fino alla stazione di Afragola dell’Alta velocità. «Su questa tratta - spiega l’ingegnere Salierno - abbiamo calcolato una media altissima di passeggeri, tanto da giustificare l’opera che andrebbe a decongestionare un pezzo di provincia e libererebbe Napoli dal flusso di auto che si riversa da Casoria, Afragola, Arzano, Casavatore». Ma l’idea dei progettisti che hanno lavorato per Casoria non era soltanto questa. Puntavano infatti anche a creare un ulteriore collegamento con un’area storica di riferimento della zona a nord di Napoli, quella di piazza Carlo III, uscita dai circuiti in parte dopo la eliminazione della vecchia Alifana, in parte per il caos viario sulle rotte dei bus. Era stata studiata l’ipotesi di prolungare il percorso di poco più di tremila metri in sotterranea fino al Museo, interconessione con le stazioni di Cavour delle linee 1 e 2 della metropolitana di Napoli. Meno di due chilometri di percorso per due gallerie e stazioni in corrispondenza dell’ex ospedale psichiatrico Leonardo Bianchi,

di piazza Ottocalli, dell’Albergo dei Poveri e dell’Orto Botanico. Fin qui la cronistoria di un ulteriore sogno svanito per la nostra città, dopo quello della “ città del libro” e dei vari piani di rinascita della città dopo lo smantellamento delle tante industrie presenti in loco. E’ ancora possibile ed ipotizzabile che questo sogno si trasformi in realtà? Secondo noi sì! E’ di pochi giorni fa l’annuncio del Presidente Caldoro dell’avvio delle opere per collegare la Linea Uno della Metropolitana regionale con l’aeroporto di Capodichino e con il centro direzionale di Napoli. I finanziamenti ci sono. L’opera, quindi è ancora in itinere. Avere la stazione della Metropolitana, qui a Casoria significherebbe valorizzare un disegno di sviluppo piu’ ampio oltre quello della mobilità. Ci riferiamo al titolo di cui è insignita Casoria di Città d’arte e di cultura di interesse turistico. A breve, come si spera, la nostra città dovrebbe essere interessata dalla canonizzazione di due beati, molto amati qui e non solo: madre Cristina Brando e il nostro amatissimo Padre Ludovico. Una città con quattro santi, i due attuali sono san Mauro e madre Giulia Salzano, non esiste in nessuna altra parte del mondo. Per cui Casoria, potrebbe diventare un formidabile attrattore turistico religioso. Inoltre nel Piu’ Europa, è prevista la realizzazione del Parco dell’Arte e della Cultura. L’offerta alberghiera già c’è ed è discreta sul territorio. Ecco gli elementi fondanti di un disegno strategico per il futuro della città. Ecco un tema che i candidati locali al Parlamento, ai quali facciamo gli auguri , per la loro salita, o discesa(a seconda dei gusti) in campo, possono spendersi in questa campagna elettorale che per la verità si trascina in maniera distinta e distante dai reali problemi dei cittadini casoriani alle prese con i quotidiani ed ormai storici problemi di vivibilità. Buona domenica!

PROPERTY MANAGEMENT

Carlo De Vita

Raccogliamo le informazioni utili per la gestione di un patrimonio immobiliare Atti di titolarità, rilievi, informazioni ipo-catastali, impiantistica, assicurazioni e fidejussioni, valutazioni immobili, calcolo imposte e tasse immobiliari, Autorizzazioni comunali varie - agibilità Valorizziamo il tuo bene Per info Tel: 081/7588818 - 0815405187 fax 081/5400633 Cell. 335/8270557 www.napolincasa.it

2

il giornale di Casoria • Domenica 17 febbraio 2013


[ Il fatto ]

Il cardinale dalla parte dei più DEBOLI Ad imitazione del Beato Ludovico. di Margherita De Rosa

M

olti sono coloro che seguono con apprensione le vicende legate all’Ospizio Marino di Posillipo, la meritoria opera di solidarietà a favore dei vecchi pescatori, che tanto furono cari al nostro Beato Ludovico; in verità, l’adesione alle svariate iniziative poste in essere a tal fine è stata sentita e massiccia, segno che su temi fondamentali di civiltà, per fortuna e per sensibilità, siamo tutti d’accordo, oltrepassando eventuali barriere ideologiche e partigianerie soverchie; al coro dei numerosi dissenzienti, a giusta ragione preoccupati da un provvedimento definito “temporaneo” ma che, come le tante cose “provvisorie” del nostro Bel Paese rischia di trasformarsi in una realtà stabile e definitiva, non poteva non affiancarsi la voce di S.E., il cardinale Cresenzio Sepe, che, appresa la notizia, non ha tardato a manifestare la sua vicinanza ai vecchietti, eventuali vittime, nel migliore dei casi, di strazianti e penosi pendolarismi da una casa di accoglienza all’atra, allorché le porte del ricovero di Posillipo fossero sbarrate, per un tempo, allo stato attuale, indefinito… S.E., pertanto, ha invitato la Superiora Generale delle Suore

Francescane Elisabettine Bigie ad un colloquio sereno circa gli ultimi eventi, allo scopo di meglio comprendere l’attuale situazione e pianificare la soluzione migliore, nell’interesse dei sessanta ospiti della struttura e, in modo particolare, affinché non si vanifichi l’azione del Beato Ludovico da Casoria, un’azione di carità sfrenata che non può essere oscurata, taciuta, dimenticata, poiché non si può obliare il Bene, neppure quanto, tutt’intorno, le tenebre sembrano prevalere … da fonti certe siamo a conoscenza di un sicuro confronto tra S.E. e la Superiora delle

La stampa CATTIVA e FAZIOSA a cuara della Redazione

concetto etico di giornalismo. Un giornalismo “lenzaIofattohodelladiunverità, impedisce molte corruzioni, frena la viocriminalità, accelera le opere pubbliche indi-

spensabili, pretende il funzionamento dei servizi sociali, sollecita la costante attuazione della giustizia, impone ai politici il buon governo. Se un giornale non è capace di questo si fa carico di vite umane. Un giornalista incapace, per vigliaccheria o per calcolo, della verità si porta sulla coscienza tutti i dolori che avrebbe potuto evitare, le sofferenze, le sopraffazioni, le corruzioni, le violenze, che non è stato capace di combattere” (Giuseppe Fava, ucciso dalle

Elisabettine, non possiamo tuttavia precisare la collocazione temporale dell’evento, auspichiamo soltanto che il buon senso trionfi e che i “vecchi pescatori” possano ancora gustare la bellezza di quel mare che tanto è vicino a Dio e, per questo, immensamente distante dalle povertà e dalle miserie umane: al Cardinale Sepe va la riconoscenza e la gratitudine di tutti i devoti del Beato e di quei casoriani nei quali è ancora viva la memoria di un frate che fece della sua esistenza un servizio di carità sconfinata a quegli ultimi in cui egli vedeva l’icona di Cristo e nei quali, oggi, molti vedono meno di niente … mafie, il 5 gennaio 1984). Ci riconosciamo nel giornalismo dei fatti e della verità. Per questo abbiamo citato Pippo Fava. Ovviamente in questa città è quanto mai difficile. Ma noi ci proviamo lo stesso! Non chiediamo né riceviamo contributi comunali. Non ci interessano. Ci interessa che chi si è fatto eleggere per rappresentare gli interessi degli cittadini li faccia veramente. E non sempre è così! Non abbiamo conflitti di interesse, né “interessi interessati”. Forse è questo il problema. La politica, ed il politico delle somme urgenze, delle strade gruviera che producano contenzioso per le casse pubbliche liquidato da chi dovrebbe controllare le insidie stradali, basta scorrere l’albo pretorio, dello stadio chiuso, etc. etc. Dire questo, significa essere cattivi e faziosi? Ed allora lo siamo. Negli ultimi giorni abbiamo letto di tutto e di piu’. Occorrerebbe più sobrietà e contegno in chi riveste cariche istituzionali. Noi, ci sforziamo di scrivere sempre con il dovuto rispetto verso tutti. Pretendere lo stesso rispetto nei nostri confronti ci sembra il minimo!

FARMACIA Dr. Pasquale Russo Via S. Paolo, 2-4-6 (Ang. via Carducci) - Casoria (NA) Tel. 081 7580082 - E-mail: farmaciarussopa@libero.it

il giornale di Casoria • Domenica 17 febbraio 2013

3


[ Il caso ]

L’ultima sigaretta... ELETTRONICA! Anche a Casoria proliferano i rivenditori delle sigarette elettroniche. di Luca Scialò

D

opo i Compro oro, anche a Casoria stanno spuntando come funghi i rivenditori di sigarette elettroniche. Del resto sono già 2 milioni gli italiani che ne fanno uso o vorrebbero provarla, sperando che essa li dissuada una volta per tutte dall’utilizzo nocivo di quelle reali. Eppure le loro controindicazioni sono altrettanto pericolose. L'Istituto superiore della sanità, mediante una relazione di 20 pagine consegnata al Ministro della Salute Renato Balduzzi, le ha infatti bocciate; come già fatto in precedenza dall’Organizzazione mondiale per la salute, che ha rilevato le stesse criticità dell’Istituto. Molti però parlano di un attacco a questa nuova trovata per favorire le lobby del tabacco e spingere le persone a tornare all’uso delle sigarette tradizionali. Ma quali sono le criticità rilevate dall’ Istituto superiore della sanità? Le sigarette elettroniche con nicotina - si legge - sollevano preoccupazioni per la salute

pubblica. Potrebbero rappresentare un rischio di iniziazione al fumo convenzionale a base di tabacco e di potenziale dipendenza. Rischio notevole soprattutto per i giovani considerando la facilità di reperimento su Internet. Il parere non lascia spazio a dubbi. Le sigarette «potrebbero riattivare l'abitudine al fumo» in chi ha già smesso. Si suggerisce infine che non esistendo «evidenza scientifica sufficiente a stabilire la sicurezza e l'efficacia come metodo per la dissuefazione, andrebbero regolamentate come dispositivi medici o prodotti farmaceutici e non come prodotti del tabacco». In pratica, sono medicine a tutti gli effetti. Esattamente la stessa linea seguita in altri Paesi. Austria, Belgio, Germania, Portogallo e Svezia hanno già cominciato. Australia, Canada, Norvegia le vietano del tutto. In Francia sono autorizzate solo a scopo terapeutico, il Regno Unito le sta regolamentando, negli Usa sono orientati a sottoporle alle stesse prove di valutazione dei farmaci. Le ricariche con nicotina presentano potenziali livelli di esposizione per i quali non è possibile escludere il rischio di effetti dannosi per la salute umana in particolare per i giovani. Si ritiene opportuno che gli effetti dannosi per la salute siano comunicati al consumatore con apposite avvertenze sulla confezione. E sono proprio i minorenni i più esposti. Acquistano

su Internet aggirando il divieto per gli under 16 stabilito in un'ordinanza firmata dal ministro il 28 settembre e che ha validità di sei mesi. In attesa di nuove, eventuali iniziative che potrebbero essere dettate dal documento dell'Istituto superiore di sanità. Non ultimo il rischio legato al fatto che esse spesso provengono dalla Cina, Paese notoriamente irrispettoso delle prassi a tutela della salute. Le pseudo sigarette si trovano facilmente in commercio. I negozi specializzati aprono con velocità sorprendente (come detto anche sul nostro territorio). Nel 2012 il comparto ha fatturato circa 100 milioni e ha dato lavoro a circa 1.500 persone. I dati sono stati comunicati dai produttori quando un paio di mesi fa, in un emendamento alla legge di Stabilità, è stato proposto di equiparare le elettroniche alle bionde dal punto di vista della distribuzione, detenzione e vendita. Dunque una nuova invenzione per dissuadere dal fumare che si rivela forse fallace e perfino sospettosamente dannosa. Comunque molti che le usano dichiarano di aver smesso di fumare e di trovarsi bene. Ed è ancora presto per avere un’evidenza scientifica che ci faccia capire se effettivamente esse fanno male. In tanti abbiamo visto le sigarette elettroniche per la prima volta nei famigerati “clippini” su Facebook di Vasco Rossi. Ma lui, si sa, ama la vita spericolata.

Pari e dispari dei SEMAFORI a Casoria Alcuni funzionano altri no... di Daniela Devecchi

A

lcuni semafori, quelli del centro città, sarebbero perfettamente funzionanti; altri, quelli situati in periferia non sarebbero “mai” stati ripristinati. Stiamo parlando delle insegne luminose, due ben visibili, lungo via Circumvallazione esterna, Casoria, altezza Maxi Brummel. A quanto pare, come sarebbe noto anche a occhio nudo, la semaforizzazione in zona non sarebbe “mai” stata aggiustata. Lo affermano tutti

4

i residenti, lo dichiarano con forza i passanti e si vede benissimo che i pali sono leggermente inclinati con i semafori guasti. Stando ad alcune dichiarazioni di cittadini indignati, nonostante che a Casoria, da tempo siano stati aggiustati la stragrande maggioranza dei segnali a tre luci, in detta zona, Via Circumvallazione esterna, soltanto due di questi sarebbero attivi consentendo il sicuro passaggio pedonale... Per il resto, non si sarebbe a tutt'oggi intervenuti. I cartelli di cui stiamo parlando, quelli adiacenti al grande centro, diversamente da quanto si potrebbe credere, sarebbero molto utili alla viabilità pedonale: permetterebbero a tutti di attraversare il territorio in tutta sicurezza, consentirebbero a chi sta a piedi di varcare senza rischio, una strada molto pericolosa, buia, con veicoli che

spesso, troppo spesso, la percorrono anche a velocità elevata. Ma probabilmente la cosa sarebbe “sfuggita”alle alte autorità o probabilmente le vecchie insegne così come sono, vecchie e rotte, sono passate inosservate a causa della loro lontananza dal centro città... In realtà sul perchè di questa “dimenticanza” nessuno riuscirebbe a darsi una spiegazione logica. Vero è che riparati i segnali luminosi in centro città, poco ci vorrebbe per aggiustare gli ultimi due che ancora mancherebbero all'appello e che sicuramente renderebbero un servizio molto utile a tutte le persone che ogni giorno si recano al centro menzionato o attraversano la zona evidentemente pericolosa... Le premesse ci sono, il problema è evidente, si aspetta solo il pronto intervento... PRIMA DEL 2014!

il giornale di Casoria • Domenica 17 febbraio 2013


[ Casoria nella storia ]

RITI e LEGGENDE casoriane O' munaciello. di Giuseppe Storti

C

asoria e le sue leggende. Una città agricola, che viveva raccolta intorno alle sue due Chiese. Abitata da agricoltori e signorotti di campagna. Ma qui avevano le case di villeggiatura anche nobili napoletani. La città con i suoi tanti prodotti della terra era il granaio del Regno dei Borbone. Tanto che la dinastia aveva conferito alla nostra città il ruolo di provincia. Una delle piu’ importanti del regno. Ben 14 comuni dipendevano dalla provincia di Casoria. Qui vi era la sottointendenza regia. Una antica prefettura. Casoria aveva già il titolo di città. Secondo una antica tradizione orale che si tramandava nell’ambito del ceto impiegatizio comunale, si racconta che nella stanza del sindaco vi era un antico stemma, da cui si evinceva il titolo di città alla nostra Casoria. Poi, l’’incuria

Allarme CRIMINALITÀ Dilagano i furti di auto anche nei garage. di Luca Scialò

dei casoriani, allagamenti ed altri accidenti della casa municipale pare abbiano fatto smarrire questo antico lignaggio. O forse è solo una leggenda. Altra leggenda o realtà comunque presente nella tradizione orale del popolo casoriano e’ quella del “ o’ munaciell”. Alto piu’ o meno da sessanta centimetri ad un metro, paffuto e gioioso, grassottello e birbantello, il munaciello o Manchetto casoriano, del monaco ha forse solo l’abito: per il resto sono personaggi ladri, dispettosi, dei veri bricconi si vede e non si vede, velocissimo nell’apparire e nello sparire, sicuramente inafferrabile, è un moto perpetuo, saltella e zompetta come una molla, ti accorgi di lui e lo vedi solo quando decide di intervenire ed irrompere nella tua casa. Ama divertirsi e ridere, prendendo in giro la sua vittima di turno, ancora oggi chi ha la fortuna di avere ancora una nonna o una vecchia zia, puo’ sentire questo intercalare frutto di una tradizione leggendaria che si tramanda oralmente decantando le gesta di questo personaggio della mitologia locale. « Addò stanne e chiave? Gesù le avevo messo qui? Sarà stato ‘o

Q

uello dei furti delle auto, degli stereo in essi contenuti o delle ruote, è un fenomeno vecchio quanto le auto stesse. Per tutelarci, se non abbiamo una casa autonoma o un condominio con parcheggio, preferiamo depositarle in garage a pagamento, per ovviare anche all’impossibilità di trovare facilmente posto sotto casa girando mezz’ora nella speranza che se ne liberi qualcuno. Eppure, anche nei garage a pagamento si stanno verificando molti furti. In un grande parcheggio situato

il giornale di Casoria • Domenica 17 febbraio 2013

munaciello?». Sì perché lui, amava far sparire le cose, nasconderle e poi ridere delle imprecazioni di chi non le ritrova. E un’anima vagante. Anzi un’anima in pena, che spesso fa rabbia, fa piangere ma fa anche ridere chi subisce le sue improvvise irruzioni. La leggende nata intorno a questa figura di folletto o spiritello delle case, vuole che questo piccolo essere fosse eternamente innamorato delle donne. Un animo romantico quindi, che quando si invaghiva di una ragazza, si stabiliva nella sua casa, e li’ iniziava il gioco degli scherzi, delle apparizioni e degli smarrimenti e ritrovamenti improvvisi di oggetti e cose di casa. In ogni caso monaciello, mazzamauriello o scazzamauriello, questo impareggiabile folletto, una presenza strana e misteriosa, che poteva diventare un amico o un nemico a seconda dei casi dei casoriani, ancora oggi viene ricordato ed è presente nel linguaggio dei vecchi casoriani. Una figura fascinosa che conquista la mente ed il cuore di chi è nato qui. Una figura poliedrica che raccoglie in se: ansie, paure, angosce di una comunità semplice, fatta di gente onesta e laboriosa, profondamente religiosa ma che viveva della superstizione di una vita non sempre felice, e sicuramente mai agevole. in via Pio XII, in meno di un mese hanno rubato 5 auto e il paradosso è che questo garage si trova a pochi passi dalla stazione dei carabinieri. Come bisogna leggere questo fenomeno? Normali furti che aumentano in un periodo di crisi, amplificati dal mancato controllo delle istituzioni preposte alla sicurezza, o una sfida proprio alle istituzioni stesse? Chissà. Intanto aumenta la preoccupazione nei cittadini, anche in quelli ravveduti che mettono la propria auto in un parcheggio a pagamento.

5


[ Attualità ]

La giornata dell’AMMALATO La comunità di San Benedetto Abate, compagna di vita degli infermi! di Margherita De Rosa

N

el solco della più consolidata e sentita tradizione, si inserisce la giornata che la Chiesa cattolica dedica ai più cari tra i suoi figli: gli ammalati. L’attenzione, da sempre riservata ai fratelli che incarnano il Cristo sofferente dalla comunità di San Benedetto Abate di Casoria, ha la sua origine nella sensibilità di monsignor Mauro Piscopo, che, nel suo pluridecennale servizio sacerdotale quale pastore della comunità in parola, ha trasmesso, in un crescendo di entusiasmo e di testimonianza vissuta, l’amore per quanti versavano nel dolore, che erano protagonisti di una storia di sofferenza fisica o spirituale, facendo sì che essi si sentissero accolti ed amati incondizionatamente. Il culto che don Mauro nutrì per la Beata Vergine di Lourdes, Madre Prediletta degli infermi, è stato ed è, inoltre, patrimonio condiviso e peculiare della bella comunità, oggi egregiamente guidata

da padre Pasquale Fioretti, degnissimo discepolo ed erede spirituale dell’amatissimo padre Piscopo. Conseguenza ovvia e suggestiva, pertanto, è la carica emotiva che accompagna la solennità dell’11 Febbraio, giorno in cui il Santuario di san Benedetto si trasforma in clone della meravigliosa e sublime terra della grotta di Massabielle: dame, barellieri, ammalati affollano il tempio con lo stesso spirito di fede e di gioia che li accompagna, lungo il viaggio della speranza, nei luoghi in cui Bernardette vide la “Signora”, che le indicò il percorso della sofferenza, tra i sofferenti, come la via stretta per giungere al Paradiso… l’atmosfera, dunque, non è dissimile da quella straordinaria di Lourdes e quest’anno, il giorno della festa è stato preceduto da altri momenti “forti”, rappresentati dalle Giornate Eucaristiche, altrimenti note come “quarant’ore”, animate dai diversi gruppi di operatori pastorali. La mattinata dell’11, al suono dell’ ” Ave ”, così nota a Lourdes e così cara a chi ha per Maria una speciale devozione, ha avuto inizio la lunga giornata di preghiera e di celebrazioni; particolarmente coinvolgente l’agape fraterna che ha visto riuniti, nel rito conviviale, ammalati, dame e barellieri; nel pomeriggio è stata

poi impartita agli infermi l’Unzione Sacra, che, si ribadisce, nulla ha a che fare con quella che, erroneamente, veniva definita “estrema unzione”, poiché da tale Sacramento il sofferente trae sostegno e beneficio allo scopo di proseguire il suo percorso terreno, fortificato spiritualmente nell’affrontare il disagio prodotto dalla sua condizione di infermità fisica. Alle 18.30, infine, si è svolta una solenne Concelebrazione Eucaristica, presieduta dal Vescovo Emerito di Campobasso, S.E. Monsignor Armando Dini, a conclusione della quale, nonostante l’inclemenza del tempo, la tradizionale fiaccolata, meglio conosciuta come flambeau, si è snodata lungo le vie della città fino al cortile dell’Ospedale di Casoria, Maria SS, della Pietà, dove è stata impartita all’assemblea la solenne benedizione: con il cuore più sereno, ciascuno, sofferente nel corpo o nello spirito, ha fatto ritorno alla propria dimora, certo dell’aiuto della Madre Celeste, alla quale ha affidato le sofferenze proprie, quelle di tutti gli ammalati e, in particolare, il dolore di uomo e di pastore di un pontefice straordinario, che ci lascia in eredità una grande lezione di profonda ed intelligente umiltà …

STUDIO SERVIZI TECNICI Lo Studio propone lo svolgere dei

D’ANNA

seguenti compiti professionali: D Progettazione

architettonica

e

strutturale civile ed industriale D Progettazione

e

coordinamento

della sicurezza nei luoghi di lavoro D Direzione e contabilità lavori D Attività catastali D Perizie e stime D Redazione tabelle millesimali

Consulenza LEGGE REGIONALE “PIANO CASA” • Ampliamenti e Ristrutturazione Edilizia • Sopraelevazioni di edifici esistenti • Cambi di destinazione

D Redazione di elaborato grafici in formato DWG o DXF

Dott. Geometra Vincenzo D’Anna

6

Studio Servizi Tecnici D’Anna ____________ Via G.nni Rocco, 2 – 80026 Casoria (NA) Tel/fax. 081.7303623 Cell. 335.8157475 email. geom.vdanna@virgilio.it www.servizitecnicidanna.it

Progettare, insieme.

il giornale di Casoria • Domenica 17 febbraio 2013


[ Politica ]

Consiglio COMUNALE Ulteriormente rimandata l’elezione del vice presidente. di Rosa Davide

G

iovedì 7 Febbraio, alle ore 19:00 si è svolto in sala consiliare il consiglio comunale. All’ordine del giorno adempimenti preliminari, elezione del vicepresidente e  proposta di regolamento per la disciplina degli autoservizi pubblici non di linea ovvero Taxi - Noleggio con conducente. Il consigliere comunale Giuseppe Balsamo, nel suo intervento, ha voluto evidenziare il fatto che sono stati pubblicati degli avvisi pubblici, da parte dell’amministrazione, per l’individuazione di un consulente per il bilancio sociale. Il Partito Democratico aveva invece proposto tempo fa che questa carica venisse svolta dai dipendenti comunali a costo zero. L’emendamento fu però bocciato. Il consigliere del PD ha comunque richiesto un periodo di tempo più lungo per la presentazione dei curriculum vitae. Questa la risposta del sindaco Carfora: “Sono avvisi appunto pubblici, non c’è nessun mistero. E’ stato ritenuto

sufficiente un periodo di quindici giorni per la presentazione delle domande”.Gli atti del primo capo sono stati approvati con 12 voti favorevoli e 6 contrari. Si è poi passati all’elezione del vice-presidente. Il consigliere Emilio Polizio, durante il suo intervento ha ribadito che l’articolo 30 prevede che tale carica venga ricoperta da un consigliere dell’opposizione e ha anche proposto la candidatura di Giovanni Del Prete, il consigliere più votato dalla città di Casoria alle ultime elezioni. Anche i consiglieri del Partito Democratico hanno appoggiato la candidatura del consigliere Del Prete. Il consigliere comunale Andrea Capano ha poi lui stesso presentato la sua candidatura. Con 12 voti per il consigliere Capano, 9 per Del Prete e una scheda bianca, il quorum non è stato raggiunto. L’elezione del vicepresidente è stata dunque ancora una volta rimandata. Dopo questa votazione, i consiglieri comunali dell’opposizione hanno abbandonato l’aula. L’ultimo capo all’ordine del giorno è stato poi approvato all’unanimità.

Anno III - Numero 2 Domenica 17 febbraio 2013 Questo numero è stato chiuso in redazione il giorno 13 febbraio 2013. ilgiornaledicasoria@libero.it Tel. 081 7588818 - 335 8270557 Inserto di Napolincasa News Aut. Tribunale di Napoli n. 0062 del 30/09/2005 Editore: Carlo De Vita Via S. Di Giacomo, 6/8 - 80026 Casoria (NA) casadevita@libero.it Direttore responsabile: Giuseppe Storti Segreteria di redazione: Imma D'Angelo - Anna Baratto casadevita@libero.it Direzione e redazione: Via S. Di Giacomo, 6/8 - 80026 Casoria (NA) Tel. 081 7588818 Progetto grafico, impaginazione: Grafis print s.a.s. Via A. Lauro, 1/5 - Casoria (NA) Tel. 081 7382350 - www.grafisprint.com Stampa: Printing House s.r.l. Via Capri, 2 - Casoria (NA) Tel. 081 7590707 - E-mail: info@vecaprint.it

AVVISO

La collaborazione è aperta a tutti ed è a titolo gratuito. L’editore non è obbligato alla pubblicazione degli articoli pervenuti. Le lettere indirizzate al giornale non devono superare le trenta righe dattiloscritte, devono essere firmate e riportare indirizzo e numero di telefono dell’autore. Ai sensi delle vigenti leggi in materia di stampa,e delle norme di deontologia professionale non possono essere pubblicate lettere o messaggi anonimi e/o i cui autori non siano identificabili, tramite indirizzo completo e recapito telefonico. Non saranno pubblicati articoli scritti a mano per i quali si richiede una digitazione interna. Il materiale pervenuto in redazione, anche se non pubblicato, non verrà restituito.

il giornale di Casoria • Domenica 17 febbraio 2013

7


Il Giornale di Casoria  

Il Giornale di Casoria

Advertisement
Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you