Page 61

Sgarbellaio d’oro 2016 Prima di procedere alle nominescion ed alla proclamazione del premio sgarbellaio-d’oro-2016 pensiamo sia doveroso un riconoscimento al Gruppo Biblioteca per la sportività e la spumeggiante presenza in occasione della consegna del premio 2015. Già in cronaca 2015 il perché della vittoria nell’ultima edizione del nobel-a-chi-la-combina-più grossa, ma sicuramente degno di nota la massiccia presenza di super-eroine che dalle mani di Re Fabio e della Regina Barbara hanno ricevuto il prezioso premio sfornato dalle officine Stefano end Roby Vismara di via Cantonale (NdR a dire il vero un paio di personaggi realizzati erano in una posizione un po’ troppo ambigua … per essere visti anche dai bambini, ma si sa, dopo i premi distribuiti … anche le bibliotecarie dovevano stare al gioco). Ed al gioco c’è stata la Bianca, che dopo aver ricevuto il primo gioco di carte quale premio per la lettura della favola ai bambini … ha fatto rivisita al giocattolaio, acquistando la nuova edizione di “Dire, fare, baciare, …”. Per ricordare ai presenti l’evento, l’Elena ha pensato bene di realizzare e distribuire un biglietto da visita che, per chi non l’ha ricevuto, fotocopiamo su questa pagina. Speriamo che anche per il 2016 il/i premiati abbiano ad accogliere con tanta sportività la decisione del comitato. Vi narriamo ora brevemente gli aneddoti che hanno inserito nella classifica alcune nominescion.

U

ga

n impresario di Comano, del quale è opportuno citare il nome per evitare pubblicità occulta, con il suo furgone di color arancio con lo stambecco sulle portiere, si è recato dall’Eros e dalla Rosmarie per un lavoretto di poche ore, par dila in dialètt … ‘na taconada!. Si trattava essenzialmente di posare una nuova tenda anti-sole per ombreggiare la terrazza infuocata dalla torrida estate. Niente di particolare, se non il classico dettaglio, la classica pagliuzza che si nota di più di una trave. Era necessario, dopo aver fatto i quattro buchi con il trapano-percussione-ilti, inserire i tamponi di plastica. Ma questi dondavano dentro, un problema di diametro o forse di beton non di buona qualità. Nessun problema, tutti lo sanno, se il tampone balla, gli si mette di fianco uno zofranello. Tirando la vite, tutto si stabilizza praticamente in eterno. Ma oggi i fochi non sono più reperibili come una volta. Il professionista chiede pertanto alle Rosmy … “Ta ghet miga in gir un zufranèll par cas!” Attenta e meticolosa come sempre la dinamica mogliettina si precipita in cucina e porta una scatoletta di fulminanti” Quattro buchi, quattro tamponi, quattro fiammiferi …! “Sopraggiunge l’Eros, che si sa persona alquanto precisa e meticolosa. Vista la scatola di fiammiferi aperta interroga la moglie sul perché c’erano in giro i fiammiferi nuovi … sentita la spiegazione … rimprovera la moglie sentenziando “Rosmari … t’avret miga doperaa di zufranéi nöf par fa un mistee iscì! Tal sétt che gh’è là la scatura di zufranéi già doperaa!”

elée

b

66

Profile for Fernando Pescia

Ur Sgarbelée 2016  

Edizione 2016 del giornalino satirico-umoristico edito dal comitato carnevale di Comano (CH)

Ur Sgarbelée 2016  

Edizione 2016 del giornalino satirico-umoristico edito dal comitato carnevale di Comano (CH)

Advertisement