Issuu on Google+

Fegime News Anno I - Numero 3 - febbraio 2010

Efficienza energetica, la vera sfida aziendale

L

e idee sono chiare: senza efficienza energetica non si può affrontare come si deve alcun discorso di sfida aziendale. Oggi ridurre i consumi di energia è una necessità per le istituzioni, i cittadini e le aziende, tutti chiamati a rispondere alla sfida dello sviluppo sostenibile. Non solo per salvaguardare l’ambiente, ma anche per essere competitivi sul mercato globale occorre puntare sullo sviluppo di nuove tecnologie e adottare nuovi strumenti di incentivazione. Edilizia, trasporto, industria manifatturiera e di servizio. Nessuno si tiri indietro. D’altra parte i buoni esempi ci sono. Ne riportiamo alcuni significativi a cominciare da Vodafone Italia che considera il tema dell’efficienza energetica una missione. Per niente benefica. Gli altissimi consumi di energia elettrica, circa 570 GWh all’anno, surriscaldano le bollette. Vodafone investe e mette sul piatto dell’efficienza energetica 1,3 milioni di euro. Interessanti le aspettative di saving: 1,7 milioni di euro. Intanto, il Gruppo internazionale acquista solo energia verde (da idroelettrico). Un altro caso di buon esempio è l’esperienza del Gruppo Cremonini. Qui si procede sistematicamente da dieci anni tanto da aver costituito anche una Esco in grado di gestire con un database il monitoraggio e l’analisi delle fatture (un’operazione da non sottovalutare) sia di energia elettrica (circa 200 Gwh) che di gas (qualcosa come 23 milioni di metri cubi). Inoltre, è stato ottimizzato il lavoro degli inverter, vengono controllati gli impianti, aggiornati i sistemi di illuminazione (che pesano per oltre il 10% sui consumi, soprattutto nell’area ristorazione) e gestiti i Certificati bianchi ottenibili. L’Italia ha ampie possibilità di miglioramento nell’efficienza energetica, che potrebbe rappresentare un importante strumento a disposizione per centrare i target sul taglio delle emissioni di CO2.

CONTENUTI

> Come migliorare l’efficienza ........................ 2 > Progettazione intelligente ............................ 3 > Filo diretto con l’Unione Europea............... 4 > Angolo dei produttori..................................... 5 > Focus: Passaggio Generazionale................. 6

www.fegime.it

RECUPERARE I RITARDI PER RILANCIARE L’ECONOMIA Inquinamento, efficienza, fonti rinnovabili. Quante incertezze smorzano gli entusiasmi sollevati al principio del terzo Millennio quando si pensava che l’applicazione del protocollo di Kyoto rappresentasse l’avvio di una politica mondiale in difesa dell’ambiente. Anche la conferenza di Copenhagen ha lasciato irrisolte molte questioni quali le politiche coordinate per ridurre l’effetto serra o il rapporto tra i Paesi sviluppati e in via di sviluppo. Ancora una volta sono le convenienze a dettare le agende, anche se va riconosciuto uno sforzo complessivo per dotarsi di politiche nazionali. Il vero ostacolo è rappresentato dalla mancanza di coordinamento non solo per i contrastanti bisogni dei singoli Paesi, ma anche per la duplice veste che molti indossano, di virtuosi e inquinatori. È quanto si desume dal rapporto commissionato dal Wwf sullo sviluppo sostenibile di cui diamo conto nelle pagine che seguono. E l’Italia? Un soffio d’ottimismo viene dal Rapporto Enea che ci offre chance per raggiungere gli obiettivi fissati in materia di rinnovabili (17% di energia primaria nel 2020). Un traguardo reso possibile anche da una riduzione delle previsioni produttive stante l’attuale difficile congiuntura economica. Occorre ora recuperare i ritardi accumulati, ma in fretta, se è vero che in materia d’efficienza energetica l’Italia è al terzultimo posto nella Ue. Entro il 2020 si potrebbero evitare consumi finali di elettricità per 73 TWh l’anno, cioè il 21,6% circa dei consumi finali lordi del 2008 (337,6 TWh). Il risparmio maggiore potrebbe arrivare al residenziale (30,8 TWh), seguito dall’industria (22,8), dal terziario (14,2) e dalle infrastrutture (5,2). Questo enorme potenziale di risparmio energetico corrisponde alla produzione di circa otto grandi centrali nucleari, che potrebbe comportare una riduzione delle emissioni di circa 60 milioni di tonnellate rispetto a uno scenario tendenziale.


Anno I - Numero 3 - febbraio 2010

www.fegime.it

> DOVE INTERVENIRE PER MIGLIORARE L’EFFICIENZA ENERGETICA I consumi del settore civile sono spesso dovuti ad un alto grado di inefficienza energetica delle utenze, sia per ciò che riguarda il fabbisogno termico che quello elettrico. > Fabbisogno termico Il fabbisogno termico è dovuto principalmente alla necessità di riscaldamento degli ambienti abitativi ed alla produzione di acqua calda sanitaria. Pur mantenendo gli stessi confort è possibile diminuire drasticamente i consumi termici attraverso interventi che rendano più efficiente l’involucro dei fabbricati. In base al grado di efficienza raggiunta (certificabile sulla base del fabbisogno termico annuo per metro quadro) è possibile (oltre ad un risparmio diretto in bolletta) ottenere i certificati bianchi, ovvero dei titoli di efficienza energetica emessi dal GME a favore dei soggetti che hanno conseguito i risparmi energetici prefissati. Altri interventi di efficientazione energetica riguardano la sostituzione di utenze termiche con sistemi a fonte rinnovabile come il solare termico, oppure l’utilizzo di pompe di calore e di caldaie a condensazione. > Fabbisogno elettrico Il fabbisogno elettrico civile è per la maggior parte legato all’illuminazione ed all’alimentazione di utenze termiche. Il consumo elettrico relativo al funzionamento dell’elettronica è difatti di molto inferiore rispetto a quello delle lampade poco efficienti o di sistemi frigoriferi o dello scaldabagno elettrico. I maggiori interventi di efficientazione sono quindi da

indirizzare verso una migliore tecnologia per i corpi illuminanti (lampade ad alta efficienza) e la sostituzione delle utenze termiche attraverso sistemi solari termici, pompe di calore e caldaie a condensazione. L’utilizzo di elettrodomestici di classe A permette un importante risparmio in temini di consumi energetici,

e la sostituzione di vecchi elettrodomestici con sistemi energy saving (classe A) è incentivata mediante sgravi fiscali. Il panorama estremamente esteso degli interventi per il miglioramento dell’efficienza energetica e per la gestione intelligente dell’energia richiede spesso la pianificazione e la gestione da parte di specialisti del settore, tale complessa realtà ha portato al riconoscimento delle società ESCO (Energy Service Company). Tali società operanti nel settore energetico si occupano di fornire al cliente servizi di progettazione gestione ed analisi degli impianti energivori ai fini di mantenere i consumi entro i limiti stabiliti.

> NUOVI STANDARD ENERGETICI PER I NUOVI EDIFICI A PARTIRE DAL 2021 La revisione della Direttiva europea sul rendimento energetico degli edifici (EPBD) è stato il tema al centro di una riunione a cui hanno partecipato il Consiglio Ue, la Commissione e il Parlamento europeo. L’incontro è terminato con un accordo politico tra l’Europarlamento e il Consiglio UE su un testo che sarà approvato in via ufficiale entro la fine dell’anno. > Standard energetici “elevatissimi” Il testo di revisione della Direttiva EPBD prevede, per i nuovi edifici pubblici dell’Unione Europea, l’obbligo di “elevatissimi standard energetici” che diventeranno operativi dopo il 31 dicembre 2018, mentre gli edifici privati e gli uffici di nuova costruzione dovranno rispettare questi standard dopo il 2020. Inizialmente il Parlamento europeo aveva proposto di fissare l’obbligo, per gli edifici nuovi e ristrutturati, di uno consumo zero di energia a partire dal 2018, ma i 27

governi dell’UE lo hanno giudicato troppo ambizioso e poco pratico. Così, nel testo condiviso l’obiettivo è stato modificato: ora è previsto l’obbligo di essere a quasi zero (“nearly zero”) consumo di energia per tutti gli edifici pubblici costruiti dopo il 2018, così come per tutti gli edifici residenziali e commerciali realizzati dopo il 2020. > Certificazione obbligatoria I proprietari dovranno rilasciare i certificati energetici per tutti i nuovi edifici e per quelli già esistenti in caso di vendita e di locazione. Per quanto riguarda invece il non-residenziale, la Commissione Europea dovrebbe sviluppare, a partire dal 2011, uno schema comune di certificazione. Da questo obbligo saranno però escluse le piccole abitazioni (dimensioni inferiori ai 50 m2), le case vacanze utilizzate per non più di 4 mesi all’anno, gli edifici temporanei usati per meno di due anni, gli edifici religiosi, i siti industriali, gli edifici agricoli e i laboratori.

2


Anno I - Numero 3 - febbraio 2010

www.fegime.it

PAROLA D’ORDINE: PROGETTAZIONE INTELLIGENTE

C

irca 30mila impianti installati in un anno in Italia per la sola automazione domestica e un mercato, quello della domotica, che continua ad essere in forte crescita. La DOMOTICA non è solo sinonimo di sicurezza e di controllo remoto della propria abitazione, ma anche di risparmio energetico e rispetto per l’ambiente. Grazie ad una gestione ottimizzata ed efficiente infatti si può arrivare a risparmiare dal 30 al 50% sull’illuminazione e dal 10 al 20% per la climatizzazione degli ambienti. Secondo gli ultimi dati forniti da Assodomotica si parla di almeno 90mila impianti installati entro il 2012 e un fatturato che arriverà a un valore di 350 milioni di euro. Come sottolinea Maurizio Rossi, codirettore del master del Politecnico di Milano Lighting Design ed esperto di domotica, “il tema dell’energia e di tutto ciò che ne deriva sarà sempre più presente nel lavoro e nella vita di tutti i giorni, ma al di là delle politiche Energy saving e delle normative in via di sviluppo che costringono molte aziende a indirizzare in tal senso la linea produttiva, è importante, forse proprio perché mi trovo inserito in una realtà design oriented, sviluppare maggiore attenzione sul tema della domotica ed assumere un atteggia-

mento creativo per dar vita a nuovi prodotti e nuovi modelli di vita”. Un’attenzione alla home automation che diventa sinonimo di risparmio e migliore qualità di vita all’interno delle abitazioni. “La domotica – prosegue il professor Rossi -, offre la possibilità di integrare tra di loro impianto elettrico, riscaldamento, condizionamento, sistemi per la gestione di energia, riconoscimento di oggetti ed immagini, internet, controllo di scenari domestici e altri sistemi di monitoraggio e controllo, allo scopo di ridurre i costi di gestione, semplificare la progettazione e risparmiare energia. La casa diventa intelligente e permette al sistema di sviluppare un controllo maggiore sull’illuminazione degli ambienti”. Alcuni studi sulla domotica parlano di un mercato europeo di 300 milioni di euro per la sola automazione degli edifici su un potenziale di almeno 2,5 Miliardi di Euro, mentre altre fonti statunitensi stimano il mercato globale nel 2011 tra i 95 (fonte ABI Research) e i 238 miliardi di dollari per il solo intrattenimento domestico (fonte Strategy Analytics). “Di certo – spiega il docente del Politecnico - la parola d’ordine rimane quella di una progettazione intelligente, quindi garantire la semplicità e l’integrabilità del sistema nel tem-

po per non prefigurare scenari alla Blade Runner ma anzi mantenere come focus centrale il benessere dell’uomo ed un generale miglioramento della qualità della vita”. La crescita della domotica ha permesso a una serie di settori, tra cui l’illuminazione, di sviluppare nuovi prodotti, trovando quindi nuovi sbocchi sul mercato, “partendo prima di tutto da studi indirizzati sul benessere psicofisico di una luce variabile (variazione delle intensità, della direzione, della temperatura di colore)”. Come spiega Maurizio Rossi, soprattutto negli ambienti domestici, il sistema dovrà garantire lo sviluppo di interfacce user friendly orientando le scelte verso processi di miglioramento della vita di tutti i giorni ed ottimizzazione delle risorse. “Il tema dell’illuminazione ben si presta allo sviluppo della domotica in quanto utilizzando sensori di rilevazione della presenza o delle condizioni di luminosità degli ambienti, permette di attuare un grande risparmio in termini economici ed energetici, oltre alla possibilità di programmare scenari luminosi e interagire in modo dinamico con le esigenze del singolo individuo (ad esempio, l’automazione oscura la stanza e accende le luci soffuse quando vogliamo un momento di relax)”.

> LA SOSTENIBILITÀ ENTRA NELLE IMPRESE CNA (Confederazione Nazionale dell’Artigianato) ed ENEA (Ente per le nuove tecnologie, l’energia e l’ambiente) hanno firmato una convenzione che avvia una collaborazione in materia di formazione e qualificazione professionale, con l’obiettivo di dotare le imprese associate alla CNA di maggiori competenze nei settori della generazione distribuita, dell’efficienza energetica e delle fonti rinnovabili. “Le piccole imprese – spiega una nota - sono, da un lato, attori fondamentali della strategia italiana per il raggiungimento degli obiettivi di sostenibilità ambientale e riduzione della CO2 fissati dalla UE e possono, d’altra parte, cogliere, in tale ottica, importanti opportunità di crescita competitiva”. L’accordo, grazie al quale si prevede la creazione di ol-

tre 200.000 nuovi posti di lavoro, mira alla creazione di una rete di micro, piccole e medie imprese in grado di operare secondo i principi di efficienza e sostenibilità, a cui i consumatori possono rivolgersi per l’installazione e la manutenzione di impianti, e per la progettazione e costruzione “sostenibile” in campo edile. “Con questa collaborazione – prosegue la nota - si intende offrire alle imprese un contributo importante per cogliere le opportunità derivanti dallo sviluppo di settori innovativi quali l’efficienza energetica e le fonti rinnovabili, oltre ad aiutare il Paese a rispettare gli impegni già assunti in tema di salvaguardia ambientale e destinati ad ampliarsi a seguito della recente approvazione del pacchetto Europeo sul clima e del prossimo appuntamento globale di Copenaghen”.

3


Anno I - Numero 3 - febbraio 2010

www.fegime.it

> PACCHETTO UE DI MISURE PER L’EFFICIENZA ENERGETICA Cambiamento climatico e sicurezza energetica sono da mesi ai primi posti dell’agenda del Parlamento Europeo. Il bisogno di rifornimenti sicuri di energia a livello europeo è rinforzato dalle continue fluttuazioni del prezzo del petrolio, dalle crisi energetiche internazionali e dal riscaldamento della terra. Ecco la serie di misure previste per raggiungere uno degli obiettivi chiave dell’UE: il 20% di risparmio energetico entro il 2020. In dicembre dell’anno scorso gli eurodeputati hanno approvato il cosiddetto ‘pacchetto clima-energia’ volto conseguire gli obiettivi che l’UE si è fissata per il 2020: ridurre del 20% le emissioni di gas a effetto serra, portare al 20% il risparmio energetico e aumentare al 20% il consumo di fonti rinnovabili. Uno degli obiettivi, quello del risparmio energetico, verrà raggiunto grazie alle misure del cosiddetto ‘pacchetto efficienza energetica’. Edifici efficienti, elettrodomestici a basso consumo e pneumatici non inquinanti sono i tre pilastri delle nuove leggi comunitarie. I deputati hanno trovato un accordo (in prima lettura)

sui tre testi a maggio scorso. Ora sta al Consiglio dei Ministri esprimere la sua posizione. I dossier si chiuderanno probabilmente nei primi mesi del 2010. Rendimento energetico edifici Le misure approvate dal Consiglio Energia del 7 dicembre consentiranno alle famiglie europee, grazie ai minori consumi energetici, un risparmio di 300 euro l’anno. In particolare, il pacchetto europeo sull’efficienza energetica comprende tre proposte. La prima, riguardante la revisione della Direttiva europea sul rendimento energetico degli edifici, prevede che a partire dal 2021 tutti i nuovi edifici siano a quasi zero consumo di energia, attraverso standard di efficienza più rigorosi e l’utilizzo delle energie rinnovabili. Per i nuovi edifici pubblici, questi requisiti saranno richiesti dopo il 2018. Standard di maggiore efficienza saranno richiesti anche per la ristrutturazione degli edifici esistenti. Nuova etichetta per gli elettrodomestici La seconda proposta (sulla quale, come per la prima, è stato raggiun-

to un accordo tra il Consiglio Ue e il Parlamento europeo) riguarda una nuova Direttiva europea sull’etichetta energetica. La classe energetica degli elettrodomestici “bianchi” (frigoriferi, lavatrici e lavastoviglie, forni, asciugatrici, congelatori) dovrà indicare anche i livelli di efficienza energetica superiori alla classe A, con le sigle A+, A++, A+++, ma il numero complessivo delle classi sarà limitato a 7. Inoltre, la classe energetica dovrà essere specificata anche sul materiale pubblicitario (sia cartaceo che su Internet), oltre che sul prodotto. Etichettatura dei pneumatici Infine la terza proposta, anch’essa contenuta nel pacchetto Ue sull’efficienza energetica, prevede un innovativo sistema di etichettatura dei pneumatici, che evidenzia il consumo di carburante. L’obiettivo è quello di ridurre il consumo di carburante (ad oggi è possibile risparmiare fino al 10% con i nuovi modelli) e le emissioni di gas serra delle automobili e dei veicoli da trasporto. Su questa proposta, il Parlamento europeo e il Consiglio Ue hanno raggiunto un accordo il 1° ottobre scorso.

Per gli obiettivi al 2020, la distanza dell’Italia rispetto allo scenario tendenziale è del 24%. Per raggiungere questi traguardi è indispensabile puntare sull’efficienza energetica: prendendo come riferimento il potenziale stimato dall’Enea, entro il 2020 si potrebbero evitare consumi finali di elettricità per 73 TWh l’anno, cioè il 21,6% circa dei consumi finali lordi del 2008 (337,6 TWh). Il risparmio maggiore potrebbe arrivare dal residenziale (30,8 TWh), seguito dall’industria (22,8), dal terziario (14,2) e dalle infrastrutture (5,2)

4


ANGOLO DEI PRODUTTORI > IL SOLE IN CASA CON IL LUCERNARIO LIGHTWAY Il lucernario tubolare Lightway capta la luce diurna grazie alla cupola e, attraverso la riflessione della luce all’interno del condotto, la diffonde nell’ambiente da illuminare. La capacità straordinaria della cupola di captare anche i raggi solari indiretti, anche nei giorni dove il cielo è coperto e di indirizzarli all’interno del tubo, garantisce delle prestazioni grandiose ad ogni intensità di luce. Sono disponibili due serie di prodotto: la serie Lightway Crystal adatta per locali di tipo residenziale e la serie Lightway Silver adatta per ambienti commerciali/industriali. La linea Crystal dispone dei modelli HP200, HP300 e HP400, la linea Silver 600 e 800. La capacità straordinaria della cupola di captare anche i raggi solari indiretti, anche nei giorni dove il cielo è coperto e di indirizzarli all’interno del tubo, garantisce delle prestazioni grandiose ad ogni intensità di

luce. La scossalina serve ad isolare la cupola dal pacchetto del tetto per evitare infiltrazioni. La riflettenza della luce sulla superficie del tubo Lightway è pari al 99,8%. Il diffusore in vetro con un unico strato antiriflettente impedisce il ritorno della luce nel tubo.

Ciò permette di trasmettere, intensificare, direzionare e diffondere la luce in modo naturale, senza alterarne l’intensità e diffondere in modo omogeneo la luce riflessa, al contrario dei classici diffusori in plastica. Il Kit di ventilazione permette l’areazione forzata del locale illuminato dal lucernario tubolare Lightway tramite l’ausilio di un motorino elettrico e di un condotto di areazione, consentendo l’espulsione dell’aria all’esterno del locale. L’Otturatore elettrico permette di regolare l’intensità della luce emessa dal lucernario tubolare Lightway. Tramite l’ausilio di un motorino elettrico, è possibile oscurare a proprio piacimento il locale. E’ ideale per locali come camere da letto, sale TV e sale riunioni. Il Kit Luce in aggiunta al lucernario tubolare Lightway permette di illuminare il locale anche nelle ore serali grazie all’installazione di un punto luce all’interno del condotto.

> TELECOM ITALIA E BTICINO: AL VIA LA CASA INTELLIGENTE

T

elecom Italia e BTicino hanno avviato una partnership per la gestione “intelligente” della casa attraverso soluzioni di domotica innovative, al fine di rendere più completa la gamma dei servizi tecnologici per l’abitazione. Grazie a questo accordo è possibile, attraverso un semplice smartphone, un palmare o un PC, effettuare il controllo da remoto delle funzioni di illuminazione, di sicurezza e comfort del proprio ambiente domestico, ottimizzando così anche i consumi energetici. La partnership si avvale delle soluzioni di connettività a banda larga fissa e mobile di Telecom Italia e dei dispositivi domotici di BTicino che, adeguatamente configurati, permettono di far dialogare gli apparati presenti in casa e assicurano prestazioni avanzate dell’intero impianto abitativo. La collaborazione ha permesso di identificare e proporre soluzioni tecnologiche perfettamente integrate e di garantire processi di vendita e di assistenza coordinati per la massima semplicità e soddisfazione del cliente. Con una casa connessa ad Internet e MyHome i clienti potranno controllare direttamente dal portale BTicino My Home Web le funzioni domotiche di comfort - risparmio (gestione di luci, tapparelle, temperatura e musica), videocontrollo (visualizzazione degli ambienti) e

di sicurezza (attivazione e disattivazione dell’impianto antifurto, ricezione e notifiche su eventi di allarme), che potranno anche essere attivate o disattivate da remoto. Il sistema di controllo e gestione è accessibile da qualsiasi collegamento Internet anche in mobilità attraverso l’utilizzo di palmari o di cellulari evoluti che, grazie ad applicazioni software precedentemente scaricate, diventano semplici “telecomandi” della casa. Inoltre la partnership ha portato ad un’importante iniziativa promozionale di lancio: il cliente che sceglierà la soluzione di BTicino e si recherà presso i punti vendita Telecom Italia per attivare la connessione ADSL più adatta alle proprie esigenze, avrà diritto ad uno sconto di 250 euro per l’acquisto di un iPhone e all’attivazione gratuita per sei mesi dell’offerta di navigazione Maxxi Internet per iPhone. La promozione viene avviata in Lombardia, Veneto, Trentino Alto Adige e Friuli Venezia Giulia, e sarà poi estesa progressivamente su tutto il territorio nazionale. Con questa collaborazione Telecom Italia e BTicino confermano il loro impegno nello sviluppo di soluzioni domotiche sempre più integrate in cui la comunicazione tra dispositivi tecnologici diversi permette al cliente di usufruire di funzionalità innovative e affidabili per la gestione e la sicurezza della propria abitazione.

5


FOCUS: PASSAGGIO GENERAZIONALE In passato, il tema del passaggio generazionale di impresa è stato discusso in numerose occasioni ed è stato esaminato sotto svariati punti di vista. Questo non lo ha di sicuro reso meno attuale. I dati resi noti in un recente passato ed ancora attualissimi sono quanto mai significativi: in Italia, l’83% delle imprese è a conduzione famigliare e l’85% delle imprese famigliari scompare dopo la terza generazione. l tema è, quindi, molto attuale e di assoluto rilievo. Questi due dati di fatto inducono a proseguire nella disamina del fenomeno. E’ possibile individuare CINQUE REGOLE BASE destinate a presiedere il tema. In sintesi, sono queste:

> Avere piena consapevolezza dell’esistenza del problema e della necessità di affrontarlo L’Italia è un Paese caratterizzato dall’esistenza di un grande numero di imprese piccole e medie. La stragrande maggioranza di queste sono state create nel corso di qualche decennio da un solo imprenditore. Troppo spesso quest’uomo non si pone il problema della continuità dell’impresa dopo la sua scomparsa. Anche se ha dei figli e questi ultimi sono intenzionati a proseguire l’attività, subentrando al padre, il fondatore continua imperterrito a tenere saldamente in mano il timone dell’azienda, apparentemente senza comprendere che, data la sua mortalità, ad un certo punto l’impresa si troverà davanti ad un bivio. La prima regola ha proprio a che vedere con una presa di coscienza e con un atto di volontà. L’imprenditore deve: • afferrare ed accettare il concetto che la sua azienda potrà sopravvivergli; • capire che, nell’interesse dell’impresa e di coloro che, in quanto figli dell’imprenditore che l’ha creata, saranno chiamati ad assicurarne la continuità; • adottare, nel suo intimo e con autentica convinzione, la decisione di pianificare quel passaggio e di assecondarlo con il meglio di quelle stesse capacità, che hanno consentito all’azienda di nascere e di prosperare. > Avere chiarezza in merito agli obiettivi perseguiti L’imprenditore deve capire se la futura gestione dell’impresa può essere affidata a tutti i suoi figli o se, invece, solo uno di essi ha le capacità imprenditoriali per poter efficacemente subentrare al padre. Nel primo caso, deve capire se e come la gestione può essere suddivisa tra i figli in base alle loro specifiche caratteristiche ed attitudini; nel secondo caso, come si possono escludere i figli inadatti dalla gestione dell’impresa senza ledere i loro diritti e, ove possibile, senza necessariamente separarli dalla titolarità del patrimonio aziendale. Un individuo conosce i propri figli ed un imprenditore conosce la propria azienda. In astratto, l’individuo – imprenditore ha, quindi, in mano tutte le carte necessarie per compiere le scelte migliori. > Avere piena consapevolezza delle dinamiche psicologiche presenti all’interno della famiglia L’imprenditore, il quale correttamente si ponga il duplice obiettivo di assicurare la continuità dell’azienda e, al tempo stesso, garantire la sua esistenza all’interno del patrimonio famigliare, deve individuare i possibili ostacoli sulla strada della realizzazione di tale obiettivo e prepararsi ad affrontarli per tempo. Se davvero l’imprenditore vuole realizzare l’obiettivo del passaggio generazionale di impresa deve prevedere il verificarsi di situazioni spiacevoli e giocare d’anticipo, individuando gli strumenti più idonei per “disinnescare” l’esplosione di gravi conflitti interni alla famiglia, potenzialmente idonei a distruggere non

solo l’impresa, ma anche la serenità della famiglia. > Avere piena consapevolezza della realtà aziendale e del mercato in cui questa si colloca E’ possibile che, per assicurare la continuità dell’impresa, debbano essere adottate decisioni importanti: separazione di rami d’attività, ingresso in nuovi mercati, trasformazione di settori dell’azienda, ecc. Per l’imprenditore, adottare ed eseguire tali decisioni prima di passare la mano e, al tempo stesso, farlo insieme al figlio designato al subentro, può costituire un’arma importante per garantire non solo il buon esito del passaggio generazionale, ma anche la prosecuzione della vita dell’impresa. Questo, sotto un duplice profilo: • si può rafforzare l’impresa, posizionandola meglio nel / i mercato / i di riferimento o addirittura aprendo nuovi settori di attività e, quindi, dando all’impresa nuove chanche di crescita e sviluppo; • consentire al futuro gestore dell’azienda di maturare sul campo una concreta esperienza di valore inestimabile. L’imprenditore deve, quindi, guardare al passaggio generazionale come ad una grande opportunità per dare nuovo slancio all’impresa. > Individuare il / i professionista / i con cui collaborare Nessun imprenditore, per quanto capace nel suo lavoro ha le competenze per affrontare da solo e compiere con successo una svolta epocale come il passaggio generazionale di impresa. Da qui sorge la necessità che l’imprenditore si rivolga a dei professionisti preparati ed esperti dello specifico tema del passaggio generazionale di impresa. Da un lato, potrebbe essere richiesto l’intervento di uno psicologo, chiamato a comprendere le già citate dinamiche psicologiche della famiglia e a suggerire all’imprenditore come gestirle. Dall’altro lato, è sicuramente necessario l’intervento di consulenti nel settore giuridico (avvocati) e nel settore economico ed aziendale (commercialisti). Dopo aver capito quali figure professionali devono comparire sulla scena l’imprenditore deve impegnarsi a collaborare efficacemente con loro. “Collaborare” non è inteso qui come la supina accettazione di tutte le indicazioni e di tutti i suggerimenti che provengono dai professionisti; esso non significa, però, neanche che i professionisti devono essere relegati al ruolo di meri esecutori di quanto l’imprenditore ha già deciso per conto suo. L’imprenditore deve chiarire ai professionisti quali sono i suoi obiettivi di carattere generale, ma deve anche ascoltare e seguire i loro suggerimenti, talvolta accettando di rettificare certe sue posizioni e di modificare le strategie che aveva in mente; per parte loro, i professionisti devono agire per conseguire gli obiettivi dell’imprenditore e, quindi, individuare gli strumenti tecnici più efficaci a questo scopo, anche qualora si trovino a non condividere certe scelte di fondo compiute dal loro assistito.

6


Punti Vendita FEGIME CALABRIA FINPOLO�spa����Cella FERIB�3000�srl����Roma Durzo�Domenico�Distribuzione�srl����Maierato 42124,��Via�G.Balla,11,��RE�����Tel�:�0522�94041���Fax� 00179,��Via�Cessati�Spiriti,�6/E�8/A,��RM�����Tel 89843,��Zona�Industriale,��VV�����Tel�:�096�3255893��� Fax�:�096�3255768����E�mail�:� durzodomenico@durzosrl.it�����Homepage�:� www.durzosrl.it

:�0522�944100����E�mail�:� commerciale@finpolo.it�����Homepage�:� www.finpolo.net

Durzo�Domenico�Distribuzione�srl����Vibo� Valentia

26100,��Via�Brescia,24,��CR�����Tel�:�0372�454181��� Fax�:�0372�454193����E�mail�:� finpolo.cremona@finpolo.it�����Homepage�:� www.finpolo.net

24127,��Via��A.�De�Gasperi�174/186,��VV�����Tel�:� 096�345821���Fax�:�096�342865����E�mail�:� durzodomenico@durzosrl.it�����Homepage�:� www.durzosrl.it

CAMPANIA COPPOLA�MARIO�srl����Mugnano�di�Napoli

FINPOLO�spa����Cremona

FINPOLO�spa����Loc.Torrazzi�Modena 41122,��Via�Papa�Giovanni�XXXIII,39,��MO�����Tel�:� 059�269611���Fax�:�059�250115����E�mail�:� finpolo.modena@finpolo.it�����Homepage�:� www.finpolo.net

80018,��Quadrivio�Mugnano�Giugliano,��NA�����Tel�:� FINPOLO�spa����Mirandola 081�7451514���Fax�:�081�7454204����E�mail�:� 41037,��Via�E.Toti,81/83�C.P.45,��MO�����Tel�:�0535� coppola.mario@iol.it 22468���Fax�:�0535�26618����E�mail�:� COPPOLA�MARIO�srl����Napoli finpolo.mirandola@finpolo.it�����Homepage�:� 80134,��Piazza�Montoliveto�5,��NA�����Tel�:�081� www.finpolo.net 5524626���Fax�:�081�7454204����E�mail�:� FINPOLO�spa����Parma coppola.mario@iol.it 43122,��Via�Vernazzi,28/a�30/a,��PR�����Tel�:�0521� COPPOLA�MARIO�srl����Napoli 776650���Fax�:�0521�775883����E�mail�:� 80134,��Via�Diodato�Lioy�12/13,��NA�����Tel�:�081� finpolo.parma@finpolo.it�����Homepage�:� 5514777���Fax�:�081�7454204����E�mail�:� www.finpolo.net coppola.mario@iol.it

COPPOLA�VINCENZO�srl����Napoli

FINPOLO�spa�����LUCE�CITTA'����Reggio�Emilia

42124,��Via�F.lli�Cervi,4,��RE�����Tel�:�0522�386411��� 80134,��Via�Pigna,�28,��NA�����Tel�:�081�649984���Fax� Fax�:�0522�303239����E�mail�:�info@lucecitta.it����� :�081�640391������E�mail�:�coppola.vincenzo@libero.it Homepage�:�www.finpolo.net

EMILIA CACCIAVILLANI��srl����Reggio�Emilia 42100,��Via�Majakowski,�2,��RE�����Tel�:�0522� 304741���Fax�:�0522�304741����E�mail�:� info@cacciavillani.it�����Homepage�:� www.cacciavillani.it

COIME�srl.����Montecchio�Emilia 42027,��Via�Spallanzani,7,��RE�����Tel�:�0522� 865979���Fax�:�0522�863547����E�mail�:� fontanesi@fornaciari.it�����Homepage�:� www.coime.it

COIME�srl.����Formigine 41043,��Via�Quattro�passi,57,��MO�����Tel�:�059� 571154���Fax�:�059�571907����E�mail�:� coime@coime.it�����Homepage�:�www.coime.it

COIME�srl.����Modena 41100,��Via�Amundsen�67,��MO�����Tel�:�059� 828393���Fax�:�059�820221����E�mail�:� commerciale@coime.it�����Homepage�:� www.coime.it

COIME�srl.����Sant'Antonio�di�Casalgrande 42013,��Strada�Statale�467,67,��MO�����Tel�:�0536� 823363���Fax�:�0536�823363����E�mail�:� paganelli@fornaciari.it�����Homepage�:� www.coime.it

FINPOLO�spa�����DIVISIONE�CAVI����Reggio� Emilia

7821�202���Fax�:�06�7821�206����E�mail�:� ferib@tin.it�����Homepage�:�www.ferib3000.it

LIGURIA MES�srl����Vezzano�Ligure 19020,��Via�Provinciale�Piana,�33�(Bottagna),�� Tel�:�0187�991131���Fax�:�0187�991139����� Homepage�:�www.mesnet.it

MES�srl����Arquata�Scrivia 15061,��Loc.�Le�Vaie�s.n.,��AL�����Tel�:�0143�637 Fax�:�0143�667971�����Homepage�:�www.mesn

MES�srl����Genova 16152,��Via�Renata�Bianchi�77F,��GE�����Tel�:�01 6018963���Fax�:�010�6016863�����Homepage�:� www.mesnet.it

MES�srl����La�Spezia 19100,��Via�Fontevivo,�19,��SP�����Tel�:�0187� 564.539���Fax�:�0187�529693�����Homepage�:� www.mesnet.it

MES�srl�����BricoMES����Vezzano�Ligure 19020,��Via�Provinciale�Piana,�29,��SP�����Tel�:�0 991255���Fax�:�0187�991254�����Homepage�:� www.mesnet.it

LOMBARDIA D.M.E.�srl����Milano 20124,��Viale�Cassala,�30,��MI�����Tel�:�02�5817 Fax�:�02�58177560����E�mail�:�dme@dme.it����� Homepage�:�www.dme.it

D.M.E.�srl�����DME�LUCE�Milano

42124,��Via�G.Balla,3,��RE�����Tel�:�0522�545339���Fax� 20143,��Viale�Cassala,�30,��MI�����Tel�:�02�5817 :�0522�545337����E�mail�:� Fax�:�02�58177560����E�mail�:�dme@dme.it����� commerciale@finpolo.it�����Homepage�:� Homepage�:�www.dme.it www.finpolo.net

LAZIO ELETTROSISTE�DUE�srl����5�Fiano�Romano

D.M.E.�srl����Barlassina

20030,��Via�Montello�1/B�an�Via�Nazionale�de Giovi�28/36,��MI�����Tel�:�0362�57781���Fax�:�03 0006,��Via�del�Commercio�SNC�(Zona�Industriale),�� 577833����E�mail�:�dme@dme.it�����Homepage RM�����Tel�:�0765�453087���Fax�:�0765�400590����E� www.dme.it mail�:�elettrosistedue@elettrosistedue.it����� D.M.E.�srl����Magenta Homepage�:�www.elettrosistedue.it 20013,��Corso�Europa,�78/80,��MI�����Tel�:�02� ELETTROSISTE�DUE�srl����Monterotondo 97297696���Fax�:�02�97291233����E�mail�:� 00015,��Via�S.�Martino,�88�88A/90�90A,��RM�����Tel� dme@dme.it�����Homepage�:�www.dme.it :�06�90627043���Fax�:�06�9068346����E�mail�:� D.M.E.�srl����Milano elettrosistedue@elettrosistedue.it�����Homepage�:� 20124,��Via�G.�Keplero,�20,��MI�����Tel�:�02� www.elettrosistedue.it 6933951���Fax�:�02�69339550����E�mail�:� FERIB�3000�srl����Roma dme@dme.it�����Homepage�:�www.dme.it 00137,��Via�Renato�Fucini,�290,��RM�����Tel�:�06� D.M.E.�srl����Paderno�Dugnano 8293662���Fax�:�06�8278375����E�mail�:� 20037,��Via�Gen.�Dalla�Chiesa,�50,��MI�����Tel�:� ferib@tin.it�����Homepage�:�www.ferib3000.it 9183650���Fax�:�02�97291233����E�mail�:� FERIB�3000�srl����Frosinone dme@dme.it�����Homepage�:�www.dme.it 03100,��Via�Vado�La�Lena,�12,��FR�����Tel�:�0775�871� D.M.E.�srl����Peschiera�Borromeo 818���Fax�:�0775�871843����E�mail�:�ferib@tin.it����� 20068,��Via�Grandi,�7,��MI�����Tel�:�02�5537911� Homepage�:�www.ferib3000.it :�02�55379150����E�mail�:�dme@dme.it����� Homepage�:�www.dme.it

7


D.M.E.�srl����San�Martino�Siccomario

E.M.A.�CEREDA�srl����Agrate�Brianza

27028,��Via�Gramsci,11/A,��PV�����Tel�:�0382� 1855040���Fax�:�0382�1855041����E�mail�:� pavia@dme.it�����Homepage�:�www.dme.it

20041,��Via�Marconi,�16,��MI�����Tel�:�039�6059970��� Fax�:�039�6059971����E�mail�:� emacereda@emacereda.it�����Homepage�:� www.emacereda.it

I.M.E.�srl����Jesi

ELETTRICA�CORDANI�srl����Bergamo

I.M.E.�srl����Fermo

D.M.E.�srl����Trezzano�Sul�Naviglio 20090,��Via�Carlo�Goldoni,19,��MI�����Tel�:�02� 48405868���Fax�:�02�48405861����E�mail�:� trezzano@dme.it�����Homepage�:�www.dme.it

D.M.E.�srl����Vignate

24127,��Via�F.lli�Bandiera,�11/13,��BG�����Tel�:�035� 401610���Fax�:�035�401611����E�mail�:� info@elettricacordani.it�����Homepage�:� www.elettricacordani.it

20060,��S.�P.�Rivoltana,�14�Km�8,56,��MI�����Tel�:�02� IMAT�FELCO�spa����Como 95361025���Fax�:�02�95364646����E�mail�:� dme@dme.it�����Homepage�:�www.dme.it 22100,��Via�Scalabrini,�100,��CO�����Tel�:�031� 525801���Fax�:�031�525802����E�mail�:� D.M.E.�srl����Voghera�Pavia direzione@imatfelco.it�����Homepage�:� 27058,��Via�F.lli�Rosselli,�131,��PV�����Tel�:�0383� www.imatfelco.it 48850���Fax�:�0383�368794����E�mail�:� IMAT�FELCO�spa����Caiolo�Sondrio dme@dme.it�����Homepage�:�www.dme.it 23010,��Via�Valeriana,�6,��CO�����Tel�:�0342�354032��� DEI�srl����Piacenza Fax�:�0342�354033����E�mail�:� 29100,��Via�Einaudi,�7,��PC�����Tel�:�0523�488000��� direzione@imatfelco.it�����Homepage�:� Fax�:�0523�490416����E�mail�:�info@casaroli.it����� www.imatfelco.it Homepage�:�www.deinewelectric.it

DEI�srl����Brescia 20123,��Via�Foro�Boario,�15,��BS�����Tel�:�030� 2306138���Fax�:�030�2306130����E�mail�:� info@casaroli.it�����Homepage�:� www.deinewelectric.it

DEI�srl����Leno 25024,��Via�Marco�Polo,�9/11,��BS�����Tel�:�030� 9038220���Fax�:�030�9038215����E�mail�:� info@casaroli.it�����Homepage�:� www.deinewelectric.it

DEI�srl����Melegnano 20077,��Via�S.�Allende,�18,��MI�����Tel�:�02� 98376709���Fax�:�02�9838219����E�mail�:� info@casaroli.it�����Homepage�:� www.deinewelectric.it

DEI�srl����Modena

IMAT�FELCO�spa����Mariano�Comense

22066,��Via�A.�Moro,�30/32,��CO�����Tel�:�031� 743535���Fax�:�031�743545����E�mail�:� direzione@imatfelco.it�����Homepage�:� www.imatfelco.it

IMAT�FELCO�spa����Merone 22046,��Via�Manzoni,�24/26,��CO�����Tel�:�031� 651153���Fax�:�031�651453����E�mail�:� direzione@imatfelco.it�����Homepage�:� www.imatfelco.it

IMAT�FELCO�spa����Tradate 21049,��Via�Bernardino�Luini�1,��CO�����Tel�:�0331� 810920���Fax�:�0331�811127����E�mail�:� direzione@imatfelco.it�����Homepage�:� www.imatfelco.it

NORD�ELETTRICA�srl����Milano

20132,��Via�Giuba��18,��MI�����Tel�:�02�26142665��� 41100,��Via�Emilia�Est.�513/515,��MO�����Tel�:�0371� Fax�:�02�2895973����E�mail�:� 362099���Fax�:�0371�362098����E�mail�:� info@nordelettrica.it�����Homepage�:� info@casaroli.it�����Homepage�:� www.nordelettrica.it www.deinewelectric.it

DEI�srl����San�Martino�in�Strada�Lodi 26817,��Frazione�ca�del�Bolli,��MI�����Tel�:�0371� 35961���Fax�:�0371�438237����E�mail�:� info@casaroli.it�����Homepage�:� www.deinewelectric.it

DEI�srl����Sarezzo 25068,��Via�Repubblica,�177,��BS�����Tel�:�030� 8901698���Fax�:�030�8906477����E�mail�:� info@casaroli.it�����Homepage�:� www.deinewelectric.it

DEI�srl����Tormini�Di�Roè�Volciano

27029,��Via�Aguzzafame,��PV�����Tel�:�0381�35759��� Fax�:�0381�345588����E�mail�:�info@casaroli.it����� Homepage�:�www.deinewelectric.it

60035,��Via�Brodolini,�37�ZIPA,��AN�����Tel�:�073 1205722���Fax�:�073�156050����E�mail�:� info@imejesi.it�����Homepage�:�www.imejesi.i 63023,��Via�Pompeiana,�332,��AP�����Tel�:�073� 4228139���Fax�:�073�4228129����E�mail�:� info@imejesi.it�����Homepage�:�www.imejesi.i

I.M.E.�srl����Senigallia 60019,��Via�Della�Bruciata��Cesano�12/15,��AN Tel�:�071�6607929���Fax�:�071�668396����E�mail info@imejesi.it�����Homepage�:�www.imejesi.i

MARCHE�Elettroforniture�srl����Ancona 60131,��Via�A.Grandi,48,��AB�����Tel�:�071�8041 Fax�:�071�804405�����Homepage�:� www.marcheelettroforniture.it

PIEMONTE MANNA�spa����Torino 10152,��C.�so�Novara,�112,��TO�����Tel�:�011� 2339511���Fax�:�011�2407564����E�mail�:� manna@mannatorino.it�����Homepage�:� www.mannatorino.it

MANNA�spa����Biella 13900,��Via�Rigola,�9,��BI�����Tel�:�015�8491874� :�015�8494285����E�mail�:� manna@mannatorino.it�����Homepage�:� www.mannatorino.it

MANNA�spa����Chivasso 10034,��Via�Gerbido,�15,��TO�����Tel�:�011�9176 Fax�:�011�917665����E�mail�:� manna@mannatorino.it�����Homepage�:� www.mannatorino.it

MANNA�spa����Torino 10147,��Via�Cardinal�Massaia,�116,��TO�����Tel�: 2266888���Fax�:�011�2265155����E�mail�:� manna@mannatorino.it�����Homepage�:� www.mannatorino.it

MANNA�spa����Torino

10130,��Via�Guglielminetti,�35,��TO�����Tel�:�011 3244600���Fax�:�011�321140����E�mail�:� 20010,��Via�Monzoro�Ang.Via�Merendi,��MI�����Tel�:� manna@mannatorino.it�����Homepage�:� 02�93567508���Fax�:�02�93567644����E�mail�:� www.mannatorino.it info@nordelettrica.it�����Homepage�:� PUGLIA www.nordelettrica.it

NORD�ELETTRICA�srl����Cornaredo

NORD�ELETTRICA�srl����Segrate

GAROFOLI�spa����Palo�del�Colle

20090,��Via�Cava�Trombetta,�3,��MI�����Tel�:�02� 39292386���Fax�:�02�26928103����E�mail�:� info@nordelettrica.it�����Homepage�:� www.nordelettrica.it

70027,��Strada�Provinciale�Palo���Binetto�Z.A., BA�����Tel�:�080�9911795���Fax�:�080�9911166��� mail�:�ferulli.renato@garofolisrl.it�����Homepa www.garofolisrl.it

NORD�ELETTRICA�srl����Sesto�San�Giovanni

GAROFOLI�spa����Canosa�di�Puglia

20099,��Via�V.�Veneto,�32,��MI�����Tel�:�02�2485176��� 25077,��Via�M.�Covolo,�7,��BS�����Tel�:�0365�556541��� Fax�:�02�26222191����E�mail�:� Fax�:�0365�556975����E�mail�:�info@casaroli.it����� info@nordelettrica.it�����Homepage�:� Homepage�:�www.deinewelectric.it www.nordelettrica.it

DEI�srl����Vigevano�Pavia

MARCHE

70053,��Via�Cerignola�KM.�0,600�Z.I.�1°�Lotto,� BA�����Tel�:�0883�617569���Fax�:�0883�661500��� mail�:�ferulli.renato@garofolisrl.it�����Homepa www.garofolisrl.it

SOLZI�BRUNO�&�C.�S.N.C.����Cremona

GAROFOLI�spa����Casarano

26100,��Via�Castelleone,�128,��CR�����Tel�:�0372� 471033���Fax�:�0372�471173����E�mail�:� solzibruno@tecnosite.it�����Homepage�:� www.solzibruno.it

73042,��Via�Goethe,�angolo�Circonvallazione,� Tel�:�0833�5011338���Fax�:�0833�599663����E�m ferulli.renato@garofolisrl.it�����Homepage�:� www.garofolisrl.it

8


ROMAGNA

VITALE�MICCONI�srl����Villacidro�Cagliari

IMEP�spa����Prato

09039,��Via�Mazzini,�2,��CA�����Tel�:�070�932634��� Fax�:�����E�mail�:�info@micconi.it�����Homepage�:� www.micconi.it

59100,��Via�Del�Lazzeretto,�53/55,��PT�����Tel�:� 53341���Fax�:�0574�596824����E�mail�:� imep@imep.it�����Homepage�:�www.imep.it

SICILIA SALVATORE�GUARDO����Gravina�Di�Catania

IMEP�spa����Arezzo

ELFI�spa����Bologna

ELFI�spa�����ELFILUCE����Ravenna

Z.T.C.��srl����Misterbianco

ELFI�spa����Forlì 47122,��Via�Copernico,107,��FO�����Tel�:�0543� 802311���Fax�:�0543�802341����E�mail�:� info@elfispa.it�����Homepage�:�www.elfi.it

52100,��Via�Galileo�Ferrari,�19,��AR�����Tel�:�057 40138,��Via�Del�Decoratore,4��Zona�Roveri,��BO����� 95030,��Via�Gramsci,�108,��CT�����Tel�:�095��213622��� 984897���Fax�:�0575�381386����E�mail�:� imep@imep.it�����Homepage�:�www.imep.it Tel�:�051�6036611���Fax�:�051�6036611����E�mail�:� Fax�:�095�213136 IMEP�spa����Bibbiena�Stazione davide.figna@elfispa.i�����Homepage�:�www.elfi.it SIRACUSANA�Elettricità����Siracusa 52012,��Loc.4�Vie/Loc.Casa�Micciola,40,��AR��� ELFI�spa����Case�Castagnoli�Cesena 96100,��Contrada�Targia�C.P.�82,�Via�Stentinello,� 47521,��Via�Pitagora,435,��CE�����Tel�:�0547�300306��� 21,��SI�����Tel�:�0931�756666���Fax�:�0931�754678����E� 0575�536934���Fax�:�0575�536310����E�mail�:� imep@imep.it�����Homepage�:�www.imep.it Fax�:�0547�302602����E�mail�:�pieri.ce@elfispa.it����� mail�:�lubella@tin.it�����Homepage�:� IMEP�spa����Borgo�San�Lorenzo Homepage�:�www.elfi.it www.sirelonline.it 50032,��Via�IV�Novembre,�51/53,��FI�����Tel�:�05 ELFI�spa����Case�Castagnoli�Cesena SIRACUSANA�Elettricità����Augusta 47521,��Via�Emilia�Levante,�1795,��CE�����Tel�:�0547� 96011,��Via�Catania,�77,��SI�����Tel�:�0931�512171��� 8495898���Fax�:�055�8458614����E�mail�:� imep@imep.it�����Homepage�:�www.imep.it 301794���Fax�:�0547�385301����E�mail�:� Fax�:�0931�511167����E�mail�:�lubella@tin.it����� IMEP�spa����Campo�di�Marte�Firenze casotti@elfispa.it�����Homepage�:�www.elfi.it Homepage�:�www.sirelonline.it 50137,��Via�Mamiani,�20,��FI�����Tel�:�055�61220 ELFI�spa����Cattolica SIRACUSANA�Elettricità����Avola 47841,��Via�Bellini�s/n�Zona�Artigianale,��CE�����Tel�:� 96012,��Via�Siracusa,�128,��SI�����Tel�:�0931�564882��� Fax�:�055�604609����E�mail�:�imep@imep.it����� Homepage�:�www.imep.it 0541�833163���Fax�:�0541�831839����E�mail�:� Fax�:�0931�565017����E�mail�:�lubella@tin.it����� IMEP�spa����Ceparana�di�Bolano cattolica@elfispa.it�����Homepage�:�www.elfi.it Homepage�:�www.sirelonline.it 19020,��Via�Galilei,�12,��SP�����Tel�:�0187�93432 ELFI�spa����Cervia SIRACUSANA�Elettricità����Floridia 48015,��Via�Levico�15/19,��RA�����Tel�:�0544�71689��� 96014,��Corso�Vittorio�Emanuele,�626,��SI�����Tel�:� Fax�:�0187�934789����E�mail�:�imep@imep.it���� Homepage�:�www.imep.it Fax�:�0544�971874����E�mail�:�cervia@elfispa.it����� 0931�564882���Fax�:�����E�mail�:�lubella@tin.it����� IMEP�spa����Follonica�Grosseto Homepage�:�www.elfi.it Homepage�:�www.sirelonline.it 58022,��Via�dell’Edilizia,�8,��GR�����Tel�:�0566�58 ELFI�spa����Faeza SIRACUSANA�Elettricità����Gravina�di�Catania Fax�:�0566�53173����E�mail�:�imep@imep.it����� 48018,��Via�Granarolo�153/1,��RA�����Tel�:�0546� 95030,��Via�Etnea,�58/A,��CT�����Tel�:�095�4190035��� Homepage�:�www.imep.it 607511���Fax�:�0546�607531����E�mail�:� Fax�:�095�7500494����E�mail�:�lubella@tin.it����� IMEP�spa����Grosseto dovizioso.fa@elfispa.it�����Homepage�:�www.elfi.it Homepage�:�www.sirelonline.it 58100,��Via�Birmania,�15,��GR�����Tel�:�0564� ELFI�spa����Fano SIRACUSANA�Elettricità����Ragusa 61032,��Via�L.Einaudi,23���Z.I.�Bellocchi,��PU�����Tel�:� 97100,��Via�Carducci,�167,��SI�����Tel�:�0932�621160��� 456407���Fax�:�0564�451165����E�mail�:� imep@imep.it�����Homepage�:�www.imep.it 0721�854428���Fax�:�0721�855135����E�mail�:� Fax�:�����E�mail�:�lubella@tin.it�����Homepage�:� IMEP�spa����La�Spezia fano@elfispa.it�����Homepage�:�www.elfi.it www.sirelonline.it 19100,��Via�Delle�Pianezze,160,��SP�����Tel�:�01 ELFI�spa����Forlì SIRACUSANA�Elettricità����Siracusa 952405���Fax�:�0197�981955����E�mail�:� 47122,��Via�N.Copernico,107,��FO�����Tel�:�0543� 96100,��Viale�Teracati,�158/F,��SI�����Tel�:�0931� imep@imep.it�����Homepage�:�www.imep.it 802343���Fax�:�0543�801238����E�mail�:� 37889���Fax�:�0931�30214����E�mail�:� IMEP�spa����Lucca,�Loc.�Acquacaida���Zon vitali.fo@elfispa.it�����Homepage�:�www.elfi.it lubella@tin.it�����Homepage�:�www.sirelonline.it 48123,��Via�Fantina,�126/x,��RA�����Tel�:�0544� 464024���Fax�:�0544�463395����E�mail�:� elfiluce@elfispa.it�����Homepage�:�www.elfi.it

ELFI�spa����Ravenna 48123,��Via�M.Monti,14/16�Zona�Bassette,��RA����� Tel�:�0544�459811���Fax�:�0544�451038����E�mail�:� santini@elfispa�it�����Homepage�:�www.elfi.it

ELFI�spa����Rimini 47923,��Via�Dell'Ace�18,��RI�����Tel�:�0541�751011��� Fax�:�0541�751718����E�mail�:� maurizio.cerquetti@elfispa.it�����Homepage�:� www.elfi.it

95045,��C.da�Incarrozza,snc,��CT�����Tel�:�095� 464041���Fax�:�095�464047����E�mail�:� ztcsrl@virgilio.it�����Homepage�:�www.ztcsrl.it

Z.T.C.��srl����Torrenova

Ind.

55100,��Via�del�Brennero,1040,��LU�����Tel�:����F :�����E�mail�:�imep@imep.it�����Homepage�:� www.imep.it

IMEP�spa����Massa

54100,��Via�Dorsale���Zona�Industr.�Comprens 98070,��Via�Mazzini,�177,��CT�����Tel�:�0941�785869��� MAC�M.A.,��MA�����Tel�:�0585�830511���Fax�:�05 Fax�:�0941�785917����E�mail�:�ztcsrl@virgilio.it����� 831976����E�mail�:�imep@imep.it�����Homepag Homepage�:�www.ztcsrl.it www.imep.it

TOSCANA FINPOLO�spa����Loc.Acquacalda�Lucca

IMEP�spa����Osmannoro�Sesto�Fiorentino

50019,��Via�E.�Majorana�30,��FI�����Tel�:�055� 55100,��SS�12�del�Brennero,104BS,��LU�����Tel�:�0583� 375012���Fax�:�055�319375����E�mail�:� 462034���Fax�:�0583�409636����E�mail�:� imep@imep.it�����Homepage�:�www.imep.it finpolo.lucca@finpolo.it�����Homepage�:� IMEP�spa����Pistoia SARDEGNA www.finpolo.net 51100,��Via�Ugo�Foscolo,54,��PT�����Tel�:�573� VITALE�MICCONI�srl����Cagliari FINPOLO�spa����Prato,�Zona�Industriale�Macra 934585���Fax�:�0573�534471����E�mail�:� 09100,��Via�Cimarosa,�127,��CA�����Tel�:�070�43321��� 59100,��Via�Strobino�Angolo�via�Tourcoing,��PT����� imep@imep.it�����Homepage�:�www.imep.it Fax�:�070�487374����E�mail�:�info@micconi.it����� Tel�:�0574�584541���Fax�:�0574�527900����E�mail�:� IMEP�spa����Pistoia Homepage�:�www.micconi.it finpolo.prato@finpolo.it�����Homepage�:� 51100,��Lineablu���Via�A.�Manzoni,�31,��PT�����T VITALE�MICCONI�srl����S.P.�Elmas�Sestu www.finpolo.net 0573�368204���Fax�:�0573�368263����E�mail�:� 09040,��Loc.�Su�Moriscau�Km.�2,900,��CA�����Tel�:� imep@imep.it�����Homepage�:�www.imep.it 070�2310182���Fax�:�070�2310182����E�mail�:� info@micconi.it�����Homepage�:�www.micconi.it

9


IMEP�spa����Viareggio 55049,��Via�Aurelia�Nord,�73,��LU�����Tel�:�0584� 48919���Fax�:�0584�427164����E�mail�:� imep@imep.it�����Homepage�:�www.imep.it

MES�srl����Arezzo 52100,��Via�A.�Einstein�31/35,��AR�����Tel�:�0575� 54830���Fax�:�0574�630875�����Homepage�:� www.mesnet.it

MES�srl����Firenze 50145,��Via�G.�Vittorio,�13,��FI�����Tel�:�055�30491��� Fax�:�055�304961�����Homepage�:�www.mesnet.it

SAN�MARCO�scrl�����DIMENSIONE�LUCE�sas���� Sedico 32036,��Via�Belluno,38,��BL�����Tel�:�0437�852303��� Fax�:�0437�838080����E�mail�:� info@dimensioneluce.com�����Homepage�:� www.dimensilneluce.com

SAN�MARCO�scrl�����BATTAGLIA�srl����Villorba 31050,��Via�Edison,3,��TV�����Tel�:�0422�608708���Fax� :�0422�608709����E�mail�:� info@elettrobattaglia.com�����Homepage�:� www.elettrobattaglia.com

MES�srl����Prato 59100,��Via�Yury�Gagarin,�45,��PT�����Tel�:�0574� 54830���Fax�:�0574�630875�����Homepage�:� www.mesnet.it

UMBRIA LUCCIOLA�srl����Bastia�Umbra 06083,��Via�del�Salici,�20/22,��PG�����Tel�:�075� 8011446���Fax�:�075�8081302����E�mail�:� lucciolasrl@lucciola.it�����Homepage�:� www.lucciola.it

LUCCIOLA�srl����Città�di�Castello 06011,��Via�Vito�Vicenti,�Zona�Ind.�Cerbara,��PG����� Tel�:�075�8511732���Fax�:�075�8511713����E�mail�:� lucciolasrl@lucciola.it�����Homepage�:� www.lucciola.it

LUCCIOLA�srl����Sant’Andrea�Delle�Fratte 06132,��Via�Pier�Marini,23,��PG�����Tel�:�075� 5270996���Fax�:�075�5280149����E�mail�:� lucciolasrl@lucciola.it�����Homepage�:� www.lucciola.it

VENETO MORETTI�spa����Vicenza 36100,��Viale�S.Agostino,�280/282,��VI�����Tel�:�0444� 965425���Fax�:�0444�965428����E�mail�:� info@morettionline.it�����Homepage�:� www.morettionline.it

SAN�MARCO�scrl�����ICEL�spa����Loreggia 35010,��Via�Dell'Artigianato,3,��PD�����Tel�:�049� 5793546���Fax�:�049�5794623����E�mail�:� info@icelspa.com�����Homepage�:�www.icelspa.com

SAN�MARCO�scrl�����ZAMPIERI�snc���� Camponogara 30010,��Via�Degli�Artigiani,22,��VE�����Tel�:�041� 4174259���Fax�:�041�5159119����E�mail�:� izamp@tin.it

SAN�MARCO�scrl�����ZURLO�srl����Cittadella 35013,��Via�Dell'Industria,�1,��PD�����Tel�:�049� 5970918���Fax�:�049�9402334����E�mail�:� info@zurlo.it�����Homepage�:�www.zurlo.it

SAN�MARCO�scrl�����ELETTROPADOVA�srl���� Limena 35010,��Via�Cesare�Battisti,20,��PD�����Tel�:�049� 8840880���Fax�:�049�8840882����E�mail�:� elettropadova@libero.it

10


2010 - Febbraio - FEGIME News