Issuu on Google+

ORDINE DEL GIORNO CONSIGLIERE LUIGINO ORAZI SU CENTRO STORICO Utilizzare Piazza del Mercato (sotto la Rocca) per una tipologia commerciale caratterizzata, tipica e di qualità (salvaguardandone il pregio). Spostare il mercato del mercoledì sulle piazze e sulle vie del centro storico, definendo un percorso che si sviluppa attraverso tutta l’area adiacente Piazza Matteotti e fino a Piazza Marconi, recuperando in tal modo il parcheggio su Piazza Caduti del Lavoro. Ripristinare Piazza Mazzini, e la viabilità, nella sua dimensione originaria, ridando dignità allo spazio. Realizzare un parcheggio nell’area del “pratino” senza alterarne l’aspetto naturale ed un parco giochi per bambini all’interno della adiacente Piattaforma. Ma anche mettere a norma l’intera area rispetto alla accessibilità e potenziare il programma di iniziative previste in Piazza Matteotti (es. mercato del sabato, eventi musicali ….) attraverso una efficace collaborazione tra amministrazione e commercianti. Sono alcune delle proposte che il Consigliere Luigino Orazi (Umbertide aperta) ha presentato in Consiglio Comunale con l’obiettivo di rilanciare, completare, ma soprattutto razionalizzare, il processo di valorizzazione del centro storico cittadino . “Il documento – ha spiegato Orazi - è frutto di una approfondita riflessione promossa dal movimento civico Umbertide aperta che ha coinvolto ingegneri, architetti, geologi, commercianti, cittadini interessati, ed ha l’obiettivo di aprire un confronto sereno e costruttivo sul centro storico e sul sistema urbanistico della città. Il tema del centro storico – aggiunge Orazi - deve essere affrontato nella sua complessità, pensando ad interventi immediati ma inseriti un più ampio progetto di medio termine che abbia una sua precisa logica ed identità, a sua volta inquadrato in un nuovo disegno urbanistico che recuperi la frammentazione che oggi caratterizza Umbertide restituendo sistematicità e continuità ad un tessuto cittadino privo di continuità e collegamento. L’altra caratteristica del progetto deve essere la capacità di coniugare l’aspetto urbanistico con la funzionalità degli spazi. Non potrà comunque esserci piena valorizzazione del centro storico senza un vero piano di marketing territoriale che promuova un turismo nazionale ed estero”. Secondo Orazi gli interventi realizzati in questi ultimi anni non soddisfano questi criteri. In particolare la scelta di rendere Piazza Mazzini simile ad un concessionario di auto, nonché la improbabile viabilità disegnata, hanno tolto respiro ad uno spazio che per sua natura dovrebbe essere aperto, rompendo in termini urbanisti, storici e sociologici quella linea di continuità e d’insieme che deve caratterizzare i simboli e la storia cittadina contenuta in quell’area. Tra le proposte realizzabili a medio termine: prevedere “corsie preferenziali” per chi investe nel centro storico sulla base di un preciso regolamento: agevolazioni tributarie (tariffe e tasse), finanziamenti agevolati, contributi a fondo perduto; dotare Piazza Matteotti di un arredo urbano minimo, ma funzionale (piante, panchine, accessori); riportare altri uffici pubblici in centro: poste, uffici di professionisti; recuperare Umbertide underground; rivalutare Piazza XXV Aprile quale luogo della memoria; realizzare una viabilità alternativa che consenta di rendere Piazza Mazzini pedonabile.

1


Odg centro storico comunicato stampa