Issuu on Google+

PROFESSIONE

VETERINARIA 82002

MENSILE DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE

‘‘

l’editoriale di Carlo Scotti

Il nuovo Consiglio Direttivo dell’ANMVI

Sabato 6 luglio 2002 a Palazzo Trecchi si sono svolte le elezioni per il rinnovo del Consiglio Direttivo dell’ANMVI che ha ricevuto mandato dalle Associazioni Federate di gestire la Federazione, in stretta collaborazione con il Consiglio Nazionale, nel prossimo triennio. Il Consiglio Direttivo ha immediatamente iniziato a lavorare, in vista di una quantità di appuntamenti cruciali che attendono la veterinaria italiana. Nell’ottica federativa propria dell’ANMVI, quella del coinvolgimento di tutte le componenti della Categoria professionale, il Consiglio Nazionale aveva modificato lo Statuto già nei mesi passati, in modo da portare da cinque a sette il numero dei membri del Consiglio Direttivo e aprire quindi per diritto statutario a tutta la Professione. In questo nuovo Consiglio sono quindi stati eletti due Colleghi di Medicina Pubblica che stanno portando un contributo notevole allo sviluppo delle tematiche professionali che l’ANMVI dovrà affrontare nel prossimo futuro. Dopo il primo triennio in cui l’Associazione ha impostato le sue strategie e definito gli obiettivi che intendeva raggiungere e che hanno visto l’amico Marco Eleuteri assumersi la gravosa responsabilità di essere il primo Presidente (colui che ha subito in prima persona gli attacchi faziosi da parte di chi crede di potere fermare l’evoluzione del pensiero e della professione veterinaria) ora il testimone è passato a Paolo Bossi che avrà il compito di far sì che l’ANMVI continui sulla strada tracciata dal Consiglio passato e possa portare avanti quella rivoluzione culturale che è stata iniziata tre anni fa. Il compito che attende il nuovo CONTINUA A PAG. 3

EDIZIONI SCIVAC - Anno 12, numero 8, mensile, agosto 2002 Spedizione in abbonamento postale - 45% Art. 2 comma 20/b-Legge 662/96 - Filiale di Piacenza Concessionaria esclusiva per la pubblicità EDIZIONI VETERINARIE E.V. srl - Cremona

Questa nuova disciplina può far emergere l’alto valore sociale della nostra professione

Zooantropologia: una occasione da non perdere! Occorrono strategie comuni tra veterinaria pubblica e libero professionale di Fabrizio Pancini A PAG. 3

(in questo numero:)

Un abbandono generale Non ho mai ben capito come sia possibile calcolare il numero dei cani abbandonati durante l’estate: quest’anno 100 mila, 200 mila, forse di più. Certamente sono tantissimi, troppi, segno di un malcostume delinquenziale. I giornali, nel mese di agosto, hanno evidenziato come questo fenomeno sia in crescita e le campagne di sensibilizzazione di enti ed associazioni animaliste servano a molto poco; hanno anche segnalato casi di pericolosità in Abruzzo, a Lampedusa e sull’appennino emiliano, dove branchi di cani randagi, inselvatichiti distruggono ambienti, aggrediscono allevamenti ed attaccano anche l’uomo. Si parla sempre e soltanto di cani ma sono migliaia anche i gatti abbandonati, ma questi si mimetizzano maggiormente nelle città o nella campagna dove da sempre esistono colonie in semi libertà. Sono migliaia anche gli abbandoni di animali esotici che spesso vengono ritrovati nelle condizioni più disperate. Passata la moda, si lasciano in campagna i furetti e le tartarughe, cresciute un po’ troppo, nel laghetto del parco. E la coscienza è a posto. Certamente andare in vacanza con un animale non è semplice. Trovare a chi lasciarli è spesso impossibile e le pensioni costano. Si ha già il problema di piazzare il nonno o la madre anziana ed allora piuttosto che abbandonare lungo l’autostrada la suocera è meglio lasciarci il cane. Il bambino a cui è stato regalato a Natale si dispera un po’ ma basta

raccontargli che l’abbiamo lasciato per ridargli la libertà e per farlo stare meglio. E poi, al mare, il sole ed un buon gelato mettono a posto tutto. Cosa si può fare per fermare questi disgraziati? Leggi più severe non servono a nulla visto che l’anagrafe canina oggi non funziona. E poi si può sempre dire che è scappato o che lo si è perso: e chi dimostra il contrario? Certo un’anagrafe seria a livello nazionale sarebbe un grosso passo avanti ma non basta. Altri interventi? Pensioni a prezzi bassi, sterilizzazioni a prezzi contenuti o meglio ancora gratuite, alberghi, ristoranti e spiagge aperti anche agli animali, posti di accoglienza nei luoghi di villeggiatura, auto climatizzate dove poterli lasciare sono alcuni degli interventi proposti dalle associazioni animaliste. Ma non bastano ancora. È un problema di coscienza, di cultura, di educazione e di assunzione di responsabilità. Certo, quando si decide di prendere un animale con noi ci si assume verso di lui una grande responsabilità. Da quel momento la sua vita dipenderà esclusivamente da noi, e non è poca cosa. Per adottare un figlio si devono rispettare varie condizioni fra cui una serie di colloqui con sociologi e psicologi che devono valutare se abbiamo le caratteristiche per assumerci questo impegno. Un animale lo può avere chiunque, senza dimostrare nulla, spendendo solo due lire o neppure quelle, salvo poi buttarlo via al primo problema o soltanto per noia. ■

1 Prima Pagina:

13

Zooantropologia: una occasione da non perdere!

Osservatorio farmaceutico: Pubblicità al pubblico dei farmaci veterinari

20

L’Opinione: Caronte e il benessere animale

di Oscar Grazioli

di Fabrizio Pancini

a cura di Aldo Vezzoni

6

16

21

di Sabina Pizzamiglio

sponsabilità extracontrattuale

di Luigi Poretti

Attualità: Rubrica Legale: Riflessioni: Contestazioni del cliente e ri- 1555, erano giovani e Anagrafe bovina, meglio tardi che mai… sarcimento del danno per re- forti e…

8 Attualità:

di M.T. Semeraro

17

Un’inchiesta bestiale

di Antonio Manfredi

10 ANMVI Informa:

23

Rubrica Fiscale: Chiarimenti forniti dal Ministero per la dichiarazione dei redditi

Dalle Associazioni: La SIVAR entra nell’Associazione Mondiale di Buiatria

di Giovanni Stassi

a cura della redazione

19

L’ANMVI propone di riconoscere l’atto medico veterinario

In Rete: Farmacie virtuali: spesso shopping illegali on line

a cura della redazione

di Fabrizio Pancini

27

Dalle Aziende: Nestlè Purina: una realtà leader a livello mondiale

@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@6 @@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@

Global Leader in Pet Nutrition *Marchi di fabbrica di proprieta’ della Hill’s Pet Nutrition, Inc ©2002 Hill’s Pet Nutrition, Inc.

www.anmvi.it

@nmviOggi. L’informazione quotidiana on line

A.N.M.V.I.


PROFESSIONE VETERINARIA 8/2002

3

DALLA PRIMA PAGINA ai come in questo periodo estivo il fenomeno degli abbandoni dei cani è all’ordine del giorno. Per quanto sia esecrabile, questo malcostume è solo una delle tante facce di una medaglia che fonda le proprie origini sulle storture del rapporto uomo-animale che vengono analizzate e spesso risolte attraverso l’intervento più appropriato del medico veterinario. Le basi su cui si fondano i principi di tali interventi fanno capo ad una “nuova” disciplina chiamata zooantropologia. Questa dottrina, che prende origine dalle scienze comportamentali applicate, analizza il rapporto uomo-animale al fine di elaborare strategie d’intervento tese a riequilibrarne la relazione. È proprio in questo riequilibrio che emerge il ruolo centrale del medico veterinario, sia libero professionista, sia pubblico dipendente, una funzione che mette in risalto ancora una volta l’alto valore sociale della nostra professione. Tuttavia, per riaffermare il ruolo del veterinario in campo zooantropologico, occorre che tutte le componenti che rivestono incarichi di responsabilità e guida del nostro mondo, si rendano conto dell’importanza che questa disciplina può rappresentare a livello educativo per i cittadini, per gli stessi animali, ma, soprattutto per i veterinari. Infatti, nonostante i grossi passi avanti che sono stati fatti in questo settore, la zooantropologia è ancora troppo poco conosciuta dalla quasi totalità del mondo veterinario. Tale carenza culturale è estremamente dannosa, dato che questa disciplina si fonda su programmi multidisciplinari che, appunto, coinvolgono altre professionalità che, alla lunga, potrebbero in qualche modo bay-passare la nostra. Occorre quindi che veterinaria pubblica e privata rafforzino, attraverso strategie comuni e convergenti, un rapporto di collaborazione ancora più forte, nella consapevolezza che l’obiettivo comune è, appunto, quello della divulgazione e informazione, nei rispettivi ambiti di intervento, delle basi scientifiche su cui si fonda la zooantropologia. Allo stesso tempo, si verrebbero a valorizzare e diffondere gli aspetti sociali legati all’opera professionale del medico veterinario.

M

A questo punto sorge spontanea una domanda che è al tempo stesso un j’accuse per tutta la veterinaria: vogliamo perdere un altro “treno” anche con la zooantropologia? Visti i tempi e le prospettive, credo che i medici veterinari non possano lasciarsi sfuggire anche questa occasione, se non altro per motivi di carattere etico e sociale da sempre insiti nella nostra professione.

Roberto Marchesini Medico veterinario zooantropologo e scrittore Che cosa si intende esattamente con il termine “zooantropologia” e quali scopi questa disciplina si prefigge? La parola “zooantropologia” ha un’origine abbastanza recente, benché l’argomento a cui si riferisce, ovvero il rapporto tra l’uomo e l’animale, si perda nella notte dei tempi, quasi a connotare l’intera storia dell’uomo. Nel nostro paese l’uso corrente di termini come “zooantropologia” e “zooantropologo” (che identifica chi si occupa per statuto di questa relazione al fine di studiarla, comprenderla in tutti i suoi aspetti e articolazioni e infine offrire una consulenza per migliorarla) si può far risalire alla seconda metà degli anni Ottanta. Tale disciplina, nata all’interno delle scienze comportamentali applicate - come l’etologia applicata e la medicina comportamentale animale - viene prendendo corpo già alla fine degli anni Settanta negli ambienti dove si studia l’interazione uomoanimale e si progettano interventi applicativi atti a valorizzare il ruolo formativo e assistenziale del partner animale. Scopo della zooantropologia è l’analisi del rapporto uomo-animale in tutte le sue componenti, mirando a renderne più comprensibile la struttura, i fattori che lo regolano e le diverse tipologie riscontrabili nella nostra società, le possibili devianze e i rischi connessi. Conoscere l’ampia gamma di rapporti e di rimandi che ci legano all’alterità animale è molto importante, perché offre un piano articolato di interpretazione circa il nostro bisogno di riferirci all’animale per conseguire uno stato di benessere e per migliorare le interazioni con i nostri animali domestici. La disamina dell’interazione uomo-animale, oltre a prendere in considerazione i progetti applica-

SEGUE DALLA COPERTINA

l’editoriale Presidente e tutta l’Associazione non è certamente semplice, in quanto le problematiche che quotidianamente coinvolgono la veterinaria sono molteplici. In primo luogo va risolta la crisi profonda in cui versa la professione in tutti i suoi settori. Per fare questo sono necessari unità di intenti, il superamento delle in-

comprensioni da parte di tutti coloro che hanno responsabilità dirigenziali all’interno della Categoria stessa e che hanno un reale interesse affinché la Medicina Veterinaria italiana possa superare questa fase congiunturale e recuperare il ruolo che le compete nel panorama sanitario nazionale. ■

tivi, indaga il “come” si realizza l’ambito relazionale, descrivendo le tipologie di rapporto, le motivazioni e le aspettative che lo informano, la comunicazione e i pattern comportamentali che vi trovano espressione, etc. e il “perché” di tale interazione ossia il ruolo giocato dall’animale nella formazione e nella vita dell’uomo. Riguardo al perché sono nate varie teorie zooantropologiche che spiegano in diverso modo quale sia stato il primo motore di questa partnership, (ho peraltro presentato la mia ipotesi della “zootropia” nel mio ultimo libro “Post human” Edizioni Bollati Boringhieri, 2002), attribuendo all’animale un ruolo di primo piano. Studiare l’animale nel suo rapporto con l’uomo, ovvero tracciare un profilo del ruolo ricoperto dall’alterità non-umana in ogni momento della vita dell’individuo, significa come prima cosa ammettere che l’animale abbia un posto preciso e proprio nell’ontologia umana, una valenza cioè non sostituibile; tale assunzione implica di conseguenza l’adoperarsi per capire le caratteristiche di questa funzione. In pratica vuol dire decretare l’esistenza di una “referenza animale” - ossia di un ambito di confronto/relazione con l’alterità animale dotata di un peculiare significato nel processo di realizzazione identitaria della singola persona e più in generale dell’uomo come essere culturale. La tesi implicita della zooantropologia è che l’uomo non sia autosufficiente da un punto di vista ontologico (ipotesi autarchica) ma che abbia bisogno dell’animale ovvero del non umano come referente per realizzare le parti più autentiche della sua umanità. Questo differenzia la zooantropologia dalle altre discipline che studiano in modo tematico l’interesse dell’uomo verso gli animali: secondo l’epistemologia zooantropologica gli animali prendono parte attiva nel processo di

formazione dell’uomo e non sono solo degli oggetti di conoscenza, bensì dei partner di conoscenza. Quali altre discipline sono coinvolte nella triade uomo-animaleambiente? La zooantropologia si avvale innanzi tutto del contributo di diverse discipline (come la psicologia, l’etologia, la pedagogia, l’antropologia) per realizzare un quadro il più possibile coerente sulla rete di relazioni che legano l’uomo alle altre specie viventi. Questo ambito della ricerca zooantropologica, definito zooantropologia teorica, si interroga non solo sul significato dei differenti contributi offerti dalle altre discipline, ma altresì sui rapporti che la zooantropologia instaura con le aree confinanti di ricerca o con altre discipline a prima vista molto distanti, come la bioetica animale. La zooantropologia teorica studia peraltro anche il significato biologico del rapporto uomo-animale, nelle sue prestazioni e nella sua evoluzione. Tra i settori più indagati dalla zooantropologia teorica vanno ricordati: 1) la disamina delle tipologie di interazione uomo-animale; 2) le motivazioni e le aspettative che sostengono l’adozione di un animale domestico; 3) la storia della domesticazione e il ruolo dell’animale nelle diverse tradizioni socio-culturali; 4) l’interscambio comunicativo e comportamentale tra uomo e animale; 5) il significato della referenza animale nella cultura umana; 6) la coabitazione uomo-animale all’interno dei luoghi antropizzati; 7) le conseguenze e le modificazioni del rapporto interumano mediate dalla presenza animale. Quali sono gli ambiti di applicazione della zooantropologia nei quali il medico veterinario è maggiormente coinvolto a livello professionale? Esiste un ambito della zooantro-

pologia che si propone di realizzare progetti atti a valorizzare le opportunità insite nella relazione con l’animale e contemporaneamente contenerne i rischi o, più genericamente, i problemi. Questo ambito della disciplina prende il nome di zooantropologia applicata. Conoscere i due termini del rapporto e quindi, in ultima analisi, i bisogni dell’uomo e le caratteristiche degli animali è indispensabile per saperli sposare, evitando frustrazione nell’uomo e sofferenza nell’animale. La zooantropologia ha specifiche competenze di intervento, cosicché come possiamo parlare di welfare fisiologico, ecologico ed etologico, allo stesso modo quando ci riferiamo agli animali domestici dobbiamo considerare anche un welfare zooantropologico, ovvero legato alla loro relazione con l’uomo. Le applicazioni della ricerca zooantropologica sono sostanzialmente tre: 1. consulenza zooantropologica, a sua volta divisa in: a) responsible pet-ownership, ossia linee guida di gestione e conduzione responsabile dell’animale familiare; b) zooantropologia urbana, in riferimento ai progetti di gestione dei randagi/sinantropi o per la realizzazione di strutture di ospitalità (canili, colonie feline); c) zooantropologia ambulatoriale, come ricerca e diagnosi tipologica della relazione tra proprietario e animale; 2. zooantropologia didattica, tesa a valorizzare il significato formativo e didattico del referente animale nonché ad educare il ragazzo a un rapporto equilibrato e rispettoso con l’alterità animale; 3. zooantropologia assistenziale a sua volta divisa in a) Attività Assistite da Animali (AAA) e b) Terapie Assistite da Animali (TAA): due pratiche molto differenti nelle procedure e negli ambiti di operatività, avendo le prime un obiettivo essenzialmente di sostegno, di


4

PROFESSIONE VETERINARIA 8/2002

DALLA PRIMA PAGINA socializzazione, di rieducazione, di ricreazione, mentre le seconde una finalità di tipo essenzialmente sanitario. Va sottolineato che la zooantropologia applicata ha come obiettivo di intervento non il partner (umano o animale) preso singolarmente, ma il rapporto uomo-animale. La zooantropologia si occupa dello studio del rapporto uomo-animale, indagato sotto tutti i profili (etologici e antropologici), nelle variabili che lo influenzano e nelle

tipologie che lo caratterizzano, e ricerca le motivazioni e le aspettative che guidano il rapporto con l’animale, gli esiti relazionali (corretti, impropri, equilibrati, morbosi) e i benefici che l’uomo riceve da questo rapporto. La zooantropologia applicata si pone perciò i seguenti obiettivi: a) rendere più comprensibile il nostro rapporto con l’alterità animale, b) epurarlo da paure, pregiudizi, proiezioni errate, aspettative improprie, manie e c) migliorarlo, sia per il bene

dell’uomo che per il bene dell’animale. Le acquisizioni della zooantropologia fungono infatti da materiale di riflessione per altre discipline applicate che si occupano di migliorare, di valorizzare o di allargare i campi di utilizzo del rapporto uomo-animale (etologia applicata, medicina comportamentale animale, bioetica animale), al fine di costruire un rapporto con gli animali che sia nello stesso tempo equilibrato e rispettoso. Va sottolineato che nei progetti di

zooantropologia applicata non ci troviamo di fronte a un “uso” o utilizzo strumentale dell’animale, giacché qualsiasi reificazione del partner animale renderebbe inoperante il programma stesso non attivandone le competenze di interfaccia. In Italia, il medico veterinario può diventare un punto di riferimento importante in ambito zooantropologico? Ritengo che questo campo di ri-

cerca possa dare molte opportunità di lavoro ai medici veterinari, a patto che siano consapevoli dell’importanza di una preparazione adeguata come per le altre aree specialistiche. Per questo in SISCA abbiamo dato vita alla Scuola di Interazione Uomo-Animale con il compito di accreditare delle figure che abbiano realizzato un preciso iter formativo. Lavorare sul rapporto con l’animale, nei tre ambiti suesposti, non è affatto scontato, anche perché l’obiettivo resta quello di valorizzare il rapporto, non di contenerlo o di farlo esprimere in modo subottimale. Credo che questo aspetto sia fondamentale nei prossimi anni e parallelamente divenga centrale il contributo che può offrire la medicina veterinaria. Negli anni Ottanta e Novanta abbiamo assistito a una rivoluzione paradigmatica nella considerazione dell’alterità animale, purtroppo in modo eccessivamente antropomorfico. Il rapporto con l’animale resta tutto da costruire, partendo proprio dalla diversità dell’animale e dalle peculiarità del registro interattivo. Qui sta il ruolo del professionista delle scienze comportamentali applicate, come interprete dell’animale e mediatore del rapporto. Credo che la zooantropologia, come peraltro la medicina comportamentale e l’etologia applicata, possa offrire al medico veterinario uno strumento in più per dare alla relazione con l’animale dignità scientifica, degna di una prestazione professionale. Quali sono in Italia le prospettive attuali e future della zooantropologia urbana e didattica, specie dal punto di vista occupazionale veterinario? In Italia a partire dalla seconda metà degli anni Novanta, ma soprattutto negli ultimi cinque anni, si è iniziato ad aprire un orizzonte occupazionale nel settore zooantropologico. Senza dubbio, la zooantropologia urbana e la zooantropologia didattica sono le aree che oggi, maggiormente, richiedono la presenza di un veterinario zooantropologo: penso che questo bisogno sarà centuplicato dalla trasformazione dei canili in Centri di Servizi Cinofilo. Ritengo che i Centri di Servizi Cinofilo potrebbero diventare degli ottimi punti d’incontro per diversi progetti di zooantropologia applicata, dando nuovo impulso occupazionale per i medici veterinari. Nell’area didattica sarebbe opportuno che vi fosse un preciso impegno del Governo per superare la parcellizzazione presente allo stato attuale. Stessa cosa può dirsi per la pet-therapy, che io preferisco chiamare zooantropologia assistenziale: vi è stato un buon impegno nella formazione (si pensi a quanto fatto dall’Istituto Zooprofilattico Sperimentale dell’Abruzzo e del Molise “G. Caporale” di Teramo), anche se purtroppo a livello operativo è tutto affidato alle specifiche situazioni locali. Credo, viceversa, che se si rendessero disponibili delle strutture dedicate


PROFESSIONE VETERINARIA 8/2002

5

DALLA PRIMA PAGINA alla zooantropologia applicata tutto sarebbe più facile. Oltre tutto oggi spendiamo somme considerevoli di denaro semplicemente per mantenere dei cani per tutta la vita dentro un box! Basterebbe un piccolo sforzo di immaginazione per trasformare quello che attualmente è un problema in una grande opportunità.

Corrado Sgarbi Medico veterinario presidente SISCA Attualmente in Italia, la zooantropologia, specie quella urbana, può rappresentare un reale sbocco professionale per il medico veterinario e perché? Se lasciamo momentaneamente in sospeso il termine ‘attualmente’ la risposta credo che sia necessariamente affermativa. Credo che la zooantropologia sia una branca del sapere talmente nuova che non è ancora arrivata a sedimentarsi nella conoscenza personale di ognuno di noi e, quindi, è ancora considerata una sorta di volo pindarico di colleghi che, (questi sono i commenti che ho sentito diverse volte), “non hanno niente di meglio da fare!” In realtà, molto spesso questi giudizi vengono espressi senza sapere bene che cosa sia la zooantropologia, tanto che, quando il suo significato viene loro spiegato, le opinioni degli interlocutori cambiano e il commento diventa… ”beh, in effetti, sono cose interessanti e potrebbero davvero avere dei risvolti pratici.” Sono convinto quindi che le potenzialità ci siano tutte affinché la zooantropologia possa rappresentare un reale sbocco professionale, anche se non numericamente rappresentativo. Tuttavia, il lavoro che ci attende in questi anni sarà quello di far conoscere questa disciplina e le sue applicazioni pratiche e potenzialità. Le attività e le terapie assistite con animali, si possono considerare delle forme specializzate di zooantropologia? Sicuramente la pet-terapy deve avere come base una profonda conoscenza della zooantropologia ma, personalmente, tendo mentalmente a tenere separati i due ambiti. Quali sono, secondo la tua esperienza, le forme e/o i fenomeni che necessitano di un intervento del veterinario zooantropologo in ambito urbano e quali, invece, in ambito rurale o zootecnico? Dato che nella domanda si fa riferimento alla mia esperienza, la risposta non può che riguardare esclusivamente l’ambito urbano, in quanto l’ambiente rurale e zootecnico non sono mai rientrati nelle mie attività professionali. Il discorso dei possibili interventi ed interessi in ambito urbano potrebbero essere riassunti in brevi punti. Con la zooantropologia didattica,

lavorando nelle scuole con i bambini e, successivamente, con i ragazzi, si potrebbero rimuovere quelle paure più o meno consce nei riguardi degli animali, sopratutto dei cani, che sempre più frequentemente si manifestano. Si dovrebbero quindi avvicinare i ragazzi alla conoscenza degli animali e delle loro possibili e/o necessarie interazioni con l’uomo, anche e maggiormente soffermandoci su quegli animali che normalmente condividono con noi l’ambiente urbano e che risultano, tuttavia, ancora poco conosciuti. Sono sempre più convinto, infatti, che le paure (zoofobie) delle persone nei confronti degli animali domestici, nascano proprio dalla scarsa o errata conoscenza del loro comportamento e, quindi, del loro linguaggio (etogramma). La gestione delle problematiche causate dagli animali inurbati (colombi, cornacchie, storni ma anche topi, gatti delle colonie, cani abbandonati o randagi), così come alcune questioni legate alle tartarughe che affollano alcuni laghetti cittadini, gabbiani e discariche di rifiuti etc.), sono situazioni che devono essere affrontate dalla comunità con l’intervento di un veterinario zooantropologo e non devono essere analizzate solo da un punto di vista igienicosanitario. L’esistenza di un “ufficio del benessere animale” in alcune nostre città, deve essere coordinato da un veterinario con questa “specializzazione” (mi si passi l’ardire della qualifica) o meglio specificità. Le campagne di intervento sui possessori di animali domestici e su come questi devono trovare un punto di equilibrio e convivenza con gli altri cittadini ‘animal free’, devono avere come base degli approfondimenti zooantropologici, se vogliamo che queste strategie d’azione siano realmente efficaci e vantaggiose. Per brevità non ritengo di approfondire le tante questioni legate ai canili cittadini, ma è chiaro che queste strutture sanitarie necessitano di profondi interventi e riqualificazioni che devono tenere conto degli aspetti zooantropologici. Questi, quindi, sono solo alcuni dei molti ambiti cittadini in cui un veterinario che vuole impegnasi a risolvere e chiarire aspetti di questo tipo potrebbe e dovrebbe intervenire. La formazione dell’operatore zooantropologo come e da chi viene organizzata e gestita e quali figure istituzionali dovrebbero provvedere a tale compito? (Università, Scuole di Specializzazione, Istituti Zooprofilattici, Associazioni, ecc.). Qui tocchiamo le dolenti note. Per quanto è nelle mie conoscenze non esistono specializzazioni specifiche ormai consolidate nel tempo e, a livello universitario “normale”, non mi pare che venga presa in considerazione una

formazione, seppur superficiale, di queste possibili figure. Gli Istituti Zooprofilattici italiani, come si può dedurre dal nome stesso, hanno altri scopi e, a parte uno, non mi sembra che dedichino tempo e risorse in questo settore. Tra le associazioni quella che conosco meglio, per ovvi motivi, è la S.I.S.C.A. e posso dirti che dedichiamo tempo, impegno, risorse ed entusiasmo, proprio in ambito formativo. Nel caso un medico veterinario volesse cominciare ad occuparsi di zooantropologia nell’ambito del proprio territorio di appartenenza, a chi e come dovrebbe rapportarsi (Uff. diritti animali dei Comuni, Scuole pubbliche o private di ogni ordine e grado, Aziende sanitarie locali, associazioni zoofile, consultori zooantropologici, ecc.). La prima e più importante cosa che dovrebbe interessare un collega che volesse approcciarsi a queste problematiche, è certamente la formazione. Infatti, visto che la zooantropologia è un ambito poco conosciuto, il rischio maggiore è che i colleghi si propongano in questo settore con delle conoscenze un po’ troppo superficiali e poi, incontrando sul percorso gli inevitabili ostacoli, non siano in grado di superarli mettendo a repentaglio tutta la credibilità che faticosamente la categoria si sta costruendo in questo ambito. Tutte le strade da te indicate possono e devono essere battute e, per quanto riguarda il come, mi viene in mente un corso che abbiamo organizzato e che trattava in modo specifico tutti questi temi: da come impostare il curriculum di presentazione a come formulare delle proposte operative; da come e dove inoltrare le domande di possibili collaborazioni. Non mi resta che augurarmi che un settore così poco conosciuto dai colleghi possa crescere, svilupparsi e diventare un possibile punto di approdo professionale oltre che una garanzia per tutti i cittadini e gli animali che ci circondano.

Carlo Riccio Medico veterinario dirigente ASL Piacenza Dal momento che sei comunque ancora referente per un Gruppo di Studio SISCA per la diffusione e sensibilizzazione d’impostazioni zooantropologica per Operatori di Sanità Pubblica e formazione professionale in tale specifico ambito, quali sono i traguardi che avete raggiunto e quali invece gli obiettivi che vi proponete di conseguire? Il discorso è solo all’inizio e purtroppo attualmente fermo. Per impegni personali, ho restituito alla segreteria SISCA il compito organizzativo. Di veramente concreto, oltre alla scelta di percorsi e la verifica delle grandi difficoltà per organizzare qualcosa di nuovo at-

tingendo dal settore pubblico, esiste un documento/articolo riepilogativo di una ricerca e studio per affrontare le “morsicature” secondo una impostazione “etologica” da parte dei Veterinari Ufficiali, già tenuti a gestirle in base alle norme del Regolamento di Polizia Veterinaria (profilassi antirabbica). Per il futuro, l’obiettivo primario potrebbe essere quello di riavviare il Gruppo di Studio stesso, riuscendo così realmente ad unire i tanti colleghi già sensibilizzati e, successivamente, organizzare un incontro che possa aiutare la Sanità Pubblica ad aggiornarsi su nuove e più adeguate impostazioni. Secondo la tua esperienza nell’ambito della Sanità Pubblica Veterinaria, quali sono gli interventi che richiedono competenza zooantropologica e quali dovrebbero essere maggiormente incentivati? Quando si parla di “Pubblico” riterrei importante sottolineare che si debba ragionare sempre con un’ampia visione d’insieme della realtà. La Zooantropologia, è proprio la scienza che ci consente di vedere meglio le problematiche dei rapporti uomo/animali, appunto nella loro interezza. Questa “nuova” scienza, che si avvale delle conoscenze acquisite da molte discipline, quali la Psicologia, l’Etologia, la Socio-biologia, ecc., fondendole nelle competenze cliniche e zootecniche tipiche delle Scienze Veterinarie classiche, può agevolare notevolmente la precisa individuazione dei bisogni, dei problemi e delle soluzioni, nelle mille sfaccettature della relazione uomo/animali. È mia profonda convinzione che proprio il settore Pubblico sia, quindi, quello che possa meglio sfruttare tale ampia inquadratura scientifica. Al riguardo, in quanto legato alla personale esperienza lavorativa, potrei citare la scelta dei dettagli nei messaggi per l’educazione/formazione (Scuole, Incontri Pubblici, Centri di Formazione), l’allestimento di programmi di prevenzione delle sovrappopolazioni di cani e gatti, con individuazione dei reali punti critici che ne sono alla base: nei canili, errati affidi, mal custodie scambiate per abbandoni, ecc.; oppure, per quanto riguarda il problema delle colonie feline, i conflitti urbani tra “gattofili” e “gattofobi”, originati da una atavica disorganizzazione determinata da incompetenze dei primi e da pregiudizi nei secondi. Purtroppo però, la lista sarebbe ancora troppo lunga da elencare in questa sede… Tuttavia, per dare maggior completezza alla mia esposizione, ritengo comunque opportuno un approfondimento più generale su questi argomenti. Infatti, la zooantropologia non può prescindere dal più attuale concetto “rivoluzionario” di benessere animale, rispetto ai vecchi schemi del passato e dalle attuali possibilità culturali ed economiche su cui impo-

starne le garanzie per qualità (quale ordinarietà) e quantità (le singole specie animali). Ma per parlare di benessere ed attività veterinaria, si devono prima saper tracciare percorsi realmente collaborativi tra Veterinaria Pubblica e le altre figure professionali e non, che vengono di fatto coinvolte (Veterinaria Privata, Comuni, Province, Associazioni, ecc…). L’attività pubblica può solo essere finalizzata al bene collettivo e su tale percorso vanno sempre banditi campanilismi di categoria (vedi, ad esempio, i conflitti storici tra veterinari), o gli estremismi manifestati per questa o quella specie animale (vedi le ataviche diatribe tra le associazioni cinofile e gattofile). La Zooantropologia, dunque, consente di riscrivere le competenze tenendo conto di tutte le componenti in gioco. L’uomo e gli animali che più gli assomigliano, hanno bisogno di un corpo e di una mente sani e di essere in armonia sociale e ambientale. Ciò significa che si possono individuare tre percorsi contemporanei per il benessere: quello clinico, quello psichico e quello sociale. Relativamente al percorso clinico, il Veterinario Pubblico deve farsi garante della salute umana e animale attraverso la profilassi e la organizzazione di strategie di lotta nei confronti di “patologie” infettive e diffusive regolate da norme legislative. Per quanto riguarda il percorso psichico, si entra nelle componenti comportamentali, sia animali che umane, che favoriscono o non consentono di evitare i problemi collegati. Infine, a livello di benessere sociale, occorre che questo venga inquadrato nell’equilibrio generale, cioè oltre quello del singolo animale, della singola famiglia ospite, del vicinato e/o dell’intera cittadinanza. Più semplice ma più ostacolato per i grandi interessi economici a cui è collegato, è il discorso del benessere nella produzione di alimenti d’origine animale. Ma anche qui va individuato il punto d’equilibrio su cui tracciare i percorsi, in quanto tutte le parti coinvolte hanno diritti e doveri nei confronti del benessere. Tutto quanto riguarda attualmente la Veterinaria Pubblica andrebbe riscritto, alla luce delle nuove conoscenze, al fine di impostare nuove procedure. In questo modo, si potrebbe scoprire quanto in realtà possa essere soddisfacente avere a che fare con il mondo animale nel Servizio Pubblico, riequilibrando la distribuzione degli impegni e dei carichi di lavoro alle reali esigenze dell’utenza attuale, sia per quanto concerne gli “allevatori” in casa, sia per i consumatori finali di prodotti d’origine animale. Ma soprattutto ci si potrebbe accorgere quanto profonde possano essere le gratificazioni per quella che secondo me è la miglior professione del mondo: la nostra. ■


6

PROFESSIONE VETERINARIA 8/2002 ATTUALITÀ

Dal 31 luglio è operativa la Banca Dati Nazionale

di Sabina Pizzamiglio

Anagrafe bovina, meglio tardi che mai… Il patrimonio bovino italiano registra 8,5 milioni di capi

ala Stampa di Palazzo Chigi, 30 luglio 2002. I Ministri Sirchia e Alemanno e il Sottosegretario alla Salute Cesare Cursi danno ufficialmente il via all’Anagrafe Bovina Nazionale (ABN). Da più parti si sottolineano i ritardi del provvedimento e i limiti tecnologici del sistema: il rispetto dei tempi richiesti da Bruxelles non è stato favorito dallo scarso coordinamento fra i due ministeri competenti e nemmeno dalle procedure operative che sono inizialmente apparse farraginose (all’inizio dell’anno un decreto interministeriale ha rivisto il sistema di caricamento dei dati coinvolgendo allevatori e aziende di macellazione ed anche le regioni, alcune delle quali, come la Lombardia, gestiscono già una propria banca dati). Tuttavia, pur non rappresentando una novità assoluta (l’anagrafe rimanda al DPR 317/96) né un sistema definitivamente compiuto (si pensa ad ulteriori sviluppi tecnologici nel sistema di identificazione e di registrazione dei capi), la Banca Dati Nazionale (BDN) per la registrazione informatizzata e l’identificazione dei bovini è ora ufficialmente operativa. Non solo: il Governo ha già approvato uno schema di decreto legislativo che, applicando due regolamenti comunitari del 2000, stabilisce le sanzioni per chi viola la normativa sull’identificazione e la registrazione dei bovini.

S

Finalità dell’anagrafe bovina L’Istituto Zooprofilattico di Teramo, sede nazionale della BDN, ha in varie occasioni evidenziato la centralità degli aspetti sanitari che stanno alla base dell’istituzione dell’anagrafe e l’opportunità di integrare i dati con informazioni sanitarie sui controlli di profilassi,

L’Istituto Zooprofilattico Sperimentale dell’Abruzzo e del Molise.

IZS, Teramo le vaccinazioni e i trattamenti farmacologici. Ma, oltre a tutelare la salute del patrimonio zootecnico, l’anagrafe risponde ad esigenze di salute pubblica; è uno strumento indispensabile per garantire la tracciabilità della produzione ed anche per ricostruire, come auspicato da Confagricoltura e Coldiretti, un rapporto di fiducia con i consumatori. Contribuisce inoltre a migliorare la gestione dei premi comunitari. Al riguardo, il Ministro Alemanno ha dichiarato che per colpa della mancata attuazione dell’anagrafe bovina l’Italia ha ricevuto solo il 50% dei premi erogati dall’UE (368 milioni di euro sui 615 disponibili). I dati a disposizione Oggi l’anagrafe bovina è in grado di fornire informazioni sulla data e il luogo di nascita di ciascun bovino, sulle movimentazioni, sul luogo e la data di macellazione. Nella seconda quindicina di luglio gli accessi alla BDN sono stati circa 100 mila. Al momento l’anagrafe ha censito 8,5 milioni di capi.

Dal 1°ottobre tutti potranno consultare la BDN Tramite tecnologia WAP sarà possibile collegarsi al sito dell’Istituto Zooprofilattico di Teramo e accedere ai dati dell’anagrafe bovina. I consumatori potranno confrontare i dati on line con quelli riportati sull’etichetta della carne acquistata. E per quelli che non hanno un cellulare Alemanno prevede che la grande distribuzione collochi dei terminali nei propri punti vendita.

I tre livelli operativi della BDN • A livello locale i servizi veterinari delle ASL iscrivono l’animale nella Banca Dati Nazionale, rilasciano il passaporto del capo (contenente i dati anagrafici e il codice identificativo dell’animale) basandosi sulle dichiarazioni dell’allevatore e del responsabile dello stabilimento di macellazione. Se il capo è d’importazione da un paese comunitario conserva marchio, passaporto e codice identificativo; se ha provenienza extra UE viene registrato ex novo in banca dati dopo essere stato

IZS, Teramo

Il patrimonio bovino in Italia (dati del 29 luglio 2002)

Regione

Allevamenti

Capi

Regione

Allevamenti

Capi

Piemonte

20.717

621.077

Marche

6.536

95.364

Valle d’Aosta

2.039

45.882

Lazio

16.897

475.229

Lombardia

21.961

2.755.846

Abruzzo

6.146

103.871

Trentino A.A.(Bz)

6.669

18.997

Molise

4.682

83.572

Trentino A.A.(Tr)

1.881

55.798

Campania

18.882

371.718

Veneto

25.419

1.624.419

Puglia

6.330

220.923

Friuli V. G.

4.465

111.892

Basilicata

4.782

128.548

Liguria

1.869

18.275

Calabria

7.973

175.894

Emilia Romagna

13.961

697.618

Sicilia

10.133

376.227

Toscana

6.675

138.272

Sardegna

12.570

369.238

Umbria

4.420

91.110

Totale

205.034

8.579.770

Fonte: IZS di Teramo

IZS, Teramo

marcato con marchio italiano e riceve il passaporto. Per Maurilio Giorgi, responsabile dell’anagrafe presso la ASL di Cremona “Le ASL sono consce del ruolo primario che rivestono nel funzionamento dell’anagrafe bovina informatizzata, tassello fondamentale a garanzia della sicurezza alimentare e si sono attrezzate per svolgerlo nel migliore dei modi, in sin-

tonia con tutti gli attori del sistema, ciascuno nell’ambito delle proprie responsabilità.” • A livello regionale, spetta ai servizi veterinari di ciascuna Regione il ruolo di coordinamento e organizzazione sul territorio. “ La partenza del nuovo sistema di gestione dell’anagrafe bovina informatizzata, previsto dai Decreti interministeriali del 31 gennaio e 7 giu-


7

PROFESSIONE VETERINARIA 8/2002 ATTUALITÀ

Normativa essenziale di riferimento DPR 30 aprile 1996 n. 317; lo Stato Italiano, in ottemperanza alle disposizioni emanate dalla direttiva 92/102/CEE, si è dotato di una nuova normativa per la disciplina dell’identificazione e registrazione degli animali. DM 31 gennaio 2002; “Disposizione in materia di funzionamento dell’anagrafe bovina”. Il Decreto precisa le definizioni, attribuzioni e finalità dell’anagrafe bovina, prime fra tutte la “tutela della salute pubblica e tutela del patrimonio zootecnico (costituzione e funzionalità della rete di epidemiosorveglianza)”. DM 7 giugno 2002; Approvazione del manuale operativo per la gestione dell’anagrafe bovina.

Link utili: IL SISTEMA DI IDENTIFICAZIONE DEGLI ALLEVAMENTI E DEI CAPI BOVINI: http://www.anagrafe.izs.it/index.html LA NUOVA ANAGRAFE BOVINA NAZIONALE http://www.politicheagricole.it/PRODUZIONE/ZOOTECNIA/Etichettatura/anagrafe2.htm http://www.governo.it/sez_dossier_nuovi/politiche_agricole/index.html PROCEDURE OPERATIVE PER LA GESTIONE E L’AGGIORNAMENTO DELL’ANAGRAFE BOVINA http://www.anagrafe.izs.it/anagrafe/manuale/indice.html

gno 2002 – ha dichiarato Cesare Bonacina, responsabile dei servizi veterinari della Regione Lombardia, non ha colto impreparata la regione Lombardia che aveva già predisposto procedure per la corretta raccolta e puntuale trasmissione dei dati, avvalendosi anche della forte collaborazione esistente con la componente del mondo allevatoriale. È allo studio una modalità di alimentazione online della Banca dati regionale, tale da consentire agli utenti del sistema di provvedere all’aggiornamento della stessa in tempo reale. L’obiettivo è la realizzazione di un sistema informativo che, integrando la BDR e le altre banche dati esistenti, possa garantire sempre di più la sicurezza degli alimenti e la sanità degli allevamenti”. • A livello nazionale, compete all’IZS “G. Caporale” di Teramo il compito di gestire la banca dati, che oggi conta in tutto oltre 8 milioni e mezzo di capi, con una vita media di quattro anni. “Con questa operazione si chiude un cerchio importante al centro del qua-

le sta il consumatore – spiega Vincenzo Caporale, Direttore dell’Istituto Zooprofilattico dell’Abruzzo e del Molise- Tutto l’impe-

gno profuso in questo lavoro infatti ha un principale, grande obiettivo, che non va mai perso di vista: la tutela del consumatore”.

I marchi auricolari sono obsoleti Partendo dall’intesa con il Ministero delle Politiche agricole e con le Regioni adesso intendiamo affrontare anche le altre emergenze che affliggono gli allevatori soprattutto al Sud: dalla siccità alla Blue Tongue dai problemi legati alla vaccinazione fino alla proposta che vogliamo avanzare a Bruxelles di sostituire gli obsoleti marchi auricolari con dei più moderni chip. Gerolamo Sirchia, Ministro della Salute

Con l’anagrafe non avremmo avuto la mucca pazza Con l’anagrafe abbiamo compiuto un decisivo passo avanti sul terreno delle garanzie del consumatore. Ma non solo. La banca dati sarà uno strumento prezioso per dare battaglia all’illegalità e al sommerso sul fronte delle quote latte e ci consentirà di recuperare credibilità a livello comunitario. Proprio in mancanza dell’anagrafe negli ultimi anni abbiamo perso in media il 50% dei premi UE al comparto delle carni bovine. Se l’anagrafe avesse funzionato negli anni scorsi non avremmo avuto l’emergenza mucca pazza. Gianni Alemanno, Ministro delle Politiche Agricole

La responsabilità dell’anagrafe è dei produttori e delle ASL Il principio sulla base del quale è improntata l’anagrafe è quello della responsabilità. Le responsabilità del produttore che dichiara i dati e dei servizi veterinari delle ASL che sono chiamati a certificarli. L’autorità pubblica in sostanza svolge un ruolo simile a quello di un notaio che notifica i dati forniti dall’allevatore o dal responsabile dell’azienda di macellazione. In questo modo sarà possibile fornire garanzie ulteriori al consumatore finale ma anche agli allevatori. Sen. Cesare Cursi Sottosegretario di Stato alla Salute

Strategico affidare l’ABN al veterinario L’anagrafe del bestiame è il punto di partenza per arrivare ad una zootecnia veramente rispettosa del consumatore e dei produttori e consentirà finalmente la valorizzazione del ruolo del veterinario quale operatore sanitario che tutela la sicurezza alimentare dei consumatori. L’anagrafe avrà ricadute positive sul settore zootecnico: maggiore efficacia nel fronteggiare eventi morbosi quali la BSE, possibilità di attivare il 100% dei contributi europei (oggi siamo al 50%) maggiore incisività nell’affrontare la piaga delle produzioni di latte non dichiarate. Non di meno appare strategica la scelta del Governo di affidare la gestione ed il controllo di questa banca dati alla componente veterinaria, resistendo alle pressioni del mondo delle produzioni che aveva forte aspettativa per una gestione non “terza”. On. Gianni Mancuso, Medico veterinario


8

PROFESSIONE VETERINARIA 8/2002 ATTUALITÀ

Un’inchiesta bestiale

di Antonio Manfredi

Il Salvagente salva anche gli animali ma presenta dati poco attendibili iportiamo in questo numero l'inchiesta pubblicata sul n° 33 del settimanale Il Salvagente dal titolo “Carissimi animali, quanto ci costate?”. L’inchiesta è sul settore degli animali da compagnia e basata sui dati raccolti attraverso una ricerca di mercato realizzata per suo conto dall'Irisme Consulting. L'inchiesta ha certamente il merito di affrontare i diversi aspetti del settore anche se alcuni dati lasciano abbastanza perplessi ed alcune considerazioni ricadono, come spesso accade in indagini di ampio raggio, in luoghi comuni che difficilmente si riescono a superare. Va dato merito alla rivista, cosa che non sempre accade, di averci interpellato ed aver dato spazio ad alcune brevi considerazioni di un rappresentante del mondo veterinario, il Dr. Vezzoni, Segretario FNOVI. Aggiungiamo a commento di alcuni dati qualche riflessione che esprime il nostro punto di vista lasciando al lettore la possibilità di scrivere considerazioni diverse sui vari temi trattati e che saranno pubblicate sui prossimi numeri. 7.582 milioni di euro (14.680 miliardi di lire, per poterlo confrontare con dati storici che raccogliamo ogni anno) sono una cifra enorme per questo settore e non corrisponde assolutamente, sulla base delle nostre rilevazioni, dell'Assalzoo e dell'AISA, alla situazione reale. 6.400 milioni di euro sarebbe la spesa dei proprietari di animali da compagnia soltanto per i loro bisogni primari (alimentazione e salute). Questo valore basandoci sui dati analitici presentati successivamente dall'inchiesta può essere scomposto nelle tre voci principali: Alimentazione (mangimi, diete, integratori), Farmaci (sia specialità che prodotti di libera vendita) e prestazioni Veterinarie.

R

Alimentazione 4.615 milioni di euro (8.936 miliardi di lire) Farmaci 770 milioni di euro (1.490 miliardi di lire) Veterinari 1.016 milioni di euro (1.965 miliardi di lire) Totale 6.400 milioni di euro (12.391 miliardi di lire) Se questi dati fossero esatti dividendo il totale delle spese veterinarie per il numero degli ambulatori, oggi circa 5.400, otterremmo un fatturato medio per ambulatorio di 188.000 euro (365 milioni di lire) che pur togliendo il 20% di IVA è sempre più di 300 milioni. In realtà il fatturato globale del settore a noi risulta, ad essere ottimisti, un po' meno di 150 milioni di euro (300 miliardi Lit.). Questo significa che ogni ambulatorio fattura in media, questi da-

Quanto si spende per la salute e la bellezza Stima del costo medio mensile in euro per un singolo animale domestico CANI

GATTI

PESCI

VOLATILI

RODITORI

RETTILI

Farmaci

6,10

1,90

0,20

0,40

0,20

4,90

Cosmesi e igiene

3,80

0,90

-

-

-

-

Manutenzione accessori

1,30

4,40

0,90

0,60

3,40

1,40

Veterinario

7,60

4,00

-

0,20

1,40

1,40

TOTALE

18,80

11,20

1,10

1,20

5,00

7,70

Fonte: Il Salvagente

ti sono già senza IVA, circa 28 mila euro (54 milioni di Lit:). È quasi sei volte in meno rispetto al dato determinato dalla ricerca. Per quanto riguarda i valori riferiti ai farmaci il mercato globale del settore veterinario non raggiunge i 350 milioni di euro e quello per animali da compagnia è circa il 40%, quindi 140 milioni di euro (271 miliardi di Lit). Anche in questo caso la differenza è veramente enorme e non giustificabile dal margine di errore normalmente previsto da tutte le ricerche di mercato (+/- 5/10%) e dovuto ai limiti di rappresentatività del campione, in questo caso forse un po' troppo limitato e quindi poco significativo. Se il mercato del farmaco fosse quello indicato ogni ambulatorio, avendo oggi la possibilità di gestire questi prodotti, potrebbe avere un fatturato medio specifico di 142.000 euro (276 milioni di Lit.) che aggiunto a quello della normale attività ambulatoriale fa diventare tutti i veterinari veramente benestanti se non ricchi (188+142= 330 mila euro, 639 milioni di Lit.). Per quanto riguarda i dati riferiti all'alimentazione anche in questo caso il totale di 4.615 milioni di euro è enormemente lontano dai dati ufficiali regolarmente forniti dall'Assalzoo anche considerando che dalla ricerca risulta che solo un 65% di cani e gatti utilizza alimenti industriali. In verità anche questa ultima percentuale sembra non molto corretta se consideriamo che nel settore degli animali da compagnia il prodotto industriale è ancora lontano dal copri-

Fonte: Il Salvagente

re il 50% del fabbisogno alimentare totale. Restando nel settore alimentare la ricerca evidenzia da parte del consumatore ancora molta diffidenza verso i cibi preconfezionati. Questa diffidenza, o questo rifiuto spesso per motivi esclusivamente economici, gli scarti della famiglia costano niente, deriva soprattutto dai dubbi sulle materie prime utilizzate. Spesso queste resistenze sono maggiori verso questi prodotti che verso prodotti alimentari usati per l'uomo. La paura in sostanza si concentra su alcuni elementi precisi che spesso anche una errata informazione o prese di posizione senza alcun fondamento hanno reso fortemente preoccupanti: farine animali (BSE), prodotti di scarto (animali ammalati, canguri, ossa, ecc.), OGM (sui quali spesso si è parlato a sproposito). Se aggiungiamo che ogni tanto tornano in circolazione notizie vecchie e già più volte smentite, e del resto riprese anche in questa inchiesta, che le aziende produttrici sono responsabili di aver eseguito o finanziato esperimenti raccapriccianti su cani e gatti per testare e sperimentare questi prodotti, la diffidenza è giustificata. Oggi non vi è alternativa a questi prodotti che sono gli unici che possono dare all'animale un giusto equilibrio alimentare, non sono certo gli avanzi di cucina o l'impegno ogni giorno a preparare un cibo adeguato che possono garantire un'alimentazione quotidiana corretta. D'altra parte la diffusione degli

animali da compagnia deriva anche dalla possibilità di rendere molto più semplice e garantita la loro alimentazione che ha avuto anche il merito di contribuire ad allungare la loro esistenza e migliorare notevolmente la loro qualità di vita. Anche da questa indagine risulta che il principale interlocutore del proprietario anche per i problemi alimentari è il veterinario i cui consigli sono seguiti con attenzione. Diventa sempre più importante, quindi, per tutti i professionisti acquisire informazioni approfondite in questo ambito mentre a volte ci si accontenta soltanto delle informazioni sia pur qualificate ed attente degli informatori scientifici. Nei nostri ambulatori, anche nelle cliniche maggiori, al contrario di altri paesi non esiste ancora la figura del veterinario dietologo o alimentarista e gli iscritti alla SIANA (Società Italiana di Alimentazione e Nutrizione Animale) sono quasi tutti collaboratori o dipendenti di aziende alimentari. Per quanto riguarda gli aspetti assicurativi purtroppo nel nostro paese le polizze sanitarie per l'animale stentano a decollare. Le percentuali riportate dall'inchiesta sembrano essere quasi ottimistiche: 10,9% dei cani e 3,9% dei gatti. Al contrario per i veterinari, queste polizze, sono molto importanti perché la copertura dei costi da parte della compagnia assicuratrice garantisce lavoro, spesso lavoro qualificato, e garanzia di pagamento. Poter orientare i proprietari verso questi strumenti, come è già avvenuto in altri paesi, significa quindi sviluppo e crescita del nostro settore. L'ultimo punto sul quale vorrei aggiungere qualche considerazione è quello che ci riguarda più da vicino. ossia le risposte alla domanda: quante volte dal veterinario? Il 15% dichiara di non andarci mai. Se va, va se non va, pace e chi se ne frega. Questa in sostanza è la filosofia di questi proprietari che vivono soprattutto nel sud in aree agricole. Ma questo non è vero del tutto, spesso non si va dal veterinario perché altre figure professionali lo sostituiscono per i vaccini, per un farmaco, umano naturalmente,

per un parere. E questi sono i farmacisti, l'allevatore, il medico. È evidente che lo sforzo quindi da fare è quello di recuperare questa fetta di mercato sensibilizzando i proprietari e denunciando l'abuso di professione. Il 50% va dal veterinario 1 o 2 volte all'anno. Anche su questi proprietari varrebbe la pena fare uno sforzo di informazione. Sono animali che in sostanza vanno dal veterinario solo per le vaccinazioni ma sappiamo tutti che questo non è sufficiente. Un controllo periodico è importante farlo e si dovrebbe riuscire a far capire ai proprietari che l'esigenze dell'animale non sono le nostre. La durata della nostra vita è molto diversa e quindi il rapporto tempo/controllo sanitario non può essere lo stesso. L'animale inoltre è molto più esposto a rischi sanitari e non parla, non esprime subito e facilmente le sue difficoltà, le sue condizioni e le sue necessità. Penso che ci siano ancora buoni spazi di sviluppo del lavoro se, e spero di non scandalizzare nessuno, si diventasse un po' più "imprenditori" sfruttando anche le possibilità di nuovi servizi alla clientela che le recenti normative hanno aperto alle strutture veterinarie: Farmaco, Pet corner. ■

Assicurazioni sanitarie e per danni Ma quali sono gli animali assicurati? Per l’assistenza sanitari il record spetta ai cani 810.9 per cento contro il 6.7 dei rettili ed il 3.9 dei gatti); per il furto la palma tocca ai rettili (6.7 per cento contro l’1.6 dei cani). Il primato delle assicurazioni per la responsabilità civile verso terzi spetta infine ai cani 840.8 per cento), seguiti dai rettili (20 per cento) e dai gatti (11.6 per cento). Da notare una curiosità: al Centro chi assicura lo fa per bene. Infatti il 7.2 per cento possiede più di una polizza per il proprio animale (contro il 6.3 del Nord e solo l’1 del Sud e delle isole). Fonte: Il Salvagente


9

PROFESSIONE VETERINARIA 8/2002 ATTUALITÀ

L’etichetta ha un suo peso nel decidere il tipo di cibo Ci si orienta sul gusto del pet e i consigli del veterinario, ma c’è molta attenzione anche per ingredienti, marca e prezzo (da: Il Salvagente n° 33, 22-29 agosto 2002) uanto spendono gli italiani per dar da mangiare agli animali di casa? Lo abbiamo chiesto ai diretti interessati: se la maggioranza oscilla tra una spesa mensile minima e una contenuta, inferiore a 50 euro, più di un quarto si attesta oltre questa soglia, con punte che la superano abbondantemente. Come era immaginabile, però, disponibilità economiche e costo della vita spaccano la Penisola anche quando si tratta di decidere la dieta di cani, gatti & Co. Scendendo dal Nord al Sud, infatti, la spesa diminuisce notevolmente, tanto che mentre nel Settentrione la maggior parte degli intervistati (due su cinque) dichiara di spendere ogni mese oltre 50 euro, nel Mezzogiorno più di cinque italiani su dieci affermano di mantenersi su una cifra inferiore ai 20 euro mensili.

Q

Quale pappa? Cosa finisce nelle ciotole? Scatolette e prodotti preconfezionati vanno per la maggiore: è il tipo di cibo con cui prevalentemente due famiglie su tre nutrono i propri “pet”. Poco meno di un quarto dei padroni preferisce ricorrere a cibo fresco comprato per gli animali di casa e solo in un caso su dieci l’animale mangia lo stesso cibo acquistato per la famiglia. In quest’ottica non esistono grandi differenze tra le aree geografiche. Tuttavia desta una certa sorpresa notare che al Nord, in barba agli stereotipi (ritmi frenetici, industrializzazione spinta, eccetera), la

quota degli appassionati delle scatolette incide in misura leggermente inferiore (62,3 per cento) rispetto alla media nazionale (66,7). Al contrario, la quota di chi opta per il cibo fresco è decisamente più alta: quasi il 31 per cento rispetto al 22,7 della media italiana. Al Centro, invece, risulta maggiore la propensione ad alimentare gli animali domestici con lo stesso cibo acquistato per la famiglia. Ma come si decide l’alimentazione di Fido e Micio? Gli italiani dicono di ritenere fondamentale il gusto dell’animale e il consiglio del veterinario o del venditore di animali, ma sono piuttosto gettonati anche gli ingredienti indicati sull’etichetta, la marca e il prezzo. Nelle regioni centrali si segnalano due estremi: una percentuale particolarmente bassa (inferiore a 10 famiglie su cento) che non compra mai cibo preconfezionato e una percentuale particolarmente alta di famiglie (circa una su due) che si orienta per l’acquisto sul gusto dell’animale. I meridionali, al contrario, badano molto alla marca, assai poco alle etichette. A essere molto attenti agli ingredienti e alla loro interpretazione sono, soprattutto, i settentrionali, che le ritengono basilari nella scelta di un alimento per animali così come avviene per i cibi destinati agli umani. Timori E appunto sulle etichette del cibo preconfezionato per animali ab-

LA DIETA DI MICIO Cibo fresco appositamente acquistato

16,8

Cibo confezionato in scatola per animali

72,9

Lo stesso cibo acquistato per la famiglia

10,3

LA DIETA DI FIDO Cibo fresco appositamente acquistato

28,3

Cibo confezionato in scatola per animali

60,1

Lo stesso cibo acquistato per la famiglia

11,6

COME SCEGLIAMO IL CIBO Non compro mai cibo confezionato

15,1

Gli ingredienti indicati sull’etichetta

10,4

La marca

10,6

Il prezzo

10,8

Il consiglio del veterinario o del venditore di animali

25,1

Altro Il gusto dell’animale

1,0 26,9

biamo chiesto a tutti gli intervistati di esprimere un’opinione. E qui il nostro campione si è spaccato a metà, tra chi le giudica chiare, e chi le ritiene povere di informazioni. Quando si tratta di indicare l’ingrediente che mai e poi mai i possessori di animali vorrebbero trovare nel cibo dei loro piccoli compagni, le indicazioni si concentrano anzitutto sulla triade composta, in ordine decrescente, da farine animali, prodotti di scarto (in pratica quelli di bassa qualità) e Ogm. Temuti, anche se in misura inferiore, i prodotti sintetici, mentre l’eccesso di conservanti, i polifosfati e i coloranti destano minore preoccupazione, probabilmente perché si ritiene di poterli evitare con il controllo d’etichetta. Ogni area, ovviamente, ha il suo spauracchio: le farine animali al Nord, gli Ogm al Centro, i prodotti di scarto al Sud. ■

Non sottovalutate la prevenzione li italiani che hanno imparato a fruire dei servizi preventivi e di cura adeguati ai loro piccoli amici sono la maggioranza. Eppure, rimane ancora una quota non indifferente che in un anno non ha mai fatto visitare la propria bestiola. Abbiamo chiesto al dottor Aldo Vezzoni, segretario della Federazione nazionale dell’ordine dei veterinari di aiutarci a capire le ragioni di questo fenomeno. “Buona parte di quel 14,6 per cento tra quanti vi hanno risposto di non esser mai ricorsi al veterinario, con ogni probabilità, risiede nelle campagne italiane. In queste zone, infatti, spesso cani e gatti accuditi da diverse persone non sono considerati di proprietà di una famiglia. Un fenomeno simile a quello che si nota nelle città soprattutto per i gatti, che in diversi casi frequentano le case ma poi vanno a spasso e non entrano a far parte della famiglia”.

G

Dott. Vezzoni secondo lei dal punto di vista sanitario il rapporto degli italiani con gli animali è corretto? Lo è per lo meno nei confronti del cucciolo. Una delle molle maggiormente efficaci che spinge la famiglia a far visitare l’animale da un veterinario, infatti, è il timore che possa trasmettere malattie all’uomo. Quando l’animale è adulto, invece, entrano in gioco fattori differenti. Se è considerato, affettivamente, componente a pieno titolo della famiglia il suo benessere è tenuto in grande considerazione e anche la preven-

zione rientra nelle preoccupazioni del proprietario. Quante volte bisognerebbe far visitare un cane o un gatto da un veterinario? Se l’animale è molto giovane una volta non basta, perché ci sono le necessità del suo sviluppo. Basti pensare che un cane, in un anno, si sviluppa come fa una persona in venti. Dopo l’anno potrebbero essere sufficienti una o due volte per una buona prevenzione. Dopo i sei o i sette, invece, iniziano problemi diversi, come nelle persone anziane. E allora è fondamentale la diagnosi per prevenire insufficienze organiche che potrebbero essere corrette con facilità prima di diventare gravi. Oggi i veterinari possono vendere farmaci. Con quali benefici per i clienti? Questa possibilità è ancora agli esordi e deve radicarsi. Il vantaggio per il proprietario è che non deve mettersi a cercare farmaci specifici perché il veterinario è autorizzato a vendere una confezione aperta per iniziare la terapia. La legge, cioè, ci permette di aprire il medicinale, somministrarne la dose indicata all’animale – e quindi spiegare anche al cliente. Così si evita, tra l’altro, che le farmacie vendano un farmaco per uso umano al posto di uno veterinario, come succede troppe volte. Ma in molti casi questo significa

spendere di più, dato che i farmaci per uso umano sono decisamente più economici. Proprio perché vendono molto di più. D’altra parte il farmaco veterinario è studiato per gli animali e non è detto che il sostituto più conveniente sia adatto. Bisogna anche tener conto che il farmacista che lo consiglia non ha nel suo piano di studi neppure un esame di veterinaria. Dottore, dalla nostra inchiesta è emersa anche la sfiducia nei riguardi dei cibi industriali. Pensa sia giustificata? A mio giudizio no. Noi spesso ci siamo trovati di fronte a problemi dietetici dell’animale in crescita o di quello anziano alimentato con cibi preparati in casa. L’industria, invece, ha cercato di ottimizzare le informazioni scientifiche. Questo non significa che se si ha tempo per preparare un menu bilanciato al proprio animale, senza utilizzare gli scarti del proprio pasto, non si debba farlo.

Quante volte dal veterinario Mai

14,6

1-2 volte

49,6

3-6 volte

28,6

Più di 6 volte

7,2

Dati in percentuale


10

PROFESSIONE VETERINARIA 8/2002 ANMVI INFORMA

Mnc: dopo la svolta della FNOMCEO

L’ANMVI propone di riconoscere l’atto medico veterinario econdo gli omeopati italiani la “dichiarazione di Terni”, ovvero la proposta della Federazione dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri di riconoscere l’esercizio delle medicine alternative come atto medico è una svolta “storica”. Le Linee guida su medicine e pratiche non convenzionali approvate il 18 maggio scorso dal Consiglio della FNOMCEO, hanno riscosso il plauso della FIAMO, la federazione delle associazioni degli omeopati. Il documento ufficializza quanto emerso dal convegno di Terni del giorno prima, un appuntamento tutto dedicato a “rischi ed opportunità” delle medicine non convenzionali: “Non nascondo che in questa occasione – ha dichiarato Pindaro Mattoli, Coordinatore del Comitato Legale della FIAMO – fra i medici non convenzionali circolasse una certa apprensione, subito fugata quando si è percepito con grande soddisfazione un clima di totale apertura e di fraterna collegialità da parte di tutti i Colleghi della FNOMCEO”.

S

Dall’ANMVI un invito e una proposta “Senza entrare nel merito scientifico della questione, qualora le pratiche non convenzionali fossero riconosciute come atto medico, l’ANMVI richiederà al Ministero che quelle sugli animali siano di esclusiva competenza del Medico Veterinario”. È quanto dichiarato dalla Presidenza ANMVI a com-

mento del dibattito in corso presso la comunità scientifica e il mondo politico a proposito del riconoscimento delle medicine non convenzionali. Secondo l’ANMVI anche la FNOVI deve dare una propria valutazione su questo problema per ciò che attiene l’esercizio di terapie non convenzionali sugli animali. Un invito al confronto e al dibattito interno alla categoria è stato quindi lanciato dall’ANMVI a tutti i colleghi, tramite la lista di discussione professionale, vetlink-list. A questo proposito Roberto Orsi presidente della SIMVENCO (Società Italiana di Medicina Veterinaria Non Convenzionale) ha indetto una tavola rotonda per discutere dei nuovi sviluppi della professione veterinaria nel campo delle mnc, aperta ai soci e a tutti i Colleghi interessati. La tavola, organizzata in collaborazione con l’ANMVI, si terrà a Perugia nella mattinata del 12 ottobre p.v., nell’ambito degli incontri di aggiornamento della Società (v. oltre in questo numero, alla rubrica DALLE ASSOCIAZIONI ndr). Gli omeopati veterinari potranno uscire dalla “semiclandestinità” Roberto Orsi, medico veterinario, presidente della SIMVENCO: “Anche la Categoria dei veterinari è coinvolta in questo cambiamento. La FNOVI a questo punto dovrà infatti quanto prima pronunciarsi sullo status dell’Omeopatia e del-

SIAV: la Medicina è una sola a dichiarazione della FNOMCeO secondo la quale “l’esercizio delle medicine non convenzionali è da ritenersi a tutti gli effetti un atto medico” impone una seria riflessione anche in campo veterinario. Già da tempo la SIAV aveva cercato di avviare un dibattito sulle MNC per animali coinvolgendo la FNOVI e le Società culturali di medicina veterinaria convenzionale e non, ed aveva redatto (agosto ’99) una “Proposta Normativa per l’AV” che servisse da base di iniziale discussione sulla regolamentazione delle MNC in veterinaria. È positivo che quanto avvenuto nel campo della medicina dell’uomo abbia suscitato l’interesse (finalmente!) anche nel settore veterinario. La SIAV ritiene che la questione delle MNC veterinarie vada trattata per stadi successivi: 1) Istituzioni di una ‘Commissione‘ di MNC veterinaria di cui faccia parte un rappresentante di ciascuna società culturale di MNC veterinaria che, andando al di là dei singoli particolarismi, sia in grado di produrre un documento unitario di proposta normativa. 2) Attivazione di una ‘Conferenza‘ di medicina veterinaria di cui facciano parte i rappresentanti delle Società culturali di medicina veterinaria convenzionale e non, che produca un documento di ‘Medicina Integrata’. 3) Coinvolgimento della FNOVI al fine di riconoscere e regolamentare le MNC nel settore veterinario. La base di partenza di un tale processo di legittimazione delle MNC veterinarie è che la Medicina è una sola, ma costituita da diverse discipline le quali integrandosi tra loro, assicurino il benessere degli animali, promuovano la condizione di salute dei pazienti, nel pieno rispetto del pluralismo scientifico e della libertà di scelta terapeutica. dr. Francesco Longo Vicepresidente SIAV - Vicepresidente SIMVeNCO http://www.siav-itvas.org

L

Linee guida della FNOMCeO su medicine e pratiche non convenzionali “Le Medicine e le pratiche non convenzionali” ritenute in Italia come rilevanti da un punto di vista sociale sia sulla base delle indicazioni della Risoluzione n. 75 del Parlamento europeo del 29 maggio 1997 e della Risoluzione n. 1206 del Consiglio d’Europa del 4 novembre 1999 che sulla base della maggiore frequenza di ricorso ad alcune di esse da parte dei cittadini oltre che degli indirizzi medici non convenzionali affermatisi in Europa, negli ultimi decenni, sono: 1. Agopuntura 2. Fitoterapia 3. Medicina Ayurvedica 4. Medicina Antroposofica 5. Medicina Omeopatica 6. Medicina Tradizionale Cinese 7. Omotossicologia 8. Osteopatia 9. Chiropratica L’esercizio delle suddette medicine e pratiche non convenzionali è da ritenersi a tutti gli effetti atto medico e pertanto si ritiene: • essere le medicine esercitabili e le pratiche gestibili - in quanto atto medico - esclusivamente da parte del medico chirurgo ed odontoiatra in pazienti suscettibili di trarne vantaggio dopo un’adeguata informazione e l’acquisizione di esplicito consenso consapevole; • essere il medico chirurgo e l’odontoiatra gli unici attori sanitari in grado di individuare pazienti suscettibili di un beneficiale ricorso a queste medicine e pratiche, in quanto solo il medico chirurgo e l’odontoiatra sono abilitati all’atto diagnostico, che consente la corretta discriminazione fra utilità e vantaggio del ricorso consapevole a trattamenti non convenzionali; • essere in questa impostazione il medico chirurgo e l’odontoiatra gli unici in grado di evitare che le medicine e le pratiche non convenzionali vengano proposte e prescritte a pazienti senza possibilità di vantaggio, sottraendoli alle disponibili terapie scientificamente accreditate, sulle quali dovrà essere sempre aggiornato attraverso l’ECM; • essere il medico chirurgo e l’odontoiatra gli unici soggetti legittimati a effettuare diagnosi, a predisporre il relativo piano terapeutico e a verificare l’attuazione dello stesso sul paziente; • essere dovere della FNOM-

1.

2.

3.

CeO e di tutti gli Ordini provinciali, perseguire nei modi dovuti e con tempestività, denunciando all’autorità competente chiunque, non medico, eserciti le suddette medicine e pratiche non convenzionali; essere dovere della FNOMCeO e di tutti gli Ordini provinciali perseguire disciplinarmente quei medici chirurghi e odontoiatri che non rispettino, a norma del vigente Codice Deontologico, le regole sopra richiamate o che svolgano attività di prestanomismo a copertura di prestazioni da parte di non medici relativamente alle medicine e alle pratiche non convenzionali sopra elencate; essere opportuna la costituzione a livello nazionale FNOMCeO di una banca-dati sulla legislazione internazionale, nazionale e regionale dedicata alle medicine e alle pratiche non convenzionali anche su segnalazione dei singoli Ordini provinciali; di richiedere con forza, per far corrispondere alla consistente domanda di medicine e pratiche non convenzionali, un coerente sviluppo di sistemi preposti alla tutela dell’efficacia e sicurezza, la costituzione di una Agenzia Nazionale composta da soggetti istituzionali quali: il Ministero della Salute, le Regioni, il MURST e la FNOMCeO. Tra i compiti principali da affidare a tale Organismo, che potrebbe articolarsi in analoghe strutture regionali, sono da prevedersi: l’individuazione e la regolamentazione delle attività relative alle singole medicine e pratiche non convenzionali; la promozione della ricerca di base e applicata, secondo le regole di buona pratica clinica, nelle aree esclusive e soprattutto in quelle integrate favorendo la conoscenza dei princìpi e dell’uso appropriato delle medicine e pratiche non convenzionali nella cultura medica, avvalendosi di finanziamenti propri e derivanti da soggetti pubblici e privati in ambito nazionale ed europeo; il monitoraggio e l’informazione, attraverso relazioni semestrali/annuali alle Istituzioni responsabili della tutela della salute, sull’uso appropriato, efficace e sicuro delle medicine e pratiche non convenzionali;

4. la regolamentazione dei percorsi formativi attraverso: a. l’individuazione dei criteri per l’adozione degli ordinamenti didattici; b. la definizione dei criteri e dei requisiti per l’accreditamento dei soggetti pubblici e privati coinvolti nelle attività di formazione; 5. la sollecitazione, alle Istituzioni competenti, a predisporre tutti quei provvedimenti di carattere normativo o regolamentare utili al perseguimento dei propri scopi istitutivi; • sollecitare il Parlamento ad attivarsi affinché si pervenga ad una modifica normativa sulla pubblicità sanitaria, su proposta della FNOMCeO, con l’inserimento di norme specifiche per il settore; • sollecitare le Autorità competenti ad attivarsi al fine dell’inserimento delle voci, relative alle prestazioni professionali rese nell’esercizio delle medicine e pratiche non convenzionali sopra elencate, all’interno della Tariffa minima nazionale degli onorari per le prestazioni medico-chirurgiche ed odontoiatriche (DPR 17 febbraio 1992) che, peraltro, necessita di una sostanziale e globale revisione; • prevedere l’istituzione presso gli Ordini provinciali dei Medici chirurghi e degli Odontoiatri di un registro suddiviso in sezioni per ciascuna delle medicine e pratiche non convenzionali sopra elencate. L’inserimento nel registro dei medici chirurghi e degli odontoiatri è subordinato alla individuazione di criteri che verranno stabiliti con atto di indirizzo e coordinamento della FNOMCeO, in collaborazione con le scuole e le Società Scientifiche accreditate dalla FNOMCeO stessa, nella distinzione di ruoli e funzioni.

La Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri CHIEDE con forza un urgente e indifferibile intervento legislativo del Parlamento, al fine dell’approvazione di una normativa specifica concernente le Medicine e le pratiche non convenzionali sulla base di quanto contenuto nel presente documento.


11

PROFESSIONE VETERINARIA 8/2002 ANMVI INFORMA le mnc in genere e penso che inevitabilmente tutte le “controparti” veterinarie dovranno anch’esse trovarsi attorno ad un tavolo per affrontare con serenità l’argomento. Argomento che coinvolge non solo un buon numero di colleghi che sarebbero felici di uscire dallo stato di semi-clandestinità in cui si ritrovano a lavorare, ma anche il legislatore, per esempio per chiarire le sibilline normative dei rimedi omeopatici ed omotossicologici, e gli Ordini, per istituire appositi registri di esperti. Anche il settore della Zootecnia Biologica beneficerebbe di tali chiarimenti. Inoltre, dulcis in fundo resta lo spinoso problema della validità delle Scuole di mnc, della loro aderenza ai piani di insegnamento proposti dalle varie Commissioni Europee, il riconoscimento dei loro docenti, l’inserimento di corsi di mnc all’interno delle Facoltà”. Le proposte di legge in Parlamento Il dibattito sul riconoscimento delle medicine non convenzionali era fermo alla PdL del deputato verde Paolo Galletti, avanzata nella scorsa legislatura e mai giunta al termine del suo iter parlamentare (Professione Veterinaria n. 82000, ndr); riprende ora recuperando buona parte dei contenuti della “Galletti” e articolandosi in 16 progetti normativi di cui 11 d’interesse per le professioni mediche. Un Comitato ristretto è incaricato di analizzare tutte le proposte e di farle confluire in un testo unico. In particolare, la proposta del deputato Grandi prevede per omeopatia classica e agopuntura il conseguimento della laurea in Medicina e Chirurgia e in Medicina Veterinaria. Altri testi delegano la specializzazione a società scientifiche di settore riconosciute o certificate. Per il presidente della Commissione Sanità del Senato, Antonio Tomassini, l’apertura della FNOMCEO alle medicine non convenzionali è un’apertura “contradditoria”. A margine di un convegno sulla ricerca biomedica organizzato a Roma, Tomassini ha dichiarato: “mi sembra contraddittorio ha detto - che si cominci a pensare di rendere erogabile le medicine complementari, o integrate, quando abbiamo problemi analoghi per le medicine basate sull’evidenza’’. Da un lato, secondo Tomassini, ‘’le medicine complementari hanno sicuramente qualcosa di buono e che ha dato risultati’’, ma il problema è che i risultati non fanno parte di un ambito che abbia valore scientifico. "A titolo personale - ha concluso condivido pienamente il manifesto dei ricercatori contro l’apertura alle medicine non convenzionali’’. Ma il Sottosegretario alla Salute Cesare Cursi ha espresso la disponibilità del Ministero a dare una risposta normativa ai 10 milioni di italiani che si curano con le medicine alternative. I testi delle proposte sono consultabili al sito: http://www.camera.it ■


A.N.M.V.I. ASSOCIAZIONE NAZIONALE MEDICI VETERINARI ITALIANI

La Professione cambia Noi cambiamo la Professione

ASSOCIAZIONI FEDERATE ANMVI: AIVEMP • SCIVAC • SIVAE • SIVAR • SIVE • ALIVELP • AVULP • ASVAC • SOVEP • AMVETPA • APVAC • CVB • CVM • AIVE • ANVU

Uffici: Palazzo Trecchi - 26100 Cremona - Tel. +39 0372 403537 - Fax +39 0372 403526 - Email: info@anmvi.it - www.anmvi.it


13

PROFESSIONE VETERINARIA 8/2002 OSSERVATORIO FARMACO

Novità in G.U.

a cura di Aldo Vezzoni

Pubblicità al pubblico dei farmaci veterinari in vigore dal 20 agosto scorso il DM 14/06/2002 Pubblicità dei medicinali veterinari presso il pubblico di cui riportiamo il testo integrale, a seguito della sua pubblicazione in Gazzetta Ufficiale (G.U. n. 193 del 19/08/2002). Il decreto fissa le norme per la pubblicità presso il pubblico dei prodotti veterinari per i quali non è previsto l’obbligo di prescrizione medico-veterinaria. Lo scopo della pubblicità si legge tra l’altro nel decreto “deve favorire l’uso razionale del medicinale veterinario, presentandolo in modo obiettivo, senza esagerarne le proprietà e senza indurre in inganno il suo utilizzatore”. Sono stabiliti anche divieti: tra gli altri quelli di fare apparire superflui la consultazione di un medico veterinario o l’intervento chirurgico o indurre a ritenere che il medicinale sia privo di rischi di impatto ambientale. La pubblicità dovrà sempre essere autorizzata, salvo condizioni particolari. Nel caso di violazione delle prescrizioni del decreto il ministero ordinerà l’immediata cessazione dei messaggi pubblicitari e la diffusione, a spese del trasgressore, di un comunicato di rettifica. Il trasgressore sarà anche soggetto a sanzioni amministrative pecuniarie. Questo decreto era atteso da tempo in quanto previsto dalle norme europee e direttamente collegato al Decreto del 28 settembre ’93 che aveva istituito la categoria di medicinali veterinari cedibili al pubblico senza obbligo di ricetta veterinaria, e segue la stessa traccia di quanto è stato già regola-

È

mentato in campo umano. Già all’epoca del Decreto del ’93 i medici veterinari avevano espresso forti perplessità sui rischi connessi all’automedicazione esercitata dai proprietari stessi sui loro animali, in quanto, diversamente da quanto accade per la salute umana, dove la persona che assume dei medicinali ne è cosciente e conosce i propri sintomi, in campo veterinario l’unica figura in grado di saper interpretare i sintomi di malattia degli animali è il medico veterinario, mentre il proprietario dell’animale può molto facilmente male interpretarli. L’uso scorretto, inopportuno, inutile o dannoso di medicinali veterinari senza obbligo di ricetta veterinaria è un problema reale la cui portata potrà essere limitata solo da una corretta informazione dei clienti da parte del medico veterinario e da una corretta informazione al pubblico da parte delle aziende farmaceutiche. Questo Decreto fissa delle regole sacrosante che se saranno rispettate offriranno certamente le necessarie garanzie affinché l’automedicazione non diventi una inconsapevole trappola per chi la usa. Come medici veterinari, al di là dei compiti dell’Istituto di autodisciplina costituito dalle associazioni delle aziende farmaceutiche, come previsto dall’art. 5 del Decreto, dovremo anche noi svolgere un’attenta vigilanza affinché l’informazione pubblicitaria su questi medicinali non arrechi danni alla nostra opera professionale inducendo il pubblico a ritenere inutile la nostra consulenza e soprattutto non ostacoli la diagnosi precisa e la cura precoce delle

Le informazioni dei farmaci di automedicazione devono essere chiare e dettagliate (Tar Lazio 6254/2002 del 23 luglio 2002) La pubblicità dei medicinali, in particolare quella dei farmaci di cosiddetta automedicazione, deve essere chiara e specifica al fine di evitarne un uso scorretto ed esagerato. Il Tribunale Amministrativo Regionale del Lazio ha respinto il ricorso proposto da una nota società farmaceutica contro il Ministero della Salute che non le aveva concesso l’autorizzazione per la pubblicità sanitaria sulla stampa periodica e quotidiana di una sua specialità medicinale contro la stipsi. Secondo i giudici amministrativi, il diniego del Ministero della Salute è legittimo: infatti, il messaggio pubblicitario previsto per il mezzo stampa risultava lacunoso, in quanto mancava in primo luogo l’indicazione del principio attivo del farmaco (che è obbligatoria quando il principio attivo è uno solo) ed in secondo luogo la raccomandazione di rivolgersi al medico in caso di uso frequente del farmaco stesso. Insufficiente era, infatti, il solo invito ad evitare l’uso prolungato del farmaco. Pertanto, ad avviso del TAR, l’assenza di tali requisiti rendeva il messaggio pubblicitario inadeguato ad evitare un’automedicazione abnorme ed impropria, e non era conforme né alle linee guida dettate dal Ministero né alle norme sulla pubblicità dei medicinali, anche in considerazione del fatto che l’uso della stampa mette a disposizione per il messaggio pubblicitario uno spazio maggiore rispetto ad altri mezzi di pubblicità.

malattie degli animali, illudendo i loro proprietari con cure facili e mirabolanti. Toccherà a noi vigilare, inoltre, su eventuali effetti col-

laterali, indesiderati o abusi legati all’uso dei medicinali da automedicazione, segnalandoli al Ministero della Salute nell’ambito

della Farmacovigilanza affinché ne venga rivalutata la sicurezza d’impiego senza l’obbligo di ricetta.

Decreto 14 giugno 2002

Pubblicità dei medicinali veterinari presso il pubblico (GU n. 193 del 19-8-2002) Il MINISTRO DELLA SALUTE Visti gli articoli 6 e 31 della legge 23 dicembre 1978, n. 833; Visto l’art. 119, comma 1, lettera d) del decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 112; Visto l’art. 201 del testo unico delle leggi sanitarie approvato con regio decreto 27 luglio 1934, n. 1265, e successive modificazioni, che istituisce la Commissione consultiva per il rilascio di licenze di pubblicità sanitaria; Visto il decreto legislativo 27 gennaio 1992, n. 119, modificato dal decreto legislativo 24 febbraio 1997, n. 47; Visto il regolamento 2309/93/CEE; Visto il decreto del Ministro della sanità 23 novembre 1995; Visto l’art. 19 del decreto del Ministro della sanità 16 maggio 2001, n. 306; Considerata la necessità di consentire la pubblicità presso il pubblico, a seguito di autorizzazione del Ministero della salute, dei medicinali veterinari per i quali non è previsto l’obbligo di prescrizione medico-veterinaria; DECRETA Art. 1. Definizioni e ambito di applicazione 1. Al fine del presente decreto s’intende per pubblicità dei medicinali veterinari qualsiasi azione di informazione presso il pubblico, intesa a promuovere l’utilizzo dei medicinali veterinari. 2. Sulla base delle prescrizioni del presente decreto, possono formare oggetto di pubblicità i medicinali veterinari non soggetti ad obbligo di prescrizione medico veterinaria, autorizzati alla immissione in commercio ai sensi dell’art. 3 del decreto legislativo 27 gennaio 1992, n. 119, e successive modificazioni o del capitolo 1, titolo III del regolamento 2309/93/CEE. 3. Non rientra nell’ambito di applicazione del presente decreto l’informazione scientifica svolta dalle aziende farmaceutiche veterinarie presso i sanitari autorizzati

a prescrivere o dispensare i medicinali veterinari. Art. 2. Requisiti generali dell’informazione al pubblico 1. Tutti gli elementi di informazione al pubblico di cui all’art. 1, comma 2, devono essere conformi a quanto riportato nel riassunto delle caratteristiche del prodotto di cui all’art. 4, comma 1, lettera m) del decreto legislativo 27 gennaio 1992, n. 119, e successive modificazioni e negli stampati illustrativi approvati ed allegati al decreto di autorizzazione all’immissione in commercio rilasciato dal Ministero della salute. 2. La pubblicità deve favorire l’uso razionale del medicinale veterinario, presentandolo in modo obiettivo, senza esagerarne le proprietà e senza indurre in inganno il suo utilizzatore. Art. 3. Caratteristiche e contenuto minimo dei messaggi pubblicitari. 1. Fatte salve le disposizioni dell’art. 1, la pubblicità dei medicinali veterinari presso il pubblico: a) è realizzata in modo che la natura pubblicitaria del messaggio sia evidente e il prodotto sia chiaramente identificato come medicinale; b) comprenda almeno: la denominazione del medicinale veterinario e la denominazione comune del principio attivo; l’indicazione di quest’ultima non è obbligatoria se il medicinale è costituito da più principi attivi; un invito esplicito e chiaro a leggere attentamente le avvertenze figuranti, a seconda dei casi, nel foglietto illustrativo e sull’imballaggio esterno; nella pubblicità scritta l’invito deve risultare facilmente leggibile dal normale punto d’osservazione; nella pubblicità sulla stampa quotidiana e periodica deve essere, comunque, scritto con caratteri di dimensioni non inferiori al corpo 9. 2. In deroga al comma 1, la pub-

blicità può limitarsi a contenere la denominazione del medicinale, qualora essa abbia lo scopo esclusivo di rammentarla. Art. 4. Contenuti pubblicitari non consentiti e limiti alla pubblicità 1. La pubblicità dei medicinali veterinari di cui all’art. 1, comma 2, non può comunque contenere alcun elemento che: a) faccia apparire superflui la consultazione di un medico veterinario o l’intervento chirurgico, in particolare offrendo una diagnosi o proponendo una cura per corrispondenza; b) induca a ritenere che il medicinale veterinario sia innocuo e dotato di ampio margine di maneggevolezza; c) induca a ritenere, anche facendo riferimento a dati di farmacovigilanza, che il medicinale veterinario sia privo di effetti collaterali o che la sua efficacia sia superiore o pari a quella di un altro medicinale veterinario; d) induca a ritenere che il medicinale veterinario sia privo di rischi per la persona che lo somministra e, nel caso di medicinali per uso esterno, per le persone che vivono a contatto con l’animale trattato; e) induca a ritenere che il medicinale veterinario sia privo di rischi di impatto ambientale; f) induca a ritenere che la mancanza del medicinale veterinario possa avere effetti pregiudizievoli sul normale stato di buona salute dell’animale; g) comprenda una raccomandazione di scienziati, di associazioni scientifiche o culturali, di operatori sanitari o di persone largamente note al pubblico; h) assimili il medicinale veterinario ad un altro prodotto di consumo; i) induca a ritenere che la sicurezza o l’efficacia del medicinale veterinario sia dovuta al fatto che si tratti di una sostanza “naturale”; j) possa indurre ad una errata dia-


14

PROFESSIONE VETERINARIA 8/2002 OSSERVATORIO FARMACO

gnosi da parte del proprietario dell’animale; k) faccia riferimento in modo abusivo, impressionante o ingannevole a certificati di guarigione; l) utilizzi in modo impressionante ed ingannevole rappresentazioni visive di alterazioni del corpo dell’animale dovute a malattie o lesioni; m) enfatizzi che il medicinale veterinario abbia ricevuto un’autorizzazione all’immissione in commercio. 2. È vietata la distribuzione al pubblico di medicinali veterinari a scopo pubblicitario. 3. In pubblicazioni a stampa, trasmissioni radio-televisive e in messaggi non a carattere pubblicitario comunque diffusi al pubblico, è vietato menzionare la denominazione di un medicinale veterinario in un contesto che possa favorire il consumo del prodotto. La violazione del divieto comporta l’applicazione della sanzione amministrativa da lire diecimilioni a lire sessantamilioni. Art. 5. Autorizzazione dei messaggi pubblicitari 1. La pubblicità dei medicinali veterinari di cui all’art. 1, comma 2, è consentita solo previa autorizzazione rilasciata dal Ministero della salute, ad eccezione di quella a mezzo stampa prevista dall’art. 3, comma 2. 2. La domanda di autorizzazione del messaggio pubblicitario di un medicinale veterinario di cui al comma precedente, deve essere presentata dal titolare dell’autorizzazione all’immissione in commercio, o da un suo rappresentante, al Ministero della salute Direzione generale della sanità pubblica veterinaria, degli alimenti e della nutrizione e deve essere corredata dalla copia del messaggio pubblicitario completo in ogni sua parte nonché dall’attestazione dell’avvenuto pagamento della tariffa di cui al decreto del Ministro della sanità 19 luglio 1993 e successive modificazioni, prevista per la pubblicità sanitaria di specialità medicinali. 3. Il Ministero della salute rilascia l’autorizzazione del messaggio pubblicitario di cui al comma 1, a seguito del parere favorevole espresso dalla commissione di esperti operante ai sensi dell’art. 201 del testo unico delle leggi sanitarie approvato con regio decreto 27 luglio 1934, n. 1265, e suc-

cessive modificazioni. 4. Il parere della commissione non è obbligatorio nei seguenti casi: a) se il messaggio pubblicitario non può essere autorizzato, risultando in evidente contrasto con le disposizioni degli articoli 1, 2 e 3, comma 1, lettera b); b) se il messaggio è destinato ad essere pubblicato sulla stampa quotidiana o periodica, o ad essere diffuso a mezzo radiofonico, ed è stato approvato da un istituto di autodisciplina formato dalle associazioni maggiormente rappresentative interessate alla diffusione della pubblicità dei medicinali riconosciuto dal Ministero della salute; c) se il messaggio costituisce parte di altro già autorizzato su parere della commissione. 5. Decorso un anno dal riconoscimento dell’istituto di autodisciplina di cui al comma 4, lettera b), il Ministro della salute, verificata la correttezza delle valutazioni dell’istituto predetto, con decreto da pubblicare nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana, estende la procedura di cui al comma 4, lettera b) ai messaggi pubblicitari televisivi e cinematografici. 6. Nelle ipotesi previste dal comma 4, l’autorizzazione è negata o concessa con provvedimento del competente ufficio del Ministero della salute entro sessanta giorni dalla presentazione della domanda; sull’opposizione proposta avverso il diniego concernente una pubblicità approvata dall’istituto di autodisciplina, il Ministro della salute decide, sentita la commissione di cui al comma 3. In ogni altra ipotesi, l’autorizzazione è negata o concessa con decreto del Ministro della salute entro novanta giorni dalla presentazione della domanda. I decreti ed i provvedimenti di diniego sono motivati. 7. Il numero dell’autorizzazione del Ministero della salute deve essere indicato nella pubblicità, tranne che nell’ipotesi di pubblicità radiofonica. Art. 6. Violazioni 1. Qualora la pubblicità presso il pubblico sia effettuata in violazione alle disposizioni del presente decreto, il Ministero della salute: a) ordina l’immediata cessazione della pubblicità; b) ordina la diffusione, a spese del trasgressore, di un comunica-

Gli italiani e l’automedicazione i primi di luglio il Forum per la ricerca biomedica del Censis ha presentato l’identikit del paziente italiano: fiducioso nei riguardi dell’autorità medica, eppure sempre più incline a decidere autonomamente quali farmaci assumere. Nell’indagine del Censis il 29% sceglie da solo con quale farmaco curarsi. Il 46% degli italiani ammette di non seguire le indicazioni del medico sulla terapia da seguire e i farmaci da prendere. Ma con l’aggravarsi della malattia sale la percentuale di quanti si attengono pedissequamente alla ricetta medica. Il ricorso all’autoterapia si può spiegare con una carenza di comunicazione fra medico e paziente: osservano gli psicologi che il paziente informato degli effetti di un farmaco si sente partecipe del progetto terapeutico e riduce la propria fede nella capacità di dominare da solo la malattia.

A

to di rettifica e di precisazione, secondo modalità stabilite dallo stesso Ministero, ove non ritenga di provvedere ai sensi dell’art. 7 della legge 5 febbraio 1992, n. 175. 2. Chi effettua pubblicità presso il pubblico in violazione delle di-

sposizioni del presente decreto è soggetto alle sanzioni amministrative pecuniarie previste dall’ultimo comma dell’art. 201 del testo unico delle leggi sanitarie approvato con regio decreto 27 luglio 1934, n. 1265, successive modifiche.

Art. 7. 1. Il presente decreto entra in vigore il giorno successivo a quello della sua pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana. Roma, 14 giugno 2002 Il Ministro: Sirchia

Trattamento con corticosteroidi in corso di morso da vipera Il veleno di vipera è costituito da polipeptidi ad attività enzimatica e non. Ne sono stati isolati circa trenta. La sua composizione varia da specie a specie e da individuo a individuo. Sono essenzialmente L-aminoacidossidasi, fosfodiesterasi, benzoilarginoesterasi, fosfolipasi, emorragine, proteasi ed esterasi, alcune di queste sono anche: emolitiche, neurotossiche, nefrotossiche, cardiotossiche, epatotossiche ed in grado di indurre rabdomiolisi (a tal proposito controllare le urine). Come è facile intuire i corticosteroidi non riescono a controllare tutte le reazioni indotte dal veleno. Da studi compiuti in medicina umana si è visto che la mortalità era più elevata quando venivano utilizzati, inoltre possono alterare gli esami di laboratorio che servono da guida durante la terapia. L’unico autore che preconizza l’uso dei corticosteroidi è W. Wingfield affermando la loro utilità nell’inibire la fosfolipasi A, la cascata dell’acido arachidonico, l’attivazione del complemento, controllando l’attivazione e l’accumulo dei leucociti. Se esistesse una relazione univoca tra la somministrazione di corticosteroidi ed una riduzione della mortalità od un miglioramento dei sintomi generali sarebbe nota a tutti ed entrerebbe nei protocolli di tutti i pronto soccorso sia umani

che veterinari; probabilmente riescono a svolgere una attività se somministrati prima del morso od il più precocemente possibile (a questo punto a quali dosaggi somministrarli e per quanto tempo?) teniamo presente che uno dei rischi maggiori dopo l’avvelenamento è l’ipotensione ed una somministrazione di cortisone senza un supporto adeguato di terapia fluida può essere responsabile di una ulteriore riduzione della pressione arteriosa. Il siero antiofidico rappresenta l’unica terapia sicuramente efficace, perché escluderla?. Riconosciuta da tutti ed in grado di controllare le azioni indotte dal veleno. Modalità di somministrazione: a) il più precocemente possibile b) dose: da un minimo di una fiala ad un massimo di quindici (!!!!!!!) fiale, dipende dalla gravità e dai costi. Alcuni autori consigliano la somministrazione di una fiala per proseguire poi con la terapia sintomatica c) via endovenosa lenta, diluita in soluzione compatibile (es. fisiologica), in 10-15 minuti di solito con il fluido di prima somministrazione d) fare attenzione alle reazioni allergiche - 7 su 5.000 casi - (tenere a portata di mano l’epinefrina e l’ossigeno), a tale proposito molti autori d’oltreoceano somministrano preventivamente la difenidramina, che oltre all’attività antistaminica

possiede una azione sedativa che facilità le manualità su di un paziente agitato e dolorante e non sicuramente per controllare gli “effetti prodotti dal veleno.” Aggiungerei: controllare i tempi di coagulazione (possono essere sufficienti ACT, PT, PTT), la terapia del dolore (con fentanyl o morfina), terapia di supporto atta a sostenere i parametri vitali: controllare soprattutto la pressione arteriosa ed i parametri della perfusione, per via dello shock ipovolemico indotto dal veleno, correggere i conseguenti squilibri elettrolitici ed acido-base. Evitare come primo intervento: ghiaccio, impacchi freddi o spray refrigeranti, incisioni e suzioni, tourniquets, somministrazione di aspirina o tranquillanti, aspettare e vedere cosa succede prima di instaurare una terapia, elettroshock (utilizzati nel passato come il cortisone), impacchi caldi. Fabio Viganò San Giorgio su Legnano (MI) Reperibilità del siero antiofidico: ditta Sclavo (tel. 0583-719689)

Aggiornamento stupefacenti e sostanze psicotrope Alle tabelle di cui al decreto interministeriale 4 dicembre 1996, Elenchi delle specialità registrate soggette alla disciplina degli stupefacenti e sostanze psicotrope, sono aggiunte le seguenti specialità medicinali*: Tabella I ACTIQ 200 microgrammi pastiglia orosolubile per mucosa orale Fentanil|con applicatore incorporato; ——— ACTIQ 400 microgrammi pastiglia orosolubile per mucosa orale con applicatore incorporato; ——— ACTIQ 600 microgrammi pastiglia orosolubile per mucosa orale con applicatore incorporato; ——— ACTIQ 800 microgrammi pastiglia orosolubile per mucosa orale con applicatore incorporato; ——— ACTIQ 1200 microgrammi pastiglia orosolubile per mucosa orale con applicatore incorporato; ——— ACTIQ 1600 microgrammi pastiglia orosolubile per mucosa orale con applicatore incorporato. *DECRETO 23 luglio 2002 Aggiornamento degli elenchi delle specialità medicinali di cui al decreto del Ministro della sanità di concerto con il Ministro di grazia e giustizia 4 dicembre 1996. (GU n. 200 del 27-8-2002)




16

RUBRICA LEGALE

Contestazioni del cliente e risarcimento del danno per responsabilità extracontrattuale del professionista el trattare della responsabilità professionale del veterinario, vi invito a rileggere quanto al riguardo pubblicato sul N° 7/2002 della Rivista. Tale rilettura si rende necessaria in quanto queste brevi note sul tema costituiscono il prosieguo di quelle sopra richiamate. Ciò anche se, nel titolo del precedente intervento, la responsabilità del professionista veniva definita quale responsabilità contrattuale, diversamente dalla sua odierna definizione in responsabilità extracontrattuale. Nominare la responsabilità contrattuale, diversificandola da quella extracontrattuale, significa portare alla vostra attenzione il fatto che, a fondamento di una domanda di risarcimento danni rivolta nei confronti di un veterinario vi potrà essere: a) sia una asserita responsabilità contrattuale per violazione dell’obbligo contrattualmente assunto di adempiere il contratto d’opera professionale eseguendo la prestazione di cura con la dovuta diligenza così come previsto all’art. 1218 c.c. che dispone sotto la rubrica Responsabilità del debitore: “il debitore che non esegue esattamente la prestazione dovuta è te-

N

nuto al risarcimento del danno se non esegue esattamente la prestazione dovuta tenendo al risarcimento del danno se non prova che l’inadempimento o il ritardo è stato determinato da impossibilità derivante da causa a lui non imputabile”, b) sia una asserita responsabilità extracontrattuale per violazione dell’obbligo di carattere generale che impone a chiunque di agire secondo il principio del neminem laedere, principio tutelato ex art. 2043 c.c. che dispone, sotto la rubrica Risarcimento per fatto illecito “qualunque fatto doloso o colposo che cagioni ad altri un danno ingiusto, obbliga colui che ha commesso il fatto a risarcire il danno”. Il fatto lesivo, ascrivibile alla condotta del veterinario da cui può originarsi la duplice responsabilità contrattuale ed extracontrattuale è, generalmente, un unico fatto. La qualificazione della responsabilità come contrattuale e/o extracontrattuale è rilevante per quanto riguarda la prescrizione dell’azione di risarcimento del danno e per quanto riguarda l’onere della prova. L’azione giudiziaria (causa civile) diretta ad ottenere il risarcimento del danno per inadempimento

contrattuale si prescrive in un anno dalla avvenuta prestazione di cura (in caso di prestazione continuativa tale momento andrà individuato nell’ultima prestazione effettuata dal veterinario sull’animale), mentre l’azione per il risarcimento del danno dovuto ad una asserita responsabilità contrattuale si prescrive in cinque anni, dal momento in cui l’evento dannoso si manifesta. La prescrizione di un diritto, nel caso di specie il diritto del cliente al risarcimento del danno, può essere interrotta mediante richiesta di risarcimento dei danni. In tal modo il termine prescrizionale di un anno o di cinque anni decorrerà dal ricevimento della richiesta. Con riguardo all’onere della prova, a fronte di una richiesta di danni per responsabilità contrattuale, spetta all’inadempiente (vale a dire nella fattispecie qui in esame al veterinario) provare che il mancato rispetto dell’obbligo contrattuale di eseguire la prestazione di cura con perizia e diligenza è conseguenza di “impossibilità della prestazione derivante da causa a lui non imputabile” ex art. 1218 c.c. Qualora, invece, si contesti una responsabilità extracontrattuale è il danneggiato, e cioè il proprieta-

ARCOSAN S.r.l.

VETERINARY CHIRURGICAL ORGANIZATION Via Bainsizza, 41 - 21042 Caronno Pertusella - Varese Tel. 02/96459129 - Fax 02/96459711 www.arcosan.com - Email: arcosan@tiscalinet.it

di Maria Teresa Semeraro Avvocato, Bologna

È obbligatorio esporre in ambulatorio il tariffario? l veterinario libero professionista, così come ogni altro professionista non è obbligato ex lege ad esporre, nel proprio ambulatorio o studio, le tariffe relative all’entità dell’onorario. Al riguardo va inoltre rilevato che in ambito veterinario vengono prefissati solo gli onorari nella loro misura minima a tutela e salvaguardia di una corretta concorrenza tra appartenenti alla stessa categoria. Al di sopra del predetto minimo ogni veterinario è dunque libero di determinare il proprio onorario in considerazione dell’attività svolta, fatto salvo il diritto dei clienti di contestarne l’entità, se ed in quanto ritenuta eccessiva, nelle opportune sedi giudiziarie. Avv. M.T.S.

I

rio/detentore dell’animale, colui che deve provare che, nell’agire del veterinario, non vi è stata solo la violazione delle regole relative ad una perita e diligente esecuzione del contratto d’opera professionale, ma anche un quid pluris, per cui la condotta del professionista rientra tra quei comportamenti illeciti che trovano tutela civilistica/risarcitoria in quanto disposto nell’art. 2043 c.c. sopra richiamato. In campo medico, secondo una più che consolidata dottrina giuridica, allorquando, si contesti l’errata esecuzione della prestazione di diagnosi e cura entra in gioco, ed è la regola, la violazione del diritto all’integrità o alla salute della persona. Porsi il problema della risarcibilità di un tale danno, fa sì che le barriere della distinzione tra responsabilità contrattuale ed extracontrattuale cadano (Visentini G. 1990 I fatti illeciti, Cedam, Padova, Ponzanelli G. 1984 Il concorso di responsabilità: le esperienze italiana e francese a confronto in rivista sulla Responsabilità civile e previdenza). In campo veterinario tale distinzione è invece a mio giudizio del tutto operante. Affermare ciò significa portare il discorso sul fatto che, il bene salute, il bene della integrità psicofisica dell’animale non è un bene compiutamente e giuridicamente riconosciuto nel nostro ordinamento cosicché ogniqualvolta ci si trovi di fronte ad una imperita e negligente prestazione veterinaria, non è pacificamente addebitabile al professionista, oltre che una responsabilità contrattuale anche quella extracontrattuale. Con tutti i limiti che possono avere gli esempi, soprattutto in una materia complessa come è quella della responsabilità civile del

professionista, ritengo utile, per un chiarimento, farvi riflettere sul fatto che, allorquando un medico estetico sbaglia un intervento di rinoplastica, se viene riconosciuta la sua responsabilità contrattuale, verrà riconosciuta anche la sussistenza di una responsabilità extracontrattuale per fatto illecito pur in assenza di menomazione funzionale dell’organo, in quanto il comportamento del sanitario, ha violato non solo l’obbligo di ben adempiere il contratto di cura, ma anche, nel contempo, il principio di non ledere il bene della salute e dell’integrità biologica del soggetto umano la cui tutela è iscritta nella Costituzione e nella legge. Con riferimento al taglio delle orecchie o della coda di un animale qualora non vi sia menomazione della funzionalità dell’organo, la responsabilità in cui potrà incorrere il veterinario che sbagli è una responsabilità per inadempimento contrattuale, non potendosi addebitare, sic et sempliciter al professionista di aver violato il principio del neminem laedere, dal momento che l’integrità biologica dell’animale non è un bene giuridico tutelato in sé e per sé sempre e comunque. Non intendo con ciò negare che anche al veterinario possa essere ascritta cumulativamente una responsabilità contrattuale e una responsabilità extracontrattuale quale conseguenza di un’unica prestazione di cura eseguita in modo negligente ed imperito. Intendo, però, chiarire che tale cumulo di responsabilità non è del tutto pacifico e che, quindi, anche al fine del quantum del risarcimento del danno occorrerà di volta in volta ben indagare la natura della responsabilità contrattuale ed extracontrattuale del veterinario. ■


17

PROFESSIONE VETERINARIA 8/2002 RUBRICA FISCALE

Chiarimenti forniti dal Ministero delle Finanze per la predisposizione della dichiarazione dei redditi

di Giovanni Stassi Dottore Commercialista, Torino

(Terza parte) roseguiamo con la pubblicazione della prima parte della Circolare n. 50/E del 12 giugno 2002 con cui l’Agenzia delle Entrate risponde a quesiti sulla compilazione del modello UNICO 2002. Sul prossimo numero saranno riportate le ultime risposte. Nei due precedenti numeri di questa rivista sono state riportate le risposte fornite dal Ministero e riassunte nella circolare n. 48/E del 7 giugno 2002. Ricordiamo che anche se il termine per il pagamento delle imposte dovute sui redditi dell’esercizio 2001 sarà già scaduto al momento di pubblicazione del presente articolo, tenendo conto che il termine di presentazione della dichiarazione in via telematica è fissato per il 31 ottobre 2002, sarà quindi possibile provvedere ad eventuali correzioni a favore od a sfavore ed eventualmente procedere al versamento delle differenze di imposta con sanzioni ridotte utilizzando la procedura del ravvedimento operoso. I numeri in corrispondenza di ciascun paragrafo o di ciascuna domanda corrispondono ai numeri indicati nella circolare ministeriale.

delle somme corrisposte al coniuge in unica soluzione. Una interpretazione che vada al di là del tenore testuale della norma sarebbe infatti in contrasto con il principio di tassatività degli oneri deducibili.

Circolare n. 50/E del 12 giugno 2002 Prima parte

3.3 Procedure di adozione internazionale D.: Nell’appendice del Modello Unico 2002, alla voce “Altri oneri deducibili” (da indicare nel rigo RP27) è indicato il 50 per cento delle spese sostenute dai genitori adottivi per l’espletamento delle procedure di adozione di minori stranieri purché certificate nell’ammontare complessivo dall’ente autorizzato che ha ricevuto l’incarico di curare la procedura di adozione, secondo quanto previsto dalla legge n. 476 del 1998 che ha riformato la legge sulle adozioni internazionali. Si chiede se la detrazione spetti anche per le spese sostenute nell’anno 2001 in relazione a procedure di adozione internazionale iniziate anteriormente al 16 novembre 2000 senza l’intervento degli enti autorizzati e certificate, pertanto, da altri soggetti o autocertificate dalla stessa coppia in caso di adozioni dirette. R.: Deve ritenersi valida anche in relazione all’anno 2002 la risposta fornita sull’argomento in occasione della videoconferenza per la dichiarazione dei redditi dell’anno 2001, riportata nel punto 1.6.1 della circolare n. 55/E del 2001. In tale occasione è stato precisato che è consentita, ai sensi del-

P

3 ONERI DEDUCIBILI 3.1 Coniugi separati versamento al coniuge separato di somma in unica soluzione. D. Si chiede se, in caso di somme corrisposte in unica soluzione al coniuge separato, le somme stesse possano essere dedotte dal reddito ai sensi dell’articolo 10, lettera c) del Tuir. R. Ai sensi dell’articolo 10, comma 1, lettera c), del Tuir sono deducibili dal reddito complessivo “gli assegni periodici corrisposti al coniuge, ad esclusione di quelli destinati al mantenimento dei figli, in conseguenza di separazione legale ed effettiva, di scioglimento o annullamento del matrimonio o di cessazione dei suoi effetti civili, nella misura in cui risultano da provvedimenti dell’autorità giudiziaria;…”. La formulazione adottata dalla norma ed in particolare il riferimento ai soli “assegni periodici” impedisce la deduzione dal reddito complessivo del contribuente

3.2 Assegni al coniuge D.: In una sentenza di separazione consensuale è scritto: Le rate di mutuo contratto per l’acquisto della casa saranno pagate dal Sig. xxxx per l’intero ammontare e senza poter chiedere alla moglie il rimborso della quota. La Sig.ra yyy per tale ragione e come corrispettivo rinuncia all’assegno mensile di mantenimento. Può il Sig. xxx considerare tale importo come alimenti e quindi dedurli dal reddito complessivo? R.: Nel caso prospettato non è possibile considerare l’importo del mutuo come onere deducibile ai sensi dell’art. 10, comma 1, lett.c), del Tuir, in quanto il coniuge ha espressamente rinunciato all’assegno di mantenimento. Inoltre, le somme destinate alle rate di mutuo, che non vengono corrisposte al coniuge stesso, bensì direttamente all’istituto mutuante, non sembrano collegate ai medesimi presupposti dell’assegno di mantenimento.

l’articolo 10, comma 1, lettera lbis), la deduzione del 50% anche delle spese sostenute dagli aspiranti genitori che, avendo iniziato le procedure prima del 16 novembre 2000, data di approvazione dell’albo degli enti autorizzati dalla Commissione per le adozioni internazionali, si siano avvalsi di enti non autorizzati o abbiano posto in essere procedure di adozione senza l’aiuto di intermediari, a condizione, però che la prosecuzione della procedura sia consentita dalla Commissione stessa. In tal caso l’inerenza della spesa alla procedura di adozione dovrà essere autocertificata dai contribuenti ai sensi dell’articolo 47 del DPR n.445 del 2000 concernente il Testo Unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa. 3.5 Contributo al servizio sanitario nazionale D.: Si chiede di conoscere se il contributo al servizio sanitario nazionale versato con il premio di assicurazione di responsabilità civile peri veicoli è deducibile qualora la spesa sia effettivamente sostenuta dal genitore in riferimento ad una polizza di assicurazione RCA intestata al figlio fiscalmente a carico. R.: Ai sensi dell’art. 10, comma 1, lett. e), del Tuir, sono deducibili i contributi previdenziali ed assistenziali versati in ottemperanza a disposizioni di legge. Inoltre, lo stesso articolo 10, comma 2, prevede che tali oneri sono deducibili anche se sono stati sostenuti per le persone indicate nell’art, 433 del codice civile, se fiscalmente a carico. Ne consegue che anche il contributo al servizio sanitario nazionale versato con il premio di assicurazione di responsabilità civile per i veicoli è deducibile qualora la spesa sia effettivamente sostenuta dal genitore in riferimento ad una polizza di assicurazione RCA intestata al figlio fiscalmente a carico. 4 INTERESSI PASSIVI PER MUTUI IPOTECARI 4.1 Detrazione della quota di interessi passivi per acquisto di unità immobiliare oggetto di ristrutturazione edilizia D.: In caso di acquisto di immobile oggetto di ristrutturazione edilizia non è possibile fruire immediatamente della detrazione ma occorre attendere il momento in cui l’immobile è adibito ad abitazione principale. Si chiede, se è corretto ritenere che la detrazione spetti anche in riferimento a contratti

di mutuo stipulati antecedentemente al 1° gennaio 2001 se non sono ancora decorsi i termini previsti dall’attuale normativa per la realizzazione delle condizioni alle quali è subordinato l’ottenimento dei benefici. Ad esempio, è possibile fruire della detrazione per interessi passivi pagati nel 2001 in riferimento ad un mutuo contratto a maggio 1999 per l’acquisto di un immobile oggetto di ristrutturazione edilizia che è terminata ad aprile 2001? R.: L’articolo 13-bis, comma 1, lettera b), stabilisce che, nel caso in cui l’immobile acquistato sia oggetto di lavori di ristrutturazione edilizia, comprovata dalla relativa concessione edilizia o atto equivalente, la detrazione spetta a decorrere dalla data in cui l’unità immobiliare è adibita a dimora abituale, e comunque entro due anni dall’acquisto. Con circolare n. 55 del 2001 è stato chiarito che per i mutui stipulati nel secondo semestre del 2000 è possibile stabilire la dimora abituale nell’immobile entro il termine più vantaggioso di dodici mesi previsto dalla legge n. 388 del 2000. Ciò in quanto la disposizione contenuta nell’articolo 2 della

legge n. 388 del 23 dicembre 2000 che ha modificato l’articolo 13-bis, comma 1, lettera b) del Tuir, ha elevato da sei mesi ad un anno il termine massimo entro il quale adibire l’immobile acquistato ad abitazione principale. Pertanto, tale disposizione, entrata in vigore il 1 gennaio 2001, può essere applicata anche con riferimento ai mutui stipulati nell’anno 2000, sempreché al 31 dicembre 2000 non sia già decorso il termine semestrale stabilito dalla previgente disposizione. Pertanto, nell’esempio prospettato, in riferimento ad un mutuo contratto a maggio 1999 per l’acquisto di un immobile oggetto di ristrutturazione edilizia che è terminata ad aprile 2001, non è possibile fruire della detrazione per interessi passivi pagati nel 2001 visto che alla data del 31 dicembre 2000 era già decorso il termine semestrale previsto dalla previgente disciplina. 4.2 Detrazione della quota di interessi passivi corrisposti su mutuo per abitazione di un figlio D.: Si chiede di conoscere se è possibile attribuire la detrazione

PRONTUARI Inviare l’ordine a: E.V. S.r.l. via Trecchi, 20 – 26100 Cremona tel. 0372-403507 - FAX 0372-457091 e-mail. francesca@scivac.it (i prezzi si intendono spese di trasporto escluse) Prontuario Terapeutico Veterinario 3a ed. 2001 Medicina del cane e del gatto Medicina degli animali esotici Listino: euro 41,31 Offerta soci SCIVAC: euro 26

Prontuario Terapeutico Veterinario 1a ed. 2000 Medicina del cavallo Listino: euro 26 Offerta soci SIVE: euro 15

Prontuario Terapeutico Veterinario 1a ed. 2002 (imminente pubblicazione) Medicina degli animali da reddito Listino: euro 41,31 Offerta soci SIVAR: euro 26 Il prontuario sarà inviato gratuitamente a tutti i soci SIVAR 2002

SOCIETÀ ITALIANA VETERINARI REDDITO

PER

ANIMALI

DA

PRONTUARIO TERAPEUTICO VETERINARIO Medicina animali da reddito BOVINI

-

SUINI

-

OVICAPRINI

prima edizione 2002

Edizioni Veterinarie


18

PROFESSIONE VETERINARIA 8/2002 RUBRICA FISCALE

per interessi passivi ad un contribuente che nel 2001 ha corrisposto interessi per mutuo relativo ad abitazione adibita a dimora abituale di un figlio anche se tale situazione di fatto si è verificata in data antecedente al 1° gennaio 2001. R.: Con la nuova formulazione dell’articolo 13-bis, comma 1, lettera b), del TUIR, introdotta dall’articolo 2 della legge n. 388 del 2000, è stato ampliato il concetto di abitazione principale il cui acquisto dà diritto alla detrazione dall’Irpef da calcolare sugli interessi corrisposti in dipendenza di mutui garantiti da ipoteca su immobili, contratti per l’acquisto dell’unità immobiliare. A partire dal 2001, per abitazione principale si intende quella adibita ad abitazione principale del contribuente o di suoi familiari. Tale disposizione, la cui entrata in vigore è prevista a partire dal 1° gennaio 2001, trova applicazione anche in riferimento alle rate pagate dopo la predetta data in dipendenza di contratti di mutuo stipulati prima del 2001, sempreché siano state rispettate le condizioni richieste dall’articolo 13-bis, comma 1, lettera b), del Tuir, nel testo previgente alle modifiche apportate dalla legge n. 388 del 2000. In particolare, l’immobile deve essere stato adibito ad abitazione principale del contribuente o di un familiare entro sei mesi dall’acquisto stesso e l’acquisto della unità immobiliare deve essere stato effettuato nei sei mesi precedenti o successivi alla data della stipula-

zione del contratto di mutuo. 4.3 Detrazione della quota di interessi passivi corrisposti su mutuo per acquisto di unità immobiliare locata D.: Si chiede di conoscere se in caso di acquisto di un immobile occupato, si può ottenere la detrazione degli interessi passivi a partire dal momento dell’acquisto. La detrazione spetterebbe quindi, anche prima di notificare l’atto di intimazione di licenza o di sfratto ovvero, in presenza di tale atto, anche prima che il proprietario ottenga la disponibilità dell’immobile e vi trasferisca la sua dimora abituale. Si chiede, inoltre, di conoscere se la detrazione spetta anche in riferimento a contratti di mutuo stipulati antecedentemente al 1° gennaio 2001 qualora non siano ancora decorsi i termini previsti dall’attuale normativa per la realizzazione delle condizioni alle quali è subordinato l’ottenimento dei benefici. Ad esempio, è possibile fruire della detrazione per interessi passivi pagati nel 2001 in riferimento ad un mutuo contratto per l’acquisto di un immobile occupato avvenuto a novembre dell’anno 2000 se nel mese di gennaio 2001 si è provveduto a notificare l’atto di intimazione di licenza o di sfratto? R.: L’articolo 13-bis, comma 1, lettera b), come modificato dall’articolo 2 della legge n. 388 del 2000, stabilisce che in caso di acquisto di unità immobiliare locata, la detrazione spetta a condizione che entro tre mesi dall’acquisto

sia stato notificato al locatario l’atto di intimazione di licenza o di sfratto per finita locazione e che entro un anno dal rilascio l’unità immobiliare sia adibita ad abitazione principale. In relazione a questa particolare ipotesi, il legislatore non ha specificato espressamente da quale momento è possibile fruire delle detrazioni, pertanto si ritiene che la detrazione trovi applicazione, secondo le regole generali, sin dalla prima rata. Per quanto riguarda i mutui contratti prima del 2001, si ritiene che tale disposizione, entrata in vigore il 1° gennaio 2001, possa essere applicata anche con riferimento ai mutui stipulati nell’anno 2000, sempreché al 31 dicembre 2000 non sia già decorso il termine di tre mesi previsto dalla norma entro il quale deve essere notificato al locatario l’atto di intimazione di licenza o di sfratto per finita locazione e che l’adempimento venga, comunque, posto in essere nei tre mesi decorrenti dall’acquisto. Qualora entro un anno dal rilascio l’immobile non viene destinato ad abitazione principale, gli interessi per i quali il contribuente si è avvalso della detrazione, dovranno essere dichiarati ai sensi dell’articolo 16, comma 1, lettera n-bis), del Tuir, quali redditi a tassazione separata. 4.4 Detrazione della quota di interessi passivi corrisposti su mutui per acquisto di due unità immobiliari D.: Nel caso di contribuente che,

fruendo già della detrazione per interessi passivi in relazione all’acquisto dell’abitazione principale, acquista un secondo immobile locato ed entro tre mesi notifica al locatario l’intimazione di sfratto per finita locazione, per il periodo che intercorre tra l’acquisto del secondo immobile ed il rilascio dello stesso il contribuente può detrarre gli interessi passivi relativi ad entrambi i mutui tenuto conto che in base ai principi generali il contribuente può comunque fruire della detrazione per interessi passivi relativi all’acquisto dell’abitazione principale fino ad un ammontare non superiore a euro 3.615,20 (lire 7 milioni)? Inoltre, è possibile applicare la detrazione in riferimento agli interessi passivi pagati per un mutuo contratto per l’acquisto della casa di abitazione e degli interessi passivi pagati per un mutuo contratto per l’acquisto della casa di abitazione del figlio? In caso contrario il contribuente può scegliere per quale dei due mutui richiedere la detrazione? R.: L’articolo 13-bis, comma 1, lettera b), del Tuir, prevede una detrazione dall’imposta in riferimento ad interessi passivi corrisposti in dipendenza di mutui garantiti da ipoteca su immobili, contratti per l’acquisto dell’unità immobiliare da adibire ad abitazione principale entro un anno dall’acquisto stesso, per un importo non superiore a euro 3.615,20 (lire 7 milioni). Lo stesso articolo 13-bis, comma

VETLINK Lista telematica A.N.M.V.I.

collegati con la tua professione per iscriverti http://www.anmvi.it/servizi/liste/index.html

1, lettera b), stabilisce che in caso di acquisto di unità immobiliare locata, la detrazione spetta a condizione che entro tre mesi dall’acquisto sia stato notificato al locatario l’atto di intimazione di licenza o di sfratto per finita locazione e che entro un anno dal rilascio l’unità immobiliare sia adibita ad abitazione principale. Qualora un soggetto si trovi nella condizione di potersi avvalere contemporaneamente della detrazione in riferimento a due acquisti di immobili, corrispondenti a ciascuna delle fattispecie previste dalla norma innanzi indicata, è possibile applicare la detrazione in corrispondenza di uno solo degli acquisti. Ed infatti, sulla base della formulazione della norma e in assenza di una specifica indicazione circa la possibilità di applicare contemporaneamente la detrazione in riferimento a contratti di mutuo stipulati per l’acquisto di due unità immobiliari, ancorché entrambe rientranti tra quelle per le quali è possibile fruire della detrazione, si ritiene che la detrazione spetti in riferimento agli interessi passivi pagati per l’acquisto di un solo immobile. Inoltre, si fa presente che in materia di deducibilità del reddito catastale dell’abitazione principale ai sensi dell’articolo 10, comma 3bis, del Tuir, con risoluzione n. 13 del 2000 è stato chiarito che nell’ipotesi in cui è teoricamente possibile effettuare la scelta in relazione a due immobili, uno adibito a propria abitazione principale ed uno utilizzato da un proprio familiare, la suddetta deduzione spetta esclusivamente per il reddito dell’immobile adibito ad abitazione principale del titolare stesso e, eventualmente, delle pertinenze. In conclusione, al fine di dare un significato univoco al concetto di abitazione principale, nel caso in cui il contribuente proprietario di due immobili di cui uno adibito ad abitazione principale, per l’acquisto del quale aveva contratto un mutuo, l’altro acquistato successivamente e occupato per effetto di contratto di locazione, per l’acquisto del quale contrae un mutuo, avendo entro tre mesi notificato al locatario l’intimazione di sfratto per finita locazione, nel periodo in cui il nuovo immobile acquistato è ancora occupato dal conduttore e fino a quando viene rilasciato e adibito ad abitazione principale, dovrà riferire la detrazione agli interessi pagati in corrispondenza della casa effettivamente adibita ad abitazione. Anche nel caso in cui il contribuente contrae un mutuo per l’acquisto di un immobile adibito a propria abitazione principale, e un mutuo per l’acquisto di in immobile da adibire ad abitazione di un familiare, in analogia con quanto chiarito con la citata risoluzione n. 13 del 2000 in materia di deduzione del reddito dell’abitazione principale, la detrazione deve essere riferita agli interessi pagati in corrispondenza dell’immobile adibito a propria abitazione. ■


19

PROFESSIONE VETERINARIA 8/2002 IN RETE

Farmacie virtuali: spesso shopping illegali on-line ra le tante riviste di informatica, web e Internet che mi capita di leggere un po’ per lavoro un po’ per diletto, sono incappato in una inchiesta che credo possa interessare, oltre alla categoria dei medici umani, anche quella dei veterinari. È arcinoto che Internet è considerata una sorta di frontiera dove tutto è lecito e possibile, anche per quanto riguarda il settore degli acquisti on-line vietati. Entrare in quel mondo è estremamente facile: basta conoscere il sito giusto e ci si ritrova nel bel mezzo di paradisi artificiali a base di sostanze farmaceutiche artificiali che vengono vendute da vere e proprie farmacie virtuali, quelle cioè che vendono prodotti on-line (spesso proibiti o per i quali occorre una prescrizione medica o veterinaria) via Internet. Le categorie rappresentate in questo drugstore vanno dagli psicofarmaci, agli anoressizzanti, dai diuretici alle sostanze stupefacenti, quasi tutte provenienti da Paesi extra-comunitari (specie orientali), ma alcune anche da nazioni come l’Olanda, la Svizzera, gli Stati Uniti, il Messico o il Canada. Proprio dall’Olanda, la redazione della rivista ha fatto arrivare all’indirizzo indicato un vasto assortimento di stupefacenti e allucino-

T

geni in libera vendita, sotto forma di erbe o funghi a prezzi accessibilissimi a tutte le tasche. Le modalità di acquisto sono le solite, quelle cioè che vengono attuate normalmente per gli acquisti on-line di qualsiasi altro prodotto commerciale: basta compilare un modulo d’ordine con i dati della carta di credito, l’indirizzo a cui recapitare la merce e un’e-mail di riferimento. Tutto qui. La merce, almeno da quanto viene riportato dalla rivista, è stata regolarmente recapitata al costo di poco più di 50 euro entro una decina di giorni dall’ordinazione. La stessa facilità di acquisto è stata riscontrata anche per i farmaci (prodotti dalle più note aziende multinazionali presenti anche nel nostro Paese), per i quali la vendita in Italia è subordinata dalla presentazione di ricetta medica o veterinaria. Il menù dei drugstore virtuali annovera molti degli psicofarmaci più comuni: antidepressivi, tranquillanti e ipnotici, si possono tranquillamente acquistare dopo aver compilato un modulo per farsi la richiesta da soli oppure non richiedono neppure una ricetta simulata! Pensate che per coloro che non riescono a rintracciare il farmaco che gli occorre, c’è la possibilità di versare una novantina di euro

3

MANUALI SIVAR € 26,00 + spese di spedizione

Inviare l’ordine a: E.V. s.r.l. - Via Trecchi, 20 - 26100 Cremona c.a. Francesca Chiari - Fax 0372/457091 - Tel. 0372/403507 Info: Segreteria SIVAR - Paola Orioli Tel. 0372/403539 - info@sivarnet.it

di Fabrizio Pancini

http://www.parmafoodauthority.org/ Un interessante sito è quello che riguarda la candidatura della città di Parma quale sede dell’Agenzia Europea per la Sicurezza alimentare. La pagina Web, realizzata in collaborazione e sotto il patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri, è ben curata e soprattutto riporta diverse informazioni circa il “Libro bianco per la sicurezza alimentale” e tutto l’iter che ha portato l’Italia a proporre la candidatura della città emiliana, nota in tutto il mondo per i suoi prodotti alimentari. Un sito da vedere per chi desidera sapere qualcosa di più sull’argomento e magari ammirare le tante attrattive che Parma offre, anche on-line, ai visitatori.

l’anno ad un club internazionale on-line, il quale ricerca per conto del cliente, le farmacie virtuali in possesso del prodotto in modo che l’associato possa farselo spedire direttamente a casa. Non vi nascondo che la tentazione di provare a reperire farmaci per esclusivo uso veterinario in queste farmacie virtuali è stata molto forte: sia pure per verificare esclusivamente la facilità di repe-

rimento di alcune sostanze per le quali, qui in Italia, anche per i medici veterinari non sempre è facile prescrivere o rintracciare nelle farmacie o dai grossisti. Ma quanti sono i clienti italiani di queste farmacie virtuali? Secondo un’indagine condotta dall’Istituto “Mario Negri” di Milano, ben l’8% degli italiani acquista farmaci in Rete mentre il 44% degli americani cerca informazioni me-

diche on-line. Certamente sono cifre che devono farci riflettere e che mettono a nudo un fenomeno ancora in fase di espansione, ma che deve essere regolamentato al più presto, per evitare l’abuso ed il commercio di farmaci che sfuggono ai controlli ufficiali e sono frutto di prescrizioni “fai da te” che eludono l’intervento più appropriato del medico o del veterinario curante. ■


20

PROFESSIONE VETERINARIA 8/2002 L’OPINIONE

Caronte e il benessere animale l prof. Girolamo Sirchia non finisce di stupirmi come ministro, se non altro per la sua perseveranza. Sono certo che tutti sarete al corrente di uno dei suoi pallini fissi. Il fumo. Negli ospedali ci vogliono sei mesi per fare una RNM, quattro mesi per un’ecografia, cinque mesi per un campo visivo eppure Sirchia è preoccupato seriamente per i distributori di sigarette. Si sa mai che qualche minorenne estragga dallo strumento infernale un diabolico pacchetto di bionde. Intendiamoci, il fumo fa male e chi fuma, se finisce in ospedale per una malattia polmonare, pesa sulle costole di chi non fuma. Vi dirò che anche i mille disgraziati mentali che ogni settimana incontro in autostrada e che sono responsabili di 17.000 feriti (i morti costano meno alla sanità) solo negli ultimi esodi e controesodi finiscono anche loro per gravare pesantemente sulle tasche di chi guida prudentemente. Di questo problema il ministro sembra meno preoccupato. A proposito di morti…sì, lo so novembre è ancora lontano, ma intanto l’estate è finita e siamo già a settembre. Sirchia ha dichiarato la sua intenzione di far nascere centinaia di cimiteri per animali. Lo ha fatto sul Corsera del 2 di agosto durante un’intervista sul benessere animale. Il ministro ha certamente un concetto molto ampio del benessere animale, se la sua principale preoccupazione è quella di dare onorevole sepoltura ai defunti. In ogni modo apprezziamo il pensiero. In Italia, per il welfare animale, le iniziative sono talmente scarse che può andare bene anche qualcosa che riguardi i morti. “Oggi non esistono regole e i piccoli amici di una vita non meritano di finire in una pattumiera” dichiara Sirchia. Che non esistano regole da nessuna parte mi sembra un po’ strano. Non ho interrogato Giorgio Neri (che detiene il Verbo sui detriti e defunti più o meno tossici), ma a Reggio Emilia esiste un regolamento secondo il quale vige il divieto di seppellire cadaveri di animali. Vi dirò che, in spregio a tale norma, ho fatto seppellire in giardino centinaia di canarini, criceti, tartarughe e qualche gattino, anche perché la soluzione adottata qua da noi non è delle più felici. Se ti muore il cane dovresti caricarlo sulla macchina (rigorosamente dalle 10 alle 12 e non nei

I

Sul prossimo numero intervista a Sergio Papalia sul DDL in materia di tutela animale

festivi), passare alla posta dove effettuare il versamento sul bollettino, poi recarti con il triste fardello al canile comunale dove l’estinto viene cremato. Di bello c’è che se desideri una

cremazione a parte, si può fare: un’urna, una settantina di euro e ti puoi tenere le ceneri di Pluto sul comodino. In realtà a Reggio Emilia esistono già due cimiteri privati, ma non fanno grandi affari, co-

me invece riportato dall’articolo del Corsera per il Club Caronte (nome celestiale) di Vigevano, dove per 35 euro l’anno puoi fare riposare Silvestro accanto all’elefante del circo Orfei. Su questo

di Oscar Grazioli Medico Veterinario, Reggio Emilia

modello, che prevede anche bare di zinco, lapidi, ghirlande di fiori e lumini perenni il ministro è dunque orientato a risolvere, a livello nazionale, il problema del benessere dei nostri cari estinti. ■


21

PROFESSIONE VETERINARIA 8/2002 RIFLESSIONI

1555, erano giovani e forti e... I n questi giorni migliaia di neodiplomati si confrontano per accaparrarsi i posti disponibili presso le facoltà a numero programmato. I posti disponibili per veterinaria sono 1.555 di cui 78 per gli studenti non comunitari residenti all'estero che poi spesso cercano di restare da noi. 1.555 sono veramente tanti, troppi, ma è anche impensabile poterli ridurre visto che devono essere suddivisi fra 13 facoltà. Milano da sola fa la parte del leone con 190. Si dovrebbero allora ridurre le facoltà ma anche questo è veramente impensabile, vi è anzi il rischio che aumentino viste le continue sollecitazioni che arrivano al ministero da alcune regioni che non possono vantarsi di avere una facoltà di veterinaria. È più difficile ridurre il numero delle facoltà che quello dei parlamentari. Nessun governo a mio avviso avrà mai la forza di prendere una simile decisione e poi cosa ne pensano le regioni, a parte l'Emilia che ne ha due le altre perché dovrebbero rinunciare? La devolution certamente renderà ancora più difficile ogni intervento in questo senso. D'altra parte non credo neppure che tutte le facoltà, soprattutto per mancanza di fondi, riusciranno ad ottenere l'ambito riconoscimento europeo ed avremo quindi corsi di lauree di serie A e di serie B. L'unica possibilità sarebbe convincere i giovani diplomati, anzi oggi soprattutto le giovani diplomate, a sciegliere una facoltà diversa perché a fare il veterinario si rischia di morire di fame. Se per 1555 posti si presentassero soltanto 1000 candidati sarebbe tutto meglio. Se in qualche facoltà si presentasse nessuno potrebbe essere un modo, sicuramente l'unico, per ridurre il numero delle facoltà. Per fortuna, ma per noi non tanto, il diffondersi di una cultura animalista e di un amore a volte distorto verso gli animali porta molti giovani verso veterinaria indipendentemente dalle prospettive di lavoro. Non è una scelta professionale è una missione! Ma per ricordare una divertente battuta di Grazioli i pediatri amano o no i bambini? Sui giornali, tempo fa era riportata la notizia di un medico geriatra che per "amore" aveva praticato l'eutanasia a decine di pazienti. Questo tipo di approccio oltre a portare ogni anno nel nostro settore centinaia, se ben ricordo 1100 nel 2001, di nuovi laureati vi diffonde anche una filosofia che non si rapporta principalmente agli aspetti professionali, scientifici, economici del nostro lavoro ma soprattutto a caratteristiche di impegno, disponibilità, solidarietà o volontariato che se entro certi limiti caratterizzano tutte le professioni sanitarie se esasperate possono creare anche pericolose involuzioni. Per essere animalisti non si deve per forza essere veterinari, il proprio amore verso gli animali lo si può esprimere in tanti altri modi non meno importanti e gratificanti, e per essere veterinari non si deve essere per forza animalisti. Anzi, permettetemi questa provocazione, per un veterinario un animalismo esasperato potrebbe essere controproducente nello svolgere al meglio la professione in

quanto potrebbe essere limitante nell'espressione scientifica e razionale del nostro lavoro. Sembra quindi che le possibilità di contenere il numero degli iscritti e quindi dei laureati a veterinaria siano decisamente poche anche se il sistema di selezione per essere ammessi non è certamente dei più semplici e dovrebbe scoraggiare molti. Ho acquistato per curiosità il

volume Esercitest che riporta i quesiti delle prove di ammissione degli ultimi anni suddivisi nelle varie materie sulle quali si basano i test ufficiali. Ne ho letti alcuni e mi sono spaventato. Ho provato poi un facsimile di test proposto e dai risultati ottenuti sono certo che avrei dovuto cambiare facoltà. Nonostante questo sembra che non si spaventi nessuno. Certamente questo siste-

di Luigi Poretti

ma ha dei grandi vantaggi rispetto a quelli che venivano utuilizzati in passato. È sicuramente oggettivo e proposto lo stesso giorno in tutte le facoltà non crea differenze e non dà spazio a furbate o a raccomandazioni. È inoltre efficace perché utilizza test ben formulati ed ha inoltre il vantaggio della rapidità in quanto nell'arco di poche ore, essendo tutto

automatizzato, è possibile avere risultati e graduatorie. Il limite di questo sistema è quello del diverso livello qualitativo offerto dalle varie facoltà e quindi dalla difficoltà per il diplomato nella scelta della sede influenzata non solo da questo aspetto ma anche fortemente dalla vicinanza alla residenza e dalle probabilità di riuscire ad entrare nel numero degli iscritti. ■


@

22

PROFESSIONE VETERINARIA 8/2002

LETTERE AL DIRETTORE

Se perdessimo di vista, anche solo per un attimo, la dignità dell’animale, il suo diritto di essere vivente ad essere curato, ma anche semplicemente ad essere accudito, renderemmo un pessimo servizio alla nostra stessa dignità professionale. La Professione non ha assistito indifferente alle drammatiche impennate estive degli abbandoni e del randagismo, un fenomeno quest’ultimo che l’opinione pubblica non percepisce fino in fondo come degno di qualche mea culpa da parte della società degli uomini. Ho però deciso di pubblicare un paio di lettere “eretiche” che nel coro delle facili intonazioni animaliste, introduce una voce meno armoniosa, ma sicuramente più sincera. Sono molto lieto anche di pubblicare un intervento del dottor Giacomo Fortuni, Direttore di AISA, già apparso su @nmvi Oggi, e qui doverosamente riproposto. Carlo Scotti

Animali, le ragioni “eretiche” di chi non li ama Per trovare un po’ di tranquillità sono andato ad abitare in un nuovo insediamento urbano composto da villette a schiera. Una scelta pessima, perché i miei vicini sono quel tipo di persone che fuggono dalla città per impadronirsi della “natura”, e che, avendo un po’ di verde a disposizione, si sono “finalmente” permessi un bellissimo cane. Quasi tutti animalisti convinti, pensano che chi si lamenta se il cane guaisce nei primi mesi di vita, se abbaia anche alle mosche e alle farfalle, se ringhia e ulula anche di notte, sia un loro nemico. Io son quel rompi scatole che telefona di notte per far presente il fastidio, sono il classico vicino paranoico, col brutto carattere, intollerante. Non mi resta che sperare che questa moda animalista finisca. Secondo me, ad esempio, far abbattere un cane aggressivo non è un’eresia: forse tra cent’anni questo sarà ovvio, oggi invece è un pensiero in contro tendenza che provocherà una valanga di indignazione. Luigi Piazza, Brescia da Repubblica, domenica 18 agosto 2002

Pensiamo alle persone Sono sbalordito e allarmato per alcune notizie che ho letto nei giorni scorsi: cimiteri per gli animali, obbligo di garantire il benessere degli animali, il tutto con i soldi del ministero della Sanità. Nel nome del pluralismo e delle diversità di idee, io invece penso che gli animali non abbiano né co-

scienza né anima e siano solo macchine organiche. Amare la natura non deve significare amare qualche sua forma in modo personale. Il vezzeggiamento odierno di cani e gatti è frutto del benessere e dell’imitazione di tre modelli negativi: quello anglosassone; quello della vita di città, con le sue stravaganze che il contado ignorava; quello dei “signori”, dame e damerini che hanno sempre “amato” le proprie bestiole. Purtroppo i mass media condividono e sostengono l’errore animalista. Sui giornali e in tv è un continuo predicare per l’adozione di animali, per i loro diritti, contro il loro abbandono. Nemmeno la Chiesa cattolica affronta questa follia animalista (quand’ero ragazzo i sacerdoti usavano parole di fuoco contro chi spendeva soldi per comprare cibo per cani o gatti, quando al mondo si moriva di fame). Esprimo quindi la mia obiezione di coscienza, e mi rifiuto di pagare tasse che possano servire a coprire le spese per iniziative a favore di cani e gatti. Il ministro Sirchia pensi alle persone, piuttosto che allargare al mondo animale il concetto di sanità pubblica. Mariano Della Vedova, Nervino da Repubblica, domenica 18 agosto 2002

Pubblicità dei farmaci: i veterinari si tranquillizzino Gentile Direttore, nel complimentarmi con Voi per la pregevole iniziativa editoriale, desidero fare alcune puntualizzazioni circa l’intervento apparso ieri su “@nmviOggi” relativamente al nuovo decreto sulla pubblicità al pubblico del farmaco veterinario. Nell’articolo il Dr. Aldo Vezzoni, peraltro molto acuto nel registrare l’importanza del decreto, atteso da anni dall’Industria, preme per “un’attenta vigilanza” da parte dei medici veterinari sui “compiti dell’Istituto di autodisciplina costituito dalle associazioni delle aziende farmaceutiche”, Istituto cui il decreto autorizza un controllo preventivo sui messaggi pubblicitari. L’autorizzazione del ministero della Salute è comunque obbligatoria. Tranquillizziamo subito la classe veterinaria: il decreto in questione, che ricalca in massima parte il d.l. 30 dicembre 1992, n. 541 sulla pubblicità dei medicinali ad uso umano e ne riprende le modalità operative, recita infatti che l’Istituto di cui sopra è “formato dalle associazioni maggiormente rappresentative interessate alla diffusione della pubblicità dei medicinali” e “riconosciuto dal ministero della Sanità” [art. 5.4, lett. b)]. Non traspare quindi un’esclusività di appartenenza da parte delle Associazioni dell’industria farmaceutica. Inoltre, il ricorso al parere dell’Istituto costituisce solamente una delle due possibilità previste dalla legge per ottenere l’autorizzazione; l’altra opzione

prevede la valutazione della Commissione di Esperti ex. art. 201 del testo unico delle leggi sanitarie, che già vaglia la pubblicità dei farmaci ad uso umano. Rimane quindi da chiarire in che modo la veterinaria si rapporterà a detta Commissione e, nel caso si opti per l’“Istituto di autodisciplina”, se sarà possibile l’utilizzo di enti già esistenti (penso, ad esempio, allo IAP – Istituto di Autodisciplina pubblicitaria) o se sarà opportuno costituire una nuova entità. Infine, e ritengo importante ribadirlo, tutti i messaggi proposti saranno vagliati e autorizzati dal ministero della Salute, sia che essi seguano l’iter della “Commissione”, sia che siano approvati, in via preventiva, dall’“Istituto”, come si evince chiaramente dall’art. 5 del decreto. Giacomo Fortuni, Direttore AISA

No alla pubblicità Caro Carlo, avrai avuto modo di vedere negli ultimi giorni su quotidiani o periodici la pubblicità di alcune Università per convincere gli studenti ad iscriversi da loro. Non semplici informazioni sui corsi proposti e sull’organizzazione ma veri e propri messaggi pubblicitari con tanto di agenzia, studio creativo ed in alcuni casi noti testimonial. Ad esempio l’Università di Padova propone l’immagine di un famoso scrittore, Mario Rigoni Stern, affiancato ad un suo breve testo che termina così: “Le cose raccontano storia e l’Università di Padova è un parco culturale che rivela la verità della tradizione.” Quale studente con un minimo di spessore e sensibilità non si lascerebbe affascinare da queste parole. Ma è giusto che le Università si debbano “vendere” con messaggi pubblicitari, sia pur raffinati come questo? Condivido pienamente il commento proposto da Cesare De Seta su La Repubblica e di cui vorrei riportare soltanto alcune frasi che esprimono perfettamente il mio pensiero. “Il marcio sta nel fatto che in tal modo il reclutamento all’università avviene attraverso meccanismi di persuasione che nulla hanno a che fare con cultura e con il sapere: inoltre si crea una palese sproporzione tra l’ateneo ricco di risorse che può permettersi la pubblicità e l’ateneo di Peretola (non escludo che ci sia, considerato lo sconsiderato proliferare delle sedi universitarie); la pubblicità inoltre insuffla in un servizio preposto alla cultura una logica mercantile che con la cultura e il sapere nulla ha a che vedere.” Io credo che la “concorrenza” fra le università debba avvenire sulla base della qualità: programmi, docenti, servizi, organizzazione e non può essere sufficiente vivere della propria storia venduta con un’abile campagna pubblicitaria. U.S.

Ancora ECM Caro Scotti, riprendendo il discorso ECM mi sembra che sia chiaro ormai che anche la veterinaria privata dovrà sottoporsi a questo sistema. Ho condiviso la presa di posizione della FNOVI, la stessa sostenuta anche dall’ANMVI, che in sostanza dice sì all’obbligo di aggiornamento, del resto già previsto dal codice deontologico, ma gestito dagli Ordini sia negli aspetti progettuali e gestionali che in quelli di controllo. L’ANDI, con la quale se ho ben capito sta collaborando l’ANMVI, ha posizioni più rigide ma ho l’impressione che ottenga poco. Fra l’altro la riforma degli Ordini è alle porte, prevede l’obbligo dell’aggiornamento, e potrebbe essere per la FNOVI dall’interno del CUP e per l’ANMVI operativa nella Consilp, i due importanti interlocutori per questa riforma, l’occasione per riprenderci in mano l’ECM. Da tutti gli altri settori sanitari non mi sembra che siano state espresse critiche particolari ed in sostanza quasi tutti si sono tranquillamente adeguati. Anche la Fnomceo, che rappresenta tutti i medici, ha accettato il sistema anche se al suo interno esiste qualche voce isolata che non condivide il sistema ed esprime al contrario posizioni simili alle nostre. Ad esempio il presidente dell’Ordine di Firenze ha espresso la sua posizione sintetizzandola in alcuni punti che credo valga la pena riportare: a) rifiutare l’obbligo formativo per legge b) ridare alla professione la propria autonomia rivedendo il codice deontologico anche per gli aspetti dell’aggiornamento (decidere cosa e come si insegna è proprio delle professioni, farlo decidere ad altri è proprio delle mansioni) c) chiedere il finanziamento per la formazione nel servizio, la defiscalizzazione per quella individuale o dei liberi professionisti. d) tenere presso gli Ordini i fascicoli personali formativi, al fine di validarne i contenuti e certificare la formazione e) procedere disciplinarmente contro chi non si aggiorna dopo un tempo stabilito Come vedi sono tutte cose condivisibili, ben venga un mondo professionale in grado di garantire da solo i suoi iscritti senza interventi dall’alto che dimostrano comunque un ritardo da parte delle professioni nell’essere al passo dei tempi rispetto all’evoluzione delle professioni. Ma i nostri Ordini sarebbero in grado di assumersi questo ruolo ed intendo riferirmi anche al punto e? L’intervento del presidente di Firenze si concludeva con una frase che mi è piaciuta molto e rilancio anche al nostro mondo: “E se provassimo a riprendere in mano la nostra professione?” L’ECM ci è arrivata sulla testa

L’uomo è il solo animale capace di farsi stupido Andrè Glucksmann

proprio perché tutte le professioni sono molto in ritardo su questi problemi. Riprendiamola in mano al più presto la nostra professione per dargli la serietà, la garanzia e l’immagine che merita. Sono il solito rompi? Un saluto. Fabio Cerioli

Anagrafe Canina Caro Carlo, sul Forum SCIVAC, a metà Agosto, un collega ha lanciato un appello chiedendo a tutti gli iscritti di dargli una mano a rintracciare i riferimenti di un cane, da lui trovato abbandonato o perso, di cui aveva soltanto il numero di un microchip. Nonostante questo riferimento, infatti, non esistendo una banca dati nazionale, non sapeva assolutamente a chi rivolgersi per rintracciare i proprietari dell’animale per restituirglelo in caso di smarrimento o per denunciarli in caso di abbandono. Cosa serve allora il microchip? Probabilmente attraverso il forum e le centinaia di veterinari che lo seguono riuscirà a risolvere il problema ma mi vengono spontanee alcune considerazioni. Innanzitutto complimenti al Forum che dimostra più che mai la sua insostituibile ed enorme importanza non solo come momento di confronto e di informazione ma anche come strumento di soluzione per molte emergenze. Poi c’è da chiedersi cosa serve che molte regioni abbiano reso obbligatorio il microchip se mancando una centrale nazionale basta uscire dalla regione per perdere ogni riferimento dell’animale. Il Ministero da anni dice di voler risolvere il problema a livello nazionale ma la verità è che quando vi è un reale interesse e soprattutto grosse valenze economiche le cose si risolvono anche superando le barriere locali della devolution, vedi anagrafe bovina. Il problema dell’anagrafe canina e quello di un’anagrafe di tutti gli animali (perché i gatti no?) evidentemente interessa poco Alemanno e tanto meno Sirchia altrimenti una centrale nazionale l’avremmo già. Ho letto più volte dell’impegno della SCIVAC, dell’ANMVI e credo anche della FNOVI in questo senso ma evidentemente non abbiamo ancora fatto abbastanza visto che la situazione in Italia è ancora quella di un paese del terzo mondo. Roberto Solieri


23

PROFESSIONE VETERINARIA 8/2002 DALLE ASSOCIAZIONI

La SIVAR entra nell’Associazione Mondiale di Buiatria

di Giacomo Tolasi Responsabile Commissione Farmaco SIVAR

Hannover 18-23 agosto “Hannover, 520 mila abitanti, capoluogo della Bassa Sassonia, regione agricola del nord della Germania. 600 km a nord di Monaco e meno al confine con la Danimarca. Città natale di Giorgio Primo di Inghilterra che in Germania ha risieduto pochissimo, essendo chiamato dal parlamento inglese dopo l’estinzione dei cattolici Stuarts ad un trono ben più prestigioso, i cui discendenti regnano ancora con il nome di Windsor. Non apprezzato a Londra e ricordato come “Re Libertino”, in patria lasciò la moglie Sofia, donna illuminata che diede un impulso culturale ed architettonico alla città, visibile ora solo dagli splendidi giardini “alla francese” recentemente restaurati. Città natale e roccaforte di Schroeder, cancelliere rossoverde e residenza del principe Ernst di Hannover, famoso per le nozze con Carolina di Monaco ed odiatissimo dai giornalisti da lui spesso maltrattati. Rasa al suolo dagli inglesi durante l’ultimo conflitto mondiale, è stata ricostruita su un piano regolatore moderno, con criteri estensivi intorno al parco cittadino più grande d’Europa. Nel Congress Zentrum si è tenuto il biennale congresso della World Buiatrics Association, 2400 buiatri partecipanti, l’84% europei, sarà per la paura di attacchi terroristici. L’appuntamento segue quello Uruguaiano di Punta de l’Este. Il gruppo italiano è, al solito, uno dei più numerosi, circa 90 veterinari, secondo a quello tedesco e pari a quello inglese. Quattro sale in contemporanea, e talvolta cinque, su argomenti diversi. Tantissimi gli “Workshops”, con una partecipazione attenta e numerosa. In queste occasioni, oltre che di nuove tecniche e nozioni, si parla di tendenze del lavoro e della evoluzione della professione, momento di riflessione su “dove siamo arrivati” e “dove stiamo andando”. I filoni principali delle relazioni spaziano dalla tutela della salute del

consumatore, al benessere animale, alla medicina di mandria, alla mastite ed al recupero della clinica individuale. Scopriamo con sorpresa e con una certa soddisfazione, quella di un povero che vede un altro andare in malora, che anche i modelli nord europei non soddisfano i controlli sui residui negli alimenti di origine animale richiesti dalla comunità europea, ed i problemi di casa nostra sono comuni in tutte le altre nazioni. Si nota una evoluzione del concetto di “Herd Medicine” che, oltre alla efficienza dell’allevamento, si rivolge anche alla garanzia della sanità del prodotto finale, adottando i principi dell’HACCP applicato in campo. Per quanto riguarda la clinica individuale si resta sbalorditi nel visitare la “Scuola Superiore di Veterinaria”, Tieraerztlike Hochschule Hannover, patria di Goetze, Dirksen, Rosenberger e Stoeber. Qui vengono tenuti molti degli Workshops congressuali. Tanti animali ricoverati, studenti con libero accesso agli istituti a tutti gli orari. Si ha l’impressione di un campus vissuto dalla comunità universitaria. Si stanno portando avanti, tra gli altri, studi sulla endoscopia, tecnica affascinante da applicare sui bovini. Nell’assemblea della società viene accettata la domanda di adesione della SIVAR, unico nuovo ingresso quest’anno. Nei corridoi, tra una relazione e l’altra si fanno progetti sulla possibile rielezione di un membro italiano nel direttivo della società che, dopo la scomparsa del Prof. Gentile, non ha più un nostro rappresentante. La serata di gala si tiene giovedì sera nella sala congressuale principale per l’occasione trasformata in cenacolo. Discutibile buffet “alla tedesca”. Un’orchestra allieta il dopo cena quando si dà inizio alle danze. A mezzanotte in punto, con teutonica precisione, tutti a casa. Le proteste sono lunghe e numero-

se ed allora si decide di continuare la festa. Chi con una birra, chi con una bottiglia di vino, si fa per dire, tedesco, si va in circa un centinaio a piedi nella vicina Università dove si tirano le tre e mezzo nella sala chirurgica per bovini, per l’oc-

casione trasformata in discoteca. L’appuntamento per il 2004 è a Quebec City, Canada, splendidamente introdotta dal presidente del comitato organizzatore, e vice presidente della WBA, Emile Bouchard. Mercy et au revoir è la con-

clusione con un pizzico di orgoglio di un discorso in perfetto inglese. Rientriamo in Italia con un poco di entusiasmo in più, tanti progetti e, soprattutto, tanti nuovi amici tra i colleghi sparsi per tutto il mondo”. ■

Voto unanime per la SIVAR a SIVAR è rientrata da Hannover con un riconoscimento mondiale che corona il suo impegno per l’aggiornamento del medico veterinario buiatra e che offre un nuovo motivo d’orgoglio alla veterinaria italiana: l’affiliazione alla World Association for Buiatrics. Al congresso mondiale di buiatria conclusosi il 23 agosto scorso ad Hannover, alla presenza di 54 paesi partecipanti, la SIVAR è entrata nella WAB con voto unanime. “È con vero piacere che commento questa notizia che per noi della Sivar ha il sapore della notizia dell’anno – ha commentato Dario Depetris Presidente della SIVAR - L’essere stati accettati a far parte della Società mondiale di buiatria a soli quattro anni dalla fondazione rappresenta per noi il raggiungimento di un traguardo ambito che va oltre ogni più ottimistica previsione. Durante la riunione dei “contact members” svoltasi mercoledì 21 agosto il nostro Vice Presidente Marco Colombo, essendo io impossibilitato a partecipare per motivi di lavoro, ha illustrato in maniera convincente i progetti e le attività svolte dalla Sivar in ambito nazionale ed ha raccolto questo successo lusinghiero. Buona parte del merito di questo riconoscimento va rivolto al collega belga Pierre Lekeux, segretario uscente ed attuale consigliere del WBA, il quale, avendo partecipato all’ultimo congresso Sivar in qualità di relatore ha potuto valutare di persona la riuscita dell’evento sia dal punto di vista scientifico che da quello organizzativo. Personalmente ho avuto modo di confrontarmi con il Presidente il quale mi ha dichiarato di essere felice di accoglierci nella comunità buiatrica mondiale ed ha espresso l’auspicio che questo congresso rappresentasse un punto di partenza per una stretta collaborazione in ambito mondiale. Noi raccogliamo l’invito e siamo già al lavoro per dimostrare che questa scelta è stata giusta. Un particolare messaggio di congratulazioni è stato rivolto dal presidente ANMVI Paolo Bossi al Consiglio Direttivo della SIVAR, sottolineando la giovane età della Società: “Sono felice che questo riconoscimento vada ad un’associazione federata all’ANMVI ed in particolare alla SIVAR che dopo solo 4 anni di attività ha conquistato un traguardo tanto prestigioso, che premia il suo dinamismo e la qualità del suo impegno”.

L

Convegno AIVEMP e SIVAR alla Fiera Internazionale del bovino da latte Il Veterinario Aziendale è l’argomento che si affronterà alla Tavola Rotonda AIVEMP, giovedì 24 ottobre presso la Sala Stradivari della

Fiera di Cremona. All’incontro, che avrà inizio alle ore 14.30, interverranno: Dr. Marabelli Romano, Direttore Generale della Sanità Pubblica Veterinaria, Ministero della Salute; Dr. D’Addario Domenico, Presidente della FNOVI; On. Mancuso Gianni, Veterinario LP, Parlamentare; Dr. Bonacina Cesare, Responsabile Servizi Veterinari Lombardia; Dr. Paganelli Giovanni, Presidente IZS Lombardia/Emilia Romagna; Dr. Casartelli Alberto, Consigliere FNOVI; Dr. Andena Nino, Presidente AIA; Dr. Belluzzi Giancarlo, Vice-Presidente AIVEMP; Dr. Giuseppe Licitra, Presidente AIVEMP; Dr. Depetris Dario, Presidente SIVAR; Dr.

Grasselli Aldo, Segretario Nazionale SIVEMP. Nella mattinata, inoltre si terrà un Convegno organizzato dalla SIVAR dal tema “Micotossine nella vacca da latte”. “La diagnosi di laboratorio”, “L’inquinamento da micotossine”, “Clinica e subclinica degli eventi correlati alla presenza di micotossine” saranno gli argomenti trattati durante il convegno. Relatori: Dr.ssa Paola Amodeo - Responsabile Centro Studi APA di Milano; Prof. Johann Bauer - Università di Monaco di Baviera, Germania; Prof. Carlo Nebbia - Facoltà di Medicina Veterinaria di Torino, Settore di Farmacologia e Tossicologia. ■

SIMVENCO: aggiornamenti in agopuntura La SIMVENCO organizza a Perugia il 12-13 ottobre e a Cremona dal 30 novembre al 1 dicembre, due corsi introduttivi all’Agopuntura Veterinaria. I colleghi Francesco Longo, Virgilio Rovani e Marco Testa tratteranno i seguenti argomenti: - Stato dell’arte dell’AV - Il concetto del Tao e la Legge dei Cinque Movimenti - L’AV nella pratica clinica Inoltre, sabato 12 ottobre, prima dell’inizio del corso sull’Agopuntura Veterinaria, si terrà una Tavola rotonda ANMVI/SIMVENCO. L’incontro, che avrà inizio alle ore 10.30, sarà un’occasione per discutere sulle novità e normative in materia di regolamentazione delle medicine alternative; sulle proposte della FNOMCEO e sulla posizione dell’ANMVI per il riconoscimento delle MNC come atto medico veterinario.

14 PUNTI

Siamo lieti di informare i Medici Veterinari interessati che il corso SIVAR di

OMEOPATIA VETERINARIA IN BUIATRIA (Cremona, 5-6 Ottobre 2002) ha ottenuto dal Ministero della Sanità 14 punti ECM. Per l’iscrizione e/o informazioni contattare la segreteria SIVAR in orari d’ufficio (Tel. 0372-40.35.39, info@sivarnet.it o consultare il sito www.sivarnet.it).


24

PROFESSIONE VETERINARIA 8/2002 DALLE ASSOCIAZIONI

7 CREDITI

Aggiornamento

LA COMMISSIONE SCIENTIFICA DELLA SCIVAC PRESENTA IL CALENDARIO DEL 2° SEMESTRE Nel secondo semestre la Commissione Scientifica SCIVAC nell’attività di aggiornamento a livello nazionale propone agli iscritti un Congresso, 3 seminari e 15 corsi pratici. Con il 45° Congresso, proposto in questo periodo dell’anno sempre a Perugia, dal titolo Approccio diagnostico strumentale agli apparati respiratorio, digerente e genito-urinario si intende investigare su tutte le metodiche strumentali (dalle più comuni come la radiologia alle più innovative come la RM e la TAC) utilizzabili nell’approccio diagnostico alle malattie di questi apparati. Tra i corsi pratici spiccano le novità rappresentate dal corso sulla medicina e chirurgia di naso, gola e orecchio, dal corso di medicina e chirurgia del coniglio e dei piccoli roditori da compagnia e dal corso di chirurgia urogenitale. Proprio questi corsi, al momento di andare in stampa hanno già registrato il tutto esaurito di preiscrizioni, segno che vanno a soddisfare un bisogno ed un interesse crescenti in questi settori della veterinaria per animali da compagnia. Da notare che, a differenza del primo semestre 2002, per tutti gli eventi sopracitati è stata effettuata la richiesta di accreditamento ECM presso il Ministero della Sanità. Questo al fine di facilitare il raggiungimento del minimo dei crediti previsti (5), cercando di mettere tutti nelle condizioni di ottenere i crediti in materie specifiche del proprio settore di lavoro e di interesse. Fulvio Stanga, Direttore Scientifico SCIVAC

Eventi accreditati ECM EVENTO

TITOLO

DATA

CREDITO

CORSO

CORSO DI CARDIOLOGIA

12-14 SETTEMBRE

ACCREDITO RICH.

(2a parte) CORSO

ALLA COMMISSIONE ECM 17-20 SETTEMBRE

35

CORSO MASTER IN CHIRURGIA

23-27 SETTEMBRE

26

APPROCCIO CLINICO ORIENTATO AL PROBLEMA

28-29 SETTEMBRE

7

CORSO DI MEDICINA E CHIRURGIA DEL CONIGLIO

8-11 OTTOBRE

34

CORSO DI MEDICINA E CHIRURGIA DI ORECCHIO, NASO E GOLA

CORSO SEMINARIO CORSO

E DEI PICCOLI RODITORI DA COMPAGNIA CORSO

a

a

CORSO DI PRONTO SOCCORSO (1 e 2 parte)

9-12 OTTOBRE

50

E 14-16 NOVEMBRE CORSO

CORSO DI DERMATOLOGIA

17-19 OTTOBRE

21

19

(2a parte) CORSO

CORSO AVANZATO DI ODONTOSTOMATOLOGIA

18-19 OTTOBRE

CORSO

CORSO DI CHIRURGIA GENERALE

17-19 OTTOBRE

Seminario Nazionale “L’approccio clinico orientato al problema” sarà il tema del Seminario Nazionale SCIVAC organizzato il 28 - 29 settembre ad Alghero (SS), presso l’Hotel Calabona, in collaborazione con ASVAC. Relatori dell’incontro: Dr. Marco Caldin e Dr. Tommaso Furlanello. I crediti formativi attribuiti dalla Commissione Nazionale per la formazione continua sono 7. Per scaricare la scheda d’iscrizione: http://www.scivac.it/seminari/PDF/sardegna_280902.pdf PROGRAMMA DEL SEMINARIO: Sabato 28 settembre: 8.30 Registrazione dei partecipanti 9.15 Saluto ed apertura dei lavori 9.30 Anamnesi, segni fisici ed esami di laboratorio: come organizzarli? (parte 1a) 10.15 Anamnesi, segni fisici ed esami di laboratorio: come organizzarli? (parte 2a) 11.00 Pausa caffè 11.30 PU-PD 13.00 Pausa pranzo 14.30 Linfoadenomegalia 15.30 Anemia (parte 1a) 16.00 Pausa caffè 16.30 Anemia (parte 2a) 18.15 Discussione 19.15 Interruzione Domenica 29 settembre: 9.00 Leucocitosi 10.30 Pausa caffè 11.00 Leucopenie 12.00 Casi clinici complessi risolti tramite l’approccio orientato al problema 13.00 Termine del Seminario e consegna degli attestati di partecipazione

mo già raccolto circa 60 adesioni e, grazie a questo il Consiglio Direttivo SCIVAC ha deciso la creazione di un gruppo di studio sul practice management. Con questo articolo vorremmo raggiungere anche altri colleghi estranei alle mailing list che potrebbero comunque aderire a questa iniziativa. Chiunque fosse interessato a quest’idea è pregato di mettersi in contatto con me indicando tutti i propri dati (compresi i numeri di telefono, fax ed eventuale e-mail). L’incontro si terrà domenica 10 novembre a Palazzo Trecchi, Cremona. Roberto Tovini Medico Veterinario Via Petrarca 29 20093 Cologno Monzese - MI Tel & Fax 02 2543324 e-mail: roberto.tovini@libero.it

Incontro regionale SCIVAC Molise L’incontro regionale della Delegazione SCIVAC Molise del 2° semestre a Campobasso è stato posticipato a Domenica 13 ottobre. Argomento della giornata: ANIMALI ESOTICI. Relatore: Dr. Vittorio Capello. Per ulteriori informazioni contattare la Segreteria SCIVAC Lara Zava - Tel 0372/403541 email lara.zava@scivac.it

ACCREDITO RICH. ALLA COMMISSIONE ECM

CONGRESSO

APPROCCIO DIAGNOSTICO STRUMENTALE

25-27 OTTOBRE

11

AGLI APPARATI RESPIRATORIO, DIGERENTE E GENITO-URINARIO NEGLI ANIMALI DA COMPAGNIA CORSO

CORSO DI BIOCHIMICA CLINICA

30 OTT./1 NOV.

24

DEGLI ANIMALI DA COMPAGNIA CORSO

CORSO DI TERAPIA COMPORTAMENTALE

31 OTT./2 NOV.

SEMINARIO

AGGIORNAMENTI IN CHIRURGIA

ACCREDITO RICH. ALLA COMMISSIONE ECM

DEGLI ANIMALI DA COMPAGNIA 2-3 NOVEMBRE

ACCREDITO RICH. ALLA COMMISSIONE ECM

DEGLI ANIMALI DA COMPAGNIA CORSO

CORSO DI CHIRURGIA UROGENITALE

7-9 NOVEMBRE

26

CORSO

CORSO DI CITOLOGIA

12-16 NOVEMBRE

45

SEMINARIO

TERAPIA DEL DOLORE

16-17 NOVEMBRE

ACCREDITO RICH. ALLA COMMISSIONE ECM

CORSO CORSO

CORSO DI RADIOLOGIA TORACICA 7° CORSO VETERINARIO ASAMI TEORICO E

20-23 NOVEMBRE 19-22 NOVEMBRE

25 26

PRATICO SULLE METODICHE DI ILIZAROV CORSO

CORSO DI RIPRODUZIONE DEL CANE E DEL GATTO

5-7 DICEMBRE

10 novembre: nuovo gruppo di studio sul Practice Management

25

All’ultimo Congresso SCIVAC di Milano ho avuto occasione di assistere a tutte le relazioni tenute da Fabrice Clerfeuille sul Practice Management. Non era la prima volta che lo ascoltavo (tra l’altro era già stato a Milano lo scorso anno) ma, nonostante questo, ha regalato a me e a tutti i presenti moltissimi spunti e molti “trucchi” per far funzionare meglio le nostre strutture. In quell’occasione ho colto l’esigenza di alcuni colleghi di trovare un modo per confrontarsi su questi argomenti. Attraverso SCIVAC-forum abbia-

MULTISALA SCIVAC 2003: LE PROSSIME SCADENZE Queste le scadenze per l’invio dei lavori delle relazioni a tema e delle comunicazioni brevi per il Multisala SCIVAC che si terrà al Centro Congressi Fiera Milano dall’8 all’11 maggio 2003. RELAZIONI A TEMA 30 settembre 2002 COMUNICAZIONI BREVI A TEMA E BREVI LIBERE 30 ottobre 2002 Le istruzioni complete per la stesura degli estratti al sito della SCIVAC: www.scivac.it


25

PROFESSIONE VETERINARIA 8/2002 DALLE ASSOCIAZIONI Seminario

SEMEIOTICA DELLE ZOPPIE Giovedì, 7 novembre 2002 FIERA CAVALLI DI VERONA - Auditorium Verdi

9° Congresso Nazionale SIVE 1-2 FEBBRAIO 2003 PISA

RELATORI Barbara Riccio, DVM Università degli Studi di Perugia Perugia Italia Jean Marie Denoix, DVM, PhD Ecole Nationale Vétérinaire d’Alfort Maisons Alfort, Francia

10.30 10.45 12.15 12.45 14.00

09.30

Registrazione dei partecipanti

Saluto del Consiglio SIVE ed apertura dei lavori Semeiotica delle zoppie anteriori Jean Marie Denoix Discussione Pausa pranzo gentilmente offerta da CEVA VETEM Semeiotica delle zoppie posteriori Jean Marie Denoix

15.30

16.00

17.00 17.30

Tiludronato: nuovo approccio terapeutico alle zoppie di tipo osteo-articolare Barbara Riccio Presentazione dei risultati dello studio multicentrico condotto sul tiludronato Jean Marie Denoix Discussione Termine del Seminario e consegna degli attestati di partecipazione

Per motivi organizzativi, la Giornata SIODOV (ex Gruppo di Studio SCIVAC di Odontostomatologia) del 20 Ottobre si terrà presso la sede di Cremona, anziché Perugia.

COMUNICAZIONI BREVI LIBERE: scadenza 30 settembre 2002 Il Comitato Scientifico del 9° Congresso Nazionale SIVE del 2003 invita gli autori a sottoporre estratti per presentazioni orali. Verranno tenuti in considerazione gli estratti sulle più recenti ricerche degli aspetti clinici della medicina equina. I lavori con taglio pratico-applicativo saranno particolarmente apprezzati. Istruzioni per la stesura degli estratti delle comunicazioni brevi libere all’indirizzo internet http://www.sive.it/pdf/comunicazioni_brevi.pdf Inviare gli estratti entro il 30/09/02 a: 9° Congresso SIVE 2003 Comitato Scientifico Comunicazioni Brevi Palazzo Trecchi, I 26100 Cremona

in collaborazione con AVULP Associazione Veterinari Umbri Liberi Professionisti

XX CREDITI CREDITI 11

Per ulteriori informazioni rivolgersi alla segreteria SCIVAC Tel. 0372/403508 - Fax 0372/457091 E-MAIL info@scivac.it

È nuovamente

FORT DODGE

®

FORT DODGE ANIMAL HEALTH

Hill’s*

disponibile la monografia “Manuale di

Animal Health

Elettrocardiografia”.

E.V. S.r.l. tel. 0372-403507 FAX 0372-457091 e-mail. francesca@scivac.it

PERUGIA 25-27 OTTOBRE 2002


Y

26

PROFESSIONE VETERINARIA 8/2002

LETTO SUI QUOTIDIANI

Le verifiche da effettuare per i “rumori” del canile Ogni attività che produce rumore deve dotarsi di una indagine fonometrica. Un canile privato a servizio dell’ente pubblico, distante dalle civili abitazioni due chilometri, in piena zona agricola, senza nessuna abitazione colonica e senza che nessuno abbia inoltrato all’autorità pubblica reclamo, deve sottoporre a indagine acustica l’abbaiare dei cani che custodisce? Qual è, secondo la legge, il luogo idoneo a ospitare un canile o una attività simile? Francesco Garofalo - BARI Per il Dpcm del 1° marzo 1991, qualsiasi emissione sonora (quindi anche l’abbaiare dei cani) rappresenta una fonte che deve essere in qualche modo regolamentata. In base alla legge 447/95, articolo 1, comma 1, lettera c) il canile è una sorgente fissa e come tale è normata dal Dpcm 14 novembre 1997 che prevede limiti assoluti e differenziali. Questi limiti sono contenuti nel medesimo decreto in allegato e sono riferiti all’azzonamento acustico che il Comune del lettore (Bari) ha adottato; se questo piano, per ragioni di carattere burocratico, fosse stato solo approvato, ma non adottato, occorre fare riferimento ai limiti previsti dal Dpcm del 1° marzo 1991, articolo 6, comma 1. In teoria, il lettore dovrebbe procedere alla verifica strumentale dei livelli di emissioni sonore prodotte dall’attività; solitamente si

attende una richiesta comunale o un reclamo inoltrato al comune o all’Arpa (Agenzia regionale di protezione ambientale). Eventuali misure fonometriche devono essere condotte da un dipendente dell’Arpa o da un privato libero professionista. In ogni caso, il tecnico verificatore deve essere un “Tecnico competente in acustica” ai sensi della legge 447/95 e quindi iscritto alle apposite liste pubblicate nei bollettini regionali (Burl). La legge regionale 3 del 12 febbraio 2002 disciplina questa materia: in particolare, l’articolo 11 prevede che le imprese eseguano la verifica fonometrica entro tre mesi dall’approvazione del piano comunale di azionamento acustico. In caso di esito negativo, il canile deve adeguarsi ai limiti mediante un proprio piano di risanamento entro sei mesi. Il piano è trasmesso al Comune per l’approvazione che viene rilasciata, sentita l’Arpa, entro 90 giorni. In caso di superamento dei limiti si rischia una sanzione fino a 2.600 euro mentre in caso di mancata adozione del piano di risanamento acustico la sanzione è di 1.100 euro. Il luogo ove localizzare un canile è la classe VI di cui al Dpcm 14 novembre 1997, definita come le aree esclusivamente industriali (è tollerata solo l’abitazione del custode); in queste aree, infatti, non è prevista l’applicazione del criterio differenziale che sarebbe sicuramente superato dall’abbaiare dei cani. A cura di Ezio Rendina da Il Sole 24 Ore l’Esperto risponde del 19 agosto 2002

I giudici fanno il punto sul valore di consenso informato

della medesima l’ordinamento giuridico italiano, ma tale delega non è mai stata attuata. da Il Sole 24 Ore - Sanità del 27 agosto - 2 settembre 2002

rapporto non va considerato come assimilato a lavoro dipendente. È vero? Preciso che in questa collaborazione svolgo il lavoro di veterinario. Giacomo Vitelli - BERNALDA

Classifica delle pensioni

Come precisato dalla circolare 67/E del 6 luglio 2001, l’attuale formulazione dell’articolo 47, comma 1, lettera c-bis, del Tuir ripropone, con alcune innovazioni, la precedente definizione di rapporti di collaborazioni coordinate e continuative. Si possono distinguere sostanzialmente questi rapporti in due grandi categorie: - i cosiddetti “rapporti di collaborazione tipici” nei quali vanno ricompresi gli uffici di amministratore, sindaco o revisore di società, associazione e altri enti, la collaborazione a giornali, riviste, enciclopedie e simili e la partecipazione a collegi e commissioni; - i rapporti di collaborazione “non tipizzati”, individuati sulla base di criteri di carattere oggettivo, quali la continuità nel tempo della prestazione lavorativa e la coordinazione, che si realizza attraverso l’inserimento funzionale del parasubordinato nell’organizzazione economica del committente. Queste attività devono, inoltre, essere svolte senza vincolo di subordinazione, senza impiego di mezzi organizzati e con retribuzione periodica prestabilita.

“Da alleanza terapeutica a strumento di conflitto” Nella sentenza in esame la Cassazione rileva che sul tema del “consenso informato” del malato c’è stata -negli ultimi anni- un’eccessiva enfatizzazione in chiave giuridica che lo ha trasformato da strumento di “alleanza terapeutica” in fattore di elevata conflittualità giudiziaria. I giudici spiegano che l’unica causa di giustificazione conosciuta dall’ordinamento italiano in tema di consenso è il “consenso dell’avente diritto”, disciplinato dall’art.50 c.p. che esigendo la piena disponibilità del diritto cui il soggetto (che ne è titolare) abdica, non può valere né rispetto ad atti dispositivi della vita (bene indisponibile), né rispetto ad atti che comportino il pericolo di una diminuzione permanente dell’integrità fisica (ex art. 5 c.c.). D’altra parte, spiegano ancora i magistrati, nemmeno la sottoscrizione da parte dell’Italia della Convenzione di Oviedo del 1997 (che rimarca la funzione di requisito di validità del consenso del malato, da acquisire preventivamente) induce alla valorizzazione del consenso preventivo del malato da acquisirsi da parte del medico, pena l’illegittimità del suo operato. La legge 145/2001, infatti, nel dare esecuzione alla Convenzione, delega il Governo ad adottare le disposizioni necessarie per adattare ai principi

Primi i notai ultimi i veterinari Al primo posto ci sono i notai con una pensione media di 50.100 euro. Al secondo i giornalisti con 43.800 euro e al terzo i dirigenti d’azienda con 40 mila, al quarto i pensionati del servizio sanitario pubblico (33.100). Meno di tutti prendono i veterinari (3.300 euro), i coltivatori diretti (5.100), i consulenti del lavoro (5.800), i commercianti (5.900) e i sacerdoti (6.100). da Corriere della Sera di venerdì 26 luglio 2002

Redditi di lavoro dipendente Sono medico veterinario. Svolgo una collaborazione coordinata e continuativa con l’Istituto superiore di sanità da tre anni. Dal 2001 queste collaborazioni sono state assimilate a lavoro dipendente, visto che fino a quel momento avendo la partita Iva ho fatturato questa prestazione. Però, ho letto su una rivista del settore veterinario che se la Co.Co.Co. si svolge nell’ambito dell’area di interesse della laurea che si possiede, il

Il nuovo archivio bibliografico di EV srl contiene tutti i lavori scientifici pubblicati dal 1987 dalle riviste edite da SCIVAC prima e da EV srl poi, e lavori reperiti nella letteratura internazionale a partire, in questa fase iniziale, dal 2001 in avanti. L’aggiornamento è continuo ed è previsto l’inserimento progressivo di lavori pubblicati nelle riviste straniere nel periodo 1998-2000. Per buona parte dei lavori indicizzati è disponibile l’abstract, mentre per quelli italiani è disponibile anche il PDF originale (a partire dal 1995). Oltre ai soliti parametri di ricerca (anno, data, parola chiave) sarà possibile selezionare la specie animale in modo da poter accedere immediatamente ai lavori relativi alla propria area professionale.

Riviste italiane indicizzate Cinologia Collana di Radiologia Clinica EJCAP EJCG EJVP Ippologia Journal of Veterinary Cardiology Large Animals Review Medicina Felina Notiziario Farmaceutico Professione Veterinaria Quaderni di Dermatologia SISCA Observer Veterinaria Veterinary International Veterinary Reports L’inaugurazione del servizio è prevista per la fine di settembre. L’archivo è realizzato e curato dal Collega Enrico Febbo.

www.evsrl.it/vet.journal

L’attuale normativa esclude, inoltre, che possano ricondursi a rapporti di collaborazione coordinata e continuativa quelle prestazioni che rientrano nei compiti istituzionali del lavoratore dipendente o nell’oggetto dell’arte o professione esercitata dal contribuente. Questo esame, diretto a verificare l’eventuale collegamento tra le prestazioni rese e i compiti istituzionali del dipendente, ovvero l’oggetto della professione o arte esercitata, deve essere operato sia per i rapporti di collaborazione tipici che per quelli atipici. Per stabilire se sussista o meno una connessione tra l’attività di collaborazione e quella di lavoro autonomo esercitata bisognerà valutare se per lo svolgimento dell’attività di collaborazione siano necessarie conoscenze tecnico-giuridiche direttamente collegate all’attività di lavoro autonomo esercitata abitualmente. La situazione presentata dal lettore sembra rientrare in questa fattispecie e, pertanto, i compensi percepiti per lo svolgimento dell’attività di veterinario presso l’Istituto superiore di sanità saranno assoggettati alle regole previste per i redditi di lavoro autonomo. da Il Sole 24 Ore L’Esperto risponde del 1 settembre 2002


27

PROFESSIONE VETERINARIA 8/2002

SERVIZIO PUBBLIREDAZIONALE

DALLE AZIENDE

Nestlè Purina: una realtà leader a livello mondiale i è concluso il processo di integrazione tra Friskies, azienda del Gruppo Nestlè e Ralston Purina iniziato nel dicembre 2001, quando le autorità antitrust americane hanno approvato la fusione a livello mondiale. Dal 1° luglio è operativa in Italia la nuova società Nestlè Purina PetCare Italia, forte del patrimonio di Ralston Purina e di Nestlè in materia di ricerca e sviluppo, tecnologia e innovazione. Nestlé Purina leader nel mercato petcare, in costante crescita, intende continuare a guidarne l’evoluzione. Per questo dedica molta attenzione ai 3 grandi protagonisti del mercato: i veterinari, il trade e gli allevatori. Una rete di informatori veterinari opera sul territorio nazionale, con il coordinamento di Antonio Spennati, Veterinary Manager. “In linea con la mission aziendale – afferma Antonio Spennati – il nostro obiettivo è di contribuire a diffondere la conoscenza dell’alimentazione di qualità per i pet e migliorare la relazione uomo-animale, in collaborazione con la comunità veterinaria. Crediamo infatti che il veterinario rappresenti la figura centrale di riferimento nella creazione della cultura nutrizionale del consumatore”. Nestlè Purina propone una gamma di alimenti dietetici, PVD (PURINA VETERINARY DIETS) studiata per garantire il supporto nutrizionale adeguato nel caso di patologie degli apparati cardiovascolare, gastrointestinale, renale,

L’appetibilità è molto importante in alimenti destinati a soggetti sottoposti ad una forma di stress, indipendentemente dal tipo di patologia considerata. In tali situazioni, infatti, l’appetito dell’animale generalmente diminuisce. All’appetibilità si abbina un’alta digeribilità grazie all’elevata qualità degli ingredienti utilizzati, e all’ottimo equilibrio dei vari componenti.

S

urinario; nei casi di diabete, di allergie di origine alimentare e non, e di obesità.

Ad esempio:

L’APPETIBILITÀ

- l’utilizzo di una proteina di basso peso molecolare (PVD Canine HA Formula);

L’elevata appetibilità è una caratteristica fondamentale

LA SINERGIA TRA ALIMENTI DIETETICI ED ALIMENTI FISIOLOGICI Gli informatori scientifici di Nestlè Purina, che visitano gli ambulatori veterinari, parlano al medico veterinario di sinergia e continuità tra PURINA VETERINARY DIETS, alimenti dietetici, e PRO PLAN, alimenti fisiologici Superpremium studia-

L’INNOVAZIONE Le diete veterinarie della linea Purina Veterinary Diets sono il risultato degli studi condotti presso il centro di ricerca a Gray Summit Missoury (USA), il più grande centro di ricerca nel mondo, meta di continue visite di studiosi, ricercatori e allevatori. “Grazie alle più recenti scoperte in campo alimentare, i nostri nutrizionisti sono stati i primi a introdurre molte innovazioni nel petfood – afferma Mauro Ricci, Vet Nutrition Advisor di Nestlè Purina Italia – che hanno modificato il modo di affrontare alcune patologie.

- la formulazione di una dieta che riduce significativamente i fabbisogni insulinici nel gatto diabetico (PVD Feline DM Formula); - l’inserimento di trigliceridi a media catena (MCT) nelle diete per alleviare gli stress gastrointestinali (PVD Canine EN Formula); - l’utilizzo di elevati livelli di proteine per mantenere la tonicità delle masse muscolari durante la perdita di peso dell’animale (PVD OM Formula)”.

che contraddistingue in modo del tutto peculiare i prodotti della gamma PVD.

ti appositamente per le diverse fasi e stili di vita del cane e del gatto. “Preferiamo parlare di approccio nutrizionale globale secondo i diversi stati e stadi fisici dell’animale - prosegue Mauro Ricci - piuttosto che parlare di cane e gatto malati o sani. Infatti la sinergia tra la giusta terapia con prodotti specifici ed il successivo supporto nutrizionale con prodotti fisiologici assicura la corretta continuità nutrizionale necessaria a garantire salute e benessere ai nostri amici animali.” Ciò è assolutamente in sintonia e coerente con l’approccio petcare di Nestlè PURINA per cui petcare significa cura e attenzione nei confronti degli animali da compagnia, perché vivano più a lungo, più felici, più sani.


28

PROFESSIONE VETERINARIA 8/2002

DALLE AZIENDE irresistibilmente delicato e ricco lo rende adatto al mantenimento di tutti i cani adulti dai gusti difficili.

Contro lo stress dei cani e gatti l’innovazione è nell’aria! CEVA VETEM annuncia l’immissione in commercio anche in Italia di 2 importanti prodotti innovativi per controllare e prevenire lo stress di cani e gatti: D.A.P. cani e FELIWAY gatti Diffusori di feromoni già distribuiti ed apprezzati a livello internazionale. D.A.P. (Dog Appeasing Pheromone) è costituito da feromone appagante materno del cane e previene e controlla le manifestazioni legate a paura e stress nel cucciolo e nel cane adulto. I feromoni appaganti del cane sono secreti dalla cagna nel corso dell’allattamento ed hanno il compito di rassicurare la cucciolata e di indurre stabilità emotiva; tali proprietà persistono anche in età adulta regolando lo stato emozionale del cane per tutta la vita. D.A.P. origina dalla ricerca veterinaria e riproduce tutte le proprietà dei feromoni appaganti naturali prevenendo e controllando segni correlati a stress e paura come vocalizzazioni, distruzioni, eliminazione inappropriata e leccamento eccessivo. D.A.P. rassicura il cane che ritrova in un ambiente stressante (ospiti, visite veterinarie, ecc.) e facilita l’adozione di un cucciolo in una famiglia evitando l’insorgenza di problemi comportamentali tipici dei cani giovani (vocalizzazioni notturne ecc.). FELIWAY, già disponibile in spray, è ora in commercio anche sotto forma di diffusore elettrico che ne semplifica l’impiego da parte del proprietario. FELIWAY contine un analogo dei feromoni facciali di gatto, ed il suo impiego consente di prevenire e controllare le reazioni indesiderate del gatto alle situazioni stressanti. Il gatto infatti di fronte a modificazioni ambientali come ad es. traslochi, ricoveri, o in caso di sovrappopolazione, può reagire con disturbi comportamentali quali marcatura urinaria, graffiature verticali, ridotta interazione sociale, perdita di appetito. L’impiego di FELIWAY rassicura il gatto equilibrando il suo comportamento. Anche FELIWAY può essere impiegato al momento dell’arrivo di un nuovo gattino in casa per prevenire la comparsa di stress e dei relativi disturbi. D.A.P. cani e FELIWAY gatti contengono feromoni specie-specifici e quindi possono essere impiegati

insieme nello stesso ambiente senza interferire reciprocamente. Per ulteriori informazioni rivolgersi agli informatori medico-scientifici CEVA VETEM o direttamente a: CEVA VETEM – Via Colleoni, 15 20041 Agrate Brianza (MI) Tel 039.6559.442 Fax 039.6559.244 Email marketing.italy@ceva.com

Nutro® Choice™ Adult Pollo & Riso è l’alimento per cani dallo stomaco delicato Nutro Choice Adult Pollo&Riso è stato attentamente formulato da Nutro, per rendere il pasto un momento di felicità e soddisfazione anche per quei cani dallo stomaco particolarmente delicato: gusto squisito, elevato valore nutrizionale e alta digeribilità sono le caratteristiche chiave di Nutro Choice Adult Pollo&Riso. Nutro ha scelto gli alimenti più semplici che si trovano in natura, come il riso e l’avena e ha selezionato solo le parti migliori della carne pollo e così ha ottenuto una crocchetta dalle eccellenti qualità, Nutro Choice Adult Pollo&Riso. Infatti la miscela di riso e farina di avena, due alimenti ricchi di fibre solubili e insolubili, stimola la motilità del tratto gastro-intestinale e accelera il processo digestivo. La carne di pollo è una eccellente fonte di proteine e carboidrati dal gusto squisito, ma delicato, ha un basso contenuto di grassi e soprattutto è altamente digeribile e perciò favorisce una efficace assimilazione delle sostanze nutritive. Inoltre la formula Nutro Choice Adult Pollo&Riso contiene Glucosamina e Condroitina, due sostanze naturali estremamente utili per il buon funzionamento delle articolazioni, e un ricco apporto di acido linoleico per la salute di pelle e pelo. Nutro Choice Adult Pollo&Riso fornisce all’animale un nutrimento completo di elevato valore biologico ed alta digeribilità studiato specificamente per le esigenze nutrizionali dei cani con stomaco sensibile Non solo, Nutro Choice Adult Pollo&Riso è anche un alimento estremamente appetibile: il suo sapore

Perché il pollo? La carne che per eccellenza è nutrizionalmente più completa e digeribile è la carne di pollo: tutti i nutrizionisti concordano sui vantaggi e benefici che la carne di pollo apporta, in quanto costituita da fibre proteiche scivolose, semplici, agevolmente assimilabili, e in grado di aumentare le masse muscolari in maniera fisiologica. La carne di pollo apporta una nutrizione completa in tutte le fasi del ciclo vitale: • Cucciolo, favorisce una crescita sana senza disturbare lo stomaco; • Adulto, garantisce un mantenimento in linea con le sue esigenze fisiologiche, non appesantisce la digestione ed è particolarmente indicato per i cani con stomaco delicato; • Anziano, le fibre particolarmente morbide favoriscono la masticazione, il basso contenuto di grassi ne impedisce un aumento di peso, alta digeribilità e appetibilità garantiscono l’assunzione del cibo anche nei soggetti più esigenti. Inoltre la carne di pollo apporta un alto quantitativo di calcio e aminoacidi pregiati, tra cui triptofano, lisina, isoleucina, treonina. Perché il riso? La più alta digeribilità del riso nell’ambito dei diversi cereali è da ricercare nel tipo di amido; circa l’80% del granello è costituito da granuli piccolissimi, fino a venti volte più piccoli del frumento, settanta volte quelli della patata. Anche il basso contenuto di grassi favorisce la digeribilità, come anche la minima presenza di scorie, cioè di sostanze indigeribili - 4% rispetto al 10% della pasta. Le proteine presenti sono quelle di alto valore biologico in relazione al rapporto ottimale di aminoacidi: il riso contiene infatti aminoacidi essenziali quali lisina, triptofano e metionina, che sono fondamentali per la crescita nelle giuste proporzioni. Le proteine del riso sono qualitativamente superiori a quelle di ogni altro cereale poiché contengono tutti e diciotto gli aminoacidi da cui dipende il regolare metabolismo umano. Sono inoltre presenti vitamine del gruppo B, PP, E, sali minerali come potassio, calcio e fosforo. Gli alimenti NUTRO sono distribuiti in Italia, esclusivamente nei negozi specializzati, da: LA TICINESE PREMIUM PET FOOD Via Vigentina, 102/a - 27100 Pavia Tel. 0382.573.789 Fax 0382.575.576 Website: www.laticinese.it Per Informazioni, Ufficio Stampa: MEDIATIC - Via Donizetti, 2 I-42100 Reggio Emilia Tel: 0522.383620 Fax: 0522.381484 Email press@mediatic.it Website: www.mediatic.it

FORT DODGE

®

FORT DODGE ANIMAL HEALTH

Droncit® 9% Gel orale per equini Praziquantel Antielmintico per il trattamento orale dei cestodi negli equini Lo sviluppo della ricerca sul principio attivo praziquantel, inizialmente dedicato ai piccoli animali, ha permesso di mettere a punto una specifica formulazione orale per il trattamento delle tenie nel cavallo. Droncit® Gel orale è una specialità veterinaria ad uso orale indicata per il trattamento dei cestoidi (tenie) nel cavallo. Oggi tutti gli antiparassitari contro i parassiti g.i. del cavallo non sono efficaci contro le tenie (Anaplocephala perfoliata). Ora è disponibile; Droncit® 9% Gel Orale per cavalli, un prodotto efficace anche contro questi parassiti. Proprietá Farmacologiche Il praziquantel, derivato pirazinoisochinolinico, è utilizzato come antielmintico in diverse specie animali. Dopo la somministrazione orale, il praziquantel viene assorbito molto rapidamente e pressoché totalmente nello stomaco e nell’intestino tenue. Il picco dei livelli serici viene raggiunto entro la prima ora dopo la somministrazione. Il praziquantel si distribuisce rapidamente in tutti gli organi. Nel cavallo, l’emivita di eliminazione del praziquantel marcato con C14 e dei suoi metaboliti è pari a 5 ore. Il praziquantel viene metabolizzato rapidamente nel fegato. Il principale metabolita è un derivato 4 - idrossicicloesilico. Nel cavallo, 24 ore dopo la somministrazione, circa il 31% della dose viene eliminata con le urine ed il 24% con le feci. Sia in vivo che in vitro si verifica molto rapidamente un grave danno del tegumento dei parassiti, che si traduce nella contrazione e nella paralisi degli stessi. In particolare, questo effetto a rapida insorgenza si spiega per il fatto che il praziquantel modifica la permeabilità della membrana agli ioni calcio, il che provoca un’alterazione nella regolazione del metabolismo parassitario. UN PERICOLO SOTTOSTIMATO - LE TENIE NEL CAVALLO Negli ultimi 15 anni l’incidenza di questa parassitosi è aumentata nel mondo. Concorrono le variazioni climatiche e le modalità di conduzione dei pascoli all’aumento di queste parassitosi. Uno dei possibili fattori è il mancato controllo degli acari orobatidi, ospiti intermedi di questo parassita. Gli acari sono la fonte di infezione del cavallo da Anaplocephala perfoliata che è conosciuta come una delle cause di coliche intestinali. Gli effetti dannosi delle tenie nel cavallo sono evidenti ed i sintomi: perdita di pelo; diminuzione della

perfomance; coliche e diarrea. Se sottostimati possono portare a gravi conseguenze Il CICLO DI VITA DEL PARASSITA 1 - I cavalli ingeriscono gli acari infettati con erba, alimenti o acqua contaminata. 2 - Gli acari liberano i cisticercoidi nell’intestino dove avviene lo sviluppo del parassita adulto 4 - Emissioni di proglottidi/uova nelle feci e assunzione da parte degli acari presenti nel terreno. 5 - Inquinamento di pascoli, acqua ed alimenti da parte degli acari e successiva ingestione. Contro le tenie Droncit® 9% Gel Orale è superiore a tutti gli altri antiparassitari Gli antielmintici attuali sono efficaci contro i vermi tondi ma non contro i vermi piatti. Il controllo dei cestodi è di importanza vitale in tutti i programmi di trattamento antiparassitario. Gli esami delle feci non sempre mettono in evidenza la presenza di tali parassiti, infatti non sempre si riesce ad evidenziare la presenza di uova di cestodi. Pertanto in alcune condizioni di allevamento si consiglia di effettuare trattamenti strategici per il controllo dei cestodi. Il trattamento con Droncit® 9% Gel Orale permette di effettuare una prevenzione sull’animale invece che il trattamento terapeutico su animali malati. Il trattamento preventivo Droncit® 9% Gel Orale deve essere somministrato almeno due volte l’anno, metà estate e fine autunno. È importante trattare tutti gli animali presenti nell’allevamento-maneggio allo stesso tempo per ridurre in modo efficace il rischio di contaminazione del pascolo, dove le probabilità di trasmissione del parassita da animale infetto ad animale sano sono elevate. Il prodotto è sicuro, pratico nella somministrazione, e facilmente accettato dal cavallo. Titolare A.I.C.: Bayer Viale Certosa, 130 20156 Milano Distributore: Fort Dodge Animal Health S.p.A.Viale Amendola, 9 40126 Bologna I comunicati stampa delle aziende devono essere inviati a Lara Zava email: lara.zava@scivac.it


PROFESSIONE VETERINARIA 8/2002

AAA

29

ANNUNCI

Gli annunci si possono ricercare e pubblicare anche on line

www.anmvi.it/servizi/vetexchange www.anmvi.it/servizi/vetjob

VENDO/COMPRO • Cedesi ambulatorio veterinario sito nel centro storico di Anguillara (Roma), sul lago di Bracciano (circa 20 km da Roma), zona molto bella, tranquilla e senza problemi di parcheggio, avviato da 3 anni e con discreta clientela (per tipo e numero). Il locale è in affitto, con canone mensile di 345,00 € e contratto regolarmente registrato. Possibilità anche di abitazione in affitto (310,00 € al mese, contratto registrato) di fronte all’ambulatorio (a 10 metri), 75 mq, riscaldamento autonomo a metano, semiarredato. Per informazioni telefonare allo 06/99.60.73.72 cell. 347/611.29.81 • Vendesi ambulatorio veterinario in Parabiago - MI. Per informazioni 02/5398924 (9.30-12.30) oppure 02/531874 dopo le ore 21. • Causa trasferimento, cedesi ambulatorio veterinario ben avviato e attrezzato nel centro di Trapani. Telefono: 347/7123750. • Vendesi ambulatorio veterinario in Parabiago - MI-. Per informazioni telefonare allo 02/5398924 dalle 9.30-12.30 o allo 02/531874 dopo le 21.00. • Cedesi ambulatorio veterinario, nella prima cintura sud di Torino, causa trasferimento. Completo di apparecchio per anestesia gassosa ed apparecchio radiologico. Telefonare al 348/6625994 • Vendesi apparecchio radiografico EUROASTRE 99 Kv max in ottime condizioni a _ 3000 incluso il montaggio. Per informazioni: Ambulatorio Veterinario, Dott. Giampietro Bucci Sabattini via Battelli 5/a - 61015 Novafeltria (PS) - Tel. 0541/926278 cell. 339/8290322

Per la pubblicazione degli annunci su Professione Veterinaria, Vet Exchange o Vet - Job inviare il materiale a: Lara Zava email: lara@anmvi.it

OFFRO/CERCO LAVORO • Veterinario, residente in provincia di Catania, esperienza ambulatoriale e chirurgica piccoli animali, fornito di attrezzatura ecografia e chirurgica propria, valuta offerte di lavoro e collaborazioni nella zona di Catania e provincia. Per contatti telefonare al 338/3778232 oppure inviare fax allo 095/7893599. • Cerco collega veterinario con esperienza in chirurgia generale per collaborazione o associazio-

ne in ambulatorio veterinario situato in Mola (BA). Tel. 080/4737422 • Veterinario, residente in provincia di Roma, valuta offerte di lavoro in Cliniche veterinarie, Ambulatori o Associazioni di protezione degli animali come medico veterinario o assistente. Per contatti telefonare al 329/0187482 oppure al 328/0523698. • Laureata in Medicina Veterinaria 110 e lode con esperienza nel settore dei piccoli animali cerca lavoro nell’Italia settentrionale. Per ulteriori informazioni chiama-

re 349/1592136. • Stiamo cercando colleghi interessati ad acquistare un Apparecchio Rx Cosmovet 100 special. 100 mA 99 Kv con tavolo e Griglia antidiffusione usato. Sono circa 8 anni che lo usiamo è ancora in ottime condizioni. Lo venderemmo a 2250 euro trattabili con il trasporto in sede e la messa in funzione da parte dell’azienda che ci fornirà l’apparecchio nuovo. Il nostro recapito è: 0175/41809 338/6987697 (CN) • A Milano, possibilità di tirocinio

teorico-pratico in medicina e chirurgia degli animali esotici da compagnia. Non è prevista retribuzione, durata minima un anno. Solo se seriamente interessati a questa disciplina e con buona disponibilità di tempo, inviare curriculum entro il 13/10/2002 all’indirizzo: capellov@tin.it • Valli di Non e Sole (TN), a 15 min. da Madonna di Campiglio, causa trasferimento, cedo attività con due ambulatori (Cles e Malè) completamente attrezzati, avviamento più che decennale. Telefonare ore pasti 338 76 06 828.


30

PROFESSIONE VETERINARIA 8/2002 CALENDARIO ATTIVITÀ

GIORNATA SIDEV/BAYER

15 set.

SICARV (ex Gruppo di Studio SCIVAC di Cardiologia)

15 set.

CORSO SCIVAC

17-20 set.

SEMINARIO SIVE

20 set.

CORSO SIVE

21-22 set.

SEMINARIO SIMEF

21-22 set.

DELEGAZIONE REG. LAZIO - INCONTRO PROVINCIALE

22 set.

DELEGAZIONE REGIONALE SCIVAC ABRUZZO

22 set.

DELEGAZIONE REGIONALE SCIVAC SICILIA

22 set.

CORSO SCIVAC

23-27 set.

SCVI (ex Gruppo di Studio SCIVAC di Chirurgia)

28-29 set.

SEMINARIO SCIVAC

28-29 set.

MONDIALE WSAVA/FECAVA

3-6 ott.

CORSO SISCA

4-6 ott.

CORSO SIVAR

5-6 ott.

DELEGAZIONE REGIONALE SCIVAC LOMBARDIA

6 ott.

CORSO SCIVAC

8-11 ott.

CORSO SCIVAC

9-12 ott.

SIMVENCO (Ex Gruppo di Studio di Med. non Convenzionale)

12-13 ott.

CONVEGNO FNOVI

12-13 ott.

SINVET

12-13 ott.

DELEGAZIONE REGIONALE SCIVAC MOLISE

13 ott.

SIMIV (ex Gruppo di Studio SCIVAC di Medicina Interna)

13 ott.

DELEGAZIONE REGIONALE SCIVAC CALABRIA

13 ott.

DELEGAZIONE REGIONALE SCIVAC LIGURIA

13 ott.

CORSO SCIVAC

17-19 ott.

CORSO SCIVAC

17-19 ott.

CORSO SCIVAC

18-19 ott.

AGGIORNAMENTI IN DERMATOLOGIA - Perugia - Centro Studi SCIVAC/AVULP - Relatori: prof. Didier Parlotti, dr.ssa Fabia Scarampella, dr. Fabrizio Fabbrini, dr. Paolo Bianciardi - Per informazioni: Paola Gambarotti - Segreteria SCIVAC - Tel 0372/403508 - email paola@scivac.it

Cremona - Per informazioni: Catia Arisi - Segreteria SCIVAC - Tel 0372/403506 email catia@scivac.it CORSO DI MEDICINA E CHIRURGIA DI ORECCHIO, NASO E GOLA - Cremona Per informazioni: Catia Arisi - Segreteria SCIVAC - Tel 0372/403506 - email catia@scivac.it ANESTESIA EQUINA - Cremona - Palazzo Trecchi - Relatore Dr. Polly Taylor Per informazioni: Ludovica Bellingeri - Segreteria SIVE - Tel. 0372/403502 - email lbellingeri@sive.it ANESTESIA EQUINA - Novara - Relatore Dr. Polly Taylor - Per informazioni: Ludovica Bellingeri Segreteria SIVE - Tel. 0372/403502 - email lbellingeri@sive.it EMATOLOGIA FELINA - Cremona - Relatori: Dr. Marco Caldin, Dr. Urs Giger Per informazioni: Paola Gambarotti - Segreteria SCIVAC - Tel. 0372/403508 - email paola@scivac.it DIAGNOSI E TERAPIA DELLE CARDIOPATIE PIU’ FREQUENTI DEL CANE - Hotel Astor, via Marco Tullio Cicerone 200 - Frosinone - Per informazioni: Lara Zava - Segreteria SCIVAC - Tel. 0372/403541 - email lara.zava@scivac.it

TRAUMA TORACICO E COMPLICANZE - Abruzzo - Relatore: Dr. Marinucci Per informazioni: Lara Zava - Segreteria SCIVAC - Tel. 0372/403541 - email lara.zava@scivac.it

A.N.M.V.I. Seminario Nazionale

Aspetti legali e deontologici della compravendita del cane Il medico veterinario nel rapporto con il cliente, l’allevatore e il commerciante

In collaborazione con

FNOVI

FSA

AGGIORNAMENTI IN ANESTESIOLOGIA - Palermo - Hotel Principe di Villafranca, via Giuseppina Turrisi Colonna, 4 - Per informazioni: Lara Zava - Segreteria SCIVAC - Tel 0372/40.35.41 - email lara.zava@scivac.it

PROFESSIONE VETERINARIA

CORSO MASTER IN CHIRURGIA DEL CANE E DEL GATTO - Cremona Per informazioni: Catia Arisi - Segreteria SCIVAC - Tel 0372/403506 - email catia@scivac.it

sabato, 30 novembre 2002

Cremona - Per informazioni: Catia Arisi - Segreteria SCIVAC Tel 0372/403506 - email catia@scivac.it L’APPROCCIO CLINICO ORIENTATO AL PROBLEMA - Sardegna - Hotel Calabona - Alghero (SS) - Relatori: Dr. Marco Caldin e Dr. Tommaso Furlanello - Per informazioni: Paola Gambarotti - Segreteria SCIVAC - Tel. 0372/403508 - email paola@scivac.it

Grenada (E) Per informazioni: Juan Rodriguez - email: cvelcabo@alc.es CORSO AVANZATO DI ZOOANTROPOLOGIA - Cremona Per informazioni: Catia Arisi - Segreteria SCIVAC - Tel 0372/403506 - email catia@scivac.it OMEOPATIA VETERINARIA IN BUIATRIA - Cremona - Direttore Corso: Dr.ssa Francesca Pisseri Crediti ECM: 14 - Per info.: Paola Orioli - Segreteria SIVAR - Tel 0372/403539 - email info@sivarnet.it ANESTESIOLOGIA - Lombardia - Relatore: Dr. Alessandro Bonioli Per informazioni: Lara Zava - Segreteria SCIVAC - Tel. 0372/403541 - email lara.zava@scivac.it CORSO DI MEDICINA E CHIRURGIA DEL CONIGLIO E DEI PICCOLI RODITORI DA COMPAGNIA - Cremona Per informazioni: Catia Arisi - Segreteria SCIVAC - Tel 0372/403506 - email catia@scivac.it

CORSO DI PRONTO SOCCORSO 1^parte - Cremona Per informazioni: Catia Arisi - Segreteria SCIVAC - Tel 0372/403506 - email catia@scivac.it Perugia - Centro Studi SCIVAC/AVULP Per informazioni: Catia Arisi - Segreteria SCIVAC - Tel 0372/403506 - email catia@scivac.it GLI ORDINI PER UNA PROFESSIONE VETERINARIA CHE CAMBIA - Roma - Satellite Palace Hotel, Via delle Antille 49, Ostia - Per informazioni: F.N.O.V.I. Sede di Roma, Tel 06/4881190 Cremona - Per informazioni: Catia Arisi - Segreteria SCIVAC - Tel. 0372/403506 email catia@scivac.it ANIMALI ESOTICI - Molise - Campobasso - Relatore: Dr. Vittorio Capello Per informazioni: Lara Zava - Segreteria SCIVAC - Tel. 0372/403541 - email lara.zava@scivac.it Cremona - Per informazioni: Catia Arisi - Segreteria SCIVAC - Tel 0372/403506 email catia@scivac.it ONCOLOGIA - Calabria - Relatore: Dr. Giorgio Romanelli - Richiesto Accredito ECM Per informazioni: Lara Zava - Segreteria SCIVAC - Tel. 0372/403541 - email lara.zava@scivac.it CHIRURGIA DEL GINOCCHIO - Liguria - Per informazioni: Lara Zava - Segreteria SCIVAC Tel. 0372/403541 - email lara.zava@scivac.it CORSO DI CHIRURGIA GENERALE - Perugia - Centro Studi SCIVAC/AVULP Per informazioni: Catia Arisi - Segreteria SCIVAC - Tel 0372/403506 - email catia@scivac.it CORSO DI DERMATOLOGIA 2^ parte - Cremona Per informazioni: Catia Arisi - Segreteria SCIVAC - Tel 0372/403506 - email catia@scivac.it CORSO AVANZATO DI ODONTOSTOMATOLOGIA - Cremona Per informazioni: Catia Arisi – Segreteria SCIVAC – Tel 0372/403506 – email catia@scivac.it

Palazzo Trecchi Sala del Teatro - Cremona Accredito ECM richiesto

PROFESSIONE

VETERINARIA

La rivista è un mensile specializzato rivolto a Medici Veterinari e operatori del settore. Direttore Carlo Scotti Direttore Responsabile Antonio Manfredi Comitato di Redazione Pier Paolo Bertaglia Paolo Bossi Marco Eleuteri Giuliano Lazzarini Pier Mario Piga Capo Redattore Fabrizio Pancini Rubrica fiscale Giovanni Stassi Rubrica legale Maria Teresa Semeraro Coordinamento Editoriale Angelo Franceschini Sabina Pizzamiglio info@anmvi.it Progetto Grafico Germano Pontevichi Editore E.V. srl Via Trecchi, 20, Cremona Iscrizione registro stampa del tribunale di Cremona, n. 263 del 9/7/1991 Concessionaria esclusiva per la pubblicità E.V. srl, Cremona Ufficio Pubblicità Francesca Manfredi tel. 0372/40.35.38 fmanfredi@evsrl.it Per aggiornare il professionista sulla evoluzione delle tematiche professionali Stampa Press Point, Abbiategrasso - MI tel. 02/94965467 Spedizione in abbonamento postale 45%, art. 2 comma 20/B Legge 662/96 - Filiale di Piacenza a cura di Nacor di G. Manfredi, Bobbio - PC - tel 0523/936546 La rivista è gratuita per gli iscritti alle Associazioni Federate ANMVI. Per i non soci è disponibile al costo di € 31,00 come contributo spese di spedizione. Viene inoltre inviata gratuitamente ad Enti Pubblici, Università, Ordini, ASL, Istituti Zooprofilattici e alle aziende di settore. Chiuso in stampa il 6 settembre 2002


Professione Veterinaria, Anno 2002, Nr 8