Page 1

11 | 8 | 2011

Pardo Live 11 | 8 | 2011

Marina Hands Sport de filles

Pardo Live Partner


2

La giuria siete voi. Aggiudicate il premio, vincete un premio. www.pardo.ch/ubs


Pardo Live

11 | 8 | 2011

3

Editorial | Day nine

News

Bruno Ganz, an Outstanding Actor

I generi di oggi

It is a great honour for the Festival del film to present the greatest Swiss actor with a Pardo alla carriera this evening on the Piazza Grande, just before the world première of his new film, Patricia Mazuy’s Sport de filles. For several generations of film-goers, Bruno Ganz remains unforgettable for his performances in such landmarks of contemporary cinema as Eric Rohmer’s Die Marquise von O…, Wim Wenders’ The American Friend and Wings of Desire, Volker Schlöndorff’s Circle of Deceit, Alain Tanner’s Dans la ville blanche, Theo Angelopoulos’ Eternity and a Day … An unmistakeable physical presence and voice, a combination of the mild and

Piazza Grande e i razzi segnaletici del cinema di genere. La scorsa edizione i primi antipasti, quest’anno un orizzonte ancor più irrobustito. Spia luminosa di come una lettura del cinema contemporaneo non possa prescindere dallo spettro eclettico dei generi. Ovvero di tutti quei recinti cinematografici (thriller, horror, fantascienza, ecc.) che mai come oggi vengono usati e sabotati con la massima libertà creativa da molti cineasti per prendere di petto temi, paure e disagi del mondo odierno. Le prove, nelle scorse serate. Dal focus di Attack the Block che si concentra su extraterrestri e antieroi multirazziali in una Londra di periferia quasi d’attualità alla bestializzazione dell’umanità che in Hell non ha solo connotati atmosferici. Restituzioni di odio reale che in Red State stringono in un cortocircuito FBI, sette cristiane, stato e chiesa, mentre Drive o Headhunters, pur con strategie diverse, stringono il campo su un singolo individuo in guerra con l’universo circostante. Per certi versi, è un possibile passaggio di consegne, figlio dei nostri tempi. Molti degli interrogativi identitari che una volta trovavano incarnazione metaforica nel cinema dei grandi autori, oggi sembrano recuperati e filtrati attraverso il realismo choc dei film di genere. (Lorenzo Buccella)

the violent characterise this exacting, precise and treasured actor. Bruno Ganz has preferred to work with the great literary writers, both classic and modern (Kleist, Handke, Goethe, Thomas Bernhard…) on stage, on film and on television rather than squander his talent. Recently, as Adolf Hitler in Oliver Hirschbiegel’s Der Untergang, he gave one of the most impressive performances ever in the history of film. We are delighted to see him again in a film by a French director, since it has so long since he has performed in the language of Molière, having become more accustomed to working in Swiss, German, Italian and American productions. Playing a former riding legend, a past master at training horses and seducing women, Bruno Ganz is astonishing, and pitch-perfect. As usual. (Olivier Père)

News

Diritto di replica A poche ore dalla fine del Festival del film Locarno cresce non solo l’attesa per i verdetti finali delle giurie, ma anche la brama di ammirare ancora una volta le opere dei partecipanti ai diversi concorsi. Per garantire a tutti il... diritto di replica, l’organizzazione ha previsto per l’ultimo giorno della manifestazione (il 13 agosto) le seguenti proiezioni supplementari: • Sette opere di misericordia alle 9 al Rialto 3, • Hashoter alle 11 al Rialto 3, • i cortometraggi Sack Barrow – Boxing in the Philippine Islands – The Cloud of Unknowing alle 14 al Kursaal, • Vol spécial alle 16.15 al Rialto 2, • Crulic – drumul spre dincolo alle 16.30 al Rialto 1, • Terri alle 18 al Kursaal. (Mattia Bertoldi)

Photo of the day

Freddy Buache

THE ARRIVALS OF THE DAY, THANKS TO SWISS. – Bruno Ganz, actor Ben Rivers, director Tzu Nyen Ho, director Katsuya Tomita, director

Ayano, actor Ai Ozaki, actress Yoshiko Takano, acress Shiho Aoki, actress

Hitoshi Matsumoto, director Itsuji Itao, actor Takaaki Nomi, actor Sea Kumada, actress

In treno all’evento e prevendita alla stazione FFS.

Head of editorial team Lorenzo Buccella Graphic design Luca Spinosa Simon Smeraldi Writers Boris Sollazzo Massimo Benvegnù Jørn Rossing Jensen Mattia Bertoldi Jeremy Nicholls Mark Peranson Editorial assistant Sara Maccini Guest photographers Edo Bertoglio Piera Pizzelli Jade Mara (make up) Xavier Lambours

Photographers Ivana De Maria Fotofestival (Marco Abram, Massimo Pedrazzini, Sailas Vanetti) TiPress Advertising Arianna Cattaneo Publicitas Print Salvioni Arti Grafiche, Bellinzona


www.posta.ch / sponsoring

4

Vogliono il programma completo. Tom: documentari, Roger: film d’azione, Anna: film d’amore

Il nostro impegno a favore del cinema: per i clienti piĂš esigenti del mondo.

Sponsor e partner logistico del Festival del film Locarno


Pardo Live

11 | 8 | 2011

5

Why decide to end a promising business career and go into film? All this about me and business is rubbish, I don’t know where it comes from. I only studied business for a year because my parents wouldn’t let me go to film school, then I went to Los Angeles and became a nanny. Today I regret I didn’t have the nerve to finish the business studies, because film today is all about money, and you get screwed all the time. I would have loved to be able to read budgets and accounts.

Otherwise the characters came first in Simon Reggiani’s story, but the horses area also characters, I mean Marina Hands is like a horse to me in the film. I had to simplify the script because money was tight; we shot very fast, and finished in only 31 days. I know that logistically you shouldn’t film with children, animals and water – I had never directed horses before, but worked with horses (and Reggiani) for Basse-Normandie, so I had an idea of the problems I should tackle.

Non avevo mai diretto dei cavalli prima di allora, ma sapevo cosa mi aspettava

Patricia Mazuy 5 questions to The French director, whose Travolta et moi won a Bronze Leopard at the Festival del film Locarno in 1993, will see the finished version of Sport de filles for the first time on the Piazza Grande (in 4K resolution)

So how did film get in the way? In LA I started making my first short film, on my petite nanny’s salary, and then I met Agnès Varda, who let me use her editing room at night. I didn’t have a driver’s license, so I went there every evening by bus. She said I had talent, and she was going to help me, and she did. I really owe her for talking to Jacques Demy’s editor who called me two years later and suggested I became his apprentice. What came first in Sport de filles – the women or the horses? The idea came from sitting on a horse – the feeling of being king of the world, you are the ruler ... the power it gives you. And here is this girl who feels she deserves it, because she has talent; still nobody knows her, and she hasn’t any money.

Mi spiace non aver concluso gli studi in economia perché oggi i film hanno sempre a che fare con i soldi. E ti fregano ogni volta

No money? Still you brought in John Cale for the music? Eleven years ago he made the music for The King’s Daughters, a high-budget period piece I directed, and we got along really well. We are not friends, we haven’t talked for 10 years, but I called him, and he did it for almost nothing. First he thought I wanted sad music for a sad film, but I told him I hate films about victims – I prefer Robert Rodriguez’ characters – and I just needed a straight credit song in French, his first. I mailed him the words, I corrected his pronunciation on Skype, we had a lot of fun, and I let him keep the rights. The number of films you have made is not impressive – what do you do in between? I live, but I worked eight years to get this project off the ground – everybody was afraid it would become a lesson in horseriding rather than a feature film. But I would definitely like to work more, I also need the money, but first of all because I miss it. (Jørn Rossing Jensen)


6

Pardo alla carriera

A tutto Ganz!

E chi se lo scorda, con ali alle spalle e faccia malinconica, mentre sosta sul cornicione in bianco-nero del wendersiano Der Himmel über Berlin? Oppure quando, sotto la regia di Eric Rohmer, trasmigra in epoca neoclassica per diventare il giovane ed elegante conte che “salva” una marchesa rimasta precocemente vedova (Die Marquise von O...)? O ancora – e siamo in anni più recenti – quando trova rifugio quotidiano nella calle veneziana di Pane e tulipani e lì si trasforma in un affabile e un po’

antiquato cameriere straniero, pronto a sfoggiare un italiano dal sapore letterario? E questo solo per sfilare rapidamente alcune delle tante cartoline da cinema d’autore europeo in cui, gira e rigira, al centro trovi sempre lui. Bruno Ganz, uno dei tre Pardi alla carriera di questa edizione del Festival, mattatore versatile, uno di quelli che nel proprio guardaroba attoriale è riuscito ad appendere le grucce di un’infinità di ruoli molto diversi gli uni dagli altri. Anzi, talvolta diametralmente opposti, da un capo all’altro del bene e del male, senza passare per le scorciatoie dello stereotipo. Come testimonia la facilità con cui è passato dal cortocircuito empatico di una “vittima” (il corniciaio professionista di The American Friend di Wim Wenders o l’agente immobiliare alle prese con il conte Dracula in Nosferatu: Phantom der Nacht, remake d’autore firmato Werner Herzog) al ruolo malvagio per eccellenza, quello di Hitler, vestito con gelida maestria in Der Untergang di Oliver Hirschbiegel, cronaca degli100 ultimi giorni di vita del dittatore nel bunker sotto la 95 100 cancelleria di Berlino. 75 95 75 25 5 25 0 5 0

Ma ancora una volta non possiamo fare altro che dare degli assaggi, perché questi accenni non bastano per mostrare l’ampiezza del suo spettro interpretativo. Del resto, papà svizzero e madre italiana, Bruno Ganz ha iniziato a calcare le scene teatrali già nel 1961, profilandosi fin da subito come una delle presenze più solide e talentuose della scena in lingua tedesca. Eppure non fa quasi in tempo a garantirsi quello spicchio consistente di visibilità tra i sipari del milieu intellettuale germanofono, che subito scende dal palco e salta con forza sui set cinematografici che fanno ampia richiesta delle sue doti istrioniche. Dopo esser passato sotto la direzione del suo miglior amico, Peter Stein, in Sommergeste, è l’attrice francese Jeanne Moreau, scivolata per l’occasione dietro la macchina da presa, a inserirlo in un cast che vede anche la presenza di Lucia Bosé e Keith Carradine (Lumière, 1975). Da lì, in poi, è una lunga carrellata di grandi autori che, oltre ai già citati Wenders ed Herzog, passa dai sodalizi con registi come Theo Angelopoulos (Eternity and a Day 1988, The Dust of Time 2008) per allungarsi nei vari approdi americani che hanno contrassegnato il suo percorso artistico: in The Boys from Brazil (1978) è lì a spartire le scene con star del calibro di Gregory Peck, James Mason e Laurence Olivier e poi, dopo un balzo di anni, eccolo al fianco di Meryl Streep in The Manchurian Candidate (2004) di Jonathan Demme, su su fino all’occhio di Francis Ford Coppola che lo vuole al centro del suo Youth Without Youth (2007). Tutto questo senza mai dimenticare lo sguardo sul mondo tedesco, soprattutto quando si spinge ad affrontare le rughe più ruvide e spinose della sua storia più recente. Le recenti testimonianze sono lì a indicarci la via: da Der Baader Meinhof Komplex (2008) a The Reader (2009), a volte con un ruolo da protagonista, a volte con uno di contorno, altre con un semplice cameo, ma ogni volta portando con sé e su di sé quel timbro d’attore che non gli fa mai mancare il primo piano. (Lorenzo Buccella)

Today the winner is: Schaeli Ursula, 6598 Tenero Pick up your prize at the UBS branch, Largo Zorzi, Locarno.


Pardo Live

11 | 8 | 2011

7

Piazza Grande

L’attrice

La società dei cavalli

Patricia Mazuy è una regista rara, preziosa, energica. I suoi film si fanno attendere ma non deludono mai. Il suo Travolta et moi, realizzato nell’ambito dell’eccellente antologia televisiva «Tous les garçons et les filles de leur âge…» e presentato al Festival del film Locarno nel 1993, era una specie di capolavoro convulso sullo stato adolescenziale e di ribellione, uno dei migliori film francesi degli anni Novanta. Dopo Saint-Cyr, ambizioso film in costume con Isabelle Huppert uscito nel 2000, la regista torna sugli schermi con il formidabile Sport de filles, presentato in prima mondiale stasera in Piazza Grande. Il film coniuga ciò che Mazuy ama e conosce sopra ogni cosa: il cinema e i cavalli. Gracieuse (Marina Hands) è una ragazza ribelle, figlia di contadini, cavallerizza senza cavallo. La giovane addestra i cavalli degli altri ma non ha i soldi per possederne uno. Trova un lavoro nella prestigiosa tenuta della ricca Joséphine de Silène (Josiane Balasko). Qui incontra Franz Mann (Bruno Ganz), leggendario addestratore tedesco alle dipendenze dell’ex amante Joséphine. Tra il vecchio e la ragazza, che si sentono entrambi indomiti e sfruttati al tempo stesso, nasce una strana relazione incentrata sulla passione equestre. Film sull’amore per i cavalli e sull’arte del dressage, Sport de filles possiede una dimensione documentaria che ci introduce in un mondo poco conosciuto ai più, fatto di codici e di gesti precisi, in cui regnano devozione, lavoro e disciplina. Ma la pellicola è anche un’allegoria della lotta di classe e del capitalismo (il denaro governa ogni cosa, e i cavalli diventato merce di scambio), nonché dei rapporti uomo donna, ugualmente regolati da riti di sottomissione, di potere e di osservazione…

Marina Rides Again Sometimes life gives you a second chance. Marina Hands, the 36-years old Parisian actress with an impressive family background (she’s the daugther of famed French actress Ludmila Mikaël, her father is British stage actor and director Terry Hands, while her grandfather was famous French painter Pierre Dmitrienko) wasn’t dreaming of limelight or soundstages. She would have preferred to win a medal at the Olympic Games instead of a prize at a Film Festival. “I wanted to become a professional horse-rider. I was in the National team, doing competitions. Then... ” she tells the press at the Festival del film Locarno “... I had an accident, and I had to give up. Horse-riding was a dream that I pursued until I was in my twenties, but because of what happened I had to stop.” Marina goes on: “I was lost. I had no idea of what to do next – I would wander around hopeless, until one day I ended up in a theatre school, and decided to enrol in an acting class.” Roles soon followed, and a certain acclaim both on stage and screen. “With time I started appreciating more and more the craft of acting” Marina says “but on the other hand I have to say that I would have loved to be able to ride horses every day.” What better actress then to play the lead role in Sport de filles “even though there’s a big difference” she points out “between horse-riding and dressage.” After winning a César for her lead role in Lady Chatterley by Pascale Ferran, and working for such acclaimed directors as Milla, Arcand, Canet and Schnabel, Marina Hands finally got to spend more time with her beloved horses, and thus combined her two biggest passions in one single project. (Massimo Benvegnù)

(Olivier Père)

Sport de filles

Piazza Grande, il 11 | 8 | 2011, ore 21.30

Some like

it Cool!

www.delea.ch


8

Più Festival del film a casa vostra. «Vitus» e più di 1000 altri eccezionali film a portata di tasto. Con Teleclub on Demand su Swisscom TV. La nostra offerta qui allo stand di Swisscom.* > Buono Swisscom di 100.– alla sottoscrizione di Swisscom TV. > Ora 2 mesi di prova gratuiti.

15 20 bH ati. .10. Gmserv l 31 ilm i ri o a s F tt n tu iri e fi Vi ti i d ibil © t on Tu isp D

8 /4 .50 (3

h)

* Nei primi due mesi il contratto può essere disdetto senza impegno. Buono Swisscom del valore di CHF 100.– per ogni nuova sottoscrizione entro il 13 agosto 2011 solo negli Swisscom Shop di Locarno o presso lo stand di Swisscom al Festival del film Locarno. Nei due mesi di prova gli eventi sportivi in diretta e i film a portata di tasto noleggiati vengono fatturati normalmente. Durata minima del contratto 12 mesi. Canone mensile Swisscom TV basic: CHF 19.–/mese, Swisscom TV plus: CHF 29.–/mese, più tasse obbligatorie sui diritti d’autore pari a CHF 2.25/mese. Swisscom TV richiede un collegamento di rete fissa di Swisscom (ad es. EconomyLINE a CHF 25.35/mese) e un accesso a internet (ad es. DSL start a CHF 0.–/mese). La ricezione dei canali HD dipende dalla potenza del vostro collegamento. Verificate la disponibilità al vostro domicilio su www.swisscom.ch/checker


Pardo Live

11 | 8 | 2011

9

Concorso internazionale

I cantieri depressi del Giappone globale Tra immigrati, sfoghi hip-hop e lavori manovali, la pancia più scura e nascosta del Giappone. Quello rintanato nelle piccole città che a causa della recessione sono diventate una sfilata di negozi dalle serrande abbassate. E Saudade, film del regista nipponico Katsuya Tomita, con la coralità dei suoi racconti incrociati, ci trascina proprio lì, in quelle sacche urbane depresse, perlustrate dal punto di vista delle comunità di immigrati. Dagli stranieri provenienti da altre terre asiatiche come la Thailandia al folto sottobosco di giapponesi-brasiliani, discendenti diretti delle migrazioni storiche di cent’anni fa. Non a caso, il titolo del film s’inchioda a quella parolamanifesto della nostalgia sudamericana, “saudade”, qui elevata a metafora di una condizione di vita che sogna una terra in cui sentirsi di nuovo bene accetti. Effetti di una globalizzazione e di una crisi che inevitabilmente portano in dote un corollario di scontri razziali.

Tanto più se a cucire il racconto di ubriacature di pub, duri lavori su cantieri edili sempre più precari e business velleitari con improbabili bottigliette d’acqua disintossicanti, interviene il filo conduttore di una musica hip-hop. Microfono della scontentezza, pronto a sfidare negli scantinati dei club quelli che vorrebbero accogliere nelle rime arrabbiate da ghetto i movimenti stranieri della capoeira. È là che si completa la svolta xenofoba di uno dei protagonisti, Takeshi (Tsuyoshi Takano), iniziata nel momento in cui, dopo la bancarotta dei suoi genitori, si è visto costretto ad accettare un lavoro da manovale. Sudando ogni giorno al fianco di molti immigrati, destinati a vagheggiare un ritorno al loro paese, nonostante una vita passata in Giappone. (Lorenzo Buccella)

Saudade

Auditorium fevi, il 12 | 8 | 2011, ore 14.00 Concorso Cineasti del presente

Every Film is an Island Gonçalo Tocha’s first film, Balaou (2007), saw him voyaging on a small boat from the mid-Atlantic Azores to Portugal as an homage to his late mother, and getting seasick in the process. For the director, islands are like boats, isolated entities stopped in the middle of the ocean. And it doesn’t get more isolated than the volcanic Portuguese island of Corvo, at 4km long the smallest island in the

Azores, up until the early 20th century a self-dependent agricultural community. Its history, however, remains mostly unwritten: it is a place of mystery, of old superstitions and fantastic natural scenery. Over three periods in 2007 and 2008, Tocha (sound man in tow) set out as Corvo’s contemporary social historian, filming examples of labour, local craftsmanship (hat and cheese-making), customs and religious

rituals, the glorious terra and the fauna, the café, party and even the political life. He also interviewed some of its oldest residents, gleaning stories about the island’s colourful past. In three hours and 14 chapters, Tocha reveals the process by which he endeared himself to the community, and constructs a mosaic of Corvo’s inhabitants, which numbers only about 440, plus a fluctuating number of cows and pigs. He’s has made just about the warmest film you’ll ever see, with a love for the place, the people and, yes, the animals. The documentary earns every second of its running time, and, if anything, is too short: I’m sure he missed a couple of pigs. (Mark Peranson)

É na terra não é na lua

La Sala, il 12 | 8 | 2011, ore 16.15


10

www.aet.ch


Pardo Live

11 | 8 | 2011

11

Programmi speciali

Girando tra i sogni di Fellini Fellini sapeva benissimo che il Cinema, prima di tutto, è un sogno. E forse tra i grandi cineasti del ventesimo secolo, il maestro riminese è stato quello più capace di trasporre sul grande schermo le visioni oniriche provenienti dal suo inconscio d’artista, sia che fossero angeliche suggestioni sensuali o demoni ricorrenti. Il punto di svolta della sua carriera, ormai lo sappiamo tutti, è stato Otto e mezzo, il film dello sblocco, la rappresentazione dei dolori, dei dubbi, del buffo carnevale di un regista alle prese con il caravanserraglio di un set, di un film da fare, di una ispirazione fuggente da rincorrere come le lucciole d’estate. Otto e mezzo contiene forse alcune delle immagini più pregnanti dell’universo felliniano, e tra queste è impossibile non citare la splendida Claudia Cardinale, meravigliosa donna soggetto / oggetto inseguita da Guido Anselmi, regista dagli occhiali scuri incarnato dall’interprete feticcio per eccellenza di Fellini, ovvero Marcello Mastroianni. E se questo capolavoro targato 1963 viene mostrato al Festival del film Locarno per rendere omaggio alla carriera di

una delle attrici più amate del cinema italiano, di passaggio in città per una meritatissima onorificenza, non possiamo che essere felici di trovare ogni volta una scusa per rivisitarlo con una riacquisita consapevolezza di spettatori, visto che ad ogni visione riesce sempre a restituirci il brivido della vertigine cinematografica, proprio perché è il testo felliniano più legato ad un immaginario pop infuso di contemporaneità. Ma ci sono altri piccoli sogni, e non per questo minori, da assaporare assieme alla portata principale. Stiamo parlando di una serie di spot pubblicitari girati da Fellini nel 1992 per conto della Banca di Roma – di fatto il suo ultimo lavoro da regista. Grazie all’intervento dell’Archivio Nazionale Cinema d’Impresa di Ivrea, afferente alla Cineteca Nazionale e alla Fondazione Centro Sperimentale di Cinematografia di Roma, questi piccoli frammenti tornano a rivivere dopo la loro fruizione commerciale. I tre lavori, con protagonista Paolo Villaggio, già interprete de La voce della luna, sono altrettante visioni oniriche, bruschi risvegli e placide rassicurazioni.

Proprio come il Guido di Otto e mezzo, anche stavolta il soggetto è inseguito dalle proprie fantasie: una belva all’apparenza feroce, un treno in arrivo (cine-incubo per eccellenza) o una divina e ammaliante creatura, che ammicca da un albero. Nelle copie-lavoro degli spot, rinvenute nel fondo depositato all’ANCI dalla Film Master, si sente pure la voce di Fellini che dirige gli attori e canticchia la Gazza Ladra di Rossini, che sarà utilizzata come leitmotiv negli spot, chicca da cinefili che ci ricorda l’uscita di scena di un grande uomo, regista e, soprattutto, di un grande sognatore. (Massimo Benvegnù)

Otto e mezzo

Auditorium fevi, il 12 | 8 | 2011, ore 17.30

• Magazine: 10,000 copies distributed daily • WEB T V: video news and live webcast • Mobile: on smartphones and tablets • Online: news coverage throughout the day

Pardo Live Partner


12 | 8 | 2011 Films Auditorium fevi

& 13 | 8 | 2011

 09.00 Concorso internazionale

Tanathur 

(Last Days in Jerusalem)

11.00

L’altra Sala

& 13 | 8 | 2011

Rialto 2

Germany · 2011 · Beta digital · Color · 23’ · o.v. German/Italian/French · Subt. English, French

(The Sun Beaten Path) First feaure

La Sala & 13 | 8 | 2011

Concorso Cineasti del presente

Solnetchniye dni 

Ex-Rex

Canada · 2011 · DCP · Color · 19’ · o.v. English/Romanian · Subt. French, English Dir.: Jamie Cussen

Kursaal

Auditorium fevi

& 13 | 8 | 2011

Ex-Rex

& 13 | 8 | 2011

Switzerland · 2011 · DCP · Color · 75’ · o.v. Italian · Subt. French Rialto 2

Retrospettiva Vincente Minnelli Introduced by Sergio Germani

Dir.: Vincente Minnelli

 13.30

L’altra Sala

Dir.: Danilo Catti

Dir.: Gastón Solnicki

La Sala

Fuori concorso

Ninifuni 

Pardi di domani

Sack Barrow 

USA/Italy · 1976 · 35 mm · Color · 109’ · o.v. English · Subt. German, French

Fuori concorso

1 due 100 officine 

Argentina · 2011 · DCP · Color · 74’ · o.v. Spanish · Subt. English

United Kingdom · 2011 · Beta digital · Color · 21’ · o.v. English · Subt. French Dir.: Ben Rivers Boxing in the Philippine Islands  Philippines · 2011 · Beta digital · Black and White · 6’ · No dialogue Dir.: Raya Martin The Cloud of Unknowing  Singapore · 2011 · DCP · Color · 28’ · No dialogue

A Matter of Time 

Dir.: Marco van Geffen

Concorso Cineasti del presente

Appellations Suisse

 11.00

Rialto 2

Papirosen 

180° 

 11.30

Corti d’artista 

Switzerland · 2010 · 35 mm · Color · 93’ · o.v. Swiss-German · Subt. English

Netherlands · 2011 · 35 mm · Color · 84’ · o.v. Polish/English/Dutch · Subt. English La Sala

Dir.: Villi Hermann

Dir.: Claude Goretta

Dir.: Cihan Inan

(Among Us) First feaure

Switzerland · 2011 · DCP · Color · 94’ · o.v. Italian/Swiss-German/Balinese · Subt. English

L’Invitation 

Dir.: Vincente Minnelli

Onder ons 

Programmi speciali: Pardo alla carriera Claude Goretta

Switzerland/France · 1973 · DCP · Color · 98’ · o.v. French

Retrospettiva Vincente Minnelli

Concorso internazionale

mondo. 

Dir.: Aygul Bakanova

USA · 1970 · 35 mm · Color · 129’ · o.v. English · Subt. German, French

Rialto 1

Una visione sensuale del

The Balcony Affair 

& 8 | 8 | 2011 Introduced by Joe McElhaney

Gotthard Schuh.

United Kingdom/Kyrgyzstan · 2011 · DCP · Color · 17’ · o.v. Kyrgyz · Subt. English, French

This film features scenes that could shock the sensitivity of some viewers.

Forever 

Fuori concorso

(The Song of the Rain)

Dir.: Daniele Cipri, Franco Maresco

On a Clear Day You Can See

& 13 | 8 | 2011

Dir.: Yaara Sumeruk

Lo zio di Brooklyn  Italy · 1995 · Beta digital · Black and White · 98’ · o.v. Sicilian dialect/Italian · Subt. Italian, English

Jamgyr 

Dir.: Nariman Turebayev Programmi speciali

Rialto 1

USA · 2011 · Beta digital · Color · 14’ · o.v. English · Subt. French, Italian

Kazakhstan · 2011 · DCP · Color · 101’ · o.v. Russian/Kazakh · Subt. English, French L’altra Sala

Dir.: Katsuya Tomita

Ringo 

(Sunny Days)

Concorso internazionale

Saudade 

Japan · 2011 · 35 mm · Color · 167’ · o.v. Japanese/Portuguese/Thai · Subt. English, French

Dir.: Peter Baranowski

Dir.: Sonthar Gyal

& 13 | 8 | 2011

Dir.: Ana Cristina Barragán Rauschgift 

Tai yang zong zai zuo bian 

Ecuador · 2010 · Beta digital · Color · 18’ · o.v. Spanish · Subt. English, French

Concorso Cineasti del presente

China · 2011 · Beta digital · Color · 86’ · o.v. Tibetan · Subt. English

Concorso internazionale 6 

 14.00 Auditorium fevi

Domingo Violeta 

Israel/France/Germany/Palestine · 2011 · DCP · Color · 81’ · o.v. Arabic/Hebrew · Subt. French, English Dir.: Tawfik Abu Wael

Pardi di domani

Dir.: Tzu Nyen Ho

Ex-Rex

Father 

Open Doors Screenings

USA · 1963 · 35 mm · Color · 118’ · o.v. English · Subt. French

(Riding the Stallion of a Dream)

Dir.: Vincente Minnelli

India · 2010 · 35 mm · Color · 110’ · o.v. Kannada · Subt. English

 16.00

Dir.: Girish Kasaravalli

Dir.: Tetsuya Mariko

Introduced by Jean Douchet

The Courtship of Eddie’s

Kanasemba Kudureyaneri 

Japan · 2011 · DCP · Color · 42’ · o.v. Japanese · Subt. English

Retrospettiva Vincente Minnelli

PalaVideo

Programmi speciali: Pardo alla carriera Claude Goretta

Bon vent Claude Goretta  Switzerland · 2011 · Beta digital · Color and Black and White · 58’ · o.v. French · Subt. English Dir.: Lionel Baier

Have fun in Ticino with the combined offers from PostBus www.postbus.ch/leisureclick


13

16.15

Rialto 2

Fuori concorso

Buenas noches, España  Spain/Philippines · 2011 · DCP · Color · 70’ · o.v. Spanish · Subt. English

 18.30

Rialto 1

Bakur Bakuradze – Pardi di domani Jury

L’altra Sala

& 13 | 8 | 2011

First feaure

La Sala

& 13 | 8 | 2011

L’altra Sala

Calvet 

United Kingdom · 2011 · DCP · Color · 86’ · o.v. French · Subt. English

Dir.: Simone Rapisarda Casanova

Dir.: Dominic Allan

Concorso Cineasti del presente

 19.00

Portugal · 2011 · Beta digital · Color · 180’ · o.v. Portuguese · Subt. English, French

Ex-Rex

Rialto 3

Programmi speciali: Pardo alla carriera Bruno Ganz

ex Federal Republic of Germany/France · 1976 · 35 mm · Color · 102’ · o.v. German · Subt. English Dir.: Eric Rohmer

Dir.: Vincente Minnelli

Die Marquise von O… 

Rialto 1

La Sala

Ex-Rex

 20.30 Rialto 2

Auditorium fevi

Dir.: Milos Forman

Introduced by Jean Douchet

Programmi speciali: Pardo alla carriera Claudia Cardinale

Otto e mezzo 

Italy · 1963 · 35 mm · Black and White · 138’ · o.v. Italian · Subt. French Dir.: Federico Fellini

 18.30

Rialto 2

Concorso internazionale

Mangrove 

Switzerland/France · 2011 · 35 mm · Color · 70’ · o.v. Français/Espagnol · Subt. English, French Dir.: Frédéric Choffat, Julie Gilbert

Greece · 2010 · 35 mm · Color · 95’ · o.v. Greek · Subt. English Dir.: Athina Rachel Tsangari

 21.30

Piazza Grande

Pardo alla carriera to Claudia Cardinale Followed by

Saya Zamurai  

Dir.: Hitoshi Matsumoto

An American in Paris  USA · 1951 · 35 mm · Color · 113’ · o.v. English · Subt. German, French Dir.: Vincente Minnelli

Nest 

Retrospettiva Vincente Minnelli

 17.30

Attenberg 

Premi speciali: Mike Medavoy

USA · 1975 · 35 mm · Color · 130’ · o.v. English · Subt. French

Dir.: Vincente Minnelli

One Flew Over the Cuckoo’s

 16.30

USA · 1946 · Beta digital · Black and White · 116’ · o.v. English

Athina Rachel Tsangari – Concorso Cineasti del presente Jury

Der Untergang 

Okhotnik 

Programmi speciali: I film delle giurie

Japan · 2011 · DCP · Color · 103’ · o.v. Japanese · Subt. French, English

Dir.: Oliver Hirschbiegel

Undercurrent 

Ex-Rex

(Scabbard Samurai)

Bakur Bakuradze – Pardi di domani Jury

Dir.: Bakur Bakuradze

 21.15

 20.00

Germany · 2004 · 35 mm · Color · 150’ · o.v. German · Subt. French

Russia · 2011 · 35 mm · Color · 123’ · o.v. Russian · Subt. English

Dir.: Vincente Minnelli

Programmi speciali: Pardo alla carriera Bruno Ganz

Programmi speciali: I film delle giurie

(The Hunter)

USA · 1954 · 35 mm · Color · 108’ · o.v. English · Subt. French

Retrospettiva Vincente Minnelli

USA · 1958 · 35 mm · Color · 96’ · o.v. English · Subt. German, French

Retrospettiva Vincente Minnelli

Brigadoon 

The Reluctant Debutante 

Dir.: Gonçalo Tocha

La Semaine de la critique

Canada · 2011 · DCP · Color · 71’ · o.v. Spanish · Subt. French, English

É na terra não é na lua 

Rialto 3

Dir.: Bakur Bakuradze

Concorso Cineasti del presente

El árbol de las fresas 

Shultes 

21.00

Russia · 2008 · 35 mm · Color · 100’ · o.v. Russian · Subt. English

Dir.: Raya Martin

Programmi speciali: I film delle giurie

 21.00

L’altra Sala

Pardi di domani

Concorso internazionale 5 

Rialto 1

Were Born Perfect 

Séptimo 

Switzerland/South Africa · 2010 · Beta SP · Color · 75’ · o.v. English/Afrikaans/ Xhosa/’Nu · Subt. English, French

Sweden · 2011 · DCP · Color · 24’ · o.v. Swedish · Subt. English, French Dir.: Valentina Chamorro

Dir.: Sylvie Cachin

Les Enfants de la nuit  France · 2011 · 35 mm · Black and White · 26’ · o.v. French · Subt. English, Italian Dir.: Caroline Deruas Brainy 

 23.00

La Sala

& 13 | 8 | 2011

Dir.: Andrew Kavanagh

The Loneliest Planet  Dir.: Julia Loktev

Dir.: Daniel Joseph Borgman Australia · 2010 · Beta digital · Color · 8’ · No dialogue

Concorso internazionale

USA/Germany · 2011 · 35 mm · Color · 113’ · o.v. English · Subt. French, Italian

Denmark/New Zealand · 2011 · DCP · Color · 25’ · o.v. Danish · Subt. English, French At the Formal 

Appellations Suisse

gODDESSES – We Believe We

 23.30

Ex-Rex

Open Doors: Satyajit Ray

Mahapurush  (The Saint)

India · 1965 · 35 mm · Black and White · 65’ · o.v. Bengali · Subt. English Dir.: Satyajit Ray

off % 0 2 sion s i m d on a

Arena Sportiva

Combi-ticket including a 20% reduction at Tesserete’s swimming pool. Info: 0900 311 311 (CHF 1.19/Min.) or www.postbus.ch/leisureclick Webcode 10310


14

10 anni

Sponsored by Manor

10YEARS AS A MAIN SPONSOR ‌and still going strong. Manor è orgogliosa della decennale collaborazione di successo con il Festival del film Locarno. www.manor.ch


Pardo Live

11 | 8 | 2011

15

Fuori concorso

1 due 100 officine: anche i doc hanno un sequel Gran bel coraggio Danilo Catti. Aveva commosso Locarno con il documentario Giù le mani: lo sciopero delle officine di Bellinzona era diventato un entusiasmante terreno drammaturgico sul quale far crescere un film che univa cinema lavorista e indagine sociale. E, cosa che non guastava, c’era anche un lieto fine ad accarezzare lo spettatore, il successo di questi operai coerenti e coraggiosi: la privatizzazione della loro

struttura venne scongiurata proprio dalla loro protesta. Catti, con mano sapiente, seppe cercare, trovare e montare varie esperienze umane, così da far diventare quei percorsi individuali un movimento di protesta collettivo maturo e sofferto. Ora fa qualcosa di ancora più coraggioso e inusuale: al suo documentario offre un sequel, 1 due 100 officine, fuori concorso qui a Locarno. Per andare oltre quell’happy ending, per seguire con il rigore di chi vuol raccontare la verità e non (solo) una bella storia quale sia stato il reale esito della protesta. Al di là dei cori in strada e delle pur importanti concessioni dei vertici delle FFS, dell’attenzione politica e dei cittadini. Il regista ticinese ha il coraggio di tornare in fabbrica con i “suoi” operai per documentare

il ritorno alla normalità, la conclusione delle trattative sbloccate dallo sciopero ma non concluse. Ne viene fuori un ritratto più complesso, perché la soluzione è lontana e il lavoro arretrato è troppo, perché la lotta ha cambiato gli operai – è evidente nel primo scontro con un dirigente che pretende l’ammaino del vessillo della protesta – ma anche chi comanda. Non è più una battaglia ma una partita a scacchi. E se Bellinzona è diventata un modello sindacale, al suo interno il fronte comune sembra vivere una potenziale spaccatura. Catti non cavalca più l’onda di una protesta “spettacolare”, ma piuttosto ci racconta la calma apparente dopo la tempesta. Con lucidità e attenzione. (Boris Sollazzo)

I due 100 officine

La Sala, il 12 | 8 | 2011, ore 11.00

Bar Magnolia – Spazio RSI

Bistrot Teatro Paravento

Fashion 2Shé

LaSuiteDuFestival

La Rotonda del Festival

Enjoy Beach – Lido Locarno

Oasi Casablanca

Max Way

Seven Sealounge

Teatro La Cambusa


16

Spielen und gewinnen beim TELETEXT-Wettbewerb

ReisegutscheiN voN -KOMPAS TRAVEL im Wert voN CHF 2‘000.1. PREIS

1 1 1 1 1

1 1 1 1 1 1 1

1 1

2. Preis 2 VIP-EiNtritte -“Festival del film .. o” 2012 LocarN .. im 1 1 1 1 1 INkl. UberNachtuNg 1 1 1 1 Hotel ESPLANADE 1 1 1 1

ts 3. Preis Offizielle T-Shir -

Senden Sie eine SMS mit PARDO NAMEN + ADRESSE an 898 (CHF 1.–/SMS) und Sie nehmen automatisch an der Verlosung teil Alle Infos zum Festival ab Seite 502 Wettbewerb auf TELETEXT und teletext.ch Seite 809 Teilnahmeschluss: 14. August 2011

Offizieller Kommunikationspartner


Pardo Live

11 | 8 | 2011

17

Shopping Pardo

Fuori concorso

Have a Good Trip – With Martin as the Guide A jury member for the Concorso Cineasti del presente, Filipino director Raya Martin has brought his latest film, Buenas noches, España, for a world premiere at Festival del film Locarno, and it has nothing to do with the euro crisis. ”I usually play around with titles – sometimes I prefer naming a film rather than working with it – and there is something weird, melancholic and quirky to this one. There used to be a Spanish talkshow called this – it should bring back TV nostalgia,” Martin explained. Not that there is much talk in the film – it is reduced to five title cards on the road trip of a Spanish couple (Pilar Lopez de Ayala, Andres Gertrudix) who in another lifetime take drugs and teleport themselves through their television, eventually to disappear. ”It was a very spontaneous project. I had this idea of depicting a playground of trips – people go on trips to figure out something in their lives, to get another understanding of reality – and they can be helped by drugs, why not cinema, with me

as their guide” added Martin. During the excursion the couple visits the Museo de Bellas Artes de Bilbao, which has a collection of paintings by Filipino revolutionary artist Juan Luna – “I found out when I was shuttling between Madrid and Basque country, and I wanted to make something around it.” The first Filipino director selected for a Cinéfondation Residence in Cannes, he has had to films screening on the Côte d’Azur, both produced in 2009: Manila out-of-competition and Independencia in Un Certain Regard. He shot Buenas noches, España with a vintage super8 camera. ”I am obsessed with making trilogies, but I never get to finish them – still this film should be the introduction to a trilogy of trips in Spain, Mexico and the Philippines, where the first cases of teleport was reported, back and forth, in the present and the past,” Martin concluded. (Jørn Rossing Jensen)

  IMPORTAZIONE E COMMERCIO  6515 Noranco- Lugano

VINI

Tel. 091 994 15 41 - Fax 091 993 03 87 Publicitas Locarno Sig. Luca Sardina

_

Calzature per bambiniLocarno, 17 luglio 2009 Kinderschuhe Chaussures pour les enfants kids shoes Piazzetta de’ Capitani 8 (dietro il Municipio) a Locarno Tel. +41 (0)91 751 47 88 • www.pariedispari.ch

Buenas noches, España

Cinema Rialto, il 12 | 8 | 2011, ore 16.15 News

Wengen al Top Qualcosa è cambiato. No, non è solo il titolo di una celebre pellicola diretta da James L. Brooks ma anche una delle prime reazioni di fronte alla selezione 2012 dei Top Events of Switzerland, le otto manifestazioni rossocrociate che si distinguono per la loro eccellenza e la loro popolarità mondiale di cui il Festival del film Locarno fa fieramente parte. Alla formazione tipo di sette eventi, infatti, si è aggiunta la tappa di Coppa del Mondo di sci a Wengen, prevista dal 13 al 15 gennaio. “Un evento molto speciale – afferma il il presidente Christoph Joho – che si distingue per la sua tradizione, il ruolo di primo piano in ambito

internazionale e un’ottima organizzazione. Tutti ingredienti fondamentali per entrare a far parte del nostro gruppo.” Nonostante la recente aggiunta, Joho dubita che vi saranno ulteriori modifiche nei prossimi mesi. “Preferiamo concentrarci sullo sviluppo di una piattaforma che permetta agli affiliati di scambiarsi idee e consigli volti a promuovere la nostra offerta. Si è sviluppato un bel clima di lavoro, non esiste competizione all’interno del gruppo.” L’unione, insomma, fa la forza. (Mattia Bertoldi)

consulenza - vendita riparazioni - istruzione internet - ADSL telefono 091 751 95 81 www.mc-computer.ch

Noi conosciamo i media. www.publicitas.ch

Fondazione Bally per la Cultura ha come obiettivo quello di cercare e mettere in luce artisti ticinesi che avranno l’opportunità di essere sostenuti e supportati a livello internazionale da uno dei Brand più famosi nel settore del lusso. Fondazione Bally ricerca artisti nel campo delle arti figurative quali pittura, scultura, fotografia e grafica. Inviate la vostra candidatura a:

www.fondazionebally.ch


18

Afterhours h 10.27 11 | 8, Tavola rotonda su Minnelli: Olivier Père, Carlo Chatrian, Joe McElaney, Jean Douchet, Jacques Rancière, Emmanuel Burdeau

h 12.23 11 | 8, Raya Martin, regista e giurato


Pardo Live

11 | 8 | 2011

19

h 12.47 11 | 8, Il registaTawfik Abu Wael di Tanathur, con gli attori Ali Badarni e Lana Haj Yahia

h 14.03 11 | 8, Franco Maresco, Lo zio di Brooklyn

h 10.02 11 | 8, Gli studenti del CISA al Palavideo

h 11:11 11 | 8, Julia Loktev (regista) con Hani Furstenberg (attrice), The Loneliest Planet

h 12.41 11 | 8, l’attrice Lana Hay Yahia

h 21.33 h 12.16 11 | 8, Pilar Lopez de Ayala, attrice di Buenas noches, EspaĂąa

10 | 8, Villi Hermann e Renato Berta


20

News

“Genere” grandi ospiti: Bava & Lado Lamberto Bava, Italian horror films director, son of the great Mario Bava and close cooperator of Dario Argento, you particularly bonded with the city of Locarno, am I correct? Yes, I spent some days in Locarno when I shot the remake of my father’s movie, La maschera del demonio in 1989. We found a small village in Val Bavona that was inhabited – according to some elder ladies – by real witches, and my movie was about witchcraft! A sign of destiny. It is also the city that hosts a Festival that never, like this year, found the balance between author and genre cinema… The really good festivals are very few, and Locarno is one of these. I am happy that the Artistic Director Olivier Père gives particular regard to the fantastic genre. What did you think about Piazza Grande? The enormous screen represents the apotheosis of cinema. This great square, full of people that followed the festival even under the rain... Incredible.

By the way you are one of the few directors of your generation that continues to work. What happened to our cinematography genre that was one of the most appreciated in the world? It is not an easy topic. When I made Demoni, in the 80’s, many foreign directors told me that the Italian horror movies were the ones who filled the movie theaters. It’s not the same anymore, but many fantastic films are still shot by young directors that grew up watching our movies. Demoni, for example, inspired the two directors of [REC] and can be considered the last big example of horror film of our cinematography. Demoni is now a cult movie but I guess that when it came out, it wasn’t even understood. The critics didn’t get the irony on the background. I have to thank the teenagers who loved my films, showing the same passion I discovered in Olivier Père when he invited me at a retrospective at the Cinémathèque francaise. The true passion of those who love the movies without classifications and prejudice.

Aldo Lado, lei è stato uno dei più attivi registi italiani nella cinematografia di genere. Cosa ne pensa di questo Festival del film Locarno e la sua ricerca di un equilibrio tra cinema indipendente, d’autore e di genere? Penso che si tratti di una strada che può creare molto amore e interesse per il cinema. Ci sono festival specializzati che a poco a poco diventano ghettizzati, mentre il pubblico ama la varietà e la diversificazione. Lei ha comunque dimostrato che è possibile fare cinema di genere veicolando un messaggio politico... Vero, ma bisogna considerare che certi messaggi appartengono a una certa epoca, al contesto politico-economico in cui uno vive, così come le critiche dei miei film che rispecchiavano la cultura e l’ideologia degli anni ‘70. Rilette oggi, a distanza di 30 anni, sono un onore, un inno per me! Al di là di questo, trovo comunque importante che oggi ci sia ancora chi

apprezzi i miei film, un pubblico composto da persone come Olivier Père ma anche da giovani che all’epoca della loro uscita non erano nemmeno nati! Ma che cosa è successo in questi anni? Perché il cinema di genere è scomparso? È sparito quel retroterra di produttori che si guadagnavano il pane coi film, arrabattandosi per farli. È in quel contesto che sono nati filoni e generi, dalla commedia all’italiana ai “musicarelli”. Forse anche il pubblico era più semplice, disposto ad andare al cinema e più aperto alla fantasia. Di sicuro, meno travolto dai programmi televisivi e meno selettivo. Lei nella sua carriera non si è mai soffermato su un solo genere. Come mai? Per me il cinema è un divertimento. Quando giravo un thriller di successo i produttori mi inseguivano per farne un altro dello stesso genere, ma non mi interessava, non mi divertiva. Lo trovavo terribilmente ripetitivo. Automaticamente, puntavo a un altro genere. Volevo che ogni film fosse un’avventura diversa.

Ristoranti Pardo

Aperto da lunedì a domenica • dalle 7:00 alle 24:00

da Athos e Fabiola

6515 Gudo • Tel. 091 859 05 49 ristorante.isola@chadsl.com Specialità

Vulcano • Tartare • Chinoise Bourguignonne • Pasta fresca • ecc.

IMPORTAZIONE E COMMERCIO VINI 6515 Noranco- Lugano Tel. 091 994 15 41 - Fax 091 993 03 87

Ristorante Casa del Popolo Città Vecchia 6600 Locarno Tel. 091 751 12 08

Specialità fresche fatte in Casa Pasta casalinga Carni e Pesce

(Manlio Gomarasca)

Viale Verbano 17, 6600 Muralto Tel. 091 743 82 22 Fax 091 743 18 69 www.osteriacentenario.ch


Pardo Live

11 | 8 | 2011

V11_Ins_pardo news-a:V11

21

01.08.2011

19:52 Uhr

Seite 1

OCTOBER 20 – NOVEMBER 2, 2011 www.viennale.at


22

Tomorrow’s Star

Photo by Edo Bertoglio

The future of cinema? Strange, awkward, disturbing, humorous made by simple and honest films that will suit all audiences. — Camille Rutherford, actress


Pardo Live

11 | 8 | 2011

Commedie come «Tutti pazzi per Mary» con Ben Stiller e Cameron Diaz favoriscono sensibilmente l’irrorazione sanguigna. Storie tragiche come il film di Spielberg «Salvate il soldato Ryan» la influenzano invece negativamente. (Heart Journal)

Come sapere che influenza ha l’ambiente pubblicitario sullo stato d’animo del vostro pubblico target? Parlatene con noi. Noi conosciamo i media.

www.publicitas.ch

23


Until skill and passion lead to success. And awaken your enthusiasm. Until inspirational ideas and professionalism result in great works. Until acknowledgement becomes enthusiasm. Experience cultural highlights such as the Festival del film Locarno, which we have supported as a partner for 30 years. Until you are fully convinced of the sustainability of our commitment, you can count on this:

We will not rest www.ubs.com/sponsorship Photo: www.fotofestival.ch. @ UBS 2011. All rights reserved.


09 Pardo Live 11 | 8 | 2011  

The Festival daily "Pardo Live" is distributed every night on the Piazza Grande, in all the Festival venues and the Locarno hotels. It is al...

Advertisement
Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you