Issuu on Google+


1


2


IN QUESTO NUMERO

3

N° 137 - OTTOBRE 2013

I COMUNI

EUROPEA EDITORIALE Direttore Editoriale Giusi Suffia Direttore Responsabile Enrico Romanetto Una realizzazione EUROPEA EDITORIALE s.r.l. Direzione, Redazione, Pubblicità, Amministrazione Via Givoletto 5/c - 10149 Torino - Tel. 011.4539211 (r.a.) - Fax 011.45.56.830 e-mail: info@euroedi.it - grafica@euroedi.it - www.europeaeditoriale.com

Mantova

004

Bagnolo San Vito

021

Castel Goffredo

023

Curtatone

024

Goito

026

Gonzaga

027

Guidizzolo

28

Marmirolo

029

Pegognaga

30

Iscrizione al registro degli Editori e Stampatori presso l’Ufficio Territoriale del Governo di Torino, Prefettura al n. 2229

Porto Mantovano

031

Roverbella

033

Stampa: Reggiani S.p.a. - Gavirate (VA) Distribuzione gratuita agli inserzionisti Promozioni speciali in edicola

San Benedetto Po

034

San Giorgio di M.

035

Suzzara

036

Virgilio

037

Volta Mantovana

039

I dati personali e le attività sono state pubblicate in conformità alla legge 675/96, con il ne di pubblicizzare le attività e le iniziative delle pubblicazioni della Europea Editoriale. I dati sono stati trattati con la massima riservatezza e non saranno diffusi a terzi. Le cartine riprodotte hanno valore puramente indicativo della zona interessata e pertanto non vogliono avere carattere di completezza degli elementi (località, strade, orograa ecc.) presenti sul territorio. La rubrica "Numeri Utili" vuole essere un servizio di semplice supporto ai cittadini. Europea Editoriale non garantisce che numeri e indirizzi non contengano errori, omissioni o variazioni.

LE RUBR ICHE 33 Salute e Benessere I-X XII

Fotograe tratte da Wikipedia di: Ligabo, Marcok, Riccardo Speziari, Roberto Ferrari, Zavijavah Altre fonti: www.comune.curtatone.mn.it, www.comune.gonzaga.mn.it, www.comune.mantova.it, www.comune.pegognaga.mn.it, www.lombardiabeniculturali.it, www.mantovanotizie.com, www.parcodelmincio.it, www.prolococastelgoffredo.com, www.virgilio.gov.it

Forchetta Curiosa

040

La Tua Casa

043

Auto e Patente

045

Il Bello della Moda

46

Amici a 4 zampe

047

Indice Inserzionisti

047


LE GUIDE DELL’EUROPEA

4

MANTOVA

MANTOVA Dati Statistici Abitanti: 48.612 Altezza s.l.m.: 19 m Superficie: 63,97 kmq CAP: 46100 Comuni Limitrofi Roncoferraro, Porto Mantovano, San Giorgio di Mantova, Curtatone, Bagnolo San Vito, Virgilio

MUNICIPIO Via Roma, 39 Tel. 0376.3381 www.cittadimantova.it sportellounico@domino.comune.mantova.it

CULTURA, NATURA E SAPORI UNICI A TAVOLA E’ denita “Città Patrimonio Mondiale dell’Unesco”, in quanto unica, dove la storia e l’arte antica dialogano con la modernità dei linguaggi creativi e delle creazioni culturali. Musei, monumenti, buon cibo, escursioni naturalistiche, appuntamenti culturali, sono solo al-


5

PIAZZA DELLE ERBE. In prima pagina, PALAZZO TE.

cuni dei motivi per visitare Mantova. Situata al centro della pianura padana, Mantova è stata n dalle sue origini circondata dalle acque. I suoi primi insediamenti si svilupparono, probabilmente, già ai tempi degli Etruschi, in un’area corrispondente all’attuale Piazza Sordello. Ma furono i Gonzaga, a partire dal XIV secolo, che diedero un forte impulso culturale e artistico alla città, delineandone l’attuale struttura urbanistica e architettonica. Durante i quattro secoli di regno, i signori di Mantova ospitarono a corte i più illustri artisti del tempo quali Leon Battista Alberti, Pisanello, An-

drea Mantegna, Giulio Romano, Rubens e altri, le cui opere contraddistinguono ancora oggi la città in tutto il suo splendore. Una città “a misura d’uomo” Mantova è una città a misura d’uomo, dove le distanze sono facilmente percorribili a piedi con una piacevole passeggiata nel centro storico per raggiungere i principali siti di interesse culturale. Ma per visitarla, per la ricchezza e l’immensità del suo patrimonio culturale e monumentale, occorre fermarsi due o tre giorni. Solo così vi immergerete nell’atmosfera accogliente di questa città dal fascino rinascimentale.


MANTOVA

LE GUIDE DELL’EUROPEA

6

IL TEMPIO DI SAN SEBASTIANO.

Piacevolmente per le vie del centro storico Per ammirare la città ci sono i percorsi a piedi, in bicicletta e in barca. Circondata dal ume Mincio, che ingrossandosi da vita a tre laghi, la città incanta anche per l’ambiente naturale: cigni, aironi e gabbiani, il verde delle canne, l’azzurro dell’acqua e la oritura estiva dei ori di loto. Il percorso del ume è un comprensorio di grande interesse naturalistico, storico, devozionale e culturale, protetto dal 1984 tramite l’istituzione del Parco del Mincio. Da gustare, con passione Prodotti locali e saporite specialità gastronomiche come i tortelli di zucca, il risotto alla pilota e il “menà”, il luccio in salsa, sono i pilastri di una cucina dalle antiche tradizioni, rafnata nelle sue realizzazioni ma estremamente popolare nella capacità di sfruttare tutto ciò che madre


7

CARLO POMA, PATRIOTA ITALIANO, UNO DEI MARTIRI DI BELFIORE E UNA XILOGRAFIA DEI MARTIRI CONDOTTI AL PATIBOLO.

natura offre. Tra i punti di forza della gastronomia mantovana c’è il maiale: alimento cardine di questa cucina, viene proposto in mille versioni molto apprezzate, soprattutto il salame e la “salamèla”. Protagonisti, a seguire, sono la zucca – base per la preparazione dei famosi tortelli – e due formaggi dal nome importante: Grana Padano, che si produce sulla riva sinistra del Po, e Parmigiano Reggiano, che, invece, abita sulla riva destra del ume. Da ricordare è la “Strada del riso e dei risotti mantovani”, che ci dà appuntamento, con le sue


MANTOVA

LE GUIDE DELL’EUROPEA

8

L’INTERVISTA A NICOLA SODANO - SINDACO DI MANTOVA

UNA CULTURA CHE VA OLTRE LA CRISI Qual è la situazione dei servizi al cittadino nel suo Comune? «Il welfare è da sempre uno dei punti qualicanti dell’azione amministrativa del Comune di Mantova. I tagli alle nanze comunali hanno molto penalizzato i bilanci degli enti; sono quindi ero di poter dire che qui, mediante ottimizzazioni e razionalizzazioni, sostanzialmente si è mantenuto per quantità e qualità il livello dei servizi. In qualche caso siamo andati oltre, nonostante la crisi imponga di moltiplicare gli interventi a favore delle fasce deboli, sempre più numerose». Esiste un piano di sviluppo turistico/economico nel suo Comune? «Stiamo rilanciando le potenzialità d’uno sviluppo economico e turistico che assecondi la vocazione culturale “alta” della città, valorizzandone il patrimonio monumentale, artistico ed enogastronomico. Nonostante le risorse sempre più scarse, ci stiamo muovendo su più loni: il principale è la candidatura di Mantova

feste e le sagre, per farci scoprire il riso “vialone nano”, dal chicco rotondo, si produce sulle rive del Mincio. A tavola, nelle tipiche trattorie Perché non gustare, dopo una piacevole passeggiata turistica, un saporito risotto alla pilota oppure i delicati tortelli di zucca, piatto tipico della Vigilia di Natale, o ancora i maccheroncini con

lo stracotto d’asino? Come secondo, provate il luccio in salsa, pesce caratteristico del ume Mincio dal gusto delicato e servito con una salsina di verdure, oppure lo stracotto d’asino con polenta abbrustolita. E per nire, prima di passare alla torta sbrisolona (da mangiare rigorosamente con le mani), degustate il grana padano servito con mostarda


9

Nella pagina precedente, LA SACRA FAMIGLIA E FAMIGLIA DEL BATTISTA, AFFRESCO DEL MANTEGNA ALL’INTERNO DELLA BASILICA DI SANT’ANDREA. Qui sopra, PALAZZO BONACOLSI.

a Capitale Europea della Cultura per il 2019, per la quale si stanno mobilitando istituzioni ed eccellenze del territorio. Qualunque sia l’esito nale, si tratta di un grande progetto che mette in rete esperienze, enti e associazioni al servizio di un marketing territoriale sviluppato a breve, medio e lungo termine». Quale peso ha il turismo nell’economia del suo Comune? «Il turismo e il relativo indotto sono per Mantova una risorsa vitale: circostanza che ci ha molto penalizzato nel 2012, a seguito del terremoto. L’abbattimento per mesi dei ussi turistici ha messo in ginocchio imprese e negozi; ci stiamo riprendendo, ma alcune ferite stentano a rimarginarsi. Solo nel 2014, ad esempio, tornerà visitabile la Camera degli Sposi affrescata da Mantegna a Palazzo Ducale: per un monumento da 250mila visitatori l’anno, un “vulnus” gravissimo».

mantovana di frutta. Da bere in compagnia Un capitolo lo dedichiamo ovviamente ai vini mantovani. Mantova è famosa anche per la “Strada dei vini e dei sapori mantovani”: dal Merlot, al Pinot, al Cabernet sauvignon, al Lambrusco, e la festa può continuare. La provincia di Mantova vanta antiche radici

viticole, le prime tracce di viticoltura risalgono già all’anno 675 dopo Cristo ma il vero sviluppo inizia attorno all’anno Mille. Attualmente nel mantovano troviamo coltivata


MANTOVA

LE GUIDE DELL’EUROPEA

10

LA FACCIATA DI PALAZZO CANOSSA.

la vigna in due zone caratteristiche: la pianura e la collina. Due ambienti che si distinguono con prodotti altrettanto diversi. La tecnologia di produzione è tra le più innovative, acciaio e termoregolazione integrano la tecnica più tradizionale del barrique dedicata ai vini da uve più classiche. Fiere e mercatini locali Dal mercato contadino (ogni sabato mattina sul Lungorio IV novembre) a quello dell’antiqua-

riato (ogni terza domenica del mese in piazza Sordello), passando per la era itinerante del brocante (mercatino di anticaglie, curiosità, abbigliamento e libri usati, aperto in via Daino (zona Anconetta) e nel quartiere di San Leonardo) e per il mercato settimanale (ogni giovedì nel centro storico). Benvenuti nel mondo delle ere e dei mercatini locali, dove ne vedrete delle belle. „


11

NUMERI DI PUBBLICA UTILITÀ POLIZIA LOCALE Viale Fiume 8/a Tel. 0376.338888 - 0376.323181 0376.322724 CARABINIERI Via Giovanni Chiassi 29 Tel. 0376.4651 BIBLIOTECHE Biblioteca Teresiana Via Roberto Ardigò, 13 Tel. 0376.321515 Biblioteca Mediateca Gino Baratta Corso Garibaldi, 88 Tel. 0376.352711 Biblioteca Di Quartiere Lunetta Via Veneto, 31/A Tel. 0376.370712 Biblioteca Di Quartiere Colle Aperto Via Calamandrei, 25 Tel. 0376.392391 Biblioteca Di Quartiere Te Brunetti Via Facciotto, 5 Tel. 0376.326990 Biblioteca Di Quartiere Borgochiesanuova Viale Europa, 31 Tel. 0376.262011 SCUOLE DELL’INFANZIA Angeli Ricordo Ai Caduti Via Cremona 56 Tel. 0376.380287

Anna Frank Via Volta 10/A Tel. 0376.323409 Chiesanuova Via P.Miglioretti Tel. 0376.380249 Cittadella Via S.Giovanni Bono Tel. 0376.398313 Collodi Via Indipendenza 22/A Tel. 0376.262016 Francesco Campogalliani Via Parilla Tel. 0376.328895 Gianni Rodari Via Platina 1 Tel. 0376.327461 I.C. Mantova 1 Piazza Seminario, 4 Tel. 0376.329409 I.C. Mantova 2 Via Grossi 5 Tel. 0376.322061 I.C. Mantova 3 Viale Gobio 8/10 Tel. 0376.328702 Lunetta ‘Bernì Via Canneti Tel. 0376.370135 SCUOLE PRIMARIE Angeli Don Minzoni Via Cremona 58 Tel. 0376.380273 Ardigò Via Gandolfo 17/A Tel. 0376.320373 Cittadella Via S.Giovanni Bono Tel. 0376.398313 De Amicis Via Indipendenza 49 Tel. 0376.262005 Don Mazzolari Via Grossi 5 Tel. 0376.322061 I.C. Mantova 1 Piazza Seminario, 4 Tel. 0376.329409 I.C. Mantova 2 Via Grossi 5 Tel. 0376.322061 I.C. Mantova 3 Viale Gobio 8/10 Tel. 0376.328702 Lunetta ‘Salvador Allendè Viale Calabria Tel. 0376.370360 Mantova Ospedale Viale Albertoni, 1 Tel. 0376.201452


LE GUIDE DELL’EUROPEA

12

NUMERI UTILI MANTOVA

NievoVia Torquato Tasso 2 Tel. 0376.324729 Pomponazzo Via Porto 4 Tel. 0376.27061 Scuola Carceraria Via Poma SCUOLE SECONDARIE I GRADO Casa Circondariale di Mantova Via Carlo Poma 3 Tel. 0376.328829 I.C. Mantova 1 Piazza Seminario, 4 Tel. 0376.329409 I.C. Mantova 2 Via Grossi 5 Tel. 0376.322061 I.C. Mantova 3 Viale Gobio 8/10 Tel. 0376.328702 S.M.S. G. Bertazzolo Via della Concilazione 75 Tel. 0376.326496 Scuola Media Alberti Piazza Seminario 4 Tel. 0376.329409 Scuola Media Sacchi Via Gandolfo,17/A Tel. 0376.365483

GLI ITINERARI NATURALISTICI Percorsi a piedi, in bicicletta e in barca alla scoperta dell’ambiente naturale che abbraccia la città. Circondata dal ume Mincio la città incanta per l’ambiente naturale Il percorso del ume è un comprensorio di grande interesse naturalistico, storico e culturale, protetto dal 1984 dall’istituzione del Parco del Mincio.


13

SCUOLE SECONDARIE II GRADO Itg E Mag.le Via Tasso 1 Tel. 0376.323746 Ipsia Leonardo da Vinci Strada Spolverina, 11 Tel. 0376.262024 Ist.Arte G.Romano Mantova Via Trieste, 48 Tel. 0376.323389 Istituto Superiore Bonomi Mazzolari Via Amadei 35 Tel. 0376.323498 Itas Mantegna Via Guerrieri Gonzaga 8 Tel. 0376.320688 Itc Pitentino Via Tasso 5 Tel. 0376.321569 Iti Fermi Strada Spolverina n. 5 Tel. 0376.262675 Lic.Class. Virgilio Via Ardigò 13 Tel. 0376.320366 Lic.Scient. Belfiore Via Tione 2 Tel. 0376.320759 Im Isabella D’Este Via Giuseppina Rippa 1 Tel. 0376.322450 Ita Strozzi Via dei Toscani 5 Tel. 0376.381474 Itg C.D’Arco Via Tasso 1 Tel. 0376.360377 FARMACIE Al Moro e S. Anna Piazza Cavallotti, 12 Tel. 0376.320506 Al Pozzo - Dottoressa Bedeschi Via Corridoni, 30 Tel. 0376.321532 Al Te Piazza Porta Cesare, 3/4 Tel. 0376.369481 Alla Lunetta Via Veneto, 23/a Tel. 0376.370136 Comunale n.2 Due Pini Viale Pompilio, 30 Cooperativa Mantovana Via Giuseppe Verdi, 58 Tel. 0376.324330

MANTOVA, CITTÀ D’ARTE E CULTURA Mantova, città Patrimonio Mondiale dell’Unesco è una città unica, dove la storia e l’arte antica dialogano costantemente con la modernità dei linguaggi creativi e delle creazioni culturali. Musei, monumenti, buon cibo, appuntamenti culturali, sono solo alcuni dei motivi per visitare Mantova. Situata al centro della pianura padana è stata n dalle sue origini circondatata dalle acque. I suoi primi insediamenti si svilupparono, probabilmente, già ai tempi degli Etruschi. Ma furono i Gonzaga, a partire dal XIV secolo, che diedero un forte impulso culturale e artistico alla città, delineandone l’attuale struttura urbanistica e architettonica. Durante i quattro secoli di regno, i signori di Mantova ospitarono a corte i più illustri artisti del tempo quali Leon Battista Alberti, Pisanello, Andrea Mantegna, Giulio Romano, Rubens e altri, le cui opere contraddistinguono ancora oggi la città in tutto il suo splendore.


MANTOVA

LE GUIDE DELL’EUROPEA

14

Degli Angeli di Mattioli Dr. L. Via Circonvallazione, 7 Tel. 0376.380524 Delfini Andrea Corso Giuseppe Garibaldi, 89 Tel. 0376.320608 Due Pini Viale Pompilio Tel. 0376.262022 Gramsci Piazzale Antonio Gramsci, 9/A Paini Silvia e Stefania Snc Strada Formigosa, 2/A Tel. 0376.302073 Perani R. & Gaburri M.A Via Chiassi, 64 Tel. 0376.320429 Popolare di Mantovani Donata Via Arrivabene, 75 Tel. 0376.322289 Sacri Vasi Lonardi Luisa Corso Vittorio Emanuele II, 69 Tel. 0376.320455 San Carlo al Corso – Taddei Corso Umberto I, 58 Tel. 0376.325255 San Giorgio Portici Broletto, 64/66 Tel. 0376.321367 San Pio X Piazza De Gasperi, 3 Tel. 0376.320240 San Raffaele Via Verona, 30/a Tel. 0376.399949 Santa Lucia - Dr. Taddei Via XX Settembre, 34 Tel. 0376.321536 Silvestri Dr. Franco Via Roma, 24 Tel. 0376.321356 SANITÀ Azienda Ospedaliera Carlo Poma Via Albertoni, 1

Tel. 0376.2011 Centralino - Tel. 800.638638 CUP Poliambulatorio di Mantova Via Trento, 8 Tel. 0376.2011 Centralino - Tel. 800.638638 CUP PARROCCHIE Di Colle Aperto Via Guastalla 1 Tel. 0376.390553 S. Pietro Apostolo Piazza Canonica San Pietro 11 Tel. 0376.320220 Basilica S. Barbara Piazzetta Santa Barbara 4 Tel. 0376.365518 UFFICI POSTALI Piazza Aliprandi 1 Tel. 0376.324651 Piazza Madison 11 Tel. 0376.324652 Piazza Martiri di Belfiore 15 Tel. 0376.317723 Via Certosa 19 Tel. 0376.380455 Via Verona 13B/C Tel. 0376.391703 Via Virgilio 16/18 Tel. 0376.324653 Viale Partigiani 23/25 Tel. 0376.224346


15

LE MAPPE E L’ELENCO VIARIO Abruzzi

Via

A1

Tav 1

Bronzetti

Via

B1

Tav 3

D’Arco

Piazza

A2

Accademia

Via

B2

Tav 1

Buozzi

Via

B2

Tav 1

De Gasperi

Piazza

B1

Tav 1 Tav 2

Acerbi

Via

A1

Tav 3

Cadore

Via

A1

Tav 1

De Giovanni

Via

B1

Tav 2

Viale

Alberti

Piazza

B2

Tav 1

Caduti

A1

Tav 1

De Mori

Via

A2

Tav 3

Albertoni

Viale

B2

Tav 2

Caduti d. Via Fani Via

B1

Tav 4

Di Vittorio

Via

A1

Tav 2

Aldriga

Via

A1

Tav 2

Calabria

Viale

A1

Tav 1

Diga

Strada

B2

Tav 3

Aleggio

Via

A1

Tav 4

Calamandrei

Via

B1

Tav 4

Dogana

Vicolo

B2

Tav 1 Tav 1

Alfieri

Via

B1

Tav 2

Calvi

Via

B2

Tav 1

Don Leoni

Piazza

A2

Allende

Viale

B2

Tav 3

Campi

Via

B2

Tav 3

Don Sturzo

Viale

B1

Tav 2

Amadei

Via

A2

Tav 3

Canneti

Via

A1

Tav 1

Don Tazzoli

Via

B2

Tav 1

Anconetta

Piazza

B1

Tav 3

Cantoni

Via

B1

Tav 2

Donati

Via

A2

Tav 3

Andreani

Via

B1

Tav 2

Cappadocia

Via

B2

Tav 3

Dugoni

Via

A1

Tav 3

Andreasino

Via

A2

Tav 2

Cappuccine

Via

B1

Tav 1

Dunant

Via

B1

Tav 4

Angelo

Via

A1

Tav 3

Carducci

Via

A1

Tav 3

Emilia

Via

A1

Tav 1

Arche

Piazza

B2

Tav 1

Carli

Via

B2

Tav 2

Erbe

Piazza

B2

Tav 1

Arco

Vicolo

A2

Tav 1

Carpi

Via

B1

Tav 2

Esperanto

Via

A1

Tav 2

Argine

Via

B1

Tav 3

Carso

Viale

B1

Tav 2

F.lli Bandiera

Via

A2

Tav 1

Ariosto

Via

B2

Tav 3

Cascina Zanetti

Strada

A2

Tav 1

F.lli Cairoli

Via

B2

Tav 1

Arrivabene

Via

B2

Tav 1

Castello

Piazza

B2

Tav 1

Fancelli

Via

A1

Tav 3

Asiago

Viale

B1

Tav 2

Cattaneo

Via

B1

Tav 4

Fernelli

Via

B2

Tav 1

Asola

Via

B2

Tav 2

Cavallotti

Piazza

A2

Tav 1

Fiera

Via

A2

Tav 3

Bagno

Vicolo

A2

Tav 4

Cavour

Via

B2

Tav 1

Filippini

Piazza

B2

Tav 1

Barbieri

Via

A2

Tav 1

Ceresara

Via

A1

Tav 2

Filzi

Via

A1

Tav 3

Belgioso

Viale

B1

Tav 2

Certosa

Via

A1

Tav 2

Finzi

Via

B2

Tav 1

Bentivoglio

Via

B1

Tav 4

Chiassi

Via

A1

Tav 3

Fiume

Via

B1

Tav 2

Benzoni

Via

B1

Tav 3

Chiesa

Viale

A1

Tav 3

Folengo

Via

A2

Tav 1

Bertalozzi

Piazza

B2

Tav 1

Chiesanuova

Strada

A2

Tav 2

Fondamenta

Via

B1

Tav 3

Bertani

Via

B2

Tav 1

Chiodare

Vicolo

A2

Tav 1

Forte

Strada

A1

Tav 1

Bertolotto

via

B1

Tav 2

Cipata

Strada

A1

Tav 1

Foscolo

Via

B1

Tav 2

Bligny

Viale

A2

Tav 3

Circonvallazione

Strada

A1-A2 Tav 2

Frassino

Piazza

A2

Tav 1

Boldrini

Via

A1

Tav 2

Conciliazione

Via

A1

Tav 3

Frattini

Via

B1

Tav 3

Bonomi

Via

A2

Tav 1

Concordia

Piazza

B2

Tav 1

Galilei

Via

B1

Tav 2

Bonoris

Via

A2

Tav 3

Corrado

Via

A2

Tav 1

Gambara

Strada

A1

Tav 4

Borsa

Via

A2

Tav 3

Correggio

Via

A1

Tav 4

Gandolfo

Via

B1

Tav 3

Bosco Virgiliano

Strada

B2

Tav 3

Corridoni

Via

B1

Tav 3

Garibaldi

Corso

B2

Tav 3

Bosso del Corso

Strada

A2

Tav 2

Costituenti

Via

A1

Tav 2

Gelso

Via

A1

Tav 2 Tav 2

Boves

Via

B2

Tav 2

Cremona

Via

A1

Tav 2

Ghisi

Via

A2

Bracci

Via

B1

Tav 2

Daino

Via

B1

Tav 3

Ghisolo

Strada

A1

Tav 1

Brescia

Via

A1

Tav 4

Dante

Piazza

B2

Tav 1

Giacometti

Via

B1

Tav 3

Broletto

Via

B2

Tav 1

D’Aquisto

Piazza

B1

Tav 2

Giolitti

Via

B1

Tav 4

Segue a pag. 17


MANTOVA NNNNNNNNN

LE GUIDE DELL’EUROPEA

16

1 2

1

2


17 Segue da pag. 15 Gobetti

Via

B1

Tav 4

Marzabotto

Via

B2

Tav 2

Pisacane

Via

B1

Goldoni

Via

B2

Tav 3

Massari

Via

B1

Tav 3

Pitentino

Via

A2

Tav 2 Tav 1

Gonzaga

Lungolago B2

Tav 1

Matteotti

Via

A1

Tav 3

Platina

Via

A2

Tav 3

Gorizia

Viale

B1

Tav 2

Mazzini

Via

A1

Tav 3

Poggio Reale

Via

B2

Tav 4

Govi

Via

B1

Tav 3

Medole

Via

A1

Tav 4

Poma

Via

B1

Tav 2

Gradaro

Via

B2

Tav 3

Menotti

Via

B1

Tav 2

Poma

Via

A1

Tav 3

Grossi

Via

B2

Tav 3

Merano

Via

A1

Tav 1

Pompilio

Viale

B2

Tav 2

Gualtieri

Via

A1

Tav 4

Merano

Viale

A1

Tav 1

Pomponazzo

Via

B2

Tav 1

Guastalla

Via

A1

Tav 4

Michelangelo

Pl.

B1

Tav 2

Portazzolo

Via

A2

Tav 1

Guerrieri Gonzaga Via

A1

Tav 3

Miglioretti

Via

A2

Tav 2

Portichetto

Via

B2

Tav 1

I Maggio

Largo

A1

Tav 2

Mincio

Viale

B1

Tav 1

Porto

Via

A1

Tav 1

Indipendenza

Via

B2

Tav 2

Montanari

Via

B1.B2 Tav 1

Possevino

Via

A2

Tav 3

Intra

Via

B1

Tav 2

Mont. e Curtatone Via

A1

Tav 3

Pozzo

Via

A1

Tav 1

Isabella d’Este

Via

A1

Tav 3

Montata

Strada

B2

Tav 4

Primaticcio

Via

A2

Tav 3

Juvarra

Via

A1

Tav 1

Montello

Viale

A1

Tav 3

Principe Amedeo Via

A1

Tav 3

Lazio

Viale

A1

Tav 1

Mori

Via

B2

Tav 3

Priv. Cartiera Burgo Str. Priv. B2

Tav 4 Tav 1

Lega Lombarda

Piazza

B2

Tav 1

Mozart

Via

B2

Tav 3

Puglie

Piazza

A1

Legnago

Via

A1

Tav 1

Mulini

Via

A1

Tav 1

Quarto

Vicolo

B1

Tav 3

Leonbruno

Via

A2

Tav 3

Mulini

Via

B2

Tav 4

Quazza

Piazza

B1

Tav 3

Lombardi

Via

B1

Tav 4

Mut. e C. del LavoroVia

A1

Tav 3

Rea

Via

B1

Tav 2

lombardia

Via

A1

Tav 1

Nenni

B2

Tav 2

Repubblica

Viale

A1

Tav 3

Lomini

Via

A2

Tav 3

Nevers

Via

B2

Tav 2

Revere

Via

B2

Tav 2

Lunetta

Strada

A1

Tav 1

Nievo

Via

B2

Tav 1

Rimembranze

Viale

A1

Tav 3

Luzio

Via

B2

Tav 3

Norsa

Via

B2

Tav 1

Rippa

Via

A1

Tav 3

Luzzara

Via

A1

Tav 4

Novellara

Via

A1

Tav 4

Risorgimento

Viale

A2

Tav 3

M.te Grappa

Viale

A1

Tav 3

Nuvolari

Viale

A2

Tav 1

Roma

Via

B2

Tav 1

A1

Tav 4

Oberdan

Via

B2

Tav 1

Romano

Via

A1

Tav 3 Tav 2

Maestri d. Lavoro Via

Via

Maestro

Vicolo

B1

Tav 3

Orefici

Via

B2

Tav 1

Rovo

Via

B1

Mainolda

Via

B2

Tav 1

Orti

Via

A2

Tav 1

S.Anna

Via

B2

Tav 1

Maldinaro

Via

A1

Tav 4

Oslava

Viale

B1-B2 Tav 2

S.Barbara

Piazza

B2

Tav 1

Mameli

Via

B1

Tav 2

Ostiglia

Via

A1

Tav 1

S.Benedetto Po

Via

B2

Tav 2

Mantegna

Piazza

B2

Tav 1

Paccagnini

Piazza

B2

Tav 1

S.F. d Paola

Via

B2

Tav 1

Mantovanella

Strada

A1

Tav 4

Parma

Via

B2

Tav 3

S.F. D’Assisi

Piazza

A2

Tav 1

Manzoni

Via

B1

Tav 2

Pastore

Viale

A1

Tav 2

S.G. Bono

Via

A2

Tav 4

Maraglio

Via

A2

Tav 3

Pasubio

Viale

A1

Tav 3

S.Giorgio

Via

B2

Tav 1 Tav 4

Marangoni

Via

A2

Tav 1

Pescarolo

Piazza

A1

Tav 2

S.Giulia

Piazza

B2

Marche

Viale

A1

Tav 1

Peschiera

Via

A1

Tav 3

S.M.Nuova

Via

A2

Tav 4

Marconi

Piazza

B2

Tav 1

Pesenti

Via

A2

Tav 3

S.Maria

Vicolo

B2

Tav 1

Marmirolo

Via

A1

Tav 4

Piave

Viale

A1

Tav 3

S.Paolo

Via

B2

Tav 1

Marta

Via

B1

Tav 3

Piemonte

Viale

A1

Tav 1

S.Spirito

Piazza

A1

Tav 3

Martini

Viale

B1

Tav 2

Pioppo

Via

A1

Tav 2

Sabioneta

Via

B2

Tav 2

Segue a pag. 18


MANTOVA

LE GUIDE DELL’EUROPEA

18

Segue da pag. 17 Sabotino

Viale

B1

Tav 2

Sauro

Via

A1

Tav 3

Speri

Via

A1

Tav 3

Sacchi

Via

A1

Tav 3

Scalarini

Via

B2

Tav 3

Spiller

Via

A2

Tav 2

Salandri

Via

B1

Tav 2

Scarsellini

Via

A2

Tav 1

Stretta

Piazza

B2

Tav 1

Salgari

Via

A2

Tav 1

Semeghin

Via

A2

Tav 3

Susani

Via

B2

Tav 2

Salice

Via

A1

Tav 2

Seminario

Piazza

B2

Tav 1

Tamassia

Via

B2

Tav 2

Salnitro

Via

B1

Tav 3

Soave

Strada

A2

Tav 4

Tassoni

Via

B2

Tav 1

Salvenimi

Via

B1

Tav 4

Sordello

Piazza

B2

Tav 1

Te

Viale

A2

Tav 3

Santi

Via

A1

Tav 2

Spagnoli

Via

B2

Tav 1

Teatro Vecchio

Via

B2

Tav 1

Saragat

Via

B1

Tav 4

Spalti

Via

B2

Tav 4

Tellera

Viale

A1

Tav 3

Segue a pag. 20


19

1

1


20

MANTOVA

Segue da pag. 18 Terracini

Via

B1

Tav 4

Umbria

Via

A1

Tav 1

Viani

Via

A1

Tav 3

Tezze

Via

A1

Tav 3

Valdossola

Via

B2

Tav 2

VII Dicembre

Viale

B1

Tav 2

Tonelli

Via

A2

Tav 3

Valenti

Via

B1

Tav 2

Villafranca

Via

A1

Tav 4

Torelli

Via

B2

Tav 3

Valsesia

Via

A1

Tav 3

Virgiliana

Piazza

B1-B2 Tav 1

Toscana

Via

A1

Tav 1

Vaschi

Viale

B1

Tav 2

Visi

Via

A2

Tav 3

Toscani

Via

A2

Tav 2

Veneto

Viale

A1

Tav 1

V. Emanuele II

Corso

A2

Tav 1

Trento

Via

A1-B1 Tav 1

Venezia

Via

B2

Tav 2

XX Settembre

Via

A1

Tav 3

Trieste

Via

B1

Tav 3

Verdi

Via

B2

Tav 1

XXV Aprile

Via

A2

Tav 1

Trincerone

Via

A2

Tav 3

Verona

Via

B1

Tav 4

Zambelli

Via

B1

Tav 1

Umberto

Corso

B2

Tav 1

Vesci

Viale

A2

Tav 3

Zanardi

Via

A2

Tav 4


21

BAGNOLO SAN VITO

Dati Statistici Abitanti: 5.926 Altezza s.l.m.: 19 m Superficie: 49,32 kmq CAP: 46031 Comuni Limitrofi

BAGNOLO SAN VITO

Borgoforte, Mantova, Roncoferraro, San Benedetto Po, Sustinente, Virgilio

MUNICIPIO Via Roma, 29 Tel. 0376.253100 www.comunebagnolosanvito.it protocollo@comune.bagnolosanvito.mn.it

NUMERI UTILI Farmacie Caloini Via Romana Zuccona, 88 Tel. 0376.415040 Gualtieri Via Cavour, 29 Tel. 0376.414015 Uffici Postali Via Romana Zaita 5 Tel. 0376.253051

LA PORTA DEL FORCELLO, IL PIÙ IMPORTANTE SITO ETRUSCO FINORA SCOPERTO.

LE MIGLIORI TRADIZIONI IN CUCINA E’ festa di sapori e di gusto sulle tavole di Bagnolo San Vito. I prodotti tipici che si possono acquistare nei negozi e negli spacci delle aziende produttrici sono grana padano, salame mantovano, salame con la lingua, salamelle, vino lambrusco, torta sbrisolona, schiacciate, carne suina e bovina, miele, pasta fresca (agnoli, tortelli, tagliatelle). I piatti tipici della zona sono i famosi tortelli di zucca e gli agnoli in brodo che si possono gustare in tutti i ristoranti e le trattorie del comune. Tra i prodotti tipici della zona c’è sicuramente il Grana Padano Dop (di origine protetta): ricca di acque e quindi di foraggi che alimentano una orente zootecnia, la Valle del Mincio dà un contributo rilevante alla produzione di questo notissimo formaggio vaccino, la cui denomi-


BAGNOLO SAN VITO

LE GUIDE DELL’EUROPEA

22

LA VILLA RIVA BERNI E L’ORATORIO.

nazione d’origine copre tutto il bacino padano, dalle sorgenti al delta del Po. La tecnica di produzione è codicata nel disciplinare, approvato dall’Unione Europea nel 1996. Il Grana Padano, nella versione più giovane, con circa un anno di stagionatura, è un ottimo formaggio da tavola, mentre quando supera l’anno e mezzo di invecchiamento è più compatto e più adatto alla grattugia. È ottimo come aperitivo abbinato a vini bianchi, fermi, frizzanti o spumanti, mentre, a ne pasto, si può abbinare a vini rossi, meglio se invecchiati. Da non dimenticare sono le salamelle mantovane, piccoli insaccati freschi che si ottengono con tagli del suino come magro di spalla e grasso morbido di rilatura di pancetta e di prosciutto; la carne è molto più magra di quella normalmente utilizzata per la preparazione dei cotechini e dei salami da cuocere. Si consumano cotte e sono uno degli ingredienti base per il condimento del “risotto alla pilota”. Da bere in compagnia è il Lambrusco mantovano doc (di origine controllata): la bandiera enologica della terra dei Gonzaga. Eletto a “vino

della tradizione” dagli emigranti che lo hanno esportato n oltre oceano, il Lambrusco Mantovano trae origine dai vitigni coltivati fra il ume Oglio e il ume Po e nell’Oltrepò mantovano. In queste terre la tradizione vinicola risale al tempo dei benedettini, come dimostrano le testimonianze sull’imposta vinicola che i monaci di Polirone imponevano agli afttuari a cui afdavano le proprie terre. Per coglierne appieno il gusto, è consigliabile abbinarlo con preparazioni poco o abbastanza strutturate, come brodini di carne, bolliti misti e cotechini in umido. E se dei tortelli di zucca abbiamo parlato diffusamente, ci tocca pregustare lo speciale zampone con lenticchie, un pasto completo da consumare durante le giornate rigide dell’inverno e che è di buon auspicio per un buon anno nuovo visto che le lenticchie sono da considerarsi “portafortuna”. „


23

CASTEL GOFFREDO

Dati Statistici Abitanti: 12.094 Altezza s.l.m.: 53 m Superficie: 42,24 kmq CAP: 46042 Comuni Limitrofi

CASTEL GOFFREDO

Acquafredda (BS), Asola, Carpenedolo (BS), Casalmoro, Casaloldo, Castiglione delle Stiviere, Ceresara, Medole

Municipio Piazza Mazzini 1 Tel. 0376.7771 www.comune.castelgoffredo.mn.it comunedicastelgoffredo.mn@legalmail.it

NUMERI UTILI Farmacie Balloni Piazza Giuseppe Mazzini, 12 Tel. 0376.770146 Comunale Piazza Martiri della Liberazione 26/b Tel. 0376.779132 Uffici Postali Piazza M. della Liberazione 20 Tel. 0376.770150

LA FESTA DI RE GNOCCO AL CARNEVALE 2013 E sotto, GIUSEPPE ACERBI, ESPLORATORE, SCRITTORE, ARCHEOLOGO E MUSICISTA, ORIGINARIO DI CASTEL GOFFREDO.

BRAVURA NEL COMMERCIO E A TAVOLA Castel Goffredo è anzitutto un centro industriale, specializzato nel settore della calzetteria femminile. Una miriade di moderne aziende piccole, medie e grandissime, esportano in tutto il mondo questi accessori d’abbigliamento molto apprezzati per la loro eleganza. Questo successo ha inizio dal vecchio calzicio Noemi, sorto in paese ai primi del secolo come piccolo laboratorio artigianale e divenuto una vera e propria scuola per giovani capitani d’industria, che dal 1960 in poi costruiscono alla periferia del paese e nei comuni limitro decine di piccole fabbriche. Tanto che oggi Castel Goffredo è considerata a ragione la “Capitale della calza”, ed è sede del distretto industriale cui fanno capo 12 comuni della zona. Ma la sua bravura si riconosce anche a tavola. Infatti, la cucina castellana offre nei suoi ristoranti piatti tradizionali della cucina mantovana e specialità nostrane, come il tortello amaro, dal tipico e gustosissimo sapore amarognolo dovuto ad un ingrediente del ripieno, l’erba amara. Per Carnevale, invece, è d’obbligo cucinare gli gnocchi di patate, perché sono un piatto tipico della cucina mantovana, ma soprattutto per rendere omaggio alla caratteristica maschera del Re Gnocco, incoronato ogni quattro anni in occasione del “Venerdì Gnoccolaro”, che dal 1872 si festeggia l’ultimo venerdì di Carnevale.„


LE GUIDE DELL’EUROPEA

24

CURTATONE

CURTATONE Dati Statistici Abitanti: 14.482 Altezza s.l.m.: 26 m Superficie: 67,47 kmq CAP: 46010 Comuni Limitrofi Borgoforte, Castellucchio, Mantova, Marcaria, Porto Mantovano, Rodigo, Virgilio

MUNICIPIO Piazza Corte Spagnola 3 Tel. 0376.358112 www.comune.curtatone.mn.it segreteria@curtatone.it NUMERI UTILI Farmacie Benatti Via Marconi, 92 Tel. 0376.48022 Grusi Via Levata, 67 Tel. 0376.292138 Montanara Via Lombardia 41/43 Tel. 0376.49114 Uffici Postali Via Martiri Dell’Aldriga, 3 Tel. 0376.349182 Via Dei Toscani, 14/A Tel. 0376.49113 Via Damiano Chiesa, 63 Tel. 0376.47057 Via Guglielmo Marconi, 13 Tel. 0376.48072

L’ANTICHISSIMA FIERA DELLE GRAZIE EMOZIONA ANCORA Un appuntamento da non perdere a Curtatone è sicuramente la “Fiera delle Grazie”. L’edizione 2013 dell’antichissima era ha chiuso col botto. La quinta e ultima giornata di domenica 18 agosto ha visto un numero di presenze intorno alle 50mila persone, attirate nel piccolo borgo dalle proposte in programma: le fontane danzanti sul sagrato, di fronte al Santuario e il ritorno dello spettacolo pirotecnico come chiusura e “arrivederci” al 2014. Ma cos’è questa antica era? Ogni anno il 15 agosto, in coincidenza con una delle maggiori feste che la Chiesa dedica alla Madre di Dio nel giorno della sua Assunzione, si rinnova l’antichissima Fiera delle Grazie, che risale al 1400, essendo coeva all’edicazione del santuario. Fin dalla sua costruzione, i continui pellegrinaggi alla Madonna delle Grazie crebbero a dismisura, favoriti ed amplicati dalla fama del nuovo “Tempio” e dai miracoli che la fede accreditava all’immagine della Madonna. Tuttavia il luogo non era adeguatamente attrezzato per offrire ospitalità ai fedeli: costoro non sempre trovavano la possibilità di ristorarsi dalle fatiche dei lunghi


25 IL CHIOSTRO DEL SANTUARIO DELLE GRAZIE. Sotto, LA CHIESA DI SAN MARCO. In prima pagina, IL PALAZZO MUNICIPALE.

percorsi e dai digiuni allora “imposti” dalla devozione alla Madonna. Alcuni pellegrini, avvertendo questo disagio, si trasformarono in commercianti, posizionando i primi banchi di vendita di generi alimentari. Questa felice intuizione commerciale si perfezionò nel tempo no a sfociare nella “era” vera e propria. La prima “grida” al riguardo fu dell’11 agosto 1425, a rma di Gianfrancesco Gonzaga, 5° Capitano del Popolo. Fino al 1499, la Fiera delle Grazie mantenne l’aspetto che predominava alle sue origini, ovvero quello di festa religiosa e di sobrio soddisfacimento delle primarie necessità alimentari degli stanchi pellegrini, oltre che di piccolo commercio e di approvvigionamento ad uso popolare. Successivamente iniziò invece ad assumere una connotazione economico-commerciale: si cominciarono a trattare non solo generi alimentari ma tutto quanto era necessario al vivere, al vestire e alla casa. Nei secoli, pur nell’ambito dei costumi che contraddistinsero le varie epoche, oltre che un

incontro religioso e commerciale la Fiera divenne sempre più occasione di divertimento e di distrazione dal duro lavoro quotidiano, no ai giorni nostri. Negli ultimi decenni, e in particolare negli ultimi anni, essa è divenuta anche momento di comunicazione e di scambio culturale. L’Antichissima Fiera vuole essere sempre più una festa “intelligente” e divertente per i mantovani, per tutti coloro che ogni anno la visitano giungendo dall’Italia o dall’estero, oltreché un contenitore culturale per proposte “positive” e una vetrina per le ricchezze e i valori culturali, storici, naturalistici, enogastronomici, turistici, socio-economici di questa terra. „


LE GUIDE DELL’EUROPEA

26

GOITO

GOITO Dati Statistici Abitanti: 10.355 Altezza s.l.m.: 33 m Superficie: 78,82 kmq CAP: 46044 Comuni Limitrofi Cavriana, Ceresara, Guidizzolo, Marmirolo, Porto Mantovano, Rodigo, Volta Mantovana

LITOGRAFIA DELLA BATTAGLIA DEL PONTE DI GOITO.

MUNICIPIO Piazza Antonio Gramsci 8 Tel. 0376.689122 www.comune.goito.mn.it info@comune.goito.mn.it NUMERI UTILI Farmacie Azzali Via XXVI Aprile, 27 Tel. 0376.60130; Guaita Daria Via P. Caso, 16 Tel. 0376.607084 Santa Margherita Via Solarolo, 34 Tel. 0376.608042 Uffici Postali Piazza Matteotti, 28 Tel. 0376.689285 Via Bariletto, 9

IL TOCCO INCONFONDIBILE DEI GONZAGA Nella cucina goitese è forte la presenza della cultura gastronomica dei Gonzaga oltre che delle tradizioni contadine, che ancora vivono. Tra le specialità gastronomiche ci sono gli “agnoli”, da sempre fatti a mano con ripieno di prosciutto o carne di manzo. Tipica della zona è poi la pasta fresca per tagliatene e tortelli di zucca (pasta ripiena). Il riso “alla mantovana” viene cucinato con salamelle o con pesto di maiale, oltre che, come in qualche tipico locale della zona, con erbe selvatiche, pesce di acqua dolce e selvaggina. I secondi piatti, gustosi e saporiti sono: il pesce di acqua dolce (luccio, pesce gatto, anguilla, pescina), la selvaggina (lepre, fagiano) e le lumache. I salumi ricoprono un posto importante nella produzione dell’artigianato locale (difcilmente sulle tavole goitesi manca il saporito salame mantovano!). Da non dimenticare il “Grana Padano dei Prati Stabili”, formaggio prodotto dalle Latterie sociali, numerose in questa zona. Recente è la produzione della pizza, rinomata in alcuni locali del luogo. „


27

GONZAGA

Dati Statistici Abitanti: 9.301 Altezza s.l.m.: 22 m Superficie: 49,80 kmq CAP: 46023 Comuni Limitrofi

GONZAGA

Moglia, Pegognaga, Suzzara, Reggiolo (RE), Luzzara (RE)

L’EX CONVENTO, ATTUALE SEDE DELLA BIBLIOTECA COMUNALE E IL GIARDINO BOTANICO.

MUNICIPIO Piazza Castello, 1 Tel. 0376.526311 www.comune.gonzaga.mn.it info@comune.gonzaga.mn.it NUMERI UTILI Farmacie Bondeno Via Degli Arduini, 2/E Tel. 0376.54022 Conti Piazza Giacomo Matteotti, 60 Tel. 0376.528359 Uffici Postali Viale Virgilio, 16 Tel. 0376.528358 Piazza Quattro Novembre, 6/E Tel. 0376.54559 Viale Giovanni XXIII, 39 Tel. 0376.525690

DA AMMIRARE EN PLAIN AIR Centro agricolo noto per aver dato i natali a quella famiglia Corradi che, una volta conquistato il potere a Mantova, cambiò il proprio nome in quello del paese d’origine. Al centro del paese si presenta agli occhi dei passanti la bella piazza porticata in fondo alla quale si ergono le due torri quattrocentesche, unici resti dell’ antico castello: la maggiore, con sopraelevazione cinquecentesca, è una delle più belle di tutto il territorio mantovano. A Gonzaga si tiene ogni anno la “Fiera Millenaria”, le cui origini risalgono al nono secolo, appuntamento di rilevanza nazionale che richiama allevatori e agricoltori da ogni parte della penisola. Da non perdere al circolo latelico, numismatico ed hobbistico di Gonzaga, la mostra di Franca Melli “Divi del cinema - protagonisti del cinema degli anni 1950 e 1960”, che sarà ospitata no all’1 novembre, in piazza Matteotti. In esposizione foto e manifesti dei più grandi divi del cinema tra cui Gina Lollobrigida e Marylin Monroe (un manichino è nella posa di “Quando la moglie è in vacanza” con grata e vestito svolazzante). „


LE GUIDE DELL’EUROPEA

28

GUIDIZZOLO

GUIDIZZOLO Dati Statistici Abitanti: 6.185 Altezza s.l.m.: 61 m Superficie: 22,45 kmq CAP: 46040 Comuni Limitrofi Cavriana, Ceresara, Goito, Medole, Solferino

MUNICIPIO Piazzale Guglielmo Marconi, 1 Tel. 0376.819201 www.comune.guidizzolo.mn.it protocollo@comune.guidizzolo.mn.it NUMERI UTILI Farmacie Maccari Franco Via Fabio Filzi, 61 Tel. 0376.819005 Uffici Postali Viale Martiri Della Liberta’, 25 Tel. 0376.840091

CASCINA “CASA NUOVA”, LUOGO DI SCONTRO DELLA BATTAGLIA DI MEDOLE, NELL’AMBITO DELLA GRANDE BATTAGLIA DI SOLFERINO E SAN MARTINO.

TRA LOTTE RISORGIMENTALI E SAPORI Terra di antiche libertà e di novellieri, Guidizzolo porta impresso, nell’animo e nella memoria dei suoi abitanti, il ricordo delle aspre lotte risorgimentali che infuriarono nelle contrade e nelle campagne. Ma in questo fazzoletto di racconto ci piace viaggiare tra le ricette e i prodotti dell’Alto Mantovano, e di fatto Guidizzolo ne fa parte. Un prodotto che vale la pena citare dunque è sicuramente il salame. Numerosi documenti storici (ricette “per fare i salami”, editti, inventari di spesa, menù di pranzi e cene alla corte dei principi Gonzaga) testimoniano la presenza e la tipicità del salame mantovano legata al territorio e ad una tradizione che ancora oggi ripropone gesti, rituali, procedimenti antichi ma ancora consueti. In provincia di Mantova la tradizione norcina è antichissima e, ancor oggi, nelle aziende agricole mantovane persiste la tradizione dell’uccisione invernale del maiale. Il “masin” o “masalin” (norcino) era già una gura molto richiesta nel passato, itinerante, denito “perfecto maestro de tal mestero”. „


29

MARMIROLO

Dati Statistici Abitanti: 7.768 Altezza s.l.m.: 29 m Superficie: 42,15 kmq CAP: 46045 Comuni Limitrofi

MARMIROLO

Goito, Porto Mantovano, Roverbella, Valeggio sul Mincio (VR), Volta Mantovana

MUNICIPIO Piazza Roma, 2 Tel. 0376.298511 www.comune.marmirolo.mn.it protocollo@comune.marmirolo.mn.it

NUMERI UTILI Farmacie Capoluogo - Bassano Manlio Via XXV Aprile, 14 Tel. 0376.466116 Frazione Pozzolo -De Cortes Emilia Vicolo Bonizzi, 2/A Tel. 0376.460196 Uffici Postali Via Pacchioni, 24 (Capoluogo) Tel. 0376.294108 Via Roma, 57 (Pozzolo) Tel. 0376.260433

IL MUNICIPIO.

SOTTO IL SEGNO DEI GONZAGA Il comune di Marmirolo fa parte dell’associazione Distretto culturale Regge dei Gonzaga, nata il 14 giugno 2011. Il Distretto culturale ha una mission importante: la valorizzazione dei beni culturali in esso presenti, sia materiali che immateriali. Per questa ragione il distretto investe sulla creazione di una rete, fondata sullo sviluppo locale e turistico, sulla promozione della tradizione culturale ed artistica e sulla conservazione dei beni architettonici e la liera del gusto. Tre sono gli obiettivi del Distretto: la promozione culturale, che trova le sue radici nella dinastia dei Gonzaga; la qualicazione del sistema della conservazione attraverso la diffusione di strumenti e procedure innovative con il coinvolgimento di enti territoriali e università e dei ceti professionali e delle imprese del settore; ed inne lo sviluppo della rete del gusto e della produzione agroalimentare, degli agriturismi e della ristorazione d’eccellenza come elemento distintivo dell’identità locale. „


LE GUIDE DELL’EUROPEA

30

PEGOGNAGA

PEGOGNAGA Dati Statistici Abitanti: 7.219 Altezza s.l.m.: 22 m Superficie: 46,69 kmq CAP: 46020 Comuni Limitrofi Gonzaga, Moglia, Motteggiana, San Benedetto Po, Suzzara

LA CHIESA DI SAN LORENZO.

MUNICIPIO Piazza Matteotti n. 1 Tel. 0376.554611 protocollo@comune.pegognaga.mn.it pegognaga.mn@legalmail.it www.comune.pegognaga.mn.it

NUMERI UTILI Farmacie Mancinelli Via Mantovana, 17/a Tel. 0376.525416 Mori Silvia Piazza Giacomo Matteotti, 8 Tel. 0376.559882 Uffici Postali Via Enrico Fermi 2/A Tel. 0376.558187

SAN LORENZO, LA CHIESA DELLA CONTESSA La chiesa di San Lorenzo è il bene storico-architettonico più importante di Pegognaga. La sua storia ha inizio nell’alto medioevo, quando fu edicata una Pieve su una essione naturale del terreno, dove sorgevano i ruderi di una villa e di un tempio di epoca imperiale. Le basi della muratura della chiesa infatti sono formate da cocci e frammenti di mattoni romani, mentre al di sopra del portale è incastonato un frammento di lapide funeraria in tufo. La tradizione vuole che la chiesa sia stata ricostruita dalla contessa Matilde di Canossa nel 1082: la data non è certa e nemmeno documentata, ha suscitato anzi diverse discussioni, poiché corrisponde al periodo della lotta per le investiture, durante il quale gli scismatici avevano assediato i castelli della contessa e occupato i suoi possedimenti nel basso mantovano. Dalla seconda metà del diciassettesimo secolo venne praticamente abbandonata dal culto e subì un grave degrado, servendo occasionalmente da ricovero di armate, da stalla, da magazzino e, durante i periodi di inondazione del Po, trovandosi in una zona sopraelevata rispetto al terreno circostante, da rifugio a persone e masserizie di ogni genere. „


31

PORTO MANTOVANO

Dati Statistici Abitanti: 16.123 Altezza s.l.m.: 29 m Superficie: 37,44 kmq CAP: 46047 Comuni Limitrofi

PORTO MANTOVANO

Curtatone, Goito, Mantova, Marmirolo, Rodigo, Roverbella, San Giorgio di Mantova

MUNICIPIO Strada Cisa, 112 Tel. 0376.389011 protocollo@comune.porto-mantovano.mn.it pec: comuneportomantovano@legalmail.it www.comune.porto-mantovano.mn.it

PRATI STABILI NELLA FRAZIONE DI SOAVE.

SULLA RIVA SINISTRA DEL MINCIO Collocato nella prima periferia a nord-ovest della città, Porto Mantovano condensa la sua storia nel nome, nelle acque che lo lambiscono e lo attraversano, nella variegata tipologia delle corti rurali, in alcune ville post rinascimentali ed in “un mazzetto di toponimi”. Il nome risale al “Borgo” (oggi denominato Cittadella) situato sulla riva sinistra del Mincio in corrispondenza della seconda cerchia delle mura antiche. Il governo della Mantova Comunale lo considerò parte integrante della città, congiungendolo ad essa per mezzo di un mastodontico argine rivestito di mura ed edicato a mulini (Ponte dei Mulini). Le prime testimonianze di popolamento del territorio risalgono al neolitico, a partire dal quale venne introdotta la prima e rudimentale forma di economia agricola basata sulla coltivazione delle piante e l’allevamento. Con l’avvento dei Gonzaga il borgo di Porto divenne sempre più efciente e capace di servire la città anche come difesa in quanto fu dotato di muraglie e bastioni.„


LE GUIDE DELL’EUROPEA

32

PORTO MANTOVANO

NUMERI DI PUBBLICA UTILITÀ POLIZIA LOCALE Strada Statale Cisa, 112 Tel. 0376.397862 Urgenze Tel: 388.7911115 – 345.4005899 CARABINIERI COMANDO STAZIONE PORTO MANTOVANO Via Manzoni Alessandro, 153 Tel. 0376.399168 PRONTO INTERVENTO CARABINIERI: 112 PRONTO INTERVENTO VIGILI DEL FUOCO: 115 EMERGENZA SANITARIA E GUARDIA MEDICA: 118 BIBLIOTECHE COMUNALI Biblioteca “Falcone E Borsellino” Strada Canova A Montata Carra Di Porto Mantovano Tel. 0376.396597 Biblioteca Soave – Via Fausto Coppi Soave Di Porto Mantovano Tel . 0376.300503 NIDI COMUNALI Nido “La Cicogna” Via U. Foscolo Tel. 0376.398198 Nido “La Tartaruga” Via U. Foscolo Tel. 0376.398791 Istituto Comprensivo Monteverdi www.icmonteverdi.It - segreteria@icmonteverdi.it Via Monteverdi Tel. 0376.398781 Ufficio Direzione Didattica Di Porto Mantovano

Via Kennedy 3 – Porto Mantovano Tel. 0376.398521 SCUOLE DELL’INFANZIA Scuola Dell’infanzia Di Via Einaudi Sant’Antonio Tel. 0376.399554 Scuola Dell’infanzia Di Soave Tel. 0376.300683 Scuola Dell’infanzia Via Treves Tel. 0376.398791 Scuola Dell’infanzia Drasso Tel. 0376.387682 SCUOLE PRIMARIE Scuola Primaria Di Sant’Antonio Tel. 0376.398343 Scuola Primaria Di Montata Carra Tel. 0376.390452 Scuola Primaria Di Soave Tel. 0376.300683 Scuola Primaria Bancole Tel. 0376.398251 SCUOLE SECONDARIE I GRADO Via Monteverdi Tel. 0376.398781 FARMACIE Farmacia Bellini V. Della Liberta’, 4 Tel. 0376.300641 Farmacia Comunale A.Se.P. Piazza della Pace 5 Tel. 0376.390990 Farmacia Gamba Via Leopardi Giacomo, 27 Tel. 0376.398160 PARROCCHIE S. Antonio Tel. 0376.391782 Bancole Tel. 0376.398619 Soave Tel. 0376.300634 UFFICI POSTALI Via Gramsci Antonio Tel. 0376.391365 Via Coppi Fausto, 25 Tel. 0376.300619 A.SE.P.: Pronto Intervento Emergenze Tel. 0376.391915 Pronto Intervento Servizi Guasti Gas, Acqua, Illuminazione Pubblica Tel. 335.1419181 – 335.1419182 Pronto Intervento Servizio Guasti Igiene Urbana Tel. 335.1308266 Piscina Tel. 0376.390451 Piazzola Ecologica Tel. 0376.408762


33

ROVERBELLA

ROVERBELLA Dati Statistici Abitanti: 8.649 Altezza s.l.m.: 48 m Superficie: 63,16 kmq CAP: 46048 Comuni Limitrofi Castelbelforte, Marmirolo, Mozzecane (VR), Nogarole Rocca (VR), Porto Mantovano, San Giorgio di Mantova, Trevenzuolo (VR), Valeggio sul Mincio (VR) GARIBALDI VIENE RICEVUTO DA CARLO ALBERTO A ROVERBELLA NEL LUGLIO 1848 - LITOGRAFIA.

MUNICIPIO Via Solferino 1 Tel. 0376. 691811 www.comune.roverbella.mn.it segreteria@comune.roverbella.mn.it NUMERI UTILI Farmacie Brombin Gianfranco Via Piave, 1/9 Tel. 0376.696163; Due Torri Via Don Bertolani Tel. 0376.697018; Vaccari Dr. Monica Via M. Custoza, 17 Tel. 0376.694014 Uffici Postali Via Custoza, 29 Tel. 0376.693244 Via Piave, 42 Tel. 0376.696772 Via Fabio Filzi, 2 Tel. 0376.69514

IL CORAGGIO DEL LEONE Un leone rampante su una robusta rovere è lo stemma araldico del comune di Roverbella posto, non lontano dalle colline moreniche del Garda, su di un territorio pianeggiante. La leggenda vuole che il nome derivi da un antico, alto, robusto e bel rovere, abbattuto qualche secolo fa, che si trovava, circondato dalle prime case del paese, dove ora c’è piazza Italia, di anco al Municipio. Rovere Bella, pertanto. Ma di leggenda, suggestiva se si vuole, si tratta. Il toponimo Roverbella è più antico di alcuni secoli. Di certo il borgo con l’attuale nome di “Roverbella” esisteva n dal 1182. Roverbella si affaccia sulle tranquille acque della Molinella. Ed è proprio sulla Molinella che hanno a lungo girato le pale dei mulini e delle pile, due delle quali, a Castiglione e a Canedole, le stanno ancora a cavalcioni. Roverbella la chiamano anche “la piccola Ducale” perché è stata testimone del orire, nel diciottesimo secolo di ville meravigliose, di cui la strada principale del capoluogo è ancora ancheggiata. „


LE GUIDE DELL’EUROPEA

34

SAN BENEDETTO PO

Dati Statistici Abitanti: 7.791 Altezza s.l.m.: 19 m Superficie: 69,60 kmq CAP: 46027 Comuni Limitrofi

SAN BENEDETTO PO

Bagnolo San Vito, Borgoforte, Moglia, Motteggiana, Pegognaga, Quistello, Sustinente

MUNICIPIO Via E. Ferri, 79 Tel. 0376/6230 www.comune.san-benedetto-po.mn.it segreteria@comune.san-benedetto-po.mn.it

IAT Ufficio di Informazione e Accoglienza Turistica Piazza Matilde, 7 Tel. 0376/623036 iat@oltrepomantova.it www.turismosanbenedettopo.it NUMERI UTILI Farmacie Eredi Ghidini Vincenzo Via E. Ferri, 42 Tel. 0376.615127 – 0376.620485 Masini Via E. Ferri, 6 Tel. 0376.615117 – 0376.614095 Lonetti Pietro Via R. Romei, 71 – Portiolo Tel. 0376.611122 Uffici Postali Via E. Dugoni, 5 Tel. 0376.620230 Via Romei, 61 – Portiolo Tel. 0376.611332 Piscina Comunale Via Castiglione della Pescaia, 4 Tel. 0376.612337

L’ABBAZIA DEL POLIRONE.

IL PIACERE DELLA TAVOLA TIPICA “Cucina di principi e di popolo” viene denita spesso la cucina mantovana, e questo perchè offre sia piatti di origine popolare sia di alta gastronomia, spesso derivanti dalle ricette dei Gonzaga. Tortelli di zucca e risotto alla pilota sono primi piatti ormai molto conosciuti, seguiti dai capunsei (gnocchetti di pane) che si trovano solo nell’alto mantovano, dagli agnolini presenti ovunque, e dal risotto col tartufo, di recente rivalutato nella zona tra Borgofranco e Carbonara di Po. Luccio in salsa e stracotto d’asino sono i secondi piatti più importanti, ottimi con la polenta, che però si può accompagnare anche con i salumi di cui la zona può vantarsi di una produzione considerevole. Per quanto riguarda i dolci la torta sbrisolona e l’anello di Monaco, dolce stagionale natalizio concludono questa carrellata di piatti tipici. Da ricordare è il riso Vialone Nano, il tartufo, il tortello amaro di Castel Goffredo, le salamelle, il burro, la cipolla di Sermide, il melone mantovano, la pera mantovana I.G.P e i vini mantovani in particolare il lambrusco Doc. „


35

SAN GIORGIO DI MANTOVA

Dati Statistici Abitanti: 9.482 Altezza s.l.m.: 21 m Superficie: 24,50 kmq CAP: 46030 Comuni Limitrofi

SAN GIORGIO DI MANTOVA

Bigarello, Castelbelforte, Mantova, Porto Mantovano, Roncoferraro, Roverbella

MUNICIPIO Piazza della Repubblica, 8 Tel. 0376.273111 info@comune.sangiorgio.mn.it www.comune.sangiorgio.mn.it NUMERI UTILI Farmacie Comunale Via Legnaghese 20 Tel. 0376.370710 Guidotti Via Guglielmo Marconi, 26/b Tel. 0376.370439 Uffici Postali Via Matteotti 33/C Tel. 0376.270102

IL CENTRO CULTURALE SAN GIORGIO.

QUELLO CHE FU DI UN’ANTICA FORTIFICAZIONE Si trova alla sinistra del ume Mincio, alle porte di Mantova. Il Comune ha preso il nome dal sobborgo di Mantova che, secondo Carlo D’Arco, è venuto creandosi attorno ad una chiesa edicata nell’anno 859 e dedicata a San Giorgio, prendendo il nome dalla chiesa stessa. Secondo antichi scritti il nome di San Giorgio identicava un borgo ora non più esistente, raso al suolo in epoca napoleonica per dare spazio a nuove forticazioni a difesa della città di Mantova. Dell’antico borgo medievale a ridosso della città virgiliana rimane solamente il cosiddetto “Ostello di Sparafucile”, che deve il suo nome al sicario che avrebbe ucciso erroneamente Gilda anziché il Duca di Mantova, personaggio di una delle opere più conosciute e apprezzate di Giuseppe Verdi, il Rigoletto. Il territorio comunale assunse la denominazione denitiva ed attuale di “San Giorgio di Mantova” nel 1867. Nell’immediato dopoguerra il suo territorio ha subito ulteriori variazioni territoriali con il passaggio al municipio di Mantova delle frazioni di Virgiliana e Frassine.„


LE GUIDE DELL’EUROPEA

36

SUZZARA

Dati Statistici Abitanti: 20.648 Altezza s.l.m.: 20 m Superficie: 60,80 kmq CAP: 46029 Comuni Limitrofi

SUZZARA

Gonzaga, Pegognaga, Motteggiana, Dosolo, Viadana, Luzzara (RE)

LA GALLERIA CIVICA D’ARTE MODERNA E CONTEMPORANEA.

Municipio Piazza Castello 1 Tel. 0376.5131 info@comune.suzzara.mn.it www.comune.suzzara.mn.it NUMERI UTILI Farmacie B.V. Misericordia Piazza A. Luppi, 6 Tel. 0376.531144 Centrale Piazza Giuseppe Garibaldi, 1/B Tel. 0376.531363 Comunale San Biagio Viale Europa, 2/D Tel. 0376.536123 Dell’Ospedale Via Montecchi, 10/c Tel. 0376.531680 Terzi-Asinari Via Carobbio, 64/B Tel. 0376.590306 Uffici Postali Via Giuseppe Mazzini 13 Tel. 0376.512311

IL PASSATO TORNA A VIVERE sato attraverso il tradizionale mercato dell’antiquariato conosciuto come “Cose d’altri tempi”. I protagonisti dell’ultima domenica di ogni mese sono gli oggetti del collezionismo e del piccolo antiquariato che vengono esposti sulle varie bancarelle presenti in questa tradizionale mostra mercato. Questa tradizione, che si ripete nel centro storico cittadino dal 1983, si svolge di regola l’ultima domenica del mese, luglio escluso. Il mercatino del passato attira ogni volta grandi e piccini, curiosi ed estimatori di brocante. C’è molto da scoprire tra le varie bancarelle. L’area interessata agli spazi espositivi comprende piazza Garibaldi e vie limitrofe oppure, in via eccezionale in piazza Castello. Insomma, nel cuore storico di questa città il passato torna a vivere ogni ultima domenica del mese dell’anno.„


37

VIRGILIO

Dati Statistici Abitanti: 11.293 Altezza s.l.m.: 22 m Superficie: 31,27 kmq CAP: 46030 Comuni Limitrofi

VIRGILIO

Bagnolo San Vito, Borgoforte, Curtatone, Mantova

PUBLIO VIRGILIO MARONE.

MUNICIPIO Piazza Aldo Moro, 1 Tel. 0376.28301 sportelloalcittadino@comune.virgilio.mn.it

www.virgilio.gov.it NUMERI UTILI Farmacie Beduschi Via Cisa, 75 Tel. 0376.448042; S. Anna Via Cisa, 195/b Tel. 0376.440779 Uffici Postali Via Parenza Bassa 13/Bis Tel. 0376.280637

IL FASCINO DI UN ILLUSTRE POETA Nel 70 avanti Cristo, nelle Idi di ottobre, Publio Virgilio Marone nacque ad Andes, presso Mantova, dalla madre Magia Polla e da un padre che aveva forse nome Vergilius. E’ considerato il più illustre cantore delle glorie di Roma. Popolare già in vita, il grande maestro dopo la morte acquistò immediatamente una fama senza limiti. Il medioevo cristiano ne fece una sorta di mago e fu lo stesso Dante a consacrarlo “maestro e dottore”, scegliendolo come guida nel suo viaggio ultraterreno. Le fonti antiche e le testimonianze archeologiche paiono suggerire un’identicazione del villaggio natale con Pietole, idea che affonda le sue radici in una tradizione medioevale accreditata dallo stesso Dante. Ed è proprio per ricordare il famoso poeta che è stato riaperto nel giugno del 1997 e recentemente ampliato e ristrutturato, il Museo Virgiliano, situato a Pietole. E’ stato inaugurato nel 1981 sotto gli auspici delle celebrazioni per il bimillenario della morte del poeta. L’apertura al pubblico fu possibile grazie alla denitiva donazione dello stabile, da parte degli eredi dell’Ingegner Prati, al Comune di Virgilio.


VIRGILIO

LE GUIDE DELL’EUROPEA

38

IL FORTE DI PIETOLE, COSTRUITO NEL 1808 DAL GENERALE FRANCESE FRANÇOIS DE CHASSELOUP-LAUBAT, CHE LO EDIFICÒ A DIFESA DELLA VICINA CITTÀ DI Oggi il museo o virgiliano unisce MANTOVA. l’antica tradizio one del luogo alle

suggestioni i i ddell’arte ll contemporanea. L’edicio è sito in via Parma 24, a cinque chilometri dalla città, ed è raggiungibile seguendo la strada romana che da Mantova porta a San Benedetto Po. Attualmente il museo ospita due preziose collezioni donate al comune dai cittadini di Virgilio: la collezione di arte moderna di Ugo Celada e la collezione archeologica Vincenzo Prati. La prima raccoglie 55 dipinti del grande pittore Ugo Celada nato a Virgilio nel 1895 e morto all’età di 100 anni. L’arte pittorica di Ugo Celada mantiene una sua precisa originalità, dovuta alla complessità del

IL MUSEO VIRGILIANO Recentemente ampliato e ristrutturato, oggi il museo unisce l’antica tradizione del luogo alle suggestioni dell’arte contemporanea. Attualmente il museo ospita due preziose collezioni donate al comune dai cittadini di Virgilio: la collezione di arte moderna di Ugo Celada e la collezione archeologica Vincenzo Prati. L’apertura al pubblico è curata da cittadini volontari. Località Pietole Via Parma 34 - Virgilio INGRESSO GRATUITO messaggio delle sue opere e alle sue eccezionali doti tecniche. La collezione archeologica raccoglie vasi cinerari, olle e monete di epoca romana rinvenuti, a partire dal 1873 da Vincenzo Prati in un terreno di sua proprietà noto con il nome di Loghino, nell’area compresa tra Pietole Vecchia e l’antico argine del ume Mincio. L’inaugurazione della nuova struttura museale si è svolta il 21 gennaio 2012 contestualmente alla mostra “Omaggio a Virgilio” nel corso della quale è stata presentata anche la scultura che Sandro Negri ha donato al Comune e che è stata posta nel cortile del Museo. Nel 2012 il Museo ha ospitato l’importante mostra dell’artista virgiliano Sandro Negri “Omaggio a Virgilio” e i disegni degli alunni dell’Istituto Comprensivo di Virgilio; a cui è seguita la mostra delle opere di Gianna Pinotti “Le città cadute”. L’apertura al pubblico, in occasione delle esposizioni, è curata da cittadini volontari. „


39

VOLTA MANTOVANA

VOLTA MANTOVANA Dati Statistici Abitanti: 7.377 Altezza s.l.m.: 91 m Superficie: 50,31 kmq CAP: 46049 Comuni Limitrofi Cavriana, Goito, Marmirolo, Monzambano, Valeggio sul Mincio (VR)

MUNICIPIO Via Beata Paola Montaldi, 15 Tel. 0376.839411 segreteria@comune.volta.mn.it www.comune.volta.mn.it NUMERI UTILI Farmacie Zavarise Antonio Via 1848, 25 Tel. 0376.83014 Uffici Postali Piazza Cantarana 19 Tel. 0376.83060

PARTICOLARE DI PALAZZO GONZAGA.

“A VOLTA PER STAR BENE” Non c’è niente di meglio che gustare i prodotti tipici di un territorio che continua a regalare emozioni al palato e allo spirito. L’occasione è il 9 e 10 novembre con la tredicesima edizione “A Volta per star bene”, in cui bollicine, olio extravergine d’oliva, birra artigianale e tipicità sono i protagonisti di due giornate da non perdere. La rassegna che vede come ospiti d’onore gli spumanti italiani, l’olio extra vergine e i prodotti tipici, anche quest’anno, per il famoso incontro autunnale, riserva molte sorprese e novità. Si parte alle ore 10, e per il resto basterà esserci. L’appuntamento è alle Scuderie di palazzo Gonzaga. Il programma è ricco di eventi: aperitivi guidati, corso di capunsei, l’arte di fare il pane, impariamo a conoscere le birre, visite al palazzo e alle torri, intrattenimento per grandi e bambini, e molto altro ancora. Questo è il successo di “A Volta Per star bene”, la mostra mercato di spumanti, olii, tartu e prodotti tipici mantovani che sapranno raccontarvi una storia affascinante di tradizioni e saperi della terra mantovana. „


33‘

MANTOVA e provincia

SPECIALE SALUTE E BENESSERE

• Il Check Up • Vo l e r s i b e n e p e r v i v e r e m e g l i o • A t t e n t i a l l e o re c c h i e • I nostri denti • Occhi, che passione • La guida sicura per ogni bambino • C u ra re l a s c h i e n a • Belli, magri e in forma • Oggi penso a me


ncia

I

L’importanza del check up: ecco quando farlo Non bisogna aspettare i primi sintomi: l’organismo va tenuto sotto controllo, con esami specifici da fare a seconda dell’età e degli stili di vita Come si fa a tenere sotto controllo la nostra salute? Osservando stili di vita corretti – evitando cioè il fumo, l’alcol, di mangiare grassi, e facendo una buona attività fisica quasi ogni giorno – e sottoponendosi ai consueti controlli dal nostro medico curante, che saprà indicarci quale strada sicura percorrere. Per il “check up” è importante considerare le esigenze

Ma a quale età? Ad esempio il Pap test è consigliato tra i 25 e i 64 anni con cadenza triennale; alla mammografia è utile sottoporsi su base volontaria una volta all’anno tra i 45 e i 49 anni e sicuramente tra i 50 e 69 anni una volta ogni due anni. Non dimenticate! Il fumo è un fattore di rischio per i vasi sanguigni e per lo sviluppo di tumori, quindi è fonda-

del singolo paziente. Ogni controllo necessario dovrebbe programmarlo il medico curante sulla base di indicazioni chiare, come l’età, le abitudini alimentari, l’attività fisica, il fumo, il peso in eccesso e la familiarità. In linea generale è necessario sottoporsi a una visita medica ogni uno o due anni e, in base ai risultati, e ai sintomi, effettuare gli esami del sangue ed eventualmente l’esame delle urine.

mentale smettere di fumare. Con il sovrappeso è in agguato la sindrome metabolica, quella serie di alterazioni che portano alla resistenza all’insulina e aprono la porta al diabete e a un maggior rischio cardiovascolare. Ed infine attenzione al rischio cardiovascolare, quindi ad elevati valori di colesterolo Ldl (quello “cattivo”) e a pressione arteriosa, obesità e sovrappeso, familiarità e fumo.


LE GUIDE DELL’EUROPEA

II

A ciascuno il suo specialista Il medico di medicina generale

L’ INTERVISTA CON IL DOTT. RINALDO RONDELLI Medico di Medicina Generale di Castelbelforte (Mn)

Dottore, è arrivato l’autunno, quali sono i principali “malanni di stagione” che possiamo incontrare? «Parlando di “stagionalità” la prima menzione non può che essere per l’influenza, puntualmente presente con il suo carico di problemi ogni anno. Ma con il cambio stagionale altri “malanni” coinvolgeranno diffusamente la popolazione, quali le infezioni delle vie respiratorie, le sindromi parainfluenzali (che di solito precedono o seguono i periodi influenzali e che si presentano con sintomi simili alla vera e propria influenza) e, anche se con minore frequenza, alcune affezioni del tratto gastrointerico causato da virus stagionali». Come è possibile prevenirli ? «Come abbiamo detto questi problemi di salute correlati alla stagione autunno-invernale sono prevalentemente di natura infettiva, principalmente causati da agenti virali: il miglior modo per affrontarli, dal momento che non disponiamo di un “presidio unico” che ci garantisca l’evitamento di tali infezioni, è quello di mantenere la cura e l’attenzione per le proprie condizioni generali di salute, per prepararsi con “buone difese” rispetto alla diffusione dei patogeni invernali». L’influenza è il nemico numero uno: come possiamo prevenirla in anticipo? «Disponiamo di una opportunità che ci permette di prevenire specificamente e individualmente, l’insorgenza dell’influenza ed è rappresentata dalla vaccinazione: efficace, mediamente ben tollerata, praticabile su larga

scala anche se particolarmente consigliata per la popolazione anziana e per le persone affette da malattie croniche (cardiovascolari, respiratorie, dismetaboliche eccetera). Da ricordare però che, seppur vaccinati, si può rimanere comunque esposti al contatto con altri virus, non influenzali, che interessano l’albero respiratorio e per i quali sono sempre da adottare le comuni precauzioni di carattere generale. E c’è di più». Cosa? «L’altro aspetto della prevenzione è rappresentato da quelle regole di igiene generale, quelle precauzioni e comportamenti adeguati che possono realmente ridurre le possibilità di contagio; essendo principalmente implicata la via aerea è importante ricordare che il virus si può trasmettere con il respiro, le goccioline di saliva, gli starnuti, i colpi di tosse e pertanto risulta raccomandabile ridurre la probabilità di esposizione limitando la frequenza di luoghi chiusi molto affollati, proteggendo bocca e naso con fazzoletto e con mano in caso di tosse o starnuto, evitando l’uso di posate comuni, curando l’igiene e l’areazione degli ambienti di vita e di lavoro. E’ possibile anche una via indiretta di trasmissione del virus, ad esempio presente sulle superficie delle mani, e da qui il consiglio semplice ma fondato di un lavaggio delle mani ricorrente ed adeguato (30 secondi o più) in alternativa, se non possibile, ricorrendo a gel o schiume o fluidi disinfettanti, e di porre attenzione a non toccare naso, bocca, occhi con mani non deterse».


III

Sanità d’eccellenza

a Mantova Quando si parla di eccellenze nel campo della sanità si parla di ospedali in grado di rispondere alle esigenze di cura dei pazienti e di essere, al tempo stesso, al passo con le nuove e sofisticate tecnologie, alleati importanti per sconfiggere con efficacia e metodo i mali del secolo. L’ospedale “Carlo Poma” di Mantova ne è un esempio. L’azienda ospedaliera è nata nel 1994 ed è costituita da ospedali e ambulatori territoriali, luoghi di cura e di attività clinico assistenziale. I presidi per acuti di Mantova, Pieve di Coriano, Asola e il presidio riabilitativo di Bozzolo sono nodi di una rete ospedaliera capaci di rispondere alla domanda di salute della propria provincia di riferimento, un territorio di oltre 200 chilometri quadrati. Ricordiamo poi l’ospedale Psichiatrico Giudiziario di

Castiglione delle Stiviere, unica struttura italiana dedicata alla riabilitazione di pazienti psichiatrici in regime di detenzione, gestita completamente da professionisti sanitari. Il presidio territoriale è composto da poliambulatori che si occupano di prime visite e follow-up sull’intera provincia: Mantova, Roncoferraro, Goito, Viadana, Castelgoffredo, Quistello e Campitello. Fra le eccellenze di questa azienda ospedaliera, si annoverano la Cardiochirurgia, uno dei più importanti centri lombardi, collocata nel 2012 al primo posto della classifica nazionale stilata dall’Agenas (Agenzia Nazionale per i servizi sanitari regionali) per il più basso tasso di mortalità a 30 giorni dopo l’intervento al cuore; la Cardiologia; la Pneumologia; le Cure Palliative.


LE GUIDE DELL’EUROPEA

IV

ELENCO FARMACIE DELLA PROVINCIA DI MANTOVA MANTOVA AL MORO P.za Cavallotti, 12 Tel. 0376/320506 AL POZZO Via Corridoni, 30 Tel. 0376/321532 AL TE P.le Porta Cerese, 3/4 Tel. 0376/369481 ALLA LUNETTA Via Veneto, 23 - Frz. Lunetta Tel. 0376/370136 COOPERATIVA MANTOVANA Via Verdi, 58 Tel. 0376/324330 DEGLI ANGELI Str. Circonv. Sud, 5 - Frz. Borgo Angeli Tel. 0376/380524 DELFINI DR. ANDREA C.so Gribaldi, 89 Tel. 0376/320608 DUE PINI V.le. Pompilio, 30 Tel. 0376/262022 GRAMSCI P.le Gramsci, 9/A Tel. 0376/327553 PAINI Str. Formigosa, 2 Tel. 0376/302073 PERANI e GABURRI Via Chiassi, 64 Tel. 0376/320429 POPOLARE Via Arrivabene, 75 Tel. 0376/322289 SACRI VASI C.so Vittorio Emanuele, 106 Tel. 0376/320455 SAN CARLO AL CORSO C.so Umberto I°, 58 Tel. 0376/325255 SAN GIORGIO Portici Broletto, 64/66 Tel. 0376/321367 SAN PIO X° P.za De Gasperi, 3 Tel. O376/320240 SAN RAFFAELE Via Verona, 30/a - frz. Cittadella Tel. 0376/399949 SANTA LUCIA Via XX Settembre, 34 Tel. 0376/321536 SILVESTRI ELISA Via Roma, 24 Tel. 0376/321356 ACQUANEGRA SUL CHIESE MONTECCHIO Via Canneti, 33 Tel. 0376/79106 ASOLA FARMACIA DELL’OSPEDALE Via Tommaselli, 2 Tel. 0376/710064 BRESCIANI P.za XX Settembre, 13 Tel. 0376/710147 BAGNOLO SAN VITO CALOINI e GRANDI Str. Zuccona, 124 - Frz. S. Biagio Tel. 0376/415040 GUALTIERI DR. LUCA Via Cavour, 29 Tel. 0376/414015 BIGARELLO LORENZINI DR. TIZIANA Via Gazzo, 9 Tel. 0376/45103

BORGOFORTE BORGOFORTE P.za Matteotti, 18 Tel. 0376/648043 BORGOFRANCO SUL PO FORNASA DR. GIUSEPPE Via S. Francesco, 16 Tel. 0386/41353 BOZZOLO LAZZARINI Via Matteotti, 8 Tel. 0376/91142 COMUNALE BOZZOLO Via Valcarenghi, 42 Tel. 0376/920645 CANNETO S/OGLIO BARBIERI Via Garibaldi, 96 Tel. 0376/70209 TURRINI DR. MAURIZIO Via G. Garibaldi, 31 Tel. 0376/70146 CARBONARA PO ZUCCHI DR. GABRIELLA Via Marconi, 16/B Tel. 0386/41310 CASALMORO BALDO DR. DANIELA Via IV Novembre, 70 Tel. 0376/737035 CASALOLDO D’ISA DR. GIULIANA Via Giustizia, 29/4 Tel. 0376/74176 CASALROMANO SANTINI Via IV Novembre, 12 Tel. 0376/76238 CASTEL D’ARIO SOLDI V.le Rimembranze, 14 Tel. 0376/660126 CASTEL GOFFREDO BALLONI DR. GIOVANNI P.za Mazzini, 12 Tel. 0376/770146 COMUNALE CASTELGOFFREDO P.za Martiri della libertà, 26/b Tel. 0376/779132 CASTELBELFORTE SAN GAETANO P.za Garibaldi, 8 Tel. 0376/42052 CASTELLUCCHIO MORI P.za I° Maggio, 9 Tel. 0376/439638 GRASSI DR. PAOLA Via Gramsci, 1/a - Frz. Sarginesco Tel. 0376/438893 CASTIGLIONE DELLE STIVIERE PIGATO DR. ERASMO Via Donatori di Sangue, 11/G Tel. 0376/672344 SANT’ANNA Via Chiassi, 27 Tel. 0376/638136 COMUNALE UNIPERSONALE 2 P.za San Luigi, 9 Tel. 0376/638848 GIOVANNOLI DR. STEFANO Via Garibaldi, 78 Tel. 0376/632516 COMUNALE UNIPERSONALE 1 Via Carpenedolo, 2 Tel. 0376/944258 CAVRIANA BONETTI Via Porta Antica, 67 Tel. 0376/82091 CERESARA PANIZZA Via Roma, 44 Tel. 0376/87000 COMMESSAGGIO TORRAZZO Via Garibaldi, 32 Tel. 0376/98127 CURTATONE MONTANARA Via Lombardia 41/43 - Frz. Montanara Tel. 0376/49114 BENATTI Via Marconi, 92/b - Frz. Buscoldo Tel. 0376/48022 GRUSI DR. MARZIA Via Levata, 67 Tel. 0376/292138 DOSOLO TARANA DR. RAFFAELLA Via Provinciale, 52/b Tel. 0375/89123 FELONICA BARALDI P.za Municipio, 8 Tel. 0386/66143


V GAZOLDO DEGLI IPPOLITI GASTALDI DR. SERGIO Via Bresciani, 2 Tel. 0376/657137 GAZZUOLO CAPRIOLI DR. GIANFRANCO Via Roma, 85 Tel. 0376/97119 GOITO AZZALI DR. LINO Via XXVI Aprile, 27 Tel. 0376/60130 GUAITA DR. DARIA Via P. Caso, 16 - Frz. Cerlongo Tel. 0376/607084 SANTA MARGHERITA Str. Solarolo, 34 - Frz. Solarolo Tel. 0376/608042 GONZAGA CONTI DR. GIUSEPPE P.za Matteotti, 60 Tel. 0376/528359 BONDENO Via Arduini, 2/E, - Frz. Bondeno Tel. 0376/54022 GUIDIZZOLO MACCARI DR. FRANCO Via F. Filzi, 61 Tel. 0376/819005 MAGNACAVALLO MARTINELLI DR. AMELIA P.za Marconi, 17 Tel. 0386/55125 MARCARIA SANTA CHIARA Via Rossini, 1 - Frz. Campitello Tel. 0376/96138 MAESTRINI E CAVAROCCHI Via Crispi, 62 Tel. 0376/950666 MORANDI DR. CARLO Via Larga, 10 - Frz. Cesole Tel. 0376/968039 MARIANA MANTOVANA MARIA ASSUNTA Via Matteotti, 62 Tel. 0376/735015 MARMIROLO BASSANO DR. MANLIO Via XXV Aprile, 14 Tel. 0376/466116 DE CORTES DR. EMILIA Vicolo Bonizzi, 2 - Frz. Pozzolo Tel. 0376/460196 MEDOLE AZZALI DR. MARIA LUISA Via Zanella, 1 Tel. 0376/868010 MOGLIA BERNI Via XX Settembre, 11 Tel. 0376/598113 ROVEDA Via Battisti, 22 - Frz. Bondanello Tel. 0376/56021 MONZAMBANO FASOLI DR. SIMONA P.za Vitt. Emanuele II°, 2 Tel. 0376/800014 MOTTEGGIANA CARITA’ DR. MARCO Via Merlino, 5 - Frz. Villa Saviola Tel. 0376/527136

OSTIGLIA CREMASCHI DR. CARLO Piazza Matteotti, 19 Tel. 0386/802069 BREVIGLIERI DR. LUCIA Via Rovigo, 118 - Frz. Correggioli Tel. 0386/802527 CROTTI DR. ALAN Via Trento e Trieste, 3 Tel. 0386/802082 PEGOGNAGA ANTICA FARMACIA MORI P.za Matteotti, 8 Tel. 0376/559882 MANCINELLI Via Mantovana, 17 - Frz. Polesine Tel. 0376/525416 PIEVE DI CORIANO ROVERI DR. PATRIZIA Via Matteotti, 25 Tel. 0386/39116 PIUBEGA SAN PIETRO Via Gazoldo, 1 Tel. 0376/655333 POGGIO RUSCO CENTRALE Via Matteotti, 86 Tel. 0386/51039 LOLLI CASTELFRANCO C.so Matteotti, 224 Tel. 0386/51045 POMPONESCO BERTOZZI DR. PIETRO Via Cantoni, 19 Tel. 0375/86002 PONTI SUL MINCIO CAPPELLARI DR. PIERINA Via Roma, 40 Tel. 0376/88043 PORTO MANTOVANO GAMBA Via Leopardi, 27 - Frz. S. Antonio Tel. 0376/398160 COMUNALE A.SE.P. BANCOLE P.za della Pace, 5 - Frz. Bancole Tel. 0376/390990 BELLINI Via Libertà, 4 - Frz. Soave Tel. 0376/300641 QUINGENTOLE ROVERSI DR. INES P.za Italia, 1 Tel. 0386/42124 QUISTELLO RIVIERA DR. DANIELA Via Ugo Ruberti, 14 Tel. 0376/625334 FERRAMOLA DR. GIANNI Via Europa, 46 - Frz. Nuvolato Tel. 0376/617112 REDONDESCO PORTIOLI DR. CECILIA Via Tasselli, 2/bis Tel. 0376/954114 REVERE ROVERI DR. ALBERTA Corso Italia, 63 Tel. 0386/846039 RIVAROLO MANTOVANO LAZZARINI Via Mazzini, 50 Tel. 0376/99115


LE GUIDE DELL’EUROPEA

VI RODIGO TONA Via Panicella, 2 - Frz. Rivalta s/Mincio Tel. 0376/653143 PATERNIERI DR. SEVERINO Via Francesca Ovest, 4 Tel. 0376/650107 RONCOFERRARO GIOVANNOLI DR. SANDRA P.za della Repubblica, 1 Frz. Governolo Tel. 0376/668113 FRIGNANI DR. FABRIZIA Via L. Da Vinci, 4 Tel. 0376/663128 ROVERBELLA DUE TORRI Via Don Bertolani, 14 - Frz. Castiglione M.no Tel. 0376/697018 VACCARI DR. MONICA Via Custoza, 17 Tel. 0376/694014 BROMBIN DR. GIANFRANCO Via Piave, 1/9 - Frz. Malavicina Tel. 0376/696163 SABBIONETA BOSCHESI Piazza Ducale, 29 Tel. 0375/52058 BONASSI DR. FRANCO Via XXV Aprile, 79 - Frz. Breda Cisoni Tel. 0375/254145 SAN BENEDETTO PO FARMACIA EREDI GHIDINI VINCENZO Via Ferri, 42 Tel. 0376/615127 MASINI BERTAZZONI Via Ferri, 6 Tel. 0376/615117 LONETTI DR. PIETRO Via Romei, 71 - Frz. Portiolo Tel. 0376/611122 SAN GIACOMO D/SEGNATE TAMASSIA DR. AMEDEO LUPPI Via Cantone, 82/84 Tel. 0376/616106 SAN GIORGIO DI MANTOVA COMUNALE “SAN GIORGIO SERVIZI” Via Legnaghese, 20 Tel. 0376/370710 GUIDOTTI DR. EMILIO Via Marconi, 26/B Tel. 0376/370439 SAN GIOVANNI DEL DOSSO LAMBERTI DR. CAROLINA Via Allende, 8 Tel. 0386/757312 SAN MARTINO D/ARGINE ZANGOBBI DR. MAURO P.za Castello, 8 Tel. 0376/91432 SAN MATTEO D/CHIAVICHE GUERRESCHI DR. LUIGI Via Trieste, 49 Tel. 0375/80133 SCHIVENOGLIA VIRTUS CAVALLI Via Garibaldi, 15 Tel. 0386/58150

SERMIDE SS. PIETRO E PAOLO Via N. Sauro, 12 Tel. 0386/61159 FAJONI Via Cavicchini, 7 Tel. 0386/61013 ACCORSI Via Milazzo, 121 - Frz. Santa Croce Tel. 0386/915105 SERRAVALLE PO TADDEI DR. FRANCO Via Mantovana, 14/16 - Frz. Torriana Tel. 0386/40033 SOLFERINO ZECCHI DR. CHIARA Via XXIV Giugno, 27 Tel. 0376/855222 SUSTINENTE GUIDOTTI Via Marconi, 268 Tel. 0386/43124 SUZZARA TERZI - ASINARI Via Carobio, 64/B - Tabellano Tel. 0376/590306 CENTRALE Piazza Garibaldi, 1/B Tel. 0376/531363 BEATA VERGINE DELLA MISERICORDIA P.za Luppi, 6 Tel. 0376/531144 COMUNALE “SAN BIAGIO” V.le Europa, 2D Tel. 0376/536123 FARMACIA DELL’OSPEDALE Via Montecchi, 10/a Tel. 0376/531680 VIADANA MAESTRINI Via Milano, 131 - Frz. Cogozzo Tel. 0375/88215 COMUNALE 1 VIADANA L.go De Gasperi, 1/3 Tel. 0375/781394 STEFANI P.za Manzoni, 7 Tel. 0375/82446 COMUNALE 2 VIADANA Via Grazzi Soncini, 50 Tel. 0375/833805 VILLA POMA TRIDA Via Roma Nord, 27 Tel. 0386/864254 VILLIMPENTA DONELLI DR. GIUSEPPE Via Roma, 62 Tel. 0376/667428 VIRGILIO SANT’ANNA Via Cisa, 195/B - Frz. Cappelletta Tel. 0376/440779 BEDUSCHI DR. ALESSANDRO Via Cisa, 75 - Frz. Cerese Tel. 0376/448042 VOLTA MANTOVANA ZAVARISE DR. ANTONIO Via 1848, 25 Tel. 0376/83014

Parafarmacie dalle pappe per i bebè all’aspirina Possiamo acquistare prodotti farmaceutici da banco, per l’igiene personale, per la cosmesi e di erboristeria senza essere vere e proprie farmacie. Sugli scaffali ecco i farmaci da banco, vale a dire quei farmaci che comunemente sono esposti anche nelle pubblicità e rientrano nella cosiddetta fascia C. Poi ci sono i prodotti per l’automedicazione, come i disinfettanti, i cerotti, le fasciature, i kit di pronto soccorso, l’ovatta sterile, eccetera. E ancora: cosmesi, ovvero ciò che comprende qualsiasi tipo di crema, fango, trucchi, che abbiano fina-

lità estetiche o lenitive per piccoli inestetismi; i prodotti per l’infanzia (tutto ciò che riguarda il bambino a partire dai ciucci, omogeneizzati, biscotti, biberon, eccetera) e i prodotti per la mamma, come ad esempio reggi seni particolari per la fase dell’allattamento, tiralatte, eccetera. Anche per la nostra igiene c’è un reparto dedicato: dal bagno schiuma anallergico ai colluttori. Infine si possono trovare anche articoli per i nostri cari amici animali e i prodotti per l’omeopatia che generalmente erano di competenza delle erboristerie, ossia tutte le sostanze non invasive che possano avere effetti positivi sull’organismo. Perché le parafarmacie continuano ad avere successo? Le parafarmacie offrono il vantaggio del prezzo: ogni gestore può infatti applicare la percentuale di sconto che ritiene più opportuna sul prezzo indicato dalla ditta produttrice.


VII

Volersi bene Vole

per vivere meglio Prendersi cura di sé è il primo passo per stare bene non solo da un punto di vista fisico ma anche da un punto di vista psicologico. Quante volte abbiamo fatto qualcosa che ha portato beneficio al corpo e alla mente? Pensiamo ad una passeggiata sulla spiaggia, ad una corsa oppure ad una nuotata, che hanno regalato benefici alla mente e al corpo; o semplicemente siamo stati in compagnia di persone piacevoli che ci hanno fatto stare bene e a nostro agio (benessere psicologico). Ma in quante altre occasioni abbiamo compiuto azioni che hanno creato un disagio mentale oppure fisico? Star bene è insomma un equilibrio sottile che nel corso degli anni (esperienza) e con regole da osservare ad ogni età (corretti stili di vita) si può raggiungere con successo. Avere un buon comportamento verso la vita – gli esperti parlano perlopiù di “stili di vita” da osservare con attenzione e scrupolo per prevenire le malattie più frequenti – è un primo passo per stare bene con se stessi, a tutti i livelli. Fumo, alcol, mangiare tanto e male, non fare attività fisica sono comportamenti scorretti che allontanano dal nostro obiettivo il traguardo del buon equilibrio fisico. Se poi ci aggiungiamo lo stress, l’ansia e la depressione, figli di una vita frenetica e caotica, privi di punti saldi, allora l’obiettivo è ancora più lontano dal nostro benessere fisico e psicologico. Perché benessere del corpo e benessere della mente viaggiano di pari passo e sono entrambi fondamentali nella cura della salute.

Come comportasi allora per raggiungere l’obiettivo? Mettere insieme corretti stili di vita è la soluzione. Partiamo dall’esercizio fisico. Una corsa nel verde del parco cittadino non solo fa bene alla salute del cuore e alla forma fisica, ma anche al benessere mentale. Secondo gli esperti fare sport aiuta a migliorare il proprio benessere psicologico. L’attività fisica stimolerebbe, infatti, la produzione di alcune sostanze chimiche nel cervello che possono indirettamente migliorare il benessere psicologico. Vediamo ora da vicino il significato di benessere psicologico. Lo status di benessere psicologico è una condizione che ognuno di noi cerca lungo il corso della propria vita, in ogni azione che compie tutti i giorni, al lavoro, nelle situazioni conviviali o, comunque, in quei contesti che ci vedono a contatto con gli altri. Il concetto di benessere è una nozione in costante evoluzione: seguendo la piramide di Maslow, col passare del tempo la realizzazione dei bisogni fondamentali e di alcuni desideri considerati un tempo difficilmente raggiungibili porta alla nascita di altri bisogni e desideri. Ma come è possibile raggiungere il benessere psicologico, di fronte a stati d’animo come depressione e ansia, ad esempio, che oggi sono sempre di più vere e proprie “patologie dell’età moderna”? Rivolgersi allo psicologo, per molti, è ancora sinonimo di debolezza, per altri significa essere “folli”. Ma non è così. Può essere un aiuto importante per superare difficoltà e quindi per raggiungere un equilibrio psicologico.


LE GU LE GUI G GUIDE UIIDE U DE DELL’EUROPEA DEL DE D EL E LL’ L’E L ’’E EUR URO U RO R OPE PE EA A

VIII

Sentire bene

per riscoprire la vita

Anche le nostre orecchie sono importanti. Sentire bene significa restare in ascolto della vita, dei suoi stimoli e delle sue richieste. Il pericolo è in agguato quando si materializzano i problemi di udito, che anche se si tratta di lievi diminuzioni, hanno sempre delle conseguenze. Perché bisogna sapere che una diminuzione dell’udito crea problemi alle nostre relazioni con gli altri: lo sforzo per seguire una conversazione porta inevitabilmente a isolarsi, si rinuncia anche al dialogo per un problema all’udito, e chi ci sta attorno può anche stancarsi di ripeterci continuamente le stesse cose. Anche lo stress quotidiano è un amplificatore di disagi per chi ha difficoltà a sentire bene come gli altri. Sopraggiungono stanchezza, nervosismo, irritabilità. Senza contate che sentire male è sinonimo di pericolo. Infatti la funzione primaria dell’orecchio è di trasmetterci i segnali che ci avvertono di un pericolo imminente (un oggetto che cade, una macchina che arriva all’improvviso). E’ perciò utile trovare la corretta soluzione ai problemi di udito affinché si ritrovi un buon equilibrio con se stessi e con gli altri. Vediamo ora da vicino le cause che possono determinare la perdita dell’udito. La perdita dell’udito, sia parziale che totale, non è una malattia, ma piuttosto un sintomo di un danno sottostante. Un certo numero di patologie può condurre a problemi dell’udito. Le cause più comuni di sordità conduttiva includono la presenza di un tappo di cerume, infezioni

all’orecchio e perforazioni timpaniche. Cisti benigne, tumori e piccoli oggetti spinti nel canale uditivo, come un insetto o un piccolo pezzo di un giocattolo possono impedire la trasmissione del suono all’interno dell’orecchio. Anche certe malattie ereditarie sono causa di sordità conduttiva, di cui la più comune è l’otosclerosi, una malattia degenerativa delle piccole ossa dell’orecchio medio. I problemi dell’udito sono talvolta accompagnati da vertigini, mal d’orecchio, secrezioni o sanguinamento dalle orecchie, rumori rimbombanti nelle orecchie o in casi più rari paralisi dei muscoli facciali. Diversi sono anche i metodi con cui prevenire danni al sistema uditivo. Tra i più indicati, l’uso di tappi per le orecchie in caso di esposizione a livelli di rumori nocivi; non ascoltare mai la musica ad alto volume con le cuffie; se la musica ad un concerto, invece, provoca dolore alle vostre orecchie, è meglio sistemare dei tappi oppure spostarsi dai diffusori, il suono amplificato, infatti, può causare danni permanenti. Per chi utilizza la metropolitana è bene portarsi dietro dei tappi o coprire le orecchie con le mani al passaggio dei treni. Per ridurre il rischio di infezioni con conseguente sordità, infine, è bene controllare con attenzione il calendario delle vaccinazioni. Per chi ha soffre della continua formazione di tappi di cerume, il consiglio è quello di lavare le orecchie periodicamente con acqua ossigenata.


IX


LE GUIDE DELL’EUROPEA

X

I nostri denti Quando si parla di denti, denti la parola da non dimenticare è prevenzione. La visita regolare da uno specialista è infatti l’arma migliore per mantenere una dentatura sana, oltre che un sorriso smagliante, importante perché permette di prevedere in tempi rapidi l’inizio delle

cure odontoiatriche del caso e le cure conservative prepre coci che si impongono. Una raccomandazione su tutte: l’eliminazione della placca tramite una corretta igiene orale e una sana alimentazione povera di zuccheri, contribuiscono a prevenire la formazione di carie anche nei


XI

piccoli pazienti. I controlli durante i primi anni di vita permettono di intervenire non solo per garantire la sanità della dentatura e prevenirne le carie ma anche per accertarsi che non siano presenti problemi di malocclusione, per la cui correzione occorre rivolgersi ad un tecnico dell’ortognatodonzia. I danni che derivano da una scarsa attenzione all’igiene orale possono essere importanti. Dalle carie, che rappresentano la causa primaria di perdita di denti (avviene nel 90% dei casi per le sue complicanze), alle malattie parodontali, come gengiviti e parodontiti; dalle maleocclusioni (chiusura sbagliata delle arcate dentali e/o delle ossa mascellari), alle lesioni delle mucose (afte, herpes, tumori), passando per fratture e traumi, bruxismo (digrignare e serrare i denti in modo perlopiù involontario), ed edentulia (mancanza di uno o più denti), fino all’alitosi (alito cattivo provocato da cibi contenenti molecole volatili, come la cipolla e l’aglio; da patologie della bocca (sia dei denti che delle gengive) o dell’organismo, spesso gastrointestinali). Parlando delle carie, all’inizio non danno sintomi ma vengono rilevate solo dalla visita di prevenzione. La carie dentaria, infatti, è una malattia degenerativa dei tessuti duri del dente, lo smalto e la dentina, su base infettiva, che origina dalla superficie e procede in profondità, fino alla polpa dentale. A causarla sono i comuni batteri presenti nel cavo orale, principalmente quelli adesi al dente nella forma di placca batterica, che se non mantenuti sotto controllo attraverso le comuni pratiche di igiene orale, o nel caso di abbassamento delle difese immunitarie, riescono a

dissolvere la matrice minerale e organica che costituisce il dente, creando lesioni cavitate. Il sintomo principale è il dolore, che compare però spesso solo quando il processo è sceso molto in profondità, interessando l’organo pulpare. Il trattamento prevede l’asportazione del tessuto infetto e la sua sostituzione con materiale adatto e, nel caso di coinvolgimento pulpare avanzato, l’asportazione del tessuto pulpare e la sua sostituzione. È ormai accertato che per prevenire la carie sia di fondamentale importanza l’utilizzo di spazzolino e dentifrici. Il fluoro gode della capacità di remineralizzare lo smalto dentale, bloccare le vie metaboliche dei batteri responsabili della carie e ridurre l’adesività batterica sulle superfici dentarie. Per questo è utile un’accurata e regolare pulizia con spazzolino e filo interdentale e un controllo semestrale.


LE GUIDE DELL’EUROPEA

XII

A ciascuno il suo specialista L’Odontoiatra

L’ INTERVISTA CON IL DOTT. GUIDO CORGHI Odontoiatra e Presidente Andi (Associazione nazionale dentisti italiani) sezione provinciale di Mantova

Come è possibile mantenere nel tempo la migliore salute per i nostri denti? «La nostra bocca è un organo da conoscere, preservare e curare fin dalla nascita e non un oggetto misterioso che va considerato e riaggiustato solo quando “smette di funzionare”. Da molto tempo i dentisti italiani danno il loro impegno quotidianamente per diffondere le buone regole per una corretta prevenzione di carie, gengiviti e malocclusioni». Quanto è importante la prevenzione per i nostri denti, sin da piccoli? «Mantenere i nostri denti sani per tutta la vita è un obiettivo possibile, ma richiede un impegno precoce. E’ opportuno che le mamme comincino a pensare alla salute della bocca dei loro piccoli fin dalla gravidanza assumendo fluoro, secondo le indicazioni del medico. L’allattamento al seno è senza dubbio preferibile quando possibile. Considerando che nella nostra zona il fluoro è scarsamente diffuso nelle acque è opportuno che venga somministrato ai bimbi sin dalla più tenera età secondo le indicazioni, sotto forma di integratore. Alle dosi consigliate è assolutamente innocuo per il bambino e serve a proteggere i denti dalla carie. Le buone abitudini si apprendono più facilmente in tenera età! E’ perciò consigliabile ispezionare i primi dentini almeno una volta al giorno e pulirli con una garza o uno spazzolino morbido preferibilmente prima di andare a dormire. E’ assoluta-

mente vietato somministrare zuccheri o bevande zuccherate con succhiotti o biberon». Quali sono i principali nemici del nostro sorriso? «Una alimentazione scorretta, ricca di zuccheri e assunti frequentemente durante il giorno, aumentano moltissimo il rischio di formazione della carie. La scarsa conoscenza degli strumenti per eseguire una corretta igiene orale, quali lo spazzolino e il filo interdentale. Non sottovalutiamo il fumo di sigaretta, che tanto danno può fare ai tessuti gengivali oltre a lasciare i denti coperti di macchie antiestetiche». A quale età è consigliabile fare i primi controlli dal dentista? «Intorno al secondo anno di vita, quando la dentatura da latte sarà completa. Sarà una visita del tutto indolore e servirà per avere la sicurezza che tutto è sotto controllo. Inoltre il bimbo non avrà più paura delle visite successive». Quante volte all’anno è consigliabile fare controlli? «La visita di controllo periodica è di fondamentale importanza: permette di prevenire l’insorgenza di patologie gravi ed acute, fermando la carie o la gengivite quando sono ad uno stadio precoce del loro sviluppo. La sua frequenza è variabile a seconda della predisposizione individuale ad ammalarsi. Sarà il dentista a stabilire se fare il controllo una o più volte l’anno».


XIII

I nostri occhi Occhio alla miopia, all’ipermetropia e l’astigmatismo, i più frequenti difetti visivi che interessano adulti, anziani e bambini indistintamente. Come prevenirli? Partendo dal presupposto che fare controlli preventivi significa venire anche a conoscenza di difetti mai scoperti prima d’ora, ecco l’importanza della prevenzione. Certi difetti dell’occhio possono essere corretti in anticipo con l’uso di occhiali, lenti a contatto o con esercizi specifici. E se durante il controllo si evidenzia qualche anomalia, è indispensabile una visita dallo specialista. Vediamoli da vicino questi difetti. La miopia è un difetto della vista caratterizzato dalla visione sfocata delle immagini di oggetti posti a distanza e la visione nitida e distinta di oggetti posti a distanza sempre più ravvicinata quanto più elevata la miopia. L’unico mezzo di prevenzione efficace è di eseguire visite oculistiche periodiche, nei tempi indicati dal medi-

co oculista. Il colloquio centrato sulle proprie abitudini di vita e sulle proprie difficoltà spesso aiuta l’oculista a trovare la soluzione più appropriata per ogni paziente. L’ipermetropia è un difetto della vista caratterizzato dalla visione sfocata delle immagini di oggetti posti a distanza ravvicinata e spesso una visione distinta da lontano. Si risolve il più delle volte con l’uso di occhiali che permettono una perfetta messa a fuoco a tutte le distanze. L’astigmatismo è un difetto della vista che si caratterizza invece per la visione sfocata o distorta delle immagini di oggetti posti a tutte le distanze. La maggioranza delle volte l’errata focalizzazione delle immagini dipende da una curvatura disomogenea della cornea. La prevenzione efficace è quella di eseguire visite oculistiche in età pediatrica, e successivamente periodiche, nei tempi indicati dal medico oculista.


LE GUIDE DELL’EUROPEA

XIV

A ciascuno il suo specialista L’oculista

L’ INTERVISTA CON IL DOTT. GIUSEPPE SCIUTO Direttore della Struttura Complessa di Oculistica dell’ospedale “Carlo Poma” di Mantova Quali sono le patologie più comuni dei nostri occhi, dottor Sciuto? «Dal punto di vista medico la retinopatia diabetica, dal punto di vista chirurgico la cataratta». La retinopatia diabetica è una complicanza grave e frequente del diabete, a sua volta malattia sistemica che colpisce, cioè, tutto l’organismo: alcuni organi di più e precocemente, altri di meno e più tardivamente. L’occhio è l’organo più a rischio e soprattutto lo è la retina che è la parte più nobile dell’occhio stesso in quanto è costim tuita da cellule nervose che captano il segnale luminoso e lo inviano al cervello. Il principale danno che causa questa malattia è un’alterazione del circolo sanguigno a livello dei vasi più piccoli, i cosiddetti capillari, dove il sangue cede ai vari tessuti ossigeno e sostanze nutritive. La cataratta è un processo di progressiva perdita di trasparenza del cristallino. Questo processo, legato a fenomeni di ossidazione delle proteine che lo costituiscono, è il risultato di un fenomeno biochimico che si verifica con l’aumentare dell’età. L’allungamento della vita media ha portato a un aumento del numero di casi, tanto che oggi l’intervento di asportazione della cataratta è uno dei più eseguiti in tutto il mondo. Dottore, attraverso quali sintomi possiamo riconoscere queste malattie? «Entrambe provocano una riduzione della vista per cui il

paziente si accorge di vederci di meno con l’occhio colpito. Una visita oculistica completa (visus con prescrizioni occhiali, valutazione del segmento anteriore, del fondo dell’occhio in midriasi, del tono oculare e della motilità oculare) permettono di riconoscere queste e altre patologie se effettuate con regolarità». Quanto contano corretti stili di vita per il benessere dei nostri occhi? «Moltissimo, il mondo occidentale è sempre più colpito dalle malattie del benessere (diabete, ipercolesterolemia, eccetera) che interessano l’occhio con conseguenze anche gravi, ad esempio cataratta, retinopatia diabetica, retinopatia ipertensiva, eccetera)». La prevenzione ha inizio da piccoli? «Assolutamente si». Quali sono i consigli per i più piccoli? «In Lombardia viene effettuato uno screening ortottico con successiva visita oculistica nei bambini affetti da vizi di refrazione. Questo protocollo ha già dato ottimi risultati. Probabilmente l’oculista e l’ortottista dovrebbero visitare il bambino alla nascita togliendo questa incombenza ai pediatri, anche se attualmente questo intervento non è previsto. Regione Lombardia ha dimostrato uno spiccato orientamento alla prevenzione di patologie gravemente invalidanti come il glaucoma, sia per i piccoli che per gli adulti a rischio».


XV

La guida sicura p ogni per g bambino La Società Italiana di Pediatria, la Società di Pediatria Preventiva e Sociale e il Ministero della Salute individua dieci azioni di prevenzione primaria che genitori e pediatri devono mettere in campo per i piccoli. Vediamoli uno ad uno. Uno: allattare al seno almeno sei mesi, se possibile fino i dodici mesi. L’allattamento materno è la prima occasione per realizzare una corretta educazione alimentare. Due: con lo svezzamento introdurre alimenti e bevande complementari al latte materno, ad eccezione dell’acqua, dopo i sei mesi compiuti. Tre: controllare l’introito di proteine per i primi due anni di vita: evitare il formaggio grattugiato nelle pappe fino a 1 anno, non superare i 20 grammi di carne o formaggio e i 30 grammi di prosciutto. Quattro: evitare da 0 a 6 anni tè istantaneo, tè deteinato, tisane, succhi di frutta, soft drink, acqua zuccherata. Cinque: sospendere entro i 12-24 mesi l’uso del biberon; dopo i 12 mesi il rischio di sovrappeso aumenta del 3% per ogni mese di uso del biberon, che non favorisce una corretta regolazione del senso di sazietà; è a rischio la salute dentale. Sei: a tre anni abbandonare l’uso del passeggino; limitare l’abitudine di portare il bambino sul carrello della spesa e privilegiare l’abitudine di andare a scuola a piedi. Sette: a partire dai due anni controllare ad ogni visita dal pediatra la curva del Body Mass Index (BMI o indice di

massa corporea); tenere d’occhio l’EAR, “early adiposity rebound”, indicatore del precoce aumento dell’adiposità e quindi di sovrappeso futuro. Otto: far muovere il bambino il più possibile sin dai primi mesi di vita; evitare di tenerlo troppo seduto, non mettere il bambino davanti alla televisione prima dei due anni, dopo i due anni non superare le otto ore a settimana di tv/videogiochi, quando mangia o compie altre attività spegnere la televisione. Nove: regolare e incentivare i giochi di movimento adatti alle varie età del bambino. Dieci: preparare il piatto con la “taglia” di alimento idonea all’età del bambino: la porzione giusta è riportata nell’ “Atlante fotografico delle porzioni alimentari” che indica tre porzioni crescenti: “small”, “medium”, “large”.


LE GUIDE DELL’EUROPEA

XVI

Fisioterapia Fisioterap Prevenzione, cura e riabilitazione La figura di riferimento è il fisioterapista, cioè colui che è abilitato a svolgere autonomamente i propri interventi di prevenzione, cura e riabilitazione motoria, neurologica o respiratoria per alleviare e risanare traumi conseguenti ad eventi patologici di varia natura. Può operare in collaborazione con altre figure specializzate all’interno di centri di riabilitazione ospitati in una struttura pubblica o in una casa di cura privata. Le prime tecniche riabilitative di tipo fisioterapico moderno nascono alla fine del 1800, in seguito ai progressi compiuti dalla neurologia, ma è solo con il secondo dopoguerra che si registra l’esplosione delle più diverse tecniche riabilitative, ciascuna portatrice di un suo spe-

cifico e delimitato sapere. Oggi è possibile classificare questa grande varietà di metodologie fisioterapiche in quattro grandi aree: le tecniche fisioterapiche passive e attive analitiche, le tecniche fisioterapiche attive funzionali e posturali, le tecniche basate su meccanismi “riflessi” neurovegetativi, le tecniche di facilitazione neuromuscolare, gli esercizi terapeutici conoscitivi, la riabilitazione neurocognitiva. Diverse discipline, ma obiettivi comuni ad ogni tipo di trattamento: la fisioterapia di propone di annullare o ridurre il dolore, di normalizzare il recupero funzionale delle strutture neuro-muscolo-scheletriche da disfunzioni e sintomi, di riabilitare le funzionalità.


XVII


XVIII

A ciascuno il suo specialista L’ortopedico

L’ INTERVISTA CON IL DOTT. LODOVICO RENZI BRIVIO Direttore della Struttura Complessa di Ortopedia dell’Ospedale “Carlo Poma” di Mantova Dottor Renzi Brivio, come possiamo, con il passare degli anni, mantenere una corretta postura e un corretto funzionamento delle articolazioni? «Il mantenimento di una corretta postura dipende da un corretto comportamento nelle attività della vita quotidiana, nelle attività lavorative, in particolare nel sollevamento dei pesi da terra, e nelle attività sportive. Una buona tonicità muscolare permette inoltre un’adeguata protezione e stabilità delle articolazioni. L’educazione per una corretta postura inizia sin dall’infanzia, quando si iniziano a praticare attività sportive che siano indirizzate ad un rinforzo uniforme dei vari distretti muscolari. Col passare degli anni, sia per effetto della riduzione del tono muscolare, sia per effetto di un progressivo deterioramento della qualità ossea, la postura tende a peggiorare; risulta pertanto indispensabile mantenere anche da adulti un’attività fisica adeguata evitando il sovrappeso». Quali sono le patologie più frequenti? «Le patologie più frequenti legate all’avanzare dell’età

sono rappresentate da un lato dalle patologie di tipo degenerativo, come l’artrosi, dall’altro dal progressivo impoverimento delle componenti della struttura ossea che porta all’osteoporosi. Le patologie degenerative sono sensibili inizialmente alla terapia medica e successivamente, in seguito ad un eccessivo aggravamento, necessitano di trattamento chirurgico. L’osteoporosi comporta, invece, un aumento della fragilità ossea con conseguente maggiore rischio di frattura. Le sedi più frequenti di frattura sono rappresentate dalle vertebre, dal collo del femore e dal polso. Oggi è possibile, mediante una valutazione osteometabolica e densitometrica ossea, diagnosticare precocemente l’osteoporosi ed intraprendere un trattamento farmacologico adeguato». Quali sono i buoni comportamenti da osservare per evitare le principali patologie come il mal di schiena, uno dei dolori più frequenti? «Il mal di schiena (“low back pain” degli anglosassoni) è la forma più frequente di sintomatologia dolorosa riscontrabile ad ogni età ed associabile ad attività lavorative, sportive e quotidiane. La prevenzione del mal di schiena dipende sostanzialmente da una corretta postura e da una attività fisica che eviti sovraccarichi al rachide. Il sollevamento di oggetti da terra, che essi siano di peso elevato o meno, deve essere eseguito flettendo le gambe, senza quindi esporre la colonna ad eccessivo sforzo, per distribuire il carico in modo equilibrato tra arti inferiori e rachide. Sono controindicate le attività sportive estreme, mentre è consigliata ed utile una ginnastica misurata sulla propria struttura corporea, come ad esempio il Pilates».


XIX

Alimentazione, benessere re e psicologia Men M Mens en e nss sana na in corpore e sano s sa san Volete perdere peso per rimettervi in forma? Seguite alla lettera una delle regole cardine della dietetica: dimagrire non significa non mangiare, ma fare attenzione a quanto si mangia e a quello che si mangia. Una volta imparato questo concetto – rimarcano gli esperti - dimagrire diventerà una “passeggiata” da fare insieme al vostro dietologo. La dieta per eccellenza è quella mediterranea. E’ riconosciuta a livello internazionale come la dieta per eccellenza per le sue caratteristiche nutrizionali e il giusto apporto calorico giornaliero che è in grado di dare alla persona. La dieta mediterranea è un modello da seguire perché non solo previene le malattie cardiovascolari e quelle oncologiche, ma perché apporta nelle giuste percentuali carboidrati, lipidi e proteine, fornisce un congruo consumo di frutta e verdura, prevede il consumo di olio extra vergine di oliva e in generale di oli vegetali, di legumi che contengono fibre, di pesce ricco in acidi grassi omega 3, protettivi verso le malattie cardiovascolari. Secondo gli esperti non bisogna evitare niente, ma sicu-

ramente assumere in minor quantità alcuni alimenti che, oltre che predisporre all’obesità, aumentano il rischio di malattie cardiovascolari ed oncologiche, come i cibi ad elevato contenuto in carboidrati a rapido assorbimento e quelli ricchi in grassi saturi.


LE GUIDE DELL’EUROPEA

XX

Se stai cercando dei consigli per mantenere una linea perfetta senza per forza seguire una dieta ferrea, prova a seguire queste piccole astuzie che possono aiutarti a ridurre le calorie assunte quotidianamente. Attenzione allo zucchero nascosto Bevi il caffè zuccherato? Consumi bibite? Ricorda che niente, se non l’acqua, è a costo zero in termini di calo-

pranzo o cena è una buona abitudine da prendere. Cioccolato e caramelle Hai mai tenuto il conto di quante caramelle e cioccolatini mangi durante una giornata? Alla fine, la loro somma, pesa (sia in termini di calorie che di chilo). Datti un limite. per esempio: 1 caramella e 1 cioccolatino oppure 2 cioccolatini.

rie. Se bevi molti caffè, cerca di dare un taglio allo zucchero e per le bibite cerca di consumarne una sola in sostituzione dell’aperitivo. Occhio al pane Il pane è come le ciliegie: un pezzo tira l’altro, ma le calorie non sono le stesse. Evitare di mangiare pane in attesa che siano pronti

Aperitivi Sì. ma solo una volta a settimana! L’aperitivo è un momento “sociale” e sarebbe un peccato non parteciparvi, ma, d’altra parte salatini & co. hanno un peso non indifferente in termini di calorie: quindi concediti il “vero” aperitivo solo una volta alla settimana, le altre sere accontentati di un succo di frutta senza salatini o tartine.


XXI

Fuga dallo stress re re ress ess sss per ritrovare il benessere Ci sono tanti modi per fuggire dallo stress: chiudersi alle spalle la porte dell’uffi fficio, inveire contro i colleghi oppure fuggire in un posto non necessariamente esotico prendendo l’aereo. Ma basta l’autobus, la macchina o quattro passi e siamo nel centro benessere o nella beauty farm più desiderata, luoghi dove strappare qualche momento di pace nel caos della vita di tutti i giorni. Ebbene, ecco una selezione di quelli che sono i trattamenti più comuni, e il loro beneficio per l’organismo. SAUNA Quella tradizionale è la cosiddetta “finlandese” e consiste in un ambiente rivestito di legno in cui, tramite stufe, viene mantenuta una temperatura fino a 80-100 gradi, mentre l’umidità non supera il 10-20%, a parte quando si getta l’acqua sulle pietre. All’acqua vengono talora aggiunti olii essenziali a effetto balsamico, per esempio di pino o di eucalipto. Tipicamente la pratica della sauna prevede di alternare a minuti nella sauna bagni in acqua fredda o docce fredde. Lo scopo del trattamento è favorire la sudorazione, meccanismo naturale che ha la funzione di regolare la temperatura corporea, conservandola il più possibile vicina ai 37 gradi. L’aumento della temperatura corporea ha effetti benefici sulla muscolatura, che si rilassa e diminuisce la sua tensione. Durante la sauna metabolismo e battito cardiaco aumentano, si ha vasodilatazione e il sangue diventa meno “viscoso”: queste reazioni facilita-

no la circolazione del sangue ne ell’organismo. Il calore può anche dare benefi fici a chi soffre di patologie respiratorie (bronchiti, sinusiti e riniti croniche); può favorire un recupero muscolare più veloce (con facilitato rilassamento e smaltimento di acido lattico). BAGNO TURCO L’ambiente è saturo di vapore acqueo, con 100 per cento di umidità, che forma una nebbia a temperatura stratificata (dai 20/25 gradi al livello dei piedi a 40/50 all’altezza della testa). Si tratta soltanto di un bagno di vapore, ma è normalmente concepito come un momento di ritrovo socializzante e di relax, spesso associato a massaggi. BELLEZZA Un viso pulito e riposato, fresco dona immediatamente


LE GUIDE DELL’EUROPEA

XXII

più bellezza e una sensazione di benessere. Nei centri benessere si eseguono normalmente trattamenti di pulizia (con vapore o con olii o sostanze naturali) che depurano dalle impurità e aiutano la pelle a ritrovare la sua naturale elasticità eliminando le cellule morte. C’è per esempio la baccoterapia – per il viso e il corpo -, che consiste in una esfoliazione a base di gelatina ai semi d’uva e impacchi di resveratrolo e polifenoli dell’uva antiossidante e rassodante, che stimola la produzione delle fibre di collagene ed elastina. Le virtù del cacao sono invece alla base del trattamento per il corpo al cioccolato, impacchi e massaggi esfolianti che hanno la caratteristica di migliorare l’umore e il tono. IDROMASSAGGIO L’acqua calda (37/38°) è decontratturante e favorisce la circolazione, mentre quella fredda ha un effetto tonicostimolante e può aumentare la pressione arteriosa. Le bolle d’aria e il flusso dell’acqua invece comprimono e decomprimono i tessuti apportando vantaggi alla circolazione sanguigna e linfatica. Le gambe diventano più leggere e meno gonfie mentre la tanto temuta cellulite si riduce grazie alla pressione massaggiante dell’acqua, che favorisce il drenaggio dei liquidi. La pelle si tonifica, si leviga e si distende. La pressione del massaggio stimola infatti il rilascio di endorfine, che sollecitano le fibre nervose generando una sensazione di piacere e relax.

V


Viaggio attraver so i sapori 

TIROT



Il tirot è una focaccia tipica del Basso mantovano il cui nome deriva da “tirare”, in quanto il tirare è una delle fasi di lavorazione dell’impasto, che deve essere tirato al ne di stenderlo nella teglia prima di essere meso nel forno a cuocere.

PASTA SFOGLIA PER PRIMI PIATTI INGREDIENTI PER PREPARARE LA PASTA SFOGLIA, DOSI PER 6 PERSONE: 1/2 KG DI FARINA 00 1,5HG DI SEMOLINO DI GRANO TENERO 6 UOVA FRESCHE UN PICCOLO QUANTITATIVO DI ACQUA O LATTE CORRISPONDENTE AL VOLUME DI UN GUSCIO D’UOVO O POCO PIÙ Preparazione: Fare l’impasto mettendo su un asse, preferibilmente di legno. Versare la farina a fontana, scavare un incavo nella farina, mettervi le uova rotte e l’acqua e mescolare con le mani energicamente. Continuare a lavorare la pasta no ad avere un panetto uniformemente liscio (si dice che deve fare le bolle). Stendere la pasta con un mattarello o, se non si è abituati, usando la macchina per fare la pasta. Se la sfoglia deve servire per le tagliatelle, lo spessore della sfoglia deve essere grosso di mattarello e sottile di taglio. Se invece la sfoglia deve servire per gli agnolini o altre minestre, la sfoglia sarà sempre molto sottile.

Preparazione: Prendere 1,5 Kg di pasta di pane già lievitata (con lievito naturale, ma oggi si può fare anche con lievito liolizzato) Incorporare 1/2 Kg di cipolle nemente tritate (in autunno si possono aggiungere anche briciole di ciccioli di maiale) Impastare e amalgamare il tutto, tirando la pasta no a stenderla in modo omogeneo sulla piastra da forno Si ottiene una schiacciata di circa 30 cm di larghezza che verrà tagliata a rettangoli o a losanghe Si lascia lievitare la pasta stesa come si fa per il pane o la pizza Si mette nel forno del pane a cuocere. In alternativa in casa si mette forno a 220° ventilato per 18-20 minuti in base alla doratura preferita.

FORCHETTA CURIOSA

40


FORCHETTA CURIOSA

41

 STRACOTTO MANTOVANO INGREDIENTI: UN KG. DI CARNE D’ASINO O IN ALTERNATIVA DI MANZO (TAGLIO MUSCOLO, CAPPELLO DEL PRETE) 4 CUCCHIAI DI OLIO O UN ETTO DI BURRO A PIACERE, CAROTA, CIPOLLA, SEDANO, UN PAIO DI BICCHIERI DI BRODO, DUE O TRE BICCHIERI DI VINO ROSSO (OTTIMO IL LAMBRUSCO MANTOVANO), SALE, DUE CUCCHIATE DI PASSATA DI POMODORO. Preparazione: La carne deve essere un pezzo unico, si lega ed infarina. Si mette sul fuoco un tegame pesante (di acciaio spesso con doppio o triplo fondo ) con l’olio o il burro. Si aggiunge la carne a rosolare bene (circa una ventina di minuti), si controlla che la carne non attacchi sul fondo rigirandola un paio di volte, no a che si forma la crostina esterna. Si aggiungono le verdure affettate o tritate, la passata, il sale e il brodo che va fatto asciugare a fuoco lento (deve bollire appena). Aggiungere il vino, coprire la casseruola con carta-forno (per fare tenuta) ed un piatto fondo che deve sempre rimanere pieno di acqua, in modo che il vapore di cottura condensi e ricada sulla carne, impedendole di seccarsi, durante le quattro, cinque – sei ore di lentissima cottura. A ne cottura, frullare il sugo per renderlo omogeneo con un mixer a immersione, tagliare a fette la carne e coprirla con il proprio sugo, dopo aver aggiustato di sale. In alternativa alla carne d’asino si può usare anche il manzo. Il taglio ideale è il muscolo, il cappello del prete, anche se un po’ inltrato di tendine o grasso non c’è problema, anzi, la lunga cottura è perfetta per la carne non particolarmente tenera e per i tagli meno pregiati.


FORCHETTA CURIOSA

42



CALDI DOLCI (OSS DE MORT) INGREDIENTI: 250 GRAMMI FARINA DI MAIS 1 LITRO DI LATTE MEZZO BICCHIERE DI VINO COTTO, O VINO BIANCO A PIACERE 100 GRAMMI DI BURRO 100 GRAMMI DI PINOLI (O UVETTA ) 100 GRAMMI DI ZUCCHERO SCORZA DI LIMONE GRATTUGIATA, CANNELLA, 4 CHIODI DI GAROFANO, UN PIZZICO DI SALE Preparazione: far bollire il latte con tutti gli ingredienti tranne la farina di oretto. Quando il latte bolle versare a pioggia la farina, mescolando continuamen-

te per non formare grumi. Cuocere a fuoco lento per circa mezz’ora, no a quando si ottiene una polentina, continuando a mescolare. Far raffeddare la polentina dolce e formare, lavorando con le mani, palline grandi come una polpetta. Schiacciare le palline in modo da dare, forma di una polpetta allungatao a losanga. Per non far attaccare alle mani l’impasto, durante la lavorazione tenere le mani bagnate in continuazione. Cuocere i caldi dolci in forno a temperatura moderata (ad es. ventilato 150°-170°C) nché prendono una leggera doratura. Gli aromi: il limone, la cannella, i chiodi di garofano e/o il vino cotto, eventuale uvetta possono essere omessi o messi a piacere. Si possono cospargere di zucchero a velo. I caldi dolci vanno serviti preferibilmente ancora caldi.


LA TUA CASA

43

Casa dolce casa L’architettura è arte. Crea ambienti armoniosi in cui vivere comodamente anche senza investire una fortuna. Ecco alcuni utili suggerimenti per arredare la vostra casa in modo ottimale. Per gli interni cominciamo dalla cucina. Intanto ricordate di badare sempre alla funzionalità. La cucina è una sorta di ofcina della casa e dunque deve rispondere ad esigenze di razionalità. Mai sacricare un elettrodomestico ad un capriccio di arredamento. Piuttosto, in spazi limitati, si ricorre al forno a colonna, ai pensili più alti, alla “ruota” per pentole e padelle. E anche a prezzi contenuti. In camera da letto, proseguendo sulla linea losoca espressa per la cucina, il gusto personale spazia alla grande ma riesce, con piccolissimi sacrici, a sposare la funzionalità. Armadi con ante scorrevoli per non rubare spazio, cassetti, luoghi dove appendere abiti e cappotti, rimesse per lenzuola e coperte, cappelliere, appendi cravatte, ecc. E il letto? Dal romantico baldacchino al modernissimo futon, tutto è costruito per sfruttare spazi utili. Così il letto si alza e si apre per diventare un armadio e la testata cela una sorta di cassapanca utile anch’essa

ad ospitare abiti e biancheria. Stessi concetti nel salotto dove il divano può nascondere un letto d’emergenza che diventa utilissimo nel caso di ospiti e anche il puff nasconde una brandina. Gusto e funzionalità, insomma. Un discorso che vale anche per i quadri. Se vi piace collezionarli evitate di ammassarli, mescolando tipologie e soggetti. È vero, normalmente i quadri hanno un valore affettivo, una valenza estetica - culturale e rappresentano anche un valore economico. È comprensibile che si faccia fatica a non vederli appesi. Ma è meglio avere una parete con un solo quadro ben illuminato ed al centro dell’attenzione, piuttosto che una parete con molti pezzi eterogenei che fanno a pugni gli uni con gli altri. „


LA TUA CASA

44

RISTRUTTURARE CON ARTE La ristrutturazione di un appartamento, deve essere organizzata con estrema attenzione, e non lasciata al caso o, peggio, effettuata con interventi parziali afdati a persone senza specica preparazione professionale, molto importante ad esempio il montaggio dei ponteggi ad inizio lavoro. E’ sempre bene afdarsi a ditte specializzate che operino nella massima sicurezza. Le regole: - vericare presso il Comune di residenza (Ufcio Tecnico) le pratiche da svolgere in campo amministrativo, facendosi - ove possibile - assistere da uno Studio Tecnico (studio di architettura, ingegneria, geometri abilitati) il quale provvederà alle domande di rito, o alla presentazione del progetto che dovrà essere successivamente approvato dalla Commisione Igienico Urbanistica; - richiedere uno o più preventivi ad Imprese edili regolarmente iscritte alla Camera di Commercio,

o ad Artigiani abilitati alla professione - valutare attentamente il preventivo di spesa onde decidere se sono o meno necessari nanziamenti bancari e/o mutui bancari - stilare un regolare contratto con chi esegue i lavori evidenziando: data inizio lavori; data ne lavori; condizioni di pagamento; indicazioni speciche sui materiali d’uso; scarico di responsabilità su eventuali incidenti e/o infortuni; stipula di polizza assicurativa relativa al lavoro da eseguire.„


AUTO E PATENTE

45

Viaggiare in sicurezza

Per conservare al meglio un’automobile ci sono vari modi: c’è chi la tratta come un gioiello, la lucida e la profuma ogni giorno, chi nell’auto vede solo un mezzo per muoversi, senza fronzoli. C’è chi la usa solo per andare al lavoro, chi fa lunghi viaggi, chi la controlla periodicamente e chi si limita a portarla dal meccanico di controvoglia solo quando arriva il momento del tagliando. Ma ci sono delle regole afnché il ciclo di vita di un’automobile duri il più a lungo possibile. La prima e forse più importante regola è dare all’automobile ciò di cui ha bisogno per poter

camminare. È buona norma controllare periodicamente tutti i ltri, l’olio, il liquido per i freni e il refrigerante, evitare di lasciare troppo spesso l’auto in riserva di benzina per non sporcare i componenti meccanici del motore, provocandone una più rapida degenerazione, cambiare le gomme quando risultano troppo consumate e non lasciarle mai troppo sgone ma vericare che esse siano tarate alla pressione ideale per quel tipo di vettura. In denitiva, secondo un’indagine pubblicata recentemente, il costo medio per la manutenzione standard di un’automobile si aggira sui seicento euro per i primi due tagliandi relativi ad una percorrenza totale inferiore ai 60 mila chilometri, ma sale no ad arrivare al doppio (ovviamente dipende anche dall’automobile posseduta) per i tagliandi che si effettuano trascorsi i 100 mila chilometri. La manutenzione più semplice può essere effettuata anche da soli, anche se è consigliabile afdarsi ad un meccanico competente per evitare di creare problemi che aumenterebbero le spese. „


IL BELLO DELLA MODA

46

da o Il Bello della M Nei secoli passati, essere alla moda era appannaggio delle sole classi abbienti. Prima dell’Ottocento, l’abito era considerato talmente prezioso che veniva elencato tra i beni testamentari. I ceti più poveri erano soliti indossare solo abiti tagliati rozzamente e, soprattutto, colorati con tinture poco costose come il grigio. Non potendo permettersi il lusso di acquistare abiti nuovi confezionati su misura, tali classi ripiegavano spesso sull’abbigliamento usato. Ma la moda nasce solo in parte dalla necessità correlata all’esigenza di coprirsi. In realtà l’abito assunse anche precise

funzioni sociali, atte a distinguere le varie classi e le mansioni sacerdotali, amministrative e militari. Le donne, che ne erano escluse, non per questo rinunciavano a vestirsi con cura estrema. Più legato alla psicologia è l’aspetto del mascheramento. Gli abiti possono servire a nascondere lati della personalità che non si vogliono far conoscere o, viceversa, a mostrarli. Ancora oggi, e non soltanto per le donne, la cura nell’abbigliamento riveste un ruolo importante a livello sociale. Per questo è necessario scegliere con cura marche e fornitori di ducia. „


AMICI A 4 ZAMPE

47

I migliori amici dell’uomo

La medicina veterinaria è quella branca della medicina che si occupa di studiare la salute e le malattie degli animali domestici, come il cane ed il gatto. I gatti sono animali solitari ai quali piace dormire molto. Hanno bisogno di grattare con le unghie da qualche parte per mantenerle corte ed aflate, non lo fanno per dispetto. Il miglior modo per convivere armoniosamente con un gatto è di lasciare che sfoghi i suoi istinti liberamente: permettetegli di starsene da solo, procurategli un apposito giaciglio, sono in commercio bellissime cucce o lettini dove possono tranquillamente riposare. Se il vostro gatto non

ha la possibilità di cacciare, comprategli dei giochi che servano da passatempo. Il gioco è molto importante soprattutto quando è un cucciolo. Il cane è da sempre considerato il migliore amico dell’uomo. Le femmine hanno due periodi d’estro l’anno e la gestazione è di circa 9 settimane. Danno alla luce da 2 a 10 piccoli, secondo la taglia dell’animale. Notevoli sono i cambiamenti apportati nei secoli dalla selezione operata dall’uomo, sia come caratteristiche siche (colore, peso, qualità sensoriali), che come caratteristiche sociali. Al momento dell’acquisto riceverete un certicato di nascita. In un secondo momento vi verrà recapitato il pedigree denitivo. „

INDICE DEGLI INSERZIONISTI ABBIGLIAMENTO Creazioni Luna Via Cervi 3 Gonzaga (MN) Tel. 0376.58671 Pag. 46 Marisol Piazza Matteotti 45 Gonzaga (MN) Tel. 0376.528568 Pag. 27 ABBIGLIAMENTO DONNA Sotto Sopra Corso Vittorio Emanuele 10 Mantova Tel. 0376.360386 Pag. 4 ACCONCIATURE UNISEX Angel’s Hair Via Gandolfo 44/A Mantova Tel. 0376.224612 Pag. 6 Lui e Lei Via Ateneo Pisano 14 Curtatone (MN) Tel. 0376.49922 Pag. 24 AGRITURISMI Agriturismo Senga Via Senga 41 Marcaria (MN) Tel. 0376.969085 Pag. 41

Cascina Boschi Via dei Boschi 20 Volta Mantovana (MN) Tel. 0376.812887 Pag. 42 ALIMENTI SENZA GLUTINE Il Girasole Viale Europa 4 Mantova Tel. 0376.381459 Pag. XIX ALLEVAMENTI Antico Cerberus Corte Burione 1 S. Giorgio (MN) Tel. 331.350.75.40 Pag. 47 ALLOGGI Corte Bongiovanna Via Punte 75 S. Silvestro Curtatone (MN) Tel. 0376.47782 Pag. 9 AMBULATORI Polidietetico Via Parma 21 Mantova Tel. 328.8274669 Pag. XX

APPARECCHI ACUSTICI Amplifon Via Solferino 11/A Mantova Tel. 0376.368433 Via Europa 12/C Suzzara (MN) Tel. 0376.531545 Pag. IX Udito Finissimo Corso Garibaldi 145 Mantova Tel. 0376.368909 Via Mazzini 31 S. Benedetto Po (MN) IV Cop. ASILI NIDO Il Tempo dei Bimbi Via Folengo 2 S. Giorgio (MN) Tel. 0376.340846 Pag. 35 Nido Internazionale Bilingue Montessori Via Chiesa 42 Curtatone (MN) Tel. 0376.291681 Pag. XV ASSICURAZIONI Zerbini Via Virgilio 4 S. Benedetto Po (MN) Tel. 0376.615554 Pag. 34


48

AUTOFFICINE Five Racing Via S. Erasmo 27 Castel Goffredo (MN) Tel. 393.9535854 Pag. 45 Renato Via Medole 5 Mantova Tel. 0376.398177 Pag. 11 BAR Caffè Carraro Suzzara (MN) Tel. 0376.522690 Pag. 14 Infinity Cafè Via Di Vittorio 19 Bagnolo S. Vito (MN) Tel. 340.4547792 Pag. 21 Terry Cafè S.S. Cisa 3 Virgilio (MN) Tel. 0376.281580 Pag. 41 BED & BREAKFAST A.A.A. Armonie Piazza L.B.Alberti 26/A Mantova Tel. 389.5109877 Pag. 10 BIANCHERIA PER LA CASA Sorelle Pezzoli G. e A. Via Orefici 28 Mantova Tel. 0376.323397 Pag. 9 CANTINE Virgili Via Donati 2 Mantova Tel. 0376.322560 Pag. 10 CARROZZERIE Bianchini Via Pisacane 8 Virgilio (MN) Tel. 0376.448551 Pag. 38 Boldrini Paolo e F.lli Via div. Acqui 11 S. Giorgio (MN) Tel. 0376.372030 Via Goito 8 Roverbella (MN) Tel. 0376.694134 Pag. 45 Castiglioni F.lli Strada Segrada 34 Goito (MN) Tel. 0376.607361 Pag. 26 Froldi Via Strada Zanina 28/30 Guidizzolo (MN) Tel. 0376.849525 Pag. 45 Vencato Santo Loc. Barchetto 34 Roverbella (MN) Tel. 0376.694059 Pag. 45 CASALINGHI Casabella Via XX Settembre 10 Mantova Tel. 0376.325287 Pag. 14 CENTRI ESTETICI Beauty & Nails Via Tassoni 5 Mantova Tel. 0376.288324 Pag. XXII Estetica Armonie Via Libertà 61/B Porto Mantovano (MN) Tel. 0376.300977 Pag. XXII Estetica Egidia Viale Pompilio 43 Mantova Tel. 0376.381303 Pag. XXI La Rugiada Viale Virgilio 98/E Suzzara (MN) Tel. 0376.534099 Pag. XXII Morena Via Gramsci 5 Bagnolo S. Vito (MN) Tel. 0376.415480 Pag. XXI

CENTRI PRANOTERAPIA E BIONATUROPATIA Roversi Mario Piazza S. Giorgio 5 S. Giorgio (MN) Tel. 800.621205 Pag. 12-I COLORIFICI Mariani Via Venezia 34 Porto Mantovano (MN) Tel. 0376.396906 Pag. 7 CORNICI Ditta Salomoni Via M. di Belfiore 20 S. Silvestro (MN) Tel. 0376.290833 Pag. 25 La Bottega dell’Arte Via IV Novembre 2/A Suzzara (MN) Tel. 0376.532973 Pag. 11 COSTRUZIONI MECCANICHE PCM Via Madrid Porto Mantovano (MN) Tel. 0376.387743 Pag. 32 CURA DI SÉ Metodo Reme Corso Garibaldi 65 Mantova Tel. 335.8150132 Pag. IV DECORAZIONI Artemisia Via Sile 2 S. Giorgio (MN) Tel. 339.8585693 Pag. 4 ELETTRODOMESTICI RIPARAZIONE ElettroService Via A. Moro 4 S. Giorgio (MN) Tel. 338.3450134 Pag. 13 ESPURGO POZZI Ruggerini Strada del Forte 18 Mantova Tel. 0376.372736 Pag. 13 FALEGNAMERIE Falegnameria Rinoldi Via Roncore 28 Gonzaga (MN) Tel. 0376.54103 II Cop. M.E. Bottega di Falegnameria Via I Maggio 21 Volta Mantovana (MN) Tel. 0376.838549 Pag. 39 FARMACIE Beduschi Via Cisa 75 Virgilio (MN) Tel. 0376.448042 Pag. 37 Farmacia Montanara Via Lombardia 41/43 Curtatone (MN) Tel. 0376.49114 Pag. V FIORI Fioreria L’Oasi Via Indipendenza 83 Mantova Tel. 346.7066251 Pag. 4 FISIOTERAPISTI Cantoni Chiara Piazza Virgilio 13 Porto Mantovano (MN) Tel. 348.4126479 Pag. 32-XVI FORNI Il Forno Strada Solarolo 104 Goito (MN) Tel. 0376.608133 Pag. 42

GAS TECNICI Bamo-Utensilbamo Via Valeggio 2 Mantova Tel. 0376.390399 Pag. 11 GELATERIE Brivido Caldo Via Menotti 7/B Suzzara (MN) Tel. 0376.1870012 Pag. 36 Il Principe Via Canova 3 Porto Mantovano (MN) Tel. 0376.442749 Pag. 31 GIOIELLI Tosoni Via G. Oberdan 12 Mantova Tel. 0376.364895 Pag. 8 HOTEL Casa Poli Corso Garibaldi 32 Mantova Tel. 0376.288170 Pag. 5 Paradiso Via Piloni 13 Virgilio (MN) Tel. 0376.440700 Pag. 37 IMPIANTI ELETTRICI Beffa Via Bachelet 28 Porto Mantovano (MN) Tel. 0376.390067 Pag. 10 IMPRESE DI PULIZIE Impresa di Pulizia Brasiliana Via Don Giovanni Bosco 48 S. Giorgio di Mantova (MN) Tel. 0376.280335 Pag. 44 Impresa PuliMantova Piazza della Resistenza 19 Porto Mantovano (MN) Tel. 333.3497550 Pag. 1 INFORMATICA E SERVIZI Athenagroup Via Di Vittorio 15 Bagnolo S. Vito (MN) Tel. 0376.253310 Pag. 7 LAVANDERIE Lavanderia Arcobaleno Via G. Bianchi 20 Pegognaga (MN) Tel. 0376.1819303 Pag. 1-30 LETTI Centro del Riposo Via Dugoni 19/21 Mantova Tel. 0376.329259 Pag. XVII MACELLERIE Punto Più Via Bertani 23 Buscoldo (MN) Tel. 0376.48714 Pag. 40 MARMI Sassimarmi Via Arisi 16 Gazzuolo (MN) Tel. 0376.97262 Pag. 5 MATERASSI Centro del Riposo Via Dugoni 19/21 Mantova Tel. 0376.329259 Pag. XVII MEDICI CHIRURGI SPECIALISTI Dott.ssa Adriana Forapani Via Grazioli 30 Mantova Tel. 0376.220931 Pag. XIX


49

INDICE DEGLI INSERZIONISTI

MERCATINO DELL’USATO Porta Portese Via Parigi 12 Porto Mantovano (MN) Tel. 0376.391818 Pag. 10 MERCERIE La Bottega di Nonna Giuseppina Via Piastro 10 Mantova Tel. 0376.326482 Pag. 4 ODONTOIATRI Dott. Casato Carlo Mantova Tel. 0376.362515 Pag. X Dott.ssa Tiziana Mastromarino Via Porto 26 Mantova Tel. 0376.222256 Pag. XI ORTOPEDIA E ARTICOLI SANITARI Ortopedia Rizzi Via Roma 44 Mantova Tel. 0376.323239 Pag. XVIII OSTERIE Tiratappi Piazza L. B. Alberti 30 Mantova Tel. 0376.322366 Pag. 6 OTTICI Lo Spaccio dell’Occhiale Ss Cisa 35 Porto Mantovano (MN) Tel. 0376.399724 Pag. XIII L’Occhiale Via G. Chiassi 72 Mantova Tel. 0376.323524 Pag. XIII PANIFICI La Forneria Carra Viale Europa 12 Bagnolo S. Vito (MN) Tel. 0376.415011 Pag. 5 PARAFARMACIE Errepi Salus Via P. Amedeo 26/A Mantova Tel. 0376.263569 Pag. VI PARRUCCHIERI Sara e Monica Via 1848 n° 29 Volta Mantovana (MN) Tel. 0376.838279 Pag. 39 Serena Via Fornace 33 Gonzaga (MN) Tel. 0376.525667 Pag. 27 PASTICCERIE Dolcidee Via Catania 1/M Bagnolo S. Vito (MN) Tel. 0376.253389 Pag. 21 Il Principe Via Canova 3 Porto Mantovano (MN) Tel. 0376.442749 Pag. 31 PIANTE DA ORTO Marconi Vivai Strada Levata 9 Roverbella (MN) Tel. 0376.696706/7 Pag. 33 PIZZERIE Croce del Gallo Via Carobio 74 Suzzara (MN) Tel. 0376.520203 Pag. 36

La Pepa Via Villani 6/8 Gonzaga (MN) Tel. 0376.535003 Pag. 27 Masaniello Viale Sabotino 13 Mantova Tel. 0376.322897 Pag. 5 New Club Via Repubblica 45/B Castellucchio (MN) Tel. 0376.438530 Pag. 41 PIZZERIE D’ASPORTO Centro Esportazione Pizza Via Acerbi 35/B Mantova Tel. 0376.224630 Pag. 19 POZZI PER ACQUA Ballista Angelo Fraz. Villa Garibaldi 195/A S. Benedetto Po (MN) Tel. 0376.615485 Pag. 34 PROFUMI Profumi di Cinzia Piazzale della Vittoria 1 Castel Goffredo (MN) Tel. 0376.771903 Pag. XXII PSICOLOGI Dott.ssa Erica Moretti Via Virgilio 15/A Porto Mantovano (MN) Tel. 392.3342161 Pag. IV QUADRI Ditta Salomoni Via M. di Belfiore 20 S. Silvestro (MN) Tel. 0376.290833 Pag. 25 REVISIONI EmmeB Via Martiri di Belfiore 2 S. Giorgio (MN) Tel. 0376.270729 Pag. 6 RICAMBI INDUSTRIALI Terreni Industriale Goito (MN) Tel. 0376.689250 S. Giorgio (MN) Tel. 0376.371004 Pag. 7 RICEVITORIE Buona Fortuna Via Buozzi 2 Marmirolo (MN) Tel. 0376.294321 Pag. 29 RICOSTRUZIONE UNGHIE Beauty & Nails Via Tassoni 5 Mantova Tel. 0376.288324 Pag. XXII RISARCIMENTI Studio TDR Via Roma 29 Mantova Tel. 348.3735454 Pag. 16 RISTORANTI China Grill Via G. Montanelli 6 Curtatone (MN) Tel. 0376.348333 Pag. 42 Croce del Gallo Via Carobio 74 Suzzara (MN) Tel. 0376.520203 Pag. 36 La Cucina Via G. Oberdan 17 Mantova Tel. 0376.1513735 Pag. 16 La Pepa Via Villani 6/8 Gonzaga (MN) Tel. 0376.535003 Pag. 27

New Club Via Repubblica 45/B Castellucchio (MN) Tel. 0376.438530 Pag. 41 ROTTAMI RECUPERO CM Rottami Via Falcone 91 Concesio (BS) Tel. 030.2185136 Pag. 2 SALE GIOCHI - SLOT Asso di Cuori Via Catania 1/L Bagnolo S. Vito (MN) Tel. 0376.414166 Pag. 22 SCALE B.S. Scale Via G. Gentile 67 Goito (MN) Tel. 0376.605320 Pag. 7 SCUOLE DI LINGUE Benedict School Via Chiassi 44 Mantova Tel. 0376.325191 Pag. 13 SERIGRAFIE Serigrafia Procjet Via Tagliamento 42 Marmirolo (MN) Tel. 0376.294446 Pag. 29 STUDI DENTISTICI Franzini Dott. Diego Strada Ss. Romana 55 Virgilio (MN) Tel. 0376.281210 Pag. 38 TABACCHERIE Buona Fortuna Via Buozzi 2 Marmirolo (MN) Tel. 0376.294321 Pag. 29 TELEFONIA Officina della Telefonia Via Principe Amedeo 6 Mantova Tel. 347.7937809 Pag. 5 TENDE Tenda OK Via Roma 31/D Volta Mantovana (MN) Tel. 0376.812760 Pag. 43 TESSUTI Studio di Rita De Luca Via Ippolito Nievo 19 Mantova Tel. 0376.324786 Pag. 44 TIPOGRAFIE Galli Vicolo Chiodare 10 Mantova Tel. 0376.320768 Pag. 6 TRATTORIE Masaniello Viale Sabotino 13 Mantova Tel. 0376.322897 Pag. 5 Via Veneto Via Veneto 2 Roverbella (MN) Tel. 0376.696457 Pag. 40 VIVAI Marconi Vivai Strada Levata 9 Roverbella (MN) Tel. 0376.696706/7 Pag. 33


OMAGGIO ALLA NOSTRA STORIA La società globalizzata in cui viviamo ci pone di fronte a paradossi difcilmente comprensibili. Perché in un mondo che vive ogni giorno a tutta velocità, facendo correre informazioni da un capo all’altro del pianeta attraverso autostrade telematiche che si dipanano nella rete di Internet, spesso ci dimentichiamo da dove arriviamo e neppure sappiamo cosa accade nella nostra strada, nel nostro quartiere, nel paese accanto al nostro. Una distrazione globalizzata che rischia di disperdere un patrimonio unico e prezioso come quello delle nostre secolari tradizioni, degli usi dei nostri avi, dei costumi della nostra terra. Ed è proprio questo che l’Europea Editoriale si pregge di fare in una mission editoriale che si rinnova ormai da decenni:

raccontare la Nostra Terra. Perché è un’avventura straordinaria raccontare la Nostra Terra. Così nasce questo capitolo che raccoglie la storia e le eccellenze dei Comuni di Mantova, Bagnolo San Vito, Castel Goffredo, Curtatone, Goito, Gonzaga, Guidizzolo, Marmirolo, Pagognaga, Porto Mantovano, Roverbella, San Benedetto Po, San Giorgio di Mantova, Suzzara, Virgilio e Volta Mantovana. Una guida ricca di riferimenti storici, numeri utili, cartine toponomastiche. Ma anche un’innovativa guida alle attività commerciali, con rubriche ricche di suggerimenti e di consigli sulla cucina, sulla casa, sull’automobile e perno sulla moda. Uno strumento utile ma soprattutto un omaggio alla nostra storia. In questo contesto, come gran-

de novità, l’Europea Editoriale ha inserito la “Guida 33” dedicata alla salute e al benessere che è già un successo in molte Regioni italiane, dal Piemonte all’Emilia, dalla Liguria al Veneto. Uno spaccato dedicato alla nostra vita quotidiana per imparare a volerci bene e a vivere meglio. L’Europea Editoriale considera fondamentale questo lavoro di ricerca e di comunicazione che si traduce in pubblicazioni che vengono offerte gratuitamente agli abitanti della zona e ai turisti. L’Editore e i suoi collaboratori vogliono esprimere il ringraziamento e la gratitudine innanzi tutto agli imprenditori che hanno il coraggio di scommettere su se stessi e sul loro territorio. L’Editore Giusi Suffia

RINGRAZIAMENTI

Si ringraziano i Sindaci e i Funzionari tutti, che hanno collaborato fattivamente alla raccolta dei dati e delle informazioni utili per le famiglie ed i cittadini. Un ringraziamento particolare agli Inserzionisti, grazie all’intervento dei quali la Guida verrà distribuita gratuitamente, offrendo un vero servizio alle comunità. Europea Editoriale



Mantova 2013