Page 1


Cari Amici di Fidoamico,

Queste due settimane sono volate ed ecco qui pronto un altro numero, il secondo, del giornalino Fidoamico "Fidoamico News". Tantissime le novità del rifugio, ogni settimana nuove adozioni e nuovi arrivi che vi presenteremo nelle pagine a seguire; Prima di lasciarvi alla lettura vorremo ricordare a tutte le persone a cui spaventa la realtà del canile e che non vogliono venire a conoscere i cagnolini per paura di soffrire, che questi cani donano una gioia indescrivibile. Il nostro consiglio è di non soffermarsi a pensare agli stati d'animo di loro piccoli e abbandonati, ma alla gioia che potete donare loro con una carezza o una passeggiata in mezzo ai campi. Tutti i cagnolini del Rifugio sono abituati a passeggiare e poi a tornare nel box per le pappe, alcuni lo fanno autonomamente, senza guinzaglio. Non vedrete  scene di cani terrorizzati all'idea di rientrare da una passeggiata, anzi!!! Noi vi consigliamo di provare a venire e a conoscere i nostri piccoli ospiti ognuno di loro ha  una storia  da raccontare, ognuno di loro saprà accompagnarvi per le stradine e in mezzo ai prati alla ricerca di quell'attimo di intensa e libera felicità. Vi aspettiamo lasciandovi ora alla lettura delle nostre rubriche invitandovi ad inviarci suggerimenti o commenti all'indirizzo mail scodinzolando@live.it Susy

Chi siamo... (in breve)

Siamo un gruppo di persone che si occupa dei cagnolini persi o abbandonati, accogliamo le richieste di persone che non vogliono più occuparsi del proprio cane per evitare che questo finisca dimenticato in qualche canile o peggio ancora sui bordi di una strada. Ci vengono segnalati casi di cagnolini trovati per le strade e ci preoccupiamo di verificare che abbiano un proprietario o in caso contrario di trovargli nuova adozione ospitandoli nel nostro piccolo rifugio. Il rifugio è un vecchio casolare con terreno annesso nel comune di Roncade, nel quale sono stati allestiti box di varie dimensioni con delle tettoie e delle cucce alzate dal suolo. Svolgiamo un'attività "pubblicitaria" atta a far conoscere a più persone possibili i cagnolini che cercano casa, affiggendo volantini per le strade di Mestre, Venezia e Treviso, pubblicando annunci su giornali locali, su siti internet e girando gli annunci a mezzo mail. Vogliamo che i cagnolini trovino famiglia in Veneto, per consentici di verificare le condizioni di vita del cane ed il suo inserimento in famiglia. Cerchiamo casa alle cagnoline solo dopo averle sterilizzate o obbligando la famiglia a sterilizzare dopo l’adozione.Alcuni cani con esigenze particolari vengono portati in pensioni a pagamento, sempre a nostre spese.

L’attività parallela all’adozione è quella di raccogliere quante più offerte possibili sottoforma di denaro, coperte, mangime e quant'altro possa servire ai cani del canile. Abbiamo aperto un conto corrente:

FIDOAMICO ONLUS - VENETO BANCA FILIALE DI RONCADE TV IBAN: IT 62 U 05418 62010 10357 0315 01  Le donazioni sono corrisposte da regolare ricevuta fiscale e sono quindi detraibili dalle tasse come previsto per legge. In tre anni di attività abbiamo affidato circa 600 cani, per noi è un gran risultato, ottenuto anche grazie agli aiuti dei volontari e dai sostenitori di questa nobile causa. Qualora voleste venire a conoscere di persona i cagnolini ospitati nel nostro canile (siamo aperti al pubblico tutti i giorni) o voleste sapere qualcosa di più sulla nostra attività non esitate a contattarci. Chiunque voglia ricevere gli aggiornamenti relativi alle adozioni o partecipare in qualsivoglia modo alla nostra attività ci scriva una mail all’indirizzo susy@fidoamico.it o ci contatti ai seguenti recapiti: Ingrid              335-7411410              ingrid@fidoamico.it Susy                347-1167348              susy@fidoamico.it  Vi lasciamo alla lettura e accettiamo qualsiasi suggerimento all'indirizzo mail fidoamico@fidoamico.it Ass.ne Fidoamico Onlus 2


Liete Adozioni Ecco le buone notizie di questi giorni. Alcuni nostri piccoli ospiti felicemente adottati!

GREG amore a prima vista per questo simpatico tipetto peloso

AGATA dopo la sterilizzazione temeva il rientro in rifugio, ma qualcuno si è accorto della sua dolcezza. Ora si fa felicemente coccolare nella sua nuova casa

CARAMELLO dolcezza senza fine!

FLO cucciolina simpaticissima ha trovato adozione

LUDOVICO piccolino, finalmente una nuova vita... te la meriti!

VITTORIO e OTIS fantastica adozione in coppia per i nostri due amati “vecchietti”. Esistono persone dal cuore infinito che riescono a donare speranza a chi ormai l’aveva persa! Grazie di cuore! Vittorio setter di 8 anni abbandonato perchè non adatto alla caccia Otis rinchiuso dal 1998 in canile. Ora si godono una vera vita di famiglia!

PER INFO: 335/7411410 - 347/1167348 www.fidoamico.it

3


Nuovi Teneri Arrivi Abbandoni che spezzano il cuore speranzoso di questi piccoli amici... ecco i nuovi ospiti di Fidoamico in queste settimane GRIGETTO e CAMILLA hanno vissuto con il loro amato papà che li ha amati... stavano invecchiando insieme sempre uniti. Un giorno il loro papà vola in cielo e vengono portati in canile... improvvisamente soli! Cerchiamo un angelo che adotti in coppia queste due fragili creature. Circa 13 anni, vaccinati e microchippati

NILA pastore tedesco 4/5 anni. Tanto buona e tranquilla.

TUAREG 10Kg buono e socievole Vaccinato, microchip antirabbica

STENO 10 mesi, circa 7 Kg. Dolce e socievole... solo da amare

ORSETTA tg medio-grande buona, dolce vaccinata, chip antirabbica

SAMY scodinzoloso e buono tg piccola, pelo raso 1 anno

TOTO’ 10 mesi, 12 Kg circa tg media un angioletto

PER INFO E ADOZIONI: 335/7411410 - 347/1167348 www.fidoamico.it

4


Decalogo dell’ Adozione Perché siano chiari alcuni principi-base, sui quali ci fondiamo quando diamo un cane in adozione, ecco un piccolo decalogo, che dovrebbe allontanare confusioni e dubbi in proposito: 1. Un cucciolo avrà più garanzie, per il futuro, se affidato a chi non abbia già raggiunto la "terza età"; per queste persone ci sono già così tanti e adorabili cani adulti. 2. Non diamo cani a chi intende far cucciolate... il canile è pieno di cuccioli senza famiglia. 3. Non diamo cani a chi intende sistemarli in giardino o terrazza; fa freddo anche per loro, d'inverno e i cani sono animali sociali, hanno bisogno del rapporto con le persone. 4. Le cagnette vengono date in adozione sterilizzate; se non lo sono, questo dipende dal fatto che sono ancora troppo piccole; in tal caso, la condizione per l'affidamento è la sterilizzazione appena possibile; 5. I cani non sono oggetti, quindi non chiedeteci di fare delle «prove», tenendovelo per qualche giorno a casa: per loro una prova è un fortissimo stress, piuttosto venite a conoscere il cane più volte per essere sicuri sia quello giusto. 6. Un cane viene dato in adozione solo a chi lo terrà definitivamente, non a terze persone (parenti zie, amici); prendere un cane dev'essere una scelta consapevole 7. Prima di adottare un cane informateVi del contesto in cui vivete, regolamenti condominiali etc. 8. Quando venite a scegliere un cagnolino concedetevi il tempo di conoscerlo e fatevi aiutare nella scelta dando indicazioni alle volontarie circa le esigenze della vostra famiglia, sapranno consigliarvi il cagnolino più adatto a voi. 9. Non diamo cani a cacciatori né a persone che cercano un cane da guardia, il cane non è uno strumento ma un (fido) amico. 10. L’adozione di un cane comporta l’impegno a garantirgli, per tutta la vita (anche 16/18 anni!), una famiglia, cure mediche, alimentazione e tanto amore.

5


Adozione del Cuore... ...Adozione d’Amore

LORD

Perché io sia arrivato su questo mondo non lo so ancora, mi hanno voluto, desiderato, poi usato… mi hanno visto, liberato, incarcerato e poi portato qui… Ormai ho 8 anni, non sono più un cucciolo ho sentito dire che sono un cane di razza, sono un segugio francese tricolore dicono, ma essere di razza non è sinonimo di felicità perché io nella mia vita non l’ho conosciuta e non capisco perché ci sono cani che come me vengono amati e ammirati dalla loro famiglia e dagli amici, invece io sono qui a cercare un po’ d’amore, a elemosinare una carezza appena arriva qualcuno al rifugio, mi avvicino non ho paura e ti chiedo una carezza tutti me la danno ma mai nessuno che poi mi guardi e mi dica Lord andiamo a casa, ma niente ancora nessuno mi ha mai detto questo e io rimango qui ad aspettare. Vorrei tanto tanto trovare una famiglia con la F maiuscola, sono buono veramente ho tanto bisogno d’amore, sono stanco di vivere da solo dentro ad un box, di vedere il mondo a strisce. Sono stanco di vedere i miei compagni di sventura andarsene uno a uno e io sempre qui, non ce la faccio più… si forse loro sono più belli, più pelosi più giovani di me, ma io so essere bello dentro, e lo posso dimostrare! Se vieni a trovarmi e ti chiamo da dentro le sbarre non guardarmi e compatirmi chiedi di me, chiedi di conoscermi, vedrai che ti saprò far innamorare, andiamo a fare una passeggiata magari, così possiamo parlare bene di noi, cosa fai tu e come vivrei io…ti aspetto eh, ci conto! Aspetto io, aspetto…. Per me la vita non è stata rose e fiori ma non importa ora vivo il presente e voglio un futuro felice, voglio poter correre e giocare, voglio abbaiare alle nuvole, voglio poter salutare una famiglia al ritorno dal lavoro… voglio tante cose, mi spettano di diritto non le ho mai avute e ora le voglio… Da FidoAmico non si sta male anzi, mangio tanto passano tantissime cagnoline bellissime a cui io faccio il filo, ehm si sono vecchio ma ho lo spirito giovane! Mi sono anche innamorato un paio di volte, ma come sempre loro vanno e io resto sembra una cosa strana vero ma è così, sono un veterano ormai, posso dire di averlo fondato io FidoAmico quasi, anzi lo aggiungo al mio curriculum per l’adozione: Sono Lord un segugio francese di 8 anni ho molta esperienza di canile e sono codamunito... prossima tappa CASA! Magari funziona! Woaf woaf Lord

(Rubrica curata da: Giorgia)

6


Storie a lieto fine... CARLA la timidona Quando vidi la Carla la prima volta al rifugio Fidoamico notai immediatamente  la sua diffidenza: non si avvicinava a nessuno, al contrario degli altri cagnolini che facevano a gara  per farsi coccolare. Pensai: "è naturale!! Non mi conosce ancora!!". Col passare del  tempo però mi resi conto che non migliorava la confidenza con me, e mi fu spiegato che quella graziosa cagnolina era intimorita a causa di un passato poco felice. Decisi un giorno di comune accordo con le responsabili del rifugio di portarla a casa con me x vedere se magari un'ambiente familiare potesse giovarle e fu così che Carla venne a casa con me e i miei due cagnolini. Arrivati a casa andò subito a nascondersi sotto il letto. Non potevo aspettarmi altro!! Decisi di non forzar la situazione. Quando decisi di avvicinarmi a lei cercai di farlo con delicatezza dato che i movimenti bruschi la spaventavano. Piano piano riuscii quel giorno stesso a portarla fuori x la passeggiata con i miei cani.  Purtroppo feci un errore madornale; prima di chiudere il cancello di casa al rientro la lasciai libera come sono solita fare con i miei cani e lei scappò via. Non dimenticherò mai quel momento e le preghiere fatte per ritrovarla e le ore passate setacciando la zona!! Fortunatamente il caso volle che la avvistassi il giorno dopo poco distante da casa mia. Con uno dei miei cani provai ad avvicinarla ma nulla, appena mi avvicinavo io, scappava! Però dal mio cane si faceva avvicinare. Grazie all'aiuto di altre volontarie riuscimmo a prenderla e riportarla a casa. Un sollievo!! Ero strafelice. Quell'esperienza mi fu utile perché mi  accorsi che Carla seguiva il mio cane Lacky. Decisi di approfittare di questo loro rapporto... chiamando lui arrivava anche lei: Pensavo di aver fatto un errore e che Carla ora prendesse a riferimento Lacky e non me mi accorsi poi che non era così... Nel giro di poco tempo cominciò ad avvicinarsi da sola, sempre con timore ma si avvicinava e lo faceva giorno per giorno sempre più finche iniziò a farsi accarezzare. Vittoria!!Decisi allora di far la prova di lasciarla libera nel parco con i miei cani a giocare. Ero ansiosa di vederla libera e felice.. La vidi correre dietro a Lacky, gioiosa e contenta, stavano giocando!!! e quando richiamai lui, lei lo seguì. Era fatta! Ed era anche pronta  per l'adozione dato che era migliorata anche in casa, ma, arrivato il momento di decidere per la sua adozione mi resi conto che a quella piccolina volevo già un bene dell'anima e che lei la sua famiglia l'aveva già trovata. Decisi che sarebbe stata con me e con i suoi due "fratellini" per sempre e riferii la mia decisione alle responsabili del rifugio .Oggi posso dire che penso di aver fatto la scelta giusta. Carla è parte di me e della mia famiglia...è diventata ancora più brava, ubbidiente e giocherellona;  ha riacquistato serenità e sicurezza. Certo, le paure non le son passate del tutto ma so che sarà questione di tempo e tutto si risolverà...volevo solo testimoniare con questa mia storia che a volte i problemi che possono sembrar insormontabili si possono risolvere con la giusta dose di amore e pazienza. La "mamma" di Carla

(Rubrica curata da: Giusy)

7


Fidocomunicazione: Parlare con il nostro cane

“E l’uomo incontrò il cane...” Una decina di anni fa un amico veterinario mi disse: “Poiché il cane non può parlare la nostra lingua, dobbiamo noi imparare la sua”. Mai parole pronunciate furono più illuminanti! Comprendere il comportamento del cane è fondamentale per vivere un rapporto sereno con lui. Quante volte ci siamo chiesti: “Perché il mio cane si comporta in un modo, piuttosto che in un altro?”, “Perché a volte ubbidisce ed altre no?”, “Perché dimena la coda”?, “Perché gli piace rotolarsi in sostanze maleodoranti?”, “Perché mi distrugge la casa quando non ci sono?”, “Perché ulula?”, “Perché sotterra l’osso?”…….. Quanti “ PERCHE’ ” !!! Per poter rispondere a tutte queste domande, per vivere in armonia e nel rispetto reciproco con il proprio cane, dobbiamo riuscire a comunicare con lui e capire quello che lui ci comunica; dobbiamo conoscere le sue esigenze e riuscire a comunicargli le nostre. Il compito non è facile, tutt’altro, abbiamo però a disposizione parecchi strumenti quali libri, riviste, corsi, stage, pagine web per poter ampliare le nostre conoscenze sul linguaggio canino. A questo punto ecco spuntare la parolina magica : ETOLOGIA. Il termine etologia (dal greco ETHOS e LOGOS che significano rispettivamente “carattere” o “costume” e “ragionamento”) indica la disciplina che studia il comportamento animale. Padre dell’etologia moderna è l’austriaco Konrad Lorenz (Vienna 1903 – Altenberg 1989), premio nobel nel 1973 per la medicina e la fisiologia (premio condiviso con Nikolaas Tinbergen e Karl von Frisch). Consiglio, come inizio, la lettura di “E l’uomo incontrò il cane”, in cui Lorenz descrive in modo dettagliato le sue esperienze ed osservazioni riguardo i cani con cui ha convissuto e spiega il perchè di alcuni comportamenti canini a cui spesso l'uomo dà un’interpretazione errata. Non sempre infatti uomo e cane riescono a comprendersi reciprocamente e spesso la convivenza tra i due diviene molto difficile.

Nei prossimi numeri scopriremo usi e costumi dell’affascinante mondo di FIDO. Imparare a parlare la lingua dei nostri cani, imparare a capire come il nostro cane si comporta e comunica è una delle più grandi prove d’amore che possiamo dargli. (Rubrica curata da: Elena)

8


Esigenze nutritive di Cani e Gatti A cura delle dott.sse Chiara Bottaro & Valentina Prevedello Per crescere e mantenersi sani e attivi il cane e il gatto hanno bisogno di un'alimentazione che contenga le giuste proporzioni degli elementi nutritivi. Hanno quindi bisogno di: Proteine. Sono la materia prima di ogni organismo animale. Nella razione giornaliera è necessario che la percentuale di proteine d'origine animale somministrata si aggiri intorno al 20%. Bisogna inoltre considerare che in particolari condizioni il fabbisogno proteico può aumentare, come ad esempio nelle femmine in gravidanza o lattazione o nei cuccioli, oppure diminuire, come nel caso di soggetti anziani. Carboidrati o zuccheri. Non tutte le tipologie di zuccheri sono assimilate con la stessa facilità. Nessun problema per glucosio e saccarosio, ma il cane mostra difficoltà nel digerire il lattosio. L'apporto di zuccheri è importante sia come fonte d'energia rapidamente disponibile sia come regolatore dell'attività della flora batterica. Lipidi o grassi. Sono sostanze fondamentali per l’organismo ma vanno somministrate all’animale nella giusta misura. Nella sua dieta i grassi non devono superare il 10%, infatti gli eccessi portano non solo all'obesità, ma anche ad un animale maggiormente predisposto alla malattia ed alla vecchiaia precoce. Vitamine. Sono necessarie soprattutto nei cuccioli, nelle femmine in gravidanza e durante la fase d’allattamento ma non va trascurata la giusta integrazione vitaminica per tutta la vita dell’animale in quanto sia le carenze che gli eccessi vitaminici possono portare a gravi patologie. Cani e gatti non riescono a sintetizzare tutte le vitamine di cui l’organismo ha bisogno e ciò comporta che queste sostanze vengano introdotte con la dieta quotidianamente. Sali minerali. Sono presenti in diversa quantità in tutti gli alimenti ed hanno funzioni regolatrici e plastiche. E' necessario somministrare con la dieta le giuste quantità, soprattutto nei cuccioli e nelle femmine in gravidanza e lattazione. (continua nei prossimi nr di Fidonews)

Ricette per ladri di pantofole POLPETTOMANIA

Questa volta propongo alle FidoCuoche dei piccoli premi gustosi per catturare il cuore anche dei piu’ viziati e perché no, per rallegrare qualche pic nic primaverile! L’intento è sempre quello di suggerire cose semplici da realizzare che possano essere modificate in base alle esigenze singole del proprio amico peloso. Delle polpettine golose in versione vegetariana... quindi… mano alle fruste (da cucina!) e via! GNOCCHETTI DI VERDURE AL FORNO INGREDIENTI 1 UOVO SBATTUTO MEZZO BICCHIERE SCARSO DI SUCCO DI MELA OPPURE 80 CC 80/90 GRAMMI DI VERDURE COTTE* AL VAPORE (TRITATE O GRATTUGGIATE) 175 GR DI RISO COTTO 80 GRAMMI DI FORMAGGIO GRATTUGGIATO (ANCHE DI SOIA) 1 CUCCHIAIO DI LIEVITO DI BIRRA *TUTTE LE VERDURE POSSONO ESSERE USATE, ZUCCHINE,PATATE,CAROTE …

ISTRUZIONI Pre riscaldate il forno a circa 160/170 gradi. Mettete tutti gli ingredienti in una ciotola e amalgamateli con cura. Con 1 cucchiaio da minestra prelevate un po’ di impasto e aiutandovi con un secondo cucchiaio create dei piccoli “gnocchi”,  da appoggiare con cura su un foglio di carta da forno disposto sopra una teglia . Cuocete per 12/15 minuti finche’ gli gnocchetti risulteranno ben cotti e compatti. E buon appetito al fortunato!

Se hai o qualche passaggio ti è poco chiaro, o semplicemente hai bisogno di un consiglio per preparare una delle fido-ricette, scrivi a scodinzolando@live.it (Rubrica curata da: Sue)

9


Angolo del (fai) Fido Da-Te

La Cuccia comodosa che fa felice anche il portafoglio! La cuccia del vostro Bau non si intona al vostro divano? Non sapete dove trovare un giaciglio degno del vostro “regal” cucciolone? Nessun problema! In questo tutorial, cercherò di rendere il più semplice possibile l’esecuzione di una splendida cuccia letto che si adatterà a tutti! Essendo personalizzata in base alla stazza del nostro quattro zampe, è impossibile dare dati esatti sull’occorrente, ma esiste una semplice “regola” quando si decide di creare un cuscino per un cane o per un gatto, si misura il fortunato dalla punta del naso all’inizio della coda e si aggiungono 10 cm. In questo caso sarà meglio aggiungerne un 25/30 cm in quanto il cuscinone andrà “arricciato” ai bordi. Se cercate una soluzione economica,riuscirete con questo progetto a spendere veramente poco,recandovi in uno di quei negozi dove vendono scampoli a peso, di pile o di cotone..otterrete un effetto originale con meno di 5€, se come me, siete piu’ esigenti ;-) troverete di che sbizzarrirvi con velluti,cotoni americani e pelliccette ecologiche anche tra i banchi di qualche mercato piuttosto che su qualche asta online ad esempio! Per l’interno, potete anche usare imbottitura di recupero da qualche cuscino d’arredamento che non usate piu’, o da una vecchia cuccia! OCCORRENTE: 1 cane bisognoso di una cuccia comodosa; 2 “cerchi” di stoffa di cotone/ pile/pelliccia sintetica della misura adatta (cane+30cm); imbottitura sintetica a metro in proporzione alla misura della cuccia; cordoncino o nastro; carta velina; forbici; penna; spago/filo e metro! Misurate il cane bisognoso :-) dal naso all’inizio della coda (non la punta!) aggiungendo 25/30cm alla misura ottenuta. (es.80cm). Prendete un pezzo di spago o filo, fissatelo con un nodo alla penna/ matita e tagliatelo della metà della misura calcolata (es.80:2=40). Sul centro della carta (sufficentemente grande) tenete ferma o puntate l’estremità del filo/spago facendo ruotare la matita come fosse un compasso in modo da disegnare un cerchio, che sarà il nostro cartamodello.

1

Ritagliate il cerchio di carta e appogiatelo sopra un pezzo del tessuto scelto. Dopo averlo puntato con gli spilli, tagliate lungo i bordi la stoffa. Questo “tondo” sarà la parte inferiore della nostra cuccia. Riprendete in mano il cartamodello del cerchio, piegatelo a metà, e tagliatelo lungo il segno di piegatura ottenendo 2 semicerchi. Prendete un semicerchio e dividetelo ancora come nella figura 2 e tagliate in 2 pannelli. Per calcolare i 2 pannelli, piegate in 3 il cartamodello del semicerchio, 1/3 formerà il pannello esterno, 2/3 (il rimanente) saranno il nostro pannello centrale. (es. su un semicerchio con raggio di 40cm, il pannello esterno misurerà nel punto più “largo” 13,3 c.a ed il pannello centrale 26,6) Appoggiate su 2 strati di stoffa i cartamodelli dei pannelli, avendo cura di distanziarli di qualche centimetro tra loro. Tagliate la stoffa lasciando lungo i bordi di cucitura (lati interni) 1cm in piu’ per cucirli assieme. Cucire i 4 pannelli per ottenere nuovamente un tondo, ponendo dritto contro dritto e lasciando delle aperture NON CUCITE di circa 5 cm come in fig.3. Per calcolare dove cadranno le aperture nella cucitura centrale, basterà segnare la prima al centro del cerchio, e le altre 2 alla metà della larghezza del semicerchio. (nel nostro esempio “cadranno” a circa 20 cm dal bordo,cioe’ la meta’ di 40,il semicerchio). Calcolate quelle delle cuciture laterali dividendo in 3 la misura della cucitura.(se ad esempio la cucitura misurasse 60, le 2 aperture “cadrebbero” a circa 20 cm dal bordo) Siamo a metà lavoro ormai su! Prendiamo ancora il primo tondo, a circa 2 cm dal bordo andranno create 2 fessure in cui far passare un cordoncino. Se avete scelto il pile, sarà sufficiente ritagliare 2 buchini di mezzo cm, ma se siete esperte potrete cucire due piccole asole o rivolgervi ad un calzolaio o ad una merceria che possa applicare 2 occhielli. (fig.4) Riprendete in mano i 2 cerchi ora. Metteteli “dritto contro dritto” e cucite lungo tutta la circonferenza, lasciando un’apertura di 10 cm per poter inserire poi la mano e rigirarlo. (fig.5) Rivoltatelo e chiudete la fessura lasciata scucita. (a mano o a macchina) Ora… ci siamo quasi... un ultimo sforzo! Impunturare assieme i nostri 2 tondi come in fig 6.

2

3

4 Avendo cura di far si che le piccole fessure lasciate scucite precedentemente (segnate in rosso nella fig.3) risultino 1 per settore. Non preoccupatevi della perfezione assoluta, anche se andate un po’ storte non si vedrà affatto una volta imbottito il tutto. La parte impunturata centrale puo’ anche essere un cerchio…un ovale... l’importante è mantenere le fessure 1 per “settore”. Passate il nastro o il cordoncino attraverso gli occhielli. Come vedete 6 sempre in figura. Iniziate ad imbottire a piacere usando le piccole fessure ogni settore. Ottenendo la morbidezza desiderata. Chiudete a mano le fessure e arricciate il cordino secondo il vostro gusto per ottenere un effetto “fiore”…. Ecco pronta una Se hai dubbi o qualche passaggio ti è poco chiaro, caldissima cuccia morbidosa che o semplicemente hai bisogno di un consiglio per renderà felice il nostro ex cagnolone realizzare la tua cuccia, scrivi a: bisognoso! scodinzolando@live.it (Rubrica curata da: Sue)

10


Fidorecensioni

NERO Renzo Di Renzo (edito da EINAUDI)

E' un libro adatto a i ragazzi dai 9 anni in su e quindi possiamo leggerlo anche noi. Nero come il cane co-protagonista e narratore della sua vita, nero come il colore della pelle di Ayele, bimbo che sta per essere adottato e la cui storia è narrata dal futuro papà. Nero e Ayele,il cui destino ha qualcosa in comune -abbandono e nuova vita- e alla fine l'incontro, definitivo, per condividere il futuro. Per noi che abbiamo a cuore la vita degli animali e dei cani in particolare, la vicenda si conclude come  vorremmo sempre si concludessero tutte le storie che riguardano i nsotri amici pelosi: facendoci capire , se mai ce ne fosse ancora bisogno, che tutti hanno il diritto di avere una seconda possibilità per tornare a vivere in serenità e nel calore di una nuova famiglia. (Rubrica curata da: Nicola)

FidoAppuntamenti Vi aspettiamo sabato 17 Aprile 2010 da Bauhouse a Cimadolmo con un nostro banchetto.Troverete Gadjet, calendari e informazioni su tutti i cagnolini in cerca di famiglia. (trovate il volantino su www.fidoamico.it)

Prossime date: - il 25 Aprile 2010 saremo presenti a Caorle - il 1 Maggio saremo presenti a San Donà Per informazioni visitate il nostro sito:

WWW.FIDOAMICO.IT 11


Fidoamico News 2/2010  

Giornalino Ass.ne Fidoamico Onlus

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you