Page 1

DICEMBRE 2011

IL SINTETICO NUM. I

IL GIORNALE DI CA’ DEGLI OPPI DAL 2011

Cari lettori, cari lettrici,

IL LIBERO SIMPATICO INFORMATORE NEL TEMPO EVASO TRA IMPEGNI, CASA, OSTERIA. Sommario: Rubrica Culturale

Perc hé Il Sintetico? q

Pag. 2 1

Rubrica Techzone

Pag. 3

Rubrica cucina

Pag. 3

L’intervista

Pag. 4

Tematiche giovanili

Pag. 4

La parola del Don Pag. 5

La poesia Graphic Novel

questo semplice gruppo di fogli che state tenendo in mano è l’inizio di un’avventura comune. Un’avventura per noi, un gruppo eterogeneo di ragazzi e ragazze, studenti, lavoratori, studenti lavoratori, appassionati di giornalismo e poveri diavoli costretti a scontare ore di lavori socialmente utili (come richiesto dal giudice…). Un’avventura per Ca’ degli Oppi, il nostro paese, che è l’unica risposta alle domande “perché fate il giornalino?”, “di cosa parlerete?”, ”chi è che lo realizza?” e soprattutto “com’è che si chiama quel paese là, quello dove la benzina no l’è mia cara impestà? Dai, quello dopo l’outlet di intimo, sulla Transpolesana” Dato che questo è il nostro primo numero e che voi, scegliendo di prendere una copia ci avete aperto la porta di casa, è buona educazione presentarci un po’ più approfonditamente prima di entrare. Siamo un gruppo di giovani, motivati ed ambiziosi, che cercano di fare qualcosa in prima persona (nel loro piccolo) per Ca’ degli Oppi. Siamo mossi dall’intenzione di far sentire la nostra voce, quella dell’universo giovanile, caratterizzato dalla mancanza di voglia e passione per esporsi in prima persona, anche perché spesso poco considerato. Ma noi vogliamo dimostrare che i giovani non sono passivi e che hanno voglia di esprimere le loro opinioni, ed useremo questo giornalino come veicolo e mezzo di trasmissione a chiunque vorrà ascoltarci. Ecco spiegato come questa sia un’iniziativa fatta da ragazzi, ma indirizzata a tutti. Non è un nostro obiettivo il chiuderci in noi stessi ed essere giovani che si limitano a fare qualcosa per altri giovani. Il nostro destinatario non è definito a priori; uno dei nostri sogni è che il messaggio oggi lanciato arrivi a tutto il paese, articolato nelle sue mille sfaccettature. L’unico punto di partenza che abbiamo è il ritenere che sia giusto far sentire la voce (ed in questi giorni ancora di più) dell’impegno giovanile. In questo numero troverete le presentazioni delle rubriche che verranno proposte a rotazione a partire dalla seconda pubblicazione, non perdetevi la prossima uscita!

Pag. 5 Pag. 6

Ed ora spieghiamo il motivo del nome che abbiamo scelto, “Il Sintetico”. Chiaramente a guidarci è stata la speranza di non diventare troppo prolissi. In secondo luogo avevamo deciso di mutuare l’intestazione dal giornale di Verona e provincia, che prende il nome dal principale monumento che la rende famosa in tutto il mondo. Dato che l’arena si trova in città (e comunque il nome era già occupato) ci siamo indirizzati verso il nostro monumento paesano, “la piastra” dove si giocava a calcio.

Felici di aver infine trovato un titolo che accontentasse tutti, siamo stati raggiunti da un’intimidazione firmata dall’Avvocato dell’Ordine delle Parrucchiere. Con nostro grande stupore abbiamo scoperto che c’erano i limiti di una denuncia penale dato che il nome “La Piastra” a quanto pare è già utilizzato per il mensile delle acconciatrici. Siamo quindi stati costretti a virare su “Il Sintetico”, come l’erba che ha sostituito la vecchia piastra. Manuel Daldosso


pagina 2

IL SINTETICO

RUBRICA CULTURALE

T h e c u l t u r e s h ow Ciao a tutti! Sono Alice e curerò con Jacopo la rubrica culturale. Le tematiche saranno inerenti al mondo dell'arte a 360 gradi: letteratura, arte figurativa, musica, cinema… in poche parole, le nostre passioni. Sono studentessa di Lettere Moderne all'università di Verona, ho sempre avuto una forte inclinazione per le materie letterarie/artistiche. Credo che studiare letteratura e arte sia come studiare l’individuo in tutte la sua completezza e complessità: in esse troviamo il pensiero e la storia dell’uomo, le sensazioni, le emozioni di un gesto, di una scoperta e di tanti altri dettagli che ci trasmettono immagini mentali a noi note, ma che nessuno prima dell’Artista è riuscito a trasmettere con la stessa intensità e abilità. Con questa premessa un po’ filosofeggiante avrete sicuramente capito che adoro leggere, dalla rivista al super classicone. L’altra mia grande passione è la musica. Suono il basso e sebbene la mia anima tenda al rock e all’heavy metal, ascolto generi tra i più disparati. Mi piace molto anche il cinema e pure in questo ambiente non ho limiti per quanto riguarda la varietà, anche se preferisco il drammatico e ho una profonda ammirazione per i cult movie. Mi divertirò a giocare con la forma dei miei articoli: recensioni di libri, film o di album, specchietti storici su un dato periodo, movimento o personaggio, collegamenti tematici con le altre rubriche, tante curiosità… e il resto lo lascio scoprire a voi. Vi lascio con una citazione tratta dal film “L’attimo fuggente”: “Non leggiamo e scriviamo poesie perché è carino: noi leggiamo e scriviamo poesie perché siamo membri della razza umana; e la razza umana è piena di passione. Medicina, legge, economia, ingegneria sono nobili professioni, necessarie al nostro sostentamento; ma la poesia, la bellezza, il romanticismo, l'amore, sono queste le cose che ci tengono in vita.”

NON ESITATE A SCRIVERCI ALL’INDIRIZZO EMAIL DEL GIORNALINO! SARANNO MOLTO GRADITE LE VOSTRE PROPOSTE, CRITICHE (SOLO COSTRUTTIVE!) E I VOSTRI SUGGERIMENTI. CONTATTECI INOLTRE SE AVETE VOGLIA DI COLLABORARE CON NOI! pagina 2

Libro preferito: impossibile indicare IL libro preferito. Tra le letture che ho amato di più ci sono Orgoglio e pregiudizio, Il giovane Holden, Narciso e Boccadoro… Film preferito: difficilissimo. Regista preferito: assolutamente Quentin Tarantino. Gruppo preferito: troppo facile ora… Iron Maiden. Contattatemi attraverso l'indirizzo email del giornalino per ogni suggerimento, consiglio o per rispondere ad un mio scritto con la vostra opinione!

Alice Bottacini

Salve a tutti, sono Jacopo Galbier e grazie a Dio mi trovo ad affrontare l'ultimo anno (e speriamo lo sia) di liceo classico. Il mio più grande interesse sta nelle relazioni umane. Tutti i giorni vaghiamo per un marciapiede, un corridoio o percorriamo km per arrivare al posto di lavoro. Ma cosa ci muove? Cos'è che ci permette di svegliarci la mattina, affrontare mille problemi per poi tornare a casa la sera senza sprofondare? Ecco, io penso che siamo legati a questa terra da quella continua sfida con noi stessi nel sperare che facciamo tutto ció per qualcosa di più. DICEMBRE 2011

Cureró assieme ad Alice la rubrica culturale; infine gestirò la mail di questo giornalino e se pensate che abbiamo peccato di superbia intellettuale, come il nostro "caro amico" Dante, o se avete voglia di condividere con noi suggerimenti, commenti e risposte ad articoli, non esitate a scriverci all'indirizzo: ilsintetico@gmail.com Nell'attesa di incontrarci fra le pagine di questo giornalino vi saluto, e come dicevano i Romani: ad maiora. Jacopo Galbier

RUBRICA CULTURALE


pagina 3

IL SINTETICO

TECHZONE

TECHzone Vorresti un tablet da 10 pollici, ma tua moglie dice che sul tavolo in quattro a mangiare non ci si sta? Ti piacerebbe comprare un nuovo smartphone, ma tuo marito dice che per asciugarti i capelli puoi spendere al massimo 20€? Il tuo capo ti chiede di caricare i dati di progetto sulla “nuvola”, ma fuori c’è il sole? Per te che non ti trovi spaesato, per te che trovi spaesati gli altri, la soluzione è la seguente: Techzone, la rubrica tecnologica nata dalla mente di uno che della tecnologia non può fare a meno. Sono Filippo, 21 anni, un passato da istituto tecnico informatico, un futuro da ingegnere meccanico e un presente vissuto tra la normale routine e le ore al pc. La mia prima rivista si chiamava CLIC!, periodico informatico ormai defunto. Il mio primo computer risale a circa 15 anni fa e ha le prestazioni inferiori a quelle del mio odierno cellulare. Da allora, della tecnologia non ho potuto fare a meno. Amo la tecnologia perché è comoda, intuitiva, semplifica la vita arricchendola. Sono attento a tutto ciò che di nuovo mi circonda: dai dispositivi più per-

formanti a quelli più eleganti, dai più professionali agli apparecchi pensati per la famiglia, sempre con un occhio di riguardo al prezzo. Infatti l’elettronica di qualche anno fa costa meno, ciò nonostante offre prestazioni più che soddisfacenti. Ma non solo elettronica! Informatica e Internet, le più grandi risorse del terzo millennio, saranno trattati con un occhio di riguardo perché possono offrire gratuitamente, a chi sa cercare bene, applicazioni e servizi di ogni genere. Internet inoltre ci tiene in contatto e, in parte, farà muovere questa rivista attraverso l’email del giornalino, con la quale potrete contattarmi per eventuali chiarimenti, domande, critiche… In sostanza elettronica, informatica, internet e applicazioni per vivere al meglio nella nostra società: la tecnologia ci fa guadagnare tempo prezioso, che possiamo dedicare alle attività che amiamo di più. “Filippo, hai detto che ami la tecnologia, quindi cosa fai nel tempo risparmiato?” Semplice, insegnerò a voi come risparmiarlo. E dulcis in fundo ci sarà una lista dei prodotti hot del mese selezionati dal sottoscritto! Ora puoi dire a tua moglie di non preoccuparsi del tavolo, a tuo marito che il phon funziona ancora e al capo che i progetti sono apposto. E non disperare, non avrai bisogno di una tv led 3d full hd thx dlna+ wifi trasparente per leggere tutto ciò! Basta seguirmi su IL SINTETICO!! Filippo Rossini



I n c u c i n a c o n Va n n i a ! Salve mi chiamo Vannia De Carli e ho 21 anni per gamba. Starete pensando “A quest’età cosa ci fa qua?” Sarà la seconda età, così dicono, ma è lo spirito che conta. Collaborare con i giovani ti mette allegria, serietà e tanta voglia di fare.

pagina 3

Tratterò la rubrica culinaria “gnam gnam”: scriverò ricette tradizionali e non, tratte da libri, nonne e molto altro in tutta semplicità. Sono stata anche contattata da Mediaset per sostituire Benedetta Parodi a “Cotto e mangiato”, ma per motivi personali

ho dovuto rifiutare l’offerta. Seguitemi sul Il Sintetico e chi volesse contribuire, sa dove trovarmi! Vannia P.S. Si accettano solo ricette e niente visite inaspettate alle due del pomeriggio!!!

DICEMBRE 2011

ANGOLO CUCINA


pagina 4

IL SINTETICO

L’INTERVISTA DEL MESE

L’ i n t e r v i s t a Salve a tutti! Mi chiamo Noemi Marchiotto e frequento il terzo anno del liceo Socio-Psicopedagogico. In questo giornalino seguirò la rubrica delle Interviste. Tutti noi abbiamo qualcosa da dire agli abitanti di questo bellissimo paese e io ve ne darò la possibilità. Non si faranno distinzioni di età o professione, l’unico requisito è aver voglia di parlare! Contattatemi attraverso la mail de Il Sintetico o fermatemi per strada e non spaventatevi se mi vedrete bussare alla vostra porta di casa munita di carta e penna, vi farò solo qualche innocua domanda. Iniziamo subito! Il personaggio del mese è Luca Faustini.

“Mi piacerebbe molto che i giovani di Ca’ degli Oppi diventassero protagonisti della realtà territoriale perché, ragazzi, IL FUTURO È VOSTRO!”

Nome: Luca Cognome: Faustini Età: 31 Professione: Libero professionista, più libero che professionista. Da quanto? 5 anni. Ma sappiamo che ha anche un secondo lavoro.. Eh già, sono assessore del Comune di Oppeano da ben 2 anni e mezzo. Assessore di cosa? In teoria alle politiche giovanili, in pratica fao cuel che serve. Cosa le piace del suo lavoro? Mi piace molto darmi da fare per il mio territorio e per la mia gente. Ciò che invece non apprezzo è la polemica. In un futuro, le piacerebbe svolgere ancora tale lavoro? Certo, ma deciderà la gente. Parlando di cose serie, non l’è mia ora che el se cata la morosa? Non la dipende mia da mi! Par ora l’è l’ultimo dei miei pensieri.

Sogna mai di farsi una famiglia? No no, sono ancora un butìn… Ah Luca! Ce l’ha un sogno nel cassetto? Bella domanda. Come amministratore? No, come uomo. Come butìn allora! Mi piacerebbe allora molto che i giovani di Ca’ degli Oppi diventassero protagonisti della realtà territoriale perché, ragazzi, IL FUTURO E’ VOSTRO! Quindi appoggia il nostro giornalino? Ovvio! Ha un consiglio da dare a noi giovani? Impegnatevi, mettevi in gioco, mettevi in discussione con voi e con gli altri, ma soprattutto fate gruppo e divertitevi! Ultima domanda, le piacerebbe avere dei super poteri? No, mi piaccio così con pregi e difetti. Più difetti che pregi. ...questo grande sostenitore dei giovani merita un grazie da parte di tutti noi! ☺ Noemi Marchiotto



Te m a t i c h e g i ova n i l i Salve salvino, sono Elisabetta e sono studentessa al terzo anno di una delle “famosissime” scuole di parrucchieri della nostra città. La mia è una rubrica in cui si discuterà delle situazioni giovanili ed essendo una giovanissimissima ragazza mi impegnerò a presentare qualsiasi tematica che abbia a che fare con questo pagina 4

universo. Nei prossimi numeri saranno trattate le problematiche che perseguitano i giovani e che molte volte invadono anche la vita degli adulti. Insomma risponderò alle principali questioni che piombano nel mondo adolescenziale. Voglio sottolineare che mi limiterò a esporre ciò che si vede nel nostro presente rac-

contate da un’interna. Vi propongo solo un ultimo piccolo assaggio dicendo: “I giovani non sono vasi da riempire, ma fiaccole da accendere.” Buona lettura e che altro dire, spero che possiate essere soddisfatti di questa gioventù cadeglioppina.

DICEMBRE 2011

“I giovani non sono vasi da riempire, ma fiaccole da accendere.”

Elisabetta Gaspari

TEMATICHE GIOVANILI


pagina 5

IL SINTETICO

LA PAROLA DEL DON

L a p a r o l a d el D o n

“Anche Dio per parlare ha scelto di farsi uomo e parlare un linguaggio umano. E anche Dio, alla fine ha fatto un giornalino, il più diffuso nel mondo, la Bibbia.”

L ’ i d e a è p a r ti t a da i g io v a n i: “riprendiamo a fare il giornalino di Ca’ degli Oppi.” Detto fatto, viene convocata una riunione e nel giro di poco tempo mi viene inviata la bozza della prima copia del giornale, con tanto di articoli che presentano i vari redattori e curatori delle varie rubriche. Non c’è che dire, i giovani di Ca’ degli Oppi non sono carenti né di fantasia né di iniziativa e quando ci si mettono arrivano a concretizzare i loro progetti. Facciamo i nostri auguri di buon lavoro a questi ragazzi coadiuvati dalla immancabile Vannia. Che ci dicano cose interessanti, intelligenti, divertenti e anche sapienti! Gli ingredienti, mi pare, ci sono tutti. Il giornalino può diventare anche strumento per dare voce a chi voglia dare qualche idea o qualche suggerimento per la nostra comunità. Uno strumento in più per comunicare.

Celebriamo a momenti il Natale del Signore. Anche Dio per parlare ha scelto di farsi uomo e parlare un linguaggio umano. E anche Dio, alla fine ha fatto un giornalino, il più diffuso nel mondo, la Bibbia. La sua Parola è Verità e è Amore. Faccio a tutti voi i miei auguri di scoprire nel Natale un nuovo messaggio dell’amore di Dio. Auguri. Don Michelangelo



La poesia

“La vita è un inno, cantalo.” Madre Teresa di Calcutta, Inno alla Vita

Salve, sono Chiara. Ho deciso di presentarmi con uno scritto non mio. Voglio mostrarmi a voi con alcune frasi che sono, sono state e saranno sempre per me una guida. Queste parole compongono la poesia "Inno alla vita" di una grande donna: Madre Teresa di Calcutta. Brevi frasi che però trasmettono eterni messaggi. Ci ritroviamo nei prossimi numeri con le mie piccole poesie. Spero di trasmettervi, con quelle semplici parole messe nere su bianco, le emozioni che nascono in me. Vi lascio con: "Inno alla Vita", Madre Teresa di Calcutta Chiara Gonzato

pagina 5

DICEMBRE 2011

La vita è bellezza, ammirala. La vita è un’opportunità, coglila. La vita è beatitudine, assaporala. La vita è un sogno, fanne una realtà. La vita è una sfida, affrontala. La vita è un dovere, compilo. La vita è un gioco, giocalo. La vita è preziosa, abbine cura. La vita è una ricchezza, conservala. La vita è amore, donala. La vita è un mistero, scoprilo. La vita è promessa, adempila. La vita è tristezza, superala. La vita è un inno, cantalo. La vita è una lotta, accettala. La vita è un’avventura, rischiala. La vita è felicità, meritala. La vita è la vita, difendila. LA POESIA


ORSÙ MIO SCUDIERO, TI ORDINO DI PARTIRE E CONQUISTARE NUOVI TERRITORI!

MIO NOBIL DESTRIERO, DOPO INNUMEREVOLI PERIPEZIE SIAMO QUASI GIUNTI AD UN VILLAGGIO DA SOGGIOGARE. ALLA CARICA!

SANTI NUMI!

IH-OH!

IN CHE PAESE

OHIBÓ!

SIAMO CAPITATI?

Vuoi sapere come proseguirà la storia? Segui Lo scudiero su Il Sintetico!


A chi ama dormire, ma si sveglia sempre di buon umore. A chi beve il caffè, ma non diventa nervoso. A chi si saluta ancora con un bacio. A chi lavora molto e si diverte di più. A chi va di fretta in auto, ma non suona ai semafori. A chi arriva in ritardo, ma non cerca scuse. A chi spegne la televisione per fare due chiacchiere. A chi è felice il doppio quando fa a metà. A chi si alza presto per aiutare un amico. A chi ha l'entusiasmo di un bambino, ma pensieri da uomo. A chi vede nero solo quando è buio. A chi nei momenti difficili, sa dire "domani è un altro giorno". A chi non aspetta Natale per essere più buono. Auguri.

I migliori auguri per un Sereno Natale e Felice Anno Nuovo da tutta la Redazione de Il Sintetico


LA REDAZIONE: (in ordine alfabetico) Mirko Bauce Alice Bottacini Manuel Daldosso Vannia De Carli Jacopo Gabier Elisabetta Gaspari Chiara Gonzato Noemi Marchiotto Alberto Purgato Filippo Rossini Con la collaborazione di Don Michelangelo

Sponsor ufficioso:

LA STUA DEL BANS

IL GIORNALE DI CA’ DEGLI OPPI DAL 2011 NUM. I DICEMBRE 2011

il sintetico@gmail.com

La stufa che non stufa!

IL SINTETICO  

Il giornalino di Ca' degli Oppi