Issuu on Google+

PITTI UOMO 91

La prima volta di Replay a Pitti Uomo

«Vogliamo premiare il canale wholesale» The arena of Pitti Uomo convinces Replay, which for the first time chose to cross the walls of the Fortress to present the next winter collection. L’arena di Pitti Uomo convince Replay, che per la prima volta sceglie di varcare le mura della Fortezza per presentare la collezione del prossimo inverno. «In considerazione del crescente respiro internazionale del salone e dell’inversione di tendenza, che in molti mercati sta tornando a premiare il canale wholesale, abbiamo deciso di esordire in chiave istituzionale all’interno della manifestazione», spiega Matteo Sinigaglia (nella foto), ceo di Fashion Box, cui fa capo il marchio. «Firenze per noi è una piazza molto importante anche dal punto di vista commerciale e, infatti, la presidiamo con tre monomarca», racconta Sinigaglia. Una manifestazione, sottolinea, che acquisisce una fisionomia sempre più internazionale, a metà strada tra fiera di moda e fashion show, e per questo piattaforma ideale per un marchio che coniuga il jeanswear e i dettagli sartoriali. Il brand porta in scena nella Sala della Scherma la collezione battezzata «Rebel &Heroes». Una contaminazione di stili, tra echi biker, tendenze military e richiami al mondo college. In passato Replay è stata protagonista a Firenze di eventi collaterali in concomitanza con il salone, come il grande happening del 2002 in piazza della Signoria, con danze aeree e giochi di luce.(c.me.)

I 70 ANNI DI Wrangler

Torna l’arcobaleno in fortezza Back to Pitti Uomo after more than a decade, Wrangler chose the fair in Florence to celebrate its 70th anniversary. Torna al salone dopo oltre dieci anni Wrangler, l’etichetta americana in capo a Vf Corporation, che sceglie la ribalta fiorentina per suggellare il 70esimo anniversario. Una ricorrenza scandita da una collezione battezzata “Retro Glory”, che attinge al passato guardando al futuro. Sono gli anni Settanta il focus, la decade che ha consacrato la label americana icona del denim, reinterpretati con una sensibilità attuale. «Sono stati gli anni dell’ottimismo e del divertimento, così come suggerisce la grafica dell’arcobaleno - spiega Sean Gormley, direttore creativo di Wrangler -. Questo concetto di positività viene oggi rivisitato dalla cultura pop, facendo riferimento al mondo del fashion, allo stile dei festival fino a raggiungere la serie TV cult “Stranger Things». Le tele indigo sono protagoniste, declinate in lavaggi deep blue, stone dyed, sfumature luminose e dalla presenza del motivo dell’arcobaleno. Per l’uomo, oltre ai jeans dal fit slim, l’offerta comprende T-shirt, maglie e camicie stile western; per la donna il pantalone più attuale è il cropped flare, oppure ci sono gli short e le gonne tagliate, abbinate alla T-shirt con le grafiche dell’arcobaleno. Agli amanti dell’esclusiva è dedicata la limited edition di trucker jacket in denim stone dyed, con stampa posteriore a cura dell’artista Luke McLean, che ritorna anche su alcune T-shirt. E poi una sorpresa, ancora top secret: la liaison con un altro artista da scoprire nello stand. (c.me.)

38

09_01_2017

Guido Biondi, direttore creativo di Roy Roger’s e Antonio Liverano nella bottega fiorentina

Roy Roger’s/liverano & liverano

Anche il jeans diventa sartoriale

Roy Roger’s interprets its jeans from a different perspective and launches the new tailored denim, in collaboration with famous Florentine dressmakers Liverano & Liverano, on show at Pitti Uomo. Roy Roger’s sperimenta nuove chiavi di lettura per i suoi jeans. Arriva il denim sartoriale, in collaborazione con la nota sartoria fiorentina Liverano & Liverano, in pista a Pitti Uomo. È l’incontro tra due mondi diversi, un tempo inconciliabili, che oggi interagiscono in un’ottica contemporanea, anche in virtù di due punti che le accomunano: sono entrambe fiorentine e tutte e due vantano una storia lunga decenni. Realizzate a Firenze, le inedite proposte di Roy Roger’s presentano dettagli ricercati tipici del fatto a mano che derivano dal know how di Liverano & Liverano, una delle ultime botteghe sartoriali fiorentine, di stanza in via De Fossi, vicino all’Arno. Una tappa obbligata per gli amanti del bespoke di tutto il mondo, fondata alla fine degli anni Quaranta da Luigi Liverano, in arrivo dalla Puglia, a cui si affianca pochi anni più tardi suo fratello Antonio, tuttora attivo nel laboratorio. (c.me.)


FLIP PAGE FA N 1 2017