Page 1

15 maggio 2019 | 545 546

ILTIROAVOLO Organo ufficiale della Federazione Italiana Tiro a Volo

magazine

TIRO PARALIMPICO CONCAVERDE AL CENTRO DEL MONDO 4

PARALIMPICI: TRICOLORE PER RADAELLI, CUCITI E NESPECA 12 GIOVANISSIMI A GIOIA DEL COLLE 16 CAMPORESE E SOLDANI SUL TRONO D’EUROPA 18 ANTOLOGIA DEL WEEKEND TIRAVOLISTICO

1 | 545 546


2 | 541 542


controcopertina

MARONGIU E PUTANO BRILLANO NELLA COPPA ITALIA

Matteo Marongiu è stato il vincitore del segmento sardo della Coppa Italia individuale di Fossa Olimpica ad Arzachena

La sede sarda di Arzachena e quella siciliana di Marsala hanno ospitato le gare valide per la Coppa Italia individuale di Fossa Olimpica. Tra gli oltre centotrenta tiratori impegnati all’impianto trapanese, al traguardo dei 125 piattelli si sono assicurati un posto in finale Giuseppe Trimarchi con 119, Francesco Prestifilippo con 118, Vincenzo Messina con 117 e Gaetano Licciardello, Pierluigi Sollami e Paolo Putano con 115. Nella serie finale ad un colpo è stato Paolo Putano, palermitano tesserato a La Contea di Modica, a svettare con 22 centri. Quasi settanta gli specialisti in gara invece ad Arzachena. Dopo le cinque serie di selezione, alla finale hanno ottenuto l’accesso Nicola Minini e Giuseppe Antonio Mocci con 117, Alessandro Soliani Raschini e Dario Follesa con 115, Matteo Marongiu e Gaino Pinna con 114. Mocci, Pinna e Marongiu hanno totalizzato 23/25 ed è stato il velocissimo spareggio successivo a decretare vincitore Matteo Marongiu. IN COPERTINA Nello scorso weekend il Concaverde di Lonato è stato il centro del mondo tiravolistico paralimpico. Nella foto di copertina, sul podio dell’impianto gardesano, con la Vicepresidente federale Emanuela Croce Bonomi posano alcuni Vip presenti all’evento: l’onorevole Annalisa Baroni, il Sindaco di Lonato Roberto Tardani, la campionessa paralimpica e deputata Giusy Versace, gli atleti di Paratrap Ivor Greenstreet e Balendhu Singh, l’industriale Mauro Perazzi, il Presidente del club ospitante Ivan Carella e Laurent Ottoz Direttore Luciano Rossi Direttore Resp onsabile Luigi Agnelli Direzione e Redazione Federazione Italiana Tiro a Volo Viale Tiziano 74 00196 Roma Tel. 06 45235200 Fax 06 3233791 redazione@fitav.it Coordinatore Redazionale Massimiliano Naldoni massimilianonaldoni@gmail.com Twitter: @ILTIROAVOLO Tutti i diritti riservati. Vietata la riproduzione anche parziale se non autorizzata. Aut. del Tribunale di Roma n.111 del 17 marzo 1994

3 | 545 546


attività paralimpica

PARALIMPICI: TRICOLORE PER RADAELLI, CUCITI E NESPECA In una sfida di grande intensità agonistica il Concaverde di Lonato ha laureato i campioni italiani del 2019: nell’International Grand Prix che ha concluso la riunione ha vinto ancora Saverio Cuciti e hanno svettato anche Oreste Lai e il danese Kym Poul Kyby

Omar Radaelli è il nuovo campione italiano della qualiifica PT1

“Se abbiamo potuto celebrare un Campionato italiano avvincente a cui hanno partecipato tanti praticanti di tutta la penisola e se abbiamo anche assistito ad un Grand Prix di altissima qualità con tanti ospiti stranieri, lo dobbiamo innanzitutto al Cip di Luca Pancalli che in questi anni ci ha dato un grandissimo supporto e a tutti voi, straordinari atleti del mondo. Grazie a tutti! Se non ci foste, non potremmo esistere!” Ha esordito così la Vicepresidente Emanuela Croce Bonomi -affiancata nell’occasione dal Presidente del Cip Lombardia Pierangelo San-

4 | 545 546


Pierangelo Santelli, Presidente del Cip Lombardia, ha assistito alle finali dell’International Grand Prix insieme alla Vicepresidente federale Emanuela Croce Bonomi, al Ct Benedetto Barberini e al Medico federale Francesco Fazi

Nella qualiifica PT1 Omar Radaelli ha vinto il titolo italiano 2019 davanti a Davide Fedrigucci e Gianluigi Dessi

5 | 545 546


Saverio Cuciti ha vinto il titolo tricolore 2019 della qualiifica PT2

Al Concaverde Saverio Cuciti si è impossessato della medaglia d’oro della qualiifica PT2 davanti a Massimo Lanza e Danilo Palamini

6 | 545 546


La Vicepresidente federale Emanuela Croce Bonomi con gli atleti Balendhu Singh dell’India e Ivor Greenstreet del Ghana e con l’imprenditore Mauro Perazzi

L’iridato Francesco Nespeca è il campione italiano 2019 della qualifica PT3

7 | 545 546


Agli Assoluti di Lonato Francesco Nespeca ha vinto nella PT3 davanti a Roberto Cucinotta e Mirko Cafaggi

telli, dal Ct della nazionale paralimpica Benedetto Barberini, dal Coordinatore della manifestazione Pierluigi Bestetti e dal massimo dirigente del club ospitante, Ivan Carella - nel suo indirizzo di saluto durante la cerimonia di premiazione della dodicesima edizione del Campionato italiano di Paratrap al Concaverde di Lonato. Il confronto nazionale, in programma nella giornata di sabato 11 maggio, ha decretato i nuovi campioni italiani delle tre qualifiche. Nella giornata di domenica 12 maggio la riunione del Concaverde si è conclusa invece con la nona edizione dell’International Grand Prix che ha visto concorrere atleti dell’Australia, del Ghana, della Germania, della Gran Bretagna, della Danimarca, dell’India, della Repubblica Ceca, della Spagna e naturalmente dell’Italia. Omar Redaelli è il nuovo campione della qualiifica PT1: tra gli atleti sitting il tiratore bergamasco si era ritagliato un posto in finale con 97/125, ma nel segmento conclusivo ha espresso il suo Trap migliore e si è aggiudicato il titolo del 2019 con 31/50. Il fuoriclasse lombardo in finale ha costretto alla medaglia d’argento un combattivo Davide Fedrigucci (25/50) che si era qualificato con 101 centri su 125. Prestigioso terzo posto per il sardo Gianluigi Dessi che dopo il 93 della qualificazione ha ottenuto la medaglia di bronzo con 23/40. Saverio Cuciti è stato invece il dominatore della gara della qualifica PT2 (riservata agli atleti con impedimento agli

8 | 545 546


La sede di preminenza della qualiifica PT1 nell’International Grand Prix è stata occupata da Oreste Lai che ha preceduto il britannico Keith White e Omar Radaelli

Nella qualifica PT2 dell’International Grand Prix Saverio Cuciti si è imposto davanti a Massimo Lanza e Antonino Ventre

9 | 545 546


La qualifica PT3 dell’International Grand Prix ha visto in evidenza il danese Kym Poul Nyby davanti a Mirko Cafaggi e Francesco Nespeca

Nella qualifica Ladies Giulia Vernata si è imposta davanti a Tori Clich e Annabelle McKendrick

10 | 545 546


arti inferiori). Con uno strepitoso 117/125 il campione di Forte dei Marmi guidava già con ampio vantaggio la classifica della sua categoria alla vigilia della finale. Nella fase conclusiva Cuciti ha confermato la sua supremazia aggiudicandosi lo scudetto tricolore del 2019 con 43/50. Ha provato ad insidiare il primato di Cuciti un determinato Massimo Lanza: il tiratore messinese si è aggiudicato l’argento con 39/50. Con 30/40 è stato ottimo terzo il bergamasco Danilo Palamini. Dominio assoluto di Francesco Nespeca nella categoria PT3 (riservata agli atleti con impedimento agli arti superiori). Il campione del mondo di Monteprandone ha dominato la fase di qualificazione con 111/125 e poi si è aggiudicato il titolo tricolore stagionale con 43/50 davanti al 32/50 di Roberto Cucinotta. Prestigioso terzo posto per il campione uscente Mirko Cafaggi che ha totalizzato 26/40. Oreste Lai, che era rimasto un po’ in ombra nella corsa ai titoli italiani della giornata di sabato a seguito dei postumi di un recente intervento chirurgico, è tornato ad essere protagonista nell’International Grand Prix che ha concluso la riunione gardesana. Il fuoriclasse di Cagliari - vero e proprio atleta simbolo del tiravolismo paralimpico degli ultimi quindici anni con i suoi innumerevoli titoli nazionali e con le sue vittorie internazionali – ha dominato il confronto della PT1. Con 38/50 si è imposto nel Grand Prix staccando di sei lunghezze il britannico Keith White che era stato il primo della classe nella fase di qualificazione. Il terzo posto è andato al neo-campione italiano Omar Radaelli. Saverio Cuciti e Massimo Lanza sono stati di nuovi i protagonisti della gara della qualifica PT2. Al meglio dei cinquanta piattelli della finale l’ha spuntata ancora il toscano che si è imposto sul siciliano per 40 a 39. La medaglia di bronzo ha premiato Antonino Ventre. Sfida di grande spessore agonistico in PT3. Al traguardo dei cinquanta bersagli della finali sono approdati con lo stesso bagaglio di 37 centri il danese Kym Poul Nyby e Mirko Cafaggi ed è stato il tiratore scandinavo ad avere la meglio nel fulmineo shoot-off. Francesco Nespeca si è ritagliato un prestigioso terzo posto. Tra le Ladies è stata l’azzurra Giulia Vernata ad occupare il vertice della graduatoria davanti alle britanniche Tori Clinch e Annabelle McKendrick. Nella quarta edizione del Memorial Bortolin ad aggiudicarsi i posti di preminenza sono stati invece Cosimo Doria nella PT1, Fabrizio Cormons nella PT2 e Calogero Sansone nella PT3.

Paolo Bortolin, Emanuela Bonomi e Gigi Benorino premiano i vincitori del Memorial Bortolin: Cosimo Doria e Calogero Sansone

11 | 545 546


settore giovanile

GIOVANISSIMI A GIOIA DEL COLLE Nel terzo Gran Premio del Settore Giovanile sulle pedane pugliesi svettano Piergiuseppe Gaggioli, Valentina Panza, Emanuele Marcello, Liana Carera, Marco Teodori, Gloria Labemano, Francesco Tanfoglio, Chiara Pignatelli, Andrea Lapucci, Giada Longhi, Gianmarco Tuzi, Giuliana Lippolis e Marco Coco

Tra gli Juniores della Fossa Olimpica ha vinto Piergiuseppe Gaggioli che ha preceduto Piero Simoni e Lorenzo Soldati

Sono stati duecentoventisei gli under 20 che hanno preso parte al terzo Gran Premio stagionale del Settore Giovanile sulle pedane della Gioiese. Tra gli Juniores della Fossa Olimpica ha vinto Piergiuseppe Gaggioli che, dopo aver ottenuto il viatico per la finale con un ottimo 73/75, si è imposto con 46/50 davanti a Piero Simoni (45) e a Lorenzo Soldati (36/40). La vittoria tra le Juniores ha arriso a Valentina Panza: dopo che il miglior punteggio di qualificazione lo aveva fatto segnare Gaia Ragazzini con un brillante 74/75, è stata peròla ragazza calabrese tesserata nelle Marche a centrare il successo al traguardo dei cinquanta bersagli superando per 40 a 38 la pugliese Sofia Salinaro. La medaglia di bronzo è andata a Sofia Littamè che ha totalizzato 30/40. Tra gli Allievi del Trap ha vinto Emanuele Marcello che ha totalizzato un perfetto en-plein nella serie finale da 25 piattelli. Alle spalle del campano, si è assicurato l’argento Donato Vitale Il Presidente federale Luciano Ros(24) davanti a Jason Rusticali (23). Tra le Allieve ha svettato invece l’emiliana Liana Carera che ha totalizsi posa con il team dei Direttori di zato 22/25 come Izabelly Do Carmo e poi ha superato la coetanea veneta per 3 a 2. La pugliese Anna Tiro in servizio al Gran Premio Maria D’Aria ha conquistato il bronzo con 20. Tra le Giovani Speranze del comparto maschile la medaglia d’oro è andata all’abruzzese Marco Teodori che ha totalizzato 24/25. Il secondo e il terzo posto sono stati appannaggio rispettivamente di Cosimo e Pasquale Salinaro che hanno totalizzato 22 e hanno escluso

12 | 545 546


Tra le Juniores della Fossa Olimpica si è imposta Valentina Panza davanti a Sofia Salinaro e Sofia Littamè

Tra le Allieve della Fossa Olimpica Liana Carera ha vinto davanti a Izabelly Do Carmo e Anna Maria D’Aria

dal podio in spareggio Davide Zanchetta. Gloria Labemano ha svettato invece tra le Giovani Speranze: la ragazza lombarda ha totalizzato 22/25 e ha preceduto Sara Carrozzo con 21 e Maria Renzi con 20. Tra gli Esordienti è stato Francesco Tanfoglio a imporsi con l’en-plein nella serie finale. Andrea Cito è stato ottimo secondo con 24 e ha preceduto Luca Gerri, autore di 23 centri. Nel comparto delle Esordienti la pugliese Chiara Pignatelli dell’allenatore Michele Manelli (nella cui scuderia milita anche Andrea Cito) ha centrato la vittoria con 20/25 davanti alla friulana Veronica Zambon (18) e a un’altra pugliese: Carlotta Parrotto (13). Nello Skeet è stato invece Andrea Lapucci a vincere tra gli Juniores. Il toscano ha totalizza-

Tra le Giovani Speranze del comparto maschile del Trap ha vinto Marco Teodori davanti a Cosimo e Pasquale Salinaro

Tra le Giovani Speranze del comparto femminile della Fossa Olimpica è stata Gloria Labemano a vincere davanti a Sara Carrozzo e Maria Renzi

13 | 545 546


to 52/60 e per due lunghezze ha costretto alla medaglia d’argento Aniello Trinchese. La medaglia di bronzo è andata a Matteo Cussigh, autore di 41/50. Le Juniores dello Skeet hanno avuto ancora una volta la loro protagonista in Giada Longhi. La reatina di Roccaranieri ha composto un luminoso 51/60 e ha regolato Giulia Basso che ha meritato l’argento con 42. Con 33/50 si è assicurata il bronzo Damiana Paolacci. Tra gli Allievi un solido 24/25 ha fruttato la vittoria a Gianmarco Tuzi che ha preceduto di misura Giovanni Riccardi e Manuel Marelli: lo shoot-off successivo ha assegnato l’argento al campano Riccardi che ha regolato Marelli per 8 a 7. La pugliese Giuliana Lippolis ha meritato la medaglia d’oro nella gara delle Giovani Speranze, mentre Marco Coco con 20/25 ha vinto tra gli Esordienti davanti al 19 di Riccardo Pagnotta e al 18 di Erik Candotti.

Tra le Esordienti del Trap Chiara Pignatelli ha vinto davanti a Veronica Zambon e a Carlotta Parrotto

I medagliati della Puglia celebrano la vittoria nel medagliere del Gran Premio con il Presidente federale Luciano Rossi

Tra le Juniores dello Skeet ha vinto Giada Longhi davanti a Giulia Basso e Damiana Paolacci

14 | 545 546


15 | 545 546


sporting

CAMPORESE E SOLDANI SUL TRONO D’EUROPA Al Campionato europeo di Sporting in Ungheria il padovano è la star del comparto under 20 e l’aretino svetta tra i Senior Camporese superstar agli Europei di Sporting in Ungheria: è infatti il giovane specialista padovano il protagonista del confronto continentale sulle pedane di Gánt. Con 179/200 Cristian si è impossessato autorevolmente della vetta della graduatoria degli Juniores e si è aggiudicato il titolo europeo stagionale con sette lunghezze di vantaggio sull’inseguitore più vivace: l’inglese William Fenner. La medaglia di bronzo è andata al francese Adrien Lelodet con 171. La prova stellare di Cristian Camporese ha trainato alla conquista del secondo posto la formazione tricolore under 20 completata nell’occasione da Cristian Morbidelli e Nicolò Meniconi. Con 488/600 gli azzurrini del coach Veniero Spada sono stati preceduti soltanti dai formidabili coetanei della Gran Bretagna che si sono assicurati il titolo stagionale con 498. Ma il confronto europeo ungherese ha rappresentato una luminosa passerella anche per Gabriele Soldani: il Senior toscano ha infatti artigliato la medaglia d’oro individuale e quella a squadre con la collaborazione degli esperti Claudio Moretti e Mauro Bosi. Nel concorso individuale un solido 180/200 ha fruttato al Senior aretino una vittoria cristallina: Gabriele Sol-

Cristian Camporese si è laureato campione d’Europa di Sporting davanti all’inglese William Fenner e al francese Adrien Lelodet

Gabriele Soldani è il campione d’Europa dei Senior: il toscano ha preceduto l’inglese Martin Papworth e lo spagnolo Rafael Garcia Rodrigo

16 | 545 546


Cristian Camporese, Cristian Morbidelli e Nicolò Meniconi hanno conquistato la medaglia d’argento a squadre

dani ha infatti preceduto di una lunghezza l’inglese Martin Papworth e di quattro lo spagnolo Rafael Garcia Rodrigo. Con 512/600 Soldani, Bosi e Moretti hanno poi conquistato anche la vetta della classifica a squadre: l’Italia dei Senior ha preceduto la Gran Bretagna (502) e la Francia (481). Nella gara ungherese che ha visto svettare i britannici Mark Winser (191/200) nella gara Open e Cheryl Hall (179/200) nella graduatoria Ladies, l’Italia di Veniero Spada ha centrato peraltro altre medaglie importanti. Nella gara a squadre dei Men gli azzurri Samuele Sacripanti, Davide Gasparini, Michael Spada e Filippo Boldrini hanno conquistato il bronzo con 713/800 alle spalle della Francia (731) e della Gran Bretagna (715). Enzo Gibellini si è laureato campione d’Europa indi-

viduale dei Master: lo specialista piemontese ha composto il punteggio di 159/200 e sul podio di Gánt ha preceduto l’americano John Hackethorn e Ottorino Rovetta. Con 460/600 Giancarlo Ciofini, Ferruccio Morelli e Giovanni Zamboni si sono classificati al terzo posto nel concorso a squadre dei Veterani che ha visto la Gran Bretagna (503) davanti alla Francia (468).

Gabriele Soldani, Mauro Bosi e Claudio Moretti hanno vinto il titolo a squadre dei Senior davanti a Gran Bretagna e Francia

17 | 545 546


elica & compak

ANTOLOGIA DEL WEEKEND TIRAVOLISTICO Nel Compak sulle pedane di Agna il team di Foligno ha conquistato la Coppa dei Campioni e la formazione di Vetralla si è impossessata della Coppa Italia, mentre alla Falco la terza prova del circuito di Elica ha premiato Stefano Montagna È stato decisamente un weekend denso di avvenimenti tiravolistici quello appena trascorso. Sulle pedane di Agna si è celebrato il confronto valido per l’assegnazione della Coppa Italia per le formazioni composte da tiratori di Terza categoria e della Coppa dei Campioni di Compak. Nel primo caso ha vinto il team di Vetralla: Stefano Piccaro, Michele Turini e Marco Iazzoni hanno totalizzato 268/300 e si sono assicurati il primato nei confronti delle altre diciassette formazioni in lizza. Il secondo posto è stato appannaggio dei toscani de La Querce: Gabriele Melani, Francesco Oulianella e Andrea Risi hanno totalizza-

La squadra di Foligno ha vinto la Coppa dei Campioni di Compak davanti alle formazioni di Vetralla

La squadra di Vetralla ha vinto la Coppa Italia di Compak precedendo Le Querce e Vecio Piave

18 | 545 546


to 259 e hanno preceduto di otto lunghezze i portacolori del Vecio Piave: Pierfrancesco Perdon, Angelo Carrer e Fabio Muner. Nella sfida valida per l’assegnazione della Coppa dei Campioni è stata invece la formazione di Foligno a conquistare la vetta. Grazie alla prova stellare di Daniele Valeri e alle ottime prestazioni di Francesco Bordoni e Luca Lugliolini, la squadra umbra si è aggiudicata il trofeo con il totale di 278/300. Le piazze d’onore sono andate alle due formazioni di Vetralla: Manrico Sani, Gabriele Tintisona e e Mirko Del Grosso hanno totalizzato 272 come il team di Enrico De Tomasi, Giorgio Sata e Stefano Fedeli ma si sono aggiudicati la medaglia d’argento per la miglior serie sul campo di riferimento. Le pedane del Tav Falco hanno fatto invece da palcoscenico alla terza prova del circuito nazionale di Elica. Il marchigiano Stefano Montagna ha vinto nella graduatoria open. Il tiratore pesarese di Monte Cerignone ha totalizzato 15/15 come Alessandro Guidi e Fabio Parisi, ma nel successivo barrage ha regolato gli avversari nel giro di sei bersagli. Il toscano Guidi si è aggiudicato l’argento e il capitolino Parisi il bronzo. Vittoria ai rigori anche in ambito femminile. Sia Franca Rota che Paola Tattini hanno concluso con dodici eliche all’attivo e soltanto lo spareggio ha eletto vincitrice la bergamasca Rota per 1 a 0. Sul terzo gradino del podio è salita Federica De Mattia, autrice di dieci centri. Tra gli under 20 ha vinto Giantonio Ilacqua: il messinese ha composto un perfetto 15/15 e sul podio casertano ha preceduto Manuele Pirazzoli (14) e Andrea Ludovisi (10). Valerio Benedetti ha vinto tra i Senior, Cristiano Forte tra i Veterani e Emilio Scaravelli tra i Master. Tra le formazioni ha vinto il Tav Lazio: Fabio Parisi, Antonio Fontana, Valerio Benedetti, Andrea Citracca, Carlo Tarchini e Stefano Antimi hanno totalizzato 82/90 e hanno preceduto di misura Le Cascine.

Stefano Montagna ha vinto la gara open di Elica alla terza prova del Campionato italiano alla Falco davanti a Alessandro Guidi e Fabio Parisi

Alla Falco tra le Ladies Franca Rota si è impossessata della vittoria davanti a Paola Tattini e Federica De Mattia

Tra gli under 20 dell’Elica Giantonio Ilacqua si è imposto su Manuele Pirazzoli e Andrea Ludovisi

19 | 545 546


Profile for Federazione Italiana Tiro a Volo

IL TIRO A VOLO 545 546  

Il Magazine della Federazione Italiana Tiro a Volo

IL TIRO A VOLO 545 546  

Il Magazine della Federazione Italiana Tiro a Volo

Advertisement