Page 47

quan do più molta, ma a iv rr a e n n tti No nel panico. Tu i tt tu a tt e g arriva, innevato, il n bel Natale u ro e b b e rr vo a coltre nevo id rb o m a n u prati in ne bianche, i a paese avvolto ll co i d i at b a ddob de pulite sa, gli alberi i … ma le stra at tt va o i n o dalla su i luglio! Forse im macolati, i d se e m l e n n co me Ma c’è chi, co ! o p e transitabili p o tr o p e diamo un , la contempla ve natura preten e n la re e d n ia sce pito, lascia al m co o filosofia, lasc su il ra e il alla natu re, un po’ co m po i, lascian do e li g io sc a rl eo di fa mune, che dic co l sole il co mpit e d io ra e aveva mitico o p a n’è piü!” Ed nostro Remo, h g … i lü a d més no. Non va … “Ura dal ta dini invece it c n co ri lt A . parliae d ha rag ione e quin di non , le o b a g ri ne o fu lito, pensa be u p vogliamo tirare le a z z ia p qui r avere il “ Tant a passa mo di chi, pe … a d ra st a ll tto su in pendi gettare tu ltri, alcuni g ià a i d o m ia rl a danno dal co mün!” P i della neve, rs e li g io sc o prim sole di sione che, al rno al tiepido io g r e p o rn agna de e l’acco mp una mano, g io n re p la o z il n e Il R da cantonale, ra st fine gennaio. a ll su o in el to mb n de sul gentilmente n il fieno, la ste r e p fa e m , la o co gg iati, la g ira re b Renzin, pro pri m o i nt u p ola dai ! L’Ivan prato toglien d ma la elimina m so in … a to tt chie one, ha pensa si n rivolta, la pic e p in ra co on è an pazieninvece, che n a dell’orto e tt e p p a z la dere ghiaccio, acce il bene di pern la io c ri sb , occhiato a di ento. Inso m m temente ing in m li g io sc i d o cess leran do il pro iù! p i tutto … e d

@

CRONACA

DETTAGLI

La Polizia ci invita a voler stare vigili, a segnalare, a notare e comunicare al 117 i fatti strani. Noi riteniamo doveroso segnalare una strana consuetudine notata là in Durona, dove la stradina porta a Origlio. Ci siamo chiesti, ma dove vanno ogni mattina tutti quegli uomini, con il loro cane che passano e non tornano più? Passa il Mauro Mattei … e vabbè, ha il suo atelier di sculture con la motosega, passa il Marco, sì sta sistemando la stalla in Buéria, passa l’Edy … sí sta curando i cinghiali per il Pecenin, passa il Remo, sí sta portando a spasso con il Brill … il suo pick-up! Ma il Toto, il Nene … passano e non tornano più! Cosa vanno a fare oltre il ponticello della Vall di striii? Storie di cagnolini? Retroscene hard-canine? Bah, noi non sappiamo … ma segnaliamo!

ga

@

ESPERTISE!

SPICCIA

@

E, LIEVE SCENDE LIEV

L’Anto è diventata oramai un’istituzione! Luogo di lavoro, punto di ritrovo, collsenter! E’ per questo che molti e molte cittadine ne approfittano durante i periodici appuntamenti con la nostra quaffös per aggiornare il gossip locale. Chiaramente con la dovuta confidenza, tralasciando, quando in negozio ci sono estranei, i dettagli più scabrosi o delicati. Il Dori, accompagnando il piccolo Jan, ha ricevuto l’incarico dalla maestra Chiara di chiedere all’Anto di verificare l’origine delle macchioline di sangue presenti sulla testa del bambino. Niente di grave ma probabilmente originate da qualche botto contro uno spigolo. L’Anto, dopo puntuale e meticolosa perizia, ha scoperto l’origine delle macchioline e, succhiando il dito indice davanti agli occhi sbarrati del Dori ha sentenziato: “Ciculatt!” E sempre in merito al tema di consulenze di tipo sanitario, l’Anto commentando l’influenza del Nando. “Al pó gnanca piü parlà …” e aggiungendo una sentenza che è tutto un proclama: “Ma par lü l’è miga un problema!”

@

QUANDO SI DICE VERSATILITÀ!

44

elée

b

Ormai si sa che in via ör hanno fatto di questa virtù un vero vanto e che non si esita un minuto a trasformare l’abitazione in funzione delle esigenze della grande famiglia. Si é ben adattata a questo spirito anche la Yaumara che non si è per nulla scomposta quando si è vista trasformare dal France il suo salone d’estetista, nonché camera per gli ospiti, in un locale per l’allevamento dei pulcini. Certo è che, questo uso molteplice dei locali, ha creato un po’ di confusione nella piccola Sylvia che, presa dall’euforia per la nascita dei pulcini, ha espresso il desiderio di trascorrere il relax pomeridiano nello splendido pollaio del nonno Foe. Nonna Tizi quando ha chiesto se voleva uscire si è sentita dire: “No nona, lasum chi che sum una galina cuntenta!”

Profile for Fernando Pescia

Ur Sgarbelée 2016  

Edizione 2016 del giornalino satirico-umoristico edito dal comitato carnevale di Comano (CH)

Ur Sgarbelée 2016  

Edizione 2016 del giornalino satirico-umoristico edito dal comitato carnevale di Comano (CH)

Advertisement