Issuu on Google+

094_098_Verve 33_MONTCELLO

12-03-2009

11:06

Pagina 94

Questione d’etichetta Arte, vino e opera lirica: le passioni di Valentino Monticello si fondono felicemente nei suoi raffinati collage. Realizzati con una singolare materia prima testo di Mariateresa Truncellito

Forbici, colla e fantasia. Gli ingredienti classici del collage ci sono tutti. Ciò che cambia, nei lavori di Valentino Monticello, è la carta. Aguzzando la vista, si nota che sfondi, cieli, edifici, prosceni sono realizzati con etichette: di vini, per l’esattezza. Ma sono fatti di etichette anche i tratti dei visi dei personaggi, i costumi, le calzature. Ogni più piccolo dettaglio: niente è dipinto o disegnato. Eppure i colori sono luminosi, ci sono la profondità ed effetti di prospettiva e di movimento. Facile immaginare quanta passione occorra per realizzare queste opere grandi circa un metro quadrato ma precise come miniature. Valentino Monticello preferisce definirla «mania», forse ripensando ai tre mesi di lavoro e alle lunghe ricerche per trovare fino a 700 etichette «giuste» per quel collage. Comunque la si chiami, è una felice sintesi dei suoi grandi amori: il vino, la pittura e l’opera lirica, il soggetto favorito, anche se non il solo. Per chi voglia conoscere questo singolare creativo, la Biblioteca degli Uffizi di Firenze gli dedica una conferenza: Il mondo di Valentino Monticello, il 26 marzo, alle ore 17, nel Salone Magliabechiano. Oltre all’artista, interverranno la musicologa Mila De Santis, l’esperto di enologia Gelasio Gaetani d’Aragona Lovatelli e la storica dell’arte Maria Grazia Messina, con il coordinamento di Claudio Di Benedetto, direttore della Biblioteca. La famiglia Monticello gestiva L’INTERPRETAZIONE MONTICELLO DE IL CREPUSCOLO DEGLI DEI DI RICHARD WAGNER,

DI

ETICHETTE DI VINI TEDESCHI,

90X105 CM


094_098_Verve 33_MONTCELLO

12-03-2009

11:06

Pagina 96

un albergo con ristorante a Piovene Rocchette, Vicenza, e l’osteria Dalla Lucia che vendeva i vini prodotti dal nonno, grande melomane. Con queste credenziali nel Dna, non c’è da stupirsi che anche Valentino sia diventato un esperto di vini. Nel 1959, venticinquenne, emigra a Londra e comincia a lavorare come sommelier al Twenty-one Club, fino a diventare, nel 1983, capo sommelier dell’Harry’s Bar, uno dei più eleganti, e selettivi, club-restaurant della capitale inglese. Nel tempo libero, coltiva i suoi hobby: collezionare etichette di vini (anche rarità storiche), frequentare l’Opera House, dipingere e disegnare, sperimentando varie tecniche. Tra le varie cose, realizza anche la scenografia di due rappresentazioni teatrali. Un giorno gli viene l’idea di usare alcune etichette per decorare la parete di una casa di amici. Monticello decide di approfon-

dire la tecnica, creando composizioni alla maniera dell’Arcimboldo. Comincia con vasi di fiori, poi prova con scene ispirate all’opera lirica. Nel 1997 il propietario dell’Harry’s Bar, Mark Birley, gli chiede di realizzare una cartolina d’auguri natalizi per i clienti. Monticello replica la scena della vigilia di Natale della Bohème di Giacomo Puccini, con etichette di vini francesi: lo sfondo non è Parigi, ma South Audley Street di Londra, dove si trova il locale. Piace moltissimo. Il sommelier ha trovato la sua strada artistica. I collage vengono esposti alla Royal Academy of Art, alla casa d’arte Christie’s e in gallerie private: nel 1992, la Ergon Gallery vende le 40 opere in mostra nel giro di poche ore. Negli anni a venire, oltre a cercare ispirazione nella sua impressionante collezione di dischi e Cd, Valentino Monticello avrebbe letto i libretti di 2.000 opere liriche

verve # 96

(famose e non), anche scovati nella biblioteca della Scala e del Covent Garden. Una ricerca maniacale, perché non gli basta doversi procacciare e ordinare con cura centinaia di etichette, e nemmeno usare le forbici come un miniaturista. Vuole che la scena dell’opera abbia un riferimento, una citazione, un’allusione al vino. E che le etichette appartengano a vini prodotti nel paese dove la storia si svolge. Così per Sansone e Dalida di Saint-Saens Monticello ha usato etichette di vini israeliani, per Guglielmo Tell di Rossini svizzeri, per Attila di Verdi friulani, per L’amico Fritz di Mascagni alsaziani, per Porgy and Bess di George Gershwin quelle dei vini di Long Island, dove il dramma ebbe la prima, per l’opera giapponese Yuzuru etichette di vini del Sol Levante… E così via, in un giro del mondo eno-operistico senza fine, attraverso pellegrinaggi per tenute vitivinicole e la

collaborazione di amici che gli portano dai viaggi etichette come souvenir. Deve deporre le armi solo di fronte alla Nuova Zelanda: tanti ottimi vini, ma nessuna opera lirica. L’ispirazione, ogni tanto, divaga: Monticello realizza ritratti, interni (abitazioni, enoteche) e una serie di 16 collage dedicata al mito di Bacco. Il dio del vino è fatto con etichette di Château Pétrus, Giove con Château Latour e Arianna con Chevalier-Montrachet. La serie appartiene a un collezionista toscano, mentre altri lavori di Monticello hanno

verve # 97

QUI SOPRA, LES TROYENS, DI HECTOR BERLIOZ, ETICHETTE DI VINI GRECI, 100X120 CM. NELLA PAGINA DI SINISTRA, NOAH SAVED THE VINE, COLLAGE ISPIRATO ALL’OPERA IL DILUVIO UNIVERSALE DI GAETANO DONIZETTI, ETICHETTE DI VINI TURCHI,

100X120 CM


094_098_Verve 33_MONTCELLO

12-03-2009

11:06

Pagina 98

LA CENA DELLE BEFFE DI UMBERTO GIORDANO, ETICHETTE DI VINI TOSCANI

CAVALLERIA RUSTICANA DI PIETRO MASCAGNI, ETICHETTE DI VINI SICILIANI.

SOTTO, CARMINA BURANA DI CARL ORFF, ETICHETTE DI VINI DELLA REGIONE TEDESCA

MOSEL-SAAR-RUWER

trovato spazio in case private di Londra, San Francisco, Los Angeles, Dallas, Kansas City e Tokyo. Ha invece tenuto per sé la serie delle opere liriche per farne un lussuoso libro, che è stato presentato alla National Gallery nel 2002 insieme con una mostra dei collages originali: Opera & Wine – Wine in Opera, edito in Olanda dalla Cantor Holding, e dedicato alla moglie Silvana e ai figli Michele e Claudia. Altre, stavolta privatissime, passioni. | www.valentinomonticello.com

verve # 98


Valentino Monticello - Questione di etichetta