Page 25

23 Non sarebbe certo originalità degna di cronaca la notizia di una vettura in fiamme sulle strade. Specie in estate quando le temperature, come fu il caso per alcuni giorni delle scorso mese di agosto, raggiungono e superano i 30°. Curioso può invece essere il fatto che l’incidente si sia verificato in Leventina e veda come diretta testimone, una nostra concittadina. La maestra Claudia ed il suo nipotino Matteo, se ne stavano in tranquillità a godersi la brezza serale quando il cupo e assordante sibilo delle sirene dei servizi di soccorso invadeva la vallata. Una vettura stava prendendo fuoco per di più nelle immediate vicinanze di un distributore di benzina. Secchiello e pompa modello “Protezione civile” anni 50 lei, sacchetto di sabbia lui, i due raggiungevano il luogo del sinistro. Due agenti della polizia cantonale dopo aver messo in sicurezza la zona, erano intenti nei rilievi scientifici mentre ai pompieri non era concesso di

In PILLOLE DEGIÀVÜ. La storia, periodicamente, si ripete. Anni fa era toccato all’Alberto Granata. Quest’anno al povero Matteo. Non si trattava di un’infestazione di pidocchi ma solo di una disattenzione della sorella maggiore. L’Elena, prendendo spunto dal piacere che hanno le ragazze a curare l’estetica (loro e dei fratelli minori), ha dato incarico

all’Elisa di tagliare i capelli con il rasoio elettrico. Ma si sa i maschi non hanno mai il tempo di sedersi, rilassarsi un attimo e farsi tagliare la chioma. Il contadino conosce però i suoi polli e cosa fare per ottenere l’obiettivo: promettere al fratellino due partite sull’aifon. Tutto pronto. Rasoio acceso. Partenza dalla fronte. Ma cribbio: taglio a zero! Una striscia centrale da crapa pelada integrale. Regolazione errata! Unica soluzione: taglio a zero su tutto il resto della calotta cranica, con l’inevitabile sclerata di mamma e papà.

CINQUE E TRENTA DI MATTINA: linea calda fra via al Ballo e via Ronco Nuovo “Mary … gh’è miga la machina … la Bianca l’è miga vegnüda a cà … l’eva naia a scöra o a Carnevaa … Madona, gha sarà miga capitaa quaicoss!” “Tranquila mamm, gha telefoni mì” “Pronto Bianca … dove ta sett, la nona l’ha ciamaa che set miga rivada a cà! Tüt bén? … a … te lasaa la machina giò a Tavesi!” Noi della redazione sappiamo però che il telefonino non ti dà le garanzie … dov’era effettivamente la Bianca? Perché questa foto-segnaletica del Carnevale di Biasca è arrivata alla nostra redazione? Ben venga il micro-cip da inserire nel natel per localizzare da dove arriva la telefonata!

LUCI ROSSE. La vita di coppia nell’evolversi dei tempi cambia e nell’intimità della camera da letto le situazioni cambiano da quando si è appena sposati, a quando piangono i bebé, a quando si aspetta ansiosi il rientro dei giovanotti, a quando neanche il tc, tc, tc sussurrato nell’orecchio del partner, riesce a interrompere il suo russare. C’è chi dorme con l’oscurità assoluta e chi con le gelosie spalancate e le finestre aperte, indipendentemente dalla temperatura esterna. Una novità, apprezzata dal punto di vista degli stimoli notturni è quella fornita dalle AIL SA. L’azienda ha posato sul candelabro in via al Chioso una lampadina di nuova generazione che crea nella camera della Tiz e del Foe un ambientino a luci rosse … alquanto stuzzicante. Girando di notte per Comano abbiamo notato che altre coppie hanno richiesto alle AIL la nuova lampadina.

ur

garbelée edizione n.47

Claudia

perdere manco un minuto vista la precarietà della situazione. La circolazione era allo sbaraglio: l’asse stradale del Gottardo rischiava l’intasamento. Una situazione, questa, che non poteva venir tollerata oltre. Bisognava agire. Indossati cappellino e pettorina TCS catarifrangenti (quelli in dotazione all’asilo e alle scuole elementari che conferiscono a chi li indossa prestigio e autorità), la nostra Claudia s’assumeva l’onere della direzione del traffico. Per bypassare l’ingorgo altra soluzione non vi era che quella di “deragliare” il flusso veicolare sulle stradine secondarie. L’intervento riscosse elogi e gratitudine da parte dei due agenti cui fece seguito un ricevimento ufficiale al Palazzo delle Orsoline, presenti il Consigliere di Stato Norman Gobbi ed il Comandante della Polizia Cantonale Matteo Cocchi. Quale segno tangibile per il servizio reso al Corpo di polizia le vennero rilasciati diploma, medaglia al valor civile e buono per una multa del valore di Fr. 200.— della validità di 12 mesi.

s

Profile for Fernando Pescia

Ur Sgarbelée 2014  

Edizione 2014 del giornalino satirico-umoristico edito dal comitato carnevale di Comano (CH)

Ur Sgarbelée 2014  

Edizione 2014 del giornalino satirico-umoristico edito dal comitato carnevale di Comano (CH)

Advertisement