Catalogo mostra percorsi introspettivi dell'anima a cura di Eugenia Harten

Page 1

In occasione dell’anniversario di nascita del maestro Caravaggio La mostra rientra nella programmazione dell’evento NOI CARAVAGGIO


LIBRERIA – GALLERIA IL CAMPANILE


aravaggio si rivela, a posteriori, l’artista moderno più abile a sottrarsi alle proprie coordinate temporali, ponendosi in un costante dialogo con la sensibilità contemporanea, che riconosce in lui una componente che le è tipica, una sorta di “avanguardismo”, un’urgenza di rottura e innovazione rispetto alle rigide norme che erano imposte alla produzione artistica tardocinquecentesca. Come gli artisti contemporanei riflettono se stessi nelle loro opere, così anche i lavori di Caravaggio non possono essere scissi dalla personalità dell’autore e dalla sua vitalità. Un’adesione della vita all’arte che anticipa di molto un concetto tipico dei prodromi della contemporaneità.

C

Dr.ssa Sofia Fratelli Storica dell’Arte Laurea in Scienze dei Beni Culturali e Storia e Critica dell’Arte Presso l’ Università degli Studi di Milano


Gli ARTISTI

G

li Artisti sono stati rigorosamente selezionati dalla curatrice Eugenia Harten per questa mostra. Partecipano artisti affermati, con vasto curriculum artistico, da anni sulla scena artistica internazionale, ma anche giovani di grande talento, future promesse dell’Arte Contemporanea internazionale.

ROSALBA ACQUARO CARMINE BELLUCCI LORELLA CASTELLI VALERIA CERUTTI MARIO DEL VIERO (MIROA) NATALIA GONZALEZ PRADOS EUGENIA HARTEN MARISA IERARDI VITO LEGRAMANDI VITTORIA MANCA LAURA MINUTI PATRIZIO OCA ELISABETTA PAPA RODRIGO PEDROSA SERGIO RIVIERA MIRKO RONCELLI VITTORIA SALATI MARILISA SERRA PATRIZIA TUMMOLO IVO VASSALLO ELSA VENTURA MIGLIORINI


n occasione dell’anniversario di nascita del grande maestro Michelangelo Merisi, detto il Caravaggio, il 29 settembre, l’artista/curatrice Eugenia Harten ha invitato artisti da gran parte delle regioni Italiane, tra cui, Lombardia, Liguria, Piemonte, Puglia, Emilia Romagna, Veneto, e, tramite l’Interscambio Culturale Italia/Brasile, due artisti brasiliani, di Recife e Rio de Janeiro, ad esporre le loro opere nella città di Caravaggio. la mostra rientra nella programmazione dell’evento NOI CARAVAGGIO, con il patrocinio della città di Caravaggio.

I

Con l’intento di unire l’Arte Contemporanea di diverse correnti artistiche, la mostra “PERCORSI INTROSPETTIVI DELL’ANIMA” ha dato la possibilità agli artisti di creare liberamente due opere a tema libero, ovvero, quello che esce dal loro più profondo dell’anima. La mostra si propone di viaggiare nell’introspezione dell’arte, partendo dalle opere neo pop di Vittoria Salati, oppure, percorrendo le vie urbane nell’impressionismo di Patrizio Oca . Il realismo magico e poetico di Carmine Bellucci e Marisa Ierardi, navigare nel mar ligure di Elsa Ventura Migliorini, o allargare do sguardo sui paesaggi impressionista di Sergio Riviera. Il simbolismo figurativo di Marilisa Serra, l’espressionismo nelle opere di Valeria Cerutti ed Ivo Vassallo, volando nella fantasia del surrealismo di Elisabetta Papa, fino a creare forme e colori spontanei nell’astrazione di Mario Del Viero e Vittoria Manca, arrivando ai segni dell’Informale di Mirko Roncelli, attraversando il sottile confine tra astratto e figurativo nelle opere di Lorella Castelli ed Eugenia Harten. Non escludendo ovviamente gli occhi attenti nell’arte di fotografare di Natalia Gonzalez Prados e Vito Legramandi, o la tecnica particolare in carta pesta di Laura Minuti, la pittura digitale di Rosalba Acquaro le sculture astratte di Patrizia Tummolo ed espressioniste di Rodrigo Pedrosa. Gli Artisti partecipanti hanno anche accettato la grande sfida di reinterpretare una opera del pittore Caravaggio, ognuno seguendo il suo proprio stile. Abbiamo fatto un vero e meritato omaggio all’Artista che ci ha portato la luce nell’Arte, che fa parte della Storia dell’Arte Internazionale e che finora dopo di tanti secoli, è ancora ispirazione per tanti Artisti.

Eugenia Harten Curatrice Ideatrice dell’Interscambio Culturale Italia/Brasile


Rosalba Acquaro - AZZURRA, Acrilico su tela 40x50cm


Rosalba Acquaro Risale al 2001 la prima volta in cui Rosalba Acquaro prese una tela e cominciò a far volare la sua fantasia; il risultato come l'artista citò “fu così esaltante, non per quello che ero riuscita a creare, ma per quello che tutto ciò riusciva a farmi sentire che da allora non ho più smesso. Una volta libera da impegni di lavoro, la stessa si è buttata a capofitto nella sua passione, sperimentando le più svariate tecniche di pittura, dall'acquerello ai collage, dalla pittura materica al figurativo, dall'astratto geometrico all'arte digitale, sua ultima passione. Moltissime sono le sue esposizioni di opere fatte nell'Hinterland Milanese, grazie alle iniziative del circolo artistico al quale da diversi anni è iscritta. Ci piace, inoltre, ricordare tra le esperienze più significative degli ultimi tempi. La partecipazione ad “Arte Quake” grande mostra di solidarietà in occasione del terribile terremoto che colpì l'Emilia Romagna. La sua presenza con una clip televisiva su Artetivulab (oggi ProgettoLab ) ideato dalla Orler di Venezia , la partecipazione ad una collettiva tenutasi a Bruxelles (Galleria Amart) a maggio 2013; a luglio 2013 la partecipazione ad “Anacapri incontra l'arte. Molte se opere sono state pubblicate su lla Rivista Over Art ed Effetto Arte, nei cataloghi d'arte contemporanea “I SEGNALATI” del 2013, “ARTISTI A NEW YORK” e “THE BEST MODERN AND CONTEMPORARY ARTISTS”, curati dal Dr. Salvatore Russo, della EA Casa Editrice ;nelle Monografie “Astrattismo” e “Storia dell'Arte Contemporanea” della Swing Edizioni di Roma . Ad Agosto 2015 ha partecipato alla Mostra Collettiva “Ciak si Mostra” presso la Chiesa del Gesù in Roma con l'Associazione Artisti di Roma. Dal 29 Ottobre 2015 al 5 Novembre Mostra collettiva presso il Castello Mediceo di Melegnano (MI) EXPO,CIBO, ALIMENTAZIONE E BENESSERE. Da dicembre a gennaio 2016, sempre con L'Associazione Artisti di Roma, ha partecipato ad altre quattro Mostre organizzate durante il periodo Natalizio presso alcune bellissime Chiese del Centro Storico della Città. Nel periodo Aprile-Maggio 2016 ha partecipato con 4 sue opere all'Evento presso l'Aventino (giardino degli aranci) a Roma. Dal 9 al 23 settembre è stata presente con un'opera all'Evento “Geni Comuni” presso il Museo del Presente di Rende (Cs)


Carmine Bellucci - HOLY FRIDAY, acrilico su tavola 80x120cm


Carmine Bellucci Nato a Foggia e ha studiato Graphic Design a Milano laureandosi in Arti Visive. Insieme ai suoi studi accademici ha sempre coltivato un forte interesse per la street art e la cultura urbana, dipingendo in diverse manifestazioni di graffiti nazionali. Lavora a Padova come artista e illustratore per diversi clienti italiani ed internazionali. Il suo personale e colorato immaginario lo ha portato ad ottenere molteplici e variegate collaborazioni come interventi pubblici su muri, progetti editoriali e illustrazioni commerciali. Carmine ha maturato un fluido e dinamico linguaggio visivo che danza sulle superfici diffondendo l’energia festiva e carica di vita di un semplice atto pittorico. Riconoscimenti: 2010 - Featured on Spaghetti grafica - "Percorri la modernità" project 2013-Featured on Sweet Station 2013 - Featured on Illustration Served 2013 - Top 30 Finalist Cake Wines Archi-Bottle Prize 2013 - Featured on Australian Creative 2014 Featured on Abduzeedo 2014 - Featured on Illustration Served 2014 - Featured and Interviewed on Novum magazine 2015 - Featured on Gorgo magazine - Urban Canvas 2015 Featured on Inky Goodness Artist of the day 2015 - Featured on Magic Paintbrush by Illustration - Hightone Books 2015 - Featured on Meiaseis 2015 - Sugarprize - Artwork awarded to Licia Troisi for best fantasy writer at the Sugarpulp annual event 2016 - Featured on Behance Curated Galleries - Illustration 2016 - Featured on 3x3 Illustration Shows No.13 2016 - Featured on Picame Magazine 2016 - Featured on Lürzer's Archive - 200 Best Illustrators Worldwide 2017 Featured on 3x3 Illustration Directory Mostre & Interventi Artistici: 2004 - Interplay group show (group exhibition) La Cattedrale - Cusano Milanino 2005 - Metastyle art group + Marco Gifuni (group exhibition) - Sala Grigia – Foggia 2006 - Croce Rossa Italiana Competion 1st place (group exhibition) – Foggia 2007 - "Percorri la modernità" - Triennale – Milano 2011 - "500 Contemporary Art Meeting" (group exhibition) - Spazi Possibili – Milano 2012 - "Nothing to do with it" (group exhibition) - San Sebastiano palace – Mantova 2012 - "Apparel Music Limited Contest" (group exhibition) - Spazio Ral – Milano 2012 - "Muti Arcani" (group exhibition) - Spazio XL Combines – Milano 2012 - "Muti Arcani" (group exhibition) - Pow Gallery – Torino 2012 - "Le metamorfosi del viaggiatore" (group exhibition) - Gruppo Credito Valtellinese Gallery – Milano 2012 - "We are the future" (group exhibition) - "Fruttiere " Palazzo Te – Mantova 2013 - "Loversimo" (group exhibition) - Spazio Bugatti – Milano 2013 - "Darth Human Fener" (group exhibition) - Spazio XL Combines – Milano 2013 - "Apparel Music Art Contest " (group exhibition) - Spazio XL Combines – Milano 2014 - "Open Box - Foldable Art " (group exhibition) - Killer Kiccen – Milano 2015 - "Urban Canvas" live painting – Varese 2015 - "Namaste for Nepal" art auction - Object Gallery – Sydney 2015 - "No Urban" (group exhibition) - Vision Gallery – Milano 2016


Lorella Castelli - “PASSI NELLA NEBBIA”, acrilico su tela 60x90cm


Lorella Castelli Nata ad Imperia il 25 febbraio 1958. Fino dall'infanzia il dono dell'arte e della creatività è vissuto in me. Autodidatta ma creativa...sempre alla ricerca di tecniche pittoriche nuove. Ho praticato pittura su ceramica per 19 anni e pittura ad olio su legno. Ho ideato e costruito pupazzi per teatro e pubblicità televisiva a diffusione Nazionale. Ma l'amore per la pittura si è riaccesa nel 2014 partecipando ad una mostra collettiva all'Ariston di Sanremo. Da quell'anno ho proseguito con tanta arte...mostre...e conoscenza di un "mondo" a cui appartengo. Lorella castelli, artista selezionata per la mostra a Caravaggio " PERCORSI INTROSPETTIVI DELL'ANIMA " Nell'anniversario del Grande Michelangelo Merisi detto il Caravaggio (29 settembre 2017) curata da Eugênia Harten, presenta tre opere rappresentative di tre suoi personalissimi momenti della vita: la prima opera “Passi nella nebbia” - 2016 è un dipinto figurativo che rappresenta un personaggio dell’Arte la cui presenza è condizione indispensabile alla chiarezza dei fini e al realismo delle proposte. La sua eleganza e padronanza artistica mostra che la felicità consiste nel superare giorno dopo giorno l’infelicità consentendo ai mortali di incidere durevolmente sull’eternità, lasciandovi un segno immortale del nostro fugace passaggio. L’essenza della sua arte è provare piacere nel dare piacere. Con il secondo dipinto “Esplosione” – 2017, ha capito che un’arte compressa in schemi sempre più ordinati e solidi portano sicurezza e prevedibilità, ma senza libertà conduce verso una nuova schiavitù, libera perciò con un esplosivo informale la creatività repressa dimostrando capacità di osare per la qualitativa libera espressione. L’inevitabile brevità del tempo rende possibile che le visioni artistiche mentali rimangano irrealizzate, i progetti incompiuti e le cose non fatte impediscono di trasformare gli esseri umani in creature culturali. Ben venga quindi il recente coraggio gestuale e artistico di Lorella. Il terzo quadro della Castelli, realizzato appositamente e ispirato alla “caravaggesca Giuditta”, rientra nella programmazione dell'evento NOI CARAVAGGIO, in occasione dell'anniversario di nascita del grande pittore Michelangelo Merisi, il Caravaggio. Con il patrocinio della città di Caravaggio. Anche se ben eseguito, un momentaneo (speriamo) ritorno al figurativo per omaggiare il grande artista (Marco Cagnolati)


Valeria Cerutti - DONNA CON TATTOO, olio su tela grezza trattata con fondo gesso 80x100cm


Valeria Cerutti Nata a Bologna, ha fatto liceo artistico e l’Accademia di belle Arti e DAMS a bologna. “Ho sperimentato il cuorismo, da me inventato...pennellate libere di colore...difficilissimo trovare l'equilibrio, trovare la fine...cioè, stabilire quando un astratto è finito...poiché potrebbe andare avanti all'infinito. ogni pennellata...cambia totalmente il risultato...è l'occhio e il cuore che decide quando smettere di aggiungere colore...no...non è per nulla semplice. Sono completamente rapita da questa tecnica che sento mi sta portando dentro me stessa...finalmente! ... adoro dipingere ... adoro il contatto con i pennelli... i colori che mi fanno inebriare...la magia che appare quando un semplice movimento della mano, si tramuta in un segno...e poi due...e poi tre...e pian piano vedi apparire un occhio che ti fissa...una mano in attesa...uno sfondo colorato senza senso che ti rimanda sensazioni vibranti...e quell'ansia particolare quasi gioiosa, seria, quasi incazzata, che ti fa fermare...ti fa uscire dal momento magico per guardare meglio...per piegare la testa di lato, prima di qua, poi di là, come se quel movimento rendesse tutto chiaro...poi fumo...poi ritorno come attirata da una calamita...mi siedo e mi rituffo nella magia! per me dipingere è la sensazione che provo, quella smania che mi rende veramente me stessa, al di là di quello che sto rappresentando. ma non è stato sempre così! dipingo da quando ero bambina, alle elementari sperimentavo già l'olio...ero molto più brava e diligente di adesso! ora, sono come impazzita...non mi interessa più di nulla...dipingo


Miroa - Quadro nr. 357 il “CARAKU” Tecnica Kusinadi 80x80cm


Mario Del Viero (Miroa) Sono Mario Papa Francesco Johannes nato il 22/09/67 a Düsseldorf (Germania) da madre olandese e padre italiano. Ho trascorso l’infanzia a Düsseldorf, per poi trasferirmi a San Polo di Piave e, successivamente a Oderzo dove attualmente risiedo. I primi anni di vita li ho trascorsi in Germania frequentandovi anche le scuole per poi proseguirle in Italia, dove vivo tutt’ora. Le mie opere sono inscritte nel mio DNA: ho preso dal nonno Johannes Bax ( di cui porto anche il nome ) il suo abile ingegno di inventore tecnico; da mia madre Katharina Irmgard Bax, anche lei abile pittrice, la sensibilità artistica; da mio padre Papa Bruno, abile e pignolo tornitore, la precisione e la cura dei particolari. Abitando in Germania, assimilando influenze libertine olandesi e stabilizzandomi poi in Italia, ho culturalmente acquisito una mentalità poliedrica per cui interpreto la quotidianità con sfaccettature diverse e sfumature multiculturali. La fortuna mi ha permesso di girovagare il mondo in lungo e in largo, osservando e assimilando luoghi, culture e mentalità le più diverse. Tutto questo mi ha aiutato a vedere le cose senza pregiudizi e chiusure. Per quanto riguarda la mia passione per la pittura, ho dipinto, fino dalle scuole medie, per poi smettere, come la stragrande maggioranza delle persone normali, con le scuole superiori. Dopo questa breve introduzione ambientale arriviamo al nocciolo per quanto riguarda il percorso intrapreso. Nel 2007 un evento scatenante mi ha riportato a dipingere. Ero a casa di una Signora, proprietaria di molti quadri di un’artista la cui arte, secondo il mio modesto parere, esprime tormento e aggressività. Visto i rapporti simpaticamente ostici, ho esclamato “Piuttosto, i quadri me li faccio da solo…”. La risposta risentita è stata “Non te si bon’!” (tu non sei capace). Il giorno dopo, forse per orgoglio maschile, o forse perché si è presentata l’occasione giusta per riprendere a dipingere, sono andato a comperare tutto l’occorrente: tele, cavalletti, colori, pennelli, …..Tra un problema e l’altro e il tempo tiranno tutto è rimasto lì in soffitta per un anno e mezzo. A questo punto entra in gioco mia suocera che, durante una visita, sapendo anche dell’acquisto accantonato, bonariamente esclamò “Ecco come spendi i soldi invece di metterli a risparmio”. Nasce così “Miroa“ (anagramma di Mario) e il primo dipinto, effettuato con la tecnica dell’acquarello, “Mari e Monti”. Non è stato mai terminato, perché insoddisfatto delle tonalità non brillanti come avrei voluto. Inizio il secondo quadro ad olio: un disastro! Non ricordando più le tecniche insegnatemi alle lontane medie, diluisco l’olio con l’acqua. Altro disastro. Getto via la tela ed uso acquaragia ed olio diluitore. Ancora peggio: il dipinto non si asciuga mai! Comincia cosi il mio percorso da autodidatta.


Natalia Gonzalez Prados - LA MEDUSA, fotografia


Natalia Gonzalez Prados E’ un'artista milanese nata da genitori argentini. Nata in una portineria a Milano da genitori argentini, ha incominciato ad avvicinarsi all'arte e alla fotografia fin dalla prima infanzia, sfogliando riviste di moda, disegnando volti e scattando con macchine fotografiche usa e getta. Nel 2006 si iscrive al liceo artistico cattolico a Monza e incominciano i primi ritratti su commissione, che presto diventano ritratti fotografici. Nel 2009 espone il suo primo progetto fotografico di reportage in bianco e nero sulle zone malfamate di Cinisello a Villa Ghirlanda, prima biblioteca fotografica d'Italia. L'anno successivo partecipa alla mostra "Transhumanart" nelle sale espositive di Villa Casati a Muggiò con le sue fotografie, soprattutto di ritratto: l'opera "Silent" che tratta la violenza sulle donne, viene scelta e pubblicata sulla copertina del mensile comunale. Da quell'episodio Natalia collaborerà per altre copertine della rivista. Incomincia a lavorare come attrice per spettacoli itineranti col fondatore del Grand Guignol de Milan, nel frattempo i set fotografici si arricchiscono di particolari di scena, fotografa ed espone a diverse serate dark e i temi affrontati nelle sue opere diventano sempre più macrabri, fino a dover lasciare l'istituto cattolico per divergenze artistiche. Concluderà gli studi a Milano dove si trasferisce nel 2013 continuando la sua carriera di ritrattista e fotografa freelance. Nel 2015 espone al Magna Pars di Milano in occasione del Fuorisalone, suscitando l'interesse di aziende come Flick Flock e Happiness. L'opera fotografica The Black Widow, che ritrae la performer di burlesque Mina Cooper, entra a far parte di una capsule collection d'artista dei rispettivi brand, che verrà presentata in occasione dell'apertura della Nuova Darsena su una piattaforma galleggiante. Nello stesso anno il dipinto Oktupus ispirato alla sessualità orientale viene scelto per entrare permanentemente nella collezione del Barriques Museum in Sicilia. Collabora alla fotografia e come comparsa ai cortometraggi dell'artista lucano Silvio Giordano sui temi della stregoneria in Basilicata. Nel 2016 affronta un periodo di depressione e sogni ricorrenti con un ciclo di pitture nere dal titolo "Incubus" insieme ai maestri Renato Galbusera e Italo Chiodi dell'Accadmeia di Brera e all'esperta di sogni lucidi Gabriella Bosio. In Aprile Incubus è stato incluso nelle pitture parietali commissionate dal comune di Milano nei passanti in zona Repubblica. Ad oggi Natalia continua …


Eugenia Harten - A GOSTO… tecnica mista su tela, 70x90cm


Eugenia Harten È una pittrice italo brasiliana, nata a Recife, Pernambuco, Brasile. Ha frequentato il corso d’arte nel MAC - Museo d’Arte Contemporanea di PE. Ha lavorato 16 anni nel museo d’arte moderna, dove ha coltivato la sua passione nell’organizzare le mostre. Ha partecipato a numerose mostre in Brasil, in Italia e all’estero, tra cui: ART SHOPPING PARIS al Carrousel du Louvre a Parigi; Biennale d'Arte Contemporanea "Leonardo da Vinci" presso al prestigioso Palazzo Barberini a Roma selezionata per la International Art Academy” Roma University of fine Arts”. Ha partecipato inoltre alla mostra internazionale "Oca Hannover" nel Sprengel Museum Hannover, in Germania. Ha partecipato a San Paolo in Brasile e Grenoble, Francia dell'esposizione Pacaembu; Une réplique planétaire pour la ville monde de São Paulo – Brasile realizzata dal Laboratoire sculpture urbaine de Grenoble, France. Italia Art Bulgaria nel Regional Historical Museum Blagoevgrad, Bulgaria. Ha ideato, organizzato e partecipato come artista e curatrice al Iº Interscambio Culturale Italia/Brasile presso al Museo Civico della città di Recife; al IIº, III° e e IV° Interscambio Culturale Italia/Brasile a Milano nella Galleria Art Studio 38, nel Rio de Janeiro presso alla Galeria N1 e nell’Auditorium di San Bernardino, antico monastero del secolo XV a Caravaggio. Ha tenuto mostre Personale presso alla Villa Reale di Monza, nell’Ordine Degli Avvocati di Genova, nel Pallazzo Comunale di Rivolta D’Adda, nell’antico monastero del sec.xv, ovvero l’auditorium di San Bernardino a Caravaggio, Nella Terrazza del Hotel Belvedere a Vaprio D’Adda, in Brasile presso alla Galleria Metropolitana de Arte Aloisio Magalhães, Museu Murilo Lagreca, Galleria d’Arte Lula Cardoso Ayres, alla biblioteca della Universidade Federal de Pernambuco. Vieni partecipando in diversi mostre collettive; Viaggio nell'Arte oggi" presso alla Passepartout in Unconventional Gallery di Milano, della Rassegna Artistica Internazionale Martesana a cura del Lions Club Internazionale. Alla mostra Artisti Lombardi a Mantova presso alla Casa Rigoletto; Mostra Collettiva dei Pittori Contemporanei Arte a Pallazzo nel Pallazzo Stanga, Cremona. Nel 2014 partecipa al concorso “Biennale d’arte su f.b” con circa 20.000 opere e artisti partecipanti, nel quale risulta l’unica brasiliana a essere selezionata nella sezione astrato, 15° in classifica. Accoglie con piacere l'invito del dott. Giorgio Grasso e partecipa a Milano expo 2015 contemporary Art, a Trezzo D’adda presso la prestigiosa centrale idroelettrica Taccani. Ha partecipato alla mostra International Contemporary Art 2017 in cui Prof. Vittorio Sgarbi ha presentato la mostra. Ha sue opere nelle pinacoteche dei musei, enti pubblici e privati del Brasile in Italia. Ha vinti diversi Premi in Brasile e all’estero. Abita e lavora in Italia.


Marisa Ierardi - AZZURRA, tecnica mista su tela, 50x60cm


Marisa Ierardi Nasce a Petilia Policastro (Kr) ma vive ed opera a Torino. Affascinata dall’arte inizia la sua ricerca dedicandosi allo studio della pittura acrilica e dell’acquerello. I suoi soggetti sono di carattere paesaggistico e figurativo e nelle tele emerge la sua passione per il colore e la ricerca del tratto pittorico che, dopo alcuni anni, sfocerà nella pittura ad olio, tecnica che più la rappresenta. La sua continua ricerca pittorica ed introspettiva, la porta negli ultimi anni a sperimentare una tecnica pittorica con uno stile del tutto personale che dà vita ad un nuovo approccio astratto figurativo. Numerose le partecipazioni a concorsi d’arte e fiere, esposizioni di carattere collettivo e rassegne personali.


Vito Legramandi - ATMOSFERA CARAVAGGESCA, fotografia 30x40cm


Vito Legramandi Nato nella città di Caravaggio, dove è nato il grande maestro Michelangelo Merisi, detto “Il Caravaggio”. Appassionato di fotografia sin dalla adolescenza, la sua prima macchina è stata la “mitica” pentax K1000 quando aveva soltanto 15 anni di età. Un sguardo focato alla ricerca di tutto ciò di diverso da fotografare; Che sia la natura oppure paesaggi urbana; delle montagne della Scozia alle sabie delle spiagge della Danimarca, oppure, passando davanti ai belli monumenti dei centri storici, dal museo di Salvador Dali o di Kafka alla visita al cimitero degli ebrei a Praga, attraversando la ponte di Budapest o navigando nel mare tropicale del Brasile sulla piscina corallina dell’oceano atlantico, fino ad arrivare all’astrazione. La macchina fotografica è stato per molti anni sua compagna di viaggio. La prima mostra dove partecipa con le sue foto, dove ha cercato di ricreare una atmosfera Caravaggesca.


Vittoria Manca - MAGICO ARCUENTU, Tecnica mista 70x50cm


Vittoria Manca Nata a Montevecchio in Sardegna, appassionata autodidatta, da sempre Vittoria ha manifestato attitudini artistiche, ma solo recentemente ha dato una considerevole svolta alla sua indole creativa, con la realizzazione di opere che spaziano fra una moltitudine di colori, materiali e profondità, per simboleggiare sensazioni, emozioni e sogni di una vita, o anche solo di un attimo. Ogni suo elaborato è un dono, frutto di un’impostazione non predefinita, ma dell’ascolto attento e sensibile della propria anima, attraverso impulsi che danno vita a creazioni uniche e originali. (Patrizia Lampis, Docente esperta di didattica assistita dalle Nuove Tecnologie e affezionatissima amica di Vittoria).

Vieni partecipando di diverse mostre collettive e personale. Nell’anno di 2016, all’invito

dell’artista/curatrice

Eugenia

Harten

ha

partecipato

del

III

INTERSCAMBIO CULTURALE ITALIA/BRASILE in una prestigiosa galleria d’arte N1 nella spiaggia più famosa del Brasile, Buzios a Rio de Janeiro.

Ha inoltre partecipato della Milano Expo2015 International Contemporary Art a cura dello Storico e Critico d’Arte dott. Giorgio Grasso nella prestigiosa centrale idroelettrica Taccani di Trezzo d’Adda.


Laura Minuti - TRA LE TUE BRACCIA, Scultura in bassa rilievo con carta pesta 50x70cm


Laura Minuti Genovese, grande creativa, ha modellato creta e dipinto tessuti per bambini. Nel 2002 scopre la cartapesta. Appassionandosi a questa tecnica di scultura inizia il suo percorso artistico realizzando prevalentemente personaggi, tra cui le “Popolane”, figure di donne in controtendenza rispetto all'immagine stereotipata femminile. “Espressività, sentimento di sincerità, serenità, gioia di vivere; questo trasmettono i suoi personaggi realizzati, distinguendosi per la morbidezza delle forme e per gli occhi socchiusi Dal 2004 partecipa ad eventi e mostre sia in Italia che all'estero, ottenendo diversi riconoscimenti artistici.


Patrizio Oca - PIAZZA A CARAVAGGIO, mista su mdf 60x70cm


Patrizio Oca Nato a Bologna nel 1964, dove vive, lavora e svolge la sua attività artistica. Pittore autodidatta, sin da giovanissimo il suo temperamento poetico aveva già trovato modo di estrinsecarsi in altri campi dell’arte come la musica. Inizia il suo percorso artistico partecipando a numerosi concorsi nazionali di pittura, ottenendo un continuo e crescente consenso della critica Numerosi primi premi, in particolare nei concorsi di pittura in estemporanea. Ha tenuto inoltre varie mostre personali e collettive e partecipato a rassegne d’arte. Suoi dipinti si trovano in fondazioni e ambienti pubblici. Ultime e recenti nel 2012, esposizione alla Galleria “Wikiarte” di Bologna, Critica di Alberto Gross. Nel 2013 una importante Mostra al Museo Civico di Rocca Flea (PG.): invitato dalla direttrice Dott.ssa Catia Monacelli, presenta “borghi antichi e figure” per la sua personale; Sempre alla rocca Flea, partecipa ad una importante collettiva “Mosaico di pace” presentata dallo storico dell’arte Dott. Giorgio Grasso partecipa a “Mosaico di Pace” presso Aeroporto di Perugia e poi ad Assisi. A Piacenza presente alla mostra, “il potere dell’arte” presentata da Giorgio Grasso, negli ambienti adiacenti alla Galleria d Arte Ricci Oddi. Nel 2014 partecipa al concorso “Biennale d’arte su f.b” con circa 20.000 opere e artisti partecipanti, nel quale risulta terzo classificato assoluto nella sezione espressionismo e 5° assoluto su ART, quotidiano di arte oneline. Accoglie con piacere l'invito del dott. Giorgio Grasso e partecipa a Milano expo 2015 contemporary Art, a Trezzo D’adda presso la centrale idroelettrica Taccani. La sua esposizione dura per tutti i 6 mesi, da maggio ad ottobre 2015; In mostra circa 1.000 opere e circa 500 artisti italiani e stranieri. A dicembre 2015, ha partecipato al II interscambio culturale Italia / Brasile a cura di Eugenia Harten, alla mostra collettiva “L‘arte non conosce limite e assume molte forme” - presso la Galleria Art Studio 38 – Milano con presentazione dello critico e storico dell’Arte dott. Giorgio Grasso e Mattea Micello. Nel 2016, dal 16 gennaio al 13 Marzo, esposizione con tre opere al Museo civico di Rocca Flea, Gualdo Tadino(PG) nella mostra “Contemporaneamente”, Curata dalla dott.ssa Catia Monacelli direttrice del polo museale di Gualdo Tadino, inoltre è stato invitato da Eugenia Harten per partecipare al III Interscambio Culturale Italia/Brasile ad una prestigiosa galleria al Rio de Janeiro in Brasile.


Elisabetta Papa - FANCIULLO CON LA FRUTTA, acrilico su tela 50x50cm


Elisabetta Papa Nasce nel 1969 a Foggia (figlia di un musicista) è affascinata sin da piccola dall’arte in tutte le sue molteplici forme e applicazioni. La sua formazione professionale, specifica e scrupolosa, è stata prerogativa dell’Istituto Statale d’Arte di Foggia dal 1985, infatti, manifestava preferenze per l’espressione grafico-pittorica sempre di lodevole resa tanto che ancora quindicenne partecipava ad una mostra estemporanea a Bari già confrontandosi con altre realtà artistiche. La Laurea in Decorazione Pittorica all’Accademia di Belle Arti di Foggia ha concluso l’iter scolastico di Elisabetta Papa nel 1990 conseguendo degli ottimi risultati. Da allora pratica attivamente ogni forma di arte e tecnica pittorica, acquisendo sempre maggior esperienza ed entusiasmo e intanto si fa sempre più assidua la partecipazione a mostre d’arte, invitata da galleristi e pittori, perché la sua presenza è ritenuta qualificante. Nel 1997 ha partecipato al suo primo Concorso artistico di “Arti Figurative”, un progetto biennale di pittura e scultura tenutosi presso l’Istituto degli Innocenzi di Firenze, confrontandosi così con altre realtà artistiche. In questi anni ha approfondito gli studi sperimentando delle tecniche pittoriche e scultoree che hanno contribuito allo sviluppo e al perfezionamento della sua creatività artistica decorativa. Ha iniziato così a creare delle decorazioni su diversi materiali fino ad arrivare al vetro/cristallo realizzando dei magnifici effetti in tridimensionali. Da qui si sviluppa sempre di più la passione di creare oggetti d’arte e complementi di arredo su vetro con effetti tridimensionali dando la possibilità di toccare l’opera con mano quel particolare, quindi “opere da toccare” è il progetto ideato e creato dall’artista Elisabetta Papa, dedicato anche ai non vedenti e agli ipovedenti, per favorire la fruizione delle opere. Le creazioni artistiche ideate e realizzate dall’artista sono pittoriche e scultoree. Le opere dell’artista nascono da un’attenta visione della realtà che la circonda, osservandola in tutti i suoi aspetti, e trasferendo sulla tela le sue emozioni. L’attività artistica dell’artista è un continuo evolversi e spazia dalla decorazione, alla pittura e alla scultura, aventi per tema composizioni figurali e fantastiche, perfino geometriche, astratte, per una tessitura formale, semplice e pura, per una melopea raffinata di colori, creando delle opere uniche e originali. La critica le è favorevole e il pubblico apprezza le sue opere, considerandole, come è giusto, opere pittoriche e complementi d’arredo di particolare finezza, di alta classe. Dal 1997 maturando esperienze artistiche inizia la collaborazione con istituti privati ed enti pubblici statali insegnando discipline pittoriche e tecniche grafiche.


Rodrigo Pedrosa - “LIVRE ARBITRIO”, scultura in terracotta


Rodrigo Pedrosa Nato a Niterói, Rio de Janeiro - Brasil. È scultore e pittore da 20 anni. Il suo lavoro porta l'influenza del rigore accademico in combinazione con uno stile viscerale con forte influenza dell'arte contemporanea. Fondendo l'accademico con l'arte urbana, può un risultato insolito ed emozionante. Le sue opere in terracotta e pittura acrilica, fanno il spettatore tufarsi in un mondo di introspezione e di irrequietezza. Da un lato le opere rivelano il corpo e l'espressione dell'essere umano in conflitto, dall'altro hanno un colore che dà leggerezza. Ha partecipato a numerosi mostre come ART SHOPPING carrousel du Louvre, Parigi, interazione creativa NY, ART RIO, BIENNALE EUROPA AMERICA LATINA IN MUSEO DI STORIA BIENNALE NAZIONALE e Buzios, ed ha una mostra permanente nel suo N1 gallery GALLERY in Rua das Pedras a Buzios (galerian1.com). Pedrosa ha una delle sue opere della collezione privata del principe di Abu Dhabi, Sheikh Zayed Al Nahyan. Ha partecipato al Iº Interscambio Culturale Italia/Brasile, ideato, organizzato e curato dall’artista Eugenia Harten nel Museo della Città de Recife ed anche a Milano. Ha inoltre partecipato al IIIº Interscambio Culturale Italia/Brasile, nella città di Buzios, Rio de Janeiro, Brasile, Invitato dal IVº Interscambio Culturale Italia/Brasile per fare una Bi personale in Italia, nell’Auditorium di San Bernardino a Caravaggio, dove lui ha presentato la mostra “Il colpevoli di tutto”.


Sergio Riviera - SOGNO DI UNA NOTTE DI ESTATE, acrilico su tavola, 80x80cm


Sergio Riviera Nella vita ho svolto l’attività di “arredatore di locali pubblici”. Progettazione e realizzazione di bar, pasticcerie, abbigliamento, gioiellerie ecc. Questa professione, unita al mio spirito artistico ed a quello tecnico, mi ha regalato grandi soddisfazioni. A venticinque anni ho fatto un tuffo sbagliato nel fiume, questo incidente mi ha reso tetraplegico. Tutto ciò che per le persone normodotate rappresentava la normalità, per me invece, da quel momento i problemi da affrontare nella vita, si sono terribilmente complicati. Ciò però non mi ha tolto la voglia di essere e la volontà di raggiungere mete ardite che parevano impossibili. “Ero piccolo e frequentavo la seconda elementare. Un giorno la maestra chiese a tutta la classe di disegnare la pianta che ognuno di noi avena davanti a casa. Feci il disegno e lo presentai come tutti gl’ altri. La mia sorpresa fu che la maestra appese il mio lavoro al muro della classe. Quel giorno io non seppi valutare quanto il mio si distingueva dagl’ altri, ma da allora iniziai a pensare che forse la natura mi aveva regalato attitudine all’arte, per cui aggiunsi in seguito anche la mia passione”. S.R. ... quando la pittura raggiunge l’intensità espressiva dello stato di grazia in cui sentimento e colore formano un tutt’uno, ogni convenzione, classificazione, viene travolta. Se la fusione di oggetto, spazio e atmosfera, di ascendenza impressionista, sfrutta il colore materico per concentrare e rendere più concrete e meno evidenti le vibrazioni mutevoli di luce e di colore, l’evidenza del riflesso emotivo dell’animo è di marca autenticamente espressionista ... ... immagini, luoghi, non ben identificati ma trasfigurati in una visione interiore che egli li rivive in un tempo onirico e una luce surreale. Arnaldo Maravelli


Mirko Roncelli - PENSIERI, mista su tela 80x60cm


Mirko Roncelli Nato a Bergamo nel 1957 e vive a Villa d’Alme’ (Bg), dove è titolare dello Studio di architettura che porta il suo nome. Ha conseguito il diploma di Laurea in “Stylist Engineer” presso l’Università dell’Automobile di Modena e la Laurea in Architettura al Politecnico di Milano. E’ stato docente di materie tecniche ed artistiche in scuole pubbliche e private. Apprezzato consulente di Amministrazioni comunali per cui ha realizzato numerose opere pubbliche, nella sua professione di Architetto opera fin dal 1985 in vari campi, dall’edilizia privata all’urbanistica, dall’architettura del paesaggio fino all’arredamento e al design. In campo artistico realizza opere di pittura informale con tecnica mista, spesso materica, con una continua evoluzione nell’utilizzo dei materiali (olio, acrilico, paste da modellista, colle viniliche, ...) e degli strumenti, spesso creati appositamente. Le tele del Roncelli ci fanno rivivere quel segreto tormento, quei desideri e quella tensione emotiva e spirituale che coltiviamo in noi. Lo spettatore non può restare indifferente alle sue opere in quanto la carica spirituale da cui sono mosse è talmente forte e coinvolgente, che inevitabilmente ne viene colpito restando affascinato e quasi incredulo di fronte a ciò che i suoi occhi vedono e a ciò che il proprio cuore gli suggerisce.Un vero interprete dell’animo umano, questo artista così ben apprezzato dalla critica e da un pubblico attento di operatori dell’arte che ne ha decretato il successo in campo internazionale. Alcune sue opere sono esposte in collezioni private e di Enti pubblici in Italia e all’Estero, e sono pubblicate sui maggiori cataloghi di arte. Ha partecipato su invito a numerosi concorsi, mostre personali e collettive nazionali ed estere (Breil sur Roya, Bruxelles, Budapest, Cannes, DUBAI, Lanzarote, Montecarlo, New York, Nizza, Noumea - Nuova Caledonia, Playa de las Americas, Parigi, Parga in Grecia, Stoccolma, Tenerife, Tokio, Washington, ecc.) e in Bulgaria, ottenendo ottimi successi di critica e di pubblico. E’ presente alla BIENNALE DI VENEZIA ospite nel Padiglione Armenia. Negli ultimi anni MIRKO RONCELLI è stato premiato tre volte a Montecarlo, nel Principato di Monaco, (all’Hotel de Paris nella Place du Casino’ e alla Biennale per le Arti visive all’Hotel Monte Carlo Bay), a Cannes, a Washington (U.S.A.), a Parga in Grecia, alla Biennale di Cesenatico, alla Triennale di Roma, alla Triennale di Verona, a Venezia, ed ha vinto il 1° Premio assoluto al “Biancoscuro international Art Contest”, oltre ad altri riconoscimenti in Italia e all’Estero.Ha tenuto Mostre Personali su invito presso la Finter Bank di Lugano, all’International Contemporary Art Exposition in occasione dell’EXPO di Milano, presso la Centrale ENEL di Trezzo, alla BAF (Fiera Arte Bergamo)


Vittoria Salati - PER LE STRADA DEL MONDO, incisione e acrilico su tavola, 80x80cm


Vittoria Salati Nata sull’Appennino Parmense. Risiede e lavora a Cambiago (MI). E' entrata nell'ambiente artistico da cui è rimasta coinvolta e catturata, grazie al marito Giovanni Mondadori estimatore di arte; in questo magico mondo ha incontrato importanti artisti contemporanei, che l'hanno stimolata a iniziare quindi una sua attività artistica basata su una tecnica inusuale .Le opere di Vittoria Salati autodidatta infatti, si caratterizzano per essere incise a mano in ogni più piccolo particolare su tavola di legno, successivamente dipinte con colori acrilici, rappresentando molteplici soggetti, dalle figure nitide e ben definite e dai colori forti e decisi. Originale anche la cornice che è parte integrante della stessa tavola. La complessità connessa alla creazione di queste opere rende esclusiva questa tecnica, che nell'ambito delle sue mostre personali e collettive, ha incontrato il consenso del pubblico, ottenendo un notevole successo. Attualmente è conosciuta in parecchi paesi al mondo ed è richiesta ad esporre in autorevoli Gallerie.

I coniugi Mondadori Salati, collaborano nella creazione di queste opere. In realtà dal 2009 il sig. Giovanni Mondadori, si occupa della parte incisoria che è la parte più difficoltosa e faticosa.

Il 14 febbraio 2010, LA ACCADEMIA INTERNAZIONALE “GRECI-MARINO “ACCADEMIA DEL VERBANO ha onorato Vittoria Salati del titolo accademico PROF. ACCADEMICA CORRISPONDENTE SEZIONE ARTE. Dal 2005 ad oggi, ha partecipato a innumerevoli mostre personali e collettive in Italia e all’estero, parecchie testate giornalistiche e Cataloghi d’Arte contemporanea hanno scritto di lei. Ha partecipato a mostre presentate dal Prof. Vittorio Sgarbi.


Marilisa Serra - Il VIAGGIO, olio su tela con oro 70x70cm


Marilisa Serra Nasce ad Oristano il 23 Ottobre 1968 e al seguito di suo padre, sottoufficiale di polizia, inizia un lungo viaggio che la porterà da sud a nord dell'Italia in un pellegrinaggio parallelo tra ispirazioni ed esperienze sempre nuove. E’ laureata presso l’Accademia Albertina Delle Belle arti di Torino. E’ docente di corsi di illustrazione, tecniche pittoriche e disegno presso Torino Scuola Comics. E’ responsabile del corso di Master in Arteterapia presso le sedi di Torino e Brescia di Ar.Co.Te Collabora con il centro di produzione della Rai per la realizzazione di bozzetti e scenografie. Nel 2014 ha vinto il Premio Internazionale del Dono dell’Umanità ed ha ricevuto il premio Internazionale Spoleto Festival Art. Fonda uno dei primi laboratori per lo studio e l'applicazione delle più svariate forme d'arte in collaborazione con Cristina Giargia, amica da sempre, artista e compagna di vita. Il connubio delle loro espressioni è stato il focolaio di uno straordinario periodo di intensità artistica che va oltre i confini dell'arte intesa come semplice genio, e travalica tutt'oggi ogni frontiera di normale concezione “quotidiana”, per esplorare i più profondi e reconditi aspetti dell'essenza umana. Se la pittura è intesa come forma di comunicazione, allora l'arte di Marilisa è comunicare con la pittura ciò che non si può spiegare. L'inconscio spettatore è proiettato in un sapiente impatto di generose pennellate e perfette anatomie che celano con elegante e educata maestria il canale di comunicazione tra sacro e profano. L'ambito in cui si muove oggi la ricerca di Marilisa spazia dalla più terrena ed umana delle pulsioni fisiche alla più evanescente e impalpabile conciliazione con la fede. Sostiene corsi di anatomia artistica presso l'atelier del Castello di Rivalta di Torino. Ha costituito, con il contributo e la sapiente guida di Eva Barbierato “La Libellula”, associazione culturale allo scopo di diffondere l'arte sotto tutti gli aspetti ai bambini del piccolo paese alle porte di Torino dove vive. La sua straordinaria capacità di “guardare oltre” e vedere l'invisibile è oggi la sua grande fonte di ispirazione.


Patrizia Tummolo - METAMORFOSI DI SUONO, scultura in metallo


Patrizia Tummolo Nasce nel 1961 a Genova, dove vive e lavora. Dopo i primi studi, sullo stilismo di moda, conseguiti a Genova, per Patrizia si fa strada la passione di approfondire gli studi artistici, frequentando l’istituto artistico sperimentale “Paul Klee” di Genova. Da qui è un continuo divenire di ispirazioni che danno stimoli all’artista per sperimentare svariate tecniche e linguaggi nelle varie dimensioni dell’Arte, dalla pittura, alla scultura. Negli anni 90, è responsabile della scenografia teatrale per gli spettacoli del centro turistico “Squillace”, nella cittadina di Squillace (Catanzaro). Tummolo comincia a esporre nel capoluogo ligure e in varie località italiane. Vanno ricordate le sue partecipazioni alle collettive di Mapello (1995), e le esposizioni al centro Civico Buranello di Genova (1998). Negli anni seguenti torna ad occuparsi di scenografia, assumendosi, per due anni (2000-202) l’organizzazione artistico-teatrale del gruppo ragazzi del “Don Bosco” di Genova –Quarto. Seguono l’inserimento alla manifestazione “Luci sui Forti” (Genova 2005) con l’opera pittorica “ Suoni e Colori” Interventi pittorici per l’edizione storica “Come conoscere Genova…tramite la metropolitana”, casa editrice Janua Press: realizzazione dell’opera pittorico – materica “Il portello del mare”, “tracce di storia” (scultura in ferro-agillacromatura) e “le forme del mare”(scultura in legno- ferro-plexiglass e cromatura) esposte alla presentazione del libro, presso il “Teatro della gioventù” nell’agosto del 2008. Nel gennaio 2010 la partecipazione al premio internazionale di pittura, scultura e grafica, ”Città di NEW YORK” le conferisce una critica di riconoscimento e l’ esposizione dell’opera “Emozioni shock” nella galleria di “Centro Diffusione Arte” di Palermo. 2011: collettiva con opera pittorica, “La Liguria, l’ardesia, il mare” a San Salvatore di Cogorno. Settembre 2011, in questo periodo conosce e frequenta lo studio del maestro scultore Balàzs Berzseny da cui apprende la lavorazione di vari tipi di pietra e marmo, che attualmente Tummolo lavora nella cava laboratorio-associazione Liguria Arte “ La Pietra Nera” a Cornia di Moconesi (Genova).


Ivo Vassallo - CARAVAGGIO, olio su tela 70x90cm


Ivo Vassallo Nasce a Genova il 30 marzo 1941 dove ha insegnato tecniche pittoriche presso l’Accademia di Belle Arti. Ha cominciato la sua attività artistica da giovanissimo affrescando alcune pareti di Villa Paradiso a Genova. La sua iniziale ricerca coloristica “informale”, di solido impianto figurativo, è andata col tempo evolvendosi in un più raffinato cromatismo e una approfondita conoscenza della figura e del paesaggio. Partecipa alla III Rassegna Internazionale Primavera: Atene – Roma – Genova. Si presenta con una cartella di Grafica alla “Mostra Pittori Italiani” di Londra, e per l’invito all’esposizione nel Musée d’Art Moderne de La Ville de Paris. Espone al Museo d’Arte Moderna di Dubrovnik per invito. 2014 febbraio stand personale “ARTE FIERA GENOVA” Biennale fotografia “Vittorio Sgarbi” 2015. “ART FIERA Genova” stand personale 2015 - Personale ad EXPO Milano nel padiglione della cultura cinese; Personale ARTE SACRA presso al Museo dei Cappuccini; – IIº Interscambio Culturale Italia/Brasile ideato dell’artista Eugenia Harten nella prestigiosa galleria d’arte nel centro storico di Milano, Galleria Art Studio 38. - Vinci un premio che lo consente tramite “EQUALITALY” gestito da Massimiliano Panero e Nikolinka Nikoloka, di portare la sua mostra personale nella R.P.C. mostra itinerante della durata di un anno attraverso le provincie cinesi. Partenza febbraio 2016 a Shangai conclusione Pechino 2017; Stand Personale Art Fiera Genova; - IIIº Interscambio Culturale Italia/Brasile ideato dell’artista Eugenia Harten presso alla Galeria N1, Rio de Janeiro, Brasile; – Personale alla Ordine degli avvocati; “Galleria ARTE Merighi” personale sponsor banca Mediolanium Personale alla Piccola Galleria; Personale “Palazzo Reale” di Genova. Personale nell’antico Monastero del sec. XV, ovvero, nell’auditorium del complesso di San Bernardino a Caravaggio, a cura di Eugenia Harten, con il patrocinio della città di Caravaggio.


Elsa Ventura Migliorini - BARCHE A VERNAZZA, olio su tela 60x90cm


Elsa Ventura Migliorini Nasce a Genova nel 1946. Dopo il liceo scientifico, lavora come grafica pubblicitaria in uno studio genovese collaborando col maestro Carlo Bracci. Inizia a dipingere come autodidatta nel 2004 prediligendo la pittura ad olio. Tema comune alla maggioranza delle sue opere sono le marine, gli scorci di mare, le vedute tipiche dei borghi della sua regione, riportando la realta' nei più piccoli particolari….. Dalla prima personale nel 2007 ha partecipato a numerose esposizioni fino ad oggi. Dizionario Enciclopedico Internazionale d’Arte 2011-Casa Editrice Alba. Premio della Critica rivista d'Arte BOE' nov/Dic 2011 a cura dott. Salvatore Russo. Rivista EIKON Art Magazine Marzo/Aprile 2012 pag.19. Giugno 2014 – 3a Classificata “ VI Concorso Città di Savona” Arte del XXI Secolo 5 luglio 2014- Collettiva “Trambled Art” VAPRIO D’Adda con la partecipazione del Dott Giorgio Grasso e della Dott.ssa Mattea Micello. Settembre 2015 “Festival dell'eccellenza al femminile” Piazza delle Feste Porto Antico di Genova con Vittorio Sgarbi Giugno 2016 Mostra personale Boccadasse Genova Giugno 2016 “Il mare insieme” MUMA Galata Museo del mare con l’associazione GenovArte. Luglio 2016 Biennale Arte Contemporanea “Liguria degli Incanti” VILLANOVA D'ALBENGA. 25 Novembre 2016 Palazzo della Meridiana Genova “Gran Galà dell’eleganza” esposizione con la Galleria Merighi. Concorso Internet WOA GALLERY NewJork -Paris (più volte tra i 20 finalisti) Mostra Mercato d'Arte Moderna e Contemporanea “ArteGenova 2012” 8 a ed., 2013” 9a ed., 2015” 11a ed., 2016 12a ed., 2017 13a ed. Maggio 2017 Personale “Il mio Mare” a Boccadasse Genova 2/31 maggio Collettiva d’Arte Galleria Piccapietra Genova giugno/Dicembre 2017 Galleria Permanente ParkHotel Cassano d’Adda (MI) a cura della dott.ssa Mattea Micello Critica e storica dell’arte. Mostra Internazionele d’Arte Collettiva 18 Luglio/18 Agosto 2017 Regional Historical Museum Blagoevgrad Bulgaria con la Dott.ssa Mattea Micello. Gallerie: Galleria Spagnoli FIRENZE, Galleria Immagine e Colore GENOVA, Galleria MERIGHI GENOVA-VARAZZE, ART Commision GENOVA, Arte del XXI Secolo SAVONA, SATURA Art Gallery – GENOVA. Critici d'arte: Dott.ssa Loredana Trestin, Dott.ssa Caterina Randazzo , Dott. Salvatore Russo, Dott.ssa Raffaella Ferrari, Prof. Aldo Maria Pero, Prof.ssa Vareria Mendrigo Gomez, Dott.ssa Francesca Mezzatesta, Dott. Giorgio Grasso.


RINGRAZIAMENTI SPECIALI

Innanzitutto vorrei ringraziare il Comune di Caravaggio per il patrocinio, in particolare al sindaco dott. Claudio Bolandrini per il grande sostegno, per la graditissima presenza e bellissimo discorso filosofico nell’inaugurazione della mostra, inoltre, vorrei ringraziare anche la giunta comunale per permettere che la mostra rientrasse nella programmazione dell’evento NOI CARAVAGGIO

Un grazie di cuore davvero speciale ai titolari della Libreria - Galleria Il Campanile Daniela Tovo e Germano per la grande disponibilità ed accoglienza, grande sostegno alla mostra, ma soprattutto, per la meravigliosa ospitalità.

Alla dr.ssa Sofia Fratelli per avere accettato presentare la mostra, creando un bellissimo discorso su tema “Sfida alla menzogna: Due rivoluzione al confronto”, in cui ha fatto un collegamento tra L’ARTE CONTEMPORANEA e MICHELANGELO MERISI DA CARAVAGGIO.

All’Associazione OpenRoad, in particolare il presidente Juri Cattelani, per la grande collaborazione nell’aver incluso la mostra nella visita guidata del 1 ottobre 2017 partendo della pinacoteca civica del palazzo Gallavresi, sede del municipio, passando per la Parrocchia SS Fermo e Rustico finendo nella nostra mostra.

A tutti i locali, bar, gelateria, edicole, supermercati, tabaccaio, pizzerie, ristorante, hotel, biblioteca… che hanno divulgato la mostra e hanno permesso di mettere le locandine

Al “Giornale di Treviglio” ed "Il popolo Cattolico per il grande sostegno in divulgare la mostra sulla stampa

La conduttrice televisivi Barbara Caramelli ed il cameraman Sergio Bianchi per avere fatto una anteprima della presentazione


Per ultimo, ma non meno importante, un ringraziamento davvero speciale agli Artisti partecipanti, che senza di loro non sarebbe stata possibile questa mostra

Rosalba Acquaro * Carmine Bellucci * Lorella Castelli Valeria Cerutti * Mario del Viero (Miroa) Natalia Gonzales Prados * Eugenia Harten * Marisa Ierardi Vito Legramandi * Vittoria Manca * Laura Minuti * Patrizio Oca Elisabetta Papa * Rodrigo Pedrosa * Sergio Riviera * Mirko Roncelli * Vittoria Salati * Marilisa Serra * Patrizia Tummolo Ivo Vassallo * Elsa Ventura Migliorini


La mostra PERCORSI INTROSPETTIVI DELL’ANIMA a cura di Eugenia Harten, rientrava nella programmazione dell’evento NOI CARAVAGGIO, che si è svolto dal 15 settembre al 15 ottobre 2017 in occasione dell’anniversario di nascita del più illustre concittadino di Caravaggio il maestro Michelangelo Merisi detto il Caravaggio. Con il patrocinio della città di Caravaggio.



Con il patrocinio della cittĂ di Caravaggio

LIBRERIA – GALLERIA IL CAMPANILE Piazza SS Fermo e Rustico, 21 Caravaggio (BG)

Catalogo creato, ideato e realizzato da Eugenia Harten Design Grafico: Eugenia Harten e.mail: e_harten@hotmail.com http://eugeniahartencuratrice.blogspot.com