Issuu on Google+

Culture a confronto

L’impegno della FITeL verso l’integrazione delle seconde e terze generazioni degli immigrati

Progetto finanziato ai sensi della L. 383/2000 art. 12 - Lettera F (Anno finanziario 2008)


impaginato.qxd

1-01-1970

7:45

Pagina 1

Culture a confronto L’impegno della FITeL verso l’integrazione delle seconde e terze generazioni degli immigrati

Progetto finanziato ai sensi della L. 383/2000 art. 12, Lettera F (Anno finanziario 2008)


impaginato.qxd

1-01-1970

7:45

Pagina 2


impaginato.qxd

1-01-1970

7:45

Pagina 3

L’immigrazione, oggi, si presenta come un fenomeno sempre più complesso e di più difficile “gestione” perché coinvolge, come mai prima d’ora, tanto i singoli individui, con le loro personalità e le loro storie, quanto l’intera società. I testi che esplorano la presenza di stranieri in Italia evidenziano chiaramente che il nostro paese è diventato un luogo di “stabilizzazione” degli immigrati entrando così nelle seconda fase del ciclo migratorio che vede la presenza sia di immigrati singoli, sia di nuclei familiari. Ciò fornisce un segno evidente che la presenza degli immigrati stranieri nel nostro paese è sempre meno provvisoria. La cosiddetta “invisibilità sociale” dello straniero rappresenta una condizione in continua riduzione che porta alla necessità di ripensare i servizi sociali, sanitari ed educativi adeguandoli ad un paese immerso nel gigantesco processo della mondializzazione che sta assu3


impaginato.qxd

1-01-1970

7:45

Pagina 4

mendo la veste di Paese multietnico per l’inserimento stabile, sempre crescente, di cittadini stranieri. In pochissimi anni, infatti, già caratterizzato da una rilevante emigrazione e da movimenti demografici interni, il nostro Paese ha registrato un notevole incremento del fenomeno immigratorio, assumendo la funzione di territorio non soltanto di transito ma anche di destinazione definitiva per flussi migratori di notevoli dimensioni. Nell’ambito dei fenomeni migratori occorre dare una particolare attenzione ai cosiddetti “figli dell’immigrazione”. Con questa espressione si intende includere diverse categorie come i minori stranieri ricongiunti alle famiglie, i bambini nativi figli di coppie di immigrati, i figli di coppie miste. Un altro termine che si utilizza spesso è “minore straniero” perché viene considerato “neutro” in quanto rimanda alla situazione giuridica, piuttosto che alla storia diretta o familiare di migrazione. La stessa definizione del termine appare complessa e ricca di ambiguità in quanto circa la metà di loro è nata in Italia e conosce il paese d’origine solo indirettamente. Con questa sintetica distinzione dei termi4


impaginato.qxd

1-01-1970

7:45

Pagina 5

ni non si intende spiegare quale sia quello più o meno appropriato, bensì fornire la dimostrazione di quanto sia complessa ed eterogenea la figura del minore straniero e di quante realtà siano nascoste dietro quel termine. Ogni minore ha un mondo alle spalle, una situazione diversa da caso a caso, un percorso migratorio diretto o indiretto, vissuto, subito o semplicemente respirato in famiglia per essere figlio d’immigrati. Il bambino e l’adolescente straniero costituiscono il momento più avanzato del processo di confronto culturale dell’intera famiglia nella società, poiché sono proprio loro ad avere il primo contatto con le istituzioni e con i primi luoghi di socializzazione. I servizi sociali, le scuole, i tribunali, gli ospedali, ma anche la stessa società civile si trovano 5


impaginato.qxd

1-01-1970

7:45

Pagina 6

improvvisa- mente a dover gestire e a convivere con una nuova figura, un nuovo cittadino, una nuova persona: il minore straniero. I minori stranieri sono soggetti che mediano tra due mondi, il paese di origine e il paese in cui vivono. Questo processo di continua mediazione è particolarmente difficile da affrontare durante una fase evolutiva di passaggio delicata in cui è in atto una vera e propria riorganizzazione del sistema di sé, l’adolescenza. In sostanza, durante l’infanzia, e ancor più nell’adolescenza, si esplicitano delle problematiche di maturazione di identità in quanto l’apporto di due culture e quindi di due appartenenze rende ancor più difficile la crescita. La realtà in cui si trovano immersi fortemente è conflittuale, ambivalente e complessa. La percezione di un abbandono del paese di origine da parte di uno o 6


impaginato.qxd

1-01-1970

7:45

Pagina 7

entrambi i genitori è accompagnata da una realtà extrafamigliare alla quale è necessario adattarsi. In sostanza la “doppia appartenenza” influisce sul processo di costruzione identitaria. Diventa così reale l’ipotesi secondo la quale il minore straniero a volte finisce per considerarsi doppiamente straniero, sia nei confronti del paese d’origine, sia in quello di arrivo. Inoltre va ricordato che il senso di doppia appartenenza è spesso accompagnato dalle difficili condizioni economiche e giuridiche dell’immigrato extracomunitario in Italia. Certamente la “terra di mezzo” in cui si sentono immersi i minori stranieri può essere fonte di disagio ma se gestita in maniera adeguata può rappresentare una condizione di reale interculturalità. Con questo non si intende dire che è necessario prefigura7


impaginato.qxd

1-01-1970

7:45

Pagina 8

re una sommatoria aritmetica tra due culture perché la prevalenza dell’una sull’altra può variare in base alle situazione in cui l’adolescente si trova (casa, scuola, paese d’origine del genitore). Al contrario è necessario che entrambe le appartenenze siano considerate seppur in maniera flessibile e selettiva. La sfida non è semplice in quanto spesso si incorre nel rischio di una confusione a fronte di segnali o valori contraddittori. Per i figli degli immigrati l’ostacolo e nello stesso tempo il traguardo principale da raggiungere è l’integrazione all’interno della società ospitante. Questo si concretizza attraverso l’apprendimento della lingua italiana, il successo scolastico, la so-

8


impaginato.qxd

1-01-1970

7:45

Pagina 9

cializzazione, la costruzione mentale di progettare un futuro in Italia. Questi aspetti rimandano al concetto ampio e complesso d’integrazione che consiste nell’acquisizione di diritti, possibilità di realizzazione di sé senza ostacoli, costruzione di relazioni sociali e formazione di sentimenti di appartenenza e di identificazione. Esistono molteplici strumenti che possono veicolare e favorire l’integrazione sociale e culturale dei giovani figli di immigrati. Il teatro sociale è uno degli strumenti innovativi che incoraggia la comunicazione, la comprensione e l’empatia. L’incontro

9


impaginato.qxd

1-01-1970

7:45

Pagina 10

con l’arte e in particolare con il teatro, nei diversi contesti di riferimento a attraverso molteplici forme, può diventare un’occasione di crescita e sviluppo attraverso la promozione di valori umani universali che guardano alla valorizzazione delle differenze e non alla costruzione di barriere. La coesistenza, la comprensione reciproca e la collaborazione di diversi gruppi di destinatari può portare ad uno scambio sano che mira all’integrazione e all’accettazione della diversità come fonte di arricchimento per la nostra società. Fare teatro nelle scuole con la partecipazione di

10


impaginato.qxd

1-01-1970

7:45

Pagina 11

bambini, adolescenti e insegnanti permette ai soggetti coinvolti di guardare la realtà e ciò che li circonda da diversi punti di vista in base al ruolo che i protagonisti interpretano. Questo facilita la comprensione e il dotarsi continuamente di occhi nuovi perchè osservare lo stesso fenomeno mettendosi nei panni dell’altro, può far crescere e conoscere aspetti della realtà precedentemente ignoti. A tal proposito entra in gioco l’empatia, ossia la capacità dell’individuo di comprendere i pensieri e gli stati d’animo di un’altra persona andando oltre l’apparenza e ascoltando attivamente. La messa in scena è uno dei modi migliori per diffondere messaggi di grande valore sociale perché il teatro è un linguaggio che raggiunge direttamente gli spettatori senza richiedere complessi processi mentali. Recitazione, musica, espressione corporea, costumi e scenografi sono modi alternativi per comunicare con un pubblico giovane trasmettendo concetti profondi e favorendo la comprensione reciproca e l’accettazione dell’altro. Le attività espressive e creative all’interno della scuola possono rappresentare un notevole sostegno al processo di crescita dei giovani. In particolar modo la conoscenza di se e dell’altro viene favorita attraverso il linguaggio del corpo che può essere considerato come biglietto da visita con cui ci si presenta agli altri. La postura e l’espressività facciale comunicano all’interlocutore lo stato d’animo prima ancora che abbia inizio la comunicazione verbale. Come afferma uno degli assiomi della comunicazione, non si 11


impaginato.qxd

1-01-1970

7:45

Pagina 12

può non comunicare. L’attività o l’inattività, le parole o il silenzio, hanno tutti il valore di un messaggio. Le modalità di comunicazione non verbale sono definite da sguardo, espressione del volto, gestualità, movimenti del corpo, postura, contatto corporeo, abiti, aspetto esteriore. Le modalità di comunicazione paraverbale sono determinate da vocalizzazioni non verbali, tono della voce, ritmo, sospiri, pause, silenzi. La comunicazione non verbale e paraverbale rappresenta il principale mezzo per esprimere e comunicare le emozioni (gioia, rabbia, paura, tristezza, disgusto, disprezzo, interesse, sorpresa, tenerezza, vergogna, colpa). Si stima che la comunicazione non verbale e paraverbale sia determinante in almeno il 70% del messaggio trasmesso. Le parole, dunque, rappresentano solo una piccolissima fetta della comunicazione che dunque si alimenta, in gran par12


impaginato.qxd

1-01-1970

7:45

Pagina 13

te, di cose non dette, di respirazione, di tatto, di toni di voce e gestualità. L’espressione delle emozioni da parte degli attori è particolarmente visibile attraverso queste due forme di comunicazione, non verbale e paraverbale. L’utilizzo consapevole del linguaggio verbale, non verbale e paraverbale da parte dell’attore permette di trasmettere dei contenuti allo spettatore attraverso una comunicazione efficace. Un fattore che incide fortemente sull’efficacia della comunicazione per trasmettere concetti profondi e difficili da trattare come i pregiudizi etnici, il razzismo e l’intolleranza è il contesto di riferimento. Molto importante a tal proposito considerare chi si ha davanti. Questo facilita l’individuazione della chiave giusta affinchè il messaggio arrivi al destinatario. Non esiste una tecnica assoluta che permette di far sì che

13


impaginato.qxd

1-01-1970

7:45

Pagina 14

questo avvenga ma la creatività e la partecipazione attiva degli spettatori sono due formule che facilitano il coinvolgimento. Parlando di partecipazione attiva e teatro è interessante descrivere il cosiddetto gioco di ruolo, dall’inglese role playing. Il role playing si propone di simulare, per quanto possibile, una situazione reale, allo scopo di far conoscere ai partecipanti, attraverso l’esperienza pratica, le relazioni che si stabiliscono in un’attività caratterizzata da un importante processo di comunicazione. Simulare delle situazioni reali che possono essere frequenti nella vita quotidiana, può essere utile per riflettere e analizzare lo stesso fenomeno da diversi punti di vista in base al ruolo che viene interpretato dai personaggi della storia. Il gruppo dei partecipanti si divide in due parti: alcuni interpretano dei personaggi in una situazione realistica della vita scolastica, altri osservano la 14


impaginato.qxd

1-01-1970

7:46

Pagina 15

loro azione; ciò non significa che “attori” e “spettatori” abbiano funzione nettamente diversa: ambedue le categorie devono “osservare ciò che succede” ed elaborare l’osservazione allo scopo di comprendere il sistema di relazione e comunicazione che si realizza. Il vantaggio sta nel fatto che, a differenza della situazione reale, il processo che si sviluppa nel gioco di ruolo non ha conseguenze nella vita reale, permette però ai partecipanti di esplorare il reale recitando o assistendo alla rappresentazione da osservatori esterni. Ai partecipanti che fungono da “attori” sono assegnate delle “parti” che definiscono il loro ruolo nella situazione che si vuole ricreare; a tutti viene dato uno scenario che definisce il contesto nel quale l’azione si sviluppa. Le “parti” contengono anche alcune indicazioni su come iniziare il play e come condurne alcuni aspetti, ovvero sulle caratteristiche e sulle modalità

15


impaginato.qxd

1-01-1970

7:46

Pagina 16

comportamentali del ruolo assunto; la frazione maggiore del lavoro viene però lasciata all’improvvisazione. Gli “attori” possono agire e parlare non tanto secondo le proprie inclinazioni, quanto secondo il carattere dei personaggi descritto nelle singole “parti”. Vanno evitati atteggiamenti troppo “recitati”, l’intenzione è quella di vedere come succede quando si interagisce con gli altri, non di strappare applausi; così come occorre che gli “attori” possano esprimersi senza rischiare di essere messi in condizione di un qualche stress emotivo da pubblico. Mentre gli “attori” studiano le “parti”, gli altri membri del gruppo, con il conduttore che ha un ruolo di coordinamento, formulano ipotesi su quali aspetti del play debbano essere osservati e in vista di quali risultati. Conclusa la fase di preparazione e il play si passa in plenaria a riportare le osservazioni e a discuterne: è importante che tutti comuni-

16


impaginato.qxd

1-01-1970

7:46

Pagina 17

chino le loro osservazioni, e che anche gli “attori” riportino le loro impressioni, emozioni, scelte di “recitazione”. I giochi di ruolo sono un’attività libera, piena di fantasia, individualità, cooperazione e progettazione. Leggere, narrare, inventare storie, immaginare, riferire, aiutano la conoscenza del sé, del mondo degli altri, di sé nel mondo e di sé con gli altri. I giochi di ruolo aiutano a migliorare le capacità espressive, le conoscenze storiche, letterarie, linguistiche ed aiutano l’apprendimento di quei valori fondamentali nella vita degli uomini. Un altro strumento che favorisce il miglioramento delle capacità linguistiche e creative dei giovani e la collaborazione è la scrittura creativa. Essa costituisce lo stimolo all’apprendimento ed è stato dimostrato che svolgere attività scrittorie guidate dall’abitudine genera noia e disinteresse. Per questo motivo sta sem-

17


impaginato.qxd

1-01-1970

7:46

Pagina 18

pre più evolvendosi l’idea di dinamicizzare l’attività di classe riconoscendo la giusta importanza al lavoro di gruppo e al coinvolgimento dell’insegnante come membro del gruppo-classe nel ruolo di facilitatore e consigliere piuttosto che direttore delle attività. Oggi i ragazzi passano la maggior parte del loro tempo a contatto diretto e continuo con i mass media. Per proporre loro qualcosa di realmente alternativo e coinvolgente, che si differenzia dalle attività prettamente legate allo studio, è necessario far scoprire la dimensione ludica dello scrivere, il piacere dello scrivere come forma di espressione delle proprie emozioni, stati d’animo, creatività. La creatività è da considerarsi come una facoltà propria dell’essere umano e come tale va educata e stimolata. Dunque la scuola che ha tradizionalmente privilegiato l’educazione convergente, che opera con schemi rigidi ormai noti, può 18


impaginato.qxd

1-01-1970

7:46

Pagina 19

dare maggiore spazio ad un campo privilegiato di esercizio di creatività, la scrittura. Il metodo adottato mira a seguire un approccio pedagogico che privilegia l’interazione permettendo ai presenti di scambiare opinioni su esperienze reali o immaginarie che potranno costruire sulla base di esperienze ed eventualmente 19


impaginato.qxd

1-01-1970

7:46

Pagina 20

culture diverse. Questo facilita lo scambio reciproco che stimola l’immaginazione e la fantasia. Dopo aver affrontato il teatro sociale e la scrittura creativa arriva il momento di considerare l’importanza della musica come fonte di espressione che genera emozioni eterogenee e intense. Svolgere dei progetti in cui si da l’opportunità ai giovani di “fare” musica concretizzandola attraverso l’utilizzo di strumenti diversi, rende l’esperienza musicale nella sua interezza uno degli elementi che incidono fortemente sulla formazione della personalità. Il laboratorio viene inteso come contesto sociale di apprendimento musicale dove si condivide l’esperienza musicale e cognitiva, dove si comunica con l’altro. Spesso si fa riferimento a competenze sociali che si acquisiscono attraverso la musica. Questo è vero sia per il percorso di

20


impaginato.qxd

1-01-1970

7:46

Pagina 21

crescita e formazione individuale, in quanto la musica è una risorsa culturale ed espressiva di eccellenza, sia per un percorso di educazione dello stare bene insieme. La pratica della musica insieme incentiva e promuove lo scambio e il confronto sull’interpretazione e sull’intenzione comunicativo-espressiva. Un percorso didattico che fa conoscere musiche diverse, comprese quelle che si ascoltano nella vita quotidiana, può spingere all’elaborazione personale, alla scoperta dei propri gusti musicali, al confronto con gli altri, alla collaborazione per creare, insieme, forme di rappresentazione musicali. L’educazione musicale costituisce un campo di relazione tra le diverse culture e proprio per questo motivo può rappresentare uno strumento prezioso per favorire la socializzazione e l’integrazione sociale con uno slancio creativo. 21


impaginato.qxd

1-01-1970

7:46

Pagina 22

La creatività può essere impiegata anche in ambiti completamente diversi da quelli finora citati come quello dell’autoimprenditorialità. Prima di trattare questo tema è naturale rimarcare l’inevitabile presa di coscienza che entrare nel mondo del lavoro rappresenta attualmente una sfida per moltissimi giovani e adulti. Questo provoca la difficoltà da parte dei giovani di raggiungere un’indipendenza economica e di costruirsi un futuro. I 22


impaginato.qxd

1-01-1970

7:46

Pagina 23

canali tradizionali, come ad esempio l’invio di curricula alle imprese, non sempre danno i risultati sperati. Il rischio è quello di passare inosservati nel flusso di richieste che arrivano quotidianamente ai destinatari. Esiste una via alternativa che permette, ma non assicura, di creare da se il proprio lavoro, la strada imprenditoriale. L’autoimprenditorialità permette di sfruttare le proprie conoscenze teoriche e pratiche coniugandole con le proprie capacità personali per far nascere un’attività.Autoimprenditorialità significa diventare imprendotori di se stessi, utilizzare le proprie competenze per far nascere un’opportunità professionale. Diventare imprenditori è facilitato da una serie di interventi legislativi che mirano ad agevolare la preparazione teorica e pratica offrendo così ai possibili imprenditori futuri gli strumenti giusti

23


impaginato.qxd

1-01-1970

7:46

Pagina 24

per affrontare con successo una strada ricca di stimoli e soddisfazioni ma anche altamente competitiva. Avviare un’attività in proprio offre anche il vantaggio di non avere né padroni né orari imposti da altri né dover rendere conto a qualcuno per le scelte intraprese. Uno degli svantaggi è assumere sulle proprie spalle il rischio della propria attività. È necessario essere preparati a lavorare duramente senza esser certi di ottenere una retribuzione, mettere in gioco il patrimonio e la propria immagine. L’imprenditore deve saper osservare nel modo giusto la realtà che lo circonda, conoscere il mercato in cui opera prevedendone gli sviluppi futuri, stabilire relazioni attraverso una comunicazione efficace, organizzare l’attività definendone le priorità. Alcune di queste capacità possono essere facilitate dalla personalità del-

24


impaginato.qxd

1-01-1970

7:46

Pagina 25

l’imprenditore, altre essere acquisite attraverso la formazione teorica e la pratica sul campo. Per diventare imprenditori è possibile far nascere dal nulla una nuova impresa oppure rilevarne una già esistente. La prima alternativa è quella più adatta per i neo-imprenditori consentendogli di far riflettere in essa le proprie caratteristiche e interessi. È la soluzione adatta per chi entra nel mercato con prodotti nuovi e/o con strumenti organizzativi innovativi rispetto a quelli utilizzati nelle imprese già affermate. È anche possibile che ci sia un nuovo imprenditore che non crei una nuova impresa ma ne rilevi una già esistente o la erediti da un familiare. In questo modo l’esistenza di un nome, di una rete di clienti e di fornitori facilita il percorso rendendo meno duro l’ingresso nel mercato. Tutto ciò non esclude la presenza di maggiori difficoltà nell’apportare degli eventuali cambiamenti nella gestione dell’impresa, già strutturata internamente e riconosciuta all’esterno come tale. Come è stato accennato precedentemente anche la “libertà ha un prezzo”. Al lavoratore dipendente viene garantito, anche se spesso per un periodo determinato, lo stipendio mensile indipendentemente dall’andamento dell’azienda Per l’imprenditore, soprattutto nella fase iniziale, non vengono garantite delle entrate sicure. C’è però anche da specificare che non esiste un limite al guadagno che può acquisire. Potrà decidere in base a numerose variabili, tra cui l’andamento del mercato, quanto trattenere per sé e quanto reinvestire nell’attività in previsione del futuro. 25


impaginato.qxd

1-01-1970

7:46

Pagina 26

La strada che porta alla creazione di un’impresa è composta da varie fasi, la prima consiste nel chiedersi se si vuole intraprendere questa via che, come è stato specificato precedentemente, è lunga e tortuosa. Molti ritengono che imprenditori si nasce, ossia che è necessario avere delle attitudini innate che facilitano l’ingresso. Altri sostengono che chiunque dotato di buona volontà 26


impaginato.qxd

1-01-1970

7:46

Pagina 27

può diventarlo. La via di mezzo è quella da preferire, sfruttare le proprie potenzialità e attitudini personali accompagnate da una forte motivazione e forza di volontà senza dimenticare che le competenze possono essere acquisite attraverso lo studio e l’esperienza pratica. Il secondo passo verso la nascita dell’impresa è rappresentato dall’idea imprenditoriale. Dall’idea nasce il prodotto o il servizio che si intende inserire nel mercato e che sarà utilizzato dai futuri clienti. L’idea è la chiave per il successo imprenditoriale, se ci si presenta sul mercato con un’idea superata o simile a molte altre le difficoltà saranno difficili da superare. Al contrario un’idea particolarmente buona, che si concretizza in un prodotto o servizio può trainare l’impresa anche quando l’imprenditore non è particolarmente esperto o non abbia chissà quale potenzialità innata di cui si parlava prima. Il successo o il fallimento di un’iniziativa imprenditoriale è decretato dal mercato. I consumatori quando hanno di fronte a se l’offerta di una serie di prodotti, spesso fanno delle scelte che premiano le strategie imprenditoriali non perfette ma sostenute da un prodotto valido. Continuando il percorso, il terzo passo verso la nascita dell’impresa è, dopo aver identificato il settore economico in cui entrare, acquisire più informazioni possibili sui futuri concorrenti per orientarsi nella redazione del piano d’impresa (business plan) in cui il neo imprenditore deve stimare con precisione i costi futuri e i profitti attesi. Esso consente di verificare la validità del27


impaginato.qxd

1-01-1970

7:46

Pagina 28

l’idea ed accorgersi di eventuali errori prima che sia troppo tardi. L’autoimprenditorialità non rappresenta certamente la risoluzione a problemi particolarmente difficili in questi ultimi anni come la disoccupazione giovanile e la precarietà, può offrire però l’opportunità per i giovani di entrare nel mondo del lavoro sfruttando la creatività per formulare idee innovative concretizzate in prodotti e servizi. Sempre per quanto riguarda il lavoro autonomo e l’imprenditorialità, secondo la Federazione Italiana del Tempo Libero (FITeL), le donne devono essere sostenute a formarsi come imprenditrici di valore, in tutte le opportunità possibili. Relativamente ai Finanziamenti Imprenditoria Femminile sono regolati dalla Legge 215 del 1992. Questa legge prevede delle agevolazioni nei confronti delle imprese in ”rosa” quindi amministrate dalle donne, che possono essere sia da avviare che già esistenti. A tal fine la legge 215 del 1992 va inserita in un complesso di leggi e provvedimenti volti al credito e al microcredito, per facilitare da parte delle donne l’accesso alle risorse finanziarie e per sostenerle nel “fare impresa”, prevedendo un ruolo attivo degli enti locali e un’attenzione particolare alle donne del Mezzogiorno. Il mondo dell’agricoltura offre un esempio di una nuova solidarietà e di una nuova parità. La presenza femminile nell’economia agricola è un fatto, che richiede tuttavia misure per il pieno 28


impaginato.qxd

1-01-1970

7:46

Pagina 29

riconoscimento della risorsa costituita dalle donne per l’agricoltura e per la società. Le donne, inoltre, hanno espresso una forte soggettività e coscienza critica sulla gestione dei beni comuni quali l’acqua, il suolo, le risorse energetiche, il paesaggio e l’ambiente. Se, tradizionalmente, in agricoltura, è prevalso il protagonismo maschile nei livelli decisionali e di rappresentanza, l’idea oggi emergente di multifunzionalità dell’agricoltura apre alle donne, comprese quelle immigrate, un nuovo ruolo da protagoniste. Esempi di multifunzionalità sono l’Agriturismo, in cui il lavoro di cura (cibo e accoglienza) diviene impresa, la Scuola in Fattoria e le Fattorie Sociali. Il territorio rurale è troppo spesso considerato cortile delle città, non è quasi mai dotato di servizi flessibili rispetto a tempi e a modi di vita, diversi da quelli urbani. Tali servizi, in questo caso, sono anche strumento di mantenimento d’insediamenti umani che altrimenti sparirebbero e che dovrebbero essere considerati un bene di tutti. Oggi che nel mondo agricolo italiano la presenza femminile s’impone come uno dei parametri positivi, adottare misure dirette a una strutturazione e cura dell’ambiente e dell’habitat, dei servizi forniti nelle campagne, di strutture e infrastrutture che permettano un buon livello di vita anche come un reddito indiretto per le famiglie e per le donne si propone come un tema di grande attualità . 29


impaginato.qxd

1-01-1970

7:46

Pagina 30

Sicuramente la donna immigrata appare come interprete principale d’un lento e silenzioso sviluppo all’interno della società di accoglienza; nel contempo non è da trascurare il fatto che proprio il processo d’inserimento ed integrazione della donna straniera nel nostro Paese agevolerà il processo di edificazione e consolidamento di una società realmente multietnica ed interculturale.

30


impaginato.qxd

1-01-1970

7:46

Pagina 31


impaginato.qxd

1-01-1970

7:46

Pagina 32

Finito di stampare nel mese di dicembre 2011


Culture a Confronto