Page 1

Anno XXIV - 11.04.2012 - Numero 575 - Copia Omaggio - www.ilgazzettinodipuglia.it

IL GAZZETTINO DI PUGLIA, con sede in Via “Aldo Moro” 52, apre un laboratorio di idee, strumenti ed opportunità per favorire la crescita delle imprese presenti sul territorio. Un Giornale al passo con i tempi

A Rutigliano nasce l’Associazione “Sviluppo Locale Pugliese"

STUDIO BUCCI CONSULENTI DI IMPRESA Nella foto il Dott. Rag. Roberto Bucci (Commercialista - Revisore Contabile - Consulente Tecnico del Giudice)

“PUGLIA VENDE MODA” 2 e 3 Giugno 2012 a RUTIGLIANO

E’ un progetto curato da persone competenti nel settore della moda e degli eventi con l’obiettivo di dare un’opportunità di crescita e di conoscenza del nostro amato territorio. L’evento è organizzato dal nostro Giornale ed è sostenuto dall’Agenzia “Sviluppo Locale Pugliese”

Via Crocecchia, 115 - Tel. 080.4780036 Via Pietro Nenni, 16 - Tel. 080.4785154 - Noicàttaro

Via Papa Paolo VI - Tel. 080 4796100 70016 Noicàttaro (Bari)


www.ilgazzettinodipuglia.it - Anno XXIV - 11 Aprile 2012 - N. 575 - ilgazzettinodipuglia@libero.it - Pag. 2 IL GAZZETTINO DI PUGLIA, con sede in Via “Aldo Moro” 52, apre un laboratorio di idee, strumenti ed opportunità per favorire la crescita delle imprese presenti sul nostro territorio. Un Giornale al passo con i tempi

A Rutigliano nasce l’Associazione “Sviluppo Locale Pugliese" Con lo scopo di riunire imprese, professionisti, Enti Locali, Istituzioni e tutti quegli attori che hanno a cuore lo sviluppo del nostro territorio e che intendono dare il loro apporto, presso la nostra sede sta nascendo una associazione che intende mettere a disposizione della locale comunità economica tutti quegli strumenti, idee e opportunità con cui contrastare la crisi economica che investe le nostre realtà. E il Gazzettino di Puglia vuole essere la bacheca e il promotore di questa importante iniziativa! C'è un’emoragia di liquidità che sta portando il nostro territorio verso la desertificazione economica. Vi è un ritardo istituzionale nell'avviare una politica di sviluppo; al contrario gli interventi governativi continuano esclusivamente a salvaguardare lo status quo, aumentando il carico fiscale che soffoca lo sviluppo economico e contrae i consumi, col paradossale effetto boomerang di perdita di gettito, come dimostrato, ad esempio, sul versante "carburanti", che ha visto la riduzione della circolazione dei veicoli del 20% in febbraio 2012 e del 10% nel marzo 2012. Vi è anche una "dispersione" impropria delle ricchezze e liquidità, raccolte sul

territorio ma che poi prendono strade "personali", come i recenti avvenimenti di cronaca hanno evidenziato. E di fronte a tutto ciò cosa fare e come contrastare questo trend? La risposta è nella esaltazione dei vantaggi competitivi del nostro territorio: turismo, cultura, agricoltura e agroindustria, divengono i pilastri del rinascimento economico locale. E cosa fare in concreto? Attivare azioni di rafforzamento dimensionale delle imprese, come ad esempio con il Contratto di Rete, per potenziare l'export Agricolo e Agroindustriale; analogamente negli altri comparti. Divulgare a favore delle imprese gli strumenti di incentivazione finanziaria a disposizione delle stesse per investire, esportare, rafforzarsi finanziariamente. Avvicinare le imprese agli strumenti di garanzia collettiva, con cui ri-alimentare il credito. Insomma un laboratorio di idee e opportunità per la crescita del nostro territorio. Dott. Rag. Roberto Bucci (Commercialista - Revisore Contabile - Consulente Tecnico del Giudice) e-mail: robebuc@libero.it

COMUNICATO STAMPA / Info. www.galseb.it 080.4737490

Grape passion: l’uva da tavola protagonista del convegno con esperti internazionali su commercializzazione e promozione dei prodotti e del territorio. Ricco programma per il convegno organizzato dal Comune di Rutigliano insieme ai Gruppi di Azione Locale Pugliesi di GAL IN TOUR

Ricco programma per il convegno organizzato dal Comune di Rutigliano insieme ai Gruppi di Azione Locale Pugliesi di GAL IN TOUR. Nella prima parte a cura dei GAL, alla quale prenderanno parte i rappresentanti delle principali organizzazione di categoria: Coldiretti, CIA, Confagricoltura, Copagri, Acli Terra, si parlerà di filiera corta e di promozione del prodotto insieme al prof. Messina, Rettore dell’Università Europea del Turismo. Oltre a questi temi, nella logica della tutela dei prodotti, si parlerà anche delle antiche varietà tradizionali insieme a ricercatori ed esperti. Nella seconda parte si passerà ai temi di attualità più stringente come la commercializzazione del prodotto e degli strumenti di innovazione per la crescita delle aziende e il miglioramento della produzione. Tra i relatori, David Hughes, esperto di fama internazionale docente di food marketing dell’Imperial College di Londra. Nell’occasione sarà assegnato il prestigioso premio Grappolo d’Argento Città di Rutigliano giunto alla XIV edizione che viene consegnato a personalità

del mondo imprenditoriale, politico o dell’informazione come riconoscimento dell’impegno profuso nella promozione e valorizzazione dell’uva da tavola in Italia e nel mondo. Il Comune di Rutigliano, come è noto, è il principale centro di coltivazione in Italia di uva da tavola di qualità che viene esportata oltre che in Europa anche in Asia, America e Australia, contribuendo non poco, grazie anche all’indotto che nel corso soprattutto degli ultimi decenni si è sviluppato, all’economia dell’intera Puglia. Nel 2005 al Comune di Rutigliano è stata donata una targa d’argento del Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi, per il primato che vanta nella produzione dell’uva da tavola, in particolare la varietà denominata “Italia”, consegnata dal Ministro in carica Gianni Alemanno. Con questo impegno il Comune di Rutigliano insieme ai GAL intende portare l’attenzione su uno degli asset strategici dell’agricoltura pugliese, la coltivazione dell’uva da tavola, favorendone l’innovazione e quindi lo sviluppo non solo in ambito agricolo, ma anche la valorizzazione in ambito turistico.


www.ilgazzettinodipuglia.it - Anno XXIV - 11 Aprile 2012 - N. 575 - ilgazzettinodipuglia@libero.it - Pag. 3


www.ilgazzettinodipuglia.it - Anno XXIV - 11 Aprile 2012 - N. 575 - ilgazzettinodipuglia@libero.it - Pag. 4

PRESENTAZIONE DEL NUOVO PRESIDENTE CERSARE VERONICO DEL PARCO NAZIONALE DELL'ALTA MURGIA

Ai piedi di uno dei luoghi simbolo del Parco Nazionale dell'Alta Murgia e della storia del territorio, il Castel del Monte, patrimonio Unesco dell'umanità e sito rilevante sotto l'aspetto paesaggistico e naturalistico, è stato presentato, questa mattina, il nuovo presidente dell'Ente, Cesare Veronico. Il neopresidente ha introdotto il suo intervento definendo il suo nuovo incarico come “il miglior lavoro possibile” e raccontando la storia del Parco fin dall’intesa della perimetrazione, avvenuta nel 2002, per la quale fu egli stesso a richiedere l’inclusione del Castel del Monte e del sito dell’Homo Arcaicus di Altamura. Le sue prime parole sono una premessa importante, che parte dai primi anni di esperienza del Parco Nazionale dell’Alta Murgia: “L’obiettivo della conservazione della natura è il primo punto all’Ordine del giorno di un Parco. E fin qui è stato svolto un ottimo lavoro. Siamo in anticipo rispetto a diversi altri parchi nazionali sulla definizione di un Piano del Parco. Il prossimo obiettivo è la valorizzazione: far diventare il Parco Nazionale dell’Alta Murgia il miglior parco d’Italia, coinvolgendo il mondo dell’associazionismo, le imprese, i cittadini”. Lo spirito della sua missione è riassunto in una dichiarazione: “Il nostro deve essere un parco aperto, vogliamo coinvolgere tutti quelli che vogliono migliorare il parco, che abitano il parco, che SONO il parco”. Uno dei primi obiettivi manifestati dal Presidente è la valorizzazione del marchio del parco, che diventi strumento di garanzia di qualità, rafforzando l’immagine del territorio e delle sue aziende e l’identità dell’area. Fondamentale è, sull’altro versante, la possibilità di migliorare la ricettività turistica, di fornire ai visitatori gli strumenti, gli spazi, le opportunità. Un altro punto determinante per la crescita del progetto è quello di costituire una rete dei parchi, che “metta a sistema” tutte le aree protette, un punto di incontro tra le iniziative dei singoli parchi, per raccontare la vita nei territori, incrementare l’attrattiva nei confronti dell’esterno e rafforzare le potenzialità di tutte le aree pugliesi. Nel giro di visite istituzionali e del confronto con i sindaci e gli enti locali, il Presidente ha preso atto

dei limiti relativi ai beni del territorio: dagli itinerari delle chiese Rupestri di Gravina al Teatro Mercadante, passando per le Grotte di Sant’Angelo di Santeramo individuando le potenzialità per migliorare le strutture e i servizi, offrendo un nuovo slancio a livello locale, nazionale ed internazionale dell’area. Il Presidente ha inoltre voluto ribadire la sua volontà di superare le divisioni del passato, i campanilismi e gli interessi dei singoli, ponendo come unico bene comune la possibilità di “fare territorio”: “Non mi farò invischiare dalle sabbie mobili della dietrologia. Dobbiamo pensare alle prospettive del parco, partendo da proposte oggettive”. Va interpretata in quest’ottica la definizione della prossima tappa, annunciata dal Presidente nel corso della conferenza-stampa: una serie di incontri con le realtà associative locali, con le aziende agricole, col mondo imprenditoriale, in una tavola rotonda necessaria per premiare le ambizioni del Parco. Presente all’incontro l’Onorevole Domenico Pappaterra, presidente del Parco Nazionale del Pollino e membro di giunta di Federparchi che ha definito il parco come un luogo importante, ringraziando il Ministro Corrado Clini e il Governatore della Puglia Nichi Vendola per la scelta di un Presidente che guidi il parco dell’Alta Murgia nel suo cammino in un momento decisivo per la storia di tutti i parchi italiani. Il parlamento è alle prese con la legge-quadro sulla gestione dei Parchi che dovrebbe, nelle parole di Pappaterra, diventare: “opportunità di crescita”, sottolineando l’unicità delle risorse agrarie dell’area dell’Alta Murgia, plaudendo all’iniziativa della valorizzazione del marchio. Diventa, pertanto, determinante la capacità di “fare sistema” a livello locale e nazionale.


www.ilgazzettinodipuglia.it - Anno XXIV - 11 Aprile 2012 - N. 575 - ilgazzettinodipuglia@libero.it - Pag. 5

COMUNE DI RUTIGLIANO

SINDACO DOTT. ROBERTO ROMAGNO con Deleghe alla Cultura, Pubblica Istruzione, Centro Storico, Edilizia, Cimitero, Verde Pubblico, Igiene. VICE SINDACO PASQUALE REDAVID (Agricoltura, Marketing territoriale, Comunicazione, Attuazione programma politico-amministrativo, Politiche giovanili, Informagiovani, Urp, Affari Generali, Innovazione, Sistemi innovativi, Piano Strategico BA2015, Fondi strutturali e politiche comunitarie; ASSESSORI. VITO GRAZIO DEFILIPPIS (Invalidi civili, Sport, Organizzazione eventi, Attività turistiche, Patrimonio, Manutenzione); CARMINE IAFFALDANO (Urbanistica, Lavori Pubblici); MICHELE MARTIRE (Sviluppo Economico, Attività Produttive, Artigianato, Commercio, Risorse agroalimentari, Organizzazione e gestione del personale, Politiche energetiche); NICOLA MASTROCRISTINO (Bilancio e programmazione, Finanze, Tributi, Economato e provveditorato); ANGELA REDAVID (Servizi Sociali, Trasparenza e cittadinanza attiva); STEPHI SIMONE (Protezione Civile, Polizia Urbana, Sicurezza, Prevenzione, Legalità, Educazione Civica, Parcheggi, Traffico). Presidernte del Consiglio Comunale Dott. Matteo Colamussi.

Rutigliano Città d’Arte - Piazza Kennedy - 70018 Rutigliano (Bari) - Tel. 080-4763700 - segreteria@comune.rutigliano.ba.it

RACCOLTA DIFFERENZIATA: Dal 1 Maggio cambia il calendario di conferimento dei rifiuti per migliorare la raccolta “porta a porta”

ECCO IL NUOVO CALENDARIO DI CONFERIMENTO

UTENZE DOMESTICHE

LUNEDI

PLASTICA

MARTEDI

UMIDO

MERCOLEDI

CARTA & CARTONI

GIOVEDI

PLASTICA

VENERDI

UMIDO

SABATO

INDIFFERENZIATO

DOMENICA

UMIDO

UTENZE NON DOMESTICHE LUNEDI

INDIFFERENZIATO, UMIDO, PLASTICA

MARTEDI

INDIFFERENZIATO, UMIDO, CARTONI

MERCOLEDI

INDIFFERENZIATO, UMIDO, CARTA & CARTONI

GIOVEDI VENERDI

È stata inserita una seconda raccolta della frazione multimateriale PLASTICA-ACCIAIO-ALLUMINIO, anche per le UTENZE DOMESTICHE in quanto, attualmente, una sola raccolta risulta insufficiente: il rifiuto risulta eccedere dal contenitore fornito per la raccolta dello stesso. Inoltre la scelta è ponderata anche in considerazione dell’avvicendarsi della stagione estiva che comporta un maggiore consumo di bottiglie e flaconi e quindi un ulteriore produzione del rifiuto in oggetto.

La raccolta della frazione UMIDO composta da scarti di cibi e della preparazione degli stessi, è stata ridistribuita nell’arco della settimana anche con l’aiuto dei svariati pareri e commenti che la popolazione ha espresso nell’arco di questi mesi iniziali, al fine di permettere l’esposizione la domenica sera, giorno in cui la produzione di tale frazione risulta maggiore. La raccolta della frazione INDIFFERENZIATO costituita dal reale residuo della differenziazione delle altre tipologie di rifiuto, è stata ridotta ad una

INDIFFERENZIATO, UMIDO, PLASTICA, CARTONI INDIFFERENZIATO, UMIDO, CARTONI

SABATO

INDIFFERENZIATO, UMIDO, CARTONI

DOMENICA

INDIFFERENZIATO, UMIDO, CARTONI

sola volta settimanale in quanto tale frazione risulta essere in un quantitativo esiguo, ed anche in considerazione del fatto che è data la possibilità alla popolazione di disfarsi quotidianamente di pannoloni e pannolini, i quali costituiscono quella parte di tale rifiuto più “delicata e voluminosa”.

CHE al fine di evitare da parte delle attività commerciali i cui proprietari sono residenti in codesto comune, di continuare a creare confusioni tra i due calendari.

Inoltre, per le UTENZE NON DOMESTICHE, fermo restando la raccolta quotidiana delle frazioni INDIFFERENZIATO e UMIDO, è stato stilato un calendario congiunto alle raccolte delle UTENZE DOMESTI-

Tale cambiamento sarà reso effettivo a far data dal 1 MAGGIO 2012 e sarà preceduto da una intensa e continua campagna di sensibilizzazione e comunicazione a carico della ditta che gestisce il servizio di raccolta dei rifiuti. Info: www.differenziatarutigliano.it


www.ilgazzettinodipuglia.it - Anno XXIV - 11 Aprile 2012 - N. 575 - ilgazzettinodipuglia@libero.it - Pag. 6

Città & Sport

“PUGLIA VENDE MODA” 2 e 3 Giugno 2012 a RUTIGLIANO. E’ un progetto curato da persone competenti nel settore della moda e degli eventi con l’obiettivo di dare un’opportunità di crescita e di conoscenza del nostro amato territorio. L’evento è organizzato dal nostro Giornale ed è sostenuto dall’Agenzia “SVILUPPO LOCALE PUGLIESE” Vogliamo dare la possibilità a personaggi di spicco della moda italiana quindi, stilisti , celebrità , manager , Buyer, di far conoscere le potenzialità di questa regione. Il progetto sarà itinerante in tutte le strutture storiche del territorio di Rutigliano, e replicato nella città di Trani. Grazie alle bellezze architettoniche del nostro territorio daremo spazio alla fantasia creando diversi eventi articolati tra il centro storico e le vie principali,la Moda interagirà con la gente . Il centro storico di Rutigliano sarà aperto al pubblico con: • Mostre in Piazze di Auto/Moto Sportive/ epoca. • Eventi/Sfilate/Mostre/Showroom Cercando di soddisfare le varie tipologie di curiosi che potranno anche acquistare qualsiasi tipo di articolo visionato. PREMIO MODA RISERVATO AGLI STILISTI EMERGENTI I partecipanti dovranno far pervenire sei proposte di modelli inediti (dimensioni obbligate 21 x 30 – formato A4) con relativa scheda tecnica allegata (descrizione delle lavorazioni e dei materiali utilizzati). I sei modelli dovranno essere inviati anche su supporto informatico o via posta elettronica all’indirizzo pugliavendemoda@libero.it; ALLEGARE INOLTRE: • Curriculum vitae con due foto tessera evidenziando nome, cognome, indirizzo, recapiti telefonici ed e-mail. • fotocopia di un documento di identità; • per i concorrenti che non avessero raggiunto la maggiore età, inviare la regolare autorizzazione dei genitori o di chi ne fa le veci. SFILATE Stilisti già affermati (potranno scegliere la location dove poter realizzare il proprio evento). Realta commerciali potranno dare spazio alla propria fantasia creando spazi espositivi all’ interno di location da noi messe a disposizione. PUGLIA VENDE MODA IN CORTO RISERVATO PRODUZIONE Ricerchiamo giovani registi pugliesi per la produzione e la creazione di un cortometraggio.I partecipanti dovranno inviare all’ indirizzo cv alla seguente email pugliavendemoda@libero.it; ALLEGANDO INOLTRE: • cortometraggio di presentazione; • CV completo di foto; • Documento di riconoscimento e codice fiscale. I selezionati avranno la possibilità di partecipare al concorso. Du-

rante le tre giornate saranno liberoi di girare per location, eventi e piazze rubando le varie immagini. Il cortometraggi realizzati saranno visionati a fine evento e quello più significativo sarà premiato nella città di Trani . Evento Finale • Musica, Fashion Party, • Premiazione. COMUNICAZIONE • Tv Locali, Nazionali e Satellitari (Fashion Tv ); • Riviste Locali e Nazionali. • Radio Locali e Nazionali; • Social Network: Community - Blog - Forum. • Il tutto a discrezione dell’espositore SERVIZI DA NOI OFFERTI • Consulenza a domicilio per chiarimenti sulla tipologia d’evento; • Studio del servizio, e valorizzazione dell’azienda pubblicizza; • Palcoscenico, Backstage, passerelle, scenografia, service audio luci; • Direzione Artistica; • Servizio di sicurezza; • Schermi Giganti per Video proiezione; • Ufficio stampa dedicato a tv, radio, Riviste; • Fotografi; • Truccatori e Parrucchieri; • Hostess, Steward, Modelli e Modelle; • Ospiti Vip , Celebrities , Dj. Siamo alla ricerca di • Strutture pubbliche o private che vogliano ospitare l’evento; • Attività commerciali; • Stilisti emergenti; • Stilisti affermati; • Partner, Sponsor; • Case di moda; • Patrocini ; • Collaboratori ; Contatti: Direzione Organizzativa “Puglia Comunicazione”, Associazione “ Sviluppo Locale Puglia”, Il Gazzettino di Puglia Gaetano Pasella Direttore Organizzativo gaetano.pasella@libero.it Info cell. 3489869476 Vincenzo De Gregorio Direttore Comunicazione Info cell. 3470841151 Antonio Indivierii nfo cell. 333357018

MANAGER SERI E PREPARATI AL SERVIZIO DELLA CRESCITA DEL NOSTRO TERRITORIO A sinistra il Presidente della Delegazione di Rutigliano della Confcommercio Nino Valenzano (Responsabile Marketing ed Iniziative Speciale del nostro Giornale) ed il Presidente della Camera di Commercio di Bari nonchè Presidente della Confcommercio di Terra di Bari Dott. Sandro Ambrosi


www.ilgazzettinodipuglia.it - Anno XXIV - 11 Aprile 2012 - N. 575 - ilgazzettinodipuglia@libero.it - Pag. 7 Un’ottima iniziativa promossa dal Gal del SudEst Barese, in collaborazione con l’Assessorato alle Risorse Agroalimentari della Regione Puglia, l’Assessorato all’Innovazione Agricolo-Aziendale della Provincia di Bari e i comuni di Conversano, Noicattaro e Rutigliano, a sostegno del suo territorio

Pasquale Redavid Presidente del Gal: “Berlino 2012, un successo!” Manager pugliesi eccellenti protagonisti della crescita dell’economia italiana

Con il coinvolgimento del Gruppo Norba si è segnato un punto a favore degli operatori economici locali che costituiscono la spina dorsale di un sistema – quello dell’ortofrutta - strategico per il sud est barese. “Anche senza aver dovuto affrontare il viaggio è stato possibile essere a Berlino”- ha detto il presidente Pasquale Redavid - “per vedere con i propri occhi quanto sia forte la presenza degli operatori pugliesi e in particolare dei comuni di Rutigliano, Noicattaro, Conversano, tutti comuni a spiccata vocazione agricola che sull’agricoltura hanno imperniato l’asset strategico del loro sviluppo convinti dell’importanza di non mancare a un occasione del genere che con i suoi numeri: 58.000 soggetti tra espositori e visitatori, provenienti da oltre 130 Paesi, rappresenta uno dei principali canali di contatto tra produttori e distributori. Durante la diretta sono intervenuti diversi operatori economici e rappresentanti istituzionali che hanno potuto così esprimere in tempo reale delle valutazioni senz’altro utili sia per gli addetti ai lavori, sia per chi voleva saperne di più su quello che è uno dei comparti strategici della nostra cara amata Italia: l’agricoltura”.

In alto da sx il nostro Direttore Responsabili Vincenzo De Gregorio unico rappresentante delle testate locali a Berlino 2012 in compagnia di Giuseppe Leone titolare insieme al papà Lillino ed al fratello Gianni della Carton Pack. Al centro la postazione di NAVA Import Export con sede a Rutigliano; in basso Lorenzo Massari della Seven Group di Rutigliano. In alto a dx il Presidente del Gal SudESt Pasquale Redavid, il giornalista Nicola Margialardi e l’assessore regionale all’agricoltura Dario Stefano

Economia / Iscritto nell’elenco generale degli Intermediari finanziari  (articolo 107 del TUB). Una garanzia in piu’ per le imprese per ottenere credito dalle banche

Da Bankitalia l’ok a Co.Fidi intermediario finanziario, il primo del Mezzogiorno continentale Bari, 5 aprile 2012 - Co.Fidi Puglia è ufficialmente  nell’elenco generale degli Intermediari finanziari   (articolo 107 del TUB), dopo aver ricevuto l’iscrizione da parte di Bankitalia  al termine di una lunga procedura durata nove mesi. Un risultato che conferma il  primato di Co.Fidi  Puglia della CNA nel settore delle garanzie prestate alle imprese, che ora hanno una marcia in più per ottenere credito dalle banche  per sostenere la propria attività imprenditoriale. Il Co.Fidi Puglia, il primo intermediario finanziario del Mezzogiorno continentale, è cosi l’unico ad avere maggiori credenziali per ottenere finanziamenti dagli Istituti di credito a favore delle aziende

associate. “Si chiude un lungo percorso che, grazie anche al contributo della Regione Puglia – affermano il presidente e il direttore Co.Fidi Puglia, Luca Celi e Teresa Pellegrino  – ha portato questo importante risultato per il circuito  CNA, che offre  un maggiore accesso al credito e che ci impegna, da subito, a lavorare ancora di più   per sostenere lo sviluppo e l’innovazione delle nostre imprese”. Con l’iscrizione del Co.Fidi   nell’elenco degli intermediari finanziari, la garanzia prestata sarà eleggibile ai fini della ponderazione del rischio, pertanto gli istituti bancari potranno applicare ai finanziamenti garantiti da Co.Fidi tassi ancora più bassi.

IL GAZZETTINO DI PUGLIA IL GAZZETTINO DI PUGLIA WEB TV www.ilgazzettinodipuglia.it

DIRETTORE RESPONSABILE Vincenzo De Gregorio cell. 3470841151

RESPONSABILE SEGRETERIA Fabrizio De Gregorio cell. 3450245757 fabriziodegregorio@libero.it;

ANNO XXIV - NUMERO 575 del 11.04.2012 - COPIA OMAGGIO

MARKETING TERRITORIALE Nino Valenzano cell. 3476713355 (Presidente Confcommercio Rutigliano);

PUBBLICITA’ Antonella Barbone cell. 3281154073;

Rossonero di Puglia - Sport Città Città & Sport - Il Gazzettino del Sud Est Autorizzazione Tribunale di Bari numero 961 del 29 Maggio 1989;

REDAZIONE TRANI Responsabile Francesco De Noia cell. 320.3896743 redazionetrani@gmail.it;

Iscrizione ROC (Registro Nazionale Operatori della Comunicazione, Numero 20924 del 10 Marzo 2011);

RELAZIONI ISTITUZIONALI Vito Valenzano cell. 3462279459 vitoterzo@libero.it;

DIRETTRICE EDITORIALE Angela Maria Sozio somir2003@libero.it;

MUSICA & PAROLE Valter Cirillo valter_cirillo@libero.i

Giornale chiuso in Redazione alle ore 14,00 del 10 Aprile 2012; E’ vietata la riproduzione parziale e totale di testi, immagini e pubblicità

IL NOSTRO INNO “Vieni a ballare in Puglia” di Caparezza; REDAZIONE CENTRALE: Via Conversano, 52 - Tel. 080.3218961 - 70018 Rutigliano (Bari); Facebook: Il Gazzettino di Puglia; Sito Internet: ETH DESIGN; Stampa Tipografia Martano Editrice;

Via Poerio, 6 - Rutigliano Gianni Didio cell. 3476363829


www.ilgazzettinodipuglia.it - Anno XXIV - 11 Aprile 2012 - N. 575 - ilgazzettinodipuglia@libero.it - Pag. 8

Nel barese il comune che “fa la differenza”. L’Assessore all’Ambiente Michele De Santis: “obiettivo raggiunto, a Cellamare la percentuale di materiale riciclato a marzo 2012 è del 73,5%”

A CELLAMARE DECOLLA LA RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA

La raccolta differenziata porta a porta è partita nel comune di Cellamare il 12 febbraio 2012. A poco più di un mese di distanza  da palazzo di città arrivano i primi entusiasmanti dati.  A fine febbraio 2012 la percentuale di materiale riciclato nel comune di Cellamare è salita al 73,5 %. Nel 2011 la percentuale era di circa il 30%. Nel febbraio 2011 le tonnellate di rifiuti prodotti dal comune e che finivano in discarica erano 202,29. A distanza di un anno, a febbraio 2012 le tonnellate di rifiuti destinate alla discarica sono state 79,36.  Dal 1 al 12 febbraio 2012 (metodo tradizionale) le tonnellate di rifiuti in  discarica (impianto di Conversano) erano 57,88, dal 13 al 29 febbraio 2012  (nuovo sistema) sono state 21,48.  Ad un mese dall’inizio del nuovo sistema di raccolta porta a porta  (10/03/2012) la percentuale di differenziata è salita al 73,5%.  A presentare questo primo significativo bilancio il Vice Sindaco nonché Assessore all’Ambiente e Ecologia del comune di Cellamare Michele De Santis, tra i fautori – insieme al primo cittadino Michele Laporta – del porta a  porta.  “Siamo molto soddisfatti - dichiara De Santis - I segnali che ci pervengono  dai cittadini sono senz’altro positivi. Ovviamente durante i primi giorni non  sono mancate le consuete lamentele, disagi ed alcuni disguidi, in realtà pochi. Ci troviamo di fronte ad una rivoluzione culturale. Si tratta certamente di una sfida di civiltà soprattutto, a cui ogni cittadino è chiamato a rispondere.  Riteniamo che il primo obiettivo che ci siamo posti – quello di raggiungere entro

l’anno la percentuale di raccolta differenziata imposta dalla normativa regionale - sarà senza dubbio raggiunto. Vogliamo evitare inutili sanzioni come l’aumento dell’ ecotassa, e desideriamo salire sul podio dei comuni più virtuosi in Puglia.  Guardiamo al futuro in maniera ottimistica: l’impianto di compostaggio  (innovativo, moderno, tecnologico) è in dirittura di arrivo; l’esame da parte degli uffici competenti della Regione è quasi ultimato; dopo la firma della convenzione si passerà entro il 30/04/2012 ad indire la gara per la costruzione e la gestione dell’impianto”.

RIFIUTI: IN PUGLIA SI TRASFORMANO IN TERRICCIO ECOLOGICO, SARA' VENDUTO NEGLI IPERCOOP BARI, 5 APR - Sarà venduto negli Ipercoop di Puglia, Basilicata e Emilia Romagna il terriccio ecologico 'Terra di Puglia', ricavato dai rifiuti pugliesi. Lo hanno annunciato oggi l'assessore alle Opere pubbliche della Regione Puglia, Fabiano Amati, l'amministratore unico di Acquedotto Pugliese (Aqp), Ivo Monteforte, il direttore ipermercati Coopestense, Antonio Bonucci, e il presidente di Legacoop Puglia, Carmelo Rollo. L'iniziativa nasce da un protocollo di intesa fra Aqp e Coop Estense e prevede inoltre che, per ogni tonnellata di compost venduto, l'Aqp regalerà un quintale di fertilizzante naturale alla cooperativa sociale 'Libera Terra' che coltiva i terreni confiscati alla mafia. Amati ha spiegato che "gli utili derivanti dalla vendita dei sacchetti di terriccio saranno reivestiti per migliorare il servizio idrico intergato della Puglia". Mentre Monteforte ha ricordato che "dal 2009 abbiamo deciso di trasformare in risorsa le 200.000 tonnellate di fango prodotto

ogni anno in Puglia" negli 11mila chilometri di rete fognaria e poi sanificato da 184 depuratori. Rollo ha sottolineato che la "terra è l'elemento simbolo di questa regione, e oggi avviamo una collaborazione necessaria per far crescere le nostre imprese, le persone che vi lavorano e tutelare le nostre risorse, come quella idrica". “Coop Estense - ha detto Bonucci - ha avviato con grande entusiasmo la collaborazione con Aqp, infatti nell'iniziativa si ritrovano elementi perfettamente coerenti con il ruolo e la missione che contraddistinguono la cooperazione di consumo, primi fra tutti la tutela dell'ambiente". 'Terra di Puglia' è prodotto da Aseco spa, società del gruppo Aqp, e si ottiene da rifiuti domestici cosiddetti 'umidi', provenienti dalla raccolta differenziata, da scarti da attività agricole e agricolo-industriali, da fanghi derivanti dalla depurazione dei reflui civili, miscelati a torba bionda di qualità.

Cellamare / L’Ufficio Tecnico Comunale ha predisposto i lavori di manutenzione straordinaria del giardino comunale su Corso Vittime di via Fani per renderlo più sicuro. Sarannno rimossi tutti i giochi presenti e sostituiti con nuovi giochi a norma con tappetino antiurto


www.ilgazzettinodipuglia.it - Anno XXIV - 11 Aprile 2012 - N. 575 - ilgazzettinodipuglia@libero.it - Pag. 9

TORMARESCA: SIMBOLO DI UNA PUGLIA VINCENTE SUI MERCATI MONDIALI

Le vendite all’estero in continua crescita soprattutto in Usa e Germania E nelle esportazioni brilla soprattutto il vino Nuovo sbocco il mercato della Cina con un trend tumultuoso Il 2011 potrebbe essere l’anno del record per le esportazioni di vino italiano. Lo confermano gli ultimi dati disponibili e relativi alla bilancia commerciale del primo semestre dell’anno. La crescita delle vendite all’estero di vino made in Italy ha messo a segno un +15,4% in quantità e un +154,1% in valore superando quota due miliardi di

euro. Se questa tabella di marcia dovesse confermarsi anche nel secondo trimestre allora è sicuro che quest’anno saranno raggiunti nuovi primati. Si registrano progressi importanti su tutti i principali mercati. Se in termini di quantità lo sbocco maggiore resta la Germania, saldamente al primo posto come cliente del nostro vino

ci sono gli Stati Uniti dove le spedizioni sono aumentate del 19,8 per cento con un fatturato di 458 milioni di euro.

invece, va registrata l’escalation della Cina dove le esportazioni di vino hanno messo a segno un +114% con un fatturato di quasi 27 Anche in Germania milioni di euro. comunque le vendite sono aumentate del Altri nuovi mercati in 5,5% in quantità e crescita l’Ungheria e del 7,7% in valore. Al la Slovacchia dove le terzo posto il Regno vendite di vini italiani Unito con un progresso sono aumentate in un del 5,8%. Fra i nuovi anno rispettivamente sbocchi di mercato, del 441% e del 111%.

Dott. Peppino Palumbo Amministratore di Tormaresca

Un Mediterraneo possibile: rilancio economico e sociale

Il Mediterraneo che da sempre ha rappresentato il legame tra i popoli che vivono sulle sue sponde e gli stretti legami tra gli abitanti dei tre continenti che vi si specchiano, hanno permesso il sorgere di culture strettamente collegate tra loro. In tale contesto, l’Italia, sia per la sua posizione geografica, sia per le sue condizioni politico-economiche, ha sempre svolto un ruolo importante, proponendosi come crocevia e come luogo di incontro di vari interessi. È proprio in questo mare che si gioca una partita decisiva per la pace e per uno sviluppo che metta al centro l’uomo e l’ambiente. E’ necessario dunque ripensare ai modelli di sviluppo e alla cooperazione nell’innovazione coinvolgendo nelle scelte sia produttori che consumatori e a tal proposito, i dottori agronomi e forestali rappresentano una realtà produttiva già estremamente sviluppata, ma al tempo stesso ricca di ulteriori potenzialità di sviluppo. Il loro impegno professionale diventa indispensabile per perseguire e raggiungere quello che il mondo sociale e politico ha definito ponendosi come interlocutori con le Istituzioni

nazionali e internazionali. In relazione a ciò il progetto Euromed rappresenta lo strumento che promuove l’integrazione economica e le riforme democratiche in 16 paesi vicini a sud dell’Ue nel Nord Africa e del Medio Oriente. Ulterio-

re strumento coinvolgente la figura professionale del dottore agronomo e del dottore forestale è quello legato all’impegno della Cooperazione italiana allo sviluppo realizzati attraverso il Ministero degli Esteri. L’opportunità di interfacciarsi con le realtà sociali e culturali che interagiscono e

interagiranno sempre più con le nostre realtà socio economiche e produttive, con un Mediterraneo sempre più interculturale,rappresenta il punto di partenza per la coooperazione delle idee tra persone che condividono gli stessi obiettivi di sviluppo sostenibile.


www.ilgazzettinodipuglia.it - Anno XXIV - 11 Aprile 2012 - N. 575 - ilgazzettinodipuglia@libero.it - Pag. 10

Pronto l’assalto dei turisti in Puglia nell’estate del 2012. In crisi i mercati della Grecia e dell’Egitto per diversi motivi. Alla BIT preso d’assalto come documentiamo lo spazio espositivo della Regione e dei GAL di Puglia

Una regione che non teme più di confrontarsi cone le grandi potenze mondiali del turismo


www.ilgazzettinodipuglia.it - Anno XXIV - 11 Aprile 2012 - N. 575 - ilgazzettinodipuglia@libero.it - Pag. 11

Rutigliano / L’Associazione “Arcobaleno” guidata dal Consigliere Comunale Pinuccio Valenzano in collaborazione con la COPAGRI ha organizzato un seguitissimo convegno sulla Pac nell’auditorium dell’ITC “Eugenio Montale”

Per il Governo Nazionale è giunta l’ora, dopo la Lega, di dare forza all’intero comparto agricolo

Ospite d’onore del Convegno il Commissario Europeo all’Agricoltura l’On. Paolo De Castro di Brindisi

La nuova Politica Agricola Comunitaria (Pac) proposta dall'eurodeputato rumeno Dacian Ciolos proprio non piace agli agricoltori italiani. Soprattutto ai produttori pugliesi, presenti in massa nell'auditorium “Montale” di Rutigliano (Ba) per far sentire forte il loro malcontento durante l'interessante convegno sul dibattuto tema inerente i possibili effetti della Pac sulla nostra agricoltura. Una riforma da cambiare e l'Italia è pronta a fare squadra. Associazioni degli agricoltori e istituzioni unite nella lunga e complessa trattativa che deve portare il Parlamento europeo a modi-

ficare la riforma della Pac. La proposta elaborata dal governo dell'Unione europea è particolarmente penalizzante per l'Italia: è quanto emerso durante il convegno di elevato spessore, considerando i relatori intervenuti, promosso da Copagri Puglia e moderato dal giornalista economico de “La Gazzetta del Mezzogiorno”, Marco Mangano. La nuova Pac non piace neanche al presidente della Commissione Agricoltura di Bruxelles, Paolo De Castro, che a Rutigliano ha ribadito con chiarezza che “la nuova Pac è sbagliata e sarà di certo corretta”.

Fa discutere, tra l'altro, l’obbligo di lasciare il 7% dell’area coltivabile a bosco. “Una scelta che va bene per i pascoli del nord Europa, no per la nostra agricoltura che è tipo intensiva: ne andrebbe di mezzo la qualità dei prodotti e creerebbe disoccupazione”. De Castro auspica che “gli eurodeputati italiani, in sede di discussione prima dell’approvazione finale, difendano uniti i nostri agricoltori alle prese con le continue fluttuazioni del mercato”. Un mercato che nel 2011 ha comunque premiato la produzione di qualità pugliese, come ha evidenziato con orgoglio l'assessore pugliese all'Agricoltura Dario Stefano: “Nonostante il difficile momento Ospite d’onore il Commissario Europeo dell’Agricoltura Paolo De Castrocongiunturale, abbiamo registrato uno straordinario dato nelle esportazioni: più 16% rispetto alla annata precedente. L'agroalimentare pugliese – ha affermato Stefano – è sinonimo nel mondo di eccellenza e sicurezza alimentare”. Ma, ovviamente, non bisogna abbassare la guardia e cercare di fare più “squadra” (associazioni di categoria, politici, istituzioni), come hanno evidenziato, pur con diverse sfumature, il sindaco di Rutigliano Roberto Romagno, il presidente di Copagri Puglia Tommaso Battista, il segretario nazionale della Uila Uil Stefano Mantegazza e il vice presidente nazionale Copagri Alessandro Ranaldi. Fare squadra perchè “la Pac sia una risorsa e non un problema per i nostri produttori”, l’appello di Pinuccio Valenzano, presidente di Arcobaleno, associazione di agricoltori di Rutigliano.


www.ilgazzettinodipuglia.it - Anno XXIV - 11 Aprile 2012 - N. 575 - ilgazzettinodipuglia@libero.it - Pag. 12

Festa grande nella nostra Redazione. Presentato dallo stesso protagonista Uccio De Santis il bellissimo film made in Puglia “NON ME LO DIRE� Diretta radiofonica di 23 minuti con Nicola Valenzano su Radio103


www.ilgazzettinodipuglia.it - Anno XXIV - 11 Aprile 2012 - N. 575 - ilgazzettinodipuglia@libero.it - Pag. 13

Pellicola diretta da Cristiano Bortone, scritta dal regista insieme a Fausto Brizzi, Annalaura Cervo e la blogger Pulsatilla in programmazione dal 16 marzo nei cinema italiani.

iL RUTIGLIANESE PIETRO MASOTTI nel film “10 regole per far innamorare”

Il venticinquenne attore rutiglianese Pietro Masotti, diplomato nel 2008 presso l'Accademia Nazionale d'Arte Drammatica Silvio D'amico, lavora in teatro e in televisione (Squadra narcotici, La nuova squadra). Al cinema lo abbiamo già visto in Venti sigarette di Aureliano Amadei e in Luglio ’80 di Massimo Natale. “10 regole per fare innamorare” racconta la storia di Marco (Gugliemo Scilla) studente universitario fuori sede. Il padre Renato (Vincenzo Salemme), chirurgo estetico di successo e donnaiolo indefesso, lo ha sempre investito di mille aspettative, quasi lui dovesse essere il figlio perfetto. Ma la realtà è un’altra: Marco è un ragazzo timido e impacciato. Per questo continua a fingere con la famiglia di essere un brillante studente di astrofisica mentre ha solo un semplice lavoro part-time in un asilo. Quando Marco si innamora di

mente opposti a quanto ci saremmo aspettati, creando così le pegnato insieme ad attori del caliA curare le sue pene d’amore non premesse per una commedia esila- bro di Francesca Inaudi e Lorenzo bastano i consigli dei amici Mary rante piena di colpi di scena. Lavia nell’adattamento teatrale del (Fatima Trotta), Paolo (Pietro Maromanzo “Colazione da Tiffany” sotti) e Ivan (Piero Cardano) con Pietro Masotti nel film interpreta di Truman Capote, con la regia di cui condivide un colorato e caotico il personaggio di Paolo, uno stu- Piero Maccarinelli, in programma appartamento. Fondamentale l’en- dente di recitazione. Ogni cosa fino ad aprile nei maggiori teatri trata in scena del padre, casual- per lui è un’occasione per rifarsi italiani: dal 13 marzo al 1 aprile mente in visita a Roma. Secondo alle tecniche di interpretazione, al al Teatro Eliseo di Roma, dal 10 Renato, l’amore non è quello rac- metodo dei grandi attori. Ma, per al 15 aprile al Teatro della Pergola contato nei libri di poesie e il col- vivere, è costretto a lavorare come di Firenze, dal 17 al 18 aprile al po di fulmine non esiste. L’amore fotomodello nei fotoromanzi per Comunale Rendano di Cosenza e è scienza, esperienza, che si può ragazzine. Anche lui è segreta- dal 21 al 22 aprile al Politeama di imparare: basta avere l’insegnante mente innamorato di Mary. I due Catanzaro. giusto! si punzecchiano ma non hanno mai il coraggio di lasciarsi andare. Lo spettacolo sta registrando Ed è così che sulla lavagna della ovunque ampi consensi di pubcucina dell’appartamento di Mar- Nel cast anche Giulio Berruti (Et- blico, di critica ed anche il tutto co, Renato compila il decalogo tore), il Trio Medusa (Trio Medu- esaurito ed è un omaggio del teatro dell’amore: le dieci regole infalli- sa), Giorgio Verducci (Sandrone) italiano al celebre film americano bili per fare innamorare. e Cinzia Mascoli (la madre Lau- del 1961, vincitore di due premi Marco è così goffo che, quando ra). Oscar e legato nell’immaginario comincia a seguire le “regole”, i collettivo alla figura indimenticarisultati ottenuti sono completa- Attualmente Pietro Masotti è im- bile di Audrey Hepburn. Stefania (Enrica Pintore), una stupenda quanto irraggiungibile studentessa di letteratura francese, le cose cambiano.


www.ilgazzettinodipuglia.it - Anno XXIV - 11 Aprile 2012 - N. 575 - ilgazzettinodipuglia@libero.it - Pag. 14 COMUNICATO STAMPA Mola di Bari (BA), 06/04/2012

COMUNICATO DELLA COALIZIONE DI CENTRO DESTRA DI MOLA DI BARI

Siglata convenzione tra Polizia provinciale di Bari e Polizia locale di Rutigliano

I coordinamenti cittadini dei partiti e dei movimenti della coalizione di centro-destra, esprimono la loro piena solidarietà e vicinanza al dott. Stefano Diperna, Sindaco di Mola di Bari, vittima la scorsa notte di un grave e vigliacco atto di intimidazione. Condanniamo con totale fermezza il gesto vigliacco di cui è stato vittima il Sindaco. Crediamo nell’azione di sviluppo e crescita della nostra cittadina, programmata dall’Amministrazione Comunale e supportata dall’intera coalizione di centro-destra, senza condizionamenti e nel solco della tutela dell’ordine e della legalità. Riteniamo che violenza e minacce sono comportamenti contrari al rispetto della persona e al dialogo fra diverse idee e rappresentano per la coalizione di centro destra un serio ostacolo ad un confronto sano e costruttivo fra pareri contrapposti. Riteniamo, in particolare, che in questo determinato momento storico il lavoro degli amministratori locali, amministratori di frontiera e più vicini alla gente, sia essenzialmente un lavoro caratterizzato da enormi sacrifici, anche di carattere personale, e di enormi assunzioni di responsabilità, esclusivamente per spirito di servizio e per amore della propria comunità. Auspichiamo, anche alla luce degli avvenimenti delle ultime settimane che hanno portato l’Amministrazione Comunale ad adottare misure volte a tutelare la propria immagine, un clima di maggior serenità nel paese molte volte esasperato da polemiche strumentali e pretestuose volte a infangare l’onorabilità delle persone e dei raggruppamenti politici. Auspichiamo che, attraverso il prezioso lavoro delle forze dell’ordine, alle quali si ribadisce la nostra stima e fiducia, venga fatta presto piena luce sulle circostanze dell’accaduto. Ribadiamo, anche in quest’occasione, la piena fiducia e l’assoluta condivisione nell’azione amministrativa della maggioranza di centrodestra al Comune di Mola di Bari impegnata, in questo periodo difficile per l’intera nazione, a favorire lo sviluppo e la crescita della nostra comunità. La coalizione di centrodestra: confermando il suo appoggio incondizionato al Sindaco e all’Amministrazione Comunale condannando senza mezzi termini il vile gesto che non trova alcuna giustificazione, INVITA il Sindaco e l’Amministrazione a proseguire con fermezza e convinzione il cammino politico e amministrativo già tracciato sulla strada della legalità e sviluppo. LA COALIZIONE DI CENTRO-DESTRA - MOLA DI BARI

Le stime di Federalimentare per il biennio 2011-2012. In Puglia l’assemblea dei giovani industriali del comparto

Nell’export tira solo l’industria alimentare

Solo l’alimentare ha le esportazioni in crescita. Devono far riflettere i dati del centro-studi Federalimentare presentati in occasione del tradizionale Forum annuale dei Giovani dell’Associazione di Confindustria e svoltosi quest’anno in Puglia, a Savelletri di Fasano. In controtendenza rispetto agli settori che rendono il tasso generale dell’export italiano con il segno meno, nel 2011 il made in Italy del comparto alimentare registra un aumento del 10,8% su base annua. E anche nel 2012 le esportazioni del settore alimentare italiano si confermeranno positive con un +8% nei volumi e +10% in valuta. Il problema invece resta sul fronte interno. La grave crisi continua a fare arrestare i consumi delle nostre famiglie che ristagneranno ancora quest’anno. A compromettere ogni prospettiva di rilancio, poi, è arrivato l’aumento dell’Iva al 21% che peserà sulla spesa delle famiglie italiane, sempre secondo le stime di Federalimentare,

con un aggravio di oltre 600 milioni di euro. Proprio la crisi dei consumi interni non farà crescere la produzione che si attesta nel biennio 2011-2012 su un modesto +0,8%. Così, se alle istituzioni tocca rilanciare la crescita con politiche di riforme strutturali oltre che fiscali, agli imprenditori del settore alimentare serve innovarsi per conquistare le nuove abitudini dei consumatori: monoporzioni, cibi pratici da poter portare in giro e soprattutto occhio al portafogli. I giovani di Confindustria puntano così su internet e i cibi facilmente asportabili come con le macchinette dispensatrici di snack. Ma gli imprenditori del settore alimentare sono fortemente preoccupati per la proposta di riforma della politica agricola comunitaria approvata dall’Unione Europea che penalizza fortemente l’agricoltura italiana e quella meridionale in particolare: Federalimentare stima una perdita di sussidi per oltre tre miliardi di euro. Insopportabile anche per l’industria che dall’agricoltura riceve materia prima insostituibile

Bari, 5 aprile 2012 Siglata questa mattina, alla presenza del vicepresidente della Provincia di Bari, Nuccio Altieri, e del Sindaco di Rutigliano, Roberto Romagno, una convenzione tra il Corpo di Polizia provinciale, Protezione civile e Ambiente della Provincia di Bari e il Corpo di Polizia Locale del comune di Rutigliano, per interventi di controllo ambientale del territorio e di polizia stradale. “Si tratta di una prima convenzione – sostiene Altieri - che consentirà di svolgere un costante monitoraggio del territorio e un’operazione di controllo sulle procedure di smaltimento dei rifiuti domestici. Il comune di Rutigliano, infatti, in soli cinque mesi ha dato avvio alla raccolta differenziata porta a porta, raggiungendo risultati straordinari, che si attestano intorno al 78%. Una buona pratica alla quale però alcuni ancora non adempiono, offendendo il senso civico della maggior parte dei cittadini, non utilizzando gli strumenti messi a disposizione dal Comune per la differenziata e continuando a deturpare ed inquinare il territorio”. Una task force, quindi tra Polizia provinciale di Bari e Polizia locale di Rutigliano, che sarà attiva già dalle prossime settimane, per individuare e sanzionare, anche penalmente, i comportamenti incivili di quanti continueranno a smaltire i propri rifiuti in maniera indifferenziata sul territorio urbano e nelle campagne circostanti.

Il rapporto di Rete Autostrade Mediterranee

Con le autostrade del mare si risparmia. Meno tir in circolazione riducono costi sociali e ambientali Il trasporto delle merci via mare ha un ruolo strategico per l’integrazione e lo sviluppo euro mediterraneo. Ma le autostrade del mare rappresentano anche un vero affare per le imprese. Stando ai dati forniti da Ram – Rete Autostrade Mediterranee che ha come ammninistratore delegato l’ex presidente dell’Autorità Portuale di Bari Tommaso Affinita – nel triennio 20072009 l’utilizzo della modalità marittima per il trasporto delle merci ha permesso un risparmio di 411 milioni di euro in termini sociali e ambientali abbattendo i costi di due terzi e togliendo dalla strada 500 mila tir l’anno nel corso dei tre anni. I costi di 124 milioni di euro sostenuti per i viaggi via mare sarebbero pesati sulla società civile – in termini di

consumo di energia, congestione della rete stradale, emissioni e incidenti – per 535 milioni di euro se gli stessi viaggi fossero stati effettuati su gomma. E sulle vie del mare i principali operatori battono bandiera italiana. Il sistema di incentivi messo a punto in Italia prevede il rimborso fino a un massimo del 30% del prezzo pagato dalle imprese di autotrasporto che scelgono la via marittima su determinate rotte (35 itinerari che collegano diversi porti italiani e alcuni di questi con scali comunitari. Di qui l’importanza sottolineata dallo stesso Affinita che rivendica come merito italiano l’iniziativa dell’Unione Europea di avviare uno studio per introdurre l’ecobonus comunitario.


www.ilgazzettinodipuglia.it - Anno XXIV - 11 Aprile 2012 - N. 575 - ilgazzettinodipuglia@libero.it - Pag. 15

COLTIVARE LA FEDE Educare il cuore

I sentimenti si formano soprattutto durante l’infanzia. S’impara ad amare sin da bambini, e i principali maestri sono i genitori: lo si afferma in questo articolo sulla famiglia. L’educazione è un diritto e un dovere dei genitori, che in un certo senso prolunga la generazione; si può dire che il figlio, in quanto persona, è il fine primario al quale tende l’amore degli sposi in Dio. L’educazione appare così quasi la continuazione dell’amore che ha portato alla vita il figlio, con la quale i genitori cercano di dargli gli strumenti perché possa essere felice, capace di prendere possesso del suo posto nel mondo con garbo umano e soprannaturale.

Benedetto XVI ha parlato della luce come opposizione all'oscurità, al male, alla menzogna. La Pasqua, la resurrezione di Cristo, è la nuova creazione. Omelia della Veglia Pasquale in San Pietro

ottenere che siano bambini sereni. I sentimenti si formano soprattutto durante l’infanzia. In seguito, nell’adolescenza, possono comparire le crisi affettive, e i genitori devono aiutare i figli a risolverle. Se da bambini sono stati tranquilli e sereni, supereranno più facilmente questi momenti difficili. Inoltre, l’equilibrio emotivo favorisce la crescita degli abiti dell’intelligenza e della volontà; se manca l’armonia affettiva, lo sviluppo delle virtù è più difficoltoso.

Una condizione irrinunciabile per stabilire una buona base sentimentale e affettiva è che gli stessi genitori cerchino di perfezionare la propria stabilità emotiva. In che modo? Migliorando la convivenza familiare, curando la loro I genitori cristiani sono convinti che unione, dando dimostrazione davanti ai ogni figlio sia una dimostrazione della figli, con la dovuta prudenza, del loro fiducia di Dio e che educarli bene sia reciproco amore. – come diceva san Josemaría – il miglior affare; un affare che comincia con Tuttavia, certe volte si è portati a credeil concepimento e si esprime all’ini- re che gli affetti o i sentimenti evadano zio con l’educazione dei sentimenti, dall’ambito educativo familiare; forse dell’affettività. perché può sembrare che siano qualcosa che succede, che sfugge al nostro Se i genitori si amano e considerano controllo e non possiamo cambiare. Si il figlio come il frutto della loro dona- arriva addirittura a considerarli con una zione, lo educheranno nell’amore e per prospettiva negativa: dato che il peccato amare; in altre parole, il primo compito ha creato disordine nelle passioni, quedei genitori è quello di educare l’affet- ste rendono difficile un comportamento tività dei figli, disciplinare i loro affetti, razionale.

Cari fratelli e sorelle! Pasqua è la festa della nuova creazione. Gesù è risorto e non muore più. Ha sfondato la porta verso una nuova vita che non conosce più né malattia né morte. Ha assunto l’uomo in Dio stesso. “Carne e sangue non possono ereditare il regno di Dio”, aveva detto Paolo nella Prima Lettera ai Corinzi(15,50). Lo scrittore ecclesiastico Tertulliano, nel secolo III, in riferimento alla risurrezione di Cristo e alla nostra risurrezione aveva l’audacia di scrivere: “Abbiate fiducia, carne e sangue, grazie a Cristo avete acquistato un posto nel Cielo e nel regno di Dio” (CCL II 994). Si è aperta una nuova dimensione per l’uomo. La creazione è diventata più grande e più vasta. La Pasqua è il giorno di una nuova creazione, ma proprio per questo la Chiesa comincia in tale giorno la liturgia con l’antica creazione, affinché impariamo a capire bene quella nuova. Perciò all’inizio della Liturgia della Parola nella Veglia pasquale c’è il racconto della creazione del mondo. In relazione a questo, due cose sono particolarmente importanti nel contesto della liturgia di questo giorno. In primo luogo, la creazione viene presentata come una totalità della quale fa parte il fenomeno del tempo. I sette giorni sono un’immagine di una totalità che si sviluppa nel tempo. Sono ordinati in vista del settimo giorno, il giorno della libertà di tutte le creature per Dio e delle une per le altre. La creazione è quindi orientata verso la comunione tra Dio e creatura; essa esiste affinché ci sia uno spazio di risposta alla grande gloria di Dio, un incontro di amore e di libertà. In secondo luogo, del racconto della creazione la Chiesa, nella Veglia pasquale, ascolta soprattutto la prima frase: “Dio disse: «Sia la luce!» (Gen 1,3). Il racconto della creazione, in modo simbolico, inizia con la creazione della luce. Il sole e la luna vengono creati solo nel quarto giorno. Il racconto della creazione li chiama fonti di luce, che

Dio ha posto nel firmamento del cielo. Con ciò toglie consapevolmente ad esse il carattere divino che le grandi religioni avevano loro attribuito. No, non sono affatto dei. Sono corpi luminosi, creati dall’unico Dio. Sono però preceduti dalla luce, mediante la quale la gloria di Dio si riflette nella natura dell’essere che è creato. Che cosa intende dire con ciò il racconto della creazione? La luce rende possibile la vita. Rende possibile l’incontro. Rende possibile la comunicazione. Rende possibile la conoscenza, l’accesso alla realtà, alla verità. E rendendo possibile la conoscenza, rende possibile la libertà e il progresso. Il male si nasconde. La luce pertanto è anche espressione del bene che è luminosità e crea luminosità. È giorno in cui possiamo operare. Il fatto che Dio abbia creato la luce significa che Dio ha creato il mondo come spazio di conoscenza e di verità, spazio di incontro e di libertà, spazio del bene e dell’amore. La materia prima del mondo è buona, l’essere stesso è buono. E il male non proviene dall’essere che è creato da Dio, ma esiste solo in virtù della negazione. È il “no”. L’amore è più forte dell’odio. La verità è più forte della menzogna. Il buio dei giorni passati è dissipato nel momento in cui Gesù risorge dal sepolcro e diventa, Egli stesso, pura luce di Dio. Questo, però, non si riferisce soltanto a Lui e non si riferisce solo al buio di quei giorni. Con la risurrezione di Gesù, la luce stessa è creata nuovamente. Egli ci attira tutti dietro di sé nella nuova vita della risurrezione e vince ogni forma di buio. Egli è il nuovo giorno di Dio, che vale per tutti noi. Preghiamo il Signore in quest’ora di farci sperimentare la gioia della sua luce, e preghiamoLo, affinché noi stessi diventiamo portatori della sua luce, affinché attraverso la Chiesa lo splendore del volto di Cristo entri nel mondo (cfr LG 1). Amen.

L’ Associazione Protezione Civile Ali Verdi di Rutigliano nella città di Roma

L’ Associazione Protezione Civile Ali Verdi di Rutigliano presieduta dal Rag. Nunzio Carulli, oltre all’impegno di “volontariato” nel territorio rutiglianese, da tempo organizza, tra soci e simpatizzanti viaggi, e incontri culturali. Domenica 26 febbraio scorso ha organizzato un viaggio culturale nella Città del Vaticano e, di conseguenza, in Roma. Basiliche, monumenti e musei hanno arricchito la conoscenza dei tanti partecipanti. Con piacere hanno incontrato, sin dal primo mattino, l’amico e concittadino Nicola Giampaolo trovandosi da mesi nella capitale per ricoprire importanti e alti incarichi istituzionali. Lo stesso Giampaolo, felice, ha accompagnato i rutiglianesi in giro per la città sino a sera; dopo una bella passeggiata, divertendosi e visitando posti pieni di splendore e pregni di storia


www.ilgazzettinodipuglia.it - Anno XXIV - 11 Aprile 2012 - N. 575 - ilgazzettinodipuglia@libero.it - Pag. 16

numero 575  

il gazzettino di puglia