Page 7

7

FASHION ICONS

TOP OF THE TOP

DIECI ICONE

Tra capi leggendari e nuovi classici, cosa non deve mancare nel guardaroba perfetto Among legendary items and new classics, the must-haves of a perfect wardrobe a cura di / by Elena Azzola, Alessandra Bigotta, Andrea Bigozzi, Elisabetta Campana, Alberto Corrado, Elisabetta Fabbri, Carla Mercurio, Angela Tovazzi

Gli standard di sempre, con una nuova silhouette e un pizzico di irriverenza, nel tailleur haute couture In the haute couture suit the usual standards, but also a new silhouette and a hint of irreverence

GWYNETH PALTROW A proposito della sfilata haute couture primavera-estate 2016:

Era il 1954 quando Coco Chanel presentava per la prima volta un tailleur in morbido tweed (prettamente maschile), bordato di passamaneria, con bottoni in metallo a testa di leone (il segno zodiacale di Mademoiselle). Un flop per la stampa, eccetto quella americana, che aveva intuito quanto fosse rivoluzionario. Se ne innamorarono Grace Kelly, Ingrid Bergman, Liz Taylor e Jacqueline Kennedy. Oggi cambiano le celebrity (Gwyneth Paltrow, Tilda Swinton e Cara Delevingne, solo per citarne alcune) ma il mito di un capo che tutte vorrebbero indossare resta. Grazie al tocco magico di Karl Lagerfeld, dal 1983 impegnato «nel creare un avvenire migliore - come lui stesso ha scritto citando Goethe - con gli elementi lasciati dal passato».

About the Spring-Summer 2016 haute couture show:

‘‘

L'eredità della maison è presente ma con un’interpretazione moderna e originale. Le silhouette sono incredibili. Karl Lagerfeld spinge sempre la moda a un livello superiore. Non stupisce che sia il migliore: una leggenda assoluta.

Coco Chanel presented her typically male soft-tweed suit for the first time in 1954. It had a trimmed hem and metal buttons with the design of a lion’s head (Mademoiselle’s star sign). The press declared it a flop, apart from in America where they sensed how revolutionary it was. Grace Kelly, Ingrid Bergman, Liz Taylor and Jacqueline Kennedy all fell in love with it. The celebrities may have changed today - Gwyneth Paltrow, Tilda Swinton and Cara Delevingne, to name but a few - but the mystique of an item of clothing that everyone wants to wear remains. All thanks to Karl Lagerfeld’s magic touch, who has been busy «creating a better future - as he put it himself, quoting Goethe - from elements left over from the past» since 1983.

L’ISPIRAZIONE DEL TWEED SUL WEB

Sapevate che, per il tweed del suo famoso tailleur, Coco Chanel si è ispirata alla tenuta da caccia del duca di Westminster? Dallo scorso 22 febbraio, questa e altre curiosità sono raccontate in un video, 14esimo capitolo de “Il vocabolario della moda”, pubblicato dal sito web Inside Chanel.

THE TWEED INSPIRATION ON THE WEB

Did you know that Coco Chanel drew inspiration from the Duke of Westminster’s hunting jacket for the tweed of her famous suit? As of 22 February, you can discover a whole host of anecdotes about the brand thanks to the 14th instalment of “The Vocabulary of Fashion”, published on the Inside Chanel website.

TB ICONS 5 PAG 7 INTER.indd 7

The brand’s legacy is still there but with a modern and original interpretation. The silhouettes are incredible. Karl Lagerfeld is constantly pushing fashion to a higher level. It’s no surprise that he’s the best, an absolute legend.

COCO CHANEL DICEVA: «Il tailleur Chanel è disegnato per una donna in movimento. Sono una grande ammiratrice della donna e ho pensato di creare per lei abiti che la possano mettere a proprio agio, con cui possa comodamente guidare e che, al tempo stesso, sottolineino la sua femminilità»

AS COCO CHANEL ONCE SAID:

«The Chanel suit is designed for women on the move. I’m a great admirer of women and I wanted to create suits that would put women at ease, allowing them to drive comfortably, whilst emphasising their femininity at the same time».

© Condé Nast / Vogue France - Photo: Sante Forlano

1

Chanel

24/02/16 14.55

FASHION ICONS 2016  
Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you