Page 1


IL PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA

è l’espressione dell’autonomia progettuale e dell’identità culturale della scuola. Dichiara gli impegni in ordine alle finalità, ai principi generali e allo stile che l’Istituto intende perseguire. Rende visibile l’offerta formativa in ordine alla progettazione curricolare, extracurricolare, educativa ed organizzativa, attraverso l’esplicitazione di specifici progetti. Il POF si pone pertanto quale strumento per garantire, attraverso la trasparenza, la qualità del servizio scolastico.

2


3


4


NATURA E SCOPO DEL NOSTRO P.O.F. L’Istituzione Scolastica si pone come fondamentale riferimento culturale per il nostro territorio, proponendo le seguenti finalità (in conformità al D.P.R. 275/99) anche per quanto concerne la flessibilità: 

Trasformare le potenzialità di ciascuno alunno in competenze.

Essere formative espresse locali, dai territorio.

Guidare gli alunni a decodificare la realtà che li circonda in modo critico e consapevole, per operare scelte responsabili.

Ampliare l’offerta formativa attraverso laboratori mirati alla formazione integrale della persona.

attenti alle diverse esigenze degli alunni, nonché alle attese dalle famiglie, dalle comunità contesti sociali ed economici del

 Conoscere e valorizzare il proprio territorio

al fine di promuovere il radicamento in esso.

 Sviluppare una capacità imprenditoriale

legata allo sviluppo sostenibile del territorio, attraverso la sua capillare diversificata conoscenza, con graduale valorizzazione e promozione.

 Garantire a tutti un adeguato successo formativo nella costruzione di un percorso personalizzato.

5


PREMESSA Il Piano dell’Offerta Formativa, elaborato da questo Istituto Comprensivo, è il naturale sviluppo dei Piani Educativi delle Scuole che compongono l’attuale Istituto. Nella sua elaborazione si ritiene indispensabile richiamare il quadro normativo di riferimento ed il contesto socio-ambientale in cui gli alunni sono inseriti, in quanto nella individuazione delle scelte educative occorre operare una mediazione adeguata, tra obblighi istituzionali e specifiche situazioni contingenti. Il documento sarà consegnato, in estratto, ai genitori degli alunni del primo anno di frequenza di ciascun grado scolastico e sarà messo a disposizione di tutti per consultazione e copia. Sarà inviato inoltre a tutti gli Enti e Istituzioni che interverranno nella realizzazione delle attività con il loro contributo finanziario, con un supporto logistico e con la collaborazione organizzativa. Il P.O.F. costituisce la cornice unitaria di tutti i piani personalizzati, di tutte le attività progettuali di offerta formativa e del suo ampliamento, articolandosi in una documentazione completa depositata agli atti dell’Istituto e costituita da: 

Piani annuali di programmazione educativo-formativa dell’Infanzia, Primarie e Secondarie di I° grado;

delle

Scuole

 i progetti delle attività extracurricolari e di quelli sperimentali con la descrizione analitica delle competenze, dei contenuti, delle metodologie, dei risultati attesi, dei costi di progettazione, organizzazione e realizzazione;  i progetti delle attività di formazione;  le procedure di valutazione degli alunni;  il piano attuativo dell’Istituto, con la definizione degli impegni collegiali;  metodologia sintetica dello schema esplicativo delle UA, utilizzata per la visualizzazione delle attività educativo-formative progettuali.

6


CONTESTO NORMATIVO Con l’emanazione del D.P.R. 8 Marzo 1999 n. 275 relativo al “Regolamento recante norme in materia di autonomia delle istituzioni scolastiche, ai sensi dell’art. 21, della legge 15 marzo 1997, n. 59, si è data attuazione ai principi generali concernenti l’autonomia delle istituzioni scolastiche. Per la stesura dell’attuale P.O.F. è stata presa in esame la legge di riforma 53/03, il decreto ministeriale del 31 Luglio 2007, la direttiva del Ministro Fioroni n. 68 del 3 Agosto 2007, le leggi n. 133 del 6/8/2008, n. 169 del 30/10/2008 e n. 189 del 4/12/2008 e la circolare ministeriale n° 50 del 20 maggio 2009 del ministro Gelmini; questi ultimi provvedimenti legislativi trovano una loro prima sintesi nel Piano Programmatico previsto dall’art. 64 della legge 133/08. L’art. 3 del D.P.R. n 275/99 così recita:

Art. 3 (Piano dell’offerta formativa) 1. Ogni Istituzione scolastica predispone, con la partecipazione di tutte le sue componenti, il Piano dell’offerta formativa. Il Piano è il documento fondamentale costitutivo dell’identità culturale e progettuale delle istituzioni scolastiche ed esplicita la progettazione curriculare, extracurriculare, educativa ed organizzativa che le singole scuole adottano nell’ambito della loro autonomia. 2. Il Piano dell’offerta formativa è coerente con gli obiettivi generali e educativi dei diversi tipi ed indirizzi di studi determinati a livello nazionale a norma dell’art. 8 e riflette le esigenze del contesto culturale, sociale ed economico della realtà locale, tenendo conto della programmazione territoriale dell’offerta formativa. Esso comprende e riconosce le diverse opzioni metodologiche, anche di gruppi minoritari, e valorizza le corrispondenti professionalità. 3. Il Piano dell’offerta formativa è elaborato dal collegio dei docenti sulla base degli indirizzi generali per le attività della scuola e delle scelte generali di gestione e di amministrazione definiti dal consiglio di circolo o di istituto, tenuto conto delle proposte e dei pareri formulati dagli organismi e dalle associazioni anche di fatto dei genitori. Il Piano è adottato dal consiglio di circolo o di istituto. 4. Ai fini di cui al comma 2 il dirigente scolastico attiva i necessari rapporti con gli enti locali e con le diverse realtà istituzionali, culturali, sociali ed economiche operanti sul territorio. 5. Il Piano dell’offerta formativa è reso pubblico e consegnato alle famiglie all’atto dell’iscrizione.

7


8


CONTESTO AMBIENTALE E SOCIO-CULTURALE

OFFIDA

L’ambiente è di media collina, l’attività prevalente è quella agricolo-artigianale che nell’ultimo periodo si è evoluta con nuove tipologie imprenditoriali (agriturismo, bad and breakfast). Il territorio comunale conta circa 5300 abitanti. Tra le caratteristiche peculiari che hanno favorito il riconoscimento della città tra “i Borghi più belli d’Italia”: - un centro storico ricco di monumenti (S. Maria della Rocca con la sua cripta risalente al IX Sec., Palazzo Comunale sec. Xl-Xll ecc.) piazze, vicoli, fontane ecc. dall'alto valore artistico; - la qualità della vita e il

rispetto dell’ambiente; - la ricchezza di proposte culturali, ricreative e sportive. Tutto ciò ha favorito l’integrazione delle numerose persone provenienti da altri paesi in particolare dalla Cina. La viticoltura e la vinificazione sono tipiche del territorio: la Vinea, con sede, nello stupendo complesso di S. Francesco, è un'associazione di produttori a livello nazionale (ne fanno parte numerose cantine private e una cooperativa sociale). Gli stabilimenti industriali sono dislocati soprattutto lungo il corso del torrente Tesino e l’attività produttiva si occupa prevalentemente di conservazione degli alimenti, confezioni tessili, calzature, borse, metallurgia leggera, materiale elettrico. L'artigianato del merletto a tombolo connota la città di Offida ed oggi viene promosso in modo corretto e deciso anche attraverso il concorso del “Fusello d’oro”. È stata costruita una centrale fotovoltaica, in linea con le più recenti e innovative norme per il rispetto dell’ambiente. Sul territorio operano tre istituti bancari. L’ospedale si è trasformato in poliambulatorio e ricovero a lunga degenza. È presente la casa di riposo per anziani “Forlini” e un Centro diurno che è presidio socio-assistenziale, a carattere semiresidenziale, inserito nella rete dei servizi del 9


Comune e dei comuni limitrofi. Quest’ultimo, di recente istituzione, offre una presenza qualificata durante l’assunzione dei pasti e delle eventuali terapie farmacologiche, nonché durante vari momenti della giornata, al fine di favorire l’autonomia degli anziani nelle attività quotidiane, nella cura dell’igiene personale. Vengono inoltre garantite attività di animazione per stimolare le capacità creative e favorire le abilità sociali e il benessere psicologico mediante attività di tipo ludico-ricreativo: ascolto della musica, canto, proiezione di film in video cassetta, organizzazione di feste, gite. Gli impianti sportivi comprendono: un palazzetto dello sport, un campo di calcio, due di tennis e due palestre private, dove i cittadini possono praticare basket, volley, calcio, karate, tennis, calcetto, ginnastica artistica, danza e ballo; è anche attivo il “Club sommozzatori” e la Società ciclistica Amatori che ha avuto un ruolo determinante nell’organizzazione dei campionati mondiali giovanili nel 2010 e campionati europei juniores nel 2011. Il museo comunale, gestito dalla Cooperativa OIKOS, con sede nel palazzo De Castellotti, comprende la sezione del “pizzo a tombolo”, quella della civiltà picena e della civiltà contadina. Esso è inserito nella rete museale “museipiceni.it”, che comprende anche i comuni di Ripatransone, Montefiore dell’Aso e Monterubbiano. L’obiettivo di tale sistema è quello di migliorare la potenzialità dei musei e del patrimonio storico-culturale, valorizzandolo e promuovendolo in modo da rispondere adeguatamente alle varie domande dei diversi utenti: turisti, scolaresche, ricercatori, singoli interessati. Attigua al polo museale, c’è una ben fornita biblioteca comunale con una sezione particolarmente curata relativa alla narrativa novellistica del ‘900. Il Gal Piceno, con sede presso il Centro di Animazione Valtesino, valorizza le potenzialità del territorio, facilita l’adeguamento del tessuto socio-economico locale ai cambiamenti in atto ed avvia un nuovo metodo di lavoro basato sul concorso di risorse e sulla cooperazione tra i vari attori dello sviluppo locale. positiva è la partecipazione alle attività sociali con particolare riguardo a quelle del volontariato: Avis, Aido, Croce Verde, Caritas, Unitalsi e Gruppo comunale di Protezione Civile. Il “Samaritano” opera presso l'istituto Bergalucci dove sono ospitate persone in grave difficoltà psichica, fisica e sensoriale. È stata costituita una Spa Terme di Offida che prevede la realizzazione di uno stabilimento termale con annesso un centro benessere e realizzata una struttura che ospita la ricicleria dal parte del comune di Offida. Attività culturali: tre compagnie teatrali (di cui una, la “Giannino Stoppani”, scolastica), una banda musicale, una scuola di danza, una scuola di musica e il centro studi “G. Allevi”. Tradizioni culinarie: funghetto, chichì ripieno, pollo ncip ‘nciap, coniglio in salsa e taccù. Tradizioni popolari: carnevale (Bov fint e Vlurd), festa della Croce Santa, Beato Bernardo e varie sagre.

10


CONTESTO AMBIENTALE E SOCIO-CULTURALE

CASTORANO Il paese appartiene alla provincia di Ascoli Piceno e dista dal capoluogo circa 18 km. Sorge sulle colline che circondano la vallata del Tronto e comprende, oltre al capoluogo (altitudine 280 m s.l.m.), diverse frazioni (Pescolla, Rocchetta, San Silvestro) per una superficie complessiva di circa 14 km quadrati e una popolazione di circa 2350 abitanti. Gemellaggi  Dobrcz  Noisy-sur-École Servizi e Associazioni:  Teatro  Biblioteca comunale  Ufficio “Informazioni”  Proloco  Associazione combattenti  Associazioni di volontariato, tra cui l‘AVIS  Impianti sportivi: bocciodromo, campo di calcio, piscina  Bocastrum,  Castorano Calcio  Motoclub Castrum Musei e monumenti  Museo Arti e Mestieri  La Torre Civica (eretta nel 1471, con funzioni di avvistamento in difesa dagli attacchi di Ascolani e Fermani, a tipica forma pentagonale, restaurata di recente) e l’Orologio (risalente al 1884 e considerato un vero gioiello d’arte)  Chiesa di Santa Maria della Visitazione (risalente forse al 1000, con restauri nel secolo sedicesimo) Manifestazioni:  Santo patrono: Visitazione della Beata Vergine Maria (31 maggio)  Sagra gastronomica tipica con prodotti locali (prima settimana d’agosto)  V’Vtella (14 agosto)  San Martino  Babbo Natale in Piazza (periodo natalizio)  Scuccetta in piazza (a Pasqua) 11


Inoltre una delegazione in costume storico di Castorano sfila, ogni anno, al seguito del corteo della Quintana di Ascoli Piceno e alla “Perdonanza” de L’Aquila. LE FRAZIONI Frazione Pescolla La Frazione Pescolla, che nei codici antichi è anche chiamata Pescoglia o addirittura Pex olla (si pensa che il nome stesse originariamente ad indicare dei laghetti di allevamento, simili a vasche per rifornire le mense dei ricchi locali) oggi è poco abitata, ma nei tempi che furono, quando l'agricoltura era l'unica attività produttiva, era popolosa. C'è una bella chiesa dedicata a S. Giovanni Battista che fu costruita nel 1532 da alcuni maestri muratori lombardi. Adiacente alla chiesa e alla casa parrocchiale c'è un campanile cinquecentesco dove si notano i numeri di una "meridiana". Frazione Rocchetta Situata su una delle colline del paese di Castorano, la frazione di Rocchetta è la zona di confine tra Spinetoli, Offida e Castorano. Tra le opere che si possono trovare spicca la bellissima chiesa della Madonna della Rocchetta. Frazione San Silvestro A 5 chilometri dal centro storico, lungo la strada statale Salaria, si sviluppa la frazione di San Silvestro. L’ultima a nascere in ordine di tempo, sviluppatasi intorno agli anni ‘60/’70 la frazione è anche la più numerosa in termini di abitanti nel comune di Castorano. Proprio per il suo recente sviluppo non ci sono peculiarità dal punto di vista storico ma sta vedendo nascere importanti servizi grazie anche a nuovi insediamenti che sono sorti negli ultimi anni. È presente infatti una piscina coperta con annessa palestra e altri servizi sportivi, punto di riferimento per gli appassionati del nuoto e del fitness della Vallata del Tronto. Oltre a questo è stato da poco completato un campo da calcetto di proprietà dell’amministrazione comunale. È presente nella piazza della frazione una delegazione comunale che funge da centro di aggregazione per gli anziani e centro per incontri delle varie associazioni del territorio. È nato un comitato per la prossima costruzione di una chiesa e che renderà ancora più fattivi il completamento e la crescita della zona. Vi sono inoltre un centro estetico, un pub-ristorante, due snack-bar. Vicino alla frazione è situata inoltre la zona artigianale per lo più composta da aziende manifatturiere e di servizi e rappresenta l’unico punto di sviluppo degli insediamenti produttivi nel Comune. Dal 2009 è anche presente la Casa Famiglia NAIN, che accoglie minori temporaneamente o permanentemente privi di sostegno familiare e offre supporto alla genitorialità e alle famiglie in difficoltà. 12


LOCALIZZAZIONE DEL SERVIZIO SCOLASTICO

PRESIDENZA E UFFICI DI SEGRETERIA: Ubicati in Via Ciabattoni 12 La Scuola Secondaria di 1° Grado e la Scuola Primaria (tempo normale) sono ospitate nello stesso edificio, ex convento agostiniano, di recente ristrutturazione.

SEDI STACCATE: L’edificio della Scuola dell’Infanzia Statale sito in P.zza Baroncelli, è costituito da 2 aule al piano terra, 2 aule al primo piano e un refettorio al piano seminterrato.

Le classi del Tempo Pieno (cinque) e la Sezione Primavera si trovano in un edificio, circondato da un prato con piante , in viale della Repubblica, 38 e si sviluppa su più livelli e, oltre alle aule, è corredato di un’aula di informatica, un’aula-immagine, una palestra, cucina e mensa.

Le classi della Scuola Primaria sono ubicate in piazza Leopardi, 2 Castorano.

L’edificio della Scuola dell’Infanzia Statale sito in via P. C. Orazi, è costituito da 2 aule al piano terra, e un refettorio.

13


COMPOSIZIONE DELL’ISTITUTO L'Istituto Comprensivo, è composto dalla scuola dell’infanzia, dalla scuola primaria e dalla scuola secondaria di 1° grado, situate nel Comune di Offida (AP), dalla scuola dell’infanzia e Primaria del Comune di Castorano. La Direzione ha sede in Via Ciabattoni, 12 Tel. 0736/889373 fax 0736/889347; Sito internet: http://www.iscoffida.jimdo.it. L'indirizzo di posta elettronica è: apic81500d@istruzione.it; Capo d'Istituto è il Dirigente Scolastico prof. Giovanni Isopi; Insegnante vicario: Giannino Damiani; Codice Istituto: A P I C 8 1 5 0 0 D Via Ciabattoni n.12/14 . SEZIONI DI SCUOLA DELL’INFANZIA CLASSI DI SCUOLA PRIMARIA CLASSI DI SCUOLA SECONDARIA DI I° GRADO

N° 6 N° 15 N° 7

ALUNNI DI SCUOLA DELL’INFANZIA ALUNNI DI SCUOLA PRIMARIA ALUNNI DI SCUOLA SEC. DI I° GRADO

N° N° N°

168 259 136

TOTALE ALUNNI

563

INSEGNANTI INSEGNANTI INSEGNANTI INSEGNANTI INSEGNANTI INSEGNANTI

N° N° N° N° N° N°

12 20 2 16 6 4

60

DI DI DI DI DI DI

SCUOLA DELL’INFANZIA SCUOLA PRIMARIA INGLESE SC. PRIMARIA SCUOLA SEC. DI I° GRADO SOSTEGNO dell’ISC RELIGIONE dell’ISC

TOTALE INSEGNANTI

14


Scuola dell'Infanzia Offida

Scuola dell'Infanzia Castorano

P.zza Baroncelli tel. 0736889498 4 sezioni A, B, C, D miste

Via P.C. Orazi Tel. 073687279 2 sezioni A, B, miste

ORARIO DI FUNZIONAMENTO tutte le sezioni inizio lezioni ore 8.20 termine lezioni antimeridiane ore 13.20 termine lezioni pomeridiane ore 16.20

ORARIO DI FUNZIONAMENTO tutte le sezioni inizio lezioni ore 8.00 termine lezioni antimeridiane ore 13.15 termine lezioni pomeridiane ore 16.00

Scuola Primaria Tempo Pieno Offida

Scuola Primaria Offida

Viale della Repubblica, 38 tel. 0736880937 1^ – 2^ – 3^ – 4^ – 5^ tempo pieno

Via Ciabattoni, 12 tel. 0736889760 1^ – 2^ – 3^ – 4^ – 5^

ORARIO DI FUNZIONAMENTO dal Lunedì al Venerdì inizio lezioni ore 8.20 termine lezioni ore 16.20

ORARIO DI FUNZIONAMENTO dal Lunedì al Sabato inizio lezioni ore 8.10 termine lezioni ore 13.10

Scuola Primaria Castorano

Scuola Secondaria di 1° Grado

piazza Leopardi, 2 Tel 073687281 1^ – 2^ – 3^ – 4^ – 5^ ORARIO DI FUNZIONAMENTO Dal Lunedì al Sabato inizio lezioni ore 8.10 termine lezioni ore 12.40. Il martedì dalle ore 8.10 alle ore 16.25 con servizio mensa.

Via Ciabattoni, 12 tel. 0736889760 classi 1^A – 1^B – 2^A – 2^B 3^A – 3^B – 3^C ORARIO DI FUNZIONAMENTO Dal lunedì al sabato inizio lezioni ore 8.10 termine lezioni ore 13.10

15


16


STAFF Dirigente Scolastico Vicario Fiduciari delle sezioni e dei plessi : Scuola Primaria via Ciabattoni Scuola Primaria viale della Repubblica Scuola Primaria Castorano Scuola Infanzia Offida Scuola Infanzia Castorano

Prof. Isopi Giovanni Damiani Giannino Cozzolino Nella Damiani Giannino D’Ignazi Tiziana Spurio Donatella Catalini Desirè

Le Funzioni Strumentali: Area Area Area Area Area

1 2 3 4 5

Giudici Emilia Calvaresi Giovanna Basso Giovanni Ippoliti Fulvia Cozzolino Nella

AREA TECNICO-AMMINISTRATIVA  Direttore dei Servizi Generali Amministrativi : rag. Ciarrocchi Serenella  Assistenti Amministrativi Ufficio personale e ragioneria : Carli Carla, Sciullo Ottaviana, Ciarciaglini Amedeo  Collaboratori Scolastici (n° 14)

Sede Centrale – via G.Ciabattoni: Benfaremo Giuseppe, Gagliardi Nazzareno, Traini Caterina

Scuola Primaria -viale della Repubblica: Silvia Baffoni, Siliquini Gabriele Sede Infanzia : Di Fortunato Mariano, Sciamanna Ernestina, Tanzi Lorenza Scuola Primaria Castorano: Gabrielli Silvio Scuola Infanzia Castorano: Amatucci Gisella, Antonacci Pina

IL SERVIZIO SEGRETERIA E DI DIREZIONE MATTINO APERTURA: ore 7,30 CHIUSURA: ore 14,00 RICEVIMENTO PUBBLICO: dalle ore 11,00 alle ore 13,30 POMERIGGIO MERCOLEDI’: dalle ore 15,00 alle ore 18,00 RICEVIMENTO PUBBLICO: dalle ore 15,00 alle ore 18,00 17


18


- Rapporti con il personale della A.S.U.R. per progetti di educazione alla salute e per i progetti di integrazione alunni H. - Servizi garantiti dall’amministrazione locale e provinciale: a) Servizio Mensa e Scuolabus a carico dell’Amministrazione locale. b) Presenza di operatori del Comune per l’assistenza alla persona (legge 104) e per interventi di sostegno linguistico a favore degli alunni extracomunitari. – Rapporti con gli assessorati dell’Amministrazione comunale. – Istituti superiori del territorio per il progetto orientamento. – Carabinieri e Polizia per le attività di educazione stradale. – Professionalità di genitori disposti ad effettuare interventi su argomenti specifici o a collaborare nelle attività di progetto. – Amministrazione Provinciale e Regionale. – Istituti bancari del territorio.

19


20


ISCRIZIONE ALUNNI Scuola secondaria di I grado 1. L'orario annuale obbligatorio delle lezioni nella scuola secondaria di I grado e' di complessive 990 ore, corrispondente a 29 ore settimanali, più 33 ore annuali da destinare ad attività di approfondimento riferita agli insegnamenti di materie letterarie. Gli orari di cui ai periodi precedenti sono comprensivi della quota riservata alle regioni, alle istituzioni scolastiche autonome e all'insegnamento della religione cattolica in conformità all'Accordo modificativo del Concordato lateranense e relativo Protocollo addizionale, reso esecutivo con legge 25 marzo 1985, n. 121, ed alle conseguenti intese. 2. I piani di studio, in coerenza con gli obiettivi generali del processo formativo della scuola secondaria di I grado, sono funzionali alle conoscenze e alle competenze da acquisire da parte degli alunni in relazione alle diversità individuali, comprese quelle derivanti da disabilità. 5. Il quadro orario settimanale e annuale delle discipline e le classi di concorso per gli insegnamenti della scuola secondaria di I grado, definiti tenendo conto dei nuovi piani di studio, e' così determinato, fatto salvo quanto previsto dall'articolo 4, comma 2, del decreto del Presidente della Repubblica 8 marzo 1999, n. 275: Scuola primaria 1. Sono iscritti alla scuola primaria le bambine e i bambini che compiono sei anni di età entro il 31dicembre dell'anno scolastico di riferimento. 2. Possono, altresì, essere iscritti alla scuola primaria, su richiesta delle famiglie, le bambine e i bambini che compiono sei anni di età entro il 30 aprile dell'anno scolastico di riferimento. 3. Il tempo scuola della primaria e' svolto ai sensi dell'articolo 4 del decreto-legge 1° settembre 2008, n. 137, convertito, con modificazioni, dalla legge 30 ottobre 2008, n. 169, secondo il modello dell'insegnante unico che supera il precedente assetto del modulo e delle compresenze, e secondo le differenti articolazioni dell'orario scolastico settimanale a 24, 27, e sino a 30 ore, nei limiti delle risorse dell'organico assegnato; è previsto altresì il modello delle 40 ore, corrispondente al tempo pieno. Tali articolazioni riguardano a regime l'intero percorso della scuola primaria e, per l'anno scolastico 2011-12, solo le classi prime e seconde, tenendo conto delle specifiche richieste delle famiglie. Qualora il docente non sia in possesso degli specifici titoli previsti per l'insegnamento della lingua inglese e dei requisiti per l'insegnamento della religione cattolica, tali insegnamenti sono svolti da altri docenti che ne abbiano i titoli o i requisiti.

21


4. Le classi successive alla prima e alla seconda, continuano a funzionare fino alla graduale messa a regime del modello previsto dal precedente comma 3, secondo i modelli orario in atto: a) 27 ore, corrispondenti all'orario di insegnamento di cui all'articolo 7, comma 1, del decreto legislativo n. 59 del 2004, con esclusione delle attività opzionali facoltative di cui al comma 2 del medesimo articolo, senza compresenze; b) 30 ore comprensive delle attività opzionali facoltative, corrispondente all'orario delle attività di cui all'articolo 7, comma 2, del decreto legislativo n. 59 del 2004, senza compresenze e nei limiti dell'organico assegnato per l'anno scolastico 2011-12; c) 40 ore corrispondenti al modello di tempo pieno, nei limiti dell'organico assegnato per l'anno scolastico 2011-12 senza compresenze. Scuola dell’Infanzia Su richiesta delle famiglie sono iscritti alla scuola dell'infanzia, le bambine e i bambini che compiono tre anni di età entro il 30 aprile dell'anno scolastico di riferimento. Al fine di garantire qualità pedagogica, flessibilità e specificità dell'offerta educativa in coerenza con la particolare fascia di età interessata, l'inserimento dei bambini ammessi alla frequenza anticipata è disposto alle seguenti condizioni: · disponibilità dei posti; · accertamento dell'avvenuto esaurimento di eventuali liste di attesa; · disponibilità di locali e dotazioni idonei sotto il profilo dell'agibilità e funzionalità, tali da rispondere alle diverse esigenze dei bambini di età inferiore a tre anni; · valutazione pedagogica e didattica, da parte del collegio dei docenti, dei tempi e delle modalità dell'accoglienza. . L'orario di funzionamento della scuola dell'infanzia e' stabilito in 40 ore settimanali, con possibilità di estensione fino a 50 ore. Permane la possibilità, prevista dalle norme vigenti, di chiedere, da parte delle famiglie, un tempo scuola ridotto, limitato alla sola fascia del mattino, per complessive 25 ore settimanali. Tali orari sono comprensivi della quota riservata all'insegnamento della religione cattolica in conformità all'Accordo che apporta modifiche al Concordato lateranense e relativo Protocollo. Nell’anno scolastico 2011-12 è stato approvato ed attuato il progetto primavera rivolto ai bambini dai 24 ai 36 mesi.

22


FORMAZIONE DELLE CLASSI E SEZIONI Ai fini dell’assetto ordina mentale, organizzativo e didattico della scuola dell’Infanzia, Primaria, Secondaria di primo grado si fa riferimento all’art. 2 del D.P.R. 20 marzo 2009 SCUOLA INFANZIA

Le sezioni di Scuola Infanzia Statale si formeranno secondo il criterio dell’età degli alunni e del loro numero. Ad Offida sono così configurate: 1. sezione con alunni di tre e quattro anni compresi gli anticipatari; 2. sezione con alunni di tre e quattro anni; 3. sezione con alunni di quattro e cinque anni; 4. sezione con alunni di tre e cinque anni. A Castorano il quadro è il seguente: 1. sezione con alunni di tre e quattro anni compresi gli anticipatari; 2. sezione con alunni di tre e cinque anni . Le sezioni saranno formate con un numero di alunni non superiore a 28, salvo i casi previsti dalla legge. Si terranno presenti i criteri stabiliti dal Consiglio d’Istituto.

SCUOLA PRIMARIA

Le classi parallele verranno formate dopo l’acquisizione degli indispensabili elementi di conoscenza del livello evolutivo raggiunto dagli alunni. L’importanza di questo criterio permette di: - Formare classi tra loro omogenee in ordine alle caratteristiche sociali, culturali degli alunni che la compongono; - Presentare agli insegnanti gli alunni prima dell’inizio dell’anno scolastico; Per l’assegnazione degli alunni alle classi si procederà nel modo seguente: 1. Si formeranno gruppi eterogenei per caratteristiche socio-culturali; 2. Si terrà conto, nella formazione delle classi, degli alunni “segnalati” che andranno distribuiti equamente nelle classi stesse e della presenza di eventuali alunni diversamente abili. Per il 1° biennio sono stati formulati i seguenti criteri: 1. Gruppi di alunni omogenei per provenienza (paese, scuola infanzia, scuola primaria); 2. Indicazioni (per la 1° classe) fornite dalle insegnanti della Scuola Infanzia.

23


SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO Criteri generali: 1. Le classi devono essere il più possibile omogenee tra loro ed eterogenee al loro interno; 2. Gli alunni diversamente abili devono essere distribuiti equamente nei diversi corsi; 3. I non ammessi alla classe successiva devono essere mantenuti nei propri corsi, salvo diversa e motivata richiesta del Consiglio di Classe o dei genitori; 4. In fase di formazione delle classi si tiene conto delle seguenti variabili: - colloqui condotti dagli insegnanti della Scuola Secondaria di I Grado con gli Insegnanti della Scuola Primaria; - casi problematici emersi dai colloqui con gli insegnanti; - presenza di alunni diversamente abili; - zone di provenienza; - alunni extracomunitari secondo normativa con la possibilità di unirne due o tre della stessa etnia. Il Dirigente Scolastico può concedere il passaggio da una sezione o da una classe all’altra di un alunno, qualora vi siano motivi chiaramente espressi dalla famiglia e dopo aver sentito gli Insegnanti interessati.

VIGILANZA ALUNNI Ogni insegnante dovrà essere a Scuola cinque minuti prima dell’inizio delle lezioni. Le lezioni hanno inizio al secondo suono della campanella. Durante l’orario delle lezioni l’insegnante è responsabile dell’incolumità degli alunni. In caso di momentanea assenza dell’insegnante e in attesa del suo arrivo o del suo sostituto, il personale ausiliario vigilerà sulla scolaresca. Durante l’intervallo gli alunni saranno sorvegliati dagli insegnanti in servizio nell’ora che lo precede. Il personale ausiliario collaborerà alla sorveglianza nei pressi dei servizi igienici. Terminate le attività didattiche gli insegnanti accompagneranno gli alunni all’uscita.

RITARDI - USCITE -ASSENZE -GIUSTIFICAZIONI Le assenze degli alunni, indipendentemente dalla loro durata, devono essere sempre giustificate. L’alunno assente per malattia per cinque giorni ed oltre, sarà riammesso previo certificato del medico curante, attestante l’idoneità alla frequenza. L’insegnante deve segnalare al Dirigente Scolastico i casi di assenze prolungate (es. 30 giorni). 24


Gli alunni possono allontanarsi dalla scuola prima del termine delle lezioni solo in compagnia di un genitore o di un adulto ( autorizzato da colui che esercita la patria podestà). Gli alunni ritardatari sono ammessi alle lezioni e del ritardo l’insegnante informerà i genitori.

UTILIZZO DEI LOCALI SCOLASTICI E DELLE ATTREZZATURE I locali degli edifici dei tre ordini scolastici vengono utilizzati, oltre che per l’accoglienza degli alunni delle classi dei vari corsi, anche come laboratori per i progetti programmati ed attuati; quindi oltre ai locali adibiti a palestra ci sono altri adibiti a laboratori di informatica e biblioteca.

BIBLIOTECA

La biblioteca è in fase di riallestimento, dopo il rientro nella sede di Via Ciabattoni

PROGETTO: ESIGENZE DA CUI PARTE IL PROGETTO (analisi dei bisogni dei destinatari in

relazione al contesto della classe/sezione, delle aspettative delle famiglie, del territorio, ....) “Il piacere e l’amore per la lettura ( Pennac “Come un romanzo” ) non possono essere imposti”. Non si legge e non si ama per dovere, per far piacere a

qualcuno, ma perché questo è un bisogno costante e quotidiano che ci accompagna nella vita. Questo progetto si pone come un contributo all’interno dell’esperienza didattica ed educativa affinché il libro diventi qualcosa di bello essenziale per i ragazzi e “la biblioteca” un luogo vissuto non solo come fruitori, ma come protagonisti, con regole condivise, con la voglia di scoprire e condividere le scoperte, di sentirsi parte attiva ed importante di un evento importante. Il potenziamento della biblioteca di plesso con periodici acquisti, ma anche con una cura per gli arredi per rendere questo spazio gradevole e facilmente fruibile si devono accompagnare all’apertura verso le biblioteche presenti sul territorio per soddisfare le esigenze degli alunni e delle famiglie. DESTINATARI A CUI CI SI RIVOLGE (alunni, genitori, docenti, personale ATA ) Alunni e famiglie delle scuole dell’infanzia, primaria e secondaria di primo grado, insegnanti dell’ I.C.

25


FINALITÀ Promuovere e potenziare negli alunni il piacere della lettura come attività libera e di avviamento al pensiero autonomo e alla capacità critica. PRIORITÀ DI INTERVENTO Promuovere e potenziare negli alunni il piacere della lettura come attività libera e di avviamento al pensiero autonomo e alla capacità critica. Sensibilizzare le famiglie sull’importanza di un approccio precoce e continuativo alla lettura come narrazione e ascolto e al libro come “oggetto” ricco di valenze formative e affettive. Proseguire nel potenziamento della biblioteca scolastica e nelle attività di animazione al fine di incentivare l’interesse e la motivazione alla lettura quale consapevole e intelligente alternativa al proliferare di una cultura basata sull’immagine e sul potere emotivo di questa. Organizzare iniziative di animazione per gli alunni. Organizzare iniziative di formazione per i docenti. Iniziative progettuali approvate dal Collegio dei Docenti. OBIETTIVI GENERALI potenziamento delle abilità di: - riconoscere i simboli usati per la classificazione - tenere con cura il libro preso in prestito - partecipare ad esperienze di animazione - produrre libri con tecniche varie. - ascoltare la lettura degli adulti e dei compagni più grandi. - raccontare attraverso la lettura delle immagini. - saper raccontare e leggere ai compagni più piccoli - saper raccontare con il corpo - acquisizione di nuove conoscenze - identificare lo spazio della biblioteca come “stanza dei libri” - riconoscere i propri gusti personali - individuare i libri adeguati ai propri gusti ed interessi. - individuare i libri adeguati ad ampliare le proprie conoscenze. - comunicare in varie forme espressive le proprie preferenze. - partecipare in modo attivo ad esperienze di animazione, drammatizzazione e teatrali - usare la catalogazione su computer - conoscere frequentare le biblioteche presenti sul territorio. - riconoscere le parti costitutive del libro. - incremento delle competenze relative alla capacità di scegliere e di esprimere un proprio giudizio e al cambiamento delle relazioni attraverso o la frequentazione della biblioteca . o il rispetto delle regole della biblioteca in modo autonomo (riporre i libri al proprio posto). 26


o o o o

la cura nei compiti inerenti la gestione della biblioteca lo scambio di opinioni e di informazioni con i compagni attività tutoriali degli alunni più grandi nei confronti dei più piccoli valorizzazione dello spazio biblioteca per attività di lettura

ATTIVITA’ DA SVOLGERE - Gestione dell’accesso alla biblioteca - collaborazione dei genitori - Gestione del prestito dei libri - Apertura della biblioteca con giochi, concorsi ecc. - Costituzione della Commissione Biblioteca e nomina del Referente - Catalogazione informatizzata e cartacea - Animazione alla lettura con esperti esterni, personale docente e familiari degli alunni. - Costruzione del libro con varie tecniche e materiali. - Lettura di libri da parte di alunni più grandi ai più piccoli - Partecipazione alle attività proposte dalla Biblioteca di Ascoli Piceno - Presentazione del regolamento di biblioteca nella scuola primaria e secondaria - Partecipazione ad eventi, convegni, seminari relativi al mondo del libro. METODOLOGIA L’ispirazione teorica della metodologia ci viene dal decalogo di Pennac, che è l’anima del regolamento proposto ai ragazzi. Basilare è la lettura dell’insegnante, la lettura di animatori esperti, l’invito ai genitori a leggere ai propri bambini. Come dice Guido Quarzo “leggete, leggete e ancora leggete. Cioè leggete a casa per il vostro piacere, preparatevi a leggere buone storie ai vostri ragazzi, leggete in classe a voce alta tutti i giorni.” Anche la C.M. 105 del 27/3/95 invita ad iniziative e manifestazioni pilota che abbiano al centro il libro e che vedano il percorso di lettura come un’ esperienza aperta.

27


REGOLAMENTO: Art. 1 Generalità e norme transitorie La Biblioteca d’Istituto si compone di una sezione situata nel plesso di via G.Ciabattoni (Scuola Secondaria di 1° grado.) Il sistema di classificazione, le norme di catalogazione e lo schedario amministrativo attualmente in fase di aggiornamento e riorganizzazione . Art. 2 Dotazione, catalogo, accessibilità La Biblioteca dell’Istituto è accessibile, individualmente, a tutte le componenti della scuola entro i limiti dell’orario stabilito annualmente dal Collegio dei Docenti ed affisso all’ingresso. Le classi possono invece accedervi solo se accompagnate da un docente che si rende responsabile di eventuali danni od ammanchi. Art. 3 Funzioni della Biblioteca La Biblioteca intende offrire a tutte le componenti della scuola validi strumenti per la ricerca, l’approfondimento e l’aggiornamento personale. Per questi motivi, nei limiti del possibile, dovrà garantire modalità d’accesso agevoli per il prestito e la consultazione. Art. 4 Rapporti con il Territorio La Biblioteca si ripromette di sviluppare forme di collaborazione con strutture ed enti che possiedano o gestiscano biblioteche nell’ambito del territorio anche al fine di una generale partecipazione alle iniziative tese a curare gli interessi e lo sviluppo culturale del territorio stesso. In particolare è da prevedere: a) l'uniformazione delle classificazioni delle biblioteche dell'istituto con quelle più importanti già presenti sul territorio; b) l'immissione nella rete Internet del catalogo delle opere presenti nelle due biblioteche; c) il prestito esterno.

Art. 5 Gestione della Biblioteca La biblioteca d’Istituto è gestita da un Direttore, nominato dal Collegio dei Docenti e coadiuvato: a) dagli insegnanti che garantiranno il servizio di prestito opportunamente incentivati attraverso il Fondo d’Istituto. b) da insegnanti, studenti e genitori che intendano offrire una collaborazione spontanea e gratuita alle attività non di prestito; c) dal personale non docente sia nel normale espletamento del servizio, sia opportunamente incentivata attraverso il Fondo d’Istituto. 28


Art. 6 Direzione della Biblioteca Il Direttore della Biblioteca: a) entro il 30 ottobre raccoglie le adesioni spontanee di collaborazione, elabora un programma di lavoro, stabilisce l’orario di funzionamento della Biblioteca; b) entro il 30 novembre (per due terzi della somma disponibile) e il 20 maggio (per il restante terzo) raccoglie le proposte di nuovi acquisti presentate, individualmente o attraverso i rappresentanti, le Assemblee, ecc.., le vaglia e le presenta al Consiglio d’Istituto; c) tiene aggiornato lo schedario e il registro di ingresso; d) controlla l’andamento generale e pregresso del prestito; e) controlla lo stato di conservazione e l’effettiva presenza negli scaffali; f) nell’ambito delle opere di facile consumo, può operare una selezione delle opere giacenti al fine di eliminare o sostituire quelle deteriorate, mantenere un aggiornamento adeguato del materiale e garantire un’adeguata disponibilità di spazi per i nuovi acquisti. Le opere eventualmente eliminate verranno offerte a titolo gratuito, ad altri enti territoriali, a docenti, studenti e personale non docente dell’Istituto o, infine, inviate al macero. Art. 7 Prestito ordinario Il prestito ordinario viene regolamentato come segue: a) tutto il materiale stampato e classificato presente nella Biblioteca, ad eccezione delle opere enciclopediche, è accessibile al prestito; b) al prestito hanno diritto gli studenti, i docenti e il personale non docente; c) ogni opera data in prestito deve essere segnalata sul registro dei prestiti, con le modalità in esso contenute, dai docenti incaricati; d) ogni opera può essere data in prestito per trenta giorni; e) tutte le opere vanno restituite entro il 20 di maggio; f) gli alunni che devono sostenere l’esame di maturità possono ottenere il prestito anche dopo il 20 maggio, con l’obbligo di restituire in segreteria le opere richieste entro la data di pubblicazione dei risultati dell’esame; g) è vietato prendere in prestito o detenere più di quattro opere per volta a persona e contemporaneamente. Art. 8 Prestito straordinario Il prestito straordinario osserverà le seguenti condizioni: a) è consentito il prestito di opere, eccetto quelle enciclopediche, agli ex alunni dell’Istituto che eventualmente, ne facciano richiesta, con l’obbligo di restituzione entro trenta giorni rinnovabili in casi straordinari, per altri trenta; b) è consentito, agli studenti, ai docenti ed al personale non docente dell’Istituto, la possibilità di richiedere in prestito opere eccetto quelle enciclopediche, per il periodo estivo. In tale caso il prestito va richiesto a 29


partire dal 1° giugno e fino al termine delle lezioni e si intende prorogato sino al 30 settembre dello stesso anno; Art. 9 Mancata restituzione del prestito o ritardo Nel caso in cui non venga restituita l'opera prestata entro 60 gg. dalla scadenza stabilita, il Direttore della Biblioteca, dopo gli avvertimenti di legge, applicherà le seguenti sanzioni: a) per gli studenti e per tutti coloro che hanno usufruito del prestito: acquisto della stessa opera o di un'opera di valore equivalente; b) per tutti coloro, studenti e non studenti, che non risponderanno agli avvisi di restituzione, la Segreteria si riserva il diritto di procedere per via amministrativa, in base alle disposizioni vigenti, al fine di ottenere la restituzione dell’opera presa in prestito o di altra equivalente; c) ritardi inferiori ai 60 gg. rispetto alla scadenza comporteranno l'esclusione dal prestito per il doppio del periodo di ritardo. Art. 10 Smarrimento, furto, danneggiamento In caso di smarrimento, furto o danneggiamento dell’opera avuta in prestito, il richiedente è tenuto, in subordine e alternativamente: a) a reintegrare l’opera perduta; b) se questa non è più reperibile in commercio a sostituirla con un’altra di pari valore e su indicazione del Direttore della Biblioteca; c) a risarcire la Biblioteca mediante una personale collaborazione lavorativa nella o per la stessa o mediante la cessione di beni culturali personali alla medesima. Il tutto, ovviamente, dovrà essere proporzionato al danno causato ed avvenire su indicazione del Direttore della Biblioteca.

REGOLAMENTO INTERNO DEGLI ALUNNI 1. La scuola, in collaborazione con la famiglia, svolge un’azione educativa diretta promuovere un’armonica personalità dell’alunno. 2.L’alunno deve presentarsi a scuola puntuale, preparato nelle lezioni a seconda delle sue possibilità e del livello di partenza, portare il materiale di lavoro. Qualora ci fossero delle inadempienze, l’insegnante le comunicherà alla famiglia tramite il diario scolastico, che va tenuto in ordine come strumento di lavoro scolastico. Se il comportamento non si modificherà, sarà compito dell’insegnante e del Consiglio di classe mettere in atto le strategie affinché il dialogo tra scuola e famiglia sia effettivamente costruttivo e finalizzato alla promozione della personalità dell’alunno. 3.Tutti gli alunni devono acquisire il rispetto delle persone e delle cose (aule, banchi, bagni, materiale didattico….). Se l’alunno fosse responsabile di danni a 30


cose, dovrà pagare ciò che ha rotto o manomesso. Del comportamento scorretto sarà data comunicazione alla famiglia, tramite diario scolastico, a cura d’ogni insegnante, informandone anche il Docente Coordinatore o il Fiduciario e il Capo d’Istituto: Nei casi più gravi sia di mancanza di rispetto nei confronti delle persone, sia di danni alle cose, dovrà essere informata la Dirigenza per l’adozione degli interventi più opportuni in seduta straordinaria. 4.Lo studente ha diritto a una valutazione trasparente e tempestiva, volta ad attivare un processo di autovalutazione che lo conduca ad individuare i propri punti di forza e di debolezza e a migliorare il proprio rendimento. 5.Gli alunni devono trovarsi a scuola almeno cinque minuti prima dell’inizio delle lezioni e faranno ingresso nelle aule, ricevuti dall’insegnante della prima ora. Al secondo suono della campanella, quando verrà chiuso il portone d’ingresso, tutti gli alunni dovranno trovarsi in classe per l’inizio effettivo delle lezioni. Eventuali ritardi verranno annotati sul registro e comunicati ai genitori. 6.Gli alunni che entrano in ritardo o devono lasciare la classe prima del termine delle lezioni, potranno entrare o uscire solo se accompagnati dal genitore o da chi ne fa le veci, dietro autorizzazione del Dirigente Scolastico o di chi lo rappresenta. 7.Gli alunni al termine delle lezioni saranno accompagnati dai propri insegnanti fino ai pulmini, affinché l’uscita avvenga in modo ordinato. Gli alunni possono essere affidati solo a maggiorenni; se non sono genitori, occorre un’autorizzazione preventiva da parte della famiglia. 8.Le assenze sono giustificate dal docente della prima ora; ove l’assenza per malattia si protrae oltre i cinque giorni, dovrà essere giustificata anche con il certificato medico. Il Coordinatore dell’Equipe pedagogica o il Fiduciario comunicherà in dirigenza i nominativi degli alunni che si assentano periodicamente. Per la valutazione degli alunni è richiesta la frequenza di almeno i tre quarti dell’orario annuale di frequenza. Gli allievi sono tenuti alla frequenza delle attività facoltative per le quali le famiglie hanno esercitato l’opzione. 9.L’intervallo delle lezioni si svolge sotto la vigilanza dei docenti dell’ora precedente e del personale ausiliario in servizio, nel piano delle aule o all’esterno se concordato con il docente. E’ opportuno durante l’intervallo che gli alunni escano dall’aula. 10.Gli alunni durante l’intervallo utilizzeranno correttamente le strutture senza abbandonarsi all’interno a giochi che richiedono spazi diversi. 11.Gli alunni possono usufruire della biblioteca, dei laboratori e della palestra con l’assistenza degli insegnanti; gli spostamenti all’interno dell’edificio scolastico 31


devono essere autorizzati dall’insegnante responsabile dell’ora. 12.In caso di momentanea assenza dell’insegnante e durante gli intervalli tra una lezione e l’altra gli alunni devono comportarsi il più educatamente possibile dimostrando senso di responsabilità , con la vigilanza del personale ATA. 13.Nello svolgimento delle lezioni gli interventi devono essere autocontrollati per evitare confusione. Ricordarsi che le idee degli altri possono essere messe in discussione, ma in ogni caso rispettate. 14.E’ vietato portare in aula materiale non utile alle attività scolastiche (cellulari, videogiochi…) o di appropriarsi delle cose altrui. 15.Si raccomanda la massima diligenza nella pulizia personale per il rispetto di sé e degli altri. Ogni bambino della Scuola dell’Infanzia deve tenere a scuola un cambio completo, contrassegnato da nome e cognome per poterlo facilmente riconoscere. 16.Ogni notizia che si ritiene opportuno comunicare alla famiglia sarà dettata sul diario che l’alunno deve sempre portare con sé e mostrare ai genitori per la dovuta firma di presa visione. Nella Scuola dell’Infanzia le comunicazioni avvengono tramite avviso scritto, consegnato ai genitori o telefonicamente. 17.In caso di sciopero del personale scolastico si avverte che la scuola ne informerà possibilmente, con congruo anticipo, la famiglia, pur consapevole che in simili circostanze non è garantito un ordinato svolgimento delle lezioni, che potranno subire modifiche. 18.Tutti gli alunni devono rispettare le norme del presente regolamento interno, che verrà letto e illustrato agli alunni dagli insegnanti di ciascuna classe. 19.gli alunni sono tenuti a non mostrare atteggiamenti pregiudiziali nei confronti dei cibi serviti. Si ricorda che i menù sono stati stabiliti secondo indicazioni di un dietologo per garantire una corretta alimentazione COMPORTAMENTO DEGLI ALUNNI Gli alunni sono tenuti a comportarsi in modo educato sia nell’edificio scolastico che al di fuori di esso, all’ingresso, all’uscita della scuola e durante l’intervallo. Saranno presi gli opportuni provvedimenti per coloro che con parole o atti dimostreranno mancanza di rispetto nei riguardi degli altri. Gli alunni non dovranno portare a scuola oggetti estranei che possono recare danno alle persone e alle cose o possono distogliere l’attenzione dalle lezioni. 32


Gli alunni sono tenuti a custodire i propri libri e quaderni, non arrecare danno a quelli degli altri, non sporcare i locali, non danneggiare l’arredamento e il materiale scolastico. E’ dovere di ogni alunno attendere diligentemente allo svolgimento delle attività scolastiche, partecipando in maniera consapevole e responsabile.

Pertanto gli alunni dovranno: - Trovarsi a scuola immediatamente prima dell’inizio delle lezioni e raggiungere la propria aula al suono della campanella; - Presentarsi a scuola forniti di tutto l’occorrente per le lezioni e raggiungere la propria aula al suono della campanella; - Presentare all’insegnante della prima ora di lezione la giustificazione scritta dell’eventuale assenza, firmata da un genitore o da chi ne fa le veci. Agli alunni è fatto divieto di uscire dalla propria aula nel momento del cambio degli insegnanti. Durante le ore di lezione gli alunni potranno uscire dall’aula previa autorizzazione dell’insegnante; In caso di continue negligenze o atti che, oltre a compromettere l’attività didattica, arrechino danni a persone o a cose, verranno adottati nei confronti degli alunni responsabili i seguenti provvedimenti: - Avviso da parte del Dirigente Scolastico con annotazioni scritte alla famiglia; - Rimborso spese per danneggiamenti alle cose, sentito il parere della Giunta

Esecutiva; - Sospensione dalla scuola sentito il parere degli insegnanti del Consiglio di classe, (Scuola Secondaria di I Grado)

IL COMPORTAMENTO E LA SUA VALUTAZIONE Obiettivi: promuovere negli alunni la capacità di riflettere e autovalutare il proprio comportamento, sia nel senso del rispetto alla norma sia e soprattutto in senso etico, esercizio imprescindibile per lo sviluppo della coscienza civile morale. Modalità e strumento per valutazione del comportamento:

1. L’osservazione e la registrazione del comportamento avverrà attraverso la scheda sottoindicata: COMPORTAMENTI DOVEROSI Frequenza regolare dei corsi Assolvimento assiduo agli impegni di studio

RIFERIMENTI D.P.R. 249/1998; D.L. 59/2004 D.P.R. 249/1998; D.L. 59/2004 33


Atteggiamento di rispetto, anche formale, nei confronti del D.S., dei docenti, del personale scolastico Atteggiamento di rispetto nei confronti dei compagni

D.P.R. 249/1998; D.L. 59/2004 D.P.R. 249/1998; D.L. 59/2004 Osservanza delle disposizioni organizzative e di D.P.R. 249/1998; sicurezza dettate dai regolamenti D.L. 59/2004 Utilizzo corretto delle strutture, macchinari, sussidi, così D.P.R. 249/1998; da non arrecare danni Responsabilità nel rendere accogliente e nella cura D.P.R. 249/1998; dell’ambiente scolastico e dell’ambiente in senso più D.L. 59/2004 generale Cura della propria persone D.L. 59/2004 Cura e promozione del benessere per sé e per gli altri D.L. 59/2004 ad ogni livello Rispetto degli impegni assunti D.L. 59/2004 Criteri e modalità applicative della valutazione del D.L. n. 137 comportamento Circolare Ministeriale n. 50 20 Maggio 2009

2. La valutazione del comportamento Il giudizio complessivo che esprime la “condotta” dell’alunno nel contesto scolastico, deve tener conto dei seguenti obiettivi, presenti nel POF e concordati a livello di Collegio Docenti.

OBIETTIVI EDUCATIVI COMPORTAMENTALI DIDATTICI

La valutazione del comportamento degli alunni viene attribuita dall’intero Consiglio di classe in base ai seguenti criteri comuni a tutte le classi dell’Istituto:  Rispetto del Patto Educativo di corresponsabilità e dell’intero Regolamento d’Istituto;  Frequenza e puntualità;  Rispetto degli impegni scolastici;  Partecipazione alle lezioni;  Collaborazione con insegnanti, compagni e tutto il personale scolastico;  Partecipazione ad azioni di crescita e cambiamento. La valutazione prevede per la Scuola Primaria l’elaborazione di un giudizio che potrà essere sintetico con l’uso di una scala graduata di aggettivi (sufficiente – buono – distinto ottimo). Per la Scuola Secondaria di 1° grado il giudizio sarà espresso in decimi. 34


STANDARD PER LA VALUTAZIONE DEL COMPORTAMENTO NELLA SCUOLA PRIMARIA Nella scuola primaria, il comportamento viene analizzato nella sua visione più ampia, non riferito cioè alla sola “condotta” ma nella sua formulazione più educativa, intesa, quindi, come costruzione di competenze comportamentali. Per cui, per l’espressione del giudizio relativo al comportamento si considerano in particolare le seguenti competenze :

COMPETENZE COMPORTAMENTALI Numero

descrizione

1

2

CONVIVENZA CIVILE

RISPETTO DELLE REGOLE

Rispetto delle persone, degli ambienti e delle strutture

Rispetto delle regole convenute e del

3

Regolamento Scolastico

4

5

6

7

PARTECIPAZIONE

RESPONSABILITA’

IMPEGNO

INTERESSE

RELAZIONALITA’

Partecipazione attiva alla vita della classe e alle attività scolastiche

Assunzione dei propri doveri scolastici ed extrascolastici

Costanza nell’impegno

Disponibilità ad apprendere

Relazioni positive (collaborazione/ disponibilità)

Rispetto a questi criteri generali la corrispondenza giudizio-comportamento fa riferimento alle seguenti valutazioni:

GIUDIZIO SINTETICO

Che equivale a

OTTIMO competenze

DISTINTO

pienamente raggiunte

competenze raggiunte

Valutazione piena nelle competenze 1-2-3-4-5-6-7

Valutazione piena nelle competenze 1– 2 e piena in almeno tre delle altre competenze

BUONO competenze acquisite a livello buono

Valutazione soddisfacente nelle competenze 1– 2 e piena in almeno una delle altre competenze

SUFFICIENTE competenze acquisite a livello essenziale

Valutazione soddisfacente nelle competenze 1– 2 e sufficiente nelle altre

NON SUFFICIENTE competenze non ancora acquisite

Valutazione insufficiente nelle competenze 1- 2

N.B. La valutazione comportamentale, oltre che nel giudizio sintetico, è in parte rilevabile anche nel giudizio analitico relativo alla valutazione intermedia nello sviluppo personale e sociale dell’alunno nell’ultima pagina della scheda di valutazione.


STANDARD PER LA VALUTAZIONE DEL COMPORTAMENTO NELLA SCUOLA SECONDARIA INDICATORI CRITERI voto 10 voto 9 voto 8 voto 7 voto 6 voto 5 RISPETTO DELLE REGOLE DELLA SCUOLA

Adeguamento dei comportamenti ai regolamenti

Rispetta sempre le regole Ottimo senso civico

Rispetta sempre le regole Buon senso civico

In generale rispetta le regole

Dimostra rispetto per le principali regole

Dimostra scarso rispetto per le regole

Mancato rispetto delle regole ed è incorso in gravi sanzioni disciplinari

Ha sempre un comportamento rispettoso Collabora con tutti senza discriminazioni Dimostra spirito positivo e propositivo nelle relazioni

Con i compagni ha sempre un comportamento rispettoso Collabora con tutti senza discriminazioni

Con i compagni ha in genere un comportamento rispettoso Su richiesta sa collaborare con i compagni

Rispetta generalmente i compagni ma a volte mette in atto attività di esclusione Collabora con gli altri solo su richiesta

Non sempre rispetta i compagni Collabora con fatica

Manifesta comportamenti aggressivi verso i compagni

E’ sempre rispettoso e collaborativo, anche in situazioni di contrasto e ha instaurato un rapporto costruttivo e di fiducia reciproca

Con i docenti è rispettoso e collaborativo e ha instaurato un rapporto di fiducia e rispetto

Con i docenti è in genere rispettoso e collaborativo

Talvolta è poco Collaborativo e non sempre opportunamente rispettoso

Non sempre collabora con i docenti e rispetta gli adulti

Ha comportamenti ostili ed aggressivi rispetto al personale impiegato nella scuola

Cura

È sempre ordinato ed ha attenta cura degli ambienti e dei materiali

È ordinato ed ha attenta cura degli ambienti e dei materiali

E’ generalmente ordinato e ha cura degli ambienti e dei materiali

Non sempre è ordinato e ha poca cura degli ambienti e dei materiali

Spesso è disordinato talvolta reca danno agli ambienti e ai materiali

Arreca danno volontariamente agli ambienti e ai materiali

Maturazione sul piano comportamentale

Ottimo miglioramento o mantenimento

Buon miglioramento o mantenimento

Qualche miglioramento significativo

Scarsi miglioramenti e solo su alcuni aspetti

Minimi miglioramenti e solo su alcuni aspetti

Nonostante le sanzioni non emerge alcun miglioramento

Rispetto RAPPORTI CON I COMPAGNI

Collaborazione Disponibilità positiva

RAPPORTI CON I DOCENTI ED ALTRO PERSONALE DELLA SCUOLA

RISPETTO DEGLI AMBIENTI E DEI MATERIALI DELLA SCUOLA

PROGRESSO E/O MANTENIMENTO COMPETENZE COMPORTAMENTALI

Rispetto Collaborazione Fiducia

Ordine

36


RAPPORTI SCUOLA-FAMIGLIA La crescita e la valorizzazione della persona dell’alunno avvengono nel rispetto delle scelte educative della famiglia. La scuola instaurerà con la famiglia rapporti di corresponsabilità formativa che si esprimeranno attraverso la partecipazione, l’interazione e la collaborazione. Da tale rapporto l’alunno dovrà percepire che la scuola e la famiglia s’interessano a lui e si muovono all’unisono per il suo bene.

I rapporti con la famiglia sono regolati dai seguenti criteri: 1. Il Dirigente Scolastico, riceve i genitori, presso la sede centrale di via Ciabattoni. 2. Ciascun docente della Scuola Secondaria di I Grado riceve i genitori durante un’ora della prima settimana di ogni mese (oltre a poter consultare l’orario settimanale di lezione di ogni docente e individuare la lettera “R” che significa ricevimento, all’alunno sarà dettato dai singoli docenti ) e su appuntamento nelle altre settimane del mese. Il ricevimento in forma assembleare avviene cinque volte l’anno; 3. I docenti della Scuola Primaria e della Scuola dell’Infanzia riceveranno i genitori degli alunni nei giorni e negli orari fissati nella calendarizzazione annuale; 4. In caso di esigenze particolari i docenti possono convocare i genitori per iscritto; in caso di urgenza possono comunicare con loro a mezzo telefono; 5. I Consigli di Classe, Interclasse e Intersezione, allargati ai rappresentanti dei genitori, vengono convocati nei giorni e negli orari fissati nel calendario annuale.


38


39


40


41


42


CALENDARIO DEGLI INCONTRI COLLEGIALI : COLLEGIO DOCENTI (pEr TuTTO L’a.s.) Giovedì 01/09/11 Venerdì 09/09/11 Martedì 29/11/11 Mercoledì 15/02/12 Mercoledì 11/04/12 Venerdì 25/05/12 Venerdì 29/06/12 Totale ore programmate

dalle ore dalle ore dalle ore dalle ore dalle ore dalle ore dalle ore

09,00 10.00 16,45 16,45 16,45 16,45 10.00

alle ore alle ore alle ore alle ore alle ore alle ore alle ore

11,00 12.00 19,15 19,45 18,45 18.45 12.30

2 2 2,30 3 2 2 2,30 17

RINNOVO CONSIGLI Mercoledì 12/10/11 Giovedì 13/10/11 Venerdì 14/10/11

Intersezione – Scuola Infanzia ( Docenti di classe ) Interclasse – Scuola Primaria ( Docenti di classe) Classe – Scuola secondaria 1° G. (Coordinatori di classe)

CONSIGLI DI CLASSE Martedì Giovedì

25/10/11 27/10/11

Corso A-C dalle ore 15,00 alle ore 20.00 Corso B dalle ore 15,00 alle ore 18,45

(3^C- 3^-1^-2^ A) (3^-1^-2^ )

CONSIGLIO INTERCLASSE/INTERSEZIONE Martedì 15/11/11 Mercoledì 16/11/11

Consiglio Interclasse (scuola primaria) Consiglio Intersezione (scuola infanzia)

CONSIGLI DI CLASSE (scuola secondaria 1°grado) Giovedì 17/11/11 Venerdì 18/11/10

Corso A - C dalle ore 15.00 Corso B dalle ore 15,00

alle ore 20,00 alle ore 18.45

(3^C- 3^-1^-2^A) (3^-1^-2^)

INCONTRI SCUOLA FAMIGLIA Martedì 05/12/11 Mercoledì 23/11/11 Giovedì 24/11/11

scuola primaria scuola dell’infanzia scuola secondaria 1° grado

(Pagellina intermedia) (Pagellina intermedia)

CONSIGLI DI CLASSE Martedì 24/01/12 Corso A - C dalle ore 15.00 Giovedì 26/01/12 Corso B dalle ore 15.00

alle ore 20,00 alle ore 18.45

(3^C - 3^-1^-2^A) (3^-1^-2^) 43


CONSIGLIO INTERSEZIONE Mercoledì

25/01/12

scuola dell’infanzia dalle ore 17,00 alle ore 20,00

CONSIGLIO INTERCLASSE Lunedì 23/01/12

scuola primaria

dalle ore 16,45 alle ore 20,00

SCRUTINI 1° Q. SCUOLA PRIMARIA Martedì

07/02/12

scuola primaria

dalle ore 14,30 alle ore 20,00

SCRUTINI 1°Q SCUOLA SECONDARIA 1° GRADO Mercoledì Venerdì

08/02/12 Corso B dalle ore 15,00 alle ore 18,45 (3^-1^-2^) 10/02/12 Corso A - C dalle ore 15,00 alle ore 20,00 (3^C-3^-1^-2^A)

CONSEGNA SCHEDE Lunedì 13/02/12 Martedì 14/02/12

Primaria Secondaria 1° Grado

INCONTRI SCUOLA FAMIGLIA Mercoledì

29/02/12

Scuola dell’Infanzia

CONSIGLI DI CLASSE(scuola secondaria 1°grado) Lunedì Mercoledì

19/03/12 Corso A - C dalle ore 15.00 alle ore 20.00 21/03/12 Corso B dalle ore 15,00 alle ore 18,45

(3^C -3^-1^-2^A) (3^-1^-2^)

INCONTRI SCUOLA FAMIGLIA Lunedì Martedì Mercoledì

16/04/12 17/04/12 18/04/12

Scuola Secondaria 1° grado (Pagellina intermedia) Scuola Primaria (Pagellina intermedia) Scuola dell’Infanzia

CONSIGLI DI CLASSE (scuola secondaria 1°grado) Lunedì 14/05/12 Corso A – C dalle ore 15.00 alle ore 20,00 (3^C - 3^-1^-2^A) Mercoledì 16/05/12 Corso B dalle ore 15,00 alle ore 18,45 (3^-1^-2^)

44


CONSIGLIO INTERCLASSE Martedì

22/05/12

Scuola Primaria dalle ore 16,45 alle ore 19,45

CONSIGLIO INTERSEZIONE Giovedì 24/05/12

Scuola dell’Infanzia dalle ore 16,45 alle 19,15

SCRUTINI SCUOLA PRIMARIA Mercoledì

06/06/12

primaria dalle ore 14,30

alle ore

18,30

SCRUTINI SECONDARIA 1° GRADO Venerdì01/06/12 Lunedì 04/06/12

Corso A - C dalle ore 15.00 alle ore 20.00 (3^C -3^-1^-2^A) Corso B dalle ore 15.00 alle ore 18.45 (3^-1^-2^)

Scuola Secondaria di 1° Grado Lunedì 11/06/12 Riunione preliminare esame di Licenza Media ore 10.00 * Mercoledì 13/06/12 Inizio Esami di Licenza Media ore 08,15* * salvo diversa indicazione del Presidente di Commissione

CONSIGLIO INTERSEZIONE (sede centrale) Venerdì8/06/12 Scuola dell’Infanzia dalle ore 16,45 alle 19,15 riservata ai soli docenti

CONSEGNA SCHEDE Mercoledì 20/06/12 Scuola Primaria dalle ore 16,30 alle ore 19,30 Giovedì 21/06/12 Scuola secondaria di 1°grado dalle ore 16,30 alle ore 19,30

45


46


LA NOSTRA RETE OPERATIVA INTERNA La nostra rete operativa interna si articola in 4 nodi:    

Il Consiglio di Istituto e la sua Giunta Esecutiva. Il Collegio dei Docenti. Il Consiglio di Classe e di Interclasse , Intersezione Le Commissioni di lavoro.

La partecipazione dei Rappresentanti dei Genitori alla vita attiva della scuola attraverso la presenza collaborativa nei Consigli di Classe/Interclasse/Intersezione e di Istituto, costituisce un utile apporto alla gestione stessa della nostra scuola, alla ricerca di soluzioni, alla trasmissione di informazioni e all’innovazione della didattica. Volute ed animate dagli insegnanti, le COMMISSIONI DI LAVORO analizzano bisogni e risorse e formulano proposte operative.

IL CONSIGLIO DI ISTITUTO Il Consiglio di Istituto risulta così composto:   

N. 8 rappresentanti dei genitori degli alunni; N. 8 rappresentanti del personale insegnante; N. 2 rappresentante del personale amministrativo, tecnico ed ausiliario; Dirigente Scolastico.

Il Consiglio di Istituto è un Organo importantissimo nella vita della Scuola: a diverse componenti compete il compito di mediare le rispettive esigenze e di trovare le soluzioni più appropriate, nell’ottica che la scuola operi per la formazione degli alunni; è inoltre un Organo deliberativo in quanto ad esso compete di determinare le scelte e la politica scolastica, soprattutto tenendo conto del fatto che la scuola realizza l’Autonomia; esamina e ratifica quanto deliberato dal Collegio dei Docenti in merito ai nuovi progetti didattici; delibera le spese della scuola, assegnando la priorità a quelle più urgenti, ratifica, con o senza correzioni sulle varie voci, il Bilancio Preventivo e quello Consuntivo. Il Consiglio di Istituto è anche e soprattutto un Organo nel quale ci si confronta e si discute, si portano le varie proposte, si valutano le possibilità affinché la Scuola operi al meglio ed offra un servizio efficiente e rispondente alla realtà d’oggi nonché alle richieste che vengono dalla società.

47


IL COLLEGIO DEI DOCENTI Il Collegio dei Docenti rappresenta la sede decisionale e di coordinamento per tutte le attività didattiche che si svolgono nella scuola; in questo senso rappresenta il luogo di coordinamento per tutte le altre istanze organizzative (Consigli di Classe, ecc…) Nelle riunioni di settembre e di ottobre definisce le scelte di fondo per la programmazione dell’intervento formativo e approva il piano d’Istituto per l’anno scolastico appena avviato. Definisce le scelte in relazione a: - Responsabilità di coordinamento delle diverse strutture; - Priorità di lavoro; - Sperimentazione; - Aggiornamento.

CONSIGLI DI CLASSE - INTERCLASSE - INTERSEZIONE - I Consigli di Classe, Interclasse ed Intersezione si riuniscono nei locali della Scuola Secondaria di I Grado / Primaria / Infanzia; - Presiede il Consiglio il Dirigente Scolastico o un suo delegato; - L’avviso di convocazione deve contenere l’ordine del giorno e deve pervenire ai convocati almeno 5 gg. prima della data di convocazione. In caso di emergenza sono sufficienti 3 gg. Le elezioni dei rappresentanti dei genitori di ogni classe avverranno secondo disposizioni ministeriali; - La richiesta di convocazione del Consiglio può essere presentata da genitori (almeno 3) o da insegnanti con l’indicazione dell’ordine del giorno, 10 gg. prima della data di effettuazione;

- Il Consiglio si riunisce con la sola presenza dei Docenti quando all’ordine del

giorno vi sono argomenti di coordinamento didattico, di verifica o quando si tratta della non ammissione di eventuali alunni alla classe successiva.

48


LE COMMISSIONI DI LAVORO Le Commissioni di lavoro rappresentano uno strumento funzionale del Collegio dei Docenti. La funzione delle Commissioni è quella di realizzare iniziative e progetti su mandato del Collegio dei Docenti. Le Commissioni prevedono un coordinatore, sono divise per aree di competenze specifiche e individuano gli aspetti fondamentali di funzionamento organizzativo, progettuale, didattico dell’Istituto con particolare attenzione al raccordo e all’indirizzo generale. All’interno dell’Istituto operano le seguenti Commissioni: LO STAFF DELL’ISTITUTO COMPRENSIVO DI OFFIDA Anno Scolastico 2011/2012 Cognome e Nome 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. 8. 9. 10. 11. 12. 13. 14. 15. 16. 17. 18. 19. 20. 21. 22. 23. 24. 25. 26. 27. 28. 29. 30. 31. 32. 33. 34. 35. 36. 37. 38. 39.

Damiani Giannino Giudici Emilia Spurio Donatella Cozzolino Nella Camilli Stefania D’Ignazi Tiziana Catalini Desirè Luciani Mariolina Vittori Sandra Malavolta Daniela Capocasa Loriana Mignucci Ermete Camilli Stefania Spina Vittoria Capponi Edmea Marta Baglioni Mariella Poli Angela Traini Claudia Calza Gabriella De Santis Carla Cameli Maria Rita Fracassa Giuseppina Valentini Valeria Cozzolino Nella Di Carlo Sperandina Santanchè Maria Paola D’Ignazi Tiziana Vagnoni Maria Teresa Sonaglioni Marilena Calvaresi Mirella Carosi Mafalda Spurio Donatella Giudici Emilia Catalini Desirè Spinelli Elisabetta Cameli Maria Rita Camilli Stefania Vittori Sandra Cozzolino Nella

Compiti assegnati Coll.re Vicario – Fid. – Ref per la Sic. (Prim. Plesso Via Repubblica) Segretaria Verbalizzante Collegio Docenti Fiduciaria – Ref. per la Sicurezza (Infanzia - Offida) Fiduciaria – Ref. per la Sicurezza (Primaria - Plesso Via Ciabattoni) Fiduciaria – Ref. per la Sicurezza (Secondaria Plesso Via Ciabattoni) Fiduciaria -Referente per la Sicurezza (Primaria – Castorano) Fiduciaria - Referente per la Sicurezza (Infanzia – Castorano)

Funz. Coord. Equipe Pedagogica (Seg. Verb.) Funz. Coord. Equipe Pedagogica (Seg. Verb.) Funz. Coord. Equipe Pedagogica (Seg. Verb.) Funz. Coord. Equipe Pedagogica (Seg. Verb.) Funz. Coord. Equipe Pedagogica (Seg. Verb.) Funz. Coord. Equipe Pedagogica (Seg. Verb.) Funz. Coord. Equipe Pedagogica (Seg. Verb.) Funz. Coord. Equipe Pedagogica Funz. Coord. Equipe Pedagogica Funz. Coord. Equipe Pedagogica Funz. Coord. Equipe Pedagogica Funz. Coord. Equipe Pedagogica Funz. Coord. Equipe Pedagogica Funz. Coord. Equipe Pedagogica Funz. Coord. Equipe Pedagogica Funz. Coord. Equipe Pedagogica Funz. Coord. Equipe Pedagogica Funz. Coord. Equipe Pedagogica Funz. Coord. Equipe Pedagogica Funz. Coord. Equipe Pedagogica Funz. Coord. Equipe Pedagogica Funz. Coord. Equipe Pedagogica Funz. Coord. Equipe Pedagogica Funz. Coord. Equipe Pedagogica Funz. Coord. Equipe Pedagogica Funz. Coord. Equipe Pedagogica Funz. Coord. Equipe Pedagogica Funz. Coord. Equipe Pedagogica Referente Ed. Ambientale Referente Orientamento Referente Legalità Referente Promozione ed Educazione alla Salute

(1^A) (2^A) (3^A) (1^B) (2^B) (3^B) (3^C) 1° T.P. 2° T.P. 3° T.P. 4° T.P. 5° T.P. 1° A T.M. 2° A T.M. 3° A T.M. 4° A T.M. 5° A T.M. 1° T.M. Cas 2° T.M. Cas 3° T.M. Cas 4° T.M. Cas 5° T.M. Cas 1° A Inf. 1° B Inf. 1° C Inf. 1° D Inf. 1°A Inf. Cas 1°B Inf. Cas

49


40. 41. 42. 43. 44. 45. 46. 47. 48. 49. 50. 51. 52. 53. 54. 55. 56. 57. 58. 59. 60. 61. 62. 63. 64. 65. 66. 67. 68. 69. 70. 71. 72. 73. 74. 75. 76. 77. 78. 79. 80. 81. 82. 83. 84. 85. 86. 87. 88. 89. 90. 91. 92. 93.

Castellucci Mario Ippoliti Fulvia Damiani Giannino Castellucci Mario Castellucci Mario Tofani Ermanno Damiani Giannino Vagnoni Maria Teresa Massacci Rita Croceri Emi Damiani Giannino Seghi Selene Castellucci Mario Vittori Sandra Sciullo Ottaviana REF. Calvaresi Giovanna F.S. REF. Giudici Emilia F.S Castellucci Mario Carella Carmela Camilli Stefania Luciani Mariolina Cameli Maria Rita Peci Vittoria Seghi Selene Capponi Edmea Marta Calza Gabriella Petrocchi Caterina Marchei Vittoria Spinelli Elisabetta REF. Giudici Emilia F.S. Malavolta Daniela D’Angeli Licia Peci Vittoria Seghi Selene Traini Claudia Calvaresi Mirella Spurio Donatella Spinelli Elisabetta REF. Ippoliti Fulvia F.S. Castellucci Mario Luciani Mariolina Cameli Maria Rita Damiani Giannino Giudici Emila Vagnoni Maria Teresa Catalini Desirè REF. Cozzolino Nella F.S. REF. Calvaresi Giovanna F.S. Castellucci Mario Capponi Edmea Marta Croceri Emi Seghi Selene Derna Perozzi Fausta Lucarelli Angelo

Referente per l’Educazione Stradale e Patentino Referente Centro Territoriale Alunni H Referente Informatica Scuola Primaria/Scheda Valutazione Referente Informatica Sc. Sec. 1° Grado/Scheda Valutazione Referente Prog. in rete “ Il VOLO – In-sieme) Referente. Att. / sportive Scuola Secondaria 1° Grado Referente. Att. / sportive Scuola Primaria / Scacchi Referente Disturbi Specifici Apprendimenti (D.S.A.) Commissione Autonomia e Progetti Sc. dell’Infanzia Castorano Commissione Autonomia e Progetti Sc. dell’Infanzia Offida Commissione Autonomia e Progetti Sc. Primaria Offida Commissione Autonomia e Progetti Sc. Primaria Castorano Commissione Autonomia e Progetti Sc. Sec. di I° Grado Commissione Autonomia e Progetti Sc. Sec. di I° Grado Commissione Autonomia e Progetti (ATA) Commissione Autonomia e Progetti Commissione Autonomia e Progetti Comm. Continuità – Miniguide – Prove passaggio Ordini di scuola Comm. Continuità – Miniguide – Prove passaggio Ordini di scuola Comm. Continuità – Miniguide – Prove passaggio Ordini di scuola Comm. Continuità – Miniguide – Prove passaggio Ordini di scuola Comm. Continuità – Miniguide – Prove passaggio Ordini di scuola Comm. Continuità – Miniguide – Prove passaggio Ordini di scuola Comm. Continuità – Miniguide – Prove passaggio Ordini di scuola Comm. Continuità – Miniguide – Prove passaggio Ordini di scuola Comm. Continuità – Miniguide – Prove passaggio Ordini di scuola Comm. Continuità – Miniguide – Prove passaggio Ordini di scuola Comm. Continuità – Miniguide – Prove passaggio Ordini di scuola Comm. Continuità – Miniguide – Prove passaggio Ordini di scuola Comm. Continuità – Miniguide – Prove passaggio Ordini di scuola

Commissione Accoglienza-Integrazione alunni stranieri Commissione Accoglienza-Integrazione alunni stranieri Commissione Accoglienza-Integrazione alunni stranieri Commissione Accoglienza-Integrazione alunni stranieri Commissione Accoglienza-Integrazione alunni stranieri Commissione Accoglienza-Integrazione alunni stranieri Commissione Accoglienza-Integrazione alunni stranieri Commissione Accoglienza-Integrazione alunni stranieri Commissione Accoglienza-Integrazione alunni stranieri Commissione Qualità – Autovalutazione - Invalsi Commissione Qualità – Autovalutazione - Invalsi Commissione Qualità – Autovalutazione - Invalsi Commissione Qualità – Autovalutazione - Invalsi Commissione Qualità – Autovalutazione - Invalsi Commissione Qualità – Autovalutazione - Invalsi Commissione Qualità – Autovalutazione - Invalsi Commissione Qualità – Autovalutazione - Invalsi Commissione Qualità – Autovalutazione - Invalsi Commissione Collaudo / acquisti Commissione Collaudo / acquisti Commissione Collaudo / acquisti Commissione Collaudo / acquisti Responsabile Lab. Arte e Immagine Secondaria Responsabile Lab. Arte e Immagine Primaria

Offida, 01/09/2010 Il Dirigente Scolastico Prof. Giovanni Isopi 50


SERVIZI AMMINISTRATIVI Organizzazione dei servizi amministrativi La scuola individua, fissandone e pubblicandone gli standards e garantendone altresì l’osservanza ed il rispetto i seguenti fattori di qualità dei servizi amministrativi: -

celerità delle procedure; trasparenza; informatizzazione dei servizi di Segreteria; tempi di attesa agli sportelli; flessibilità degli Uffici a contatto con il pubblico.

Standards specifici delle procedure Nell’ottica dell’obiettivo finale dell’informatizzazione dei servizi di segreteria gli standards fissati per le procedure sono: 1. la distribuzione dei moduli per l’iscrizione si effettua a vista nei giorni previsti, in orario potenziato e pubblicizzato in modo efficace; 2. le procedure di iscrizione alle classi o sezioni avviene in modo immediato; 3. il rilascio dei certificati è effettuato nel normale orario di servizio: - entro il tempo massimo di 3 giorni lavorativi per i certificati di iscrizione e frequenza; - entro 5 giorni, con votazioni e/o valutazione; - a partire dal terzo giorno lavorativo successivo alla pubblicazione dei risultati finali per attestati e documenti sostitutivi del diploma; - entro 5 giorni dal termine delle operazioni di scrutinio dell’ultima classe in calendario. Per ogni tipo di richiesta, il richiedente deve restare nell’Ufficio il tempo strettamente necessario senza disturbare il lavoro del personale.

51


ASSEGNAZIONE DEI DOCENTI ALLE CLASSI - DISCIPLINE

SCUOLA DELL’INFANZIA OFFIDA Piazza BARONCELLI Sezione “A”: Sezione “B”: Sezione “C”: Sezione “D” Religione Sostegno H. - Sezione “C” Orario: 08,20 – 16, 20

CALVARESI MIRELLA MASSICCI PATRIZIA CAROSI MAFALDA CROCERI EMI PETROCCHI CATERINA SPURIO DONATELLA GIUDICI EMILIA MARCHEI VITTORIA MERCALDI LIDIA LISTRANI BENEDETTA DISTANTE ELISABETTA Accoglienza dalle ore 07,30

4,30 ore 3 ore 7 ore

SCUOLA DELL’INFANZIA CASTORANO Via P. C. Orazi Sezione “A”: Sezione “B”: Religione Sostegno H. - Sezione “A” Sostegno H. - Sezione “B” Orario: 08,00– 16, 00

CATALINI DESIRE’ VITALI ALFREDA – CROCI CLAUDIA MASSACCI RITA SPINELLI ELISABETTA MERCALDI LIDIA 3 ore LISTRANI BENEDETTA 12 ore LISTRANI BENEDETTA 10 ore

52


SCUOLA PRIMARIA OFFIDA: PROSPETTO INSEGNANTI CLASSI - DISCIPLINE A.S. 2011-2012 INSEGNANTE

BAGLIONI MARIELLA BASSO GIOVANNI CALVARESI GIOVANNA CALZA GABRIELLA CANTALAMESS A PAOLA CAPPONI EDMEA M. COZZOLINO NELLA DAMIANI GIANNINO DE SANTIS CARLA FRACASSA GIUSEPPINA LUCARELLI ANGELO MAURIZI MERI PECI VITTORIA RENDINA MILENA TRAINI CLAUDIA CAMELI MARIA RITA POLI ANGELA VALENTINI VALERIA IPPOLITI FULVIA STRACCIA TANIA K.

DISCIPLINE

CLASSE / I

ORE

MENSE

Storia – Geografia Italiano - Scienze - Motoria Matematica Storia – Geografia – Musica - Immagine

3^ A 2^ TP 2^ A 2^ TP

5 17 7 15

3

Matematica Matematica – Scienze Italiano – Storia – Geografia – Musica – Immagine Alternative

1^ TP 3^ TP 5^ TP

7 15 22

2 3 2

Tutte Offida tranne 2^ TP 1^ TP

22

5^ A 4^ A 2^ A 5^ TP 2^ TP

15 5 1 1 15 7

1^ A

21

4^ A 3^ A

1 22

1^ TP 1^ A 3^ A 3^ TP Tutte Offida + Castorano 2^A 4^ A 5^ A 2^ A 4^ TP

11 8 1 2 20 2 9 11 2 15 7

3

Italiano – Storia – Geografia – Musica Immagine Italiano – Storia – Musica - Motoria – Geografia Immagine - Opzionali

4 ^ TP

22

3

2^ A

22

Italiano – Storia – Musica - Geografia – Motoria Alternative Italiano – Geografia – Immagine – Musica – Motoria – Opzionali Geografia Alternative - intercultura Sostegno

3^ TP 4^ TP 4^ A

20 2 15

5^ A

2 5 15 7 16 6

Inglese Italiano – Storia – Musica – Geografia Alternative Italiano – Storia – Musica - Motoria - Immagine Storia – Opzionali Sostegno alla classe Intercultura Matematica – Scienze – Motoria Matematica Italiano – Storia – Geografia - Musica - Immagine – Motoria - Opzionali Alternative Italiano – Matematica – Scienze – Motoria – Musica Opzionali Scienze – Immagine - Motoria Matematica - Scienze Immagine Immagine Religione Matematica – Scienze – alternative Matematica – Scienze - opzionali Sostegno alla classe Matematica – Scienze – Motoria Castorano

Sostegno

2^ A 4^ A Castorano 3^ TP 1^ A Castorano

22

2

3

2 1

2

53


SCUOLA PRIMARIA CASTORANO: PROSPETTO INSEGNANTI CLASSI - DISCIPLINE A.S. 2011-2012

INSEGNANTE

DISCIPLINE

CLASSE / I

ORE

MENSE

DI CARLO SPERANDINA

Italiano – Storia – Geografia Musica – Scienze e tecnologia – Arte e immagine – Motoria – Laboratori

1^ A

21

1

D’IGNAZI TIZIANA

Italiano – Storia – Geografia Musica – Scienze e tecnologia – Arte e immagine – Laboratori

3^ A

21

1

1^-2^ A e 2^TP

5

SANTANCHE’ MARIA PAOLA

LAURENZI BRUNA SEGHI SELENE VAGNONI MARIA TERESA MARILENA SONAGLIONI

Inglese Italiano – Inglese –Storia – Geografia Musica –Arte e immagine –Laboratorio

2^A

Matematica Matematica – Scienze – Motoria Matematica Matematica – Inglese

1^ A 2^ A 3^ A 5^ A

6 9 7 10

4^ A

8

Inglese

3^A

3

Italiano– Arte e immagine –Inglese – Storia Geografia– Scienze e tecnologia – Motoria Musica – Laboratori

4^ A

22

5^ A

20

2^

2

1^ - 5^ - 3^ - 4^ A

8

Matematica – Scienze e tecnologia

Italiano – Arte e immagine – Storia – GeografiaScienze e tecnologia Musica –Laboratori Laboratori

SANTI ANNA MARIA

Religione

MAURIZI MERY

Religione

RENDINA MILENA MORELLI CHIARA NATALI LAURA

Motoria Sostegno alla classe Sostegno Sostegno

2^ A 5^ A

1^ A Castorano 5^ A Castorano

17

1

2 1 5

1

22 10

54


SCUOLA SECONDARIA 1° GRADO CLASSE 1° A DOCENTI COGNOME Malavolta Vittori Carella Pasqua Luciani Castellucci Pellei Derna Perozzi Tofani Marini

NOME Daniela Sandra Carmela Livia Mariolina Mario Gabriella Fausta Ermanno Albina R.

DISCIPLINA Ital., Approfondimento, Geografia. Storia – Cittadinanza e Costituzione Inglese II° Ling. Comun. Francese Matematica- Scienze Tecnologia - Informatica Musica Arte e Immagine Scienze Motorie Religione

CLASSE 2° A DOCENTI COGNOME

NOME

Vittori

Sandra

Carella Bonifazi Luciani Castellucci Pellei Derna Perozzi Tofani D’Angeli Marini

Carmela Liliana Mariolina Mario Gabriella Fausta Ermanno Licia Albina R.

DISCIPLINA Ital., Approfondimento, Storia, Geografia, Citt. e Cost. Inglese II° Ling. Comun. Francese Matematica- Scienze Tecnologia - Informatica Musica Arte e Immagine Scienze Motorie Sostegno Religione

55


CLASSE 3° A DOCENTI COGNOME

NOME

Malavolta

Daniela

Carella Bonifazi Luciani Castellucci Pellei Derna Perozzi Tofani D’Angeli Marini D’Angeli

Carmela Liliana Mariolina Mario Gabriella Fausta Ermanno Licia Albina R. Licia

DISCIPLINA Ital., Approfondimento, Storia, Geografia, Citt. e Cost. Inglese II° Ling. Comun. Francese Matematica- Scienze Tecnologia - Informatica Musica Arte e Immagine Scienze Motorie Sostegno Religione Sostegno

CLASSE 1° B DOCENTI COGNOME

NOME

Capocasa

Loriana

Carella Pasqua Mignucci Castellucci Pellei Derna Perozzi Tofani Marini

Carmela Livia Ermete Mario Gabriella Fausta Ermanno Albina R.

DISCIPLINA Ital., Approfondimento, Geografia, Storia, Citt. e Cost. Inglese II° Ling. Comun. Francese Matematica- Scienze Tecnologia - Informatica Musica Arte e Immagine Scienze Motorie Religione

56


CLASSE 2째 B DOCENTI COGNOME

NOME

Camilli

Stefania

Carella Pasqua Mignucci Castellucci Pellei Derna Perozzi Tofani Marini

Carmela Livia Ermete Mario Gabriella Fausta Ermanno Albina R.

DISCIPLINA Ital., Approfondimento, Geografia, Storia, Citt. e Cost. Inglese II째 Ling. Comun. Francese Matematica- Scienze Tecnologia - Informatica Musica Arte e Immagine Scienze Motorie Religione

CLASSE 3째 B DOCENTI COGNOME Camilli

NOME Stefania

Carella Pasqua Mignucci Castellucci Pellei Derna Perozzi Tofani Marini

Carmela Livia Ermete Mario Gabriella Fausta Ermanno Albina R.

DISCIPLINA Ital., Approfondimento, Storia, Geografia, Citt. e Cost. Inglese II째 Ling. Comun. Francese Matematica- Scienze Tecnologia - Informatica Musica Arte e Immagine Scienze Motorie Religione

57


CLASSE 3째 C DOCENTI COGNOME

NOME

Capocasa

Loriana

Carella Pasqua Spina Castellucci Pellei Derna Perozzi Tofani Marini

Carmela Livia Vittoria Mario Gabriella Fausta Ermanno Albina R.

DISCIPLINA Ital., Approfondimento, Geografia, Storia, Citt. e Cost. Inglese II째 Ling. Comun. Francese Matematica- Scienze Tecnologia - Informatica Musica Arte e Immagine Scienze Motorie Religione

58


FUNZIONI STRUMENTALI a.s. 2011-2012

RUOLO GESTIONALE FUNZIONE Funzioni Strumentale STRUMENTALE

Area n. 1 GESTIONE DEL POF

Gestione, aggiornamento, monitoraggio e valutazione del Piano Offerta Formativa. Controllo e mantenimento del sistema di coerenza interna del POF. Coordinamento della commissione autonomia. Lavoro di supporto al Collegio dei Docenti. Collaborazione con la presidenza e con le altre FF.SS.

Giudici Emilia

Area n. 2 GESTIONE PROGETTI Calvaresi Giovanna

Area n. 3 GESTIONE TECNOLOGIE INFORMATICHE Basso Giovanni

Area n. 4 INTEGRAZIONE DIVERSAMENTE ABILI E INTERCULTURA Ippoliti Fulvia

Area n. 5 RAPPORTI CON GLI ENTI ESTERNI E INVALSI Cozzolino Nella

Valutazione dei progetti da inserire nel POF in base ai bisogni. Coordinamento dei progetti d’istituto: interni, con associazioni o Enti, integrazione alunni stranieri, extracurriculari. Curricolo in verticale e certificazione delle competenze. Coordinamento della commissione continuità e aggiornamento. Coordinamento degli incontri di programmazione e degli incontri dell’Interclasse. Lavoro di supporto alle riunioni collegiali. Collaborazione con la presidenza e con le altre FF.SS.

Gestione del sito dell’Istituto. Redazione, stesura e produzione del POF su supporto informatico e cartaceo con i documenti elaborati dalle altre FF.SS. Gestione informatizzata della scheda di valutazione. Predisposizione e produzione schede progettuali in collaborazione con i rispettivi responsabili. Scaricamento e caricamento su PC di software ad uso didattico. Proposte acquisto (strumentazione, software didattico). Predisposizione della scheda di monitoraggio delle presenze in aula laboratorio. Consulenza ai docenti in caso di problemi durante l’utilizzo del laboratorio di informatica e segnalazione anomalie. Collaborazione con la presidenza e con le altre FF.SS.

Coordinamento della commissione GLH e integrazione alunni diversamente abili. Rapporti con il Centro territoriale competente e le associazioni per l’integrazione dei disabili. Coordinamento delle attività e degli interventi dei docenti di sostegno e degli assistenti educativi e culturali. Coordinamento della commissione accoglienza e integrazione alunni stranieri. Rapporti con la scuola polo per l’integrazione degli alunni stranieri. Coordinamento delle attività e degli interventi dei mediatori culturali e dei facilitatori linguistici. Collaborazione con la presidenza e con le altre FF.SS.

Individuazione delle risorse formative messe a disposizione nel territorio dal comune e dalle formazioni sociali. Contatti con i vari soggetti che offrono formazione ed acquisire informazioni Organizzazione e gestione della biblioteca d’istituto. Aggiornamento e formazione Docenti. Gestione della rilevazione in merito alle prove Invalsi riguardanti gli apprendimenti degli alunni e monitoraggio dei risultati. Coordinamento della commissione qualità, autovalutazione e Invalsi Collaborazione con la presidenza e con le altre FF.SS.

59


ASPETTI PECULIARI DELL’ISTITUTO SOTTO IL PROFILO ORGANIZZATIVO E DIDATTICO L’Istituto Comprensivo di Offida è formato da scuole di diverso ordine e grado (infanzia –primaria –secondaria di I grado), prevede nell’impianto organizzativo la presenza, con funzioni di promozione e di coordinamento, di FUNZIONI STRUMENTALI e di COMMISSIONI con specifiche competenze che curano: - Il raccordo tra i tre ordini scolastici per la continuità dell’Offerta Formativa; - Il coordinamento di attività e progetti in armonia con l’indirizzo specifico dell’Istituto e con l’esigenza dell’utenza, previsto dall’ampliamento dell’Offerta Formativa; - Propongono interventi e soluzioni idonei a rimuovere ostacoli; - Stimolano l’interazione tra i soggetti in formazione e l’ambiente, inteso come sommatoria di risorse economiche, culturali e professionali; - Curano strategie per effetti positivi sui processi educativi, primi fra essi l’integrazione di alunni stranieri; - Effettuano azioni periodiche di monitoraggio per il controllo della qualità delle azioni educative in atto, dell’organizzazione, delle relazioni interne ed esterne, dei “prodotti” finali e prima ancora delle attese ed esigenze dell’utenza.

Nel PROGETTO ORGANIZZATIVO vengono tutelati: - Il raccordo tra le esigenze locali e le indicazioni generali dei programmi; - L’intenzionalità pedagogico-didattica tendente a coinvolgere tutti i soggetti; - L’assunzione di specifiche responsabilità; - L’orientamento pedagogico dell’Istituto; - La trasparenza dell’azione della scuola, del suo contratto formativo, resi visibili nel P.O.F. (documento pubblico e strumento di lavoro per i soggetti interessati alla vita della scuola); - La sinergia educativa tra scuola e territorio. 60


-

ORGANI COLLEGIALI CONSIGLI DI INTERSEZIONE, DI INTERCLASSE E DI CLASSE

E’ costituito da: - 1 - 4 genitore per ogni sez./classe * - gli insegnanti di ogni sezione/classe - il Dirigente Scol. o suo delegato che presiede

- formula proposte sull’organizzazione e sull’azione educativa e didattica e sulle sperimentazioni. - Agevola ed estende i rapporti tra docenti e genitori - Esamina i problemi e propone soluzioni.

*(1 genitore infanzia e primaria 4 genitori scuola sec. I° grado)

COLLEGIO DEI DOCENTI

-

E ’costituito da docenti di Suola d’Infanzia - docenti di Scuola Primaria - docenti di Scuola Sec. di I° grado - Dirigente Scolastico che presiede

- Delibera il funzionamento didattico della Scuola, le le attività di Sperimentazione, il Piano di aggiornamento, la scelta dei libri di testo. - Cura la stesura del POF e della Programmazione Educativa. - Formula proposte per la formazione e composizione delle classi e l’assegnazione dei docenti - Valuta la realizzazione di quanto indicato nel POF. - Elegge il Comitato di valutazione e le Funzioni Strumentali

CONSIGLIO D’ISTITUTO Eletto il 14 - 15 novembre 2010 E’ costituito da: n° 8 genitori di cui uno presiede n° 8 docenti n° 2 personale A.T.A. Il Dirigente Scolastico

-

Elabora e adotta gli indirizzi generali (POF) Delibera il Bilancio e l’impiego dei mezzi finanziari Predispone il regolamento interno Adatta il Calendario Scolastico Delibera in merito alle uscite scolastiche

COMITATO DI VALUTAZIONE E’ costituito da: - il Dirigente Scolastico che presiede - n° 4 docenti

Valuta il servizio dei docenti nell’anno di prova ed anche dei docenti che ne facciano richiesta

61


Nell’AREA DIDATTICA vengono tutelati: - La qualità delle attività educative e l’adeguatezza alle esigenze culturali e formative, nel rispetto degli obiettivi generali del processo formativo, validi per il raggiungimento delle finalità dell’Istituto, fissati all’inizio dell’anno dai Consigli di Classe – Interclasse - Intersezione ed approvati dal Collegio dei Docenti (principale responsabile della qualità delle attività educative, ed articolato in commissioni di lavoro cui è affidata la progettazione e l’organizzazione). - La promozione di un armonico sviluppo della personalità dell’alunno nella continuità educativa tra i diversi ordini e gradi d’istruzione con specifiche iniziative: acquisizione ed integrazione del fascicolo personale dell’alunno nuovo iscritto – compilazione e scambio di questionari sociologici, psicologici, socio-affettivi, cognitivi e culturali (conoscenza di tutti gli aspetti dell’alunno) – colloqui con i docenti del precedente ciclo di studi tendenti ad accertare il livello delle conoscenze e delle capacità maturate dagli alunni nuovi iscritti – Commissione Continuità –per la messa a punto di una strategia di interventi comuni alle tre scuole- organizzazione nel corso dell’anno scolastico di momenti di incontro e di attività comuni tra gli alunni delle classi ponte per conoscersi e per avviare tra gli insegnanti la progressiva armonizzazione delle concezioni didattiche e degli stili educativi – progetti comuni di attività – attività di programmazioni in comune. - La validità culturale e la funzione educativa come criteri di riferimento nella scelta dei libri di testo e delle strumentazioni didattiche . In particolare per quanto riguarda l’adozione dei libri di testo si tiene conto della corrispondenza del testo agli obiettivi formativi, dell’oggettività informativa, dell’organicità, della fruibilità, della dinamicità intesa come capacità del testo di far partecipe l’alunno al proprio processo di apprendimento, della graduale differenza di difficoltà di comprensione tra i diversi ordini e gradi scolastici. - La razionale distribuzione dei tempi settimanali di studio, nell’assegnazione dei compiti da svolgere a casa, in modo da offrire agli alunni la possibilità di disporre di tempi da dedicare al gioco, all’attività sportiva, ai laboratori distribuendo a giorni alterni le materie per evitare concentrazioni in giorni consecutivi, con l’alternanza, nella stessa giornata, di insegnamenti teorici, ad attività sportive e a laboratori. - L’elaborazione e l’adozione di strategie didattiche finalizzate ad una funzione educativa non intimidatoria, né mortificante, né punitiva, ma stimolo di un rapporto sereno e “teso al convincimento”. L’AZIONE DIDATTICA dei docenti dell’Istituto, inoltre, è di raccordo e di approfondimento in continuità con i programmi delle classi di provenienza. 62


Un’attività intesa a valutare i livelli di partenza attraverso test d’ingresso, nonché attraverso la raccolta di informazioni finalizzate alla definizione della situazione iniziale, e all’impostazione dell’azione didattica susseguente, ciò in modo particolare per gli alunni inseriti nelle classi prime sia primarie che secondarie di I grado. I docenti nell’avviare la PROGETTAZIONE DIDATTICA per classi parallele, fissano gli Obiettivi di Apprendimento di ciascuna disciplina e gli obiettivi formativi personalizzati: Le conoscenze Le abilità Le competenze I percorsi formativi didattici, individuati nella progettazione, sono soggetti a momenti di verifica e valutazione dei risultati, ciò al fine di adeguare l’azione didattica alle esigenze formative che emergono “in itinere”. Nella progettazione vengono definiti in modo interagente: - Le finalità dell’Offerta Formativa; - Le ragioni dell’Ampliamento dell’Offerta Formativa; - Gli obiettivi Formativi O.A. di ciascun insegnamento; - L’articolazione dei contenuti divisi in percorsi formativi modulari, specifici delle discipline e quelli previsti da ciascun progetto e da ciascun laboratorio dell’ampliamento dell’Offerta Formativa; - Le indicazioni metodologiche; - Le modalità di valutazione. Le progettazioni didattiche di ogni singola disciplina, vengono articolate in U. A. che sono prefigurate ad inizio d’anno e documentate man mano che vengono svolte. Sono consegnate, insieme al Piano di Studi Personalizzato, a fine anno scolastico. Le attività e le iniziative inerenti i progetti dell’ampliamento dell’offerta formativa vengono compilate entro il mese di ottobre, depositate in Segretaria e allegate al presente documento.

DIRITTO-DOVERE ALL’ISTRUZIONE E FREQUENZA L'Istituto riconosce che l'utente abbia la facoltà di scegliere tra le istituzioni che erogano il servizio scolastico e che la libertà di scelta si eserciti tra le istituzioni statali dello stesso tipo. Qualora si verificassero casi di eccedenza di domande, l'Istituto garantisce criteri oggettivi nella individuazione degli aventi diritto alla frequenza: - daranno diritto di precedenza all'iscrizione in caso di eccedenza di domande: la residenza, il domicilio, la sede di lavoro di uno dei familiari e per quanto riguarda la scuola materna avranno precedenza di iscrizione gli alunni di cinque anni. 63


L'Istituto si impegna a prevenire e controllare l’evasione e la dispersione scolastica mediante forme di monitoraggio, tendenti ad orientare, recuperare ed integrare quanti, soprattutto nei primi mesi di scuola, incontrano difficoltà di apprendimento o di socializzazione, con conseguenti strategie didattiche mirate.

PARTECIPAZIONE – EFFICIENZA-EFFICACIA E TRASPARENZA Per favorire la partecipazione democratica alla gestione sociale della scuola, l'Istituto considera fondamentale la trasparenza nei rapporti interni amministrativi e quelli con l’utenza. A tal fine garantisce: - una bacheca presente in ogni sede scolastica dove verranno mantenute affisse una copia del Regolamento di Istituto, della Carta dei Servizi, l’organigramma degli Uffici, le modalità di utilizzazione degli spazi interni ed esterni; - la pubblicizzazione, tramite affissione in bacheca , per un minimo di 15 giorni degli Atti del Consiglio di Istituto, dei Collegio dei Docenti, della Giunta Esecutiva e di servizi offerti alla scuola da soggetti esterni; - una bacheca del personale A.T.A con organigramma, mansioni, ordini di servizio, turnazioni e incarichi speciali; - una bacheca contenente l'elenco del personale docente con la materia insegnata, l'orario di servizio, l'orario di ricevimento e quello delle disponibilità, le mansioni assegnate a ciascun docente nell'ambito delle Commissioni; - una bacheca sindacale per i dipendenti. Al fine di favorire le attività extrascolastiche che caratterizzano la scuola come centro di promozione culturale, sociale e civile, l’Istituto consente l’uso degli edifici e delle attrezzature anche fuori dall’orario del servizio scolastico. L’utilizzo delle strutture da parte di terzi deve essere autorizzato dal Consiglio di Istituto, che fissa le modalità, i tempi e gli oneri.

LIBERTA’ DI INSEGNAMENTO E AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE La libertà di insegnamento si realizza nel rispetto della personalità dell’alunno, nel rispetto degli obiettivi formativi nazionali e viene riconosciuta ed assicurata nell’ambito della programmazione. L’esercizio della libertà di insegnamento si fonda sul presupposto della conoscenza aggiornata delle teorie psico-pedagogiche, delle strategie didattiche e sul confronto collegiale con gli altri operatori. L’aggiornamento è un diritto per il docente e un obbligo per l’Amministrazione che organizza le modalità di aggiornamento del personale in collaborazione con istituzioni ed Enti culturali. L’aggiornamento può essere di 4 tipi: a) aggiornamento interno svolto con mezzi propri, autoaggiornamento; 64


b) aggiornamento con interventi esterni svolto con fondi da richiedere al CSA nell’ambito del Piano Provinciale di Aggiornamento. Tale tipo di aggiornamento può essere fatto anche in collegamento con altre scuole e con la collaborazione dell’IRRSAE Marche; c) aggiornamento a livello nazionale con il coinvolgimento di docenti di altri Istituti dello stesso o diverso tipo, con finanziamento diretto del Ministero della Pubblica Istruzione; d) aggiornamento connesso ad iniziative promosse e realizzate da terzi. Le tematiche dell’aggiornamento interno vengono fissate ogni anno dal Collegio dei Docenti e deliberate dal Consiglio di Istituto per ciò che riguarda le spese.

LA FORMAZIONE E L’AGGIORNAMENTO L’Istituto, nel corrente anno scolastico, predispone il proprio Piano di Formazione/Aggiornamento secondo le seguenti esigenze: - impostare rapporti esterni ed interagire con gli Enti Locali e le Associazioni del territorio - approfondire lo sviluppo dei contenuti dell’insegnamento - migliorare ed innovare i metodi e l’organizzazione dell’insegnamento - conoscere le norme di sicurezza dell’ambiente di lavoro - conoscere la normativa sulla privacy - sviluppare le competenze nell’ambito dell’utilizzo delle nuove tecnologie (informatica) - approfondire le tematiche dell’integrazione scolastica degli alunni disabili, stranieri e del disagio Le attività di formazione sono rivolte agli insegnanti, al personale non docente, in occasioni particolari anche ai genitori.

65


PIANO AGGIORNAMENTO ANNO SCOLASTICO 2011/2012

66


AGGIORNAMENTO E FORMAZIONE IN SERVIZIO ANNO SCOLASTICO 2011/2012 “L’aggiornamento è un diritto-dovere fondamentale del personale ispettivo, direttivo, docente”; VISTO l’art. 26 del CCNL / 06-09, che al comma 2 recita:” La funzione docente si fonda sull’autonomia culturale e professionale dei docenti; essa si esplica nelle attività individuali e collegiali e nella partecipazione alle attività di aggiornamento e formazione in servizio”; VISTO l’art. 64 (Fruizione del diritto alla formazione) comma 1 del CCNL / 06-09 che recita: “ La partecipazione ad attività di formazione e di aggiornamento costituisce un diritto per il personale in quanto funzionale alla piena realizzazione e allo sviluppo della propria professionalità”; VISTO l’art. 282 / 2 del D.L.gs 297 / 94 che recita:

CONSIDERATO che la partecipazione del docente ai corsi di formazione non è più retribuita: il contratto ha abolito sia il numero di ore per la carriera sia il pagamento delle ore di aggiornamento che in un anno superano le 30 ore (art. 13.5 Ccnl 98 – 01). La partecipazione è agevolata con l’esonero dal servizio e dà un credito utilizzabile nella carriera professionale; CONSIDERATO che il Collegio dei docenti delibera (art. 66 CCNL / 06-09) il piano annuale dell’attività di aggiornamento e formazione la quale “ tiene conto dei contenuti della

Direttiva annuale del Ministro e si può avvalere delle offerte di formazione promosse dall’Amministrazione centrale e periferica e/o soggetti pubblici e privati qualificati o accreditati”;

VISTO l’art. 5 della Legge n. 53/03 inerente la FORMAZIONE degli insegnanti; TENUTO CONTO dei bisogni professionali e delle opzioni personali degli insegnanti; TENUTO CONTO delle esigenze del personale A.T.A.; TENUTO CONTO della proposta avanzata dal docente Funzione Strumentale;

PROPONE La seguente articolazione del piano di aggiornamento e formazione in servizio

Le motivazioni

“La formazione, nell’ambito dei progetti di riforma e di innovazione costituisce una leva strategica fondamentale per lo sviluppo professionale del personale docente, per il necessario sostegno agli obiettivi di cambiamento, per un'efficace politica di sviluppo delle risorse umane attraverso qualificate iniziative di prima formazione ed in servizio.” (Art. 63 CCNL 2006 e direttiva n.48/ 2004).

Lo sviluppo professionale dei docenti va inteso come un processo sistematico e progressivo di consolidamento e aggiornamento delle competenze, che permetta di realizzare, attraverso la crescita dei singoli e la loro valorizzazione personale e professionale, il miglioramento dell’istituzione scolastica nel suo complesso e,conseguentemente, dei risultati degli studenti. In questa prospettiva svolgono un ruolo fondamentale ambienti di formazione che permettano l’acquisizione e il potenziamento di competenze didattiche più rispondenti alle necessità e alle modalità di apprendimento dei giovani, ambienti 67


che possono essere realizzati grazie all’autonomia scolastica, soprattutto nelle sue dimensioni di autonomia didattica e di ricerca sviluppo.(art. 6 del D.P.R. n.275/99) Nella scuola dell’Autonomia cambia il senso della Formazione e dell’Aggiornamento, perché aumenta la responsabilità professionale per i docenti nell’elaborazione del Piano delle Opportunità formative dell’Istituto. La formazione in servizio costituisce un diritto personale in quanto funzionale alla piena realizzazione e allo sviluppo della propria personalità (5° comma art.7 del D.L.vo n. 59/2004). In questo senso il processo di valorizzazione professionale e di carriera per il personale docente va visto in coerenza con lo sviluppo dei processi di valutazione del sistema nazionale: La richiesta di formazione da parte dei docenti dell’Istituto va verso modelli più interattivi centrati sul soggetto (sviluppo professionale) sulla scuola (autonomia e scuola come laboratorio di ricerca, formazione e autoaggiornamento) e sulla costituzione di comunità di pratiche (formazione a distanza, sistemi telematici). La formazione e l’aggiornamento in servizio sono elementi imprescindibili del processo di : - Costruzione dell’identità dell’Istituto. - Valorizzazione professionale. - Innalzamento della qualità della proposta formativa di ciascuna scuola. - Valore per il sistema formativo del paese. I settori di intervento Nell’impostare il Piano Annuale per la formazione e l’aggiornamento di cui all’art.66 del CCNL Cap IV secondo le esigenze e/ o le proposte dei diversi profili professionali l’attenzione viene riservata a: Iniziative dell’Amministrazione

Scolastica destinate in particolare:

- Formazione sulla attuazione di un sistema di valutazione del Sistema scolastico e delle singole scuole. - Formazione per i docenti neo assunti. - Formazione del personale neo-immesso in ruolo. - Formazione ed aggiornamento di Lingua Straniera. - Sicurezza e Prevenzione degli infortuni nella scuola ( D.L.vo 626/94). - Interventi formativi previsti per l’attuazione del decreto legislativo 626/94 sulla sicurezza nelle scuole e specificatamente : a) conoscenza del Piano di Gestione dell’Emergenza, elaborato in ciascun Plesso sulla scorta del nuovo Documento di Valutazione dei Rischi; b) aggiornamento delle competenze del personale in materia di Primo Soccorso e di prevenzione degli incendi; c) interventi formativi connessi con la adozione del D.P.S. in attuazione delle misure minime di sicurezza previste dal D.L.vo n. 196/2003. - Insegnamento e Apprendimento disciplinare. 68


- Interventi per lo sviluppo di competenze trasversali e disciplinari, con particolare riferimento alla formazione scientifica, matematica tecnologica e linguistica secondo le recenti Indicazioni Nazionali. - didattica laboratoriale quale asse metodologico portante e come occasione privilegiata per la “personalizzazione” dei percorsi formativi. - Consolidare la capacità d’uso e ampliare le competenze didattiche in ambito T.I.C. da parte dei docenti per sviluppare e potenziare l’innovazione didattica attraverso l’uso delle tecnologie informatiche (L.I.M.). - Educazione e promozione alla salute. - Formazione per docenti e genitori su iniziative di Educazione alla Salute e al benessere proposte dall’A.S.L. - Educazione alla convivenza civile. Percorsi di formazione, aggiornamento e autoformazione su problematiche relative all’Educazione alla Convivenza civile, interculturale, alle pari opportunità, alla solidarietà allo sviluppo di un personale progetto di vita di ogni bambino e all’accoglienza e all’integrazione degli alunni stranieri - Orientamento Formazione di docenti, in collaborazione con altre scuole del territorio, per l’Orientamento contro la dispersione scolastica ed il disagio giovanile. - Formazione a domanda individuale. - Disabilità e svantaggio. Formazione, aggiornamento e gruppi di ricerca-azione tra i docenti, dei tre ordini di scuola dell’Istituto, per la programmazione e realizzazione del Piano Educativo Individualizzato degli alunni disabili.. - Attuazione degli obblighi contrattuali. - Interventi formativi per il personale ATA, volti allo sviluppo delle professionalità. La metodologia Per dare al presente piano un carattere di funzionalità, la metodologia sarà caratterizzata dai seguenti elementi: - Prospettiva di uno sviluppo professionale continuo, personale e permanente - Riflessione sulle esperienze collegiali ed individuali (team, collegio, interclasse) come momento formativo essenziale. - Valorizzazione delle esperienze innovative e professionali realizzate nella scuola. - Attivazione di metodologie come la ricerca-azione. - Modello e-learning attraverso cui si attivano aspetti inerenti a: tecnologie, contenuti, risorse umane, gruppi d’apprendimento e processi d’integrazione con il contesto. - Attività con esperti, chiamati nella scuola, così da favorire lo scambio interpersonale tra docenti che vivono esperienze comuni. - Collaborazione con le Università, Istituti di ricerca ed Enti territoriali.

69


- Raccordo e collaborazione tra gli enti (MIUR, INVALSI, USP, USR, IRRE), i soggetti accreditati e qualificati, le associazioni disciplinari e professionali, al fine di contestualizzare le finalità nazionali con i differenti bisogni formativi.

Tipologie di formazione: -

Laboratori didattici disciplinari. Reti di scuole. Corsi di formazione Universitari. Master o stage. Corsi brevi residenziali. Corsi per una progettazione verticale. Consulenza e assistenza problematiche didattiche.

Il piano specifico della formazione si sviluppa nel rispetto delle seguenti priorità:

1. Iniziative di Formazione e Aggiornamento progettate autonomamente dall’Istituto secondo la dir. N.48/ 2004, iniziative consorziate in rete e le iniziative promosse dal MIUR e dal U.S.P.(Ufficio Scolastico Provinciale). 2. Attività formative proposte dall’Amministrazione Scolastica a livello centrale e periferico, Università, i consorzi universitari, gli IRRE, gli istituti pubblici di ricerca, gli Enti, le Istituzioni e le Associazioni accreditate dal MIUR. 3. Attività formative proposte in collaborazione con Soggetti del territorio, coerenti con gli obiettivi strategici delineati nei settori d’intervento. 4. Autoaggiornamento, che diviene una serie articolata di opportunità formative, all’interno delle quali il singolo docente può individuare il percorso che ritiene più idoneo in funzione sia delle proprie esigenze sia del contesto in cui opera, perché il suo apprendimento divenga apprendimento dell’organizzazione scolastica in cui opera. Le azioni di Formazione e Aggiornamento saranno accompagnate da misure che mettano in luce le modalità di certificazione delle competenze, di monitoraggio in modo da rendere conto dei processi innovativi da esse promossi e da consentire le eventuali modifiche e implementazioni delle stesse; saranno individuati obiettivi e settori d’intervento per permettere integrazioni e adeguamenti in itinere. La definizione operativa dei singoli progetti sarà realizzata nell’ambito del Programma Annuale, tenendo conto di quanto indicato e delle priorità espresse nel P.O.F. Il piano annuale di aggiornamento e formazione destinato ai docenti è deliberato dal Collegio coerentemente con gli obiettivi e i tempi del P.O.F. (art.66 CCNL). Come per ogni strumento di programmazione si prevedono azioni di monitoraggio, valutazione e autovalutazione delle azioni formative svolte e dei loro esiti sulla qualità del servizio.

70


Le prospettive Il nuovo sistema di formazione iniziale dei docenti su cui dovrebbe agganciarsi “la formazione in servizio” deve essere in grado di offrire una vasta gamma di opportunità, per : - collegare al meglio le attività d’aula con i percorsi formativi; - facilitare la frequenza ai corsi qualificati; - favorire la riflessione sull’esperienza, la capacità di utilizzo delle informazioni e delle nuove conoscenze acquisite; - sviluppare i diversi servizi per i docenti (servizi di documentazione, reti di scuola, laboratori di ricerca); - controllare la qualità delle offerte attraverso standard funzionali, organizzativi e di costo; - accertare le competenze acquisite con apposite certificazioni; - costruire rapporti con l’Università attraverso protocolli, convenzioni, tale che le azioni formative possano essere riconosciute in vari settori lavorativi anche in vista di una riconversione professionale; - incrementare collegamenti produttivi con le agenzie formative e con le associazioni professionali anche attraverso opportune convenzioni. - Creare criteri guida per il monitoraggio finale, “la lettura” di nuovi bisogni/criticità, il miglioramento continuo per i docenti e personale A.T.A.

ACCORDO DI RETE INSIEME 2011

II Circolo Didattico " Luciani San Filippo" di seguito denominato "Istituzione Scolastica", L’Istituto Scolastico Comprensivo di scuola materna, elementare e media "Folignano Capoluogo", la Direzione Didattica "Ascoli Piceno Centro" l'Istituto Scolastico Comprensivo di scuola dell'infanzia, primaria e secondaria superiore di I grado di "Spinetoli -Pagliare" l' Istituto Scolastico Comprensivo di scuola materna, elementare e media "Castel di Lama- Via Adige", l'Istituto Scolastico Comprensivo Offida di scuola materna, elementare e media (vista la domanda pervenuta presso l'ISC "Spinetoli Pagliare", capofila nell'anno 2010, in data27/08/2010 prot.2573/C23), TENUTO CONTO della configurazione delle scuole che insistono sullo stesso territorio, VISTA la normativa vigente ed in particolare: Legge n. 59 del 15 marzo 1997, art. 21 DPR n. 275 dell' 8 marzo 1999, art. 7 Legge n. 53 del 28 marzo 2003 D.L. 59 del 19/2/2004 RITENUTO di dover promuovere, ferma restando l'autonomia dei singoli bilanci, forme di collaborazione interistituzionali finalizzate allo sviluppo di competenze professionali attraverso la predisposizione di itinerari comuni di formazione ed 71


aggiornamento per i docenti e per il personale ATA, nonché progetti specifici di sperimentazione, sviluppo e ricerca didattico - educativa che verranno concordati annualmente; CONSIDERATO che le scuole aggregate in rete hanno interesse a collaborare vicendevolmente per l'attuazione delle iniziative comuni, comprese negli ambiti del progetto di Rete, e che tale collaborazione è finalizzata al miglioramento del percorso formativo degli alunni, anche attraverso l'accrescimento della qualità dei servizi che si offrono; PRESO ATTO che per meglio raggiungere gli obiettivi della Rete, saranno realizzate maggiori e migliori relazioni interistituzionali con il territorio in un ampio ventaglio di rapporti con gli Enti Locali, Associazioni di Volontariato e col Privato Sociale; VISTA la legge 7 agosto 1990, n. 241 e successive modificazioni e integrazioni; VISTO il DM n. 44 del 1° febbraio 2001 concernente le "Istruzioni generali sulla gestione della gestione amministrativo contabile delle Istituzioni Scolastiche, di seguito chiamato semplicemente D.M. 44/01; VISTE le delibere dei rispettivi Consigli di Istituto per l'adesione alla Rete e la realizzazione degli obiettivi previsti dal presente accordo, i Dirigenti convengono con il presente contratto di aggiornare l'accordo di rete già in essere, secondo quanto di seguito riportato. Art. 1) La premessa e gli allegati descritti in calce fanno parte integrante del presente atto. Art. 2) L' accordo ha durata triennale, a partire dal 1° gennaio 2008 e viene aggiornato ogni anno, entro dicembre e sottoscritto, previa approvazione dei programmi da parte degli organi collegiali competenti, dai Dirigenti Scolastici. Non è consentito il rinnovo tacito del presente contratto e si fa rinvio, in proposito, al contenuto dell'art. 44, comma 2 della legge n. 724 del 23/12/1994. Art. 3) Le cinque Scuole interessate assumono, a rotazione e per un anno, il ruolo di Scuola Capofila della rete scolastica di cui al presente atto. Per l'anno in corso 2011, tale ruolo sarà ricoperto dal Circolo Didattico " Luciani San Filippo". Il Dirigente Scolastico Dott.ssa Silvia Giorgi quindi è individuato come organo responsabile della gestione delle risorse e del raggiungimento delle finalità dei progetti programmati ed approvati. Per gli anni successivi si avvicenderanno nell'ordine, la Direzione Didattica "Ascoli Piceno Centro", l'ISC "Castel di Lama Via Adige", l'ISC "Folignano Capoluogo" e l'ISC " Spinetoli Pagliare". Art. 4) Le responsabilità di cui all'art. 3 si esplicano nei seguenti a) coordinamento delle istituzioni interessate; b)gestione del personale coinvolto e delle risorse finanziarie a disposizione per il raggiungimento delle finalità del progetto nel rispetto delle norme vigenti in materia; c) informazione tempestiva delle attività promosse, tra i soggetti interessati e /o coinvolti; d) elaborazione di una relazione a consuntivo, dì tipo amministrativo - contabile, riferita alle attività svolte, ai risultati ottenuti e all'utilizzo dei fondi assegnati. 72


Art. 5) II presente atto ha ad oggetto la progettazione e la realizzazione di attività

che sono così contraddistinte:  Attività di Formazione e Aggiornamento del personale docente, ivi compresa la valutazione degli alunni, del personale e di istituto;  Attività di Formazione e aggiornamento del Personale ATA;  Adesioni a Progetti proposti da Enti Nazionali e Locali;  Progetti europei e relativa gestione;  Acquisto di beni e servizi relativi alle attività di cui sopra. Art. 6) Per le attività di cui al punto 5 saranno acquisite anche le delibere di approvazione da parte dei singoli Collegi dei Docenti delle Scuola appartenenti alla Rete. Art. 7) L'attività istruttoria e l'approvazione dei singoli progetti riguardanti le materie di cui al precedente art. 5, sono definiti con apposita conferenza di servizio, convocata dalla Scuola Capofila, secondo le procedure disposte dagli artt. 9,10,11 e 12 della legge n.340 del 24/11/2000, che al capo 11°, apporta modifiche alla legge n.241 del 7/8/2/1990. Art. 8) In sede di Conferenza di servizio saranno pure determinate le quote di apporto finanziario di ciascuna scuola aderente alla rete per la realizzazione delle attività di cui all'art. 4. Per l'anno scolastico in corso la quota è fissata per un massimo di 1.000 euro cadauno. Art. 9) I finanziamenti di cui al precedente articolo 9 affluiranno, in tempi appropriati, nel Programma annuale della scuola Capofila di cui al precedente art. 3. A cura del DSGA della Scuola Capofila saranno pure predisposte le schede illustrative finanziarie, secondo quanto disposto al comma 6 del DM n. 44 del 1° febbraio 2001. Il Direttore dei servizi generali e amministrativi della Scuola Capofila inoltre provvedere alla liquidazione delle competenze, relative agli impegni finanziari connessi con l'attività svolta dalla rete di scuole. Art. 10) L'attività negoziale è affidata al Dirigente della Scuola Capofila, che la eserciterà nell'ambito delle disposizioni previste dall'art. 31, comma 1 del DM n. 44 dell0 febbraio 2001. Il Dirigente della Scuola Capofila è autorizzato a stipulare intese contrattuali , accordi e convenzioni con Enti Locali, Università e Associazioni operanti sul territorio ai soli fini di realizzare i progetti approvati, di cui alle materie elencate al precedente art. 5. Art. 11) II presente accordo di rete è aperto all'adesione di tutte le istituzioni scolastiche del distretto scolastico che intendano parteciparvi. La richiesta di adesione va proposta in forma scritta, previa apposita delibera del Consiglio di Istituto e trasmessa alla Scuola Capofila, che la sottoporrà alla successiva conferenza di servizio della Rete. La decisione di eventuale accettazione viene assunta alla unanimità in prima seduta, a maggioranza dei presenti in seconda seduta. L'adesione ha effetto dalla data di sottoscrizione dell'accordo da parte della Scuola richiedente. Art.12) Le Istituzioni Scolastiche facenti parte della rete, hanno facoltà di recesso dall'accordo, nelle forme e con le procedure dì cui al precedente articolo. Il recesso sarà efficace al completamento delle attività avviate.

73


Art. 13) La risoluzione dì eventuali conflitti e/o corretta interpretazione del

presente accordo è demandata all'organo competente. Art. 14) Il presente atto è depositato in originale presso le Segreterie delle scuole aderenti alla Rete è pubblicato in copia ai rispettivi albi. Art.15) Per quanto non espressamente previsto si rimanda all'ordinamento generale in materia di istruzione. PROGRAMMI ATTUATIVI DELL'ACCORDO DI RETE

Le parti si impegnano a porre in essere, nell'ottica della collaborazione, tutto quanto necessario per la realizzazione di attività formative per il personale. Nell'anno 2011 saranno attivati i seguenti corsi di aggiornamento: personale docente

 Completamento Laboratori scientifici avviati nell'anno 2010;  Formazione sui " Disturbi Specifici di Apprendimento" ( Tutti e tre gli ordini di scuola);  Formazione sull'uso della LIM : livello principiante e avanzato ( Scuola primaria e Secondaria di 1° grado);  Formazione di " manualità creativa"( Scuola dell'Infanzia e Primaria) personale ATA

 Collaboratori scolastici: prima informativa ed accoglienza del pubblico,vigilanza, diritti e doveri  Formazione tecnica per il personale amministrativo. II testo del presente accordo è depositato presso le segreterie delle scuole aderenti dove gli interessati potranno prenderne visione ed estrarne, eventualmente, copia secondo le modalità previste dalla legge 241/90 e successive modificazioni ed integrazioni. Il presente testo viene sottoposto all'approvazione del Collegio dei docenti, per gli aspetti pedagogici e didattici, e al Consiglio di Istituto o di Circolo per gli impegni finanziari implicati. Ascoli Piceno, 09 Marzo 2011 I DIRIGENTI SCOLASTICI

74


CORSI DI FORMAZIONE ESTERNI FREQUENTATI SU INIZIATIVA DEI SINGOLI DOCENTI Si intendono assunti all’interno del Piano di aggiornamento dell’Istituto i corsi di aggiornamento, di formazione, i convegni/seminari organizzati e realizzati all’esterno della scuola e frequentati su iniziativa e autofinanziamento dei singoli docenti. La certificazione/documentazione relativa sarà acquisita a fascicolo personale degli interessati. Le iniziative si intendono senza oneri per l’Amministrazione scolastica. Tra quelli già effettuati ci sono i seguenti:  Lavagne interattive multimediali. Il Dirigente Scolastico allo scopo di evitare la ripetuta convocazione del Collegio dei Docenti per valutare tutte le proposte di aggiornamento, alla data odierna non conosciute, propone di ritenere comprese nel Piano della scuola quelle future iniziative di aggiornamento che rispondano rigorosamente ai seguenti requisiti: a) Siano iniziative promosse dall’Amministrazione Scolastica a livello nazionale e periferico; b) Siano iniziative promosse da Enti/Associazioni autorizzati dall’amministrazione scolastica; c) Siano iniziative promosse da altre scuole/istituti della provincia; IL COLLEGIO DEI DOCENTI delibera altresì di dare mandato al Dirigente Scolastico: 1) di autorizzare gruppi o singoli docenti a partecipare alle iniziative di aggiornamento, alla data odierna non conosciute, con i seguenti vincoli, da considerare nel rigoroso ordine di precedenza: i contenuti dei corsi devono  avere una ricaduta diretta nei processi formativi-didattico-professionale;  siano coerenti con le finalità generali, obiettivi e tematiche in materia di formazione ricavabili dalla direttiva del M.I.U.R.  essere pertinenti con gli incarichi aggiuntivi e/o particolari ricoperti dal docente e personale A.T. A. che chiede di partecipare all’iniziativa; i corsi si devono svolgere senza esonero dagli obblighi di servizio 2) di designare gli insegnanti che l’Amministrazione chiede di formare quali tutors, referenti, coordinatori di gruppi, figure di riferimento, figure strumentali ecc.

Con i seguenti criteri

 tenere conto degli interessi, se conosciuti, degli insegnanti;  preferire gli insegnanti impiegali nell'ambito oggetto di formazione;  non designare uno stesso insegnante, possibilmente, per più incontri formativi.

75


AREA

DIDATTICA

1. L’Istituto con l’apporto delle competenze professionali del personale e con la collaborazione ed il concorso determinante delle famiglie, delle istituzioni e della società civile, è responsabile della qualità delle attività educative e si impegna a garantire l’adeguatezza alle esigenze culturali e formative, nel rispetto degli obiettivi educativi validi per il raggiungimento delle finalità istituzionali. Gli obiettivi comportamentali e cognitivi sono fissati classe per classe ad inizio d’anno in fase di programmazione dai Consigli di classe, interclasse e intersezione ed approvati dal Collegio dei Docenti. Quest’ultimo, quale principale responsabile della qualità delle attività educative, si articola in commissioni di lavoro a cui vengono affidati l’organizzazione e la progettazione di attività specifiche. 2. L’istituto al fine di promuovere un armonico sviluppo della personalità degli alunni garantisce la continuità educativa tra i diversi ordini e gradi dell’istruzione con specifiche iniziative: - acquisizione ed integrazione del fascicolo personale dell’alunno nuovo iscritto; - compilazione e scambio di questionari sociologici, psicologici, socio-affettivi, cognitivi e culturali per la conoscenza degli alunni; - colloqui con i docenti del precedente ciclo di studi, tendenti ad accertare il livello delle conoscenze e delle capacità maturate dagli alunni nuovi iscritti; - messa a punto di una strategia di interventi comuni ai tre ordini scolastici con la Commissione Autonomia; - organizzazione nel corso dell’anno scolastico di momenti di incontro e di attività comuni tra gli alunni delle classi-ponte per offrire l’opportunità ad alunni e docenti di conoscersi reciprocamente e di avviare gli insegnanti alla progressiva armonizzazione delle concezioni didattiche e degli stili educativi; - progetti comuni di attività; - attività di programmazione in comune. 3. Nella scelta dei libri di testo e delle strumentazioni didattiche, l’Istituto assume come criteri di riferimento la validità culturale e la funzione educativa. In particolare per quanto riguarda l’adozione dei libri di testo si terrà conto della rispondenza del testo agli obiettivi formativi, dell’oggettività informativa, dell’organicità, della fruibilità, della dinamicità intesa come capacità del testo di far partecipe l’alunno al proprio processo d’ apprendimento. Nella programmazione dell’azione educativa e didattica i docenti adotteranno criteri tali da realizzare una ripartizione delle ore di lezione nei vari giorni della settimana per fornire all’allievo un’equa distribuzione giornaliera dei testi scolastici. 76


(dal DL 137/2008) Fermo restando quanto disposto dall'articolo 15 del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n. 133, i competenti organi scolastici adottano libri di testo in relazione ai quali l'editore si sia impegnato a mantenere invariato il contenuto nel quinquennio, salvo le appendici di aggiornamento eventualmente necessarie da rendere separatamente disponibili. Salva la ricorrenza di specifiche e motivate esigenze, l'adozione dei libri di testo avviene con cadenza quinquennale, a valere per il successivo quinquennio. Il dirigente scolastico vigila affinché le delibere del collegio dei docenti concernenti l'adozione dei libri di testo siano assunte nel rispetto delle disposizioni vigenti. 4. Nell’assegnazione dei compiti da svolgere a casa, i docenti dell’Istituto operano in coerenza con la programmazione del Consiglio di Interclasse o di Classe, tenendo presente la necessità di una razionale distribuzione dei tempi settimanali di studio in modo da offrire agli alunni la possibilità di disporre di tempi da dedicare al gioco, all’attività sportiva, ad attività artistiche. Nell’ambito dell’orario settimanale le materie vengono distribuite possibilmente a giorni alterni evitando concentrazioni in giorni consecutivi. Nell’ambito della stessa giornata si cercherà di alternare ad insegnamenti teorici, esercitazioni di laboratorio ed attività sportive.

I PRINCIPI FONDAMENTALI DELLE ATTIVITA’ DI RECUPERO E CONSOLIDAMENTO PER ALUNNI SVANTAGGIATI Il servizio scolastico che si realizza nell’Istituto Comprensivo di Offida si ispira a tre criteri fondamentali: 1. Valorizzazione delle attitudini e delle abilità individuali per permettere a tutti, ai bambini con deficit, agli stranieri, ai bambini in situazione di disagio, pari opportunità nello sviluppo del potenziale educativo tramite l’acquisizione dei fondamentali tipi di linguaggio ed un uso costante della pluralità dei linguaggi stessi, valorizzando le diversità, garantendo il raggiungimento del successo formativo. 2. Conquista dell’autonomia personale intesa come capacità di orientarsi, di prendere coscienza della realtà, di compiere scelte autonome e di acquisire senso critico e libertà di pensiero.

77


3. Valorizzazione delle molteplici risorse esistenti sul territorio (enti locali, associazioni culturali e professionali, società sportive, gruppi di volontariato, ma anche organismi privati) allo scopo di realizzare un progetto educativo ricco e articolato affinché l'offerta formativa della scuola non si limiti alle sole attività curricolari e assuma un più ampio ruolo di promozione culturale, sociale e territoriale. Da questi criteri discendono anche alcuni principi generali ai quali la scuola intende attenersi nella concreta organizzazione del servizio. Uguaglianza La scuola si adopera per impedire che le diversità di sesso, etnia, lingua, religione, opinioni politiche, condizioni psicofisiche e socio-economiche possano in qualche modo limitare l'esercizio effettivo del diritto all'istruzione. Uguale successo formativo, attraverso Percorsi Personalizzati dove l’arricchimento formativo sarà realizzato con attività non strettamente curriculari, finalizzate anche a garantire a tutti uguali opportunità di crescita culturale, considerando l’alunno, persona nella sua interezza (complessità):  ogni attività didattica è rivolta sempre alla totalità degli alunni e delle alunne;  nessun alunno può essere escluso per motivi economici dalle attività opzionali e/o integrative del curricolo organizzate dalla scuola in orario scolastico (per esempio: visite didattiche - attività teatrali - ecc..);  la fruizione del servizio di mensa non può essere limitata o ridotta per motivi religiosi o d'opinione: la famiglia ha diritto di chiedere che taluni cibi vengano sostituiti con altri di pari valore nutrizionale. Imparzialità e regolarità Gli utenti hanno diritto ad essere trattati in modo obiettivo e imparziale: a) nella formazione delle classi e delle sezioni; b) nella definizione dei tempi destinati ai colloqui fra insegnanti e genitori; c) nell’assegnazione degli insegnanti, in particolare di quelli di sostegno, nei limiti delle risorse umane messe a disposizione dell’Istituto da parte dell’ U.S.P.; d) nella formulazione degli orari dei docenti. Nel rispetto dei diritti sindacali del personale, la scuola garantisce la regolarità e la continuità del servizio sia in occasione di assemblee sindacali, sia in occasione di scioperi. Nel primo caso le lezioni possono essere sospese unicamente nelle classi i cui docenti partecipano alle assemblee; in caso di sciopero la scuola si impegna a fornire adeguata informazione scritta alle famiglie con almeno 5 giorni di anticipo. 78


In entrambi i casi la scuola può offrire servizi di assistenza e sorveglianza compatibilmente con la disponibilità di personale. ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE L'Istituto si impegna a favorire l'accoglienza dei genitori e degli alunni attraverso: 1) l'allestimento di un ambiente idoneo alle esigenze degli alunni; 2) l’organizzazione di attività di accoglienza da parte dei collaboratori scolastici al mattino dalle ore 7.50 sino all’inizio delle lezioni, in ogni plesso dell’ISC; 3) iniziative volte a far conoscere ai nuovi iscritti, forme organizzative, progetti di Istituto e l’organigramma dell’Istituto illustrata nel P.O.F.; 4) iniziative che permettano una conoscenza adeguata degli alunni nuovi iscritti quali questionari, lettura di documenti di valutazione, colloqui tra docenti per impostare una corretta ed efficace programmazione educativo-didattica annuale; 5) consegna, a richiesta e dietro rimborso del costo di duplicazione di copia del POF, della Carta dei Servizi e del Regolamento interno; 6) l’organizzazione, entro il secondo mese di lezione, di un incontro tra i genitori di nuovi iscritti e docenti delle classi per una reciproca conoscenza. L’ INTEGRAZIONE

Integrazione degli alunni disabili L'inserimento degli alunni disabili nelle classi è finalizzato alla piena integrazione di ognuno; la scuola, offrendo ogni possibile opportunità formativa, si propone l'obiettivo di consentire a ciascuno il pieno sviluppo delle proprie potenzialità. L'integrazione degli alunni disabili impegna docenti, alunni e genitori nel percorso di valorizzazione della diversità e rappresenta un importante momento di crescita personale e umana per ogni componente della comunità scolastica. Per ciascun alunno con handicap la scuola, in collaborazione con la famiglia e con gli specialisti del servizio territoriale dell'ASL, predispone un apposito "piano educativo individualizzato". Per favorire l'integrazione la scuola si avvale di insegnanti "di sostegno" e, se necessario, di personale assistenziale messo a disposizione dagli Enti Locali. In ogni caso le attività di integrazione e il conseguente intervento degli operatori, riguardano tutta la classe o tutto il gruppo in cui è inserito l'alunno con handicap; le attività di tipo individuale sono precisate nel piano operativo. Nell'Istituto funziona un apposito gruppo di lavoro (gruppo H) formato dai docenti di sostegno, dai genitori interessati, dai rappresentanti degli Enti Locali e dell'ASL che si riunisce periodicamente con lo scopo di migliorare l'efficacia dell'intervento di inserimento/integrazione.

Rapporti con le famiglie Fin dal primo ingresso nella scuola dell’Infanzia la famiglia è coinvolta in una partecipazione attiva con l’Istituzione Scolastica in termini di reciproca fiducia e 79


condivisione di percorsi programmati volti all’obiettivo comune: lo sviluppo integrato della personalità del bambino. Art.5 - L.104 ( legge quadro per l’assistenza, integrazione sociale e i diritti delle persone diversamente abili). a) Assicurare alla famiglia una informazione di carattere sanitario e sociale per facilitare la comprensione delle situazioni anche in relazione alle possibilità di recupero e di integrazione nella società. b) Garantire alla famiglia adeguato sostegno psicologico e psico-pedagogico.

Finalità educative Il fine dell’istituzione scolastica è lo sviluppo integrato di tutte le dimensioni della personalità: biologica, affettiva, relazionale, sociale e operativa. Obiettivo specifico nel quadro generale di tali finalità è lo sviluppo delle potenzialità della persona che vanno indagate, fatte emergere e potenziate in modo equilibrato fra loro per un armonico sviluppo.

Interventi educativi Gli interventi educativi devono essere programmati e attivati in modo intenzionale e devono essere sistematicamente orientati alle effettive capacità residue rilevate (art. 3 comma 2 legge quadro n.104 del 92) in ciascun alunno diversamente abile. Gli interventi educativi devono essere finalizzati a: 1. acquisizione e/o sviluppo della piena accettazione e comprensione del sé e dell’altro e della fiducia in sé e nell’altro; 2. acquisizione e/o sviluppo di comportamenti che rendono consapevoli e partecipi del gruppo sociale; 3. acquisizione di una autonomia personale e sociale; 4. motivazione all’apprendimento e sviluppo dei centri di interesse (non solo relativi al quotidiano); 5. sviluppo dei processi mentali in vista dell’acquisizione di conoscenze e abilità 6. sviluppo di abilità pratiche

Presenza nel gruppo classe e relazione La presenza di un alunno diversamente abile deve aggiungere un elemento al processo di crescita dei compagni di classe .L’interazione e la compartecipazione alle attività educative rafforza il senso di collaborazione e solidarietà tra i compagni del gruppo classe: La presenza di un compagno diversamente abile deve rappresentare una occasione per acquisire altresì il senso di responsabilità umana e sociale, individuale e collettiva. La classe pertanto dovrà essere educata al rispetto delle differenze di ciascuno, le quali nel caso specifico possono essere percepite come dimensioni di vita diversa e perciò rappresentano una ricchezza sia dal punto di vista educativo che affettivo. Le diverse capacità devono essere 80


considerate un valore importante nell’orizzonte valoriale che la scuola deve proporre. La legge quadro sull’handicap n.104 del 1992 fornisce criteri ormai universalmente riconosciuti nell’offrire risposte concrete alle problematiche del disagio sociale e dell’handicap in tutte le sue applicazioni. 1) LA DIAGNOSI FUNZIONALE è il principale supporto medico diagnostico su cui sono descritti in modo analitico i livelli di risposta dell’alunno riferiti alle relazioni in atto e a quelle programmabili; è redatta dall’equipe medica 2) PROFILO DINAMICO FUNZIONALE è realizzato sulla base dei dati riportati nella diagnosi funzionale redatta dagli esperti. Il POF deve comprendere, a seconda dei casi, oltre alla descrizione funzionale, l’analisi dello sviluppo potenziale ai vari livelli riportati attraverso i seguenti assi: relazionale, comunicazionale, linguistico-espressivo, sensoriale, motorio-prassico, cognitivo, affettivo, neuro-psicologico e dell’autonomia. 3) IL PIANO EDUCATIVO PERSONALIZZATO deve essere il documento nel quale vengono descritti gli interventi integrati ed equilibrati fra di loro, predisposti per l’alunno in situazione di handicap. Esso va redatto congiuntamente dagli operatori sanitari e dal personale insegnante, in collaborazione con i genitori. Sulla base delle diagnosi e del profilo dinamico- funzionale, individuate le possibili acquisizioni da realizzare nei vari ambiti cognitivi e/o affettivi, si stabilisce l’itinerario educativo da percorrere. Esso dovrà delineare: a) gli obiettivi da conseguire a medio e lungo termine; b) il tipo di intervento della scuola con la modalità di utilizzo delle ore di sostegno; c) il tempo e le modalità di verifica; d) gli interventi della ASL e/o di altri operatori; e) i compiti della famiglia. Il piano è nato dall’esigenza di personalizzare una forma di intervento calibrato sulle possibilità dell’alunno, basato sullo sviluppo delle capacità fondamentali per la formazione di personalità autonome, consapevoli e integrate. Poiché l’alunno in difficoltà va considerato un alunno speciale, è necessaria la creazione di opportunità che favoriscano i processi di integrazione, di apprendimento e di autonomia.

81


PROTOCOLLO PER L’ACCOGLIENZA E L’INTERVENTO SUGLI ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DELL’APPRENDIMENTO (DSA) PREMESSA Normativa di riferimento - DPR 275/99 “Regolamento recante norme in materia di autonomia delle Istituzioni Scolastiche” - Nota MIUR 4099/A4 del 5.10.04 “Iniziative relative alla dislessia” - Nota MIUR 26/A4 del 5.01.05 “Iniziative relative alla dislessia” - Nota MPI 4674 del 10 maggio 2007 “Disturbi di apprendimento – Indicazioni operative” - Indicazioni per il curricolo per la scuola dell’infanzia e per il primo ciclo dell’istruzione D.M. 31/07/2007 - DDL 19-05-09 - D.P.R. 22/6/2009 N° 122 - Legge 8 ottobre 2010 n.170 “Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico” Legge 8 ottobre 2010 n.170 “Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico” Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale (Serie Generale n. 244 del 18 ottobre 2010) della Legge 8 ottobre 2010 n. 170 “Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico” si compie un lungo percorso che ha portato al riconoscimento, nel quadro normativo italiano, delle difficoltà che le persone con DSA incontrano in ambito scolastico. La Legge riconosce validità alle forme di tutela e di sostegno che già le scuole, le famiglie ed i ricercatori avevano individuato e sperimentato come le più adatte a garantire il successo formativo. Definizioni dei DSA nel testo della Legge 170/2010 La Legge riconosce la dislessia, la disgrafia, la disortografia e la discalculia quali disturbi specifici di apprendimento che si manifestano in presenza di capacità cognitive adeguate, in assenza di patologie neurologiche e di deficit sensoriali, ma possono costituire una limitazione importante per alcune attività della vita quotidiana. I punti fondamentali della Legge 170/2010 In estrema sintesi si richiamano nel seguito alcuni tra i punti più rilevanti della Legge 170/2010, al fine di assicurare agli alunni, già nel presente anno scolastico, le misure di accompagnamento e di sostegno allo studio previste dalla Legge stessa. 82


L’art. 5 ribadisce che “gli studenti con diagnosi di DSA hanno diritto a fruire di appositi provvedimenti dispensativi e compensativi di flessibilità didattica” e che le istituzioni scolastiche garantiscono loro “l’uso di una didattica individualizzata e personalizzata, con forme efficaci e flessibili di lavoro scolastico che tengano conto anche di caratteristiche peculiari dei soggetti ... adottando una metodologia e una strategia didattica adeguate”. La norma prevede che, in termini di personalizzazione del processo di insegnamento/apprendimento, per le lingue straniere si adottino “strumenti compensativi che favoriscano la comunicazione verbale e che assicurino ritmi graduali di apprendimento”. Sottolinea inoltre il passaggio fondamentale della valutazione degli apprendimenti, assicurando che “agli studenti con DSA sono garantite, durante il percorso di istruzione e di formazione scolastica ... adeguate forme di verifica e di valutazione …”. Questi punti confermano sia nella forma sia nella sostanza la normativa nazionale emanata in questi anni. Nella Legge 170/2010 si invita ad “incrementare la comunicazione e la collaborazione tra famiglia, scuola e servizi sanitari durante il percorso di istruzione e di formazione”. E’ opportuno dunque sottolineare la valenza formativa della piena collaborazione tra scuola e servizi sanitari e di uno stretto rapporto tra scuola e famiglie. Opportuni interventi nella scuola Percorsi di sensibilizzazione e di formazione e aggiornamento del personale docente; Modificazione della didattica nei riguardi dei soggetti con DSA; Lista degli strumenti COMPENSATIVI e DISPENSATIVI da utilizzare; Uso degli strumenti in tutte le fasi del percorso scolastico compreso il momento di valutazione finale. FINALITÀ Il Protocollo per l’accoglienza e l’integrazione è una guida d’informazione riguardante l’accoglienza e l’intervento sugli alunni con disturbi specifici dell’apprendimento (DSA) all’interno del nostro Istituto. E’ un documento elaborato dal Collegio dei docenti e annesso al Piano dell’offerta formativa (POF). E’ nato dalla volontà di condividere criteri, principi educativi e pratiche comuni in tema di accoglienza e d’intervento sugli alunni con DSA, consentendo di attuare, in modo operativo, le indicazioni normative contenute nella Circolare MIUR Prot. n° 4099/a/4/ del 05.10.2004 e successive circolari e indicazioni ministeriali. Il protocollo costituisce uno strumento di lavoro e pertanto viene integrato e rivisto periodicamente, sulla base delle esperienze. 83


Il Protocollo per l’accoglienza delinea prassi condivise riguardanti:  l’aspetto amministrativo e burocratico (documentazione necessaria)  l’aspetto educativo – didattico (misure dispensative e compensative, coinvolgimento del Consiglio di classe)  l’aspetto sociale (eventuali rapporti e collaborazione della scuola con i Servizi specializzati sul territorio per la condivisione degli interventi)  l’aspetto affettivo - relazionale (tra pari e con gli adulti, prevenzione di situazioni di disagio personale)  la collaborazione con le famiglie Gli obiettivi del protocollo sono:  garantire il diritto all'istruzione e i necessari supporti agli alunni con DSA;  definire pratiche condivise tra tutto il personale all’interno del nostro istituto;  favorire un clima di accoglienza;  ridurre i disagi formativi ed emozionali per i soggetti con DSA, favorendone al contempo la piena formazione.  promuovere qualsiasi iniziativa di comunicazione e di collaborazione tra scuola ed enti territoriali coinvolti (Comune, ASL, Provincia, cooperative, Enti di formazione).

PARTE PRIMA Che cosa sono i DSA? Si parla di Disturbo Specifico di Apprendimento (DSA.) quando un bambino mostra delle difficoltà isolate e circoscritte nella lettura, nella scrittura e nel calcolo, in una situazione in cui il livello scolastico globale e lo sviluppo intellettivo sono nella norma e non sono presenti deficit sensoriali. I DSA vengono classificati a seconda delle abilità interessate dal disturbo, si distinguono quindi: Dislessia È la difficoltà specifica nella lettura. In genere il bambino ha difficoltà a riconoscere e comprendere i segni associati alla parola. Disgrafia È la difficoltà nella grafia. La scrittura è irregolare per dimensione e/o pressione, vi è scarsa capacità ad utilizzare lo spazio sul foglio e a mantenere la direzione orizzontale dello scritto, i margini non vengono rispettati, gli spazi tra i grafemi e tra le parole sono irregolari. È difficilmente decifrabile.

84


Disortografia La difficoltà riguarda l'ortografia. In genere si riscontrano difficoltà a scrivere le parole usando tutti i segni alfabetici e a collocarli al posto giusto e/o a rispettare le regole ortografiche (accenti, apostrofi, forme verbali etc.). Discalculia: È un deficit del sistema di elaborazione dei numeri e/o del calcolo. Vi può essere difficoltà nell’associare il numero alla quantità, o a capire che 2, II in numero romano e la parola DUE abbiano lo stesso valore. Inoltre un alunno discalculico può non avere in mente la linea dei numeri e/o non capire il valore posizionale delle cifre (es.: 345_354). Può anche trovare difficoltà nel ricordare l’ordine procedurale di una operazione, di un’equazione,… o nell’utilizzare i simboli aritmetici ecc. La dislessia, disgrafia, disortografia e discalculia possono manifestarsi tutte insieme nel bambino (ed è il caso più frequente) oppure comparire isolatamente. I DSA si dividono in  specifici quando i problemi evidenziati riguardano solo settori molto circoscritti,  misti quando le difficoltà riguardano più settori di apprendimento (ad es. sindrome dislessica),  generalizzati quando le difficoltà riguardano quasi tutte le abilità scolastiche (in tal caso si parla anche di soggetti borderline cognitivi).

PARTE SECONDA Come si riconoscono i DSA I bambini con DSA possono presentare alcune delle seguenti caratteristiche generali:  difficoltà nella memorizzazione dei giorni della settimana, dei mesi in ordine;  difficoltà nel ricordare la data di nascita, il Natale, le stagioni;  difficoltà nella discriminazione tra destra e sinistra e non hanno un buon senso del tempo;  difficoltà nell’organizzazione del tempo;  difficoltà nel sapere che ore sono e nel leggere l'orologio;  difficoltà motorie fini, come allacciarsi le scarpe o i bottoni;  problemi attentivi e di concentrazione o essere molto vivaci;  difficoltà di memoria a breve termine;  lettura molto lenta o molto scorretta;  comprensione del testo letto spesso ridotta;  difficoltà nel copiare dalla lavagna e nel prendere appunti; 85


 discrepanza tra intelligenza generale e abilità specifiche (lettura, scrittura e calcolo);  fallimenti nelle prove scritte, ma risultati brillanti nelle prove orali. Area linguistico - letteraria I bambini con DSA  non leggono in modo fluente,  sono lenti a scrivere, in modo particolare quando devono copiare dalla lavagna,  commettono errori,  saltano parole e righe,  non utilizzano armoniosamente lo spazio del foglio,  scrivono con caratteri troppo grandi e/o troppo piccoli e preferiscono scrivere in stampato maiuscolo. I bambini dislessici o disortografici possono  sostituire lettere con grafia simile: p/b/d/g/q-a/o-e/a o con suoni simili: t/dr/l-d/b-v/f  omettere le doppie e la punteggiatura  imparare l'ordine alfabetico con difficoltà  non riuscire ad usare il vocabolario  mostrare un lessico povero  avere difficoltà a memorizzare termini difficili e specifici delle discipline; mostrare difficoltà nel ricordare gli elementi geografici, le epoche storiche, le date degli eventi, lo spazio geografico ed i nomi delle carte;  avere difficoltà nell'espressione verbale del pensiero; nel riconoscere le caratteristiche morfologiche della lingua italiana Tutti i bambini con DSA hanno difficoltà nell'apprendere le lingue straniere, in particolare, la loro scrittura. Particolari problemi vengono evidenziati nell'apprendimento della lingua inglese a causa delle differenze tra la scrittura e la pronuncia delle lettere. Area logico-matematica Molti    

bambini con DSA non riescono a imparare le tabelline, a fare i calcoli in automatico, ad eseguire numerazioni regressive, ad imparare le procedure delle operazioni aritmetiche.

86


Nel disturbo del calcolo possono essere compromesse diverse capacità, incluse quelle  "linguistiche" (per esempio comprendere o nominare i termini, le operazioni o i concetti matematici, e decodificare i problemi scritti in simboli matematici),  "percettive" (per esempio riconoscere o leggere simboli numerici o segni aritmetici e raggruppare oggetti in gruppi),  "attentive" (per esempio copiare correttamente i numeri o figure, ricordarsi di aggiungere il riporto e rispettare i segni operazionali),  "matematiche" (per esempio seguire sequenze di passaggi matematici, contare oggetti e imparare le tabelline). Nei bambini discalculici si osservano difficoltà nel leggere, scrivere e ricordare numeri complessi (come quelli che contengono lo zero) o lunghi (come quelli composti da molte cifre). Il 60% dei bambini dislessici è anche discalculico. Come si “sente” chi è in difficoltà Spesso le esperienze di fallimento e frustrazione che gli alunni con DSA si trovano ad affrontare nel percorso scolastico fanno nascere situazioni di ansia e sofferenza. L’alunno con DSA vive la scuola come un luogo che crea un profondo disagio perché  egli si trova a far parte di un contesto (la scuola) nel quale vengono proposte attività per lui troppo complesse e astratte  osserva però che la maggior parte dei compagni si inserisce con serenità nelle attività proposte ed ottiene buoni risultati  sente su di sé continue sollecitazioni da parte degli adulti (“stai più attento!”; "Impegnati di più!”; “Hai bisogno di esercitarti molto”…)  spesso non trova soddisfazione neanche nelle attività extrascolastiche, poiché le lacune percettivo motorie possono non farlo “brillare” nello sport e non renderlo pienamente autonomo nella quotidianità  si percepisce come incapace e incompetente rispetto ai coetanei  inizia a maturare un forte senso di colpa; si sente responsabile delle proprie difficoltà  ritiene che nessuno sia soddisfatto di lui: né gli insegnanti né i genitori  ritiene di non essere all’altezza dei compagni e che questi non lo considerino membro del loro gruppo a meno che non vengano messi in atto comportamenti particolari (ad esempio quello di fare il buffone di classe)  per non percepire il proprio disagio mette in atto meccanismi di difesa che non fanno che aumentare il senso di colpa, come il forte disimpegno (“Non leggo perché non ne ho voglia!”; “Non eseguo il compito perché non mi interessa”…) o l’attacco (aggressività). 87


Talvolta il disagio è così elevato da annientare il soggetto ponendolo in una condizione emotiva di forte inibizione e chiusura. Come agire per limitare il disagio degli alunni  Costruire un clima relazionale disteso: dare comunicazioni chiare, senza ambiguità; lasciare a ciascuno tempi adeguati di pensiero e reazione; gratificare ogni alunno; sottolineare il positivo invece del negativo; non usare ironia … (né sarcasmo); accogliere ed accettare le diversità; permettere “vie di fuga” se la situazione è troppo intensa, rinviando ad un momento successivo o individuale il chiarimento; fornire modelli stabili; rassicurare.  Prevenire situazioni complesse.  Preavvertire lo studente su quando gli verrà posta una domanda (elimina tensione da altri momenti).  Far sperimentare con successo il “rischio controllato” per stimolare il gusto della scoperta invece del ripiegamento passivo.  Porre domande allo studente dislessico per primo, se si vuole che possa scegliere tra più risposte, senza che i compagni “gli rubino l’idea” o per ultimo, se si vuole farlo familiarizzare con il contenuto.  Non procedere a salti per “verificare” a sorpresa … l’ordine di una procedura può dare tranquillità.  Selezionare gli stimoli presenti contemporaneamente nell’ambiente (cartelloni, lavagna …)  Semplificare i passaggi dal piano verticale a quello orizzontale, se è il caso è meglio evitare il copiato dalla lavagna.  Evitare la lettura di manoscritti, se necessario ricorrere al carattere stampato maiuscolo e ad accorgimenti grafici di impostazione del testo nel foglio.  Fornire aiuti con liste/magazzini di parole che lo studente può/deve consultare.  Richiedere allo studente un compito per volta, anche selezionando solo ciò che è veramente obiettivo dalla lezione, eliminando compiti accessori.  Insegnare esplicitamente strategie per fronteggiare le situazioni complesse.  Attuare misure compensative.  Attuare misure dispensative. Cosa non fare…     

Non Non Non Non Non

fare prendere appunti. fare studiare sui propri manoscritti. richiedere di leggere una quantità elevata di pagine. pretendere uno studio mnemonico. insistere su recuperi ripetitivi e demotivanti. 88


Come agire se si suppone che un alunno potrebbe avere un DSA È opportuno confrontarsi con i colleghi e con il Dirigente scolastico. Si possono, inoltre, organizzare delle prove collettive di facile somministrazione con l'aiuto di un insegnante esperto in DSA o di uno degli specialisti dell’équipe pedagogica dell’Istituto e far esaminare il materiale raccolto da uno specialista. Se i dubbi sono confermati è necessario invitare la famiglia a richiedere un appuntamento in un Centro specializzato per la valutazione dei DSA. Cosa dire ai genitori dell’alunno È importante che l’atteggiamento nei confronti dei genitori sia il più possibile rassicurante per far sì che vedano l’insegnante come un alleato e non come “giudice”. È possibile chiedere l’intervento, durante il colloquio, degli specialisti dell’équipe presenti nell’Istituto. Quindi è necessario  parlare in generale del rendimento scolastico del loro figlio, evidenziando prima i punti di forza, esponendo poi le sue difficoltà ed infine cercando di condividere con loro alcune osservazioni;  cercare di far capire che è importante conoscere l’origine delle difficoltà scolastiche;  se il dubbio viene evidenziato anche dai risultati del questionario sopra citato, consigliare loro di rivolgersi ai centri e ai servizi;  cercare di esprimere il dubbio che le difficoltà scolastiche potrebbero dipendere da un eventuale DSA in modo tale che non si sentano colpevoli;  spiegare che il loro figlio, quindi, potrebbe possedere un cervello che elabora in modo diverso dal comune modo di apprendere, ma che questa particolarità non gli impedirà di affermasi nella vita;  spiegare che essere dislessici non farà del loro figlio un genio, e informare che alcuni processi mentali funzionano esattamente come quella di alcuni grandi geni (questo giova all’autostima del dislessico e all’accettazione di questa peculiarità da parte dei genitori);  consigliare la lettura di alcuni testi sull’argomento;  consigliare di contattare la sezione AID locale (vedi indirizzi sul sito www.aiditalia.org);  informare la famiglia delle prassi contenute nel Protocollo. Se la famiglia non collabora è compito dell’insegnante convincere la famiglia che solo alleandosi si riuscirà a superare il problema, per evitare situazioni di disagio e frustrazione nel bambino.

89


ACCOGLIENZA La diagnosi di tali disturbi viene formulata da specialisti del Servizio Sanitario Nazionale o strutture accreditate, che la famiglia dovrà trasmettere alla scuola di appartenenza dell’alunno (come previsto dall’art. 3 della Legge n. 170/2010). Una volta acquisita la documentazione ed effettuato un colloquio preliminare con la famiglia, gli insegnanti di classe collegialmente si attiveranno per predisporre un PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO (da concordare con le famiglie adottando gli opportuni strumenti compensativi e dispensativi e le adeguate modalità di verifica e valutazione. Saranno progettati con le famiglie gli interventi da fare a casa (modalità di lavoro, metodologia di intervento, gestione dei compiti e delle comunicazioni scuola famiglia). A che cosa serve la diagnosi La diagnosi aiuta a conoscere le caratteristiche del disturbo e a convincersi che c’è sempre un modo per superarlo. La diagnosi aiuta il bambino/ragazzo a  raggiungere la consapevolezza delle proprie difficoltà, ma soprattutto della propria intelligenza e delle proprie abilità (memoria visiva, creatività, ecc.);  capire che, grazie a queste e attraverso l’uso di semplici strategie, può riuscire a superare ogni ostacolo;  scegliere il percorso scolastico che desidera senza ripiegare su indirizzi scolastici che richiedono prestazioni inferiori alle proprie possibilità. La diagnosi aiuta i genitori e gli insegnanti a  riconoscere e valorizzare i punti di forza del bambino;  individuare la modalità di apprendimento propria del bambino;  saper tracciare un confine chiaro tra ciò che dipende o non dipende dal suo impegno. La diagnosi dà diritto a utilizzare mezzi compensativi o misure dispensative a scuola. Quando il nostro allievo ha una diagnosi È necessario  condividere la situazione diagnostica, non solo all’interno del gruppo docente, ma anche con il referente sui DSA e il Dirigente Scolastico;  predisporre un percorso educativo in base al livello del disturbo, agli obiettivi, all’uso degli strumenti compensativi e dispensativi, ai criteri di valutazione necessari all’allievo; 90


 mettere a punto strategie didattiche adeguate in quanto gli alunni con DSA richiedono un input didattico adatto alle loro caratteristiche;  essere più flessibili ed accettare le differenze di prestazione nei diversi contesti funzionali, ricordando che non esiste un dislessico uguale ad un altro;  sostenerne l’autostima;  stipulare un patto di alleanza, anche scritto, con lui e con la famiglia;  valutare i contenuti e non la forma delle sue produzioni;  applicare le misure dispensative e far usare all’allievo gli strumenti compensativi adatti;  inserire nei verbali di classe gli interventi di recupero attuati per il nostro allievo, gli obiettivi da raggiungere e gli strumenti compensativi e le misure dispensative adottate. Strumenti compensativi e misure dispensative Gli strumenti compensativi sono strumenti che permettono di compensare la debolezza funzionale derivante dal disturbo, facilitando l’esecuzione dei compiti automatici (“non intelligenti”) compromessi dal disturbo specifico, proprio come un paio di occhiali permette al miope di leggere ciò che è scritto sulla lavagna. Sono strumenti compensativi la calcolatrice, le tabelle, i formulari, il PC con correttore ortografico,ecc. Le misure dispensative riguardano la dispensa da alcune prestazioni (lettura ad alta voce, prendere appunti,…), i tempi personalizzati di realizzazione delle attività, la valutazione (non viene valutata la forma ma solo il contenuto,…), ecc. L’obiettivo di tali misure e strumenti non può essere quello di “guarire” il bambino dal disturbo (perchè non è ammalato!), ma di aiutarlo a ridurne gli effetti, predisponendo una modalità di apprendimento più adatta alle sue caratteristiche. Le prove di verifica per gli alunni con DSA Prove scritte  Matematica: dare più tempo nelle verifiche scritte o diminuire il numero di esercizi; far usare la calcolatrice; fornire formulari con assortimenti di figure geometriche, formule e procedure o algoritmi.  Inglese: per le verifiche scritte somministrare esercizi di completamento o a risposte multiple.  Italiano: per il compito di italiano far utilizzare, ove è possibile, il computer con il correttore automatico, nelle prove di grammatica fare consultare schede specifiche. Per tutte le altre materie, qualora si facciano delle verifiche scritte, dare più tempo oppure un minor numero di domande e permettere l'uso del computer. 91


Prove orali  Programmare le interrogazioni specificando gli argomenti che saranno chiesti e ridurre il numero delle pagine.  Avvisare 10 minuti prima di interrogare, per dare il tempo di prepararsi psicologicamente e di ripassare.  Durante l'interrogazione fare utilizzare sussidi cartacei quali: tabelle (date, eventi, nomi, categorie grammaticali, ecc.); linea del tempo, cartine geografiche fisiche, politiche, grafici e strumenti di calcolo come calcolatrice, linea dei numeri relativi, formulari di figure geometriche e algoritmi. Come valutare i bambini che hanno una diagnosi di DSA, ma non una certificazione ai sensi della legge 104/92? I bambini con DSA possono avere una valutazione differenziata ai sensi della circolare del 5 ottobre 2004, prot. 4099/A/4. In particolare una valutazione delle prove scritte e orali con modalità che tengano conto del contenuto e non della forma (gli errori ortografici possono essere evidenziati, ma non valutati); una valutazione in rapporto alle capacità e alle difficoltà del bambino. La valutazione dovrebbe aiutare gli alunni a diventare consapevoli delle proprie capacità e dei propri miglioramenti. INVALSI Alunni con particolari bisogni educativi: si considerano allievi con particolari bisogni educativi tutti gli studenti per i quali ci sia un riconoscimento formale in base alla normativa vigente: allievi con DSA .... Nella fase di iscrizione al Servizio Nazionale di Valutazione, l’INVALSI richiede la segnalazione del numero di alunni con DSA presenti in ciascuna classe coinvolta nella somministrazione delle prove (alla voce “Numero studenti con disturbi specifici di apprendimento nella classe: ...”). Le modalità di partecipazione alle prove SNV di tali allievi sono oggetto di una specifica informativa pubblicata sul sito dell’INVALSI. Esame primo ciclo: valutazione alunni e indicazioni per lo svolgimento Il Miur ha emanato la C.M. n. 49 del 20 maggio 2010 con la quale ha fornito indicazioni in merito alla valutazione degli alunni ed allo svolgimento dell’esame di Stato conclusivo del primo ciclo di istruzione. Ammissione alla classe successiva Secondo la norma, sono ammessi alla classe successiva, con decisione assunta a maggioranza dal consiglio di classe, gli studenti che hanno ottenuto un voto non 92


inferiore a sei decimi in ciascuna disciplina o gruppo di discipline, compreso il voto di comportamento. Ammissione all’esame L’ammissione all’esame degli alunni interni è disposta, previo accertamento della prescritta frequenza ai fini della validità dell’anno scolastico, con decisione assunta a maggioranza dal consiglio di classe, nei confronti dell’alunno che ha conseguito una votazione non inferiore a sei decimi in ciascuna disciplina o gruppo di discipline (valutate queste con un unico voto) e un voto di comportamento non inferiore a sei decimi. Il giudizio di idoneità è espresso dal consiglio di classe in decimi, considerando il percorso scolastico compiuto dall’allievo nella scuola secondaria di primo grado. In caso di valutazione negativa, viene espresso un giudizio di non ammissione all’esame medesimo. La decisione relativa all’ammissione agli esami appartiene al consiglio di classe, presieduto dal Dirigente scolastico (o suo delegato). L’esito della valutazione è pubblicato all’albo dell’Istituto sede d’esame, con la sola indicazione “Ammesso” o “Non ammesso”. In caso di non ammissione all’esame, le istituzioni scolastiche adottano idonee modalità di comunicazione preventiva alle famiglie. I voti espressi in decimi rispettivamente assegnati – in sede di scrutinio finale - al giudizio di idoneità, nonché a ciascuna disciplina e al comportamento sono riportati nel documento di valutazione e nel registro generale dei voti. Calendario degli esami L'esame di Stato si svolge in un'unica sessione, con possibilità di prove suppletive per i candidati assenti per gravi e comprovati motivi. Le prove suppletive devono concludersi prima dell'inizio delle lezioni dell'anno scolastico successivo. Prove scritte d’esame Sono confermate le prove scritte nelle materie già previste nella sessione d’esame del precedente anno scolastico, compresa la prova scritta nazionale. Per gli alunni con disturbi specifici di apprendimento è prevista la possibilità - in base alle specifiche situazioni soggettive - di ricorrere a strumenti metodologico - didattici compensativi e dispensativi. Prova scritta a carattere nazionale La prova scritta a carattere nazionale è volta a verificare i livelli generali e specifici di apprendimento conseguiti dagli studenti in italiano e in matematica. Tale prova concorre alla valutazione complessiva dell’allievo che sostiene l’esame di Stato. La prova scritta nazionale, in quanto rilevazione della qualità degli apprendimenti in italiano e matematica nell’intero Paese, verrà analizzata secondo le griglie di correzione fornite direttamente dall’INVALSI. 93


Colloquio pluridisciplinare Il colloquio pluridisciplinare, condotto collegialmente alla presenza dell’intera Sottocommissione esaminatrice, verte sulle discipline di insegnamento dell'ultimo anno (escluso l’insegnamento della religione cattolica). Al colloquio interdisciplinare è attribuito un voto espresso in decimi. Gli studenti che hanno frequentato le classi ad indirizzo musicale sono chiamati a dimostrare anche la competenza musicale raggiunta al termine del triennio. Esito dell’esame L'esito dell'esame “è espresso con valutazione complessiva in decimi e illustrato con una certificazione analitica dei traguardi di competenza e del livello globale di maturazione raggiunti dall’alunno; conseguono il diploma gli studenti che ottengono una valutazione non inferiore a sei decimi”. “A coloro che conseguono un punteggio di dieci decimi può essere assegnata la lode da parte della Commissione esaminatrice con decisione assunta all’unanimità”. All’esito dell’esame di Stato concorrono gli esiti delle prove scritte e orali, ivi compresa la prova nazionale INVALSI, e il giudizio di idoneità all’ammissione. Il voto finale “è costituito dalla media dei voti in decimi ottenuti nelle singole prove e nel giudizio di idoneità, arrotondata all’unità superiore per frazione pari o superiore a 0,5”. Pubblicazione dei risultati L’esito positivo dell’esame, con l’indicazione della votazione complessiva conseguita, è pubblicato, per tutti i candidati, nell'albo della scuola sede della Commissione. In caso di mancato superamento dell’esame, le istituzioni scolastiche adottano idonee modalità di comunicazione preventiva alle famiglie, mentre nell’albo della scuola l’esito sarà pubblicato con la sola indicazione di “NON LICENZIATO”. Rilascio diploma e certificati sostitutivi Dallo scorso anno viene utilizzato il modello di diploma (“Diploma di licenza conclusiva del primo ciclo di istruzione”), approvato con D.M. n. 22 del 24 febbraio 2009. Sul retro del diploma occorre indicare la data di consegna del diploma medesimo all’avente titolo ed il numero apposto nel Registro dei diplomi. Nel diploma di licenza gli alunni con disturbi specifici di apprendimento è riportato il voto finale in decimi senza menzione alle modalità di svolgimento e di differenziazione delle prove.

94


PARTE TERZA Compiti e ruoli delle figure coinvolte AZIONI Ricezione e custodia documenti diagnostici Colloqui preliminari genitori e figli Condivisione documentazione Presentazione allievo al consiglio di classe Presa d’atto indicazioni didattiche diagnosi Osservazione sistematica Utilizzo di una didattica compensativa Programmazione di percorsi personalizzati Verifiche periodiche andamento globale

SVOLTE DA Dirigente scolastico Docente coordinatore Referente dislessia, coordinatore di classe e docenti del consiglio di classe o interclasse Coordinatore di classe Docenti della classe Docenti della classe Docenti della classe Docenti, allievo, specialista, pedagogista Docenti della classe e pedagogista

PARTE QUARTA Rapporti con il territorio  Servizi per la diagnosi DSA Strutture pubbliche territoriali Il riferimento pubblico territoriale per il territorio è l’Azienda Ospedaliera di Ascoli Piceno – presidio Ospedaliero di:  Unità Semplice di N.P.I.A. - Neuropsichiatria dell’Infanzia e dell’Adolescenza  Responsabile: dott.ssa Longo  Per la prima visita: rivolgersi al CUP dell’ospedale con l’impegnativa del medico di base/pediatra

95


Strutture private convenzionate Strutture private - specialisti  Punto Info AID per genitori e insegnanti Sezione Ascoli Piceno Rappresentante territoriale: dottor Stefano Franceschi E-mail: ascolipiceno@dislessia.it Fax 0736814906 Cellulare 347 6177095 Gli incontri informativi/formativi per il periodo 2011-2012 riprenderanno il 16 Dicembre alle ore 21,00 c/o la stessa Sala Consiliare del Palazzetto dello Sport di Pagliare del Tronto (in via Vecchi). L'incontro è rivolto a tutti quanti interessati alla problematica dei DSA. VADEMECUM PER I GENITORI Cos'è la dislessia? Come si manifesta a scuola e a casa? La dislessia evolutiva è un disturbo (non una malattia) che riguarda la capacità di leggere e scrivere in modo corretto e fluente. Leggere e scrivere sono atti così semplici e automatici che risulta difficile comprendere la fatica di un bambino dislessico. Purtroppo in Italia la dislessia è poco conosciuta, benché si calcoli che riguardi almeno 1.500.000 persone. La dislessia non è causata da deficit cognitivi (intelligenza), né da problemi ambientali o psicologici, né da deficit sensoriali (vista - udito) o neurologici. La difficoltà di lettura può essere più o meno grave e spesso si accompagna a problemi nella scrittura e/o nel calcolo. Il ragazzo dislessico può leggere e scrivere, ma riesce a farlo solo impegnando al massimo le proprie capacità e le sue energie, poiché non può farlo in maniera automatica. Perciò si stanca rapidamente, commette errori, rimane indietro, non impara. La difficoltà di lettura può essere più o meno grave e spesso si accompagna a problemi nella scrittura, nel calcolo e, talvolta, anche in altre attività mentali come nella memoria di lavoro che permette la conservazione temporanea di informazioni utili a eseguire un certo compito. Tuttavia questi bambini sono intelligenti e - di solito - vivaci e creativi. Il bambino spesso compie nella lettura e nella scrittura errori caratteristici come l'inversione di lettere e di numeri (es. 21 - 12) o la sostituzione di lettere (m/n; v/f; b/d, a/e), a volte non riesce ad imparare le tabelline e alcune informazioni in sequenza come le lettere dell'alfabeto, i giorni della settimana, i mesi dell'anno. 96


Può fare confusione per quanto riguarda i rapporti spaziali e temporali (destra/sinistra; ieri/domani; mesi e giorni) può avere difficoltà nell'esposizione orale di contenuti complessi: in particolare nelle interrogazioni la necessità di controllo linguistico è maggiore e l'emozione pure, quindi la difficoltà emerge in modo più evidente rispetto al linguaggio quotidiano. In alcuni casi sono presenti anche difficoltà in abilità motorie fini (ad esempio allacciarsi le scarpe), nel calcolo, nella capacità di attenzione e di concentrazione. Spesso il bambino finisce con l'avere problemi psicologici, ma questo è solo una conseguenza, non la causa della dislessia. Anche dopo le elementari persistono lentezza ed errori nella lettura, che spesso ostacolano la comprensione del significato del testo scritto. I compiti scritti richiedono un forte dispendio di tempo. Il bambino appare disorganizzato nelle sue attività, sia a casa che a scuola. Ha difficoltà a copiare dalla lavagna e a prendere nota delle istruzioni impartite oralmente, a prendere appunti. Per questi insuccessi talvolta perde la fiducia in se stesso e può avere alterazioni secondarie del comportamento. Quali sono i DSA? I DSA sono: dislessia (difficoltà di lettura), disgrafia (disturbo nell'esecuzione del tratto grafico), disortografia (disturbo della competenza ortografica, cioè difficoltà nel trasformare il linguaggio parlato nel linguaggio scritto) discalculia (difficoltà del calcolo e dell'elaborazione numerica). Cosa fare se ho il sospetto che mio figlio/a sia dislessico? A chi rivolgersi per avere una diagnosi? Se si hanno dubbi che un bambino abbia difficoltà di apprendimento è necessario richiedere una valutazione specialistica (a un neuropsichiatra infantile o a uno psicologo). Per una tale valutazione ci si può rivolgere alla propria ASL di appartenenza (Servizio di Neuropsichiatria Infantile o Unità Operativa di Neuropsichiatria Infantile o di Neuropsicologia), oppure a specialisti che svolgono privatamente la libera professione. E' molto importante informarsi sui tempi necessari, non solo per avere una prima visita, ma soprattutto su quelli necessari ad avere una valutazione conclusiva da presentare a scuola in tempo utile in modo che possano essere presi i provvedimenti del caso. Lo specialista potrà fare una diagnosi di Disturbo Specifico dell'Apprendimento (DSA) solo in seguito alla valutazione clinica. La diagnosi, in due copie, deve essere portata presso la segreteria della scuola e fatta protocollare.

97


In cosa consiste la valutazione? Quali sono i test da fare? La valutazione, e la stesura della diagnosi, sono di stretta pertinenza specialistica. Insegnanti, operatori, tecnici della riabilitazione (logopedisti e psicomotricisti), ecc. possono somministrare solo alcuni dei test necessari per una corretta valutazione diagnostica (ad esempio le "Prove MT"). Tali prove, somministrate da queste figure professionali, non hanno in alcun modo valore diagnostico, ma possono servire come indicazione per inviare il ragazzo allo specialista. Qual è la normativa vigente in merito ai Disturbi Specifici dell'Apprendimento? La normativa sui DSA consiste in una serie di note ministeriali emanate, nel corso degli ultimi anni, dal Ministero dell'Istruzione e da alcuni Uffici Scolastici Regionali. Note e circolari fanno riferimento alla normativa scolastica vigente che prevede la personalizzazione del percorso didattico. Tali circolari indicano il dovere da parte delle istituzioni scolastiche di predisporre un Percorso Didattico Personalizzato ( PDP), talora indicato anche come PEP (Percorso Educativo Personalizzato) nei confronti di tutti gli alunni con diagnosi specialistica di DSA. La realizzazione del PDP implica l'adozione di tutte le misure dispensative e compensative, appropriate all'entità ed al profilo della difficoltà, in ogni singolo caso, coerentemente con quanto indicato dalle note ministeriali. La valutazione delle prove dovrà essere fatta, in coerenza con i provvedimenti dispensativi e compensativi adottati, in tutte le fasi del percorso scolastico sulla base del percorso personalizzato predisposto per il ragazzo. La richiesta di Percorso Didattico Personalizzato responsabilizza la famiglia riguardo alla conoscenza della normativa. E' necessario che nella scelta delle misure compensative e dispensative vengano sentiti lo specialista, quando possibile, la famiglia e lo studente stesso, che più di ogni altro può esprimere esigenze relative alla "personalizzazione" del percorso che lo riguarda direttamente e di cui si auspica sia progressivamente sempre più consapevole. Cosa sono gli strumenti compensativi e dispensativi? Le misure compensative sono strategie o strumenti, informatici e non, che hanno lo scopo di compensare il disturbo supportando i ragazzi in quelli che sono i loro punti di debolezza dovuti ai DSA. Sono strumenti compensativi ad esempio il pc, la sintesi vocale, la calcolatrice, la tabella delle formule, la tavola pitagorica, l'utilizzo di mappe concettuali o mentali e cartine durante le interrogazioni, il dizionario digitale, una diversa presentazione delle modalità di verifica, ecc. Sono invece misure dispensative: gli esercizi più corti, evitare la lettura a voce alta, ridurre i compiti a casa, evitare l'apprendimento mnemonico, ecc. 98


La loro applicazione è prevista dalle note ministeriali in tema di DSA. L'utilizzo di tali strumenti in classe e a casa non elimina il disturbo, ma agevola l'apprendimento e richiede da parte degli insegnanti la conoscenza del disturbo e delle sue manifestazioni. Gli ausili utilizzati a scuola e casa devono essere il più possibile adattati alle caratteristiche specifiche di ciascun bambino. Gli interventi migliori sono quelli altamente personalizzati. Quali interventi riabilitativi o trattamenti sono indicati? Sarà lo specialista a valutare se un trattamento è indicato e quale. Non è possibile individuare un trattamento efficace per tutti i bambini. Questo deve essere individualizzato e basato non solo sulle caratteristiche e manifestazioni del disturbo, ma dovrà tenere conto delle abilità integre, i cosiddetti punti di forza. I trattamenti riabilitativi hanno minore efficacia nel bambino più grande. Qual è il ruolo degli insegnanti? Come informarli? Gli insegnanti hanno il compito, stabilito dalla normativa, di mettere in atto ciò che serve a ogni studente per favorire il profitto in base alle sue caratteristiche. Nel caso dello studente con DSA, i docenti devono attivare un Percorso didattico personalizzato comprensivo delle misure compensative e dispensative e dei criteri di valutazione personalizzati. Si consiglia di instaurare un dialogo costruttivo con il Dirigente scolastico e i docenti. A seconda dei casi può essere utile contattare il Referente per la dislessia della scuola. Cosa sono i libri di testo in formato digitale? I libri di testo possono essere richiesti anche in formato digitale (su cd-rom), un formato, cioè, compatibile con il personal computer, del tutto identico, nella forma e nel contenuto, al formato cartaceo del libro di testo. Tale formato permette, se si possiede un software di sintesi vocale, di ascoltare il contenuto dei libri direttamente dal pc. Il libro digitale permette inoltre di gestire il testo con facilità per fare riassunti, semplificazioni, schemi ecc. Come fare per avere i libri di testo in formato digitale? I libri in formato digitale possono essere richiesti (dai genitori o dalla scuola) alla Biblioteca Digitale dell'AID.

99


L’INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI All'interno delle varie scuole dell'Istituto Comprensivo sono inseriti alunni stranieri. Sono infatti ormai presenti nelle varie classi, coinvolgendo in pratica quasi tutti i team di docenti, alunni provenienti dalla ROMANIA, ALBANIA, IRLANDA, CINA, KOSOVO, MAROCCO, RUSSIA, LITUANIA, SENEGAL, GRAN BRETAGNA, EGITTO, TUNISIA. La Scuola si impegna a creare un clima di accoglienza tale da poter favorire l'inserimento degli alunni stranieri: si promuoveranno approfondimenti storici, geografici, religiosi e culturali riguardanti i paesi di provenienza per evidenziare che la presenza nella scuola di alunni stranieri rappresenta un'occasione di crescita importante per una più allargata conoscenza reciproca e per una educazione alla pace tra i popoli. A questo proposito, per facilitare lo scambio di informazioni tra scuola e famiglia, si è assegnato all'insegnante con funzione strumentale area 4 – Integrazione diversamente abili e intercultura - e al membro della commissione integrazione del plesso dell’eventuale inserimento, l'incarico di accogliere i genitori degli alunni stranieri, ai quali viene spiegato il funzionamento della scuola, la sua organizzazione oraria e didattica. Dal gennaio 2006 al 2009 una Commissione, composta dai referenti per l’intercultura delle scuole coinvolte (I.S.C. Spinetoli – Pagliare, I.S.C. Castel di Lama, I.S.C. di Offida, I.S.C. di Montalto), si è riunita per portare avanti il Progetto Provinciale “Intercultura: dall’accoglienza all’integrazione”, ed è stato predisposto un documento che riassume alcuni CRITERI GUIDA E FASI D’AZIONE PER LA DEFINIZIONE DI UN PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA . La scuola si impegna inoltre ad organizzare una documentazione "interculturale" contenente: 1) tutto il materiale che sarà progressivamente acquisito (libri, video, cd-rom...), a sostegno degli insegnanti e degli alunni; 2) i prodotti realizzati nei vari plessi: progetti di integrazione, quaderni di lavoro, sussidi vari ... L'Istituto inoltre in collaborazione con gli Enti locali, nell'ambito dei progetti elaborati a livello provinciale o di Distretto, si avvale dell’intervento di esperti esterni (mediatori culturale / facilitatori linguistici ...).

L’ ORIENTAMENTO SCUOLA SECONDARIA 1° GRADO Partecipazione al progetto “Pro me” organizzato dalla provincia di Ascoli Piceno (centro Impiego - Orientamento - Formazione) che si è svolto nei mesi di ottobre/novembre in due incontri di due ore ciascuno: il primo in orario 100


scolastico con tutti gli allievi delle classi terze che, con l’aiuto di psicologi, hanno risposto alle domande di un test psicoattitudinale, il secondo in orario pomeridiano con genitori e alunni nel corso del quale sono stati consegnati agli intervenuti i risultati dei predetti test. Partecipazione al progetto GOing14, una manifestazione che si terrà nei giorni 2 e 3 dicembre presso la scuola elementare “Don Luigi Giussani” di Ascoli Piceno nel corso della quale gli Istituti Superiori di II grado della Provincia di Ascoli e le Università convenzionate con il Consorzio Universitario Piceno forniranno informazioni relative all’offerta formativa e distribuiranno materiale di comunicazione. Incontro con gli alunni per illustrare gli indirizzi che caratterizzano il 2° ciclo del sistema scolastico (Dirigente Scolastico prof. Giovanni Isopi; docenti coordinatori). Incontro con le professioni per avere un quadro del mondo del lavoro e con alcuni studenti del 2° ciclo per avere utili informazioni maturate durante l'esperienza realmente vissuta. Incontro tra gli insegnanti del 2° ciclo, gli alunni e i genitori per avere informazioni dettagliate sui singoli percorsi formativi (presso la sede centrale di via Ciabattoni in data 14 dicembre). Incontro con i soli genitori degli alunni delle terze classi per la consegna del Consiglio Orientativo dell’equipe pedagogica e per fornire consigli utili al fine di assumere comportamenti positivi durante la delicata fase della scelta (Dirigente Scolastico prof. Giovanni Isopi, professori coordinatori delle classi terze). Colloqui individuali tra coordinatori, genitori ed alunno per un ultimo e definitivo confronto. Agli alunni verrà distribuito tutto il materiale informativo a disposizione e verranno invitati a visitare i licei e gli istituti tecnici e professionali che maggiormente interessano: scuola aperta.

SCUOLA PRIMARIA Incontro con i genitori delle classi 5° delle scuole primarie di Offida e Castorano per illustrare il P.O.F. riguardante la Scuola Secondaria di 1 ° grado (Dirigente Scolastico, prof. Giovanni Isopi, e docenti della Scuola Secondaria di Offida).

SCUOLA DELL 'INFANZIA Incontro con i genitori dei bambini di 3 anni per illustrare l' offerta formativa della scuola dell'Infanzia. (Dirigente Scolastico prof. Giovanni Isopi, ins. Giudici Emilia, ins. Catalini Desirè). Incontro con i genitori dei bambini che frequentano le terze sezioni, per illustrare l'offerta formativa della Scuola Primaria. (Dirigente Scolastico prof. Giovanni Isopi, ins. Calvaresi Giovanna. 101


INTERVENTI STRUTTURALI RAPPORTI CON GLI ENTI TERRITORIALI Previa interazione tra i diversi enti territoriali (art. 27 legge 8 giugno 1990 n.142) si attuano: a) provvedimenti che assicurino la fruibilità dei mezzi di trasporto (enti: Scuola – Ccomune); b) superamento delle barriere fisiche e architettoniche; c) adeguamento delle attrezzature; d) adeguamento del numero del personale qualificato (figure professionali a favore dell’integrazione come educatori, operatori per l’assistenza e la comunicazione ecc..); e) potenziamento dell’attività motoria; f) reperimento di materiale idoneo; g) disponibilità da parte del personale docente e non docente ai bisogni dell’alunno; h) presenza frequente di un esperto per conoscere meglio il comportamento dell’alunno con la classe e l’insegnante, offrendo anche uno sportello per i genitori e 4 docenti; i) misure atte a favorire l’integrazione futura nel mondo del lavoro

INTERVENTI DIDATTICI- MODALITA’ DI SVOLGIMENTO 1) Attività di classe Le attività devono essere svolte in classe soprattutto quando si evidenzia la reale possibilità che l’alunno possa essere integrato attraverso le attività che si svolgono. 2) Attività fuori classe Talvolta può risultare efficace attuare interventi personalizzati fuori della classe, ma preferibilmente in piccoli gruppi di alunni. 3) Attività di gruppo per progetti e laboratori Si possono operare interventi didattici coinvolgendo gruppi di alunni, della classe frequentata dall’alunno diversamente abile e di alunni di classi parallele o di vario livello: in tale contesto si possono attuare anche strategie di recupero e potenziamento. Percorsi  Presenza di personale specializzato (previsto dalla legge n.517 del 4 agosto 1977 e legge quadro n.104 del 1992);  Rapporto numerico compatibile D.M. n.141/99;  Piano educativo personalizzato (gruppo H); 102


ďƒ˜ Verifica periodica; ďƒ˜ Definizione dei ruoli e delle competenze; ďƒ˜ Sensibilizzazione delle famiglie e del territorio,attraverso iniziative permanenti di informazione. Gruppo di studio e di lavoro I gruppi di studio e lavoro operanti nelle singole scuole e nominati dal Dirigente Scolastico (art.15 comma 2 legge 104/92) hanno il compito di collaborare alle iniziative educative e di integrazione predisposte dal piano educativo. Al gruppo H di Istituto partecipano le seguenti componenti: a) Dirigente Scolastico b) Docenti curriculari c) Docenti specializzati d) A.S.L./Specialisti e) Personale ente locale f) Genitori degli alunni H

103


104


L’IMPOSTAZIONE METODOLOGICA E DIDATTICA TRASVERSALE AI 3 SEGMENTI SCOLASTICI Le scelte metodologiche che gli insegnanti compiono sono orientate al raggiungimento degli obiettivi formativi e allo sviluppo delle competenze ritenute essenziali nel percorso degli alunni. Le modalità di conduzione del lavoro di classe sono finalizzate a favorire la partecipazione attiva dell’alunno nel processo di apprendimento, indispensabile all’acquisizione di conoscenze, abilità e competenze. Si ritiene importante partire dalle esperienze e dagli interessi personali di ciascuno, facendo loro assumere consapevolezza del rapporto con la vita stessa, creando intorno a loro un clima sociale positivo e favorevole. Gli insegnanti, pertanto, predispongono le condizioni di apprendimento adeguate: motivazione dell’alunno, utilizzo di metodologie in relazione all’età, ai bisogni e ai contenuti, coerenti all’attività di osservazione e verifica degli apprendimenti conseguiti. Nella Scuola dell’Infanzia ampio spazio viene dato alle attività a carattere ludico, manipolativo, espressivo e logico matematico. Nelle Scuole Primarie e Secondarie di I° grado, in particolare, si intende promuovere l’acquisizione di conoscenze e competenze attraverso la metodologia della discussione, della problematizzazione e della ricerca anche per favorire l’apprendimento di un adeguato metodo di studio. Particolare rilevanza viene attribuita ai progetti didattici a carattere trasversale, per realizzare quell’unitarietà del sapere indispensabile a garantire processi di apprendimento equilibrati ed efficaci. Per arricchire l’offerta formativa, per corrispondere maggiormente ai diversi stili di apprendimento dei ragazzi e per rinforzare l’attività di prevenzione/recupero delle situazioni di disagio e di disadattamento scolastico ogni gruppo di docenti organizza a seconda delle situazioni:  attività con articolazioni differenziate, individualizzate, di gruppo, all’interno della sezione/classe o con altre sezioni/moduli/classi;  attività laboratoriali;  uscite sul territorio per visitare centri storici, musei, ambienti naturali, attività ludico-sportive;  visite guidate e viaggi di istruzione in stretto rapporto con l’attività didattica;  collaborazioni con Enti/Associazioni o esperti esterni:  collaborazioni di docenti fra i tre ordini di Scuola.

105


… in tutti gli ordini di scuola particolare attenzione verrà riservata alla modalità laboratoriale, perché la scuola sia il luogo della progettazione e della realizzazione di idee che vadano oltre noi stessi...

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 20 marzo 2009, n. 89

Revisione dell'assetto ordinamentale, organizzativo e didattico della scuola dell'infanzia e del primo ciclo di istruzione ai sensi dell'articolo 64, comma 4, del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n. 133. (09G0099) IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Visti gli articoli 33, 87 e 117 della Costituzione; Visto l'articolo 17, comma 2, della legge 23 agosto 1988, n. 400; Visto l'articolo 4 del decreto-legge 1° settembre 2008, n. 137, convertito, con modificazioni, dalla legge 30 ottobre 2008, n. 169, che ha, tra l'altro, previsto nella scuola primaria la costituzione di classi affidate ad un unico insegnante e funzionanti con orario di ventiquattro ore settimanali, superando in tale modo la precedente organizzazione modulare; Visto il testo unico delle disposizioni legislative vigenti in materia di istruzione, relative alle scuole di ogni ordine e grado, di cui al decreto legislativo 16 aprile 1994, n. 297; Vista la legge 28 marzo 2003, n. 53, recante «Delega al governo per la definizione delle norme generali dell'istruzione e dei livelli essenziali delle prestazioni in materia di istruzione e formazione professionale»; Visto il decreto legislativo 19 febbraio 2004, n. 59, recante

106


«Definizione delle norme generali relative alla scuola dell'infanzia e al primo ciclo di istruzione a norma dell'articolo 1 della legge 28 marzo 2003, n. 53»; Visto l'articolo 25 del decreto legislativo 17 ottobre 2005, n. 226, recante «Norme generali e livelli essenziali delle prestazioni relativi al secondo ciclo del sistema educativo di istruzione e formazione, a norma dell'articolo 2 della legge 28 marzo 2003, n. 53»; Vista la legge 27 dicembre 2006, n. 296, recante «Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge finanziaria 2007)», ed in particolare l'articolo 1, comma 622; Visto il decreto-legge 7 settembre 2007, n. 147, convertito, con modificazioni, dalla legge 25 ottobre 2007, n. 176, recante «Disposizioni urgenti per assicurare l'ordinato avvio dell'anno scolastico 2007-2008»; Visto l'articolo 64 del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n. 133, che prevede, al comma 3, la predisposizione di un piano programmatico di interventi e misure finalizzati ad un piu' razionale utilizzo delle risorse umane e strumentali disponibili e ad una maggiore efficacia ed efficienza del sistema scolastico e, al comma 4, in attuazione del piano e in relazione agli interventi e alle misure annuali ivi individuati, l'adozione di uno o piu' regolamenti ai sensi dell'articolo 17, comma 2, della legge 23 agosto 1988, n. 400, con i quali si provvede, anche modificando le disposizioni legislative vigenti, ad una revisione dell'attuale assetto ordinamentale organizzativo e didattico del sistema scolastico; Visto il piano programmatico predisposto in data 4 settembre 2008 dal Ministro dell'istruzione, dell'università e della ricerca, di concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze ai sensi del citato articolo 64, comma 3; Visto il decreto del Presidente della Repubblica 8 marzo 1999, n. 275, concernente il «Regolamento recante norme in materia di autonomia delle istituzioni scolastiche»; Visto il decreto del Ministro della pubblica istruzione 22 agosto 2007, n. 139, concernente il «Regolamento recante norme in materia di adempimento dell'obbligo di istruzione»; Visto il decreto del Ministro della pubblica istruzione in data 31 luglio 2007, recante «Indicazioni per la scuola dell'infanzia e del primo ciclo dell'istruzione. Indicazioni per il curricolo», pubblicato nel supplemento ordinario n. 198 alla Gazzetta Ufficiale n. 228 del 1° ottobre 2007; Vista la preliminare deliberazione del Consiglio dei Ministri, adottata nella riunione 107


del 18 dicembre 2008; Sentito il Consiglio nazionale della pubblica istruzione, nell'adunanza del 12 febbraio 2009; Sentita la Conferenza unificata di cui al decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281, nella seduta del 28 gennaio 2009; Udito il parere del Consiglio di Stato espresso dalla sezione consultiva per gli atti normativi nell'adunanza del 6 febbraio 2009; Vista la deliberazione del Consiglio dei Ministri, adottata nella riunione del 27 febbraio 2009; Sulla proposta del Ministro dell'istruzione, dell'universitĂ e della ricerca, di concerto con i Ministri dell'economia e delle finanze e per i rapporti con le regioni; Emana il seguente regolamento: Art. 1. Previsioni generali 1. Fermo restando quanto previsto dalla legge 28 marzo 2003, n. 53; dal decreto legislativo 19 febbraio 2004, n. 59; dal capo IV del decreto legislativo 17 ottobre 2005, n. 226; dall'articolo 1, commi 1 e 7 del decreto-legge 7 settembre 2007, n. 147, convertito, con modificazioni, dalla legge 25 ottobre 2007, n. 176, la scuola dell'infanzia e il primo ciclo di istruzione sono disciplinati dal presente regolamento. 2. Il presente regolamento provvede, anche attraverso modifiche delle disposizioni legislative vigenti, ad introdurre, nell'organizzazione e nel funzionamento della scuola dell'infanzia e del primo ciclo di istruzione, misure di riorganizzazione e qualificazione, al fine di assicurare migliori opportunitĂ  di apprendimento e di crescita educativa, e dell'assolvimento dell'obbligo di istruzione. 3. In sede di prima attuazione del presente regolamento, e comunque per un periodo non superiore a tre anni scolastici decorrenti dall'anno scolastico 20092010, si applicano le Indicazioni nazionali di cui agli allegati A, B, C e D del decreto legislativo 19 febbraio 2004, n. 59, come aggiornate dalle Indicazioni per il curricolo di cui al decreto del Ministro della pubblica istruzione in data 31 luglio 2007. Con atto di indirizzo del Ministro dell'istruzione, dell'universitĂ  e della ricerca sono individuati i criteri generali necessari ad armonizzare gli assetti pedagogici, 108


didattici ed organizzativi agli obiettivi previsti dal presente regolamento. 4. Nel corso del triennio scolastico 2009/2010-2011/2012, l'eventuale revisione delle Indicazioni nazionali, di cui al comma 3, da adottarsi mediante regolamento ai sensi dell'articolo 17, comma 3, della legge 23 agosto 1988, n. 400, e' effettuata, sulla base degli esiti di apposito monitoraggio sulle attività poste in essere dalle istituzioni scolastiche, affidato all'Agenzia nazionale per lo sviluppo dell'autonomia scolastica (ANSAS) e all'Istituto nazionale per la valutazione del sistema educativo di istruzione e di formazione (INVALSI). Art. 2. Scuola dell'infanzia 1. La scuola dell'infanzia accoglie bambini di età compresa tra i tre e i cinque anni compiuti entro il 31 dicembre dell'anno scolastico di riferimento. 2. Su richiesta delle famiglie sono iscritti alla scuola dell'infanzia, le bambine e i bambini che compiono tre anni di età entro il 30 aprile dell'anno scolastico di riferimento. Al fine di garantire qualità pedagogica, flessibilità e specificità dell'offerta educativa in coerenza con la particolare fascia di età interessata, l'inserimento dei bambini ammessi alla frequenza anticipata e' disposto alle seguenti condizioni: a) disponibilità dei posti; b) accertamento dell'avvenuto esaurimento di eventuali liste di attesa; c) disponibilità di locali e dotazioni idonei sotto il profilo dell'agibilità e funzionalità, tali da rispondere alle diverse esigenze dei bambini di età inferiore a tre anni; d) valutazione pedagogica e didattica, da parte del collegio dei docenti, dei tempi e delle modalità dell'accoglienza. 3. Analogamente e' prevista la possibilità, previo accordo in sede di Conferenza unificata, di proseguire nelle iniziative e negli interventi relativi all'attivazione delle «sezioni primavera», ai sensi dell'articolo 1, commi 630 e 634, della legge 27 dicembre 2006, n. 296, stabilendo gli opportuni coordinamenti con l'istituto degli anticipi, nell'ambito delle risorse finanziarie destinate allo scopo a legislazione vigente. 4. L' istituzione di nuove scuole e di nuove sezioni avviene in collaborazione con gli enti territoriali, assicurando la coordinata partecipazione delle scuole statali e delle scuole paritarie al sistema scolastico nel suo complesso. 109


5. L'orario di funzionamento della scuola dell'infanzia e' stabilito in 40 ore settimanali, con possibilità di estensione fino a 50 ore. Permane la possibilità, prevista dalle norme vigenti, di chiedere, da parte delle famiglie, un tempo scuola ridotto, limitato alla sola fascia del mattino, per complessive 25 ore settimanali. Tali orari sono comprensivi della quota riservata all'insegnamento della religione cattolica in conformità all'Accordo che apporta modifiche al Concordato lateranense e relativo Protocollo addizionale, reso esecutivo con legge 25 marzo 1985, n. 121, ed alle conseguenti intese. Le istituzioni scolastiche organizzano le attività educative per la scuola dell'infanzia con l'inserimento dei bambini in sezioni distinte a seconda dei modelli orario scelti dalle famiglie. 6. Le sezioni della scuola dell'infanzia con un numero di iscritti inferiore a quello previsto in via ordinaria, situate in comuni montani, in piccole isole e in piccoli comuni, appartenenti a comunità privi di strutture educative per la prima infanzia, possono accogliere piccoli gruppi di bambini di età compresa tra i due e i tre anni, la cui consistenza e' determinata nell'annuale decreto interministeriale sulla formazione dell'organico. L'inserimento di tali bambini avviene sulla base di progetti attivati, d'intesa e in collaborazione tra istituzioni scolastiche e i comuni interessati, e non può dar luogo a sdoppiamenti di sezioni. Art. 3. Primo ciclo di istruzione 1. L'istituzione e il funzionamento di scuole statali del I ciclo devono rispondere a criteri di qualità ed efficienza del servizio, nel quadro della qualificazione dell'offerta formativa e nell'ambito di proficue collaborazioni tra l'amministrazione scolastica e i comuni interessati anche tra di loro consorziati. Art. 4. Scuola primaria 1. Sono iscritti alla scuola primaria le bambine e i bambini che compiono sei anni di età entro il 31 dicembre dell'anno scolastico di riferimento. 2. Possono, altresì, essere iscritti alla scuola primaria, su richiesta delle famiglie, le bambine e i bambini che compiono sei anni di età entro il 30 aprile dell'anno scolastico di riferimento. 3. Il tempo scuola della primaria e' svolto ai sensi dell'articolo 4 del decreto-legge 1° settembre 2008, n. 137, convertito, con modificazioni, dalla legge 30 ottobre 2008, n. 169, secondo il modello dell'insegnante unico che supera il precedente 110


assetto del modulo e delle compresenze, e secondo le differenti articolazioni dell'orario scolastico settimanale a 24, 27, e sino a 30 ore, nei limiti delle risorse dell'organico assegnato; e' previsto altresì il modello delle 40 ore, corrispondente al tempo pieno. Tali articolazioni riguardano a regime l'intero percorso della scuola primaria e, per l'anno scolastico 2010-201, le classi prime e seconde, tenendo conto delle specifiche richieste delle famiglie. Qualora il docente non sia in possesso degli specifici titoli previsti per l'insegnamento della lingua inglese e dei requisiti per l'insegnamento della religione cattolica, tali insegnamenti sono svolti da altri docenti che ne abbiano i titoli o i requisiti. 4. Le classi successive alla prima e alla seconda continuano a funzionare, dall'anno scolastico 2010-2011 e fino alla graduale messa a regime del modello previsto dal precedente comma 3, secondo i modelli orario in atto: a) 27 ore, corrispondenti all'orario di insegnamento di cui all'articolo 7, comma 1, del decreto legislativo n. 59 del 2004, con esclusione delle attività opzionali facoltative di cui al comma 2 del medesimo articolo, senza compresenze; b) 30 ore comprensive delle attività opzionali facoltative, corrispondente all'orario delle attività di cui all'articolo 7, comma 2, del decreto legislativo n. 59 del 2004, senza compresenze e nei limiti dell'organico assegnato per l'anno scolastico 2010/2011; c) 40 ore corrispondenti al modello di tempo pieno, nei limiti dell'organico assegnato per l'anno scolastico 2010/2011 senza compresenze. 5. Le istituzioni scolastiche, nella loro autonomia e sulla base delle richieste delle famiglie e fermo quanto disposto ai commi precedenti, adeguano i diversi modelli orario agli obiettivi formativi e ai piani di studio allegati al decreto legislativo n. 59 del 2004, come aggiornati dal decreto del Ministro della pubblica istruzione in data 31 luglio 2007. 6. La dotazione organica di istituto e' determinata sulla base del fabbisogno del personale docente necessario per soddisfare l'orario delle attività didattiche. Relativamente alle classi funzionanti secondo il modello previsto dall'articolo 4 del decreto-legge 1° settembre 2008, n. 137, convertito, con modificazioni, dalla legge 30 ottobre 2008, n. 169, la dotazione è fissata in 27 ore settimanali. La dotazione complessiva comprende, in aggiunta, il fabbisogno di organico per l'integrazione degli alunni disabili e per il funzionamento delle classi a tempo pieno autorizzate. 7. A livello nazionale rimane confermato, per le classi a tempo pieno, il numero dei posti attivati complessivamente per l'anno scolastico 2008/2009. Le classi a 111


tempo pieno sono attivate, a richiesta delle famiglie, sulla base di specifico progetto formativo integrato e delle disponibilità di organico assegnate all'istituto, nonché in presenza delle necessarie strutture e servizi. Per la determinazione dell'organico di dette classi e' confermata l'assegnazione di due docenti per classe, eventualmente coadiuvati da insegnanti di religione cattolica e di inglese in possesso dei relativi titoli o requisiti. Le maggiori disponibilità di orario derivanti dalla presenza di due docenti per classe, rispetto alle 40 ore del modello di tempo pieno, rientrano nell'organico d'istituto. Per il potenziamento quantitativo e qualitativo del servizio del tempo pieno sul territorio sono attivati piani pluriennali sulla base di intese con le rappresentanze dei comuni, precedute da un accordo quadro con le autonomie locali in sede di Conferenza unificata. 8. Qualora non sia possibile procedere alla aggregazione delle ore disponibili nei plessi della medesima istituzione scolastica, sono costituiti posti di insegnamento anche con orario inferiore a quello d'obbligo. 9. Per l'acquisizione delle conoscenze e delle competenze relative a «Cittadinanza e Costituzione» si applica l'articolo 1 del decreto-legge n. 137 del 2008, convertito, con modificazioni, dalla legge n. 169 del 2008. 10. Con decreto del Ministro dell'istruzione, dell'università e della ricerca, avente natura non regolamentare, sono individuati, nell'ambito dell'istituto o di reti di scuole, i titoli prioritari per impartire l'insegnamento di musica e pratica musicale. 11. Sono organizzati, ai sensi dell'articolo 64, comma 4, lettera d), del decretolegge 25 giugno 2008, n. 112, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n. 133, corsi di formazione professionale per i docenti, finalizzati all'adattamento al nuovo modello organizzativo. Art. 5. Scuola secondaria di I grado 1. L'orario annuale obbligatorio delle lezioni nella scuola secondaria di I grado e' di complessive 990 ore, corrispondente a 29 ore settimanali, più 33 ore annuali da destinare ad attività di approfondimento riferita agli insegnamenti di materie letterarie. Nel tempo prolungato il monte ore e' determinato mediamente in 36 ore settimanali, elevabili fino a 40, comprensive delle ore destinate agli insegnamenti e alle attività e al tempo dedicato alla mensa. Gli orari di cui ai periodi precedenti sono comprensivi della quota riservata alle regioni, alle istituzioni scolastiche autonome e all'insegnamento della religione 112


cattolica in conformità all'Accordo modificativo del Concordato lateranense e relativo Protocollo addizionale, reso esecutivo con legge 25 marzo 1985, n. 121, ed alle conseguenti intese. 2. I piani di studio, in coerenza con gli obiettivi generali del processo formativo della scuola secondaria di I grado, sono funzionali alle conoscenze e alle competenze da acquisire da parte degli alunni in relazione alle diversità individuali, comprese quelle derivanti da disabilità. 3. Le classi a «tempo prolungato» sono autorizzate nei limiti della dotazione organica assegnata a ciascuna provincia e tenendo conto delle esigenze formative globalmente accertate, per un orario settimanale di insegnamenti e attività di 36 ore. In via eccezionale, può essere autorizzato un orario settimanale fino ad un massimo di 40 ore solo in presenza di una richiesta maggioritaria delle famiglie e in base a quanto previsto al comma 4. Ulteriori incrementi di posti per le stesse finalità sono attivati, in sede di definizione degli organici, sulla base di economie realizzate, fermi restando gli obiettivi finanziari di cui all'articolo 64 del decretolegge n. 112 del 2008, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n. 133, e subordinatamente alla preventiva verifica da parte del Ministero dell'istruzione, dell'università e della ricerca, di concerto con il Ministero dell'economia e delle finanze, circa la sussistenza di economie aggiuntive. 4. Le classi funzionanti a «tempo prolungato» sono ricondotte all'orario normale in mancanza di servizi e strutture idonei a consentire lo svolgimento obbligatorio di attività in fasce orarie pomeridiane e nella impossibilità di garantire il funzionamento di un corso intero a tempo prolungato. 5. Il quadro orario settimanale e annuale delle discipline e le classi di concorso per gli insegnamenti della scuola secondaria di I grado, definiti tenendo conto dei nuovi piani di studio, e' così determinato, fatto salvo quanto previsto dall'articolo 4, comma 2, del decreto del Presidente della Repubblica 8 marzo 1999, n. 275: ================================================== =================== |settimanale|annuale ================================================== =================== Italiano, Storia, Geografia | 9 | 297 --------------------------------------------------------------------Attività di approfondimento in materie | | letterarie | 1 | 33 --------------------------------------------------------------------Matematica e scienze | 6 | 198 --------------------------------------------------------------------113


Tecnologia | 2 | 66 --------------------------------------------------------------------Inglese | 3 | 99 --------------------------------------------------------------------Seconda lingua comunitaria | 2 | 66 --------------------------------------------------------------------Arte e immagine | 2 | 66 --------------------------------------------------------------------Scienze motorie e sportive | 2 | 66 --------------------------------------------------------------------Musica | 2 | 66 --------------------------------------------------------------------Religione cattolica | 1 | 33 6. L'insegnamento di «Cittadinanza e Costituzione», previsto dall'articolo 1 del decreto-legge n. 137 del 2008, convertito, con modificazioni, dalla legge n. 169 del 2008, e' inserito nell'area disciplinare storico-geografica. 7. I corsi ad indirizzo musicale, già ricondotti ad ordinamento dalla legge 3 marzo 1999, n. 124, si svolgono oltre l'orario obbligatorio delle lezioni di cui al primo periodo del comma 1 del presente articolo. Le indicazioni relative all'insegnamento della musica per valorizzarne l'apprendimento pratico, anche con l'ausilio di laboratori musicali, nei limiti delle risorse esistenti, sono definite con decreto del Ministro dell'istruzione, dell'università e della ricerca, avente natura non regolamentare. Con il medesimo provvedimento sono fissati i criteri per l'eventuale riconoscimento dei percorsi formativi extracurricolari realizzati dalle scuole secondarie di primo grado nel rispetto del decreto del Ministro della pubblica istruzione in data 6 agosto 1999, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 235 del 6 ottobre 1999, per la loro equiparazione a quelli previsti dall'articolo 11, comma 9, della legge 3 maggio 1999, n. 124. 8. Il quadro orario settimanale e annuale delle discipline per gli insegnamenti della scuola secondaria di I grado a tempo prolungato e' così determinato fatto salvo quanto previsto dall'articolo 4, comma 2, del decreto del Presidente della Repubblica n. 275 del 1999: ================================================== =================== |settimanale|annuale ================================================== =================== Italiano, Storia, Geografia | 15 | 495 --------------------------------------------------------------------Matematica e scienze | 9 | 297 114


--------------------------------------------------------------------Tecnologia | 2 | 66 --------------------------------------------------------------------Inglese | 3 | 99 --------------------------------------------------------------------Seconda lingua comunitaria | 2 | 66 --------------------------------------------------------------------Arte e immagine | 2 | 66 --------------------------------------------------------------------Scienze motorie e sportive | 2 | 66 --------------------------------------------------------------------Musica | 2 | 66 --------------------------------------------------------------------Religione cattolica | 1 | 33 --------------------------------------------------------------------Approfondimento a scelta delle scuole nelle | | discipline presenti nel quadro orario | 1 o 2 | 33/66 9. L'insegnamento di ÂŤCittadinanza e CostituzioneÂť, previsto dall'articolo 1 del decreto-legge n. 137 del 2008, convertito con modificazioni dalla legge n. 169 del 2008, e' inserito nell'area disciplinare storico-geografica. 10. A decorrere dall'anno scolastico 2009/2010, a richiesta delle famiglie e compatibilmente con le disponibilitĂ di organico e l'assenza di esubero dei docenti della seconda lingua comunitaria, e' introdotto l'insegnamento dell'inglese potenziato anche utilizzando le 2 ore di insegnamento della seconda lingua comunitaria o i margini di autonomia previsti dai commi 5 e 8. Le predette ore sono utilizzate anche per potenziare l'insegnamento della lingua italiana per gli alunni stranieri non in possesso delle necessarie conoscenze e competenze nella medesima lingua italiana nel rispetto dell'autonomia delle scuole. Art. 6. Norme finali 1. La regione autonoma Valle d'Aosta e le province autonome di Trento e di Bolzano provvedono alle finalitĂ  del presente regolamento nell'ambito delle competenze ad esse spettanti ai sensi dei rispettivi statuti speciali e delle relative norme di attuazione e secondo quanto disposto dai rispettivi ordinamenti. 2. Le disposizioni del presente regolamento si applicano anche alle scuole con lingua di insegnamento slovena, fatte salve le modifiche ed integrazioni per gli opportuni adattamenti agli specifici ordinamenti di tali scuole, nel limite massimo di 36 ore settimanali per le classi funzionanti a tempo normale di cui all' articolo 5, 115


comma 6. 3. Ai sensi dell'articolo 2, comma 2, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165 le disposizioni del presente regolamento non possono essere disapplicate o derogate da norme contrattuali. Art. 7. Abrogazioni 1. Sono abrogate le seguenti disposizioni: a) articolo 1, comma 630, quarto periodo, della legge 27 dicembre 2006, n. 296; b) articolo 6 del decreto legislativo 19 febbraio 2004, n. 59; c) articolo 12, comma 1, primo periodo, del decreto legislativo 19 febbraio 2004, n. 59. 2. E' altresì abrogata ogni altra disposizione comunque incompatibile con quelle del presente regolamento. Art. 8. Entrata in vigore 1. Il presente decreto entra in vigore il giorno successivo a quello della sua pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana. Il presente decreto, munito del sigillo dello Stato, sarà inserito nella Raccolta ufficiale degli atti normativi della Repubblica italiana. E' fatto obbligo a chiunque spetti di osservarlo e di farlo osservare. Dato a Roma, addì 20 marzo 2009 NAPOLITANO Berlusconi, Presidente del Consiglio dei Ministri Gelmini, Ministro dell'istruzione, dell'università e della ricerca Tremonti, Ministro dell'economia e delle finanze Fitto, Ministro per i rapporti con le regioni Visto, il Guardasigilli: Alfano Registrato alla Corte dei conti il 25 giugno 2009

116


LABORATORI opzionali/extracurriculari OFFERTA FORMATIVA Scuola dell’Infanzia: Curricolo di 40 ore + laboratori per l’arricchimento dell’offerta formativa: Inglese, raccordo, integrazione e “Leggiamo l’ ambiente e il territorio”. OFFERTA FORMATIVA Scuola Primaria: curricolo di 30 ore con attività opzionali nazionale e approfondimenti delle abilità di base, in particolare linguistiche e matematiche. Curricolo di 40 ore per il tempo pieno con approfondimenti delle abilità di base linguistiche e matematiche. OFFERTA FORMATIVA Scuola Secondaria di 1° grado: curricolo nazionale + proposte di Laboratori extracurricolari (da attivare nel corso dell’anno): Laboratorio di Latino; Laboratorio recupero/potenziamento Italiano, Matematica, Inglese; Laboratorio “del fare”. Laboratorio “Miniguide”. Corso per il conseguimento del Patentino per la guida del ciclomotore.

117


118


SCELTE FORMATIVE E DIDATTICHE

SCUOLA DELL’INFANZIA La Scuola dell’Infanzia concorre all’educazione armonica e integrale dei bambini e delle bambine1 che, attraverso la famiglia, scelgono di frequentarla dai due anni e mezzo fino all’ingresso nella scuola primaria, nel rispetto e nella valorizzazione dei ritmi evolutivi, delle capacità, delle differenze e dell’identità di ciascuno, nonché della responsabilità educativa delle famiglie. Operando in questa direzione con sistematica professionalità pedagogica, essa contribuisce alla realizzazione del principio dell’uguaglianza delle opportunità e alla rimozione degli “ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l’uguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l’effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione politica, economica e sociale del Paese” (art.3 della Costituzione).

La Scuola dell’Infanzia è un ambiente educativo di esperienze concrete e di apprendimenti riflessivi che integra, in un processo di sviluppo unitario, le differenti forme del fare, del sentire, del pensare, dell’agire relazionale, dell’esprimere, del comunicare, del gustare il bello e del conferire senso da parte dei bambini. Richiede attenzione e disponibilità da parte dell’adulto, stabilità e positività di relazioni umane, flessibilità e adattabilità alle situazioni, adozione di interazioni sociali cooperative, clima caratterizzato da simpatia e curiosità, affettività costruttiva, gioiosità ludica, volontà di partecipazione e di comunicazione significative, intraprendenza progettuale ed operativa. Esclude impostazioni scolasticistiche che tendono a precocizzare gli apprendimenti formali e, attraverso le apposite mediazioni didattiche, riconosce come connotati essenziali del proprio servizio educativo: - la relazione personale significativa tra pari e con gli adulti, nei più vari contesti di esperienza, come condizione per pensare, fare ed agire; - la valorizzazione del gioco in tutte le sue forme ed espressioni (e, in particolare, del gioco di finzione, di immaginazione e di identificazione per lo sviluppo della capacità di elaborazione e di trasformazione simbolica delle esperienze): la strutturazione ludiforme dell’attività didattica assicura ai bambini esperienze di apprendimento in tutte le dimensioni della loro personalità;

119


- il rilievo al fare produttivo ed alle esperienze dirette di contatto con la natura, le cose, i materiali, l’ambiente sociale e la cultura per orientare e guidare la naturale curiosità in percorsi via via più ordinati ed organizzati di esplorazione e ricerca. All’interno dello scenario delineato, la Scuola dell’Infanzia si propone come luogo di incontro, di partecipazione e di cooperazione delle famiglie, come spazio di impegno educativo per la comunità e come risorsa professionale specifica per assicurare a coloro che la frequentano la massima promozione possibile di tutte le capacità personali, promozione che si configura come diritto soggettivo di ogni bambino.

Obiettivi generali del processo formativo La Scuola dell’Infanzia rafforza l’identità personale, l’autonomia e le competenze dei bambini. Essa raggiunge questi obiettivi generali del processo formativo (art. 8 del 275/99), collocandoli all’interno di un progetto di scuola articolato ed unitario, che riconosce, sul piano educativo, la priorità della famiglia e l’importanza del territorio di appartenenza con le sue risorse sociali, istituzionali e culturali. In relazione alla maturazione dell’identità personale, e in una prospettiva che ne integri tutti gli aspetti (biologici, psichici, motori, intellettuali, sociali, morali e religiosi), essa si premura che i bambini acquisiscano atteggiamenti di sicurezza, di stima di sé, di fiducia nelle proprie capacità, di motivazione al passaggio dalla curiosità alla ricerca; vivano in modo equilibrato e positivo i propri stati affettivi, esprimendo e controllando emozioni e sentimenti e rendendosi sensibili a quelli degli altri; riconoscano ed apprezzino l’identità personale ed altrui nelle connessioni con le differenze di sesso, di cultura e di valori esistenti nelle rispettive famiglie, comunità e tradizioni di appartenenza. In relazione alla conquista dell’autonomia, la Scuola dell’Infanzia fa sì che i bambini, mentre riconoscono le dipendenze esistenti ed operanti nella concretezza del loro ambiente naturale e sociale di vita, siano capaci, in tale contesto, di orientarsi in maniera personale e di compiere scelte anche innovative. Inoltre, si impegna affinché, come singoli e in gruppo, si rendano disponibili all’interazione costruttiva con il diverso e l’inedito e si aprano alla scoperta, all’interiorizzazione e al rispetto pratico dei valori della libertà, della cura di sé, degli altri e dell’ambiente, della solidarietà, della giustizia, dell’impegno ad agire per il bene comune. In relazione allo sviluppo delle competenze, infine la Scuola dell’Infanzia, consolidando le capacità sensoriali, percettive, motorie, sociali, linguistiche ed intellettive del bambino, impegna quest’ultimo nelle prime forme di lettura delle esperienze personali, di esplorazione e scoperta intenzionale ed organizzata della 120


realtà di vita (in senso sociale, geografico e naturalistico, artistico e urbano), nonché della storia e delle tradizioni locali. In particolare, mette il bambino nella condizione di produrre messaggi, testi e situazioni attraverso una molteplicità ordinata ed efficace di strumenti linguistici e di modalità rappresentative; di comprendere, interpretare, rielaborare e comunicare conoscenze ed abilità relative a specifici campi di esperienza; di dimostrare ed apprezzare coerenza cognitiva e di comportamenti pratici, insieme a intuizione, immaginazione, creatività, gusto estetico e capacità di conferimento di senso. Obiettivi specifici di apprendimento Il percorso educativo della Scuola dell’Infanzia, nella prospettiva della maturazione del Profilo educativo, culturale e professionale dello studente atteso per la conclusione del primo ciclo dell’istruzione, utilizza gli obiettivi specifici di apprendimento indicati di seguito per progettare Unità di Apprendimento che, a partire da obiettivi formativi, mediante apposite scelte di metodi e contenuti, trasformino le capacità personali di ciascun bambino in competenze.

Il sé e l’altro 1. Rafforzare l’autonomia, la stima di sé, l’identità 2. Rispettare e aiutare gli altri, cercando di capire i loro pensieri, azioni e sentimenti; rispettare e valorizzare il mondo animato e inanimato che ci circonda. 3. Accorgersi se, e in che senso, pensieri, azioni e sentimenti dei maschi e delle femmine mostrino differenze, e perché. 4. Lavorare in gruppo, discutendo per darsi regole di azione, progettando insieme e imparando sia a valorizzare le collaborazioni, sia ad affrontare eventuali defezioni. 5. Conoscere la propria realtà territoriale (luoghi, storie, tradizioni) e quella di altri bambini (vicini e lontani) per confrontare le diverse situazioni anche sul piano del loro ‘dover essere’. 6. Registrare i momenti e le situazioni che suscitano paura, stupore, sgomento, diffidenza, ammirazione, disapprovazione, compiacimento estetico, gratitudine, generosità, simpatia, amore, interrogarsi e discutere insieme sul senso che hanno per ciascuno questi sentimenti e come sono, di solito, manifestati. 7. Soffermarsi sul senso della nascita e della morte, delle origini della vita e del cosmo, della malattia e del dolore, del ruolo dell’uomo nell’universo, dell’esistenza di Dio, a partire dalle diverse risposte elaborate e testimoniate in famiglia e nelle comunità di appartenenza. 121


Corpo, movimento, salute 1. Rappresentare in modo completo e strutturato la figura umana; interiorizzare e rappresentare il proprio corpo, fermo e in movimento; maturare competenze di motricità fine e globale. 2. Muoversi con destrezza nello spazio circostante e nel gioco, prendendo coscienza della propria dominanza corporea e della lateralità, coordinando i movimenti degli arti. 3. Muoversi spontaneamente e in modo guidato, da soli e in gruppo, esprimendosi in base a suoni, rumori, musica, indicazioni ecc. 4. Curare in autonomia la propria persona, gli oggetti personali, l’ambiente e i materiali comuni nella prospettiva della salute e dell’ordine. 5. Controllare l’affettività e le emozioni in maniera adeguata all’età, rielaborandola attraverso il corpo e il movimento.

Fruizione e produzione di messaggi 1. Parlare, descrivere, raccontare, dialogare, con i grandi e con i coetanei, lasciando trasparire fiducia nelle proprie capacità di espressione e comunicazione e scambiandosi domande, informazioni, impressioni, giudizi e sentimenti. 2. Ascoltare, comprendere e riesprimere narrazioni lette o improvvisate di fiabe, favole, storie, racconti e resoconti. 3. Riconoscere testi della letteratura per l’infanzia letti da adulti o visti attraverso mass media (dal computer alla tv), e motivare gusti e preferenze. 4. Individuare, su di sé e per gli altri, le caratteristiche che differenziano gli atti dell’ascoltare e del parlare, del leggere e dello scrivere, distinguendo tra segno della parola, dell’immagine, del disegno e della scrittura, tra significante e significato. 5. Elaborare congetture e codici personali in ordine alla lingua scritta. 6. Disegnare, dipingere, modellare, dare forma e colore all’esperienza, individualmente e in gruppo, con una varietà creativa di strumenti e materiali, “lasciando traccia” di sé. 7. Utilizzare il corpo e la voce per imitare, riprodurre, inventare suoni, rumori, melodie anche col canto, da soli e in gruppo; utilizzare e fabbricare strumenti per produrre suoni e rumori, anche in modo coordinato col gruppo. 8. Incontrare diverse espressioni di arte visiva e plastica presenti nel territorio per scoprire quali corrispondono ai propri gusti e consentono una più creativa e soddisfacente espressione del proprio mondo. 9. Sperimentare diverse forme di espressione artistica del mondo interno ed esterno attraverso l’uso di un’ampia varietà di strumenti e materiali, anche multimediali (audiovisivi, tv, cd-rom, computer), per produzioni singole e collettive. 122


Esplorare, conoscere e progettare 1. Coltivare, con continuità e concretezza, propri interessi e proprie inclinazioni. 2. Osservare chi fa qualcosa con perizia per imparare; aiutare a fare e realizzare lavori e compiti a più mani e con competenze diverse. 3. Toccare, guardare, ascoltare, fiutare, assaggiare qualcosa e dire che cosa si è toccato, visto, udito, odorato, gustato, ricercando la proprietà dei termini. 4. Contare oggetti, immagini, persone; aggiungere, togliere e valutare la quantità; ordinare e raggruppare per colore, forma, grandezza ecc. 5. Collocare persone, fatti ed eventi nel tempo; ricostruire ed elaborare successioni e contemporaneità; registrare regolarità e cicli temporali. 6. Localizzare e collocare se stesso, oggetti e persone in situazioni spaziali, eseguire percorsi o organizzare spazi sulla base di indicazioni verbali e/o non verbali, guidare in maniera verbale e/o non verbale il percorso di altri, oppure la loro azione organizzativa riguardante la distribuzione di oggetti e persone in uno spazio noto. 7. Manipolare, smontare, montare, piantare, legare ecc., seguendo un progetto proprio o di gruppo, oppure istruzioni d’uso ricevute. 8. Elaborare progetti propri o in collaborazione, da realizzare con continuità e concretezza. 9. Adoperare lo schema investigativo del “chi, che cosa, quando, come, perché?” per risolvere problemi, chiarire situazioni, raccontare fatti, spiegare processi. 10. Commentare, individuare collegamenti, operare semplici inferenze, proporre ipotesi esplicative di problemi. 11. Negoziare con gli altri spiegazioni di problemi e individuare i modi per verificare quali risultino, alla fine, le più persuasive e pertinenti. 12. Ricordare e ricostruire attraverso diverse forme di documentazione quello che si è visto, fatto, sentito, e scoprire che il ricordo e la ricostruzione possono anche differenziarsi.

123


ORGANIZZAZIONE DELLE ATTIVITÀ DIDATTICHE SCUOLA D’INFANZIA La Scuola dell’Infanzia si propone come significativo luogo di apprendimento, socializzazione e animazione. Una funzione fondamentale di questa scuola è quella di contribuire al rafforzamento dei processi di costruzione dell’identità, per favorire la promozione dell’autonomia intellettuale e dell’equilibrio affettivo, per sviluppare l’intelligenza creativa e il pensiero scientifico. Le attività didattiche sono organizzate in “campi di esperienza” e fanno riferimento ad una continua e responsabile flessibilità ed inventività operativa. Le attività vengono scelte con modalità diverse, allo scopo di rendere più efficace il progetto educativo, anche in relazione ai diversi ritmi, tempi e stili di apprendimento, alle motivazioni e agli interessi dei bambini:  attività di gruppo in sezione;  attività di piccolo gruppo;  attività per gruppi di età omogenea;  attività a sezioni aperte Le attività di laboratorio favoriscono i rapporti interpersonali e lo scambio di esperienze tra bambini; l’apprendimento è basato sulla ricerca e sulla produzione con possibilità di seguire individualmente gli alunni. Riveste particolare importanza l’allestimento di angoli di attività in cui i bambini possono toccare, manipolare, costruire e inventare. Si utilizzano vari tipi di materiali come la carta, la creta, la plastilina, il das, il polistirolo, il legno, la gommapiuma, il sughero….

124


SCUOLA PRIMARIA

Promozione della formazione dell’uomo e del cittadino sulla base dei principi della Costituzione della Repubblica Italiana…

… al fine di garantire a tutti l’esercizio effettivo del diritto/dovere di partecipare alla vita sociale. In tale ottica la Scuola tende a valorizzare e stimolare:

L’impegno personale la responsabilità

Le capacità critiche la creatività l’acquisizione di tutti i linguaggi la prima alfabetizzazione culturale

La Scuola Primaria ricerca l’interazione formativa con la famiglia, sede primaria dell’educazione del bambino.

rispetto delle regole della convivenza democratica La Scuola Primaria è l’ambiente educativo di apprendimento, nel quale l’accettazione diversità per maturare progressivamente le proprie ogni fanciullo trova della le occasioni capacità di autonomia, di azione diretta, di relazioni umane, di progettazione e verifica, di esplorazione, di riflessione logico-critica e di studio individuale.

125


Obiettivi generali del processo formativo Valorizzare l’esperienza del fanciullo.

I fanciulli che entrano nella Scuola Primaria hanno già maturato concettualizzazioni intuitive, parziali e generali, che impiegano per spiegare tutti i fenomeni che incontrano; anche quelli più complessi. Si può dire che abbiano maturato in famiglia, nei rapporti con gli altri e con il mondo, nella scuola dell’infanzia non soltanto una «loro» fisica, chimica, geologia, storia, arte ecc. «ingenue», ma che abbiano elaborato anche una «loro» altrettanto «ingenua», ma non per questo meno unitaria, organica e significativa visione del mondo e della vita. La Scuola Primaria si propone, anzitutto, di apprezzare questo patrimonio conoscitivo, valoriale e comportamentale ereditato dal fanciullo, e di dedicare particolare attenzione alla sua considerazione, esplorazione e discussione comune.

La corporeità come valore.

La Scuola Primaria è consapevole che ogni dimensione simbolica che anima il fanciullo e le sue relazioni familiari e sociali è inscindibile dalla sua corporeità. Nella persona, infatti, non esistono separazioni e il corpo non è il «vestito» di ogni individuo, ma piuttosto il suo modo globale di essere nel mondo e di agire nella società. Per questo l’avvaloramento dell’espressione corporea è allo stesso tempo condizione e risultato dell’avvaloramento di tutte le altre dimensioni della persona: la razionale, l’estetica, la sociale, l’operativa, l’affettiva, la morale e la spirituale religiosa. E viceversa.

Esplicitare le idee e i valori presenti nell’esperienza.

La Scuola Primaria, coinvolgendo la famiglia e nel rispetto della coscienza morale e civile di ciascuno, mira, inoltre, a far esplicitare ai fanciulli l’implicito e lo scontato presente nel patrimonio di visioni, teorie e pratiche che ha accumulato, e ad assumere consapevolmente queste ultime, insieme ai valori che contengono, in armonia con la Costituzione della Repubblica Italiana.

Dal mondo delle categorie empiriche al mondo delle categorie formali. La Scuola Primaria accompagna i fanciulli a passare dal mondo e dalla vita ordinati, interpretati ed agiti solo alla luce delle categorie presenti nel loro patrimonio culturale, valoriale e comportamentale al mondo e alla vita ordinati ed interpretati anche alla luce delle categorie critiche, semantiche e sintattiche, presenti nelle discipline di studio e negli ordinamenti formali del sapere accettati a livello di comunità scientifica. In questo passaggio, tiene conto che gli allievi ‘accomodano’ sempre i nuovi apprendimenti e comportamenti con quelli già interiorizzati e condivisi, e che il ricco patrimonio di precomprensioni, di conoscenze ed abilità tacite e sommerse già posseduto da ciascuno influisce moltissimo sui nuovi apprendimenti formali e comportamentali. Alla luce di questa dinamica, la Scuola Primaria favorisce l'acquisizione da parte dell'alunno sia della 126


lingua italiana, indispensabile per tutti i fanciulli alla piena fruizione delle opportunità formative scolastiche ed extrascolastiche, sia di una lingua comunitaria, l’inglese, privilegiando, ove possibile, la coltivazione dell’eventuale lingua madre che fosse diversa dall’italiano. Parallelamente, essa favorisce l’acquisizione delle varie modalità espressive di natura artistico-musicale, dell'approccio scientifico e tecnico, delle coordinate storiche, geografiche ed organizzative della vita umana e della Convivenza civile, mantenendo costante l'attenzione alla parzialità di ogni prospettiva di ordinamento formale dell’esperienza e al bisogno continuo di unità della cultura pur nella distinzione delle prospettive in cui si esprime.

Dalle idee alla vita: il confronto interpersonale.

La Scuola Primaria, grazie a questo graduale e progressivo percorso di riflessione critica attivato a partire dall’esperienza, sempre in stretta collaborazione con la famiglia, si propone di arricchire sul piano analitico e sintetico la «visione del mondo e della vita» dei fanciulli, di integrare tale visione nella loro personalità e di stimolarne l’esercizio nel concreto della propria vita, in un continuo confronto interpersonale di natura logica, morale e sociale che sia anche affettivamente significativo. In questo senso, tutte le maturazioni acquisite dai fanciulli vanno orientate verso la cura e il miglioramento di sé e della realtà in cui vivono, a cominciare dalla scuola stessa, e verso l’adozione di «buone pratiche» in tutte le dimensioni della vita umana, personale e comunitaria.

La diversità delle persone e delle culture come ricchezza. La Scuola Primaria utilizza situazioni reali e percorsi preordinati per far acquisire ai fanciulli non solo la consapevolezza delle varie forme, palesi o latenti, di disagio, diversità ed emarginazione esistenti nel loro ambiente prossimo e nel mondo che ci circonda, ma anche la competenza necessaria ad affrontarle e superarle con autonomia di giudizio, rispetto nei confronti delle persone e delle culture coinvolte, impegno e generosità personale. Parimenti, essa porta ogni allievo non solo alla presa di coscienza della realtà dell' handicap e delle sue forme umane, ma lo stimola anche ad operare e a ricercare con sensibilità, rispetto, creatività e partecipazione allo scopo di trasformare sempre l’integrazione dei compagni in situazione di handicap in una risorsa educativa e didattica per tutti.

Praticare l’impegno personale e la solidarietà sociale.

La Scuola Primaria opera, quindi, in modo che gli alunni, in ordine alla realizzazione dei propri fini ed ideali, possano sperimentare l'importanza sia dell'impegno personale, sia del lavoro di gruppo attivo e solidale, attraverso i quali accettare e rispettare l'altro, dialogare e partecipare in maniera costruttiva alla realizzazione di obiettivi comuni. In questo senso, trova un esito naturale 127


nell'esercizio competente di tutte le “buone pratiche” richieste dalla Convivenza Civile a livello e in prospettiva locale, nazionale, europea e mondiale. In conclusione, il percorso complessivamente realizzato nella Scuola Primaria promuove l’educazione integrale della personalità dei fanciulli, stimolandoli all’autoregolazione degli apprendimenti, ad un’elevata percezione di autoefficacia, all’autorinforzo cognitivo e di personalità, alla massima attivazione delle risorse di cui sono dotati, attraverso l’esercizio dell’autonomia personale, della responsabilità intellettuale, morale e sociale, della creatività e del gusto estetico.

Obiettivi specifici di apprendimento Il percorso educativo della Scuola Primaria, nella prospettiva della maturazione del Profilo educativo, culturale e professionale dello studente alla conclusione del I ciclo dell’istruzione, utilizza gli obiettivi specifici di apprendimento per progettare Unità di Apprendimento. Queste partono da obiettivi formativi adatti e significativi per i singoli allievi, definiti anche con i relativi standard di apprendimento, si sviluppano mediante appositi percorsi di metodo e di contenuto e valutano, alla fine, sia il livello delle conoscenze e delle abilità acquisite, sia se e quanto esse abbiano maturato le competenze personali di ciascun allievo (art. 8 del Dpr. 275/99).

Obiettivi formativi e Piani di Studio Personalizzati Il «cuore» del processo educativo si ritrova, quindi, nel compito delle istituzioni scolastiche e dei docenti di progettare le Unità di Apprendimento caratterizzate da obiettivi formativi adatti e significativi per i singoli allievi che si affidano al loro peculiare servizio educativo, compresi quelli in situazione di handicap, e volte a garantire la trasformazione delle capacità di ciascuno in reali e documentate competenze. Gli obiettivi formativi fino al primo biennio: nel primo anno e nel primo biennio vanno sempre esperiti a partire da problemi ed attività ricavati dall’esperienza diretta dei fanciulli. Tali problemi ed attività, per definizione, sono sempre unitarie e sintetiche, quindi mai riducibili né ad esercizi segmentati ed artificiali, né alla comprensione assicurata da singole prospettive disciplinari o da singole ‘educazioni’. Richiedono, piuttosto, sempre, la mobilitazione di sensibilità e prospettive pluri, inter e transdisciplinari, nonché il continuo richiamo all’integralità educativa. Inoltre, aspetto ancora più importante, esigono che siano sempre dotate di senso, e quindi motivanti, per chi le svolge. Sarà, allo stesso tempo, preoccupazione dei docenti far scoprire agli allievi la progressiva possibilità di aggregare i quadri concettuali a mano a mano ricavati dall’esperienza all’interno di repertori via via più formali, che aprano all’ordinamento disciplinare e interdisciplinare del sapere. 128


Gli obiettivi formativi nel secondo biennio: nel secondo biennio, quasi a conclusione di un itinerario formativo che ha portato i fanciulli a scoprire riflessivamente nella loro unitaria e complessa esperienza personale e socioambientale la funzionalità interpretativa, sistematicamente ordinatoria e, soprattutto, critica della semantica e della sintassi disciplinari, è possibile cominciare a coniugare senso globale dell’esperienza personale e rigore del singolo punto di vista disciplinare, organicità pluri, inter e transdisciplinare e svolgimento sistematico delle singole discipline, integralità dell’educazione e attenzione a singoli e peculiari aspetti di essa. Per questo, senza voler mai abbandonare l’aggancio globale all’esperienza e l’integralità di ogni processo educativo, è possibile organizzare le singole attività scolastiche per discipline e per una o più ‘educazioni’ appartenenti all’unica convivenza civile. L’insieme di tutte le unità di apprendimento costituisce il piano di studi personalizzato ed effettivamente realizzato.

ORGANIZZAZIONE DELLE ATTIVITÀ DIDATTICHE NELLA SCUOLA PRIMARIA Nella Scuola Primaria le attività sono organizzate in modo da riservare a ciascun ambito disciplinare tempi adeguati. Le “Indicazioni Nazionali” forniscono indicazioni molto ampie sui possibili contenuti di insegnamento: i docenti, nell’ambito della programmazione che svolgono a inizio anno scolastico, operano una selezione ragionata dei contenuti, anche in relazione ai tempi effettivamente disponibili. La gestione delle risorse umane è improntata a criteri di efficacia e flessibilità, anche tenuto conto di quanto previsto dalle norme in materia di organico e delle competenze specifiche in possesso dei docenti. L’attività didattica mira:  allo sviluppo di attività di ricerca, individuale e di gruppo, che insegnino a responsabilizzarsi e ad organizzare il pensiero, capacità cruciali nel moderno mondo della comunicazione e del lavoro;  alla pratica del gioco come invito a proporre contesti didattici all’interno dei quali l’apprendere sia esperienza piacevole e gratificante;  a creare biblioteche scolastiche aggiornate per stimolare il piacere della lettura;  all’impiego di strumenti multimediali che, oltre ad essere estremamente motivanti, offrono risorse per valorizzare l’intelligenza intuitiva, empirica ed immaginativa, assai diffuse tra i ragazzi.

129


Le attività didattiche sono organizzate e svolte con modalità diverse allo scopo di rendere efficace l’intervento formativo: Lezione collettiva di classe Si utilizza tale modalità per economizzare il tempo scolastico nel momento in cui si comunicano informazioni uguali per tutti o si utilizzano mezzi audiovisivi o altri strumenti fruibili da un gruppo. Attività di piccolo gruppo E’ essenziale per la sua funzione formativa (sia sul piano dell’apprendimento che su quello relazionale). Si basa sulla condivisione e sulla disponibilità. Attività a classi aperte Questa organizzazione, oltre a un diverso uso degli spazi e delle attrezzature a disposizione, permette un maggior sviluppo delle potenzialità dei bambini mediante la fruizione di maggiori e diverse opportunità di apprendimento e di stimolo delle attitudini individuali. Interventi personalizzati L’individualizzazione come trattamento differenziato degli alunni è una strategia che consente di soddisfare le necessità di formazione di ciascuno. Per realizzare tale interventi sono necessari l’analisi delle pre-conoscenze, l’individuazione delle potenzialità, l’adeguamento delle proposte didattiche alle reali potenzialità dei singoli alunni e la verifica continua dei progressi effettuati. Attività di documentazione Un elemento didattico di notevole importanza riguarda la “memoria storica” della classe: cartelloni, giornalini di classe, mostre… sono strumenti importanti per consolidare l’identità individuale e di gruppo degli alunni. Tali strumenti assolvono, inoltre, una significativa funzione comunicativa nei confronti delle famiglie. Utilizzo della “contemporaneità” dei docenti Nell’organizzazione della Scuola Primaria la contemporaneità rappresenta una risorsa importante per migliorare il processo di insegnamento – apprendimento e per una migliore attuazione dei vari laboratori.

130


SCUOLA SECONDARIA DI 1° GRADO La Scuola Secondaria di 1° grado accoglie gli studenti e le studentesse nel periodo di passaggio dalla fanciullezza all’adolescenza, ne prosegue l’orientamento educativo, eleva il livello di educazione e di istruzione personale di ciascun cittadino e generale di tutto il popolo italiano, accresce le capacità di partecipazione e di contributo ai valori della cultura e della civiltà e costituisce, infine, grazie agli sviluppi metodologici e didattici conformi alla sua natura ‘secondaria’, la premessa indispensabile per l’ulteriore impegno dei ragazzi nel secondo ciclo di istruzione e di formazione. Il passaggio dall’istruzione primaria all’istruzione secondaria di 1° grado, pur nella continuità del processo educativo che deve svolgersi secondo spontaneità e rispetto dei tempi individuali di maturazione della persona anche e soprattutto nella scuola, esprime, sul piano epistemologico, un valore simbolico di ‘rottura’ che dispiegherà poi le sue potenzialità nell’istruzione e nella formazione del secondo ciclo.

Obiettivi generali del processo formativo L’istruzione secondaria di 1° grado anima tutte le proprie attività educative di apprendimento con le consapevolezze prima ricordate. Tali consapevolezze trovano, a partire dalla prima classe della Scuola Secondaria di 1° grado. lo stimolo per uno sviluppo progressivamente sempre più organico e annunciano la loro piena sistematicità che sarà raggiunta nel secondo ciclo di istruzione e di formazione. La Scuola Secondaria di 1° grado impiega queste consapevolezze per avvalorare i seguenti tratti educativi.

Scuola dell’educazione integrale della persona. La Scuola Secondaria di 1° grado, confermando una tradizione avviata nel 1963 e consolidata nel 1979, rinnova il proposito di promuovere processi formativi in quanto si preoccupa di adoperare il sapere (le conoscenze) e il fare (abilità), che è tenuta ad insegnare, come occasioni per sviluppare armonicamente la personalità degli allievi in tutte le direzioni (etiche, religiose, sociali, intellettuali, affettive, operative, creative ecc…) e quindi per consentire loro di agire in maniera matura e responsabile.

Scuola che colloca nel mondo. La Scuola Secondaria di 1° grado aiuta lo studente ad acquisire una immagine sempre più chiara ed approfondita della realtà sociale, a riconoscere le attività tecniche con cui l’uomo provvede alla propria sopravvivenza e trasforma le 131


proprie condizioni di vita, a comprendere il rapporto che intercorre fra le vicende storiche ed economiche, le strutture istituzionali e politiche, le aggregazioni sociali e la vita e le decisioni del singolo. Le conoscenze e le abilità che lo studente è sollecitato a trasformare in competenze personali offrono, in questo quadro, un contributo di primaria importanza ai fini dell’integrazione critica delle nuove generazioni nella società contemporanea.

Scuola orientativa. La Scuola Secondaria di 1° grado mira all’orientamento di ciascuno, favorisce l’iniziativa del soggetto per il suo sviluppo fisico, psichico e intellettuale, lo mette nelle condizioni di definire e conquistare la propria identità di fronte agli altri nonchè di rivendicare un proprio ruolo nella realtà sociale, culturale e professionale. È un processo formativo continuo cui debbono concorrere, unitariamente, anche le varie strutture non formali e informali del territorio, così come il grado di scuola successivo. La possibilità del preadolescente di operare scelte realistiche nell’immediato e nel futuro, portando avanti lo sviluppo di un progetto di vita personale, deriva dal consolidamento di competenze decisionali fondate su una verificata conoscenza di sé e su un intelligente tirocinio educativo che abbia autenticato e continui ad autenticare le capacità, gli interessi e le attitudini di ogni ragazzo. Il carattere orientativo è intrinseco allo studio delle discipline e alle attività interdiscplinari e transdisciplinari. L’uno e le altre, infatti, sono volte alla scoperta di sé (un sé sottoposto agli straordinari dinamismi delle trasformazioni psicofisiche e a cambiamenti negli stili di apprendimento, negli interessi, nelle abitudini, nei sentimenti, nell’immagine di sé), della cultura e dell’arte, del mondo in generale (contatti, scambi, scoperte, ecc.) e della produzione umana in particolare, attraverso l’ incontro con i diversi ambienti della produzione tecnica o intellettuale. Lo studio e le attività possono essere amplificate nella loro efficacia con un impiego accorto dei percorsi formativi facoltativi offerti ai preadolescenti per il migliore sviluppo possibile delle loro capacità, fino ai livelli dell’eccellenza.

Scuola dell’identità. La Scuola Secondaria di 1° grado assolve il compito di accompagnare il preadolescente, nella sua maturazione, globale fino alle soglie dell’adolescenza. Dalla prima alla terza classe, egli si pone in maniera sempre più forte la domanda circa la propria identità. Si affollano risposte parziali, mai definitive, che è tuttavia necessario apprendere a saggiare, coltivare, abbandonare, riprendere, rimandare, integrare, con uno sforzo e con una concentrazione che assorbe la quasi totalità delle energie. Questa ‘fatica’ interiore del crescere, che ogni preadolescente pretende quasi sempre di reggere da solo o al massimo con l’aiuto del gruppo dei 132


pari, ha bisogno, in realtà, della presenza di adulti coerenti e significativi disposti ad ascoltare, aiutare, consigliare, fornire strumenti di ricerca, di comprensione, di gestione positiva dei problemi. In particolare, i genitori, e più in generale la famiglia, a cui competono in modo primario e originario le responsabilità, anche per quanto concerne l’educazione all’affettività e alla sessualità (secondo il patrimonio dei propri valori umani e spirituali), devono essere coinvolti nella programmazione e nella verifica dei progetti educativi e didattici posti in essere dalla scuola.

Scuola della motivazione e del significato. Poiché i ragazzi sono massimamente disponibili ad apprendere, ma molto resistenti agli apprendimenti, di cui non comprendano motivazione e significato, che vogliano sottometterli e non responsabilizzarli, che non producano frutti di rilevanza sociale o di chiara crescita personale, ma si limitino ad essere autoreferenziali, la Scuola Secondaria di 1° grado è impegnata a radicare conoscenze e abilità disciplinari e interdisciplinari sulle effettive capacità di ciascuno, utilizzando le modalità più motivanti e ricche di senso, perché egli possa esercitarle, sia individualmente, sia insieme agli altri, sia dinanzi agli altri. Motivazione e bisogno di significato sono del resto premesse fondamentali di qualsiasi apprendimento. Senza queste due dimensioni risulta molto difficile coniugare lo sforzo richiesto da qualsiasi apprendimento (tanto più se lontano dagli interessi immediati dell’allievo e di natura secondaria), con la pertinenza e il grado di complessità delle conoscenze e abilità che si intendono insegnare.

Scuola della prevenzione dei disagi e del recupero degli svantaggi. La migliore prevenzione è l’educazione. Disponibilità umana all’ascolto e al dialogo, esempi di stili di vita positivi, testimonianza privata e pubblica di valori, condivisione empatica di esperienze, problemi e scelte, significatività del proprio ruolo di adulti e di insegnanti, conoscenze e competenze professionali diventano le occasioni che consentono alla Scuola Secondaria di 1° grado di leggere i bisogni e i disagi dei preadolescenti e di intervenire prima che si trasformino in malesseri conclamati, disadattamenti, abbandoni. Il suo primo punto di forza in questa strategia è rappresentato dal coinvolgimento delle famiglie; i genitori, infatti, sono chiamati in prima persona a confrontarsi non solo con gli eventi scolastici dei figli, ma anche e soprattutto con l’evoluzione della loro peculiare personalità. Laddove tale coinvolgimento mancasse, la scuola stessa è chiamata ad affrontare questo 133


punto di debolezza, utilizzando tutte le proprie risorse, a cui si aggiungono quelle delle istituzioni della società civile presenti sul territorio. In secondo luogo, e coerentemente con l’offerta formativa di istituto, la Scuola Secondaria di 1° grado è chiamata a proporre, in accordo con le famiglie, scelte il più possibile condivise dagli altri soggetti educativi nell’extrascuola (enti locali, formazioni sociali, comunità religiose, volontariato, la società civile intera). Per gli alunni che hanno un retroterra sociale e culturale svantaggiato, comunque, la Scuola Secondaria di 1° grado programma i propri interventi mirando a rimuovere gli effetti negativi dei condizionamenti sociali, in maniera tale da superare le situazioni di svantaggio culturale e da favorire il massimo sviluppo di ciascuno e di tutti. Così essa mira a «rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale» che, limitando di fatto la libertà, «impediscono il pieno sviluppo della persona umana» indipendentemente dal sesso, dalla razza, dalla lingua, dalla religione, dalle opinioni politiche e dalle condizioni personali e sociali (art. 3 della Costituzione).

Scuola della relazione educativa. In educazione, e particolarmente quando si è preadolescenti, è molto difficile impadronirsi delle conoscenze (sapere) e delle abilità (fare) e trasformarle in competenze di ciascuno, in nome e per conto di una logica di scambio: la scuola dà una cosa allo studente che contraccambia con qualcos’altro (impegno, attenzione, studio, correttezza). È difficile anche nel caso in cui alla logica dello scambio si sostituisca quella del rapporto. Avere rapporti tra soggetti dentro l’istituzione scuola, tra docente e allievi, tra docenti e genitori, significa infatti far sempre riferimento all’incontro di ruoli e competenze comunque formalizzate in statuti, norme, contratti, gerarchie, ecc. Con lo scambio, e anche con il rapporto, il rischio dell’estraneità tra i soggetti coinvolti nel processo educativo e della sostituzione del coinvolgimento pieno e diretto, libero e gratuito di ciascuno, con la prestazione pattuita o corretta, ma agìta più per dovere che per intima adesione, resta sempre rilevante. Questo accade molto meno, invece, se alle logiche dello scambio e del rapporto si sostituisce e si vive quella della relazione educativa. La relazione educativa tra soggetti supera, infatti, lo scambio di prestazioni che può rimanere ancora impersonale, così come il rapporto tra figure che esercitano poteri legittimi in modo corretto, ma non per questo si mettono in gioco come persone. La relazione educativa, pur nella naturale asimmetria dei ruoli e delle funzioni tra docente ed allievo, implica, infatti, l’accettazione incondizionata l’uno dell’altro, così come si è, per chi si è, al di là di ciò che si possiede o del ruolo che si svolge. Nella relazione educativa ci si prende cura l’uno dell’altro come persone: l’altro ci 134


sta a cuore e si sente che il suo bene è, in fondo, anche la realizzazione del nostro. Quando si entra in questo clima, gli studenti apprendono meglio. La Scuola Secondaria di 1° grado, perciò, è chiamata a considerare in maniera adeguata l’importanza delle relazioni educative interpersonali che si sviluppano nei gruppi, nella classe, nella scuola e ciò soprattutto in presenza di ragazzi in situazione di handicap. Avere attenzione alla persona; valorizzare, senza mai omologare o peggio deprimere; rispettare gli stili individuali di apprendimento; incoraggiare e orientare; creare confidenza; correggere con autorevolezza quando è necessario; sostenere; condividere: sono solo alcune delle dimensioni da considerare per promuovere apprendimenti significativi e davvero personalizzati per tutti.

Obiettivi specifici di apprendimento Il percorso educativo della Scuola Secondaria di 1° grado, nella prospettiva della maturazione del Profilo educativo, culturale e professionale dello studente alla conclusione del I ciclo dell’istruzione, utilizza gli obiettivi specifici di apprendimento indicati per il primo biennio e per la terza classe, per progettare Unità di Apprendimento. Queste partono da obiettivi formativi adatti e significativi per i singoli allievi, definiti anche con i relativi standard di apprendimento, si sviluppano mediante appositi percorsi di metodo e di contenuto e valutano, alla fine, sia il livello delle conoscenze e delle abilità acquisite, sia se e quanto esse abbiano maturato le competenze personali di ciascun allievo (art. 8 del Dpr. 275/99). Gli obiettivi specifici di apprendimento sono ordinati per discipline, da un lato, e per ‘educazioni’ che trovano la loro sintesi nell’unitaria educazione alla Convivenza civile, dall’altro.

Dagli obiettivi specifici di apprendimento agli obiettivi formativi Il «cuore» del processo educativo si ritrova, quindi, nel compito delle istituzioni scolastiche e dei docenti di progettare le Unità di Apprendimento caratterizzate da obiettivi formativi adatti e significativi per i singoli allievi che si affidano al loro peculiare servizio educativo, compresi quelli in situazione di handicap, e volte a garantire la trasformazione delle capacità di ciascuno in reali e documentate competenze.

135


La scelta degli obiettivi formativi. L’identificazione degli obiettivi formativi può

scaturire dalla armonica combinazione di due diversi percorsi. Il primo è quello che si fonda sull’esperienza degli allievi e individua a partire da essa le dissonanze cognitive e non cognitive che possono giustificare la formulazione di obiettivi formativi da raggiungere, alla portata delle capacità degli allievi e, in prospettiva, coerenti con il Profilo educativo, culturale e professionale, nonché con il maggior numero possibile di obiettivi specifici di apprendimento. Il secondo è quello che si ispira direttamente al Profilo educativo, culturale e professionale e agli obiettivi specifici di apprendimento; questo percorso considera se e quando aspetti dell’uno e degli altri possono inserirsi nella storia narrativa personale o di gruppo degli allievi, dopo averli rielaborati attraverso apposite mediazioni professionali di tempo, di luogo, di qualità e quantità, di relazione, di azione e di circostanza e averli resi percepibili, nella prospettiva della crescita individuale, come traguardi importanti e significativi per ciascun ragazzo e la sua famiglia, nel contesto della classe, della scuola e dell’ambiente. Nell’uno e nell’altro caso, comunque, gli obiettivi formativi sono dotati di una intrinseca e sempre aperta carica problematica e presuppongono una dinamicità che li rende, allo stesso tempo, sempre, per ogni allievo e famiglia, punto di partenza e di arrivo, condizione e risultato di ulteriori maturazioni. Inoltre, non possono essere mai formulati in maniera atomizzata e previsti quasi corrispondenza di performance tanto analitiche quanto, nella complessità del reale, inesistenti. A maggior ragione, infatti, a livello di obiettivi formativi si ripete, anzi si moltiplica, l’esigenza di riferirsi al principio della sintesi e dell’ologramma, già menzionato a proposito degli obiettivi specifici di apprendimento. Se non testimoniassero la traduzione di questo principio nel concreto delle relazioni educative e delle esperienze personali di apprendimento che si svolgono nei gruppi di lavoro scolastici, difficilmente, del resto, potrebbero essere ancora definiti «formativi». Per questo, sebbene formulati dai docenti in maniera analitica e disciplinare, vanno sempre esperiti a partire da problemi ed attività che, per definizione, sono sempre unitari e sintetici, quindi mai riducibili né ad esercizi che pretendono di raggiungerli in maniera atomistica, né alla comprensione dell’esperienza assicurata da singole prospettive disciplinari o da singole “educazioni”. Richiedono, piuttosto, sempre, la mobilitazioni di sensibilità e prospettive pluridisciplinari, interdisciplinari e transdisciplinari, nonché il continuo richiamo all’integralità educativa. Inoltre, aspetto ancora più importante, esigono che siano sempre dotate di senso, e quindi motivanti, per chi le svolge e per chi le propone. 1) EDUCARE ALLA CONOSCENZA E ALLA CONSAPEVOLEZZA DI SE’; ALL’ORIENTAMENTO E ALLA PARTECIPAZIONE SOCIALE  L’alunno dovrà essere in grado di: 136


 capire quali sono i propri atteggiamenti abituali nel rapporto con gli altri, le attività che svolge, l’ambiente che lo circonda;  imparare a progettare, organizzare, elaborare il lavoro scolastico, formulando anche ipotesi circa le risorse, le difficoltà, i limiti e le modalità del proprio agire;  imparare a curare la propria persona;  imparare a controllarsi nelle parole e nei gesti;  imparare a sviluppare le proprie capacità. 2) EDUCARE AD AVERE UN POSITIVO RAPPORTO CON I COMPAGNI, CON GLI ADULTI, CON L’AMBIENTE SCOLASTICO ED EXTRASCOLASTICO. L’alunno dovrà:  imparare a conoscere i compagni e a farsi conoscere;  accettare gli altri ed essere disponibile alla collaborazione;  ascoltare gli altri;  rispettare le opinioni diverse dalle proprie;  usare un linguaggio ed un comportamento corretti ed educati;  essere disponibile nell’accettare le indicazioni degli adulti;  usare correttamente gli spazi, il materiale e le strutture scolastiche;  conoscere, comprendere e rispettare le norme del regolamento interno. 3)       

EDUCARE AD ORGANIZZARE LA PROPRIA ATTIVITA’ E AD ACQUISIRE UN VALIDO METODO DI STUDIO E DI LAVORO. L’alunno dovrà: rispettare gli altri; portare regolarmente il materiale ed usarlo in modo corretto; svolgere con regolarità i compiti e rispettare le consegne; organizzare il tempo studio/gioco; acquisire nello studio autonomia e sistematicità; approfondire i contenuti e gli argomenti; organizzare attività, sia individuali sia di gruppo, anche con alunni di altre classi.

COMPETENZE TRASVERSALI Il Consiglio di Classe, lavorando nella piena collegialità tra tutti i docenti, dovrà sviluppare le seguenti competenze:  capacità di ascolto;  capacità di lettura (correttezza nella pronuncia, intonazione, espressività);  capacità di osservazione (saper cogliere l’insieme e/o i particolari); 137


 capacità motoria, sensoriale, manuale e di percezione;  capacità di comunicazione e di produzione (riferire, raccontare, rispondere a semplici domande articolate, esprimere la propria opinione);  capacità di comprendere e usare correttamente e in modo personale i linguaggi specifici nelle diverse situazioni comunicative (afferrare il senso di un contenuto semplice e/o complesso, interpretare, riorganizzare, dedurre, estendere);  conoscenza degli elementi propri delle discipline;  capacità di applicazione (utilizzare regole, metodi, procedimenti, mezzi e strumenti);  capacità di orientamento nel tempo e nello spazio;  capacità di analisi e di sintesi  capacità di valutazione.

ORGANIZZAZIONE DELLE ATTIVITÀ DIDATTICHE NELLA SCUOLA SECONDARIA DI I° GRADO

La Scuola Secondaria di I° grado ha la seguente organizzazione: Offerta formativa: curricolo nazionale 30 ore settimanali  Laboratori extracurricolari: recupero – consolidamento di Inglese, Matematica e Latino  Patentino  Laboratorio del Fare  Miniguide.

Metodologie Le metodologie di insegnamento ed apprendimento utilizzate dai docenti sono diverse, a seconda delle necessità operative del momento:  Lezione frontale, attiva per stimolare l’alunno a conoscere e a ricercare;  attività di ricerca guidata;  attività di laboratorio;  conversazione, discussione guidata tra gli alunni e con l’insegnante;  esercitazioni collettive, di gruppo e individuali;  lavoro individuale di riflessione e di approfondimento;  lavoro individuale di recupero;  lavoro di gruppo per un confronto di idee e per indagini e ricerche;  attività a classi aperte;  uscite didattiche nel territorio; 138


 visite guidate e viaggi di istruzione, di uno o più giorni, in stretto rapporto con l’attività didattica;  incontri con esperti;  attività di cineforum;  giochi della gioventù e giornate di formazione sportiva.  attività di potenziamento per dare spazio alle eccellenze

Mezzi e strumenti Nel lavoro quotidiano a scuola si utilizzano i sussidi in dotazione; per alcune attività ( informatica, ed. fisica, ed. artistica, ed. musicale, ed tecnica), vi sono locali appositamente attrezzati e sussidi didattici specifici. I mezzi e gli strumenti utilizzati sono i seguenti:  libri di testo adottati;  fotocopie e altro materiale preparato dagli insegnanti;  libri della biblioteca scolastica;  carte geografiche;  lavagna a muro;  sussidi audiovisivi (lavagna interattiva multimediale - TV - videoregistratore – lettore CD - lavagna luminosa – registratore)  laboratorio tecnico;  laboratorio artistico;  laboratorio musicale;  laboratorio multimediale;  palestra e attrezzature sportive.

139


140


ACCOGLIENZA Il Progetto rappresenta un momento fondamentale per l’inserimento dei nuovi alunni e per la ripresa delle attività di tutti gli alunni dell’ISC di Offida. Consiste in specifici percorsi atti a favorire l’integrazione, la conoscenza, il sentirsi parte attiva nel gruppo, lo “stare bene insieme”. Per gli insegnanti è un momento di osservazione dei comportamenti, utile per integrare e/o modificare le informazioni raccolte attraverso i test d’ingresso e i colloqui con i docenti.

FINALITA’ DEL PROGETTO

OBIETTIVI EDUCATIVI

 Favorire l’inserimento nella scuola Primaria degli alunni provenienti dalla scuola dell’Infanzia  Favorire l’inserimento nella scuola Secondaria di 1° grado degli alunni provenienti dalla scuola Primaria  Conoscere la personalità di ciascun ragazzo  Far crescere nei ragazzi la stima di sé e la disponibilità a socializzare ed apprendere  Esplorare con proposte varie e divertenti le risorse e le lacune presenti nella classe  Esplorare l’ambiente circostante con occhi e modalità diverse e divertenti.

 Favorire un atteggiamento di curiosità, di interesse, di attesa  Favorire le relazioni interpersonali con compagni ed adulti  Compiere una prima esplorazione e appropriazione dell’ambiente  Effettuare confronti tra ambiti, tempi organizzativi ed attività  Imparare a star bene con sé e con gli altri  Sentirsi parte di un gruppo affiatato  Accrescere la stima di sé e degli altri  Prendere coscienza delle proprie emozioni  Condividere con altri le emozioni

141


Potenziare abilità di base quali:

    

OBIETTIVI DIDATTICI

Saper ascoltare Saper parlare saper scrivere Saper osservare Saper descrivere Potenziare il coordinamento nella manualità, nel gesto, nel movimento

DURATA

-

SPAZI UTILIZZATI

- Classi – Palestra – Laboratori – Ingresso – Spazio esterno

ATTIVITA’ DELLA GIORNATA

1^- 2^ settimana

 Momenti ludici con attività di brainstorming, gioco dei nomi, gioco della palla.  Conversazione sulle aspettative riferite alla nuova scuola e attività di confronto.  Visita agli spazi e ai laboratori, illustrazione della diversa organizzazione e scansione temporale.  Conversazioni per il ritorno in memoria di esperienze vissute nel contesto extrascolastico e scolastico, per ricavare elementi comuni al gruppo classe e per inserirsi in modo efficace nei percorsi futuri.  Attività di dialogo e ascolto che agevolino la riattivazione dei rapporti con i compagni e gli insegnanti.  Lettura del Regolamento d’Istituto e revisione del Regolamento di classe, riflessione sulla necessità di regole condivise, che si traducano in comportamenti coerenti nei tempi e negli spazi in cui gli alunni condividono i momenti della giornata scolastica.  Utilizzo di linguaggi diversi per rappresentare e socializzare le attività svolte.

142


CONTINUITA’ La Scuola attiva iniziative per la continuità tra i vari ordini di scuola con le seguenti modalità: Rapporto Sezione Primavera - Scuola dell'Infanzia Incontro preliminare tra insegnanti per un passaggio di informazioni relative agli alunni e predisposizione di attività comuni. Rapporto Scuola dell'Infanzia - Scuola Primaria Incontro preliminare tra insegnanti dei due ordini di scuola per un passaggio di informazioni relative agli alunni, rilevate mediante prove oggettive e osservazioni sistematiche. Individuazione da parte della commissione Continuità di obiettivi formativi e didattici comuni. Visita degli alunni dell’Infanzia alla Scuola Primaria per conoscere l'edificio e gli insegnanti con predisposizione di esperienze condivisibili. Rapporto Scuola Primaria - Scuola Secondaria di I Grado Predisposizione, durante l'anno, di un'attività comune che possa fungere da ponte tra le due istituzioni ed avviare l'integrazione tra i gruppi. Incontri tra i docenti dei due ordini di scuole per individuare i livelli di acquisizione delle competenze e delle conoscenze degli alunni, le modalità di apprendimento, gli aspetti relazionali e stilare prove d’ingresso e in uscita. Rapporto Scuola Secondaria di I grado - Scuola Secondaria di II Grado Informazioni sui percorsi formativi offerti dai vari Istituti Superiori e dai Centri di formazione professionale; partecipazione ad attività di orientamento, incontri con docenti e/o studenti dei vari Istituti per la presentazione dei modelli organizzativi e/o di progetti. In collaborazione con gli insegnanti e su richiesta degli alunni interessati verranno organizzate visite agli Istituti superiori. Trasmissione di elementi conoscitivi dei singoli alunni al momento del passaggio alla nuova scuola. A riguardo si segnalano le seguenti attività che si realizzano con regolarità già da diversi anni: - RACCORDO SCUOLA DELL’INFANZIA E SCUOLA PRIMARIA - ACCOGLIENZA CLASSI PRIME Scuola Primaria e Secondaria di I Grado - PROGETTO MINIGUIDE Scuola Primaria e Secondaria di I Grado - PROGETTO D’ORIENTAMENTO per la Secondaria di I Grado Il Dirigente Scolastico incontra i genitori degli alunni delle prime classi di ogni ordine di scuola per illustrare le modalità di funzionamento e l’organizzazione scolastica. 143


INTEGRAZIONE ALUNNI STRANIERI Inserimento degli allievi stranieri: processi di accoglienza e ruolo del mediatore. Svolgimento attività ACCOGLIERE COME Interrogarsi sui bisogni degli allievi immigrati, soprattutto nella fase del preinserimento e dell’inserimento, significa interrogarsi sull’organizzazione didattica generale, sulle modalità comunicative adottate per tutti, sui contenuti, sulla identità dell’Istituto e sulla relazione con l’altro. L’interrogativo fondamentale è: come accogliere nella scuola tutti, senza negare le storie e le appartenenze di ciascuno? Tre sembrano essere le parole chiave e le attenzioni pedagogiche da promuovere: accoglienza, approccio interculturale, attenzione allo sviluppo linguistico. L’ACCOGLIENZA E’ il primo momento in cui vengono trattati i vari aspetti che riguardano il primo contatto dell’alunno e della sua famiglia con la realtà scolastica. La normativa relativa all’inserimento degli allievi stranieri fornisce alcune indicazioni sulle modalità di accoglienza e sulla scelta della classe. Fino ad oggi le circolari ministeriali prescrivevano che essi fossero “iscritti alla classe successiva, per numero di anni di studio, a quella frequentata con esito positivo nel paese di provenienza”. Suggerivano inoltre che solo “… in presenza di situazioni di particolare difficoltà i consigli di classe valuteranno responsabilmente la possibilità di iscrivere l’alunno alla classe immediatamente precedente a quella cui aspira per numero di anni di studio” (C.M. n. 301 del 1989 e n. 205 del 1990). Le indicazioni di legge più recenti sottolineano invece come prioritario il criterio dell’età dell’alunno straniero e non più quello della scolarità precedente. Infatti il capo VII art. 45 del DPR 31 agosto 1999, n. 394 (regolamento di attuazione del testo unico delle disposizioni concernenti la disciplina dell’immigrazione), concernente le disposizioni in materia di istruzione – diritto allo studio e professioni, prescrive: -L’iscrizione dei minori alla scuola dell'obbligo può essere richiesta, anche per minori irregolarmente soggiornanti, in qualunque periodo dell'anno scolastico -L’iscrizione è disposta d'ufficio alla classe corrispondente all'età anagrafica del minore. -L'iscrizione può essere disposta per classe diversa sulla base delle determinazioni adottate dal collegio dei docenti, tenendo conto del diverso ordinamento degli studi (in tal caso, iscrizione in una classe immediatamente superiore o

144


immediatamente inferiore), della preparazione del minore, del corso di studi svolto, del titolo di studi posseduto -Il collegio dei docenti propone la ripartizione degli studenti stranieri nelle classi, evitando che si formino classi con presenza straniera predominante -Il collegio dei docenti definisce, in relazione al livello di competenza dei singoli alunni stranieri, il necessario adattamento dei programmi di insegnamento: allo scopo possono essere adottati specifici interventi individualizzati o per gruppi di alunni, utilizzando, ove possibile, le risorse professionali della scuola. Per l'approfondimento della conoscenza della lingua italiana possono essere attivati corsi intensivi nell'ambito delle attività aggiuntive di insegnamento per l’arricchimento dell’offerta formativa. Ciò dovrebbe eliminare, o quantomeno ridurre, il tasso di "ritardo scolastico", e cioè la disparità fra età anagrafica e scolastica, che penalizza una parte significativa dei bambini e dei ragazzi stranieri. Inseriti in certi casi con uno scarto di alcuni anni rispetto ai compagni italiani. Dovendo interagire con bambini molto più piccoli, con esperienze e interessi troppo distanti dai loro, alcuni allievi immigrati hanno manifestato reazioni di chiusura e apatia oppure di rifiuto, demotivazione. E’ fondamentale stabilire criteri precisi rispetto all’inserimento dell’alunno nelle singole classi e fare una ricognizione completa di ciò che sa fare per avere elementi su cui decidere. La scuola si trova quindi a dover rivedere le proprie modalità organizzative per accogliere in maniera positiva chi viene da lontano, per conoscerne la storia e i percorsi di arrivo,per riconoscerne i saperi e le competenze. Accogliere in maniera positiva vuol dire organizzare modalità di inserimento non casuali e penalizzanti; costruire luoghi educativi aperti e disponibili al confronto con l'altro; applicare la normativa individuando gli spazi e le risorse per realizzare un progetto di integrazione adeguato e valido. Il nostro agire è quindi guidato dalla consapevolezza che la fase dell'accoglienza rappresenta il primo contatto del minore e della famiglia straniera con la scuola italiana, con gli insegnanti e i dirigenti scolastici, l’imprinting fondamentale che segna in maniera profonda le successive tappe dell’inserimento. UNA COMMISSIONE PER L’INTEGRAZIONE Per organizzare l'accoglienza dei minori che vengono iscritti nei tempi previsti e di coloro che arrivano nel corso dell’anno, è stata istituita una "commissione per l'inserimento degli allievi stranieri” con un referente per l’integrazione. COMPITI DELLA COMMISSIONE: - organizza la fase di "osservazione" del minore straniero neoarrivato (colloquio con la famiglia, colloqui e/o test con il bambino) attraverso la persona del referente. 145


- propone le prove di rilevazione della situazione iniziale (non verbali e non connotate dal punto di vista culturale) attraverso la persona del referente. - propone la classe e la sezione di inserimento dell’allievo neo-arrivato - organizza uno spazio/laboratorio linguistico per l'insegnamento dell'italiano come lingua seconda (raccolta di testi, progetti, risorse, materiali didattici ... ) - stabilisce i contatti con altre scuole, con istituzioni ed enti diversi, con i servizi del territorio per acquisire strumenti, materiali, indicazioni progettuali e didattiche. La presenza di alunni stranieri per la nostra scuola è occasione preziosa per interrogarsi, ripensare e rivedere stili e modalità di azione, arricchire la proposta didattica, la preparazione psicologica, la diversificazione metodologica con la predisposizione di strumenti particolari e di momenti individualizzati e socializzanti. IL MEDIATORE CULTURALE Questa figura professionale è di supporto al ruolo educativo della scuola. Il mediatore culturale può collaborare sostanzialmente in quattro ambiti di intervento: 1. compiti di accoglienza, tutoraggio e facilitazione nei confronti degli allievi neo arrivati e delle loro famiglie; 2. compiti di mediazione nei confronti degli insegnanti; fornisce loro informazioni sulla scuola nei paesi di origine, sulle competenze, la storia scolastica e personale del singolo alunno; 3. compiti di interpretariato e traduzione (avvisi, messaggi, documenti orali e scritti) nei confronti delle famiglie e di assistenza e mediazione negli incontri dei docenti con i genitori, soprattutto nei casi di particolare problematicità; 4. compiti relativi a proposte e a percorsi didattici di educazione interculturale, condotti nelle diverse classi, che prevedono momenti di conoscenza e valorizzazione dei Paesi, delle culture e delle lingue d’origine. Dal punto di vista della normativa, le leggi sull’immigrazione (Legge n. 40 del 6 marzo 1998 e n. 189 del 30 luglio 2002) fanno esplicitamente riferimento a questa figura professionale: “lo Stato,le Regioni, le Province e i Comuni nell’ambito delle proprie competenze favoriscono la realizzazione di convenzioni con associazioni per l’impiego, all’interno delle proprie strutture, di stranieri titolari di carta di soggiorno o di permesso di soggiorno di durata non inferiore a due anni, in qualità di mediatori interculturali, al fine di agevolare i rapporti tra le singole amministrazioni e gli stranieri appartenenti ai diversi gruppi etnici, nazionali, linguistici e religiosi” (Legge n. 40/98, art. 40, comma 1). L’art. 36 della stessa legge indica, inoltre, la necessità di stabilire “i criteri e le modalità di comunicazione con le famiglie degli alunni stranieri, anche con l’ausilio di mediatori culturali qualificati” e, ove possibile, delle famiglie stesse. Resta fermo che la funzione di mediazione, nel suo insieme, è compito generale e prioritario della scuola stessa, quale istituzione preposta alla formazione culturale della totalità degli allievi nel contesto di territorio. 146


IL RUOLO DEL MEDIATORE Il mediatore culturale è importante per la preparazione della prima fase di inserimento. Egli ha la possibilità di introdurre l’alunno straniero in un universo di linguaggio, di comportamenti e di modi di apprendere il mondo che possono essere anche marcatamente diversi da quelli in cui è abituato a muoversi. La presenza di un mediatore, possibilmente dello stesso paese di origine, è prima di tutto una forma di sostegno psicologico notevole per chi comincia questo processo, oltre che un elemento di avviamento rapido all’apprendimento della lingua italiana, di valorizzazione e di interazione con l’universo di provenienza. Il contributo di questa figura permette la trasformazione dei metodi di insegnamento degli insegnanti in una scuola che sempre di più dovrà diventare “interculturale”. Il ruolo del mediatore è perciò molteplice e i suoi compiti possono essere riassunti nei seguenti punti: preparazione dell’inserimento: contatti preliminari e continuativi con gli insegnanti e le famiglie degli alunni interessati; rilevazione della situazione dell’alunno migrante dal punto di vista della storia personale, delle conoscenze linguistiche e del contesto di provenienza; primo contatto con l’ambiente scolastico, apprendimento degli spazi, dei tempi delle relazioni e dei ruoli degli operatori nella scuola, con annesso lessico di base ed espressioni funzionali; presenza in classe e mediazione comunicativa per quel che riguarda le consegne, le indicazioni e istruzioni fondamentali in rapporto alle varie discipline. Accanto alla figura del mediatore culturale la scuola dispone di un’altra importante risorsa: il facilitatore linguistico.

IL FACILITATORE LINGUISTICO Il facilitatore linguistico è un professionista esperto nella didattica dell’italiano lingua seconda tanto che, se fosse ufficialmente prevista questa funzione nella scuola, potrebbe essere definito “insegnante di italiano L2” (Favaro, 2002, p. 63). I facilitatori linguistici sono quindi insegnanti ed educatori, di madrelingua italiana, con una adeguata formazione didattica, glottodidattica e pedagogicointerculturale, che collaborano, autonomamente o come membri di associazioni e cooperative che operano nel territorio, con gli enti locali (specialmente i Comuni) nei progetti di facilitazione linguistica, promossi e finanziati dalla scuola o dagli stessi enti locali. Questo personale esperto lavora con gli studenti stranieri gestendo e conducendo i laboratori di italiano L2 nelle scuole sia in orario scolastico che extrascolastico 147


(per esempio attività di doposcuola finalizzate allo svolgimento dei compiti, al rafforzamento linguistico e allo studio disciplinare). I COMPITI DEL FACILITATORE LINGUISTICO I compiti organizzativi e didattici del facilitatore linguistico possono essere i seguenti: collaborare nella definizione di pratiche condivise all’interno della scuola in tema di accoglienza degli alunni stranieri; sostenere e guidare gli alunni neo-arrivati nella loro fase di adattamento, diventando un punto di riferimento per richieste di informazioni e di aiuto; facilitare l’apprendimento della lingua all’interno i laboratori di italiano L2; ricostruire il profilo linguistico, cognitivo e culturale di ogni allievo straniero neoarrivato nella scuola partecipando con gli insegnanti, i mediatori culturali ed altre figure preposte (ad esempio psicopedagogisti, membri della Commissione Intercultura) alla documentazione e valutazione iniziale delle sue competenze ed abilità e alla rilevazione dei suoi bisogni linguistici e comunicativi iniziali; programmare un percorso didattico coerente con le competenze e i bisogni rilevati dell’alunno e con gli obiettivi comuni di apprendimento linguistico e disciplinare; relazionarsi e collaborare con gli insegnanti nella decisione degli obiettivi comuni da raggiungere per il pieno inserimento dell’allievo straniero e l’apprendimento della lingua per comunicare e per studiare le diverse discipline scolastiche; essere di supporto didattico agli insegnanti fornendo materiali e strumenti utili e suggerendo metodologie per l’insegnamento dell’italiano L2 e la gestione della classe plurilingue; monitorare l’apprendimento degli allievi; valutare e documentare i risultati ottenuti e gli obiettivi raggiunti dagli allievi stranieri al termine del periodo di facilitazione linguistica; promuovere e facilitare il dialogo interculturale fra tutte le persone che vivono la scuola.

PROCEDURA DI ISCRIZIONE NEL NOSTRO ISTITUTO Un addetto di segreteria è incaricato a ricevere l’iscrizione dell’alunno. Al momento dell'iscrizione è vincolante la presenza di un genitore dell'alunno o di un suo tutore per: 148


– – –

raccogliere i dati personali e documenti scolastici; acquisire l'opzione di avvalersi o no dell'insegnamento della religione cattolica; fornire il libretto scolastico per le giustificazioni, ritardi e assenze e il regolamento di istituto.

Una volta effettuata l'iscrizione e sentito il parere del DIRIGENTE, l'addetto di segreteria contatta la FS area 4 e il membro della commissione referente del plesso dell'eventuale inserimento, i quali si occuperanno di: – fare un colloquio con la famiglia o il tutore dell'alunno; – compilare il modulo relativo alla biografia linguistica; – fare un colloquio ed eventualmente un test d’ingresso all’alunno per rilevare le competenze linguistiche in italiano (in occasione del quale il docente presenta la scuola e i suoi spazi all’alunno); – richiedere una copia dei documenti scolastici del paese d'origine; – dare ulteriori informazioni su a) regolamento e funzionamento dell'Istituto b) uso del diario e del libretto delle giustificazioni c) modalità dei colloqui con i docenti

E' opportuno che, tra l'atto dell'iscrizione e l'inizio della frequenza scolastica, intercorra almeno una settimana. Questo lasso di tempo e' necessario per :  

effettuare le attività descritte nell'accoglienza dare il tempo al Dirigente scolastico e al docente FS area 4 di decidere, previa consultazione con gli insegnanti interessati (responsabile di team per la scuola primaria), la classe di assegnazione e consegnare ad essi il materiale raccolto comunicare la nuova iscrizione a tutto il personale coinvolto

CRITERI PER L’ASSEGNAZIONE ALLA CLASSE In base a quanto previsto dall’art. 45 del DPR 31/8/99 n. 349, i bambini stranieri devono essere inseriti nella classe corrispondente all’età anagrafica, in quanto l’inserimento in classi inferiori a causa dell’insufficiente padronanza linguistica risulterebbe penalizzante e ostacolerebbe il processo di socializzazione e integrazione. Pertanto  Se all’inizio dell’anno, l’alunno presenta una corrispondenza fra età e classe, comprovata da documentazione scolastica, inserimento avviene nella classe successiva (C.M.301/89: “L’iscrizione deve avvenire nella classe successiva a quella frequentata con esito positivo nel paese di provenienza”) L’iscrizione in una classe diversa (immediatamente precedente o successiva) avverrà tenendo conto: 149


a) dell’ordinamento degli studi del Paese di provenienza dell’alunno; b) dell’accertamento di competenze, abilità, e livelli di preparazione dell’alunno; c) del corso di studi eventualmente seguito dall’alunno nel Pese di provenienza; d) del titolo di studio eventualmente posseduto dall’alunno. La scelta della sezione avverrà invece sulla base dei seguenti criteri:  Il numero degli allievi per classe: per cui verrà inserito in quella meno numerosa  la presenza di altri stranieri: si cercherà di evitare di concentrare gli allievi stranieri in un’unica classe e di inserire allievi provenienti dallo stesso paese nelle stesse classi. Ciò sia per dare a tutte le classe l’opportunità di conoscere e imparare ad interagire con diverse culture, sia per facilitare l’integrazione con il gruppo classe.  la presenza di altre situazioni problematiche: per distribuire equamente fra tutti i consigli di classe / interclasse il compito delle programmazioni individualizzate In questo momento iniziale, gli aspetti da approfondire e i punti di attenzione da considerare sono molteplici così come può essere sintetizzato dallo schema: I DIVERSI ASPETTI DELL'ACCOGLIENZA amministrativo/burocratico  raccogliere i dati biografici e la storia scolastica: età, classe frequentata nel paese d’origine;  durata e calendario del sistema scolastico di provenienza;  informazioni sulla scuola nel paese d’origine;  accertare lo stato di salute, la situazione giuridica e quella familiare (composizione del nucleo familiare, cause dell’emigrazione, progetto migratorio). educativo/didattico  osservare i comportamenti e le abilità;  rilevare le competenze già acquisite e i bisogni specifici di apprendimento;  individuare la classe e la sezione in cui inserire l’allievo;  elaborare percorsi didattici individualizzati;  rivedere la programmazione della classe. comunicativo  facilitare l'informazione e la comunicazione tra la scuola e la famiglia straniera;  prestare attenzione agli aspetti non verbali della comunicazione;  fare ricorso eventualmente a interpreti e mediatori culturali per facilitare la comunicazione e superare le difficoltà linguistiche. relazionale 150


 prestare attenzione al “clima” e alla relazione per ridurre l'ansia, la diffidenza, la distanza del minore e della famiglia;  prestare attenzione ai momenti iniziali di socializzazione dell’allievo neoarrivato e ai rapporti con i compagni;  prevenire situazioni di rifiuto, non accettazione, chiusura. sociale  prendere contatti con enti e associazioni del territorio per collaborazioni e intese;  acquisire materiali, risorse e testi presso centri di documentazione e attraverso contatti con altre scuole che hanno da più tempo un inserimento di allievi stranieri. APPENDICE NORMATIVA

Come accogliere l’alunno straniero nelle linee guida.

Con il termine accoglienza ci si riferisce all’insieme degli adempimenti e dei provvedimenti attraverso i quali viene formalizzato il rapporto dell’alunno e della sua famiglia con la realtà scolastica. Gli ambiti entro cui tale rapporto si sviluppa attengono a tre aree distinte: A. Area amministrativa; B. Area comunicativo - relazionale; C. Area educativo - didattica. A. AREA AMMINISTRATIVA L’iscrizione L’obbligo scolastico, integrato nel più ampio concetto di diritto-dovere all’istruzione e alla formazione (art. 68 della Legge 17 maggio 1999, n. 144, ripreso nell’art. 2 della Legge n. 53/2003 e nell’art..1 del Decreto Legislativo 15 aprile 2005, n. 76 relativi al diritto-dovere all’istruzione e alla formazione) concerne evidentemente anche i minori stranieri che abbiano tra i 15 e i 18 anni indipendentemente dalla regolarità della posizione in ordine al soggiorno in Italia (art. 38 del D.L.vo 25 luglio 1998, n. 286; art. 45 del D.P.R. n. 394/99). Le iscrizioni, pertanto, possono essere richieste in qualsiasi momento dell’anno scolastico (D.P.R. n. 394/99, art. 45; C.M. del 23 marzo 2000, n. 87; C.M. del 5 gennaio 2001, n. 3; C.M. del 28 marzo 2002, n. 87; C.M. del 23 dicembre 2005, n. 93). Gli alunni privi di documentazione anagrafica o in posizione di irregolarità, vengono iscritti con riserva in attesa della regolarizzazione. L'iscrizione con riserva non pregiudica il conseguimento dei titoli conclusivi dei corsi di studio delle scuole di ogni ordine e grado.(art. 45 del D.P.R. n. 394/99). 151


L´iscrizione scolastica con riserva non costituisce un requisito per la regolarizzazione della presenza sul territorio italiano, né per il minore, né per i genitori. E’ necessario, sin dall’iscrizione, una chiara ricognizione del pregresso scolastico dell’alunno per interventi specifici e la stretta collaborazione della famiglia per la definizione del suo percorso formativo. La documentazione All’atto dell’iscrizione, devono essere richiesti i documenti appresso elencati e compilata la domanda di iscrizione predisposta dall’istituto.

Permesso di soggiorno e documenti anagrafici

Il permesso di soggiorno viene rilasciato direttamente all’alunno straniero che abbia compiuto il 14° anno d’età, in caso contrario ad uno dei due genitori. Nell’attesa del rilascio del permesso di soggiorno, il dirigente scolastico accetterà la ricevuta della Questura attestante la richiesta. Per i documenti anagrafici (carta di identità, codice fiscale, certificato di nascita, atto di cittadinanza) la recente normativa estende ai cittadini stranieri, regolarmente soggiornanti, il diritto all’autocertificazione (Leggi n. 15/68 e n. 127/97, D.P.R. n. 403/98), fermo restando il dovere di esibire il documento di riferimento, se richiesto e se reperibile agli atti di uffici italiani. In caso di eventuale discrepanza tra le informazioni contenute nell’autocertificazione e documenti di riferimento, oppure tra i dati di due documentazioni distinte – di per sé valide – (ad es. per quanto concerne i dati anagrafici), potranno essere ritenuti validi i datidel permesso di soggiorno. In mancanza dei documenti, la scuola iscrive comunque il minore straniero, poiché la posizione di irregolarità non influisce sull’esercizio di un diritto-dovere riconosciuto. Il contenuto delle norme citate nel precedente paragrafo esclude che vi sia un obbligo da parte degli operatori scolastici di denunciare la condizione di soggiorno irregolare degli alunni che stanno frequentando la scuola e, quindi, esercitano un diritto riconosciuto dalla legge. Qualora la scuola riscontri il caso di minori stranieri “non accompagnati” (ossia che risultino abbandonati o privi di genitori o di altri adulti legalmente responsabili della loro tutela) deve darne subito segnalazione all’autorità pubblica competente per le procedure di accoglienza e affido, ovvero di rimpatrio assistito (art. 32 del D.L.vo. n. 286/98). Per quanto concerne l’accertamento della cittadinanza dell’alunno, si ricorda che, secondo la normativa in vigore nel nostro Paese, chi nasce in Italia da genitori stranieri acquisisce la cittadinanza dei genitori. Si segnala, altresì, che i figli di coppie miste possono avere doppia cittadinanza.

Documenti sanitari

Il documento attestante le vaccinazioni obbligatorie effettuate deve essere tradotto in italiano. Di recente è stato chiarito che i dirigenti degli istituti di istruzione statale, o non statali, sono tenuti ad accertare se sono state praticate 152


agli alunni le vaccinazioni obbligatorie, richiedendo la presentazione della relativa certificazione. Se il minore ne è privo, la famiglia può rivolgersi ai servizi sanitari perché rilevino la situazione vaccinale ed eseguano l’intervento sanitario eventualmente necessario. In ogni caso, la mancanza di vaccinazioni non può precludere l’ingresso a scuola, né la regolare frequenza. Se il minore non è vaccinato e la famiglia dichiara di non volerlo vaccinare, il Capo d’istituto comunica la circostanza alla ASL di competenza (Circolare Ministero della Sanità e della Pubblica Istruzione del 23 settembre 1998). E’ stato, infatti, di recente chiarito che i dirigenti degli istituti di istruzione statale o non statale sono tenuti ad accertare se siano state praticate agli alunni le vaccinazioni obbligatorie, richiedendo la presentazione della relativa certificazione.

Documenti scolastici

E’ richiesto il certificato attestante gli studi compiuti nel paese d´origine, o la dichiarazione del genitore dell’alunno o di chi ha la responsabilità del minore, attestante la classe e il tipo d´istituto frequentato. Il dirigente scolastico, per le informazioni e le conferme del caso, può prendere contatto con l´autorità diplomatica o consolare italiana che rilascia una dichiarazione sul carattere legale della scuola estera di provenienza dell’alunno. Il documento scolastico - qualora redatto in una lingua non facilmente comprensibile nel nostro Paese, può essere tradotto da traduttori ufficiali accreditati presso il tribunale. B. AREA COMUNICATIVO - RELAZIONALE La gestione dell’accoglienza implica all’interno dell’istituto un lavoro costante di formazione del personale, attraverso gli strumenti che la scuola nella sua autonomia riterrà di adottare. Potrebbe essere utile, come risulta da molte esperienze, una commissione di lavoro formata da un gruppo ristretto di docenti I genitori sono la risorsa fondamentale per il raggiungimento del successo scolastico: pertanto le diverse culture di appartenenza richiedono alla scuola di individuare gli strumenti migliori di dialogo. Di particolare importanza risulta la capacità della scuola di facilitare la comunicazione con la famiglia dell’alunno, prestando attenzione anche agli aspetti non verbali, facendo ricorso, ove possibile a mediatori culturali o ad interpreti, per superare le difficoltà linguistiche ed anche per facilitare la comprensione delle scelte educative della scuola. Utile a tal proposito potrebbe essere un foglio informativo, tradotto nelle diverse lingue, che spieghi l’organizzazione della scuola e le diverse opzioni educative; riporti il calendario degli incontri scuola-famiglia ed una breve sintesi delle modalità di valutazione delle competenze.

153


Rileviamo altresì l’importanza del ruolo facilitatore vicendevole che le famiglie possono svolgere, l’una a supporto delle altre, come dimostrano alcune esperienze significative in atto. C. AREA EDUCATIVO - DIDATTICA Per l’approfondimento e la rilevazione dei dati relativi al bambino straniero ed alla sua famiglia è opportuno fissare un incontro successivo all’iscrizione. Risulta utile a tal proposito che la scuola, attraverso la commissione accoglienza o intercultura, si doti di una traccia tipo per lo svolgimento di questo colloquio che sia utile a comunicare informazioni sull’organizzazione della scuola, sulle modalità di rapporto scuola-famiglia che faciliti la raccolta di informazioni sulla situazione familiare e sulla storia personale e scolastica dell’alunno, nonché sulle aspirazioni educative della famiglia. La presenza del mediatore culturale, ove necessaria, potrà contribuire a creare un clima sereno di comunicazione reale. Sarà importante – in ogni caso – mantenere un atteggiamento di estremo rispetto ad evitare un approccio che possa essere frainteso come invasivo. Il primo colloquio, fondamentale per un sereno e proficuo ingresso dell’alunno a scuola, va preparato coinvolgendo tutti i soggetti interessati. E’ utile riuscire ad accertare alcuni livelli di competenze ed abilità per definire l’assegnazione alla classe. Rimane però fondamentale il criterio generale di inserire l’alunno secondo l’età anagrafica (art. 45 del D.P.R. 394/99). Slittamenti di un anno su classe inferiore vanno ponderati con molta attenzione in relazione ai benefici che potrebbero apportare e sentita la famiglia. Scelte diverse andranno valutate caso per caso dalle istituzioni scolastiche. Per un pieno inserimento è necessario che l’alunno trascorra tutto il tempo scuola nel gruppo classe, fatta eccezione per progetti didattici specifici, ad esempio l’apprendimento della lingua italiana, previsti dal piano di studio personalizzato. L’immersione, in un contesto di seconda lingua parlata da adulti e compagni, facilita l’apprendimento del linguaggio funzionale.

154


TITOLO DEL PROGETTO

“ALFABETIZZAZIONE E INTEGRAZIONE ALUNNI STRANIERI” Responsabile progetto Fulvia Ippoliti – Funzione strumentale AREA 4 Finalità Integrazione degli alunni stranieri, anche attraverso l’alfabetizzazione. Educazione alla solidarietà, alla pluralità e alla convivenza democratica, attraverso la promozione di attività dentro le quali ogni alunno può conoscere l'altro e le altre culture ( ambito educazione alla cittadinanza e costituzione).

Obiettivi 1. Offrire un sostegno linguistico agli alunni stranieri, affinché essi possano:  imparare a leggere e scrivere in italiano L2;  imparare a usare l’italiano L2 in contesti socialmente utili;  imparare a usare l’italiano L2 per studiare. 2. Favorire l’accoglienza, l’inserimento e la socializzazione degli alunni stranieri all’interno della classe e della scuola, anche attraverso:  la conoscenza e la valorizzazione della cultura di provenienza dei compagni stranieri;  il riconoscimento delle diversità come risorsa. 3. Produrre e raccogliere materiale per l’educazione interculturale e per l’alfabetizzazione degli alunni stranieri, con cui arricchire il laboratorio per l’apprendimento della L2. 4. Collaborare con altri docenti per attivare piccoli laboratori di recupero e/o approfondimento di italiano L2 ,sia per il linguaggio quotidiano ( prima alfabetizzazione), sia per gli approfondimenti della lingua nei suoi aspetti più specifici legati alle diverse discipline (la lingua italiana per lo studio). 5. Promuovere una maggiore sensibilizzazione nei docenti:  dando la propria disponibilità e competenza a quanti si troveranno ad operare con minori stranieri e, più in generale, consulenza e materiale utile per affrontare specifici momenti interculturali all'interno del curricolo scolastico;  facilitando il confronto e lo scambio di esperienze con altre realtà presenti sul territorio;  costituendo un gruppo di lavoro per preparare materiale utile e per costruire un bagaglio di conoscenze comuni idonee ed efficaci. 6. Facilitare:  L’integrazione dei nuclei familiari stranieri nella realtà locale attraverso un percorso di conoscenza della scuola, del territorio, dei servizi e della lingua italiana, fornendo loro tutte le informazioni utili.  la comunicazione scuola-famiglie straniere per comprendere il sistema scuola e le sue richieste, anche con la traduzione di avvisi e moduli, ed eventualmente, se servisse, richiedendo la presenza di mediatori.

155


Destinatari Alunni stranieri e classi in cui sono inseriti. Docenti dell’Istituto. Famiglie di alunni stranieri.

Metodologie

Il coordinamento del progetto è affidato alla Funzione Strumentale incaricata, che si occuperà anche della raccolta di materiale, della sua organizzazione e della consulenza per i docenti. La programmazione delle attività verrà comunicata dentro un gruppo di lavoro/commissione in cui saranno rappresentati i vari plessi. Gli interventi di alfabetizzazione e/o di consolidamento saranno rivolti a singoli alunni o a piccoli gruppi, secondo le necessità. Le famiglie straniere potranno sempre rivolgersi all'insegnante referente per chiarimenti o suggerimenti, a disposizione su appuntamento. Verifiche e valutazioni La verifica del progetto sarà effettuata utilizzando i seguenti strumenti:  

osservazioni sistematiche; prove d’ingresso/ prove in itinere e finali, per controllare sistematicamente il percorso di apprendimento della L2; riunioni periodiche della commissione; aggiornamenti periodici della referente coi docenti di classe coinvolti e/o facilitatori, esterni o interni.

 

La valutazione complessiva terrà conto dei risultati rilevati attraverso l’analisi di tutti i punti considerati.

Rapporti con le altre istituzioni  Associazione per la promozione della multiculturalità “AFRIK – DIASPORA picena”.  Cooperativa sociale “IL MONDO” a.r.l., facilitatori linguistici e mediatori interculturali.  Amministrazioni comunale e provinciale.

Tempi Intero anno scolastico.

IL RESPONSABILE DEL PROGETTO Fulvia IPPOLITI 156


157


Ministero della Pubblica Istruzione

ISTITUTO COMPRENSIVO OFFIDA

Scuola dell’Infanzia – Primaria - Secondaria di I° Grado OFFIDA Scuola dell’Infanzia – Primaria - CASTORANO Tel. e Fax 0736/889373 – Email: apic81500d@istruzione.it - Cod. fisc. : 92033370443

SCHEDA di PROGETTAZIONE piano dell’offerta formativa 2011 – 2012

PROGETTO /LABORATORIO CURRICOLARE Arricchimento del curricolo: per l’ampliamento dell’offerta formativa

PROGETTO/LABORATORIO CURRICOLARE Opzionale

PROGETTO / LABORATORIO EXTRACURRICOLARE facoltativo

SCUOLA _SEZ. PRIMAVERA OFFIDA_

x

PLESSO_VIA DELLA REPUBBLICA

GRUPPO / I ETA’ 24 /36 MESI_

SEZ. _ PRIMAVERA_

Sezione 1 - Descrittiva 1.1- Denominazione progetto " SEZIONE PRIMAVERA OFFIDA ” 1.2 -Responsabile progetto GIUDICI Emilia 1.3 –Obiettivi ACCOGLIERE ED INSERIRE I BAMBINI DAI 24 AI 36 MESI ATTIVARE LA CONTINUITA’ TRA FAMIGLIA/ ASILO NIDO/ SEZ. PRIMAVERA E SCUOLA DELL’INFANZIA. FAVORIRE L’ACQUISIZIONE DELL’AUTONOMIA E LO SVILUPPO DI ABILITA’ E COMPETENZE PROPRIE DELL’ETA’. EFFETTUARE ESPERIENZE DIDATTICHE PER AGEVOLARE ILPASSAGGIO DEL BAMBINO DA UN ORDINE DI SCUOLA ALL’ALTRO PARTECIPARE ATTIVAMENTE AD ATTIVITA’ CONCORDATE CON LE INSEGNANTI DELLA SCUOLA DELL’INFANZIA. VIVERE ED OPERARE IN UN PICCOLO GRUPPO MISTO PER SPERIMENTARE LE PRIME FORME DI SOCIALIZZAZIONE. SPERIMENTARE LE DIVERSE ATTIVITA’ MOTORIE CHE PROMUOVANO L’AUTOCONTROLLO, IL CONTROLLO SFINTERICO, L’ACQUISIZIONE DEL SE’ CORPOREO E DEGLI SCHEMI DINAMICI DI BASE. FAVORIRE ESPERIENZE ESPRESSIVO/COMUNICATIVE ATTRAVERSO LA MEMORIZZAZIONE DI FILASTROCCHE, CANZONI MIMATE, BREVI STORIE…PER SVILUPPARE IL SENSO DEL RITMO,LA MEMORIA E L’ACQUISIZIONE CORRETTA DI TUTTI I FONEMI. CONOSCERE ED ESPLORARE GLI SPAZI INTERNI ED ESTERNI DEL PLESSO SCOLASTICO NEL QUALE E’ COLLOCATA LA SEZIONE.

1.4 -Risorse umane

DOCENTI INTERNI: AMATUCCI SONIA, CARDINELLI LAURA, GIORGI IRENE. 1.5 –Durata DA OTTOBRE 2011 A GIUGNO 2012 1.6 - Beni e servizi COLORI PER DIGIPITTURA, COLORI A SPIRITO GRANDI, CARTA PER FOTOCOPIE, FOGLI DI CARTA DA PACCHI DIDO, PLASTILINA, COLORI A TEMPERA COLLA VINAVIL , CARTA CRESPA, CARTA COLLAGES DEI COLORI PRINCIPALI.

Data _10_/_10_/ 2011 IL RESPONSABILE DEL PROGETTO L’INS. INCARICATA DI FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 GIUDICI Emilia 158


159


Ministero della Pubblica Istruzione

ISTITUTO COMPRENSIVO OFFIDA

Scuola dell’Infanzia – Primaria - Secondaria di I° Grado OFFIDA Scuola dell’Infanzia – Primaria - CASTORANO Tel. e Fax 0736/889373 – Email: apic81500d@istruzione.it - Cod. fisc. : 92033370443

SCHEDA di PROGETTAZIONE piano dell’offerta formativa 2011 - 2012

PROGETTO /LABORATORIO CURRICOLARE Arricchimento del curricolo: per l’ampliamento dell’offerta formativa

PROGETTO/LABORATORIO CURRICOLARE Opzionale

PROGETTO / LABORATORIO EXTRACURRICOLARE facoltativo

SCUOLA _INFANZIA OFFIDA_ GRUPPO / I _ MISTO_

X

PLESSO_ P. BARONCELLI_ SEZ. _ A/BC/D_

Sezione 1 – Descrittiva 1.1- Denominazione progetto " LEGGIAMO L’AMBIENTE ED IL TERRITORIO” 1.2 -Responsabile progetto GIUDICI Emilia 1.3 –Obiettivi CONOSCERE GLI ELEMENTI FONDAMENTALI PER LA VITA: ARIA, ACQUA, TERRA, FUOCO. INDIVIDUARLI NELL’AMBIENTE CIRCOSTANTE,COMPRENDERE LA LORO INDISPENSABILE FUNZIONE RICERCARLI NEI DIVERSI AMBIENTI IN CUI SI EFFETTUERANNO ESPERIENZE CONCRETE: OFFIDA (S.BARNABA, IL BOSCO IN CITTA’) I PAESI LIMITROFI(CASTORANO), MONTEMONACO (FIUME AMBRO), ASCOLI PICENO (CASERMA DEI VIGILI DEL FUOCO). AMARE ED APPREZZARE I DIVERSI AMBIENTI. CONOSCERE LE PARTICOLARI CARATTERISTICHE E L’IMPORTANZA DELLE LORO FUNZIONI. COLLOCARSI NELLO SPAZIO FISICO, EFFETTUARE PERCORSI, ANIMAZIONI. LEGGERE ATTRAVERSO TUTTI I CANALI PERCETTIVI: VISIVO,UDITIVO,TATTILE,GUSTATIVO,OLFATTIVO. RACCONTARE LE ESPERIENZE EFFETTUATE ANIMARE UTILIZZANDO IL PROPRIO CORPO, LE MUSICHE, I CANTI. RAPPRESENTARE CON TECNICHE DIVERSE: GRAFICO-PITTORICHE E PLASTICHE. 1.4 -Risorse umane .CAROSI MAFALDA, CROCERI EMI, GIUDICI EMILIA, MARCHEI VITTORIA, MASSICCI PATRIZIA,PETROCCHI CATERINA,SPURIO DONATELLA, CALVARESI MIRELLA 10 ore pro capite per un totale di 80 ore funzionali. 1.5 –Durata GENNAIO – GIUGNO 2012 1.6 - Beni e servizi

CUCITRICE ZENITH, COLORI A CERA, CONFEZIONI MAXI DI COLORI A SPIRITO BOX CONTENENTI 12 UNITA’ PER CIASCUN COLORE (ROSSO, GIALLO,VERDE, BLU, NERO, MARRONE,ARANCIONE, ROSA) Data 10__/10__/ 2011 IL RESPONSABILE DEL PROGETTO GIUDICI Emilia 160


Ministero della Pubblica Istruzione

ISTITUTO COMPRENSIVO OFFIDA

Scuola dell’Infanzia – Primaria - Secondaria di I° Grado OFFIDA Scuola dell’Infanzia – Primaria - CASTORANO Tel. e Fax 0736/889373 – Email: apic81500d@istruzione.it - Cod. fisc. : 92033370443

SCHEDA di PROGETTAZIONE piano dell’offerta formativa 2011 - 2012

PROGETTO /LABORATORIO CURRICOLARE Arricchimento del curricolo: per l’ampliamento dell’offerta formativa

PROGETTO/LABORATORIO CURRICOLARE Opzionale

PROGETTO / LABORATORIO EXTRACURRICOLARE Facoltativo

SCUOLA _INFANZIA OFFIDA_

x

PLESSO_ P. BARONCELLI_

GRUPPO / I _ MISTO_

SEZ. A/B/C/D_

Sezione 1 – Descrittiva 1.1- Denominazione progetto " INTEGRAZIONE INFANZIA OFFIDA ” 1.2 -Responsabile progetto SPURIO Donatella 1.3 –Obiettivi ACCOGLIERE ED INTEGRARE I BAMBINI PROVENIENTI DA NAZIONALITA’ DIVERSE SENZA CHE ESSI PERDANO LA LORO IDENTITA’ RELIGIOSA E CULTURALE. FAVORIRE L’ACQUISIZIONE DI LINGUAGGI E TECNICHE CHE PERMETTANO LA COMUNICAZIONE E L’INTEGRAZIONE . ACQUISIRE IL CODICE LINGUISTICO ITALIANO ATTRAVERSO LE RELAZIONI CON GLI ALTRI BAMBINI. PREDISPORRE ATTIVITA’ PER PICCOLI GRUPPI CHE PERMETTANO IL RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI SPECIFICI: DENOMINAZIONE DI PERSONE,OGGETTI, LUOGHI… STRUTTURAZIONE DI UNA FRASE MINIMA, RACCONTO DEL PROPRIO VISSUTO ORGANIZZAZIONE DI GIOCHI CHE FACILITINO LA SOCIALIZZAZIONE 1.4 -Risorse umane DOCENTI INTERNI: GIUDICI EMILIA, SPURIO DONATELLA, CAROSI MAFALDA, CROCERI EMI,PETROCCHI CATERINA,MARCHEI VITTORIA, CALVARESI MIRELLA 5 ore pro capite per un totale di 35 ore funzionali.. 1.5 –Durata DA GENNAIO A MAGGIO 2012 1.6 - Beni e servizi 1 MICROFONO 1 LETTORE DVD 1 MEMORY CARD X MACCHINA DIGITALE CARTA PER STAMPARE FOTO DA MACCHINA DIGITALE INCHIOSTRO PER STAMPANTE A COLORI Data _10 _/_10_/ 2011 IL RESPONSABILE DEL PROGETTO SPURIO Donatella 161


Ministero della Pubblica Istruzione

ISTITUTO COMPRENSIVO OFFIDA

Scuola dell’Infanzia – Primaria - Secondaria di I° Grado OFFIDA Scuola dell’Infanzia – Primaria - CASTORANO Tel. e Fax 0736/889373 – Email: apic81500d@istruzione.it - Cod. fisc. : 92033370443

SCHEDA di PROGETTAZIONE piano dell’offerta formativa 2011 - 2012

PROGETTO /LABORATORIO CURRICOLARE Arricchimento del curricolo: per l’ampliamento dell’offerta formativa

PROGETTO/LABORATORIO CURRICOLARE Opzionale

PROGETTO / LABORATORIO EXTRACURRICOLARE facoltativo

SCUOLA _INFANZIA OFFIDA_

x

PLESSO_ P. BARONCELLI_

GRUPPO / I _ 4- 5 ANNI_

SEZ. _ C/D_

Sezione 1 - Descrittiva 1.1- Denominazione progetto " INGLESE INFANZIA OFFIDA ” 1.2 -Responsabile progetto GIUDICI Emilia 1.3 -Obiettivi ASCOLTARE E COMPRENDERE SEMPLICI MESSAGGI IN LINGUA INGLESE. PRESENTARSI E NOMINARE OGGETTI ,COLORI, ANIMALI ECC… DISTINGUERE E RIPRODURRE SEMPLICI CATENE DI SUONI. ASSOCIARE IMMAGINI,SUONI E MOVIMENTI. COMPRENDERE GLOBALMENTE SEMPLICI CONSEGNE E FORMULE DI SALUTO. SOSTENERE UNA FACILE CONVERSAZIONE UTILIZZANDO UN LESSICO GRADUALMENTE PIU’ AMPIO. MEMORIZZARE SEMPLICI FILASTROCCHE E CANZONCINE IN LINGUA INGLESE. 1.4 -Risorse umane DOCENTI INTERNI: SANTANCHE’ M. PAOLA CON IMPEGNO DI N°33 ORE FUNZIONALI ALL’INSEGNAMENTO

1.5 -Durata DA GENNAIO A MAGGIO 2012 1.6 - Beni e servizi 4 RISME DI CARTA PER FOTOCOPIE 8 SCATOLE DI COLORI A SPIRITO GIOTTO GRANDI 3 LITRI DI COLORI A TEMPERA GIOTTO ( GIALLO- ROSSO- BLU) 1 KG DI COLLA VINAVIL INCHIOSTRO PER STAMPANTE A COLORI Data _10 _/_10_/ 2011 IL RESPONSABILE DEL PROGETTO GIUDICI Emilia 162


Ministero della Pubblica Istruzione

ISTITUTO COMPRENSIVO OFFIDA

Scuola dell’Infanzia – Primaria - Secondaria di I° Grado OFFIDA Scuola dell’Infanzia – Primaria - CASTORANO Tel. e Fax 0736/889373 – Email: apic81500d@istruzione.it - Cod. fisc. : 92033370443

SCHEDA di PROGETTAZIONE piano dell’offerta formativa 2011 - 2012

PROGETTO /LABORATORIO CURRICOLARE Arricchimento del curricolo: per l’ampliamento dell’offerta formativa

PROGETTO/LABORATORIO CURRICOLARE Opzionale

PROGETTO / LABORATORIO EXTRACURRICOLARE Facoltativo

SCUOLA _INFANZIA OFFIDA_

X

PLESSO_ P. BARONCELLI_

GRUPPO / I _ INFANZIA/PRIMARIA OFFIDA P. ZZA BARONCELLI

SEZ. _ A/B/C/D_

Sezione 1 – Descrittiva 1.1- Denominazione progetto “ RACCORDO INFANZIA OFFIDA” 1.2 -Responsabile progetto MARCHEI

Vittoria

1.3 –Obiettivi ATTIVARE LA CONTINUITA’ TRA DUE ORDINI DI SCUOLA: INFANZIA/PRIMARIA E TRA SEZIONI DELLA SCUOLA DELL’INFANZIA. FAVORIRE IL PASSAGGIO DI COMPETENZE RAGGIUNTE DAI BAMBINI SENZA SPRECHI EDUCATIVI. CONDIVIDERE STRATEGIE EDUCATIVE ED ESPERIENZE DIDATTICHE CONCRETE DA EFFETTUARE “INSIEME” RELATIVE AI DIVERSI CAMPI D’ESPERIENZE/DISCIPLINE PER AGEVOLARE IL PASSAGGIO DA UNA SEZIONE ALL’ALTRA E DA UN ORDINE DI SCUOLA ALL’ALTRO. ACQUISIRE REGOLE E COMPORTAMENTI CONDIVISI CHE PERMETTANO UNA CIVILE CONVIVENZA. VIVERE POSITIVAMENTE IL PASSAGGIO DA UNA SEZIONE ALL’ALTRA E DA UN ORDINE DI SCUOLA ALL’ALTRO. OPERARECON GRUPPI MISTI:INFANZIA/PRIMARIA. AGEVOLARE IL”RACCORDO” TRA SCUOLA,FAMIGLIA, TERRITORIO, ISTITUZIONI.

1.4 -Risorse umane .CAROSI MAFALDA, CROCERI EMI, GIUDICI EMILIA,MARCHEI VITTORIA,PETROCCHI CATERINA, SPURIO DONATELLA, MASSICCI PATRIZIA, CALVARESI MIRELLA 10 ore pro capite per un totale di 80 ore funzionali.. 1.5 –Durata NOVEMBRE 2011 -

MAGGIO 2012

1.6 - Beni e servizi COLORI ,COLLA,VERNIDAS, CUCITRICE, CARTA, FOTO, CD, VIAGGI CON IL PULMINO COMUNALE Data 10__/10__/ 2011 IL RESPONSABILE DEL PROGETTO MARCHEI VITTORIA 163


Ministero della Pubblica Istruzione

ISTITUTO COMPRENSIVO OFFIDA

Scuola dell’Infanzia – Primaria - Secondaria di I° Grado OFFIDA Scuola dell’Infanzia – Primaria - CASTORANO Tel. e Fax 0736/889373 – Email: apic81500d@istruzione.it - Cod. fisc. : 92033370443

SCHEDA di PROGETTAZIONE piano dell’offerta formativa 2011 - 2012

PROGETTO /LABORATORIO CURRICOLARE Arricchimento del curricolo: per l’ampliamento dell’offerta formativa

PROGETTO/LABORATORIO CURRICOLARE Opzionale

PROGETTO / LABORATORIO EXTRACURRICOLARE facoltativo

SCUOLA _INFANZIA OFFIDA_

x

PLESSO_ P. BARONCELLI_

GRUPPO / I 3-4-5 ANNI_

SEZ. A – B –C- D-

Sezione 1 - Descrittiva 1.1- Denominazione progetto " PROGETTO NATALE INFANZIA OFFIDA ” 1.2 -Responsabile progetto PETROCCHI

Caterina

1.3 -Obiettivi CONOSCERE LA TRADIZIONE DELLA FESTA DEL NATALE CONOSCERE I PERSONAGGI PRINCIPALI DEL PRESEPE. ANIMARE LA STORIA DEL NATALE ED INTERPRETARE I PERSONAGGI UTILIZZARE MATERIALI VARI PER LA REALIZZAZIONE DI ELEMENTI CHE CONNOTANO LA FESTA DEL NATALE. ESPRIMERSI ATTRAVERSO TUTTI I LINGUAGGI: MIMICO GESTUALE,GRAFICO PITTORICO... EFFETTUARE ESPERIENZE ESTERNE PER RICERCARE ED OSSERVARE NELLE CHIESE, NELLE VIE DEL PAESE , LE CARATTERISTICHE SPECIFICHE ED I SIMBOLI DEL NATALE. REALIZZARE FASCICOLI, DECORAZIONI, ADDOBBI PER LE AULE E PER L’ALBERO DI NATALE. REALIZZARE LO SPETTACOLO DI NATALE CON ANIMAZIONI, CANTI, POESIE. REALIZZARE COREOGRAFIE,SCENOGRAFIE E COSTUMI. 1.4 -Risorse umane

DOCENTI INTERNI: CALVARESI MIRELLA, CAROSI MAFALDA, CROCERI EMI, GIUDICI EMILIA, MARCHEI VITTORIA, MASSICCI PATRIZIA,PETROCCHI CATERINA, SPURIO DONATELLA. 1.5 -Durata DA NOVEMBRE A DICEMBRE 2012 1.6 - Beni e servizi 4 ROTOLI DI FILO LUCENTE NATALIZIO 8 CONFEZIONI GRANDI DI BRILLANTINI ORO/ARGENTO 3 LITRI DI COLORI A TEMPERA GIOTTO ( GIALLO- ROSSO- BLU) 1 KG DI COLLA VINAVIL 5 CONFEZIONI DI BUSTE DI CELLOPHANE GRANDI (TOT.100) 2 CONF. GRANDI DI VERNIDAS. 10 ROTOLI DI CARTA CRESPA (2 GIALLI, 2 ROSSI, 2 VERDI, 2 ARANCIONI, 2 AZZURRI. Data 10 __/_10_/ 2011 IL RESPONSABILE DEL PROGETTO PETROCCHI Caterina 164


Ministero della Pubblica Istruzione

ISTITUTO COMPRENSIVO OFFIDA

Scuola dell’Infanzia – Primaria - Secondaria di I° Grado OFFIDA Scuola dell’Infanzia – Primaria - CASTORANO Tel. e Fax 0736/889373 – Email: apic81500d@istruzione.it - Cod. fisc. : 92033370443

SCHEDA di PROGETTAZIONE piano dell’offerta formativa

PROGETTO /LABORATORIO CURRICOLARE Arricchimento del curricolo: per l’ampliamento dell’offerta formativa

PROGETTO/LABORATORIO CURRICOLARE Opzionale

PROGETTO / LABORATORIO EXTRACURRICOLARE facoltativo

2011 - 2012 SCUOLA _INFANZIA CASTORANO_

X

PLESSO_VIA ORAZI _

GRUPPO / I

SEZ. _ A/B_

Sezione 1 - Descrittiva 1.1- Denominazione progetto “Progetto Ambiente “Esperienze sul territorio” 1.2 -Responsabile progetto CROCI Claudia 1.3 -Obiettivi - Amare ed apprezzare i diversi ambienti,conoscere le particolari caratteristiche e l’importanza delle loro funzioni; - Avvicinare il bambino agli ambienti naturali vicini alla sua realtà; - Promuovere atteggiamenti corretti verso le cose, verso gli altri viventi, verso se stessi; - Stimolare l’osservazione diretta dell’ambiente; - Raccontare le esperienze effettuate; - Rappresentare con tecniche diverse.

1.4 -Risorse umane .DOCENTI INTERNI:Massacci Rita ore 6, Spinelli Elisabetta ore 6, Catalini Desirè ore 6, Croci Claudia ore 6, Vitali Alfreda ore 6,Listrani Benedetta ore 6,Mercaldi Lidia ore 6 funzionali all’insegnamento.

1.5 -Durata Gennaio/ Maggio 1.6 - Beni e servizi Facile consumo Servizio Pullman

Data 10/10/ 2011 IL RESPONSABILE DEL PROGETTO CROCI Claudia 165


Ministero della Pubblica Istruzione

ISTITUTO COMPRENSIVO OFFIDA

Scuola dell’Infanzia – Primaria - Secondaria di I° Grado OFFIDA Scuola dell’Infanzia – Primaria - CASTORANO Tel. e Fax 0736/889373 – Email: apic81500d@istruzione.it - Cod. fisc. : 92033370443

SCHEDA di PROGETTAZIONE piano dell’offerta formativa

PROGETTO /LABORATORIO CURRICOLARE Arricchimento del curricolo: per l’ampliamento dell’offerta formativa

PROGETTO/LABORATORIO CURRICOLARE Opzionale

PROGETTO / LABORATORIO EXTRACURRICOLARE facoltativo

2011 - 2012

SCUOLA _INFANZIA CASTORANO_

X

PLESSO_ VIA ORAZI_

GRUPPO / I __

SEZ. _ A/B_

Sezione 1 - Descrittiva 1.1- Denominazione progetto "PROGETTO INTEGRAZIONE ALUNNI STRANIERI” 1.2 -Responsabile progetto CATALINI Desirè 1.3 -Obiettivi - Garantire un’accoglienza adeguata alle bambine ed ai bambini stranieri nel rispetto delle loro diversità; - Favorire un dialogo interculturale nell’ottica della reciproca conoscenza e dello scambio delle differenti culture; - Favorire l’apprendimento della lingua italiana ai fini di un migliore inserimento scolastico; - Integrare l’alunno straniero attraverso l’acquisizione di linguaggi e tecniche attraverso la lettura di immagini,denominazione di oggetti,la strutturazione di una frase minima, il racconto del proprio vissuto, il gioco e tutte le attività ad esso connesse.

1.4 -Risorse umane Docenti interni: Catalini Desirè 8 ore, Massacci Rita 8 ore funzionali all’insegnamento.

1.5 -Durata Gennaio- Maggio 1.6 - Beni e servizi Facile consumo

Data 10/10/ 2011 IL RESPONSABILE DEL PROGETTO CATALINI Desirè

166


Ministero della Pubblica Istruzione

ISTITUTO COMPRENSIVO OFFIDA

Scuola dell’Infanzia – Primaria - Secondaria di I° Grado OFFIDA Scuola dell’Infanzia – Primaria - CASTORANO Tel. e Fax 0736/889373 – Email: apic81500d@istruzione.it - Cod. fisc. : 92033370443

SCHEDA di PROGETTAZIONE piano dell’offerta formativa

PROGETTO /LABORATORIO CURRICOLARE Arricchimento del curricolo: per l’ampliamento dell’offerta formativa

PROGETTO/LABORATORIO CURRICOLARE Opzionale

PROGETTO / LABORATORIO EXTRACURRICOLARE facoltativo

2011 - 2012

SCUOLA _INFANZIA CASTORANO

X

PLESSO_ VIA P.C. ORAZI_

GRUPPO / I __

SEZ. _ A/B_

Sezione 1 - Descrittiva 1.1- Denominazione progetto "LINGUA INGLESE” 1.2 -Responsabile progetto SPINELLI Elisabetta 1.3 -Obiettivi - Avviare all’ascolto ed alla memorizzazione di altre sonorità; - Ascoltare e comprendere semplici messaggi; - Distinguere e riprodurre semplici catene di suoni, - Associare immagini a suoni; - Comprendere globalmente semplici consegne e formule di saluto; - Saper sostenere una facile conversazione utilizzando un lessico appropriato.

1.4 -Risorse umane Insegnante Santanchè Maria Paola ore 15

1.5 -Durata Gennaio/Maggio 1.6 - Beni e servizi Materiale facile consumo

Data 10/10/ 2011 IL RESPONSABILE DEL PROGETTO SPINELLI Elisabetta 167


Ministero della Pubblica Istruzione

ISTITUTO COMPRENSIVO OFFIDA

Scuola dell’Infanzia – Primaria - Secondaria di I° Grado OFFIDA Scuola dell’Infanzia – Primaria - CASTORANO Tel. e Fax 0736/889373 – Email: apic81500d@istruzione.it - Cod. fisc. : 92033370443

SCHEDA di PROGETTAZIONE piano dell’offerta formativa

PROGETTO /LABORATORIO CURRICOLARE Arricchimento del curricolo: per l’ampliamento dell’offerta formativa

PROGETTO/LABORATORIO CURRICOLARE Opzionale

PROGETTO / LABORATORIO EXTRACURRICOLARE facoltativo

2011 - 2012

SCUOLA: DELL’INFANZIA CASTORANO CLASSE

X

PLESSI VIA ORAZI SEZIONE A - B bambini 5 anni

Sezione 1 - Descrittiva 1.1- Denominazione progetto “ PROGETTO CONTINUITA’ “ 1.2 -Responsabile progetto SPINELLI Elisabetta 1.3 -Obiettivi - AGEVOLARE I RAPPORTI FRA I VARI ORDINI DI SCUOLA. - FACILITARE UN PASSAGGIO GRADUALE E SERENO DA UN ORDINE ALL’ALTRO DI SCUOLA. - FAVORIRE LA CONTINUITA’ EDUCATIVA E DIDATTICA ATTRAVERSO IL MANTENIMENTO DEL PROCESSO DI APPRENDIMENTO. - FAVORIRE LA CONOSCENZA RECIPROCA E RELAZIONALITA’ FRA GLI ALUNNI DEI VARI ORDINI DI SCUOLA. - ESPLORARE, CONOSCERE, FREQUENTARE UN AMBIENTE SCOLASTICO SCONOSCIUTO, VISSUTO SPESSO CON UNA SORTA DI CURIOSITÀ E DESIDERIO MA CHE PUÒ ANCHE CREARE ANSIE; - CONOSCERE E FARSI CONOSCERE DALLE FUTURE INSEGNANTI ED INIZIARE A RELAZIONARSI CON LORO ATTRAVERSO ESPERIENZE PIANIFICATE; - INDIVIDUARE ALCUNE ATTIVITA’ DA SVOLGERE CON APPROCCIO INTERDISCIPLINARE COMUNI ALL’ULTIMO ANNO DELLA SCUOLA DELL’INFANZIA E LA 1CLASSE DELLA SCUOLA PRIMARIA 1.4 -Risorse umane Insegnanti della scuola dell’Infanzia della sezione B: Massacci Rita ore 6, Spinelli Elisabetta ore 8, Listrani Benedetta ore 6 funzionali all’insegnamento per un totale di 20 ore.

1.5 -Durata Gennaio \ Maggio 1.6 - Beni e servizi Le aule e le sezioni dei due plessi. Materiali di facile consumo. Data 10/10/ 2011 IL RESPONSABILE DEL PROGETTO SPINELLI Elisabetta 168


Ministero della Pubblica Istruzione

ISTITUTO COMPRENSIVO OFFIDA

Scuola dell’Infanzia – Primaria - Secondaria di I° Grado OFFIDA Scuola dell’Infanzia – Primaria - CASTORANO Tel. e Fax 0736/889373 – Email: apic81500d@istruzione.it - Cod. fisc. : 92033370443

SCHEDA di PROGETTAZIONE piano dell’offerta formativa

PROGETTO /LABORATORIO CURRICOLARE Arricchimento del curricolo: per l’ampliamento dell’offerta formativa

PROGETTO/LABORATORIO CURRICOLARE Opzionale

PROGETTO / LABORATORIO EXTRACURRICOLARE facoltativo

2011 - 2012 SCUOLA _INFANZIA CASTORANO_

X

PLESSO_ VIA ORAZI_

GRUPPO / I __

SEZ. _ A/B_

Sezione 1 - Descrittiva 1.1- Denominazione progetto "NATALE INSIEME ” 1.2 -Responsabile progetto MASSACCI Rita 1.3 -Obiettivi - Cogliere il valore dell'amicizia, dell'amore e della solidarietà; - Individuare i simboli del Natale e verbalizzarne le caratteristiche; - Conoscere le principali tradizioni legate al periodo natalizio; -Sviluppare comportamenti responsabili e solidali; -Potenziare la capacità di comunicazione e collaborazione; -Collaborare con gli altri per un fine comune; -Coordinare la motricità globale e cogliere il senso del ritmo;

1.4 -Risorse umane .DOCENTI INTERNI: Spinelli Elisabetta ore 5, Massacci Rita ore 5, Croci Claudia ore 5, Catalini Desirè ore 5, Vitali Alfreda ore 5, Listrani Benedetta ore 5 per un totale di 30 ore funzionali all’insegnamento..

1.5 -Durata Novembre/Dicembre 1.6 - Beni e servizi Materiale facile consumo Servizio pullman

Data 10/10/ 2011 IL RESPONSABILE DEL PROGETTO MASSACCI Rita

169


170


Ministero della Pubblica Istruzione

ISTITUTO COMPRENSIVO OFFIDA

Scuola dell’Infanzia – Primaria - Secondaria di I° Grado OFFIDA Scuola dell’Infanzia – Primaria - CASTORANO Tel. e Fax 0736/889373 – Email: apic81500d@istruzione.it - Cod. fisc. : 92033370443

SCHEDA di PROGETTAZIONE piano dell’offerta formativa 2011 - 2012 SCUOLA

PRIMARIA

CLASSE

TUTTE

PROGETTO /LABORATORIO CURRICOLARE Arricchimento del curricolo: per l’ampliamento dell’offerta formativa

PROGETTO/LABORATORIO CURRICOLARE Opzionale

PROGETTO / LABORATORIO EXTRACURRICOLARE facoltativo PLESSO SEZ.

X

CASTORANO A

Sezione 1 - Descrittiva 1.1- Denominazione progetto “LARSA” 1.2 -Responsabile progetto Maria Teresa VAGNONI 1.3 -Obiettivi L’obiettivo primario per tutte le classi è quello di permettere ad ogni alunno di sviluppare al meglio le proprie potenzialità, recuperando dove possibile lacune che rappresentino ostacolo ad un percorso formativo funzionale. OBIETTIVI DI CLASSE PRIMA-SECONDA: ITALIANO:Riflettere sulla lingua Conoscere e utilizzare le principali convenzioni ortografiche. Arricchire il lessico riflettendo sul significato delle parole. Per alunno cinese: - Apprendere, utilizzare tecniche di lettoscrittura. MATEMATICA: Contare, confrontare e ordinare i numeri entro il centinaio. Eseguire addizioni e sottrazioni. Risolvere problemi utilizzando opportune strategie. TERZA:ITALIANO: Riflettere sulla lingua Conoscere e utilizzare le principali convenzioni ortografiche. Arricchire il lessico riflettendo sul significato delle parole. MATEMATICA: Contare, confrontare e ordinare i numeri naturali fino a 900. Risolvere problemi utilizzando opportune strategie. QUARTA – QUINTA:

1.4 -Risorse umane Insegnanti di classe: Di Carlo Sperandina, Santanchè M.Paola, D’Ignazi Tiziana, Vagnoni Maria Teresa, Sonaglioni Marilena. Il laboratorio verrà sviluppato in orario curriculare, durante le ore di compresenza e/o frontali.

1.5 -Durata Intero anno scolastico 1.6 - Beni e servizi Locali della scuola.

Data 10/10/ 2011 IL RESPONSABILE DEL PROGETTO Maria Teresa VAGNONI 171


Ministero della Pubblica Istruzione

ISTITUTO COMPRENSIVO OFFIDA

Scuola dell’Infanzia – Primaria - Secondaria di I° Grado OFFIDA Scuola dell’Infanzia – Primaria - CASTORANO Tel. e Fax 0736/889373 – Email: apic81500d@istruzione.it - Cod. fisc. : 92033370443

SCHEDA di PROGETTAZIONE piano dell’offerta formativa 2011 - 2012

PROGETTO /LABORATORIO CURRICOLARE Arricchimento del curricolo: per l’ampliamento dell’offerta formativa

PROGETTO/LABORATORIO CURRICOLARE Opzionale

PROGETTO / LABORATORIO EXTRACURRICOLARE facoltativo

X

SCUOLA_ PRIMARIA_

PLESSO _ CASTORANO_

CLASSE / I _ 4^ - 5^_

SEZ. _ A _

Sezione 1 - Descrittiva 1.1- Denominazione progetto “Gemellaggio Castorano - Noisy” 1.2 -Responsabile progetto Selene SEGHI 1.3 -Obiettivi Imparare a relazionarsi con persone appartenenti a realtà territoriali/culturali diverse. Sperimentare il ruolo di cittadini europei nell’ottica di un convivenza costruttiva. Valorizzare il proprio territorio ed ambiente di vita. 1.4 -Risorse umane Insegnanti delle classi quarta e quinta: Vagnoni M.Teresa, Sonaglioni Marilena, Seghi Selene, Ippoliti Fulvia, Natali Laura Le insegnanti saranno impegnate per: 6 ore extracurriculari di rientro con alunni per preparazione materiali 8 ore funzionali per progettazione e allestimento Esperto/a lingua francese 1.5 -Durata Aprile-maggio 2012 1.6 - Beni e servizi Locali della scuola Scuolabus per eventuali spostamenti nel territorio limitrofo (es. Offida) Materiali di facile consumo per allestimento accoglienza.

Data 10/10/2011 IL RESPONSABILE DEL PROGETTO Selene SEGHI 172


Ministero della Pubblica Istruzione

ISTITUTO COMPRENSIVO OFFIDA

Scuola dell’Infanzia – Primaria - Secondaria di I° Grado OFFIDA Scuola dell’Infanzia – Primaria - CASTORANO Tel. e Fax 0736/889373 – Email: apic81500d@istruzione.it - Cod. fisc. : 92033370443

SCHEDA di PROGETTAZIONE piano dell’offerta formativa 2011 - 2012

SCUOLA _PRIMARIA_

PROGETTO /LABORATORIO CURRICOLARE Arricchimento del curricolo: per l’ampliamento dell’offerta formativa

PROGETTO/LABORATORIO CURRICOLARE Opzionale

PROGETTO / LABORATORIO EXTRACURRICOLARE facoltativo

X

PLESSO_CASTORANO_

CLASSE / I 1^- 2^- 3^- 4^- 5^

SEZ. _Tempo Normale_

Sezione 1 - Descrittiva 1.1- Denominazione progetto “LA MUSICA A SCUOLA” 1.2 -Responsabile progetto DI CARLO Sperandina 1.3 -Obiettivi -

Utilizzare la musica come canale comunicativo per favorire l’aggregazione tra gli alunni. Abituare il bambino all’ascolto dei fatti sonori, come arte ed espressione dei sentimenti dell’uomo e del linguaggio universale. Abituare il bambino ad un nuovo modo d’esprimersi sia con il canto sia con gli strumenti in modo creativo e consapevole. Sviluppare il senso del ritmo e la capacità di percezione. Saper utilizzare lo strumento della voce fino ad arrivare al canto organizzato.

1.4 -Risorse umane Insegnanti del plesso;esperto esterno professor Feriozzi Mario pagato dall’amministrazione comunale. Per ogni insegnante (Di Carlo, D’Ignazi, Santanchè, Vagnoni, Sonaglioni, Seghi, Laurenzi) : 1 ora programmazione, 1 ora allestimento. Per ogni insegnante (Di Carlo, D’Ignazi, Santanchè, Vagnoni, Sonaglioni, Laurenzi, Seghi, Morelli, Stracci, Ippoliti, Natali): 2,30 ore realizzazione. 1.5 -Durata Intero anno scolastico, prevalentemente in orario antimeridiano (il lunedì) 1.6 - Beni e servizi Locali della scuola Materiali di facile consumo Data 10/10/ 2011 IL RESPONSABILE DEL PROGETTO DI CARLO Sperandina

173


Ministero della Pubblica Istruzione

ISTITUTO COMPRENSIVO OFFIDA

Scuola dell’Infanzia – Primaria - Secondaria di I° Grado OFFIDA Scuola dell’Infanzia – Primaria - CASTORANO Tel. e Fax 0736/889373 – Email: apic81500d@istruzione.it - Cod. fisc. : 92033370443

SCHEDA di PROGETTAZIONE piano dell’offerta formativa 2011 - 2012

PROGETTO /LABORATORIO CURRICOLARE Arricchimento del curricolo: per l’ampliamento dell’offerta formativa

PROGETTO/LABORATORIO CURRICOLARE Opzionale

PROGETTO / LABORATORIO EXTRACURRICOLARE facoltativo

SCUOLA_PRIMARIA_

PLESSO_CASTORANO_

CLASSE_ IV_

SEZ. _ A_

X

Sezione 1 - Descrittiva 1.1- Denominazione progetto “PROGETTO DI EDUCAZIONE AFFETTIVO RELAZIONALE” 1.2 -Responsabile progetto Maria Teresa VAGNONI 1.3 -Obiettivi <<In quanto comunità educante, la scuola genera una diffusa convivialità relazionale, intessuta di linguaggi affettivi ed emotivi, ed è anche in grado di promuovere la condivisione di quei valori che fanno sentire i membri della società come parte di una comunità vera e propria. La scuola affianca al compito “dell’insegnare ad apprendere” quello “dell’insegnare a essere”>> (Indicazioni per il Curricolo, pag. 19). Inoltre <<è necessario dedicare particolare cura alla formazione della classe come gruppo, alla promozione dei legami cooperativi fra i suoi componenti, alla gestione degli inevitabili conflitti indotti dalla socializzazione>> (Indicazioni per il Curricolo, pag. 17). Soprattutto quando tali conflitti sono più frequenti e duri, diventa indispensabile ri-educare l’alunno alla consapevolezza delle proprie emozioni e al controllo dell’aggressività. A tal proposito sono stati individuati alcuni obiettivi generali: - comprendere che il nostro benessere dipende in larga misura dalle scelte personali che facciamo; - comprendere che la vita dell’individuo è caratterizzata da compiti e scelte che devono essere affrontati e superati e che il superamento degli ostacoli è una condizione necessaria per crescere; - attivare le motivazioni che migliorano i comportamenti e sviluppare una coscienza critica per effettuare scelte idonee per il mantenimento del benessere psico – fisico; - sviluppare una sana fiducia in se stessi, nelle proprie capacità di autodisciplina e prendere coscienza del proprio senso di responsabilità.

1.4 -Risorse umane Insegnanti di classe: Vagnoni Maria Teresa, Seghi Selene, Ippoliti Fulvia Il laboratorio verrà sviluppato con i bambini in orario curriculari, sono però necessarie n. 7 ore funzionali di progettazione per Ippoliti e Seghi n. 10 ore funzionali per Vagnoni

1.5 -Durata Intero anno scolastico, tempi trasversali alle discipline.

1.6 - Beni e servizi Locali della scuola. Materiale di facile consumo. Giochi e attività educativo – didattiche. Testi specifici in possesso delle insegnanti (es. Erickson editore) per interventi e tecniche propri di alfabetizzazione socio – affettiva.

Data 10/10/ 2011 IL RESPONSABILE DEL PROGETTO Maria Teresa VAGNONI 174


Ministero della Pubblica Istruzione

ISTITUTO COMPRENSIVO OFFIDA

Scuola dell’Infanzia – Primaria - Secondaria di I° Grado OFFIDA Scuola dell’Infanzia – Primaria - CASTORANO Tel. e Fax 0736/889373 – Email: apic81500d@istruzione.it - Cod. fisc. : 92033370443

SCHEDA di PROGETTAZIONE piano dell’offerta formativa 2011 - 2012 SCUOLA _PRIMARIA_

PROGETTO /LABORATORIO CURRICOLARE Arricchimento del curricolo: per l’ampliamento dell’offerta formativa

PROGETTO/LABORATORIO CURRICOLARE Opzionale

PROGETTO / LABORATORIO EXTRACURRICOLARE facoltativo

X

PLESSO_CASTORANO_

CLASSI_I – II – III – IV - V _

SEZ. _A_

Sezione 1 - Descrittiva 1.1- Denominazione progetto “LABORATORIO ESPRESSIVO – CREATIVO” 1.2 -Responsabile progetto Maria Teresa VAGNONI 1.3 -Obiettivi Il progetto di laboratorio tende soprattutto a favorire nei bambini comportamenti creativi in un clima di relazioni personali positive e aperte. Nello specifico: -incoraggiare la manipolazione di oggetti e di idee -sviluppare la tolleranza per le nuove idee -incoraggiare e sviluppare l’apprendimento autonomo -sviluppare la capacità critica Il laboratorio è multidisciplinare perchè coinvolge più discipline, proprio per il gran numero di spunti ed implicazioni didattico-educative che gli argomenti portano con sé: per questo vi troveranno spazio contenuti e forme dell’educazione all’immagine, dell’educazione motoria, dell’educazione musicale, dell’educazione all’affettività e alla relazionalità, ma anche della lingua italiana, in modo da favorire nel bambino un approccio completo ed equilibrato al lavoro scolastico. Le attività proposte coinvolgono ogni bambino singolarmente, a coppie e a gruppi, favorendo e stimolando la sua possibilità di esprimersi creativamente, muoversi, ascoltare, comunicare, percepire, attraverso la forma laboratoriale, che vede protagonista ognuno del proprio percorso di crescita. 1.4 -Risorse umane Insegnanti del plesso 1.5 -Durata Intero anno scolastico, prevalentemente in orario pomeridiano (il martedì). 1.6 - Beni e servizi Locali della scuola; materiali di facile consumo. Data 10/10/ 2011 IL RESPONSABILE DEL PROGETTO Maria Teresa VAGNONI 175


Ministero della Pubblica Istruzione

ISTITUTO COMPRENSIVO OFFIDA

Scuola dell’Infanzia – Primaria - Secondaria di I° Grado OFFIDA Scuola dell’Infanzia – Primaria - CASTORANO Tel. e Fax 0736/889373 – Email: apic81500d@istruzione.it - Cod. fisc. : 92033370443

SCHEDA di PROGETTAZIONE piano dell’offerta formativa 2011 - 2012

PROGETTO /LABORATORIO CURRICOLARE Arricchimento del curricolo: per l’ampliamento dell’offerta formativa

PROGETTO/LABORATORIO CURRICOLARE Opzionale

PROGETTO / LABORATORIO EXTRACURRICOLARE facoltativo

SCUOLA _PRIMARIA_

X

PLESSO Via G. Ciabattoni (Offida) CLASSE / I 1^

SEZ. _A

Sezione 1 - Descrittiva 1.1- Denominazione progetto “Recupero e sviluppo delle strumentalità di base della lingua italiana” 1.2 -Responsabile progetto DE SANTIS Carla 1.3 -Obiettivi . Favorire lo sviluppo di comportamenti di autonomia . Promuovere l’abitudine ad affrontare gli impegni con responsabilità . Potenziare le capacità di ascolto, attenzione e riflessione . Acquisire metodi e mezzi per organizzare e comunicare oralmente esperienze e conoscenze . Sperimentare i diversi aspetti della realtà per conoscerla ed interpretarla . Acquisire con sicurezza le strumentalità di base

1.4 -Risorse umane .De Santis Carla

1.5 -Durata Intero anno scolastico 2011-12 con cadenza settimanale 1.6 - Beni e servizi Materiale di facile consumo, software didattici

Data 10/10/ 2011 IL RESPONSABILE DEL PROGETTO De Santis Carla 176


Ministero della Pubblica Istruzione

ISTITUTO COMPRENSIVO OFFIDA

Scuola dell’Infanzia – Primaria - Secondaria di I° Grado OFFIDA Scuola dell’Infanzia – Primaria - CASTORANO Tel. e Fax 0736/889373 – Email: apic81500d@istruzione.it - Cod. fisc. : 92033370443

SCHEDA di PROGETTAZIONE piano dell’offerta formativa

PROGETTO /LABORATORIO CURRICOLARE Arricchimento del curricolo: per l’ampliamento dell’offerta formativa

PROGETTO/LABORATORIO CURRICOLARE Opzionale

PROGETTO / LABORATORIO EXTRACURRICOLARE facoltativo

2011 - 2012

SCUOLA _PRIMARIA_

X

PLESSO Via G. Ciabattoni (Offida) CLASSE / I 1^

SEZ. _A

Sezione 1 - Descrittiva 1.1- Denominazione progetto “Recupero e consolidamento di abilità linguistiche e logico matematiche” 1.2 -Responsabile progetto DE SANTIS Carla – LUCARELLI Angelo 1.3 -Obiettivi - Acquisire abilità linguistiche e logico matematiche.

1.4 -Risorse umane .De Santis Carla – Lucarelli Angelo

1.5 -Durata Intero anno scolastico 2011-2012 Giovedì dalle ore 9.10 alle ore 11.10 1.6 - Beni e servizi Materiale di facile consumo, software didattici

Data 10/10/ 2011 IL RESPONSABILE DEL PROGETTO DE SANTIS Carla – LUCARELLI Angelo

177


Ministero della Pubblica Istruzione

ISTITUTO COMPRENSIVO OFFIDA

Scuola dell’Infanzia – Primaria - Secondaria di I° Grado OFFIDA Scuola dell’Infanzia – Primaria - CASTORANO Tel. e Fax 0736/889373 – Email: apic81500d@istruzione.it - Cod. fisc. : 92033370443

SCHEDA di PROGETTAZIONE piano dell’offerta formativa 2011 - 2012 SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO /LABORATORIO CURRICOLARE Arricchimento del curricolo: per l’ampliamento dell’offerta formativa

PROGETTO/LABORATORIO CURRICOLARE Opzionale

PROGETTO / LABORATORIO EXTRACURRICOLARE facoltativo

X

PLESSO V. CIABATTONI CLASSE 2^

SEZ. A

Sezione 1 - Descrittiva 1.1- Denominazione progetto "I GUARDIANI DELL’AMBIENTE” 1.2 -Responsabile progetto CAMELI Maria Rita 1.3 -Obiettivi -Conoscere il proprio ambiente al fine di salvaguardarlo e rispettarlo. -Focalizzare l’attenzione sui concetti di “rifiuto”, “spreco”, “riciclaggio”, “risparmio di risorse ed energetico” -Progettare e mettere in atto percorsi legati alla cura- manutenzione e all’utilizzo del bosco adottato sito in località San Barnaba di Offida -Acquisire comportamenti corretti per la tutela dell’ambiente e avviarsi ad essere futuri cittadini consapevoli e responsabili -Potenziare la conoscenza di sé e l’autostima, la presa di coscienza di sé in rapporto con l’altro, con l’ambiente, con gli oggetti, la capacità di ascolto e riflessione - Cooperare per il raggiungimento di un obiettivo comune - Socializzare le conoscenze acquisite mediante linguaggi diversi ed effettuare un’importante opera di sensibilizzazione nei confronti delle famiglie e dll’intera comunità 1.4 -Risorse umane  Docenti: Cameli e Basso, 10 ore pro-capite; Ippoliti 4 ore, per programmare le attività, ricercare materiali e predisporli, realizzare prodotti multimediali e/o cartacei, allestire spettacoli finali, manifestazioni o mostre.  Collaboratori scolastici. 1.5 -Durata Intero anno scolastico 1.6 - Beni e servizi Spazi della scuola quali palestra, aula immagine, aula multimediale; lo scuolabus.

Data 10/10/ 2011 IL RESPONSABILE DEL PROGETTO Cameli Maria Rita 178


Ministero della Pubblica Istruzione

ISTITUTO COMPRENSIVO OFFIDA

Scuola dell’Infanzia – Primaria - Secondaria di I° Grado OFFIDA Scuola dell’Infanzia – Primaria - CASTORANO Tel. e Fax 0736/889373 – Email: apic81500d@istruzione.it - Cod. fisc. : 92033370443

SCHEDA di PROGETTAZIONE piano dell’offerta formativa 2011 - 2012

PROGETTO /LABORATORIO CURRICOLARE Arricchimento del curricolo: per l’ampliamento dell’offerta formativa

PROGETTO/LABORATORIO CURRICOLARE Opzionale

PROGETTO / LABORATORIO EXTRACURRICOLARE facoltativo

SCUOLA PRIMARIA

X

PLESSO V. CIABATTONI CLASSE 2^

SEZ. A

Sezione 1 - Descrittiva 1.1- Denominazione progetto “CONOSCERE E CONOSCERSI PER…COMUNICARE” 1.2 -Responsabile progetto CAMELI Maria Rita 1.3 -Obiettivi -Conoscere il proprio ambiente al fine di salvaguardarlo e rispettarlo. -Focalizzare l’attenzione sui concetti di “rifiuto”, “spreco”, “riciclaggio”, “risparmio di risorse ed energetico” -Progettare e mettere in atto percorsi legati alla cura- manutenzione e all’utilizzo del bosco adottato sito in località San Barnaba di Offida -Acquisire comportamenti corretti per la tutela dell’ambiente e avviarsi ad essere futuri cittadini consapevoli e responsabili -Potenziare la conoscenza di sé e l’autostima, la presa di coscienza di sé in rapporto con l’altro, con l’ambiente, con gli oggetti, la capacità di ascolto e riflessione - Cooperare per il raggiungimento di un obiettivo comune - Socializzare le conoscenze acquisite mediante linguaggi diversi ed effettuare un’importante opera di sensibilizzazione nei confronti delle famiglie e dll’intera comunità 1.4 -Risorse umane  Docenti: Cameli, Basso, Ippoliti ;

PER UN TOTALE DI N.4 RIENTRI EXTRACURRICULARI POMERIDIANI, DA EFFETTUARSI UNA VOLTA A SETTIMANA NEL PLESSO DI VIA REPUBBLICA, DALLE ORE 13,10 ALLE ORE 16,20. I DOCENTI CAMELI MARIA RITA E BASSO GIOVANNI EFFETTUERANNO 5 ORE PRO-CAPITE (2 rientri a testa), PRESTERANNO ASSISTENZA A MENSA PER UN TOTALE DI N.1 ORE E MEZZA PRO-CAPITE CHE VERRANNO RECUPERATE DURANTE LE ORE DI CONTEMPORANEA AZIONE DI PIU’ DOCENTI NELLA MEDESIMA CLASSE.L’INSEGNANTE DI SOSTEGNO IPPOLITI FULVIA EFFETTUERA’ 3 ORE;

 Collaboratori scolastici. 1.5 -Durata II QUADRIMESTRE 1.6 - Beni e servizi Spazi della scuola quali palestra, aula immagine, aula multimediale; lo scuolabus. Data 10/10/ 2011 IL RESPONSABILE DEL PROGETTO Cameli Maria Rita 179


Ministero della Pubblica Istruzione

ISTITUTO COMPRENSIVO OFFIDA

Scuola dell’Infanzia – Primaria - Secondaria di I° Grado OFFIDA Scuola dell’Infanzia – Primaria - CASTORANO Tel. e Fax 0736/889373 – Email: apic81500d@istruzione.it - Cod. fisc. : 92033370443

SCHEDA di PROGETTAZIONE piano dell’offerta formativa 2011 - 2012

PROGETTO /LABORATORIO CURRICOLARE Arricchimento del curricolo: per l’ampliamento dell’offerta formativa

PROGETTO/LABORATORIO CURRICOLARE Opzionale

PROGETTO / LABORATORIO EXTRACURRICOLARE facoltativo

SCUOLA PRIMARIA

X

PLESSO V. CIABATTONI CLASSE 2^

SEZ. A

Sezione 1 - Descrittiva 1.1- Denominazione progetto “ RECUPERO, CONSOLIDAMENTO E POTENZIAMENTO DELLE ABILITA’ DI BASE ANCHE CON L’UTILIZZO DEL COMPUTER” 1.2 -Responsabile progetto CAMELI Maria Rita - BASSO Giovanni 1.3 -Obiettivi RECUPERARE, CONSOLIDARE E POTENZIARE LE ABILITA’ DI BASE ANCHE CON L’UTILIZZO DEL COMPUTER MEDIANTE IL QUALE POTER ESEGUIRE ATTIVITA’ E GIOCHI DIDATTICI FINALIZZATI A SVILUPPARE CONOSCENZE EABILITA’.

1.4 -Risorse umane  Docenti: Cameli, Basso

1.5 -Durata INTERO ANNO SCOLASTICO 2011/2012. 1.6 - Beni e servizi Spazi della scuola.

Data 10/10/ 2011 IL RESPONSABILE DEL PROGETTO Cameli Maria Rita - Basso Giovanni

180


Ministero della Pubblica Istruzione

ISTITUTO COMPRENSIVO OFFIDA

Scuola dell’Infanzia – Primaria - Secondaria di I° Grado OFFIDA Scuola dell’Infanzia – Primaria - CASTORANO Tel. e Fax 0736/889373 – Email: apic81500d@istruzione.it - Cod. fisc. : 92033370443

SCHEDA di PROGETTAZIONE piano dell’offerta formativa

PROGETTO /LABORATORIO CURRICOLARE Arricchimento del curricolo: per l’ampliamento dell’offerta formativa

PROGETTO/LABORATORIO CURRICOLARE Opzionale

PROGETTO / LABORATORIO EXTRACURRICOLARE facoltativo

2011 - 2012 SCUOLA PRIMARIA

X

PLESSO VIA CIABATTONI CLASSE TERZA

SEZ. A

Sezione 1 - Descrittiva 1.1- Denominazione progetto “VOLONTARIAMO!” Percorsi e attività formative Scuola – Territorio

1.2 -Responsabile progetto Giuseppina FRACASSA

1.3 -Obiettivi Ampliare l’offerta formativa attraverso la prevenzione del disagio e della devianza giovanile. Acquisire capacità autonoma di giudizio, di critica e di analisi. Saper effettuare scelte positive e costruttive nel corso della vita in ogni contesto. Rispettare gli altri, i loro diritti, riconoscere e correggere comportamenti non improntati sulle regole della civile convivenza. Educare gli alunni alla conoscenza e al rispetto dei doveri di cittadinanza. Avviare rapporti costruttivi e formativi con le Agenzie educative extrascolastiche presenti sul territorio ( patto di collaborazione tra famiglie, alunni, Ente Locale, Asur, associazioni di volontariato ). Migliorare la fruibilità del territorio.

1.4 -Risorse umane Le docenti contitolari della classe Baglioni e Fracassa con 10 ore aggiuntive pro capite da prestare durante l’orario di insegnamento.

1.5 -Durata Intero anno scolastico

1.6 - Beni e servizi

Data 10/10/2011

IL RESPONSABILE DEL PROGETTO Giuseppina Fracassa

181


Ministero della Pubblica Istruzione

ISTITUTO COMPRENSIVO OFFIDA

Scuola dell’Infanzia – Primaria - Secondaria di I° Grado OFFIDA Scuola dell’Infanzia – Primaria - CASTORANO Tel. e Fax 0736/889373 – Email: apic81500d@istruzione.it - Cod. fisc. : 92033370443

SCHEDA di PROGETTAZIONE piano dell’offerta formativa

PROGETTO /LABORATORIO CURRICOLARE Arricchimento del curricolo: per l’ampliamento dell’offerta formativa

PROGETTO/LABORATORIO CURRICOLARE Opzionale

PROGETTO / LABORATORIO EXTRACURRICOLARE facoltativo

2011 - 2012 SCUOLA PRIMARIA

X

PLESSO VIA CIABATTONI CLASSE / I _ 3^_

SEZ. _ A _

Sezione 1 - Descrittiva 1.1- Denominazione progetto " A SCUOLA OLTRE LE MURA” 1.2 -Responsabile progetto Giuseppina FRACASSA 1.3 -Obiettivi Individuare tracce ed elementi ed usarli come fonti per ricavare conoscenze sul passato familiare e della comunità di appartenenza. Conoscere gli elementi significativi del passato del proprio ambiente di vita. Ricavare da fonti di tipo diverso conoscenze su momenti del passato locali e non. Esplorare il paesaggio circostante attraverso l’approccio senso-percettivo e l’osservazione diretta. Individuare gli elementi fisici ed antropici che caratterizzano un ambiente. Orientarsi e muoversi nello spazio circostante e su quello codificato (mappe) utilizzando riferimenti topologici, punti cardinali, coordinate geografiche. Applicare comportamenti adeguati volti al rispetto e alla salvaguardia dell’ambiente, sia cittadino che naturale.Narrare le esperienze vissute attraverso la produzione di testi scritti e di materiali di tipo grafico - pittorico.

1.4 -Risorse umane Le docenti contitolari della classe Baglioni e Fracassa con 15 ore aggiuntive pro capite da prestare durante l’orario di insegnamento, necessarie per effettuare le uscite didattiche sul territorio; esperti esterni e guide durante le uscite. 1.5 -Durata Intero anno scolastico

1.6 - Beni e servizi Scuolabus comunale, mezzi di trasporto di linea. Data 10/10/2011 IL RESPONSABILE DEL PROGETTO Giuseppina Fracassa

182


Ministero della Pubblica Istruzione

ISTITUTO COMPRENSIVO OFFIDA

Scuola dell’Infanzia – Primaria - Secondaria di I° Grado OFFIDA Scuola dell’Infanzia – Primaria - CASTORANO Tel. e Fax 0736/889373 – Email: apic81500d@istruzione.it - Cod. fisc. : 92033370443

SCHEDA di PROGETTAZIONE piano dell’offerta formativa 2011 - 2012 SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO /LABORATORIO CURRICOLARE Arricchimento del curricolo: per l’ampliamento dell’offerta formativa

PROGETTO/LABORATORIO CURRICOLARE Opzionale

PROGETTO / LABORATORIO EXTRACURRICOLARE facoltativo

X

PLESSO VIA CIABATTONI CLASSE / I _ 3^_

SEZ. _ A _

Sezione 1 - Descrittiva 1.1- Denominazione progetto " LARSA - RECUPERO E CONSOLIDAMENTO DISCIPLINARE ” anche con l’uso del personal computer 1.2 –Responsabili progetto Giuseppina FRACASSA 1.3 -Obiettivi Leggere in modo espressivo e scorrevole testi di diverso tipo rispettandone le punteggiatura.Leggere testi narrativi, descrittivi e regolativi, e ricavarne la struttura. Utilizzare forme di lettura diverse (ad alta voce, silenziosa, interattiva…) funzionali allo scopo. Leggere comprendere e memorizzare testi poetici cogliendone il significato e riconoscendo alcune figure metaforiche. Comprendere il significato di testi scritti riconoscendone la funzione e individuandone gli elementi essenziali. Comprendere il significato di nuovi termini o espressioni avvalendosi del contesto in cui sono inseriti. Riferire esperienze personali ed emozioni in modo coerente e coeso. Produrre testi scritti narrativi, descrittivi, scientifici, regolativi. Conoscere ed utilizzare le convenzioni ortografiche.

1.4 -Risorse umane La docente coordinatrice di classe

1.5 -Durata Intero anno scolastico 1.6 - Beni e servizi

Data 10/10/2011 IL RESPONSABILE DEL PROGETTO Giuseppina Fracassa

183


Ministero della Pubblica Istruzione

ISTITUTO COMPRENSIVO OFFIDA

Scuola dell’Infanzia – Primaria - Secondaria di I° Grado OFFIDA Scuola dell’Infanzia – Primaria - CASTORANO Tel. e Fax 0736/889373 – Email: apic81500d@istruzione.it - Cod. fisc. : 92033370443

SCHEDA di PROGETTAZIONE piano dell’offerta formativa 2011 - 2012

PROGETTO /LABORATORIO CURRICOLARE Arricchimento del curricolo: per l’ampliamento dell’offerta formativa

PROGETTO/LABORATORIO CURRICOLARE Opzionale

PROGETTO / LABORATORIO EXTRACURRICOLARE facoltativo

SCUOLA PRIMARIA

X

PLESSO Via Ciabattoni CLASSE 4 ^

SEZ. A

Sezione 1 - Descrittiva 1.1- Denominazione progetto “LARSA” 1.2 -Responsabile progetto Valeria VALENTINI 1.3 –Obiettivi      

Agevolare lo sviluppo di comportamenti di autonomia. Creare l’abitudine ad affrontare gli impegni con responsabilità. Potenziare le capacità di ascolto e di attenzione. Acquisire metodi e mezzi per organizzare le proprie esperienze e comunicare le proprie conoscenze. Progredire nelle conoscenze applicando strategie adeguate alla propria età. Conoscere i diversi generi letterari e le differenti tipologie di testo.

1.4 -Risorse umane .Valeria Valentini Nella Cozzolino

1.5 -Durata Intero anno scolastico 1.6 - Beni e servizi Computer, televisore e videoregistratore

Data 10-10-2011 IL RESPONSABILE DEL PROGETTO Valeria VALENTINI

184


Ministero della Pubblica Istruzione

ISTITUTO COMPRENSIVO OFFIDA

Scuola dell’Infanzia – Primaria - Secondaria di I° Grado OFFIDA Scuola dell’Infanzia – Primaria - CASTORANO Tel. e Fax 0736/889373 – Email: apic81500d@istruzione.it - Cod. fisc. : 92033370443

SCHEDA di PROGETTAZIONE piano dell’offerta formativa

PROGETTO /LABORATORIO CURRICOLARE Arricchimento del curricolo: per l’ampliamento dell’offerta formativa

PROGETTO/LABORATORIO CURRICOLARE Opzionale

PROGETTO / LABORATORIO EXTRACURRICOLARE facoltativo

2011 - 2012 SCUOLA

PRIMARIA

PLESSO CLASSE / I

4^ / 5^ A

X

via Ciabattoni

SEZ. tempo normale

Sezione 1 - Descrittiva 1.1- Denominazione progetto “Teatro a scuola COMPAGNIA TEATRALE GIANNINO STOPPANI” 1.2 -Responsabile progetto Nella COZZOLINO 1.3 -Obiettivi --Usare il linguaggio musicale – Usare il linguaggio del corpo – Acquisire le tecniche peculiari del linguaggio teatrale – Imparare a lavorare in gruppo

1.4 -Risorse umane . Cozzolino Nella: 6 ore per docenza; 12 ore programmazione, ricerca materiale e spettacolo finale. Peci Vittoria: 6 ore per docenza; 15 ore programmazione, ricerca materiale e spettacolo finale Valentini Valeria: 6 ore per docenza; 12 ore programmazione, ricerca materiale e spettacolo finale. Le insegnanti delle classi, l’insegnante specializzata in motoria e i genitori.

1.5 -Durata A marzo in date da definire. 1.6 - Beni e servizi Uso del tetro “Serpente Aureo”; impianto di amplificazione; proiettore e computer.

Data 10 / 10 / 2011 IL RESPONSABILE DEL PROGETTO Nella COZZOLINO

185


Ministero della Pubblica Istruzione

ISTITUTO COMPRENSIVO OFFIDA

Scuola dell’Infanzia – Primaria - Secondaria di I° Grado OFFIDA Scuola dell’Infanzia – Primaria - CASTORANO Tel. e Fax 0736/889373 – Email: apic81500d@istruzione.it - Cod. fisc. : 92033370443

SCHEDA di PROGETTAZIONE piano dell’offerta formativa

PROGETTO /LABORATORIO CURRICOLARE Arricchimento del curricolo: per l’ampliamento dell’offerta formativa

PROGETTO/LABORATORIO CURRICOLARE Opzionale

PROGETTO / LABORATORIO EXTRACURRICOLARE facoltativo

2011 - 2012 SCUOLA

PRIMARIA

PLESSO CLASSE / I

4^ / 5^ A

X

via Ciabattoni

SEZ. tempo normale

Sezione 1 - Descrittiva 1.1- Denominazione progetto “TEATRO A SCUOLA” 1.2 -Responsabile progetto Nella COZZOLINO 1.3 -Obiettivi --Usare il linguaggio musicale – Usare il linguaggio del corpo – Acquisire le tecniche peculiari del linguaggio teatrale – Imparare a lavorare in gruppo

1.4 -Risorse umane .Le insegnanti delle classi, l’insegnante specializzata in motoria e i genitori

1.5 -Durata Da gennaio a marzo durante le ore opzionali delle classi 4^ e 5^ 1.6 - Beni e servizi Uso del tetro “Serpente Aureo”; impianto di amplificazione; proiettore e computer.

Data 10 / 10 /2011 IL RESPONSABILE DEL PROGETTO Nella COZZOLINO

186


Ministero della Pubblica Istruzione

ISTITUTO COMPRENSIVO OFFIDA

Scuola dell’Infanzia – Primaria - Secondaria di I° Grado OFFIDA Scuola dell’Infanzia – Primaria - CASTORANO Tel. e Fax 0736/889373 – Email: apic81500d@istruzione.it - Cod. fisc. : 92033370443

SCHEDA di PROGETTAZIONE piano dell’offerta formativa

PROGETTO /LABORATORIO CURRICOLARE Arricchimento del curricolo: per l’ampliamento dell’offerta formativa

PROGETTO/LABORATORIO CURRICOLARE Opzionale

PROGETTO / LABORATORIO EXTRACURRICOLARE facoltativo

2011 - 2012 SCUOLA _PRIMARIA_

X

PLESSO_Via Ciabattoni_ CLASSE / I _ 5^_

SEZ. _A_

Sezione 1 - Descrittiva 1.1- Denominazione progetto " LARSA ” 1.2 -Responsabile progetto Nella COZZOLINO 1.3 -Obiettivi

   

Agevolare lo sviluppo di comportamenti di autonomia. Creare l’abitudine ad affrontare gli impegni con responsabilità. Potenziare le capacità di ascolto e di attenzione. Acquisire metodi e mezzi per organizzare le proprie esperienze e comunicare le proprie conoscenze.  Progredire nelle conoscenze applicando strategie adeguate alla propria età.  Acquisire varie strategie di ragionamento logico.

1.4 -Risorse umane .Nella Cozzolino nelle ore opzionali; Vittoria Peci nelle ore opzionali;

1.5 -Durata INTERO ANNO SCOLASTICO 1.6 - Beni e servizi COMPUTER,TELEVISORE E VIDEOREGISTRATORE

Data 10/10/ 2011 IL RESPONSABILE DEL PROGETTO Nella COZZOLINO 187


Ministero della Pubblica Istruzione

ISTITUTO COMPRENSIVO OFFIDA

Scuola dell’Infanzia – Primaria - Secondaria di I° Grado OFFIDA Scuola dell’Infanzia – Primaria - CASTORANO

Tel. e Fax 0736/889373 – Email: apic81500d@istruzione.it - Cod. fisc. : 92033370443

SCHEDA di PROGETTAZIONE piano dell’offerta formativa 2011 - 2012

PROGETTO /LABORATORIO CURRICOLARE Arricchimento del curricolo: per l’ampliamento dell’offerta formativa

PROGETTO/LABORATORIO CURRICOLARE Opzionale

PROGETTO / LABORATORIO EXTRACURRICOLARE facoltativo

SCUOLA _PRIMARIA_

X

PLESSO_V. CIABATTONI_ CLASSE / I _ 5^_

SEZ. _Tempo normale_

Sezione 1 - Descrittiva 1.1- Denominazione progetto “Scuola multimediale di protezione civile” 1.2 -Responsabile progetto Vittoria PECI 1.3 -Obiettivi

 Promuovere la conoscenza delle diverse tipologie di rischio a cui è esposto il nostro paese;  Favorire comportamenti tesi al rispetto del territorio;  Acquisire norme comportamentali preventive e misure da adottare per prevenire i vari tipi di rischi e mitigarne gli effetti;  Utilizzare il computer per acquisire informazioni

1.4 -Risorse umane Gli insegnanti di classe Cozzolino- Peci. 1.5 -Durata Durante le ore opzionali:giovedì 10,10-13,10 dei mesi di ottobre –novembre –dicembre –gennaio –aprile maggio. 1.6 - Beni e servizi Materiale in dotazione dell’alunno,fotocopie,testi di supporto,computer e cd didattici. Data _10_/_10_/ 2011 IL RESPONSABILE DEL PROGETTO Vittoria PECI 188


Ministero della Pubblica Istruzione

ISTITUTO COMPRENSIVO OF FIDA

Scuola dell’Infanzia – Primaria - Secondaria di I° Grado OFFIDA Scuola dell’Infanzia – Primaria - CASTORANO Tel. e Fax 0736/889373 – Email: apic81500d@istruzione.it - Cod. fisc. : 92033370443

SCHEDA di PROGETTAZIONE piano dell’offerta formativa

PROGETTO /LABORATORIO CURRICOLARE Arricchimento del curricolo: per l’ampliamento dell’offerta formativa

PROGETTO/LABORATORIO CURRICOLARE Opzionale

PROGETTO / LABORATORIO EXTRACURRICOLARE facoltativo

2011 - 2012

SCUOLA _PRIMARIA E SECONDARIA_

X

PLESSO_V. CIABATTONI_

CLASSE / I _ 5^A – 1^ A – 1^ B_

SEZ. _ A - B _

Sezione 1 - Descrittiva 1.1- Denominazione progetto “Scuola multimediale di protezione civile” 1.2 -Responsabile progetto Mario CASTELLUCCI - Vittoria PECI 1.3 -Obiettivi

Promuovere la conoscenza delle diverse tipologie di rischio a cui è esposto il nostro paese;

Favorire comportamenti tesi al rispetto del territorio;

Acquisire norme comportamentali preventive e misure da adottare per prevenire i vari tipi di rischi e mitigarne gli effetti;

Utilizzare il computer per acquisire informazioni.

1.4 -Risorse umane Cozzolino Nella - Peci Vittoria- Castellucci Mario – Luciani Mariolina – Mignucci Ermete: 10 ore pro capite per programmazione,incontri con gli enti che promuovono il progetto (Protezione Civile-Regione- Amministrazione Comunale), manifestazione finale. 1.5 -Durata

Da ottobre a marzo. Per la scuola primaria durante le ore opzionali. 1.6 - Beni e servizi Materiale in dotazione dell’alunno,testi di supporto,computer. Data _10_/_10_/ 2011 IL RESPONSABILE DEL PROGETTO CASTELLUCCI Mario - Vittoria PECI

189


Ministero della Pubblica Istruzione

ISTITUTO COMPRENSIVO OFFIDA

Scuola dell’Infanzia – Primaria - Secondaria di I° Grado OFFIDA Scuola dell’Infanzia – Primaria - CASTORANO Tel. e Fax 0736/889373 – Email: apic81500d@istruzione.it - Cod. fisc. : 92033370443

SCHEDA di PROGETTAZIONE piano dell’offerta formativa

PROGETTO /LABORATORIO CURRICOLARE Arricchimento del curricolo: per l’ampliamento dell’offerta formativa

PROGETTO/LABORATORIO CURRICOLARE Opzionale

PROGETTO / LABORATORIO EXTRACURRICOLARE facoltativo

2011 - 2012 SCUOLA PRIMARIA

PLESSO CLASSE 1^

X

via della Repubblica (Offida) SEZ. TEMPO PIENO

Sezione 1 - Descrittiva 1.1- Denominazione progetto

“Laboratorio L.A.R.S.A disciplinare” 1.2 -Responsabile progetto

Calvaresi Giovanna 1.3 -Obiettivi Recuperare, consolidare e potenziare le strumentalita’ di base nei vari ambiti disciplinari.

1.4 -Risorse umane  Docenti: Calvaresi, Capponi

1.5 -Durata Intero anno scolastico: il martedì dalle ore 11,20 alle ore 12,20

1.6 - Beni e servizi

Materiale di facile consumo, software didattici

Data 10/10/ 2011 IL RESPONSABILE DEL PROGETTO CALVARESI Giovanna

190


Ministero della Pubblica Istruzione

ISTITUTO COMPRENSIVO OFFIDA

Scuola dell’Infanzia – Primaria - Secondaria di I° Grado OFFIDA Scuola dell’Infanzia – Primaria - CASTORANO Tel. e Fax 0736/889373 – Email: apic 81500d@istruzione.it - Cod. fisc. : 92033370443

SCHEDA di PROGETTAZIONE piano dell’offerta formativa

PROGETTO /LABORATORIO CURRICOLARE Arricchimento del curricolo: per l’ampliamento dell’offerta formativa

PROGETTO/LABORATORIO CURRICOLARE Opzionale

PROGETTO / LABORATORIO EXTRACURRICOLARE facoltativo

2011 - 2012 SCUOLA PRIMARIA

X

PLESSO VIA REPUBBLICA CLASSE PRIMA

SEZ. TEMPO PIENO

Sezione 1 - Descrittiva 1.1- Denominazione progetto

“AMICI DELL’AMBIENTE” (Progetto di Educazione Ambientale) 1.2 -Responsabile progetto

LUCARELLI Angelo 1.3 -Obiettivi  Conoscere il proprio territorio sotto l’aspetto naturalistico-ambientale.  Comprendere che l’ambiente è un bene prezioso per tutti gli esseri viventi e come tale va

salvaguardato.  Conoscere alcune forme di riciclaggio dei rifiuti.

1.4 -Risorse umane

Lucarelli Angelo per un totale di 5 ore per attività di programmazione, ricerca e preparazione di materiali e uscite sul territorio. Calvaresi Giovanna per un totale di 10 ore per attività di programmazione, ricerca e preparazione di materiali e uscite sul territorio. Capponi Edmea Marta per un totale di 5 ore per attività di programmazione, ricerca e preparazione di materiali e uscite sul territorio. 1.5 -Durata

Intero anno scolastico 2011-2012 1.6 - Beni e servizi

Utilizzo dello scuolabus Collaboratori scolastici. Data 10 OTTOBRE 2011 IL RESPONSABILE DEL PROGETTO

LUCARELLI Angelo 191


Ministero della Pubblica Istruzione

ISTITUTO COMPRENSIVO OFFIDA

Scuola dell’Infanzia – Primaria - Secondaria di I° Grado OFFIDA Scuola dell’Infanzia – Primaria - CASTORANO Tel. e Fax 0736/889373 – Email: apic81500d@istruzione.it - Cod. fisc. : 92033370443

SCHEDA di PROGETTAZIONE piano dell’offerta formativa

PROGETTO /LABORATORIO CURRICOLARE Arricchimento del curricolo: per l’ampliamento dell’offerta formativa

PROGETTO/LABORATORIO CURRICOLARE Opzionale

PROGETTO / LABORATORIO EXTRACURRICOLARE facoltativo

2011 - 2012 SCUOLA PRIMARIA

CLASSE Prima

X

PLESSO VIA REPUBBLICA Sez. Tempo Pieno e classi della Scuola Primaria di Offida

Sezione 1 - Descrittiva 1.1- Denominazione progetto “ARTE – TEATRO – MUSICA” 1.2 -Responsabile progetto

CAPPONI Edmea Marta 1.4 -Obiettivi

 Scoprire le proprie potenzialità comunicative ed espressive attraverso i linguaggi verbali, iconici, gestuali e canoro-musicali.  Essere capaci di porsi in relazione in modo collaborativo e costruttivo nel piccolo e grande gruppo, rispettando i ruoli assegnati, le esigenze e i bisogni dell’altro. 1.4 -Risorse umane

Docenti: Capponi Edmea Marta per un totale di 15 ore per le seguenti attività:  Programmazione;  ricerca e predisposizione di materiali;  allestimento di alcune rappresentazioni; Capponi Edmea Marta per un totale di 20 ore per coordinamento, preparazione ed esecuzione di canti nelle diverse classi della Scuola Primaria in occasione di manifestazioni organizzate dall’Istituto Comprensivo di Offida. Calvaresi Giovanna per un totale di 5 ore per attività di programmazione, ricerca e predisposizione di materiali ed allestimento di alcune rappresentazioni. Lucarelli Angelo per un totale di 10 ore per attività di programmazione, ricerca e predisposizione di materiali ed allestimento di alcune rappresentazioni. 1.5 -Durata

Intero Anno Scolastico 2011-2012 1.6 - Beni e servizi

Spazi della scuola quali palestra, aula d’immagine, aula multimediale, Teatro “Serpente Aureo” di Offida, Scuolabus e Collaboratori Scolastici. Data 10 OTTOBRE 2011 IL RESPONSABILE DEL PROGETTO Capponi Edmea Marta 192


Ministero della Pubblica Istruzione

ISTITUTO COMPRENSIVO OFFIDA

Scuola dell’Infanzia – Primaria - Secondaria di I° Grado OFFIDA Scuola dell’Infanzia – Primaria - CASTORANO

Tel. e Fax 0736/889373 – Email: apic81500d@istruzione.it - Cod. fisc. : 92033370443

SCHEDA di PROGETTAZIONE piano dell’offerta formativa 2011 - 2012

PROGETTO /LABORATORIO CURRICOLARE Arricchimento del curricolo: per l’ampliamento dell’offerta formativa

PROGETTO/LABORATORIO CURRICOLARE Opzionale

PROGETTO / LABORATORIO EXTRACURRICOLARE facoltativo

SCUOLA PRIMARIA

X

PLESSO V. DELLA REPUBBLICA CLASSE 2^

SEZ. TEMPO PIENO

Sezione 1 - Descrittiva 1.1- Denominazione progetto " Laboratorio L.A.R.S.A. disciplinare: GIOCARE ALL’ITALIANO” 1.2 -Responsabile progetto BAGLIONI Mariella 1.3 -Obiettivi Recuperare, consolidare, acquisire conoscenze e abilità per operare in modo più autonomo e sicuro nelle attività linguistiche. Sviluppare la socializzazione, le capacità comunicativa ed espressiva, la conoscenza di sé e l’autostima, la presa di coscienza di sé in rapporto con l’altro, con l’ambiente, con gli oggetti, la scoperta del proprio “io” interiore, la creatività del “sentire”, la capacità di osservazione, di riflessione e di ascolto.

1.4 -Risorse umane  Docenti: Baglioni, Basso

1.5 -Durata Intero anno scolastico: il martedì dalle 10,20 alle 12,20 (insegnanti Baglioni/Basso)

1.6 - Beni e servizi Spazi della scuola

Data 10/10/ 2011 IL RESPONSABILE DEL PROGETTO Baglioni Mariella

193


Ministero della Pubblica Istruzione

ISTITUTO COMPRENSIVO OFFIDA

Scuola dell’Infanzia – Primaria - Secondaria di I° Grado OFFIDA Scuola dell’Infanzia – Primaria - CASTORANO Tel. e Fax 0736/889373 – Email: apic81500d@istruzione.it - Cod. fisc. : 92033370443

SCHEDA di PROGETTAZIONE piano dell’offerta formativa 2011 - 2012

PROGETTO /LABORATORIO CURRICOLARE Arricchimento del curricolo: per l’ampliamento dell’offerta formativa

PROGETTO/LABORATORIO CURRICOLARE Opzionale

PROGETTO / LABORATORIO EXTRACURRICOLARE facoltativo

SCUOLA PRIMARIA

X

PLESSO V. DELLA REPUBBLICA CLASSE 2^

SEZ. TEMPO PIENO

Sezione 1 - Descrittiva 1.1- Denominazione progetto " I GUARDIANI DELL’AMBIENTE” 1.2 -Responsabile progetto BAGLIONI Mariella 1.3 -Obiettivi  Conoscere il proprio ambiente al fine di salvaguardarlo e rispettarlo.  Focalizzare l’attenzione sui concetti di “rifiuto”, “spreco”, “riciclaggio”, “risparmio di risorse ed energetico”.  Progettare e mettere in atto percorsi legati alla cura-manutenzione e all’utilizzo del bosco adottato, sito in località San Barnaba di Offida.  Acquisire comportamenti corretti per la tutela dell’ambiente e avviarsi ad essere futuri cittadini consapevoli e responsabili.  Potenziare la conoscenza di sé e l’autostima, la presa di coscienza di sé in rapporto con l’altro, con l’ambiente, con gli oggetti, la capacità di ascolto e riflessione.  Cooperare per il raggiungimento di un obiettivo comune.  Socializzare le conoscenze acquisite mediante linguaggi diversi ed effettuare un’importante opera di sensibilizzazione nei confronti delle famiglie e dell’intera comunità. 1.4 -Risorse umane  Docenti: Baglioni 20 ore, Basso 10 ore, Damiani 10 ore, Maurizi 10 ore per programmare le attività, ricercare materiali e predisporli, realizzare prodotti multimediali e/o cartacei, allestire spettacoli finali, manifestazioni o mostre.  Collaboratori scolastici. 1.5 -Durata Intero anno scolastico 1.6 - Beni e servizi Spazi della scuola quali palestra, aula immagine, aula multimediale; lo scuolabus.

Data 10/10/ 2011 IL RESPONSABILE DEL PROGETTO Baglioni Mariella 194


Ministero della Pubblica Istruzione

ISTITUTO COMPRENSIVO OFFIDA

Scuola dell’Infanzia – Primaria - Secondaria di I° Grado OFFIDA Scuola dell’Infanzia – Primaria - CASTORANO Tel. e Fax 0736/889373 – Email: apic 81500d@istruzione.it - Cod. fisc. : 92033370443

SCHEDA di PROGETTAZIONE piano dell’offerta formativa

PROGETTO /LABORATORIO CURRICOLARE Arricchimento del curricolo: per l’ampliamento dell’offerta formativa

PROGETTO/LABORATORIO CURRICOLARE Opzionale

PROGETTO / LABORATORIO EXTRACURRICOLARE facoltativo

2011 - 2012 SCUOLA PRIMARIA

X

PLESSO VIA DELLA REPUBBLICA CLASSE TERZA

SEZ. TEMPO PIENO

Sezione 1 - Descrittiva 1.1- Denominazione progetto “NOI E L’AMBIENTE” (Progetto di Educazione Ambientale) 1.2 -Responsabile progetto

POLI Angela 1.5 -Obiettivi  Conoscere il proprio territorio sotto l’aspetto naturalistico-ambientale.  Comprendere che l’ambiente è un bene prezioso per tutti gli esseri viventi e come tale va

salvaguardato promuovendo atteggiamenti corretti.  Acquisire la consapevolezza del rapporto uomo-natura.  Riflettere sulla relazione uomo-ambiente: l’uomo, con le sue attività, artefice della fruizione e

della tutela delle risorse del pianeta.  Conoscere alcune fonti di energia alternativa.  Conoscere alcune forme di riciclaggio dei rifiuti.  Rispettare e conservare il patrimonio artistico e naturalistico del proprio territorio. 1.4 -Risorse umane

Poli Angela per un totale di 15 ore per attività di programmazione, ricerca e preparazione di materiali e uscite sul territorio. Calvaresi Giovanna per un totale di 10 ore per attività di programmazione, ricerca e preparazione di materiali e uscite sul territorio.

1.5 -Durata

Intero anno scolastico 2011-2012 1.6 - Beni e servizi

Utilizzo dello scuolabus Collaboratori scolastici. Data 10 OTTOBRE 2011 IL RESPONSABILE DEL PROGETTO

POLI Angela 195


Ministero della Pubblica Istruzione

ISTITUTO COMPRENSIVO OFFIDA

Scuola dell’Infanzia – Primaria - Secondaria di I° Grado OFFIDA Scuola dell’Infanzia – Primaria - CASTORANO Tel. e Fax 0736/889373 – Email: apic81500d@istruzione.it - Cod. fisc. : 92033370443

SCHEDA di PROGETTAZIONE piano dell’offerta formativa 2011 - 2012

PROGETTO /LABORATORIO CURRICOLARE Arricchimento del curricolo: per l’ampliamento dell’offerta formativa

PROGETTO/LABORATORIO CURRICOLARE Opzionale

PROGETTO / LABORATORIO EXTRACURRICOLARE facoltativo

SCUOLA PRIMARIA

X

PLESSO VIA DELLA REPUBBLICA CLASSE TERZA

SEZ. TEMPO PIENO

Sezione 1 - Descrittiva 1.1- Denominazione progetto “ATTORI IN ERBA” 1.2 -Responsabile progetto POLI Angela 1.6 -Obiettivi Esprimersi utilizzando una pluralità di linguaggi. Rafforzare autostima e fiducia in sé e nell’altro. Acquisire consapevolezza del proprio corpo per Valorizzare la spontaneità e l’espressività. Migliorare l’attenzione, la memoria e l’ascolto. Stimolare processi di simulazione, di improvvisazione e creatività. Comunicare, esprimere emozioni e raccontare utilizzando diversi codici individualmente, a coppie, in gruppo, attraverso la drammatizzazione e le esperienze ritmico musicali. Utilizzare il linguaggio grafico pittorico per rappresentare e comunicare stati d’animo e situazioni varie. Collaborare insieme per raggiungere un obiettivo comune. 1.4 -Risorse umane Poli Angela per un totale di 15 ore per attività di programmazione, ricerca e preparazione di materiali e allestimento di una rappresentazione. Stracci Tanja Katinka per un totale di 10 ore per attività di programmazione, ricerca e preparazione di materiali e allestimento di una rappresentazione. Esperti esterni.

1.5 -Durata

Gennaio-Aprile. 1.6 - Beni e servizi

Scuolabus, collaboratori scolastici, palestra, aula d’immagine, aula multimediale, impianto di amplificazione, computer, teatro “Serpente Aureo Data 10 OTTOBRE 2011 IL RESPONSABILE DEL PROGETTO POLI Angela

196


Ministero della Pubblica Istruzione

ISTITUTO COMPRENSIVO OFFIDA

Scuola dell’Infanzia – Primaria - Secondaria di I° Grado OFFIDA Scuola dell’Infanzia – Primaria - CASTORANO Tel. e Fax 0736/889373 – Email: apic81500d@istruzione.it - Cod. fisc. : 92033370443

SCHEDA di PROGETTAZIONE piano dell’offerta formativa

PROGETTO /LABORATORIO CURRICOLARE Arricchimento del curricolo: per l’ampliamento dell’offerta formativa

PROGETTO/LABORATORIO CURRICOLARE Opzionale

PROGETTO / LABORATORIO EXTRACURRICOLARE facoltativo

2011 - 2012 SCUOLA _PRIMARIA_

X

PLESSO Via Repubblica/Via Ciabattoni CLASSE / I II T.M.E III T.P.

Sezione 1 – Descrittiva 1.1- Denominazione progetto “PROGETTO

DI MUSICOTERAPIA”

1.2 -Responsabile progetto IPPOLITI Fulvia - STRACCI Tanja K. 1.3 –Obiettivi Gli obiettivi sono: - Facilitare l’integrazione e la socializzazione; - Educare alla valorizzazione delle diversità; - Promuovere e sviluppare la capacità di stare bene con se stessi e con gli altri; - Sviluppare la capacità di ascolto e attenzione per migliorare la comprensione dei messaggi verbali e non verbali. - Investire e valorizzare la comunicazione non verbale per renderla più piacevole ed intenzionale; - Promuovere lo sviluppo senso-motorio e socio-affettivo del bambino attraverso il linguaggio musicale; - Favorire un graduale approccio alla musica e all’utilizzo degli strumenti musicali. 1.4 -Risorse umane ESPERTO ESTERNO GRATUITO(Istituto musicale “Sieber”) 10 h IPPOLITI FULVIA per attività di programmazione, ricerca e preparazione di materiali e allestimento di una rappresentazione. 10 h STRACCI TANJA KATINKA per attività di programmazione, ricerca e preparazione di materiali e allestimento di una rappresentazione. 5 h POLI ANGELA per attività di programmazione, ricerca e preparazione di materiali e allestimento di una rappresentazione. 5 h CAMELI MARIARITA per attività di programmazione, ricerca e preparazione di materiali e allestimento di una rappresentazione.

1.5 –Durata GENNAIO-APRILE 2012 (11 INCONTRI PER CLASSE – UN’ORA A SETTIMANA PER CLASSE) 1.6 - Beni e servizi Collaboratori scolastici. Scuolabus. Aula multimediale. Impianto audio con casse, mixer e microfoni. Palestra del plesso via Repubblica. Utilizzo del teatro “Serpente Aureo”di Offida.

Data 07/10/ 2011 IL RESPONSABILE DEL PROGETTO IPPOLITI Fulvia - STRACCI Tanja K. 197


Ministero della Pubblica Istruzione

ISTITUTO COMPRENSIVO OFFIDA

Scuola dell’Infanzia – Primaria - Secondaria di I° Grado OFFIDA Scuola dell’Infanzia – Primaria - CASTORANO Tel. e Fax 0736/889373 – Email: apic81500d@istruzione.it - Cod. fisc. : 92033370443

SCHEDA di PROGETTAZIONE piano dell’offerta formativa 2011 - 2012 SCUOLA _PRIMARIA_

PROGETTO /LABORATORIO CURRICOLARE

PROGETTO/LABORATORIO CURRICOLARE Opzionale

PROGETTO / LABORATORIO EXTRACURRICOLARE facoltativo

X

PLESSO VIA DELLA REPUBBLICA

CLASSE QUARTA

SEZ. TEMPO PIENO

Sezione 1 - Descrittiva 1.1- Denominazione progetto LARSA recupero in lingua italiana e in matematica 1.2 -Responsabile progetto TRAINI Claudia – RENDINA Millena 1.3 -Obiettivi Acquisire padronanza nell’uso del sapere disciplinare: linguistico e matematico: riconoscere le principali categorie grammaticali; produrre e comprendere le varie tipologie testuali; conoscere ed eseguire le quattro operazioni con numeri interi e decimali; risolvere situazioni problematiche.

1.4 -Risorse umane . Docenti della classe quarta TP: Traini Claudia e Rendina Milena

1.5 -Durata Intero anno scolastico nelle due ore settimanali di contemporaneità (giovedì e venerdì) 1.6-Beni e servizi Materiali di facile consumo

Data 07/10/2011

IL RESPONSABILE DEL PROGETTO Traini Claudia - Rendina Millena 198


Ministero della Pubblica Istruzione

ISTITUTO COMPRENSIVO OFFIDA

Scuola dell’Infanzia – Primaria - Secondaria di I° Grado OFFIDA Scuola dell’Infanzia – Primaria - CASTORANO Tel. e Fax 0736/889373 – Email: apic81500d@istruzione.it - Cod. fisc. : 92033370443

SCHEDA di PROGETTAZIONE piano dell’offerta formativa 2011 - 2012

SCUOLA _PRIMARIA_ CLASSE QUARTA

PROGETTO /LABORATORIO CURRICOLARE Arricchimento del curricolo: per l’ampliamento dell’offerta formativa

PROGETTO/LABORATORIO CURRICOLARE Opzionale

PROGETTO / LABORATORIO EXTRACURRICOLARE facoltativo

X

PLESSO VIA DELLA REPUBBLICA SEZ. TEMPO PIENO

Sezione 1 - Descrittiva 1.1- Denominazione progetto “NONSOLORIME” 1.2 -Responsabile progetto TRAINI Claudia - RENDINA Millena 1.3 -Obiettivi

    

Comprendere il significato di un testo poetico ascoltato. Recitare testi con espressività ed intonazione. Eseguire in gruppo brani vocali e strumentali appartenenti a generi e culture diversi. Sviluppare la capacità ritmica e valorizzare il rapporto tra movimento e musica. Attivare modalità positive con i compagni durante attività di gruppo.

1.4 -Risorse umane . Docenti della classe quarta TP: Traini Claudia e Rendina Milena 10 ore pro capite funzionali all’insegnamento.

1.5 -Durata Secondo quadrimestre 1.6-Beni e servizi Attrezzature, materiali e strumenti presenti a scuola

Data 07/10/2011

IL RESPONSABILE DEL PROGETTO Traini Claudia - Rendina Millena 199


Ministero della Pubblica Istruzione

ISTITUTO COMPRENSIVO OFFIDA

Scuola dell’Infanzia – Primaria - Secondaria di I° Grado OFFIDA Scuola dell’Infanzia – Primaria - CASTORANO Tel. e Fax 0736/889373 – Email: apic81500d@istruzione.it - Cod. fisc. : 92033370443

SCHEDA di PROGETTAZIONE piano dell’offerta formativa 2011 - 2012

PROGETTO /LABORATORIO CURRICOLARE Arricchimento del curricolo: per l’ampliamento dell’offerta formativa

PROGETTO/LABORATORIO CURRICOLARE Opzionale

PROGETTO / LABORATORIO EXTRACURRICOLARE facoltativo

SCUOLA _PRIMARIA_

X

PLESSO_V. REPUBBLICA_ CLASSE _ 5^_

SEZ. _Tempo Pieno_

Sezione 1 - Descrittiva 1.1- Denominazione progetto “OFFIDA CON GLI OCCHI DEI BAMBINI” 1.2 -Responsabile progetto CALZA Gabriella 1.3 -Obiettivi  Favorire la presa di coscienza della realtà in cui si vive.  Conoscere il territorio sotto l’aspetto naturalistico-ambientale, artistico, culturale e    

folkloristico. Favorire un rapporto completo con il territorio e la sua storia. Comunicare autonomamente le conoscenze acquisite a coetanei e adulti. Educare i bambini alla progettualità. Creare materiali originali, sperimentando tecniche diverse (libricino-guida).

1.4 -Risorse umane

Calza Gabriella – 25 ore per programmazione, uscite, ricerca, produzione materiali. Damiani Giannino – 25 ore per programmazione, uscite, ricerca, produzione materiali. Genitori e nonni degli alunni (senza oneri). Esperti nella conoscenza dell’ambiente locale (senza oneri). 1.5 -Durata

Mesi da novembre a maggio. 1.6 - Beni e servizi

Eventuale disponibilità del teatro Serpente Aureo (o altro locale comunale) per presentazione lavoro, impianto stereo, computer portatile e videoproiettore. Data 10 /10/ 2011 IL RESPONSABILE DEL PROGETTO Calza Gabriella 200


Ministero della Pubblica Istruzione

ISTITUTO COMPRENSIVO OFFIDA

Scuola dell’Infanzia – Primaria - Secondaria di I° Grado OFFIDA Scuola dell’Infanzia – Primaria - CASTORANO Tel. e Fax 0736/889373 – Email: apic81500d@istruzione.it - Cod. fisc. : 92033370443

SCHEDA di PROGETTAZIONE piano dell’offerta formativa 2011 - 2012

SCUOLA _PRIMARIA_

PROGETTO /LABORATORIO CURRICOLARE Arricchimento del curricolo: per l’ampliamento dell’offerta formativa

PROGETTO/LABORATORIO CURRICOLARE Opzionale

PROGETTO / LABORATORIO EXTRACURRICOLARE facoltativo

X

PLESSO_V. REPUBBLICA _ CLASSI _ Tutte_

SEZ. _Tutte _

Sezione 1 - Descrittiva 1.1- Denominazione progetto “RACCOLTA OLIVE E OLIO DELL’ALLEGRIA” 1.2 -Responsabile progetto DAMIANI Giannino 1.3 -Obiettivi  Organizzare le proprie azioni e le conoscenze  Operare scelte consapevoli  Saper cooperare e comunicare  Conoscere il proprio territorio e alcuni dei suoi prodotti  Conoscere i principi di una sana e corretta alimentazione  Comunicare il lavoro con vari mezzi.

1.4 -Risorse umane Damiani Giannino – 10 ore per programmazione, allestimento materiali e raccolta.

Gli insegnanti coinvolti nel progetto. 1.5 -Durata

Fine Ottobre – Novembre 2011. 1.6 - Beni e servizi

Genitori e nonni degli alunni (senza oneri) Personale del Comune Utilizzo dello scuolabus Data 10/10/ 2011 IL RESPONSABILE DEL PROGETTO DAMIANI Giannino 201


Ministero della Pubblica Istruzione

ISTITUTO COMPRENSIVO OFFIDA

Scuola dell’Infanzia – Primaria - Secondaria di I° Grado OFFIDA Scuola dell’Infanzia – Primaria - CASTORANO Tel. e Fax 0736/889373 – Email: apic81500d@istruzione.it - Cod. fisc. : 92033370443

SCHEDA di PROGETTAZIONE piano dell’offerta formativa 2011 - 2012 SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO /LABORATORIO CURRICOLARE Arricchimento del curricolo: per l’ampliamento dell’offerta formativa

PROGETTO/LABORATORIO CURRICOLARE Opzionale

PROGETTO / LABORATORIO EXTRACURRICOLARE facoltativo

X

PLESSI: REPUBBLICA/CIABATTONI CLASSI : 1^ e 3^ tempo pieno ; 3^A

Sezione 1 - Descrittiva 1.1- Denominazione progetto

“TERRA, MATERIA E ARTE : LE MANI IN PASTA!” 1.2 -Responsabile progetto Angelo

LUCARELLI

1.3 -Obiettivi Sviluppare la capacità manipolatoria e l’espressività artistica; potenziare la coordinazione oculo-manuale, l’abilità fine-motoria e la sensibilità tattile; incentivare la consapevolezza di “saper fare” attraverso la manipolazione di materiali plastici di vario tipo (rame, creta); apprendere le tecniche di lavorazione a sbalzo del foglio di rame ( incisione, punteggiatura) per creare oggetti ornamentali; conoscere come nasce l’argilla pura, acquisire la differenza tra argilla plastica, secca e cotta, sapere come e perché avviene la cottura; apprendere le modalità di foggiatura, di smaltatura e decorazione della creta per ottenere manufatti decorativi; creare disegni con temi geometrici, floreali, paesaggistici da realizzare sugli oggetti in creta ; stendere con precisione i colori tenendo conto dei vari livelli ( primo piano, piani secondari, sfondo) e delle tecniche di contrasto toni caldi/toni freddi, ombra/luce; conoscere i colori acrilici e le vernici fissative lucide e opache; produrre oggetti decorativi da presentare in una mostra di fine anno scolastico. 1.4 -Risorse umane I docenti : Lucarelli Angelo 20 ore, funzionali all’insegnamento. Collaboratori scolastici disponibili a contribuire all’allestimento della mostra dei manufatti dei bambini la quale si terrà a fine anno.

1.5 -Durata Intero anno scolastico. 1.6 - Beni e servizi Scuolabus comunale per effettuare la visita guidata ad un laboratorio di ceramica sito nel Comune di Ripatransone. Data13/10/2011 IL RESPONSABILE DEL PROGETTO LUCARELLI Angelo

202


Ministero della Pubblica Istruzione

ISTITUTO COMPRENSIVO OFFIDA

Scuola dell’Infanzia – Primaria - Secondaria di I° Grado OFFIDA Scuola dell’Infanzia – Primaria - CASTORANO Tel. e Fax 0736/889373 – Email: apic81500d@istruzione.it - Cod. fisc. : 92033370443

SCHEDA di PROGETTAZIONE piano dell’offerta formativa 2011 - 2012

PROGETTO /LABORATORIO CURRICOLARE Arricchimento del curricolo: per l’ampliamento dell’offerta formativa

PROGETTO/LABORATORIO CURRICOLARE Opzionale

PROGETTO / LABORATORIO EXTRACURRICOLARE facoltativo

SCUOLA _PRIMARIA OFFIDA - CASTORANO CLASSI _ 1^- 2 ^- 3^- 4^- 5^ T.O. 1^ - 4^ - 5^ T.P.

X

PLESSI _TUTTI SEZ. _Tempo ordinario e Tempo pieno

Sezione 1 - Descrittiva 1.1- Denominazione progetto " Attività alternative alla religione cattolica” 1.2 -Responsabile progetto Vittoria Peci – Calza Gabriella – M. Paola Santanchè 1.3 -Obiettivi  Favorire l’instaurarsi di rapporti interpersonali positivi con i coetanei e gli adulti della scuola.  Attivare atteggiamenti di conoscenza di sé e di relazione positiva nei confronti degli altri.  Esprimersi attraverso linguaggi verbali e non verbali.  Acquisire con sicurezza le strumentlità di base.  Ampliare e consolidare le strumentalità di base per operare in modo più autonomo e sicuro.  Arricchire il lessico.  Scrivere testi di vario tipo sul vissuto personale ed esperienziale. 1.4 -Risorse umane Ins Fracassa Giuseppina Ins. Peci Vittoria Ins.Valentini Valeria Ins. Valentini Valeria Ins.De Santis Carla Ins. Calza Gabriella Ins. Poli Angela Ins. Capponi Edmea Ins Santanchè M.Paola Ins. D’Ignazi Tiziana Ins. Sonaglioni Marilena

- Venerdì -Sabato -Mercoledì - Lunedì - Sabato - Martedì - Martedì - Mercoledì - Venerdì - Martedì - Martedì

8,10-10,10 classe terza A 9,10 - 10,10 classe quarta A 11.10-13.10 classe quinta A 11,10 – 13,10 classe prima A 11,10-12,10 classe quarta A 10,20 – 12,20 classe quinta t.p 8,20 – 10,20 classe quarta t.p 8,20 – 10,20 classe prima t.p 9,10-10,20 classe quarta A 8.40 – 10.10 classe prima A 10.40 – 12.40 classe quinta A

1.5 -Durata Tutto l’anno scolastico: 1.6 - Beni e servizi Materiale in dotazione dell’alunno, fotocopie, testi di supporto, computer e cd didattici.

Data _10_/_10_/ 2011 IL RESPONSABILE DEL PROGETTO Vittoria Peci – Calza Gabriella-M Paola Santanchè 203


204


Ministero della Pubblica Istruzione

ISTITUTO COMPRENSIVO OFFIDA

Scuola dell’Infanzia – Primaria - Secondaria di I° Grado OFFIDA Scuola dell’Infanzia – Primaria - CASTORANO Tel. e Fax 0736/889373 – Email: apic81500d@istruzione.it - Cod. fisc. : 92033370443

SCHEDA di PROGETTAZIONE piano dell’offerta formativa

PROGETTO /LABORATORIO CURRICOLARE Arricchimento del curricolo: per l’ampliamento dell’offerta formativa

PROGETTO/LABORATORIO CURRICOLARE Opzionale

PROGETTO / LABORATORIO EXTRACURRICOLARE facoltativo

2011 - 2012 SCUOLA _SECONDARIA_

X

PLESSO G. Ciabattoni CLASSE: 2

a

SEZ.: A-B

Sezione 1 - Descrittiva 1.1- Denominazione progetto “ALLA SCOPERTA DELLA LINGUA LATINA” 1.2 -Responsabile progetto Daniela MALAVOLTA 1.3 -Obiettivi Obiettivi formativi:  far riflettere sull’importanza storica del latino come elemento unificante della civiltà europea;  fugare ogni naturale diffidenza e pregiudizio degli studenti nei confronti delle "note" difficoltà e oscurità della lingua classica;  stimolare la concentrazione degli studenti e la loro facoltà di osservazione e ragionamento; Obiettivi cognitivi:  essere consapevoli della presenza del latino nel lessico e nelle strutture della lingua italiana;  individuare gli elementi di continuità della lingua latina nell'italiano corrente;  conoscere le principali norme di trasformazione fonetica subite dalle parole latine nel passaggio all’italiano;  conoscere le strutture fondamentali del latino: declinazione e flessione verbale;  far acquisire un primo metodo di approccio e traduzione ai testi di lingua latina. Contenuti:  perché studiare latino oggi;  alfabeto, fonetica e accento latini;  struttura della lingua latina: i casi e le declinazioni; le coniugazioni; la prima declinazione e il confronto con i nomi femminili in italiano; la seconda declinazione e il confronto con i sostantivi maschili in italiano; il genere neutro all’origine dei nomi collettivi italiani; il verbo sum (presente e perfetto indicativo); l'indicativo presente delle quattro coniugazioni; gli aggettivi della prima classe; congiunzioni e negazioni. Metodologia: Riguardo alla metodologia, lo studio di questa lingua si attua attraverso un confronto costante con l’italiano, sia nella presentazione del lessico, sia nell’esposizione delle norme morfologiche e sintattiche. La memorizzazione degli argomenti è dunque favorita dalla comprensione ragionata ed è rafforzata attraverso esercizi di consolidamento delle nozioni, di completamento e di traduzione.

1.4 -Risorse umane Docente interno di lettere: Malavolta Daniela

1.5 -Durata Il corso avrà la durata di 20 ore complessive da svolgere in orario extracurricolare. Sarà organizzato in lezioni settimanali di 2,5 ore ciascuna nei mesi di febbraio, marzo, aprile e maggio 2011.

1.6 - Beni e servizi

Data 10/10/2011

IL RESPONSABILE DEL PROGETTO Daniela MALAVOLTA 205


Ministero della Pubblica Istruzione

ISTITUTO COMPRENSIVO OFFIDA

Scuola dell’Infanzia – Primaria - Secondaria di I° Grado OFFIDA Scuola dell’Infanzia – Primaria - CASTORANO Tel. e Fax 0736/889373 – Email: apic81500d@istruzione.it - Cod. fisc. : 92033370443

SCHEDA di PROGETTAZIONE piano dell’offerta formativa 2011 - 2012

PROGETTO /LABORATORIO CURRICOLARE Arricchimento del curricolo: per l’ampliamento dell’offerta formativa

PROGETTO/LABORATORIO CURRICOLARE Opzionale

PROGETTO / LABORATORIO EXTRACURRICOLARE facoltativo

SCUOLA _SECONDARIA_

X

PLESSO G. Ciabattoni CLASSE: 3a

SEZ.: A-B-C

Sezione 1 - Descrittiva 1.1- Denominazione progetto “LABORATORIO DI LATINO” 1.2 -Responsabile progetto

CAMILLI Stefania – VITTORI Sandra 1.3 -Obiettivi Obiettivi formativi: Il laboratorio di latino per le classi terze ha lo scopo di avviare allo studio della lingua presentandone gli elementi di base in maniera semplificata, ma puntuale. Si propone, inoltre, di fornire un metodo di studio basato non solo sulla memoria, ma soprattutto sul ragionamento; per questo fortemente presente è il richiamo ai fondamenti di analisi logica e del periodo. Obiettivi cognitivi:  Favorire la comprensione del lessico e dei termini dell’italiano attraverso la scoperta dell’etimologia delle parole;  Conoscere le fondamentali strutture morfologiche e sintattiche della lingua latina;  Sviluppare l’abitudine alla logica, alla riflessione, all’analisi;  Far acquisire un metodo di lavoro strutturato;  Far accostare i ragazzi al mondo degli antichi Romani con la sua storia, i suoi modi di vivere e la sua mentalità. Metodologia: Riguardo alla metodologia, lo studio di questa lingua si attua attraverso un confronto costante con l’italiano, sia nella presentazione del lessico, sia nell’esposizione delle norme morfologiche e sintattiche. La memorizzazione degli argomenti è dunque favorita dalla comprensione ragionata ed è rafforzata attraverso esercizi di consolidamento delle nozioni, di completamento e di traduzione.

1.4 -Risorse umane Docenti interne di lettere: Camilli Stefania e Vittori Sandra.

1.5 -Durata Il corso avrà la durata di 25 ore complessive da svolgere in orario extracurricolare. Sarà organizzato in lezioni settimanali di 2,5 ore ciascuna nei mesi di febbraio, marzo, aprile e maggio 2011.

1.6 - Beni e servizi

Data 10/10/2011

IL RESPONSABILE DEL PROGETTO

CAMILLI Stefania – VITTORI Sandra 206


Ministero della Pubblica Istruzione

ISTITUTO COMPRENSIVO OFFIDA

Scuola dell’Infanzia – Primaria - Secondaria di I° Grado OFFIDA Scuola dell’Infanzia – Primaria - CASTORANO Tel. e Fax 0736/889373 – Email: apic81500d@istruzione.it - Cod. fisc. : 92033370443

SCHEDA di PROGETTAZIONE piano dell’offerta formativa 2011 - 2012

PROGETTO /LABORATORIO CURRICOLARE Arricchimento del curricolo: per l’ampliamento dell’offerta formativa

PROGETTO/LABORATORIO CURRICOLARE Opzionale

PROGETTO / LABORATORIO EXTRACURRICOLARE facoltativo

SCUOLA _SECONDARIA_

X

PLESSO G. Ciabattoni CLASSE: 2a

SEZ.: A – B

Sezione 1 - Descrittiva 1.1- Denominazione progetto “ATTIVITA’ DI RECUPERO LINGUA INGLESE” 1.2 -Responsabile progetto Carmela CARELLA 1.3 -Obiettivi Recuperare le abilità di base attraverso esercizi di immediata applicazione ed esercitazioni guidate, tenendo conto degli obiettivi di apprendimento e contenuti di una classe seconda;mettere in atto comportamenti di autonomia e fiducia in sé;utilizzare semplici strategie di autovalutazione e autocorrezione per portare gli alunni alla consapevolezza dei propri bisogni formativi. Utilizzo della lezione frontale, interattiva, esercizi strutturati, schede di lavoro proposte dall’insegnante.

1.4 -Risorse umane Docente interno: Carella Carmela 1.5 -Durata Percorso di 7 incontri in orario extracurriculare con scansione settimanale di 2 ore ciascuno, da Gennaio ad Aprile, per un totale di 14 ore 1.6 - Beni e servizi Libro di testo, lavagna LIM, dizionario Data 10/10/2011

IL RESPONSABILE DEL PROGETTO Carmela CARELLA

207


Ministero della Pubblica Istruzione

ISTITUTO COMPRENSIVO OFFIDA

Scuola dell’Infanzia – Primaria - Secondaria di I° Grado OFFIDA Scuola dell’Infanzia – Primaria - CASTORANO Tel. e Fax 0736/889373 – Email: apic81500d@istruzione.it - Cod. fisc. : 92033370443

SCHEDA di PROGETTAZIONE piano dell’offerta formativa 2011 - 2012

PROGETTO /LABORATORIO CURRICOLARE Arricchimento del curricolo: per l’ampliamento dell’offerta formativa

PROGETTO/LABORATORIO CURRICOLARE Opzionale

PROGETTO / LABORATORIO EXTRACURRICOLARE facoltativo

SCUOLA _SECONDARIA_

X

PLESSO G. Ciabattoni CLASSE: 3a

SEZ.: A – B - C

Sezione 1 - Descrittiva 1.1- Denominazione progetto “ATTIVITA’ DI RECUPERO LINGUA INGLESE” 1.2 -Responsabile progetto Carmela CARELLA 1.3 -Obiettivi Recuperare delle abilità di base attraverso esercizi di immediata applicazione ed esercitazioni guidate, tenendo conto degli obiettivi di apprendimento e contenuti di una classe terza;mettere in atto comportamenti di autonomia e fiducia in sé;utilizzare semplici strategie di autovalutazione e autocorrezione per portare gli alunni alla consapevolezza dei propri bisogni formativi. Utilizzo della lezione frontale, interattiva, esercizi strutturati, schede di lavoro proposte dall’insegnante.

1.4 -Risorse umane Docente interno: Carella Carmela 1.5 -Durata Percorso di 7 incontri in orario extracurriculare con scansione settimanale di 2 ore ciascuno, da Gennaio ad Aprile, per un totale di 14 ore 1.6 - Beni e servizi Libro di testo, lavagna LIM, dizionario Data 10/10/2011

IL RESPONSABILE DEL PROGETTO Carmela CARELLA

208


Ministero della Pubblica Istruzione

ISTITUTO COMPRENSIVO OFFIDA

Scuola dell’Infanzia – Primaria - Secondaria di I° Grado OFFIDA Scuola dell’Infanzia – Primaria - CASTORANO Tel. e Fax 0736/889373 – Email: apic81500d@istruzione.it - Cod. fisc. : 92033370443

SCHEDA di PROGETTAZIONE piano dell’offerta formativa

PROGETTO /LABORATORIO CURRICOLARE Arricchimento del curricolo: per l’ampliamento dell’offerta formativa

PROGETTO/LABORATORIO CURRICOLARE Opzionale

PROGETTO / LABORATORIO EXTRACURRICOLARE facoltativo

2011 - 2012 SCUOLA SECONDARIA I GRADO

X PLESSO OFFIDA

CLASSI

III

SEZ. A - B - C

Sezione 1 - Descrittiva 1.1- Denominazione progetto “RECUPERO DELLE COMPETENZE MATEMATICHE” 1.2 -Responsabile progetto Mariolina LUCIANI 1.3 -Obiettivi Il progetto intende offrire un servizio agli alunni che presentano una preparazione di base carente e alle famiglie, soprattutto a quelle della fascia meno abbiente che non sempre possono permettersi per i propri figli lezioni private a pagamento. Costituisce, inoltre, una risposta alle Finalità della Scuola Media la quale, per essere formativa , deve porre in atto iniziative didattiche individualizzate, offrendo a ciascun allievo opportunità adeguate alla sua situazione socio- culturale. Dalla osservazione sistematica effettuata nel primo periodo dell’anno si è rilevato in alcuni alunni la presenza di lacune nella preparazione di base e l’ utilizzo di un metodo di studio poco proficuo con conseguente lentezza e difficoltà nell’ apprendimento e nella partecipazione alle attività della classe. Per venire incontro alle specifiche e peculiari esigenze di questi allievi si è stilato questo progetto da attuarsi nelle ore pomeridiane al fine di consentire ai ragazzi della fascia del recupero di colmare le lacune presenti nella preparazione di base, di migliorare il metodo di studio, di partecipare più attivamente alle attività didattiche e di migliorare di conseguenza la fiducia in sé e nelle proprie capacità ,prevenendo forme di abbandono scolastico e/o di dispersione. Obiettivi formativi  Acquisire competenze logico-matematiche che siano sufficienti a soddisfare i bisogni di adulto nella società ( capacità di calcolo e di risoluzione di problemi pratici )  Acquisire un metodo di studio più autonomo e più proficuo.  Acquisire il “ gusto del sapere “ e della scoperta Obiettivi didattici  Recuperare e rafforzare le conoscenze matematiche pregresse  Acquisire l’uso corretto di strategie e di soluzioni  Saper operare nell’insieme N , Q , R  Saper risolvere semplici problemi di geometria piana e solida

1.4 -Risorse umane Docente Luciani per 20 ore in orario extracurricolare 1.5 -Durata Febbraio- Maggio 1.6 - Beni e servizi Libri di testo in uso , schede di recupero , software , giochi , sarà privilegiato il metodo della ricerca-azione e della didattica laboratoriale, creando un clima di sana competizione ma anche di cooperazione tra pari. Data 10/10/ 2010 La RESPONSABILE DEL PROGETTO Mariolina LUCIANI 209


Ministero della Pubblica Istruzione

ISTITUTO COMPRENSIVO OFFIDA

Scuola dell’Infanzia – Primaria - Secondaria di I° Grado OFFIDA Scuola dell’Infanzia – Primaria - CASTORANO Tel. e Fax 0736/889373 – Email: apic81500d@istruzione.it - Cod. fisc. : 92033370443

SCHEDA di PROGETTAZIONE piano dell’offerta formativa

PROGETTO /LABORATORIO CURRICOLARE Arricchimento del curricolo: per l’ampliamento dell’offerta formativa

PROGETTO/LABORATORIO CURRICOLARE Opzionale

PROGETTO / LABORATORIO EXTRACURRICOLARE facoltativo

2011 - 2012

SCUOLA _ SECONDARIA DI PRIMO GRADO_

X

PLESSO_OFFIDA_

CLASSE / I _PRIME_

SEZ. _A e B_

Sezione 1 - Descrittiva 1.1- Denominazione progetto “RECUPERO DI MATEMATICA” 1.2 -Responsabile progetto MIGNUCCI Ermete 1.3 –Obiettivi

 

Acquisire conoscenze matematiche attraverso la matematizzazione della realtà Acquisire abilità matematiche proprie del programma di aritmetica della prima classe applicando le conoscenze acquisite

1.4 -Risorse umane Prof. Mignucci Ermete

1.5 -Durata 16 ore

1.6 - Beni e servizi

Data _10/10/2011_ IL RESPONSABILE DEL PROGETTO MIGNUCCI Ermete

210


Ministero della Pubblica Istruzione

ISTITUTO COMPRENSIVO OFFIDA

Scuola dell’Infanzia – Primaria - Secondaria di I° Grado OFFIDA Scuola dell’Infanzia – Primaria - CASTORANO Tel. e Fax 0736/889373 – Email: apic81500d@istruzione.it - Cod. fisc. : 92033370443

SCHEDA di PROGETTAZIONE piano dell’offerta formativa 2011 - 2012

PROGETTO /LABORATORIO CURRICOLARE Arricchimento del curricolo: per l’ampliamento dell’offerta formativa

PROGETTO/LABORATORIO CURRICOLARE Opzionale

PROGETTO / LABORATORIO EXTRACURRICOLARE facoltativo

SCUOLA _SECONDARIA DI PRIMO GRADO_

X

PLESSO_OFFIDA V. Ciabattoni_ SEZ. _A – B_

CLASSE / I _SECONDE _

Sezione 1 - Descrittiva 1.1- Denominazione progetto “RECUPERO DI MATEMATICA” 1.2 -Responsabile progetto MIGNUCCI Ermete 1.3 –Obiettivi  

Acquisire conoscenze matematiche attraverso la matematizzazione della realtà Acquisire abilità matematiche proprie del programma di matematica della seconda classe di scuola secondaria di primo grado applicando le conoscenze acquisite

1.4 -Risorse umane Prof. Mignucci Ermete

1.5 -Durata 16 ore

1.6 - Beni e servizi

Data _10_/_10_/ 2011 IL RESPONSABILE DEL PROGETTO MIGNUCCI Ermete

211


Ministero della Pubblica Istruzione

ISTITUTO COMPRENSIVO OFFIDA

Scuola dell’Infanzia – Primaria - Secondaria di I° Grado OFFIDA Scuola dell’Infanzia – Primaria - CASTORANO Tel. e Fax 0736/889373 – Email: apic81500d@istruzione.it - Cod. fisc. : 92033370443

SCHEDA di PROGETTAZIONE piano dell’offerta formativa 2011 - 2012

PROGETTO /LABORATORIO CURRICOLARE Arricchimento del curricolo: per l’ampliamento dell’offerta formativa

PROGETTO/LABORATORIO CURRICOLARE Opzionale

PROGETTO / LABORATORIO EXTRACURRICOLARE facoltativo

SCUOLA SECONDARIA di primo grado

X

PLESSO Via CIABATTONI

CLASSI II e III SECONDARIA di primo grado

SEZ. A - B - C

Sezione 1 - Descrittiva 1.1- Denominazione progetto “RECUPERO ITALIANO” 1.2 -Responsabile progetto Loriana CAPOCASA 1.3 -Obiettivi Azioni mirate di rinforzo e percorsi finalizzati per colmare le lacune presenti nella preparazione di base; recupero di abilità e competenze fondamentali per gli alunni della seconda e terza classe della scuola secondaria di 1° grado. Lettura, comprensione e rielaborazione scritta e/o orale di differenti tipologie testuali; approfondimento di tematiche scolastiche e/o di attualità di particolare interesse per gli alunni e recupero delle competenze grammaticali necessarie per affrontare con successo il percorso scolastico.

1.4 -Risorse umane Loriana Capocasa 1.5 -Durata 8 rientri da 2,5 ore extracurricolari per gruppi di alunni delle classi coinvolte per un totale di 20 ore. 1.6 - Beni e servizi Data 10/10/ 2010 IL RESPONSABILE DEL PROGETTO Loriana CAPOCASA

212


Ministero della Pubblica Istruzione

ISTITUTO COMPRENSIVO OFFIDA

Scuola dell’Infanzia – Primaria - Secondaria di I° Grado OFFIDA Scuola dell’Infanzia – Primaria - CASTORANO Tel. e Fax 0736/889373 – Email: apic81500d@istruzione.it - Cod. fisc. : 92033370443

SCHEDA di PROGETTAZIONE piano dell’offerta formativa 2011 - 2012

PROGETTO /LABORATORIO CURRICOLARE Arricchimento del curricolo: per l’ampliamento dell’offerta formativa

PROGETTO/LABORATORIO CURRICOLARE Opzionale

PROGETTO / LABORATORIO EXTRACURRICOLARE facoltativo

SCUOLA SECONDARIA di primo grado

X

PLESSO Via CIABATTONI

CLASSI 1^

SEZ. A - B

Sezione 1 - Descrittiva 1.1- Denominazione progetto “LABORATORIO DEL FARE” 1.2 -Responsabile progetto Mario CASTELLUCCI 1.3 -Obiettivi Realizzazione di oggetti con materiale di facile consumo e di facile reperibilità come, cartone, compensato, multistrato e listelli di legno, applicando e riutilizzando tecniche grafico pittoriche. Le esperienze operative hanno per oggetto la costruzione di oggetti in compensato, mediante il disegno, il taglio e l’assemblaggio dei pezzi. I progetti (circa 30) sono suddivisi in tre moduli, ognuno dei quali favorisce lo sviluppo di abilità diverse. OBIETTIVI FORMATIVI: Operare con metodi di osservazione, ipotizzare, realizzare oggetti creativi. Lavorare in maniera cooperativa con docenti e compagni, rispettando le regole della convivenza civile, compreso l’aver cura del materiale e dell’ambiente di lavoro. Obiettivi generali: saper raggiungere un risultato intenzionale e verificabile. Obiettivi operativi: saper disegnare i singoli pezzi sui materiali, saper impugnare gli utensili e guidarli in modo corretto sul materiale per ottenere pezzi di precisione accettabile, assemblare l’oggetto con buona precisione, verificare la corrispondenza delle misure con il progetto o lo schema di partenza. 1. Giocattoli: Questi giocattoli hanno le sembianze di animali o di persone. Il loro movimento elementare si basa sullo spostamento amplificato della leva (rana e acrobata) e sulla forza di inerzia del volano (yo-yo e giostra). 2. Oggetti decorativi: Questi oggetti in compensato sono divisi in due categorie. Gli alberi e i piani di intersezione si montano con gli incastri e vanno tagliati con precisione e aggiustati uno sull’altro. I solidi geometrici richiedono l’assemblaggio di molte parti, da unire con la colla. 3. Contenitori: Il portamatite e il salvadanaio sono piccoli contenitori di uso comune. Dal punto di vista funzionale richiedono un dimensionamento abbastanza preciso, in base a quello che devono contenere. Dal punto di vista costruttivo richiedono precisione nelle misure, affinché non vi siano fessure tra i pezzi, una volta assemblati. I pezzi di grosso spessore (1 cm) servono a facilitare il montaggio delle altre facce.

1.4 -Risorse umane Docente Mario Castellucci: responsabile del progetto ed esecutore con un impegno di n. 20 ore di docenza e n. 4 ore di assistenza per il pranzo.

1.5 -Durata L’attività di laboratorio prevede un orario extracurriculare di 30 ore. Il laboratorio verrà attuato a partire da gennaio per un totale di 12 rientri settimanali da due ore e mezza, dalle ore 13,40 alle ore 16,10 con una pausa pranzo dalle 13,10 alle 13,40.

1.6 - Beni e servizi Data 10/10/ 2011 IL RESPONSABILE DEL PROGETTO Mario CASTELLUCCI 213


Ministero della Pubblica Istruzione

ISTITUTO COMPRENSIVO OFFIDA

Scuola dell’Infanzia – Primaria - Secondaria di I° Grado OFFIDA Scuola dell’Infanzia – Primaria - CASTORANO Tel. e Fax 0736/889373 – Email: apic81500d@istruzione.it - Cod. fisc. : 92033370443

SCHEDA di PROGETTAZIONE piano dell’offerta formativa 2011 - 2012

PROGETTO /LABORATORIO CURRICOLARE Arricchimento del curricolo: per l’ampliamento dell’offerta formativa

PROGETTO/LABORATORIO CURRICOLARE Opzionale

PROGETTO / LABORATORIO EXTRACURRICOLARE facoltativo

SCUOLA SECONDARIA di primo grado

X

PLESSO Via CIABATTONI

CLASSI : 2^

SEZ. A – B

Sezione 1 - Descrittiva 1.1- Denominazione progetto “LABORATORIO DEL FARE” 1.2 -Responsabile progetto Mario CASTELLUCCI 1.3 -Obiettivi

Studio delle strutture edilizie struttura di una casa; struttura di un grattacielo; prefabbricazione; tensostrutture; realizzazione di matti in scala per la realizzazione di modellini con i diversi metodi di unione dei mattoni plastici: la palafitta, l’arco romano, la domus romana, la basilica di Pompei ponte sospeso; plastico stradale; OBIETTIVI FORMATIVI: Operare con metodi di osservazione, ipotizzare, realizzare oggetti creativi. Lavorare in maniera cooperativa con docenti e compagni, rispettando le regole della convivenza civile, compreso l’aver cura del materiale e dell’ambiente di lavoro. Obiettivi generali: individuare le varie tipologie edilizie, saper raggiungere un risultato intenzionale e verificabile. Obiettivi operativi: saper disegnare i singoli pezzi sui materiali, saper impugnare gli utensili e guidarli in modo corretto sul materiale per ottenere pezzi di precisione accettabile, assemblare l’oggetto con buona precisione, verificare la corrispondenza delle misure con il progetto o lo schema di partenza.

-

1.4 -Risorse umane Docente Mario Castellucci: responsabile del progetto ed esecutore con un impegno di n. 20 ore in presenza e di docenza e 4 ore di assistenza per il pranzo. 1.5 -Durata L’attività di laboratorio prevede un orario extracurriculare di 20 ore. Il laboratorio verrà attuato a partire da gennaio per un totale di 12 rientri settimanali da due ore e mezza, dalle ore 13,40 alle ore 16,10 con una pausa pranzo dalle 13,10 alle 13,40. 1.6 - Beni e servizi Data 10/10/2011 IL RESPONSABILE DEL PROGETTO Mario CASTELLUCCI 214


Ministero della Pubblica Istruzione

ISTITUTO COMPRENSIVO OFFIDA

Scuola dell’Infanzia – Primaria - Secondaria di I° Grado OFFIDA Scuola dell’Infanzia – Primaria - CASTORANO Tel. e Fax 0736/889373 – Email: apic81500d@istruzione.it - Cod. fisc. : 92033370443

SCHEDA di PROGETTAZIONE piano dell’offerta formativa 2011 - 2012

PROGETTO /LABORATORIO CURRICOLARE Arricchimento del curricolo: per l’ampliamento dell’offerta formativa

PROGETTO/LABORATORIO CURRICOLARE Opzionale

PROGETTO / LABORATORIO EXTRACURRICOLARE facoltativo

SCUOLA SECONDARIA di primo grado

X

PLESSO Via CIABATTONI

CLASSI 1^

SEZ. A – B

Sezione 1 - Descrittiva 1.1- Denominazione progetto “EDUCAZIONE STRADALE” 1.2 -Responsabile progetto Mario CASTELLUCCI 1.3 -Obiettivi Conoscenza dei segnali e segni convenzionali stradali con riferimento particolare a quelli esistenti nel territorio comunale: segni di obbligo, pericolo, indicazione. Conoscenza delle norme di circolazione del nuovo codice della strada con particolare riferimento a quelle riguardanti il pedone. Conoscenza delle norme sull’uso corretto della carreggiata da parte dei pedoni. Conoscenza delle norme di sicurezza nell’attraversare la strada. Nomenclatura delle strade Norme di circolazione stradale per i pedoni: andare a piedi, attraversare la strada, trasporti pubblici, il gioco in strada, norme di prudenza. La segnaletica stradale riferita al pedone.

1.4 -Risorse umane Docente Mario Castellucci ed insegnante di Matematica e Scienze delle rispettive classi. 1.5 -Durata Sono previste numero 5 ore da svolgere nell’arco dell’anno scolastico.

1.6 - Beni e servizi

Data 10/10/2011 IL RESPONSABILE DEL PROGETTO Mario CASTELLUCCI

215


Ministero della Pubblica Istruzione

ISTITUTO COMPRENSIVO OFFIDA

Scuola dell’Infanzia – Primaria - Secondaria di I° Grado OFFIDA Scuola dell’Infanzia – Primaria - CASTORANO Tel. e Fax 0736/889373 – Email: apic81500d@istruzione.it - Cod. fisc. : 92033370443

SCHEDA di PROGETTAZIONE piano dell’offerta formativa 2011 - 2012

PROGETTO /LABORATORIO CURRICOLARE Arricchimento del curricolo: per l’ampliamento dell’offerta formativa

PROGETTO/LABORATORIO CURRICOLARE Opzionale

PROGETTO / LABORATORIO EXTRACURRICOLARE facoltativo

SCUOLA SECONDARIA di primo grado

X

PLESSO Via CIABATTONI

CLASSI 2^

SEZ. A – B

Sezione 1 - Descrittiva 1.1- Denominazione progetto “EDUCAZIONE STRADALE” 1.2 -Responsabile progetto Mario CASTELLUCCI 1.3 -Obiettivi Conoscenza delle norme di circolazione del nuovo codice della strada; Conoscenza delle norme di comportamento in fase di circolazione sul territorio su ruote (bicicletta e motorino); Conoscenza delle norme sull’uso corretto della carreggiata da parte dei ciclisti e motociclisti. Segnaletica stradale; Schema della bicicletta e sua breve storia; Schema del ciclomotore e dei dispositivi, documenti necessari per circolare; Norme di comportamento per l’uso del veicolo a due ruote (uso del casco); Il motore a scoppio a due tempi.

1.4 -Risorse umane Docente Mario Castellucci ed insegnante di Matematica e Scienze delle rispettive classi. 1.5 -Durata Sono previste numero 5 ore da svolgere nell’arco dell’anno scolastico. 1.6 - Beni e servizi

Data 10/10/2011 IL RESPONSABILE DEL PROGETTO Mario CASTELLUCCI

216


Ministero della Pubblica Istruzione

ISTITUTO COMPRENSIVO OFFIDA

Scuola dell’Infanzia – Primaria - Secondaria di I° Grado OFFIDA Scuola dell’Infanzia – Primaria - CASTORANO Tel. e Fax 0736/889373 – Email: apic81500d@istruzione.it - Cod. fisc. : 92033370443

SCHEDA di PROGETTAZIONE piano dell’offerta formativa 2011 - 2012

PROGETTO /LABORATORIO CURRICOLARE Arricchimento del curricolo: per l’ampliamento dell’offerta formativa

PROGETTO/LABORATORIO CURRICOLARE Opzionale

PROGETTO / LABORATORIO EXTRACURRICOLARE facoltativo

SCUOLA SECONDARIA di primo grado

X

PLESSO Via CIABATTONI

CLASSI 3^

SEZ. A – B – C

Sezione 1 - Descrittiva 1.1- Denominazione progetto “EDUCAZIONE STRADALE” 1.2 -Responsabile progetto Mario CASTELLUCCI 1.3 -Obiettivi Conoscenza dei rischi e danni alla salute derivanti dal mancato utilizzo del casco; Conoscenza dei rischi danni alla salute derivanti dall’inquinamento atmosferico e acustico provocati dl traffico; conoscenza dei fattori che possono provocare rischi alla circolazione stradale (alcolismo, assunzione di droghe e farmaci che agiscono sui riflessi); conoscenza degli interventi opportuni da mettere in atto in caso di incidenti (norme di pronto soccorso); consapevolezza degli atteggiamenti psicologici negativi che possono instaurare nel rapporto uomo-macchina (Istinto di potenza, mitizzazione del mezzo meccanico). Inquinamento atmosferico ed acustico; igiene alimentare, alcolismo, droghe e farmaci; norme di primo soccorso; il rapporto uomo macchina. 1.4 -Risorse umane Docente Mario Castellucci ed insegnante di Matematica e Scienze delle rispettive classi. 1.5 -Durata Sono previste numero 5 ore da svolgere nell’arco dell’anno scolastico. 1.6 - Beni e servizi Data 10/10/2011 IL RESPONSABILE DEL PROGETTO

217


Ministero della Pubblica Istruzione

ISTITUTO COMPRENSIVO OFFIDA

Scuola dell’Infanzia – Primaria - Secondaria di I° Grado OFFIDA Scuola dell’Infanzia – Primaria - CASTORANO Tel. e Fax 0736/889373 – Email: apic81500d@istruzione.it - Cod. fisc. : 92033370443

SCHEDA di PROGETTAZIONE piano dell’offerta formativa 2011 - 2012

PROGETTO /LABORATORIO CURRICOLARE Arricchimento del curricolo: per l’ampliamento dell’offerta formativa

PROGETTO/LABORATORIO CURRICOLARE Opzionale

PROGETTO / LABORATORIO EXTRACURRICOLARE facoltativo

SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA di primo grado

X

PLESSO Via Ciabattoni, Via Repubblica

CLASSI 5^ Primaria, I, II e III Secondaria di primo grado

SEZ. A – B - C

Sezione 1 - Descrittiva 1.1- Denominazione progetto “LA SCUOLA PER IL TERRITORIO…NOI MINIGUIDE” 1.2 -Responsabile progetto Mario CASTELLUCCI 1.3 -Obiettivi Studio di alcuni luoghi e monumenti di rilevante interesse storico, artistico e architettonico che caratterizzano in modo significativo il territorio del comune di Offida. Obiettivi formativi: conoscere il territorio; conoscere i criteri fondamentali della comunicazione e dell’accoglienza in un museo; acquisire elementi basilari per la comprensione dell’arte; comunicare autonomamente le conoscenze acquisite a coetanei e adulti.

1.4 -Risorse umane Camilli Stefania, Calza Gabriella, Cameli Maria Rita, Capocasa Loriana,Castellucci Mario, Cozzolino Nella, Seghi Selene

1.5 -Durata 4 rientri da 2,30 ore extracurricolari per gruppi di alunni delle classi coinvolte. 4 ore di programmazione per tutti gli insegnanti coinvolti 1.6 - Beni e servizi

Data 10/10/ 2011 IL RESPONSABILE DEL PROGETTO Mario CASTELLUCCI

218


Ministero della Pubblica Istruzione

ISTITUTO COMPRENSIVO OFFIDA

Scuola dell’Infanzia – Primaria - Secondaria di I° Grado OFFIDA Scuola dell’Infanzia – Primaria - CASTORANO Tel. e Fax 0736/889373 – Email: apic81500d@istruzione.it - Cod. fisc. : 92033370443

SCHEDA di PROGETTAZIONE piano dell’offerta formativa 2011 - 2012

PROGETTO /LABORATORIO CURRICOLARE Arricchimento del curricolo: per l’ampliamento dell’offerta formativa

PROGETTO/LABORATORIO CURRICOLARE Opzionale

PROGETTO / LABORATORIO EXTRACURRICOLARE facoltativo

SCUOLA SECONDARIA di primo grado

X

PLESSO Via CIABATTONI

CLASSI 2^ - 3^

SEZ. A – B - C

Sezione 1 - Descrittiva 1.1- Denominazione progetto “CORSO PER IL CONSEGUIMENTO DEL PATENTINO” 1.2 -Responsabile progetto Mario CASTELLUCCI 1.3 -Obiettivi Attività finalizzata al conseguimento del “certificato di idoneità alla guida del ciclomotore”. Far conoscere le norme del codice della strada, la segnaletica e le norme di circolazione; far acquisire comportamenti di sicurezza; educare alla legalità sulla strada.

1.4 -Risorse umane

Docente Mario Castellucci: responsabile del progetto ed esecutore con un impegno di 39 ore (per 3 corsi) in presenza e n. 15 ore funzionali per assistenza per la mensa o eventuale assistenza in aula per il pranzo e n. 3 ore di assistenza per l’esame finale. Agente di Polizia Municipale del comune di Offida a costo zero. 1.5 -Durata Il corso si svolgerà durante il secondo quadrimestre con durata di 21 ore, suddivise in 8 ore di educazione alla convivenza civile (da tenersi in orario curriculare) e 13 in orario extracurriculare per 7 incontri a corso dalle ore 14,15 alle 16,15 con una pausa pranzo dalle 13,15 alle 14,15. 1.6 - Beni e servizi Data 10/10/ 2011 IL RESPONSABILE DEL PROGETTO Mario CASTELLUCCI

219


PROGETTO: Educazione stradale “Certificato di idoneità alla guida del ciclomotore” Il decreto del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti (G.U. del 8/7/03 n.156) prevede, dal 1° luglio 2004, per i minorenni che vogliono guidare un ciclomotore, l’obbligo di possedere il certificato di idoneità alla guida. Il patentino si consegue dopo aver frequentato un corso di educazione stradale tenuto gratuitamente dalla scuola o a pagamento presso una autoscuola. I corsi organizzati dalla scuola hanno la durata di 20 ore di cui 12 tenute in orario extrascolastico ed 8 in orario curricolare in modo pluridisciplinare. Sono ammessi agli esami gli studenti che non hanno fatto più di 3 ore di assenza delle 12 pomeridiane. 1 Denominazione Progetto/Attività: Educazione stradale “Certificato di idoneità alla guida del ciclomotore” 2 Responsabile del progetto: Prof. Mario Castellucci 3 Obiettivi generali — Destinatari — Finalità — Metodologie 3.1 Obiettivi generali: a) Far conoscere le norme della strada, la segnaletica e le norme della circolazione, con particolare riferimento agli obblighi e ai divieti per i ciclomotori; b) Far acquisire comportamenti di sicurezza relativi a: - condizioni tecniche di sicurezza e comportamenti idonei; - accorgimenti e comportamenti utili alla reciproca visibilità degli utenti della strada; - appropriata percezione delle intenzioni degli altri utenti e delle distanze; direzione e velocità dei veicoli; - corretto uso del ciclomotore; - eventuali gravi situazioni di pericolo o difficoltà nella circolazione e comportamenti conseguenti; c) Educare alla legalità sulla strada, al fine di far comprendere che l’insieme di leggi, regolamenti e normative hanno lo scopo di disciplinare ed armonizzare la circolazione stradale, considerato anche che il bene individuale non è in contrapposizione con il bene collettivo. 3.2 Destinatari: Tutti gli studenti che ne faranno richiesta, che hanno compiuto 14 anni o coloro che li compiranno nell’anno scolastico. 3.3 Finalità: - Il conseguimento del certificato di idoneità alla conduzione di ciclomotori (patentino A) D.L.vo 9/02 del 15.01.02. - Attestato di frequenza del corso, valido come credito formativo. 3.4 Metodologie: Avendo l’educazione stradale una dimensione spiccatamente etico- sociale bisognerà evitare di impostare l’insegnamento in modo teorico-formale. Saranno privilegiate 220


esperienze di apprendimento connesse all’ambiente in cui vivono i ragazzi in modo che la loro vita affettiva ed etico-sociale ne risulti coinvolta. Si useranno il metodo della ricerca, del lavoro di gruppo in modo da coinvolgere attivamente i ragazzi che si trovano a vivere una fase evolutiva in cui affermano il loro senso di autonomia e di responsabilità con: - la motivazione e problematiche degli argomenti - l’attivazione delle esperienze operative - l’attuazione di attività operative - l’attuazione di attività ludiche adeguate - usi di materiali audiovisivi ed informatici. 4 Durata: - La durata del corso è di 20 ore, suddivise in 8 ore di educazione alla convivenza civile (da tenersi in orario curriculare) e 12 in orario extracurriculare. “L’operatore responsabile della gestione dei corsi” organizzati in ambito scolastico (art 6 D.Leg.vo 9/02) provvede che siano espletati i seguenti adempimenti: · organizzazione, assistenza, coordinamento dei corsi per gli studenti e collaborazione agli insegnanti nel rispetto della normativa vigente (D.Leg.vo 9/02 e art. 230 del Codice della strada) · gestione amministrativo e contabile delle attività connesse alla realizzazione dei corsi · verifica del registro delle presenze, documento ufficiale per la presentazione dei candidati all’esame · identificazione dei candidati prima dell’esame · lettura delle istruzioni per la compilazione delle schede d’esame · co - presenza alla prova finale 5 Risorse Umane: · Progettazione del corso: prof. Mario Castellucci · Operatore responsabile dei corsi, gestione e coordinamento delle attività: prof. Mario Castellucci . Docenza al singolo corso: (n° 20 ore) prof. Mario Castellucci ed Agente di Polizia Municipale del comune di Offida

221


PROGETTI IN RETE  C.S.A “IL VOLO” Il Progetto è destinato agli alunni che frequentano la Scuola Secondaria di I grado, ha la finalità di valorizzare l'integrazione studio-lavoro contribuendo a formare il profilo educativo, culturale e professionale degli studenti alla fine del primo ciclo di istruzione. Viene realizzato in cicli triennali. I soggetti coinvolti sono gli studenti e i docenti degli Istituti Scolastici di Comunanza, Amandola, Force e Offida. La CNA - Confederazione Nazionale dell'Artigianato e della Piccola e Media Impresa, esperti Maestri Artigiani del territorio. Gli obiettivi da raggiungere sono:  Promuovere azioni efficaci di Orientamento Scolastico e Professionale tramite interventi di qualificati maestri artigiani in sinergia con i docenti.  Offrire agli alunni la possibilità di sperimentare in modo più diretto la dimensione del realizzare oggetti e manufatti, rafforzando interessi e motivazioni, scoprendo nuove attitudini, nella prospettiva di costruire al meglio se stessi e di essere in grado di operare scelte autonome.  Valorizzare la cultura locale, le espressioni lavorative e i mestieri del territorio.  Rafforzare e accrescere nei ragazzi la consapevolezza della cittadinanza attiva.

222


ALTRI PROGETTI…  CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI E’ nato nel 2003, dal desiderio e dal bisogno di creare una palestra di democrazia. Il suo compito precipuo è quello di affrontare e discutere questioni riguardanti il mondo giovanile, ritenute importanti non solo in ambito scolastico, ma anche relativo all’intero Comune. L’organismo ha funzioni propositive e consultive da esplicitare, tramite pareri, progetti e richieste di informazioni, nei confronti del Consiglio Comunale della Città su temi e problemi che riguardano l’attività amministrativa di Offida, nonché le varie esigenze ed istanze che provengono dal mondo dei giovani. Esso svolge le proprie funzioni in modo libero ed autonomo nel rispetto di un Regolamento, precedentemente approvato, aggiornato con delibera del C.C. n. 62 del 28.11.2007. Costituiscono corpo elettorale tutti gli studenti della Scuola Secondaria di I grado e delle quinte classi della Scuola Primaria. Entrano a far parte, del Consiglio Comunale dei Ragazzi, n. 17 componenti che rimangono in carica 2 anni; i consiglieri che, nel corso del mandato biennale lasciano la Scuola Secondaria di 1^ grado, decadono dalla carica e vengono sostituiti dai primi non eletti. Un momento particolarmente saliente, nella vita e nelle attività del C.C.R., e quello che esso vive ogni anno, in maggio, quando viene organizzato il FORUM dei CC. CC. R. dell’Adriatico. Capofila il Comune (quindi la scuola) di Grottammare, il Forum consente l’incontro di ragazzi provenienti da molte località dell’Adriatico, con inevitabile scambio di idee e di esperienze, e con conseguente straordinario arricchimento di ciascuno che non potrebbe esserci se non veicolato dal clima che si crea tra i consiglieri dei vari paesi e dai percorsi compiuti che ciascuno sente l’urgenza di comunicare agli altri. Il Forum lavora, ogni anno, su un tema diverso che viene stabilito dai ragazzi durante il Forum dell’anno precedente e rappresenta un sicuro e valido cammino di crescita che rende i cittadini di domani più consapevoli, e quindi responsabili, di fronte ai problemi delle realtà in cui si trovano a vivere.

 PROGETTO LETTURA CONCORSO LUSSU”

“CITTA' di OFFIDA - JOYCE

II Premio Nazionale Annuale di Narrativa, riservato a volumi di racconti, giunto alla sua sesta edizione nel 2011, e stato indetto nel 2006, anno in cui ha esordito. La premiazione si è svolta quest’anno il 12 Novembre. In un periodo in cui la lettura, immeritatamente ed erroneamente, ha spesso il ruolo della cenerentola, a vantaggio di altre discipline ritenute più "degne", grande attenzione pone ad essa la Scuola sostenuta da quanti ruotano intorno al "Premio Citta di Offida - Joyce Lussu ". Gli studenti delle terze, della Scuola Sec. di 1 Grado "G.Ciabattoni" di Offida, sono chiamati, verso fine anno scolastico, a stilare una breve recensione dell'opera vincitrice del Premio Letterario dell'edizione precedente . La recensione, ritenuta migliore a giudizio della Commissione Giudicatrice, verrà premiata nell'ambito della manifestazione del Premio successivo: ottima occasione per soddisfare il piacere di leggere.

223


 MINIGUIDE Il progetto ha i seguenti obiettivi:    

educare alla difesa dell’ambiente e del patrimonio artistico e monumentale; promuovere tra l’uomo e l‘ambiente un rapporto armonico, rispettoso e consapevole; salvaguardare il paesaggio e l’arte del nostro Paese; integrare la tutela dei beni artistici con la conservazione del patrimonio naturale.

Viene proposta una metodologia incentrata sulla Pedagogia della scoperta e sul Fare scuola nel territorio. Gli studenti sono coinvolti attivamente nel percorso di conoscenza e stimolati a più livelli: emotivo, sensoriale, percettivo, cognitivo, manuale... Lo studio del territorio e delle tematiche ad esso connesse (storia, geografia, arte, economia, scienze ambientali…) procede attraverso l’osservazione e l’analisi, lo studio dei particolari e dell’insieme, in un lavoro che vede i bambini e i ragazzi protagonisti attivi, esploratori in prima persona. Il processo di conoscenza, complesso e interdisciplinare, è vantaggiosamente integrato da un’attività di laboratorio, in cui il sapere si misura col fare, si rinsalda la motivazione, se ne verificano i risultati. La scoperta, lo studio, la meraviglia trasformeranno facilmente la conoscenza in amore e rispetto, quindi in assunzione di responsabilità verso il patrimonio artistico e naturalistico.

 BORSA DI STUDIO “CESARE GABRIELLI” È stato istituito, nel 1997, con decreto del Prefetto di Ascoli Piceno e per espressa volontà dei genitori di Cesare, un giovane di ventidue anni morto in un fatale sinistro stradale nel luglio del 1995 . Cesare era un donatore di sangue e di organi e per ricordare la sua straordinaria generosità, dimostrata nelle parole e nei fatti, la nostra scuola ogni anno dedica all’iniziativa le energie migliori . Partecipano, con attività valide all’attribuzione del premio, gli alunni della Scuola Secondaria . Nel mese di maggio, alle classi terze viene assegnato un tema per lo svolgimento, in classe, di un elaborato scritto; alle classi prime e seconde viene data consegna di realizzare un elaborato grafico - pittorico. Le attività proposte sono incentrate sul volontariato. Quello della produzione, però, è solo il momento finale di un percorso, la punta di un iceberg, in quanto il lavoro inizia, sin dalla prima media, con attività mirate ad incanalare attenzione e sensibilità verso le iniziative di solidarietà umana e civile. Del resto, il volontariato non lo si può esercitare e non lo si può donare: il volontariato è una concezione di vita che, al centro di essa, pone la solidarietà. È quanto mai necessario che l’esistenza di ciascuno di noi assuma, come valore fondamentale, quello della solidarietà perché si possa dire di essere uomini nel senso più pieno del termine . Educare alla solidarietà diventa, pertanto, il momento centrale della formazione delle nuove generazioni, al fine di costruire una società che ponga al primo posto l’uomo con i suoi valori e la sua dignità . 224


 “GUADAGNARE SALUTE ATTRAVERSO LE LIFE SKILLS”. PERCORSO PROPEDEUTICO ALLA PEER EDUCATION I destinatari del progetto sono gli alunni degli Istituti Secondari di Primo Grado della Zona Territoriale 13. Gli argomenti trattati si differenziano di anno in anno poiché in prima si affronterà il tema del tabagismo ed in seconda il tema dell’alcol, entrambi attraverso il potenziamento delle “life skills”. Nelle Terze, con una metodologia interattiva, si affronterà l’educazione all’affettività e alla sessualità.

Classi

Prima

Seconda

Terza

Argomento

Durata del progetto

Potenziare la capacità di relazionarsi e comunicare in modo efficace, saper gestire le emozioni, sviluppare l’empatia ed il pensiero creativo per prevenire la dipendenza da tabacco

Ottobre 2011 - Marzo 2012

Potenziare l’autoconsapevolezza, la capacità di prendere decisioni e di risolvere i problemi; sviluppare il pensiero critico ed imparare a gestire lo stress per la prevenzione del consumo di alcol e la promozione di sani stili di vita

Ottobre 2011 - Marzo 2012 Quattro incontri di due ore ciascuno con la presenza dell’Insegnante e dello Psicologo del Centro di ascolto dell’ATS di appartenenza, se quest’ultimo non potesse collaborare con il personale dell’ U.O. PEAS allo svolgimento di tale attività, il progetto non può essere svolto.

Quattro incontri di due ore ciascuno con la presenza dell’Insegnante e dello Psicologo ( U.O. PEAS )

Educazione alla affettività e Febbraio - Marzo 2012 Sessualità Un incontro di due ore con l’assistente sanitario dell’U.O. PEAS e la psicologa del centro di ascolto dell’ATS di appartenenza e successivamente un ulteriore incontro con la stessa se gli studenti lo richiedono. Qualora non fosse presente la figura dello psicologo interverrà il personale dell’U.O. PEAS

Numero incontri

Durata ore

4

8

4

8

2

2+1

225


Gli obiettivi Tra tutti gli obiettivi il più significativo, ed impegnativo, è quello di favorire lo sviluppo di capacità e abilità necessarie per resistere alla pressione sociale rappresentata dal gruppo dei pari, dai modelli familiari e dalla pubblicità. In tutte e tre le classi, quindi con tutti e tre gli argomenti proposti, saranno stabiliti obiettivi condivisi che sono:  sensibilizzare al problema;  promuovere competenze comportamentali e decisionali per uno stile di vita sano;  favorire gli scambi comunicativi tra i pari;  far riconoscere e contenere ai ragazzi le proprie emozioni al fine di evitare comportamenti devianti;  ideare messaggi e prodotti creativi con il linguaggio dei ragazzi in un percorso di promozione della salute;  facilitare l’integrazione delle risorse e delle competenze del territorio per la realizzazione di efficaci percorsi informativi, educativi, formativi. Si vogliono favorire scelte salutari attraverso un intervento che unisce la comunicazione all’azione.

Gli strumenti di valutazione Gli indicatori di processo che possono essere tenuti in considerazione per il monitoraggio del programma sono:  partecipazione e numero di classi in cui è stato svolto il programma;  gradimento da parte degli insegnanti;  gradimento da parte degli alunni;  penetrazione dell’attività didattica a livello delle famiglie. Il progetto prevede una serie di strumenti di verifica da utilizzare durante l’arco di tutto il progetto:  questionari pre-post intervento per gli alunni (Il 25% degli alunni coinvolti)  questionario/intervista per i genitori (se coinvolti nelle attività del progetto)  focus group con i Dirigenti scolastici, i Docenti referenti per l’educazione alla salute e i docenti delle varie classi coinvolti nell’attività progettuale.

 LA MUSICA A SCUOLA (Scuola Primaria Castorano) Il progetto prevede la presenza di un esperto finanziato dall’amministrazione comunale: il prof. Mario Feriozzi; ha la durata annuale e una cadenza settimanale (si svolge tutti i lunedì). Riguarda tutte le classi del plesso, con i quali si stanno affrontando i concetti fondamentali della musica e dell’espressione canora. La musica è un mezzo privilegiato per:  comunicare,  aiutare il bambino ad aprirsi agli altri,  esprimere i propri sentimenti attraverso il suono,  confrontarsi con gli altri in modo non competitivo,  favorire lo sviluppo della creatività e dell’inventiva Per questo la rilevanza del progetto sta nella possibilità di avvicinare il bambino alla musica “facendo musica”, aiutandolo a familiarizzare con strutture sonore elementari, usando mezzi che egli è in grado di padroneggiare e comprendere in modo facile, ma non superficiale, così da incoraggiarlo a collocare la musica nel proprio panorama culturale. 226


 LABORATORIO AFFETTIVO - RELAZIONALE (Scuola primaria Castorano, classe quarta) <In quanto comunità educante, la scuola genera una diffusa convivialità relazionale, intessuta di linguaggi affettivi ed emotivi, ed è anche in grado di promuovere la condivisione di quei valori che fanno sentire i membri della società come parte di una comunità vera e propria. La scuola affianca al compito “dell’insegnare ad apprendere” quello “dell’insegnare a essere”> (Indicazioni per il Curricolo, pag. 19). Inoltre <è necessario dedicare particolare cura alla formazione della classe come gruppo, alla promozione dei legami cooperativi fra i suoi componenti, alla gestione degli inevitabili conflitti indotti dalla socializzazione> (Indicazioni per il Curricolo, pag. 17). Soprattutto quando tali conflitti sono più frequenti e duri, diventa indispensabile ri-educare l’alunno alla consapevolezza delle proprie emozioni e al controllo dell’aggressività. A tal proposito sono stati individuati alcuni obiettivi generali:  comprendere che il nostro benessere dipende in larga misura dalle scelte personali che facciamo;  comprendere che la vita dell’individuo è caratterizzata da compiti e scelte che devono essere affrontati e superati e che il superamento degli ostacoli è una condizione necessaria per crescere;  attivare le motivazioni che migliorano i comportamenti e sviluppare una coscienza critica per effettuare scelte idonee per il mantenimento del benessere psico – fisico;  sviluppare una sana fiducia in se stessi, nelle proprie capacità di autodisciplina e prendere coscienza del proprio senso di responsabilità.

 C’ERA UNA VOLTA… LA SCUOLA VA IN SCENA (Scuola infanzia Castorano) La caratteristica principale di tale progetto, che tra l’altro lo contraddistingue, rendendolo adatto alla scuola dell’infanzia è la modalità di svolgimento. L’animatore/educatore non si sostituisce all’insegnante di riferimento, anche perché si presenta in vesti sempre diverse e fantastiche. Gli obiettivi perseguiti sono:  stimolare all’autonomia attraverso la costruzione di un percorso di elaborazione che sviluppa l’analisi e la riflessione sulla realtà;  rafforzare il senso d’identità e di autostima;  prendere coscienza del proprio corpo, attraverso la gestualità e la mimica;  potenziare la manualità e la creatività grazie alla sperimentazione diretta dei materiali;  l’apprendimento di strumenti atti a comunicare, quali il parlare, il descrivere, il raccontare, l’ascoltare se stessi e gli altri;  la presa di coscienza di far parte di un “processo creativo collettivo” nel quale il ruolo di ognuno all’interno di un gruppo è legato ad un obiettivo comune;  potenziare le capacità relazionali.

 SCACCHI (Classe 3^ A e 5^ tempo Pieno scuola primaria Offida) Attività didattica riferita alla formazione del pensiero logico-matematico attraverso la conoscenza delle strategie applicate al gioco degli scacchi. Si svolge con cadenza settimanale in orario scolastico, coordinata da un istruttore che interviene a titolo gratuito, in continuità con l’intervento educativo svolto nello scorso anno scolastico. 227


 GEMELLAGGIO SCUOLA PRIMARIA CASTORANO - NOISY L’iniziativa si ripete da diversi anni, ad opera del Comune di Castorano, in collaborazione con la scuola in una delle giornate di permanenza del gruppo di alunni, insegnanti e amministratori di Noisy. Coinvolge particolarmente le classi quarta e quinta del plesso, e prevede la promozione delle relazioni interculturali mediante l’incontro, la conoscenza e la collaborazione degli alunni di Castorano con il gruppo di loro coetanei francesi. Tale scambio crea positivi effetti nella scuola, nel paese e nell’intero territorio. Gli obiettivi principali sono:  Imparare a relazionarsi con persone appartenenti a realtà territoriali/culturali diverse.  Sperimentare il ruolo di cittadini europei nell’ottica di un convivenza costruttiva.  Valorizzare il proprio territorio ed ambiente di vita.

 SCUOLA E SPORT (Scuola primaria Offida) Il progetto è stato promosso dall’Amministrazione Comunale, con l’intento di “promuovere la pratica dell’attività motoria nella scuola primaria”. Attraverso l’incarico ad un laureato in scienze motorie di supporto al docente viene data la possibilità a tutte le classi di promuovere, potenziare e valorizzare l’attività motoria, così come previsto nelle finalità.

 UN BOSCO PER LA CITTA’ (Scuola primaria e secondaria Offida) Scopo dell’iniziativa è quello di contribuire ad educare le giovani generazioni all’importanza del bosco quale riserva di ossigeno ed elemento indispensabile alla sopravvivenza delle specie e dell’uomo. Il progetto tende ad ottenere diversi obiettivi:  l’impianto di un bosco di specie autoctone;  la creazione di uno spazio verde di educazione ambientale;  l’educazione dei ragazzi al rispetto dell’ambiente;  la creazione di un rapporto virtuoso tra enti pubblici, scuola ed associazionismo;  l’adempimento da parte delle Amministrazioni locali, delle direttive di cui alla L. 113/92. La Regione Marche, attraverso il Corpo Forestale, ha reso disponibili le piante da destinare al progetto; le competenze del personale forestale sono state a disposizione per consulenza e assistenza. Nella prima fase, dopo aver partecipato a lezioni tenute da esperti del Corpo Forestale di Ascoli Piceno sulla seguente tematica “Le piante autoctone del nostro territorio” , i ragazzi dell’I.C.. hanno effettuato la messa a dimora di più di 500 essenze autoctone su un appezzamento di terreno, in località San Barnaba di Offida, di proprietà dell’Amministrazione Comunale e hanno adottato il bosco, diventando i guardiani di questo patrimonio destinato anche alle generazioni future. Il progetto prosegue con percorsi di educazione ambientale sul posto e in aula: monitoraggio della crescita delle piante, cura e manutenzione delle stesse, attività di riflessione e di ricerca sui bisogni e sulle fasi di crescita delle piante, con l’ausilio dell’Amministrazione Comunale e della collettività in un rapporto di fattiva e proficua collaborazione.

228


 “ENERGICAMENTE A SCUOLA DI ENERGIE RINNOVABILI” Progetto proposto da Legambiente, Giunti progetti educativi ed Estra Energie, sul risparmio energetico e la sostenibilità ambientale, coinvolge attivamente gli studenti e loro famiglie. Gli obiettivi:  Promuovere una cultura del risparmio energetico all’interno della comunità scolastica;  Coniugare gli aspetti educativi con quelli della sostenibilità ambientale;  Modificare gli stili di vita , partendo dai giovani e dalle loro famiglie;  Informare sulle tecnologie che utilizzano energie rinnovabili. Azioni previste:  Moduli didattici sul tema del metano, della sicurezza e dell’efficienza degli impianti;  Attività ludico-didattiche dove verranno affrontate le tematiche ambientali e a ciascun alunno verrà distribuito un kit informativo;  Concorso a premi Ri-Energy sul risparmio ed efficienza energetica rivolto alle famiglie;  Concorso a premi “Un giorno senza energia”. Percorsi didattici: Saranno mostrati materiali video, sviluppate attività attraverso il lavoro di gruppo,realizzati esperimenti sul clima, effetto serra, efficienza energetica. Le classi riceveranno libri e materiali di approfondimento. Ri-Energy - Alla fine dei percorsi didattici ciascun alunno potrà partecipare al concorso a premi Ri-Energy, concorso sul risparmio ed efficienza energetica rivolto alle famiglie (i genitori saranno infatti i firmatari dei questionari). Un giorno senza energia: Che succederebbe se un giorno l’energia sparisse? Come arrangiarsi? Realizzando un cortometraggio di massimo due minuti le classi potranno raccontare una piccola storia che rappresenti anche una riflessione semiseria sulle energie e la loro importanza.

 “SCUOLA MULTIMEDIALE DI PROTEZIONE CIVILE” Le classi coinvolte nel progetto sono: la 5a A della scuola primaria e la la A e 1a B della scuola secondaria di primo grado. Il progetto ha l’obiettivo di diffondere la conoscenza dei diversi rischi cui è esposto il nostro Paese e mira a favorire il rispetto del territorio e l’acquisizione di norme di comportamento da adottare in caso di emergenza. Scuola multimediale prevede una fase di e-learning, da ottobre a marzo, durante la quale i ragazzi guidati dall’insegnante possono navigare all’interno della piattaforma didattica e iniziare a sviluppare le unità previste. Un percorso didattico virtuale porta i ragazzi ad avventurarsi nel “mare dei rischi” dove sorgono le diverse “isole”: il rischio sismico, vulcanico, idrogeologico, incendi boschivi, industriale, ambientale, Sulla “terraferma” si trovano invece le componenti del Sistema di Protezione Civile tra cui il volontariato. Gli alunni sono accompagnati attraverso questo scenario da tutor virtuali. Il progetto prevede inoltre un forum che consente un'interazione continua tra docenti, alunni ed esperti del Dipartimento. Al termine di ogni unità didattica, gli alunni devono superare un test per valutare il livello di apprendimento e accedere alla successiva unità didattica. La fase conclusiva del progetto, che si svolge in chiusura di anno scolastico, prevede una giornata di esercitazione per tutti gli studenti, organizzata in collaborazione con le strutture operative locali del Servizio Nazionale.

229


Il programma comunitario “Frutta nelle scuole”, introdotto dal regolamento (CE) n.1234/2007 del Consiglio del 22 ottobre 2007, è finalizzato ad aumentare il consumo di frutta e verdura da parte dei bambini e ad attuare iniziative che supportino più corrette abitudini alimentari e una nutrizione maggiormente equilibrata, nella fase in cui si formano le loro abitudini alimentari. Gli obiettivi:  incentivare il consumo di frutta e verdura tra i bambini compresi tra i sei e gli undici anni di età;  realizzare un più stretto rapporto tra il “produttore-fornitore” e il consumatore, indirizzando i criteri di scelta e le singole azioni affinché si affermi una conoscenza e una consapevolezza nuova tra “chi produce” e “chi consuma”;  offrire ai bambini più occasioni ripetute nel tempo per conoscere e “verificare concretamente” prodotti naturali diversi in varietà e tipologia, quali opzioni di scelta alternativa, per potersi orientare fra le continue pressioni della pubblicità e sviluppare una capacità di scelta consapevole; le informazioni “ai bambini” saranno finalizzate e rese con metodologie pertinenti e relative al loro sistema di apprendimento (es: laboratori sensoriali). Gli strumenti:  distribuzione di prodotti ortofrutticoli;  campagna di informazione sulle caratteristiche dei prodotti ortofrutticoli, in termini di qualità, aspetti nutrizionali e sanitari, stagionalità, territorialità e rispetto dell’ambiente, rivolto sia ai docenti che ai genitori, al fine di prolungare l’effetto di induzione del consumo;  avviare e consolidare la realizzazione di una Rete - costituita da Mipaaf, Regioni, Provincie Autonome e Istituti scolastici disponibili a partecipare in modo continuativo al Programma;  elaborazione di misure di accompagnamento complementari. Destinatari del programma sono i bambini che frequentano la scuola primaria. Nella scelta dei prodotti frutticoli si privilegeranno prodotti di qualità certificati (D.O.P., I.G.P., Biologici ) e/o prodotti ottenuti con metodi di produzione integrata certificata e dovranno comprovare la loro origine di prodotto comunitario al 100%. Nella scelta del prodotto si terrà conto del carattere di stagionalità, la distribuzione del prodotto non dovrà avvenire in associazione all’erogazione dei pasti scolastici, costituendo essa stessa anche un momento di “formazione e informazione” autonomo. Il programma di distribuzione prevede, inoltre, che ogni bambino consumi prodotti ortofrutticoli almeno 20 volte durante il Programma, consumi almeno quattro specie di frutto-ortaggio differenti e sia destinatario di specifica attività informativa o educativa. Le misure di accompagnamento sono finalizzate ad elevare l’efficacia delle specifiche azioni previste dal Programma comunitario mediante una serie di correlate azioni di informazione e di sensibilizzazione. Per l’anno scolastico 2011-2012, saranno attuate le seguenti misure di accompagnamento:  Visita a fattorie didattiche;  Creazione di orti scolastici, attività di giardinaggio e/o allestimento di laboratori sensoriali;  Distribuzione di materiale informativo agli insegnanti;  Moduli formativi per insegnanti e docenti.

230


231


LA VALUTAZIONE I docenti dei tre ordini di Scuola sono concordi nel considerare la valutazione parte integrante della programmazione, uno strumento, quindi, che permette non solo il controllo degli apprendimenti, ma la verifica dell’intervento didattico, al fine di operare con flessibilità sul progetto educativo. La valutazione accompagna tutti i processi di insegnamento/apprendimento consentendo ai docenti di:  conoscere la situazione iniziale di ciascun alunno;  valorizzare le risorse e le mete raggiunte da ogni singolo ragazzo;  offrire ad ogni alunno spunti ed aiuti per favorire il superamento delle difficoltà che si presentano in itinere;  predisporre collegialmente piani individualizzati per i soggetti in situazione di insuccesso;  documentare il processo di maturazione degli alunni. Questa valutazione assume carattere promozionale, formativo, orientativo, in quanto concorre ad adeguare il percorso didattico alle esigenze degli alunni. E’ in questo contesto generale di valutazione che gli insegnanti rilevano e registrano in modo sistematico i progressi degli alunni per quanto concerne competenze, abilità e conoscenze nelle varie discipline, nonché l’impegno e la partecipazione in classe e a casa. Operativamente le procedure e gli strumenti adottati per le rilevazioni degli apprendimenti differiscono nei tre ordini di scuola a causa sia dell’età dei discenti che del diverso livello di trattazione e approfondimento delle tematiche oggetto di studio. Nella Scuola dell’Infanzia, l’osservazione sistematica e la documentazione dell’esperienza assumono un ruolo privilegiato. L’osservazione attenta dei bambini nel corso di tutte le attività permette alle insegnanti di tenere sotto controllo il livello di maturazione corporea, affettiva, relazionale, nonché l’acquisizione di abilità logico-operative. L’osservazione qualitativa e sistematica viene utilizzata anche nelle Scuole Primarie e secondarie di I° grado accompagnata da prove scritte, orali e pratiche ( questionari, tests, tabelle, testi….) volte a verificare il grado di acquisizione degli obiettivi programmati. I docenti, nel corso delle riunioni di programmazione settimanale e nei Consigli di classe, preparano le prove strutturate e concordano i criteri generali da adottare nell’assegnazione dei giudizi, ciò per seguire una linea valutativa comune.

232


SCUOLA – FAMIGLIA La famiglia entra nella scuola come rappresentante dei ragazzi e, come tale, partecipe del contratto educativo, condividendone responsabilità e impegni nel rispetto reciproco di competenze e ruoli. L’Istituzione Scolastica è tenuta nei confronti della famiglia a:  socializzare le proposte educative e didattiche;  fornire su di esse informazioni chiare e continue;  rendere periodicamente conto degli apprendimenti dei singoli alunni e del loro progredire in ambito disciplinare e sociale;  individuare le iniziative per il sostegno e il recupero dei soggetti in situazione di handicap, disagio, difficoltà. I rapporti tra scuola e famiglia sono organizzati nella duplice modalità di incontri

in assemblea e incontri individuali.

Nei primi si privilegia il dibattito e il confronto su aspetti culturali, pedagogici ed organizzativi; è in questa sede che viene presentato il piano dell’offerta formativa, la programmazione didattica prevista per la classe e i servizi specifici attivi nell’Istituto. La scuola prevede momenti di incontro individuali con i genitori allo scopo di raccogliere informazioni utili alla conoscenza dell’alunno fuori dal contesto scolastico e per comunicare i livelli di apprendimento e il grado di maturazione raggiunto da ciascuno. Nella Scuola Secondaria di I° grado ogni docente mette a disposizione un’ora nella prima settimana di ogni mese. Inoltre, al termine del primo quadrimestre e dell’anno scolastico, i docenti presentano il Documento di Valutazione. Qualora se ne presenti la necessità e a seguito della richiesta della famiglia, gli insegnanti sono disponibili a colloqui individuali fuori dalle date previste. La famiglia dovrebbe impegnarsi a:  intervenire alle assemblee, ai colloqui individuali e alle riunioni che la scuola indice;  tenersi informata sulle iniziative promosse dalla scuola;  incoraggiare i ragazzi nel mantenimento degli impegni assunti a scuola;  cooperare perché, a casa e a scuola, il ragazzo trovi atteggiamenti educativi generali analoghi ( pur nel rispetto delle scelte specifiche di ciascuna famiglia).

233


PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÀ (Scuola Primaria) La scuola è l’ambiente educativo e di apprendimento in cui si promuove la formazione di ogni alunno attraverso l’interazione sociale in un contesto relazionale positivo. La condivisione delle regole del vivere e del convivere, può avvenire solo con una efficace e fattiva collaborazione con la famiglia. La scuola, pertanto, perseguirà costantemente l’obiettivo di costruire un’alleanza educativa con i genitori. Non si tratta di rapporti da stringere solo in momenti critici, ma di relazioni costanti che riconoscano i reciproci ruoli e che si supportino vicendevolmente nelle comuni finalità educative. Il Genitore/Affidatario e il Dirigente Scolastico Sottoscrivono il seguente Patto Educativo di Corresponsabilità Quale strumento di trasparenza attraverso il quale i Docenti esprimono la propria proposta formativa e sono garanti del rispetto delle decisioni assunte dagli Organi Collegiali di competenza, gli Alunni sono progressivamente resi consapevoli e partecipi del progetto educativo e didattico che la scuola elabora per loro, le Famiglie conoscono ed esprimono pareri sull’offerta formativa e collaborano alle attività. Il Genitore/Affidatario, sottoscrivendo l’istanza d’iscrizione, assume l’impegno ad osservare le disposizioni contenute nel presente patto di corresponsabilità, nei documenti qui richiamati e a sollecitarne l’osservanza da parte dell’alunno. Il Dirigente Scolastico, in quanto legale rappresentante dell’Istituzione Scolastica e responsabile gestionale, assume l’impegno affinché i diritti degli studenti e dei genitori richiamati nel presente patto siano pienamente garantiti. IMPEGNO DELL’ISTITUZIONE SCOLASTICA        

Presentare in modo chiaro il Piano dell’Offerta Formativa Favorire l’espressione di nuove progettualità, in particolare nell’ottica delle innovazioni Progettare percorsi personalizzati finalizzati al successo formativo, nel rispetto delle capacità potenziali di ogni alunno Garantire il rispetto dell’orario scolastico e lo svolgimento regolare delle lezioni Valutare l’efficienza e l’efficacia delle proposte Garantire che tutto il personale scolastico metta in atto comportamenti conformi alle finalità educative dell’Istituto Favorire la formazione e l’aggiornamento continuo dei propri docenti Garantire la trasparenza e il miglioramento continuo del sistema

Il patto educativo di corresponsabilità vede i Docenti impegnati a:    

rispettare il proprio orario di servizio; creare a scuola un clima di serenità, cooperazione e armonia; promuovere con ogni singolo alunno un clima di confronto e di reciprocità per accoglierne il vissuto e per motivarlo all’apprendimento; realizzare i curricoli disciplinari, le scelte organizzative e le metodologie didattiche elaborate nel Piano dell’Offerta Formativa. 234


 

motivare alla famiglia, negli incontri periodici programmati, la valutazione relativa al processo formativo e qualsiasi altra difficoltà riscontrata nel rapporto con l’alunno (carenza d’impegno, violazione delle regole…) ricevere i genitori compatibilmente con il proprio orario di servizio.

La famiglia si impegna a :     

instaurare un dialogo costruttivo con i docenti. rispettare l’orario d’ingresso a scuola e limitare le uscite anticipate. giustificare sempre le assenze (quelle per malattia superiori a cinque giorni saranno giustificate con certificato medico); controllare quotidianamente il diario e il quaderno delle comunicazioni scuola-famiglia; controllare attraverso un contatto frequente con i docenti che l’alunno rispetti le regole della scuola ( corredo scolastico, divisa, divieto di cellulare, soldi e oggetti di valore, rispetto delle cose proprie e altrui, dell’ambiente scolastico ecc…), che partecipi attivamente e responsabilmente alla vita della scuola e curi l’esecuzione dei compiti; partecipare con regolarità alle riunioni previste.

Il sottoscritto Prof. Giovanni Isopi Dirigente Scolastico del’I.S.C. di Offida dichiara che il Collegio dei Docenti è in accordo con quanto sopra riportato. Offida li 07/10/2008

FIRMA ____________________________

Il sottoscritto _____________________________________ Genitore/Affidatario dell’alunno_____________________________ Classe_______________ dichiara di aver preso visione di quanto sopra riportato e di condividere in pieno gli obiettivi e gli impegni. Offida li____________ FIRMA _____________________________________

I DOCENTI

Approvato dal Consiglio d’Istituto il 22 settembre 2008 delibera n. 4

235


PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÀ (Scuola Secondaria di 1° Grado)

Il Genitore/Affidatario e il Dirigente Scolastico Visto

l’art. 3 del DPR 235/2007;

Visto

il comma 2 dell’art. 1 dello Statuto delle Studentesse e degli Studenti;

PRESO ATTO CHE la formazione e l’educazione sono processi complessi e continui che richiedono la cooperazione, oltre che dell’alunno, della scuola, della famiglia e dell’intera comunità scolastica; VISTI i documenti fondamentali d’Istituto ( Carta dei Servizi, Regolamento d’Istituto, Piano del’’Offerta Formativa) Sottoscrivono il seguente patto educativo di corresponsabilità Quale strumento di trasparenza attraverso il quale i Docenti esprimono la propria proposta formativa e sono garanti del rispetto delle decisioni assunte dagli Organi Collegiali di competenza, gli Alunni sono progressivamente resi consapevoli e partecipi del progetto educativo e didattico che la scuola elabora per loro, le Famiglie conoscono ed esprimono pareri sull’offerta formativa e collaborano alle attività. Il Genitore/Affidatario, sottoscrivendo l’istanza d’scrizione, assume l’impegno ad osservare le disposizioni contenute nel presente patto di corresponsabilità, nei documenti qui richiamati e a sollecitarne l’osservanza da parte dell’alunno. Il Dirigente Scolastico, in quanto legale rappresentante dell’Istituzione Scolastica e responsabile gestionale, assume l’impegno affinché i diritti degli studenti e dei genitori richiamati nel presente patto siano pienamente garantiti. IMPEGNO DELL’ISTITUZIONE SCOLASTICA        

Presentare in modo chiaro il Piano dell’Offerta Formativa Favorire l’espressione di nuove progettualità, in particolare nell’ottica delle innovazioni Progettare percorsi personalizzati finalizzati al successo formativo, nel rispetto delle capacità potenziali di ogni alunno Garantire il rispetto dell’orario scolastico e lo svolgimento regolare delle lezioni Valutare l’l’efficienza e l’efficacia delle proposte Garantire che tutto il personale scolastico metta in atto comportamenti conformi alle finalità educative dell’Istituto Favorire la formazione e l’aggiornamento continuo dei propri docenti Garantire la trasparenza e il miglioramento continuo del sistema IMPEGNO DEI DOCENTI

      

Garantire competenza e professionalità Trovarsi in classe cinque minuti prima dell’inizio delle lezioni per accogliere gli alunni; Vigilare durante l’intervallo affinché gli alunni possano fruire in maniera intelligente e responsabile della pausa studio; Rispettare, nella dinamica insegnamento/apprendimento, le modalità, i tempi, e i ritmi propri di ciascuna persona intesa nella sua, irripetibilità, singolarità e unicità; Rispettare la vita culturale e religiosa degli studenti all’interno di un ambiente educativo di apprendimento sereno e partecipativo; Favorire l’uguaglianza e l’integrazione scolastica di tutti gli alunni Favorire l’acquisizione di autonomia organizzativa 236


     

Seguire gli alunni nel loro lavoro e attivare strategie di recupero e di rinforzo in caso di difficoltà Sostenere un rapporto di relazione aperto al dialogo e alla collaborazione; di collaborazione educative finalizzata a favorire il pieno sviluppo del soggetto educando. Partecipare in modo attivo ai Consigli di classe, contribuendo all’individuazione di comuni strategie d’intervento Incontrare i genitori negli incontri Istituzionali, o qualora sorgessero esigenze particolari Fare rispettare le regole di classe stabilite dagli organi competenti IMPEGNO DEI GENITORI/AFFIDATARI

      

    

Riconoscere il valore educativo della scuola docenti; Sostenere e controllare i propri figli nel rispetto degli impegni scolastici; Essere disponibili ad assicurare la frequenza ai corsi di recupero e di eccellenza; scolastico dello studente; Rispettare e fare rispettare ai figli le norme, gli orari, l’organizzazione Invitare il proprio figlio a non fare uso di cellulari in classe o di altri dispositivi elettronici o audiovisivi. La violazione di tale disposizione comporterà il ritiro temporaneo del cellulare se usato durante le ore di lezione e/o il deferimento alle autorità competenti nel caso in cui lo studente utilizzasse dispositivi per riprese non autorizzate e comunque, lesive dell’immagine della scuola e della dignità degli operatori scolastici; Intervenire tempestivamente e collaborare con l’ufficio di presidenza e con il Consiglio di classe nei casi di scarso profitto e/o indisciplina; e nelle ore di ricevimento dei docenti; Partecipare agli incontri collegiali e ai momenti di vita scolastica Partecipare agli incontri individuali richiesti dai docenti Collaborare alle iniziative della scuola, per la loro realizzazione sul piano operativo.

Il presente regolamento è applicabile immediatamente dopo la sua approvazione. Approvato dal Consiglio d’Istituto il 22 Settembre 2008 delibera n. 4 Il sottoscritto Giovanni Isopi Dirigente Scolastico del’I.S.C. di Offida dichiara che il Collegio dei Docenti è in accordo con quanto sopra riportato. Offida li 10/10/2008 FIRMA ___________________________________ Il sottoscritto _____________________________________ Genitore/Affidatario dell’alunno_____________________________ Classe_______________ dichiara di aver preso visione di quanto sopra riportato e di condividere in pieno gli obiettivi e gli impegni. Offida li_____________________ FIRMA _____________________________________ p. i Docenti ______________________________

237


CONTRATTO OFFERTA FORMATIVA Scuola Primaria Offida classe … CONTENUTI DEL CONTRATTO FORMATIVO CON I GENITORI La situazione della classe.  Gli alunni della classe sono……di cui maschi e….. femmine.  I livelli di competenza raggiunti dagli alunni sono…  … si riscontra la presenza di alunni con problemi comportamentali o con particolari difficoltà di apprendimento.  II clima psicologico della classe è …..  Gli alunni, opportunamente stimolati, partecipano attivamente alla vita della classe e a tutte le attività proposte con  ….si riscontrano aspetti della situazione della classe rispetto ai quali è necessario intensificare l'attenzione. Le finalità educative. Le finalità educative sono: 1. valorizzare l'esperienza dell'alunno; 2. tener conto della corporeità come valore, cioè del modo di esprimersi del bambino attraverso il corpo, facendogli comprendere la positività delle sue individuali caratteristiche; 3. esplicitare le idee e i valori presenti nell'esperienza; 4. partire dal mondo delle categorie empiriche per poi passare al mondo delle categorie formali (dal fare al pensare); 5. stimolare un continuo confronto interpersonale di natura logica, morale e sociale che sia affettivamente significativo; 6. valorizzare la diversità delle persone e delle culture come ricchezza; 7. praticare l'impegno personale e la solidarietà sociale per favorire atteggiamenti di responsabilità e di cooperativismo. Gli obiettivi generali del processo educativo. Il percorso educativo tende a promuovere l'educazione integrale della personalità degli alunni, stimolando le loro potenzialità e l'autovalutazione delle risorse di ognuno, attraverso l'esercizio dell'autonomia personale, della responsabilità intellettuale, morale e sociale, della creatività e del gusto estetico. I percorsi curriculari. Le discipline scolastiche previste sono conformi alle Indicazioni Nazionali. Nell'ambito di ciascuna classe ogni docente, in virtù della propria libertà d'insegnamento, personalizzerà il percorso educativo in base alle esigenze formative dei propri alunni. Nel corso dell'anno scolastico verranno attivati i seguenti progetti – laboratori:  durante le tre ore opzionali per le classi a 30 ore settimanali: 1) Arte, teatro e musica; 2) Recupero, rinforzo e consolidamento delle attività disciplinari;recupero, 3) Territorio e ambiente. 238


progetti curriculari:

1. 2. 3. 4. 5. 6. 7.

Frutta nelle scuole; “Un bosco per la città”; Scacchi; Scuola e Sport; “Ragazzi di Classe”; La musica a scuola C’era una volta..la scuola va in scena.

Le scelte metodologiche. Le scelte metodologiche condivise: 1. seguono i principi della gradualità, della progressività e saranno a misura dell'alunno; 2. partono dagli interessi di ciascuno e dal vissuto, tengono costantemente presenti le capacità e gli stili cognitivi degli alunni, al fine di personalizzare il percorso formativo, anche attraverso la didattica laboratoriale. Per potenziare l'impegno, il senso di responsabilità e la capacità di riferire verbalmente, con coerenza logica e linguaggio specifico, le conoscenze acquisite, si prevede lo svolgimento dell'attività di studio anche a casa. Le relazioni con gli alunni. Le relazioni con gli alunni sono disciplinate da regolamento interno condiviso tra docenti e tra docenti-alunni, deliberato dagli Organi Collegiali competenti. I criteri di valutazione. Le verifiche, che dovranno consentire di render conto delle reali competenze acquisite da ciascun alunno, sono formative, cioè si somministrano in itinere e al termine di ciascuna Unità d'apprendimento e sommative, cioè vengono somministrate alla fine di ogni quadrimestre. La valutazione, verrà effettuata con votazioni in decimi. Gli esiti delle valutazioni vengono comunicati alle famiglie con incontri bimestrali (Novembre, Febbraio, Aprile, Giugno) attraverso la consegna della pagellina intermedia, negli incontri di Novembre e Aprile, e della scheda personale di valutazione del percorso formativo di ciascun alunno negli altri incontri. L’organizzazione della scuola e della classe. L'organizzazione delle attività della classe è esplicata nell'orario interno, allegato al presente contratto ed è flessibile, può essere modificata nel corso dell'anno scolastico qualora si verifìcassero particolari esigenze didattiche ed organizzative. I tempi orari da dedicare alle discipline non sono predeterminati perché saranno gli alunni, con i loro personali tempi e modi di apprendimento, che suggeriranno ai docenti la distribuzione settimanale dei carichi disciplinari. Le relazioni con le famiglie. I genitori partecipano alla vita della scuola tramite gli Organi Collegiali: Consiglio di Interclasse, Consiglio di Istituto, assemblee e colloqui individuali periodici.

239


Nel presente documento si esplicita il percorso formativo, gli interventi educativi e le strategie poste in atto per il raggiungimento degli obiettivi e delle finalità educative indicate nel POF e nei PSP. Di tutto ciò vengono resi partecipi gli utenti ai fini di un coinvolgimento attivo. Il docente: esprime la propria offerta formativa; motiva il proprio intervento didattico; esplicita le strategie, gli strumenti di verifica e i criteri di valutazione.

  

L’alunno conosce:  gli obiettivi didattici ed educativi del suo curricolo;  il percorso per raggiungerli;  le fasi del suo curricolo. Il genitore:  si interessa all’andamento scolastico dei figli;  collabora nelle attività;  tiene conto delle comunicazioni che la scuola trasmette;  esprime pareri e proposte in merito al Piano dell’Offerta Formativa: _____________________________________________________________________________ _____________________________________________________________________________ _____________________________________________________________________________ _____________________________________________________________________________ Offida, 15 Novembre 2011

I Docenti di classe __________________________

Il rappresentante dei genitori ______________________________

__________________________ __________________________ __________________________

240


MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO Offida di Scuola dell’Infanzia, Primaria e Secondaria di 1° Grado Via Ciabattoni, 12

63073 - OFFIDA (AP) Tel. e Fax

0736/88.93.73 - 88.93.47

Sito Web: www.iscoffida.jimdo.com E-mail: apic81500d@istruzione.it

SCUOLA PRIMARIA ANNO SCOLASTICO 2011-2012

SCHEDA INFORMATIVA DELLA VALUTAZIONE INTERMEDIA ALUNNO:___________________________________ CLASSE: 1^ Adeguato

Da migliorare

Non adeguato

Inserimento nella realtà scolastica Socializzazione ed interazione con gli altri Rispetto delle regole Autonomia Interesse e partecipazione Impegno Attenzione e concentrazione Comprensione ed esecuzione delle consegne Progresso negli apprendimenti disciplinari Osservazioni particolari - Suggerimenti

_________________________________________________________________ _________________________________________________________________ _________________________________________________________________ _________________________________________________________________

Offida, 5 Dicembre 2011

FIRMA DEL GENITORE ______________________________

IL DIRIGENTE SCOLASTICO Prof. Giovanni ISOPI 241


ISTITUTO COMPRENSIVO - 63073 - OFFIDA (AP) Via Ciabattoni, 12 -Tel. e Fax 0736/88.93.73 - 88.93.47 Sito web: www.iscoffida.jimdo.com

Scheda informativa della valutazione intermedia della scuola Primaria nel periodo _OTTOBRE - NOVEMBRE_ ALUNNO:_______________________________

DISCIPLINE

VALUTAZIONE

CLASSE:_ Sez. __ PARTECIPAZIONE AL DIALOGO:

□ Adeguata □ Da migliorare □ Non adeguata

APPLICAZIONE NELLO STUDIO:

□ Adeguata □

ITALIANO INGLESE STORIA CITTADINANZA GEOGRAFIA MATEMATICA SCIENZE TECNOLOGIA INFORMATICA

DATA: _05.12.2011_

Da migliorare

□ Non adeguata

Suggerimenti      

Diminuire il numero delle assenze Rispettare maggiormente le regole della convivenza Evitare di distrarsi e chiacchierare Svolgere con puntualità i compiti assegnati Studiare regolarmente Venire a scuola con tutto il materiale occorrente

MUSICA

Osservazioni particolari:___________________________________________

ARTE IMMAGINE

________________________________________________________________

SCIENZE MOTORIE

________________________________________________________________

COMPORTAMENTO

________________________________________________________________

RELIGIONE FIRMA DEL GENITORE PER PRESA VISIONE _____________________________________________

IL DIRIGENTE SCOLASTICO Prof Giovanni ISOPI


ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA DELL’INFANZIA – PRIMARIA - SECONDARIA DI I° GRADO DI OFFIDA (AP) MATERIE

VALUTAZIONE

ASSENZE

ALUNNO: ________________________________________ CLASSE ________

ITALIANO STORIA

PARTECIPAZIONE AL DIALOGO

partecipa

non partecipa

disturba

continuo

discontinuo

assente

GEOGRAFIA MATEMATICA

APPLICAZIONE NELLO STUDIO

SCIENZE INGLESE

Eventuali suggerimenti        

FRANCESE MUSICA ARTE E IMMAG. TECNOLOGIA SCIENZE MOTORIE RELIGIONE

1) Diminuire il numero delle assenze

2) Evitare di distrarsi e di chiacchierare 3) Svolgere con puntualità i compiti assegnati e studiare regolarmente 4) Seguire le interrogazioni dei compagni e le correzioni delle verifiche 5) Venire a scuola con tutto il materiale didattico necessario 6) Organizzare razionalmente i propri impegni 7) Produrre schemi inerenti gli argomenti trattati 8) Assicurarsi di aver compreso gli obiettivi dello studio affrontato

COMPORTAMENTO COMPORTAMENTO

PARTECIPAZIONE

CORRETTO

ATTIVA

RESPONSABILE

COSTRUTTIVA

POCO RESPONSABILE IRRISPETTOSO VERSO I COMPAGNI

________________________________________________________________

SOLO SE SOLLEITATA DISTACCATA

IRRISPETTOSO VERSO I DOCENTI

PASSIVA

SCORRETTO

INESISTENTE

IMPEGNO

RECUPERO: ___________________________________________________________________________

METODO DI STUDIO

CONTINUO

EFFICACE

REGOLARE

RAZIONALE

SUPERFICIALE

AUTONOMO

DISCONTINUO

APPROSSIMATIVO

LIMITATO

CONFUSO

SCARSO

DISPERSIVO

OSSERVAZIONI PARTICOLARI: ________________________________________________________

________________________________________________________________

FIRMA DEL GENITORE PER PRESA VISIONE ____________________________________________ Offida _____/_____/ 2011 IL DIRIGENTE SCOLASTICO PROF. GIOVANNI ISOPI 243


MONITORAGGIO, VALUTAZIONE E AGGIORNAMENTO DEL PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA Il Piano dell’Offerta Formativa, approvato dal Collegio dei Docenti e dal Consiglio d’Istituto è un documento flessibile e, pertanto, può essere rivisto e/o integrato a seguito di rilevazioni condotte tra gli operatori e gli utenti del servizio scolastico. Le proposte di modifica, integrazione, aggiornamento possono essere predisposte anche dallo staff dirigenziale e dai docenti che ricoprono le Funzioni - Strumentali. Nell’adeguamento continuo del Piano dell’Offerta Formativa riveste, poi, particolare importanza il lavoro svolto dalle Commissioni sia per quanto riguarda le riflessioni di carattere culturale e pedagogico che scaturiscono in esse, sia per l’elaborazione e la verifica di specifici progetti. Le proposte di modifica sono inviate al Collegio dei Docenti e al Consiglio d’Istituto per la successiva approvazione. Al termine di ciascun anno scolastico, il Collegio dei Docenti esprime la valutazione complessiva del Piano. Il Consiglio d’Istituto, sulla base della valutazione del Collegio dei Docenti, elabora la propria valutazione e formula gli indirizzi generali per la stesura del Piano dell’Offerta Formativa dell’anno successivo.

VALUTAZIONE DEL SISTEMA EDUCATIVO DI ISTRUZIONE E DI FORMAZIONE Questo Istituto, dall’anno scolastico 2006-2007, partecipa agli incontri dell’Au.Mi.: la nuova rete regionale per l‛autovalutazione scolastica e percorsi di formazione con le seguenti finalità: • Avviare e/o consolidare la cultura e le pratiche autovalutative • Avviare percorsi operativi di riflessione sistematica sulla propria azione formativa • Mettere a punto un modello autovalutativo regionale • Implementare un sistema di rilevazione dati per le comparazioni a livello longitudinale (serie storica) o trasversale (confronto fra scuole) • Potenziare l‛impiego delle risorse on-line per le attività formative, la documentazione ed il confronto. L’ISC di Offida è in contatto con l’INVALSI (Istituto nazionale di valutazione del sistema educativo di istruzione e di formazione) in attesa delle direttive riguardo gli obiettivi generali delle politiche educative nazionali (Direttiva n. 75 del 15 settembre 2008).

245


INFORMAZIONE E COMUNICAZIONE Per un’efficace ed efficiente funzionamento dell’Istituto rivestono particolare importanza la comunicazione interna e l’informazione esterna. Si ritiene necessario costruire una fitta rete di comunicazione interna all’Istituzione Scolastica per fare in modo che tutti gli operatori siano pienamente consapevoli del progetto comune e lo condividano. E’ poi indispensabile promuovere una comunicazione continua con l’esterno per descrivere con correttezza, chiarezza e trasparenza le caratteristiche e le modalità di funzionamento del servizio che viene offerto e proposto dalla scuola. Pertanto si tratta di:     

garantire la massima informazione possibile agli utenti; favorire la circolazione delle informazioni all’interno della scuola; documentare l’attività didattica svolta nel corso degli anni; rendere visibile all’esterno il “prodotto scolastico”; stabilire adeguati collegamenti con l’esterno per il reperimento di informazioni.

L’Istituzione si impegna perché:  il Piano dell’Offerta Formativa venga pubblicato all’albo di ogni scuola;  tutti i genitori abbiano la possibilità di conoscerlo, almeno nelle sue linee essenziali;  copia del Piano venga inviato a quegli Enti che possono collaborare con la scuola;  i genitori, presso l’ufficio di Segretaria, possano ricevere tutte le informazioni sull’organizzazione, il funzionamento e i servizi offerti dalla scuola.

PROCEDURA PER LE SEGNALAZIONI DI DISFUNZIONI La Scuola accetta e anzi sollecita ogni forma di segnalazione degli utenti relativa a disfunzioni o insufficienze dei servizi erogati, considerandole utili indicazioni per migliorare la qualità del servizio. Le segnalazioni possono essere presentate direttamente agli insegnanti, che provvederanno ad esaminarle e, se necessario, a trasmetterle al Dirigente, o direttamente al Capo d’Istituto, in forma orale, scritta, telefonica, via fax o posta elettronica. Verranno prese in considerazione solo le segnalazioni che contengono generalità e reperibilità del proponente.

246


Se la disfunzione segnalata attiene competenze di altri Enti (ad esempio il Comune) il Dirigente ne richiede l’intervento e ne dà comunicazione all’utente.

SICUREZZA NELLA SCUOLA Gli edifici scolastici sono di proprietà del Comune di Offida che è responsabile della loro manutenzione ordinaria e straordinaria e che provvede alla dotazione della mobilia. Il Comune provvede, ai sensi della Legge 626, alla sicurezza strutturale e all’adeguamento antincendio. In ogni plesso viene annualmente elaborato il “Piano di evacuazione” contenente tutta la mappatura, le modalità e l’ordine d’uscita dall’edificio in caso di emergenza, l’elenco dei docenti incaricati al controllo e alla segnalazione dei rischi e alle attività indispensabili al primo soccorso.

Con gli alunni vengono effettuate almeno due prove di evacuazione della scuola nell’arco dell’anno scolastico.

247


248


ISTITUTO COMPRENSIVO OFFIDA QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE INTERNA DOCENTI ANNO SCOLASTICO 2011 -2012 1) RITIENI FUNZIONALI I SERVIZI CHE LA SCUOLA HA OFFERTO?

NO

SI

Servizio segreteria Collaboratori di Presidenza e Funzioni Strumentali Organizzazione viaggi e visite di istruzione Organizzazione attività opzionali, di laboratorio e progettuali Organizzazione attività di sostegno ed integrazione per gli alunni stranieri

2) RITIENI SIANO STATI SODDISFACENTI:

SI

NO

SI

NO

Rapporti con il Dirigente Valorizzazione della professionalità dei docenti Modalità di assegnazione degli incarichi Rapporti con i colleghi del proprio ordine di scuola Rapporti con i genitori Rapporti con gli alunni

3) SEI SODDISFATTO DELLE MODALITA’ E DELLA FREQUENZA DI SVOLGIMENTO DI: Consigli di classe – interclasse - intersezione Collegio dei docenti Incontri scuola - famiglia Gruppi H

4) RITIENI EFFICACI ED ADEGUATE:

SI

NO

Le procedure di valutazione degli alunni Le modalità di comunicazione alle famiglie

5) NELL’ORGANIZZAZIONE DELLE ATTIVITA’ OPZIONALI DI LABORATORIO E PROGETTUALI SONO STATI ADEGUATI:

SI

NO

6) QUANDO HAI INCONTRATO PROBLEMI NELLA CLASSE COSA HAI FATTO?

X

L’ articolazione dei gruppi classe (se realizzati) L’organizzazione dell’orario I mezzi a disposizione Gli spazi a disposizione

Li hai affrontati da solo Hai consultato qualche collega Hai consultato il preside Hai posto la questione al consiglio di classe, interclasse, intersezione Hai consultato esperti Hai consultato i genitori Hai programmato interventi differenziati

7) RITIENI CHE LA SCUOLA FAVORISCA LA CRESCITA CULTURALE DEL TERRITORIO IN CUI OPERA?

SI

NO

IN PARTE

249


250


Ministero della Pubblica Istruzione

ISTITUTO COMPRENSIVO OFFIDA

Scuola dell’Infanzia – Primaria - Secondaria di I° Grado OFFIDA Scuola dell’Infanzia – Primaria - CASTORANO Via Ciabattoni, 12 - 63073 OFFIDA (AP) -- C.F. 92033370443 Tel. e Fax 0736/88.93.73 – 88.93.47

Sito Web: www.iscoffida.jimdo.com E-mail: apic81500d@istruzione.it

QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DEL SERVIZIO

GENITORI – OFFIDA

PERCENTUALI ANNO SCOLASTICO 2010 / 2011

1) PENSATE CHE QUESTA SCUOLA: Educhi a dei valori Sia aggiornata e innovativa Tenga conto dei bisogni ed interessi dei ragazzi Valorizzi le capacità di tutti Abbia procedure trasparenti Valorizzi il proprio territorio e le sue tradizioni

Si

No

95 % 64% 78% 79% 78% 95%

5% 36% 22% 21% 22% 5%

2) ESPRIMETE LA VOSTRA VALUTAZIONE IN MERITO A: Funzionalità dell’orario scolastico Condizioni igieniche Adeguatezza delle strutture

3) RITENETE CHE IL DIRIGENTE SCOLASTICO SIA DISPONIBILE AD ASCOLTARVI E A COLLABORARE CON VOI?

Buono

Suff.

Non suff.

76% 43% 28%

22% 48% 52%

2% 9% 20%

Si

No

86%

14%

Si

No

89%

11%

Si

No

95%

5%

4) RITENETE CHE IL SERVIZIO DELLA SEGRETERIA SIA EFFICIENTE?

5) RITENETE CHE GLI INCONTRI DOCENTI GENITORI SIANO STATI SUFFICIENTI?

251


6) VI RITENETE SODDISFATTI DEL VOSTRO RAPPORTO CON I DOCENTI ?

Si 85%

7) RITENETE CHE I RAPPRESENTANTI DI CLASSE ABBIANO SVOLTO UN’EFFICIENTE FUNZIONE ALL’INTERNO DEI CONSIGLI DI CLASSE?

No 2%

In parte 13%

Si

No

In parte

79%

4%

17%

8) INDICATE IL VOSTRO LIVELLO DI GRADIMENTO DEL SERVIZIO RIFERITO A:

Alto

Medio

Basso

Programmazione didattico-educativa Articolazione delle attività disciplinari e dei laboratori Sistema di valutazione degli alunni

49% 27% 43%

46% 63% 51%

5% 10% 6%

9) RITENETE IMPORTANTE L’ATTUAZIONE DI VISITE GUIDATE E VIAGGI DI ISTRUZIONE?

10) LE VOSTRE ASPETTATIVE RISPETTO ALLA NOSTRA SCUOLA SONO STATE SODDISFATTE?

11) RITENETE CHE QUESTA SCUOLA OFFRA GLI STRUMENTI PER UN POSITIVO PASSAGGIO AI SUCCESSIVI ORDINI DI ISTRUZIONE?

Si

No

95%

5%

Si

No

In parte

65%

6%

29%

Si

No

In parte

65%

7%

28%

252


Ministero della Pubblica Istruzione

ISTITUTO COMPRENSIVO OFFIDA

Scuola dell’Infanzia – Primaria - Secondaria di I° Grado OFFIDA Scuola dell’Infanzia – Primaria - CASTORANO Via Ciabattoni, 12 - 63073 OFFIDA (AP) -- C.F. 92033370443 Tel. e Fax 0736/88.93.73 – 88.93.47

Sito Web: www.iscoffida.jimdo.com E-mail: apic81500d@istruzione.it

QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DEL SERVIZIO GENITORI – CASTORANO PERCENTUALI ANNO SCOLASTICO 2010 / 2011

1)

PENSATE CHE QUESTA SCUOLA:

Educhi a dei valori Sia aggiornata e innovativa Tenga conto dei bisogni ed interessi dei ragazzi Valorizzi le capacità di tutti Abbia procedure trasparenti Valorizzi il proprio territorio e le sue tradizioni

2)

Si

No

95% 61% 96% 88% 95% 88%

5% 39% 4% 12% 5% 12%

ESPRIMETE LA VOSTRA VALUTAZIONE IN MERITO A:

Funzionalità dell’orario scolastico Condizioni igieniche Adeguatezza delle strutture

3)

RITENETE CHE IL DIRIGENTE SCOLASTICO SIA DISPONIBILE AD ASCOLTARVI E A COLLABORARE CON VOI?

Non suff. 11% 1% 39% 5% 49% 28%

Buono Suff. 88% 56% 23%

Si

No

95%

5%

Si

No

92%

8%

Si

No

99%

1%

4) RITENETE CHE IL SERVIZIO DELLA SEGRETERIA SIA EFFICIENTE?

5)

RITENETE CHE GLI INCONTRI DOCENTI GENITORI SIANO STATI SUFFICIENTI?

253


6) VI RITENETE SODDISFATTI DEL VOSTRO RAPPORTO CON I DOCENTI ?

7) RITENETE CHE I RAPPRESENTANTI DI CLASSE ABBIANO SVOLTO UN’EFFICIENTE FUNZIONE ALL’INTERNO DEI CONSIGLI DI CLASSE?

8) INDICATE IL VOSTRO LIVELLO DI GRADIMENTO DEL SERVIZIO RIFERITO A: Programmazione didattico-educativa Articolazione delle attività disciplinari e dei laboratori Sistema di valutazione degli alunni

9) RITENETE IMPORTANTE L’ATTUAZIONE DI VISITE GUIDATE E VIAGGI DI ISTRUZIONE?

10) LE VOSTRE ASPETTATIVE RISPETTO ALLA NOSTRA SCUOLA SONO STATE SODDISFATTE?

11) RITENETE CHE QUESTA SCUOLA OFFRA GLI STRUMENTI PER UN POSITIVO PASSAGGIO AI SUCCESSIVI ORDINI DI ISTRUZIONE?

Si 93%

No 3%

In parte 4%

Si

No

In parte

83%

9%

8%

Alto

Medio

Basso

44% 44% 56%

53% 51% 44%

3% 5% 0%

Si

No

96%

4%

Si

No

In parte

76%

2%

22%

Si

No

In parte

80%

3%

17%

254


255


ISTITUTO COMPRENSIVO OFFIDA

Scuola dell’Infanzia – Primaria - Secondaria di I° Grado OFFIDA Scuola dell’Infanzia – Primaria - CASTORANO

Sito Web: www.iscoffida.jimdo.com E-mail: apic81500d@istruzione.it

ANNO SCOLASTICO 2011 / 2012

ALUNNI

1) SEI SODDISFATTO DEGLI ASPETTI CULTURALI E FORMATIVI CHE LA SCUOLA TI HA OFFERTO?

SI

NO

IN PARTE

2) HAI AVUTO DIFFICOLTA’ NEI RAPPORTI CON I COMPAGNI?

SI

NO

IN PARTE

NO

IN PARTE

NO

IN PARTE

NO

IN PARTE

3) SE SI’, SEI RIUSCITO A RISOLVERLE?

SI

4) HAI AVUTO DIFFICOLTA’ NEI RAPPORTI CON GLI SI

INSEGNANTI? 5) SE SI’, SEI RIUSCITO A RISOLVERLE?

SI

6) INDICA LE TRE DISCIPLINE CHE TI HANNO MAGGIORMENTE INTERESSATO:

7) INDICA LE TRE DISCIPLINE NELLE QUALI HAI INCONTRATO DIFFICOLTA’:

8) HAI PARTECIPATO VOLENTIERI ALLE DIVERSE ATTIVITA’ SCOLASTICHE? 9) QUALE ATTIVITA’ TRA QUELLE CHE LA SCUOLA TI OFFRE VORRESTI MAGGIORMENTE AMPLIARE?

10) RITIENI CHE IL DIRIGENTE SCOLASTICO SIA DISPONIBILE AD ASCOLTARTI E A COLLABORARE CON TE?

SI

NO

…………………………………

SI

NO

SUGGERIMENTI :………………………………………………………………………………………………………………………

256


257


Ministero della Pubblica Istruzione

ISTITUTO COMPRENSIVO OFFIDA

Scuola dell’Infanzia – Primaria - Secondaria di I° Grado OFFIDA Scuola dell’Infanzia – Primaria - CASTORANO Via Ciabattoni, 12 - 63073 OFFIDA (AP) -- C.F. 92033370443 Tel. e Fax 0736/88.93.73 – 88.93.47

Sito Web: www.iscoffida.jimdo.com E-mail: apic81500d@istruzione.it

QUESTIONARIO AUTOVALUTAZIONE DEL SISTEMA FORMATIVO

PERSONALE ATA

A.S. 2011 / 2012

SI 1

Ti senti coinvolto nel lavoro comune?

2

Senti che le tue competenze vengono adeguatamente valorizzate?

3

Ritieni che ognuno faccia il proprio dovere nel rispetto delle direttive date?

4

Ritieni che sia ottimizzata l’organizzazione del lavoro?

5

Nelle difficoltà ti senti supportato e seguito?

6

Ti senti coinvolto nelle iniziative e nei progetti attuati?

7

Ritieni che i rapporti con il Dirigente Scolastico siano improntati sulla collaborazione, sulla fiducia e sul rispetto?

NO

Osservazioni: ……………………………………………………………………………………………………………………………… ……………………………………………………………………………………………………………………………… ………………………………………………………………………………………………………………………………

GRAZIE PER LA DISPONIBILITA’, LA CURA E L’ATTENZIONE CON CUI COMPILERA’ IL QUESTIONARIO.

258


INDICE Piano offerta formativa Natura e scopo del nostro POF Premessa Contesto Normativo Analisi del territorio Contesto ambientale e socio-culturale (Offida) Contesto ambientale e socio-culturale (Castorano) Localizzazione del servizio scolastico Composizione dell’Istituto Organigramma funzionale alla realizzazione del POF Referenti istituzionali ed extraistituzionali Regolamento d’istituto Iscrizione alunni Formazione classi Vigilanza – ritardi – uscite – assenze – giustificazioni Utilizzo dei locali scolastici - Biblioteca Regolamento interno alunni Comportamento e sua valutazione Rapporti scuola famiglia Organizzazione oraria Organizzazione scolastica Commissioni di lavoro Servizi amministrativi Assegnazione docenti - ambiti - classi Funzioni strumentali Organi collegiali Piano aggiornamento a.s. 2011/2012 Area didattica Principi fondamentali delle attività integrative per alunni svantaggiati Disturbi specifici dell’apprendimento L’orientamento Scelte formative e didattiche – loro organizzazione nei vari segmenti scolastici Scuola dell’infanzia Scuola primaria Scuola secondaria 1° grado Attività trasversali nella quota curriculare: 1) accoglienza - 2) continuità- 3) integrazione alunni

Pag. Pag. Pag. Pag. Pag. Pag. Pag. Pag. Pag.

2 5 6 7 8 9 11 13 14

Pag. Pag. Pag. Pag. Pag. Pag. Pag. Pag. Pag. Pag. Pag. Pag. Pag. Pag. Pag. Pag. Pag. Pag. Pag.

16 18 20 21 23 24 25 30 33 37 38 46 49 51 52 59 61 66 76

Pag. Pag. Pag.

77 82 100

Pag. Pag. Pag. Pag.

104 119 125 131

Pag.

140 259


stranieri Progetto sezione primavera Progetti scuola dell’infanzia Progetti scuola primaria Progetti scuola secondaria di 1° grado Progetto educazione stradale “ Patentino” Progetti in rete e altri progetti Valutazione alunni Patto educativo di corresponsabilità Contratto offerta formativa Autovalutazione d’istituto Questionari: docenti – genitori – alunni – A.T.A

Pag. Pag. Pag. Pag. Pag. Pag. Pag. Pag. Pag. Pag. Pag.

157 159 170 204 220 222 231 233 238 244 248

APPROVATO DAL COLLEGIO DOCENTI NELLA SEDUTA DEL 29/11/2011 ADOTTATO DAL CONSIGLIO D’ISTITUTO NELLA SEDUTA DEL 30/11/2011 IL DIRIGENTE SCOLASTICO PROF. GIOVANNI ISOPI

260

POF_Offida_a.s.2011-2012  

POF_Offida_a.s.2011-2012

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you