Page 1

MAR-APR 2012

L'ALLEGRO

SCOUT

IN QUESTO NUMERO ...cene home-made, gite e gitine, campetti e sospiri di primavera, giochi, quiz, barze e molto altro... Buona lettura!

Direttore Redazione:Davide Casper Zini // Redattori:Pietro Galuppo, Andrea Bascapè, Giò di Maggio // Direttrice giochi:Maria Zini // Direttore Responsabile:Pepe Calcagno // Coordinatore Grafico:Fnz // Fondatore e Santo Patrono:Andrea Beneggi // Collaboratori di questo numero: Martina Capoccelli, Anna Govi, Maria&Riccardo Zini // Scriveteci a: allegroscout.aggs@gmail.com

ORGANO UFFICIALE DEL REPARTO SCOUT A.G.G.S. NOVATE 1


Editoriale

Gite coi fiocchi

Buongiorno, Buon pomeriggio, Buonasera, Buonanotte... insomma ciao! Come in tutti i numeri c’è, bene o male, l’editoriale. Vi rompo sempre le scatole con gli articoli, ma in ogni possibile risposta che potreste dare alla mail, non ci arriva mai un cavolo! Su, Su... non è difficile, basta che aprite la casella di posta di vostra madre e scrivete all’allegroscout la vostra risposta al possibile quesito proposto. In questo numero ci sono molte novità: oltre a gite e campetti, abbiamo un canale interviste, non mancano certo i giochi... rimaniamo in attesa del tanto desiderato “Angolo dei Capi” Ringraziamo oltre a Maria Zini e Anna Govi, il nostro amico scout Samuele Rovelli degli scout. Ciao, a presto. Davide “Casper” Zini

La gita a Spina Verde si potrebbe definire una gita con i fiocchi, a parte il caldo infernale (sembrava di stare ai Caraibi). Dopo la Messa, in cui tutti i ragazzi del posto ci guardavano in modo strano (chissà perchè poi...) ci siamo incamminati fino a Spina Verde Dopo un piccolo tragitto siamo arrivati in un prato verde e spinoso (verrà da qui il nome del posto?) che molti conoscevano già, compresa me, e senza contare che stavamo morendo di fame, ci siamo divisi in 4 squadre fatte dalla mitica Ferao e abbiamo giocato a bandiera quadrata. Ovviamente i capi lupi (Akela in particolare) ci hanno massacrato con assurde posizioni, comprese quelle della mascotte e della “spazzola”. Pranzo abbastanza tranquillo con i soliti capi “che chiedevano l’ elemosina.” La prossima volta portiamo dei panini in più !!!! Il gioco più impegnativo è stato il penultimo, dovevamo leggere i numeri o le lettere che lupi e cocci avevano in testa, noi ci aspettavamo le solite terribili penitenze da parte dei capi per avere un numero nuovo ma per fortuna a me non è mai servito! Qualcuno me le sa descrivere? A fine giornata ci siamo incamminati verso la stazione e il treno era pieno come non so che cosa, ma con un pò di spintoni e proteste da parte dei vecchietti ci siamo ”seduti” anche se un po’ schiacciati. Quando siamo scesi dal treno, che sembrava un formicaio, una grande sorpresa attendeva noi cocci.... LA MAGLIA ROSSA che quel giorno per la prima volta fu data alla Betta (Elisabetta Sacerdote). Per altro i lupi non ce l’avevano perchè era stata dimenticata a casa. Martina Capoccelli

l’intervista In questo nuovo numero di allegro scout abbiamo un nuovo canale interviste... per iniziare faremo un’ intervista a Paolo Maggioni (mio papà e ex-Akela) Come ti sentivi quando avevi lasciato gli scout? Ero triste perchè dovevo lasciare un luogo che mi aiutava a diventare grande, ma ero anche contento poiché quello che lasciavo era una possibilità, come potrà esserlo per chi verrà dopo di me. Come incoraggiavi i tuoi lupetti? Incoraggiavo i miei lupetti dicendo di non avere paura di far fatica, anche se i giochi a volte non piacevano a tutti. Quanti capi eravate? Che lupi o cocci c’erano che adesso sono capi o ex-capi? Eravamo tre capi: Akela, Baghera e Kaa. Di lupi/ cocci c’erano il vostro caro ex-Akela Giacomo Finotto, Franci Finoz, Arcanda o Tissi, e altri che non sto a elencare ora. Eravate tanti? In confronto ad adesso no, ma eravamo una cinquantina. Gio di Maggio

Lupi&cocci l’annuncio Quest’ anno ci stanno raccontando la Storia Infinita. Parla di questo ragazzo di nome Bastiano che ruba un libro e leggendolo è come se si immedesimasse nel libro stesso conoscendo Atreiu e tanti altri personaggi. Fantasia, il regno dove vive Atreiu, è stato invaso dal nulla. Infanta, l’Imperatrice di Fantasia è malata e chiede ad Atreiu di andare dall’oracolo. L’Oracolo è una voce che da consigli. Atreiu parte in missione per trovare l’Oracolo. Ad un certo punto incontra Le Molte, un mostro che assomiglia a un ragno, che ha intrappolato nella sua rete un Drago Della Fortuna. Il ragno dice che per liberare il Drago, Atreiu deve lasciarsi pungere. Dopo la puntura si ritrova insieme al drago in un deserto dove incontra i Bisolitari, che li curano. Atreiu deve superare 3 prove per arrivare dall’Oracolo. In una delle prove Atreiu si vede specchiato come è lui veramente. L’immagine nello specchio è Bastiano che legge il libro, e Bastiano si stupisce di essere nel libro. Gli effetti collaterali della prova sono la perdita della memoria di Atreiu e del motivo per cui era lì. Dopo la terza porta


sente una voce che dice di essere l’Oracolo e gli fa tornare la memoria. Gli dice che l’unico modo per salvare l’Infanta Imperatrice è far sì che un terrestre le dia un nuovo nome. Atreiu riprende il viaggio e insieme al Drago Della Fortuna sale fino alla torre d’avorio che è il palazzo dell’Imperatrice. Atreiu sfinito dal viaggio viene portato in infermeria. L’imperatrice viene portata dai quattro spiriti, che erano le sue guardie, dal vecchio custode di Fantasia. Infanta è bloccata nel palazzo del vecchio custode, non può più uscire. La storia continua a ripetersi e il vecchio custode inizia a rileggere la storia ricominciando da capo tutte le volte che arrivava a questo punto. Bastiano decide di entrare nel libro: “Fiordiluna arrivo!” grida e entra nel libro. Il nulla aveva distrutto ormai tutto tranne un granello di sabbia. Bastiano si ritrova nel nulla, chiama Infanta che gli da il granello di sabbia, dicendogli che da quel semino poteva ricostruire Fantasia. “Vorrei qualcosa di più vivo” dice Bastiano e inizia a crescere una foresta di notte la quale diventa un deserto durante il giorno. Bastiano diventa il principe di Fantasia, incontra il leone Morte Multicolore (camaleone per i lupi) che lo ospita a casa sua. Bastiano entra nella camera delle porte e capisce di desiderare d’incontrare Atreiu, passando attraverso la porta magica del vero desiderio si ritrova nella città di Amarganta. Incontra tre cavalieri che stavano cercando colui che avrebbe salvato Fantasia senza sapere di averlo davanti. I cavalieri e Bastiano partecipano al torneo il cui vincitore sarebbe diventato sposo della principessa Bogdana (nome inventato da Kaa). Il cavaliere Inrico vince tutte le gare, Bastiano lo sfida in tre prove: forza, resistenza e coraggio. Bastiano inventa la storia di Amarganta e mentre la racconta agli abitanti essa diventa reale. Così lui continua così a costruire Fantasia. Dopo tante avventure ritrova Atreiu. Bastiano incontra gli Eterni Piangenti che piangevano perchè erano brutti e volevano essere belli. Bastiano li fa diventare le creature più belle di Fantasia. Si trasformano in farfalle bellissime ma iniziano a fare cose brutte... alla prossima puntata)

iniziammo a giocare a calcio su un campo munito addirittura di porte. Al soggiorno non mancava nulla, le camere erano ottime, come la cucina tipica scout: Polenta e Spezzatino con aggiunta di salame e gorgonzola. La sera allo spettacolo pensarono le stelle, ma purtroppo il bivacco non si potè fare, colpa della legna ancora troppo verde. Quindi la serata si svolse in casa ma il divertimento non mancò. La mattina successiva dovemmo lasciare la casa molto presto. Raggiunti dal Franci Finotto ci dirigemmo verso Bobbio. Questa città con strutture generalmente medievali è stato il luogo di morte del monaco San Colombano, viandante per l’Europa. Originario dell’Irlanda, Colombano si fece monaco e partì per

Anna Govi, Giovanni Maggioni, Martina Capocelli, Maria Zini, Riccardo Zini

Campetto di inizio Primavera Un tranquillo weekend da paura... Un sabato noi scout e guide (sono importanti anche loro), in compagnia dei loro capi partimmo in macchina alla volta di Pianello Val Tidone. Il viaggio fu lungo e tortuoso, tanto che gli ultimi a partire arrivarono per primi per ragioni ancora ignote. Arrivati date le stanze,

l’Europa, allora decadente per le continue invasioni barbariche. A Bobbio prendemmo messa nella cripta dove si trova la tomba del santo. Poi un’amica di Francesco ci fece fare un giro per le meravigliose chiese della città, spiegandoci i particolari di esse. Mangiammo in riva al fiume Trebbia, e poi il super giocone: CANNETTE!! Ovvero arrivare alla base avversaria senza essere presi, giocare a scalpo e riportare la bandiera nella propria base. Dopo il gioco tornati nelle proprie macchine ritornammo a casa. Pietro Galuppo


Un’opera Il 28 aprile scout e guide hanno organizzato una cena con lo scopo di raccogliere fonti da devolvere ad AVSI. Qualche commento a bruciapelo... Ribuongiorno, allegroscoutlettori. Volevo raccontarvi un po’ come ho vissuto la cena per AVSI. Devo dire la verità, all’inizio ero un po’ agitato e non riuscivo quasi a dormire di notte. Quando sono arrivato, in ritardo, (tempismo classico Zini) avevo già il lavoro davanti... che rottura! Ma tra una piadina e l’altra mi rendevo conto che quello che facevo era per qualcun altro. Mi divertivo anche a farlo, magari molto, (battute demenziali sullo strutto) ma l’aiutare qualcuno bisognoso mi aveva portato lì. Aiutare quei bisognosi rimane comunque nel desiderio dell’uomo, e ti spinge ancora di più nel lavoro. Non so gli altri scout/guide cosa abbiano fatto, ma io non sono stato fermo un attimo sabato, ma mi sono goduto le piadine mezze bruciate in eccesso appena scottate, e senza sale. (non faccio i nomi ma chi si sente chiamato in causa faccia corsi di cucina!!! anche io) Devo dire che mi ha colpito il ricavo generale, e mi sentivo un po’ coinvolto nel ricavo stesso, ed ero molto fiero. (mesi di niente giochi sono serviti!) Comunque ho vinto un abbraccio dalla Brigid. (!?!?!!!) er Director

P.S. Per chi non sa cos’è lo strutto...definizione: grasso animale e basta. Fa molto schifo e provoca incubi e esaurimento nervoso a Zini, E’ molto gradito, invece, da Galuppo.

Zvaghi

Un solo commento: la cena è stata fantastica! Come dovreste sapere noi scout e guide è da un po’ di settimane che prepariamo una cena di beneficenza in favore di AVSI. L’idea è partita da un’esperienza che alcuni dei nostri amici (Pippo, Fiamma, Gio,..) hanno già fatto e che li ha affascinati e colpiti. Così ci siamo organizzati sabato per sabato. Ora non voglio fare una telecronaca di quello che è accaduto, non starebbe in un solo numero, arriviamo direttamente a sabato 28, giorno della cena. Ci siamo ritrovati a fare da mangiare per 150-160 persone, non io in particolare però, ammetto che ero un pochino spaventato, e dovevamo apparecchiare alla romagnola, tema della serata, per altrettante persone. Addirittura io che ho apparecchiato non mi aspettavo una tale bellezza all’ora fatidica, ed è filato tutto liscio, non come l’olio ( questa è una metafora poetica, per gli ignoranti ), ma liscio. Alla fine ogni mia piccola aspettativa di terrore è stata ribaltata, ed è meglio così. Pietro il Gaglioffo Caro Direttore dell’Allegro Scout, volevo ringraziare, per tuo tramite, tutti gli scout e le guide che hanno voluto e permesso con il loro impegno l’organizzazione della cena di sabato sera. E’ stata per me, ma son certo anche per tutti gli altri invitati un’occasione preziosa per conoscere o risentirsi dire di AVSI, ma anche di vedere una compagnia di amici (quella del nostro Reparto) all’opera per costruire un segno di speranza per se e per tutto il mondo. Ancora grazie!!!!! dal “nonno scout” CF

Indovina chi Puntata 3: chi è costei?! In palio i premi per chi riuscirà ad indovinare cosa è l’oggetto in centro e di che cosa fa parte. Inviate la risposta e il vostro nome e cognome alla mail allegroscout.aggs@gmail.com ECCO A VOI I megasuperextrastrasupergiga premi!

Le strabarze

Sodukino

1° persona che riuscirà: UNO SCOUT PAD!!!! 2° persona che riuscirà: UN PORTAPROMESSA BY ZINI 3° persona che vincerà: una maglietta scout del 2003... ah no del 2004... insomma vecchia maglietta di reparto.

Che cosa fa un metallo in una trasmissione?..... Il conduttore!!! Qual è il colmo x un ingegnere?... Non riuscire a progettare il ponte x il fine settimana!!! Chiudi la porta: fuori fa freddo!!! Perchè, se chiudo la porta credi che fuori faccia più caldo?!?!?! Un cane esclama: brr ho la pelle d’ oca!!!!! Un oca di rimando...: già fa un freddo cane!!!! Un fantasma domanda a un amico anche lui fantasma: vedi quanta neve secondo te dobbiamo mettere catene!?!?! Soldato!! Cosa fai con tutta quella colla??? Il soldato: attacco il nemico!

allegro scout - marzo/aprile 2012  

allegro scout - marzo/aprile 2012

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you