Page 1

LA NOSTRA TERRA W W W. E U R O P E A E D I TO R I A L E .CO M

L E G U I D E D E L L’ E U R O P E A

LA VAL TROMPIA 2013

M E R AV I G L I OS A LO M B A R D I A

BOVEGNO BOVEZZO CAINO CONCESIO GARDONE LUMEZZANE MARCHENO NAVE SAREZZO TAVERNOLE SUL MELLA IL PASSO MANIVA

M AG A Z I N E , G U I DA & P E R S O N A L S H O P P E R • ¤ 0, 5 0 I EDIZIONE


1


LE GUIDE DELL’EUROPEA

2

IN QUESTO NUMERO

N° 1 3 4 AGOST O 2013

SCOPRIAMO LA NOSTRA TERRA La Nostra Terra. Possente e straordinaria, assolutamente irripetibile come la Val Trompia. Con le montagne che lambiscono le colline, i boschi e i campi che profumano di antica sapienza. Un tesoro che è anche potenzialmente una ricchezza per il futuro del paese, per la sua storia, per le sue tradizioni e anche per il posto che occupa nella geograa del nostro paese. In questo contesto si innesta, orgogliosa-

mente, Meravigliosa Lombardia, la Collana che Europea Editoriale ha voluto dedicare alla zona e ai suoi comuni. La Guida Meravigliosa Lombardia, che abbraccia i comuni di Bovegno, Bovezzo, Caino, Concesio, Gardone Val Trompia, Lumezzane, Marcheno, Nave, Sarezzo, Tavernole sul Mella e il Passo Maniva, vuole raccontare le tradizioni, le radici storiche e il loro legame con la modernità. Una miscela formidabile di emozioni per i turisti che, anno dopo anno, sono in continua crescita alla ricerca di sapori e profumi unici al mondo. Utile e dinamica, la Guida offre al lettore

EUROPEA EDITORIALE Direttore Editoriale Giusi Suffia Direttore Responsabile Enrico Romanetto Responsabile Commerciale Oliviero Pasquali Tel. 373.5325867 Una realizzazione EUROPEA EDITORIALE s.r.l. Direzione, Redazione, Pubblicità, Amministrazione Via Givoletto 5/c - 10149 Torino - Tel. 011.4539211 (r.a.) - Fax 011.45.56.830 Sede Liguria: Via Padre Semeria 30 Ospedaletti (IM) - Numero Verde: 800.314.337 e-mail: info@euroedi.it - grafica@euroedi.it - www.europeaeditoriale.com Iscrizione al registro degli Editori e Stampatori presso l’Ufficio Territoriale del Governo di Torino, Prefettura al n. 2229 Stampa: Reggiani S.p.a. - Gavirate (VA) Distribuzione gratuita agli inserzionisti Promozioni speciali in edicola I dati personali e le attività sono state pubblicate in conformità alla legge 675/96, con il ne di pubblicizzare le attività e le iniziative delle pubblicazioni della Europea Editoriale. I dati sono stati trattati con la massima riservatezza e non saranno diffusi a terzi. Le cartine riprodotte hanno valore puramente indicativo della zona interessata e pertanto non vogliono avere carattere di completezza degli elementi (località, strade, orograa ecc.) presenti sul territorio. La rubrica "Numeri Utili" vuole essere un servizio di semplice supporto ai cittadini. Europea Editoriale non garantisce che numeri e indirizzi non contengano errori, omissioni o variazioni.

Fotograe tratte da: Wikipedia - Lovio Altre fonti: Comune di Bovegno - Roberto Poli, www.comunedibovezzo.com, www.comune.caino.bs.it, Comune di Lumezzane - Mariangela Bernardi, www.comune.marcheno.bs.it, www.manivaski.it, www.museodellearmi.net, www.comune.nave.bs.it, www.comune.sarezzo.bs.it, www.valtrompianews.it Foto di copertina: www.settemuse.it, www.miniereinvaltrompia.it, www.museodellearmi.net

elementi di consultazione quali i numeri utili di ogni singola località, le attività economiche, la buona tavola e poi le cartine toponomastiche con l’elenco delle vie. Una guida da vivere. Una grande slata di notizie e di consigli per gli acquisti che esaltano le imprese commerciali più signicative ma soprattutto più dinamiche visto che - va detto con chiarezza - senza il loro apporto e la loro passione questa pubblicazione non sarebbe mai stata editata. A tutti l’augurio di una buona e utile lettura. L’Editore Giusi Suffia

I COMUNI Bovegno Bovezzo Caino Concesio Gardone Val Trompia Lumezzane Marcheno Nave Sarezzo Tavernole sul Mella Il Passo Maniva

006 9 010 11 0112 014 019 021 022 24 26

LE RUBR ICHE Forchetta Curiosa Salute e Benessere La Tua Casa Auto e Patente Mondo Informatico Speciale Editoria Amici a 4 Zampe Come R icordarli Il Compro Oro Industria e Sviluppo Indice Inserzionisti

029 031 035 038 39 40 42 44 46 47 047

RINGRAZIAMENTI Si ringraziano i Sindaci e i Funzionari tutti, che hanno collaborato fattivamente alla raccolta dei dati e delle informazioni utili per le famiglie ed i cittadini. Un ringraziamento particolare agli Inserzionisti, grazie all’intervento dei quali la Guida verrà distribuita gratuitamente, offrendo un vero servizio alle comunità. Europea Editoriale


3


4


5


6

BOVEGNO

BOVEGNO Dati Statistici Abitanti: 2.262 Altezza s.l.m.: 684 m Superficie: 47,45 kmq CAP: 25061 Comuni Limitrofi Artogne, Berzo Inferiore, Bienno, Collio, Esine, Gianico, Irma, Marmentino, Pezzaze

MUNICIPIO Piazza Zanardelli,1 Tel. 030.926148 - Fax 030.926774 www.comune.bovegno.bs.it info@comune.bovegno.bs.it NUMERI UTILI Farmacie Dalla Vecchia Via IV Novembre, 32 Tel. 030.926154 Uffici Postali Via Aldo Moro 6 Tel. 030.926162

IL LEGAME CON IL TERRITORIO Bovegno, ovvero il rapporto indissolubile tra una popolazione e un territorio carico di storia, di tradizioni, di bellezze naturalistiche. Otto frazioni, undici chiese e una comunità sparsa su un ampio territorio, ancora abbastanza integro dal punto di vista ambientale, in micro-aggregati urbani i cui centri storici si animano soprattutto d’estate. Il capoluogo resta così il cuore pulsante della “movida”, che vivacizza le serate grazie all’impegno ed all’intraprendenza degli esercenti, e la presenza di due grandi parchi pubblici per lo svago - nel paese alto il “Castello”, la pineta con campi da tennis, e nel paese basso il “Piano”, il Parco del ume Mella con aree giochi, bar e laghetto per la pesca sportiva. Le piccole frazioni periferiche di Ludizzo, Magno, Graticelle, Zigole, Predondo e Savenone rivivono invece per il ritorno alla ricerca di refrigerio e tranquillità di affezionati villeggianti e antichi residenti. L’offerta per il turista curioso può essere interessante per l’importante patrimonio artistico, archeologico e storico del comune costituito da edici romanici: la tor-


7

AFFRESCHI DELLA CHIESA DI SAN LORENZO IN MAGNO, DI PROPRIETÀ DELLA SOPRINTENDENZA AI BENI ARCHITETTONICI E CULTURALI DI BRESCIA.

re di Castello, la torre del guardia di Ludizzo, la torre colombaria di Predondo, i resti della torre di San Martino, ormai diroccata, e dalle chiese del 1400: San Rocco, con una strana navata e pala d’altare di Tommaso Bono del XVI secolo, San Lorenzo in Magno con affreschi della scuola del Ferramola, San Michele in Ludizzo con una magnica soasa lignea del 1720 di Fr. Pialorsi, Santa Maria Assunta in Piano con organo ligneo dello stesso Pialorsi (1725), la parrocchiale di San Giorgio in Castello con l’altare di San Giovanni di Baldassarre Vecchi e Giovan Pietro Bonomi (1688), Sant’Antonio in Graticelle con una soasa ed una anconetta della Madonna Bonomi e Calabresi (1711/18) e il bancone della sagrestia di Faustino Bonomi, San Marco in Predondo con la soasa dei boscaì (1535), il santuario della Madonna della Misericordia con il bancone della sagrestia (1710) di Pialorsi e Dossena. L’amministrazione comunale e le associazioni di volontariato come la Fondazione Canossi Ci-

baldi, la corale San Giorgio, la scuola di musica Setticlavio sono impegnate nella organizzazione di attività culturali allo scopo di formare soprattutto i giovani, con occasioni di impegno e creativi strumenti di crescita e maturazione intellettuale. D’altro canto, Bovegno può farsi vanto di aver ospitato personaggi illustri come Angelo Canossi (1862-1943), poeta dialettale bresciano, e Giuseppe Cesare Abba, scrittore e garibaldino. Bovegnese era inoltre Carlo Cibaldi (18411919) autore del “Testamento di un erboraio” così come suo nipote, il professor Aldo Cibaldi, docente, poeta e letterato. Di Bovegno era pure l’insigne studioso Domenico Brentana, preside della facoltà di medicina veterinaria dell’Università di Parma negli anni ’30. Testimoni di un passato industriale minerario ormai dismesso sono gli edici delle miniere, le innumerevoli gallerie e le tracce dei forni fusori risalenti ad epoche remote ma anche alle importanti realtà lavorative ed occupazionali del secolo


BOVEGNO

LE GUIDE DELL’EUROPEA

8

IL SANTUARIO DELLA MADONNA DELLA MISERICORDIA E UNO SCORCIO DI GRATICELLE.

scorso. L’offerta nel campo delle attività sportive e ludiche è garantita dalle seguenti associazioni: la rinata Polisportiva dell’Alta Valle Trompia, impegnata soprattutto nei settori giovanili del calcio, del podismo e dell’escursionismo guidato; l’associazione Tennis Bovegno, cui è afdata la gestione dei campi e del parco pubblico della Pineta di Castello e che organizza l’importante torneo Ernesto della Torre in agosto oltre a promuovere corsi estivi per bambini; la locale sezione Cai impegnata oltre che nella manutenzione del rifugio Capanna Remedio e dei numerosi sentieri, anche nell’organizzazione di ben più impegnative escursioni in ambiente alpino ed incontri-conferenze di e sulla montagna. Numerosi sono i percorsi fruibili e di varia difcoltà (si va da un’altitudine di settecento metri

ai duemiladuecentoventicinque del Monte Crestoso) per escursionismo estivo, mountain bike, uscite con le ciaspole (ormai famosa e frequentatissima la Ciaspoluna in notturna di gennaio a cura del Cai) e sci-alpinismo d’inverno tutte in ambiente montano ben conservato. Di notevole interesse l’accesso al comprensorio Val Grigna, cui il comune aderisce, che tutela in modo assoluto un vasto ambiente naturalistico esteso fra la Valcamonica e la Val Trompia e ne garantisce il patrimonio forestale, oreale e faunistico incentivandone nel contempo le potenzialità zootecniche ed agroalimentari. Meta interessante per gli escursionisti è anche la Capanna Remedio: rifugio Cai con sedici posti letto a quota 1500 metri raggiungibile esclusivamente a piedi in due ore e mezza circa dalla frazione di Graticelle. E’ adagiato in una conca ai piedi delle vette più alte della valle dove è ormai abituale l’incontro e l’osservazione di camosci e caprioli, e trovano dimora , ai conni con la riserva di Cigoleto e di Rosello, coturnici e galli forcelli. Al ritorno può essere graticante una visita al caseicio “monte Muffetto” di Graticelle per un assaggio dei prodotti locali e alle altre aziende agricole attive nel settore caseario con squisiti prodotti bovini e caprini. Da segnalare anche la disponibilità in loco di miele e derivati di pregio e di ottimi salumi. „


9

BOVEZZO

BOVEZZO Dati Statistici Abitanti: 7.551 Altezza s.l.m.: 203 m Superficie: 6,40 kmq CAP: 25073 Comuni Limitrofi Brescia, Concesio, Nave

MUNICIPIO Via Vittorio Veneto 28 Tel. 030.2111211 - Fax 030.2711554 www.comunedibovezzo.com segreteria@comune.bovezzo.bs.it

NUMERI UTILI Farmacie Comunale Bovezzo Via Vittorio Veneto, 17 De Michelis Via dei Prati 26 Tel. 030.2092566 Uffici Postali Via dei Prati 25/h Tel. 030.2711244

LA CHIESA DI SAN ROCCO.

S. ONOFRIO.

IL FEUDO DEI NOBILI I primi insediamenti nella zona di Bovezzo risalgono all’epoca romana, come testimoniato dai reperti archeologici rinvenuti, tra cui alcune tombe. Il toponimo, che in documenti medievali gura nelle forme di Buetio, Boveso, Bovezio e Buezium, è di origini incerte: alcuni studiosi ritengono che esso derivi dal latino Bos, ossia “bue”, mentre altri lo riportano alla voce prelatina “bova”, con il signicato di “smottamento”, o al nome di persona “Bovo”. Dopo aver fatto parte, nell’alto Medioevo, dei possedimenti del vescovo di Brescia, subì diversi passaggi di proprietà: fu infeudata a più nobili famiglie, tra cui quelle degli Avogadro, dei Brioni e dei Rampinelli. Fra le testimonianze del passato spiccano la chiesa parrocchiale, ricostruita nel XVIII secolo su un precedente edicio di culto; il santuario di Sant’Onofrio, sul monte Spina; l’oratorio di San Carlo; l’ottocentesca chiesa di San Rocco, eretta su un’edicola del 1500; il palazzo Bordogna e l’imponente villa Rota, risalente alla ne del Settecento. „


LE GUIDE DELL’EUROPEA

10

CAINO

CAINO Dati Statistici Abitanti: 2.142 Altezza s.l.m.: 385 m Superficie: 17,28 kmq CAP: 25070 Comuni Limitrofi Agnosine, Lumezzane, Nave, Serle, Vallio Terme

MUNICIPIO Via Villa Mattina, 9 Tel. 030.6830016 - Fax 030.6830490 www.comune.caino.bs.it ufficio.segreteria@comune.caino.it

LA PARROCCHIALE DI SAN ZENONE E PALA DELL’ALTARE MAGGIORE .

NUMERI UTILI Farmacie S. Zenone Via Nazionale, 16 Tel. 030.6830784 Uffici Postali Via Nazionale 32 Tel. 030.6830522 TESTIMONIANZE DELL’ETÀ ROMANA: INSEDIAMENTO IN LOCALITÀ POZZOLO E NECROPOLI IN LOCALITÀ CLOASSO.

LE TRACCE DELLA SERENISSIMA Caino si trova distinta in tre blocchi principali: il centro con piazza Trieste, la chiesa di San Zenone e via Villa Mattina che corrisponde alla zona più antica del paese. Una seconda zona è costituita da Novale, la parte nale del paese, al conne est, con alcune abitazioni storiche e numerosi cascinali adagiati ai piedi delle montagne. La zona invece di più recente costruzione è la parte ovest del paese, la prima che si incontra salendo da Brescia. Negli ultimi anni vi è stata infatti una rapida urbanizzazione dovuta alla costruzione di nuove abitazioni, rendendo di fatto questa parte del paese un quartiere residenziale formato da Via Grignole, via San Rocco e dalla meno recente Via Villa Sera. Un piccolo nucleo abitativo è inoltre presente nella zona della Fucina, sulla riva destra orograca del torrente Garza. In questa zona sono presenti insediamenti risalenti addirittura al XVI secolo, quando la Fucina era un maglio fornito di mastro spadaro al servizio della Serenissima Repubblica di Venezia. „


11

CONCESIO

CONCESIO Dati Statistici Abitanti: 15.076 Altezza s.l.m.: 216 m Superficie: 19,14 kmq CAP: 25062 Comuni Limitrofi Bovezzo, Brescia, Cellatica, Collebeato, Gussago, Lumezzane, Nave, Villa Carcina

MUNICIPIO P.zza Paolo VI 1 Tel. 030.2184000 - Fax 030.2180000 www.comune.concesio.brescia.it segreteria@comune.concesio.brescia.it NUMERI UTILI Carabinieri Via Montini, 15 Tel. 030.2751010 Farmacie Comunale Concesio Via Europa, 62 Tel. 030.2007874 Lazzari Gianfranco Via Europa, 156 Tel. 030.2185219 S. Vigilio Via Mazzini 63 Tel. 030.2185012 Uffici Postali Via G. Marconi 51 Tel. 030.2180209

LA FACCIATA DELLA CASA NATALE DI PAOLO VI.

IL PAESE DEL PAPA Il toponimo Concesio deriva probabilmente dal termine latino “Concaesia”, che signica “bosco ceduo”, con chiaro riferimento alla vegetazione del suo territorio; non manca però chi lo riporta alla nobile famiglia dei Concesio. Quest’ultima ipotesi, tuttavia, è poco attendibile, perché la presenza dei Concesio è attestata soltanto a partire dal Duecento. Abitata n da epoca romana, come testimoniato dal rinvenimento nella zona di alcuni reperti archeologici, tra cui gurano i resti di un antico acquedotto, durante il Medioevo passò sotto la giurisdizione dei vescovi di Brescia. Tra le testimonianze storico-artistiche vanno segnalate: la chiesa di San Rocco, nella quale è possibile ammirare alcuni pregevoli affreschi del Quattrocento; la chiesa di Sant’Andrea; il santuario della Madonna della Stella, costruito nella prima metà del XVI secolo; la settecentesca parrocchiale, intitolata a Sant’Antonio, e la casa natale di Giovan Battista Montini, divenuto, nel 1963, papa Paolo VI. „


LE GUIDE DELL’EUROPEA

12

GARDONE VAL TROMPIA

Dati Statistici Abitanti: 11.938 Altezza s.l.m.: 332 m Superficie: 26,73 kmq CAP: 25063 Comuni Limitrofi

GARDONE VAL TROMPIA

Marcheno, Marone, Polaveno, Sale Marasino, Sarezzo

Via Mazzini 2 Tel. 030.8911583 segret@comune.gardonevaltrompia.bs.it www.comune.gardonevaltrompia.bs.it NUMERI UTILI Farmacie Comunale Gardone Via G. Matteotti, 300 Tel. 030.8912510 Comunale Inzino Via G. Matteotti, 75 Tel. 030.8912600 Gaburri Via G. Matteotti, 205/E Tel. 030.8912041 Parrocchie S. Marco Via Costa 2 Tel. 030.8912432 Uffici Postali Via Caregno Tel. 030.8913168 Via G. Armando Diaz 1 Tel. 030.8915711

IL MESTIERE DELLE ARMI I rinvenimenti archeologici nel territorio di Gardone fanno presumere l’esistenza di insediamenti preromani e romani. Il toponimo deriva probabilmente, per la prima parte, dal termine “guarda”, che indicava la “rocca”, e, per la seconda, dall’antico popolo dei trumplini, che un tempo abitava la zona. I primi documenti che la menzionano risalgono a epoche successive: nel Medioevo il nucleo abitato non aveva autonomia amministrativa ma dipendeva dalla località di Inzino, oggi aggregata al capoluogo. Si emancipò soltanto nel XV secolo, in piena dominazione veneta. Con la Repubblica Cisalpina fu capoluogo della valle, a cui era stato conferito il nome di Cantone del Mella. Il patrimonio artistico di un centro dell’importanza di Gardone Valtrompia è appunto inscindibile dalla storia e dalle vicende occorse alla comunità dei suoi abitanti. I numerosi affreschi appartenenti alla scuola bresciana capeggiata dal Moretto e le realizzazioni di artisti minori, per


13

la maggior parte anonimi, sono chiaro esempio del periodo rinascimentale, come d’altronde l’edicazione di santuari devozionali e cappelle votive espressioni della religiosità popolare. L’avanguardia industriale dell’intera valle trova poi conferme negli edici che, come nel caso del Palazzo della Loggetta (progettato dall’illustre architetto bresciano Faustino Soncinelli da Cadignano come sede del comune) sottoposto negli anni a modiche ed interventi, si presentano agli studiosi come un importante documento sulla storia del Comune. L’industria, in particolar modo quella delle armi, è profondamente legata alla storia del paese, tanto da dedicare a questa produzione un museo. È infatti sede della famosa casa produttrice di armi Beretta. In tutta la valle la produzione armiera è consistente e vanta numerose aziende, dalle dimensioni variabili: aziende di ragguardevoli dimensioni si afancano a piccoli laboratori artigianali, spesso a conduzione familiare, dove la produzione delle armi vede pochi pezzi prodotti interamente a mano. „

IL MUSEO DELLE ARMI E DELLA TRADIZIONE ARMIERA Situato in via XX Settembre, si snoda su due livelli. La prima parte è dedicata all’evoluzione storica delle armi, rappresentata mediante signicativi esemplari delle più importanti tipologie di manufatti. Una rassegna che, senza dimenticare esempi di armi bianche ed armature, si concentra sulle armi da fuoco, a partire dal ‘500. Una particolare attenzione è riservata ai prototipi ed ai modelli che hanno costituito momenti di profonde innovazioni tecnologiche. Il secondo livello contiene una signicativa sezione didattica che, con l’ausilio di modelli e lmati, rende accessibile la storia dei processi tecnologici inerenti la lavorazione delle armi. Il laboratorio didattico, allestito in modo da ricordare gli arredi di un’ofcina, è collocato nell’ampio sottotetto. www.museodellearmi.net info@museodellearmi.net


LE GUIDE DELL’EUROPEA

14

LUMEZZANE

LUMEZZANE Dati Statistici Abitanti: 23.320 Altezza s.l.m.: 460 m Superficie: 31,52 kmq CAP: 25065 Comuni Limitrofi Agnosine, Bione, Caino, Casto, Concesio, Marcheno, Nave, Sarezzo, Villa Carcina

MUNICIPIO Via Monsuello, 154 Tel. 030.89291 - Fax 030.8921510 www.comune.lumezzane.bs.it urp@comune.lumezzane.bs.it

TRA I ROMANI E LE INVASIONI BARBARICHE L’etimologia del nome Lumezzane forse deriva da Lume sano, in relazione all’esposizione al sole dei centri abitati; forse ancora da Mettianae, cioè terra della famiglia dei Mettii; oppure da Lemedane che, dal latino Limitare, signicherebbe presidio romano posto al conne del territorio. Tradizionalmente i nuclei principali sono tre: Pieve (con le frazioni di Piatucco, Gazzolo, Fontana, Renzo, Dosso, Valle, Mezzaluna e Termine); Sant’ Apollonio (con Montagnone, Sonico, Premiano e Mosniga); e San Sebastiano (con Faidana); si tratta di tre centri che vengono unicati in un solo centro amministrativo nel 1927. Tre sono anche le testimonianze certe del-

I NUMERI UTILI Carabinieri Via Mazzini, 119 Tel. 030.8920222 Farmacie Arrivabene Piazza Portegaia 11 Tel. 030.828931 Fossati Via Montesuello , 161 Tel. 030.826744 Morandi Via S. Filippo, 162 Tel. 030.8921759

Farmacia San Sebastiano Via Montini, 233 Tel. 030.827788 Scaglioni Via Giacomo Matteotti, 45 Tel. 030.871313 Uffici Postali Via M. L. King 6 Tel. 030.8249811 Via XXV Aprile 121 Tel. 030.826171


15

LA PISTA DI ATLETICA E LA PISCINA COMUNALE.

la presenza romana a Lumezzane: le lapidi della frazione di Pieve, la moneta imperiale rinvenuta a Piatucco e, inne, l’acquedotto Lumezzane Brescia. Fino all’avvento dei romani non si hanno notizie certe rispetto particolari insediamenti umani, ma i recenti studi portano a supporre che quando i tecnici romani iniziarono l’opera di costruzione dell’acquedotto trovarono senza dubbio stanziamenti di gente di antica stirpe retica. A nord della frazione di Pieve, infatti, è conservato il toponimo “Castello” che non si riferisce nella tradizione locale ad un “castrum”

romano ma ad un castelliere preistorico. Nel IV secolo D.C. hanno inizio le disastrose invasioni dei Visigoti e degli Unni; caduto l’impero romano nel 476 i triumplini e con essi i Lumezzanesi passano sotto il dominio degli Ostrogoti a cui successero i Longobardi ed a questi i Franchi. Alterne vicende caratterizzano la vita della comunità nei secoli; nel 1406 Lumezzane passa ai Malatesta che assegnano l’abitato alla Quadra di Mompiano facendo in modo che il paese graviti così su Brescia mantenendosi indipendente dalla Val Trompia. Nel 1427 Lumezzane diventa


16

Quadra autonoma con l’avvento della Repubblica di Venezia che concede poi il capoluogo a Pietro Avogadro. La famiglia bresciana dominerà su Lumezzane no al 1797 anno della caduta della Serenissima. A partire dai primi anni dell’Ottocento il paese conosce una graduale ripresa economica e sociale dopo gli anni difcili del dominio degli Avogadro. Oltre a resti preistorici e romani, dei quali i più importanti riguardano certamente l’antico acquedotto, degna di nota è anche la torre degli Avogadro; nell’architettura sacra spiccano la chiesa dei Santi Sebastiano e Fabiano e, sul monte Conche, il santuario dedicato alla Madonna, risalente al XII secolo. „

LA TORRE AVOGADRO.

LA MAPPA E L’ELENCO VIARIO A. Volta Adua Artigiani Battisti Bossoni Brescia Brugnolotti Cadorna Caduti Campolupi Caselli Cattaneo Cavour Chiocciola Cocca Colle Aventino Corsica Costera

Via Via Via Via Via Via Via Piazza Via Via Via Via Via Via Via Via Via Via

Tav. 1 Tav. 1 Tav. 1 Tav. 2 Tav. 1 Tav. 2 Tav. 1 Tav. 2 Tav. 2 Tav. 2 Tav. 2 Tav. 1 Tav. 2 Tav. 2 Tav. 1-Tav.2 Tav. 1 Tav. 1-Tav.2 Tav. 2

A2 B2 A2 A2-B2 A1 A2 B1-B2 B1 B1 A2-B2 B1 A2 A2 B1 A1-B1 A1 A1-B1 A1

De Gasperi Degli Armieri Dei Mille Della Costa Dieci Giornate Disciplina Don Bastiani Don De Giacomi Don Venossa Don Zubbiani F.lli Bandiera G. Mameli G. Matteotti G. Pascoli Garibaldi Gheda Giuseppe Verdi Gnutti

Via Via Via Via Via Via Piazza Via Via Via Via Via Via Via Via Via Via Via

Tav. 2 Tav. 2 Tav. 2 Tav. 1 Tav. 2 Tav. 1 Tav. 2 Tav. 1 Tav. 2 Tav. 2 Tav. 2 Tav. 2 Tav. 2 Tav. 2 Tav. 2 Tav. 1 Tav. 1 Tav. 2

B1-B2 A2-B2 A1-A2 B1 A1 B1 B2 A2 A1 A1 B2 A1 A1 B1 A1-A2 A2 B1 B2

Gobbi Industriale IV Novembre Lamarmora M. D’Azzeglio M. Luter King Magenta Mainone Manzoni Marconi Maronere Marsala Mazzini Mons. Masneri Monsuello Monte Grappa Montesori Moretti

Via Via Via Via Via Via Via Via Via Via Via Via Via Piazza Via Via Via Via

Tav. 1 Tav. 1-Tav.2 Tav. 2 Tav. 1 Tav. 1 Tav. 1 Tav. 2 Tav. 1 Tav. 1 Tav. 1 Tav. 2 Tav. 1 Tav. 1-Tav.2 Tav. 1 Tav. 1-Tav.2 Tav. 1 Tav. 2 Tav. 2

B2 A2- B2 B1 A2 B2 A2 A1 A2 B2 A2 A1 B2 A1-B2 A2-B2 A2- B2 A2-A1 A1 A1

Segue a pag. 18


17

1

1


LUMEZZANE

LE GUIDE DELL’EUROPEA

18

Segue da pag. 16 Moretto Padre Rivadossi Padre Bolognini Padre Kolbe Padre Marcolini Padre Ghidini Partigiani Piave Portegaia Prada Prati comuni Provaglione Ragazzi dell’99 Rango Ravinaglio Sud Regne

Via Via Via Via Via Via Via Via Piazza Via Via Via Via Via Via Via

Tav. 1 Tav. 1 Tav. 2 Tav. 2 Tav. 1 Tav. 1 Tav. 1 Tav. 1 Tav. 1 Tav. 2 Tav. 1 Tav. 2 Tav. 1 Tav. 1 Tav. 2 Tav. 2

A2 B1 A1 A1 B1 B1 B1-B2 A1 B1 A1 B2 A2 B1-B2 A2 B2 A1

Renzo Repubblica Roma Rossaghe Rossini Ruca S. Francesco San Bernardo San F. Neri San G. Battista San G. Bosco San Michele San N. Tolentino San Pellegrino San Rocco Sant’Antonio

Via Via Via Via Via Via Via Via Via Via Via Via Via Via Via Via

Tav. 1 Tav. 2 Tav. 1 Tav. 1-Tav.2 Tav. 1 Tav. 1 Tav. 1 Tav. 2 Tav. 2 Tav. 2 Tav. 1 Tav. 1 Tav. 2 Tav. 2 Tav. 2 Tav. 2

A1 A2 A2-B2 A1-B2 A1-B1 B2 B2 A1 B1 A1 B1 B1 A1 A2 B1 A1

Santello Simoncelli Sta Margherita T. Tasso Tito Speri Trento Turati Valbella Valle d’Oro Valsabbia Venticinque Aprile Ventiquattro Maggio Ventotto Maggio Vezzola Virgilio Montini Vittorio Veneto

Via Via Via Via Via Via Via Via Via Via Via Piazza Via Piazza Via Via

Tav. 2 Tav. 2 Tav. 1 Tav. 1 Tav. 1 Tav. 2 Tav. 1-Tav.2 Tav. 1 Tav. 1 Tav. 1 Tav. 1 Tav. 2 Tav. 1 Tav. 1 Tav. 1 Tav. 1

A1 B2 B2 B1 A2 B1 A1-B2 B1 B2 B1 B1 A1 B2 B2 B2 A1-B1


19

MARCHENO

Dati Statistici Abitanti: 4.334 Altezza s.l.m.: 372 m Superficie: 22,73 kmq CAP: 25060 Comuni Limitrofi

MARCHENO

Casto, Gardone Val Trompia, Lodrino, Lumezzane, Marone, Sarezzo, Tavernole sul Mella, Zone

MUNICIPIO Via Zanardelli 111 Tel. 030.8960033 - Fax 030.8960305 www.comune.marcheno.bs.it comune@comune.marcheno.bs.it NUMERI UTILI Farmacie Ghidini Via Zanardelli, 33 Tel. 030.861504 Uffici Postali Via Zanardelli, 111 Tel. 030.861136

LA CHIESA E IL PANORAMA DI CESOVO.

NATO DA PIÙ COMUNI Il territorio di Marcheno fu abitato in tempi antichi. Lo dimostrano dei reperti individuati nel 1975, in località Rocca, sulla sponda sinistra del ume Mella tra il capoluogo e Brozzo che risalivano alla prima età del ferro tra l’VIII e il VII secolo avanti Cristo. Gli stessi insediamenti furono abitati anche in epoca romana. Dopo la caduta dell’impero, Marcheno si trovò sotto la giurisdizione della Pieve di San Giorgio di Inzino, da cui ottenne l’autonomia verso la ne del XIV secolo. In quel secolo e in quello successivo era Aleno il centro del Comune, come testimoniano un estimo delle quadre del territorio bresciano del 1389 e un codice malatestiano del 1418. Nei decenni successivi la frazione di fondovalle divenne fondamentale sia dal punto di vista amministrativo (Comune), sia religioso (Parrocchia). L’organizzazione amministrativa napoleonica sancì la fusione del Comune di Cesovo con quello di Brozzo e la separazione di


LE GUIDE DELL’EUROPEA

20

MARCHENO

IL PERCORSO VANDENO Il progetto storico naturalistico della Valle Vandeno, percorso didattico delle scuole del territorio, è nato dalla volontà di riscoprire il gusto della natura in quanto tale: affascinante perchè “incontaminata” (vi si possono osservare infatti specie animali e vegetali rare e protette), perchè custode della nostra storia arcaica (attraverso i fossili), della nostra storia più recente (il sentiero della valle Vandeno è parte del più ampio tracciato noto come “Sentiero della 122esima Brigata Garibaldi”) e delle nostre origini contadine; afnchè una tale ricchezza non si perda assieme al ricordo nostalgico dei nostri nonni. Come arrivare: Percorrendo la strada statale n° 345 della Valle Trompia, superate le prime case del comune di Marcheno in località Croci, si devia a destra. Superato il ponte Gitti sul ume Mella, si arriva in località Rovedolo. Parcheggia-

ta la macchina, ci si incammina verso la stretta Valle di Vandeno, attraversato il torrente omonimo su un ponticello, si prosegue sulla strada di destra no ad una curva dove inizia il sentiero.

Brozzo e Marcheno in due Distretti diversi. Nel periodo della dominazione austriaca i due Comuni tornarono a far parte dello stesso Distretto (quello di Gardone), ma furono nuovamente inseriti in mandamenti diversi dopo l’unicazione italiana. Nel 1927 la denitiva unicazione in uno stesso Comune. Il patrimonio artistico vanta la chiesa dei Santi Pietro e Paolo, che fu costruita a partire dal 1650, consacrata nel 1685 ed ampliata nel coro oltre che nella navata centrale dal 1691 al 1700. Di rilievo la pala rmata

da Francesco Zugno, seguace di Palma il Giovane, datata 1620 rafgurante Gesù consegna le chiavi a San Pietro. La cappella e il santuario della Madonnina sorgono invece sulla destra e sulla sinistra dell’antica strada “valleriana”. L’edicio più antico è poco più di una santella e presenta decorazioni in stucco del ‘700 ed un affresco cinquecentesco rafgurante la Madonna col Bambino in trono e angeli musicanti. Il più ampio santuario, costruzione a pianta centrale, è stato costruito nei primi decenni del ‘600. „


21

NAVE

Dati Statistici Abitanti: 11.009 Altezza s.l.m.: 236 m Superficie: 27,12 kmq CAP: 25075 Comuni Limitrofi

NAVE

Botticino, Bovezzo, Brescia, Caino, Concesio, Lumezzane, Serle

VILLA ZANARDELLI E I RESTI DELLA NECROPOLI DI CORTINE IN SANTA GIULIA. MUNICIPIO Via Paolo VI 17 Tel. 030 2537411 - Fax 030 2533146 www.comune.nave.bs.it urp@comune.nave.bs.it NUMERI UTILI Carabinieri Via Fossato, 31 Tel. 030.2530138 Farmacie Comunale Nave Via Brescia, 177 Tel. 030.2530346 Sant’Orso Via Brescia, 71 Tel. 030.2530134 Uffici Postali Via Brescia 157 Tel. 030.2533921

CONSACRATA AL DIO MITRA Le origini di Nave sono certamente antiche ed è certa la presenza romana nella zona, come testimoniato dal rinvenimento di varie epigra e di una stele funeraria, che tutt’ora si può ammirare nei pressi del municipio. D’altra parte, di chiara derivazione latina sono i nomi di alcune località, come Prada (da Predium) e Castrino (da Castrum), e forse latina è anche l’origine del toponimo, che qualcuno ricollega al termine Navis. La sua storia più recente è storia comune a tutto il bresciano, con la partecipazione alle Dieci Giornate di Brescia e ai moti insurrezionali del ‘48. Fra i monumenti si segnalano varie chiese: il santuario di Conche, con l’annesso monastero fondato da San Costanzo, la quattrocentesca pieve sorta a Mitria sui resti di un edicio pagano dedicato al dio Mitra, la chiesa di San Cesario nella località omonima e la settecentesca parrocchiale del capoluogo afancata da due chiese più piccole e impreziosita da bellissimi altari. „


LE GUIDE DELL’EUROPEA

22

SAREZZO

SAREZZO Dati Statistici Abitanti: 13.607 Altezza s.l.m.: 273 m Superficie: 17,55 kmq CAP: 25068 Comuni Limitrofi Brione, Gardone Val Trompia, Lumezzane, Marcheno, Polaveno, Villa Carcina

MUNICIPIO Piazza Cesare Battisti, 4 Tel. 030.8936211 - Fax 030.800155 www.comune.sarezzo.bs.it comune.sarezzo@comune.sarezzo.bs.it NUMERI UTILI Farmacie Centrale Dr. Appodia Via della Repubblica, 102 Tel. 030.8901167 Comunale Sarezzo Via Dante Tel. 030.800759 Fulgaro M. Antonietta Via Petrarca, 19 Tel. 030.8900550 Uffici Postali Via Giuseppe Verdi 2 Tel. 030.8901220

AL CENTRO DELLA VALLE Il Comune di Sarezzo è sorto in un punto centrale della Val Trompia, dove si stacca la Valle di Lumezzane o Val Gobbia, dall’omonimo torrente che la percorre in tutta la sua lunghezza. Qui convergevano le antiche popolazioni per gli scambi commerciali e del bestiame. Sarezzo rivestiva così un ruolo prioritario in Valle Trompia. Questa realtà ebbe inizio n dai primordi della storia e si è consolidata in epoca celtica e romana. Lo stesso antico nome “Saretium”, ricorda l’idea di steccati e serragli per bestiame. Altri studiosi fanno riferimento per il nome alla selce e nominano il termine “sérès” che però si riferiva al granito di cui a Sarezzo non c’è traccia. Sin dall’antichità a Sarezzo si produceva calce. Ci sono inoltre altre derivazioni possibili, come quella che il nome farebbe riferimento alle “sarése” termine del dialetto saretino che signica ciliegie. Tra le famiglie più illustri, non solo del luogo ma di tutto il Bresciano, vanno ricordati gli Avogadro di Zanano che, nella prima metà del XV secolo, ospitarono il frate Bernardino da Siena, donandogli il terreno su cui sarebbe stata poi costruita la chiesa del convento di Santa Maria degli Angeli di Gardone Val Trompia. Tra i monumenti gurano la tor-


23

re campanaria, costruita verso la ne del 1500; la seicentesca chiesa parrocchiale, sorta sul luogo precedentemente occupato dalla vecchia chiesa dei Santi Faustino e Giovita; il palazzo Montini e la casa Bailo. „ IL MUSEO “I MAGLI” Sin dal suo inizio il percorso museale propone la dimensione culturale e umana delle diverse operazioni di cui era composto il processo produttivo. Cuore del museo è la sala in cui troneggiano i tre poderosi magli, macchine dumili nella struttura ma diverse per rendimento e funzioni. Negli spazi dell’edicio si trovano anche gli attrezzi utilizzati dai forgiatori. La visita alla sala ed al museo è resa più suggestiva da un originale ed innovativo corredo di installazioni multimediali interattive. L’itinerario non può escludere la Fucina Ludoteca del Ferro, un ambiente unico dove è possibile rivivere il ciclo del ferro e giocare con i colori, suoni e proprietà dei metalli. Il museo si trova in via Valgobbia 19. Per info: http://cultura.valletrompia.it/musei Tel. 030.8337495/496


LE GUIDE DELL’EUROPEA

24

TAVERNOLE SUL MELLA

TAVERNOLE SUL MELLA Dati Statistici Abitanti: 1.366 Altezza s.l.m.: 475 m Superficie: 19,83 kmq CAP: 25060 Comuni Limitrofi Lodrino, Marcheno, Marmentino, Pezzaze, Pisogne, Zone

MUNICIPIO P.zza Martiri della Libertà 1 Tel. 030.920108 - Fax 030.9220030 www.comune.tavernolesulmella.bs.it protocollo@comune.tavernolesulmella.bs.it NUMERI UTILI Carabinieri Via Amadini, 27 Tel. 030.920130 Farmacie Scarabello Via Amadini 21 Tel. 030.920151 Uffici Postali Via Amadini 46/48 Tel. 030.920132

IL FORNO DI LEONARDO DA VINCI Il Comune di Tavernole (anticamente di Cimmo) è uno dei più antichi della Valle. Le due località cominciano ad essere citate nel XII secolo; la comunità di Cimmo collaborò nel 1123 alla costruzione della pieve di Bovegno. La formazione della parrocchia di San Calocero a Cimmo, sia pure ancora sotto la giurisdizione di Bovegno, dovrebbe risalire al XIV secolo. Nel frattempo la Valtrompia passò sotto la dominazione veneziana e Tavernole divenne il centro giuridico e amministrativo dei Comuni della valle. Nella porte più elevata (la cui popolazione era ritenuta primatista di longevità) veniva segnalata la produzione di liquori alla genziana ed inoltre era molto diffusa la pratica della caccia. Nel fondovalle era ancora attivo il forno fusorio che venne poi acquistato dai Glisenti (45 dipendenti verso ne secolo) e poi passò anche alla Redaelli. Il forno di Tavernole venne anche ritratto da Leonardo da Vinci in alcuni suoi schizzi, disegnati durante il soggiorno che il genio rinascimentale ebbe proprio in Val Trompia all’inizio del ‘500. „


25


LE GUIDE DELL’EUROPEA

26

IL PASSO MANIVA

LA MONTAGNA A PORTATA DI MANO Il Passo del Maniva è un valico in provincia di Brescia, situato ad un’altitudine di 1.660 metri nelle alpi centrali. Rappresenta il naturale conne tra Val Trompia e Valle del Caffaro. Al termine dell’Alta Valle Trompia e dell’Alta Valle Sabbia, a 10 chilometri dal paese di Collio verso il Passo Maniva, sorge il comprensorio sciistico Maniva Ski. La cornice del Monte Maniva, tra i 1.550 e i 2.100 metri, è davvero suggestiva e offre la possibilità di percorrere circa 45 chilometri di piste di diversa difcoltà: 8 gli impianti tra cui la nuova seggiovia biposto Persole-Dasdana che conduce gli sciatori no alla quota di 2.080 metri. Gli amanti dello snowboard e del freestyle potranno scalare i tre livelli di difcoltà del nuovo Snowpark, mentre i puristi del bianco, i fondisti, avranno a disposizione un anello di 3 chilometri per allenarsi. La scuola “Tre Valli” mette a disposizione maestri competenti e specializzati anche per i portatori


27

IMPIANTI E PISTE

PISTE

di handicap e due campi scuola: Campo Scuola Baby e Campo Scuola Bagolino. Le piste Baby Chalet e Baby Bagolino hanno un dislivello di massimo 40 metri e sono adatte entrambe per i principianti. Un impianto di innevamento articiale di ultima generazione garantisce un manto nevoso sempre curato nell’arco di tutta la stagione invernale. Completano l’offerta turistica

le passeggiate con le ciaspole, i percorsi con la mountain bike, il parapendio e le visite giuidate al parco minerario. Per gli appassionati di pesca esistono inne dei laghetti alpini ricchi di trote di vario tipo e salmerini: Laghi di Ravenola, Lago di Vaia e Lago Dasdana. Per i bambini è invece disponibile un piccolo laghetto presso il Rifugio Bonardi. „


AUTO INDUSTRIA PATENTE E SVILUPPO

AUTO IL COMPRO E PATENTE ORO

AUTO COME E PATENTE RICORDARLI

AUTO AMICI E PATENTE A 4 ZAMPE AUTO SPECIALE E PATENTE EDITORIA AUTO MONDO E PATENTE INFORMATICO AUTO E PATENTE

LA TUA CASA SALUTE E BENESSERE

FORCHETTA CURIOSA

28

LE RUBRICHE

Tante schede ricche di suggerimenti e consigli utili suddivisi per settore. Comode da ritagliare e conservare


FORCHETTA CURIOSA

29

Viaggio a ttra VIAGGIO NEI PRODOTTI TIPICI DELLA VALLE Ogni zona d’Italia ha i suoi prodotti tipici, le sue specialità, le sue ricette segrete, note solo a pochi del paese. Primi, secondi di carne e pesce, vini, bianchi, rossi, rosati, birre tipiche, dolci, grappe e distillati. Tra i prodotti tipici della Val Trompia troviamo vini, insaccati, dolci,

verso i sapori olii, prelibatezze di ogni genere. Tra i tagli di carne più famosi della provincia bresciana trovano posto la rét di capriolo, salume insaccato di origine suina, di grosse dimensioni, preparato con carni tagliate a punta di coltello e aromatizzate con salvia, rosmarino e buccia di limone; la salséesa, un modo dialettale per indicare la comune salsiccia; il salame cotto, particolare insaccato da gustarsi sia cotto sia crudo.


FORCHETTA CURIOSA

30



POLENTA TARAGNA INGREDIENTI PER 6 PERSONE: 350 GR. DI FARINA INTEGRALE DI MAIS, 120 GR. DI FARINA DI GRANO SARACENO, 250 GR. DI BURRO DI MONTAGNA, 250 GR. DI FORMAGGIO MORBIDO MAGRO 250 GR. DI FORMAGGIO MORBIDO GRASSO QUALCHE FOGLIOLINA DI SALVIA Preparazione: Dopo aver mescolato le farine, preparate una polenta con circa 120 gr. di burro e l’acqua (circa 2.50 lt). Quando saranno passati 45” di cottura aggiungete il restante burro e formaggio che avrete tagliato a pezzetti. Mescolate ancora per 20” quindi servite la polenta versandola in fondine singole e conditela con un po’ di burro fuso insaporito con delle foglie di salvia.

 FILETTO DI VITELLO IN MARINATURA LEGGERA ALLA SOIA ED ERBE AROMATICHE CON PUREA DI PATATE ALL’OLIO EXTRAVERGINE E TARTARE DI GAMBERI ROSSI INGREDIENTI: MEDAGLIONI DI FILETTO DI VITELLO 4 (DI 150 G L’UNO), OLIO EXTRAVERGINE D’OLIVA 2 DL, SALSA DI SOIA 1 DL, ERBA CIPOLLINA 30 G, TIMO, LIMONE 10 G, PATATE GIALLE 4, BURRO 20 G, PANNA FRESCA 1 DL, GAMBERI ROSSI 8, SALE MALDON 2 CUCCHIAI, Preparazione: Pelare e tagliare le patate a pezzi, metterle in un tegame con acqua appena sufciente a coprirle e poco sale; portare a cottura. Frullate con il burro, la panna e l’olio extravergine, aggiustate di sale e pepe, conservare al caldo. Preparare la marinatura con il restante olio, la soia, le erbe tritate nemente, il sale e il pepe. Cospargere i letti con sale maldon e pepe, farli

rosolare da ambedue i lati in un sautè antiaderente senza aggiungere nessun condimento. Togliere dal fuoco, immergere la carne nella marinatura (fatta precedentemente intiepidire a 50°C) per almeno 5 minuti. Nel frattempo pulire i gamberi e tagliare la polpa a piccoli dadi, condirla con pochissima marinatura dei letti. Adagiare il purè sulla base di 4 piatti piani caldi, porvi sopra i letti, condire con la tartare di gamberi rossi e poca marinatura. Servite subito.


SALUTE E BENESSERE

31

Belli e in forma LA STORIA DELL’ORTOPEDIA Dovete affrontare un colloquio di lavoro? E’ il primo giorno del vostro nuovo lavoro? La vostra famiglia vi sta massacrando? Ecco qualche consiglio su come potreste alleviare il vostro periodo di stress. Innanzitutto bere molta aranciata, visto che contiene buoni quantitativi di vitamina C. Dopodiché imparare che prima di rispondere ad una telefonata dovete respirare profondamente, mentre a lavoro sarebbe meglio lasciare una radio accesa per ascoltare un po’ di musica. Il resto sono consigli che attraversano la vostra esistenza a 360 gradi. Sorridete spesso anche solo per brevissimo tempo, fate spesso jogging, per almeno 30 minuti, dopo un periodo di forte stress lavorativo, concedetevi una sauna, ricordatevi di canticchiare spesso la vostra canzone preferita, se ne avete la possibilità, date da bere alle piante del vostro giardino, passeggiate o fate un giro in bici in mezzo agli alberi ed alla natura, non affrontate un lavoro pesante dopo una fase di stress elevato, provate a stare svegli no a tardi, restando però calmi sul divano del soggiorno, fatevi una nuotata in piscina. „

La pratica ortopedica risale a epoche lontane, eppure la parola “ortopedia” iniziò a essere usata solo a partire dal 1741. Essa aveva come obiettivo quello di correggere le deformità del sico nei bambini. Sensata è l’etimologia che associa le radici greche “orthos” e “paideia” (educazione), col signicato di “educazione allo star diritti”. I primi dispositivi ortopedici apparvero nel IV secolo a.C. per merito di Ippocrate. Egli mise a punto una tavola di legno che doveva ridurre le lussazioni e le fratture, secondo il principio di immobilizzazione dell’osso o dell’articolazione. Sempre ad Ippocrate si deve la tecnica ancora attuale per la riduzione della lussazione della spalla. In ortopedia le protesi sono componenti atte a sostituire in parte o completamente un segmento scheletrico del corpo umano (es: un arto, una falange) per cause acquisite come un evento traumatico o per cause congenite, restituendo immagine corporea e funzionalità. Queste si dividono in esoprotesi (esterne) ed endoprotesi (interne). „


SALUTE E BENESSERE

32

Assistenza e cura Quello delle case di riposo è un mondo a cui spesso ci si accosta per una necessità impellente: quella di garantire ad un anziano, spesso non autosufciente, le cure e l’assistenza che una famiglia, per quanto unita e rispettosa dei valori umani e personali, non può garantire tra le mura domestiche. Intanto la scelta deve orientarsi su due principi essenziali: la dignità della sistemazione, oggi possibile sempre più spesso in cliniche che sono di fatto case-albergo, con tutti i servizi, compresi quelli ricreativi; e l’assistenza

che in molte case di riposo è assimilabile a quella offerta in una casa di cura o addirittura in una struttura ospedaliera. Molto si è evoluto dai tempi in cui queste sistemazioni erano considerati degli ospizi. Oggi nelle case di riposo, molto si fa per il recupero sico e anche psichico del paziente. Va detto inne che esse oggi godono di beneci da parte dell’ente pubblico. Le convenzioni regionali sono l’ulteriore garanzia che la casa di riposo garantisce servizi di qualità sia sotto il prolo sociale, sia sotto quello sanitario.„


33


SALUTE E BENESSERE

34

Amico farmacista

Una delle eccellenze italiane apprezzate in tutta Europa è la rete farmaceutica, che può contare su oltre 16mila negozi distribuiti in maniera capillare su tutto il territorio nazionale. Una rete che, per circa il 90%, è composta da piccoli imprenditori che garantiscono un servizio basato sul sistema della pianta organica, e cioè

la programmazione dei luoghi in cui collocare le farmacie. Grazie a questo modello, la rete farmaceutica si estende in maniera capillare su tutto il territorio nazionale, comprese le zone in cui la densità demograca è più bassa evitando che tutte le farmacie si concentrino nelle città. „

La farmacia, come luogo della salute e del benessere è sempre più punto di riferimento dove trovare la soluzione ai piccoli problemi di salute quotidiani. La farmacia De Michelis offre ai propri clienti un ampio orario d’ apertura dalle 8 alle 20 tutti i giorni dal lunedì al sabato (l’ unica della Val Trompia), inoltre, da Ottobre a Marzo resterà aperta tutte le domeniche mattina dalle 9 alle 12.30.

All’interno della farmacia potrete trovare un vasto assortimento di prodotti senza glutine per celiaci (secchi, freschi e surgelati) reparto di omeopatia e reparto cosmetico. Tra i vari servizi a disposizione della clientela abbiamo: test per intolleranze alimentari, consulenza per ori di Bach, sedute di trucco gratuite, possibilità di effettuare elettrocardiogramma, holter cardiaco e pressorio. „


LA TUA CASA

35

Casa dolce casa Arredare oggi. Fino agli anni ‘70 la domanda del mercato dell’arredamento era nettamente superiore all’ offerta, tra gli ‘80 e i ‘90 si è raggiunto il pareggio, oggi l’ offerta supera abbondantemente la domanda. Il vantaggio è per l’ utente nale che ha una scelta ampia e differenziata, il problema infatti non è più quello di “trovare” ma quello di “scegliere”. Il rapporto qualità – prezzo è un elemento fondamentale. Nel settore del mobile se una cosa costa 100 nella grande maggioranza dei casi vale 100, se costa 10, vale 10, per cui le “offerte”, spesso, rispecchiano semplicemente il valore reale di quanto proposto. Oltre al mobile bisogna valutare i servizi che comprendono la progettazione, il rilievo, il montaggio, il post vendita. C’ è una grande differenza tra vendere mobili e arredare una casa secondo le necessità e i gusti di chi deve viverla. Sta ad ognuno di noi capire chi incontreremo, capirne la professionalità, la preparazione, la disponibilità, la serietà. Riassumendo in un’ unica

parola la “qualità” di quanto ci viene offerto nel suo insieme. Il mondo dell’ arredamento può e deve essere coinvolgente e affascinante, deve creare funzione e suscitare emozione e, quando torniamo, sia dopo una giornata di lavoro che alla ne di un lungo viaggio dobbiamo provare il piacere di essere a “CASA”. Buon viaggio a tutti in questo meraviglioso mondo.

Arnaldo De Savi 02 far - Nave (BS) info@02far.it


LA TUA CASA

36

CONSIGLI PRATICI NELLA SCELTA DELLA TARIFFA GAS Risponde Lumenergia SpA

Come districarsi tra le diverse offerte attive sul territorio italiano relativamente alla fornitura del gas per utenti domestici? Abbiamo chiesto a Lumenergia SpA, principale fornitore di Gas nel Comune di Lumezzane. Anche per il gas, così come per l’elettricità, il cliente può scegliere se rimanere con il servizio di maggior tutela oppure passare al libero mercato. Con il servizio di maggior tutela si sceglie una tariffa tendenzialmente più stabile mentre con le offerte di libero mercato si può sperare di ottenere offerte più vantaggiose ma spesso accade proprio il contrario e ci si espone di più al rischio di rialzi dei prezzi, facendo eccezione per le offerte con tariffa ssa per 12 o 24 mesi che anche Lumenergia ci conferma di aver reso disponibile ai propri clienti. Scegliere la tariffa migliore diventa un impegno gravoso ed afdarsi a strutture presenti sul territorio diventa un valore aggiunto non indifferente. Le offerte che prospettano forti risparmi sono spesso da valutare con difdenza in quanto solitamente nascondono sorprese non gradite, ricordiamo infatti che soltanto poco meno del 50% del valore della bolletta può essere oggetto dell’offerta, ovvero in parte o tutta la sezione “Servizi di Vendita”, mentre la rimanente parte è un costo invariabile rispetto a qualsiasi offerta venga proposta. „

RISTRUTTURARE CON ARTE La ristrutturazione di un appartamento, deve essere organizzata con estrema attenzione, e non lasciata al caso o, peggio, effettuata con interventi parziali afdati a persone senza specica preparazione professionale.

Alcune soluzioni: L’intonacatura della parete L’intonaco è uno strato di rivestimento protettivo delle murature. Permette di realizzare anche tecniche pittoriche molto rafnate come l’affresco. Il cartongesso risulta attualmente uno dei materiali più usati nell’edilizia leggera data la sua velocità di applicazione e le sue particolari doti termoacustiche. L’utilizzo del gesso come materiale da costruzione è sempre stato piuttosto diffuso, in relazione anche alle locali tradizioni fabbricative. Gli operatori, infatti, ne hanno sempre apprezzato le qualità per la sua facilità di lavorazione e uidità dell’impasto per impieghi in funzione di legante. Il rivestimento a cappotto o isolamento a cappotto può essere realizzato sia sulla faccia esterna della parete che su quella interna. Per la sua semplicità esecutiva, la coibentazione tramite cappotto è utilizzata nella maggior parte delle nuove costruzioni e nella quasi totalità delle ristrutturazioni. La tecnica consiste nell’applicare alle pareti dei pannelli isolanti con appositi sistemi di ssaggio che, successivamente, vengono ricoperti da malte adesive precolorate. „


37

LA SCELTA DEL GIUSTO PAVIMENTO Come scegliere il pavimento giusto per la propria casa? Nella ristrutturazione, o costruzione ex-novo di un appartamento, la scelta del tipo di pavimentazione ricopre un ruolo fondamentale. Il pavimento, che andrà a coprire l’intera supercie della propria abitazione, rappresenta una scelta fondamentale e delicata poichè se un muro è possibile ritinteggiarlo, se un mobile è possibile sostituirlo, cambiare il pavimento ha costi, e svantaggi, davvero rilevanti. Come orientarsi dunque, nella scelta del tipo di pavimentazione? La scelta del materiale è il discrimine che orienta la tipologia di pavimento. Un pavimento che può dunque essere in legno o parquet, in marmo o in cotto, nelle loro varie differenziazioni. Ad oggi, sono i pavimenti in parquet, generalmente per camere da letto e saloni, e pavimenti in cotto, per tutte le stanze, le tipologie maggiormente in voga. Più delicato il parquet, che però magicamente con una lucidatura professionale torna all’antico splendore, più duttile il pavimento in cotto, ormai presente in decine di tipologie differenti per forma, colori e materiale. „


AUTO E PATENTE

38

I

Viaggiare in sicurezza Per conservare al meglio un’automobile ci sono vari modi: c’è chi la tratta come un gioiello, la lucida e la profuma ogni giorno, chi nell’auto vede solo un mezzo per muoversi, senza fronzoli. C’è chi la usa solo per andare al lavoro, chi fa lunghi viaggi, chi la controlla periodicamente e chi si limita a portarla dal meccanico di controvoglia solo quando arriva il momento del tagliando. Ma ci sono delle regole afnché il ciclo di vita di un’automobile duri il più a lungo possibile. La prima e forse più importante regola è dare all’automobile ciò di cui ha bisogno per poter camminare. È buona norma controllare periodicamente tutti i ltri, l’olio, il liquido per i freni e il refrigerante, evitare di lasciare troppo spesso l’auto in riserva di benzina per non sporcare i componenti meccanici del motore, provocandone una più rapida degenerazione, cambiare le gomme quando risultano troppo consumate e non lasciarle mai troppo sgone ma vericare che esse siano tarate alla pressione ideale per quel tipo di vettura. „

PROFESSIONE CARROZZIERE Il termine deriva da carrozza, infatti i primi carrozzieri erano proprio coloro che si occupavano della costruzione di carrozze che, successivamente, con l’inizio del 1900, adattarono il loro lavoro adibendolo ai veicoli a motore. Molte delle più famose carrozzerie italiane ed estere nate in quegli anni tutt’ora sono ancora attive e trasformatesi in vere e proprie aziende di automobili e motocicli o tuner privati e studi di design automobilistico. L’evoluzione delle forme e dei materiali ha costretto i carrozzieri ad operare riparazioni sempre diverse a seconda del danno e della posizione. Ad oggi un carrozziere è in grado di effettuare riparazioni su metallo, plastica, vetroresina e alluminio. L’Italia è uno dei paesi dove più si son formate carrozzerie e centri stilistici, che negli anni hanno fatto crescere in tutto il mondo il valore qualitativo del made in Italy. „


MONDO INFORMATICO

39

Il social media marketing La diffusione capillare di internet e l’avvento di smartphone e tablet hanno decisamente cambiato il nostro modo di comunicare. Ogni giorno passiamo ore sui social network: intratteniamo rapporti su Facebook, guardiamo video su YouTube, twittiamo... E non siamo i soli: moltissime aziende oggi non si limitano a presentarsi sul web attraverso il proprio sito, ma afdano la propria comunicazione ai social, raggiungendo con pochi click milioni di clienti reali e potenziali, informandoli sulle proprie offerte e rac-

cogliendo feedback e consigli. Un’opportunità preziosa che, grazie ai suoi ridottissimi costi e all’alta visibilità, è diventata strumento fondamentale per tutte le realtà aziendali. Attenzione però, una presenza efcace sui social non si improvvisa: sono richieste dedizione, qualità e cura nei contenuti, profonda conoscenza del target e delle dinamiche della rete per saper trovare il messaggio giusto per ogni occasione. Per questo nasce la professione del social media manager. „


SPECIALE EDITORIA

40

L’importanza di scrivere il proprio libro Quanti di noi, nella vita, hanno scritto poesie, racconti, un romanzo, il proprio diario, ma non hanno mai avuto il coraggio o l’idea di pubblicarlo. Incontro molte persone che mi raccontano la loro vita, le loro storie, i loro successi ed anche gli insuccessi e rietto silenziosamente dicendomi … quanto hanno da dare agli altri queste persone, eppure il loro sapere, le loro emozioni rimangono chiuse nel loro cuore e nella loro mente. Ne incontro altre coraggiose ed intraprendenti che hanno pubblicato libri di ricette, d’arte, romanzi, poesie, la propria storia e devo dire che il veder scritto il proprio libro rende queste persone entusiaste, felici, positive e propositive, … e chi ha la fortuna di leggere questi testi riceve un dono grande, una maggiore conoscenza delle proprie radici, della propria cultura, delle proprie origini. Lasciare una traccia del proprio passaggio in questa vita con un libro, non è vanità, è il donare la propria esperienza agli altri, è lasciare una storia magari apparentemente uguale a tante, ma

unica e irripetibile perché testimonianza della propria vita, è condividere il proprio bagaglio culturale arricchendo se stessi e chi poi leggerà, è prendersi tempo per riettere, analizzare, meditare, elaborare le proprie gioie e i propri dolori. Mi è capitato di leggere testi di persone del nostro paese, dove, magari già molto anziani, hanno raccontato le vicissitudini della loro vita. Leggere questi libri mi ha lasciato un segno indelebile, mi ha fatto capire la grande fatica di ogni persona nella vita quotidiana, e mi hanno aiutato ad apprezzare ciò che si ha, a gioire delle piccole cose, perché, tante piccole cose diventano poi grandissime gioie. Ho letto in queste vite la storia del nostro paese in tempi molto difcili e mi hanno arricchito sia per l’aspetto umano che per le conoscenze storiche viste con gli occhi di “normali” cittadini. Scrivere un libro, di qualsiasi argomento si tratti, è un modo per “staccare la spina”, per rimanere con se stessi, ed imparare ad esternare ciò che abbiamo “dentro”. „ Caldera Flavia – Caldera Edizioni


41


AMICI A 4 ZAMPE

42

I migliori amici dell’uomo

L’amore per gli animali non ha confini... Il lavoro di Alice è quello di fare la Toelettatrice...mettere in risalto la forma e l’eleganza dell’animale di razza o incrocio (cane o gatto) attraverso il taglio del pelo e il lavaggio dell’animale stesso. Affidati ad Alice nel negozio Amici per la zampa dove verranno eseguiti lavaggi con prodotti specifici per ogni esigenza,taglio delle unghie,pulizia delle orecchie e degli occhi,tosature e tagli a forbice e ovviamente tantissime coccole per il vostro amico a quattro zampe. Inoltre Alice è iscritta all’associazione APT (associazione professionisti toelettatori) che le permettono periodicamente di aggiornarsi attraverso stage.

La medicina veterinaria è quella branca della medicina che si occupa di studiare la salute e le malattie degli animali domestici, come il cane ed il gatto. I gatti sono animali solitari ai quali piace dormire molto. Hanno bisogno di grattare con le unghie da qualche parte per mantenerle corte ed aflate, non lo fanno per dispetto. Il miglior modo per convivere armoniosamente con un gatto è di lasciare che sfoghi i suoi istinti liberamente: permettetegli di starsene da solo, procurategli un apposito giaciglio, sono in commercio bellissime cucce o lettini dove possono tranquillamente riposare. Se il vostro gatto non ha la possibilità di cacciare, comprategli dei giochi che servano da passatempo. Il gioco è molto importante soprattutto quando è un cucciolo. Il cane è da sempre considerato il migliore amico dell’uomo. Le femmine hanno due periodi d’estro l’anno e la gestazione è di circa 9 settimane. Danno alla luce da 2 a 10 piccoli, secondo la taglia dell’animale. Notevoli sono i cambiamenti apportati nei secoli dalla selezione operata dall’uomo, sia come caratteristiche siche (colore, peso, qualità sensoriali), che come caratteristiche sociali. Al momento dell’acquisto riceverete un certicato di nascita. In un secondo momento vi verrà recapitato il pedigree denitivo. „


43

Se cerchi per il tuo amico a quattro zampe gli alimenti migliori e gli accessori più fashion a prezzi vantaggiosi, il negozio Amici per la zampa è ciò che fa per te. Amici per la zampa infatti propone ai propri clienti i migliori prodotti presenti sul mercato pet garantendo un vasto assortimento di alimenti, accessori e prodotti per l’igiene di cani, gatti, pesci, uccelli e piccoli roditori. Da amici per la zampa la proprietaria, la signora Barbara, saprà consigliarti al meglio, per garantire una crescita ottimale e la massima salute in ogni fase di vita del tuo migliore amico. Infatti solo qui puoi trovare cibo di ottima qualità e delle marche più prestigiose (Royal canin,trainer,shesir,almo nature,monge,...)suddiviso in base alla taglia, alla razza, all’età e alle sue esigenze specifiche. E se vuoi garantire forza e salute al tuo cucciolo, recati ad Amici per la zampa, troverai una vasta scelta dei migliori prodotti antiparassitari (frontline,advantix e scalibor) con uno speciale sconto del 20%. La signora Barbara infine ti consiglierà i migliori prodotti di igiene, snack per premiare il cucciolo, cucce e giochi per cani e gatti. Cosa aspetti allora? Vieni ad Amici per la zampa e troverai tutto ciò che serve per rendere felice il tuo amico a quattro zampe!!


COME RICORDARLI

44

Onorate il ricordo giustizia vissuta dall’uomo come destino ma mai accolta con semplice naturalezza. Per chi muore, la morte è un evento sconosciuto: è la ne di tutto o l’apertura a un altro mondo? Per questo la paura della morte è innestata in ogni vita umana e di fatto è la radice di tutte le paure. Prima o poi, infatti, muore anche qualcuno vicino a noi e non vogliamo dimenticarlo. Ecco che l’essere umano ha sentito il bisogno di dare sepoltura e di porre un segno visibile e tangibile dove il corpo aveva

raggiunto la terra e si era unito a essa per sempre. Da qui la necessità di recarsi alla tomba dei nostri cari, ripulire il sepolcro, lavare la pietra che reca impresso il ricordo, ornarla di ori, illuminarla di un lume sono tutti gesti tesi a celebrare il morto e a ravvivare la comunione vitale con lui. Per ricordarli, abbiamo bisogno di raccoglimento, di un momento di sobria tristezza e di contenuta nostalgia per storie umane, difcili e faticose, ma nelle quali si è trovato un senso che non può essere scomparso con la morte. „


45


IL COMPRO ORO

46

L’eccellenza orafa L’attività di un negozio compro oro consiste essenzialmente nella vendita di gioielli e oggetti preziosi di altra natura a privati, grossisti, intermediari e società di fusione dei metalli. Ciò che caratterizza questo tipo di negozio, e che lo distingue da una normale oreceria, è il fatto di acquistare esclusivamente oggetti usati, per poi rimetterli nel mercato come prodotti niti, oppure come oggetti da rottamare destinati alla fusione. Altro elemento favorevole è la penetrazione sul mercato, che presenta minori problemi rispetto ad altre realtà commerciali. I privati che si recano in negozio per vendere la propria merce rappresentano sia i fornitori sia, spesso, anche i clienti dell’attività. Questo permette di ridurre quell’elemento di complessità tipico della maggior parte delle attività, che è il reperimento della clientela. Al riguardo non è da sottovalutare l’attrattiva che ha sui possibili fornitori, e quindi clienti, la possibilità di ottenere un pagamento immediato e in contanti su ogni oggetto venduto. Ed inne, un elemento che può “nobilitare” questo tipo di attività agli occhi dei più attenti sostenitori delle tematiche sociali e ambientali, è il tema ecologico legato al riciclo dell’oro. Questo metallo presenta numerose qualità rinnovabili; la possibilità quindi di recuperarlo permette un risparmio ecologico considerevole. Compro Oro è un’espressione semplice, immediata, comprensibile a tutti senza tanti giri di parole o perdite di tempo.

Compro Oro è uno slogan chiaro, familiare e democratico che mette cliente e acquirente sullo stesso piano. Compro Oro non è solo un modo di dire, ma è la nostra missione aziendale: infatti ci occupiamo della valutazione e dell’acquisto da privati e professionisti di oro, argento, preziosi, monete e gioielli. Ma come funziona il servizio Compro Oro? È semplicissimo e chiunque può accedervi senza alcuna difcoltà. Per vendere il proprio oro è sufciente recarsi presso LA NOSTRA Agenzia Compro Oro BOVEZZO, muniti di un documento d’identità in corso di validità. Una volta giunti presso la liale Compro Oro con il vostro oro, argento o con eventuali altri metalli preziosi, procederemo alla valutazione del tutto gratuitamente. Ma il punto chiave del successo della formula Compro Oro risiede nel fatto che il vostro oro, argento o platino, o i vostri gioielli e preziosi vengono pagati subito e in contanti, senza alcuna imposta o tassazione sulla transazione. Niente I.V.A., niente tasse, niente lunghe attese o burocrazia: per rivalutare immediatamente i vostri vecchi gioielli in oro e argento, gli orologi in oro, argento e platino, anche rotti, medaglie e monete nuove o antiche, non c’è modo migliore che portarli presso la nostra sede. IL VALORE DEL VOSTRO ORO DIPENDE DALLA SERIETA’ DI CHI VE LO COMPRA.„ A Peso d'Oro - Bovezzo


Industria e sviluppo Il livello competitivo del settore metalmeccanico italiano è decisamente buono. L’industria, infatti, rappresenta circa il 29% del reddito nazionale e vede prevalere i settori metalmeccanico, design industriale, stampaggio e carpenteria metallica, per citarne alcuni, che non solo hanno un ruolo determinante in termini di fatturato, occupazione e numero d’imprese, ma che insieme hanno contribuito nel tempo a rendere famosa in tutto il mondo la produzione made in Italy, sostenendo l’export italiano e fornendo, quindi, un signicativo contributo alla bilancia commerciale nazionale. Inoltre, una peculiarità del sistema industriale italiano è rappresentata dal modello dei “distretti industriali”, radicati all’interno di un sistema-territorio ben denito e costituiti dal tto tessuto di aziende di dimensioni medio-piccole, ognuna specializzata in una specica fase

della liera produttiva. Al tempo stesso, però, il settore industriale si caratterizza per la compresenza di grandi gruppi che hanno fatto la storia industriale del Paese e che hanno contribuito al suo sviluppo. „

Il riciclaggio dei materiali metallici ha assunto al giorno d’oggi una grande importanza, poiché consente di ottenere nuova materia prima mediante la triturazione e la lavorazione dei rottami, contribuendo così alla salvaguardia del nostro pianeta. A Concesio, CM di Monica Cunio opera da oltre 20 anni nel settore del commercio di rottami ferrosi e non ferrosi. L’Azienda si occupa di demolizioni industriali, recupero di rottami, lavorazione e cernita di metalli in genere. Dispone di mezzi di trasporto autorizzati, con gru di scarico e attrezzature scarrabili per il servizio di deposito container e cassoni. Il servizio container è gratuito. CM ROTTAMI Via Giovanni Falcone 91 Concesio (BS) Tel. 030.2185136

INDICE DEGLI INSERZIONISTI AGRITURISMI Azienda Agricola Dazze Via Gitti Marcheno (BS) Tel. 030.8966068

COMPRO ORO A Peso d’Oro Via Brede 4 Bovezzo (BS) Tel. 339.8531791 Pag. 11-II Cop. Pag. 20

ALIMENTARI Macelleria Peruchetti Piazza S. Marco 3 Gardone V.T. (BS) Tel. 030.8912768 Pag. 29 ANIMALI Amici per la Zampa Via Rossaghe 7 Lumezzane (BS) Tel. 030.8920589

Pag. 43

ARREDAMENTO 02 FAR Via San Cesareo 4/B Nave (BS) Tel. 030.2535296 IV Cop. CARROZZERIE Carrozzeria Punto Via G. Galilei 13 Sarezzo (BS) Tel. 030.8901253 Pag. 38 Carrozzeria Rinnova Via Triumplina 72 Brescia Tel. 030.397220 Pag. 13

INDUSTRIA E SVILUPPO

47

EDICOLE Rizzini Paolo Via Zanardelli 3 Marcheno (BS) Tel. 030.861120

Pag. 19

EDILIZIA Ceramiche Paderni Via Padana Sup. 198 Ospitaletto (BS) Tel. 030.640406 Pag. 37 F.M. Impianti Elettrici Via Forno Brolo 9 Bovegno (BS) Tel. 030.9259606 Pag. 7 GA-MA Via Rossaghe 72/D Lumezzane (BS) Tel. 030.829610 Pag. 5 GIELLE Costruzioni Tel. 030.8901640 www.giellecostruzioni.it III Cop. Nuova Franzè Via Artigiani 49 Polaveno (BS) Tel. 030.8940216 Pag. 36 Soluzione Interni Viale Europa 375 Concesio (BS) Tel. 030.2180385 Pag. 4

Studio Tecnico Ferrari Via Dante 191 Sarezzo (BS) Tel. 030.801970 Pag. 23 Tanghetti Adamo Bovegno (BS) Tel. 338.4584887 Pag. 8 EDITORIA Modulgrafica Caldera Via XI Febbraio 59/A Lumezzane (BS) Tel. 030.826263 Pag. 41 ENERGIA Lumenergia Via Montegrappa 76/A Lumezzane (BS) Tel. 030.8922150 Pag. 15 GEOMETRI Piotti Geom. Antonella Via Provinciale 13 Bovegno (BS) Tel. 030.926863

Pag. 8

GIOIELLERIE Madini Piergiorgio Via Monsuello 117 Lumezzane (BS) Tel. 030.827352 Pag. 17


LE GUIDE DELL’EUROPEA

48

INDICE DEGLI INSERZIONISTI

INDUSTRIA Racord www.racord.it

Pag. 24

ISTITUZIONI Comune di Bovegno Piazza G. Zanardelli 1 Bovegno (BS) Tel. 030.926148 Pag. 6 LAPIDEI G.M. Via San Fermo 20 Rovato (BS) Tel. 030.7709121 Pag. 4 ONORANZE FUNEBRI New Service Via Dante 3 Sarezzo (BS) Tel. 030.802818 Pag. 45 Pianta Ivan Via Fanti d’Italia 4/A Nave (BS) Tel. 030.2531483 Pag. 10-21 PARRUCCHIERI Alberto Via Zanardelli 168 Gardone V.T. (BS) Tel. 030.8911006 Pag. 12 Numero 17 Via Antonini 17 Sarezzo (BS) Tel. 030.8031551 Pag. 14-23 PIZZERIE D’ASPORTO Da Gino Via Valsabbia 54 Lumezzane (BS) Tel. 030.8204230 Pag. 16

RISTORAZIONE Osteria Vecchia Bottega Piazza Battisti 29 Sarezzo (BS) Tel. 030.8900191 Pag. 22 ROTTAMI RECUPERO CM Via Falcone 91 Concesio (BS) Tel. 030.2185136

Pag. 1

SANITÀ Farmacia De Michelis Via Dei Prati 26 Bovezzo (BS) Tel. 030.2092566 Pag. 9-34 Fondazione Le Rondini Via Umberto Gnutti 4 Lumezzane (BS) Tel. 030.8920348 Pag. 33 Ortopedia Foresti Via San Paolo 19 Gardone V.T. (BS) Tel. 030.833061 Pag. 31 SOCIETÀ DI SERVIZI Azienda Servizi Valtrompia Via Matteotti 325 Gardone V.T. (BS) www.asvt-spa.it Pag. 13 STUDI DENTISTICI Vitalis Dentis Tel. 348.2410730 www.vitalisdentis.com

Pag. 3

TABACCHERIE Rizzini Paolo Via Zanardelli 3 Marcheno (BS) Tel. 030.861120 Pag. 19 Tabacchi Beccalossi Via Antonini 203 Sarezzo (BS) Tel. 030.800322 Pag. 16 TINTEGGIATURE GA-MA Via Rossaghe 72/D Lumezzane (BS) Tel. 030.829610 Pag. 5 TOELETTATURA Amici per la Zampa Toelettatura Via Rossaghe 7 Lumezzane (BS) Tel. 380.6590409

Pag. 42

TURISMO Chalet Maniva P.le Passo del Giogo 2 Bagolino (BS) Tel. 030.9280882 Pag. 27 Hotel Locanda Bonardi Via Maniva 256 Collio (BS) Tel. 030.9220911 Pag. 26 WEB SERVICE P-Soft Tel. 030.2002672 www.p-soft.biz

Pag. 39


Val Trompia 2013  

Val Trompia 2013

Val Trompia 2013  

Val Trompia 2013

Advertisement