Page 1

MOTOFINARTE BERGAMO, 25 MARZO 2018


MOTOFINARTE

ASTA DI MOTOCICLETTE, SCOOTER E MOTOBICICLETTE DALL’INIZIO DEL SECOLO SCORSO AD OGGI

ASTA Domenica 25 marzo 2018 ore 16.00 lotti 1 - 129 ESPOSIZIONE Da venerdì 23 a domenica 25 marzo 2018 venerdì - sabato ore 10.00 - 18.00 domenica ore 10.00- 15.00 Centro Congressi Papa Giovanni XXIII Viale Papa Giovanni XXIII, 106 - Bergamo


INFORMAZIONI SU QUESTA VENDITA PAGAMENTI LOTTI ACQUISTATI I pagamenti dei lotti acquistati potranno essere effettuati dal 26 al 29 marzo 2018 presso: CENTRO CONGRESSI GIOVANNI XXIII Viale Papa Giovanni XXIII, 106 24121 Bergamo Tel.: +39 02 36569104 A partire dal giorno 30 marzo 2018 presso la nostra sede: FINARTE SpA Via Brera, 8 20121 Milano Tel.: +39 02 36569102 Tel.: +39 02 36569108 Fax +39 02 36569109 RITIRI LOTTI ACQUISTATI I ritiri dei lotti acquistati potranno essere effettuati dal 26 al 29 marzo 2018 presso: CENTRO CONGRESSI GIOVANNI XXIII Viale Papa Giovanni XXIII, 106 24121 Bergamo Tel.: + 39 02 36569104 Il giorno 30 marzo 2018 non sarà possibile effettuare il ritiro poiché i lotti verranno movimentati. A partire dal giorno 2 aprile 2018 saranno addebitate per ciascun lotto le spese qui sotto riportate e il ritiro dovrà essere effettuato, previo appuntamento, presso: Noci Motor Classic Via Sabbiata, 15 Robecco D’Oglio (CR). Tel. +39 03 72921641 info@nocimotorclassic.com MOVIMENTAZIONE € 25 + iva DEPOSITO : € 60 + iva il primo mese; € 30 + iva mesi successivi

COMMISSIONI D’ACQUISTO OFFERTE TELEFONICHE / Grazia Besana Tel.: +39 02 36569104 Fax +39 02 36569109 g.besana@finarte.it Le offerte telefoniche dovranno pervenire entro le 24 ore prima dell’inizio dell’asta

MARKETING E COMUNICAZIONE Chiara Giulia De Leo Tel +39 02 36569107 Fax +39 02 36569109 c.deleo@finarte.it

CENTRALINO Tel.: +39 02 36569100

AMMINISTRAZIONE COMPRATORI E VENDITORI Sara Cremonesi Tel.: +39 02 36569102 s.cremonesi@finarte.it Milena Pellizzoni Tel.: +39 02 36569108 m.pellizzoni@finarte.it Fax +39 02 36569109

SPEDIZIONI ED ESPORTAZIONI Grazia Besana Tel.: +39 02 36569104 Fax +39 02 36569109 g.besana@finarte.it

CONDITION REPORT Edoardo Baj Macario Tel.: +39 02 36569104 automotive@finarte.it

CATALOGO Progetto grafico Samuele Menin © Fotografie Edoardo Baj Macario, Milano Stampa Ediprima, Piacenza Si ringraziano Carlo Vaccari, Enrico Ferrari, Benito Battilani, Chiara De Leo e Sara Todeschini per la gentile collaborazione. Si ringraziano Giacomo Agostini, Massimo Baldi, Carlo Bergamo, Andrea Gatti e Federico Fiecconi per l’amichevole accoglienza a Bergamo.


DIPARTIMENTO DI AUTOMOTIVE Sandro Binelli Capo Dipartimento di Automotive tel +39 02 3656 9104 s.binelli@finarte.it

Edoardo Baj Macario Assistente di Automotive tel +39 02 3656 9104 fax +39 02 36569109 bajmacario.consulente@finarte.it


A distanza di 50 anni dalla sua prima asta di motociclette, automobili e automobilia Finarte ritorna nel mondo delle due e quattro ruote. Sono molto felice che quest’asta di motociclette si tenga a Bergamo e che la Collezione Migliazzi, dedicata soprattutto alle Rumi, frutto del duro lavoro di chi l’ha raccolta e amata, venga esposta nella sua terra natia. Da un punto di vista storico auspico che una cordata di imprenditori bergamaschi decida di acquistare l’intera collezione per farne un Museo a Bergamo. Ma oltre alle Rumi e alle altre moto della Collezione Migliazzi ci sono moltissime altre motociclette dagli inizi del secolo scorso agli anni ‘90. Sono 129 le moto che andranno all’incanto, prevalentemente dei gloriosi marchi italiani: moto rarissime e popolari, restaurate e da restaurare, moto da turismo e da corsa, scooter e motobiciclette, originali o elaborate. La stagione primaverile è appena iniziata e auguro a tutti i motociclisti di collezionare nuove moto e di usarle quanto più possibile. Sandro Binelli Capo Dipartimento Automotive, Finarte

50 years after its first motorcycles and classic cars auction Finarte returns to the world of two and four wheels. I am very happy that this motorcycle auction will be held in Bergamo and that the Migliazzi Collection, the result of the hard work of those who have collected and loved it and dedicated above all to the Rumi motorcycles, will be exhibited and auctioned in its homeland. From a historical point of view, I hope that a group of entrepreneurs from Bergamo decides to purchase the entire collection to make it a museum in Bergamo. In addition to the Rumi’s and the other Migliazzi’s bikes there are many other motorcycles from the beginning of XX Century to the 90s. The auction will feature 129 motorcycles, mainly of glorious Italian brands: very rare and popular motorcycles, restored and to be restored, from touring to racing bikes, from scooters to motorbikes, original or elaborated. The spring season has just begun, and I wish for all motorcyclists to be able to collect new bikes and use them as much as they please. Sandro Binelli Head of Automotive Department, Finarte

7


Fu Donnino Rumi, figlio del fondatore dell’azienda di famiglia, che si dedicò alla creazione di motociclette e scooter. La Rumi di Bergamo nacque come fonderia e produceva nell’anteguerra eliche e periscopi. Negli anni ‘20 Donnino Rumi prese le redini dell’azienda e affiancò alla produzione di macchinari alimentari, cinematografici e tessili, la costruzione di motori motociclistici, affidando il primo progetto del propulsore a Pietro Vassena nel 1948. L’anno successivo, assieme ad una piccola casa motociclistica milanese, la AMISA, creò la AMISA-Rumi 125 presentandola al 27º Salone di Milano. Visto il successo ottenuto al Salone e la scarsa capacità produttiva della AMISA, Rumi decise di costruire moto in proprio e iniziò la produzione nel 1949. Negli anni ‘50 l’azienda bergamasca si cimentò anche nel settore degli scooter con il Formichino e lo Scoiattolo. Tutte le attività cessarono nel 1962. Donnino, poi, si dedicò alla pittura e alla scultura sempre a Bergamo dove morì nel 1981.

Rumi’s Factory was founded at the beginning of the twentieth century and initially supplied cast components to the textile machinery industry and, during WWII armaments, periscopes and propellers. In the Twenties, Donnino Rumi, son of the founder, decided to implement the production of motorcycle engines alongside the original production, entrusting the first project of the engine to Pietro Vassena in 1948. The following year, together with AMISA, a small Milanese motorcycle company, Donnino produced the motorcycle known as AMISA-Rumi 125, presenting it at the 27th Milan show. In the wake of the incredible success obtained during the show, and considering AMISA’s low production capacity, in 1949, Rumi decided to start its own motorcycles production. During the Fifties, the Bergamo-based factory also began the production of scooters like the Formichino and the Scoiattolo. Unfortunately, the factory’s production ceased in 1962. In the aftermath, Donnino Rumi lived the rest of his life pursuing an artist and sculptor career. He died in Bergamo in 1981.

8


10


La collezione Migliazzi è il frutto di due appassionati motociclisti della provincia di Parma, Gianni Migliazzi e il fratello Sergio. Da giovane il rumore della Rumi 125 Turismo di suo padre lo rapì, facendo scattare in lui la scintilla per le moto. A sei anni iniziò a guidare moto di grossa cilindrata (Bianchi 500 e 250) per le strade del paese e venne pure fermato dalla polizia. La sera invece era solito aspettare suo padre che rincasava in sella alla sua Rumi, riconoscendo il rombo già a qualche km di distanza. A 18 anni perse un po’ di vista le moto in favore delle automobili, ma negli anni ‘70 ritornò la sua passione per le due ruote, complice l’arrivo delle maximoto giapponesi. Iniziò prima con le Kawasaki, ne acquistò nove, poi, si dedicò alle origini della passione: le Rumi. Le cercò in tutta Italia in ogni condizione e piuttosto che comperare modelli “dubbi” acquistò versioni che aveva già. Non si limitò alle Rumi, la passione era per tutte le moto. I modelli della collezione furono tutti restaurati da Gianni, che iniziò fin da giovanissimo a lavorare sul bicilindrico della Turismo del padre, aprendo e scrostando il motore a causa della miscela molto ricca che necessitano i motori Rumi. L’amicizia con il rivenditore parmense della Rumi gli permise di assimilare qualche trucchetto che appliccò sulle proprie motociclette. L’unica cosa che non eseguiva personalemente era il processo di verniciatura.

The Migliazzi collection was assembled during the years by a passionate motorcyclist based in a small town in the province of Parma in Italy: Gianni Migliazzi in collaboration with his brother Sergio. Since a very young age, Gianni, enraptured by the beauty of the sound of the engine of his father ’s motorcycle, developed a keen passion for the two-wheel world. At six years old he was already driving big-bikes (the Bianchi 500 and 250) in his small town, even stopped by the police for speeding. In the evenings, Gianni used to wait for his father, recognising in the distance the rumble of his Rumi’s engine. When he turned 18, Gianni lost sight of the bikes in favour of cars. In the ‘70s though, with the first appearance of Japanese maxi-bikes on the Italian and European markets, his passion for two-wheels world returned stronger than ever. He bought nine Kawasaki and then dedicated himself again to his first love: the Rumi’s bikes.He started his quest for Rumi’s motorcycles, which brought him to travel all over Italy and also to buy different types of bikes. His passion for motorcycles included the whole spectrum of Italian and international production of the XXI century. All the bikes in the Migliazzi collection were restored directly by Gianni, who personally fixed the engines thanks to his expertise and the help of a friend. Indeed, already at the very young age, he used clean his father’s bike twin-cylinder engine, scraping it from the fuel deposits. The only thing he never took care of was the painting process.

11


1 1951/52 RUMI 125 TURISMO NUM. TELAIO 3316 La Turismo fu la prima ad uscire dalla catena di montaggio Rumi (il prototipo era del 1949) e fu presentata nell’aprile 1950, poco dopo essere esposta a Bergamo alla Mostra del Ciclo e Motociclo. Le consegne al pubblico iniziarono in aprile, ad ottobre uscì una versione modificata nei colori, mentre a novembre, dello stesso anno, fu presentato una nuova versione migliorata sia nelle prestazione che nella ciclistica. La Turismo poteva essere fornita su richiesta, con un sidecar dell’azienda Durapid di Roma, il prezzo fu fissato in 198.000 Lire. La produzione cessò nel 1956. CARATTERISTICHE TECNICHE MARCA: RUMI MODELLO: 125 TURISMO ANNO: dal 1950 TIPO DI MOTORE: Bicilindrico a 2 tempi CILINDRATA: 124,68 cc POTENZA: 6 cv CAMBIO: a 3 marce The 125 Turismo was the first to leave the Rumi assembly line (the prototype was dated 1949) and was presented in April 1950. The deliveries began in April. In October a new version with modified colours came out, while in November of the same year, a new improved version was presented with a new frame. The Turismo could be provided on request, with a sidecar by the Roman company Durapid. The list price was set at 198,000 Lire. Production ceased in 1956. TECHNICAL FEATURES BRAND: RUMI MODEL: 125 TURISMO YEAR: since 1950 ENGINE TYPE: two-stroke, twin-cylinder with Dell’Orto MB 22A carburettor DISPLACEMENT: 124,68 cc POWER: 5,9 hp TRANSMISSION TYPE: 3-speed € 7.000 - 8.000

12


13


2 1950 RUMI 125 TURISMO La Turismo fu la prima ad uscire dalla catena di montaggio Rumi (il prototipo era del 1949) e fu presentata nell’aprile 1950, poco dopo essere esposta a Bergamo alla Mostra del Ciclo e Motociclo. Le consegne al pubblico iniziarono in aprile, ad ottobre uscì una versione modificata nei colori, mentre a novembre, dello stesso anno, fu presentato una nuova versione migliorata sia nelle prestazione che nella ciclistica. La Turismo poteva essere fornita su richiesta, con un sidecar dell’azienda Durapid di Roma, il prezzo fu fissato in 198.000 Lire. La produzione cessò nel 1956.

The 125 Turismo was the first to leave the Rumi assembly line (the prototype was dated 1949) and was presented in April 1950. The deliveries began in April. In October a new version with modified colours came out, while in November of the same year, a new improved version was presented with a new frame. The Turismo could be provided on request, with a sidecar by the Roman company Durapid. The list price was set at 198,000 Lire. Production ceased in 1956.

CARATTERISTICHE TECNICHE MARCA: RUMI MODELLO: 125 TURISMO ANNO: dal 1950 TIPO DI MOTORE: Bicilindrico a 2 tempi CILINDRATA: 124,68 cc POTENZA: 6 cv CAMBIO: a 3 marce

TECHNICAL FEATURES BRAND: RUMI MODEL: 125 TURISMO YEAR: since 1950 ENGINE TYPE: two-stroke, twin-cylinder with Dell’Orto MB 22A carburettor DISPLACEMENT: 124,68 cc POWER: 5,9 hp TRANSMISSION TYPE: 3-speed

€ 7.000 - 8.000

14


3 1954/1955 RUMI 125 TURISMO LUSSO NUM. TELAIO 15962 La Turismo fu la prima ad uscire dalla catena di montaggio Rumi (il prototipo era del 1949) e fu presentata nell’aprile 1950, poco dopo essere esposta a Bergamo alla Mostra del Ciclo e Motociclo. Le consegne al pubblico iniziarono in aprile, ad ottobre uscì una versione modificata nei colori, mentre a novembre, dello stesso anno, fu presentato una nuova versione migliorata sia nelle prestazione che nella ciclistica. Nel 1953 oltre alla Turismo venne inserita nei listini la Turismo Lusso con: nuovo motore, nuovo cambio e una nuova ciclistica. La Turismo poteva essere fornita su richiesta, con un sidecar dell’azienda Durapid di Roma, il prezzo fu fissato in 198.000 Lire. La produzione cessò nel 1956.

The 125 Turismo was the first to leave the Rumi assembly line (the prototype was dated 1949) and was presented in April 1950. The deliveries began in April. In October a new version with modified colours came out, while in November of the same year, a new improved version was presented with a new frame. The Turismo could be provided on request, with a sidecar by the Roman company Durapid. The list price was set at 198,000 Lire. Production ceased in 1956.

CARATTERISTICHE TECNICHE MARCA: RUMI MODELLO: 125 TURISMO LUSSO ANNO: 1954/55 TIPO DI MOTORE: Bicilindrico a 2 tempi CILINDRATA: 124,68 cc POTENZA: 6 cv CAMBIO: a 3 marce

TECHNICAL FEATURES BRAND: RUMI MODEL: 125 TURISMO LUSSO YEAR: 1954/55 ENGINE TYPE: two-stroke, twin-cylinder with Dell’Orto MB 22A carburettor DISPLACEMENT: 124,68 cc POWER: 5,9 hp TRANSIMISSION TYPE: 3-speed

€ 7.000 - 8.000


4 1951 RUMI 125 TURISMO NUM. TELAIO 2704 La Turismo fu la prima ad uscire dalla catena di montaggio Rumi (il prototipo era del 1949) e fu presentata nell’aprile 1950, poco dopo essere esposta a Bergamo alla Mostra del Ciclo e Motociclo. Le consegne al pubblico iniziarono in aprile, ad ottobre uscì una versione modificata nei colori, mentre a novembre, dello stesso anno, fu presentato una nuova versione migliorata sia nelle prestazione che nella ciclistica. La Turismo poteva essere fornita su richiesta, con un sidecar dell’azienda Durapid di Roma, il prezzo fu fissato in 198.000 Lire. La produzione cessò nel 1956. CARATTERISTICHE TECNICHE MARCA: RUMI MODELLO: 125 TURISMO ANNO: dal 1950 TIPO DI MOTORE: Bicilindrico a 2 tempi CILINDRATA: 124,68 cc POTENZA: 6 cv CAMBIO: a 3 marce The 125 Turismo was the first to leave the Rumi assembly line (the prototype was dated 1949) and was presented in April 1950. The deliveries began in April. In October a new version with modified colours came out, while in November of the same year, a new improved version was presented with a new frame. The Turismo could be provided on request, with a sidecar by the Roman company Durapid. The list price was set at 198,000 Lire. Production ceased in 1956. TECHNICAL FEATURES BRAND: RUMI MODEL: 125 TURISMO YEAR: since 1950 ENGINE TYPE: two-stroke, twin-cylinder with Dell’Orto MB 22A carburettor DISPLACEMENT: 124,68 cc POWER: 5,9 hp TRANSMISSION TYPE: 3-speed € 7.000 - 8.000

16


17


5 1955/56 RUMI 125 SUPER SPORT NUM. TELAIO 18329 La Sport fu senza dubbio il modello più rappresentativo e di maggior successo della produzione Rumi. La produzione iniziò alla fine del 1950 e venne presentato al pubblico nel 1951 alla Fiera Campionaria di Milano (EICMA). La sua linea inusuale con una elegante livrea e il rombo dei cilindri stupì un’intera generazione. Il propulsore appariva notevolmente migliorato e dotato di pistoni con un particolare deflettore, brevettato dalla Casa, che successivamente fu montato su tutti le Rumi. Nel 1953, 1955 e 1956 la Sport, viene migliorata modificando prima il carburatore poi il cambio e infine nella ciclistica: migliorando il molleggio posteriore e montando i cerchi in ferro Aimon. Il prezzo di listino era fissato a 235.000 Lire, la produzione cessò nel 1958. Equipaggiato con Serbatoio maggiorato da 18 litri. CARATTERISTICHE TECNICHE MARCA: RUMI MODELLO: 125 SUPER SPORT ANNO: 1955/56 TIPO DI MOTORE: Bicilindrico a 2 tempi con carburatore Dell’Orto MB 22A CILINDRATA: 124,68 cc POTENZA: 7 cv a 6.000 giri CAMBIO: a 4 marce The 125 Sport was undoubtedly the most representative and most successful model of the Rumi production. This particular motorcycle production began at the end of 1950 and was presented to the public in 1951 at the Milan Trade Fair (EICMA). Its unusual line with an elegant livery and the roar of its cylinder surprised a whole generation. The engine was equipped with pistons with a particular deflector, patented by the factory, which was later mounted on all Rumi. In 1953, 1955 and 1956 the Sport was improved modifying first the carburettor, then the transmission type and finally in the chassis: adjusting the rear suspension and assembling the Aimon iron rims. The list price was set at 235,000 lire. The bikes production ceased in 1958. Equipped with 18L tank. TECHNICAL FEATURES BRAND: RUMI MODEL: 125 SUPER SPORT YEAR: since 1950 ENGINE TYPE: two-stroke, twin-cylinder with Dell’Orto MB 22A carburettor DISPLACEMENT: 124,68 cc POWER: 6,9 hp at 6,000 rpm TRANSMISSION TYPE: 4-SPEED € 8.000 - 9.000

18


19


6 1955/56 RUMI 125 SUPER SPORT NUM. TELAIO 17324 La Sport fu senza dubbio il modello più rappresentativo e di maggior successo della produzione Rumi. La produzione iniziò alla fine del 1950 e venne presentato al pubblico nel 1951 alla Fiera Campionaria di Milano (EICMA). La sua linea inusuale con una elegante livrea e il rombo dei cilindri stupì un’intera generazione. Il propulsore appariva notevolmente migliorato e dotato di pistoni con un particolare deflettore, brevettato dalla Casa, che successivamente fu montato su tutti le Rumi. Nel 1953, 1955 e 1956 la Sport, viene migliorata modificando prima il carburatore poi il cambio e infine nella ciclistica: migliorando il molleggio posteriore e montando i cerchi in ferro Aimon. Il prezzo di listino era fissato a 235.000 Lire, la produzione cessò nel 1958. Equipaggiato con Serbatoio maggiorato da 18l CARATTERISTICHE TECNICHE MARCA: RUMI MODELLO: 125 SUPER SPORT ANNO: 1955/56 TIPO DI MOTORE: Bicilindrico a 2 tempi con carburatore Dell’Orto MB 22A CILINDRATA: 124,68 cc POTENZA: 7 cv a 6.000 GIRI CAMBIO: a 4 marce The 125 Sport was undoubtedly the most representative and most successful model of the Rumi production. This motorcycle production began at the end of 1950 and was presented to the public in 1951 at the Milan Trade Fair (EICMA). Its unusual line with an elegant livery and the roar of its cylinder surprised a whole generation. The engine was equipped with pistons with a deflector, patented by the factory, which was later mounted on all Rumi. In 1953, 1955 and 1956 the Sport was improved modifying first the carburettor, then the transmission type and finally in the chassis: adjusting the rear suspension and assembling the Aimon iron rims. The list price was set at 235,000 lire. The bikes production ceased in 1958. Equipped with 18L tank. TECHNICAL FEATURES BRAND: RUMI MODEL: 125 SUPER SPORT YEAR: 1955/56 ENGINE TYPE: two-stroke, twin-cylinder with Dell’orto MB 22A carburettor DISPLACEMENT: 124,68 cc POWER: 6,9 hp at 6,000 rpm TRANSMISSION TYPE: 4-speed € 8.000 - 9.000

20


21


7 1952 RUMI 125 SPORT NUM. TELAIO 4212 La Sport fu senza dubbio il modello più rappresentativo e di maggior successo della produzione Rumi. La produzione iniziò alla fine del 1950 e venne presentato al pubblico nel 1951 alla Fiera Campionaria di Milano (EICMA). La sua linea inusuale con una elegante livrea e il rombo dei cilindri stupì un’intera generazione. Il propulsore appariva notevolmente migliorato e dotato di pistoni con un particolare deflettore, brevettato dalla Casa, che successivamente fu montato su tutti le Rumi. Nel 1953, 1955 e 1956 la Sport, viene migliorata modificando prima il carburatore poi il cambio e infine nella ciclistica: migliorando il molleggio posteriore e montando i cerchi in ferro Aimon. Il prezzo di listino era fissato a 235.000 Lire, la produzione cessò nel 1958.

The 125 Sport was undoubtedly the most representative and most successful model of the Rumi production. This motorcycle production began at the end of 1950 and was presented to the public in 1951 at the Milan Trade Fair (EICMA). Its unusual line with an elegant livery and the roar of its cylinder surprised a whole generation. The engine was equipped with pistons with a deflector, patented by the factory, which was later mounted on all Rumi. In 1953, 1955 and 1956 the Sport was improved modifying first the carburettor, then the transmission type and finally in the chassis: adjusting the rear suspension and assembling the Aimon iron rims. The list price was set at 235,000 lire. The bikes production ceased in 1958.

CARATTERISTICHE TECNICHE MARCA: RUMI MODELLO: 125 SPORT ANNO: 1952 TIPO DI MOTORE: Bicilindrico a 2 tempi con carburatore Dell’Orto MB 22A CILINDRATA: 124,68 cc POTENZA: 7 cv a 6.000 GIRI CAMBIO: a 4 marce

TECHNICAL FEATURES BRAND: RUMI MODEL: 125 SPORT YEAR: 1952 ENGINE TYPE: two-stroke, twin-cylinder with Dell’orto MB 22A carburettor DISPLACEMENT: 124,68 cc POWER: 6,9 hp at 6,000 rpm TRANSMISSION TYPE: 4-speed

€ 8.000 - 9.000

22


8 1952 RUMI 125 SPORT La Sport fu senza dubbio il modello più rappresentativo e di maggior successo della produzione Rumi. La produzione iniziò alla fine del 1950 e venne presentato al pubblico nel 1951 alla Fiera Campionaria di Milano (EICMA). La sua linea inusuale con una elegante livrea e il rombo dei cilindri stupì un¿intera generazione. Il propulsore appariva notevolmente migliorato e dotato di pistoni con un particolare deflettore, brevettato dalla Casa, che successivamente fu montato su tutti le Rumi. Nel 1953, 1955 e 1956 la Sport, viene migliorata modificando prima il carburatore poi il cambio e infine nella ciclistica: migliorando il molleggio posteriore e montando i cerchi in ferro Aimon. Il prezzo di listino era fissato a 235.000 Lire, la produzione cessò nel 1958. L’esemplare è privo di motore

The 125 Sport was undoubtedly the most representative and most successful model of the Rumi production. This motorcycle production began at the end of 1950 and was presented to the public in 1951 at the Milan Trade Fair (EICMA). Its unusual line with an elegant livery and the roar of its cylinder surprised a whole generation. The engine was equipped with pistons with a deflector, patented by the factory, which was later mounted on all Rumi. In 1953, 1955 and 1956 the Sport was improved modifying first the carburettor, then the transmission type and finally in the chassis: adjusting the rear suspension and assembling the Aimon iron rims. The list price was set at 235,000 lire. The bikes production ceased in 1958. This motorbike has no engine

CARATTERISTICHE TECNICHE MARCA: RUMI MODELLO: 125 SPORT ANNO: 1952

TECHNICAL FEATURES BRAND: RUMI MODEL: 125 Sport YEAR: 1952

€ 4.000 - 5.000

23


9 1955/56 RUMI 125 SPORT NUM. TELAIO 9849 La Sport fu senza dubbio il modello più rappresentativo e di maggior successo della produzione Rumi. La produzione iniziò alla fine del 1950 e venne presentato al pubblico nel 1951 alla Fiera Campionaria di Milano (EICMA). La sua linea inusuale con una elegante livrea e il rombo dei cilindri stupì un’intera generazione. Il propulsore appariva notevolmente migliorato e dotato di pistoni con un particolare deflettore, brevettato dalla Casa, che successivamente fu montato su tutti le Rumi. Nel 1953, 1955 e 1956 la Sport, viene migliorata modificando prima il carburatore poi il cambio e infine nella ciclistica: migliorando il molleggio posteriore e montando i cerchi in ferro Aimon. Il prezzo di listino era fissato a 235.000 Lire, la produzione cessò nel 1958.

The 125 Sport was undoubtedly the most representative and most successful model of the Rumi production. This motorcycle production began at the end of 1950 and was presented to the public in 1951 at the Milan Trade Fair (EICMA). Its unusual line with an elegant livery and the roar of its cylinder surprised a whole generation. The engine was equipped with pistons with a deflector, patented by the factory, which was later mounted on all Rumi. In 1953, 1955 and 1956 the Sport was improved modifying first the carburettor, then the transmission type and finally in the chassis: adjusting the rear suspension and assembling the Aimon iron rims. The list price was set at 235,000 lire. The bikes production ceased in 1958.

CARATTERISTICHE TECNICHE MARCA: RUMI MODELLO: 125 SPORT ANNO: 1955/56 TIPO DI MOTORE: Bicilindrico a 2 tempi con carburatore Dell’Orto MB 22A CILINDRATA: 124,68 cc POTENZA: 7 cv a 6.000 GIRI CAMBIO: a 4 marce

TECHNICAL FEATURES BRAND: RUMI MODEL: 125 SPORT YEAR: 1955/56 ENGINE TYPE: two-stroke, twin-cylinder with Dell’orto MB 22A carburettor DISPLACEMENT: 124,68 cc POWER: 6,9 hp at 6,000 rpm TRANSMISSION TYPE: 4-speed

€ 8.000 - 9.000


10 1955/56 RUMI 125 SPORT NUM. TELAIO 13530 La Sport fu senza dubbio il modello più rappresentativo e di maggior successo della produzione Rumi. La produzione iniziò alla fine del 1950 e venne presentato al pubblico nel 1951 alla Fiera Campionaria di Milano (EICMA). La sua linea inusuale con una elegante livrea e il rombo dei cilindri stupì un’intera generazione. Il propulsore appariva notevolmente migliorato e dotato di pistoni con un particolare deflettore, brevettato dalla Casa, che successivamente fu montato su tutti le Rumi. Nel 1953, 1955 e 1956 la Sport, viene migliorata modificando prima il carburatore poi il cambio e infine nella ciclistica: migliorando il molleggio posteriore e montando i cerchi in ferro Aimon. Il prezzo di listino era fissato a 235.000 Lire, la produzione cessò nel 1958.

The 125 Sport was undoubtedly the most representative and most successful model of the Rumi production. This motorcycle production began at the end of 1950 and was presented to the public in 1951 at the Milan Trade Fair (EICMA). Its unusual line with an elegant livery and the roar of its cylinder surprised a whole generation. The engine was equipped with pistons with a deflector, patented by the factory, which was later mounted on all Rumi. In 1953, 1955 and 1956 the Sport was improved modifying first the carburettor, then the transmission type and finally in the chassis: adjusting the rear suspension and assembling the Aimon iron rims. The list price was set at 235,000 lire. The bikes production ceased in 1958. This motorbike has no engine

CARATTERISTICHE TECNICHE MARCA: RUMI MODELLO: 125 SPORT ANNO: 1955/56 TIPO DI MOTORE: Bicilindrico a 2 tempi con carburatore Dell’Orto MB 22A CILINDRATA: 124,68 cc POTENZA: 7 cv a 6.000 GIRI CAMBIO: a 4 marce

TECHNICAL FEATURES BRAND: RUMI MODEL: 125 SPORT YEAR: 1955/56 ENGINE TYPE: two-stroke, twin-cylinder with Dell’orto MB 22A carburettor DISPLACEMENT: 124,68 cc POWER: 6,9 hp at 6,000 rpm TRANSMISSION TYPE: 4-speed

€ 8.000 - 9.000

25


11 1954/56 RUMI 125 SPORT NUM. TELAIO 8435 La Sport fu senza dubbio il modello più rappresentativo e di maggior successo della produzione Rumi. La produzione iniziò alla fine del 1950 e venne presentato al pubblico nel 1951 alla Fiera Campionaria di Milano (EICMA). La sua linea inusuale con una elegante livrea e il rombo dei cilindri stupì un’intera generazione. Il propulsore appariva notevolmente migliorato e dotato di pistoni con un particolare deflettore, brevettato dalla Casa, che successivamente fu montato su tutti le Rumi. Nel 1953, 1955 e 1956 la Sport, viene migliorata modificando prima il carburatore poi il cambio e infine nella ciclistica: migliorando il molleggio posteriore e montando i cerchi in ferro Aimon. Il prezzo di listino era fissato a 235.000 Lire, la produzione cessò nel 1958.

The 125 Sport was undoubtedly the most representative and most successful model of the Rumi production. This motorcycle production began at the end of 1950 and was presented to the public in 1951 at the Milan Trade Fair (EICMA). Its unusual line with an elegant livery and the roar of its cylinder surprised a whole generation. The engine was equipped with pistons with a deflector, patented by the factory, which was later mounted on all Rumi. In 1953, 1955 and 1956 the Sport was improved modifying first the carburettor, then the transmission type and finally in the chassis: adjusting the rear suspension and assembling the Aimon iron rims. The list price was set at 235,000 lire. The bikes production ceased in 1958.

CARATTERISTICHE TECNICHE MARCA: RUMI MODELLO: 125 SPORT ANNO: 1954/56 TIPO DI MOTORE: Bicilindrico a 2 tempi con carburatore Dell’Orto MB 22A CILINDRATA: 124,68 cc POTENZA: 7 cv a 6.000 GIRI CAMBIO: a 4 marce

TECHNICAL FEATURES BRAND: RUMI MODEL: 125 SPORT YEAR: 1954/56 ENGINE TYPE: two-stroke, twin-cylinder with Dell’orto MB 22A carburettor DISPLACEMENT: 124,68 cc POWER: 6,9 hp at 6,000 rpm TRANSMISSION TYPE: 4-speed

€ 8.000 - 9.000

26


12 1954/56 RUMI 125 SPORT La Sport fu senza dubbio il modello più rappresentativo e di maggior successo della produzione Rumi. La produzione iniziò alla fine del 1950 e venne presentato al pubblico nel 1951 alla Fiera Campionaria di Milano (EICMA). La sua linea inusuale con una elegante livrea e il rombo dei cilindri stupì un’intera generazione. Il propulsore appariva notevolmente migliorato e dotato di pistoni con un particolare deflettore, brevettato dalla Casa, che successivamente fu montato su tutti le Rumi. Nel 1953, 1955 e 1956 la Sport, viene migliorata modificando prima il carburatore poi il cambio e infine nella ciclistica: migliorando il molleggio posteriore e montando i cerchi in ferro Aimon. Il prezzo di listino era fissato a 235.000 Lire, la produzione cessò nel 1958.

The 125 Sport was undoubtedly the most representative and most successful model of the Rumi production. This motorcycle production began at the end of 1950 and was presented to the public in 1951 at the Milan Trade Fair (EICMA). Its unusual line with an elegant livery and the roar of its cylinder surprised a whole generation. The engine was equipped with pistons with a deflector, patented by the factory, which was later mounted on all Rumi. In 1953, 1955 and 1956 the Sport was improved modifying first the carburettor, then the transmission type and finally in the chassis: adjusting the rear suspension and assembling the Aimon iron rims. The list price was set at 235,000 lire. The bikes production ceased in 1958.

CARATTERISTICHE TECNICHE MARCA: RUMI MODELLO: 125 SPORT ANNO: 1954/56 TIPO DI MOTORE: Bicilindrico a 2 tempi con carburatore Dell’Orto MB 22A CILINDRATA: 124,68 cc POTENZA: 7 cv a 6.000 GIRI CAMBIO: a 4 marce

TECHNICAL FEATURES BRAND: RUMI MODEL: 125 SPORT YEAR: 1954/56 ENGINE TYPE: two-stroke, twin-cylinder with Dell’orto MB 22A carburettor DISPLACEMENT: 124,68 cc POWER: 6,9 hp at 6,000 rpm TRANSMISSION TYPE: 4-speed

€ 8.000 - 9.000

27


13 1952 RUMI 125 SPORT NUM. TELAIO 1081 La Sport fu senza dubbio il modello più rappresentativo e di maggior successo della produzione Rumi. La produzione iniziò alla fine del 1950 e venne presentato al pubblico nel 1951 alla Fiera Campionaria di Milano (EICMA). La sua linea inusuale con una elegante livrea e il rombo dei cilindri stupì un’intera generazione. Il propulsore appariva notevolmente migliorato e dotato di pistoni con un particolare deflettore, brevettato dalla Casa, che successivamente fu montato su tutti le Rumi. Nel 1953, 1955 e 1956 la Sport, viene migliorata modificando prima il carburatore poi il cambio e infine nella ciclistica: migliorando il molleggio posteriore e montando i cerchi in ferro Aimon. Il prezzo di listino era fissato a 235.000 Lire, la produzione cessò nel 1958. CARATTERISTICHE TECNICHE MARCA: RUMI MODELLO: 125 SPORT ANNO: 1952 TIPO DI MOTORE: Bicilindrico a 2 tempi con carburatore Dell’Orto MB 22A CILINDRATA: 124,68 cc POTENZA: 7 cv a 6.000 GIRI CAMBIO: a 4 marce The 125 Sport was undoubtedly the most representative and most successful model of the Rumi production. This motorcycle production began at the end of 1950 and was presented to the public in 1951 at the Milan Trade Fair (EICMA). Its unusual line with an elegant livery and the roar of its cylinder surprised a whole generation. The engine was equipped with pistons with a deflector, patented by the factory, which was later mounted on all Rumi. In 1953, 1955 and 1956 the Sport was improved modifying first the carburettor, then the transmission type and finally in the frame: adjusting the rear suspension and assembling the Aimon iron rims. The list price was set at 235,000 lire. The bikes production ceased in 1958. TECHNICAL FEATURES BRAND: RUMI MODEL: 125 SPORT YEAR: 1952 ENGINE TYPE: two-stroke, twin-cylinder with Dell’orto MB 22A carburettor DISPLACEMENT: 124,68 cc POWER: 6,9 hp at 6,000 rpm TRANSMISSION TYPE: 4-speed € 8.000 - 9.000

28


29


14 1955/56 RUMI 125 SPORT BICARBURATORE NUM. TELAIO 11220 La 125 Sport Bicarburatore era la versione sportiva della Sport. Fu omologata dalla Commissione Sportiva Nazionale della Federazione Motociclistica Italiana per le gare di velocità della III categoria, le gare più impegnative del tempo come la Milano - Taranto e il Motogiro d’Italia che videro le Bicarburatore sul gradino più alto del podio numerose volte. La produzione avviata nel 1953 prevedeva diverse varianti e con diversi nomi: Gran Sport, 2 Carburatori, Super Sport T.T., Amatore. In realtà le versioni erano solo due: tipo velocità o amatore differenti tra loro solo per i carburatori. Nel 1955 fu equipaggiata con un motore con cilindri in alluminio, in sostituzione di quelli in ghisa della ditta tedesca K.S., il carburatore era il Dell’ Orto UB 18 o a richiesta l’UB 22 e sprigionava 9 cv, il serbatoio standard era da 13 litri, volendo era possibile equipaggiarla con quello maggiorato da 18 litri. Il prezzo di listino era fissato a 250.000 Lire.

The 125 Sport Bicarburatore was the sports version of the Sport model. It was approved by the National Sports Commission of the Italian Motorcycling Federation for the speed races of the third category, the most demanding contests of the time such as the Milan - Taranto and the Motogiro d’Italia. The latter saw the Bicarburatore on the highest step of the podium numerous times. The production started in 1953, underwent several variations and saw different model names: Gran Sport, 2 Carburatori, Super Sport, T.T., Amatore. In the end, there were only two versions: Veloce o Amatore type, different from each other just in terms of carburettors. In 1955, the motorcycle was equipped with an engine with aluminium cylinder, replacing the iron ones of the German company KS. Moreover, the carburettor was the Dell ‘Orto UB 18 or at the request the UB 22 and released 9 hp, the standard gasoline tank was of 13 litres if desired it was possible to equip with the 18 litres one. The list price was set at 250,000.

CARATTERISTICHE TECNICHE MARCA: RUMI MODELLO: 125 SPORT BICARBURATORE ANNO: 1955/56 TIPO DI MOTORE: Bicilindrico a 2 tempi con carburatore Dell’Orto UB 18 CILINDRATA: 124,68 cc POTENZA: 9 cv a 7.300 GIRI CAMBIO: a 4 marce

TECHNICAL FEATURES BRAND: RUMI MODEL: 125 SPORT BICARBURATORE YEAR: 1955/56 ENGINE TYPE: 2-STROKE, SINGLE-CYLINDER WITH CARBURETTOR DELL’ORTO UB 18 DISPLACEMENT: 124,68 cc POWER: 8,9 hp at 7.300 rpm TRANSIMISSION TYPE: 4-speed

€ 8.000 - 9.000

30


15 1955/56 RUMI 125 SPORT BICARBURATORE NUM. TELAIO 18000 La 125 Sport Bicarburatore era la versione sportiva della Sport. Fu omologata dalla Commissione Sportiva Nazionale della Federazione Motociclistica Italiana per le gare di velocità della III categoria, le gare più impegnative del tempo come la Milano - Taranto e il Motogiro d’Italia che videro le Bicarburatore sul gradino più alto del podio numerose volte. La produzione avviata nel 1953 prevedeva diverse varianti e con diversi nomi: Gran Sport, 2 Carburatori, Super Sport T.T., Amatore. In realtà le versioni erano solo due: tipo velocità o amatore differenti tra loro solo per i carburatori. Nel 1955 fu equipaggiata con un motore con cilindri in alluminio, in sostituzione di quelli in ghisa della ditta tedesca K.S., il carburatore era il Dell’ Orto UB 18 o a richiesta l’UB 22 e sprigionava 9 cv, il serbatoio standard era da 13 litri, volendo era possibile equipaggiarla con quello maggiorato da 18 litri. Il prezzo di listino era fissato a 250.000 Lire. CARATTERISTICHE TECNICHE MARCA: RUMI MODELLO: 125 SPORT BICARBURATORE ANNO: 1955/56 TIPO DI MOTORE: Bicilindrico a 2 tempi con carburatore Dell’Orto UB 18 CILINDRATA: 124,68 cc POTENZA: 9 cv a 7.300 GIRI CAMBIO: a 4 marce € 8.000 - 9.000

The 125 Sport Bicarburatore was the sports version of the Sport model. It was approved by the National Sports Commission of the Italian Motorcycling Federation for the speed races of the third category, the most demanding contests of the time such as the Milan - Taranto and the Motogiro d’Italia. The latter saw the Bicarburatore on the highest step of the podium numerous times. The production started in 1953, underwent several variations and saw different model names: Gran Sport, 2 Carburatori, Super Sport, T.T., Amatore. In the end, there were only two versions: Veloce or Amatore, different from each other just for the carburettors. In 1955, the motorcycle was equipped with an engine with aluminium cylinder, replacing the iron ones of the German company KS. Moreover, the carburettor was the Dell ‘Orto UB 18 or at the request the UB 22 and released 9 hp. The standard gasoline tank was of 13 litres if desired it was possible to equip with the 18 litres one. The list price was set at 250,000. TECHNICAL FEATURES BRAND: RUMI MODEL: 125 SPORT BICARBURATORE YEAR: 1955/56 ENGINE TYPE: two-stroke, twin-cylinder with Dell’orto UB 18 carburettor DISPLACEMENT: 124,68 cc POWER: 8,9 HP AT 7,300 RPM TRANSMISSION TYPE: 4-speed


16 1953/54 RUMI 125 SPORT BICARBURATORE NUM. TELAIO 11097 La Sport fu senza dubbio il modello più rappresentativo e di maggior successo della produzione Rumi. La produzione iniziò alla fine del 1950 e venne presentato al pubblico nel 1951 alla Fiera Campionaria di Milano (EICMA). La sua linea inusuale con una elegante livrea e il rombo dei cilindri stupì un’intera generazione. Il propulsore appariva notevolmente migliorato e dotato di pistoni con un particolare deflettore, brevettato dalla Casa, che successivamente fu montato su tutti le Rumi. Nel 1953, 1955 e 1956 la Sport, viene migliorata modificando prima il carburatore poi il cambio e infine nella ciclistica: migliorando il molleggio posteriore e montando i cerchi in ferro Aimon. Il prezzo di listino era fissato a 235.000 Lire, la produzione cessò nel 1958. CARATTERISTICHE TECNICHE MARCA: RUMI MODELLO: 125 SPORT BICARBURATORE ANNO: dal 1953/54 TIPO DI MOTORE: Bicilindrico a 2 tempi con carburatore Dell’Orto UB 18 CILINDRATA: 124,68 cc POTENZA: 9 cv a 7.300 GIRI CAMBIO: a 4 marce The 125 Sport Bicarburatore was the sports version of the Sport model. It was approved by the National Sports Commission of the Italian Motorcycling Federation for the speed races of the third category, the most demanding contests of the time such as the Milan - Taranto and the Motogiro d’Italia. The latter saw the Bicarburatore on the highest step of the podium numerous times. The production started in 1953, underwent several variations and saw different model names: Gran Sport, 2 Carburatori, Super Sport, T.T., Amatore. In the end, there were only two versions: Veloce or Amatore, different from each other just for the carburettors. In 1955, the motorcycle was equipped with an engine with aluminium cylinder, replacing the iron ones of the German company KS. Moreover, the carburettor was the Dell ‘Orto UB 18 or at the request the UB 22 and released 9 hp. The standard gasoline tank was of 13 litres if desired it was possible to equip with the 18 litres one. The list price was set at 250,000. TECHNICAL FEATURES BRAND: RUMI MODEL: 125 SPORT BICARBURATORE YEAR: since 1953/54 ENGINE TYPE: two-stroke, single-cylinder with Dell’orto UB 18 carburettor DISPLACEMENT: 124,68 cc POWER: 8,9 hp at 7,300 rpm TRANSMISSION TYPE: 4-speed € 8.000 - 9.000

32


33


17 1955/56 RUMI SPORT 125 BICARBURATORE NUM. TELAIO 136*6 La 125 Sport Bicarburatore era la versione sportiva della Sport. Fu omologata dalla Commissione Sportiva Nazionale della Federazione Motociclistica Italiana per le gare di velocità della III categoria, le gare più impegnative del tempo come la Milano - Taranto e il Motogiro d’Italia che videro le Bicarburatore sul gradino più alto del podio numerose volte. La produzione avviata nel 1953 prevedeva diverse varianti e con diversi nomi: Gran Sport, 2 Carburatori, Super Sport T.T., Amatore. In realtà le versioni erano solo due: tipo velocità o amatore differenti tra loro solo per i carburatori. Nel 1955 fu equipaggiata con un motore con cilindri in alluminio, in sostituzione di quelli in ghisa della ditta tedesca K.S., il carburatore era il Dell’ Orto UB 18 o a richiesta l’UB 22 e sprigionava 9 cv, il serbatoio standard era da 13 litri, volendo era possibile equipaggiarla con quello maggiorato da 18 litri. Il prezzo di listino era fissato a 250.000 Lire. CARATTERISTICHE TECNICHE MARCA: RUMI MODELLO: 125 SPORT BICARBURATORE ANNO: dal 1955/56 TIPO DI MOTORE: Bicilindrico a 2 tempi con carburatore Dell’Orto UB 18 CILINDRATA: 124,68 cc POTENZA: 9 cv a 7.300 GIRI CAMBIO: a 4 marce The 125 Sport Bicarburatore was the sports version of the Sport model. It was approved by the National Sports Commission of the Italian Motorcycling Federation for the speed races of the third category, the most demanding contests of the time such as the Milan - Taranto and the Motogiro d’Italia. The latter saw the Bicarburatore on the highest step of the podium numerous times. The production started in 1953, underwent several variations and saw different model names: Gran Sport, 2 Carburatori, Super Sport, T.T., Amatore. In the end, there were only two versions: Veloce or Amatore, different from each other just for the carburettors. In 1955, the motorcycle was equipped with an engine with aluminium cylinder, replacing the iron ones of the German company KS. Moreover, the carburettor was the Dell ‘Orto UB 18 or at the request the UB 22 and released 9 hp. The standard gasoline tank was of 13 litres if desired it was possible to equip with the 18 litres one. The list price was set at 250,000. TECHNICAL FEATURES BRAND: RUMI MODEL: 125 SPORT BICARBURATORE YEAR: since 1955/56 ENGINE TYPE: two-stroke, single-cylinder with Dell’orto UB 18 carburettor DISPLACEMENT: 124,68 cc POWER: 8,9 hp at 7,300 rpm TRANSMISSION TYPE: 4-speed € 8.000 - 9.000

34


35


18 1955/56 RUMI SPORT 125 BICARBURATORE NUM. TELAIO 12300 La 125 Sport Bicarburatore era la versione sportiva della Sport. Fu omologata dalla Commissione Sportiva Nazionale della Federazione Motociclistica Italiana per le gare di velocità della III categoria, le gare più impegnative del tempo come la Milano - Taranto e il Motogiro d’Italia che videro le Bicarburatore sul gradino più alto del podio numerose volte. La produzione avviata nel 1953 prevedeva diverse varianti e con diversi nomi: Gran Sport, 2 Carburatori, Super Sport T.T., Amatore. In realtà le versioni erano solo due: tipo velocità o amatore differenti tra loro solo per i carburatori. Nel 1955 fu equipaggiata con un motore con cilindri in alluminio, in sostituzione di quelli in ghisa della ditta tedesca K.S., il carburatore era il Dell’ Orto UB 18 o a richiesta l’UB 22 e sprigionava 9 cv, il serbatoio standard era da 13 litri, volendo era possibile equipaggiarla con quello maggiorato da 18 litri. Il prezzo di listino era fissato a 250.000 Lire. CARATTERISTICHE TECNICHE MARCA: RUMI MODELLO: 125 SPORT BICARBURATORE ANNO: dal 1955/56 TIPO DI MOTORE: Bicilindrico a 2 tempi con carburatore Dell’Orto UB 18 CILINDRATA: 124,68 cc POTENZA: 9 cv a 7.300 GIRI CAMBIO: a 4 marce The 125 Sport Bicarburatore was the sports version of the Sport model. It was approved by the National Sports Commission of the Italian Motorcycling Federation for the speed races of the third category, the most demanding contests of the time such as the Milan - Taranto and the Motogiro d’Italia. The latter saw the Bicarburatore on the highest step of the podium numerous times. The production started in 1953, underwent several variations and saw different model names: Gran Sport, 2 Carburatori, Super Sport, T.T., Amatore. In the end, there were only two versions: Veloce or Amatore, different from each other just for the carburettors. In 1955, the motorcycle was equipped with an engine with aluminium cylinder, replacing the iron ones of the German company KS. Moreover, the carburettor was the Dell ‘Orto UB 18 or at the request the UB 22 and released 9 hp. The standard gasoline tank was of 13 litres if desired it was possible to equip with the 18 litres one. The list price was set at 250,000. TECHNICAL FEATURES BRAND: RUMI MODEL: 125 SPORT BICARBURATORE YEAR: since 1955/56 ENGINE TYPE: two-stroke, single-cylinder with Dell’orto UB 18 carburettor DISPLACEMENT: 124,68 cc POWER: 8,9 hp at 7,300 rpm TRANSMISSION TYPE: 4-speed € 10.000 - 11.000

36


37


19 1955/56 RUMI 125 SPORT BICARBURATORE NUM. TELAIO 11532 La 125 Sport Bicarburatore era la versione sportiva della Sport. Fu omologata dalla Commissione Sportiva Nazionale della Federazione Motociclistica Italiana per le gare di velocità della III categoria, le gare più impegnative del tempo come la Milano - Taranto e il Motogiro d’Italia che videro le Bicarburatore sul gradino più alto del podio numerose volte. La produzione avviata nel 1953 prevedeva diverse varianti e con diversi nomi: Gran Sport, 2 Carburatori, Super Sport T.T., Amatore. In realtà le versioni erano solo due: tipo velocità o amatore differenti tra loro solo per i carburatori. Nel 1955 fu equipaggiata con un motore con cilindri in alluminio, in sostituzione di quelli in ghisa della ditta tedesca K.S., il carburatore era il Dell’ Orto UB 18 o a richiesta l’UB 22 e sprigionava 9 cv, il serbatoio standard era da 13 litri, volendo era possibile equipaggiarla con quello maggiorato da 18 litri. Il prezzo di listino era fissato a 250.000 Lire. CARATTERISTICHE TECNICHE MARCA: RUMI MODELLO: 125 SPORT BICARBURATORE ANNO: dal 1955/56 TIPO DI MOTORE: Bicilindrico a 2 tempi con carburatore Dell’Orto UB 18 CILINDRATA: 124,68 cc POTENZA: 9 cv a 7.300 GIRI CAMBIO: a 4 marce The 125 Sport Bicarburatore was the sports version of the Sport model. It was approved by the National Sports Commission of the Italian Motorcycling Federation for the speed races of the third category, the most demanding contests of the time such as the Milan - Taranto and the Motogiro d’Italia. The latter saw the Bicarburatore on the highest step of the podium numerous times. The production started in 1953, underwent several variations and saw different model names: Gran Sport, 2 Carburatori, Super Sport, T.T., Amatore. In the end, there were only two versions: Veloce or Amatore, different from each other just for the carburettors. In 1955, the motorcycle was equipped with an engine with aluminium cylinder, replacing the iron ones of the German company KS. Moreover, the carburettor was the Dell ‘Orto UB 18 or at the request the UB 22 and released 9 hp. The standard gasoline tank was of 13 litres if desired it was possible to equip with the 18 litres one. The list price was set at 250,000. TECHNICAL FEATURES BRAND: RUMI MODEL: 125 SPORT BICARBURATORE YEAR: since 1955/56 ENGINE TYPE: two-stroke, single-cylinder with Dell’orto UB 18 carburettor DISPLACEMENT: 124,68 cc POWER: 8,9 hp at 7,300 rpm TRANSMISSION TYPE: 4-speed € 9.000 - 10.000

38


39


20 1952 RUMI SCOIATTOLO NUM. TELAIO 11377 A metà strada tra la moto e lo scooter e prodotto in quattro serie, presentato alla Fiera Campionaria di Milano nel 1951, era capace di offrire un elevato grado di protezione e comfort per pilota e passeggero e adottò delle soluzioni tecniche d’avanguardia per l’epoca, come l’avviamento elettrico. La scocca avvolgeva la moto, coprendo tutte le parti meccaniche e riparando il conducente dalle intemperie mentre le ruote da 14” e la particolare forma della carrozzeria garantivano una facilità d’impiego. Il motore era il medesimo della Sport e della Turismo con la sola modifica dei semigusci per consentire l’ancoraggio del motore alla scocca in lamiera. Modificato e potenziato nel 1953 e equipaggiato con un tachimetro VDO scalato da 1 a 100 Km/h inserito nella mascherina del faro e con una nuova forcella idro telescopica all’anteriore. CARATTERISTICHE TECNICHE MARCA: RUMI MODELLO: SCOIATTOLO ANNO: dal 1951 TIPO DI MOTORE: Bicilindrico a 2 tempi con carburatore Dell’Orto UA 15S CILINDRATA: 124,7 cc POTENZA: 6 cv a 4800 GIRI CAMBIO: a 3 marce Halfway between the bike and the scooter and produced in four series, presented at the Milan Trade Fair in 1951, it was able to offer high protection and comfort for the driver and passenger and adopted cutting-edge technical solutions for the era, like the electric starter. The body wrapped the bike, covering all the mechanical parts and repairing the driver from the rain while the 14” wheels and the particular shape of the body guaranteed ease of use. The engine was the same of the Sport and the Tourism with the only difference made by the half-shells which allowed the anchoring of the engine to the metal sheet shell. The bike was modified and upgraded in 1953 and equipped with a VDO speedometer scaled from 1 to 100 Km / h - inserted in the headlight trim - and with a new front hydro telescopic fork. TECHNICAL FEATURES BRAND: RUMI MODEL: SCOIATTOLO YEAR: since 1951 ENGINE TYPE: two-stroke, twin-cylinder with Dell’Orto UA 15S carburettor Displacement: 124.7 cc POWER: 5,9 hp at 4,800 rpm TRANSMISSION TYPE: 3-speed € 5.500 - 6.000

40


41


21 1955 RUMI SCOIATTOLO CON SIDECAR DA ASSEMBLARE, SIDECAR IN VIMINI DI COSTRUZIONE CAVANNA NUM. TELAIO 14567 A metà strada tra la moto e lo scooter e prodotto in quattro serie, presentato alla Fiera Campionaria di Milano nel 1951, era capace di offrire un elevato grado di protezione e comfort per pilota e passeggero e adottò delle soluzioni tecniche d’avanguardia per l’epoca, come l’avviamento elettrico. La scocca avvolgeva la moto, coprendo tutte le parti meccaniche e riparando il conducente dalle intemperie mentre le ruote da 14” e la particolare forma della carrozzeria garantivano una facilità d’impiego. Il motore era il medesimo della Sport e della Turismo con la sola modifica dei semigusci per consentire l’ancoraggio del motore alla scocca in lamiera. Modificato e potenziato nel 1953 e equipaggiato con un tachimetro VDO scalato da 1 a 100 Km/h inserito nella mascherina del faro e con una nuova forcella idro telescopica all’anteriore. CARATTERISTICHE TECNICHE MARCA: RUMI MODELLO: SCOIATTOLO ANNO: dal 1951 TIPO DI MOTORE: Bicilindrico a 2 tempi con carburatore Dell’Orto UA 15S CILINDRATA: 124,7 cc POTENZA: 6 cv a 4800 GIRI CAMBIO: a 3 marce Halfway between the bike and the scooter and produced in four series, presented at the Milan Trade Fair in 1951, it was able to offer high protection and comfort for the driver and passenger and adopted cutting-edge technical solutions for the era, like the electric starter. The body wrapped the bike, covering all the mechanical parts and repairing the driver from the rain while the 14” wheels and the particular shape of the body guaranteed ease of use. The engine was the same of the Sport and the Tourism with the only difference made by the half-shells which allowed the anchoring of the engine to the metal sheet shell. The bike was modified and upgraded in 1953 and equipped with a VDO speedometer scaled from 1 to 100 Km / h - inserted in the headlight trim - and with a new front hydro telescopic fork. TECHNICAL FEATURES BRAND: RUMI MODEL: SCOIATTOLO YEAR: since 1951 ENGINE TYPE: two-stroke, twin-cylinder with Dell’Orto UA 15S carburettor DISPLACEMENT: 124.7 cc POWER: 5,9 hp at 4,800 rpm TRANSMISSION TYPE: 3-speed € 7.000 - 8.000

42


43


22 1955 RUMI SCOIATTOLO NUM. TELAIO 15670 A metà strada tra la moto e lo scooter e prodotto in quattro serie, presentato alla Fiera Campionaria di Milano nel 1951, era capace di offrire un elevato grado di protezione e comfort per pilota e passeggero e adottò delle soluzioni tecniche d’avanguardia per l’epoca, come l’avviamento elettrico. La scocca avvolgeva la moto, coprendo tutte le parti meccaniche e riparando il conducente dalle intemperie mentre le ruote da 14” e la particolare forma della carrozzeria garantivano una facilità d’impiego. Il motore era il medesimo della Sport e della Turismo con la sola modifica dei semigusci per consentire l’ancoraggio del motore alla scocca in lamiera. Modificato e potenziato nel 1953 e equipaggiato con un tachimetro VDO scalato da 1 a 100 Km/h inserito nella mascherina del faro e con una nuova forcella idro telescopica all’anteriore.

Halfway between the bike and the scooter and produced in four series, presented at the Milan Trade Fair in 1951, it was able to offer high protection and comfort for the driver and passenger and adopted cutting-edge technical solutions for the era, like the electric starter. The body wrapped the bike, covering all the mechanical parts and repairing the driver from the rain while the 14” wheels and the particular shape of the body guaranteed ease of use. The engine was the same of the Sport and the Tourism with the only difference made by the half-shells which allowed the anchoring of the engine to the metal sheet shell. The bike was modified and upgraded in 1953 and equipped with a VDO speedometer scaled from 1 to 100 Km / h - inserted in the headlight trim - and with a new front hydro telescopic fork.

CARATTERISTICHE TECNICHE MARCA: RUMI MODELLO: SCOIATTOLO ANNO: dal 1951 TIPO DI MOTORE: Bicilindrico a 2 tempi con carburatore Dell’Orto UA 15S CILINDRATA: 124,7 cc POTENZA: 6 cv a 4800 GIRI CAMBIO: a 3 marce

TECHNICAL FEATURES BRAND: RUMI MODEL: SCOIATTOLO YEAR: since 1951 ENGINE TYPE: two-stroke, twin-cylinder with Dell’Orto UA 15S carburettor DISPLACEMENT: 124.7 cc POWER: 5,9 hp at 4,800 rpm TRANSIMISSION TYPE: 3-speed

€ 5.500 - 6.000

44


23 1955 RUMI SCOIATTOLO NUM. TELAIO 17286 A metà strada tra la moto e lo scooter e prodotto in quattro serie, presentato alla Fiera Campionaria di Milano nel 1951, era capace di offrire un elevato grado di protezione e comfort per pilota e passeggero e adottò delle soluzioni tecniche d’avanguardia per l’epoca, come l’avviamento elettrico. La scocca avvolgeva la moto, coprendo tutte le parti meccaniche e riparando il conducente dalle intemperie mentre le ruote da 14” e la particolare forma della carrozzeria garantivano una facilità d’impiego. Il motore era il medesimo della Sport e della Turismo con la sola modifica dei semigusci per consentire l’ancoraggio del motore alla scocca in lamiera. Modificato e potenziato nel 1953 e equipaggiato con un tachimetro VDO scalato da 1 a 100 Km/h inserito nella mascherina del faro e con una nuova forcella idro telescopica all’anteriore.

Halfway between the bike and the scooter and produced in four series, presented at the Milan Trade Fair in 1951, it was able to offer high protection and comfort for the driver and passenger and adopted cutting-edge technical solutions for the era, like the electric starter. The body wrapped the bike, covering all the mechanical parts and repairing the driver from the rain while the 14” wheels and the particular shape of the body guaranteed ease of use. The engine was the same of the Sport and the Tourism with the only difference made by the half-shells which allowed the anchoring of the engine to the metal sheet shell. The bike was modified and upgraded in 1953 and equipped with a VDO speedometer scaled from 1 to 100 Km / h - inserted in the headlight trim - and with a new front hydro telescopic fork.

CARATTERISTICHE TECNICHE MARCA: RUMI MODELLO: SCOIATTOLO ANNO: dal 1951 TIPO DI MOTORE: Bicilindrico a 2 tempi con carburatore Dell’Orto UA 15S CILINDRATA: 124,7 cc POTENZA: 6 cv a 4800 GIRI CAMBIO: a 3 marce

TECHNICAL FEATURES BRAND: RUMI MODEL: SCOIATTOLO YEAR: since 1951 ENGINE TYPE: two-stroke, twin-cylinder with Dell’Orto UA 15S carburettor Displacement: 124.7 cc POWER: 5,9 hp at 4,800 rpm TRANSMISSION TYPE: 3-speed

€ 5.500 - 6.000


24 1956 RUMI FORMICHINO NUM. TELAIO 22317 Introdotto nel 1954 con carrozzeria portante in lega d’alluminio divisa in due parti, quella anteriore divisa a sua volta in due gusci, l’anteriore, incorporare la forcella, il faro e il serbatoio mentre la carenatura posteriore costituiva il piano d’appoggio delle selle e il parafango della ruota posteriore. Il motore era inserito al centro e fungeva da collegamento rigido fra i due tronconi. Veniva equipaggiato con lo stesso motore a 4 velocità dei modelli Sport e Turismo avvantaggiando così la produzione. Nel 1956 venne modificato inserendo sul fulcro del manubrio un tachimetro contachilometri Veglia e sezionando in due parti la carrozzeria posteriore. Alla versione Normale seguirono diversi modelli partendo dalla versione Sport con cilindri in alluminio, il modello ST-EC dove la sigla EC stava per economico, il Lusso e la versione da gara denominata Bol d’Or, nel 1958 fu introdotto il motore da 150 cc, la maggior parte erano destinati al mercato estero soprattutto Argentina e Francia. Il prezzo di lancio era stato fissato a 138.000 Lire. La produzione cessò nel 1960 con la chiusura del reparto motociclette delle Fonderie Officine Rumi. CARATTERISTICHE TECNICHE MARCA: RUMI MODELLO: FORMICHINO ANNO: dal 1954 TIPO DI MOTORE: Bicilindrico a 2 tempi con carburatore Dell’Orto UA 15S CILINDRATA: 124,7 cc POTENZA: 6,5 cv A 6000 GIRI CAMBIO: a 4 marce The Formichino was introduced in 1954 with a load-bearing body in aluminium alloy divided into two parts, the front portion divided into two shells, incorporating the fork, the headlight and the tank while the back was the support plane of the saddles and the rear wheel fender. The engine was inserted in the centre and served as a rigid connection between the two sections. It was equipped with the same 4-speed engine as the Sport and Tourism models. In 1956 it was modified by inserting a Veglia speedometer tachometer on the fulcrum of the handlebar and cutting the rear body into two parts. The Normal version followed different models starting from the Sport version with aluminum cylinder, the ST-EC model and the version prepared for the races called Bol d’Or following the numerous successes in the two years in 1957/1958 on the Parisian track of Montlhéry, in 1958 the 150 cc engine was introduced, most of them were destined for the foreign market, above all Argentina and France. The launch price was set at 138,000 lire. Production ceased in 1960 with the closure of the Fonderie Officine Rumi motorcycles department. TECHNICAL FEATURES BRAND: RUMI MODEL: FORMICHINO YEAR: since 1954 ENGINE TYPE: two-stroke, twin-cylinder with Dell’Orto UA 22A carburettor DISPLACEMENT: 124.7 cc POWER: 5.5 hp at 6,000 rpm TRANSMISSION TYPE: 4-speed € 10.000 - 11.000 46


47


25 1956 RUMI FORMICHINO NUM. TELAIO 20427 Introdotto nel 1954 con carrozzeria portante in lega d’alluminio divisa in due parti, quella anteriore divisa a sua volta in due gusci, l’anteriore, incorporare la forcella, il faro e il serbatoio mentre la carenatura posteriore costituiva il piano d’appoggio delle selle e il parafango della ruota posteriore. Il motore era inserito al centro e fungeva da collegamento rigido fra i due tronconi. Veniva equipaggiato con lo stesso motore a 4 velocità dei modelli Sport e Turismo avvantaggiando così la produzione. Nel 1956 venne modificato inserendo sul fulcro del manubrio un tachimetro contachilometri Veglia e sezionando in due parti la carrozzeria posteriore. Alla versione Normale seguirono diversi modelli partendo dalla versione Sport con cilindri in alluminio, il modello ST-EC dove la sigla EC stava per economico, il Lusso e la versione da gara denominata Bol d’Or, nel 1958 fu introdotto il motore da 150 cc, la maggior parte erano destinati al mercato estero soprattutto Argentina e Francia. Il prezzo di lancio era stato fissato a 138.000 Lire. La produzione cessò nel 1960 con la chiusura del reparto motociclette delle Fonderie Officine Rumi. CARATTERISTICHE TECNICHE MARCA: RUMI MODELLO: FORMICHINO ANNO: dal 1954 TIPO DI MOTORE: Bicilindrico a 2 tempi con carburatore Dell’Orto UA 15S CILINDRATA: 124,7 cc POTENZA: 6,5 cv a 6000 GIRI CAMBIO: a 4 marce The Formichino was introduced in 1954 with a load-bearing body in aluminium alloy divided into two parts, the front portion divided into two shells, incorporating the fork, the headlight and the tank while the back was the support plane of the saddles and the rear wheel fender. The engine was inserted in the centre and served as a rigid connection between the two sections. It was equipped with the same 4-speed engine as the Sport and Tourism models. In 1956 it was modified by inserting a Veglia speedometer tachometer on the fulcrum of the handlebar and cutting the rear body into two parts. The Normal version followed different models starting from the Sport version with aluminum cylinder, the ST-EC model and the version prepared for the races called Bol d’Or following the numerous successes in the two years in 1957/1958 on the Parisian track of Montlhéry, in 1958 the 150 cc engine was introduced, most of them were destined for the foreign market, above all Argentina and France. The launch price was set at 138,000 lire. Production ceased in 1960 with the closure of the Fonderie Officine Rumi motorcycles department. TECHNICAL FEATURES BRAND: RUMI MODEL: FORMICHINO YEAR: since 1954 ENGINE TYPE: two-stroke, twin-cylinder with Dell’Orto UA 22A carburettor DISPLACEMENT: 124.7 cc POWER: 5.5 hp at 6,000 rpm TRANSMISSION TYPE: 4-speed

48


49


26 1957 RUMI JUNIOR EARLES ESPORTAZIONE NUM. TELAIO 155/SS144 Nel 1955 prende corpo il progetto di produrre una motoleggera per partecipare alle gare di III categoria. La creazione fu a cura dell’Ing. Salmaggi, direttore tecnico della Rumi, la Junior era uno sviluppo della Bicarburatore. Venne adottato un nuovo telaio in tubi leggeri di vario diametro a culla aperta e doppia triangolazione, forcellone oscillante posteriore e forcella tipo Earles all’anteriore e equipaggiata con il serbatoio, disegnato dallo stesso Rumi, di 18 litri. Venne presentata al Salone di Torino nella primavera del 1955 e fu prodotta in soli 300 esemplari e commercializzata in Europa e in America; in Italia il prezzo di lancio fu fissato a 275.000 Lire. Nel corso degli anni vengono apportate alcune modifiche ma resta di fatto invariata fino al 1959 quando venne sostituita dalla gentleman. L’esemplare proposto è stato usato diverse volte da Gianni Migliazzi (il collezionista e restauratore della collezione che porta il suo nome) ed ha partecipato a diverse edizioni della Rievocazione Storica del Motogiro d’Italia e della gara di Gran Fondo Milano-Taranto. CARATTERISTICHE TECNICHE MARCA: RUMI MODELLO: 125 JUNIOR EARLES ESPORTAZIONE ANNO: 1957 TIPO DI MOTORE: Bicilindrico a 2 tempi con Carburatore Dell’Orto UA 18 CILINDRATA: 124,68 cc POTENZA: 9 cv a 7300 GIRI CAMBIO: a 4 marce Created in 1955 by Mr Salmaggi, Rumi’s technical director, Junior was a development of the Bicarburatore. A new frame was adopted in light tubes of various diameters with open cradle and double triangulation, swinging rear swingarm and Earles type fork at the front and equipped with the 18 - litres tank, which was designed by Rumi himself. It was presented at the Turin Motor Show in the spring of 1955 and was produced in only 300 specimens and sold in Europe and America. In Italy, the list price was set at 275,000 Lire. The proposed sample has been used several times by Gianni Migliazzi (the collector and restorer of the collection that bears his name) and has participated in several editions of the Historical Reenactment of the Motogiro d’Italia and the Gran Fondo Milano-Taranto race. TECHNICAL FEATURES BRAND: RUMI MODEL: 125 JUNIOR EARLES YEAR: 1957 ENGINE TYPE: two-stroke, twin-cylinder with Dell’Orto UA18 Carburetor DISPLACEMENT: 124.68 cc POWER: 8,9 hp at 7,300 rpm TRANSMISSION TYPE: 4-speed € 16.000 - 19.000

50


51


27 1955 AERO CAPRONI CAPRIOLO CENTO50 NUM. TELAIO 00123 La bicilindrica Capriolo Cento50, progettata e realizzata dalla Aero Caproni S.p.A. di Trento, è stata presentata alla Fiera Internazionale del Ciclo e Motociclo di Milano nel 1953. Il motore di 150cc., a due cilindri orizzontali contrapposti (boxer) a rotazione trasversale con trasmissione finale a catena, rappresentava l’unico esemplare nella costruzione mondiale di motore “flat twin” di piccola cilindrata. La parte ciclistica, nella quale si poteva notare una certa influenza della scuola tedesca, prevedeva un telaio a doppia culla in lamiera stampata e una forcella Earles, a ruota spinta, successivamente sostituita da una telescopica. La potenza era di 8 cavalli a 6000 giri/min. la Cento50 venne prodotta fino al 1956 in non più di 500 esemplari e rappresentava, per la sua rarità, originalità, le speciali caratteristiche tecniche e raffinatezza costruttiva, una delle più apprezzate e ricercate motociclette degli anni ‘50. CARATTERISTICHE TECNICHE MARCA: AERO CAPRONI MODELLO: CAPRIOLO CENTO50 ANNO: 1955 TIPO DI MOTORE: Bicilindrico a 4 tempi CILINDRATA: 149,2 cc POTENZA: 8 cv CAMBIO: a 4 marce The bike was presented at the Motorcycle Show in Milan in 1953. The engine is the unique particularity of this motorbike is, in fact, a twin-cylinder boxer with final chain drive and a capacity of 150 cc and a power of 8 hp. The frame was a double cradle in pressed sheet metal and an Earles fork, with a push wheel, subsequently replaced by a telescopic one. One of the most appreciated and sought-after motorcycles of the ‘50s, manufactured until 1956 in no more than 500 exemplars. It was one of the most appreciated bikes on the market in the 50s. TECHNICAL FEATURES BRAND: AEREO CAPRONI MODEL: CAPRIOLO CENTO50 YEAR: 1955 ENGINE TYPE: four-stroke, flat twin-cylinder DISPLACEMENT: 149,2 cc POWER: 7,9 hp TRANSMISSION TYPE: 4-speed € 12.000 - 14.000€

52


53


28 1952 CAPRONI CAPRIOLO 75 NORMALE NUM. TELAIO 06638 Nel 1951, la Casa Trentina Aero Caproni presentò il Capriolo 75 al 29° Salone di Milano, una motoleggera caratterizzata dalla rara distribuzione a valvole in testa comandate da doppia camma “a tazza” frontale azionata da un albero verticale. Molto elegante, ma soprattutto robusta. La Capriolo 75 fu proposta in tre versioni: Normale, TV (Turismo Veloce) e De Luxe in color oro, prodotto complessivamente in circa 10.000 esemplari a un prezzo di 170.000 lire. CARATTERISTICHE TECNICHE MARCA: AERO CAPRONI MODELLO: CAPRIOLO 75 NORMALE ANNO: 1952 TIPO DI MOTORE: Monocilindrico a 4 tempi CILINDRATA: 74,6 cc POTENZA: 3,5 cv a 6.000 GIRI CAMBIO: a 4 marce In 1951, the Aero Caproni factory presented the Capriolo 75 at the 29th Milan Motor Show, a motorbike characterised by the rare overhead valve distribution controlled by a frontal double “cam” with a vertical shaft. Very elegant, but above all robust. The Capriolo 75 was proposed in three versions: Normal, TV (Turismo Veloce) and De Luxe in gold, produced in total in about 10.000 copies at a list price of 170.000 lire. TECHNICAL FEATURES BRAND: AEREO CAPRONI MODEL: CAPRIOLO 75 NORMAL YEAR: 1952 ENGINE TYPE: four-stroke, single-cylinder DISPLACEMENT: 74.6 cc POWER: 3 hp TRANSMISSION TYPE: 4-speed € 2.500 - 3.000

54


55


29 1952 D.K.W. RT 125 NUM. TELAIO 2651414 La RT 125, nata nel 1939, è considerata una delle moto più copiate al mondo. Il progetto fu copiato dai sovietici che a seguito della sconfitta tedesca nella II Guerra mondiale, requisirono progetti, attrezzature e parte del personale DKW dando vita nel 1946 alla Komet K 125. Poi la RT venne copiata in Italia dalla Bianchi e dalla Moto Morini, in Giappone dalla Yamaha, per il modello YA-1. Copie dei progetti vennero presi anche in Gran Bretagna e USA, i quali ne fecero base per la BSA “Bantam” e l’Harley-Davidson “Hummer”. Importate in Italia dalla “ditta Cavani” di Bologna, le DKW italiane, per evitare i dazi doganali, avevano una ciclistica totalmente diversa dall’originale.

The RT 125, was born in 1939, is considered one of the most copied motorcycles in the world. The project was copied by the Soviets after Germany’s defeat in World War II, who requisitioned the plans, the equipment and part of the DKW’s staff to create the Komet K 125 in 1946. Then the RT was copied in Italy by Bianchi and Moto Morini and in Japan from Yamaha. Copies of the projects were also made in Britain and the USA, which made them the basis for the BSA “Bantam” and the Harley-Davidson “Hummer”. Imported in Italy by the “Cavani company” of Bologna, the Italian DKW, to avoid customs duties, had an entirely different chassis from the original.

CARATTERISTICHE TECNICHE MARCA: D.K.W. MODELLO: RT 125 ANNO: 1952 TIPO DI MOTORE: Monocilindrico a 2 tempi CILINDRATA: 123 cc POTENZA: 6,5 cv CAMBIO: a 3 marce

TECHNICAL FEATURES BRAND: D.K.W. MODEL: RT 125 YEAR: 1952 ENGINE TYPE: two-stroke, single-cylinder DISPLACEMENT: 123 cc POWER: 5,5 hp TRANSIMISSION TYPE: 3-speed

€ 1.500 - 2.000

56


30 1950 ISO ISOMOTO 125 NUM. TELAIO M2270 Frutto del genio intraprendente dell’ingegnere Renzo Rivolta, che costruì auto, moto e la famosa minicar Isetta a Bresso nella provincia milanese. La Isomoto 125 fece la sua comparsa nell’aprile 1950, con motore 2 tempi a cilindro sdoppiato. La Isomoto aveva lo stesso motore dell’Isoscooter e ruote da 12” intercambiabili: infatti sfilando i perni, i tamburi laterali dei freni rimangono fissati alle forcelle. Questo scooter con serbatoio a goccia fu prodotto in tre serie, tutte con sospensione posteriore a forcellone oscillante non direttamente visibile. La crisi del settore della motocicletta degli anni ‘60 risulterà fatale anche per la Iso, gli stabilimenti chiusero definitivamente con il mondo delle due ruote e vennero convertiti per la produzione della Iso Grifo, un’auto Gran Turismo. La Isomoto che proponiamo è una prima serie.

The result of the genius and resourcefulness of the engineer Renzo Rivolta, who built cars, motorcycles and the popular minicar Isetta, the Isomoto 125 It made its appearance in April 1950, with a split cylinder two-stroke engine. It has the same engine as the Isoscooter and interchangeable 12” wheels: in fact, by pulling out the pins, the side brake drums remain fixed to the forks. With a drop tank and produced in three series, all with swingarm rear suspension not directly visible. The 60s crisis of the motorcycle industry was to be fatal also for the ISO, the factories definitively ceased the production of two wheels and were converted for the creation of the Iso Grifo a sportscar car. This Isomoto is a first series.

CARATTERISTICHE TECNICHE MARCA: ISO MODELLO: ISOMOTO ANNO: 1950 TIPO DI MOTORE: Monocilindrico sdoppiato a 2 tempi con Carburatore Dell’Orto MA16 o Zenith 18MCT CILINDRATA: 125 cc POTENZA: 7 cv a 5.200 giri CAMBIO: a 3 marce

TECHNICAL FEATURES BRAND: ISO MODEL: ISO MOTO YEAR: 1950 ENGINE TYPE: two-stroke, split single-cylinder with Dell’Orto MA 16 or Zenith 18 MCT carburettor Displacement: 125 cc POWER: 6,5 hp at 5,2000 rpm TRANSMISSION TYPE: 3-speed

€ 1.500-2.500

57


31 1951/65 GILERA SATURNO Progettata dall’Ing. Salmaggi, è l’evoluzione moderna della VTE Gran Sport o più comunemente conosciuta come la “8 bulloni”. A causa della II guerra mondiale, la Saturno vedrà la luce solo nel 1946, restando in produzione per oltre 10 anni e venne prodotta in oltre 6000 esemplari nei vari modelli. Questo esemplare, dal motore già performante all’origine, venne ulteriormente potenziato e collocato in un telaio parzialmente rimodernato e equipaggiato con componentistica moderna: forcella Marzocchi, freni Grimeca su ruote da 18 pollici e ammortizzatori Ceriani. Queste tipologie di motociclette, spesso modificate dagli stessi motociclisti che le utilizzavano, sono la testimonianza di un periodo (anni 60/70) ove le case costruttrici nazionali non producevano moto sportive di grossa cilindrata; lasciando completamente scoperta una fetta di mercato che verrà presto coperta dall’avvento delle moto giapponesi. CARATTERISTICHE TECNICHE MARCA: GILERA MODELLO: SATURNO ANNO: dal 1951/65 TIPO DI MOTORE: Monocilindrico a 4 tempi CILINDRATA: 500 cc POTENZA: 36 cv CAMBIO: a 4 marce Designed by Ing. Salmaggi, is the modern evolution of the VTE Gran Sport or more commonly known in Italy as the “8 bulloni”. Produced after the Second World War, in 1946, the Gilera Saturn remained in production for over ten years and was presented in over 6000 figures in various models. This model was further enhanced and placed in a partially modernised chassis and equipped with modern components: Marzocchi fork, Grimeca brakes on 18-inch wheels and Ceriani shock absorbers. These types of motorcycles, often modified by the same motorcyclists who used them, are the testimony of a period (60/70s) when the national manufacturers did not produce a significant displacement of sports bikes; leaving uncovered an entire slice of the market soon to be covered by Japanese motorcycles. TECHNICAL FEATURES BRAND: GILERA MODEL: SATURNO YEAR: since 1951 ENGINE TYPE: four-stroke, single-cylinder DISPLACEMENT: 500 cc POWER: 35 hp TRANSMISSION TYPE: 4-speed € 16.000 - 20.000

58


59


32 1956 MASERATI 160/T4 NUM. TELAIO E5348 L’eredità della Maserati fu divisa tra i figli della famiglia Orsi e la Fabbrica Candele Accumulatori Maserati andò a Ida Orsi che acquistò la Italmoto di Bologna nel 1953 e si cimentò nella produzione di moto con il marchio del tridente fino al 1960 con un discreto successo. La forte concorrenza delle altre aziende motociclistiche portò alla chiusura definitiva della produzione delle moto Maserati. La 160/T4 è una Italmoto riprogettata con motore da 158 cc e costruita a Modena, l’esemplare proposto è una prima serie ed è privo del collettore di scarico. CARATTERISTICHE TECNICHE MARCA: MASERATI MODELLO: 160/T4 ANNO: 1956 TIPO DI MOTORE: Monocilindrico a 4 tempi CILINDRATA: 158 cc POTENZA: 7,5 cv CAMBIO: a 4 marce € 5.000 - 6.000

60

The inheritance of Maserati was divided between the sons of the Orsi family. The factory Candele e Accumulatori Maserati went to Mrs Ida Orsi who bought the motorcycle factory Italmoto of Bologna in 1953 and ventured into the production of motorcycles with the Maserati logo until 1960 with fair success. The intense competition of the other motorcycle companies led to the definitive end of the Maserati motorcycles production. The 160 / T4 is a redesigned Italmoto with a 158 cc engine, built in Modena. The proposed model is a first series and is without the exhaust manifold. TECHNICAL FEATURES BRAND: MASERATI MODEL: 160/T4 YEAR: 1956 ENGINE TYPE: four-stroke, single-cylinder DISPLACEMENT: 158 cc POWER: 7,0 hp TRANSIMISSION TYPE: 4-speed


33 1953 MONDIAL 200 LUSSO NUM. TELAIO 2690 La 200 Lusso è derivata dalla 125 da corsa ed è l’evoluzione della 200. Prodotta nel biennio 1953-54, equipaggiata con forcella telescopica, forcellone oscillante e due ammortizzatori posteriori. Il colore argento la distingueva dalle altre motociclette e la sua linea era derivata dai bolidi da GP del periodo. Il motore 4 tempi semi libero eroga 12 cavalli a 6000 giri, 2 in più rispetto alla Mondial 200 e toccava i 110 km/h.

The 200 Lusso is derived from the 125 racing and is the evolution of the 200. Produced in the two-year period 1953-’54, equipped with a telescopic fork, swingarm and two rear shock absorbers. The silver colour distinguished it from other motorcycles, and its line was derived from the GP racing cars of the period. The four-stroke engine delivered 11 horsepower at 6000 rpm, two more than the Mondial 200 and reached 68 m.p.h.

CARATTERISTICHE TECNICHE MARCA: MONDIAL MODELLO: 200 LUSSO ANNO: 1953 TIPO DI MOTORE: Monocilindrico a 4 tempi CILINDRATA: 190 cc POTENZA: 12 cv a 6.000 giri CAMBIO: a 4 marce

TECHNICAL FEATURES BRAND: MONDIAL MODEL: 200 LUSSO YEAR: 1953 ENGINE TYPE: four-stroke, single-cylinder Displacement: 190 cc POWER: 11 hp at 6,000 rpm TRANSMISSION TYPE: 4-speed

€ 5.500 - 6.000


34 1950 MOTO MORINI SUPER SPORT 125 NUM. TELAIO 252 La Moto Morini Super Sport nacque nel 1948, il motore eroga 7,5 cavalli a 6.500 giri e la velocità massima è prossima ai 100 Km/h. Nel 1951, l’ultimo anno di produzione, venne aggiornata con nuovo telaio, forcella telescopica, forcellone oscillante e ammortizzatori posteriori. Nel 1952 la Super Sport sparisce dal listino, restano solo la Turismo e la Sport che in pratica ha le stesse prestazioni della Super Sport, L’esemplare esposto è una prima serie prodotta dal 1948 al 1950. CARATTERISTICHE TECNICHE MARCA: MOTO MORINI MODELLO: SUPER SPORT 125 ANNO: 1950 TIPO DI MOTORE: Monocilindrico a 2 tempi CILINDRATA: 123 cc POTENZA: 7,5 cv CAMBIO: a 3 marce The Moto Morini Super Sport was born in 1948, the engine delivers 7.0 horsepower at 6.500 rpm, and the top speed is close to 100 km / h. In 1951, the last year of production, it was updated with new chassis, telescopic fork, swingarm and rear shocks. In 1952 the Super Sport disappeared from the price list, only the Tourism and Sport remained. The exemplary exhibited is a first series produced between 1948 and 1950. TECHNICAL FEATURES BRAND: MOTO MORINI MODEL: SUPER SPORT 125 YEAR: 1950 ENGINE TYPE: two-stroke, single-cylinder DISPLACEMENT: 123 cc POWER: 7,0 hp at 6,500 rpm TRANSMISSION TYPE: 3-speed € 3.500 - 4.000

62


63


35 1947 MOTO MORINI 125 TURISMO NUM. TELAIO SS2967 Nacque come Moto Morini T, ma fu ribattezzata Turismo, iniziò ad essere prodotta nell’estate del 1946 ed è la prima motocicletta prodotta dalla casa bolognese. Il motore ha 2 tempi ed eroga 4,5 cavalli a 4.500 giri, il cambio è a 3 marce. Con vari aggiornamenti, fra i quali l’adozione della forcella telescopica e degli ammortizzatori posteriori, resterà in listino fino al 1955. L’esemplare proposto è una seconda serie prodotto nel biennio 1947–48 e si distingue dalla prima per il terminale della marmitta di diverso disegno e il parafango anteriore sostenuto da due bacchette anziché quattro. Da questo modello deriverà anche la 125 da competizione 2 tempi del 1948.

It was born as Moto Morini T, but it was renamed Turismo, it began to be produced in the summer of 1946 and is the first motorcycle built by Moto Morini. The engine has two-stroke and delivers 4.5 horsepower at 4,500 rpm; the transmission type is with 3-speed. With various updates, among which the adoption of the telescopic fork and rear shock absorbers, the bike remained on the price list until 1955. The proposed sample is a second series produced in the two-year period 1947-’48 and distinguishes itself from the first for the muffler terminal of different design and the front fender supported by two sticks instead of four. From this model will also derive the two-stroke competition 125 of 1948.

CARATTERISTICHE TECNICHE MARCA: MOTO MORINI MODELLO: TURISMO 125 ANNO: 1947 TIPO DI MOTORE: Monocilindrico a 2 tempi CILINDRATA: 123 cc POTENZA: 4,5 cv CAMBIO: a 3 marce

TECHNICAL FEATURES BRAND: MOTO MORINI MODEL: 125 TURISMO 2ND SERIES YEAR: 1947 ENGINE TYPE: two-stroke, single-cylinder DISPLACEMENT: 123 cc POWER: 4 hp at 4.500 rpm TRANSIMISSION TYPE: 3-speed

€ 2.500 - 3.000

64


36 1939/1940 MOTO GUZZI AIRONE 250 NUM. TELAIO 4PE7625 Presentata nel 1939, a causa della guerra la produzione venne interrotta dopo un migliaio di pezzi e viene ripresa a guerra conclusa, contando varie evoluzioni negli anni. Il motore, disposto orizzontalmente secondo la tradizione Guzzi, è un monocilindrico con valvole in testa ad aste e bilancieri, con un alesaggio di 70 mm ed una corsa di 64 mm, per una cilindrata totale di 246 cc. Dopo il 1940 venne adottato un nuovo telaio elastico completamente in lamiera stampata. Nel 1947 viene introdotta una forcella a steli rovesciati. Nel 1948 l’Airone si sdoppia: viene presentata la versione Sport caratterizzata da un nuovo telaio in tubi e lamiera, mentre la vecchia versione assume la denominazione di Turismo. Nel 1952 il serbatoio, in precedenza parzialmente cromato, viene verniciato e il tipo Turismo monta lo stesso telaio della versione Sport. Nel 1954 il serbatoio (limitatamente alla versione Sport) ritorna cromato, mentre il terminale del tubo di scarico perde la forma a coda di pesce per assumere quella ogivale. L’esemplare proposto è un primo tipo con telaio in tubi della precedente edizione.

Presented in 1939, due to the war production was interrupted after a thousand pieces and is taken at the end of the war, counting various changes over the years. The engine, arranged horizontally according to the Guzzi tradition, is a single-cylinder with overhead valves and rods, with a bore of 70 mm and a stroke of 64 mm, for a total displacement of 246 cc. After 1940 a new elastic frame was utterly used in pressed sheet metal. In 1947 an upside-down fork was introduced. In 1948 the Airone doubled: the Sport version is presented featuring a new tube and sheet frame, while the old version takes the name of Turismo. In 1952 the tank, previously partially chromed, was painted and the Turismo type fitted the same chassis as the Sport version. In 1954, the tank (limited to the Sport version) returned chrome, while the tailpipe end lost the shape of a fishtail to assume the ogival one. The proposed model is a first series with a tube frame from the previous edition.

CARATTERISTICHE TECNICHE MARCA: MOTO GUZZI MODELLO: AIRONE ANNO: 1939/1940 TIPO DI MOTORE: Monocilindrico a 4 tempi CILINDRATA: 247 cc POTENZA: 9,5 cv CAMBIO: a 4 marce

TECHNICAL FEATURES BRAND: MOTO GUZZI MODEL: AIRONE YEAR: 1939/1940 ENGINE TYPE: four-stroke, single-cylinder Displacement: 247 cc POWER: 9 hp at 4,500 rpm TRANSMISSION TYPE: 4-speed

€ 4.000 - 5.000


37 1959 MOTOBI SPRING LASTING 200 LUSSO NUM. TELAIO 700217 La MotoBi Spring Lasting di Giuseppe Benelli, fu la risposta alla Benelli Leonessa 250 presentata allo stesso Salone di Milano del 1952 dal fratello Giovanni. Equipaggiata con motore bicilindrico a 2 tempi e con la distribuzione rotativa centrifuga già sperimentata sulle monocilindriche. A destare scalpore era, non solo l’innovativo sistema di alimentazione, ma anche la forma ovoidale del motore, nei confronti della quale, l’Ing. Giuseppe Benelli era molto geloso, tanto da far pubblicare sulla stampa specializzata una diffida “contro ogni plagio, anche per quanto riguarda la forma esterna nel complesso ed in tutti i suoi particolari”. La “Spring Lasting” vincerà anche una Milano-Taranto. CARATTERISTICHE TECNICHE MARCA: MOTOBI MODELLO: SPRING LASTING 200 LUSSO ANNO: 1959 TIPO DI MOTORE: Bicilindrico a 2 tempi CILINDRATA: 195,4 cc POTENZA: 11 cv CAMBIO: a 4 marce The MotoBi Spring Lasting by Giuseppe Benelli was the reaction to the Benelli Leonessa 250 presented at the same Motor show in Milan in 1952 by his brother Giovanni. The bike was equipped with a two-stroke twin-cylinder engine and with centrifugal rotary distribution already tested on single-cylinder engines. Not only the innovative feeding system but also the oval shape of the engine was indeed particular. Eng. Giuseppe Benelli was very jealous of the engine shape so much to publish a wary, in the specialised press, “against” any plagiarism. The “Spring Lasting” also won a Milan-Taranto. TECHNICAL FEATURES BRAND: MOTO BI MODEL: SPRING LASTING 200 LUSSO YEAR: 1959 ENGINE TYPE: two-stroke, twin-cylinder DISPLACEMENT: 195,4 cc POWER: 10 hp TRANSMISSION TYPE: 4-speed € 4.000 - 5.000

66


67


38 1954 MV AGUSTA 125 PULLMAN NUM. TELAIO 506202 Il modello costruito nel maggior numero di esemplari dalla MV Agusta. Presentata al Salone di Bruxelles nel gennaio 1953, con telaio a culla aperta e realizzato in monotubo d’acciaio. Vanta un grande comfort di guida grazie all’assetto, dalle sospensioni morbide e dagli pneumatici a larga sezione. Le ultime “Pullman” prodotte furono utilizzate per collaudare, nel 1957, l’avveniristico motore 2T da 125 cc che non entrò mai in produzione. Nel 1956 venne sostituita dal modello “Superpullman”. In totale le “Pullman” prodotte furono circa 27.000. L’esemplare proposto è una seconda serie, prodotta dal 1954 in circa 18.000 esemplari, si differenzia per l’adozione del cambio a pedale, anziché a manopola e per l’eliminazione del terzo ammortizzatore idraulico centrale.

The model built in the most substantial number of figures. It was presented at the Brussels Motor Show in January 1953, with a frame, with open cradle made of steel monotube. It boasts excellent driving comfort thanks to its driving position, soft suspension and wide-section tires. The last “Pullman” produced were used to test, in 1957, for the futuristic 125 cc 2T engine that never went into production. In 1956, it was replaced by the “Super Pullman” model. In total, the number of “Pullman” produced was about 27,000. The proposed model is a second series, created since 1954 in nearly 18,000 figures; it differs from other motorbikes for the adoption of the pedal transmission, and for the elimination of the third central hydraulic shock absorber.

CARATTERISTICHE TECNICHE MARCA: MV AGUSTA MODELLO: 125 PULLMAN ANNO: 1954 TIPO DI MOTORE: Monocilindrico a 2 tempi con carburatore Dell’Orto MA 17 CILINDRATA: 125 cc POTENZA: 5 cv a 4.500 GIRI CAMBIO: a 3 marce

TECHNICAL FEATURES BRAND: MV AUGUSTA MODEL: Pullman 125 YEAR: 1954 ENGINE TYPE: two-stroke, single-cylinder with Dell’Orto MA 17 carburettor DISPLACEMENT: 125 cc POWER: 4,5 hp at 4,500 rpm TRANSIMISSION TYPE: 3-speed

€ 2.500 - 3.000


39 1938 NSU 351 OT Costruita dall’antica fabbrica Tedesca, il cui anno di fondazione risale al 1873 e la prima moto al 1901. La 351 OT introdotta nella gamma nel 1935 era un’estensione della serie OSL. Adottò la stessa sospensione della 251 OSL ma con motore più potente, era particolarmente adatta per l’uso in montagna e per i sidecar. Fu caratterizzata da un basso consumo di carburante e un prezzo di vendita ragionevole.

Built from the old German factory, whose foundation dates to 1873. The 351 OT, introduced in the range in 1935, was an extension of the OSL series. It adopted the same suspension of the OSL 251, but with a more powerful engine, it was particularly suitable for use in mountain races and the use of sidecars. It was characterised by low fuel consumption and a reasonable selling price.

CARATTERISTICHE TECNICHE MARCA: NSU MODELLO: 351 OT ANNO: 1938 TIPO DI MOTORE: Monocilindrico a 4 tempi CILINDRATA: 331 cc POTENZA: 12,5 cv CAMBIO: a 3 marce

TECHNICAL FEATURES BRAND: NSU MODEL: 351 OT YEAR: 1938 ENGINE TYPE: four-stroke, single-cylinder Displacement: 331 cc POWER: 11 hp TRANSMISSION TYPE: 3-speed

€ 3.500 - 4.000


40 1953 NSU FOX 98 Costruita dall’antica fabbrica Tedesca, il cui anno di fondazione risale al 1873 e la prima moto al 1901. La FOX 98 nacque dal designer Albert Roder. Il 98 cc 4 tempi è ancora uno dei modi più economici per guidare una moto.

Built by the old German factory, whose foundation dates to 1873. The FOX 98 was born from the designer Albert Roder. The 98 cc four-stroke is still one of the most economical ways to drive a motorcycle.

CARATTERISTICHE TECNICHE MARCA: NSU MODELLO: FOX 98 ANNO: 1953 TIPO DI MOTORE: Monocilindrico a 4 tempi CILINDRATA: 98 cc POTENZA: 5,8 cv CAMBIO: a 4 marce

TECHNICAL FEATURES BRAND: NSU MODEL: FOX 98 YEAR: 1953 ENGINE TYPE: four-stroke, single-cylinder DISPLACEMENT: 98 cc POWER: 5,5 hp TRANSIMISSION TYPE: 4-speed

€ 3.500 - 4.000

70


41 RUMI 125 SPORT La Sport fu senza dubbio il modello più rappresentativo e di maggior successo della produzione Rumi. La produzione iniziò alla fine del 1950 e venne presentato al pubblico nel 1951 alla Fiera Campionaria di Milano (EICMA). La sua linea inusuale con una elegante livrea e il rombo dei cilindri stupì un’intera generazione. Il propulsore appariva notevolmente migliorato e dotato di pistoni con un particolare deflettore, brevettato dalla Casa, che successivamente fu montato su tutti le Rumi. Nel 1953, 1955 e 1956 la Sport, viene migliorata modificando prima il carburatore poi il cambio e infine nella ciclistica: migliorando il molleggio posteriore e montando i cerchi in ferro Aimon. Il prezzo di listino era fissato a 235.000 Lire, la produzione cessò nel 1958.

The 125 Sport was undoubtedly the most representative and most successful model of the Rumi production. This motorcycle production began at the end of 1950 and was presented to the public in 1951 at the Milan Trade Fair (EICMA). Its unusual line with an elegant livery and the roar of its cylinder surprised a whole generation. The engine was equipped with pistons with a deflector, patented by the factory, which was later mounted on all Rumi. In 1953, 1955 and 1956 the Sport was improved modifying first the carburettor, then the transmission type and finally in the chassis: adjusting the rear suspension and assembling the Aimon iron rims. The list price was set at 235,000 lire. The bikes production ceased in 1958.

L’esemplare proposto è incompleto

This motorbike is incomplete.

CARATTERISTICHE TECNICHE MARCA: RUMI MODELLO: 125 Sport

TECHNICAL FEATURES BRAND: RUMI MODEL: 125 SPORT

€ 1.500 - 2.000

71


42 1920 FN TYPE 700 FOUR La FN era un’azienda Belga che dal 1901 al 1967 produsse motociclette di classe. FN realizzò la prima moto a 4 cilindri al mondo ed era famosa per l’utilizzo della trasmissione a cardano. Raggiunse il successo anche nelle competizioni di velocità e di lunga distanza. La FN Four è stata sviluppata nel 1904, testato a fine anno, e ha avuto il suo debutto pubblico al 1905 Paris Motorcycle Show. La FN Four fu prodotta dal 1905 al 1926. Nel 1914 nacque la Type 700, il motore fu completamente riprogettato: è cresciuto a 748 cc con valvole laterali su lati opposti del cilindro, la cosiddetta configurazione a T-Head. La moto aveva una frizione robusta e un cambio a tre marce. L’esemplare presentato è monito di un raro carrozzino. La presente moto è omologata ASI.

The Belgian company FN produced motorcycles from 1901 to 1967, with a fair success both in high-speed and long-distance motorcycle races. The brand is famous for the use of the shaft transmission and for building the first four-cylinder motorcycle in the world. The FN Four was developed in 1904 and debuted the year later, at the Paris Motorcycle Show. This model was produced from 1905 to 1926, but in 1914, when the Type 700 born, it was renewed (t-head configuration and 748 cc engine). The bike had a sturdy clutch and a three-speed transmission type. The presented sample is equipped of a rare buggy. This motorcycle presents the ASI certification.

CARATTERISTICHE TECNICHE MARCA: FN MODELLO: TYPE 700 FOUR ANNO: 1920 TIPO DI MOTORE: quattro tempi, quattro cilindri valvole laterali, accensione magnete Bosch CILINDRATA: 750 cc CAMBIO: 3 marce, trasmissione mediante albero cardanico

TECHNICAL FEATURES BRAND: FN MODEL: TYPE 700 FOUR YEAR: 1920 ENGINE: four-stroke, four-cylinder, Bosch magnet starter DISPLACEMENT: 750 cc TRANSMISSION TYPE: 3-speed

€ 35.000 - 50.000

72


73


43 1903 CHATER-LEA FORECAR 600 Chater-Lea era un produttore di biciclette, auto e motociclette britannico nella città di Londra e, dal 1928, con sede a Letchworth, Hertfordshire. È stata fondata da William Chater-Lea nel 1890 per realizzare componenti per biciclette. Ha prodotto i motocicli dal 1900 a 1935. Le moto sono state costruite per accogliere motori richiesti dai clienti. Per alcuni anni hanno avuto soltanto un modello, robusto nella costruzione, che è stato significativo per l’uso dei sidecar. Aveva un motore JAP 6HP, un cambio a due marce a catena. Hanno poi prodotto un solo motociclo con 2,5 CV con un motore JAP e trasmissione a cinghia. Il modello presentato ha la possibilità di diverse trasformazioni, da motocicletta a triciclo, con o senza carrozzino. La presente moto è omologata ASI ed è eleggibile per la London-Brighton.

Chater-Lea was a British bicycle, motor cycle and car maker. In 1890 the company was founded by William Chater-Leato, to develop only bicycle components. The motorcycles production started in 1900 and ended in 1936 and was focus on the clients’ need and requirements. In the first years, the Charter-Lea had only one robust model meant for sidecar use. It had a 6 hp JAP engine, a two-speed transmission type and all-chain drive. Later on, they produced a 2.5 hp solo with a JAP engine and belt drive. The peculiarity of this exemplar is its versatility: the possibility of different transformations, from motorcycles to tricycle, with or without buggy. This motorcycle presents the ASI certification.

CARATTERISTICHE TECNICHE MARCA: CHATER-LEA MODELLO: FORECAR 600 ANNO: 1903 TIPO DI MOTORE: Monocilindrico quattro tempi CILINDRATA: 600 cc POTENZA: 6 cv CAMBIO: a due marce a catena

TECHNICAL FEATURES BRAND: CHATER-LEA MODEL: FORECAR 600 YEAR: 1903 ENGINE: four-stroke, single-cylinder DISPLACEMENT: 600 cc POWER: 6 cv TRANSMISSION TYPE: 2-speed

€ 40.000 - 55.000

74


44 1930 HARLEY-DAVIDSON DL SPORT Prodotta a cavallo della crisi del 1929, fu la prima moto valvole laterali con una cilindrata di 742 cc. Non fu creato un nuovo telaio ma un nuovo motore per montare lo spinterogeno verticalmente accanto al cilindro anteriore. Questa soluzione dava alla moto l’aspetto di un motore a tre cilindri.

Produced at the turn of the 1929 crisis, this model was the first lateral-valves motorcycle with a displacement of 742 cc.

CARATTERISTICHE TECNICHE MARCA: HARLEY-DAVIDSON MODELLO: DL SPORT ANNO: 1930 TIPO DI MOTORE: Bicilindrico quattro tempi, valvole laterali CILINDRATA: 742 cc

TECHNICAL FEATURES BRAND: HARLEY-DAVIDSON MODEL: DL SPORT YEAR: 1930 ENGINE: four-stroke, twin-cylinder DISPLACEMENT: 742 cc

€ 20.000 - 25.000

76


45 1938 GNOME & RHONE AX2 CON SIDECAR La Gnome & Rhone per l’esercito francese, oltre alla X chiamata “Estafettes” e il 500 monocilindro D 5A, produsse dal 1938 al 1945 un modello speciale: la AX2. La AX2 sarà il sidecar dell’esercito francese, mentre i Russi avevano la Zündapp, i belgi la FN, gli inglesi la Norton 600 Big Four, ecc. Il motore deriva da quello della 750 X con la corsa aumentata da 72 mm a 80 mm, con distribuzione laterale, molto robusto e con una manutenzione molto facile. La moto aveva l’accensione a magnete, una velocità di 110 km/h. La presente moto è omologata ASI.

The Gnome & Rhone produced for the French army, from 1938 to 1945, a special motorcycle model the AX2. At the same time the company produced also to the X called “Estafettes” and the 500 single-cylinder D 5A. The AX2 was the sidecar of the French army, while the Russians had the Zündapp, the Belgians the FN, the British the Norton 600 Big Four, etc. The AX2 engine, derived from the 750 X one, but the very robust and with easy-maintainable stroke was increased from 72 mm to 80 mm. The bike had a magnet starter and a speed of 110 km / h. This motorcycle presents the ASI certification.

CARATTERISTICHE TECNICHE MARCA: GNOME & RHONE MODELLO: AX2 ANNO: 1939 TIPO DI MOTORE: Bicilindrico a cilindri contrapposti, quattro tempi, valvole laterali CILINDRATA: 800 cc POTENZA: 18 cv CAMBIO: a 4 marce

TECHNICAL FEATURES BRAND: GNOME & RHONE MODEL: AX2 YEAR: 1939 ENGINE: four-stroke, flat two DISPLACEMENT: 800 cc POWER: 18 cv TRANSMISSION TYPE: 4-speed

€ 15.000 - 20.000

78


46 1914 WOLSIT 600 CC NUM. TELAIO 327 L’azienda è stata fondata nel 1907 a Legnano con l’acquisizione, da parte della Franco Tosi, della licenza di produrre e commercializzare in Italia autovetture e biciclette della società britannica Wolseley, da cui il nome “Wolsit”. Dal 1910 al 1932 l’azienda produsse, con marchio Wolsit, anche motociclette. La presente moto è omologata ASI.

The company was founded in 1907 in Legnano with the acquisition, by Franco Tosi, of the license to produce and sell in Italy cars and bicycles of the British company Wolseley, hence the name “Wolsit”. From 1910 to 1932, the company produced motorcycle with the Wolsit brand, also motorcycles. This motorcycle presents the ASI certification.

CARATTERISTICHE TECNICHE MARCA: WOLSIT MODELLO: 600 CC ANNO: 1914 TIPO DI MOTORE: Monocilindrico quattro tempi CILINDRATA: 600 cc POTENZA: 7 cv CAMBIO: trasmissione a cinghia a due velocità

TECHNICAL FEATURES BRAND: WOLSIT MODEL: 600 CC YEAR: 1914 ENGINE: four-stroke, single-cylinder DISPLACEMENT: 600 cc POWER: 7 cv TRANSMISSION TYPE: 2-speed final drive belt

€ 20.000 - 25.000

80


47 1902 PERFECTA La rara Perfecta è stata creata dalla ditta “Bendèr-Martignì” 1899-1903, poi nel 1903 è stata acquistata dalla ditta Mantovani che ha continuato il modello. Motocicletta leggera da corsa del 1902.

The rare Perfecta was created by the company “Bendèr-Martignì” 1899-1903, then in 1903 it was bought by the Mantovani company which continued the model. Light racing motorcycle from 1902.

CARATTERISTICHE TECNICHE MARCA: Perfecta CILINDRATA: 220 cc

TECHNICAL FEATURES BRAND: Perfecta DISPLACEMENT: 220 cc

€ 10.000 - 12.000

82


48 1912 MOTO RÊVE B LUSSO Costruite a Ginevra, le due ruote Moto Rêve erano molto simili a quelle della Motosacoche che sono state anch’esse costruite nella capitale del lago. Lanciate nel 1906, dal 1907 sono state commercializzate in Inghilterra sotto il nome ‘Norton’, e almeno un altro produttore britannico ha usato i loro motori per costruire moto con lo stesso nome. Il marchio ha prodotto con continuità fino al 1914, ma dopo la guerra è scomparso. La moto presentata è uno dei primi bicilindrici al mondo.

Moto Rêve motorcycles were built in Geneva. The company worked well until 1914, but after the war it slowly faded from view. The presented motorcycle is one of the first 2 cylinder in the world.

CARATTERISTICHE TECNICHE MARCA: MOTO RÊVE MODELLO: B LUSSO ANNO: 1912 TIPO DI MOTORE: Bicilindrico a V, quattro tempi, accensione a magnete CILINDRATA: 295 CC POTENZA: 2,3 CV CAMBIO: trasmissione a cinghia trapezoidale con tendi-cinghia speciale a leva

TECHNICAL FEATURES BRAND: MOTO RÊVE MODEL: LUXURY B YEAR: 1912 ENGINE: four-stroke, two-cylinder, magnet starter DISPLACEMENT: 295 cc POWER: 2,3 cv TRANSMISSION TYPE: 2 speed final drive belt

€ 10.000 - 12.000

83


49 1970 AERMACCHI ALA BLU GT NUM. TELAIO 241X23 Entrata in produzione nel 1967 dotata di una linea filante, caratterizzata dal serbatoio a goccia. La versione Gt è equipaggiata con un cambio a cinque marce ed è stata quella di maggior successo, rimasta in produzione fino al 1972, ne sono stati prodotti 642 esemplari.

The bike was first built in 1967 and equipped with a sleek line, characterised by a tank with a teardrop design. The GT version was provided with a 5-speed transmission and was the most successful, remained in production until 1972. 642 motorcycles were produced.

CARATTERISTICHE TECNICHE MARCA: AERMACCHI MODELLO: ALA BLU GT ANNO: 1970 TIPO DI MOTORE: Monocilindrico a 4 tempi con carburatore Dell’Orto UB 24 B52 CILINDRATA: 246,6 cc POTENZA: 18 cv CAMBIO: a 5 marce

TECHNICAL FEATURES BRAND: AERMACCHI MODEL: BLUE WING GT YEAR: 1970 ENGINE TYPE: four-stroke, single-cylinder with Dell’Orto UB 24 B52 carburettor DISPLACEMENT: 246.6 cc POWER: 18 hp TRANSMISSION TYPE: 5-speed

€ 5.000 - 6.000

84


85


50 1951 RUMI GOBBETTO (REPLICA) Dopo un primo anno positivo dal punto di vista economico, con un buon successo di mercato e con un motore potente, affidabile e collaudato a fondo in molte gare di regolarità e in alcune di velocità, la Rumi decide di allestire una motocicletta specifica per le corse. Nasce il Competition Gobbetto, meglio conosciuto all’estero con la sigla SS52. Con il basamento del motore invariato, montando solo i pezzi migliori, testandoli pezzo per pezzo all’autodromo di Monza per almeno 100 Km. I cilindri in ghisa furono col tempo sostituiti da quelli in alluminio, con pistoni in alluminio e deflettori speciali ad alta turbolenza. La presentazione ufficiale avvenne in occasione del Salone del Ciclo e Motociclo di Milano alla fine del 1951 e in quell’occasione la stampa specializzata gli diede il soprannome di “Gobbetto” per via del caratteristico serbatoio prolungato oltre la testa della forcella. Nel 1953 fu caratterizzato da alcune modifiche che comprendevano anche il “famoso” serbatoio ma il nomignolo rimase. La produzione cessò nel 1955 e fu costruito in circa una cinquantina di esemplari esportati anche in Inghilterra, Francia, Svezia, Argentina e Stati Uniti. L’esemplare presentato è stato ricostruito utilizzando ricambi originali come ad esempio il gruppo propulsore.

After a mainly positive first year, with good market success and many races that tested that the engine was sturdy and reliable, Rumi decides to build a new bike specifically for the competitive races: the Gobbetto, better known abroad with the acronym SS52. The new motorbike kept engine crankcase unchanged, mounting only the best parts, testing them piece by piece at the Monza racetrack for at least 100 km. The cast iron cylinders were over time replaced by aluminium ones, with aluminium pistons and special high turbulence deflectors. The bike was officially presented to the public at the Milano Motor Show at the end of 1951, and on that occasion, the specialised press gave him the nickname “Gobbetto” because of the original tank extended beyond the fork’s head. In 1953, some modifications took place that included the “famous” tank, but the nickname remained. The production ceased in 1955. The “Gobbetto” was built in about fifty exemplars and exported to England, France, Sweden, Argentina and the United States. This model was rebuilt using original spare parts such as the power unit.

CARATTERISTICHE TECNICHE MARCA: RUMI MODELLO: GOBBETTO (REPLICA) ANNO: n.d. TIPO DI MOTORE: Bicilindrico a 2 tempi con 2 carburatori Dell’Orto SS23c/SS22c CILINDRATA: 124,68 cc POTENZA: 9 cv a 8200 giri CAMBIO: a 4 marce

TECHNICAL FEATURES BRAND: RUMI MODEL: GOBBETTO (REPLICA) YEAR: n.d. ENGINE TYPE: two-stroke, twin-cylinder with 2 Dell’Orto SS23c / SS22c carburettors DISPLACEMENT: 124.68 cc POWER: 9 hp at 8,200 rpm TRANSMISSION TYPE: 4-speed

€ 25.000 - 30.000

86


51 1952 ISO ISOSCOOTER 125 NUM. TELAIO 22546 Terza e ultima serie dello scooter prodotto dalla Iso, costruita in circa 17.000 esemplari. Tipico della III serie sono i 6 denti dei riscontri guida delle ruote e il fermo del filo del comando del freno posteriore saldato alla forcella e il bauletto posteriore. Negli anni vengono fatte varie modifiche; la sella posteriore non era fornita dalla Iso, si poteva chiedere in concessionaria o installarne una a piacere. Presenti le fotografie prima del restauro.

The bike is part of the third and last series of the scooter produced by the ISO, built in about 17,000 exemplars. Various changes were made over the years: the rear saddle was not provided by the ISO. Therefore you could request one during the purchase negotiation or install one at will. We have photographs of the restoration’s process.

CARATTERISTICHE TECNICHE MARCA: ISO MODELLO: ISOSCOOTER 125 ANNO: 1952 TIPO DI MOTORE: Monocilindro a 2 tempi a con carburatore Dell’Orto MA16 CILINDRATA: 124,7 cc POTENZA: 6,7 cv a 5200 giri CAMBIO: a 3 marce

TECHNICAL FEATURES BRAND: ISO MODEL: ISOSCOOTER 125 YEAR: 1952 ENGINE TYPE: two-stroke, single-cylinder with Dell’Orto MA16 carburettor DISPLACEMENT: 124.7 cc POWER: 6.7 hp at 5,200 rpm TRANSMISSION TYPE: 3-speed

€ 4.500 - 6.000

88


52 1960 MONDIAL 175 SUPER TURISMO SERIE ORO NUM. TELAIO S2688 La 175 è la cilindrata maggiormente in auge tra la metà e la fine degli anni ’50, ricchi anche di soddisfazioni sportive per la Mondial. Nel 1958 saranno in catalogo con la stessa cilindrata i modelli Turismo, Sport, Sprint, Super Turismo, TV e appunto il 175 GS. Nel 1960 nasce la cosidetta “Serie Oro” che comprende i vari 175 Super Turismo, Sprint (con 2 marmitte) e Super Sprint a 5 marce realizzato solo in 40 esemplari. L’esemplare presentato è una 175 Super Turismo Serie Oro.

The 175 is the most popular cylinder capacity in the late ‘50s. In 1958, the Mondial’s sale catalogue featured: the Tourismo, Sport, Sprint, Super Turismo, TV and the 175 GS, all with the 175cc engine. In 1960, the so-called “Serie Oro” was born, which includes the 175 Super Turismo, Sprint (with two mufflers) and the 5-Speed Super Sprint made only in 40 units. This model is a 175 Super Turismo Serie Oro.

CARATTERISTICHE TECNICHE MARCA: MONDIAL MODELLO: 175 SUPER TURISMO SERIE ORO ANNO: 1960 TIPO DI MOTORE: Monocilindrico a 4 Tempi CILINDRATA: 175 cc POTENZA: 9 Cv a 6500 giri CAMBIO: a 4 marce

TECHNICAL FEATURES BRAND: MONDIAL MODEL: 175 SUPER TURISMO SERIE ORO YEAR: 1960 ENGINE TYPE: four-stroke, single cylinder DISPLACEMENT: 175 cc POWER: 9 hp at 6,500 rpm TRANSMISSION TYPE: 4-speed

€ 4.500 - 6.000

89


53 1938 MOTO GUZZI 500 SPORT 15 NUM. TELAIO 28568 Prodotta dal 1931 al 1939 in 5.979 esemplari, presentata al Motosalone di Milano nel 1931 e offerta a un prezzo di listino di 5.900 lire, poteva essere equipaggiata con numerosi accessori: la dinamo Miller, oppure a 750 lire la Bosch, 900 lire per l’impianto Bosch a spinterogeno, 1000 lire per la dinamo-magnete Bosch. E’ l’evoluzione della Sport 14, dalla seconda metà del 1933 il telaio viene modificato, mentre, esaurite le scorte del carburatore Amal, viene equipaggiata con il carburatore Dell’Orto MC 25.

Produced from 1931 to 1939 in 5,979 exemplars, presented at the Motosalone in Milan in 1931 and offered at a list price of 5,900 lire, the bike could be equipped with numerous accessories: The Miller dynamo, or 750 lire Bosch, 900 lire for the Bosch distributor system, 1000 lire for the Bosch dynamo-magnet. The Moto Guzzi 500 Sport 15 is the evolution of the 1933 Sport 14, with a modified chassis, and equipped with the Dell’Orto MC 25 carburettor.

CARATTERISTICHE TECNICHE MARCA: MOTO GUZZI MODELLO: SPORT 15 ANNO: 1938 TIPO DI MOTORE: Monocilindrico orizzontale quattro tempi con carburatore Amal 6-142 da 1” oppure Dell’Orto MCS 25 CILINDRATA: 498 cc POTENZA: 13,2 cv a 4.000 giri CAMBIO: a 3 marce

TECHNICAL FEATURES BRAND: MOTO GUZZI MODEL: SPORT 15 YEAR: 1938 ENGINE TYPE: four-stroke, single-cylinder horizontal with 1” Amal 6-142 or Dell’Orto MCS 25 carburettor DISPLACEMENT: 498 cc POWER: 13.2 hp at 4,000 rpm TRANSMISSION TYPE: 3-speed

€ 15.000 - 18.000

90


54 BERNI 90 CC Motobicicletta prodotta dalla francese Berni. Il motore da 90 cc è alloggiato sotto la canna del telaio e il serbatorio è in posizione anteriore sotto il manubrio.

Motorbike produced by the French company Berni. The 90 cc engine is housed under the barrel of the frame, and the tank is in anterior position under the handlebar.

CARATTERISTICHE TECNICHE MARCA: BERNI MODELLO: 90 CC. ANNO: n.d. TIPO DI MOTORE: n.d. CILINDRATA: 90 cc POTENZA: n.d. CAMBIO: n.d.

TECHNICAL FEATURES BRAND: BERNI MODEL: 90 CC DISPLACEMENT: 90 CC

€ 5.000 - 6.000

91


55 1951/53 MV AGUSTA 125 CGT NUM. TELAIO 54153 La serie CGT costituisce l’evoluzione del tipo “A”, prodotta tra il 1950-53 in circa 5300 esemplari con telaio aperto sui lati, privo di pannelli, motore a vista e pedana con tunnel centrale. La CGT viene realizzato in due serie: la prima ha il fanale sul manubrio, la seconda ha il fanale posizionato sullo scudo. La colorazione più diffusa è il celeste aviazione. L’esemplare fa parte della prima serie.

The CGT series is the evolution of the “A” type, produced between 1950 and ‘53 in about 5300 exemplars with an open frame on the sides, without panels, engine on sight and platform with a central tunnel. The CGT was made in two series: the first has the headlight on the handlebars, the second has the headlight positioned on the shield. The most common colouration is the celestial aviation. The sample is part of the first series.

CARATTERISTICHE TECNICHE MARCA: MV AGUSTA MODELLO: 125 CGT ANNO: 1951/53 TIPO DI MOTORE: Monocilindrico due tempi CILINDRATA: 123 cc POTENZA: 6 cv a 4500 giri CAMBIO: a 4 marce

TECHNICAL FEATURES BRAND: MV AGUSTA MODEL: 125 CGT YEAR: 1951/53 ENGINE TYPE: two-stroke, single-cylinder DISPLACEMENT: 123 cc POWER: 6 hp at 4,500 rpm TRANSMISSION TYPE: 4-speed

€ 4.500 - 6.000

92


56 1953 PARILLA 150 NUM. TELAIO 128805 Introdotta sul mercato nel 1953, con motore a 2 tempi, creata dalla piccola fabbrica di Milano fondata da Giovanni Parilla, nata inizialmente come officina per la riparazione e la manutenzione delle pompe di iniezione e degli iniettori dei motori. La 150 cc era prodorra in tra modelli: Luxury, Sport e Bracco. L’esemplare presentato è un Luxury.

Introduced on the market in 1953, with a two-stroke engine, created by the small factory in Milano founded by Giovanni Parilla, established initially as a workshop for the repair and maintenance of injection pumps and engine injectors. The 150 cc was produced in three models: Luxury, Sport and Bracco. This bike is a Luxury model.

CARATTERISTICHE TECNICHE MARCA: PARILLA MODELLO: 150 LUXURY ANNO: 1953 TIPO DI MOTORE: Mocilindrico a 4 tempi CILINDRATA: 150 cc POTENZA: 3 cv CAMBIO: a 4 marce

TECHNICAL FEATURES BRAND: PARILLA MODEL: 150 LUXURY YEAR: 1953 ENGINE TYPE: four-stroke, single-cylinder DISPLACEMENT: 150 cc POWER: 3 hp TRANSMISSION TYPE: 4-speed

€ 4.000 - 5.000

93


57 1958/1961 MONDIAL 125 SPECIAL SPRINT NUM. TELAIO 17085 Derivata dalla fortunata serie con motore da 175 cc della casa italiana, la sprint viene lanciata nel 1958 e rimane in produzione fino al 1961.

The bike was derived from the successful series with 175 cc engine of the Italian company, the sprint was launched in 1958 and remained in production until 1961.

CARATTERISTICHE TECNICHE MARCA: MONDIAL MODELLO: 125 SPECIAL SPRINT ANNO: 1958/1961 TIPO DI MOTORE: Monocilindro a 4 tempi CILINDRATA: 125 cc POTENZA: 6,5 cv a 6000 giri CAMBIO: a 4 marce

TECHNICAL FEATURES BRAND: MONDIAL MODEL: 125 SPECIAL SPRINT YEAR: 1958/61 ENGINE TYPE: four-stroke, single-cylinder DISPLACEMENT: 125 cc POWER: 6.5 hp at 6,000 rpm TRANSMISSION TYPE: 4-speed

€ 3.000 - 4.500

94


95


58 1933/34 VAGA TURISMO 175 CC NUM. TELAIO 3009 Raro esemplare della casa di Milano, fondata nel 1926 da Mario Vaga che costruì motociclette, caratterizzate dalle cromature e dai motori inglesi: JAP, Sturmey Archer, Blackburne e CF da 175 cc. Nel 1930, esce una 175 cc con motore CF e distribuzione ad albero a camme in testa. Una Vaga 175 con motore Blackburne e cambio Burman a 3 velocità partecipò al Gran Premio delle Nazioni di Monza, la produzione cessò nel 1934.

Rare exemplar produced by the Italian factory based in Milan, founded in 1926 by Mario Vaga, the bike is a JAP, Sturmey Archer, Blackburne and 175cc CF. In 1930, a 175 cc with a CF engine and an overhead camshaft came out. A Vaga 175 with a Blackburne engine and a 3-speed Burman transmission type took part in the Grand Prix of the Nations of Monza. Production ceased in 1934.

CARATTERISTICHE TECNICHE MARCA: VAGA MODELLO: TURISMO 175 CC ANNO: 1933/34 TIPO DI MOTORE: JAP a 4 Tempi CILINDRATA: 175 cc POTENZA: n.d. CAMBIO: a 3 Marce

TECHNICAL FEATURES BRAND: VAGA MODEL: TOURISM 175 CC YEAR: 1933/34 ENGINE TYPE: four-stroke JAP DISPLACEMENT: 175 cc TRANSMISSION TYPE: 3-speed

€ 10.000 - 12.000

96


97


59 1955 DUCATI 65 T “CUCCIOLO” NUM. TELAIO V3*0030223 A metà del secondo conflitto mondiale, Aldo Farinelli sviluppò un motore ausiliario da montare su una bicicletta: il Cucciolo. Il motore con ciclo a 4 tempi e cambio a 2 marce sfruttava tutta la potenza del motore e all’inizio fu prodotto dall’azienda automobilistica SIATA. Dopo il lancio sul mercato del Cucciolo T1 (Tipo1), nel 1945, la richiesta fu così alta che la SIATA si rivolse alla Ducati di Bologna per la produzione. La fabbrica Ducati, entrò così nel mondo delle motociclette iniziando con la costruzione del Cucciolo rilevando tutti i diritti di produzione. L’azienda mise sul mercato una versione sportiva, il T2 in grado di erogare 2 cv di potenza e di raggiungere i 60 km/h. Tra il 1947-1948 la produzione si attestò sulle 240 unità al giorno. Nel 1948 nacque il T3 con cambio a tre marce. Il Cucciolo è stato costruito sino al 1958.

In the middle of WWII, Aldo Farinelli developed an auxiliary engine to be assembled on a bicycle: the Cucciolo. The peculiarity was that the four-stroke engine and 2-speed transmission type, that took advantage of the engine power. The SIATA car company initially produced the engine, but, in 1945, the Cucciolo T1 (Tipo1) conquered the market: the demand was so high that SIATA turned to the Ducati of Bologna for the production. The Ducati obtained all production rights. The company launched on the market the Cucciolo T2, a sports version, capable of delivering 2 hp and reaching 37 mph. Between 1947-1948, the production stood at 240 units per day. In 1948, the Cucciolo T3 was designed with a three-speed transmission type. The Cucciolo was produced until 1958.

CARATTERISTICHE TECNICHE MARCA: DUCATI MODELLO: 65 T CUCCIOLO ANNO: 1955 TIPO DI MOTORE: Monocilindrico a 4 Tempi con carburatore Weber con diffusore da 9 mm CILINDRATA: 48 cc POTENZA: 1,5 cv a 5.500 giri/min CAMBIO: a 3 marce

TECHNICAL FEATURES BRAND: DUCATI MODEL: 65 T CUCCIOLO YEAR: 1955 ENGINE TYPE: four-stroke, single-cylinder with Weber 0,4 inches carburettor DISPLACEMENT: 48 cc POWER: 1,5 hp at 5,500 rpm TRANSMISSION TYPE: 3-speed

€ 5.000 - 7.000

98


60 1959/62 RUMI GENTLEMAN NUM. TELAIO 2XX12482 La Gentleman, inserita nel catalogo Rumi nel 1959, doveva sostituire la gloriosa Junior su alcuni mercati. Dalla Junior ereditò motore e il telaio con forcellone oscillante posteriore. Per la prima volta la Rumi, con questo modello, decise di montare componenti prodotti da ditte esterne come la forcella anteriore costruita dalla Marzocchi e ammortizzatori e freni posteriori reperiti sul mercato. La corona posteriore era dotata di parastrappi. Essendo destinata alle gare di categoria Sport venne offerta inizialmente anche nella versione di 175 cc. La produzione terminò con la chiusura della fabbrica.

The Gentleman, included in the Rumi catalogue in 1959, was supposed to replace the glorious Junior on the markets. From the Junior model, the Gentleman inherited the engine and the frame. For the first time with this model, the Rumi decided to assemble on its motorcycles components produced by external companies, such as the front fork (by Marzocchi) and dumpers and brakes (found on the market). Initially designed for the sports races, the Gentleman became available also in the 175cc version. The production ceased with the closure of Rumi’s factory.

CARATTERISTICHE TECNICHE MARCA: RUMI MODELLO: GENTLEMAN ANNO: 1959/62 TIPO DI MOTORE: Bicilindrico a due tempi con carburatore Dell’Orto 18 o 22 a vaschetta separata CILINDRATA: 124,68 cc POTENZA: 9 cv CAMBIO: a 4 marce

TECHNICAL FEATURES BRAND: RUMI MODEL: GENTLEMAN YEAR: 1959/62 ENGINE TYPE: two-stroke, twin-cylinder with Dell’Orto 18 or 22 carburettor DISPLACEMENT: 124,68 cc POWER: 8,8 hp TRANSMISSION TYPE: 4-speed

€ 14.000 - 16.000

99


61 1961 AERMACCHI HD ALA VERDE NUM. TELAIO *221060* L’Ala Verde è una motocicletta costruita dall’Aermacchi dal 1959 al 1972. La moto nasce come versione sportiva dell’Ala Azzurra 250 cm³. Nuova l’estetica, caratterizzata da un serbatoio di foggia poco convenzionale con una “gobba” verso la sella, sellone con codino, manubrio basso e ruote da 17”. La Casa dichiarava una velocità massima di 140 km/h.

The Ala Verde is a motorbike built by the Aermacchi from 1959 to 1972. The motorcycle was born as a sports version of the Blue Wing 98 inc³. The vehicle is characterised by the original tank with “hump” towards the saddle, the low handlebars and wheels. The House declared a top speed of 87 mph.

CARATTERISTICHE TECNICHE MARCA: AERMACCHI – HARLEY DAVIDSON MODELLO: ALA VERDE ANNO: 1961 TIPO DI MOTORE: Monocilindrico a 4 tempi con carburatore Dell’Orto UB 24 B52 CILINDRATA: 246,2 cc POTENZA: 16 cv a 6.500 giri CAMBIO: a 4 marce a pedale

TECHNICAL FEATURES BRAND: AERMACCHI – HARLEY DAVIDSON MODEL: ALA VERDE YEAR: 1961 ENGINE TYPE: four-stroke, single-cylinder with Dell’Orto UB 24B52 carburettor DISPLACEMENT: 246,2 cc POWER: 15,8 hp at 6,500 rpm TRANSMISSION TYPE: 4-speed

€ 8.000 - 10.000

100


62 1960 MOTOBI SPRING LASTING 200 LUSSO NUM. TELAIO 3795 La MotoBi Spring Lasting di Giuseppe Benelli, fu la risposta alla Benelli Leonessa 250 presentata allo stesso Salone di Milano del 1952 dal fratello Giovanni. Equipaggiata con motore bicilindrico a 2 tempi e con la distribuzione rotativa centrifuga già sperimentata sulle monocilindriche. A destare scalpore era, non solo l’innovativo sistema di alimentazione, ma anche la forma ovoidale del motore, nei confronti della quale, l’Ing. Giuseppe Benelli era molto geloso, tanto da far pubblicare sulla stampa specializzata una diffida “contro ogni plagio, anche per quanto riguarda la forma esterna nel complesso ed in tutti i suoi particolari”. La “Spring Lasting” vincerà anche una Milano-Taranto.

The MotoBi Spring Lasting by Giuseppe Benelli was the answer to the Benelli Leonessa 250, designed by his brother, Giovanni. Both the motorbikes were presented at the Salone di Milano in 1952. The MotoBi Spring Lasting had a two-stroke and two-cylinder engine. The innovation of this model was the feeding system, but also the oval shape of the engine. Giuseppe Benelli was very jealous of his creation, so much that he published an injunction against any plagiarism, even regarding the external frame in all its details on a motorcycle specialised magazine. The Spring Lasting won a Milan-Taranto race.

CARATTERISTICHE TECNICHE MARCA: MOTOBI MODELLO: SPRING LASTING 200 LUSSO ANNO: 1960 TIPO DI MOTORE: Bicilindrico a 2 tempi CILINDRATA: 195,4 cc POTENZA: 11 cv CAMBIO: a 4 marce

TECHNICAL FEATURES BRAND: MOTOBI MODEL: SPRING LASTING 200 LUSSO YEAR: 1960 ENGINE TYPE: TWO-STROKE, TWIN-CYLINDER DISPLACEMENT: 195,4 cc POWER: 11 hp TRANSMISSION TYPE: 4-speed

€ 11.000 - 13.000

101


63 1949 VELOCETTE L.E. MK II 200 NUM. TELAIO 200/26406 Antica fabbrica Inglese di Birmingham fondata nel 1890, costruì, in maniera artigianale, biciclette, motociclette e scooter fino al 1970. La Velocette L.E faceva parte della gamma 1949 assieme alla MAC e alla KTT, tutte con motore bicilindrico boxer a valvole laterali con raffreddamento ad acqua e trasmissione finale a cardano. Proponiamo una L.E. MK II, introdotta nel 1951 e equipaggiata con un motore da 192 cc e 8 cv di potenza.

The Velocette is an old English factory founded in Birmingham in 1890; it built handcrafted bicycles, motorcycles and scooters until 1970. The Velocette LE was part of the 1949 range with the MAC and the KTT. We propose an L.E. MK II, introduced in 1951, with a 192 cc and 8 hp power engine.

CARATTERISTICHE TECNICHE MARCA: VELOCETTE MODELLO: L.E. MK II ANNO: 1949 TIPO DI MOTORE: Bicilindrico boxer a quattro tempi CILINDRATA: 192 cc POTENZA: 8 cv CAMBIO: a 3 marce

TECHNICAL FEATURES BRAND: VELOCETTE MODEL: L.E. MK II YEAR: 1949 ENGINE TYPE: four-stroke, twin-cylinder boxer DISPLACEMENT: 192 cc POWER: 8 hp TRANSMISSION TYPE: 3-speed

€ 5.000 - 7.000

102


64 1955 LAMBRETTA 150 LD NUM. TELAIO *140877* Ultima evoluzione della serie D-LD, con motore, telaio, carrozzeria e freni rivisti. Si distingue dalla precedente versione grazie alla carenatura in alluminio del manubrio che non risulta su questo esemplare, che incorpora il clacson e il contachilometri e dal bauletto posteriore. Equipaggiata con un nuovo sistema di avviamento e scatola del filtro più per diminuire il rumore di aspirazione. Nel 1957 viene offerta la variante bicolore (solo per la 150 cc). A richiesta è offerta anche una versione con avviamento elettrico da 12 volt alimentato da due batterie poste sotto la sella posteriore.

The Lambretta 150 LD is the latest evolution of the D-LD series, with the redesigned engine, frame, and brakes. It differs from the previous model thanks to the aluminium handlebar (that does not appear on the presented model), which incorporates the horn and the odometer and the trunk. In 1957, the Lambretta 150 cc was produced in the two-colour variant. Only by request, the motorbike is available is a version with 12-volt electric starter, powered by two batteries located under the rear seat.

CARATTERISTICHE TECNICHE MARCA: INNOCENTI MODELLO: LAMBRETTA 150 LD ANNO: 1955 TIPO DI MOTORE: Monocilindrico a 2 Tempi con carburatore Dell’Orto MA 19 B4 CILINDRATA: 150 cc POTENZA: 6 cv CAMBIO: a 3 marce

TECHNICAL FEATURES BRAND: INNOCENTI MODEL: LAMBRETTA 150 LD YEAR: 1955 ENGINE TYPE: two-stroke, single-cylinder with Dell’Orto MA 19B4 carburettor DISPLACEMENT: 150 cc POWER: 6 hp TRANSMISSION TYPE: 3-speed

€ 4.500 - 6.500

103


65 1956/66 MI -VAL 125 NUM. TELAIO 51933 Prodotta dalla MI-VAL-inizialmente MInganti VALtrompia, successivamente Metalmeccanica Italiana VALtrompia, fabbrica della provincia di Brescia che ad opera del bolognese Ettore Minganti e altri soci costruì motociclette a partire dal 1950. La loro fama era di essere economiche e robuste, il maggior successo sul mercato, lo ottennero le 125; negli anni successivi furono realizzati anche modelli a 4 tempi, a 4 e 5 marce, con cilindrate di 175 e 200 cc, che però non ebbero la diffusione delle famose 125. L’esemplare che proponiamo è una 125n.

The MI-VAL, initially MInganti VALtrompia, subsequently Italian Metalworking Valtrompia, was a factory in the province of Brescia that produced motorcycles from 1950, with the support of Ettore Minganti from Bologna. The bikes were cheap and robust, granting their success on the market. Models with four-stroke, four and five-speed were produced, with displacements of 175 and 200 cc, but the most renowned and sold model was the famous 125.

CARATTERISTICHE TECNICHE MARCA: MI-VAL MODELLO: 125 ANNO: 1956/66 TIPO DI MOTORE: Monocilindrico a 2 tempi con carburatore Dell’Orto M A 16 oppure Dell’Orto MA 17c CILINDRATA: 123 cc POTENZA: 4,75 cv a 4800 giri CAMBIO: a 3 marce

TECHNICAL FEATURES BRAND: MI-VAL MODEL: 125 YEAR: 1956/6 ENGINE TYPE: two-stroke, single-cylinder with Dell’Orto MAA 16c or MAA 17c carburettor DISPLACEMENT: 123 cc POWER: 5,70 hp at 4,800 rpm TRANSMISSION TYPE: 3-speed

€ 4.000 - 6.000

104


66 1959 ITOM 50 SUPER SPORT NUM. TELAIO *12008* La Itom (acronimo di Industria torinese meccanica) è stata una fabbrica di motocicli nata a Torino. L’esemplare presentato è un Super Sport del 1959/1960. Nel 1960 esce il modello ITOM Junior e nel 1965 viene lanciato quello che diventerà il più famoso modello ITOM: l’ASTOR Sport con cambio 4 marce a pedale, in questo periodo con la nota livrea Giallo/Bianco oppure Rosso/Bianco.

The Itom (acronym of Industria Torinese Meccanica) was a motorcycle factory founded in Turin. The model presented is a Super Sport born in 1959/1960. In 1960 the ITOM released the ITOM Junior model, but only in 1965, the factory designed its most famous model: the ASTOR Sport with the 4-speed pedal transmission and the famous white/yellow or white/red livery.

CARATTERISTICHE TECNICHE MARCA: ITOM MODELLO: 50 SUPER SPORT ANNO: 1959/60 TIPO DI MOTORE: Monocilindrico a 2 Tempi CILINDRATA: 50 cc POTENZA: 4 cv CAMBIO: a 3 marce

TECHNICAL FEATURES BRAND: ITOM MODEL: 50 SUPER SPORT YEAR: 1959/60 ENGINE TYPE: two-stroke, single-cylinder DISPLACEMENT: 50cc POWER: 3.9 hp TRANSMISSION TYPE: 3-speed

€ 3.000 - 4.000

105


67 1967 MOTO GUZZI LODOLA 175 NUM. TELAIO LAQ040 Progettata da Carlo Guzzi con un nuovo motore e un nuova ciclistica, ebbe scarsa considerazione da parte della clientela più fedele. Prodotta in 3 versioni: la Turismo con motore 175 cc, la Sport del 1958, con motore potenziato e la Gran Turismo del 1959 con motore da 235 cc (alesaggio 68 mm, corsa 64 mm) da 11 CV e 115 km/h. Fu prodotta in 26.757 esemplari, per la maggior parte nella versione Gran Turismo. La Lodola ebbe grandi soddisfazioni in campo sportivo, nel duro settore del fuoristrada tra il 1957 e il 1963.

Designed by Carlo Guzzi with a new engine, this model had little success. It was produced in 3 versions: the Turismo with 175 cc engine; the 1958 Sport, with a boosted engine and the 1959 Gran Turismo, with a 235 cc engine (bore 2.7 inches and stroke 2.5 inches), 11 hp and 71 mph. The model was produced in 26.757 exemplars, most of them in the Gran Turismo version. It is important to underline that the Lodola had great success in the sport, and in the off-road sector between 1957 and 1963.

CARATTERISTICHE TECNICHE MARCA: MOTO GUZZI MODELLO: LODOLA 175 ANNO: 1967 TIPO DI MOTORE: Monocilindrico a 4 Tempi con carburatore Dell’Orto UB 22 BS CILINDRATA: 175 cc POTENZA: 9 cv a 6000 giri CAMBIO: a 4 marce

TECHNICAL FEATURES BRAND: MOTO GUZZI MODEL: LODOLA 175 YEAR: 1967 ENGINE TYPE: four-stroke, single-cylinder with Dell’Orto UB 22 BS carburettor DISPLACEMENT: 175 cc POWER: 9 hp, 6.000 rpm TRANSMISSION TYPE: 4-speed

€ 2.500 - 4.000

106


107


68 1962/65 ITOM ASTOR SUPER SPORT COMPETIZIONE NUM. TELAIO 25610 La Itom (acronimo di Industria torinese meccanica) è stata una fabbrica di motocicli nata a Torino. Nel 1960 esce il modello ITOM Junior e nel 1965 viene lanciato quello che diventerà il più famoso modello ITOM: l’ASTOR Sport con cambio 4 marce a pedale, in questo periodo con la nota livrea Giallo/Bianco oppure Rosso/ Bianco. L’esemplare presentato è un Astor Super Sport Competizione completamente carenato del 1962/1965.

The Itom (acronym of Industria Torinese Meccanica) was a motorcycle factory founded in Turin. The model presented is a Super Sport born in 1959/1960. In 1960 the ITOM released the ITOM Junior model, but only in 1965, the factory designed its most famous model: the ASTOR Sport with the 4-speed pedal transmission, with the notable white/yellow or white/red livery. This bike was entirely enclosed between 1962 and 1965.

CARATTERISTICHE TECNICHE MARCA: ITOM MODELLO: 50 SUPER SPORT ANNO: 1962/65 TIPO DI MOTORE: Monocilindrico a 2 Tempi CILINDRATA: 50 cc POTENZA: 11 cv CAMBIO: a 4 marce

TECHNICAL FEATURES BRAND: ITOM MODEL: 50 SUPER SPORT YEAR: 1962/65 ENGINE TYPE: two-stroke, single-cylinder DISPLACEMENT: 50 cc POWER: 11 hp TRANSMISSION TYPE: 4-speed

€ 4.000 - 5.500

108


109


L’importante collezione di provenienza privata nasce dall’amore perle moto che unsice, nella paziente ricerca, tre intere generazioni. Per parte dei lotti non è stato possibile approfondirne la storia trattandosi di moto da competizione prive di documenti.

The collection has been patiently assembled by the owner and his brothers and father. The motorbikes are a recent Finarte’s acquisition, therefore it was not possible to study the history of races that the sports motorcycles presumably took part in.


69 1956 AERO CAPRONI CAPRIOLO 125 Realizzato dalla trentina Aero Caproni nel 1955 è stato presentato al Salone Internazionale del Motociclo di Milano del 1956. Costruito in pochi esemplari (circa 2000) messi in commercio dal 1957 dalla Aeromere. La distribuzione è ad albero delle camme in testa, comandato da albero verticale, quindi del tipo consueto e non più a disco, come adottato su Capriolo 75 e sul modello bicilindrico.

Created in 1956 by Aero Caproni in 1955, it was presented at the Milan International Motor Show in 1956. It was built in a few units (about 2000) introduced on the market since 1957 by Aeromere. A vertical shaft controls the camshaft distribution of the overhead cams, as adopted on Capriolo 75 and the twin-cylinder model.

CARATTERISTICHE TECNICHE MARCA: CAPRONI MODELLO: CAPRIOLO 125 ANNO: 1956 TIPO DI MOTORE: Monocilindrico a 4 tempi CILINDRATA: 123,5 cc POTENZA: 7,5 cv a 6.000 giri CAMBIO: a 4 marce

TECHNICAL FEATURES BRAND: CAPRONI MODEL: CAPRIOLO 125 DE LUXE YEAR: 1956 ENGINE TYPE: four-stroke, twin-cylinder DISPLACEMENT: 149.2 cc POWER: 7.5 hp at 6,000 rpm TRANSMISSION TYPE: 4-speed

€ 9.000 - 11.000

111


70 1956 AERO CAPRONI CAPRIOLO 75 NORMALE NUM. TELAIO 18246 Nel 1951, la Casa Trentina Aero Caproni presentò il Capriolo 75 al 29° Salone di Milano, una motoleggera caratterizzata dalla rara distribuzione a valvole in testa comandate da doppia camma “a tazza” frontale azionata da un albero verticale. Molto elegante, ma soprattutto robusta. La Capriolo 75 fu proposta in tre versioni: Normale, TV (Turismo Veloce) e De Luxe in color oro, prodotto complessivamente in circa 10.000 esemplari a un prezzo di 170.000 Lire. L’esemplare presentato sfoggia una configurazione sportiva che si ritiene possa avere partecipato alla gara di Fondo Milano-Taranto.

In 1951, the Aero Caproni presented the Capriolo 75 at the 29th Milan Motor Show, a motorbike characterised by the rare overhead valve distribution controlled by a frontal double-cam driven by a vertical shaft. Very elegant, but above all robust. The Capriolo 75 was proposed in three versions: Normal, TV (Turismo Veloce) and De Luxe in gold, produced in total in about 10.000 units at a price of 170.000 lire. This model presents a configuration believed to have participated in the Fondo Milano-Taranto.

CARATTERISTICHE TECNICHE MARCA: AERO CAPRONI MODELLO: CAPRIOLO 75 NORMALE ANNO: 1956 TIPO DI MOTORE: Monocilindrico a 4 tempi CILINDRATA: 74,6 cc POTENZA: 3,5 cv a 6.000 giri CAMBIO: a 4 marce

TECHNICAL FEATURES BRAND: AERO CAPRONI MODEL: CAPRIOLO 75 NORMAL YEAR: since 1956 ENGINE TYPE: four-stroke, single-cylinder DISPLACEMENT: 74.6 cc POWER: 3.5 hp at 6,000 rpm TRANSMISSION TYPE: 4-speed

€ 7.000 - 9.000

112


71 1956 AERO CAPRONI CAPRIOLO 75 NORMALE Nel 1951, la Casa Trentina Aero Caproni presentò il Capriolo 75 al 29° Salone di Milano, una motoleggera caratterizzata dalla rara distribuzione a valvole in testa comandate da doppia camma “a tazza” frontale azionata da un albero verticale. Molto elegante, ma soprattutto robusta. La Capriolo 75 fu proposta in tre versioni: Normale, TV (Turismo Veloce) e De Luxe in color oro, prodotto complessivamente in circa 10.000 esemplari a un prezzo di 170.000 Lire. L’esemplare presentato sfoggia una configurazione sportiva che si ritiene possa avere partecipato alla motogiro d’Italia.

In 1951, the Aero Caproni presented the Capriolo 75 at the 29th Milan Motor Show, a motorbike characterised by the rare overhead valve distribution controlled by a frontal double-cam driven by a vertical shaft. Very elegant, but above all robust. The Capriolo 75 was proposed in three versions: Normal, TV (Turismo Veloce) and De Luxe in gold, produced in total in about 10.000 units at a price of 170.000 lire. This model presents a configuration believed to have participated in Motogiro d’Italia.

CARATTERISTICHE TECNICHE MARCA: AERO CAPRONI MODELLO: CAPRIOLO 75 NORMALE ANNO: dal 1956 TIPO DI MOTORE: Monocilindrico a 4 tempi CILINDRATA: 74,6 cc POTENZA: 3,5 cv a 6.000 giri CAMBIO: a 4 marce

TECHNICAL FEATURES BRAND: AERO CAPRONI MODEL: 75 NORMAL YEAR: since 1956 ENGINE TYPE: four-stroke, single-cylinder DISPLACEMENT: 74.6 cc POWER: 3.5 hp at 6,000 rpm TRANSMISSION TYPE: 4-speed

€ 10.000 - 12.000

113


72 1955 RUMI JUNIOR 125 CORSA EARLES NUM. TELAIO 155 SS 212 Nel 1955 prende corpo il progetto di produrre una motoleggera per partecipare alle gare di III categoria. La creazione fu a cura dell’Ing. Salmaggi, direttore tecnico della Rumi, la Junior era uno sviluppo della Bicarburatore. Venne adottato un nuovo telaio in tubi leggeri di vario diametro a culla aperta e doppia triangolazione, forcellone oscillante posteriore e forcella tipo Earles all’anteriore e equipaggiata con il serbatoio, disegnato dallo stesso Rumi, di 18 litri. Venne presentata al Salone di Torino nella primavera del 1955 e fu prodotta in soli 300 esemplari e commercializzata in Europa e in America; in Italia il prezzo di lancio fu fissato a 275.000 Lire. Nel corso degli anni vengono apportate alcune modifiche ma resta di fatto invariata fino al 1959 quando venne sostituita dalla gentleman.

Created in 1955 by Mr Salmaggi, Rumi’s technical director, the Junior was a development of the Bicarburatore. A new frame was adopted in light tubes of various diameters with open cradle and double triangulation, swinging rear swingarm and Earles type fork at the front and equipped with an 18 litres tank, designed by Rumi himself. It was presented at the Turin Motor Show in the spring of 1955 and was produced in only 300 specimens and sold in Europe and America. In Italy, the list price was set at 275,000 Lire. The proposed sample has been used several times by Gianni Migliazzi (the collector and restorer of the collection that bears his name) and has participated in several editions of the historical re-enactments of the Motogiro d’Italia and the Gran Fondo Milano-Taranto.

CARATTERISTICHE TECNICHE MARCA: RUMI MODELLO: JUNIOR 125 CORSA EARLES ANNO: 1955 TIPO DI MOTORE: Bicilindrico a 2 tempi con carburatore Dell’Orto UA18 CILINDRATA: 124,68 cc POTENZA: 9 cv a 7300 giri CAMBIO: a 4 marce

TECHNICAL FEATURES BRAND: RUMI MODEL: JUNIOR 125 RACE EARLES YEAR: 1955 ENGINE TYPE: two-stroke, twin-cylinder with Dell’Orto UA18 carburettor DISPLACEMENT: 124.68 cc POWER: 9 hp at 7,300 rpm TRANSMISSION TYPE: 4-speed

€ 12.000 - 15.000

114


115


73 1955 RUMI SCOIATTOLO A metà strada tra la moto e lo scooter e prodotto in quattro serie, presentato alla Fiera Campionaria di Milano nel 1951, era capace di offrire un elevato grado di protezione e comfort per pilota e passeggero e adottò delle soluzioni tecniche d’avanguardia per l’epoca, come l’avviamento elettrico. La scocca avvolgeva la moto, coprendo tutte le parti meccaniche e riparando il conducente dalle intemperie mentre le ruote da 14” e la particolare forma della carrozzeria garantivano una facilità d’impiego. Il motore era il medesimo della Sport e della Turismo con la sola modifica dei semigusci per consentire l’ancoraggio del motore alla scocca in lamiera. Modificato e potenziato nel 1953 e equipaggiato con un tachimetro VDO scalato da 1 a 100 Km/h inserito nella mascherina del faro e con una nuova forcella idro telescopica all’anteriore.

Halfway between the bike and the scooter and produced in four series, presented at the Milan Trade Fair in 1951, it was able to offer high protection and comfort for the driver and passenger and adopted cutting-edge technical solutions for the era, like the electric starter. The body wrapped the bike, covering all the mechanical parts and repairing the driver from the rain while the 14” wheels and the particular shape of the body guaranteed ease of use. The engine was the same of the Sport and the Tourism with the only difference made by the half-shells which allowed the anchoring of the engine to the metal sheet shell. The bike was modified and upgraded in 1953 and equipped with a VDO speedometer scaled from 1 to 100 Km / h - inserted in the headlight trim - and with a new front hydro telescopic fork.

CARATTERISTICHE TECNICHE MARCA: RUMI MODELLO: SCOIATTOLO ANNO: dal 1951 TIPO DI MOTORE: Bicilindrico a 2 tempi con carburatore Dell’Orto UA 15S CILINDRATA: 124,7 cc POTENZA: 6 cv a 4800 GIRI CAMBIO: a 3 marce

TECHNICAL FEATURES BRAND: RUMI MODEL: SCOIATTOLO YEAR: since 1951 ENGINE TYPE: two-stroke, twin-cylinder with Dell’Orto UA 15S carburettor DISPLACEMENT: 124.7 cc POWER: 5,9 hp at 4,800 rpm TRANSIMISSION TYPE: 3-speed

€ 5.500 - 6.000

116


74 1955 RUMI JUNIOR 125 CORSA Nel 1955 prende corpo il progetto di produrre una motoleggera per partecipare alle gare di III categoria. La creazione fu a cura dell’Ing. Salmaggi, direttore tecnico della Rumi, la Junior era uno sviluppo della Bicarburatore. Venne adottato un nuovo telaio in tubi leggeri di vario diametro a culla aperta e doppia triangolazione, forcellone oscillante posteriore e forcella tipo Earles all’anteriore e equipaggiata con il serbatoio, disegnato dallo stesso Rumi, di 18 litri. Venne presentata al Salone di Torino nella primavera del 1955 e fu prodotta in soli 300 esemplari e commercializzata in Europa e in America; in Italia il prezzo di lancio fu fissato a 275.000 Lire. Nel corso degli anni vengono apportate alcune modifiche ma resta di fatto invariata fino al 1959 quando venne sostituita dalla gentleman.

Created in 1955 by Mr Salmaggi, Rumi’s technical director, the Junior was a development of the Bicarburatore. A new frame was adopted in light tubes of various diameters with open cradle and double triangulation, swinging rear swingarm and Earles type fork at the front and equipped with an 18 litres tank, designed by Rumi himself. It was presented at the Turin Motor Show in the spring of 1955 and was produced in only 300 specimens and sold in Europe and America. In Italy, the list price was set at 275,000 Lire. The proposed sample has been used several times by Gianni Migliazzi (the collector and restorer of the collection that bears his name) and has participated in several editions of the historical re-enactments of the Motogiro d’Italia and the Gran Fondo Milano-Taranto.

CARATTERISTICHE TECNICHE MARCA: RUMI MODELLO: JUNIOR 125 CORSA ANNO: 1955 TIPO DI MOTORE: Bicilindrico a 2 tempi con carburatore Dell’Orto UA18 CILINDRATA: 124,68 cc POTENZA: 9 cv a 7300 giri CAMBIO: a 4 marce

TECHNICAL FEATURES BRAND: RUMI MODEL: JUNIOR 125 RACE EARLES YEAR: 1955 ENGINE TYPE: two-stroke, twin-cylinder with Dell’Orto UA18 carburettor DISPLACEMENT: 124.68 cc POWER: 9 hp at 7,300 rpm TRANSMISSION TYPE: 4-speed

€ 15.000 - 17.000

117


75 1952 RUMI 125 SPORT NUM. TELAIO 12534 La Sport fu senza dubbio il modello più rappresentativo e di maggior successo della produzione Rumi. La produzione iniziò alla fine del 1950 e venne presentato al pubblico nel 1951 alla Fiera Campionaria di Milano (EICMA). La sua linea inusuale con una elegante livrea e il rombo dei cilindri stupì un¿intera generazione. Il propulsore appariva notevolmente migliorato e dotato di pistoni con un particolare deflettore, brevettato dalla Casa, che successivamente fu montato su tutti le Rumi. Nel 1953, 1955 e 1956 la Sport, viene migliorata modificando prima il carburatore poi il cambio e infine nella ciclistica: migliorando il molleggio posteriore e montando i cerchi in ferro Aimon. Il prezzo di listino era fissato a 235.000 Lire, la produzione cessò nel 1958. CARATTERISTICHE TECNICHE MARCA: RUMI MODELLO: 125 SPORT ANNO: 1952 TIPO DI MOTORE: Bicilindrico a 2 tempi con carburatore Dell’Orto MB 22A CILINDRATA: 124,68 cc POTENZA: 7 cv a 6.000 GIRI CAMBIO: a 4 marce The 125 Sport was undoubtedly the most representative and most successful model of the Rumi production. This motorcycle production began at the end of 1950 and was presented to the public in 1951 at the Milan Trade Fair (EICMA). Its unusual line with an elegant livery and the roar of its cylinder surprised a whole generation. The engine was equipped with pistons with a deflector, patented by the factory, which was later mounted on all Rumi. In 1953, 1955 and 1956 the Sport was improved modifying first the carburettor, then the transmission type and finally in the frame: adjusting the rear suspension and assembling the Aimon iron rims. The list price was set at 235,000 lire. The bikes production ceased in 1958. TECHNICAL FEATURES BRAND: RUMI MODEL: 125 SPORT YEAR: 1952 ENGINE TYPE: two-stroke, twin-cylinder with Dell’orto MB 22A carburettor DISPLACEMENT: 124,68 cc POWER: 6,9 hp at 6,000 rpm TRANSMISSION TYPE: 4-speed € 6.000 - 7.000

118


119


76 1966 HONDA GP 4T2C NUM. TELAIO 4028427 Pressata nella classe 125 cc dalle potentissime 2 tempi, la Honda rispose nel 1965 con quel capolavoro di assoluta originalità che fu la RC148 a 5 cilindri. L’esemplare presentato è invece un 4 Tempi, 2 Cilindri GP del medesimo periodo. La moto è certificata FMI.

Suffering defeats from the very powerful two-stroke on the 125cc racing class, Honda replied in 1965 with a masterpiece of absolute originality: the five-cylinder RC148. This bike is equipped with a four-stroke, 2 GP cylinder of the same period. The bike is FMI certified.

CARATTERISTICHE TECNICHE MARCA: HONDA MODELLO: TIPO CORSA GP 4T2C ANNO: 1966 TIPO DI MOTORE: 4 Tempi 2 Cilindri CILINDRATA: 125 cc POTENZA: n.d. CAMBIO: a 4 marce

TECHNICAL FEATURES BRAND: HONDA MODEL: RACE TYPE GP 4T2C YEAR: 1966 ENGINE TYPE: four-stroke, twin-cylinder DISPLACEMENT: 125 cc POWER: n.d. TRANSMISSION TYPE: 4-speed

€ 12.000 - 15.000

120


77 1954 MOTO MORINI 175 SETTEBELLO SPECIAL La Moto Morini Settebello può essere considerata una delle moto migliori mai costruite: veloce, affidabile, robustissima, facile da guidare e da tenere a punto, caratteristiche ideali per una moto da corsa destinata ai piloti privati. Fu presentato nel 1953, veniva venduto in assetto da strada per potere partecipare alle gare di gran fondo tipo: Milano Taranto e Giro D’Italia, nonché alle gare Sport, Derivate di Serie ma era a tutti gli effetti una moto da corsa. Questo esemplare è una Special ampiamente modificata su base Moto Morini 175 Tresette.

The Moto Morini Settebello can be considered one of the best bikes ever built: fast, reliable, easy to drive and to maintain, ideal characteristics for a racing bike for private pilots. It was presented in 1953, was sold as a street legal motorbike to be able to participate in the races lake the Milano - Taranto and Giro D’Italia, as well as the Sports races. It was a racing bike. This specimen is a Special widely modified on Moto Morini 175 Tresette.

CARATTERISTICHE TECNICHE MARCA: MOTO MORINI MODELLO: 175 SETTEBELLO 1954 SPECIAL ANNO: 1954 TIPO DI MOTORE: Monocilindrico a 4 tempi inclinato di 14° CILINDRATA: 175 cc POTENZA: 15 cv a 8.550 giri CAMBIO: ravvicinato a 4 marce. Trasmissione primaria ad ingranaggi, finale a catena.

TECHNICAL FEATURES BRAND: MOTO MORINI MODEL: 175 SETTEBELLO 1954 SPECIAL YEAR: 1954 ENGINE TYPE: four-stroke, single-cylinder 14° DISPLACEMENT: 175 cc POWER: 15 hp at 8,550 rpm TRANSMISSION TYPE: 4-speed

€ 16.000 - 20.000

121


78 1955 MOTO MORINI 175 SETTEBELLO SPECIAL La Moto Morini Settebello può essere considerata una delle moto migliori mai costruite: veloce, affidabile, robustissima, facile da guidare e da tenere a punto, caratteristiche ideali per una moto da corsa destinata ai piloti privati. Fu presentato nel 1953, veniva venduto in assetto da strada per potere partecipare alle gare di gran fondo tipo: Milano Taranto e Giro D’Italia, nonché alle gare Sport, Derivate di Serie ma era a tutti gli effetti una moto da corsa. Questo esemplare è una Special ampiamente modificata su base Moto Morini 175 Tresette.

This model, with the engine directly derived from the 175 was produced from 1965 to 1969 in the two versions G.T.I and G.I. The fans, however, welcomed her with great coldness, since they expected a bike much more sporty and worthy of the name it bore! Settebello sister 175 in those years collected successes in all competitions, while the Morini 250 Grand Prix made fans dream of seizing victories against the most famous four Japanese cylinder. This specimen is a widely modified Special.

CARATTERISTICHE TECNICHE MARCA: MOTO MORINI MODELLO: 175 SETTEBELLO SPECIAL ANNO: 1955 TIPO DI MOTORE: Monocilindrico a 4 tempi inclinato di 14° CILINDRATA: 175 cc POTENZA: 15 cv a 8.550 giri CAMBIO: ravvicinato a 4 marce. Trasmissione primaria ad ingranaggi, finale a catena.

TECHNICAL FEATURES BRAND: MOTO MORINI MODEL: 250 SETTEBELLO YEAR: 1955 ENGINE TYPE: four-stroke, single-cylinder DISPLACEMENT: 250 cc POWER: 18 hp TRANSMISSION TYPE: 4-speed

€ 16.000 - 20.000

122


79 1965 MOTO MORINI 250 SETTEBELLO SPECIAL Questo modello, con il motore direttamente derivato dalla 175 fu prodotta dal 1965 al 1969 nelle due versioni G.T.I e G.I. Gli appassionati però la accolse con molta freddezza, poiché ci si aspettava una moto molto più sportiva e degna del nome che portava! La sorellina 175 Settebello in quegli anni raccoglieva successi in tutte le competizioni, mentre la Morini 250 da Gran Premio faceva sognare gli appassionati cogliendo successi contro le più blasonate quattro cilindri Giapponesi. Questo esemplare è una Special ampiamente modificata.

This model, with the engine directly derived from the 175 was produced from 1965 to 1969 in the two versions G.T.I and G.I. The fans, however, welcomed her with great coldness, since they expected a bike much more sporty and worthy of the name it bore! Settebello sister 175 in those years collected successes in all competitions, while the Morini 250 Grand Prix made fans dream of seizing victories against the most famous four Japanese cylinder. This specimen is a widely modified Special.

CARATTERISTICHE TECNICHE MARCA: MOTO MORINI MODELLO: 250 SETTEBELLO ANNO: 1965 TIPO DI MOTORE: Monocilindrico a 4 tempi CILINDRATA: 250 cc POTENZA: 18 cv CAMBIO: a 4 marce

TECHNICAL FEATURES BRAND: MOTO MORINI MODEL: 250 SETTEBELLO YEAR: 1965 ENGINE TYPE: four-stroke, single-cylinder DISPLACEMENT: 250 cc POWER: 18 hp TRANSMISSION TYPE: 4-speed

€ 8.000 - 10.000

123


80 1953 MONDIAL 200 CC NUM. TELAIO 311 Al XXI Salone di Ginevra nel 1951 venne presentato, visti i successi della sorella 125, il modello 200 con telaio a ruota guidata e forcella stampata a parallelogramma chiamato semplicemente 200. L’anno seguente venne affiancato cambiando nome in turismo dal modello 200 con telaio telescopico, battezzato “lusso”. Entrambi i modelli poi vennero venduti sino al 1955 con la graduale scomparsa del primogenito ormai obsoleto. In effetti il 200 a ruota guidata, almeno ciclisticamente, risultava superato.

Presented at the XXI Geneva Motor Show in 1951, the 200 model was equipped with guided wheel frame and parallelogram-shaped fork. The following year was joined by changing the name in Turismo from the 200 model with a telescopic frame, baptized “Lusso”. Both models were sold until 1955 with the gradual disappearance of the now obsolete firstborn. In fact, the 200 wheel drive, at least on a bike, was exceeded.

CARATTERISTICHE TECNICHE MARCA: MONDIAL MODELLO: 200 CC ANNO: 1953 TIPO DI MOTORE: Monocilindrico a 4 tempi CILINDRATA: 200 cc POTENZA: 12 cv CAMBIO: a 4 marce

TECHNICAL FEATURES BRAND: MONDIAL MODEL: 200 CC YEAR: 1953 ENGINE TYPE: four-stroke, single-cylinder DISPLACEMENT: 200 cc POWER: 12 hp TRANSMISSION TYPE: 4-speed

€ 8.000 - 10.000

124


81 1963 MONDIAL 175/200 CC SPECIAL NUM. TELAIO R3015R Al XXI Salone di Ginevra nel 1951 venne presentato, visti i successi della sorella 125, il modello 200 con telaio a ruota guidata e forcella stampata a parallelogramma chiamato semplicemente 200. L’anno seguente venne affiancato cambiando nome in turismo dal modello 200 con telaio telescopico, battezzato “lusso”. Entrambi i modelli poi vennero venduti sino al 1955 con la graduale scomparsa del primogenito ormai obsoleto. In effetti il 200 a ruota guidata, almeno ciclisticamente, risultava superato. Questo esemplare è una Special ampiamente modificata negli anni ‘60 partendo da una 175 CC.

Presented at the XXI Geneva Motor Show in 1951, the 200 model was equipped with guided wheel frame and parallelogram-shaped fork. The following year was joined by changing the name in Turismo from the 200 model with a telescopic frame, baptized “Lusso”. Both models were then sold until 1955 with the gradual disappearance of the now obsolete firstborn. In fact, the 200 wheel drive, at least on a bike, was exceeded.

CARATTERISTICHE TECNICHE MARCA: MONDIAL MODELLO: 175/200 CC SPECIAL ANNO: 1963 TIPO DI MOTORE: Monocilindrico a 4 tempi CILINDRATA: 200 cc POTENZA: 12 cv CAMBIO: a 4 marce

TECHNICAL FEATURES BRAND: MONDIAL MODEL: 175/200 CC SPECIAL YEAR: 1963 ENGINE TYPE: four-stroke, single-cylinder DISPLACEMENT: 200 cc POWER: 12 hp TRANSMISSION TYPE: 4-speed

€ 8.000 - 10.000

125


82 1957/1962 MONDIAL 175/200 CC SPECIAL EX BIAVATI Elaborazione del famoso tecnico Nerio Biavati (capo meccanico Mondial) che modificò radicalmente la motocicletta Mondial 175 CC sia a livello ciclistico, motoristico ed estetico. Fu rifatto il telaio a doppia culla continua, modifica al comando della distribuzione che diventò a cascata di ingranaggi, frizione multidisco a secco, cilindrata maggiorata a 200 CC e testata modificata aumentando i rapporti di compressione.

Created by the famous technician Nerio Biavati (Mondial chief mechanic) who radically changed the Mondial 175 CC motorcycle both on a cycling, motoring and aesthetic level. The double continuous cradle frame was redesigned, modified to the distribution control, which became gear-driven, dry multi-plate clutch, increased capacity at 200 CC and altered head, increasing compression ratios.

CARATTERISTICHE TECNICHE MARCA: MONDIAL MODELLO: 175/200 CC SPECIAL ANNO: 1957/62 TIPO DI MOTORE: Monocilindrico a 4 tempi, distribuzione ad ingranaggi CILINDRATA: 200 cc POTENZA: n.d. CAMBIO: a 4 marce

TECHNICAL FEATURES BRAND: MONDIAL MODEL: 175/200 CC SPECIAL YEAR: 1957/62 ENGINE TYPE: four-stroke, single-cylinder, geared distribution DISPLACEMENT: 200 cc POWER: n.d. TRANSMISSION TYPE: 4-speed

€ 10.000 - 12.000

126


83 1954 MONDIAL 200 CC NUM. TELAIO 608 Al XXI Salone di Ginevra nel 1951 venne presentato, visti i successi della sorella 125, il modello 200 con telaio a ruota guidata e forcella stampata a parallelogramma chiamato semplicemente 200. L’anno seguente venne affiancato cambiando nome in turismo dal modello 200 con telaio telescopico, battezzato “lusso”. Entrambi i modelli poi vennero venduti sino al 1955 con la graduale scomparsa del primogenito ormai obsoleto. In effetti il 200 a ruota guidata, almeno ciclisticamente, risultava superato. Questo esemplare è una Special ampiamente modificata.

Presented at the XXI Geneva Motor Show in 1951, the 200 model was equipped with guided wheel frame and parallelogram-shaped fork. The following year was joined by changing the name in Turismo from the 200 model with a telescopic frame, baptized “Lusso”. Both models were then sold until 1955 with the gradual disappearance of the now obsolete firstborn. In fact, the 200 wheel drive, at least on a bike, was exceeded.

CARATTERISTICHE TECNICHE MARCA: MONDIAL MODELLO: 200 CC ANNO: 1954 TIPO DI MOTORE: Monocilindrico a 4 tempi CILINDRATA: 200 cc POTENZA: 12 cv CAMBIO: a 4 marce

TECHNICAL FEATURES BRAND: MONDIAL MODEL: 200 CC YEAR: 1954 ENGINE TYPE: four-stroke, single-cylinder DISPLACEMENT: 200 cc POWER: 12 hp TRANSMISSION TYPE: 4-speed

€ 10.000 - 12.000

127


84 1967 DUCATI DESMO 250 CC SPECIAL Nel 1967 Ducati inizia la produzione della famiglia Mark 3, un modello che rilancia ulteriormente il marchio bolognese nel settore delle monocilindriche sportive. Le Mark 3 nacquero dal monocilindrico a “carter stretto”. Uno dei fattori determinanti nella storia della Mark 3 è l’introduzione dell’uso, su una moto stradale, del sistema Desmodromico del comando delle valvole, monoalbero, evoluzione del sistema Desmo originalmente concepito per le competizioni nel 1956. I primi esemplari della Mark 3D vennero commercializzati in versione 250 e 350 cc. L’ultima evoluzione delle monocilindriche sportive Ducati fu nominata semplicemente Desmo, nelle versioni 250, 350 e 450 cc. Questo esemplare è una Special ampiamente modificata.

In 1967 Ducati began the production of the Mark 3, a model that further re-launched the brand in the field of single-cylinder sports. The Mark 3 came from the single-cylinder “carter stretto”. One of the determining factors in the history of the Mark 3 is the introduction of the Desmodromic valve control system, single-shaft system on the road, an evolution of the Desmo system originally conceived for competitions in 1956. The first examples of the Mark 3 were equipped with the 250 cc and 350 cc versions. The latest evolution of the Ducati single-cylinder sports was simply named Desmo, in the 250, 350 and 450 cc versions. This specimen is a widely modified Special.

CARATTERISTICHE TECNICHE MARCA: DUCATI MODELLO: DESMO 250 CC SPECIAL ANNO: 1967 TIPO DI MOTORE: Monocilindrico a 4 tempi CILINDRATA: 250 cc CAMBIO: a 4 marce

TECHNICAL FEATURES BRAND: DUCATI MODEL: DESMO 250 CC SPECIAL YEAR: 1967 ENGINE TYPE: four-stroke, single-cylinder DISPLACEMENT: 250 cc TRANSMISSION TYPE: 4-speed

€ 18.000 - 20.000

128


129


85 1967 DUCATI DESMO 350 CC SPECIAL Nel 1967 Ducati inizia la produzione della famiglia Mark 3, un modello che rilancia ulteriormente il marchio bolognese nel settore delle monocilindriche sportive. Le Mark 3 nacquero dal monocilindrico a “carter stretto”. Uno dei fattori determinanti nella storia della Mark 3 è l’introduzione dell’uso, su una moto stradale, del sistema Desmodromico del comando delle valvole, monoalbero, evoluzione del sistema Desmo originalmente concepito per le competizioni nel 1956. I primi esemplari della Mark 3D vennero commercializzati in versione 250 e 350 cc. L’ultima evoluzione delle monocilindriche sportive Ducati fu nominata semplicemente Desmo, nelle versioni 250, 350 e 450 cc. Questo esemplare è una Special ampiamente modificata.

In 1967 Ducati began the production of the Mark 3, a model that further re-launched the brand in the field of single-cylinder sports. The Mark 3 came from the single-cylinder “carter stretto”. One of the determining factors in the history of the Mark 3 is the introduction of the Desmodromic valve control system, single-shaft system on the road, an evolution of the Desmo system originally conceived for competitions in 1956. The first examples of the Mark 3 were equipped with the 250 cc and 350 cc versions. The latest evolution of the Ducati single-cylinder sports was simply named Desmo, in the 250, 350 and 450 cc versions. This specimen is a widely modified Special.

CARATTERISTICHE TECNICHE MARCA: DUCATI MODELLO: DESMO 350 CC SPECIAL ANNO: 1967 TIPO DI MOTORE: Monocilindrico a 4 tempi CILINDRATA: 350 cc CAMBIO: a 4 marce

TECHNICAL FEATURES BRAND: DUCATI MODEL: DESMO 350 CC SPECIAL YEAR: 1967 ENGINE TYPE: four-stroke, single-cylinder DISPLACEMENT: 350 cc TRANSMISSION TYPE: 4-speed

€ 18.000 - 20.000

130


131


86 1967 DUCATI DESMO 350 CC SPECIAL Nel 1967 Ducati inizia la produzione della famiglia Mark 3, un modello che rilancia ulteriormente il marchio bolognese nel settore delle monocilindriche sportive. Le Mark 3 nacquero dal monocilindrico a “carter stretto”. Uno dei fattori determinanti nella storia della Mark 3 è l’introduzione dell’uso, su una moto stradale, del sistema Desmodromico del comando delle valvole, monoalbero, evoluzione del sistema Desmo originalmente concepito per le competizioni nel 1956. I primi esemplari della Mark 3D vennero commercializzati in versione 250 e 350 cc. L’ultima evoluzione delle monocilindriche sportive Ducati fu nominata semplicemente Desmo, nelle versioni 250, 350 e 450 cc. Questo esemplare è una Special ampiamente modificata.

In 1967 Ducati began the production of the Mark 3, a model that further re-launched the brand in the field of single-cylinder sports. The Mark 3 came from the single-cylinder “carter stretto”. One of the determining factors in the history of the Mark 3 is the introduction of the Desmodromic valve control system, single-shaft system on the road, an evolution of the Desmo system originally conceived for competitions in 1956. The first examples of the Mark 3 were equipped with the 250 cc and 350 cc versions. The latest evolution of the Ducati single-cylinder sports was simply named Desmo, in the 250, 350 and 450 cc versions. This specimen is a widely modified Special.

CARATTERISTICHE TECNICHE MARCA: DUCATI MODELLO: DESMO 350 CC SPECIAL ANNO: 1967 TIPO DI MOTORE: Monocilindrico a 4 tempi CILINDRATA: 350 cc CAMBIO: a 4 marce

TECHNICAL FEATURES BRAND: DUCATI MODEL: DESMO 350 CC SPECIAL YEAR: 1967 ENGINE TYPE: four-stroke, single-cylinder DISPLACEMENT: 350 cc TRANSMISSION TYPE: 4-speed

€ 15.000 - 17.000

132


87 1957 DUCATI 175 SPECIAL Alla fine del 1956 nella gamma Ducati figura una 175 a 4 tempi per modelli Turismo, Special e Sport capaci di notevoli prestazioni (110-120-135 km/h). Nel 1957 al Salone di Milano figura insieme ai modelli citati anche un modello “America”. La distribuzione a coppie coniche applicata alla produzione di serie: questo il “merito” del modello che proiettò la Casa bolognese nel suo futuro. Questo esemplare è una Special ampiamente modificata in versione Super Sport.

At the end of 1956, there was a 175 four-stroke model available for the Turismo, Special and Sports models capable of high performance (110-120-135 km/h). In 1957 at the Milan Motor Show, together with the models above, there was also an “America” model. The bevel gear distribution applied to mass production: this is the “merit” of the model that projected Ducati into its future. This model is a widely modified Special in the Super Sports version.

CARATTERISTICHE TECNICHE MARCA: DUCATI MODELLO: 175 SPECIAL ANNO: 1957 TIPO DI MOTORE: Monocilindrico a 4 tempi CILINDRATA: 175 cc POTENZA: 14 cv a 8.000 giri CAMBIO: a 4 marce

TECHNICAL FEATURES BRAND: DUCATI MODEL: 175 SPECIAL YEAR: 1957 ENGINE TYPE: four-stroke, single-cylinder DISPLACEMENT: 175 cc POWER: 13 hp at 8,000 rpm TRANSMISSION TYPE: 4-speed

€ 15.000 - 17.000

133


88 1961 LAVERDA TWIN 200 A partire dal 1951 la Laverda 75 partecipò a diverse gare motociclistiche aggiudicandosi Motogiro, Giro d’Italia e la Milano Taranto diverse volte. Le vittorie convinsero Laverda ad affiancare un nuovo modello alla sua 75, la 100. Nel 1958 la produzione si allargò ulteriormente comprendendo altre due moto, sempre da 100 cc, la Gran Turismo e la Sport Lusso, poi nel 1961 ci fu il raddoppio di cilindrata con la Twin che montava un motore bicilindrico a quattro tempi da 200 cc. Ebbe un buon successo e fu esportata anche in America. Ne verranno prodotti circa 4500 esemplari.

Starting from 1951, Laverda 75 took part in several motorcycle races, winning the Motogiro, Giro d’Italia and Milano Taranto several times. The victories convinced Laverda to support a new model: the 100. In 1958 the production expanded further including two other bikes, always from 100 cc, the Gran Turismo and the Sports Luxury, then in 1961 there was the doubling of displacement with the Twin which fitted a 200cc two-stroketwin-cylinder engine. It was a success and was also exported to America. About 4500 copies were produced.

CARATTERISTICHE TECNICHE MARCA: LAVERDA MODELLO: TWIN 200 ANNO: 1961 TIPO DI MOTORE: Bicilindrico a 4 tempi CILINDRATA: 200 cc POTENZA: 11 cv a 6.500 giri CAMBIO: a 4 Marce, a sospensione di sfere

TECHNICAL FEATURES BRAND: LAVERDA MODEL: TWIN 200 YEAR: 1961 ENGINE TYPE: four-stroke, twin cylinder DISPLACEMENT: 200 cc POWER: 11 horses at 6,500 rpm. TRANSMISSION SYSTEM: 4-speed

€ 6.000 - 8.000

134


89 1955 LAVERDA 75 SPORT A partire dal 1951 la Laverda 75 partecipò a diverse gare motociclistiche aggiudicandosi Motogiro, Giro d’Italia e la Milano Taranto diverse volte. Le vittorie convinsero Laverda ad affiancare un nuovo modello alla sua 75, la 100. Nel 1958 la produzione si allargò ulteriormente comprendendo altre due moto, sempre da 100 cc, la Gran Turismo e la Sport Lusso, poi nel 1961 ci fu il raddoppio di cilindrata con la Twin che montava un motore bicilindrico a quattro tempi da 200 cc. Numerose le vittorie della Laverda 75: sei vittorie di classe nella Milano-Taranto e sette nel Motogiro e sei Campionati Italiani della Montagna. Questo esemplare Sport potrebbe avere partecipato al Giro d’Italia.

Starting from 1951, Laverda 75 took part in several motorcycle races, winning the Motogiro, Giro d’Italia and Milano Taranto several times. The victories convinced Laverda to support a new model, the 100. In 1958 the production expanded further including two other bikes, always from 100 cc, the Gran Turismo and the Sports Luxury, then in 1961 there was the doubling of displacement with the Twin which fitted a 200cc two-stroke, twin-cylinder engine. This exemplary could have participated in the Giro d’Italia.

CARATTERISTICHE TECNICHE MARCA: LAVERDA MODELLO: 75 SPORT ANNO: 1955 TIPO DI MOTORE: Monocilindrico a 4 tempi CILINDRATA: 75 cc POTENZA: 5 cv a 5.500 giri CAMBIO: a 4 marce

TECHNICAL FEATURES BRAND: LAVERDA MODEL: 75 SPORT YEAR: 1955 ENGINE TYPE: four-stroke, single-cylinder DISPLACEMENT: 75 cc POWER: 6 hp at 6.0500 rpm

€ 7.000 - 9.000

135


90 1955 LAVERDA 100 SPORT A partire dal 1951 la Laverda 75 partecipò a diverse gare motociclistiche aggiudicandosi Motogiro, Giro d’Italia e la Milano Taranto diverse volte. Le vittorie convinsero Laverda ad affiancare un nuovo modello alla sua 75, la 100. Nel 1958 la produzione si allargò ulteriormente comprendendo altre due moto, sempre da 100 cc, la Gran Turismo e la Sport Lusso, poi nel 1961 ci fu il raddoppio di cilindrata con la Twin che montava un motore bicilindrico a quattro tempi da 200 cc. Anche la 100 ha avuto una carriera agonistica di tutto rilievo, che ha contribuito al successo commerciale della Laverda. Questo esemplare Sport potrebbe avere partecipato la Milano-Taranto.

Starting from 1951, Laverda 75 took part in several motorcycle races, winning the Motogiro, Giro d’Italia and Milano Taranto several times. The victories convinced Laverda to support a new model, the 100. In 1958 the production expanded further including two other bikes, always from 100 cc, the Gran Turismo and the Sports Luxury, then in 1961 there was the doubling of displacement with the Twin which fitted a 200cc two-stroke, twin-cylinder engine. This exemplary could have participated in the Milano -Taranto.

CARATTERISTICHE TECNICHE MARCA: LAVERDA MODELLO: 100 SPORT ANNO: 1955 TIPO DI MOTORE: Monocilindrico a 4 tempi CILINDRATA: 100 cc POTENZA: 6 cv a 6.500 giri CAMBIO: a 4 marce.

TECHNICAL FEATURES BRAND: LAVERDA MODEL: 100 SPORT YEAR: 1955 ENGINE TYPE: four-stroke, single-cylinder DISPLACEMENT: 100 cc POWER: 6 hp at 6.0500 rpm TRANSMISSION TYPE: 4-speed

€ 10.000 - 12.000

136


91 1955 MOTO GUZZI CARDELLINO 65 CC Nasce nel 1954, equipaggiato con cerchi da 20” e un carburatore Dell’Orto MU 14 B2 che permette di toccare i 55 Km/h. Nel 1956 aumenta la cilindrata a 73 cc e viene proposto nelle versioni Lusso e Turismo. Negli anni ‘60 viene aggiornato nella ciclistica e la cilindrata arriva a 83 cc; rimane sul listino fino al 1965.

Born in 1954, equipped with 20 “rims and a Dell’Orto MU 14 B2 carburettor that allows you to reach 55 Km / h. In 1956 it increased the displacement to 73 cc and is proposed in the Lusso and Turismo versions. In the ‘60s it is updated in the chassis, and the displacement reaches 83 cc; remains on the price list until 1965.

CARATTERISTICHE TECNICHE MARCA: MOTO GUZZI MODELLO: CARDELLINO 65 ANNO: 1955 TIPO DI MOTORE: Monocilindrico a 2 tempi con carburatore Dell’Orto MU 14 B2 CILINDRATA: 65 cc POTENZA: 2 cv a 5.000 giri CAMBIO: a 3 marce con comando manuale

TECHNICAL FEATURES BRAND: MOTO GUZZI MODEL: CARDELLINO 65 YEAR: 1955 ENGINE TYPE: two-stroke, single-cylinder with Dell’Orto MU 14 B2 carburettor DISPLACEMENT: 65 cc POWER: 1,5 hp at 5,000 rpm TRANSMISSION TYPE: 3-speed with manual control

€ 1.500 - 2.500

137


92 1952 MOTO GUZZI AIRONE 250 SPORT NUM. TELAIO M22966 Presentata nel 1939, a causa della guerra la produzione venne interrotta dopo un migliaio di pezzi e viene ripresa a guerra conclusa, contando varie evoluzioni negli anni. Il motore, disposto orizzontalmente secondo la tradizione Guzzi, è un monocilindrico con valvole in testa ad aste e bilancieri, con un alesaggio di 70 mm ed una corsa di 64 mm, per una cilindrata totale di 246 cc. Dopo il 1940 venne adottato un nuovo telaio elastico completamente in lamiera stampata. Nel 1947 viene introdotta una forcella a steli rovesciati. Nel 1948 l’Airone si sdoppia: viene presentata la versione Sport caratterizzata da un nuovo telaio in tubi e lamiera, mentre la vecchia versione assume la denominazione di Turismo. Nel 1952 il serbatoio, in precedenza parzialmente cromato, viene verniciato e il tipo Turismo monta lo stesso telaio della versione Sport. Nel 1954 il serbatoio (limitatamente alla versione Sport) ritorna cromato, mentre il terminale del tubo di scarico perde la forma a coda di pesce per assumere quella ogivale. L’esemplare proposto è un secondo tipo.

Presented in 1939, due to the war production was interrupted after a thousand pieces and is taken at the end of the war, counting various changes over the years. The engine, arranged horizontally according to the Guzzi tradition, is a single-cylinder with overhead valves and rods, with a bore of 70 mm and a stroke of 64 mm, for a total displacement of 246 cc. After 1940 a new elastic frame was utterly used in pressed sheet metal. In 1947 an upside-down fork was introduced. In 1948 the Airone doubled: the Sports version is presented featuring a new tube and sheet frame, while the old version takes the name of Turismo. In 1952 the tank, previously partially chromed, was painted and the Turismo type fitted the same chassis as the Sports version. In 1954, the tank (limited to the Sports version) returned chrome, while the tailpipe end lost the shape of a fishtail to assume the ogival one. The proposed sample is a series.

CARATTERISTICHE TECNICHE MARCA: MOTO GUZZI MODELLO: AIRONE ANNO: 1952 TIPO DI MOTORE: Monocilindrico a 4 tempi CILINDRATA: 247 cc POTENZA: 9,5 cv CAMBIO: a 4 marce

TECHNICAL FEATURES BRAND: MOTO GUZZI MODEL: AIRONE YEAR: 1952 ENGINE TYPE: four-stroke, single-cylinder DISPLACEMENT: 247 cc POWER: 8.5 hp TRANSMISSION TYPE: 4-speed

€ 5.000 - 6.000

138


139


93 1953 MOTO GUZZI GALLETTO 175 CC NUM. TELAIO 20310958 Il Galletto 175 nasce come diretta evoluzione del Galletto 160 e presentato a Milano nel 1952. Le novità del Galletto 175 cc sono: il cambio a quattro marce (al posto dei 3 rapporti del 160), l’incremento di cilindrata e potenza che, dai 6,4 cavalli a 5200 giri del 160cc, arriva a 7 cavalli. Vengono modificati vari particolari, tra cui il tachimetro con fondoscala a 100 km/h. Costruito in 8.660 esemplari fino 1954 con l’arrivo del Galletto 192 cc. L’esemplare si presenta in discrete condizioni, completo ma bisognoso di un restauro.

The Galletto 175 was born as a direct evolution of the Galletto 160 and presented in Milan in 1952. The novelties of the Galletto 175 cc are the four-speed transmission (instead of the three speed of the 160cc), the increase in displacement and a powerful engine of 7 hp. Various details are modified, including the tachometer with full scale. Built-in 8,660 copies up to 1954 with the arrival of Galletto 192 cc. The specimen is in fair condition, complete but in need of restoration.

CARATTERISTICHE TECNICHE MARCA: MOTO GUZZI MODELLO: GALLETTO 175 ANNO: 1953 TIPO DI MOTORE: Monocilindrico a 4 tempi CILINDRATA: 175 cc POTENZA: 7 cv a 5.200 giri CAMBIO: a 4 marce

TECHNICAL FEATURES BRAND: MOTO GUZZI MODEL: GALLETTO 175 YEAR: 1953 ENGINE TYPE: four-stroke, single-cylinder with Dell’Orto MA 18 BS1 carburettor DISPLACEMENT: 175 cc POWER: 7 hp at 5,200 rpm TRANSMISSION TYPE: 4-speed

€ 3.000 - 4.000

140


94 1954/56 MOTO GUZZI FALCONE SPORT NUM. TELAIO FAA08 La Moto Guzzi Falcone è una motocicletta costruita dalla Moto Guzzi tra il 1950 e il 1967. Presentato al Salone di Ginevra 1950, il Falcone è l’ultima delle Guzzi con il classico monocilindrico orizzontale quattro tempi di 500 cm³. Con il 1953 il Falcone si “sdoppia”: alla versione già esistente, ribattezzata Sport, si affianca la Turismo, che altro non è se non l’erede dell’Astore. Si ritiene che l’esemplare presentato sia attribuibile agli anni 1954/1956. Non è possibile stabilire una data certa in quanto ripunzonato d’ufficio negli anni 70.

The Moto Guzzi Falcone is a motorcycle built by Moto Guzzi between 1950 and 1967. Presented in 1950 at Geneva Motor Show, the Falcone is the last of the Guzzi with the classic four-stroke horizontal four-cylinder 500 cm³. In 1953 the Falcone existing version was renamed as Sport, and it was joined by Turismo version, which is nothing but the heir of the Astore. It is believed that the sample presented is attributable to the years 1954/1956. It is not possible to establish a certain date because it has been officially coded in the 70s.

CARATTERISTICHE TECNICHE MARCA: MOTO GUZZI MODELLO: FALCONE SPORT ANNO: 1954/1956 TIPO DI MOTORE: Monocilindrico a 4 tempi CILINDRATA: 500 cc POTENZA: 23 cv a 4.500 giri CAMBIO: a 4 marce

TECHNICAL FEATURES BRAND: MOTO GUZZI MODEL: FALCONE SPORT YEAR: 1954/1956 ENGINE TYPE: four-stroke, single-cylinder DISPLACEMENT: 500 cc POWER: 22 hp at 4500 rpm TRANSMISSION TYPE: 4-speed

€ 9.000 - 11.000

141


95 1958 GILERA 175 CC NUM. TELAIO 1593010 Venne presentata nel 1956 con il nome di 150 V, ma ribattezzata quasi subito G 175. Alla fine dell’anno la gamma viene ampliata con i modelli Gran Turismo ed Extra (quest’ultimo riprende alcune caratteristiche della B 300, come la primaria a catena anziché ad ingranaggi), mentre la G 175 viene ribattezzata Normale. Nel 1957 arrivarono i modelli Sport (con il motore tipo Gran Turismo) e Rossa Extra (con il motore tipo Extra). La gamma fu successivamente semplificata nel 1958 con l’uscita di produzione dell’Extra. Le 175 restano a catalogo sino al 1960. Ne verranno prodotti 10500 esemplari.

It was presented in 1956 as 150 V, but almost immediately it was re-named G 175. At the end of the year, the Gilera range is extended with the Gran Turismo and Extra models (the latter takes some characteristics of the B 300, like the chain primary instead of gears). The G 175 is renamed Normal. In 1957 the Sports models (the engine type Gran Turismo) and Rossa Extra (with the engine type Extra) were developed. In 1958, the range was subsequently simplified with the production output of the Extra Model. The 175 remained coded until 1960. 10500 copies will be produced.

CARATTERISTICHE TECNICHE MARCA: GILERA MODELLO: 175 CC ANNO: 1958 TIPO DI MOTORE: Monocilindrico a 4 tempi CILINDRATA: 175 cc POTENZA: 4,7 cv a 5500 giri CAMBIO: a 4 marce.

TECHNICAL FEATURES BRAND: GILERA MODEL: 175 CC YEAR: 1958 ENGINE TYPE: four-stroke, single-cylinder DISPLACEMENT: 175 cc POWER: 3.7 hp TRANSMISSION TYPE: 4-speed

€ 5.000 - 6.000

142


96 1958 GILERA 175 CC SPECIAL NUM. TELAIO 18913 Venne presentata nel 1956 con il nome di 150 V, ma ribattezzata quasi subito G 175. Alla fine dell’anno la gamma viene ampliata con i modelli Gran Turismo ed Extra (quest’ultimo riprende alcune caratteristiche della B 300, come la primaria a catena anziché ad ingranaggi), mentre la G 175 viene ribattezzata Normale. Nel 1957 arrivarono i modelli Sport (con il motore tipo Gran Turismo) e Rossa Extra (con il motore tipo Extra). La gamma fu successivamente semplificata nel 1958 con l’uscita di produzione dell’Extra. Le 175 restano a catalogo sino al 1960. Ne verranno prodotti 10500 esemplari. Questo esemplare elaborato in maniera sportiveggiante potrebbe avere partecipato al Giro d’Italia e a gare minori.

It was presented in 1956 with the name of 150 V, but almost immediately re-named G 175. At the end of the year, the range was extended with the Gran Turismo and other models while the G 175 is renamed Normal. In 1957 arrived the Sport (with the engine type Gran Turismo) and Rossa Extra (with the engine type Extra) models. The range was subsequently simplified in 1958 with the production output of the Extra. The 175 remain in the catalogue until 1960.10500 copies were produced. This bike, developed in a sporting manner, could have participated in the Giro d’Italia and other races.

CARATTERISTICHE TECNICHE MARCA: GILERA MODELLO: 175 CC ANNO: 1958 TIPO DI MOTORE: Monocilindrico a 4 tempi CILINDRATA: 175 cc POTENZA: 4,7 cv a 5500 giri CAMBIO: a 4 marce

TECHNICAL FEATURES BRAND: GILERA MODEL: 175 CC YEAR: 1958 ENGINE TYPE: four-stroke, single-cylinder DISPLACEMENT: 175 cc POWER: 4.7 hp at 5500 rpm TRANSMISSION TYPE: 4-speed

€ 10.000 - 12.000

143


97 1957 GILERA 175 CC NUM. TELAIO 1897290 Venne presentata nel 1956 con il nome di 150 V, ma ribattezzata quasi subito G 175. Alla fine dell’anno la gamma viene ampliata con i modelli Gran Turismo ed Extra (quest’ultimo riprende alcune caratteristiche della B 300, come la primaria a catena anziché ad ingranaggi), mentre la G 175 viene ribattezzata Normale. Nel 1957 arrivarono i modelli Sport (con il motore tipo Gran Turismo) e Rossa Extra (con il motore tipo Extra). La gamma fu successivamente semplificata nel 1958 con l’uscita di produzione dell’Extra. Le 175 restano a catalogo sino al 1960. Ne verranno prodotti 10500 esemplari. La proprietà ritiene l’esemplare un raro modello “Dimostrazione”.

It was presented in 1956 as 150 V, but almost immediately it was re-named G 175. At the end of the year, the Gilera range is extended with the Gran Turismo and Extra models (the latter takes some characteristics of the B 300, like the chain primary instead of gears). The G 175 is renamed Normal. In 1957 the Sports models (the engine type Gran Turismo) and Rossa Extra (with the engine type Extra) were developed. In 1958, the range was subsequently simplified with the production output of the Extra Model. The 175 remained coded until 1960. 10500 copies will be produced. The owner belived that is a rare “Dimostrazione” model.

CARATTERISTICHE TECNICHE MARCA: GILERA MODELLO: 175 CC ANNO: 1957 TIPO DI MOTORE: Monocilindrico a 4 tempi CILINDRATA: 175 cc POTENZA: 4,7 cv a 5500 giri CAMBIO: a 4 marce

TECHNICAL FEATURES BRAND: GILERA MODEL: 175 CC YEAR: 1958 ENGINE TYPE: four-stroke, single-cylinder DISPLACEMENT: 175 cc POWER: 3,7 hp TRANSMISSION TYPE: 4-speed

€ 15.000 - 20.000

144


98 1956 GILERA SATURNO 500 CC NUM. TELAIO 84X902610600 Progettata dall’Ing. Salmaggi, è l’evoluzione moderna della VTE Gran Sport o più comunemente conosciuta come la “8 bulloni”. A causa della II guerra mondiale, la Saturno vedrà la luce solo nel 1946, restando in produzione per oltre 10 anni e venne prodotta in oltre 6000 esemplari nei vari modelli.

Designed by the engineer Salmaggi, this motorcycle is the modern evolution of the VTE Gran Sport, more commonly known as the “8 bolts”. Due to the Second World War, the Saturn is commercialised only in 1946, but it was a success: for about ten years, it was produced in over 6000 specimens in the various models.

CARATTERISTICHE TECNICHE MARCA: GILERA MODELLO: SATURNO 500 CC ANNO: 1956 TIPO DI MOTORE: Monocilindrico a 4 tempi CILINDRATA: 500 cc POTENZA: 36 cv CAMBIO: a 4 marce

TECHNICAL FEATURES BRAND: GILERA MODEL: SATURNO YEAR: 1956 ENGINE TYPE: four-stroke, single-cylinder DISPLACEMENT: 500 cc POWER: 35 hp TRANSMISSION TYPE: 4-speed

€ 11.000 - 12.000

145


99 1989 GILERA SATURNO BIALBERO 500 NUM. TELAIO 222100012 La storia della Saturno 500 inizia in Giappone. Nel 1987 la multinazionale C. Itoh e Co. Ltd, trading company impegnata nella produzione e commercializzazione di prodotti d’ogni genere, commissiona alla Gilera un ambizioso progetto: proporre sul mercato nipponico una moto sportiva essenziale e dal sapore classico. Battezzata Saturno e sviluppata nel 1987 dall’Ingegnere Sandro Colombo; nel aprile 1988, cominciano le spedizioni verso il Giappone. La risposta non è calorosa e nemmeno dopo la commercializzazione sui mercati internazionali la Gilera Saturno 500 (proposta anche 350 cc), otterrà i risultati sperati. Ne verranno prodotte, in tutto, meno di 2.000, di cui 150 vendute in Italia. La moto è corredata da brochure originale a colori.

The history of Saturno 500 begun in Japan. In 1987 the multinational company C. Itoh and Co. Ltd, a trading company engaged in the production and marketing of products of all kinds, commissioned Gilera to propose on the Japanese market an essential sports bike with a classic flavour. Baptized Saturno and developed in 1987 by the engineer Sandro Colombo; the motorcycle shipment to Japan started in April 1988. The Gilera Saturno 500 (also proposed 350 cc) did not obtain market results, the customers’ answer was not warm, even after the international market campaign. In total, less than 2,000 samples were produced, of which 150 sold in Italy. The bike is accompanied by its original colour brochure.

CARATTERISTICHE TECNICHE MARCA: GILERA MODELLO: SATURNO BIALBERO 500 ANNO: 1989 TIPO DI MOTORE: Monocilindrico inclinato in avanti a quattro tempi, raffreddato a liquido CILINDRATA: 491,9 cc POTENZA: 44 cv a 7000 giri/min CAMBIO: a 5 marce ad ingranaggi sempre in presa e innesti frontali, comando a pedale.

TECHNICAL FEATURES BRAND: GILERA MODEL: 560 SATURNO BIALBERO 500 YEAR: 1989 ENGINE TYPE: single-cylinder, front sloping, liquid cooled DISPLACEMENT: 491.9 cc POWER: 43 hp TRANSMISSION TYPE: 5-speed

€ 8.000 - 10.000

146


147


100 1988 GILERA 560 SATURNO PIUMA BIALBERO NUM. TELAIO Y3B 0015 Versione da corsa della Bialbero, nasce nel 1990 ed eredita il nome “piuma” dalla tradizione Gilera. Costruita in 50 esemplari e venduta ai team privati per 18 milioni di lire, sviluppata dall’Ingegnere Martini ed equipaggiata con forcellone in alluminio, il motore è lo stesso di quella stradale, il punto debole della Piuma è il carter che cedeva a causa delle vibrazioni del motore. Le Piuma in pista vinsero la gara d’esordio a Monza e altre gare tra le monocilindriche, soffrirono l’assenza di sviluppo da parte della casa, l’evoluzione fu curata solo da preparatori privati.

The Gilera 560 Saturno Piuma Bialbero born in 1990 and inherits the name “feather” from the Gilera tradition, in fact it is the racing version of the Bialbero. The model, developed by the engineer Martini, was built only in 50 units and sold to private teams for 18 million of lire. The engine is the same of the road version, but the fork was in aluminium. The weak point of the Piuma motorcycle is the carter that yielded due to the engine vibration. Historically, the Piuma debuted winning the race at Monza, but they suffered by the absence of development by the motorcycle house since the evolution was only backed only by private trainers.

CARATTERISTICHE TECNICHE MARCA: GILERA MODELLO: 560 SATURNO BIALBERO PIUMA ANNO: 1988 TIPO DI MOTORE: Monocilindrico a 4 tempi con carburatore Dell’Orto da 41,5 con pompa di ripresa. CILINDRATA: 558 cc POTENZA: 58 cv a 8.500 giri/min CAMBIO: sequenziale estraibile a 5 marce (sempre in presa).

TECHNICAL FEATURES BRAND: GILERA MODEL: 560 SATURNO BIALBERO PIUMA YEAR: 1988 ENGINE TYPE: four-stroke, single-cylinder with Dell’Orto carburettor 1,63 inches DISPLACEMENT: 588 cc POWER: 56 hp at 8,500 rpm TRANSMISSION TYPE: 5-speed

€ 8.000 - 10.000

148


149


101 1956 GILERA SATURNO CORSA 500 CC Progettata dall’Ing. Salmaggi, è l’evoluzione moderna della VTE Gran Sport o più comunemente conosciuta come la “8 bulloni”. A causa della II guerra mondiale, la Saturno vedrà la luce solo nel 1946, restando in produzione per oltre 10 anni e venne prodotta in oltre 6000 esemplari nei vari modelli.

Designed by the engineer Salmaggi, this motorcycle is the modern evolution of the VTE Gran Sport, more commonly known as the “8 bolts”. Due to the Second World War, the Saturn was commercialised only in 1946, but it was a success: for about ten years, it was produced in over 6000 specimens in the various models.

CARATTERISTICHE TECNICHE MARCA: GILERA MODELLO: SATURNO CORSA 500 CC ANNO: 1956 TIPO DI MOTORE: Monocilindrico a 4 tempi CILINDRATA: 500 cc POTENZA: 36 cv CAMBIO: a 4 marce

TECHNICAL FEATURES BRAND: GILERA MODEL: SATURNO YEAR: 1956 ENGINE TYPE: four-stroke, single-cylinder DISPLACEMENT: 500 cc POWER: 35 hp TRANSMISSION TYPE: 4-speed

€ 15.000 - 18.000

150


102 1953 COMET 175 NUM. TELAIO 0110 Nel 1953, esce una nuova versione, la Comet 175 Sport, con motore di 10 CV a 6800 giri/min. Nel 1954, appare una Comet 175 cmonocilindrica ad albero a camme in testa ed è presentata anche una bicilindrica con le stesse caratteristiche. Sempre del 1954, è un motore di 98 cc a due tempi, cambio a due velocità comandato da manopola. Nel 1955, la novità più grande è una monocilindrica di 250 cc con distribuzione ad aste e bilancieri. La produzione cessa nel 1957.

In 1953, the Comet 175 Sport come out, with a 10 hp engine at 6800 rpm. In 1954, a Comet 175 single-cylinder (with overhead camshaft) and a Comet 175 twin-cylinder appeared in the market. In the same year, it was developed a 98 cc two-stroke engine, a two-speed transmission type controlled by a knob. In 1955, the most significant novelty was a 250cc single-cylinder with rod distribution and rocker arms. The production ceased in 1957.

CARATTERISTICHE TECNICHE MARCA: COMET MODELLO: 175 CC ANNO: 1953 TIPO DI MOTORE: Bicilindrico a 4 tempi CILINDRATA: 175 cc POTENZA: 10 cv CAMBIO: a 4 marce

TECHNICAL FEATURES BRAND: COMET MODEL: 175 cc YEAR: 1953 ENGINE TYPE: four-stroke, twin-cylinder DISPLACEMENT: 175 cc POWER: 10 hp TRANSMISSION TYPE: 4-speed

€ 12.000 - 14.000

151


103 1972 AERMACCHI HD 350 ALA D’ORO L’Ala d’Oro è una motocicletta da competizione costruita dall’Aermacchi dal 1961 al 1972.Il 1964 vide l’introduzione del nuovo modello DS-S, spinto da un nuovo motore a corsa corta (72x61 mm), con 32 CV a 9400 giri/min e la possibilità di raggiungere i 10.000 giri/min. Nel frattempo, i piloti ufficiali Aermacchi avevano fatto debuttare nelle corse già dal 1961 una 350, che fu disponibile per i privati dal 1964: aveva motore a corsa lunga (74x80 mm) e cambio a 5 rapporti (i primi esemplari, però, avevano ancora 4 marce). Nel 1966 le Ala d’Oro vennero aggiornate con frizione a secco, rapporti del cambio allungati, un nuovo pistone e carburatori maggiorati (da 35 mm per la 250 e da 38 per la 350), divenendo più affidabili. l 1969 vide le Ala d’Oro ufficiali cogliere diversi podi tra 350 e 500. Negli anni precedenti le motociclette Aermacchi presentate potrebbero avere corso con livrea Ceramiche Lux.

The Ala d’Oro is a racing motorbike built by the Aermacchi from 1961 to 1972. 1964 is characterised by the introduction of the new DS-S model, driven by a new short-stroke engine (2,83x2,40 inch), with 30 hp at 9400 rpm and the possibility to reach 10,000 rpm. Even if the Aermacchi official drivers run a motorcycle model 350 in racing since 1961, this model was available to the public only since 1964: it had a long-stroke engine (2,91x3,15 inch) and a 5-speed transmission type (the first models, however, still had four transmission type). In 1966 the Ala d’Oro became more reliable, thanks to the updated dry clutch, the new piston and the increased carburettors (from 1,38 inc for the 250 and from 1,50 for the 350). During 1969, the Ala d’Oro reach many podiums between 350 and 500. The motorcycle model is characterised by the improvement in the performance, bringing the displacement to 408 cc. In previous years, the presented Aermacchi motorcycles could have run with the Ceramiche Lux livery.

CARATTERISTICHE TECNICHE MARCA: AERMACCHI - HARLEY-DAVIDSON MODELLO: 350 ALA D’ORO ANNO: 1972 TIPO DI MOTORE: Monocilindrico orizzontale 4 tempi CILINDRATA: 350 cc POTENZA: 37 cv a 8.200 giri CAMBIO: in blocco a 5 marce

TECHNICAL FEATURES BRAND: AERMACCHI AND HARLEY-DAVIDSON MODEL: 350 ALA D’ORO YEAR: 1972 ENGINE TYPE: four-stroke, single-cylinder horizontal DISPLACEMENT: 350 cc POWER: 36 hp at 8,200 rpm TRANSMISSION TYPE: 5-speed

€ 19.000 - 21.000

152


153


104 1972 AERMACCHI HD 350 ALA D’ORO L’Ala d’Oro è una motocicletta da competizione costruita dall’Aermacchi dal 1961 al 1972. Il 1964 vide l’introduzione del nuovo modello DS-S, spinto da un nuovo motore a corsa corta (72x61 mm), con 32 CV a 9400 giri/min e la possibilità di raggiungere i 10.000 giri/min. Nel frattempo, i piloti ufficiali Aermacchi avevano fatto debuttare nelle corse già dal 1961 una 350, che fu disponibile per i privati dal 1964: aveva motore a corsa lunga (74x80 mm) e cambio a 5 rapporti (i primi esemplari, però, avevano ancora 4 marce). Nel 1966 le Ala d’Oro vennero aggiornate con frizione a secco, rapporti del cambio allungati, un nuovo pistone e carburatori maggiorati (da 35 mm per la 250 e da 38 per la 350), divenendo più affidabili. l 1969 vide le Ala d’Oro ufficiali cogliere diversi podi tra 350 e 500. Negli anni precedenti le motociclette Aermacchi presentate potrebbero avere corso con livrea Ceramiche Lux.

The Ala d’Oro is a racing motorbike built by the Aermacchi from 1961 to 1972. 1964 is characterised by the introduction of the new DS-S model, driven by a new short-stroke engine (2,83x2,40 inch), with 30 hp at 9400 rpm and the possibility to reach 10,000 rpm. Even if the Aermacchi official drivers run a motorcycle model 350 in racing since 1961, this model was available to the public only since 1964: it had a long-stroke engine (2,91x3,15 inch) and a 5-speed transmission type (the first models, however, still had four transmission type). In 1966 the Ala d’Oro became more reliable, thanks to the updated dry clutch, the new piston and the increased carburettors (from 1,38 inc for the 250 and from 1,50 for the 350). During 1969, the Ala d’Oro reach many podiums between 350 and 500. The motorcycle model is characterised by the improvement in the performance, bringing the displacement to 408 cc. In previous years, the presented Aermacchi motorcycles could have run with the Ceramiche Lux livery.

CARATTERISTICHE TECNICHE MARCA: AERMACCHI - HARLEY-DAVIDSON MODELLO: 350 ALA D’ORO ANNO: 1972 TIPO DI MOTORE: Monocilindrico orizzontale 4 tempi CILINDRATA: 350 cc POTENZA: 37 cv a 8.200 giri CAMBIO: in blocco a 5 marce

TECHNICAL FEATURES BRAND: AERMACCHI AND HARLEY-DAVIDSON MODEL: ALA D’ORO 350 YEAR: 1972 ENGINE TYPE: four-stroke, single-cylinder horizontal DISPLACEMENT: 350 CC POWER: 37 hp at 8,200 rpm TRANSMISSION TYPE: 5-speed

€ 18.000 - 20.000

154


155


105 1970 AERMACCHI HD ALETTA 125 COMPETIZIONE Il 1968 aveva visto il ritorno dell’Aermacchi ai motori a due tempi, con l’Aletta 125, che avrà una discreta fortuna commerciale (specialmente in America) e sportiva (la Aletta Oro impegnata nel motomondiale Classe 125). Negli anni precedenti le motociclette Aermacchi presentate potrebbero avere corso con livrea Ceramiche Lux.

In 1968, the Aermacchi came back in the market with the Aletta 125, two-stroke engines, a successful model (especially in America) and with the Aletta Oro in the 125cc World Championship. In previous years, the presented Aermacchi motorcycles could have run with the Ceramiche Lux livery.

CARATTERISTICHE TECNICHE MARCA: AERMACCHI - HARLEY-DAVIDSON MODELLO: ALETTA 125 COMPETIZIONE ANNO: 1970 TIPO DI MOTORE: Monocilindrico 2 tempi CILINDRATA: 125 cc POTENZA: 22 cv a 9.200 giri CAMBIO: a 5 marce

TECHNICAL FEATURES BRAND: AERMACCHI AND HARLEY-DAVIDSON MODEL: ALETTA 125 COMPETIZIONE YEAR: 1970 ENGINE TYPE: two-stroke, single-cylinder DISPLACEMENT: 125cc POWER: 6 hp at 9,200 rpm TRANSMISSION TYPE: 5-speed

€ 13.000 - 15.000

156


106 1974/75 AERMACCHI HD 408 CC. COMPETIZIONE L’Ala d’Oro è una motocicletta da competizione costruita dall’Aermacchi dal 1961 al 1972. Il 1964 vide l’introduzione del nuovo modello DS-S, spinto da un nuovo motore a corsa corta (72x61 mm), con 32 CV a 9400 giri/min e la possibilità di raggiungere i 10.000 giri/min. Nel frattempo, i piloti ufficiali Aermacchi avevano fatto debuttare nelle corse già dal 1961 una 350, che fu disponibile per i privati dal 1964: aveva motore a corsa lunga (74x80 mm) e cambio a 5 rapporti (i primi esemplari, però, avevano ancora 4 marce). Nel 1966 le Ala d’Oro vennero aggiornate con frizione a secco, rapporti del cambio allungati, un nuovo pistone e carburatori maggiorati (da 35 mm per la 250 e da 38 per la 350), divenendo più affidabili. l 1969 vide le Ala d’Oro ufficiali cogliere diversi podi tra 350 e 500. L’esemplare è stato elaborato portando la cilindrata a 408 cc. Migliorando le prestazioni. Negli anni precedenti le motociclette Aermacchi presentate potrebbero avere corso con livrea Ceramiche Lux.

The Ala d’Oro is a racing motorbike built by the Aermacchi from 1961 to 1972. 1964 is characterised by the introduction of the new DS-S model, driven by a new short-stroke engine (2,83x2,40 inch), with 30 hp at 9400 rpm and the possibility to reach 10,000 rpm. Even if the Aermacchi official drivers run a motorcycle model 350 in racing since 1961, this model was available to the public only since 1964: it had a long-stroke engine (2,91x3,15 inch) and a 5-speed transmission type (the first models, however, still had four transmission type). In 1966 the Ala d’Oro became more reliable, thanks to the updated dry clutch, the new piston and the increased carburettors (from 1,38 inc for the 250 and from 1,50 for the 350). During 1969, the Ala d’Oro reach many podiums between 350 and 500. The motorcycle model is characterised by the improvement in the performance, bringing the displacement to 408 cc. In previous years, the presented Aermacchi motorcycles could have run with the Ceramiche Lux livery.

CARATTERISTICHE TECNICHE MARCA: AERMACCHI - HARLEY-DAVIDSON MODELLO: 408 COMPETIZIONE ANNO: 1974/1975 TIPO DI MOTORE: Monocilindrico orizzontale 4 tempi CILINDRATA: 408 cc POTENZA: n.d. CAMBIO: in blocco a 5 marce

TECHNICAL FEATURES BRAND: AERMACCHI - HARLEY-DAVIDSON MODEL: 408 COMPETIZIONE YEAR: 1974/75 ENGINE TYPE: four-stroke, single-cylinder horizontal DISPLACEMENT: 408 cc TRANSMISSION TYPE: 5-speed

€ 22.000 - 25.000

157


107 1947 PIAGGIO VESPA 98 NUM. TELAIO 7296 La farobasso, prodotta dal 1946 al 1948 in due serie, si caratterizzava per il fanale che stava sul parafango anteriore. Come optional si poteva mettere un contachilometri, ma a differenza delle altre vespe aveva il manubrio senza rivestimenti in lamiera e poteva quindi essere soggetta ad atti vandalici o furti. Era priva di sospensioni posteriori e questa funzione era svolta dalle molle del sellino. La sospensione anteriore era posta anziché sul lato destro della ruota, come in tutti gli altri modelli, sul lato sinistro. La “Farobasso” telaio n° 7296, motore n° 06317, dotata di targa originale e con soli due proprietari nella propria storia, è stata costruito negli stabilimenti Piaggio & C. SpA nel 1947 come certificato dal Registro Storico Piaggio “Vespa”. CARATTERISTICHE TECNICHE MARCA: PIAGGIO MODELLO: VESPA 98 ANNO: 1947 TIPO DI MOTORE: Monocilindrico orizzontale a 2 tempi CILINDRATA: 98 cc POTENZA: 3,2 cv a 4500 giri CAMBIO: a 3 marce € 62.000 - 75.000

158

The Vespa Piaggio was produced from 1946 to 1948 in two series. The motorbike was characterized by the light on the from fender and by the possibility to add an odometer. Unlike the other models, the Vespa 98 had the handlebars without sheet metal covering, so it suffered to vandalism or theft. It had no rear suspension and this function was carried out by the seat springs. The front suspension was placed on the left side, instead of on the right side of the wheel. The “Farobasso” frame n° 7296, engine n° 06317, with original plate and with only two owners in its history, was built in the Piaggio & C. SpA factories in 1947, as certified by the Piaggio “Vespa” Historic Register.

TECHNICAL FEATURES BRAND: PIAGGIO MODELLO: VESPA 98 ANNO: 1947 TIPO DI MOTORE: two-stroke, single-cylinder, horizontal CILINDRATA: 98 cc POTENZA: 3,1 hp a 4500 rpm CAMBIO: 3-speed


108 1970 PIAGGIO VESPA 90 SS NUM. TELAIO V9SS1T*5764 La Vespa 90 SS - Super Sprint - venne presentata nel 1965, a due anni di distanza dalla Vespa 50 dalla quale derivava, diventando subito il sogno di molti ragazzi. Rimase in produzione sino al 1971 e realizzati in soli 5309 esemplari. Lo scudo anteriore molto stretto, il manubrio inclinato verso il basso come le moto da corsa, il bauletto portaoggetti e la marmitta cromata a vista, ne facevano una vera Vespa sportiva. Le colorazioni in catalogo erano cinque: tre tipi di rosso, il bianco ed il blu pavone. Cilindrata di 88,5 cm³, potenza 6 cv a 6000 giri/min, velocità poco sopra i 90Km/h, sospensioni con molla elicoidale ed ammortizzatore idraulico su entrambe le ruote, e freni a tamburo. Per tutte le SS la sigla del telaio era V9SS1T. Vi è stata anche una piccola produzione di Vespa 50 SS (che aveva lo stesso telaio della sorella maggiore) destinata al mercato estero, in particolare Svizzera e Germania. Questa Vespa 90 SS del 1970, è stata totalmente restaurata nella carrozzeria e nel motore da tecnici esperti, accompagnata da documentazione fotografica del restauro. È presente il certificato rilasciato dal Registro Storico della Piaggio, che attesta l’originalità del veicolo. CARATTERISTICHE TECNICHE MARCA: PIAGGIO MODELLO: VESPA 90 SS ANNO: 1970 TIPO DI MOTORE: Monocilindrico a 2 tempi CILINDRATA: 88,5 cc POTENZA: 6 cv a 6000 giri CAMBIO: a 4 marce

The Vespa 90 SS (Super Sprint) was introduced in 1965, two years after the Vespa 50, and immediately became all the boys’ dream. It remained in production until 1971 and was built in just 5309 exemplars. With its very tight front shield, its handles tilted down as racing motorcycles, the top box and muffler chrome view, it was a real Vespa sport. The colours in the sale catalogue were five: three types of red, white and blue peacock. The bike is characterised by a displacement of 88,5 cm³, power of 6 hp at 6,000 rpm, speed just over 90 Km/h, and suspension with coil spring and hydraulic shock absorber on both wheels and drum brakes. For all the Vespa SS the frame n° V9SS1T. There was also a small production of the Vespa 50 SS (who had the same frame of her older sister) destined for the foreign market, particularly Switzerland and Germany. This rare Vespa 90SS 1970, has been fully restored in the bodywork and the engine by experienced technicians, accompanied by photographic documentation of the restoration. The certificate issued is present by the Piaggio Historical Register, which certifies the originality of the vehicle. TECHNICAL FEATURES BRAND: PIAGGIO MODEL: VESPA 90 SS YEAR: 1970 ENGINE: two-stroke, single-cylinder DISPLACEMENT: 600 cc POWER: 6 hp at 6000 rpm TRANSMISSION TYPE: 4-speed

€ 16.000 - 18.000

159


109 1962 MOTO GUZZI GALLETTO 192 A.E. NUM. TELAIO G36SN Il Galletto, nasce dal progetto del fondatore Carlo Guzzi, che decise di abbinare i vantaggi di una moto con quelli di uno scooter, dato il successo della casa Piaggio con la Vespa. Venne presentato al Salone di Ginevra nel 1950 e riscosse un notevole successo, grazie alla sua comodità e sicurezza nei confronti del pilota, e alla manutenzione molto economica. Uscì di produzione nel 1965, con un totale di circa 7.500 esemplari venduti. Ultima serie del Galletto con miglioramenti estetici e fornito di serie di avviamento elettrico a 6 WW.

The Galletto, began as a project of the founder Carlo Guzzi, who decided to combine the advantages of a motorbike with those of a scooter, given the success of the Piaggio with Vespa. It was presented at the Geneva Motor Show in 1950 and enjoyed considerable success, thanks to its comfort and safety in relation to the pilot, and maintenance very economical. Out of production in 1965, with a total of 7.500 units sold. Last series of the Galletto with aesthetic improvements and supplied as standard with 6 WW electric starter.

CARATTERISTICHE TECNICHE MARCA: MOTO GUZZI MODELLO: GALLETTO 192 A.E. ANNO: 1962 TIPO DI MOTORE: Monocilindrico a 4 tempi CILINDRATA: 192 cc POTENZA: 7,5 cv a 5000 giri CAMBIO: a 4 marce

TECHNICAL FEATURES BRAND: MOTO GUZZI MODEL: GALLETTO 192 A.E. YEAR: 1962 ENGINE: four-stroke, single-cylinder DISPLACEMENT: 192 cc POWER: 6 hp at 6000 rpm TRANSMISSION TYPE: 4-speed

€ 3.500 - 4.500

160


110 1968 INNOCENTI LUI LAMBRETTA C 50 NUM. TELAIO 580129 Il Lui o Lambretta Lui è uno scooter costruito dalla italiana. Innocenti tra il 1968 e il 1969. All’estero il “Lui” venne venduto con il nome di “Luna” (la versione “50 CL”), “Vega” (il “75 S”) e “Cometa” (il “75 SL”). La Innocenti decise di affidare lo styling dello scooter alla Bertone.

The Lui or Lambretta Lui is a scooter built by the Italian. Innocent between 1968 and 1969. Abroad “He” was sold under the name “Luna” (the “50 CL” version), “Vega” (the “75 S”) and “Cometa” (the “ 75 SL “). Innocenti decided to entrust the styling of the scooter to Bertone.

CARATTERISTICHE TECNICHE MARCA: INNOCENTI MODELLO: LUI LAMBRETTA C 50 ANNO: 1968 TIPO DI MOTORE: Monocilindrico a 2 tempi CILINDRATA: 50 cc POTENZA: 1,5 cv a 4600 giri CAMBIO: a 3 marce

TECHNICAL FEATURES BRAND: PIAGGIO MODEL: LUI LAMBRETTA C 50 YEAR: 1970 ENGINE: two-stroke,single-cylinder DISPLACEMENT: 50 cc POWER: 1.5 hp at 4600 rpm TRANSMISSION TYPE: 3-speed

€ 500 - 1.000

161


111 1981 HONDA CB 750F NUM. TELAIO 2000702 La serie CB bialbero è un gruppo di motociclette prodotte in varie cilindrate dalla casa motociclistica giapponese Honda dal 1979 al 2003. Nel febbraio 1980 la 750 riceve un sostanzioso ammodernamento diventando CB750F, affiancando per breve tempo la versione K con un prezzo leggermente maggiore. È modificato l’impianto di scarico che dispone ora di due soli silenziatori, innalzata la potenza di un paio di CV portandola a 79CV. L’impianto frenante è costituito da dischi da 276 mm sull’anteriore come al posteriore, con nuova pompa e nuove pinze all’avantreno. Cresce leggermente l’interasse, ora a 1520 mm, ma cala a 112 mm l’avancorsa per consentire maggior maneggevolezza rispetto alla 900F. Il manubrio è più raccolto rispetto alla K ma meno sportivo della 900 assicurando un buon comfort sulle lunghe percorrenze. I 9 km/h di incremento sulla velocità massima completano il quadro.

The Bialbero CB series is a group of motorcycles produced in various displacements by the Japanese motorcycle manufacturer Honda from 1979 to 2003. In February 1980, the 750 received a substantial modernization becoming CB750F, briefly supporting the K version with a slightly higher price. The exhaust system has been modified, which now has only two silencers, raising the power to 79 cv. The braking system consists of 276 mm discs on the front as well as on the rear, with a new pump and new calipers on the front axle. The wheelbase is growing slightly, now at 1520 mm, but the trail is down to 112 mm to allow greater manoeuvrability compared to the 900F. The handlebar is more collected than the K but less sporty than the 900 ensuring good comfort on long distances. The 9 km / h increase on the maximum speed completes the picture.

CARATTERISTICHE TECNICHE MARCA: HONDA MODELLO: CB 750F ANNO: 1981 TIPO DI MOTORE: quattro tempi, quattro cilindri in linea CILINDRATA: 748 cc POTENZA: 79 cv a 9000 giri CAMBIO: a 5 marce

TECHNICAL FEATURES BRAND: HONDA MODEL: CB 750F YEAR: 1981 ENGINE TYPE: four stroke, four cylinder in line DISPLACEMENT: 748 cc POWER: 78 hp a 9000 rpm TRANSMISSION TYPE: 5-speed

offerta libera

(L’immagine ha solo valore rappresentativo/The image has only representation value) 162


112 1992 HONDA CBR 1000F NUM. TELAIO HMSC242302159 La Honda CBR 1000F “Hurricane” è una moto da turismo sportiva, parte della serie CBR prodotta dalla Honda dal 1987 al 1996 negli Stati Uniti e dal 1987 al 1999 nel resto del mondo. La CBR 1000F, insieme alla CBR 750F e alla CBR 600F, è stata la prima moto sportiva a quattro cilindri in linea completamente carenata di Honda. Il nome di “Hurricane” fu ufficialmente abbandonato dalla linea nel 1989; tuttavia, alla moto non è mai stato dato un nome sostitutivo, quindi è stata spesso indicata con il suo nome originale.

The Honda CBR1000F “Hurricane” is a sport touring motorcycle, part of the CBR series manufactured by Honda from 1987 to 1996 in the USA and from 1987 to 1999 in the rest of the world. The CBR 1000F along with the CBR 750F and CBR 600F was Honda’s first inline four-cylinder, fully faired sport bike. The ‘Hurricane’ name was officially dropped from the line in 1989; however, the bike was never given a replacement name so it was often still referred to by its original title.

CARATTERISTICHE TECNICHE MARCA: HONDA MODELLO: CBR 1000F ANNO: 1992 TIPO DI MOTORE: quattro tempi, quattro cilindri in linea CILINDRATA: 998 cc POTENZA: 124 cv CAMBIO: a 6 marce

TECHNICAL FEATURES BRAND: HONDA MODEL: CBR 1000F YEAR: 1992 ENGINE: four-stroke, one-cylinder DISPLACEMENT: 998 cc POWER: 124 hp TRANSMISSION TYPE: 6-speed

offerta libera

(L’immagine ha solo valore rappresentativo/The image has only representation value) 163


164


LE BARNFIND

113 MARCA/BRAND: PARILLA MODELLO/MODEL: n.d. NOTA/NOTE: telaio con basamento motore chassis with Crankcase € 200 - 250 114 MARCA/BRAND: MV AGUSTA 125 € 450 - 500 115 MARCA/BRAND: MV AGUSTA € 800 - 900 116 MARCA/BRAND: MOTO GUZZI STORNELLO € 600 - 700 117 MARCA/BRAND: MOTO GUZZI ZIGOLO 2T98 € 600 - 700 118 MARCA/BRAND: GILERA 125 € 150 - 200 119 MARCA/BRAND: GILERA 150 SPORT € 900 - 1.000 120 MARCA/BRAND: GILERA 150 SPORT € 800 - 900 121 MARCA/BRAND: GILERA 150 SUPER € 2.400 - 2.600

122 MARCA/BRAND: DUCATI 98 € 600 - 700 123 MARCA/BRAND: D.K.W. NOTA/NOTE: senza ruote/without wheels € 450 - 500 124 MARCA/BRAND: BIANCHI MENDOLA € 500 - 600 125 MARCA/BRAND: BIANCHI BIANCHINA 125 2T € 1.100-1.300 126 CARATTERISTICHE TECNICHE MARCA/BRAND: BENELLI € 600 - 800 127 MARCA/BRAND: AERO CAPRONI CAPRIOLO 75T NOTA/NOTE: num. di telaio 17724 ANNO/YEAR: 1962 € 2.800 - 3.000 128 MARCA/BRAND: MALANCA 125 EC2 ANNO/YEAR: 1975 € 1.500 - 1.800 129 MARCA/BRAND: MOTO MORINI 125 NOTA/NOTE: num. di telaio 25835 ANNO/YEAR: 1950 € 800 - 1.000

165


LOTTO/LOT - DOCUMENTI/DOCUMENTS 2 Targa / Plate

57 Targa; Pratica FMI Inoltrata / Plate; FMI in progress

5 Targa; Libretto di circolazione / Plate; Registration certificate

58 Targa / Plate

6 Targa; Libretto di circolazione / Plate; Registration certificate

59 FMI / FMI

7 Targa; Libretto di circolazione / Plate; Registration certificate

60 Targa / Plate

9 Libretto di circolazione / Registration certificate

63 Targa / Plate

11 Targa; Libretto di circolazione / Plate; Registration certificate

64 FMI / FMI

16 Targa; Libretto di circolazione / Plate; Registration certificate 19 Targa; Libretto di circolazione / Plate; Registration certificate 23 Targa; Libretto di circolazione / Plate; Registration certificate 24 Targa; Libretto di circolazione / Plate; Registration certificate

67 Targa; Libretto di circolazione; Foglio complementare / Plate; Registration certificate; Registration Papers 70 Targa; Libretto di circolazione; Foglio complementare / Plate; Registration certificate; Registration Papers 76 FMI / FMI 88 Targa / Plate 91 Targa / Plate

25 Targa / Plate

92 Targa; Libretto di circolazione; Foglio complementare / Plate; Registration certificate; Registration Papers

26 Targa; Libretto di circolazione / Plate; Registration certificate

93 Targa; Libretto di circolazione; Foglio complementare / Plate; Registration certificate; Registration Papers

27 Targa; Libretto di circolazione / Plate; Registration certificate

94 Targa; Libretto di circolazione; Foglio complementare / Plate; Registration certificate; Registration Papers

29 Targa; Libretto di circolazione; Foglio complementare / Plate; Registration certificate; Registration Papers

98 Targa; Foglio complemetare / Plate; Registration Papers

32 Targa; Libretto di circolazione / Plate; Registration certificate 33 Targa; Libretto di circolazione / Plate; Registration certificate 34 Targa; Libretto di circolazione / Plate; Registration certificate 35 Targa; Libretto di circolazione / Plate; Registration certificate 37 Targa; Libretto di circolazione / Plate; Registration certificate 42 Targa; Libretto di circolazione; Foglio complementare / Plate; Registration certificate; Registration Papers 45 Targa; Libretto di circolazione; Foglio complementare / Plate; Registration certificate; Registration Papers 46 Targa; Libretto di circolazione; Foglio complementare / Plate; Registration certificate; Registration Papers 51 Visura targa / License plate 52 Targa / Plate 53 Targa; Libretto di circolazione; Foglio complementare / Plate; Registration certificate; Registration Papers

99 Targa; Libretto di circolazione; Foglio complementare / Plate; Registration certificate; Registration Papers 102 Libretto di circolazione; Foglio complementare / Registration certificate; Registration Papers 107 Targa; Libretto di circolazione; Foglio complementare; FMI / Plate; Registration certificate; Registration Papers; FMI 109 Targa; Libretto di circolazione; Foglio complemetare; FMI / Plate; Registration certificate; Registration Papers; FMI 110 Libretto di circolazione / Registration certificate 111 Targa; Foglio complementare / Plate; Registration Papers 112 Targa; Foglio complementare / Plate; Registration Papers 118 Targa / Plate 120 Targa / Plate 121 Targa / Plate 126 Targa / Plate 127 Targa; Libretto di circolazione; Foglio complementare / Plate; Registration certificate; Registration Papers 128 Targa; Foglio complementare / Plate; Registration Papers 129 Targa; Foglio complementare / Plate; Registration Papers

55 Targa / Plate 56 Targa; Libretto di circolazione; Foglio complementare / Plate; Registration certificate; Registration Papers 167


INFORMAZIONI IMPORTANTI PER GLI ACQUIRENTI

Comprare all’Asta Le seguenti pagine sono finalizzate per fornire informazioni utili su come comprare all’asta nel corso delle aste organizzate da Finarte S.p.A., società con sede legale in Milano, Via Brera n. 8, Partita Iva e Numero Iscrizione Registro Imprese di Milano: 08640270966, capitale sociale interamente versato: Euro 1.997.190,25 i.v.. Finarte S.p.A. agisce per conto del Venditore, in qualità di mandataria con rappresentanza dello stesso. I potenziali Acquirenti sono pregati di consultare il sito www.finarte.it per prendere visione della catalogazione più aggiornata dei lotti presenti in catalogo. Provenienza In alcune circostanze Finarte S.p.A. può stampare sul catalogo d’asta la storia della proprietà di un’opera quando ritiene che quell’informazione possa contribuire al suo studio o se aiuta a distinguere la stessa opera. Tuttavia, l’identità del Venditore o dei precedenti proprietari potrà non essere resa pubblica per una serie di ragioni, per esempio per rispettare la richiesta di riservatezza da parte del Venditore o perché l’identità del precedente proprietario non è nota a causa dell’età dell’opera. Prezzo di aggiudicazione, Commissione d’acquisto e IVA Al Prezzo di Aggiudicazione del lotto sarà aggiunta una Commissione d’Acquisto che l’Acquirente è tenuto a pagare quale parte dell’importo totale dovuto. • La Commissione d’acquisto è stabilita nella misura del 18,30% iva inclusa del Prezzo di Aggiudicazione del lotto. Le percentuali sopra indicate sono inclusive di IVA ovvero di qualsiasi somma sostitutiva di IVA. Qualora nel catalogo d’asta, in relazione ad uno specifico lotto, siano indicate percentuali diverse rispetto a quelle qui indicate con riferimento alla Commissione d’acquisto, le percentuali indicate in catalogo saranno da ritenersi prevalenti. IVA Un’Imposta sul Valore Aggiunto (IVA) può essere applicata sul Prezzo di Aggiudicazione e/o sulla Commissione di Acquisto. Si prega di fare riferimento alle informazioni relative all’IVA, contenute nella sezione “Simboli” che segue. Al fine di armonizzare le procedure fiscali tra i Paesi dell’Unione Europea, con decorrenza dal 1° gennaio 2001 sono state introdotte in Italia nuove regole con l’estensione alle Case d’Asta del regime del margine. L’art. 45 della legge 342 del 21 novembre 2000 prevede l’applicazione di tale regime alle vendite concluse in esecuzione ai contratti di commissione definiti con: (a) soggetti privati; (b) soggetti passivi d’imposta che hanno assoggettato l’operazione al regime del margine; (c) soggetti che non hanno potuto detrarre l’imposta ai sensi degli art. 19, 19-bis, e 19-bis2 del DPR. 633/72 (che hanno venduto il bene in esenzione ex-art. 10, 27quinquies); (d) soggetti che beneficiano del regime di franchigia previsto per le piccole imprese nello Stato di appartenenza. In forza della speciale normativa, nei casi sopracitati eventuale imposta IVA, ovvero una somma sostitutiva di IVA, se applicabile, viene applicata da Finarte S.p.A.. Nessun particolare simbolo verrà usato per identificare i lotti venduti nel regime del margine. Diritto di seguito Il 9 aprile 2006 è entrato in vigore il Decreto Legislativo 13 febbraio 2006, n. 118, che, in attuazione della Direttiva 2001/84/CE, ha introdotto nell’ordinamento giuridico italiano il diritto degli autori di opere d’arte e di manoscritti, ed ai loro aventi causa, a percepire un compenso sul prezzo di ogni vendita dell’originale successiva alla prima (c.d. “diritto di seguito”). Il

168

“diritto di seguito” è dovuto solo se il prezzo della vendita non è inferiore a euro 3.000,00. Esso è così determinato: • 4% per la parte del prezzo di vendita compresa tra euro 0 e euro 50.000,00; • 3% per la parte del prezzo di vendita compresa tra euro 50.000,01 e euro 200.000,00; • 1% per la parte del prezzo di vendita compresa tra euro 200.000,01 e euro 350.000,00; • 0,5% per la parte del prezzo di vendita compresa tra euro 350.000,01 e euro 500.000,00; • 0,25% per la parte del prezzo di vendita superiore a euro 500.000,00. Finarte S.p.a., in quanto casa d’aste, è tenuta a versare il “diritto di seguito” alla Società italiana degli autori ed editori (S.I.A.E.). I lotti contrassegnati con il simbolo (®) sono soggetti al “diritto di seguito” nella percentuale sopra indicata per un importo totale comunque non superiore a euro 12.500,00. Oltre al Prezzo di Aggiudicazione, alle Commissioni di acquisto e alle altre spese, l’Acquirente si impegna a pagare il “diritto di seguito”, che spetterebbe al Venditore pagare in base all’art. 152, I comma, Legge 22 aprile 1941, n. 633. Il “diritto di seguito” sarà addebitato in accordo con l’articolo 5.1 delle Condizioni di Vendita. Valute Durante alcune aste potrà essere operante uno schermo che indica i cambi aggiornati delle principali valute estere, in contemporanea con le offerte effettuate in sala d’asta. I cambi sono da considerarsi solo indicativi e tutte le offerte in sala saranno espresse in Euro. Finarte S.p.A. declina ogni responsabilità per ogni errore ed omissione che apparirà su detto schermo. Il pagamento dei lotti acquistati dovrà essere in Euro. L’ammontare equivalente in altre valute sarà accettato solo in base alla valuta del giorno in cui il pagamento verrà effettuato. Sicurezza Per salvaguardare la Sua sicurezza durante la permanenza nei nostri spazi espositivi, Finarte S.p.A. cerca di esporre tutte le opere in modo tale da non creare eventuali pericoli. Tuttavia, nel caso in cui maneggiaste oggetti in esposizione presso di noi, ciò è a Suo rischio e pericolo. Alcuni oggetti di grandi dimensioni e pesanti possono essere pericolosi se maneggiati in modo errato. Nel caso in cui desideraste ispezionare accuratamente un oggetto, La preghiamo di richiedere l’assistenza del personale di Finarte S.p.A.. Alcuni oggetti in esposizione potrebbero essere segnalati con la dicitura “per cortesia non toccare” ovvero con altra dicitura simile. Nel caso in cui sia Suo desiderio esaminare questi oggetti, La preghiamo di richiedere l’assistenza del personale Finarte S.p.A. 1. PRIMA DELL’ASTA Stime pubblicate in catalogo Le stime pubblicate in catalogo sono solo indicative per i potenziali acquirenti e i lotti possono raggiungere prezzi sia superiori sia inferiori alle valutazioni indicate. È sempre consigliabile interpellare Finarte S.p.A. prima dell’asta, poiché le stime possono essere soggette a revisione. Le valutazioni stampate sul catalogo d’asta non comprendono la Commissione d’Acquisto e l’IVA. Simboli Il seguente elenco spiega i simboli che si possono trovare nel catalogo d’asta. ° Importo minimo garantito Nel caso in cui un lotto sia contrassegnato da questo simbolo al Venditore è stato garantito un importo minimo nell’ambito di una o più aste. P Lotti di proprietà di Finarte S.p.A. Nel caso in cui i lotti siano contrassegnati da questo simbolo la proprietà appartiene in tutto o in parte a Finarte. PI Parte Interessata


Indica il caso in cui possano essere effettuate offerte sul lotto anche da parte di soggetti aventi un interesse diretto o indiretto sul medesimo, quale ad esempio il beneficiario o l’esecutore testamentario che abbia venduto il lotto, oppure il comproprietario del lotto o un’altra parte che abbia prestato una garanzia per il lotto. SR Senza Riserva Qualora i lotti illustrati nel catalogo non siano contrassegnati dal simbolo (SR), si intendono soggetti alla vendita con riserva. La Riserva è il prezzo d’asta minimo concordato tra Finarte S.p.A. e il Venditore, al di sotto del quale il lotto non verrà venduto. Generalmente la Riserva corrisponde ad una percentuale della Stima minima pre-vendita e non supera tale valore. Nel caso in cui un lotto sia venduto senza riserva, verrà contrassegnato da questo simbolo. Qualora tutti i lotti contenuti nel catalogo siano soggetti alla vendita senza riserva non verrà utilizzato alcun simbolo in relazione ai singoli lotti. ® Diritto di Seguito Per i lotti contrassegnati da questo simbolo l’Acquirente si impegna a pagare il “diritto di seguito”, che spetterebbe al Venditore pagare in base all’art. 152, I comma, Legge 22 aprile 1941, n. 633, nella misura determinata nella sezione “diritto di seguito” di cui sopra. I Lotto proveniente da impresa, dove il valore di aggiudicazione è soggetto ad IVA. TI Lotto in regime di temporanea importazione ex art. 72 del Codice Urbani o per il quale è stata richiesta la temporanea importazione. ID Lotto in temporanea importazione doganale. Soggetto ad IVA (attualmente ad una percentuale del 10%) sul valore di aggiudicazione e sul diritto di seguito, dove applicabile per i residenti in Italia. Qualsiasi costo connesso alla chiusura della temporanea importazione doganale è a carico dell’Acquirente. IA Lotto in temporanea importazione artistica. Condizioni dei lotti I potenziali acquirenti si impegnano ad esaminare attentamente il lotto durante l’eventuale esposizione prima dell’asta. Su richiesta, Finarte S.p.A. potrà fornire, comunque sempre a sua discrezione ed eventualmente a pagamento, un rapporto sulle condizioni del lotto. La mancanza di riferimenti espliciti in merito alle condizioni del lotto non implica che il bene sia senza imperfezioni. Finarte agisce in qualità di mandataria del Venditore e declina qualsiasi responsabilità in ordine alla descrizione degli oggetti contenuta nei cataloghi, nelle brochures ed in qualsiasi altro materiale illustrativo; tali descrizioni, così come ogni altra indicazione o illustrazione, dovranno considerarsi puramente indicative e non possono generare affidamenti di alcun tipo negli Aggiudicatari. Tutte le aste saranno precedute da un’esposizione al fine di permettere un esame approfondito circa l’autenticità, lo stato di conservazione, la provenienza, il tipo e la qualità degli oggetti. Dopo l’aggiudicazione né Finarte né i Venditori potranno essere ritenuti responsabili per i vizi relativi allo stato di conservazione, per l’errata attribuzione, l’autenticità, la provenienza, il peso o la mancanza di qualità degli oggetti. Né Finarte né il personale incaricato da Finarte potranno rilasciare una qualsiasi garanzia in tal senso, salvi i casi previsti dalla legge Beni elettrici e meccanici Tutti i beni di natura elettrica o meccanica sono da considerarsi solamente sulla base del loro valore artistico e decorativo, e non sono da considerarsi funzionanti. È importante prima dell’uso che il sistema elettrico sia certificato da un elettricista qualificato. 2. OFFERTE PER L’ASTA Offerte in asta Le offerte possono essere eseguite personalmente mediante una paletta durante l’asta, mediante un’offerta scritta prima dell’asta, per telefono ovvero via internet (in quest’ultimo caso solo se possibile in relazione alla specifica asta). La

velocità dell’asta può variare, tra i 50 e i 120 lotti l’ora. L’incremento delle offerte è generalmente del 10% rispetto a quella precedente. Si prega di fare riferimento all’art. 4 delle Condizioni Generali di Vendita. Offerte in sala Al fine di migliorare le procedure d’asta, è richiesto a tutti i potenziali acquirenti di munirsi di una paletta numerata per le offerte prima che inizi la vendita. Sarà possibile pre-registrarsi anche durante i giorni di esposizione. Compilando e firmando il modulo di registrazione e di attribuzione della paletta numerata, Lei accetta le Informazioni importanti per gli Acquirenti e le Condizioni Generali di Vendita stampate in catalogo. In occasione della registrazione all’asta Le verrà richiesto un Suo documento di identità. Se agite come rappresentante per una terza persona, si richiede una autorizzazione scritta da parte di quest’ultima. Ad ogni modo, Finarte S.p.A. si riserva la facoltà di non farvi partecipare all’asta in qualità di rappresentante qualora, a suo insindacabile giudizio, non ritenga dimostrato il potere di rappresentanza. Tutti i potenziali acquirenti, o i loro rappresentanti, sono pregati di portare con sé un documento di identità in corso di validità. Le palette numerate devono essere utilizzate per indicare le offerte al banditore durante l’asta. Se doveste essere aggiudicatario di un lotto, siete pregati di essere certi che la Sua paletta possa essere vista dal banditore e che sia il Suo numero ad essere stato annunciato. Nell’ipotesi di dubbi riguardo al Prezzo di Aggiudicazione o all’Acquirente, siete pregati di attirare immediatamente l’attenzione del banditore. Tutti i lotti venduti saranno fatturati al nome ed all’indirizzo rilasciati al momento dell’assegnazione della paletta numerata e non potranno essere trasferiti ad altri nomi ed indirizzi. In caso di perdita della paletta, è pregato di informare l’assistente del banditore. Al termine dell’asta la paletta deve essere restituita al banco registrazioni. Offerte scritte Nel caso in cui non possiate partecipare all’asta, daremo esecuzione alle offerte pervenuteci per iscritto per Suo conto. Al tal fine La preghiamo di compilare e trasmetterci il modulo offerte allegato in catalogo con la documentazione in esso richiesta. Questo servizio è gratuito. I lotti saranno sempre acquistati al prezzo più conveniente consentito da altre offerte sugli stessi lotti e dalle riserve da noi registrate. In caso di offerte identiche, sarà data la precedenza a quella ricevuta per prima. È pregato di indicare sempre un “limite massimo” (l’ammontare massimo al quale fareste l’offerta se partecipaste personalmente all’asta). Non saranno accettati ordini di acquisto con offerte illimitate. Gli ordini, se dettati telefonicamente, sono accettati solo a rischio del mittente e devono essere confermati per lettera, fax o telegramma prima dell’asta. Al fine di assicurare un servizio soddisfacente agli offerenti, Le raccomandiamo di inviarci le offerte in modo che siano da noi ricevute almeno 24 ore prima dell’asta. Non si riterranno valide comunicazioni verbali. Dopo l’asta, coloro che avranno lasciato offerte scritte dovranno tempestivamente controllare con Finarte S.p.A. se la loro offerta è andata a buon fine. Offerte telefoniche Nel caso in cui non possiate presenziare all’asta, è possibile effettuare offerte telefoniche. Poiché le linee telefoniche disponibili sono limitate, è necessario inviare il modulo offerte allegato in catalogo almeno entro le 24 ore prima dell’inizio dell’asta. I collegamenti telefonici durante l’asta potranno essere registrati. Le suggeriamo di lasciare un’offerta massima, che eseguiremo per Suo conto, nel caso in cui fossimo impossibilitati a contattarLa telefonicamente. Il nostro personale sarà disponibile per telefonate in lingua inglese e francese.conto, nel caso in cui fossimo impossibilitati a contattarLa telefonicamente. Il nostro personale sarà disponibile per telefonate in lingua inglese e francese. Offerte via internet Finarte S.p.A. comunicherà sul Sito (almeno 24 ore prima la data dell’asta) e/o sul catalogo l’asta in occasione della quale è possibile formulare offerte anche via internet. Si prega di fare riferimento all’art. 4.7 delle Condizioni Generali di Vendita. Offerte da parte dei dipendenti I dipendenti di Finarte S.p.a. possono effettuare offerte in un’asta di Finarte S.p.A. solo se il dipendente non è a conoscenza del Prezzo di Riserva e se effettua l’offerta nel pieno rispetto delle regolamentazioni interne che regolano le offerte in asta dei dipendenti.

169


3. L’ASTA Ambito di applicazione L’asta è regolata dalle Informazioni importanti per gli Acquirenti, dalle Condizioni Generali di Vendita e dalle Condizioni Generali di Mandato. Le Informazioni Importanti per gli Acquirenti e le Condizioni Generali diVendita possono essere modificate mediante un avviso affisso nella sala d’asta o tramite un annuncio fatto dal banditore d’asta prima dell’inizio dell’asta. Nell’ipotesi in cui Finarte S.p.A. permetta la partecipazione all’asta anche tramite il sito internet www.finarte.it queste modifiche sono portate a conoscenza anche tramite il sito prima dell’inizio dell’asta. Avviso relativo a parti interessate Nel caso in cui una persona a cui sia stata concessa la possibilità di effettuare un’offerta relativa ad un lotto abbia un interesse diretto o indiretto sul medesimo, quale ad esempio il beneficiario o l’esecutore testamentario che abbia venduto il lotto, oppure il comproprietario del lotto o un’altra parte che abbia prestato una garanzia per il lotto, Finarte S.p.A. ne darà comunicazione in catalogo.

Al momento del ritiro del lotto presso la sede di Finarte S.p.A., quest’ultima richiederà all’Acquirente un documento attestante la Sua identità. I lotti saranno consegnati solo ad avvenuto pagamento all’Acquirente, a quest’ultimo ovvero a persona incaricata dall’Acquirente per il ritiro. Nell’ipotesi di morte, interdizione, inabilitazione, estinzione/ cessazione, per qualsiasi motivo, dell’Acquirente, debitamente comunicata a Finarte S.p.A., quest’ultima acconsentirà a riconsegnare il lotto previo accordo di tutti gli aventi causa dell’Acquirente ovvero secondo le modalità stabilite dall’autorità giudiziaria. Prima di organizzare il ritiro del lotto, si prega di controllare con Finarte S.p.A. dove è conservato il bene. Ai lotti non ritirati saranno addebitate spese di trasporto e di deposito nonché interessi. Si prega di fare riferimento all’art. 6 delle Condizioni Generali di Vendita. Magazzinaggio Ai lotti possono essere addebitate spese di magazzinaggio e di trasporto. Le spese, mensili, di magazzinaggio ammontano all’1% della massima offerta in asta relativa al lotto.

Offerte di rilancio e di risposta Il banditore può aprire le offerte su ogni lotto formulando un’offerta nell’interesse del Venditore. Il banditore può inoltre fare offerte nell’interesse del Venditore, fino all’ammontare della riserva, formulando offerte di rilancio e di risposta per un lotto.

Responsabilità di perdita/danneggiamento Si prega di notare che Finarte S.p.A. sarà responsabile per la perdita o danneggiamento del bene per un massimo di cinque (5) giorni lavorativi dalla data della vendita. Si prega di fare riferimento all’art. 7 delle Condizioni Generali di Vendita.

4. DOPO L’ASTA

Spedizione Finarte S.p.A. è a Sua disposizione per informazioni circa l’esportazione e la spedizione dei lotti. Il nostro ufficio è aperto dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 14.00 alle 18.00 e può essere contattato al numero indicato in catalogo.

Pagamento degli acquisti Se Lei si è aggiudicato un lotto, il pagamento deve essere effettuato immediatamente dopo l’asta e può essere corrisposto nei seguenti metodi: contanti, assegno circolare, assegno bancario, Bancomat o Carta di Credito (American Express, Visa o Mastercard), Paypal. Per i mezzi di pagamento accettati nel caso di aggiudicazioni effettuate online, si prega di fare riferimento all’art. 4.7. Finarte S.p.A. può accettare pagamenti singoli o multipli in contanti solo per importi inferiori a euro 2.999,99. Si prega di fare riferimento all’art. 5 delle Condizioni Generali di Vendita. In caso di bonifico, le coordinate bancarie per i bonifici sono le seguenti: c/c n. 000105041254 intestato a Finarte S.p.A. presso UniCredit S.P.A. codice IBAN numero IT77M0200809432000105041254 codice BIC SWIFT numero UNCRITMMOMI. Nella causale si prega di indicare il proprio nome e cognome e il numero della fattura. Il pagamento mediante Bancomat, American Express, Visa o Mastercard può essere disposto solo dal titolare della carta ovvero, nel caso di pagamento mediante PayPal, dal titolare del relativo conto. Finarte S.p.a. si riserva la facoltà di controllare la provenienza dei pagamenti ricevuti e di non accettare pagamenti ricevuti da persone differenti dall’Acquirente. Per ogni pagamento tramite carta di credito o PayPal verrà corrisposto dall’acquirente, a titolo di rimborso spese, l’ulteriore importo pari al 3% del prezzo totale. Le Condizioni Generali di Vendita impongono agli Acquirenti il pagamento immediato dei beni acquistati. Tuttavia in limitate circostanze e comunque con il consenso del Venditore, Finarte S.p.a. ha la possibilità di offrire agli Acquirenti che ritenga affidabili la facoltà di pagare i beni acquistati a cadenze dilazionate. Normalmente le modalità di pagamento dilazionato dovranno essere definite prima della vendita. Prima di stabilire se concedere o meno pagamenti dilazionati, Finarte S.p.A. può chiedere referenze sull’affidabilità dell’Acquirente e documentazione sulla sua identità e residenza. Non Le sarà permesso di ritirare il lotto sino a che non avrà corrisposto il pagamento, a meno che non Le sia stato accordato un credito prima dell’asta. Orario di cassa: Lun-Ven 10.00-13.00; 14.00-17.30. (Ritiri) 170

Esportazione dall’Italia dei lotti acquistati L’esportazione di beni culturali al di fuori del territorio della Repubblica italiana è assoggettata alla disciplina prevista dal D.Lgs. 22 gennaio 2004, n. 42. L’esportazione di beni culturali al di fuori del territorio dell’Unione Europea è altresì assoggettata alla disciplina prevista dal Regolamento CE n. 116/2009 del 18 dicembre 2008 e dal Regolamento UE di esecuzione della Commissione n. 1081/2012. Per esportare il lotto potrà essere necessario ottenere un attestato di libera circolazione o una licenza di esportazione. Se del caso, l’Acquirente, e in alcun modo Finarte S.p.a., è responsabile per l’ottenimento dell’attestato di libera circolazione o della licenza di esportazione. Il pagamento del lotto deve essere comunque effettuato nei termini stabiliti e la negazione dell’attestato di libera circolazione ovvero della licenza di esportazione non può essere motivo di cancellazione dell’aggiudicazione ovvero giustificare il mancato o ritardato pagamento del lotto aggiudicato. Specie protette Tutti i lotti costituiti da o contenenti parti di piante o animali (ad esempio corallo, coccodrillo, avorio, osso di balena, tartaruga), indipendentemente dall’età e dal valore, potrebbero richiedere una licenza o un certificato prima dell’esportazione e richiedere ulteriori licenze o certificati per l’importazione nei paesi Extra UE. Si prega di notare che l’aver ottenuto la licenza o il certificato in importazione non garantisce alcuna licenza o certificato per l’esportazione e vice versa. Finarte S.p.a. consiglia i potenziali acquirenti di controllare le proprie legislazioni circa i requisiti necessari per le importazioni nel proprio Paese di beni fatti o contenenti specie protette. È responsabilità dell’Acquirente ottenere tali licenze/ certificati di importazione o esportazione, così come ogni altro documento richiesto prima di effettuare qualsiasi offerta. Si prega di fare riferimento all’art. 8 delle Condizioni Generali di Vendita.


CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1. DEFINIZIONI (a) Acquirente: la persona fisica o giuridica che fa in asta l’offerta più alta accettata dal banditore, ovvero che acquista il lotto per trattativa privata; (b) Ammontare Totale Dovuto: è l’importo dovuto per l’aggiudicazione del lotto, oltre alla Commissione d’acquisto e alle Spese;

Le illustrazioni dei cataloghi sono effettuate al solo scopo di identificare il lotto. Il funzionamento e la sicurezza dei beni di natura elettrica o meccanica non sono verificati prima della vendita e sono acquistati dall’Acquirente a suo rischio e pericolo. L’Acquirente si impegna ad esaminare il lotto prima dell’acquisto per accertare se lo stesso sia conforme alle descrizioni del catalogo e, se del caso, a richiedere il parere di uno studioso o di un esperto indipendente, per accertarne autenticità, provenienza, attribuzione, origine, data, età, periodo, origine culturale ovvero fonte, condizione.

(c) Codice del Consumo: il Decreto Legislativo del 6 settembre 2005, n. 206; (d) Codice Urbani: il Decreto Legislativo del 22 gennaio 2004, n. 42; (e) Commissione d’Acquisto: il compenso dovuto a Finarte dall’Acquirente in relazione all’acquisto del lotto e calcolato in misura percentuale al Prezzo di Aggiudicazione, in base al valore percentuale indicato nel catalogo d’asta ovvero nelle Condizioni Generali di Vendita, oltre a qualsiasi importo dovuto a Finarte dall’Acquirente a titolo di IVA o di importo in sostituzione di IVA; (f) Contraffazione: secondo la ragionevole opinione di Finarte, l’imitazione di un lotto offerto in vendita, non descritta come tale nel catalogo d’asta, creata a scopo di inganno su paternità, autenticità, provenienza, attribuzione, origine, fonte, data, età, periodo, che alla data della vendita aveva un valore inferiore a quello che avrebbe avuto se il lotto fosse stato corrispondente alla descrizione del catalogo d’asta. Non costituisce una contraffazione un lotto che sia stato restaurato o sottoposto ad opera di modifica di qualsiasi natura (tra cui la ripitturazione o la sovrapitturazione); (g) Dati: i dati personali, come definiti dall’art. 4, comma 1, lett. b) del D.Lgs. n. 196 del 30 giugno 2003 (“Codice in materia di protezione dei dati personali”), forniti, anche verbalmente e/o telefonicamente, dall’Acquirente, nonché quelli raccolti in dipendenza dell’asta o quelli comunque afferenti la vendita all’asta; (h) Finarte: Finarte S.p.A., con sede in Via Brera 8, 20121, Milano (Partita IVA e Numero di iscrizione al Registro delle Imprese di Milano: 08640270966); (i) Prezzo di Aggiudicazione: il prezzo a cui il lotto viene aggiudicato in asta dal banditore all’Acquirente o, nel caso di vendita mediante trattativa privata, il prezzo concordato fra Finarte e l’Acquirente, al netto della Commissione di acquisto; (l) Prezzo di Riserva: il prezzo minimo (confidenziale) a cui il Venditore ha concordato con Finarte di vendere il lotto; (m) Sito: www.finarte.it; (n) Spese: in relazione all’acquisto di un lotto, sono tutte le spese dovute dall’Acquirente a Finarte e comprendono (ma non si limitano a): le imposte di qualsiasi tipo, i costi di imballaggio e di spedizione, le spese di recupero delle somme dovute dall’ Acquirente inadempiente, le eventuali spese di riproduzione del lotto ovvero di sua perizia e/o autentica, il diritto di seguito, che l’Acquirente si impegna a pagare e che spetterebbe al Venditore pagare in base all’art. 152, I comma, Legge 22 aprile 1941, n. 633; (o) Venditore: è la persona fisica o giuridica proprietaria del lotto offerto in vendita in asta o mediante trattativa privata da Finarte, in qualità di sua mandataria con rappresentanza. 2. OBBLIGHI DI FINARTE NEI CONFRONTI DELL’ACQUIRENTE 2.1 Finarte agisce in qualità di mandataria con rappresentanza del Venditore ad eccezione dei casi in cui è proprietaria in tutto o in parte di un lotto. 2.2 Normalmente i lotti offerti in vendita in asta sono beni di antiquariato. I beni sono venduti con ogni difetto, imperfezione ed errore di descrizione.

2.3 Nel caso in cui dopo la vendita in asta un lotto risulti essere una Contraffazione, Finarte rimborserà all’Acquirente che faccia richiesta di risoluzione del contratto di vendita, previa restituzione del lotto a Finarte, l’Ammontare totale dovuto nella valuta in cui è stato pagato dall’Acquirente. L’obbligo di Finarte è sottoposto alla condizione che, non più tardi di cinque (5) anni dalla data della vendita, l’Acquirente: (i) comunichi a Finarte per iscritto, entro tre (3) mesi dalla data in cui ha avuto una notizia che lo induca a ritenere che il lotto sia una Contraffazione, il numero del lotto, la data dell’asta alla quale il lotto è stato acquistato e i motivi per i quali l’Acquirente ritenga che il lotto sia una Contraffazione; (ii) sia in grado di riconsegnare a Finarte il lotto, libero da rivendicazioni o da ogni pretesa da parte di terzi sorta dopo la data della vendita e il lotto sia nelle stesse condizioni in cui si trovava alla data della vendita; (iii) fornisca a Finarte le relazioni di due studiosi o esperti indipendenti e di riconosciuta competenza, in cui siano spiegate le ragioni per cui il lotto sia ritenuto una Contraffazione. (iv) Finarte si riserva il diritto di procedere alla risoluzione della vendita anche in assenza di una o più delle condizioni sopra richieste, in tutto o in parte. Finarte non sarà vincolata dai pareri forniti dall’Acquirente e si riserva il diritto di richiedere il parere addizionale di altri esperti a sue proprie spese. Nel caso in cui Finarte decida di risolvere la vendita, Finarte avrà facoltà di rimborsare all’Acquirente, in misura ragionevole, i costi da questo sostenuti per ottenere i pareri dei due esperti indipendenti e accettati sia da Finarte che dall’Acquirente. 2.4 Finarte non effettuerà il rimborso se: a) la descrizione nel catalogo è conforme all’opinione generalmente accettata di studiosi ed esperti alla data della vendita o indicasse come controversa l’autenticità o l’attribuzione del lotto; o b) alla data della pubblicazione del catalogo la contraffazione del lotto poteva essere accertata soltanto svolgendo analisi generalmente ritenute inadeguate allo scopo o difficilmente praticabili, il cui costo era irragionevole o che avrebbero ragionevolmente potuto danneggiare o altrimenti comportare una diminuzione di valore del lotto. 3. RESPONSABILITÀ DI FINARTE E DEL VENDITORE NEI CONFRONTI DEGLI ACQUIRENTI 3.1 Ogni rappresentazione scritta o verbale fornita da Finarte, incluse quelle contenute nel catalogo, in relazioni, commenti o valutazioni concernenti qualsiasi carattere di un lotto, quale paternità, autenticità, provenienza, attribuzione, origine, data, età, periodo, origine culturale ovvero fonte, la sua qualità, ivi compreso il prezzo o il valore, riflettono esclusivamente opinioni e possono essere riesaminate da Finarte ed, eventualmente, modificate prima che il lotto sia offerto in vendita. 3.2 Finarte e i suoi dipendenti, collaboratori, amministratori o consulenti non sono responsabili degli errori o delle omissioni contenuti in queste rappresentazioni. 3.3 Fatto salvo quanto previsto nelle clausole 3.1 e 3.2, l’eventuale responsabilità di Finarte nei confronti dell’Acquirente in relazione all’acquisto di un lotto da parte di quest’ultimo è limitata al Prezzo di Aggiudicazione e alla Commissione d’Acquisto pagata dall’Acquirente a

171


Finarte. Salvo il caso di dolo o colpa grave, Finarte ovvero i suoi dipendenti, collaboratori, amministratori o consulenti non saranno responsabili per atti od omissioni relativi alla preparazione o alla conduzione dell’asta o per qualsiasi questione relativa alla vendita dei lotti. 3.4 Le descrizioni degli orologi e delle pietre preziose presenti in catalogo, anche in relazione allo stato di conservazione e ad eventuali restauri, sono fornite a titolo di orientamento per il potenziale acquirente, ma non devono essere ritenute esaustive. Tutti gli orologi e le pietre preziose dovranno quindi essere esaminati in modo adeguato dal potenziale acquirente per poter completamente accertare il loro stato. L’assenza di indicazione di un difetto, di un restauro o della presenza di una parte non originale non implica che tale difetto, restauro o presenza di una parte non originale non possano sussistere. Nel caso di orologi da polso dichiarati dal produttore come impermeabili, il loro esame può aver richiesto la loro apertura: Finarte suggerisce pertanto che l’Acquirente, prima di utilizzarli in condizioni di presenza d’acqua, li porti ad un centro autorizzato per la verifica della tenuta. I cinturini in materiale organico eventualmente presenti sono associati alle casse in fase di prevendita a puro scopo di presentazione: i potenziali acquirenti sono consapevoli che l’importazione in Paesi stranieri di materiali provenienti da specie in pericolo di estinzione, quali, a titolo di puro esempio, tartaruga ed avorio, è soggetta alla normativa internazionale CITES. Il potenziale acquirente dovrà quindi informarsi adeguatamente in fase preliminare relativamente a tali restrizioni, se intende partecipare all’asta per un lotto che contenga, anche solo in parte, materiali di questa tipologia. 4. VENDITA ALL’ASTA 4.1 A sua completa discrezione, Finarte ha il diritto di rifiutare a chiunque di partecipare alle aste. 4.2 Il banditore conduce l’asta partendo dall’offerta che considera adeguata, in funzione del valore del lotto e delle offerte concorrenti. Il banditore può fare offerte consecutive o in risposta ad altre offerte nell’interesse del Venditore, fino al raggiungimento del Prezzo di Riserva. 4.3 Chiunque faccia un’offerta ad un’asta sarà considerato parte direttamente interessata all’acquisto, salvo accordo scritto fra il partecipante all’asta e Finarte in base al quale il partecipante dichiara di agire in nome e per conto di un terzo che sia da Finarte accettato. In tal caso il partecipante all’asta sarà solidalmente obbligato con il terzo interessato nei confronti di Finarte in relazione a tutti gli obblighi derivanti dalle presenti Condizioni Generali di Vendita. 4.4 Le offerte scritte sono valide soltanto qualora pervengano a Finarte almeno 24 ore prima l’inizio dell’asta e siano sufficientemente chiare e complete, in particolare con riferimento al lotto e al prezzo a cui si intende aggiudicare il lotto. Nel caso in cui Finarte riceva più offerte scritte di pari importo per uno specifico lotto ed esse siano le più alte risultanti all’asta per quel lotto, quest’ultimo sarà aggiudicato al soggetto la cui offerta sia pervenuta per prima a Finarte. Qualora Lei intenda effettuare offerte scritte è pregato di compilare debitamente il “Modulo offerte” allegato al catalogo d’asta e trasmettercelo unitamente alla documentazione ivi richiesta. 4.5 Le offerte telefoniche sono valide purché siano confermate per iscritto prima dell’asta. Finarte si riserva il diritto di registrare le offerte telefoniche e non assume alcuna responsabilità, ad alcun titolo, nei confronti dei partecipanti all’asta per problemi o inconvenienti relativi alla linea telefonica (a titolo di esempio, per interruzione o sospensione della linea telefonica). 4.6 Finarte comunicherà sul catalogo d’asta e/o sul sito l’asta in occasione della quale è possibile formulare offerte anche via internet, specificando i siti internet di riferimento. Salvo i casi di dolo o colpa grave, Finarte non si assume alcuna responsabilità per eventuali problemi tecnici verificatisi in occasione dell’asta (ad esempio, rallentamenti nella navigazione Internet

172

o il malfunzionamento del server che gestisce la partecipazione all’asta via internet). Finarte non è in alcun modo responsabile per qualsiasi danno ovvero inconveniente da Lei subito per il non corretto uso del Sito ai sensi delle presenti informazioni ovvero delle Condizioni di utilizzo del Sito. Lei si impegna a non usare alcun software ovvero strumento di alcun tipo per influenzare ovvero interferire (anche solo potenzialmente) sull’andamento dell’asta e si impegna ad utilizzare il Sito e qualsiasi sua applicazione con correttezza e buona fede. 4.7 Qualora Finarte abbia deciso di permettere la partecipazione all’asta anche online, le presenti Condizioni Generali di Vendita disciplinano, insieme alle Informazioni Importanti per gli Acquirenti, anche l’offerta in vendita e l’aggiudicazione dei lotti tramite i siti internet attraverso i quali è possibile formulare offerte. L’asta online a cui si applicano le presenti Condizioni Generali di Vendita è un’asta pubblica (definita dall’art. 45, comma I, lett. o) del Codice del Consumo come il metodo di vendita in cui beni o servizi sono offerti dal professionista ai consumatori che partecipano o cui è data la possibilità di partecipare all’asta di persona, mediante una trasparente procedura competitiva di offerte gestita da una casa d’aste e in cui l’aggiudicatario è vincolato all’acquisto dei beni o servizi), ed è la medesima asta pubblica a cui si può partecipare in sala, ovvero al telefono o mediante una offerta scritta pre-asta. I lotti acquistati tramite internet sono offerti e venduti da Finarte, che agisce in qualità di mandatario con rappresentanza del Venditore. L’offerta e la vendita da parte di Finarte dei lotti offerti in vendita su internet costituiscono un contratto a distanza disciplinato dal Capo I, Titolo III (artt. 45 e ss.) del Codice del Consumo e dal Decreto Legislativo 9 aprile 2003, n. 70, contenente la disciplina del commercio elettronico. L’art. 59, comma I, lett. m) del Codice del Consumo esclude il diritto di recesso per i contratti conclusi in occasione di un’asta pubblica, quale è l’asta organizzata da Finarte e a cui è data la possibilità di partecipare online. Pertanto, è escluso il diritto di recesso in relazione ai lotti aggiudicati su internet nel corso di aste organizzate da Finarte. Il colpo di martello del banditore determina l’accettazione dell’offerta più alta, il Prezzo di Aggiudicazione e, conseguentemente, la conclusione del contratto di vendita tra il Venditore e l’Acquirente. 4.8 Il banditore può, a sua assoluta discrezione e in un momento qualsiasi dell’asta: (i) ritirare un lotto dall’asta; (ii) riformulare un’offerta di vendita per un lotto, qualora abbia motivi per ritenere che ci sia un errore o una disputa; e/o (iii) adottare qualsiasi provvedimento che ritenga adatto alle circostanze. 4.9 Durante alcune aste potrà essere operante uno schermo video. Finarte declina ogni responsabilità sia in relazione alla corrispondenza dell’immagine sullo schermo all’originale, sia per errori nel funzionamento dello schermo video. 4.10 Finarte dichiara che un lotto può essere oggetto di dichiarazione di interesse culturale da parte del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo ai sensi dell’art. 13 del Codice Urbani. In tal caso o nel caso in cui in relazione al lotto sia stato avviato il procedimento di dichiarazione di interesse culturale ai sensi dell’art. 14 del Codice Urbani Finarte ne darà comunicazione prima della vendita. Nel caso in cui il lotto sia stato oggetto di dichiarazione di interesse culturale il Venditore provvederà a denunciare la vendita al Ministero competente ex art. 59 Codice Urbani. La vendita sarà sospensivamente condizionata al mancato esercizio da parte del Ministero competente del diritto di prelazione nel termine di sessanta giorni dalla data di ricezione della denuncia, ovvero nel termine maggiore di centottanta giorni di cui all’art. 61 comma II del Codice Urbani. In pendenza del termine per l’esercizio della prelazione il lotto non potrà essere consegnato all’Acquirente in base a quanto stabilito dall’art. 61 del Codice Urbani.


5. PAGAMENTO 5.1 L’Acquirente è tenuto a pagare a Finarte l’Ammontare totale dovuto immediatamente dopo la conclusione dell’asta. 5.2 Il trasferimento della proprietà del lotto dal Venditore all’ Acquirente avverrà soltanto al momento del pagamento da parte dell’Acquirente dell’ammontare totale dovuto. 5.3 In caso di mancato o ritardato pagamento da parte dell’Acquirente, in tutto o in parte, dell’ammontare totale dovuto, Finarte ha diritto, a propria scelta, di chiedere l’adempimento ovvero di risolvere il contratto di vendita a norma dell’art. 1454 c.c. intendendosi il termine per l’adempimento ivi previsto convenzionalmente pattuito in cinque (5) giorni, salvo in ogni caso il diritto al risarcimento dei danni, nonché la facoltà di far vendere il lotto per conto ed a spese dell’Acquirente, a norma dell’art. 1515 c.c. 5.4 In caso di mancato o ritardato pagamento da parte dell’Acquirente, in tutto o in parte, dell’ammontare totale dovuto, Finarte ha diritto di imputare qualsiasi pagamento fatto dall’Acquirente a Finarte al debito dell’Acquirente rappresentato dall’ammontare totale dovuto ovvero a qualsiasi altro debito dell’Acquirente nei confronti di Finarte derivante da altri rapporti contrattuali. 5.5 In caso di ritardo nel pagamento dell’ammontare totale dovuto per un periodo superiore a cinque (5) giorni lavorativi dalla data dell’asta Finarte depositerà il lotto presso di sé o altrove a rischio e onere dell’Acquirente. Sempre in caso di ritardo nel pagamento per un periodo superiore a quello sopra indicato, l’Acquirente dovrà pagare a Finarte interessi moratori in misura pari al tasso Euribor a 3 mesi maggiorato di uno spread del 5%, salvo il diritto di Finarte al risarcimento del maggior danno. Il lotto sarà consegnato all’Acquirente solo dopo che quest’ultimo abbia pagato a Finarte l’ammontare totale dovuto, tutte le spese di deposito, trasporto e qualsiasi altra spesa sostenuta. 5.6 In caso di mancato o ritardato pagamento da parte dell’Acquirente, Finarte potrà rifiutare qualsiasi offerta fatta dall’Acquirente o da un suo rappresentante nel corso di aste successive o chiedere all’Acquirente di depositare una somma di denaro, a titolo di garanzia, prima di accettare offerte.

7.2 L’Acquirente sarà risarcito per qualsiasi perdita o danno del lotto che si verifichi dopo la vendita ma prima del trasferimento del rischio, ma il risarcimento non potrà superare il Prezzo di Aggiudicazione del lotto, oltre alla Commissione d’Acquisto ricevuta da Finarte. Salvo il caso di dolo o colpa grave, in nessun caso Finarte si assume la responsabilità per la perdita o danni di cornici/vetro che contengono o coprono stampe, dipinti o altre opere a meno che la cornice o/e il vetro non costituiscano il lotto venduto all’asta. In nessun caso Finarte sarà responsabile per la perdita o il danneggiamento verificatisi a seguito di un qualsiasi intervento (compresi interventi di restauro, interventi sulle cornici e interventi di pulitura) da parte di esperti indipendenti incaricati da Finarte con il consenso del Venditore per la perdita o il danneggiamento causati o derivanti, direttamente o indirettamente, da: a) cambiamenti di umidità o temperatura; b) normale usura o graduale deterioramento derivanti da interventi sul bene e/o da vizi o difetti occulti (inclusi i tarli del legno); c) errori di trattamento; d) guerra, fissione nucleare, contaminazione radioattiva, armi chimiche, biochimiche o elettromagnetiche; e) atti di terrorismo. 7.3 L’imballaggio e la spedizione del lotto all’ Acquirente sono interamente a suo rischio e carico e in nessuna circostanza Finarte si assume la responsabilità per azioni od omissioni degli addetti all’imballaggio o dei trasportatori. 8. ESPORTAZIONE DAL TERRITORIO DELLA REPUBBLICA ITALIANA 8.1 L’esportazione dal territorio della Repubblica italiana di un lotto può essere soggetta al rilascio di un attestato di libera circolazione ovvero di una licenza di esportazione. Il rilascio dell’attestato di libera circolazione ovvero e/o della licenza di esportazione è a carico dell’Acquirente. Il mancato rilascio o il ritardo nel rilascio dell’attestato di libera circolazione e/o della licenza di esportazione non costituisce una causa di risoluzione o di annullamento della vendita, né giustifica il ritardato pagamento da parte dell’Acquirente dell’Ammontare totale dovuto. 9. LEGGE E FORO APPLICABILE

5.7 Finarte ha la facoltà di compensare ogni somma dovuta, a qualsiasi titolo, all’Acquirente con ogni somma dovuta da quest’ultimo, a qualsiasi titolo a Finarte. 6. CONSEGNA E RITIRO DEL LOTTO 6.1 Finarte non assume l’obbligo di provvedere alla spedizione del lotto oggetto di aggiudicazione, il quale dovrà essere ritirato presso la sede di Finarte. La consegna del lotto all’Acquirente avverrà a spese di quest’ultimo, non oltre cinque (5) giorni lavorativi dal giorno della vendita. Il lotto sarà consegnato all’Acquirente (ovvero a soggetto debitamente autorizzato da quest’ultimo) soltanto dopo che Finarte avrà ricevuto l’ammontare totale dovuto. 6.2 Qualora l’Acquirente non ritiri il lotto entro cinque (5) giorni lavorativi dal giorno della vendita, Finarte avrà titolo di addebitare all’Acquirente un importo pari all’1% del Prezzo di Aggiudicazione per ogni mese di ritardo nel ritiro del lotto, a partire dal quinto giorno lavorativo successivo alla vendita. 7. TRASFERIMENTO DEL RISCHIO 7.1 Un lotto acquistato è interamente a rischio dell’Acquirente a partire dalla data più antecedente fra quelle in cui l’Acquirente: (i) prende in consegna il lotto acquistato; o (ii) paga l’Ammontare totale dovuto per il lotto; ovvero (iii) dalla data in cui decorre il termine di cinque (5) giorni lavorativi dal giorno della vendita.

9.1 I Suoi rapporti con Finarte sono regolati dalla legge italiana. È fatta salva la applicazione agli utenti che non abbiano la loro residenza abituale in Italia delle disposizioni eventualmente più favorevoli e inderogabili previste dalla legge del Paese in cui essi hanno la loro residenza abituale. 9.2 Per ogni controversia relativa all’applicazione, esecuzione e interpretazione delle Informazioni Importanti per gli Acquirenti e Condizioni Generali di Vendita è competente il foro del luogo in cui l’utente risiede o ha eletto domicilio. 9.3 L’utente che risiede in uno stato membro dell’Unione Europea diverso dall’Italia, può, inoltre, accedere, per ogni controversia relativa all’applicazione, esecuzione e interpretazione delle presenti Condizioni Generali di Vendita, al procedimento europeo istituito per le controversie di modesta entità, dal Regolamento (CE) n. 861/2007 del Consiglio, dell’11 luglio 2007, a condizione che il valore della controversia non ecceda, esclusi gli interessi, i diritti e le spese, Euro 2.000,00. Il testo del regolamento è reperibile sul sito eur-lex.europa.eu. 9.4 Ai sensi dell’art. 141-sexies, comma 3 del Codice del Consumo, Finarte informa l’utente che rivesta la qualifica di consumatore di cui all’art. 3, comma 1, lett. a) del Codice del Consumo, che, nel caso in

173


cui egli abbia presentato un reclamo direttamente a Finarte, a seguito del quale non sia stato tuttavia possibile risolvere la controversia così insorta, Finarte fornirà le informazioni in merito all’organismo o agli organismi di Alternative Dispute Resolution per la risoluzione extragiudiziale delle controversie relative ad obbligazioni derivanti da un contratto concluso in base alle presenti Condizioni Generali di Vendita (cc.dd. organismi ADR, come indicati agli artt. 141-bis e ss. Codice del Consumo), precisando se intenda avvalersi o meno di tali organismi per risolvere la controversia stessa. Finarte informa inoltre l’utente che rivesta la qualifica di consumatore di cui all’art. 3, comma 1, lett. a) del Codice del Consumo che è stata istituita una piattaforma europea per la risoluzione on-line delle controversie dei consumatori (c.d. piattaforma ODR). La piattaforma ODR è consultabile al seguente indirizzo http://ec.europa.eu/consumers/odr/; attraverso la piattaforma ODR l’utente consumatore potrà consultare l’elenco degli organismi ADR, trovare il link al sito di ciascuno di essi e avviare una procedura di risoluzione on-line della controversia in cui sia coinvolto. 10. TUTELA DATI PERSONALI 10.1 Ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. n. 196 del 30 giugno 2003 (“Codice in materia di protezione dei dati personali”), Finarte informa che i Dati da Lei conferiti a Finarte saranno trattati da quest’ultima principalmente con l’ausilio di mezzi elettronici, automatizzati e/o di videoregistrazione (secondo le modalità e con gli strumenti idonei a garantire la sicurezza e la riservatezza dei Dati stessi) per: (a) esigenze funzionali all’esecuzione delle proprie obbligazioni, (b) esigenze gestionali del rapporto con i Venditori e gli Acquirenti, (quali, ad es., amministrazione di proventi di vendita, fatture, spedizioni), (c) verifiche e valutazioni sul rapporto di vendita all’asta nonché sui rischi ad esso connessi, (d) per adempimenti di obblighi fiscali, contabili, legali e/o di disposizioni di organi pubblici ovvero, (e) l’invio di materiale pubblicitario ed informativo da parte di Finarte a mezzo di sistemi automatizzati, quali e-mail, fax, sms o MMS. 10.2 Il conferimento dei Dati per le finalità di cui all’art. 10.1 lettere (a) – (d) comprese è facoltativo. Tuttavia, un eventuale rifiuto comporterà l’impossibilità di partecipare all’asta ovvero il corretto adempimento delle obbligazioni gravanti su Finarte. 10.3 L’assenso al trattamento dei Dati per la finalità di cui all’art. 10.1 lett. (e) è facoltativo. Tuttavia il mancato assenso comporterà l’impossibilità di ricevere materiale pubblicitario ed informativo da parte di Finarte a mezzo di sistemi automatizzati, quali e-mail, fax, sms o MMS. 10.4 I Dati verranno trattati dai dipendenti o collaboratori di Finarte in qualità di incaricati o di responsabili del trattamento. 10.5 I Suoi Dati potranno essere inoltre comunicati a: (a) tutti quei soggetti (ivi incluse le Pubbliche Autorità) che hanno accesso ai dati personali in forza di provvedimenti normativi o amministrativi; (b) alle società o soggetti terzi incaricati dei servizi di stampa, imbustamento, spedizione e/o consegna dei lotti acquistati; (c) a uffici postali, corrieri o spedizionieri incaricati della consegna dei lotti acquistati; (d) a società, consulenti o professionisti eventualmente incaricati dell’installazione, della manutenzione, dell’aggiornamento e, in generale, della gestione degli hardware e software di Finarte, o di cui Finarte si serve, compreso il Sito; (e) a società o Internet provider incaricati dell’invio di documentazione e/o materiale informativo ovvero pubblicitario; (f) a società incaricate dell’elaborazione e/o dell’invio di materiale pubblicitario ed informativo per conto di Finarte; (g) a tutti quei soggetti pubblici e/o privati, persone fisiche e/o giuridiche (studi di consulenza legale, amministrativa e fiscale, Uffici Giudiziari, Camere di Commercio, Camere ed Uffici del Lavoro, ecc.), qualora la comunicazione risulti necessaria o funzionale al corretto adempimento

174

degli obblighi gravanti su Finarte. I Suoi Dati non saranno diffusi, se non in forma anonima ed aggregata, per finalità statistiche o di ricerca. 10.6 Titolare del trattamento dei Dati è Finarte S.p.A., con sede in Via Brera 8 (20121), Milano, al quale è possibile rivolgere istanze e richieste relative al trattamento dei Dati. 10.7 I Dati saranno conservati per il solo tempo necessario a garantire la corretta prestazione delle obbligazioni facenti capo a Finarte, e comunque entro i limiti consentiti dalla legge. 10.8 Ai sensi dell’art. 7 del Codice della Privacy, Lei ha diritto, tra l’altro di: a) ottenere la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che lo riguardano e la loro comunicazione in forma intellegibile; b) ottenere, a cura del titolare o del responsabile/dei responsabili del trattamento: • indicazioni sull’origine dei Dati, sulle finalità e sulle modalità del trattamento, sulla logica applicata in caso di trattamento effettuato con l’ausilio di strumenti elettronici; • indicazione degli estremi identificativi del titolare del trattamento e del responsabile/dei responsabili, nonché eventualmente del rappresentante designato da un soggetto straniero al trattamento dei dati in Italia; • indicazioni circa i soggetti o le categorie di soggetti a cui i dati possono essere comunicati o che possono venire a conoscenza degli stessi in qualità di rappresentante designato sul territorio dello stato, di responsabili o incaricati; c) ottenere: • l’aggiornamento, la rettificazione o l’integrazione dei dati che La riguardano; • la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; • l’attestazione del fatto che le operazioni di cui ai punti che precedono sono state portate a conoscenza anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i Dati sono stati comunicati o diffusi, salvo il caso in cui tale adempimento risulti impossibile o comporti l’impiego di mezzi manifestamente sproporzionati rispetto al diritto tutelato; d) opporsi, in tutto o in parte: • per motivi legittimi, al trattamento dei Dati che La riguardano, ancorché pertinenti allo scopo della raccolta; • al trattamento dei Dati che La riguardano, previsto ai fini di informazione commerciale o di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta ovvero per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale. I diritti di cui sopra potranno essere esercitati con richiesta al titolare del trattamento via lettera raccomandata, telefax al seguente numero: (+39) 02.36569109 o anche a mezzo posta elettronica al seguente indirizzo: info@finarte.it.


11. TERMINOLOGIA ESEMPLIFICATIVA 11.1 11.1 Si prega di prestare attenzione alla seguente terminologia esemplificativa: – SANDRO BOTTICELLI: A parere di Finarte opera dell’artista (quando non è conosciuto il primo nome dell’artista sia che il cognome venga preceduto da una serie di asterischi, sia da una iniziale o no, indica che l’opera è dell’artista nominato). – ATTRIBUITO A SANDRO BOTTICELLI: È opinione di Finarte che sia probabilmente opera dell’artista, ma con meno sicurezza che nella categoria precedente. – BOTTEGA DI SANDRO BOTTICELLI: A parere di Finarte è di una mano sconosciuta della bottega dell’artista, che può essere stata eseguita sotto la direzione dell’artista. – CERCHIA DI SANDRO BOTTICELLI: A parere di Finarte un’opera di mano non identificata, ma distinta; strettamente associata con il suddetto artista, ma non necessariamente suo allievo. – STILE DI/SEGUACE DI SANDRO BOTTICELLI: A parere di Finarte opera di un pittore che lavora nello stile dell’artista, contemporaneo o quasi contemporaneo, ma non necessariamente suo allievo. – MANIERA DI SANDRO BOTTICELLI: A parere di Finarte una opera nello stile dell’artista di epoca più tarda. – DA SANDRO BOTTICELLI: A parere di Finarte una copia di un dipinto conosciuto dell’artista. – IN STILE... A parere di Finarte opera nello stile citato pur essendo eseguita in epoca successiva. 11.2 Il termine firmato e/o datato e/o iscritto, significa che a parere di Finarte la firma e/o la data e/o l’iscrizione sono di mano dell’artista. 11.3 Il termine recante firma e/o data e/o iscrizione, significa che a parere di Finarte queste sembrano aggiunte o di altra mano. 11.4 Le dimensioni date sono prima l’altezza e poi la base. 11.5 I dipinti s’intendono incorniciati se non altrimenti specificato.

12. CONTATTI 12.1 Può richiedere qualsiasi informazione e/o inviare comunicazioni e/o presentare reclami contattando Finarte con le seguenti modalità: (i) compilando e inviando il modulo disponibile nella sezione “Contatti” del Sito; (ii) per posta, scrivendo a Finarte S.p.a, Via Brera, 8 – 20121 – Milano, Italia; (iii) al seguente numero telefonico: (+39) 02 36569100. 12.2 Finarte risponderà ai reclami presentati entro cinque giorni lavorativi dal ricevimento degli stessi. 12.3 Per assistenza durante la partecipazione all’asta online può contattare Finarte al seguente indirizzo email: bidonline@finarte.it ovvero al seguente numero telefonico: +39 02 29060539.

13. GARANZIA LEGALE DI CONFORMITÀ 13.1 Nell’ipotesi in cui il Venditore sia un professionista ai sensi di quanto previsto dal Codice del Consumo, ai lotti venduti tramite Finarte si applica la garanzia legale di conformità prevista dagli artt. 128-135 del Codice del Consumo (Garanzia Legale).

applicazione, solo a chi abbia acquistato un lotto per scopi estranei all’attività imprenditoriale, commerciale, artigianale o professionale eventualmente svolta. 13.3 Il Venditore è responsabile nei confronti del consumatore per qualsiasi difetto di conformità esistente al momento della consegna del prodotto e che si manifesti entro due anni da tale consegna. Il difetto di conformità deve essere denunciato al Venditore, a pena di decadenza dalla garanzia, nel termine di due mesi dalla data in cui è stato scoperto. Salvo prova contraria, si presume che i difetti di conformità che si manifestano entro i sei mesi dalla consegna del prodotto esistessero già a tale data, a meno che tale ipotesi sia incompatibile con la natura del prodotto o con la natura del difetto di conformità. A partire dal settimo mese successivo alla consegna del prodotto, sarà invece onere del consumatore provare che il difetto di conformità esisteva già al momento della consegna dello stesso. Per poter usufruire della Garanzia Legale, il consumatore dovrà quindi fornire innanzitutto prova della data dell’acquisto e della consegna del bene. È opportuno, quindi, che il consumatore, a fini di tale prova, conservi la conferma d’ordine o la fattura di acquisto, o il DDT ovvero qualsiasi altro documento che possa attestare la data di effettuazione dell’acquisto e la data della consegna. 13.4 Si ha un difetto di conformità, quando il lotto acquistato: (i) non è idoneo all’uso al quale servono abitualmente beni dello stesso tipo; (ii) non è conforme alla descrizione fatta dal Venditore e non possiede le qualità del bene che il Venditore ha presentato al consumatore come campione o modello; (iii) non presenta le qualità e prestazioni abituali di un bene dello stesso tipo, che il consumatore può ragionevolmente aspettarsi, tenuto conto anche delle dichiarazioni fatte nella pubblicità o nella etichettatura; (iv) non è idoneo all’uso particolare voluto dal consumatore e che sia stato da questi portato a conoscenza del Venditore al momento della conclusione del contratto e che il Venditore abbia accettato. Sono quindi esclusi dal campo di applicazione della Garanzia Legale eventuali guasti o malfunzionamenti determinati da fatti accidentali o da responsabilità del consumatore ovvero da un uso del prodotto non conforme alla sua destinazione d’uso e/o a quanto previsto nella documentazione tecnica allegata al prodotto. 13.5 In caso di difetto di conformità debitamente denunciato nei termini, l’utente ha diritto: (i) in via primaria, alla riparazione o sostituzione gratuita del bene, a sua scelta, salvo che il rimedio richiesto sia oggettivamente impossibile o eccessivamente oneroso rispetto all’altro; (ii) in via secondaria (nel caso cioè in cui la riparazione o la sostituzione siano impossibili o eccessivamente onerose ovvero la riparazione o la sostituzione non siano state realizzate entro termini congrui ovvero la riparazione o la sostituzione precedentemente effettuate abbiano arrecato notevoli inconvenienti al consumatore) alla riduzione del prezzo o alla risoluzione del contratto, a sua scelta. Il rimedio richiesto è eccessivamente oneroso se impone al Venditore spese irragionevoli in confronto ai rimedi alternativi che possono essere esperiti, tenendo conto (i) del valore che il bene avrebbe se non vi fosse il difetto di conformità; (ii) dell’entità del difetto di conformità; (iii) dell’eventualità che il rimedio alternativo possa essere esperito senza notevoli inconvenienti per il consumatore. 13.6 Nel caso in cui il lotto, nel corso del periodo di validità della Garanzia Legale, manifesti quello che potrebbe essere un difetto di conformità, il consumatore può contattare il Servizio Clienti al numero indicato all’art. 12. Finarte darà tempestivo riscontro alla comunicazione del presunto difetto di conformità e indicherà al consumatore la specifica procedura da seguire. Novembre 2017

13.2 La Garanzia Legale è riservata ai consumatori. Essa, pertanto, trova

175


AVVISO AGLI ACQUIRENTI

GUIDE FOR BIDDERS

Qualsiasi riferimento alle condizioni del lotto in catalogo non equivale alla completa descrizione dello stato di conservazione. L’acquirente (i) è responsabile della verifica della condizione, autenticità e completezza o provenienza di qualsiasi auto a motore o di qualsiasi altro lotto acquistato.

Any reference to the conditions of the lot in the catalogue is not the same as the complete description of the state of conservation. The buyer (s) is responsible for verifying the condition, authenticity and completeness or provenance of any motorized car or any other lot purchased.

Ad eccezione di quanto qui previsto, tutte le auto a motore o qualsiasi altro lotto (s) sono venduti così come sono, senza alcuna dichiarazione o garanzia, espressa o implicita.

Offerte scritte Con il presente modulo debitamente compilato, Finarte darà esecuzione alle offerte di quanti non possono essere presenti alla vendita. I lotti saranno sempre acquistati al prezzo più conveniente consentito da altre offerte sugli stessi lotti e dalle riserve registrate da Finarte. Questo servizio è gratuito e confidenziale. Finarte offre questo servizio per comodità dei clienti che sono impossibilitati a partecipare all’asta. Finarte non potrà ritenersi responsabile per errori o insuccessi nell’eseguire offerte in sala, istruzioni telefoniche o per mezzo del modulo d’offerta. Per lasciare un’offerta scritta, siete pregati di utilizzare il modulo offerte allegato al presente catalogo e di controllare accuratamente i numeri di lotto, le descrizioni e le cifre da Voi riportate. Non saranno accettati ordini di acquistare con offerte illimitate. Ogni modulo d’offerta deve contenere offerte per una sola asta. Offerte alternative possono essere accettate se viene specificata, tra il numero dei lotti, la parola “OPPURE”. Siete pregati di indicare sempre un limite massimo. In caso di offerte identiche, sarà data la precedenza a quella ricevuta per prima. Offerte telefoniche Gli ordini, se dettati telefonicamente, sono accettati solo a rischio del mittente e devono essere confermati per lettera, fax o telegramma prima dell’asta: Fax +39 02 36569109 La preghiamo di indicare chiaramente il numero telefonico a cui desidera essere contattato al momento di inizio dell’asta, incluso il prefisso internazionale. Finarte la contatterà prima che il lotto sia offerto in asta. Commissioni d’acquisto L’importo massimo della Vostra offerta riguarda solamente il prezzo di aggiudicazione, a questo sarà sommata la commissione d’acquisto e l’IVA applicabile (si prega di vedere le “Informazioni Importanti per gli Acquirenti”). Spese di magazzinaggio Tutti gli oggetti devono essere ritirati entro 5 giorni dalla data dell’asta, onde evitare il costo di trasferimento e magazzinaggio. Altrimenti i Vostri acquisti saranno spediti a Vostro carico e spese ad un magazzino esterno. I costi di magazzinaggio Vi verranno addebitati a partire dal quinto giorno lavorativo dopo l’asta e da quel momento Finarte non sarà più responsabile dei beni non ritirati. Offerte andate a buon fine Una fattura sarà inviata per posta ordinaria a tutti gli acquirenti. Per conoscere prima i risultati delle Vostre offerte e decidere sul magazzinaggio o trasferimento delle merci, potrete contattare Finarte a partire da due giorni dopo l’asta.

Except as provided herein, all motorized cars or any other lot (s) are sold as-is, without any representation or warranty, expressed or implied.

Written bids If you are unable to attend an auction personally and wish to place bids, you may give Finarte instructions to bid on your behalf. Lots will always be bought at the lowest price possible relative to the bids placed and the reserve on the lot. This service is free and confidential. Please note: Finarte offers this service as a convenience to clients who are unable to attend the sale and will not be held responsible for errors in or failure to execute bids, whether in the salesroom, by telephone, or by Bidding form. To place bids, please use the Bidding form provided in this catalogue Be sure to record accurately the lot numbers and descriptions and the top price you are willing to pay for each lot. “Buy” bids are not accepted, i.e. you must bid a specific amount rather than instruct us to “bid at any cost”. Each bidding slip should contain bids for one sale only. Alternative bids should be indicated by using the word “or” between lot numbers. In the event of identical bids, the earliest will take precedence. Telephone bids Bids may be placed by telephone, but are accepted only at Finarte’s discretion and the caller’s risk, and must be confirmed by letter, telegram, or fax : Fax +39 02 36569109 Please clearly specify the telephone number on which you may be reached at the time of the sale, including the country code. We will call you from the saleroom shortly before your lot is offered. Buyers’ premium The “top limit” you indicate on your bid form is for the hammer price exclusively. A buyer’s premium will be added to the successful bid price and is payable by you together with the applicable IVA (see “Important Information for Buyers”). Storage charges Due to Finarte very limited storage capacity, all furniture must be picked up within 5 days after the sale to avoid a charge for storage. Otherwise, your purchase will be sent, at your expense and risk, to a public warehouse. Storage charges will be accrued from the fifth day after the sale until pick-up and are not the responsibility of Finarte. Successful bids Successful bidders will be notified and invoiced within a few days of the sale. If you wish to know the results of your bids and to decide about storage or shipment, please contact the Accounts Department from two days after the sale.


motofinarte - 1418 Bergamo, 25 marzo 2018

–

–

– 177


MANAGEMENT Rosario Bifulco Presidente Fabio Massimo Bertolo Amministratore Delegato Kimiko Bossi Senior Advisor

DIPARTIMENTI

ARTE MODERNA & CONTEMPORANEA Alessandro Cuomo Capo Dipartimento Tel +39 02 36573161 a.cuomo@finarte.it Serena Marchi Tel +39 02 36569105 s.marchi@finarte.it Ardesia Ognibene Tel +39 02 36573160 a.ognibene@finarte.it Fax +39 02 36569109 FOTOGRAFIA Roberto Mutti Capo Dipartimento Tel +39 02 36569103 r.mutti@finarte.it Davide Battaglia Tel +39 02 36569103 davide.battaglia@finarte.it Fax +39 02 36569109 DESIGN E ARTI DECORATIVE Davide Cammi Capo Dipartimento Tel +39 02 36569100 d.cammi@finarte.it Fax +39 02 36569109

GIOIELLI E OROLOGI Clara Arata Capo Dipartimento Tel +39 02 36569100 c.arata@finarte.it

AUTOMOTIVE Sandro Binelli Capo Dipartimento

Tel +39 02 36569100 s.binelli@finarte.it

MARKETING E COMUNICAZIONE Alessandro Cuomo Tel +39 02 36569107 a.cuomo@finarte.it Chiara Giulia De Leo Tel +39 02 36569107 c.deleo@finarte.it Samuele Menin Tel +39 02 36569100

COMMISSIONI D’ACQUISTO OFFERTE TELEFONICHE Grazia Besana Tel + 39 02 36569104 Fax +39 02 36569109 g.besana@finarte.it AMMINISTRAZIONE COMPRATORI VENDITORI Sara Cremonesi Tel. + 39 02 36569102 s.cremonesi@finarte.it Milena Pellizzoni Tel. + 39 02 36569108 m.pellizzoni@finarte.it Fax +39 02 36569109 OPERATIONS SPEDIZIONI-ESPORTAZIONI Grazia Besana Tel + 39 02 36569104 Fax +39 02 36569109 g.besana@finarte.it

DIGITAL & IT Andrea Cremascoli Tel +39 02 36569100 a.cremascoli@finarte.it Fax +39 02 36569109

Finarte S.p.A.

Via Brera n. 8 - 20121 Milano (MI) – I | Tel.: +39 02-36569100 | Fax.: +39 02-36569109 | PEC: finartespa@pec.finarte.it Capitale Sociale: € 1.997.190,25 i.v. | Registro Imprese Milano: 08640270966 REA: MI-2039217| Codice Fiscale e P. IVA: 08640270966 Website: www.finarte.it | Email: info@finarte.it


PRESENTA

UNA FIAT 8V VIGNALE, ESEMPLARE UNICO, ALL’ASTA

1ooo FINARTE

MUSEO MILLE MIGLIA BRESCIA – LUNEDÌ 14 MAGGIO 2018 Dopo più di trenta anni trascorsi in una prestigiosa collezione privata italiana il telaio 106.000052 sarà battuto all’asta da Finarte con una stima di 2.000.000,00 / 2.500.000,00 €. La Fiat 8V Vignale corse la Mille Miglia del 1955 e quasi 40 gare cambiando spesso livrea. INFO: +39.02.36569107|AUTOMOTIVE@FINARTE.IT | FINARTE | VIA BRERA, 8 | 20121 MILANO |WWW.FINARTE.IT STIAMO SELEZIONANDO AUTO IN VISTA DELL’ASTA DI MAGGIO

© FOTO: FILIPPO AVANDERO – GIORGIO NADA EDITORE NOVAFOTO SORLINI – ACTUALFOTO

IN COLLABORAZIONE CON:

L’auto ha la carrozzeria attuale dal 1957

1955 Mille Miglia

1957 Rallye Sestriere

1957 Pontedecimo - Giovi


Profile for Finarte

Moto Finarte | Marzo 2018  

Catalogo dell'Asta di "Moto" Domenica, 25 Marzo 2018 Centro Congressi, Viale Papa Giovanni XXIII, 106 - Bergamo

Moto Finarte | Marzo 2018  

Catalogo dell'Asta di "Moto" Domenica, 25 Marzo 2018 Centro Congressi, Viale Papa Giovanni XXIII, 106 - Bergamo

Profile for finarte14