Page 1

Soccer

WE

WE

LOVE THE W RL RLD D

LOVE THE W RL RLD D Direttore responsabile Flavia Colli Franzone

www.fashionillustrated.eu Manchette 46,5x34,7 DEF.indd 1

Allegato Issue #19- Marzo/Aprile 2013

20/12/12 12:51

Gran Galà del calcio

Manchette 46,5x34,7 DEF.indd 1

Legendary accessories Scarpini che fanno storia. I grandi brand fra passato e futuro Pag. 12

Post stadium look

Stile fuori campo. Hipster e sofisticato oltre il tempo Pag. 20

Soccer passion

Il bello dei tifosi. Pubblico blasonato e non allo stadio Pag. 24

20/12/12 12:51

Digital

Calcio e social network. Uno sport da condividere anche sul web Pag. 26

Calcio&Cinema

“Poste Italiane Spa - Spedizione in Abbonamento Postale - 70% - LO-MI”

Uomini di spettacolo La serata del 27 gennaio presso il Teatro Dal Verme di Milano è davvero speciale. Il Gran Galà del Calcio è una grande festa che celebra le eccellenze dello sport numero uno in Italia. Durante la soireé verrà composta una ipotetica squadra che mette assieme gli 11 migliori talenti calcistici. La giuria si compone di allenatori, arbitri, giornalisti, C.T. ed ex C.T. della Nazionale, oltre a circa 600 votanti. La serata più glamour dell'anno accoglie, anche in questa seconda edizione, un parterre vip con i nomi più noti del calcio e dello spettacolo. Pag. 10

I nuovi padroni scendono in campo

Roman Abramovich

Il calcio, oltre che oggetto di passione, è anche una questione di denaro. Capitali sempre più ingenti che servono a finanziare le squadre, a comprare i giocatori migliori, a sostenere quel calcio che fa spettacolo e che genera il ritorno sui capitali che ogni investitore cerca. Negli ultimi anni la mappa degli investitori del calcio è però cambiata; agli imprenditori locali (come i nostrani patron di Milan e Inter), si sono dapprima affiancati i miliardari russi e, infine, gli emiri del medio oriente. Squadre blasonate, come Manchester City e Paris Saint Germain sono state acquistate e finanziate a suon di petro-dollari con un flusso di capitali all’apparenza infinito. Ma non sono sempre rose e fiori: il flusso a volte si interrompe ed anche il più danaroso degli investitori si attende i risultati (quelli di campionato si intende) e se questi non arrivano, può riconsiderare le proprie decisioni. L’Italia, con le sue squadre e i suoi campioni, resta per ora ai margini di questo fenomeno; se però è vero che gli emiri tardano a sbarcare, lo hanno invece fatto gli americani nella Roma di Totti, a segnare forse l’inizio di una nuova fase. Pag. 14

Eric Cantona by Nadav Kander pubblicata da Duncan Hull

Grande calciatore e bravo attore. Ma anche uomo immagine in spot pubblicitari. Eric Cantona ha fatto goal. E non solo nel calcio.

Cosa hanno in comune il mondo del calcio e quello del cinema? Che entrambi fabbricano sogni e creano (o distruggono) miti. Nel caso di Eric Cantona si può dire che sia riuscito a fare goal sia nel calcio sia nel cinema. Considerato il calciatore più amato (e, sorpresa, non George Best o David Beckham) dai tifosi del Manchester Utd - dove ha giocato dal 1992 al 1997 conquistando 5 scudetti - il francese Cantona è stato addirittura eletto dai suoi sostenitori “calciatore del secolo” del club nel 2001. Dopo il ritiro

dall’attività agonistica si è dedicato al cinema come attore accanto a Monica Bellucci in Le Deuxieme Souffle e come produttore e attore nel film, uscito nel 2009, Il mio amico Eric, dedicato ai tifosi del Manchester Utd, con la regia di Ken Loach e presentato in concorso alla 62sima edizione del Festival di Cannes. In quella occasione ha vinto il premio Magritte alla migliore coproduzione. Quale ruolo più azzeccato se non quello di questo film, che racconta la storia di un calciatore e un suo fan che diventano amici, dove Cantona

interpreta se stesso. Sempre a proprio agio, di fronte alla macchina da presa, come lo era quando scendeva in campo davanti ai suoi sostenitori, e come avvenne anche nei numerosi spot pubblicitari di Nike con altri suoi illustri colleghi. Dal calcio alla pubblicità, un percorso quasi obbligato per molti calciatori carismatici che sono diventati testimonial dei più prestigiosi brand di moda sia sula carta stampata che in televisione. Meno scontato invece l’ingresso nel grande schermo – Cantona ha recitato già in una quindicina

di film -, un traguardo non per tutti, anche se non mancano illustri esempi. Pelè in Fuga per la vittoria, un film del 1981 diretto da John Huston, Beckham Zidan & Co con brevi apparizioni in Goal! del 2005, primo film di una trilogia sul mondo del calcio. Fino ad arrivare al recentissimo film diretto da Gabriele Muccino “Quello che so sull’amore” che racconta la storia di un ex-calciatore professionista (interpretato dall’attore Gerard Butler) che decide di allenare la squadra del figlio destando molta “attenzione”.


FASHION ILLUSTRATED

Allegato Issue #19- Marzo/Aprile 2013


SOCCER ILLUSTRATED

Allegato Issue #19- Marzo/Aprile 2013


FASHION ILLUSTRATED

Allegato Issue #19- Marzo/Aprile 2013

«Questa non è una scarpa, questa è una pantofola...» John Charles, centravanti della Juventus. 1959


l'editoriale

Calcio d’inizio

I

l mondo del calcio senza parlare di calcio o di squadre, di mister o di classifiche, senza immagini di fuori classe che tirano calci alla palla, che esultano in campo, che prendono a testate gli avversari. Soccer Illustrated vuole mostrare un altro volto del calcio, “il dietro le quinte” di chi frequenta questo mondo, poco importa se tifosi blasonati o gente comune, perché questo sport alla fine mette d’accordo tutti. Soprattutto sugli spalti, nelle curve o nelle tribune vip, con un mix esplosivo di gioia, lacrime, sudore e pathos che accomuna Angela Merkel, membro onorario della squadra tedesca FC Energie Cottbus (Brandenburg) e fan sfegatata della nazionale tedesca, e il principe Harry o Rod Stewart, che ha dedicato la canzone “You’re in my heart” alla squadra del cuore. Ci sono le foto vintage dei calciatori del passato, come George Best e Pelè, e quelle dei miti del presente, primo fra tutti David Beckham, paparazzati nei momenti di relax, per dimostrare come anche lontano dai riflettori del campo da gioco non passano inosservati e diventano campioni di stile. Uno stile che invece nelle occasioni ufficiali è sempre più griffato e firmato dagli stilisti o dalle aziende del menswear, che si sfidano a colpi di divise made in Italy dal look impeccabile e dalla estrema cura dei dettagli, sancendo un connubio sempre più stretto fra moda e calcio. E non è un caso che i libri fotografici più belli e di grande impatto visivo, che vi proponiamo nella nostra rubrica, siano proprio realizzati dai personaggi della moda. Come il volume Campioni di Dolce&Gabbana, con i ritratti realizzati dallo stesso Domenico Dolce attraverso un’analisi introspettiva. Oppure 10 Years of Fashion&Football di Dirk Bikkembergs, lo stilista che ha fatto del modello calcistico l’ispirazione delle sue collezioni. Se l’abbigliamento fuori campo si può concedere qualche piccolo vezzo, magari nella cravatta, a dominare in campo è invece l’aspetto tecnico. Delle scarpe, ovviamente. Che possono amplificare (o mortificare, se scelte male) il talento di ogni giocatore. E qui entrano in gioco i grandi brand del settore con prodotti sempre più evoluti e performanti, extralight e anatomici e materiali high tech per “dominare” la palla. Ma anche per concedere un vezzo al calciatore, che può scegliere il colore e la personalizzazione per distinguersi dagli altri. E se il calcio si vive soprattutto allo stadio, è diventato ormai un momento di condivisione che passa anche attraverso i social network con fenomeni di grande attualità come fubles.com che mette insieme giocatori (già 225.000) e centri sportivi e permette loro di organizzare partite fra amici o partecipare a incontri già pianificati. Soccer Illustrated è qundi un’altra realtà, un’altra dimensione del mondo del calcio da esplorare da una prospettiva diversa e, perchè no, anche culturale, con meno pathos ma più glamour, certamente con curiosità e non senza una punta di ironia verso questo complesso mondo che tanta parte occupa nella vita di così tante persone e non solo tifosi. Del resto c’è tutta una letteratura dedicata, da Febbre a 90° di Nick Hornby a Calcio! di Juan Esteban Constain, ma già Leopardi aveva scritto la canzone “A un vincitore nel pallone”. E poi ci sono i calciatori-attori che hanno interpretato film di successo come Eric Cantona che abbiamo scelto per la cover di questo numero. E non dimentichiamo che il calcio non è solo spettacolo, ma la storia di imprenditori e di grandi famiglie che in questo settore hanno investito ingenti ricchezze. Ma anche storie di emiri e principi qatarioti che hanno rivoluzionato le gerarchie europee.


FASHION ILLUSTRATED

Allegato Issue #19- Marzo/Aprile 2013


SOCCER ILLUSTRATED

Allegato Issue #19- Marzo/Aprile 2013


Masthead & Sommario 8

Publisher Marco Poli mpoli@milanofashionmedia.it Progetto grafico BUREAUBUREAU www.bureaubureau.it Sviluppo grafico Silvia Del Vesco grafica@milanofashionmedia.it Impaginazione michela castellazzi Redazione Virginia Simoni v.simoni@fashionillustrated.eu Hanno collaborato Diana Barbetta, Giovanna Caprioglio, Valerio Clari, Michele Criscitiello, Filippo De Nobilis , Marco Magalini, Jaume Vilardell (illustratore) Pietro e Tommaso Valisi (ricerca foto) Redazione Corso Colombo 7 20144 Milano Tel. +39 02 87365694 www.fashionillustrared.eu info@fashionillustrated.eu Concessionaria esclusiva per la pubblicità Milano Fashion Media Via Alessandria 8 20144 Milano Tel. +39 02 58153201 www.milanofashionmedia.it info@milanofashionmedia.it Responsabile testata Paola Cordone pcordone@milanofashionmedia.it Segreteria di Direzione Samuela Martinelli smartinelli@milanofashionmedia.it Ufficio traffico SARA ARLOTTI traffico@milanofashionmedia.it Stampa Fashion Illustrated è stampato da IGVI Industrie Grafiche Vicentine Spa Via Rovereto 20 36030 Costabissara, Vicenza www.igvi.it La pubblicazione Fashion Illustrated è edita in Italia ed all’estero da LA MODA ILLUSTREE una iniziativa di: BIBLIOTECA DELLA MODA Corso Colombo 9 20144 Milano Tel. +39 02 83311200 info@bibliotecadellamoda.it www.bibliotecadellamoda.it Periodico bimestrale registrato presso il Tribunale di Milano n. 138 del 22.03.2010 © 2012, tutti diritti riservati. Nessuna parte della pubblicazione può essere riprodotta in qualsiasi forma rielaborata con l’uso di sistemi elettronici senza l’autorizzazione dell’editore. Testi, fotografie e disegni: riproduzione vietata. Qualsiasi tipo di materiale inviato in redazione, anche se non pubblicato, non verrà in alcun modo restituito. Tutte le immagini contenuta in questo progetto sono a puro scopo illustrativo e tutti i diritti appartengono ai rispettivi autori. Abbonamento 2013: 8 numeri e 2 The Black Book of Retail euro 49. Mandare una mail a v.auricchio@libreriadellamoda.it tel. 02 83311216 – 02 58153201 La riservatezza per gli abbonati è garantita dal pieno rispetto della legge 675/96 sulla privacy. I dati forniti verranno utilizzati esclusivamente per l'invio della pubblicazione, non verranno ceduti a terzi per alcun motivo.

Photo credits Per le immagini senza crediti l'editore ha ricercato con ogni mezzo i titolari dei diritti fotografici senza riuscire a reperirli. L'editore è a piena disposizione per l'assolvimento di quanto occorre nei loro confronti.

Eventi

Glamour Fans

10

24

Il Gran Galà del Calcio al Teatro Dal Verme di Milano è un mix di glamour e passione per lo sport.

Cantanti, attori, presidenti: lo stadio è una calamita per tutti.

La magia del calcio

Vip in tribuna

Legendary accessories

soccer passion

Scarpini che fanno storia

Il bello dei tifosi

12

Accessorio indispensabile che amplifica il talento di ogni giocatore, la scarpa da calcio è sempre più tecnologica e performante.

25

Un pubblico bizzarro, colorato e curioso affolla gli spalti.

Futbolandia

Digital

Cercasi sceicco disperatamente

Soccer-networking

14

Gli emiri a Manchester e i principi qatarioti a Parigi hanno rivoluzionato le gerarchie europee.

Collections and Players

16

Dalla rullata alla console

26

Il calcio è un momento di condivisione, che passa attraverso i social network.

World news

27

Manuale e digitale: i giochi che appassionano i fan di tutti i tempi.

La rassegna stampa dal mondo

Places of myth

Libri

Fortress Anfield

Pubblicazioni sui campioni e sulla storia del calcio

17

Liverpool non è passata alla storia solo per i Beatles, ma anche per la sua “Fortezza”.

29

Fashion&Soccer

18

Lo stile del fuorigioco

I brand della moda vestono le squadre fra tradizione e azzardi sportswear.

Post stadium look

20

Icone on the road

I football player di ieri e di oggi sono considerati modelli di stile senza tempo.

Dall'album Calciatori Panini 2010-11 Frammenti di Storia

Direttore responsabile Flavia Colli Franzone f.colli@fashionillustrated.eu


18-01-2013

20:49

Pagina 1

Allegato Issue #19- Marzo/Aprile 2013

Foolbite

LO S T I L E É D I R I G O R E

d’angiò comunicazione &

MAR_adv_calcio_249x374_xFIL SOCCER ILLUSTRATED

Dal 1914, passione per l’eleganza.

NAPOLI

MILANO

TO K YO

LUGANO

LO N D R A


eventi

La magia del calcio

Il Gran Galà del Calcio al Teatro Dal Verme di Milano è un mix di glamour e passione per lo sport. Testo di Michele Criscitiello

È

la magia della notte delle stelle ad evocare sentimenti che vanno al di lá del tifo e dell'appartenenza ai colori. I lustrini di chi vive da protagonista, e per un anno si fa portavoce e simbolo dell'amore spassionato nei confronti di una fede, per una notte lasciano spazio a giacca, cravatta e amore per il calcio nella sua primaria e dunque principale essenza. È l'amore per lo sport a guidare lo spirito della serata che anima il Gran Galà del Calcio Aic, il godimento nell'osservazione della giocata e del campione a prescindere da quale sia la maglia che alla domenica difende, la tifoseria che fa impazzire. Ho capito lo scorso anno il significato e la responsabilità di tutto questo, l'ho compreso nel momento in cui Ibrahimovic scagliava il pallone dal palco agli spalti e notavo che bambini ed adulti avevano la stessa luce negli occhi nella speranza di riuscire a prenderlo. Gli stessi che poco prima avrebbero pagato per essere i prescelti dalla traiettoria di Cavani, piuttosto che di Di Natale e via via tutti gli altri. L'animo dell'adolescente che prende il sopravvento? Preferisco ritenere e ne sono certo, che si tratti di magia: quella evocata dalla notte delle stelle, quella che non fa dormire la notte precedente ed annulla ogni differenza di età, di ruolo e di portafoglio. Siamo tutti uguali di fronte alla passione. Siamo tutti uguali davanti ad un pallone. La missione della serata si riassume così: con l'atmosfera impagabile garantita da uno dei teatri simbolo della tradizione milanese; con l'atmosfera elettrica che solo un pubblico di appassionati può essere in grado di creare; con la presenza di quei campioni che quella scossa la alimentano rendendola ingestibile. Lasciarsi trascinare dalle emozioni: una volta all'anno il nostro compito è solamente questo.

Alcune foto della scorsa edizione del Gran Galà del Calcio 2012


SOCCER ILLUSTRATED

SoccerIllustratedLuigiBianchi.indd 1

Allegato Issue #19- Marzo/Aprile 2013

22-01-2013 11:16:29


Legendary Accessories 12

P

er parlare di scarpini da calcio occorre iniziare da Enrico VIII. Il collegamento suona un po’ ardito; il sovrano inglese è più noto per la sua propensione alle grazie femminili e per le sue visioni innovative in fatto di religione oltre che, per la verità, per una serie di altre iniziative che certamente hanno dato lustro alla sua corona. Ma nelle vesti di calciatore, anche per la forma fisica che traspare dai ritratti che lo raffigurano, non ce lo saremmo immaginato. Ma la storia degli scarpini da calcio sembra iniziare proprio con lui; è Enrico VIII che nel 1526 commissiona al suo cordaio di fiducia (tale Cornelius Johnson, attenzione al nome perché un suo quasi omonimo alcuni secoli dopo avrà un altro ruolo importante in questa storia) la realizzazione di un “paio di scarpe per giocare a palla”. E’ difficile immaginarsi il rubizzo re inglese che rincorre un pallone, ma il fatto è agli atti e questo è generalmente riconosciuto come il vero inizio di un percorso che dalle strade ai prati di campagna, dalle piazze di contrada agli stadi ci porta direttamente a oggi. Le calzature per giocare a palla di Enrico VIII poco avevano a che vedere con quelle che conosciamo oggi; pare fossero più simili a degli stivaletti che a ogni altro genere di scarpa sportiva moderna. Il calcio moderno nasce invece nel 1800 in Inghilterra con la formazione delle prime squadre di dilettanti e rapidamente si sviluppa nel numero dei giocatori che lo praticano e nella passione con cui è seguito. Anche le attrezzature usate dai giocatori cambiano e tra esse gli scarpini, che iniziano a somigliare a quelli che vediamo oggi ai piedi dei giocatori dilettanti come dei professionisti più pagati. Essendo la pelle e il cuoio gli unici materiali disponibili a quei tempi per fare scarpe, anche gli scarpini ne fanno necessariamente uso; per cui i primi modelli apparsi non avevano certo la leggerezza e la funzionalità di quelli di oggi. Pesanti oltre un chilo (non proprio dei pesi piuma) sono presto dotati di tacchetti per migliorare la presa sul terreno e per assicurare quindi al giocatore lo scatto e la stabilità di cui ha bisogno. La pelle, non proprio amica dell’acqua che impregna i terreni di gioco, assorbe umidità e fa le calzature ancora più pesanti, obbligando i calciatori a trattarle con grasso di foca per renderle impermeabili e più morbide. All’inizio del 1900, con la nascita dei primi club calcistici dell’epoca moderna, anche la fabbricazione degli scarpini, improntata sino ad allora più all’artigianalità e al servizio su misura (come Enrico VIII aveva sperimentato nel 1500) , si struttura in chiave industriale. Nascono i primi marchi specializzati come: Gola (1905), Valsport (1920) e Hummel (1923). E poi arrivano i mitici fratelli Dassler (quelli per intenderci di Adidas e Puma). Adolf, detto Adi, e Rudolf iniziano a produrre in piccole serie quei fantastici scarpini che da tempo fabbricavano su richiesta degli atleti più importanti; a loro si deve l’invenzione nel 1925 della prima scarpa da calcio con tacchetti intercambiabili, primo interessante esempio di scarpa “personalizzabile” e adattabile alle condizioni atmosferiche. Ma è nel secondo dopoguerra che il calcio si trasforma avviandosi a diventare quel fenomeno di costume come lo conosciamo oggi. Il 1948 è un “annus mirabilis” non solo perché la guerra è finita e il mondo è pieno di speranze e di voglia di rinascita ma perché in quell’anno, da un evento tutto sommato non proprio fausto, nasceranno due marchi che oggi tutto il mondo conosce: i due fratelli Dassler litigano. Adi crea Adidas e Rudolf, da quel momento suo acerrimo nemico, fonda la Puma. Il calcio si sta trasformando, diventa meno fisico e più tecnico e servono quindi attrezzature diverse e più moderne; fanno la loro comparsa i materiali sintetici sia per la tomaia che pe la suola e, dopo poco, anche per i tacchetti. Le scarpe diventano sempre più leggere e performanti; Adidas e Puma sono i marchi protagonisti di quell’epoca. Ai mondiali di calcio del 1966 in Inghilterra il 75% dei giocatori indossa scarpe Adidas, ma il campione dei campioni, Pelè, porta le Puma. Non mancano altri marchi come la giapponese Asics (1964) e l’italiana Pantofola d’Oro che inizia il suo percorso nel

Scarpini che fanno storia

Accessorio indispensabile che amplifica (o mortifica se scelto male) il talento di ogni giocatore, la scarpa da calcio è sempre più tecnologica e performante. Non per niente sono passati 5 secoli dal loro esordio. Niente meno che ai piedi di Enrico VIII. Testo di Flavia Colli Franzone

La marcia dei colossi nel mondo del calcio

1905 Gola

1964 Asics 1925 Fratelli Dassler

1948 Adidas e Puma

1982 Lotto 1979 Diadora

Anni '50 Pantofola D'oro

Anni '90 Nike


Legendary Accessories 13

L’evoluzione tecnologica

1. ADIDAS - Adizero f50® è la scarpa da calcio di soli 165g, fra le più leggere sul mercato e progettata con tecnologie rivoluzionarie: Sprintskin è uno strato sintetico molto sottile, appena 1.5 mm, che permette alla scarpa di essere leggerissima. Sprintweb è la struttura 3D che si trova sulla superficie della scarpa e consente un eccezionale controllo di palla in velocità. Sprintframe è la parte sotto al tallone per un perfetto bilanciamento.

2. LOTTO - Per gli Europei di Calcio 2012 Lotto lancia la Stadio Potenza II 100, la “Lotto Tricolore”: un tributo all’Italia, ai suoi 150 anni di unità nazionale e alla passione per il calcio che emoziona milioni di tifosi.

3. PUMA - PUMA evoSPEED 1 FG si distingue per la leggerezza. La tomaia superiore è in microfibra ultrasottile mentre la struttura a gabbia interna EverFit garantisce la stabilità costante del piede. Suola anatomica ultraleggera e materiali high-tech per la massima flessibilità. Dispone inoltre di un supporto esterno del tallone per assicurare una vestibilità eccellente che, combinata al nuovo sistema PUMA evoAptoLast, fornisce una calzata su misura.

Da sinistra in senso orario: Telstar di Adidas, il pallone ufficiale dei Mondiali del 1970. Primo modello Adidas del 1954 con tacchetti avvitabili e sostituibili. Un modello storico di Pantofola D'Oro. Alcuni poster d'epoca.

mondo del calcio attorno alla metà degli anni 50. Emidio Lazzarini, eredita infatti dal padre la bottega di calzature avviata dal nonno ad Ascoli nel 1886; atleta egli stesso, decide di impiegare la sua esperienza del mondo calzaturiero per progettare e realizzare calzature sportive, in particolare da calcio, che grazie alla massima vestibilità (simile appunto a quella di una pantofola) e al comfort possano garantire all’atleta la migliore prestazione. Nella “hall of fame” dell’azienda figurano nomi come quelli di Rivera, Cruiijff, Capello e Falcao, miti del calcio che hanno usato lungamente le calzature del marchio delle scarpette nere e delle tre stelle. La storia più recente, dagli anni 70 in avanti, è quella dei contratti milionari di sponsorizzazione dei calciatori, del colore (appaiono i primi scarpini colorati) e della comparsa di tutta una nuova genia di marchi che nel tempo si affermeranno considerevolmente nel settore: Diadora (1979), Umbro (1985), Lotto e la spagnola Kelme (1982) fino all’approdo degli altri big, tra cui Nike, nei primi anni 90. Gli ultimi vent’anni sono stati tutti un susseguirsi di innovazioni tecniche, nei materiali, nei colori e nelle tecnologie di vario tipo che è molto difficile riassumere in poche battute; lo scarpino diventa più leggero ( dal chilo dei primi modelli si scende fino a scarpe che pesano pochi etti), cambiano le suole, la funzionalità dei tacchetti, le allacciature in uno scandirsi di nuovi modelli ed in una gara al primato nella quale i big del mercato (Adidas, Nike, Puma ma anche l’italiana Lotto) prendono di volta in volta la leadership Nel 1979 Adidas mette in commercio il best seller di tutti i tempi: la Adidas Cupa Mondial e nel 1994

Craig Johnston ( il quasi omonimo del cordaio di Enrico VIII) crea per Adidas la Predator, che incorpora un’impressionante serie di innovazioni: estrusioni per aumentare il controllo della palla, sistema di allacciamento nascosto per rendere il tiro preciso e potente, tacchetti a banda per aumentare l’attrito e suola flessibile. Puma risponde con la suola a celle, particolarmente flessibile per assorbire gli urti e dare slancio nel salto; Nike lancia la scarpa super leggera (Nike Mercurial dal peso di soli 200 grammi). Anche l’Italiana Lotto non sfigura: il suo modello Zhero Gravity del 2006 è il primo a presentare una tomaia senza nessuna allacciatura per conferire al calciatore la massima sensibilità sulla palla e che incorpora in seguito altre due importanti innovazioni: i tacchetti rotanti “twist n’go” posti nella zona

del primo metatarso per aumentare la prestazione e ridurre il rischio di infortuni e la suola dinamica “ReactiveArch” che si flette assecondando i movimenti naturali dei piedi. Gli scarpini abbandonano l’anonimo colore nero per diventare giallo oro (come quelli Adidas indossati da Zidane), rossi, bianchi e rossi, tricolori come la bandiera italiana - i “Lotto tricolore” creati dall’azienda per celebrare i 150 della Unità di Italia. Leggeri, senza stringhe, con tacchetti rotanti: gli scarpini di oggi somigliano veramente poco a quelli indossati dai primi appassionati di calcio delle immagini virato seppia dei primi anni del novecento. Ma allora come oggi sono l’accessorio indispensabile che amplifica (o mortifica se male scelto) il talento di ogni buon giocatore.


Futbolandia 14

Cercasi sceicco disperatamente

Gli emiri a Manchester e i principi qatarioti a Parigi hanno rivoluzionato le gerarchie europee, sulle orme di Abramovich al Chelsea. In Italia sbarcano gli americani (Roma), mentre i vecchi “mecenati” come Moratti o Berlusconi cercano nuove vie, all’insegna del pareggio di bilancio. E in testa alla classifica ecco le gestioni oculate di Juve, Napoli e Lazio Testo di Valerio Clari

(1)

(2)

(4)

(3)

(1) Trofeo coppa finale il Presidente del Chelsea Roman Abramovich alza la coppa dopo la vittoria della Uefa Champions League a Monaco, 2012. (2) Il Presidente del Manchester City's Sheikh Mansour, al centro, applaude tra lo chief executive Garry Cook, a destra, e il chairman Khaldoon Al Mubarak prima della partita di Premier League al The City of Manchester Stadium. (3) Sebastian Soria del Qatar riceve la coppa dal Principe Sceicco Tamim bin Hamad al-Thani dopo aver vinto la Crown Prince Cup. (4) Finale Champions League 2009/10 Bayern Monaco vs Inter 0-2. Il presidente dell'Inter, Massimo Moratti, stringe la mano ad un tifoso al termine della finale di Champions League vinta contro il Bayern Monaco.

ercasi sceicco disperatamente, anche come azionista di minoranza. In alternativa si valutano candidature cinesi o statunitensi”. Questo cartello è virtualmente appeso fuori dalle sedi di tutti i club di Serie A. E’ la crisi, bellezza, e bisogna farci i conti. I “ricchi scemi” non esistono più, il modello dell’industriale-mecenate è un ricordo da Anni Novanta. Se uno come Moratti vara un’Inter all’insegna dell’austerity, se Berlusconi accetta una “spending review” al Milan, cedendo Pato ai nuovi ricchi brasiliani, vuol dire che i tempi sono davvero cambiati. I padroni del calcio non abitano più qui, hanno nomi esotici e vengono da altri continenti. Il mercato del pallone ha nuovi re, e parlano arabo. Gli sceicchi hanno preso possesso del Manchester City e del Paris Saint Germain, facendo di due cenerentole europee le nuove regine. Fino al settembre 2008 quelli del City erano i cugini poveri del Manchester Utd: poi la società è passata all’Abu Dhabi United Group del principe emirato Mansur bin Zayd. Da Abu Dhabi sono arrivati fondi illimitati frutto del petrolio: Aguero, il tecnico Mancini, Balotelli e qualche altra decina di campioni hanno scoperto una insospettabile passione per l’azzurro delle maglie dei nuovi ricchi: lo scorso maggio, ecco la vittoria in Premier, la prima in 40 anni. Dove li trovi altri così? Semplice: lì vicino, in Qatar. Sostituite il petrolio con i gas naturali, e avrete un altro patrimonio illimitato: quello di Tamin Bin Hamad Al Thani e della sua Qatar Investment Authority. I qatarioti hanno scelto Parigi, il Psg ha cancellato decenni di stenti: Pastore, Ibrahimovic, Ancelotti tutti sotto la Tour Eiffel, pagati cash. In Europa è nata una nuova regina, proprio mentre il Chelsea coronava una lunga rincorsa, portando Abramovich alla sua prima Champions. Già, perché in principio c’è stato Roman: era il 2003, l’oligarca russo sorvolando Londra in elicottero indicò lo Stamford Bridge. “Voglio quello stadio”. Le fortune del Chelsea sono cominciate così. Oggi Abramovich pare persino un po’ taccagno, in confronto ai nuovi ricchi. Così, tutti a caccia di uno sceicco: in Italia, non si sono ancora visti. O meglio, si sono visti presunti emiri formalmente interessati: il Palermo di Zamparini

ne aveva quasi accalappiato uno, il Torino è stato forse illuso da un finto emiro, persino per il Milan si era parlato di un ingresso di soci con petroldollari. Poi spariti, tutti. Del resto, bisogna stare attenti anche con gli sceicchi. Prendete il Malaga: nel 2010 viene rilevato da un esponente di un ramo minore della famiglia Al Thani (quella del Psg): i primi due anni arrivano investimenti e campioni mai visti in Andalusia (Van Nistelrooy, Cazorla). Da un anno dal Qatar non arrivano nemmeno gli stipendi, e la Uefa ha escluso il club per debiti dalle coppe. Già, perché Michel Platini, presidente Uefa, sta provando a limitare questo andazzo, varando il fair-play finanziario (spendi quanto incassi, semplificando). Così, forse anche il modello dello sceicco è destinato a tramontare, nei prossimi anni: l’Inter ha provato nuove vie, annunciando un accordo con la China Railways Construction, ma la partnership è per ora bloccata da misteriosi problemi burocratici. Padroni stranieri sono sbarcati a Roma: una cordata di imprenditori ha reso americani i giallorossi. James Pallotta, nuovo presidente, ha già portato Totti e compagni a conoscere Topolino a Disneyworld. Ma non è roba da ridere: si stanno mettendo le basi con il nuovo stadio. Già, perché un modello alternativo esiste, ed è quello delle squadre che si autosostentano: diritti tivù, marketing, stadio di proprietà e settore giovanile. La via intrapresa dalla Juve di Andrea Agnelli: alle spalle c’è Exor, ma i conti della Fiat non permettono di dilapidare troppo nel “giochino” in bianco e nero. Barcellona e Real Madrid, fortemente indebitate con le banche, non sono modelli da prendere a esempio, la solidità del Bayern, al 51 per cento di proprietà dei soci, sì. Ma anche in Italia ci sono club che riescono a mantenersi oltre la linea di galleggiamento. E’ la situazione del Napoli di De Laurentiis, che al San Paolo non ha messo su un costoso kolossal, ma ha salito gradino dopo gradino. E anche quella della Lazio di Lotito, costruita fra citazioni latine, pagamenti dilazionati e offerte low-cost. Basta guardare la classifica della A per capire che “un altro calcio è possibile”. Almeno in Italia: per tornare a primeggiare in Europa e nel mondo, forse, serve altro. Magari uno sceicco, quello “cercato disperatamente”.


SOCCER ILLUSTRATED

ADV EN uomo 2013 unico 249x374 Soccer Illustrated IT.indd 1

Allegato Issue #19- Marzo/Aprile 2013

10/01/13 16:56


Collections and Players 16

Dalla rullata alla console

Manuali e digitali, i giochi che più hanno appassionato i fan di tutti i tempi A cura di VIRGINIA SIMONI

Calcio Balilla

Calcio balilla, biliardino, calcetto, calcino, subotto chiamatelo come volete, ma resta sempre un gioco sentito e apprezzato da tutti, grandi e piccini. In ogni bar che si rispetti ce n’è almeno uno con l’inconfondibile rumore delle rullate. Fu inventato durante la Guerra Civile Spagnola (1936-1939) da un reduce di guerra, Alejandro Finisterre, che si inventò questo nuovo modo per continuare a giocare a calcio anche durante la degenza in ospedale. Piace anche al Principe William, a destra nella foto.

Subbuteo

Figurine da mito

ll’inizio erano in cartonciA no da incollare con la coccoina, poi alla fine degli anni ‘60

furono introdotte le "celline", triangolini biadesivi da apporre sul retro della figurina per attaccarla all'album, per arrivare nel 1971 e 72 a quelle biadesive. L’inventore fu Giuseppe Panini, che fondò l’azienda nel 1961, sulla scia dell’Agenzia Distribuzione Giornali Fratelli Panini (1954). Appassionato di enigmistica, inventava cruciverba e il suo pseudonimo era, appunto, "paladino". Dunque negli anni 70 fu anche creata una rivista per i collezionisti di figurine Panini con testimonial un lanciere chiamato "Pipino il paladino" (dove "Pipino" stava per Giuseppe). Nelle ultime stagioni è stato prodotto 1 miliardo di bustine all’anno e oltre 20 miliardi in 40 anni di storia dell’azienda. Ad oggi le raccolte complete (vale a dire con tutte le figurine incollate e in ottimo stato) arrivano a valere circa 1000 euro.

(1)

Nasce nel 1947 in Gran Bretagna da un’idea dell’ornitologo inglese Peter Adolph, che scelse inizialmente il nome Hobby (passatempo) per la sua invenzione. Ma Hobby era anche il termine inglese per indicare un tipo di falco, e quando all’Ufficio Brevetti non autorizzarono questo nome, Adolph optò per il termine scientifico di questo particolare rapace: Falco subbuteo. Diffusosi in Italia tra gli anni ’70- ’80, questo gioco da tavolo non ha mai smesso di appassionare in tutto il mondo.

videogames

(2)

(3)

Negli anni ’90 i giochi passano dal tavolo ai televisori di casa e scoppia il boom Fifa e Pes. Si apre una nuova era nel mondo dei giochi e i videogames diventano una vera e propria mania per bimbi e papà, creando tornei anche a livello mondiale. Scegliere la console è quasi una fede, chi sceglie la propria non la cambia mai: che siano Playstation addicted, Xbox lover o maniaci del Nintendo (nella foto Nicole Kidman) e Wii non possono non dilettarsi con giochi di calcio. Ultima generazione di casa Sony è la Playstation Mobile, ossessione che ha contagiato vip e ragazzi di tutte le età.

(4)

1. il primo album Calciatori 1961-1962 edito dalla Panini 2. l'ultimo album prodotto “Calciatori 2012-2013” 3. la prima figurina dell’album Panini ‘Calciatori 1961-1962’ del giocatore Bruno Bolchi 4. La figurina di gianluigi Buffon tratta dall’album di quest’anno.


Places of Myth 17

Stadi

Fortress Anfield

Liverpool non è passata alla storia solo per i Beatles, ma anche per la sua “Fortezza”, come viene chiamato lo stadio dai tifosi di casa per la difficoltà che incontrano le squadre ospiti. Testo di Michele Criscitiello

Anfield Stadium, Liverpool FC (Vincent Teeuwen)

D

ici Anfield e pensi a Liverpool, al fascino del calcio investitore, a tal punto che fu Orrell a dire "basta". Revocato inglese, alla città dei Beatles, alla Kop. Dici An- l'usufrutto del terreno, con l'Everton che, nel 1892, fu costretto field, e in mente si disegnano all'improvviso mille a trovarsi un'altra sistemazione (e la troverà in quella Goodisciarpe rosse che si tendono verso il cielo, e che on- son Park che, ancora oggi, è la sua casa). E Houlding? Afflitto? deggiano al ritmo di "You'll Never Walk Alone", canzone del Neanche per scherzo. Perché si tirò su le maniche e in quello lontano 1945 del duo Rodgers-Hammerstein, portata in In- stesso anno diede vita al Liverpool Association Footbal Club. ghilterra da Gerry & the PaceIl primo settembre 1892 è, poi, maker e presto divenuta l'inno una data storica: quella che segnò Il record di presenze è stato nel 1952 quando l'esordio sia dell'Everton a Goodel Liverpool Football Club. 61.905 spettatori hanno assistito al match La storia di Anfield Road, uno dison Park, sia del Liverpool FC... degli impianti sportivi britishLiverpool Wolverhampton del quarto turno ad Anfield Road. Era un'amichestyle più famosi in tutto il vole, giocata contro il Rotherham della Coppa d’Inghilterra mondo, si perde nella notte Town, e vinta dai Reds per sette a dei tempi. Era il lontano 1882 uno. Spettatori? Un centinaio. Ma quando l'Everton, che per chi non lo sapesse è la prima squa- erano altri tempi. La clessidra gira, più e più volte, le lancette dra della città di Liverpool, fu costretto a dotarsi di un campo corrono, i tifosi aumentano e nel 1906 nasce la mitica Kop: da gioco in cui disputare le partite casalinghe. La scelta cadde curva che prende il nome dalla collina sudafricana del Natal, la provvisoriamente su un campetto da poco, nella zona di Prio- Spion Kop, luogo di una battaglia Anglo-Boera che comportò ry Road, prima che John Houlding, noto produttore di birra ai britannici tantissime perdite, sia di mezzi che di uomini. locale, si accordasse con l'amico John Orrell nel far propria la Molti di questi uomini provenivano proprio da Liverpool. La gestione di un terreno poco distante da Stanley Park, luogo in popolarità dello stadio di Anfield, negli anni, aumenta, e lo fa cui l'Everton aveva iniziato a giocare le sue primissime partite. in maniera esponenziale; negli anni settanta Bill Shankly (ex Questo nuovo terreno sorgeva proprio ad Anfield Road: era giocatore e allora allenatore dei Reds a cui è intitolato il più il 1884, anno in cui fu posta la prima pietra di uno stadio il famoso ingresso dello stadio, lo Shankly Gate, la cui sommità cui fascino, oggi, è famoso in tutto il mondo. L'Everton, co- della cancellata è scolpita con quella oramai divenuta celebre munque, ad Anfield durò poco: la filosofia imprenditoriale di frase You'll Never Walk Alone) decide di far imprimere una Houlding risultava esagerata, l'impianto di Anfield rischiava scritta all'interno del tunnel che porta dagli spogliatoi al camdi finire strangolato dall'eccessiva frenesia del suo principale po, appena prima dell'ingresso sul terreno di gioco, che recita

"This is Anfield". Quella scritta c'è ancora oggi, perché l'intento di Shankly fu centrato in pieno: caricare la squadra e intimorire gli avversari, far capire a chiunque venisse a giocare ad Anfield che non si aspettasse di certo di scendere in campo e non combattere fino all'ultimo secondo, non dare l'anima fino alla fine. Il resto è storia recente. Anfield è un'attrazione turistica internazionale, è lì, nobile e orgoglioso, anche se c'è una paura che attanaglia gli amanti di questo meraviglioso stadio. La paura che... non sarà per sempre. Perché in cantiere c'è un progetto che prevede la costruzione di un altro impianto di gioco che ospiti le partite casalinghe del Liverpool: più capiente, più moderno. Ma di questo, no, non ne vogliamo parlare, almeno non adesso che Anfield Road c'è ancora, è presente, ed è uno degli stadi in cui il calcio non è solo uno spettacolo: è storia, è vita, è passione pura.

Carta d’identità Luogo: Liverpool, Inghilterra Inaugurazione: 28 settembre 1884 con la partita Everton- Earlestown, 5-0 Club locale: Liverpool F:C. dal 1892 Capacità: 45.522 posti Dimensioni del campo: 105,5 m x 67,5 m


Fashion&Soccer 18

Lo stile del fuorigioco brand e squadre

I brand della moda vestono le squadre di calcio, tra tradizione italiana e azzardi sportswear. Testo di vIRGINIA SIMONI

(1)

(2)

(4)

(3)

M

oda che veste i calciatori, o giocatori che vestono la moda? Bella domanda, di sicuro le squadre di calcio vogliono solo il meglio per i propri campioni. Ogni grande nome del fashion che si rispetti ha una squadra di calcio di riferimento, soprattutto in Italia. I calciatori sono da molti considerati icone di stile e così le griffe fanno a gara per vestire la formazione più amata dai tifosi. Divise tecniche da gioco firmate da brand dello sportswear e divise ufficiali disegnate dai grandi nomi della sartoria italiana. Ci sono addirittura marchi che hanno fatto del modello calcistico il loro punto di riferimento, come Dirk Bikkembergs che è un esempio unico di come il mondo del calcio abbia influenzato quello della moda. Lo stilista tedesco infatti nel 1986 fu il primo creativo della moda ad avere l’intuizione che il football fosse molto più di un semplice sport, e che il suo impatto sull’immaginario collettivo è sempre stato molto forte. Il brand Made in Italy Boggi che veste la squadra della Lazio ha anche istituito il premio “Cravatta d’argento” per premiare l’eleganza dei suoi calciatori. Quest’anno ad aggiudicarsi il riconoscimento è stato il venticinquenne romano Antonio Candreva della S.S. Lazio. C’è poi chi veste il tre volte Pallone d’Oro Leo Messi, affezionato ormai al duo di stilisti più amati dal mondo

del calcio: Dolce&Gabbana. La famosa griffe italiana ha infatti vestito quasi tutti sia nelle occasioni ufficiali che nel tempo libero: da Nesta, Abate, Shenchenko, Gattuso, Boateng, El Shaarawy, Nocerino, Ashley Cole, Di Matteo solo per nominarne alcuni. Il gusto anglosassone del brand Brooksfield ha invece contaminato la Sicilia vestendo l’amatissima squadra U.S Città di Palermo. Il brand fondato a Torino nel 1971 ha disegnato per calciatori e dirigenza un completo antracite, realizzato su misura, in 100% lana vergine, camicia bianca slim fit, cravatta in seta e soprabito in lana blu navy tutto personalizzato con il ricamo dello scudetto della squadra palermitana, cintura e scarpe in pelle nera. Così come un altro marchio molto sartoriale come Lubiam, che ha scelto una squadra siciliana: il Catania Calcio. Philipp Plein invece è sceso in campo al fianco della As Roma, siglando una nuova partnership con la squadra per le prossime quattro stagioni sportive. L’obiettivo dello stilista svizzero, che produce le sue collezioni in Italia, è quello di “rendere ogni componente del team e della squadra il gladiatore di oggi. Con un’immagine nuova, che lo renda bello, invincibile e per questo ammirato da tutti anche fuori dal campo da gioco”. La Signora invece ha scelto lo stilista Carlo Pignatelli, che ha disegnato le divise ufficiali ed elegan-(4) tissime della Juventus.


Fashion&Soccer 19

La cravatta del campione

l 26 giugno 1914 nasce a Napoli quelIsciute la che diventerà una delle più conoe apprezzate sartorie del mondo:

(4)

E.Marinella. Dal negozio di 20 mq sono passati tutti i grandi personaggi della storia: dal primo all’ultimo Presidente della Repubblica Italiana, tutta la famiglia Kennedy, il Principe Carlo d’Inghilterra, Putin, ma soprattutto i grandi uomini del calcio. Dai giocatori agli allenatori del passato e del presente, lo stile delle cravatte Marinella ha vestito proprio tutti. Fino alle divise attuali delle squadre del Campionato Italiano come Milan, Inter, Juventus, Napoli, Piacenza e Sassuolo. “Ogni squadra per cui ho confezionato le cravatte mi ha reso molto orgoglioso, ma devo ammettere che il Napoli, la mia squadra del cuore, mi emoziona ancora di più.”

(2)

1. divisa del PALERMO firmata DA BROOKSFIELD - 2. Squadra JUVENTUS vestita da CARLO PIGNATELLI - 3. FEDERICO BALZARETTI DELLA ROMA VESTE PHILIPP PLEIN 4. LEO MESSI CON STEFANO GABBANA E DOMENICO DOLCE - 5. ANTONIO CANDREVA DELLA LAZIO RICEVE LA CRAVATTA D'ARGENTO DI BOGGI - 6. GIOCATORI DEL CATANIA IN ABITI LUBIAM

(5)

(6)

dice Maurizio Marinella, Amministratore Unico di E.Marinella, e continua “Moratti mi chiese di preparare una cravatta su un modello vintage appartenuto al padre Angelo che realizzammo con un’etichetta speciale con la scritta Per la mitica Inter di Angelo Moratti. Nostra era anche la cravatta che portava Mourinho quando vinse la Coppa dei Campioni. Mentre per il Milan abbiamo realizzato una cravatta a fondo rosso con pois alternato nero e bianco. Nostri clienti affezionati sono Galliani e il Presidente Berlusconi. Per la Juve andavo personalmente circa ogni 3 mesi per la scelta delle cravatte dall’avvocato Agnelli e poi in seguito da Moggi.” E alla domanda per chi sognerebbe ancora di creare delle cravatte, Maurizio Marinella risponde: “Essendo tifoso del Napoli, mi piacerebbe vestire Maradona. Ma lui si sa, ha un altro stile. E poi mi interesserebbe creare delle cravatte per delle squadre inglesi mantenendo sempre così il rapporto di affinità che Napoli e l’Inghilterra hanno sempre avuto per eleganza e sartoria. In fondo mio nonno aprì il primo negozio proprio per creare un piccolo angolo di Inghilterra a Napoli”. Dalla piccola bottega artigianale di strada ne è stata fatta e alla boutique di Riviera di Chiaia si sono aggiunti nel corso degli anni i monomarca di Milano, Lugano, Londra e Tokyo, oltre a selezionati punti vendita esteri quali Bergdorf&Goodman a New York, Le Bon Marché Rive Gauche a Parigi e Bon Génie a Ginevra. CRAVATTA MARINELLA DISEGNATA PER L'INTER. ALESSANDRO DEL PIERO con la CRAVATTA MARINELLA.


Post Stadium Look 20

fra passato e presente

icone on the road

I football player di ieri e di oggi sono considerati modelli di stile senza tempo. C'è chi, fuori dallo stadio, opta per un look underground e chi, invece, preferisce moderazione e sobria eleganza. Testo di filippo de nobilis

(1)

(2)

(3)


Post Stadium Look 21

D

entro e fuori gli stadi i calciatori sono da sempre oggetto di ammirazione. C'è chi li vede come icone di stile, chi li invidia per le cifre da capogiro che guadagnano, chi addirittura li considera un vero e proprio modello di vita. C'è poi l'inflazionato tema dell'eticità circa il calcio mercato, dibattuto sin dagli anni cinquanta e che non ci apprestiamo a trattare in questa sede. Tutti d'accordo però su quel gap generazionale, a dir poco disorientante, che investe il mondo dei players. Sono solo un ricordo lontano i tempi nei quali i protagonisti accettavano di essere fotografati con un filo di pancia mentre ora i riflettori sono puntati, dentro e fuori lo stadio, su dei giocatori dall'immagine dorata, inarrivabile, semplicemente perfetta. Nel post stadium li troviamo griffatissimi, in cima alla wishlist dei paparazzi e con il potere di far mettere in coda le maison per averli come testimonial. Ma non tutti si omologano a questa tendenza. Uno dei trend contemporanei che stanno avendo la meglio tra i giocatori 'nel dopolavoro' è infatti l'hipster style. Si tratta di un termine nato negli anni Quaranta, negli Stati Uniti, per descrivere quei ragazzi bianchi che cercavano di emulare lo stile di vita dei jazzisti afroamericani. Passione per il vintage (stampe iconiche comprese) spasmodica adorazione

(4)

(5)

(5)

1) il calciatore george best con il suo staff, ottobre 1968 2) Enrico Albertosi, Aristide Guarnieri E Sandro Mazzola 3) Enrico Albertosi 4) David Beckham IN BURBERRY 5) LUIS FIGO 6) pelè A NEW YORK NEL 1979

(6)


Post Stadium Look 22

per la musica di nicchia, palese disapprovazione per tutto ciò che è mainstream, di massa. Alcuni esempi? Tra i più alternativi, troviamo Joey Barton, l'ex giocatore del Manchester City prima che fosse di moda, che è solito citare il filosofo Nietzsche e adora gli Smiths (il gruppo alternative rock inglese, formatosi a Manchester nel 1982). Oppure ancora Nicolas Anelka, che non può fare a meno di presentarsi in pubblico con uno degli oggetti must per un vero hipster. Di ben altra natura stilistica era invece Gianfranco Zigoni. L'ex calciatore è passato alla storia come paladino dei Settanta, per la sua attitudine ribelle ed eccentrica a causa del suo amore per l'alcol, le donne e i motori e per alcuni suoi comportamenti piuttosto bizzarri. Celebre in questo senso la foto di lui in un'ampia pelliccia chiara. Altro capitolo riguarda il campione Edson Arantes do Nascimento, alias Pelè. Di lui si annoverano soprattutto i completi eleganti e gli accessori raffinati che indossava in occasioni di rappresentanza. Nel 1992 fu infatti nominato ambasciatore delle Nazioni Unite per l'ecologia e l'ambiente e nel giugno 1994 Goodwill Ambassador dall'UNESCO. Nessuna sorpresa a vedere affidato ad un calciatore un ruolo tanto importante. Del resto, per anni, lo sport è stato davvero l'unico ponte di pace tra monti incomunicanti.

(9)

(8)

(10)

(11)

(11) (12)

(13)

(14)

8) Cristiano ronaldo con la compagna irina shayk 9) Nelson Mandela 10) Mario Kempes 11) marcello lippi (foto tratta dal libro dolce&gabbana campioni) 12) Ruud Gullit 13) Philippe Mexes alla sfilata PHILIPP PLEIN 14) Samuel Eto'o da Husky 15) Roberto Rivelino

(15)


SOCCER ILLUSTRATED

Allegato Issue #19- Marzo/Aprile 2013

errearepublic.com Pubbli 249x374.indd 1

22/01/13 16.31


Glamour Fans 24

Vip in tribuna gente da stadio /1

(2)

Cantanti, attori, presidenti e reali: lo stadio è una calamita per tutti. Testo di marco magalini

S

e stessimo parlando di una religione ci troveremmo in un templio. Lo stadio è il luogo per eccellenza dove fedeli e fedelissimi esercitano il loro credo incondizionato verso una squadra, senza indugi né (forse) distinzioni. Ma, tra le file di quegli spalti, si nascondono volti più noti di altri. Partiremo dai fenomeni più 'commerciali', per poi arrivare a quelli un po' più 'titolati', che potremmo definire i tifosi veri. Ovviamente iniziamo dalla modella russa Irina Valer'evna Šajchlislamova, alias Irina. Lei è la fidanzata ufficiale del superpagato Cristiano Ronaldo, calciatore del Real Madrid e capitano della nazionale portoghese. Non è dato a sapere quanto assiduamente frequenti gli stadi, ma ciò che è certo è che è diventata l'icona di chi gioca con il videogioco 'Need for Speed: The Run' della Electronic Arts, in quanto ne è la protagonista. Lei e altre colleghe modelle e letterine v.i.p. appartengono comunque alla categoria delle follower, ovvero di coloro che seguono il calcio principalmente per doveri 'coniugali'. A questo proposito sono oramai celebri le cosiddette Wags inglesi, come le chiamano i tabloid, cioè le fidanzate e mogli dei calciatori brit, che hanno ispirato i registi cinematografici tanto da dar vita alla serie tv Footballers' Wives (2002). Victoria Beckham è ovviamente la paladina della categoria. C'è poi tutta la tifoseria istituzionale e blasonata, capeggiata da Angela Merkel, membro onorario della squadra tedesca FC Energie Cottbus (Brandenburg). Fermo restando che è fan sfegatata (per quanto concesso) della nazionale tedesca soprattutto durante eventi importanti come gli europei o i mondiali. Celebre la sua esultanza durante la sfida di Euro 2012 tra Germania e Grecia che, come aveva spiegato il giornale The Telegraph in un articolo, 'provoked Greeks' ire on Friday night'. Per quanto riguarda i Berlusconi la questione è presto liquidata: la famiglia è proprietaria della squadra Ac Milan. Silvio Berlusconi è di conseguenza un abitué della tribuna, spesso in compagnia di Adriano Galliani e Zlatan Ibrahimovic. Galliani è l'attuale Amministratore delegato del Milan, mentre il secondo è un ex giocatore del Milan e attualmente in forza al Paris Saint Germain (la squadra di Parigi). Ben più coinvolta sentimentalmente è Barbara Berlusconi, l'attuale compagna di un ex-milanista, ora venduto al Corinthians, il calciatore Alexander Pato. Ma c'è tifoso e tifoso. In prima battuta il principe Harry. Come per la Merkel, fratello e consorte, anche Harry è spesso impegnato in rappresentanze ufficiali e di conseguenza è abbastanza usuale vederlo alle partite della nazionale durante eventi importanti. Onore comunque al merito e ricordiamo che è un gran sportivo e, come affermano diverse fonti, è fan dell'Arsenal, una squadra di Londra (Holloway). Per quanto riguarda suo fratello, sembra invece che William preferisca l'Aston Villa (squadra competitor di Londra). E poi c'è Jude Law. Come ha dichiarato a Eurosport, è un tifosissimo del Tottenham (sempre Londra), sia per una questione geografica che di 'eredità' familiare. Ma non è il solo a tifare questa squadra che pare essere una vera calamita di vip: da Jo Whiley al giocatore di basket Steve Nash, da Ray Kelvin (il fondatore del brand di moda Ted Baker) alla multimilionaria scrittrice JK-Rowling. Per quanto riguarda il cantante Rod Stewart, scozzese di nascita, è un tifoso 'poco fedele' in quanto è supporter sfegatato sia della squadra Celtic di Glasgow, che della scozzese Manchester United. Ama talmente queste due équipe da averle menzionate in una canzone il cui titolo è "You're in my heart", dedicata alla soccer team. Ultimamente è stato ripreso proprio perché si è messo a piangere dopo una sfida di Champions League tra Barcellona e Celtic, in cui proprio il Celtic ha vinto. Per ora nessun fuorigioco registrato.

(6)

(1) 1. sandro pertini 2. lucio dalla 3. i reali william e hanry 4. yves saint laurent 5. Il principe Felipe di Spagna con la moglie 6. angela Merkel 7. jude law con sienna miller 8. gianni ed edoardo agnelli

(3)

(4) (5)

(7)

(8)


Soccer Passion 25

Il bello dei tifosi gente da stadio /2

(3)

Non solo in campo: lo spettacolo è anche sugli spalti affollati da un pubblico bizzarro e curioso, colorato e irriverente. Testo di MARCO MAGALINI (2)

(1)

(4)

È

un mix esplosivo di lacrime, sudore, sangue che scorre nelle vene. Si vedono le persone che spalancano le braccia e gridano verso il cielo, accomunate da un senso di travolgente appartenenza (talvolta apparentemente inspiegabile). Non c'è spazio per l'indecisione, le domande o le debolezze. Ciò che è certo, è che il fenomeno calcistico sta assumendo proporzioni mai viste. Nel corso degli anni, la passione del calcio è stata dimostrata più e più volte da tumulti e agitazioni, per un gioco che mette le nazioni in stato di guerra o pace. Del resto, la diplomazia è altra cosa: qui una delle due squadre deve vincere e l'altra passerà alla storia come la 'the loser'. Punto e basta. Ma perché tutto questo pathos? Il movente è il senso di appartenenza, il segreto sta invece nell'inclusività del sistema. Forse è per questo trasporto emotivo, e per questa causa comune, che milioni di tifosi ogni giorno si fanno portavoce dei loro Paesi e gridano, tramite i loro bizzarri costumi, la loro appartenenza alla community. Celebri i messicani in sombrero e poncho della partita USA 1994, o i nigeriani che nel '98 hanno affollato gli stadi francesi con abiti tradizionali e tamburi. È una questione di orgoglio nazionale da comunicare al mondo, la necessità di camuffarsi per apparire quanto più omologati possibile. Bobby Charlton, un personaggio chiave dell'Inghilterra del 1966, ha detto: "Alcune persone mi dicono che noi giocatori professionisti siamo schiavi di calcio. Beh, se questa è schiavitù, mi danno l'ergastolo. La passione è fondamentale. Perché trovo la passione nel calcio? La competizione è ciò che mi spinge; il training è quello che mi ci vuole per stare un passo avanti in ogni partita; e le amicizie sono ciò che mi incoraggia a giocare per vincere. Per me il calcio non è solo un altro sport, è la mia passione". Una passione da condividere, non importa con chi.

1. dutch football fans 2. Spanish fans (Elena Pleskevich) 3. Fifa World Cup - Mexico VS South Africa (Celso Flores) 4. Euro 2012 football fans (PolandMFA) 5. Great Britain vs South Korea, Millennium Stadium, Cardiff (Jon Candy) 6. Spanish soccer fans in Boston (David Wilson) 7. italian fans (Olaf Nordwich) 8. US Soccer Fans in boston (David Wilson)

(6)

(5)


Digital 26

Soccer-networking Il calcio è un momento di condivisione, che passa attraverso i social network Testo di marco magalini

U

na passione da vivere assieme, non importa con chi. Un fenomeno di grande attualità è Fubles.com, un social network che permette di organizzare e gestire partite di calcetto (e non solo) risparmiando tempo e denaro. Mettendo insieme giocatori (già 225.000), partite e centri sportivi di una zona, Fubles permette a chiunque di iscriversi gratuitamente e organizzare partite con i propri amici o partecipare a partite già pianificate. Ma non è tutto, i fenomeni di soccer-networking spopolano sul web. Un altro esempio è Goalterest, la versione di Pinterest dedicata al mondo del pallone che nasce da un'idea di Digital Ground, società di Marco Camisani Calzolari, Professore di Comunicazione Aziendale e Linguaggi Digitali alla IULM di Milano. Basta iscriversi per condividere le foto più strane ma anche quelle che ricordano personaggi illustri del mondo del calcio. Come funziona? Gli utenti registrati potranno postare e condividere le foto con gli amici, inserendole all'interno delle categorie del social network, tra cui 'Ti ricordi di...' una sorta di raccolta di immagini storiche dei calciatori. Ma è possibile inserire anche foto curiose e divertenti, creando categorie ex novo. “Per adesso abbiamo 6000 utenti, che sono poi i collaudatori della versione beta - aveva dichiarato il fondatore di Digital Ground -. Il network sarà gratuito e privo di banner pubblicitari perché darebbero fastidio ai potenziali utenti. Vogliamo diventare il Pinterest del pallone. Abbiamo migliorato molti aspetti del software, e interpretato la direzione del mercato, passando dalle piattaforme orizzontali più generaliste come Facebook a quelle verticali, legate a tematiche specifiche. E il calcio è una di esse". La tendenza è chiara, anche sul web non c’è tempo da perdere.

(1)

Dall'alto: Screenshot del sito Goalterest, il nuovo social network fotografico dedicato esclusivamente al calcio. In basso: screenshoot del sito Fubles, la piattaforma che permette agli utenti iscritti di organizzare virtualmente incontri sportivi su campi da gioco reali. Gli utenti sono già 225.000

(2)

le applicazioni soccer da non perdere A cura di Virginia Simoni news

 uefa.com mobile (free)

 TMW Magazine (free)

iPhone, iPad

TMW Magazine è la rivista elettronica gratuita prodotta da Tuttomercatoweb.com. Ogni mese interviste esclusive, approfondimenti con tutti i protagonisti dello sport e molto altro!  Champions League (free)

Iphone, Ipad

Goditi i risultati della Champions League 24ore su 24. Questa app mostra tutti i dati per ciascuna partita di Calcio aggiornati in tempo reale. Vengono mostrati i marcatori, cartellini gialli e cartellini rossi etc. E' presente inoltre la classifica marcatori della Coppa dei Campioni, le prossime partite e i dati su quelle precedenti.

Iphone,Ipad

L’edizione iPhone di UEFA.com mobile è l’applicazione ufficiale UEFA che spalanca le porte del calcio europeo direttamente sul tuo cellulare. Installa l’applicazione e segui le maggiori competizioni europee, tra cui: la UEFA Champions League, la UEFA Europa League, i Campionati Europei UEFA Under 21.

game

Futbol 24 (free)

iPhone, iPad

La più veloce ed affidabile applicazione per seguire le partite di calcio in diretta sul tuo iPhone o iPad. Le novità stanno nel browsing delle partite per paese, le ultime partite giocate da entrambe le squadre nel dettaglio e la possibilità di aggiungere ai preferiti gli incontri delle diverse giornate.

The Football App (free)

iPhone, iPad

Fifa 2013 by EA Sports

Score! Classic Goals Iphone,Ipad

Iphone, iPad

($ 4,99) Iphone, iPad

Risultati di calcio in diretta per la Serie A e Serie B, classifica della Serie A e classifica marcatori aggiornate, cartellini gialli e rossi in tempo reale. Ricevi una notifica per ogni gol che verrà segnato dalla partita di tuo interesse. Serie A inoltre mostra anche i voti per il fantacalcio.

Scegli il tuo stile di gioco, la formazione e gioca la partita come un vero campione. Sempre più aggiornato e con un sistema di simulazione più realistica per azioni e goal più emozionanti che mai.

Head Soccer

(free) Iphone e Ipad

Una delle app calcistiche più scaricate d'Europa con oltre tre milioni di download.The Football App copre oltre 50 campionati internazionali in tempo reale e con dettaglio ad alto livello. Fornisce cronache testuali dal vivo, notizie dell'ultim'ora, video, classi per le fashion victim dell’Estremo Oriente.

serie a calcio (free)

(free)

Hai la stoffa per segnare il gol decisivo? Ricrea i tuoi gol preferiti degli ultimi 4 decenni in questo puzzle game unico tutto sul calcio. E anche se il calcio non è il tuo sport preferito, con quest’applicazione il divertimento è assicurato!

Un gioco di calcio semplicissimo in cui basta solo un secondo a chiunque per imparare a giocarci. Prova a vincere il torneo sconfiggendo l’avversario con tiri spettacolari come dragon shot, ice shot, lightning shot. Inoltre attraverso il game center e’ possibile giocare con amici o giocatori di tutto il mondo.  nike + running (free)

iPhone,iPad

L'applicazione perfetta per il vostro allenamento di corsa fuoricampo che vi motiverà sempre di più nel migliorare le vostre performance. Da oggi puoi anche aggiungere gli amici e confrontare i tempi. Registra i passi, le miglia percorse, l'accellerazione, il battito. Tutto per superare ogni giorno il vostro record personale.


World news

A cura di Giovanna Caprioglio

Style – gennaio-febbraio 2013 Di Gianluigi Paracchini

Claudio Marchisio Un’intervista al calciatore della Juventus che si distingue per la sua classe in campo e fuori.

27

So Foot novembre 2012 di Suzan Borsellino e Ronan Bosher

Nel paese di Kakhi

Dal 1 ottobre Kakhaber “Kakhi” Kaladze, l’ex difensore del Milan, è vice Primo Ministro della Georgia. So Foot racconta l’ascesa di questo giovane, ricco e alla moda in un Paese molto conservatore ai limiti della legalità.

I

Un'immagine interna all'artico di Style - ph. Andrea Pugiotto

n una elezione a colpi di polemiche e video compromettenti, tra candidati vecchio stile con camice salmone senza cravatta, il candidato più chiacchierato è stato senza dubbio l’ex calciatore Kaladze, molto amato come sportivo, ma meno come politico. “La situazione della Georgia è l’unica ragione per cui ho deciso di lasciare il calcio. Se le cose qui fossero state diverse, avrei potuto tranquillamente continuare a giocare a calcio, essere ben pagato e vivere a Milano, una delle più belle città d’Europa”, afferma Kaladze. Era l’ottobre 2011 quando il magnate georgiano Bidzina Ivanichvili annuncia in un comunicato di impegnarsi in politica riunendo una coalizione di tutte le forze politiche avversarie al Presidente Saakachvili. Era la nascita del “Sogno Georgiano”. “Due giorni dopo la sua dichiarazione ho contattato Ivanichvili per la prima volta e l’ho voluto incontrare qui in Georgia. Abbiamo molte cose in comune, anche lui ama molto il suo paese. Così ho deciso di seguirlo in questo movimento”. Da quel momento non è stato facile, molti sono stati i suoi oppositori, ma oggi lui è vice Primo Ministro e forse dà un volto diverso e più internazionale a questa nazione.

GQ UK di Jessica Punter

I

Lo stile secondo Mourinho

GQ intervista l’allenatore che racconta come interpreta lo stile

n molti lo chiamano Piccolo Lord, per i suoi lineamenti gentili e soprattutto per il suo stile dandy. Ma anche principino, non solo per la classe, ma anche per il suo comportamento in campo. Alla Juve da quando aveva 7 anni, riservato come tutti i piemontesi, con una sensibilità sociale e idee progressiste, che ama l’arte e passa le ore davanti a History Channel. Ha già due figli, Davide di tre anni e Leonardo di dieci mesi. In questa intervista a Style parla del suo ruolo privilegiato, di politica, della sue due vere passioni, le auto sportive e la famiglia, ma soprattutto del suo rapporto con l’eleganza, dentro e fuori dal campo. Ne esce un uomo (in realtà ancora un ragazzo di 27 anni) molto attento allo stile personale, a cui tiene sin da piccolo. Così è tra i pochi giocatori che si pre-

senta agli allenamenti in camicia e giacca. D’altronde ama vestirsi dal sarto Alessandro Martorana, torinese come lui , a cui richiede uno stile sobrio, anche più classico di quello che normalmente il sarto amerebbe proporre (qualcuno ricorderà le giacche di Lapo riprese dal guardaroba del nonno Gianni). Il feticcio del suo guardaroba resta comunque un capo casual: il giubbotto in pelle nera. Quasi una mosca bianca rispetto ai suoi colleghi che spesso si creano dei veri e propri personaggi anche attraverso i loro stili e le acconciature particolari. “Non fa per me – afferma - ma penso allo sconcerto che creerebbe il mio amico Mario Balotelli se si presentasse pettinato normalmente. Certo, il look può diventare anche una prigione”. Ma gentlemen bisogna essere anche in campo, senza per forza rinunciare ad

essere anche duri; richiedendo rispetto e rispettando a propria volta. Il suo idolo? Il centrocampista Steven Gerrard, e chi se non un inglese!

La copertina del numero di Style in cui appare l'intervista.

P

rima che Josè Mourinho portasse il suo stile nel mondo del management calcistico, i dirigenti delle società si limitavano principalmente a due look: quello del manager con abito scuro o quello con il cappotto cammello senza forme, stile Ron Atkinson. Con i suoi abiti su misura e cappotti Armani, Mourinho ha indubbiamente rivoluzionato tutto, grazie anche al suo innegabile carisma e successo. Ecco quello che racconta a GQ l’allenatore. "Quando ero al Chelsea ho conosciuto Giorgio Armani a Milano. Ho sempre apprezzato Armani e avuto una buona relazione con il brand. Ma amo vestire anche Ermenegildo Zegna e Hugo Boss. Quando ho iniziato a mettere la giacca e la cravatta durante le partite non erano in molti a farlo, ma ora, dieci anni dopo, lo fanno tutti. Così ho deciso di mettere pantaloni casual e penso che molti altri mi seguiranno. Al Real ho molte discussioni, anche divertite, con i giocatori, perché vorrei che vestissero in modo adeguato. Ma loro sono giovani e noi manager sempre più avanti con gli anni, credo però che quello di adattarsi al gruppo di età con cui si lavora sia una qualità che ogni dirigente deve possedere. Io uso il termine “adeguato” e lascio spazio alla libera interpretazione, è una loro scelta e anche sinonimo di responsabilità. Lo stadio per noi significa lavoro, non solo un campo".

IN BREVE  www.vogue.it

David Beckham Bodywear by H&M Nuovo servizio fotografico e spot pubblicitario per la linea di H&M in collaborazione con David Beckham. Lo spot è stato diretto dal regista Guy Ritchie, che ha apprezzato molto lavorare col calciatore tanto da dichiarare “per me non si è trattato di una semplice campagna pubblicitaria, è stato come dirigere un cortometraggio, David è perfetto". La collezione, che ha già riscosso molto successo nelle passate stagioni, è stata seguita in prima persona da Beckham, che si è ispirato al suo guardaroba per creare, boxer, felpe, t-shirt e pigiami.

 www.sepp-magazine.com

Esquire.com 15 novembre 2012

11 gennaio 2013

The beautiful fan

Nike per Cristiano Ronaldo CR7 Collection

David Beckham in un'immagine della campagna H&M

Creata in collaborazione con il calciatore portoghese, nasce la nuova collezione Nike CR7. L’ispirazione viene ovviamente dal calcio, quindi una collezione di capi tecnici, dagli short e le magliette alle scarpe da calcio firmate dal giocatore, ma anche una grossa parte per il tempo libero: giacche, pantaloni, scarpe ed accessori pensate più per passeggiare in città che per la corsa. Dice infatti Ronaldo: “Ogni momento in cui non gioco, cerco di spenderlo con amici e famiglia facendo cose che normalmente non posso fare quando sono in gara”.

Uno scatto di Ronaldo che indossa capi della collezione CR7

Sepp è un magazine davvero particolare, una vera e propria ode al calcio visto attraverso la lente della moda. Bellissime immagini e soprattutto bellissime modelle che posano con uno stile molto ammicante, ma mai volgare. Un progetto di Markus Ebner, editore anche di Achtung e Godfrey Deeny. L’ultimo numero, uscito a giugno 2012 era tutto dedicato alla Polonia, che ospitava una parte dei campionati europei. Nella sezione del sito “The beautiful fan” ammirate una carrellata di immagini di tifose ritratte proprio fuori dagli stadi in occasione dell’evento.

Una delle immagini del sito by Janek Zamoyski & Witek Orski / czulosc.com


FASHION ILLUSTRATED

SY_FashionIllustrated_GenFeb13.indd 1

Allegato Issue #19- Marzo/Aprile 2013

21/12/12 12.14


Libri

A cura di DIANA BARBETTA

29

FOTOGRAFIE DI DOMENICO DOLCE

Dolce&Gabbana Campioni Rizzoli, pp. 560, € 180

Cover di Dolce&Gabbana Campioni

U

na visione acuta, nitida, introspettiva: lo sguardo di un couturier. Sessantasette giovani promesse del calcio made in italy, sessantasette volti eterogenei ritratti attraverso una medesima visione, quella interiore. “ [...] Ho capito che l'immagine non è nella macchina ma nella testa del fotografo. Non è l'obiettivo, non è la tecnica: la foto devi averla dentro la mente, negli occhi. Devi sognarla. La macchina fotografica è solo uno strumento di transizione dalla mente (direi di più: dal cuore) alla carta ”. Domenico Dolce. Una frase che svela l'attitudine propria di colui che è incline all'osservazione, che ancor prima di ideare un abito, si sofferma sulle caratteristiche fisiche e morali di colui che lo indosserà. “Ho immaginato, per ogni giovane che avevo davanti, una storia che lo aveva per protagonista. Un po' come facciamo Stefano e io quando creiamo le nostre collezioni”. D. Dolce. Scrutare un soggetto, scoprirne le peculiarità, svelarne le movenze per poi sintetizzare il tutto in un solo e unico scatto. Il risultato: una narrazione che racconta la storia di giocatori tramutati in personaggi. Un binomio quello “giocatore-

personaggio” che ben si associa al “calcio” visto come “rappresentazione”. Un pensiero condiviso in tempi insospettabili, anche da Pier Paolo Pasolini, quando in un suo celebre commento comparso su L'Europeo nel 1970, afferma: «Il calcio è l'ultima rappresentazione sacra del nostro tempo. È rito nel fondo, anche se è evasione. [...] Il calcio è lo spettacolo che ha sostituito il teatro». Una frase quanto mai profetica, che potrebbe svelare l'arcano che si cela dietro il nascente connubio tra il mondo della moda e quello dello sport. Un sodalizio per Dolce&Gabbana iniziato nel 2006, un anno ormai entrato nella storia, quando l'Italia si affermò come campione del mondo. “Il calcio, in tutti questi anni, è sempre stato accanto a me e io accanto a lui. Un binomio forte, fatto dalla consapevolezza che questo sport è davvero democratico […] servono solo una palla, uno spiazzo, una dozzina di bambini...Così nasce la magia. E il sogno si trasforma subito in realtà. Ognuno entra dentro un personaggio. Un suo mito.” D. Dolce. Miti leggendari, gloriosi esponenti di una generazione calcistica che ha dettato le proprie cifre stilistiche ai posteri “[...] Roberto Boninsegna, Gigi Riva, Sandro Mazzola, Paolo Rossi. Una generazione bellissima […] ”D. Dolce. L'importanza di agire attraverso dettami diversi, più interiori è stata evidenziata da Domenico Dolce come la “sola chiave d'accesso”per giungere “nella zona più segreta di chi è fotografato e di chi poi guarderà lo scatto”. Irving Penn sosteneva che «un buon fotografo è una persona che comunica un fatto, tocca il cuore, fa diventare l’osservatore una persona diversa». Un intento tra i più difficili, riuscire a captare l'essenza del soggetto ritratto e donarla all'osservatore. Un intento perseguito da uno sguardo che celebra la forza e nel contempo l'innocenza di questi giovani calciatori.

un romanzo che celebra la storia del calcio CALCIO! Juan Esteban Constaín Marco Tropea editore, pp. 190, €14.00

Un romanzo definito dallo stesso autore come «una cronaca sportiva in differita di secoli», in bilico tra ri-

ferimenti storici e fantastici, in cui è dato ad Arnaldo Momigliano, insigne storico italiano esule in Inghilterra, il compito di rivendicare la paternità di uno sport riconosciuto da sempre come inglese. L'autorevole voce narra una vicenda, ignorata dalla storiografia ufficiale, ambientata in pieno clima rinascimentale nella Repubblica fiorentina assediata dalle truppe spagnole di Carlo V, dove si assiste alla prima partita di calcio giocata in una straniante piazza Santa Croce. “Questi lanciò la palla in aria, e un frastuono bestiale s'impadronì della piazza. Il frastuono della gente sugli spalti e quel dei giuocatori in campo, che correan come in ritirata. Un fiorentino del mezzo s'impadronì del pallone, e con esso corse verso il lato, cercando a chi darlo della sua avanguardia. Ma tali eran la polvere e il disordine che preferì tornare coi terzini suoi, per trovar lì un poco di protezione. Più che una partita si vedeva una battaglia dura e mortale

[...] ” Frammento Tratto dal libro Juan Esteban Constaín, autore del romanzo edito da Marco Tropea Editore tradotto in italiano da Sandro Ossola, attribuisce alle partite narrate una valenza politica, rendendole quasi dei “match politici, culturali” trasfigurati nella rivendicazione portata avanti dal Momigliani difronte allo sbigottito circolo accademico di Oxford. Una lucida visione creativa che unisce a storiche testimonianze geniali invenzioni letterarie che hanno consentito all'autore di vincere il premio Spartaco per il migliore romanzo storico alla Semana Negra di Gijón. Trovate i libri recensiti in Biblioteca della Moda, un archivio di editoria dal 1860 a oggi. Biblioteca della Moda, Via Alessandria 8 - Milano tel. 02 83311200 www.bibliotecadella moda.it

Sopra Stevan Jovetić. Sotto Michele Camporese (foto di Domenico Dolce)

Dirk Bikkembergs

10 YEARS OF FASHION & FOOTBALL Lido Book, pp.448

el 2011 l'ideatore della Sport N Couture festeggiò il suo decimo compleanno con “10 YEARS OF

FASHION & FOOTBALL”, un percorso narrativo che svela attraverso 650 scatti fotografici un'iter evolutivo connotato da una lungimirante visione creativa. Stilista, tra i primi ad intuire la grande importanza del calcio all'interno del sistema moda, Dirk Bikkembergs lancia nel 2000 la linea “Bikkembergs Sport”e nel 2001 ambienta per la prima volta la sua sfilata di moda all'interno dello Stadio Meazza di San Siro. Il calcio, visto come linguaggio universale di facile codificazione, diviene punto di riferimento per le sue creazioni, da sempre ispirate alle iconiche figure del mondo calcistico. L'olimpo della moda connotato dall'immagine del calciatore, elevato a status symbol del mondo maschile, in cui l'elegio della fisicità, come nella statuaria greca, continua ad essere un riferimento estetico di attualità.


soccer CHI LEGGE

Shopping nel pallone

I calciatori sono le nuove icone di stile dentro e fuori il campo, e lo shopping con il mio fidanzato - stella del football- diventa così un gioco a calci di stile. di melissa satta illustrazione di Jaume vilardell

I

l mondo della moda e il mondo del calcio sono sempre più legati, diciamo che “lo sport è lo sport” ma è sotto l’occhio di tutti che ormai molte aziende del fashion sponsorizzano squadre di calcio e personaggi sportivi. Guardate anche allo stadio come le pubblicità che sono intorno al campo sono sempre più spesso di aziende di questo settore, così come le divise dei giocatori vengono prodotte da noti brand. I giocatori sono molto richiesti per servizi fotografici di campagne pubblicitarie, avendo anche sicuramente un grande impatto mediatico. Ormai sono molti anni che il calciatore fa tendenza e ha un forte impatto sulla moda popolare, soprattutto i ragazzi giovani non seguono più i personaggi della tv ma preferiscono gli sportivi, perchè in genere sono

figure positive: bei ragazzi, sani, con un bel fisico e che sanno anche vestire bene. Una tendenza molto seguita sono i tagli di capelli molto estrosi che vengono sfoggiati in campo. Nel mio caso ho la fortuna di stare con una persona (Kevin Prince Boateng, centrocampista del Milan, ndr) che in fatto di moda ha le idee chiare, il proprio stile e si diverte a giocare con il look, proprio come me. Quindi nello shopping insieme ci consigliamo senza imporci uno sull’altro. Ci divertiamo molto a mixare i vari capi, dalla tuta da ginnastica per uno stile più hip hop, passando a uno più serio con l’abito, la giacca e un cappottino, variando in base alle situazioni. Non abbiamo dei brand preferiti, ci piace variare e sperimentare. Per me soprattutto la moda non è più solo fatta di grandi mar-

che, ma amo mixare pezzi meno costosi con altri griffati. Vado a fare shopping sia da Zara e H&M sia da Dolce&Gabbana, Stella McCartney; per me la moda oggi è un tutt’uno in questo senso. Per essere “alla moda” bisogna saper mixare, oggi una persona non è ben vestita solo se compra i grandi marchi, si può vestire bene anche con pezzi più cheap. Oggi c’è la crisi ed è giusto anche fare attenzione e lanciare questo segnale: si può essere “giustissimi” e super fashion anche risparmiando. Io avendo un’anima molto sportiva amo stare in jeans, t-shirt oversize e sneaker colorate. Amo i tacchi ma non li porto quotidianamente, ma solo quando servono (diciamo la verità, fanno troppo male ai piedi) e come tutte le donne ho un vero debole per le borse.


SOCCER ILLUSTRATED

Allegato Issue #19- Marzo/Aprile 2013


Š 2013 adidas AG. adidas, the 3-Bars logo and the 3-Stripes mark are registered trademarks of the adidas Group.

FASHION ILLUSTRATED

Allegato Issue #19- Marzo/Aprile 2013

velocitĂ pura Scarica il gioco f50 e sfida i tuoi amici. Disponibile su

e

Fashion Illustrated - Soccer Illustrated  

Allegato #19 Fashion Illustrated - Soccer Illustrated