Issuu on Google+

stampato 10/ 2011 - progetto: Studio Giano di Fabrizio Pensa - Roma

Via del Poggio Laurentino, 11 - 00144 Roma Tel. 06 99 69 57 9 - Fax 06 59 19 955 unire@associazione-unire.org www.associazione-unire.org


L’ASSOCIAZIONE

GLI OBIETTIVI

LE ATTIVITA’

UNIRE, Unione Nazionale Imprese Recupero rappresenta a livello nazionale le imprese che gestiscono attività di recupero e riciclaggio dei rifiuti.

Apertura e liberalizzazione del mercato dei servizi ambientali che in alcuni settori soffre ancora di situazioni di privilegio a favore dell’operatore pubblico.

L’Associazione:

L’Associazione è stata costituita nel 2004 dalle imprese precedentemente inquadrate nel Settore Recupero di FISE Assoambiente, come risposta all’esigenza di una maggiore identificazione di un comparto fortemente articolato in filiere merceologiche e con presenza diffusa sul territorio.

Sviluppo delle applicazioni dei materiali recuperati e creazione, per questi ultimi, di nuovi sbocchi di mercato (specialmente tramite il green procurement pubblico e privato), attraverso la standardizzazione e il miglioramento qualitativo di tali materiali.

Il carattere trasversale dell’Associazione consente di sviluppare progetti integrati che necessitano del concorso e della collaborazione dei Settori del recupero associati. Tra le esperienze in corso, l’ottimizzazione del recupero nella filiera del fine vita auto e lo sviluppo dei mercati per i prodotti provenienti dal riciclo dei pneumatici, dei rifiuti elettrici ed elettronici e di quelli da costruzione e demolizione. L’obiettivo è quello di integrare le diverse filiere promuovendo sinergie per affrontare le comuni problematiche poste dall’attuale situazione di mercato e da un quadro normativo per certi versi critico e privo del necessario approccio sistemico.

Qualificazione delle imprese e dei processi di recupero e promozione dei controlli necessari a contrastare i traffici illeciti e le attività abusive, che si pongono in concorrenza sleale con quelle in regola. Rafforzamento della responsabilità dei produttori dei beni per le attività di gestione dei relativi rifiuti. UNIRE mira a far sì che le istanze del riciclo e la rappresentanza dei riciclatori abbiano il peso adeguato nelle scelte e nelle politiche governative, degli organismi e dei sistemi di gestione dei rifiuti, in coerenza con i principi e le indicazioni comunitarie, come il principio “chi inquina paga”, quello della responsabilità del produttore dei beni e la gerarchia delle forme di gestione, che vede il riciclaggio come prioritario rispetto all’incenerimento ed alla discarica.

Per conoscere le specifiche attività e modalità di

Rappresenta e tutela gli interessi degli Associati in materia di legislazione e politica ambientale ed industriale presso le Istituzioni e gli organismi politici, tecnici ed economici, sia nazionali che europei. Assicura, tramite il sito istituzionale, una puntuale informazione sulle tematiche di interesse del settore e sviluppa iniziative mirate, promuovendo incontri e seminari, gruppi di lavoro interni e interassociativi, anche per la definizione di documenti di posizione e proposte. Assiste le imprese associate nella risoluzione di problematiche di interesse generale, anche a livello locale, inerenti l’applicazione delle normative ambientali. Elabora studi e analisi di mercato: in particolare, UNIRE con la Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile (di cui è socio fondatore), elabora il Rapporto annuale “L’Italia del Riciclo”.

I SETTORI Le imprese UNIRE svolgono attività di: Raccolta, trasporto e recupero di rifiuti destinati al recupero e riciclaggio. Selezione, cernita, riduzione volumetrica, trattamenti per la valorizzazione dei rifiuti e per l’ottenimento di materiali e prodotti. Stoccaggio, servizi connessi e commercializzazione dei materiali e prodotti ottenuti.

È presente nelle fiere e manifestazioni più rilevanti per i diversi comparti del recupero, organizzando e partecipando a convegni e seminari su argomenti di forte attualità.

I comparti del recupero rappresentati sono inquadrabili in tre aree:

A livello europeo e internazionale, partecipa, direttamente o tramite i Settori associati, ai lavori di:

GMR (vetro) SARA (acciaio) UNIONMACERI (carta e cartone)

• FEAD (Federazione europea per la Gestione dei Rifiuti e dei Servizi Ambientali). • BIR (Bureau of international recycling), • ERPA (Associazione europea per il recupero della carta) tramite UNIONMACERI • FERVER (Associazione europea per il recupero del vetro) tramite GMR. • EERA (Associazione dei riciclatori di rifiuti elettronici) attraverso imprese ASSORAEE.

Materiali di imballaggi

Ciclo dell’auto ASSODEM (demolitori di autoveicoli) AIRA (frantumatori di autoveicoli) UNIRIGOM (pneumatici fuori uso) Altri prodotti e materiali a fine vita ASSORAEE (rifiuti elettrici ed elettronici) ANPAR (aggregati riciclati) CONAU (abiti e accessori usati)

adesione relative a ciascuna Associazione di Settore www.associazione-unire.org


L’ASSOCIAZIONE

GLI OBIETTIVI

LE ATTIVITA’

UNIRE, Unione Nazionale Imprese Recupero rappresenta a livello nazionale le imprese che gestiscono attività di recupero e riciclaggio dei rifiuti.

Apertura e liberalizzazione del mercato dei servizi ambientali che in alcuni settori soffre ancora di situazioni di privilegio a favore dell’operatore pubblico.

L’Associazione:

L’Associazione è stata costituita nel 2004 dalle imprese precedentemente inquadrate nel Settore Recupero di FISE Assoambiente, come risposta all’esigenza di una maggiore identificazione di un comparto fortemente articolato in filiere merceologiche e con presenza diffusa sul territorio.

Sviluppo delle applicazioni dei materiali recuperati e creazione, per questi ultimi, di nuovi sbocchi di mercato (specialmente tramite il green procurement pubblico e privato), attraverso la standardizzazione e il miglioramento qualitativo di tali materiali.

Il carattere trasversale dell’Associazione consente di sviluppare progetti integrati che necessitano del concorso e della collaborazione dei Settori del recupero associati. Tra le esperienze in corso, l’ottimizzazione del recupero nella filiera del fine vita auto e lo sviluppo dei mercati per i prodotti provenienti dal riciclo dei pneumatici, dei rifiuti elettrici ed elettronici e di quelli da costruzione e demolizione. L’obiettivo è quello di integrare le diverse filiere promuovendo sinergie per affrontare le comuni problematiche poste dall’attuale situazione di mercato e da un quadro normativo per certi versi critico e privo del necessario approccio sistemico.

Qualificazione delle imprese e dei processi di recupero e promozione dei controlli necessari a contrastare i traffici illeciti e le attività abusive, che si pongono in concorrenza sleale con quelle in regola. Rafforzamento della responsabilità dei produttori dei beni per le attività di gestione dei relativi rifiuti. UNIRE mira a far sì che le istanze del riciclo e la rappresentanza dei riciclatori abbiano il peso adeguato nelle scelte e nelle politiche governative, degli organismi e dei sistemi di gestione dei rifiuti, in coerenza con i principi e le indicazioni comunitarie, come il principio “chi inquina paga”, quello della responsabilità del produttore dei beni e la gerarchia delle forme di gestione, che vede il riciclaggio come prioritario rispetto all’incenerimento ed alla discarica.

Per conoscere le specifiche attività e modalità di

Rappresenta e tutela gli interessi degli Associati in materia di legislazione e politica ambientale ed industriale presso le Istituzioni e gli organismi politici, tecnici ed economici, sia nazionali che europei. Assicura, tramite il sito istituzionale, una puntuale informazione sulle tematiche di interesse del settore e sviluppa iniziative mirate, promuovendo incontri e seminari, gruppi di lavoro interni e interassociativi, anche per la definizione di documenti di posizione e proposte. Assiste le imprese associate nella risoluzione di problematiche di interesse generale, anche a livello locale, inerenti l’applicazione delle normative ambientali. Elabora studi e analisi di mercato: in particolare, UNIRE con la Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile (di cui è socio fondatore), elabora il Rapporto annuale “L’Italia del Riciclo”.

I SETTORI Le imprese UNIRE svolgono attività di: Raccolta, trasporto e recupero di rifiuti destinati al recupero e riciclaggio. Selezione, cernita, riduzione volumetrica, trattamenti per la valorizzazione dei rifiuti e per l’ottenimento di materiali e prodotti. Stoccaggio, servizi connessi e commercializzazione dei materiali e prodotti ottenuti.

È presente nelle fiere e manifestazioni più rilevanti per i diversi comparti del recupero, organizzando e partecipando a convegni e seminari su argomenti di forte attualità.

I comparti del recupero rappresentati sono inquadrabili in tre aree:

A livello europeo e internazionale, partecipa, direttamente o tramite i Settori associati, ai lavori di:

GMR (vetro) SARA (acciaio) UNIONMACERI (carta e cartone)

• FEAD (Federazione europea per la Gestione dei Rifiuti e dei Servizi Ambientali). • BIR (Bureau of international recycling), • ERPA (Associazione europea per il recupero della carta) tramite UNIONMACERI • FERVER (Associazione europea per il recupero del vetro) tramite GMR. • EERA (Associazione dei riciclatori di rifiuti elettronici) attraverso imprese ASSORAEE.

Materiali di imballaggi

Ciclo dell’auto ASSODEM (demolitori di autoveicoli) AIRA (frantumatori di autoveicoli) UNIRIGOM (pneumatici fuori uso) Altri prodotti e materiali a fine vita ASSORAEE (rifiuti elettrici ed elettronici) ANPAR (aggregati riciclati) CONAU (abiti e accessori usati)

adesione relative a ciascuna Associazione di Settore www.associazione-unire.org


stampato 10/ 2011 - progetto: Studio Giano di Fabrizio Pensa - Roma

Via del Poggio Laurentino, 11 - 00144 Roma Tel. 06 99 69 57 9 - Fax 06 59 19 955 unire@associazione-unire.org www.associazione-unire.org


fise unire