Issuu on Google+

NOTE OPERATIVE DI RELEASE Il presente documento costituisce un’integrazione al manuale utente del prodotto ed evidenzia le variazioni apportate con la release.

RELEASE Versione 2009.1.8 Applicativo: GECOM Oggetto: Versione: Data di rilascio:

PAGHE

Aggiornamento procedura 2009.1.8 (Update) 01.12.2009

COMPATIBILITA’ GECOM PAGHE

2009.1.7

GECOM F24

2009.7.0

STUDIO PAGHE

2009.2.1

Requisiti minimi per il software di base specifici per l’applicativo

SysInt/W TeamPortal SysIntGateway

Vedi ultima pagina

PER I DETTAGLI DEI REQUISITI E DELLE VERSIONE MINIME INERENTI IL SOFTWARE DI BASE E SISTEMI OPERATIVI CONSULTARE LA TABELLA IN CODA ALLE PRESENTI NOTE INSTALLAZIONE AMBIENTE WINDOWS

INSTALLAZIONE AMBIENTE LINUX

L’applicativo potrà essere installato a seconda della modalità di distribuzione. 1. Modulo autoscompattante “autoinst”: • Selezionare il bottone “installa” 2. CDROM applicativi TeamCD: • Inserire il CD-ROM nel drive del server e confermare l’avvio dell’installazione

Dalla console, come super-utente (root), digitare il comando AGGTAR. Le modalità di installazione rese disponibili da questo comando saranno: • CD-ROM: Inserire il CD-ROM nel drive del server e confermare l’avvio dell’installazione • EXE: Scaricare i file in arrivo da TeamCast e confermare l’avvio dell’installazione

AVVERTENZE ¾ IN EVIDENZA: • Differimento versamento acconto Irpef; • Recupero acconto imposta sostitutiva sulla rivalutazione del TFR a Fondo di Tesoreria; Se la quadratura del mese di novembre fossa già stata eseguita, la stessa dovrà essere ripetuta dopo l’installazione della presente versione. • Riduzione contributiva settore edilizia; • Distacco comuni dalla regione Marche alla regione Emilia Romagna (pag. 28). Il comando UTYCOMR deve essere eseguito dopo l’AGGI del mese di novembre.

Integrazione alla guida utente PAGHE 2009.1.8

1


NOTE OPERATIVE DI RELEASE Il presente documento costituisce un’integrazione al manuale utente del prodotto ed evidenzia le variazioni apportate con la release.

INDICE Errata corrige ................................................................................................................................................... 4 Addizionale regionale Liguria .................................................................................................................. 4 Differimento versamento acconto Irpef......................................................................................................... 5 RID2ACC......................................................................................................................................................... 5 Decreto Legge 168/2009......................................................................................................................... 5 Calcolo restituzione riduzione acconto Irpef ........................................................................................... 5 Riduzione contributiva per il settore Edilizia................................................................................................ 9 Quadro normativo.................................................................................................................................... 9 Istruzioni operative ................................................................................................................................ 11 Operazioni preliminari................................................................................................................................. 11 Applicazione della riduzione contributiva per il singolo mese di denuncia .................................................. 12 Applicazione della riduzione contributiva per i periodi di paga pregressi .................................................... 13

Recupero acconto imposta sostitutiva sulla Rivalutazione del TFR a Fondo Tesoreria ....................... 15 Circ. Inps n. 4/2009: modalità di calcolo dell’importo da recuperare tramite DM10.............................. 15 Implementazioni software ........................................................................................................................... 15

Imposta sostitutiva sulla rivalutazione TFR ............................................................................................... 16 Acconto Imposta sostitutiva sulla rivalutazione del TFR....................................................................... 16 Modalità di calcolo................................................................................................................................. 16 Anagrafica azienda................................................................................................................................ 16 Calcolo acconto imposta sostitutiva ...................................................................................................... 17 CALRIVP ............................................................................................................................................... 17 Casi particolari....................................................................................................................................... 19 Scelta del metodo di calcolo da utilizzare ............................................................................................. 19 Versamento acconto su imposta sostitutiva.......................................................................................... 20 Riepilogo sequenza operativa ............................................................................................................... 20 Archivi di base ............................................................................................................................................... 21 TB0304 .......................................................................................................................................................... 21 Collaboratori coordinati continuativi/progetto ........................................................................................ 21 Elaborazioni mensili ...................................................................................................................................... 22 PRESEN ........................................................................................................................................................ 22 Trattamento 4 Novembre ...................................................................................................................... 22 Elaborazione cedolini aggiuntivi ............................................................................................................ 22 CEDPAR........................................................................................................................................................ 23 Creazione testata cedolino.................................................................................................................... 23 STAPRE ........................................................................................................................................................ 24 Stampa presenze da calendario............................................................................................................ 24 SINDAC ......................................................................................................................................................... 24 Stampa distinta sindacati ...................................................................................................................... 24 Altri enti .......................................................................................................................................................... 25 STEDIL .......................................................................................................................................................... 25 Gestione denuncia casse edili............................................................................................................... 25 Telematico MUT per Cassa Edile Aosta, Torino, Asti e Cuneo .................................................................. 25 Telematico MUT per Cassa Edile Bolzano ................................................................................................. 25

Integrazione alla guida utente PAGHE 2009.1.8

2


NOTE OPERATIVE DI RELEASE Il presente documento costituisce un’integrazione al manuale utente del prodotto ed evidenzia le variazioni apportate con la release.

Cassa Edile Prato ....................................................................................................................................... 25

Utility e funzioni varie.................................................................................................................................... 26 GERIL............................................................................................................................................................ 26 Gestione tabella giustificativi ................................................................................................................. 26 Programmi di utilità ....................................................................................................................................... 27 UTYVOAB ..................................................................................................................................................... 27 Memorizzazione oneri detraibili per erogazioni liberali ......................................................................... 27 UTYCOMR..................................................................................................................................................... 28 Utility per trasferimento comuni dalla regione Marche alla regione Emilia Romagna........................... 28 Evolution ........................................................................................................................................................ 28 Funzionalità di Export............................................................................................................................ 28 Anomalie corrette .......................................................................................................................................... 29 LIMA01 .................................................................................................................................................. 29 ENPALS ................................................................................................................................................ 29 CEDOL / PRESEN: Eventi CIG............................................................................................................. 29 PRESEN: Straordinario su base settimanale........................................................................................ 30 PRESEN: Trattamento 4 Novembre...................................................................................................... 30 PRESEN: Passaggio di qualifica........................................................................................................... 30 PRESEN: calcolo differenze di accredito per eventi gestiti tramite giustificativo.................................. 30 Stampa presenze Libro Unico: festività 4 novembre............................................................................. 31 STACIG: Calcolo numero dipendenti .................................................................................................... 31 CEDOL: Verifica massimale contributivo collaboratori con chiusura per cassa ................................... 31 CEDOL / GERIL: Importazione da rilevatore presenze......................................................................... 31 CALRIVP: Calcolo rivalutazione previsionale del Tfr ............................................................................ 31 PSQUA: Stampa primanota .................................................................................................................. 31 STNOM: Stampa distinta contanti assegni bonifici ............................................................................... 31 Tabella riepilogativa Sistemi Operativi supportati..................................................................................... 32

Integrazione alla guida utente PAGHE 2009.1.8

3


IMPLEMENTAZIONI

Errata corrige Addizionale regionale Liguria Con riferimento a quanto riportato nella News tecnica n. 911 del 26.11.09, si comunica che nella videata di impostazione della tabella “Aliquote Irpef addizionale regionale” relativa alla regione Liguria è stato indicato un errato importo come limite di reddito massimo per il calcolo del correttivo (è stato erroneamente indicato 20.152,13 anziché 30.152,13). Di seguito si riporta la corretta impostazione della tabella in oggetto (TB0405, codice 9):

Integrazione alla guida utente PAGHE 2009.1.8

4


IMPLEMENTAZIONI

Differimento versamento acconto Irpef

RID2ACC Decreto Legge 168/2009 L’art. 1 del D.L. n. 168 del 23.11.09 ha previsto che il versamento di 20 punti percentuali dell’acconto IRPEF per l’anno 2009 venga differito alla data di versamento del saldo per il medesimo periodo d’imposta. Pertanto, l’importo di tale acconto deve essere determinato nella misura del 79% anziché del 99%. Con riferimento ai soggetti che si sono avvalsi dell’assistenza fiscale, l’art. 1, comma 4 del suddetto decreto, prevede che i relativi sostituti d’imposta che abbiano già effettuato la trattenuta dell’acconto senza considerare tale riduzione, dovranno provvedere a restituire le maggiori somme trattenute nell’ambito della retribuzione del mese di dicembre.

Calcolo restituzione riduzione acconto Irpef Con la presente versione viene inserito il comando RID2ACC che consente di determinare la parte di acconto Irpef che è stata trattenuta in eccesso rispetto alla misura prevista dal D.L. 168/09. Eseguendo il comando RID2ACC e selezionando i dipendenti interessati, il programma procederà al calcolo della riduzione spettante, determinando la differenza fra l’importo complessivo di acconto derivante da assistenza fiscale e l’importo ridotto in base alla normativa in questione. Tale calcolo può essere sintetizzato con la seguente formula: (1^ + 2^ rata acconto) x (1 – 79/99) Gli importi della 1^ e 2^ rata di acconto vengono prelevati dai relativi campi della pagina 12/2 di DIPE : colonna “debito” oppure colonna “rettifiche” in presenza di 730 rettificativo (campo “Ricezione 730/4 rettificativo” valorizzato). Va precisato che la riduzione in esame non viene calcolata nel caso in cui: ¾ risulti valorizzato il campo “Richiesta di minore secondo o unico acconto” in pagina 12 di DIPE; ¾ sia presente un importo di prima rata di acconto e nessun importo di seconda rata; ¾ il dipendente risulti trasferito (codice 8 al campo “Stato dipendente” di pagina 1 di DIPE) o passato direttamente ad altra azienda (codice 9 al campo “Stato dipendente” senza valorizzazione della “Data licenziamento”. Diversamente, per i dipendenti licenziati la riduzione viene comunque calcolata.

Il comando RID2ACC provvederà a memorizzare l’importo così calcolato nell’apposito campo “Riduzione” inserito in pagina 12/2 di DIPE:

Integrazione alla guida utente PAGHE 2009.1.8

5


IMPLEMENTAZIONI

L’importo memorizzato in tale campo verrà restituito al dipendente con il cedolino di: ¾ novembre, in caso di dipendente retribuito nel mese successivo; ¾ dicembre, in caso di dipendente retribuito nel mese stesso. A tal fine, con l’esecuzione del comando di quadratura (QUADR) o del comando di conguaglio 730 (CONG730) per la mensilità interessata, il programma provvederà a generare la voce di calcolo indicata al campo “Codice voce acconto Irpef II rata” della tabella “Voci conguaglio Irpef assistenza fiscale” (TB0503), inserendovi l’importo della riduzione con segno negativo.

Nel caso in cui l’acconto dovuto risulti non ancora completamente conguagliato/compensato, l’importo della riduzione verrà portato in diminuzione dell’acconto ancora dovuto.

Integrazione alla guida utente PAGHE 2009.1.8

6


IMPLEMENTAZIONI

La suddetta voce di calcolo viene generata anche per i dipendenti licenziati se per tali dipendenti viene elaborato il cedolino della mensilità sopra indicata (novembre o dicembre). Va precisato che il credito derivante dalla riduzione dell’acconto Irpef dovuto, viene restituito al dipendente controllando la capienza del monte ritenute complessivamente disponibile in azienda per il mese interessato. Infine, l’importo complessivo del credito rimborsato verrà memorizzato a) come credito da assistenza fiscale all’interno del campo “Rimborsi assistenza fiscale” di pagina 5 di AZIE.

b) come rettifica alla seconda rata di acconto all’interno del campo “II acconto IRPEF” di pagina 10 di AZIE

Integrazione alla guida utente PAGHE 2009.1.8

7


IMPLEMENTAZIONI

Il programma RID2ACC provvederĂ  contestualmente a generare la stampa di seguito riportata, nella quale verranno evidenziati i dipendenti interessati con i rispettivi importi di acconto totale e riduzione calcolata:

Integrazione alla guida utente PAGHE 2009.1.8

8


IMPLEMENTAZIONI

Riduzione contributiva per il settore Edilizia Quadro normativo Riferimenti

Art. 29 del D.L. 23.6.1995, n. 244, convertito nella legge 8.8.1995, n. 341 e successive modificazioni. Riduzione contributiva nel settore dell’edilizia. Decreto ministeriale 16 luglio 2009 (G.U. n. 239 del 14 ottobre 2009); Circolare Inps n. 115 del 5 novembre 2009.

Riduzione contributiva nel settore Edilizia

L'articolo 1, c. 51 della legge n. 247/2007, modificando l’originario testo del DL n. 244/1995, convertito con modificazioni dalla legge n. 341/1995, ha introdotto in maniera stabile, a decorrere dall’anno 2008, la facoltà per il Governo di confermare o rideterminare, con decreto del Ministro del lavoro e della previdenza sociale, di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze, la riduzione contributiva a favore delle imprese edili, introdotta dall’articolo 29 della citata legge n. 341/1995. Il D.M. Lavoro/Economia 16 luglio 2009, pubblicato nella G. U. n. 239 del 14 ottobre 2009, ha confermato per l’anno 2009 nella misura dell’11,50% la riduzione contributiva introdotta dall’art. 29, c. 2, della legge n. 341/1995. L’Inps, nella circolare n. 115/2009, ha fornito le indicazioni operative sulle modalità di utilizzo del beneficio e il modulo per la necessaria dichiarazione di responsabilità da parte dei datori di lavoro.

Soggetti interessati dal beneficio

Tale beneficio riguarda i datori di lavoro che esercitano attività edile, anche in economia, sul territorio nazionale e interessa soltanto gli operai con un orario di lavoro di 40 ore settimanali. La riduzione contributiva non si applica, quindi, agli operai occupati a tempo parziale.

Caratteristiche della riduzione contributiva

L’Inps, con la Circolare n. 115/2009 precisa che: y la riduzione si applica sull’ammontare delle contribuzioni previdenziali ed assistenziali, a carico dei datori di lavoro, diverse da quelle di pertinenza del Fondo pensioni lavoratori dipendenti, dovute all'INPS e all'INAIL; y le aliquote contributive da considerare ai fini del calcolo, sono quelle in vigore, per i diversi settori di attività (industria e artigianato), dal 1° gennaio 2009; y prima dell’applicazione dello sconto dell’11,50%, l’aliquota contributiva a carico del datore di lavoro deve essere ridotta delle eventuali misure compensative eventualmente spettanti (si tratta delle compensazioni alle imprese che conferiscono il TFR a forme pensionistiche complementari, compreso il Fondo di Tesoreria; nonché l’esonero dal versamento del contributo al Fondo di garanzia); y l’agevolazione non trova applicazione sul contributo, pari allo 0,30%, relativo alla disoccupazione involontaria; y l’agevolazione non trova applicazione sulle riduzione contributive previste ad altro titolo come ad esempio, le assunzione dalle liste di mobilità, contratti di inserimento o reinserimento, ecc..

Integrazione alla guida utente PAGHE 2009.1.8

9


IMPLEMENTAZIONI

Requisiti per la fruizione dell’agevolazione

L’INPS ricorda che la Legge n. 248 del 4 agosto 2006, ha stabilito ulteriori requisiti necessari ai fini della fruizione dell’agevolazione esame. In particolare, ai sensi della citata legge, i datori di lavoro del settore edile: - devono essere in possesso dei requisiti per il rilascio della certificazione di regolarità contributiva (DURC) anche da parte delle Casse Edili; - non devono aver riportato condanne passate in giudicato per la violazione in materia di sicurezza e salute nei luoghi di lavoro nel quinquennio antecedente alla data di applicazione dell’agevolazione. Tali requisiti si affiancano alle disposizioni previste dall’articolo 1, comma 1175 della Legge n. 296/2006, in base alle quali, a decorrere dal 1° gennaio 2008, tutti i datori di lavoro, al fine di fruire dei benefici normativi e contributivi previsti dalla normativa in materia di lavoro e di legislazione sociale, devono rispettare il contratto collettivo di riferimento, sia per la parte normativa che economica nonché possedere i requisiti di regolarità contributiva certificati dal DURC.

Dichiarazione di responsabilità

L’INPS ha predisposto un modello di autodichiarazione (allegato 3 della Circolare n. 115/2009) mediante il quale le aziende devono attestare la sola assenza di condanne passate in giudicato per la violazione in materia di sicurezza e salute nei luoghi di lavoro nel quinquennio precedente. Tale modello è vincolante ai fini dell’utilizzo della riduzione contributiva in esame. Nel caso in cui venga verificata la mancanza dei requisiti oggetto della dichiarazione, l’Istituto procederà al recupero delle somme indebitamente fruite.

Modalità operative

Il riconoscimento del beneficio in questione sarà effettuato, da parte della procedura di controllo delle denunce contributive DM10, sulla base dei codici statistico contributivi e dei codici di autorizzazione già attribuiti alle aziende. Si ricorda che i datori di lavoro interessati sono quelli esercenti attività edile individuati dai codici ISTAT dal “45.11” al “45.45.2”. Per le operazioni di conguaglio, i datori di lavoro dovranno operare come segue: - calcoleranno l’importo complessivo del beneficio contributivo spettante per il mese a cui si riferisce la denuncia e lo esporranno nel quadro “D” del DM10, con il già previsto codice “L206”; - determineranno l'ammontare complessivo della riduzione contributiva spettante - ove non già operata - per i periodi di paga pregressi, in ogni caso non anteriori a “gennaio 2009”, e lo indicheranno nel quadro “D” del DM10, accompagnato dal già previsto codice “L207”.

Integrazione alla guida utente PAGHE 2009.1.8

10


IMPLEMENTAZIONI

Istruzioni operative Operazioni preliminari Per applicare l’agevolazione contributiva in esame, è necessario operare come segue: ¾ Tabella descrizione sigle per DM10 (TB0201) In tabella “Descrizione sigle per DM10” (TB0201) creare un elemento, utilizzando un codice compreso tra 900 e 999, in cui inserire la sigla e la descrizione richieste per l’esposizione nel quadro D del modello DM10 del beneficio spettante per il mese di denuncia (L206). Creare un ulteriore elemento (sempre utilizzando un codice compreso tra 900 e 999) a cui associare la sigla e la descrizione con cui evidenziare nel DM10 la riduzione contributiva spettante per i periodi di paga pregressi (L207). ¾ Tabella contributi generali azienda (TB0303) Nella tabella “Contributi generali azienda” (TB0303) collegata a pagina 3/2 di AZIE, inserire la percentuale di riduzione (11,50%) al campo “% agevolazioni” ed indicare, al campo “Cod. tabella DM10”, il codice di TB0201 al quale è stata associata la sigla per l’esposizione del beneficio riferito al mese di denuncia (L206). I campi “% contributi 0-15” e “% contributi > 15” non devono essere compilati. In presenza di più periodi di validità è sufficiente inserire la percentuale di agevolazione nella tabella valida per la mensilità in cui viene effettuato il recupero.

Per gli utenti CONTRA con l’aggiornamento del mese di dicembre verrà fornita la tabella con l’indicazione della percentuale di agevolazione al campo “% agevolazioni”; viceversa la compilazione del campo “Cod. tabella DM10” rimane a cura dell’utente. ¾ DIPE, pagina 1 Si ricorda che per i dipendenti in possesso dei requisiti richiesti per l’applicazione dello sconto contributivo (operai con orario di lavoro pari a 40 ore settimanali), in pagina 1 dell’anagrafica dipendente deve essere attivata la “Posizione assicurativa” 30. ¾ VOCI Creare la voce di calcolo da utilizzare per il recupero della riduzione contributiva riferita ai periodi pregressi. La voce deve essere codificata come segue:

Integrazione alla guida utente PAGHE 2009.1.8

11


IMPLEMENTAZIONI

Al campo “Cod. quadrature e DM10” deve essere collegato il codice di tabella descrizione sigle per DM10 (TB0201) contenente la sigla e la descrizione con cui evidenziare nel DM10 la riduzione contributiva spettante per i periodi di paga pregressi (L207). Il codice 66 al campo “Cod. aggiornamento dipendente” consente di sottrarre l’importo della voce dal valore dei contributi su retribuzioni in pagina 6 di DIPE, sezione “Ratei/Dettaglio” (si precisa che è stata apportata una modifica al codice aggiornamento 66 rispetto alla versione 2009.0.2).

Applicazione della riduzione contributiva per il singolo mese di denuncia Il programma QUADR applica la riduzione dell’11,50% sui contributi a carico azienda, presenti nella tabella contributiva (TB0304) collegata a pagina 4 di DIPE, ad esclusione delle percentuali presenti ai righi 2 (I.V.S.) e 3 (ADDIVS), e della percentuale dello 0,30 del rigo 7 (D.S.). L’aliquota contributiva così ricavata viene ulteriormente ridotta delle eventuali riduzioni spettanti a titolo di misure compensative (esonero del contributo al Fondo di garanzia e dello 0,21% dei contributi minori per conferimento del TFR a previdenza complementare e Fondo di tesoreria Inps). L’importo così determinato viene esposto nel quadro D del modello DM10 con la sigla del codice di tabella “Descrizione sigle per DM10” (TB0201) indicato al campo “Cod. tabella DM10” della tabella “Contributi generali azienda” (TB0303).

Esempio: Si consideri un operaio a tempo pieno dipendente da un’azienda industriale edile che occupa fino a 15 dipendenti. Si ipotizzi, inoltre, che tale dipendente abbia optato per l’intero conferimento del proprio TFR alla previdenza complementare.

Integrazione alla guida utente PAGHE 2009.1.8

12


IMPLEMENTAZIONI

In tal caso, la base di calcolo della riduzione contributiva in esame sarà pari a: Totale contribuzioni minori a carico ditta Esonero FGTFR Esonero per TFR a previdenza Esclusione 0,30% dell’aliquota DS Perc. su cui applicare la riduz. dell’11,50%

11,17% 0,20% 0,21% 0,30% 10,46%

=

Applicazione della riduzione contributiva per i periodi di paga pregressi Il programma RESCEDIL consente di applicare la riduzione contributiva spettante per i periodi di paga pregressi. Digitando il comando RESCEDIL vengono richieste le seguenti informazioni:

Mese cedolino:

indicare il mese (novembre o dicembre) nel quale si desidera effettuare il recupero del beneficio contributivo per i periodi pregressi. Integrazione alla guida utente PAGHE 2009.1.8

13


IMPLEMENTAZIONI

Aggiorno?

S

indicando S, nel cedolino della mensilità evidenziata al campo precedente viene generata la voce di calcolo (il cui codice va specificato al campo successivo) per il recupero della riduzione contributiva riferita ai periodi di paga pregressi. Viene, inoltre, prodotta una stampa contenente l’elenco dei dipendenti per i quali viene calcolato il recupero dell’agevolazione con l’indicazione dei mesi interessati dal recupero nonché del relativo importo.

N

indicando N viene stampato solo l’elenco dei dipendenti interessati dall’applicazione dello sconto senza effettuare il recupero dell’agevolazione (non viene generata nel cedolino la voce di calcolo che deve comunque essere indicata al campo successivo).

Voce

indicare il codice della voce di calcolo preventivamente creata dall’utente (rif. pag. 11) che viene utilizzata dal programma per effettuare il recupero del beneficio per i periodi pregressi.

Utilizza pos. ass. attuale

si ricorda che per i dipendenti in possesso dei requisiti richiesti per l’applicazione dello sconto contributivo è sempre necessario indicare il codice 30 al campo “Posizione assicurativa” di pagina 1 di DIPE. Il calcolo dell’agevolazione verrà effettuato solo compilando le informazioni in tabella “contributi generali azienda” (TB0303). Il calcolo dello sconto per i periodi pregressi viene effettuato leggendo i cedolini delle mensilità pregresse (fino al mese indicato nel successivo campo “Arretrati fino a mese”), verificando le tabelle contributive e la situazione del TFR valide nei vari mesi del periodo.

Arretrati fino a mese:

N

indicando N il calcolo dello sconto viene effettuato solo per i mesi elaborati con la posizione assicurativa pari a 30.

S

indicando S è possibile calcolare lo sconto per quei dipendenti per i quali, pur in presenza dei requisiti richiesti, i cedolini dei mesi pregressi sono stati elaborati senza aver attivato la posizione assicurativa 30. Il programma applica lo sconto in presenza dei seguenti presupposti: - che l’attuale posizione assicurativa di pagina 1 di DIPE sia pari a 30 - che nei cedolini dei mesi pregressi la qualifica Inps sia pari 1 (operaio) e la posizione assicurativa sia pari a 0. indicare il mese fino al quale devono essere calcolati gli arretrati. Il mese da indicare sarà normalmente il mese precedente quello in cui si effettua il recupero. E’ possibile indicare un mese diverso nel caso in cui l’utente abbia già iniziato ad applicare lo sconto nei mesi precedenti.

Per consentire al programma di generare in automatico la voce di recupero arretrati, il comando RESCEDIL deve essere eseguito dopo aver elaborato i cedolini della mensilità prescelta per il recupero (mensilità indicata al campo “Mese cedolino” di RESCEDIL). Nella stampa prodotta da RESCEDIL verranno riportati anche i dipendenti licenziati in un mese precedente a quello in cui avviene il recupero, il cui importo deve essere riportato manualmente nel DM10 (verrà segnalato che il cedolino del mese di recupero non è presente); allo stesso modo dovrà essere modificato l’importo generato in F24. Integrazione alla guida utente PAGHE 2009.1.8

14


IMPLEMENTAZIONI

Recupero acconto imposta sostitutiva sulla Rivalutazione del TFR a Fondo Tesoreria Circ. Inps n. 4/2009: modalità di calcolo dell’importo da recuperare tramite DM10 La Circolare n. 4 del 14.1.2009 (punto 9), in merito alle modalità di recupero dell’importo di imposta sostitutiva versata in acconto con riferimento al TFR conferito al Fondo di Tesoreria Inps stabilisce che: ¾ i datori di lavoro possono conguagliare l’importo versato nella denuncia contributiva DM10 riferita al mese di “dicembre”, salvo conguaglio da eseguirsi sulla denuncia contributiva di “febbraio”; ¾ per individuarne l’ammontare, i datori di lavoro potranno calcolare una presunta rivalutazione delle quote di TFR trasferite al Fondo di Tesoreria, avvalendosi dell’ultimo (o del penultimo) indice ISTAT.

Implementazioni software Il programma è stato implementato per consentire la determinazione dell’acconto dell’imposta riferita alle quote di TFR trasferite al Fondo di Tesoreria da recuperare tramite modello DM10 (PF30), sulla base del criterio stabilito dalla Circolare Inps n. 4/2009 in alternativa a quello attualmente utilizzato dalla procedura (modalità di calcolo storica o previsionale indicata a pagina 16 di AZIE). A tal fine in tabella personalizzazione procedura (TB1203) è stato inserito il nuovo campo 106 “QUADR – Acc. imp.sos. INPS secondo il calcolo azienda?” ¾ Se tale campo viene compilato a S l’importo dell’acconto di imposta sostitutiva, riferita alle quote di TFR trasferite al Fondo di Tesoreria da recuperare nel mod. DM10, verrà determinata in base alla modalità di calcolo (storica o previsionale) indicata a pagina 16 di AZIE. ¾ Se tale campo viene compilato a N o a spazio, l’importo dell’acconto di imposta sostitutiva, riferita alle quote di TFR trasferite al Fondo di Tesoreria da recuperare nel mod. DM10, verrà determinata secondo il criterio stabilito dall’Inps nella circolare n. 4/2009: il programma calcola l’imposta sostitutiva sulla rivalutazione del TFR a Fondo di Tesoreria sulla base dell’indice ISTAT relativo al mese di novembre (penultimo mese di riferimento). Con l’installazione della procedura il nuovo campo viene valorizzato a “spazio”. La quadratura del mese di dicembre provvederà: ¾ ad aggiornare l’importo calcolato sulla base del criterio prescelto (modalità storica/previsionale o modalità Circolare Inps n. 4/2009) al campo “Acconto”, sez. “TFR Inps” di pagina 10/2 di DIPE; ¾ a trasferire predetto importo nel modello DM10 di dicembre con codice PF30. Si precisa che le modalità di calcolo dell’acconto di imposta sostitutiva da versare con delega F24 entro il 16 dicembre (modalità storica o previsionale) non hanno subito variazioni. Mediante la quadratura del mese di novembre verrà trasferito il corrispondente importo nella delega F24 relativa al mese di dicembre. Se la quadratura del mese di novembre fossa già stata eseguita, la stessa dovrà essere ripetuta dopo l’installazione della presente versione.

Integrazione alla guida utente PAGHE 2009.1.8

15


IMPLEMENTAZIONI

Imposta sostitutiva sulla rivalutazione TFR

CALRIVP

Acconto Imposta sostitutiva sulla rivalutazione del TFR Con l’elaborazione del mese di novembre il programma predispone i dati per il calcolo dell’acconto dell’imposta sostitutiva sul TFR da versare con delega F24 entro il 16 dicembre 2009. Di seguito si riportano le istruzioni operative per determinare l’importo dell’acconto applicando le modalità di calcolo (storica o previsionale) normativamente previste.

Modalità di calcolo L’acconto, pari al 90% dell’imposta sostitutiva sul TFR, può essere determinato secondo due modalità diverse in base alla circolare dell’Agenzia delle Entrate n. 29/E del 20/3/2001 che stabilisce: “….a norma del comma 4 dell’art. 11 del D.Lgs. n. 47/2000, è dovuto un acconto dell’imposta sostitutiva, calcolato sul 90 per cento delle rivalutazioni maturate nell’anno solare precedente, tenendo conto quindi anche delle rivalutazioni relative ai TFR erogati nel corso di detto anno. In alternativa, l'acconto può essere determinato presuntivamente, avendo riguardo al 90 per cento delle rivalutazioni che maturano nello stesso anno per il quale l'acconto è dovuto”. Metodo rivalutazione storica Applicando il metodo storico l’acconto viene determinato sulla rivalutazione contabilizzata nell’anno precedente. Metodo rivalutazione previsionale Applicando il metodo previsionale l’acconto viene determinato sulla rivalutazione dell’anno, calcolata, in via presuntiva, comprendendo anche la rivalutazione sulle erogazioni TFR effettuate nell’anno.

Anagrafica azienda La gestione dell’imposta sostitutiva sulla rivalutazione del trattamento di fine rapporto è attiva in pagina 16 di AZIE, dove è presente un’apposita sezione con le informazioni utili al calcolo dell’acconto e del saldo. In questa sezione sono presenti sia i dati storici che previsionali. I dati storici vengono aggiornati con le chiusure di fine anno, quelli previsionali mediante il programma CALRIVP.

Integrazione alla guida utente PAGHE 2009.1.8

16


IMPLEMENTAZIONI Calcolo acconto imposta sostitutiva Per la determinazione dell’acconto è possibile scegliere il metodo di calcolo, come previsto dalla circolare dell’agenzia delle entrate n. 29/E del 20.3.2001, tramite il campo “Modalità” di pagina 16 di AZIE. Metodo storico Gli importi dell’imposta sostitutiva calcolati con metodo storico, sono già presenti in pagina 16 di AZIE poiché aggiornati dai programmi AZZERA-RICTFR. Selezionando l’opzione “Riv.Storica” al campo “Modalità” di pagina 16 di AZIE (metodo proposto da programma) l’acconto viene determinato sull’importo del campo “Imposta sostitutiva sulla rivalutazione anno precedente”. Metodo previsionale Per determinare l’imposta sostitutiva con metodo previsionale è necessario eseguire il programma CALRIVP, che aggiorna il campo “Imposta sostitutiva rivalutazione previsionale” di pagina 16 di AZIE. Selezionando l’opzione “Riv.Previsionale” al campo “Modalità” di pagina 16 di AZIE l’acconto viene determinato sull’importo del campo “Imposta sostitutiva rivalutazione previsionale”. Calcolo rivalutazione previsionale Per la determinazione della rivalutazione da prendere a base per il calcolo previsionale, la circolare n. 50/E del 12/6/2002, al punto 28, stabilisce che: “Al fine della determinazione della percentuale di rivalutazione si deve utilizzare l’incremento dell’indice ISTAT dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e di impiegati rilevato nel mese di dicembre dell’anno precedente. Per i dipendenti cessati in corso d’anno l’acconto è dovuto nella misura del 90 per cento dell’imposta trattenuta sulle rivalutazioni all’atto della cessazione del rapporto”.

CALRIVP Il programma CALRIVP determina la rivalutazione TFR e la relativa imposta, applicando sul fondo TFR dei dipendenti in forza (pagina 10 di DIPE) il coefficiente di rivalutazione ottenuto dalla differenza tra dicembre 2007 (131,8) e dicembre 2008 (134,5). Per i dipendenti cessati, la rivalutazione viene acquisita da pagina 10 di DIPE. Eseguendo il programma CALRIVP compare la seguente schermata nella quale vengono proposti, con possibilità di variazione, gli indici ISTAT dei mesi di dicembre degli anni di riferimento rilevati da TB0003. L’utente dovrà verificarne la correttezza e, in presenza di valori errati, provvedere all’inserimento degli indici corretti.

Integrazione alla guida utente PAGHE 2009.1.8

17


IMPLEMENTAZIONI

Per le aziende gestite a partire dall’anno 2009 gli indici ISTAT di dicembre 2008 e di dicembre 2007 vanno inseriti manualmente. Confermando gli indici ISTAT, viene proposto il seguente menù con le diverse opzioni disponibili:

Con la scelta 1 “Calcolo previsione riv. fondo Tfr”, il programma calcola l’imposta applicando il metodo previsionale, utilizzando gli indici ISTAT indicati nella schermata precedente, e aggiorna l’importo al campo “Imposta sostitutiva previsionale” in pagina 16 di AZIE. Con la scelta 2 “Calcolo e stampa previsionale riv. fondo” è possibile effettuare una stampa del dettaglio, per singolo dipendente, del calcolo effettuato dal programma per determinare l’imposta sostituiva su base previsionale.

Nella colonna “Tipo” vengono stamparti i seguenti codici: P = rivalutazione previsionale calcolata nei dipendenti in forza; E = rivalutazione effettiva acquisita da pagina 10 di DIPE per i dipendenti cessati.

Integrazione alla guida utente PAGHE 2009.1.8

18


IMPLEMENTAZIONI

Casi particolari Per i dipendenti licenziati dal mese di novembre (con “Data di licenziamento” a pag. 1 di DIPE ma senza “Stato dipendente” pari a 9 per aggiornamento non effettuato) la rivalutazione viene calcolata come per i dipendenti in forza. Per i dipendenti licenziati precedentemente al mese di novembre, senza “Stato dipendente” pari a 9 (DIPE, pag. 1), con la sola data di licenziamento, la rivalutazione viene calcolata prelevando il dato effettivo in pagina 10 di DIPE. Vengono esclusi dal calcolo dell’acconto su base previsionale (CALRIVP) i dipendenti con “Stato dipendente” pari a 9 (DIPE, pag. 1) per i quali non è stato compilato il campo “Data di licenziamento” (es. dipendenti interessati da passaggio diretto). Si ricorda che, per le aziende cessate che debbono versare l’acconto dell’imposta sostitutiva, non eseguendo le quadrature del mese di novembre, si dovranno inserire i dati direttamente nella gestione tributi in F24.

Scelta del metodo di calcolo da utilizzare Il metodo di calcolo proposto di default a pagina 16 di AZIE è quello storico. Una volta eseguito il calcolo con metodo previsionale (mediante il programma CALRIVP), è possibile confrontare il dato con quello storico e verificare quali aziende non hanno convenienza ad utilizzare il metodo scelto in pagina 16 di AZIE. Il confronto degli importi di acconto determinati con i due metodi di calcolo può essere effettuato mediante la scelta 2 “Elenco acconto imposta sostitutiva” di STIMPSOS. La stampa può essere estesa a tutte le aziende o ridotta alle sole aziende che non hanno convenienza ad utilizzare l’attuale metodo di calcolo impostato in pagina 16 di AZIE.

Selezionando la scelta 2 di STIMPSOS viene effettuata la seguente richiesta:

Integrazione alla guida utente PAGHE 2009.1.8

19


IMPLEMENTAZIONI “Solo ditte modalità non vantaggiosa S/N?” • •

Indicando N viene stampato l’elenco di tutte le aziende con gli importi di acconto determinati sia con il metodo previsionale che con quello storico; Indicando S viene stampato l’elenco delle sole aziende che non hanno convenienza ad utilizzare il metodo di calcolo presente in azienda.

La scelta “S” permette di rilevare quelle aziende sulle quali intervenire se si vuole versare l’acconto con la modalità più conveniente; in tal caso è necessario sostituire il metodo di calcolo al campo “Modalità” in pagina 16 di AZIE. Nell’impostazione dei limiti di stampa viene richiesto se effettuare la selezione sui licenziati: tale opzione non è attiva e va quindi confermata con la proposta “N”.

Versamento acconto su imposta sostitutiva L’acconto dell’imposta sostitutiva va versata entro il 16 dicembre utilizzando in delega il codice tributo 1712. Tale tributo può essere compensato in F24 con il credito d’imposta sul tfr (codice tributo 1250) come previsto dalla circolare 29/E del 20.3.2001: “….per il versamento dell’imposta sostitutiva, sia in acconto che a saldo, può essere utilizzato il credito d’imposta di cui all’articolo 3, comma 213, della legge 23 dicembre 1996, n. 662, come modificato dall’articolo 2 del D.L. 28 marzo 1997, n. 79, convertito dalla legge 28 maggio 1997, n. 140. Al riguardo, si precisa che tale credito, derivante dal versamento dell’anticipo d’imposta sui TFR, può essere utilizzato (in aggiunta alle modalità proprie di utilizzo specificamente previste) fino a compensazione dell’imposta sostitutiva dovuta, mediante l’utilizzo del modello di pagamento F24, senza alcun limite di importo e indipendentemente dalle percentuali di utilizzo previste per il suddetto credito d’imposta. Detto credito, tuttavia, non è utilizzabile ai fini della compensazione di altre imposte o contributi.” Il credito d’imposta sul tfr è memorizzato in pagina 16 di AZIE. L’importo, compensabile con i codici tributo 1712 e 1713, viene riportato in delega con il codice 1250. Il suo utilizzo può essere controllato tramite la scelta 2 della stampa STCOMP.

Riepilogo sequenza operativa Si riepilogano di seguito le operazioni da eseguire in sequenza per effettuare il calcolo dell’acconto: •

eseguire il calcolo previsionale con il comando CALRIVP;

stampare l’elenco delle situazioni di acconto con la scelta 2 di STIMPSOS;

modificare in pagina 16 di AZIE la modalità di calcolo per quelle aziende che hanno convenienza nel metodo previsionale anziché in quello storico;

eseguire le quadrature (QUADR) del mese di novembre;

elaborare il modello F24.

Integrazione alla guida utente PAGHE 2009.1.8

20


IMPLEMENTAZIONI

Archivi di base

TB0304 Collaboratori coordinati continuativi/progetto Aliquote contributive per l’anno 2010 L’art. 1, comma 79 della Legge 24 dicembre 2007, n. 247 fissa al 26% l’aliquota contributiva pensionistica dovuta per l’anno 2010 dagli iscritti alla Gestione Separata. Resta, invece, invariata al 17% l’aliquota contributiva dovuta dai soggetti titolari di pensione o provvisti di altra tutela pensionistica obbligatoria. Compensi corrisposti ai collaboratori entro il 12 gennaio 2010 Si ricorda che per il versamento dei contributi in favore dei collaboratori trova applicazione il c.d. principio di cassa allargato, e quindi i compensi erogati ai collaboratori entro la data del 12 gennaio 2010 e riferiti a prestazioni effettate entro il 31 dicembre 2009, sono da assoggettare alle aliquote contributive in vigore nel 2009. Elaborazione cedolini di dicembre 2009 L’aliquota da adottare per l’elaborazione dei cedolini di dicembre 2009 per i collaboratori di aziende con retribuzione nel mese successivo (codice “0” al campo “Retribuzione nel mese” di pagina 2 di AZIE) corrisponde a quella del 2009 se la chiusura Irpef è per competenza (Campo “Chiusura Irpef per cassa” di pagina 2 di AZIE = “N”), oppure a quella del 2010 se la chiusura Irpef è per cassa (Campo “Chiusura Irpef per cassa” di pagina 2 di AZIE = “S”).

Ai fini dell’elaborazione dei cedolini di dicembre 2009 per collaboratori di aziende con chiusura Irpef per cassa, l’utente, può procedere alla creazione di un nuovo periodo di validità (da 01/2010) all’interno della tabella contributiva in uso (TB0304), indicando le aliquote valide per l’anno 2010 (26% aliquota IVS, di cui 8,66% a carico del dipendente, più 0,72% di aliquota aggiuntiva). Per tali dipendenti il programma è stato modificato al fine di elaborare la mensilità di dicembre 2009 utilizzando le aliquote presenti nella tabella valida da gennaio 2010.

Integrazione alla guida utente PAGHE 2009.1.8

21


IMPLEMENTAZIONI

Elaborazioni mensili Elaborazioni

PRESEN

Trattamento 4 Novembre Modificato il programma per la generazione della voce per il trattamento del 4 novembre. A partire dalla presente versione, il controllo per la generazione della voce presente al campo “4 Novembre” di tabella “Dati presenze” (TB1102) verrà effettuato in corrispondenza del giorno di riposo e non fisso sulla domenica.

Elaborazione cedolini aggiuntivi Per gli utenti che utilizzano il programma PRESEN il cedolino aggiuntivo n. 1 è riservato alla gestione di eventuali passaggi di qualifica che si verificano nel mese. Il programma è stato modificato in modo tale da consentire l’elaborazione di eventuali cedolini aggiuntivi, utilizzando il n° 2 in avanti. Selezionando il cedolino aggiuntivo n. 1 all’interno della scelta “cedolini aGgiuntivi” di CEDOL il programma propone il seguente messaggio:

Integrazione alla guida utente PAGHE 2009.1.8

22


IMPLEMENTAZIONI

Utility

CEDPAR

Creazione testata cedolino All’interno del comando CEDPAR, utile alla compilazione automatica della testata del cedolino, è stata aggiunta la sezione “Dati EMENS” che consente l’inserimento delle ore e giorni EMens relativamente ai dipendenti gestiti con calendario sfasato (tabella “Gestione calendario sfasato” – TB1106 – attivata):

Il programma di ricalcolo dei cedolini (comando CEDOLB) è stato conseguentemente aggiornato per rilevare e riportare tali informazioni all’interno della testata del cedolino.

Integrazione alla guida utente PAGHE 2009.1.8

23


IMPLEMENTAZIONI

Stampe

STAPRE

Stampa presenze da calendario Nella stampa del calendario presenze, all’interno dei riquadri contenenti i totali dei giustificativi, è stato inserito il totale delle ore lavorate (ore “standard”):

Stampe

SINDAC

Stampa distinta sindacati Nella stampa del prospetto relativo alle trattenute sindacali, effettuato con l’inserimento dei relativi dati anagrafici (“Stampa dati anagrafici” = Si), sono state inserite le informazioni relative alla “Qualifica Inps” ed al “Livello” del dipendente, entrambi prelevati dalla pagina 1 di DIPE:

Integrazione alla guida utente PAGHE 2009.1.8

24


IMPLEMENTAZIONI

Altri enti

STEDIL Gestione denuncia casse edili Telematico MUT per Cassa Edile Aosta, Torino, Asti e Cuneo Implementato il programma al fine di riportare nel campo relativo al codice del fondo di previdenza complementare (PRE_CodiceFondo) il codice 99 (“Altri fondi”), da riferirsi ai dipendenti iscritti a fondi diversi dal fondo Prevedi (cod. 1), Cooperlavoro (cod. 2) o Fondapi (cod. 3).

Telematico MUT per Cassa Edile Bolzano Implementato il programma al fine di riportare nel campo relativo al codice del fondo di previdenza complementare (PRE_CodiceFondo) il codice 99 per i dipendenti iscritti al fondo Laborfonds, ed il codice 77 per i dipendenti iscritti a fondi diversi dal fondo Prevedi (cod. 1), Cooperlavoro (cod. 2) o Fondapi (cod. 3) e Laborfonds (cod. 99).

Cassa Edile Prato La stampa del tabulato Cassa Edile di Prato è stata implementata al fine di riportare il contributo aggiuntivo relativo ai dipendenti apprendisti, prelevato dai righi 11 e 12 della relativa tabella “Contributi cassa edile” (TB0307).

Integrazione alla guida utente PAGHE 2009.1.8

25


IMPLEMENTAZIONI

Utility e funzioni varie Gestione rilevatori presenze

GERIL

Gestione tabella giustificativi Nella tabella di impostazione dei giustificativi per la gestione dei rilevatori presenze (comando GERIL > 1.Gestione tabelle > 2.Gestione tabella giustificativi) sono stati inseriti i campi “Ore retribuite Emens” e “Giorni retribuiti Emens” utili al fine di impostare nel giustificativo la modalità di compilazione dei corrispondenti campi della testata del cedolino:

Integrazione alla guida utente PAGHE 2009.1.8

26


IMPLEMENTAZIONI

Programmi di utilità

UTYVOAB Memorizzazione oneri detraibili per erogazioni liberali Il programma UTYVOAB consente di memorizzare gli importi eventualmente trattenuti nel cedolino a titolo di erogazione liberale ad ONLUS nel campo “Altri oneri detraibili 19%” di pagina 13 di DIPE, al fine di considerare tali oneri detraibili in fase di elaborazione del conguaglio di fine anno. Tale programma può essere utile, ad esempio, per le aziende che, a fronte di apposita richiesta dei propri dipendenti, avessero trattenuto dai relativi cedolini delle somme da devolvere a favore delle ONLUS impegnate nell’emergenza sismica della regione Abruzzo. Eseguendo il comando UTYVOAB, il programma proporrà la seguente maschera:

L’utente dovrà indicare al campo “Voce da elaborare” il codice della voce di calcolo utilizzata nei cedolini per l’imputazione degli importi destinati ad erogazione liberale. Con riferimento ai dipendenti delle aziende/filiali selezionate, il programma verificherà nell’archivio delle voci utilizzate nell’anno 2009 (archivio “STORIA”) la presenza della voce di calcolo indicata dall’utente. Gli importi rilevati da tale voce verranno trasferiti in un rigo del campo “Altri oneri detraibili 19%” di pagina 13 di DIPE (vedi tasto “F4=Dettaglio oneri”), associandovi lo specifico codice identificativo 20:

Si precisa che il programma non inserisce alcun importo nel caso in cui nel suddetto campo risulti già presente un importo identificato con il codice detrazione 20.

Integrazione alla guida utente PAGHE 2009.1.8

27


IMPLEMENTAZIONI

UTYCOMR Utility per trasferimento comuni dalla regione Marche alla regione Emilia Romagna La legge n. 117 del 3 agosto 2009 ha decretato il Distacco dei comuni di Casteldelci, Maiolo, Novafeltria, Pennabilli, San Leo, Sant'Agata Feltria e Talamello dalla regione Marche e loro aggregazione alla regione Emilia-Romagna, nell'ambito della provincia di Rimini, ai sensi dell'articolo 132, secondo comma, della Costituzione. Nell’applicativo PAGHE è stato predisposto il programma UTYCOMR, che per i comuni interessati dal distacco, provvede a variare la “Sigla provincia” in tabella Anagrafica comuni (TB0009). Al fine della corretta determinazione dell’addizionale regionale in sede di conguaglio, il comando UTYCOMR deve essere eseguito dopo aver effettuato l’aggiornamento della mensilità di novembre.

Evolution Funzionalità di Export L’archivio di base per l’estrazione delle informazioni inerenti l’assistenza fiscale del dipendente (EXPDIPASS) è stato aggiornato con il nuovo campo inserito in pagina 12 di DIPE per evidenziare la riduzione dell’acconto Irpef 2009 (v. pag. 5).

Integrazione alla guida utente PAGHE 2009.1.8

28


ANOMALIE CORRETTE

Anomalie corrette LIMA01 ¾ Corretto il programma di liquidazione di malattia/infortunio per i dipendenti part-time nel caso in cui la retribuzione da assumere a base per la determinazione dell’indennità c/ditta corrisponda alla retribuzione media giornaliera utilizzata dall’inps (presenza del codice 5 al campo “Tipo calcolo retribuzione” della tabella di malattia/infortunio). ¾ Qualora le ore indicate al campo “Ore giornaliere” della tabella di malattia/infortunio collegata al dipendente corrispondano al valore presente al campo “Coefficiente gg/ore” di pagina 3/1 di AZIE, il programma, determina la retribuzione oraria applicando la % di part-time presente a pag. 1 di DIPE. ¾ Per i lavoratori a tempo parziale, il programma non riproporzionava alla relativa percentuale di part-time il “Minimale giornaliero INAIL” presente in tabella contributi generali azienda (TB0303) da considerare ai fini della determinazione della retribuzione media giornaliera da utilizzare per il calcolo dell’indennità c/Inail.

ENPALS Periodo di riferimento per 14^ mensilità Per i dipendenti licenziati a partire dal mese di luglio, il programma indicava in maniera errata il periodo di riferimento relativo al rateo di 14^ mensilità maturato dal mese di luglio fino al mese di cessazione. Tale anomalia si verificava nel caso in cui nel mese di erogazione del rateo di 14^ non viene inserita nel cedolino la voce con “Cod. aggiornamento EMENS” pari a 11 utile per l’indicazione del periodo di lavoro. Dipendenti part-time Se nel cedolino erano presenti delle voci di calcolo per le quali non era stato opportunamente valorizzato il campo “Cod. aggiornamento altri” (utile per individuare il tipo di retribuzione percepita), all’interno della denuncia Enpals l’importo di tali voci veniva imputato al tipo di retribuzione indicata nella prima voce di calcolo presente nel cedolino. Il programma è stato modificato in modo tale da sommare l’importo delle voci di calcolo prive di “Cod. aggiornamento altri” a quello della retribuzione contrattuale (P1, P2, P3, ecc.).

CEDOL / PRESEN: Eventi CIG Nel caso in cui nella stessa settimana si presentava un evento di CIG e, per la restante parte, un altro evento retribuito dall’azienda (ad esempio ferie), il programma riportava erroneamente tale settimana come non retribuita.

Integrazione alla guida utente PAGHE 2009.1.8

29


ANOMALIE CORRETTE

PRESEN: Straordinario su base settimanale Condizioni: - gestione dello straordinario su base settimanale; - anticipo delle ore di straordinario effettuate nell’ultima settimana a cavallo del mese successivo, senza compensazione nel mese successivo (codice “A” al campo “Anticipo straordinari settimanali” della tabella “Personalizzazione procedura” (TB1108). Anomalia: In caso di dipendente licenziato nella settimana a cavallo del mese successivo, il programma generava erroneamente la voce di straordinario relativamente alle ore di straordinario effettuate nella settimana a cavallo del mese precedente, già erogate in tale mese; tale anomalia si presentava sia per i dipendenti orari che per quelli mensilizzati.

PRESEN: Trattamento 4 Novembre Nel caso in cui il trattamento del 4 Novembre risultava spostato sulla domenica precedente (codice 8 al campo “4 Novembre” della tabella “Dati presenze”), coincidente con la festività del 1° Novembre, il programma generava la retribuzione per una sola giornata di festività.

PRESEN: Passaggio di qualifica Se nel mese in cui si verifica un aumento di retribuzione rispetto al mese precedente si elaborava un passaggio di qualifica, nell’elaborazione del cedolino aggiuntivo il programma applicava erroneamente la retribuzione relativa al mese precedente; tale anomalia non si presentava se l’utente accedeva alla pagina 2 di DIPE prima dell’effettuazione del passaggio di qualifica.

PRESEN: calcolo differenze di accredito per eventi gestiti tramite giustificativo ( Rif. News Tecnica n. 1170 del 2.11.09 ) Elaborazione dei cedolini con PRESEN per i dipendenti con modalità ordinaria (senza attivazione del calendario sfasato). Per gli eventi tutelati non gestiti da GEMA01 bensì mediante l’utilizzo di apposito giustificativo, per i quali è necessario calcolare le differenze di accredito, se nella voce di competenza collegata al campo “Voce” della tabella “Gestione giustificativi” era presente il “Codice composizione retribuzione” 70, la voce per il calcolo delle differenze di accredito veniva generata nel cedolino senza l’indicazione del relativo importo. Gli eventi compresi nella casistica sono: • donazione sangue e donazione midollo osseo (codice evento DON e DMO), • permessi mensili e congedi L. 104/92 (codice evento MA4, MA5, MA6 e MA7), • periodo di congedo malattia bambino di età inferiore a 3 anni (codice evento MA3).

Integrazione alla guida utente PAGHE 2009.1.8

30


ANOMALIE CORRETTE

Stampa presenze Libro Unico: festività 4 novembre Nella stampa del foglio presenze (STPRELU) relativo al mese di novembre, il programma riportava la sigla “F” in corrispondenza del giorno 8 novembre (domenica successiva alla festività soppressa del 4 novembre). Il programma è stato modificato al fine di non riportare alcuna sigla relativamente a tale festività soppressa.

STACIG: Calcolo numero dipendenti Ai fini del calcolo del numero di dipendenti da riportare nel quadro E della stampa in esame, il programma verifica il numero di matricola del dipendente considerando solamente le prime 4 cifre del codice (es.: il codice di matricola 121156 veniva considerato 1156). Se tale codice risultava già associato ad altro dipendente (nell’esempio presenza del dipendente 1156 e del dipendente 121156), veniva computato solo un dipendente nel prospetto in oggetto.

CEDOL: Verifica massimale contributivo collaboratori con chiusura per cassa Con riferimento ai collaboratori di aziende con chiusura Irpef per cassa, ai fini del controllo del superamento del massimale contributivo annuo (campo “Massimale contributivo IVS” di tabella “Contributo aggiuntivo IVS” – TB0310) il programma prendeva in considerazione anche l’imponibile contributivo del mese di dicembre dell’anno corrente.

CEDOL / GERIL: Importazione da rilevatore presenze In caso di gestione del calendario sfasato, passando dall’elaborazione dei cedolini con l’applicativo PRESEN all’elaborazione con l’applicativo CEDOL, nel primo mese in cui si effettuavano le elaborazioni con CEDOL, in fase di importazione delle presenze con la procedura GERIL, il programma eliminava erroneamente le liquidazioni degli eventi presenti in GEMA01 relativamente all’ultimo mese elaborato con PRESEN

CALRIVP: Calcolo rivalutazione previsionale del Tfr Nella stampa generata con la scelta 2 del comando in oggetto (in formato grafico), il programma riportava i valori con una sola cifra decimale

PSQUA: Stampa primanota I contributi su ratei evidenziati nella stampa della primanota non comprendevano i contributi aggiuntivi eventualmente inseriti nella tabella collegata al campo “Codice tabella C/S aggiuntivi” di pagina 4/1 di DIPE senza indicazione del relativo ente di riferimento (campo “Ente” della relativa tabella TB0306).

STNOM: Stampa distinta contanti assegni bonifici Esportando la stampa in oggetto (comando STNOM, scelta 7, scheda Export nella maschera di selezione della stampa) il programma troncava l’ultima cifra decimale dell’importo evidenziato come da pagare.

Integrazione alla guida utente PAGHE 2009.1.8

31


NOTE OPERATIVE DI RELEASE Il presente documento costituisce un’integrazione al manuale utente del prodotto ed evidenzia le variazioni apportate con la release.

Tabella riepilogativa Sistemi Operativi supportati Aggiornato al 18/07/2008 Sistema Operativo

Versione

Interfaccia richiesta linea Gecom e Gamma Plus

Moduli Cobol

Windows

2000 Professional XP Professional 2000 Server 2000 Terminal Server 2003 Server Vista Bussines * 2008 Server **

Sysint/W 20080200 SysIntWeb20080200 o TeamPortal 20080300 SysIntGateway 20080200

722-20080100

TeamLinux

1.0,1.2,1.4,1.6 *** 1.8,2.0

Sysint/U 4.4, SysIntGateway 20080200 SysIntWeb20080200 o TeamPortal 20080300

722-20080100

OpenSuse

10.3

Sysint/U 4.4, SysIntGateway 20080200 SysIntWeb20080200 o TeamPortal 20080300

722-20080100

UbunTu

7.10

Sysint/U 4.4, SysIntGateway 20080200 SysIntWeb20080200 o TeamPortal 20080300

722-20080100

Fedora

6,8

Sysint/U 4.4, SysIntGateway 20080200 SysIntWeb20080200 o TeamPortal 20080300

722-20080100

Red Hat***

9.0

Sysint/U 4.4, SysIntGateway 20080200 SysIntWeb20080200

722-20080100

Solaris Sparc

5.8 e successive

Sysint/U 4.4, SysIntGateway 20080200 SysIntWeb20080200

722-20080100

Linux PowerPC

Suse EnterPrise Server 9

Sysint/U 4.4, SysIntGateway 20080200 SysIntWeb20080200

722-20080100

* Sono escluse tutte le versioni “Home” ** Alla data attuale i prodotti forniti da Microfocus non sono stati certificati per Windows 2008. TeamSystem ha provveduto ad adeguare gli installatori dei propri programmi per supportare la piattaforma. Dai test effettuati i prodotti risultano funzionanti. Precisiamo che fino alla disponibilità delle versioni certificcate dei prodotti Cobol non sarà possibile da parte di TeamSystem, garantire il supporto completo in caso di anomalie. *** Sistemi operativi in fase di dismissione Nota: I’installazione degli applicativi può essere eseguita anche su sistemi e/o versioni diverse da quelle specificate ma in questo caso non viene data nessuna garanzia di funzionamento e relativo supporto.

Integrazione alla guida utente PAGHE 2009.1.8

32


http://www.tecnosistemi.abruzzo.it/areaclienti/..%5Cdownload%5Cpaghe%5C2009.1.8%5Cnote/PAGHE2009.1.8