Page 1

Le semplificazioni in materia di salute e sicurezza sul lavoro alla luce del decreto del fare (d.l. n. 69/2013)

Nicola D’Erario ADAPT Research Fellow nicola.derario@adapt Roma, 04 Dicembre 2013


Le principali semplificazioni del d.l. n. 69/2013

1

VOLONTARI L’ESTENSIONE DEL CAMPO DI APPLICAZIONE DELL’ARTICOLO 21

VALUTAZIONE RISCHI

2

4

DEI

- DUVRI; - AUTOCERTIFCAZIONE

5

QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE

PRESTAZIONI DI BREVE DURATA

SEMPLIFICAZIONI PER:

3

FORMAZIONE SICUREZZA

6

- PICCOLE IMPRESE - LAVORATORI AGRICOLI


1

Oltre ai volontari, si aggiungono ulteriori categorie

VOLONTARI L’ESTENSIONE DEL CAMPO DI APPLICAZIONE DELL’ARTICOLO 21

In tutti i casi di attività prestata a favore di associazioni di promozione sociale, nonché a favore di associazioni sportive dilettantistiche, in maniera volontaria o comunque in maniera non professionale.

Esonerati dal rispetto della disciplina generale in materia di salute e sicurezza sul lavoro all’applicazione delle disposizioni semplificate di cui all’articolo 21 OBBLIGHI: •utilizzo di attrezzature di lavoro conformi alle normative; •munirsi di dispositivi di protezione individuale; •utilizzare un’apposita tessera di riconoscimento in caso di prestazioni in luoghi di lavoro ove si svolgano attività in appalto o subappalto

SEMPLIFICAZIONE: Non saranno obbligati ma avranno facoltà:  di beneficiare delle visite mediche; partecipare ai corsi di formazione riguardo ai rischi propri delle attività svolte


2

VALUTAZIONE RISCHI - DUVRI; - AUTOCERTIFCAZIONE

DEI

Il DUVRI viene meno in caso di trasferimento dei compiti di cooperazione all’attuazione delle misure di prevenzione e protezione, e dei compiti di coordinamento degli interventi di prevenzione e protezione dei rischi

• Attività a rischio basso • Incaricato con formazione, esperienza e competenze professionali, adeguate

Esclusione del DUVRI attività non superiori ai 5 uomini/giorno Obbligo DUVRI per: le attività esposte a rischi di incendio elevato; le attività effettuate in ambienti confinati; in attività che implicano il rischio di esposizione ad agenti mutageni o di amianto AUTOCERTIFICAZIONE Per i settori di attività a basso rischio, a prescindere dal limite dimensionale, sarà concessa la facoltà di attestare la compiuta valutazione dei rischi compilando un modello di prossima adozione che rievoca molto l’autocertificazione


3 FORMAZIONE SICUREZZA

In tutti i casi di formazione e aggiornamento i cui contenuti si sovrappongono in tutto o in parte a quelli già frequentati, sarà riconosciuto un credito formativo

Subordinazione dell’entrata in vigore alla stessa procedura adottata per gli Accordi Stato Regione in materia di formazione sulla sicurezza


QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE

4

Processo per partecipare: - a gare di affidamento di appalti e subappalti pubblici; - ad agevolazioni; - finanziamenti; - contributi a carico della finanza pubblica

Basato sul possesso di un insieme di requisiti, riferiti alla tutela della salute e sicurezza sul lavoro, da parte delle imprese di particolari settori ben definiti ADOZIONE: Viene eliminato l’espresso riferimento ai lavori della Commissione consultiva permanente per la salute e sicurezza sul lavoro

Si dovrĂ procedere direttamente con un DPR


Prestazioni lavorative regolamentate dal d.lgs. n. 276/2003

5

PRESTAZIONI DI BREVE DURATA

Titolo III (somministrazione di lavoro, appalto e distacco); Titolo V (lavoro intermittente, ripartito e a tempo parziale), Titolo VI (apprendistato) Titolo VII (lavoro a progetto e occasionale di tipo accessorio)

Permanenza del lavoratore in azienda, non superiore a 50 giorni

Semplificazioni: facilitazioni riguardo alla documentazione che dimostra l’adempimento degli obblighi di informazione e formazione dei lavoratori

Da adottate tramite decretazione Ministeriale


6

SEMPLIFICAZIONI PER: - PICCOLE IMPRESE - LAVORATORI AGRICOLI

Misure semplificate in favore: a) lavoratori impiegati nel settore agricolo; b) per le imprese di dimensioni ridotte.

Nel settore agricolo, solo per i lavoratori a tempo determinato e i lavoratori stagionali

Semplificazioni in tema di:  informazione e formazione;  valutazione dei rischi;  sorveglianza sanitaria.

Da adottate tramite decretazione Ministeriale


Altre considerazioni d’insieme Incerta tempistica dell’entrata in vigore

Efficacia neutralizzata fino all’entrata in vigore delle disposizioni attuative che ne dovranno, tra l’altro, definire compiutamente anche i contenuti sostanziali.

Vengono fissate soltanto le direttrici fondamentali

Assenza di un termine, neppure indicativo, entro il quale adottare i provvedimenti attuativi

Si lascia che i lavori sostanziali vengano svolti congiuntamente a più livelli

Alcuna indicazione dei tempi di adozione dei decreti attuativi


GRAZIE PER L’ATTENZIONE

www.adapt.it nicola.derario@adapt.it

D'erario convegno 4 dicembre  
Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you