Page 1

LABANCA

PERIODICO TRIMESTRALE Registrazione n. 203/2008 del 01/02/2008 Tribunale di Venezia Poste Italiane S.p.A. - Spedizione in abbonamento postale - 70% CN5 VE

n. 4 路 DICEMBRE 2011

39a FESTA DELLA BANCA

5

CIAO CIANO, NON TI DIMENTICHEREMO

8

INTERVISTA A PIETRO MENEGHETTI

12

IL SOCIO: DAMASO ZANARDO

18

EMOZIONI IN CORTE CON REMO ANZOVINO

25

GIUGNO2011

1


ILSOMMARIO

IN QUESTO NUMERO 3 · L’EDITORIALE

L’ORGOGLIO DI ESSERE SOCIO

di Onorato Zanata Presidente di Banca Santo Stefano

5 · LABANCA

UNA POMPA IDROVORA ALLA PROTEZIONE CIVILE DI MARTELLAGO

39a FESTA DELLA BANCA

24 · LAFONDAZIONE

BANCA SANTO STEFANO FESTEGGIA I SUOI SOCI

AL VIA IL PROGETTO COOPERAZIONE

8 · LABANCA

25 · LAFONDAZIONE

10 · LABANCA

26 · LAFONDAZIONE

CIAO CIANO, NON TI DIMENTICHEREMO UN AMBIENTE PIÙ GRANDE ED ACCOGLIENTE PER I NOSTRI CLIENTI RINNOVATA LA FILIALE DI SCORZÈ

11 · LABANCA · SCRIVONO PER NOI

INCENTIVI UTILI E ALCUNI CONSIGLI PER RISPARMIARE A cura di Leonardo Michieletto

EMOZIONI IN CORTE CON REMO ANZOVINO UN CONCERTO IN MEMORIA DI ALFREDO BARBIERO 27 · LAFONDAZIONE

PROGETTO “DOPO DI NOI” LA NOSTRA FAMIGLIA DI NOALE 28 · LAFONDAZIONE

12 · LABANCA

DA DIRETTORE GENERALE AD AMMINISTRATORE intervista a Pietro Meneghetti

FESTIVAL DELLA LETTERATURA PER RAGAZZI “ALLA CORTE DEL LIBRO”

16 · INIZIATIVE&PRODOTTI

29 · LAFONDAZIONE

COMINCIAMO A PENSARE AL FUTURO DEI NOSTRI FIGLI 18 · ILSOCIO

DAMASO ZANARDO - “QUALITÀ, EFFICIENZA ED INNOVAZIONE” I SEGRETI PER NON SBAGLIARE 22 · LAFONDAZIONE

CONSEGNATI ZAINETTI E BUONI STUDIO presso Banca Santo Stefano Piazza Vittoria, 11 30030 Martellago (Ve) Tel. 041 54 04 044 IoSocio@bancasantostefano.it

2

23 · LAFONDAZIONE

DICEMBRE2011

Direttore Responsabile Federica Zanata Direttore Editoriale Raffaele D’Errico Redazione Daniela Gambato Gloria Tosetto

UN PRESEPE DI OLTRE 40 MQ 30 · LAFONDAZIONE

INCONTRI CULTURALI 2011/2012 33 · TRADIZIONI&SAPORI

BACCALÀ MANTECATO... MODERNO 35 · GLIAPPUNTAMENTI Hanno collaborato Giuliana Barbiero Veronica Maccatrozzo Claudio Marchiori Leonardo Michieletto

Progetto grafico Etra Comunicazione www.etra-comunicazione.it Stampa Litocenter srl - Limena (PD) www.litocenter.it


L’EDITORIALE

L’ORGOGLIO DI ESSERE SOCIO

di Onorato Zanata Presidente di Banca Santo Stefano

C

hi ha partecipato, lo scorso 13 novembre, alla 39a Festa di Banca Santo Stefano è stato per certi aspetti un privilegiato. E non mi riferisco solamente all’ambiente scelto per la manifestazione. Il centro congressi che ha ospitato la festa si è rivelato all’altezza della situazione ed ha consentito uno svolgimento dei lavori comodo e funzionale oltre che un momento conviviale apprezzato. Volevo parlare proprio della qualità dell’incontro. Abbiamo pensato a un’impostazione diversa rispetto al passato: al centro del programma è stata posta l’informazione, sia di carattere generale sulla congiuntura economica, sia – e soprattutto – sulla situazione della nostra Banca. Abbiamo – ancora una volta – scelto la strada della trasparenza e del coinvolgimento dei soci. Chi era presente ha “Abbiamo – ancora una potuto formarsi un’idea precisa sulle difficoltà che la Ban- volta – scelto la strada ca ha attraversato in un momento difficile per tutti. E’ stato della trasparenza e del informato sui problemi che hanno riguardato direttamente coinvolgimento dei soci”. anche il governo della Banca e sulle decisioni che sono state assunte in merito. Ha tuttavia ricevuto anche un’immagine di compattezza e di solidità, di scelte tempestive e comunque ponderate, di disponibilità al dialogo e in generale di un’azienda perfettamente in grado di affrontare e superare le difficoltà che incontra. “Solida trasparenza” era il motto della manifestazione, e penso che questi concetti siano una giusta sintesi dei risultati dell’incontro. Un aspetto che personalmente mi ha colpito è stata la qualità della partecipazione dei soci: una presenza senza precedenti (più di 600 persone) ma soprattutto l’attenzione, l’interesse e gli interventi, tutti elementi che alla fine hanno restituito nei presenti un forte senso di appartenenza, quasi di orgoglio e di fiducia. Penso che con questa consapevolezza possa essere più incoraggiante l’augurio per tutti di un Natale sereno e di un nuovo anno che possa portare – soprattutto a chi ne ha più bisogno – la prospettiva di un domani migliore.

DICEMBRE2011

3


LABANCA

LABANCA

4

GIUGNO2011


LABANCA

39a FESTA DELLA BANCA Banca Santo Stefano festeggia i suoi soci

U

na partecipazione senza precedenti quella di quest’anno. Oltre 600 i soci che hanno partecipato alla 39° “Festa della Banca” che si è svolta domenica 13 novembre. Una novità anche il cambio della location. La festa è stata organizzata infatti presso il BHR Treviso Hotel, una moderna struttura architettonica situata a Quinto di Treviso nelle immediate vicinanze del centro città. Più facilmente raggiungibile rispetto agli anni precedenti e decisamente più grande l’ambiente che ha accolto i tanti soci intervenuti. La giornata è iniziata con il saluto del Presidente Onorato Zanata che dopo aver ringraziato i presenti ha ricordato con affetto il Vicepresidente Luciano Scaggiante recentemente mancato: “Ci ritroviamo sempre con vero piacere a questa festa, anche se quest’anno la giornata è velata da un po’ di malinconia. Come vedete, infatti, accanto a me c’è idealmente un posto vuoto. È il posto dove sedeva il nostro collega ed amico “Ciano Ferro”. È stata una grave perdita per tutta la Banca da un punto di vista sia lavorativo che umano”.

DICEMBRE2011

5


LABANCA

Il Presidente ha proseguito poi con alcune considerazioni “Stiamo attraversando un’ importante fase di cambiamenrassicurando tutti i presenti sull’attuale situazione econo- to. La vita, il lavoro, la produzione si stanno modificando per mica e in particolare su Banca Santo Stefano. tutti noi. Non dobbiamo però essere pessimisti. È necessario capire che l’economia reale non è la finanza astratta, All’intervento del Presidente è seguito quello del Diretto- quella impersonale, quella che viene evocata dallo spread re Generale Francesco Beninato che ha approfondito il e dai bund, ma è fatta di persone in carne ed ossa, è fatta tema della situazione economica e soprattutto di come la di tutti noi. E le Banche di Credito Cooperativo si basano nostra Banca si sia attrezzata e stia lavorando per superare sulla fiducia tra persone che si guardano negli occhi e si conoscono”. questo momento di crisi del mercato. È seguita la parte più sociale: 27 sono stati gli studenti soci Molto apprezzato è stato anche l’intervento del Professor o figli di soci che hanno ricevuto le borse di studio, mentre Enzo Rullani, già insegnante in varie università, fra cui Ca’ a 15 soci è stata consegnata una medaglia per festeggiare Foscari di Venezia e Bocconi di Milano, profondo studioso i 25 anni di appartenenza alla Banca. di economia, ma soprattutto delle evoluzioni dei modelli Il Direttore della Fondazione Raffaele D’Errico ha infine economici che ha dato un quadro generale sulla situazio- presentato le attività della Fondazione riportate anche nel ne dell’economia e qualche spunto interessante sul ruolo Bilancio Sociale, documento che la Banca redige per il che possono ricoprire le banche di Credito Cooperativo nel- nono anno consecutivo e che si pone come obiettivo quello l’economia moderna. di informare i soci del proprio operato, rendendo traspa-

6

DICEMBRE2011


LABANCA

renti e comprensibili all’interno e all’esterno i programmi, le attività e i risultati raggiunti. 360 sono i nuovi soci della Banca nel 2010. L’incremento della base sociale di quasi il 17% è senza precedenti. E in aumento sono soprattutto i soci giovani. Molti i vantaggi che la Banca offre ai propri soci, direttamente o tramite la Fondazione Banca Santo Stefano. Tra questi il bonus scolari grazie al quale viene regalato uno zaino ai figli dei soci che frequentano le scuole elementari e consegnato un buono di 100 euro ai ragazzi delle medie; la convenzione con la Fondazione Banca degli Occhi e la campagna “Ci state a Cuore” che prevede uno screening cardiologico gratuito presso un centro qualificato. Notevole il successo di queste iniziative: a pochi mesi dall’avvio, più di 600 soci hanno già usufruito dello scrrening al cuore e più di 1000 soci della visita agli occhi, quasi 300 solo nel corso del 2011. Molto apprezzato da tutti i soci l’intervento dei relatori e lo svolgimento della mattinata. Anche la location ha trovato un generale gradimento. La giornata si è conclusa con il pranzo sociale. • (F.Z.)

I QUINDICI SOCI PREMIATI Badanai Giorgio Bergamo Giuliana Berto Mario Corò Fanny De Porti Franco Fabris Giovanni Battista Libralesso Giancarlo Marti Antonio

Mondi Giovanni Moreschini Giacinto Mortillaro Francesco Pesce Giuseppe Simioni Gianni Ugo Umberto Vescovo Gilberto

DICEMBRE2011

7


LABANCA

CIAO CIANO, NON TI DIMENTICHEREMO

H

a detto bene il Presidente Zanata aprendo la 39^ Festa della Banca: “...c’è un velo di malinconia in questa giornata...” La malinconia per l’assenza – per la prima volta dopo molti anni – di Luciano Scaggiante, Vicepresidente di Banca Santo Stefano, la cui presenza è stata per molti anni così assidua nei momenti di incontro da apparire quasi scontata. Non è facile per noi abituarci all’idea che non ci sia più, né descriverne in poche parole la figura ma soprattutto le qualità. Socio già dal 1976 è stato uno dei primi a credere nelle potenzialità e nella forza delle idee di una banca locale e nella possibilità – tramite questa – di aiutare, di “far del bene”, come diceva lui, alla comunità. Per questo ha dato la propria disponibilità ed ha prestato fin da subito il proprio impegno all’interno della Banca. Eletto consigliere nel 1979, dopo due mandati divenne Vicepresidente, carica che ha ricoperto ininterrottamente fino ad oggi. Questa “visione”, questo impegno sono stati importanti, soprattutto perché accompagnati da una grande capacità nelle relazioni, e da una sensibilità non comune, che gli hanno consentito per molti anni di essere un punto di riferimento all’interno del Consiglio, e che hanno aiutato anche a superare con

8

DICEMBRE2011

successo dei momenti difficili. È stato anche molto impegnato all’interno del mondo del Credito Cooperativo veneto e nazionale, dove era conosciuto e stimato, e dove ha rappresentato ed ha fatto conoscere la nostra Banca. Ma è soprattutto nei rapporti con la comunità, con le realtà produttive, con le associazioni, con le persone, che Luciano ha dato il meglio di sé, contribuendo a conoscere ed a far conoscere, ad avvicinare ed aiutare persone e realtà che altrimenti non ne avrebbero avuto l’opportunità. Di Luciano si potrebbero dire ancora molte cose, sulla sua umanità, sulla bontà: ognuno di noi – credo - potrebbe aggiungere qualcosa. Scelgo, per salutarlo, una sua frase, un suo grande desiderio, quasi un’idea fissa che ripeteva spesso: “... quando sarà il momento, voglio andarmene in bellezza.”. Quando non ci siamo più, resta solo il ricordo di noi negli altri. Penso che nonostante la sofferenza, Ciano Ferro ci sia riuscito, che ci abbia lasciato tristi ma con un ricordo bellissimo: che se ne sia andato in bellezza. • (R.D.)


LABANCA

DICEMBRE2011

9


LABANCA

UN AMBIENTE PIÙ GRANDE ED ACCOGLIENTE PER I NOSTRI CLIENTI Rinnovata la filiale di Scorzè

B

anca Santo Stefano continua a crescere. E a dimostrarlo, oltre ai numeri, sono le filiali. Pochi mesi fa l’inaugurazione di Olmo; il 1 ottobre, invece, l’apertura della “nuova” filiale di Scorzè. La sede, in Via Venezia 47, è più grande rispetto alla precedente e più adatta ad ospitare un numero sempre crescente di clienti. Ad accoglierli, con un sorriso, ci sono Antonio Baldan, Nicola Lamon, Jessica Corradi, Francesca Mondi e Federico Bonzio. “Banca Santo Stefano – ha ricordato durante l’inaugurazione il Presidente Zanata - è nata ed ha mosso i primi passi a Martellago, ma ha da sempre avuto un legame strettissimo con le comunità di Scorzè”. La seconda Filiale della Banca – quando era ancora una piccola Cassa Rurale – è stata aperta, infatti proprio nel territorio di Scorzè, a Gardigiano (poi trasferita a Peseggia) vent’anni fa. Successivamente, nel 1994 è stato aperto lo sportello di Rio San Martino ed infine, nel 2002 l’insediamento nel capoluogo, a Scorzè, prima con un negozio finanziario e poco dopo con una filiale effettiva. E Scorzè in effetti è stato per molti anni il comune con la maggiore presenza di sportelli della Banca (3) eguagliato solo da pochi mesi da Martellago con l’apertura dello sportello di Olmo. • (F.Z.)

10

DICEMBRE2011


LABANCA

SCRIVONO PER NOI

INCENTIVI UTILI E ALCUNI CONSIGLI PER RISPARMIARE A cura di Leonardo Michieletto

N

ei primi anni del 2000 l’Unione Europea ha intrapreso il percorso normativo per il raggiungimento degli obiettivi posti dal Protocollo di Kyoto del 1997. Le leggi europee vengono considerate delle direttive che devono essere recepite e trasformate in legge da ogni singolo stato membro. In Italia si è cercato il metodo migliore per la loro diffusione e applicazione. Ciò è avvenuto con l’inserimento, all’interno delle finanziarie annuali, di incentivi mirati dai quali possono trarre vantaggio e agevolazioni fiscali sia i costruttori che i proprietari di immobili nuovi e/o esistenti (detrazione del 55% per gli interventi di efficienza energetica che di quelle del 36% relative alle ristrutturazioni edilizie). È infatti possibile, per i contribuenti, ottenere una detrazione del 55 % sulle spese sostenute per la

riqualificazione energetica degli edifici, la sostituzione di infissi e caldaie. Questa detrazione fiscale (55% delle spese sostenute con un limite massimo che varia in base al genere di lavoro effettuato) dovrà esser suddivisa in rate annuali di uguale importo, detraibili fino al 31 dicembre 2011 in 10 anni, anziché 5 come in precedenza. Tuttavia prima di intraprendere costosi lavori sulle abitazioni, basterebbe mettere in atto alcuni semplici accorgimenti alla portata di tutti per combattere gli sprechi in modo semplice ed immediato, ad esempio in casa è sufficiente mantenere una temperatura intorno ai 19-20°C considerando che i costi aumentano del 6-8% per ogni grado in più. L’utilizzo intelligente dell’illuminazione domestica è decisivo dal punto di vista del risparmio: si pensi che in Italia la quota annua di energia elettrica destinata all’illuminazione domestica è pari al 13% del consumo totale di una famiglia media (circa 3000 Kwh/anno). Per tagliare i costi della bolletta è dunque fondamentale adottare piccole pratiche quotidiane come spegnere la luce quando non serve. Provare per credere.

DICEMBRE2011

11


LABANCA

DA DIRETTORE GENERALE AD AMMINISTRATORE Intervista a Pietro Meneghetti

12

DICEMBRE2011

Da Direttore Generale a componente del Consiglio di Amministrazione. Pietro Meneghetti ci spiega la Banca dai due differenti punti di vista e ci racconta come vede il futuro delle BCC in questo difďŹ cile momento congiunturale.


LABANCA

Lei è stato Direttore Generale di Banca Santo Stefano per molti anni, da due anni invece siede nel Cda. Come è cambiata la percezione della Banca dal suo nuovo ruolo? Inizialmente non pensavo che le prospettive fossero così differenti, poi con l’esperienza mi sono reso conto che le diversità sono molte. Il Direttore tende a privilegiare la gestione aziendale, l’efficienza delle funzioni, la qualità dei prodotti, il rapporto con il personale. L’Amministratore invece ha come priorità quella di salvaguardare la coerenza con lo scopo sociale dell’Istituto; deve inoltre svolgere una attività molto attenta di controllo sul rispetto delle regole e sulla coerenza con le linee guida che il Consiglio di Amministrazione ha indicato come piano strategico e come orientamento della sua politica. Cosa è cambiato, a suo avviso, nella Banca dal 2009 quando ancora era direttore ad oggi? Man mano che l’azienda si sviluppa, l’allargamento della compagine sociale, l’ampliamento delle aree di competenza, delle masse amministrate, dei progetti di governo e di quelli produttivi, ne fanno perdere la sua identità. Ovviamente più le dimensioni crescono, più questo fenomeno si accentua. Si sente sempre più spesso parlare, specie nel Sud Italia di fusioni fra Banche di Credito Cooperativo. Può essere oggi, a suo avviso, una soluzione per aumentare l’efficienza delle nostre banche? La fusione ha un senso nel momento in cui a fondersi sono delle banche efficienti, altrimenti, in questo momento di crisi, l’unione di banche in difficoltà provoca un problema ancora maggiore. Mi convinco sempre più che questa non sia una crisi come le altre dovuta ad un eccesso di credito o speculazioni, ma ci troviamo in una situazione in cui le economie occidentali dovranno confrontarsi con le economie emergenti e questo comporterà giocoforza dei sacrifici; questo perché abbiamo vissuto per decenni oltre le nostre possibilità e il debito pubblico ne è una conferma.

DICEMBRE2011

13


LABANCA

Che ruolo possono avere in questo momento di crisi economica le BCC? Se ben gestito il Credito Cooperativo avrà senz’altro un ruolo, a patto che migliori la propria efficienza. La nostra struttura deve scontare in generale dei passaggi intermedi che penalizzano determinati prodotti o costano di più se rapportati a quello che può fare chi opera sui mercati globali. Mi riferisco al leasing, piuttosto che ai prodotti assicurativi. Le Bcc possono sopravvivere perché hanno un grande vantaggio che è dato dalla conoscenza del territorio e hanno il compito di creare fiducia. Sicuramente il privilegio che le nostre banche hanno nel rapporto diretto con il cliente e con il socio è un fattore competitivo ancora vincente. Cosa intende per fiducia? L’immagine di una banca solida, senza sospetti di speculazioni e criticità, che cresca con il territorio. La fiducia parte dai numeri e trattandosi di una banca locale anche dai soci e clienti. La cosa fondamentale è che i soci si identifichino nella gestione aziendale. Sarei favorevole, pertanto, che all’interno del Cda ci fosse della rappresentatività della base sociale così come è composta (commercianti, imprenditori, lavoratori dipendenti...) così come ritengo importante anche la presenza di Ammninistratori di provenienza tecnica bancaria che conoscono il mercato e quindi possono dimostrarsi un valido aiuto per l’operatività della Banca. Ritiene che dati i cambiamenti in atto abbiamo bisogno di ripensare anche al ruolo di Amministratore? Non esiste un modello di governance che vada bene in situazioni diverse. A seconda del contesto bisogna tendere al modello ottimale per ottenere i migliori risultati. Se prima per un Amministratore poteva essere sufficiente la relazione con il territorio e con le persone, in questo momento è molto importante la fiducia ma anche la capacità di quest’ultimo di analizzare i problemi che di volta in volta si presentano. • (F.Z.)

14

DICEMBRE2011


LABANCA

INIZIATIVE&PRODOTTI

SETTEMBRE2011

15


INIZIATIVE&PRODOTTI

COMINCIAMO A PENSARE AL FUTURO DEI NOSTRI FIGLI

M

ai come oggi, mantenere i figli agli studi universitari, far fronte a spese importanti come casa, lavoro e matrimonio sono pensieri che assillano genitori e nonni spesso in apprensione per garantire un futuro sereno ai loro figli e nipoti. Come far fronte al meglio a questa preoccupazione?

piano dei versamenti sino alla sua naturale scadenza garantendo la riscossione di un capitale rivalutato se i premi sono stati regolarmente pagati; - una durata contrattuale in base alla libera scelta del Contraente (da 5 a 50 anni) Il rendimento di PIÙGRANDE è collegato all’andamento della speciale Gestione Separata Fondo Previca, al netto del costo previsto. Viene in ogni caso garantita una rivalutazione annua minima pari al 2% lordo per tutta la durata contrattuale.

Banca Santo Stefano propone PIÙGRANDE, una soluzione di risparmio ricca di vantaggi e allo stesso tempo semplicissiI vantaggi sono notevoli: ma. la certezza dei risultati via via raggiunti, in quanto le rivaSi tratta di una polizza a premi annui costanti ideata da lutazioni annue restano definitivamente acquisite: in ciascun Assimoco Vita che consente di accumulare, fino alla scadenza anno, il capitale può solo aumentare e mai diminuire; prescelta, un capitale rivalutato da utilizzare a favore di figli/ le somme erogate a seguito di decesso dell’Assicurato, senipoti o delle persone più care. condo quanto previsto dalla normativa vigente, non sono soggette a tassazione; Il prodotto è di facile sottoscrizione: è attivabile con un la parte del premio relativa alle coperture morte dà diritto ad versamento minimo di euro 600. È inoltre possibile il fraziona- una detrazione dall’imposta sul reddito delle persone fisiche; mento del premio in rate mensili, trimestrali, semestrali. la polizza è impignorabile ed insequestrabile (fatte salve specifiche disposizioni di legge) e non rientra nell’asse succesLa polizza offre: sorio; - una rivalutazione annua minima del 2% lordo, che sarà tutte le prestazioni sono garantite da Assimoco Vita. mantenuta fissa per tutta la durata contrattuale, - una garanzia di Grande valore: in caso di premorienza del- Se sei interessanto e desideri maggiori informazioni chiedi al l’Assicurato, la Compagnia subentra nel completamento del tuo consulente di Banca Santo Stefano. • (C.M.)

16

DICEMBRE2011


ILSOCIO

DICEMBRE2011

17


ILSOCIO

DAMASO ZANARDO “QUALITÀ, EFFICIENZA ED INNOVAZIONE” I SEGRETI PER NON SBAGLIARE

18

DICEMBRE2011


ILSOCIO

La Zanardo Servizi Logistici Spa è cliente di Banca Santo Stefano dal 2007 ed è anche socia da qualche mese. “È importante far parte di una banca per poter ragionare in lungo periodo e avere un appoggio per i il futuro in uno spirito di collaborazione reciproca” – ha affermato il Presidente Damaso Zanardo che in questo articolo ci descrive la sua attività e i suoi progetti.

67

mila metri quadrati di magazzini di proprietà, un parco mezzi di 120 veicoli tra trattori e rimorchi, 240 addetti, 6 unità operative al Nord Italia, un fatturato in crescita del 20 per cento rispetto al 2010. Questi i numeri della Zanardo Servizi Logistici Spa che festeggia quest’anno i 50 anni di attività. La storia di un’impresa familiare, iniziata nel 1961, quando il fondatore Settimio Zanardo, ha avviato l’attività di trasporto merci, in particolare l’alluminio a Porto Marghera. Oggi alla guida e presidenza dell’azienda c’è il figlio Damaso che dal padre, oltre alle doti manageriali, ha ereditato l’attenzione alla qualità e personalizzazione del servizio e la disponibilità verso i clienti. Condividere con le risorse umane i programmi aziendali, accrescere il senso di appartenenza affinché ognuno si senta parte integrante della realtà in cui lavora e dia il massimo dei risultati sono oggi i principali obiettivi del Presidente che dopo un periodo dedicato ad un progetto importante quale la realizzazione dell’Interporto di Venezia, è tornato ad occuparsi della sua azienda nel 2000. Ed è proprio in quegli anni che la Zanardo ha convertito il proprio core business allargandosi alla gestione dei beni di largo consumo, fino a spaziare dalla logistica di magazzino, alla distribuzione capillare su tutto il territorio nazionale. Oggi l’azienda opera attraverso divisioni specializzate in base alle diverse merceologie di prodotti, tra cui meritano una menzione speciale la logistica per gli Spirits & Beverage, quella per gli Ospedali, dalla prescrizione alla somministrazione dei farmaci e per la gestione beni economali.

DICEMBRE2011

19


ILSOCIO

Tra i nuovi traguardi c’è il servizio di trasporto su treno Italia-Cina-Italia, attraverso la Russia, che parte dal terminal di Sezana, partner intermodale, e copre una distanza di 11 mila chilometri di percorso sui binari in 23 giorni anziché i 50 necessari via mare, assicurando in questo modo tempi certi e costi competitivi tutto l’anno. L’obiettivo è agganciare l’Italia, nel trasporto ferroviario organizzato, al resto d’Europa verso il Far Est.

giorno” – afferma Zanardo. La sfida competitiva si rinnova costantemente su mercati sempre più globalizzati e richiede alle aziende italiane di valorizzare non tanto una supremazia sui costi di produzione quanto la grande qualità che il Made in Italy sa esprimere.

Non ha dubbi Damaso Zanardo: “Avere l’idea, trasformarla in processo, condividerla con un gruppo di lavoro, delegare sì, ma controllare sempre - sono gli ingredienti necessari “Nel nostro lavoro è fondamentale innovare giorno dopo per innovarsi e svilupparsi”. • (F.Z.)

20

DICEMBRE2011


LAFONDAZIONE

DICEMBRE2011

21


LAFONDAZIONE

CONSEGNATI ZAINETTI E BUONI STUDIO

N

el mese di settembre la Fondazione Banca Santo Stefano ha accompagnato il rientro a scuola dei figli dei soci con un’iniziativa che negli anni continua a riscuotere sempre maggiore successo: la consegna dei “bonus scolari”. Quest’anno tale iniziativa si è arricchita di un’importante novità: la partecipazione si è allargata anche alla fascia dei più piccoli, ovvero ai bambini delle scuole materne. Così a partire da “Bonus Scuola Materna” fino alle borse di studio per le lauree magistrali si può senza dubbio affermare che la Fondazione contribuisca alle spese scolastiche dei figli dei soci durante tutto l’ intero ciclo di studi. Se per i bambini delle materne e delle medie il bonus si traduce in un deposito a risparmio di 100 euro, ai bambini delle elementari spetta

22

DICEMBRE2011

uno splendido zaino. Venerdì 23 settembre presso la sala “Alfredo Barbiero” della nuova sede direzionale della Banca, il progetto è stato coronato da un incontro tra la Fondazione e i figli dei soci che hanno aderito all’iniziativa. A tale incontro erano presenti più di un centinaio di bambini accompagnati dai genitori e dopo un intervento introduttivo da parte del Direttore della Fondazione e del Direttore della Banca è avvenuta la consegna dei bonus. Tale evento non è stato soltanto un’ importante occasione istituzionale, ma anche un piacevole incontro dove i bambini e i genitori hanno potuto conoscere da vicino la Fondazione e il suo personale e sentirsi “attivi” soci della Banca. Alla fine delle consegne infatti non è mancato un piccolo momento di festa all’interno della suggestiva corte. • (V.M.)


LAFONDAZIONE

UNA POMPA IDROVORA ALLA PROTEZIONE CIVILE DI MARTELLAGO

F

ondazione Banca Santo Stefano ed il Gruppo Volontari Protezione Civile di Martellago, nella cornice della Corte del Centro Direzionale di Banca Santo Stefano inaugurata da appena un anno, si è svolta, nello scorso mese di settembre, la cerimonia di consegna al Gruppo Comunale della Protezione Civile di Martellago di una pompa “idrovora” e di altre apparecchiature necessarie per intervenire in caso di emergenza per pericolo di allagamenti e di esondazioni dovuti a calamità naturali, rendendo sempre più efficaci e veloci gli interventi di soccorso. Alla cerimonia erano presenti Il Direttore della Fondazione di Banca Santo Stefano – Raffaele D’Errico – e una delegazione del Gruppo Volontari Protezione civile di Martellago guidata dal suo coordinatore, Cristiano Serena. “Ringrazio ed esprimo viva soddisfazione per il dono di queste apparecchiature – ha detto il coordinatore Serena – strumenti ed attrezzature che, accompagnate dalla indispensabile e preziosa opera dei Volontari, consentiranno di intervenire adeguatamente nelle situazioni di emergenza sul territorio e di conseguenza tutelare la sicurezza dei cittadini. “Un altro passo avanti è stato compiuto nel segno della solidarietà operativa – ha concluso il Direttore della Fondazione D’Errico – frutto di una stretta e fattiva collaborazione ed un riconoscimento della Fondazione per l’attività delle

associazioni di volontariato al servizio del territorio”. La cerimonia si è conclusa con un brindisi e con la comune soddisfazione di svolgere, ognuno con il proprio ruolo una funzione importante e soprattutto concreta sempre più necessaria anche alla luce delle imprevedibili e gravi emergenze che sempre più frequentemente minacciano la sicurezza di famiglie o di intere comunità. • (D.G.)

DICEMBRE2011

23


LAFONDAZIONE

AL VIA IL PROGETTO COOPERAZIONE

O

ffrire momenti di incontro e di confronto fra genitori sui temi legati alla crescita e al benessere dei nostri bambini e ragazzi.

È questo l’obiettivo del Progetto Cooperazione, giunto quest’anno alla sua ottava edizione. Un progetto che nasce dalla collaborazione fra la Scuola e il Comune di Martellago (Assessorato alle Politiche Giovanili) e che quest’anno vede coinvolta la Fondazione Banca Santo Stefano, che assieme al Comune, finanzia l’iniziativa. Il programma dettagliato è stato presentato in occasione del primo incontro che si è svolto lunedì 20 ottobre presso la “Sala Conferenze A.Barbiero”. Alla serata erano presenti il Presidente del comitato genitori di Martellago Giampaolo Zanatta, alcuni rappresentanti dell’Amministrazione Comunale e Istituti Comprensivi Statali “G.Matteotti” di Maerne – Olmo e “C.Goldoni” di Martellago, i Parroci di Martellago, Olmo e Maerne, oltre naturalmente ad alcuni esponenti della Fondazione Banca Santo Stefano. “È con vero piacere – ha affermato il Direttore della Fondazione Raffaele D’Errico – che abbiamo accettato di partecipare a questo progetto. La nostra Banca accoglie sempre positivamente iniziative che coinvolgono i giovani, ovvero il nostro futuro” • (F.Z.)

24

DICEMBRE2011


LAFONDAZIONE

EMOZIONI IN CORTE CON REMO ANZOVINO Fondazione Banca Santo Stefano ha scelto la musica di Remo Anzovino per il 16 settembre: l’artista, accompagnato dal fratello Marco Anzovino alle chitarre e Gianni Fassetta alla fisarmonica, trio con alle spalle più di 100 concerti nei migliori festival italiani ed europei, ha suonato al pianoforte le sue canzoni senza parole durante un’incantevole serata nella suggestiva cornice della Corte Banca Santo Stefano, emozionando più di 600 ospiti. La musicalità di Anzovino, immediata e diretta, ha colpito gli spettatori ed è riuscita ad affascinarli ed a conquistarli: impossibile stabilire se sia più o meno jazz, più o meno classico, quanto abbia del rock, quanto dell’etnico quanto della tradizione popolare. Lo spettacolo dal vivo, inoltre, è stato arricchito di un elemento visivo che ha trasformato il concerto in un evento unico: su un grande schermo posto alle spalle dei musicisti sono state proiettate sequenze in bianco e nero di grandi capolavori del cinema degli anni 20 e 30. Icone come Louise Brooks, Buster Keaton , Tina Modotti o le immagini della metropoli di inizio 900, sono state le protagoniste di questi fotogrammi proiettati: per la prima volta il cinema ha ceduto il passo diventando colonna visiva della musica, assoluta protagonista. La sinergia con il Comune di Martellago ha permesso l’ottima riuscita dell’evento: il traffico è stato deviato, e il silenzio permesso alla musica di allietare anche la serata degli spettatori affacciati alle finestre di Piazza Bertati. Annotate già nelle vostre agende giugno 2012. Fondazione vi aspetta per il prossimo imperdibile concerto. • (G.T.)

DICEMBRE2011

25


LAFONDAZIONE

UN CONCERTO IN MEMORIA DI ALFREDO BARBIERO

È

stata grande, anche quest’anno, l’affluenza al Concerto in memoria di Alfredo Barbiero che si è svolto sabato 29 ottobre nella Chiesa Parrocchiale Santo Stefano di Martellago. Per il nono anno consecutivo la nostra Banca ha voluto ricordare questo grande uomo (insegnante, politico, sindaco di Martellago), scomparso nel 2002 e che è stato per molti anni Presidente di Banca Santo Stefano. “Lo ricordiamo ancora – ha affermato l’attuale Presidente

26

DICEMBRE2011

Onorato Zanata – seduto all’organo proprio in questa chiesa ad animare la messa, spinto dal senso religioso ma anche dal suo grande spirito di servizio che sempre lo ha accompagnato e guidato nelle scelte importanti della sua vita”. Il programma ha visto musiche per organo di F. Mendelssohn e J. S. Bach, oltre a numerosi brani eseguiti dal Coro di voci bianche “Nuove Armonie” e dal Coro giovanile “I.C. Vittorino da Feltre” diretti da Chiara Mario. • (F.Z.)


LAFONDAZIONE

PROGETTO “DOPO DI NOI” LA NOSTRA FAMIGLIA DI NOALE

L’

Associazione Genitori de “La Nostra Famiglia” di Noale è nata con lo scopo di fornire un aiuto concreto alle famiglie con figli disabili, favorire l’incontro con e fra queste persone, promuovere nel territorio una cultura di accoglienza oltre a sensibilizzare chi ci circonda sulla loro educazione e sul loro futuro. Proprio quest’ultimo aspetto è quello che molte volte è la maggior preoccupazione per i genitori di questi ragazzi: che ne sarà “dopo di noi” quando non saremo più in grado di accudire ed in qualche modo accompagnare /proteggere nostro figlio? Ecco allora l’idea: costruire e gestire con i genitori una casa per i propri figli svantaggiati, che risponda ai loro bisogni, così come si fa per ogni altro figlio; una casa della comunità e per la comunità. L’associazione ha pensato allora alla creazione di una comunità alloggio per disabili adulti e su questa idea ha coinvolto l’amministrazione comunale . Questa comunità sorgerà a Noale . Il Comune ha infatti approvato il nuovo piano di lottizzazione, che prevede la costruzione di una struttura che accoglierà 10 ospiti e che risponde ad una domanda di servizi alla persona che da anni è presente nel territorio e permetterà a queste persone di essere inserite nella propria Comunità senza essere sradicate dal territorio in cui risiedono.

L’associazione, in data 7 ottobre 2011, ha sottoscritto un accordo preliminare con il comune di Noale che si è impegnato a dare in comodato d’uso gratuito la casa e il terreno circostante. Un’opportunità per imparare a vivere senza la costante presenza dei genitori e preparare così la vita nel mondo degli adulti, ma anche un’opportunità per i genitori per vedere il proprio figlio “sotto una nuova luce” e avere l’occasione concreta per iniziare a progettare per loro un differente futuro. Prepararsi al cambiamento, prevenire quindi, cercando di anticipare e di gestire, anziché subire, prevedibili situazioni di difficoltà o di emergenza. Il servizio sarà organizzato, per quanto possibile, secondo moduli operativi improntati alla gradualità, con un’articolazione flessibile nel rispetto dei tempi del singolo, di quelli del gruppo e di quelli dei familiari. Per coloro per i quali sarà possibile una progressiva diminuzione della presenza educativa al fine di responsabilizzare al massimo i partecipanti, sarà compito dell’ente gestore della casa, con i servizi preposti e la famiglia, di progettare modalità diverse di vita autonoma dalla famiglia; l’Associazione si sente fin d’ora impegnata a trovare altre soluzioni abitative e di tutela delle persone disabili adulte per le quali la comunità alloggio non sia la risposta adeguata. • (R.D.)

DICEMBRE2011

27


LAFONDAZIONE

FESTIVAL DELLA LETTERATURA PER RAGAZZI “ALLA CORTE DEL LIBRO”

F

ondazione Banca Santo Stefano e la Libreria Mondadori di S. Maria di Sala, in collaborazione con il Comune di Martellago, hanno organizzato nel mese di novembre “IL FESTIVAL DELLA LETTERATURA PER RAGAZZI SCRITTA E DISEGNATA”. Una manifestazione di 11 giorni (dal 19 al 30 di novembre) che si è posta come obiettivo quello di portare i ragazzi delle scuole primarie e secondarie di primo grado nel regno dell’immaginazione scritta e illustrata. Agli alunni di ogni classe di età compresa tra 6 e i 14 anni è stata dedicata una mattinata alla scoperta del mondo del libro. In particolare è stato organizzato un incontro con un autore specifico per la loro età e una visita alla mostra mercato allestita negli spazi della Corte della sede di Banca Santo Stefano. I due locali interessati sono stati l’Auditorium “S. Salvatore” dove si sono svolti i laboratori didattici e la “Sala ristorante” dove è stata allestita temporaneamente la mostra mercato. Uno spazio che durante i fine settimana è stato aperto a tutti con attività didattiche di laboratorio dedicate a bambini e ragazzi dai 6 anni in su e che ha visto una notevole partecipazione. (F.Z.)

28

DICEMBRE2011


LAFONDAZIONE

UN PRESEPE DI OLTRE 40 MQ dall’ 8 dicembre all’ 8 gennaio presso la Sala Mostre di Banca Santo Stefano

Un

grande presepe che si estende su un’area di 40 metri quadri è stato inaugurato mercoledì 7 dicembre presso la Sala Mostre Centro Direzionale Banca Santo Stefano in Piazza Vittoria a Martellago. Il presepe, promosso da Fondazione Banca Santo Stefano e dall’Assessorato alla Cultura di Martellago racconta la storia della nostra civiltà cristiana sviluppatasi nel corso dei secoli. Non si tratta di un tradizionale presepe ma di una realizzazione che segue un ragionamento del tutto inedito. Più che di una rappresentazione statica si tratta di un cammino attraverso le civiltà che si sono susseguite dai tempi di Cristo fino ai nostri giorni Il materiale utilizzato è povero e di riciclo: cotto sminuzzato, contenitori di uova, aghi di pino, piccoli legni e carta pressata, che si trasformano in un’opera di grande creatività grazie all’abilità artigianale e alla pazienza dell’autore Mario Agostini. Artista di valore Agostini, personaggio ricco di saggezza e cultura, ha saputo mettere insieme un piccolo capolavoro sulla natività moderna e postmoderna. (F.Z) Il Presepe è visitabile dall’8 dicembre all’8 gennaio TUTTI I GIORNI FERIALI DALLE ORE 16 ALLE ORE 19 TUTTI I GIORNI FESTIVI DALLE ORE 10 ALLE ORE 12 DALLE ORE 16 ALLE ORE 19

DICEMBRE2011

29


LAFONDAZIONE

INCONTRI CULTURALI 2011/2012

È

iniziato mercoledì 7 dicembre, nella Sala Alfredo Barbiero, con la cerimonia di inaugurazione, il tradizionale ciclo di incontri culturali, promosso dalla Fondazione Banca Santo Stefano. L’evento ha visto l’intervento dei maggiori esponenti della Banca e della Fondazione, del Sindaco e di numerose autorità. Si rinnova quindi anche quest’anno un’occasione di incontro e di arricchimento culturale per i soci di Banca Santo Stefano e per quanti, cittadini di Martellago o dei paesi vicini, desiderano accrescere la propria cultura e coltivare il senso di appartenenza ad una comunità civile. La serie di conferenze potrà contare sulla collaborazione di molti appezzati professionisti in diversi settori, che riescono a coinvolgere e ad appassionare il pubblico, grazie alla competenza e all’amore per il proprio lavoro. È il caso di medici, psicologi, avvocati, scrittori, giornalisti, musicisti, insegnanti, archeologi, biologi... Ugualmente interessanti saranno gli incontri, in cui i relatori parleranno di attività che esulano dal proprio specifico campo professionale, coltivando interessi che definire “hobby”sarebbe davvero riduttivo. È il caso dei numerosi ricercatori storici, degli appassionati d’arte, di astronomia, di comunicazione, di tutela dell’ambiente, di viaggi ed esplorazioni... Non mancheranno anche le occasioni di divertimento, con l’intervento, per Carnevale (lunedì 20 febbraio) di Arlecchino e Colombina (gli attori Marzia Bonaldo e Enrico Vanzella) che racconteranno le ricette del ‘700 veneziano, attraverso le opere di Carlo Goldoni. L’origine e la storia della cucina veneziana e l’influenza che su di essa ha avuto il contatto con Bisanzio, con l’uso di spezie

30

DICEMBRE2011

ed aromi tipici della cucina orientale, sarà oggetto dell’incontro di marzo, con lo scrittore-gastronomo Giampiero Rorato. La cadenza delle conferenze è bisettimanale, lunedì e mercoledì, dalle 16.00 alle 18.00. Si terranno, prevalentemente (vedere il calendario allegato) presso la sala conferenze di Via Fapanni 32, presso la struttura dell’ex Giardino Santo Stefano. La novità quest’anno saranno gli “INCONTRI CON L’AUTORE”, che si terranno, nella Sala Barbiero, l’ultimo venerdì del mese. A Edoardo Pittalis, scrittore ed editorialista del Gazzettino e Gualtiero Bertelli, musicista, l’onore di iniziare venerdi 27 gennaio 2012, alle ore 20.30, con “LA NOSTRA STORIA DIVENTA SPETTACOLO”. • (G.B.) Per maggiori informazioni consultare il sito www.bancasantostefano.it/fondazione/eventi


LAFONDAZIONE

PROGRAMMA INCONTRI CULTURALI ANNO 2011/2012 Dicembre 2011 12 lunedì “Santa Barbara di Nicomedia” Storia, arte e devozione dall’Oriente alla laguna di Venezia. Molin Marco - storico 14 mercoledì Amore e sesso. Persecuzione e molestie Forcolin Francesco - Psicologo clinico psicoterapeuta sessuologo 19 lunedì L’incidenza della comunicazione sociale nella percezione del rischio. Ugo Moratelli - Esperto in comunicazione 21 mercoledì “Scienza di Marca” - Sei secoli di matematica e fisica nel Trevigiano Bortolato Quirino - Storico matematico Gennaio 2012 11 mercoledì “Artemisia Gentileschi” Una grande donna, una grande pittrice Bragato Elena 16 lunedì La consapevolezza nel rapporto umano: dinamica delle relazioni interpersonali Moratelli Ugo - Esperto in comunicazione 18 mercoledì I figli “divisi”. Cinque anni dopo la legge 54 del 2006 sull’affidamento condiviso Siegato Sandra - avvocato 23 lunedì “San Francesco del Deserto”: un’isola ricca di storia e spiritualità Molin Marco - storico 25 mercoledì “Dalla lettera 22 al computer” Il giornalismo ieri e oggi Verbi Giorgio - giornalista

30 lunedì “Gli uomini ombra”: gli ergastolani ostativi. Ha ancora senso la pena dell’ergastolo? Laggia Alberto - Giornalista Inviato di Famiglia Cristiana

29 mercoledì L’industria a servizio della Serenissima. Una fabbrica chiamata Arsenale Bragato Elena Dottore in conservazione dei beni culturali

Febbraio 2012

MARZO 2012

1 mercoledì “Reliquie a Venezia, tra culto e potere” Gatto dott.Paolo - Ricercatore storico

05 lunedì “Origine e storia della cucina veneziana” Rorato Giampiero - Scrittore Gastronomo

6 lunedì “Viaggio in Sicilia” - Alla scoperta di un tesoro di miti, storia, arte e bellezze naturali” Caristi Myriam

07 mercoledì “L’altra metà della scienza: tre millenni di impegno delle donne nella ricerca scientifica” Bortolato. Quirino Storico, Matematico

8 mercoledì “Gli agrumi nelle Ville del Brenta, tra serre e vaserie” Vulcano Elisabetta Architetto ricercatrice storica

12 lunedì Aritmie cardiache. “Cuore matto” Dainese Francesco - cardiologo

13 lunedì Alberi e piante di montagna: una farmacia a cielo aperto Toio de Savorgnani - Alpinista ambientalista 15 mercoledì I paleoambienti del Veneto Scarpa Davide 20 lunedì “A tavola con Carlo Goldoni” - Arlecchino e Colombina raccontano le ricette del ‘700, attraverso le opere di Carlo Goldoni Marzia Bonaldo - Enrico Vanzella - attori 22 mercoledì Breve storia dell’esplorazione lunare Ferraro Sergio Gruppo Astrofili Santa Maria di Sala 27 lunedì “I Segni del culto tra l’età del Bronzo e l’Età del Ferro” Tomaello Elga - archeologa

14 mercoledì Infezioni delle basse vie aeree e bronchite cronica. Scevola Moreno - Pneumologo Internista 19 lunedì Presentazione del libro: “Fiabe onte” Aneddoti e spiritosaggini del passato. Grandesso Espedita - scrittrice 21 mercoledì Le Monarchie Reali D’Europa Gatto Paolo - Ricercatore storico 26 lunedì Presentazione del libro: “Mariano Rumor Da Monte Berico a Palazzo Ghigi” Orazio Carrubba e Piero Piccoli - giornalisti 28 mercoledì L’Esperienza del Cammino di Santiago di Compostela Arrigo Anzani

DICEMBRE2011

31


TRADIZIONI&SAPORI


LAFONDAZIONE TRADIZIONI&SAPORI

BACCALÀ MANTECATO... MODERNO Ingredienti per 6 persone (normali) 500 grammi di baccalà già bagnato 1 spicchio d’aglio (se piace) 1⁄2 bicchiere (o meno) d’olio Sale & pepe Una patata non farinosa. PS - Proibiti latte, panna, burro ecc.

baccalà comincerà pian piano a sbriciolarsi ed imbiancare. Aggiungete un po’ alla volta altra acqua di cottura e – se necessario – altri pezzi di patata fino ad ottenere un risultato quasi cremoso. Verso la fine aggiungete un po’ alla volta l’olio e fate incorporare bene. Aggiustate di sale (fino) e servite con guarnizione a piacere (prezzemolo, crackers, crostini...) con una macinata di pepe. Il sapore di patata non si avverte: il risultato vi sorprenderà per il sapore e la leggerezza. • (R.D.)

Alcuni consigli prima di iniziare: · se siete un purista tipo “solo olio” (di oliva e di gomito...), lasciate perdere: questa non è la vostra ricetta; · se non siete veneti comprate stoccafisso, se siete veneti comprate baccalà; · il baccalà migliore è grande e chiaro di pelle; · se il pesce intero è troppo grande, preferite la parte della testa (è più morbida!) · il baccalà deve essere ammollato in acqua per almeno 48 (massimo 72) ore cambiando spesso l’acqua. Scolate il baccalà, squamatelo, spinatelo, togliete le interiora e mettetelo in una pentola assieme alla patata, sbucciata e tagliata a metà, coperto con acqua fredda. Portate a bollore e quindi fate bollire a fuoco lentissimo per un quarto d’ora. Scolate il baccalà e mettetelo a piccoli pezzi – compresa la pelle - dentro il robot (nel robot mettete i ganci o le fruste, NON le lame. Se non disponete di un robot particolarmente grande potete mantecare in più riprese: il risultato sarà migliore.). Aggiungete l’aglio pestato (se piace), un po’ di sale grosso, un po’ d’acqua di cottura del pesce ed un pezzo di patata lessa. Cominciate a mantecare lentamente e non abbiate fretta. Il

DICEMBRE2011

33


GLIAPPUNTAMENTI


GLIAPPUNTAMENTI

PORTOGRUARESE · VENETO ORIENTALE

DECUMANO · TERRA DEI TIEPOLO

Torre di Mosto Natale Insieme: Mercatino di Natale 4 dicembre

Spinea Manifestazioni natalizie · dicembre

Visita alle “Casere” · 5 gennaio 2012

Mirano Mercatini di Natale i due fine settimana prima di Natale

Carnevale Torresano · 17 febbraio/4 marzo ALTINATE · DAL SILE AL PIAVE

Festa del radicchio 15 gennaio 2012

Quarto d’Altino Corsa dei babbo Natale · 11 dicembre

Salzano Natale insieme · 8 dic./6 gennaio 2012

Arriva Babbo Natale · 24 dicembre

Carnevale della Monica · 19 febbraio 2012

Cin cin insieme · 31 dicembre

Scorzè Botteghe e sapori in piazza a Natale 11 dicembre

Martellago Mostra del Radicchio Tardivo 2-12 dicembre 2011 Il Presepe delle Civiltà 8 dicembre - 8 gennaio 2012 Presepio Vivente – Maerne 24 dicembre – 8 gennaio 2012 Marcia della Lucciolata - mattino VI Ed. Lucciolata – pomeriggio Maerne 8 gennaio 2012 RIVIERA DEL BRENTA · BRENTADIGE

Panevin sul Sile · 5 gennaio 2012

Mira Mercatini di Natale 3-4 dicembre

Panevin · 5 gennaio 2012

Festa dea Befana – Mira Porte 8 gennaio 2012

Ceggia Manifestazioni natalizie · dicembre

Noale Mercatino della solidarietà 8 dicembre

Chioggia-Sottomarina Premio letterario 3° edizione 2011 dicembre

Carnevale di Ceggia · 12-19-21 febbraio 2012

Panevin de’a Pifania · 5 gennaio 2012

San Donà di Piave Accensione dell’albero e mercatini di Natale 8 dicembre

Mercatino dell’Antiquariato ogni 2a domenica del mese (escluso aprile-luglio e agosto)

Campagna Lupia Natale in piazza 18 dicembre/ 6 gennaio 2012

Musile di Piave Pan e Vin · 5 gennaio 2012

S. Maria di Sala Mostra del radicchio tardivo IGP 3-4 dicembre

Fossalta di Piave Marcia della pace · 11 dicembre

Carnevale 19 febbraio 2012

San Valentino · 12/14 febbraio 2012 Jesolo Pan e Vin · 5 gennaio 2012 Carnevale Jesolano · 19-21-26 febbraio 2012

La Casa delle Fiabe e il Giardino Incantato 26 dicembre 7-8 gennaio 2012 Manifestazioni natalizie 8/31 dicembre

DICEMBRE2011

35


io socio 4 2011  

news letter di BSS Martellago Venezia

Advertisement
Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you