Page 1

NOTE OPERATIVE DI RELEASE Il presente documento costituisce un’integrazione al manuale utente del prodotto ed evidenzia le variazioni apportate con la release.

SPEDIZIONE Applicativo: Oggetto: Versione: Data di rilascio:

GECOM PAGHE Aggiornamento procedura 2009.1.6 (Update) 02.10.2009

COMPATIBILITA’ GECOM PAGHE

2009.1.5

GECOM F24

2009.6.0

STUDIO PAGHE

2009.1.1

Requisiti minimi per il software di base specifici per l’applicativo

SysInt/W TeamPortal SysIntGateway

Vedi ultima pagina

PER I DETTAGLI DEI REQUISITI E DELLE VERSIONE MINIME INERENTI IL SOFTWARE DI BASE E SISTEMI OPERATIVI CONSULTARE LA TABELLA IN CODA ALLE PRESENTI NOTE INSTALLAZIONE AMBIENTE WINDOWS

INSTALLAZIONE AMBIENTE LINUX

L’applicativo potrà essere installato a seconda della modalità di distribuzione. 1. Modulo autoscompattante “autoinst”: • Selezionare il bottone “installa” 2. CDROM applicativi TeamCD: • Inserire il CD-ROM nel drive del server e confermare l’avvio dell’installazione

Dalla console, come super-utente (root), digitare il comando AGGTAR. Le modalità di installazione rese disponibili da questo comando saranno: • CD-ROM: Inserire il CD-ROM nel drive del server e confermare l’avvio dell’installazione • EXE: Scaricare i file in arrivo da TeamCast e confermare l’avvio dell’installazione

AVVERTENZE ¾ Dopo aver installato la presente versione, è necessario effettuare il comando di conversione

CONV0916 ¾ Il presente aggiornamento contiene tutti gli update precedenti (dalla versione 2009.1.1 alla versione 2009.1.5). ¾ IN EVIDENZA: • PRESEN: implementazioni e correzioni alla gestione del calendario sfasato (v. pag. 6); • Telematico richiesta pagamento diretto CIG (mod. SR41) (v. pag. 25) • Stampa brogliaccio domanda CIG (mod. SR21) (v. pag. 33) • Adeguamento modello DMAG specifiche tecniche vers. 1.7 (v. pag. 36)

Integrazione alla guida utente PAGHE 2009.1.6

1


NOTE OPERATIVE DI RELEASE Il presente documento costituisce un’integrazione al manuale utente del prodotto ed evidenzia le variazioni apportate con la release.

INDICE Conversione Archivi........................................................................................................................................ 4 CONV0916 .............................................................................................................................................. 4 Test Grafica Estesa “Big Screen”.................................................................................................................. 5 TESTMK .......................................................................................................................................................... 5

PRESEN: gestione calendario sfasato .......................................................................................................... 6 Implementazioni software............................................................................................................................. 6 Testata del cedolino: compilazione ore/giorni Inps per DM10 ................................................................ 6 Testata del cedolino: compilazione ore/giorni retribuiti per EMENS ....................................................... 7 Rettifica ore/giorni EMENS riferite al mese precedente a quello in elaborazione ......................................... 7

Retribuzione base per erogazione delle variabili riferite al mese precedente ........................................ 9 Erogazione assegni per il nucleo familiare............................................................................................ 10 Gestione T.F.R. ..................................................................................................................................... 11 Gestione dipendenti licenziati................................................................................................................ 12 Voce per recupero giorni detrazioni ...................................................................................................... 14 Riproporzionamento ratei ...................................................................................................................... 14 Recupero TFR da Fondo di Tesoreria Inps........................................................................................... 15 Dipendenti orari ..................................................................................................................................... 15 Formule di testata del cedolino: ore/giorni Inps (TB1107) .................................................................... 16 Gestione dipendenti assunti dopo l’elaborazione delle buste paga ...................................................... 18 Avvertenze............................................................................................................................................. 18 Archivi di base ............................................................................................................................................... 19 TB0009 .......................................................................................................................................................... 19 Anagrafica comuni e altri enti ................................................................................................................ 19 Anagrafica comuni ...................................................................................................................................... 19 Codici stati esteri ........................................................................................................................................ 19

TB1102 .......................................................................................................................................................... 20 Nuovo codice per gestione accantonamento T.F.R. ............................................................................. 20 Creazione nuovi campi per gestione calendario sfasato ...................................................................... 21 VOCI .............................................................................................................................................................. 22 Nuovo codice composizione retribuzione.............................................................................................. 22 Elaborazioni mensili ...................................................................................................................................... 23 CONG730 ...................................................................................................................................................... 23 Rateizzazione conguaglio 730 .............................................................................................................. 23 PDFPAG........................................................................................................................................................ 23 Esportazione stampe in PDF................................................................................................................. 23 TLMA01......................................................................................................................................................... 24 Denuncia infortunio telematica .............................................................................................................. 24 STQUA .......................................................................................................................................................... 24 Stampa cedolino riepilogativo ............................................................................................................... 24

Integrazione alla guida utente PAGHE 2009.1.6

2


NOTE OPERATIVE DI RELEASE Il presente documento costituisce un’integrazione al manuale utente del prodotto ed evidenzia le variazioni apportate con la release.

INPS................................................................................................................................................................. 25 TESR41 ......................................................................................................................................................... 25 Domanda di CIG in deroga con pagamento diretto............................................................................... 25 Telematico richiesta di pagamento diretto (Mod. SR41) e lista beneficiari........................................... 25 STACIG ......................................................................................................................................................... 33 Stampa brogliaccio domanda di integrazione salariale......................................................................... 33 DMAG............................................................................................................................................................ 36 Adeguamento modello DMAG alle nuove specifiche tecniche ............................................................. 36 1. Dichiarazione sulla veridicità del versamento degli importi relativi alle quote a carico dei lavoratori ...... 36 2. Progressivo pagina del Registro d’impresa ............................................................................................ 36 3. Nuovo Tipo Retribuzione “E” .................................................................................................................. 37

Codici ISTAT ......................................................................................................................................... 38 Altri enti .......................................................................................................................................................... 39 ENPALS ........................................................................................................................................................ 39 Stampa denuncia mensile ENPALS...................................................................................................... 39 CADITEL ....................................................................................................................................................... 39 Telematico Ente C.A.DI.PROF.............................................................................................................. 39 Elaborazioni annuali...................................................................................................................................... 39 LISSD ............................................................................................................................................................ 39 Stampa studi di settore.......................................................................................................................... 39 Fondi di previdenza ....................................................................................................................................... 40 TELFONDI / STAFONDI ............................................................................................................................... 40 Versamenti a fondi di previdenza complementare ................................................................................ 40 Vittoria Formula Lavoro (cod.512); Fondiaria Conto Previdenza (cod. 580) ........................................ 40 Telematico Fondo “Previcooper” (Cod. 439)......................................................................................... 40 Utility procedura ............................................................................................................................................ 41 IMPVOCI........................................................................................................................................................ 41 Creazione automatica voci di calcolo.................................................................................................... 41 Anomalie corrette .......................................................................................................................................... 42 PRESEN................................................................................................................................................ 42 Aziende con gestione calendario sfasato ................................................................................................... 42 Determinazione Ore/Giorni Inps dipendenti mensilizzati ............................................................................ 42 Determinazione ore di straordinario............................................................................................................ 43

CRECIG: Creazione automatica domanda CIG.................................................................................... 43 PDFPAG: Archiviazione su TeamPortal................................................................................................ 43 DMA: Denuncia mensile INPDAP ......................................................................................................... 43 FLAGLUL: rimozione stato “stampato” da cedolino e presenze ........................................................... 44 STEDIL: Stampa Cassa Edile di Cremona ........................................................................................... 44 Tabella riepilogativa Sistemi Operativi supportati..................................................................................... 45 Integrazione alla guida utente PAGHE 2009.1.6

3


IMPLEMENTAZIONI

CONV0916

Conversione Archivi CONV0916

Dopo aver installato la versione è necessario effettuare la conversione degli archivi mediante il comando CONV0916. Richiamando il comando CONV0916 viene visualizzata una schermata che elenca le varie fasi della conversione che vengono eseguite in sequenza, ciascuna delle quali svolge singole operazioni sugli archivi. Il loro completamento viene segnalato a fianco di ciascuna.

ANNOTAZIONI ¾ Al fine di prevenire eventuali inconvenienti, è consigliabile effettuare una copia degli archivi prima di effettuare le operazioni di conversione; ¾ In caso di interruzione imprevista, la conversione deve essere rilanciata: il processo verrà ripreso dalla fase in cui è stato interrotto; ¾ Il comando di conversione non è ripetibile; ¾ Il comando va eseguito sia in PAGHE che in PAGHEV; ¾ La conversione può essere eseguita anche in corso di elaborazione della mensilità.

Il programma di conversione effettua le seguenti operazioni:

La fase 5 esegue il comando IMPVOCI che provvede alla creazione e al collegamento in tabella dati presenze (TB1102) di alcune voci di calcolo utilizzate nella gestione del calendario sfasato (vedi pag. 41). Integrazione alla guida utente PAGHE 2009.1.6

4


IMPLEMENTAZIONI

Test Grafica Estesa “Big Screen”

TESTMK Con il prossimo rilascio della procedura Paghe, saranno attivati una serie di programmi che prevedono nuove videate nella sola modalità di grafica estesa, denominata Big Screen e quindi, dalla suddetta versione, non sarà più possibile utilizzare l’applicativo Gecom-PAGHE nella modalità a carattere. Lo sviluppo con la nuova interfaccia, si è reso necessario per avere una gestione ottimale e una visione più completa e razionale delle informazioni. Al fine di verificare preventivamente l’adeguatezza delle impostazioni relative alla risoluzione dei monitor utilizzati, nella presente vers. PAGHE 2009.1.6 è possibile eseguire il programma TESTMK che nella videata prevede la funzione “Aumenta dimensione fonts”:

Dopo l’esecuzione del programma di test, se non si è trovata una risoluzione per Voi soddisfacente, comunicate gentilmente al servizio assistenza del vs. fornitore le eventuali anomalie riscontrate al fine di valutare in tempo utile le eventuali soluzioni da approntare.

Integrazione alla guida utente PAGHE 2009.1.6

5


IMPLEMENTAZIONI

PRESEN: gestione calendario sfasato

Implementazioni software Con la presente versione è stato implementato il programma PRESEN con riferimento alla gestione del calendario sfasato. Di seguito vengono illustrate le modifiche apportate all’applicativo PAGHE.

Testata del cedolino: compilazione ore/giorni Inps per DM10 Per i dipendenti che adottano il calendario sfasato, le ore e i giorni Inps da indicare nella testata del cedolino vengono determinati in base alle impostazioni presenti nella tabella formule di testata (TB1107) dedicata a tale categoria di lavoratori. A differenza della gestione ordinaria, nella gestione sfasata le variabili retributive che influenzano la compilazione della testata del cedolino sono quelle riferite al mese precedente in quanto liquidate nella mensilità in elaborazione. Ad esempio, per un dipendente mensilizzato i giorni Inps saranno calcolati sottraendo dal coefficiente fisso 26 la quantità dei giustificativi del mese precedente che hanno “N” al campo “Tempo retribuito”. A partire dalla presente versione il programma effettua un controllo sulle variabili retributive riferite agli eventi per i quali sussiste la possibilità di anticipare nel mese di competenza la liquidazione (eventi elencati in tabella gestione calendario sfasato TB1106: malattia, maternità, infortunio, festività godute e non godute). In particolare: ¾

il giustificativo di assenza degli eventi di malattia, maternità ed infortunio avrà influenza nella compilazione della testata della mensilità in cui avviene la liquidazione dell’evento.

¾

le festività (godute e non godute) avranno influenza nella compilazione della testata della mensilità nella quale saranno generate le relative voci di calcolo.

Questo controllo viene effettuato sulle formule di testata sia nel mese interamente in forza che nel mese di assunzione/licenziamento.

Integrazione alla guida utente PAGHE 2009.1.6

6


IMPLEMENTAZIONI

Testata del cedolino: compilazione ore/giorni retribuiti per EMENS Elaborando i cedolini con modalità sfasata, le ore/giorni per i quali viene versata la contribuzione nel mese (ore/giorni da riportare nel DM10) possono essere diversi dalle ore/giorni retribuiti nel mese (ore/giorni da riportare nella denuncia EMENS): tali valori, infatti, devono essere congrui con le coperture settimanali. Nella testata del cedolino sono stati creati due nuovi campi per indicare le ore e i giorni retribuiti da evidenziare nella denuncia EMENS. Tali campi vengono abilitati solo se viene attivata la gestione del calendario sfasato, sia per gli utenti che utilizzano PRESEN che per quelli che utilizzano CEDOL.

Per gli utenti che utilizzano PRESEN, la determinazione delle ore e dei giorni EMENS avviene sulla base delle indicazioni contenute nelle formule di testata riferite alle ore/giorni INPS (TB1107) previste per i dipendenti con calendario sfasato, non considerando le variabili retributive riferite al mese precedente. Allo stesso tempo, verranno considerati i giustificativi presenti nel mese di elaborazione riferiti a variabili retributive la cui liquidazione viene anticipata. I due nuovi campi verranno valorizzati a partire dal cedolino del mese di ottobre 2009. Il programma EMENS verrà implementato in modo tale da prelevare le ore e i giorni retribuiti dai nuovi campi in esame invece che dalla sezione Inps della testata del cedolino.

Rettifica ore/giorni EMENS riferite al mese precedente a quello in elaborazione La presenza di variabili retributive liquidate nel mese, ma di competenza del mese precedente, potrebbe determinare una variazione delle ore/giorni EMENS (ore/giorni retribuiti) del mese precedente. In particolare, tale circostanza si verifica in presenza di giustificativi aventi codice “N” al campo “Tempo retribuito” (ad esempio giustificativi di assenza riferiti ad eventi tutelati per i quali è prevista la sola indennità a carico dell’Inps). Pertanto, ogni mese il programma effettua il ricalcolo delle ore/giorni retribuiti del mese precedente (ore/giorni EMENS) considerando tutte le variabili presenti. Nel caso in cui tali ore o giorni siano diversi da quelli indicati nella testata del mese precedente, il programma genera una voce di calcolo per la rettifica dei giorni retribuiti. Se il dipendente è part-time, viene generata anche una voce per la rettifica delle ore retribuite. Tali voci devono essere collegate nei nuovi campi “Voce rettifica ore EMENS” e “Voce rettifica giorni EMENS” di tabella “Dati presenze > Altro” (TB1102) e devono essere codificate come segue: Integrazione alla guida utente PAGHE 2009.1.6

7


IMPLEMENTAZIONI

Tali voci verranno generate a decorrere dal cedolino di novembre 2009. Si precisa che i “Codici aggiornamento EMENS” 81 e 82 erano già presenti nella procedura. Le ore/giorni indicati nelle voci verranno utilizzati per la compilazione dell’elemento <Mese Precedente> della denuncia EMENS. Il programma EMENS verrà implementato per creare l’elemento <Mese Precedente> in presenza delle sole voci con “Codici aggiornamento EMENS” 81 e 82. Per gli utenti CONTRA, le voci per la rettifica delle ore/giorni retribuiti del mese precedente sono già presenti in archivio. Il comando IMPVOCI, eseguito dal programma di conversione, provvederà al collegamento di suddette voci nei rispettivi campi di tabella dati presenze (TB1102).

Integrazione alla guida utente PAGHE 2009.1.6

8


IMPLEMENTAZIONI

Retribuzione base per erogazione delle variabili riferite al mese precedente L’elaborazione dei cedolini con modalità sfasata comporta che le variabili retributive riferite al mese precedente devono essere erogate utilizzando la retribuzione del mese precedente. Poiché le voci di calcolo collegate nelle tabelle Giustificativi (TB1103) e Dati presenze (TB1102) possono essere utilizzate indistintamente sia per la gestione normale che sfasata, è stato creato il nuovo “Codice composizione retribuzione” 70 che consente di assumere come base la retribuzione del mese o quella del mese precedente a seconda della tipologia di dipendente. Ciò consente di evitare la creazione di una doppia struttura di voci e tabelle per lo stesso contratto. Il nuovo “Codice composizione retribuzione” 70 assume i seguenti valori: ¾ retribuzione mese attuale, per i dipendenti senza attivazione del calendario sfasato; ¾ retribuzione mese precedente, per i dipendenti con attivazione del calendario sfasato. Se si elaborano cedolini con modalità sfasata, il nuovo “Codice composizione retribuzione” 70 può essere inserito in tutte le voci di calcolo riferite a variabili retributive che vengono liquidate il mese successivo a quello di competenza (le quali devono essere valorizzate con la retribuzione del mese precedente). In particolare: ¾

in tutte le voci di calcolo collegate in tabella Dati presenze (TB1102) ad eccezione di quelle presenti ai campi “Voce paga base” (sez. Dati generali), e di tutte le voci collegate nella sezione “Altro”;

¾

nelle voci di calcolo collegate ai campi “Voce” e “Massimizzazione” di tabella Giustificativi (TB1103);

¾

nelle altre voci presenti nell’archivio voci.

Non è invece necessario inserire il “Codice composizione retribuzione” 70 nelle voci utilizzate dalla procedura per erogare gli eventi di malattia, maternità, infortunio e CIG collegate nelle relative tabelle (TB0901 e TB0902) in quanto per tali eventi la procedura individua automaticamente la retribuzione da assumere a base. Nel caso in cui la liquidazione delle variabili retributive venga anticipata nel mese di competenza (ad esempio, festività godute e non godute, variabili retributive del mese di licenziamento), anche in presenza del “Codice composizione retribuzione” 70, viene assunta a base la retribuzione del mese attuale invece che quella del mese precedente (controllo effettuato solo per gli utenti che utilizzano PRESEN). Nei cedolini dei dipendenti con gestione del calendario sfasato, in corrispondenza delle voci aventi “Codice composizione retribuzione” 70, è attivo il tasto funzione F6 (visualizzabile in corrispondenza del campo “ore/gg”) che consente all’utente di modificare il “tipo composizione retribuzione” proposto in automatico. Per gli utenti che utilizzano il programma CONTRA il “Codice composizione retribuzione” 70 verrà inserito nelle voci di calcolo con le caratteristiche sopra descritte con la versione 2009.10.0. Gli utenti che non utilizzano CONTRA dovranno impostare manualmente il “Codice composizione retribuzione” 70 nelle voci in uso, se necessario.

Integrazione alla guida utente PAGHE 2009.1.6

9


IMPLEMENTAZIONI

Erogazione assegni per il nucleo familiare E’ stato implementato il criterio di erogazione degli assegni per il nucleo familiare. Per ciascun mese il programma: ¾

determina l’importo degli assegni familiari in funzione delle presenze teoriche del mese, considerando le eventuali variabili riferite al mese in elaborazione la cui liquidazione viene anticipata;

¾

effettua il ricalcolo dei giorni per gli assegni familiari riferiti al mese precedente considerando tutte le variabili presenti; se viene riscontrata una differenza nel numero delle giornate rispetto a quelle riconosciute nel mese precedente (numero giorni della voce di ANF presente nel cedolino), il programma provvede a generare una voce di trattenuta, con quantità pari alla differenza riscontrata. Tale voce deve essere collegata nel nuovo campo “Voce rettifica per assegni familiari” di tabella “Dati presenze > Altro” (TB1102) e deve essere codificata come segue:

La voce di trattenuta viene generata a decorrere dalla mensilità di ottobre 2009. Il “Codice quadrature e DM10” 5 (codice già presente) determina l’esposizione dell’importo da recuperare nel quadro B del modello DM10 con sigla F110.

Integrazione alla guida utente PAGHE 2009.1.6

10


IMPLEMENTAZIONI

Gestione T.F.R. Per i dipendenti con calendario sfasato la voce di accantonamento T.F.R viene valorizzata sulla base delle presenze teoriche del mese in funzione del tipo gestione impostato in tabella dati presenze (TB1102). Nel mese successivo, il programma effettua il ricalcolo delle ore/giorni utili ai fini del T.F.R sulla base delle presenze effettive. Se tali ore/giorni risultano diversi rispetto a quelli determinati considerando le presenze teoriche (ore/giorni evidenziati nella voce di accantonamento TFR nel mese precedente) viene generata nel cedolino una voce di trattenuta con quantità pari alle ore/giorni da rettificare. Il recupero del TFR avviene nei limiti della quantità accantonata nel mese precedente. Tale voce deve essere collegata al campo “Voce recupero accantonamento TFR” della sezione “Altro” di tabella Dati presenze (TB1102) e deve essere codificata come segue:

Voce di recupero per accantonamento TFR gestito a ore

La voce proposta deve essere utilizzata se l’accantonamento TFR viene gestito a ore. Se l’accantonamento TFR è gestito a giorni, anche la voce di recupero dovrà essere codificata a giorni. Il comando IMPVOCI provvedere a creare entrambe le tipologie di voci di recupero (8091 a giorni e 8092 a ore). Per valutare quale delle due voci collegare in tabella dati presenze (TB1102), il programma verifica il codice presente al campo “Tipo paga base”: ¾

se il “Tipo paga base” è pari a 0, 1 o 2 al campo “Voce recupero accantonamento TFR” viene collegata la voce 8092 codificata a ore;

¾

se il “Tipo paga base” è pari a 3 o 4 al campo “Voce recupero accantonamento TFR” viene collegata la voce 8091 codificata a giorni;

Integrazione alla guida utente PAGHE 2009.1.6

11


IMPLEMENTAZIONI

Gestione dipendenti licenziati Per gestire l’elaborazione dei cedolini a seguito della cessazione del rapporto di lavoro sono state previste tre diverse modalità operative. Il programma opera in maniera diversa in funzione del momento in cui viene inserita la data di licenziamento. 1. Inserimento della data di licenziamento nel mese successivo a quello di cessazione; 2. Inserimento della data di licenziamento nel mese di cessazione, con liquidazione delle variabili retributive nel mese successivo; 3. Inserimento della data di licenziamento nel mese di cessazione, con liquidazione delle variabili retributive nel mese stesso. Le opzioni 2 e 3 sono fra loro alternative. La scelta viene operata in tabella Gestione calendario sfasato (TB1106) attraverso la compilazione del nuovo campo “Anticipa liquidazione variabili nel mese cessazione”. Valorizzando tale campo il programma, in caso di elaborazione del cedolino con data di licenziamento presente, anticipa la liquidazione di tutte le variabili retributive relative al mese di cessazione. Di seguito si descrive il comportamento del programma in funzione delle diverse scelte operate, con riferimento alla generazione delle voci di lavoro ordinario, liquidazione variabili retributive, liquidazione ratei residui e TFR. 1. Inserimento della data di licenziamento nel mese successivo a quello di cessazione Mese di licenziamento Il cedolino del mese di cessazione viene elaborato senza l’indicazione della data di licenziamento. Vengono generate le seguenti voci: ¾ voce di lavoro ordinario per l’intero mese; ¾ voci delle variabili retributive relative al mese precedente; ¾ voci delle variabili retributive riferite al mese in elaborazione, la cui liquidazione viene anticipata (TB1106, campi “Anticipa liquidazione festività godute/non godute/malattie/maternità/infortuni”); Mese successivo a quello di licenziamento Nel cedolino del mese successivo a quello di licenziamento vengono generate le seguenti voci: ¾ voce di assenza per i giorni non in forza. Il programma ricalcola il lavoro ordinario del mese precedente e genera la voce di assenza per la differenza riscontrata (per i dipendenti mensilizzati, vengono verificate le impostazioni presenti in tabella Personalizzazione procedura (TB1108) campo “Mensilizzati licenziati”); ¾ voci di liquidazione delle variabili riferite al mese di licenziamento non anticipate; ¾ voci per l’erogazione dei ratei residui e del TFR; ¾ voce per il recupero dei giorni detrazione non spettanti nel mese precedente (vedi pag. 14). 2. La data di licenziamento viene inserita nel mese di cessazione del rapporto e NON è stato valorizzato il campo “Anticipa liquidazione variabili nel mese cessazione” di tabella Gestione calendario sfasato (TB1106) Mese di licenziamento Nel cedolino del mese di licenziamento vengono generate le seguenti voci: ¾ voce di lavoro ordinario per il periodo in forza nel mese (per i dipendenti mensilizzati, determinata in base alle impostazioni presenti in tabella Personalizzazione procedura (TB1108) campo “Mensilizzati licenziati”); ¾ voci delle variabili retributive riferite al mese precedente; ¾ voci delle variabili retributive riferite al mese in elaborazione, la cui liquidazione viene anticipata (TB1106, campi “Anticipa liquidazione festività godute/non godute/malattie/maternità/infortuni”). Mese successivo a quello di licenziamento Nel cedolino del mese successivo a quello di licenziamento vengono generate le seguenti voci: ¾ voci di liquidazione delle variabili retributive riferite al mese di licenziamento non anticipate; ¾ voci per l’erogazione dei ratei residui e del TFR. Integrazione alla guida utente PAGHE 2009.1.6

12


IMPLEMENTAZIONI

3. La data di licenziamento viene inserita nel mese di cessazione del rapporto ed è stato valorizzato il campo “Anticipa liquidazione variabili nel mese cessazione” di tabella Gestione calendario sfasato (TB1106) Mese di licenziamento Nel cedolino del mese di licenziamento vengono generate le seguenti voci: ¾ voce di lavoro ordinario per il periodo in forza nel mese (per i dipendenti mensilizzati determinata in base alle impostazioni presenti in tabella Personalizzazione procedura (TB1108) campo “Mensilizzati licenziati”); ¾ voci delle variabili retributive riferite al mese precedente; ¾ voci delle variabili retributive riferite al mese di licenziamento (anche se in TB1106 non sono stati valorizzati i campi “Anticipa liquidazione festività godute, non godute”, ecc.); ¾ voci per l’erogazione dei ratei residui e del TFR. Giorno limite per gestione dipendenti licenziati In tabella Gestione calendario sfasato (TB1106) è stato inserito il campo “Giorno limite per gestione dipendenti licenziati” che consente di applicare la modalità operativa descritta al punto 1 anche in presenza della data di licenziamento nel cedolino del mese di cessazione. Il giorno indicato in tale campo viene considerato come data limite: Se la data di licenziamento è successiva alla data limite il programma adotta la modalità operativa n. 1. Se la data di licenziamento è anteriore alla data limite (data compresa) il programma adotta: ¾ la modalità operativa n. 2 se NON è stato valorizzato il campo “Anticipa liquidazione variabili nel mese cessazione” di tabella Gestione calendario sfasato (TB1106); ¾ la modalità operativa n. 3 se è stato valorizzato il campo “Anticipa liquidazione variabili nel mese cessazione” di tabella Gestione calendario sfasato (TB1106).

IMPORTANTE Per i dipendenti licenziati nel mese di settembre, per i quali il cedolino è stato elaborato con indicazione della data di cessazione, il programma non applica le modalità operative descritte in questo paragrafo. Pertanto, nell’eventuale cedolino del mese di ottobre, non verranno generate le voci elencate ai punti 2 e 3. Viceversa, elaborando il cedolino di ottobre con l’inserimento della data di cessazione riferita al mese di settembre, il programma applica la modalità operativa descritta al punto 1.

Integrazione alla guida utente PAGHE 2009.1.6

13


IMPLEMENTAZIONI

Voce per recupero giorni detrazioni Introdotto il ricalcolo dei giorni di detrazione effettivamente spettanti per l’ultimo mese in forza, nel caso in cui viene indicata la data di licenziamento nel mese successivo quello di cessazione. Se viene riscontrata una differenza rispetto ai giorni riconosciuti nel cedolino del mese precedente, viene generata una voce di calcolo con quantità negativa, pari ai giorni indebitamente attribuiti. La voce deve essere collegata al campo “Voce recupero giorni detrazione” della sezione “Altro” di tabella Dati presenze (TB1102) e deve essere codificata come segue:

Con l’aggiornamento del cedolino (AGGI), i giorni evidenziati nella voce di recupero (voce con quantità negativa) verranno memorizzati al campo “Giorni detrazione” di pagina 8/1 di DIPE, nel mese precedente a quello in elaborazione, decurtando la quantità già presente.

Riproporzionamento ratei Inserito il controllo sulla riduzione dei ratei. I ratei maturati nel mese vengono ridotti: ¾ dai giustificativi di assenza con “S” al campo “Riduzione rateo..”, riferiti a variabili retributive del mese precedente, liquidate nella mensilità in elaborazione; ¾ dai giustificativi di assenza con “S” al campo “Riduzione rateo..”, riferiti a variabili retributive di competenza del mese in elaborazione, la cui liquidazione viene anticipata. Mese successivo a quello di assunzione Se nel mese di assunzione il dipendente non ha maturato i ratei (in quanto in forza per un numero di giorni inferiore al limite stabilito per la maturazione), nella mensilità successiva la liquidazione di variabili retributive riferite al mese precedente, non determina l’abbattimento dei ratei maturati nel mese. Dipendenti licenziati In presenza di variabili retributive che determinano la riduzione dei ratei liquidate nel mese successivo quello di licenziamento, il programma rettifica la quota di rateo maturato il mese precedente. In questo caso il coefficiente di maturazione del rateo visualizzato nella testata del cedolino assume segno negativo e la riduzione viene applicata nei limiti della quantità maturata nel mese precedente (mese di cessazione).

Integrazione alla guida utente PAGHE 2009.1.6

14


IMPLEMENTAZIONI Se il cedolino del mese di licenziamento viene elaborato senza aver inserito la data di cessazione, nel mese successivo il programma verifica il numero di giorni in forza per stabilire se sussistano i requisiti per la maturazione del rateo. Se il numero di giorni in forza nel mese di licenziamento è inferiore al limite stabilito per la maturazione, il rateo maturato nel mese precedente viene totalmente rettificato.

Recupero TFR da Fondo di Tesoreria Inps Con riferimento a dipendenti il cui TFR viene versato a Fondo Tesoreria INPS, il programma è stato implementato per permettere il recupero dal Fondo Tesoreria nel caso in cui nel mese si verifichi la presenza di imponibile TFR in negativo (ad esempio, nell’ipotesi di licenziamento del dipendente con calendario sfasato). Nella casistica descritta, viene generata la voce di versamento del TFR ad INPS (cod. voce 9191) valorizzata con il suddetto importo negativo. Con l’esecuzione del comando QUADR, il programma riconoscerà l’importo negativo come somma da recuperare; conseguentemente, tale importo verrà trasferito nel quadro D del modello DM10, con l’apposita sigla RF01. Nella stampa della quadratura lo stesso viene riportato unitamente alle somme recuperate a seguito di erogazione del TFR (vedi note PAGHE 2009.0.9, pag. 43). Tale modifica riguarda anche i cedolini che vengono elaborati con CEDOL.

Dipendenti orari Il programma è stato implementato per consentire la corretta gestione dei cedolini per i dipendenti orari che adottano il calendario sfasato. Anche in presenza del “Tipo paga base” 0, ora viene generata la voce di assenza necessaria per la liquidazione delle variabili retributive del mese precedente. Nel cedolino, oltre alla voce di lavoro ordinario che viene valorizzata sommando le ore lavorabili del mese, vengono generate le voci per erogare le varianti del mese precedente (voce di competenza collegata al giustificativo che individua la variabile più relativa voce di assenza). Le ore/giorni di assenza delle variabili retributive la cui liquidazione viene anticipata riducono direttamente la voce di lavoro ordinario. Inoltre, sono state estese anche ai dipendenti orari le implementazioni illustrate nelle pagine precedenti.

Integrazione alla guida utente PAGHE 2009.1.6

15


IMPLEMENTAZIONI

Formule di testata del cedolino: ore/giorni Inps (TB1107) Si propongono le immagini della tabella TB1107 aggiornata, riferita ai dipendenti con calendario sfasato che verrà fornita con la versione CONTRA 2009.10. Il significato del campo “ore/giorni assenza assunzione/licenziamento” è stato modificato in “ore/giorni assenza assunzione/licenziamento no festivo”. Tale modifica si è resa necessaria per rendere tale campo omogeneo con il campo “ore calendario base no festivo”.

Integrazione alla guida utente PAGHE 2009.1.6

16


IMPLEMENTAZIONI

Integrazione alla guida utente PAGHE 2009.1.6

17


IMPLEMENTAZIONI

Gestione dipendenti assunti dopo l’elaborazione delle buste paga Per i dipendenti assunti dopo l’elaborazione delle buste paga (ad esempio, elaborazione dei cedolini il giorno 22; assunzione del dipendente il giorno 25), è necessario procedere come segue: Mese di assunzione ¾ Richiamare la gestione del calendario presenze (PRESEN) per il mese di assunzione e attivare la funzione “blocco” (presente nel tasto “Funzioni”) ¾ Imputare manualmente le ore/giorni EMENS e la copertura settimanale (dati richiesti nella denuncia EMENS) nella testata del cedolino; ¾ Confermare il cedolino senza imputare alcuna voce di calcolo Mese successivo a quello di assunzione ¾ Imputare manualmente la voce di lavoro ordinario con quantità pari alle ore/giorni lavorati nel mese precedente, utilizzando una voce con codice diverso da quello collegato in tabella dati presenze (TB1102).

Avvertenze Dipendenti mensilizzati I “Tipi paga base” 2 e 4 (TB1102 > Dati base) sono incompatibili con la logica del calendario sfasato che richiede, ai fini della corretta valorizzazione delle assenze riferite al mese precedente, la generazione di una specifica voce. Pertanto, gli utenti che desiderino adottare la gestione del calendario sfasato devono verificare che, al campo “Tipo paga base” della tabella dati presenze non siano utilizzati i codici 2 o 4. Passaggio di qualifica Per i dipendenti con calendario sfasato, la funzione “passaggio di qualifica” richiede la realizzazione di alcune implementazioni. Tali implementazioni saranno rilasciate con la prossima versione PAGHE.

Integrazione alla guida utente PAGHE 2009.1.6

18


IMPLEMENTAZIONI

Archivi di base Tabelle procedura > Tabelle anagrafiche generali

TB0009

Anagrafica comuni e altri enti Anagrafica comuni Nella tabella “Anagrafica comuni” sono state apportate le seguenti modifiche:

¾

Inserito il campo “Codice stato estero” nel quale, con riferimento ai codici catastali relativi a stati esteri (Zxxx), viene riportato il corrispondente codice della tabella TB0009 > “Codici stati esteri”.

¾

I codici ISTAT identificativi del comune e della provincia (campo “Cod. Comune/provincia ISTAT”) sono stati aggiornati con l’introduzione dei nuovi codici relativi ai comuni appartenenti alle province di ultima istituzione (quattro nuove province nella regione Sardegna). Posto che alcuni modelli dichiarativi (vedi DMAG telematico) non prevedono ancora la ricezione dei nuovi codici, nella tabella in oggetto è stata mantenuta anche la precedente codifica visualizzata nel campo “Cod. Comune/Provincia ISTAT a 103 prov.”.

Codici stati esteri Ai fini di una successiva implementazione, nella tabella “Codici stati esteri” è stato inserito il “Codice estero INAIL” nonché il “Codice catastale comune” che identifica il corrispondente elemento della tabella TB0009 > “Anagrafica comuni”

Integrazione alla guida utente PAGHE 2009.1.6

19


IMPLEMENTAZIONI

Tabelle procedura > Tabelle Presen

TB1102

Nella sezione “Altro” di tabella Dati presenze (TB1102) sono state apportate le seguenti implementazioni:

Nuovo codice per gestione accantonamento T.F.R. Al campo “Tipo gestione T.F.R.” è stato introdotto il nuovo codice 5. Di seguito si effettua un riepilogo sul funzionamento di tutti i codici presenti al campo “Tipo gestione TFR”. Codice Mese intero:

Assunzione/licenziamento:

1

Funzionamento la voce di accantonamento TFR viene valorizzata con quantità pari alle ore/giorni di contratto. la voce di accantonamento TFR viene valorizzata seguendo lo stesso criterio di determinazione della voce di lavoro ordinario. Il programma verifica l’impostazione presente ai campi “Mensilizzati assunti” o “Mensilizzati licenziati” di tabella personalizzazione procedura (TB1108). Se nel campo di riferimento è presente il codice A, la voce di accantonamento TFR viene valorizzata sottraendo dalle ore/giorni di contratto solo le ore/giorni non lavorati (individuati dal giustificativo AC). Se nel campo di riferimento è presente il codice C, la voce di accantonamento TFR viene valorizzata sommando alle ore/giorni standard le ore/giorni dei giustificativi di assenza che ricadono nel periodo in forza.

Integrazione alla guida utente PAGHE 2009.1.6

20


IMPLEMENTAZIONI

2

Mese intero:

la voce di accantonamento TFR viene valorizzata sottraendo dalle ore/giorni di contratto la quantità dei giustificativi che hanno il campo “Monte ore TFR” pari a “N”.

Assunzione/licenziamento:

la voce di accantonamento TFR viene valorizzata seguendo lo stesso criterio di determinazione della voce di lavoro ordinario. Inoltre viene detratta la quantità dei giustificativi presenti nel periodo in forza con “Monte ore TFR” pari a “N”.

Mese intero: Assunzione/licenziamento:

sia nel mese interamente in forza che nel mese di assunzione o licenziamento, la voce di accantonamento TFR viene valorizzata sommando alle ore/giorni standard presenti nel mese la quantità dei giustificativi con “Monte ore TFR” pari a “S”.

Mese intero: Assunzione/licenziamento:

sia nel mese interamente in forza che nel mese di assunzione o licenziamento, la voce di accantonamento TFR viene valorizzata con quantità pari alle ore/giorni di contratto.

Mese intero:

la voce di accantonamento TFR viene valorizzata sottraendo dalle ore/giorni di contratto la quantità dei giustificativi che hanno il campo “Monte ore TFR” pari a “N”.

Assunzione/licenziamento:

la voce di accantonamento TFR viene valorizzata sottraendo dalle ore/giorni di contratto la quantità dei giustificativi che ricadono nel periodo in forza e che hanno “N” al campo “Monte ore TFR”.

3

4

5

I codici 1, 2, 4, 5 sono utilizzabili per i dipendenti mensilizzati. Il codice 3 è utilizzabile per i dipendenti orari. Si ricorda che per tutti i codici presenti viene verificato che il dipendente sia in forza per almeno 15 giorni. In caso contrario non viene generata la voce di accantonamento TFR.

Creazione nuovi campi per gestione calendario sfasato Nella sezione “Altro” di tabella Dati presenze (TB1102) sono stati creati cinque nuovi campi in cui collegare alcune voci di calcolo utilizzate nella gestione del calendario sfasato. Voce rettifica assegni familiari:

in questo campo deve essere collegata la voce di calcolo utilizzata dal programma per effettuare il recupero della quota di assegni familiari non dovuta, erogata al dipendente nel mese precedente a quello in elaborazione, sulla base delle presenze teoriche. Per istruzioni in merito al controllo effettuato dal programma per la generazione della voce si rinvia a pag. 10.

Voce rettifica ore EMENS: Voce rettifica giorni EMENS:

in questi campi vanno collegate le voci di calcolo utilizzate dal programma per effettuare la rettifica delle ore o dei giorni retribuiti indicati nelle denuncia EMENS del mese precedente a quello in elaborazione. Per istruzioni in merito al controllo effettuato dal programma per la generazione delle voci si rinvia a pag. 14.

Integrazione alla guida utente PAGHE 2009.1.6

21


IMPLEMENTAZIONI

Voce recupero accantonamento TFR:

in questo campo deve essere collegata la voce di calcolo utilizzata dal programma per effettuare il recupero dell’ accantonamento TFR calcolato nel mese precedente sulla base delle presenze teoriche. Per istruzioni in merito al controllo effettuato dal programma per la generazione della voce si rinvia a pag. 11.

Voce recupero giorni detrazioni:

in questo campo deve essere collegata la voce di calcolo utilizzata dal programma per recuperare i giorni di detrazione riconosciuti al dipendente licenziato nel caso in cui il cedolino dell’ultimo mese venga elaborato senza indicazione della data di cessazione. Per istruzioni in merito al controllo effettuato dal programma per la generazione della voce si rinvia a pag. 14.

Tali voci vengono create e collegate in tabella dal comando IMPVOCI (vedi pag. 41), eseguito dal programma di conversione CONV0916 (fase 5). Per gli utenti CONTRA, la creazione delle voci descritte ed il loro collegamento nei rispettivi campi di tabella Dati presenze (TB1102) verrà comunque effettuato con la versione 2009.10.0.

Anagrafiche e Gestioni

VOCI

Nuovo codice composizione retribuzione E’ stato creato il nuovo “Codice composizione retribuzione” 70 utile per la gestione del cedolino con modalità sfasata. Il nuovo codice consente di assumere come base della voce di calcolo: ¾ la retribuzione del mese attuale, per i dipendenti senza attivazione del calendario sfasato; ¾ la retribuzione del mese precedente, per i dipendenti con attivazione del calendario sfasato (vedi pag. 9). Tale controllo viene effettuato sia per i cedolini elaborati con PRESEN che per quelli elaborati con CEDOL.

Integrazione alla guida utente PAGHE 2009.1.6

22


IMPLEMENTAZIONI

Elaborazioni mensili Elaborazioni

CONG730

Rateizzazione conguaglio 730 Sulla base delle disposizioni vigenti in materia di conguaglio da assistenza fiscale, si ricorda che, con riferimento ai dipendenti retribuiti nel mese successivo a quello di competenza, la rateizzazione del debito Irpef risultante da conguaglio 730 può essere effettuata in un numero massimo di 4 rate, in modo tale da terminare nel mese di novembre con le retribuzioni di competenza del mese di ottobre (vedi News tecnica TeamSystem n. 1156 del 22.7.09). Con l’esecuzione del comando CONG730 (o QUADR) per la mensilità di ottobre il programma verificherà le seguenti condizioni: 1. il dipendente risulta retribuito nel mese successivo (azienda che retribuisce nel mese successivo, senza anticipo del versamento ne a livello di filiale ne a livello del dipendente stesso); 2. il dipendente presenta un debito da 730 che risulta essere stato suddiviso in 5 rate (campo “Numero rate” di pagina 12/1 di DIPE). In presenza delle condizioni sopra descritte, il programma provvederà automaticamente a trattenere nel cedolino del mese di ottobre l’importo pari alla somma della 4^ e 5^ rata, nonché gli interessi dovuti su tale valore.

Elaborazioni

PDFPAG

Esportazione stampe in PDF Inserita la possibilità di impostare la password di accesso ai file .pdf generati con il comando PDFPAG solo in caso di utilizzo delle funzioni di invio e-mail di tali file (scelte 1, 2 e 5 del suddetto comando) e di non impostarla, invece, in caso di archiviazione degli stessi (scelte 3 e 4 di PDFPAG). A tal fine, è necessario indicare il codice “A” nell’apposito campo 83 (“Indicare S per memorizzare PDF senza password”) della tabella “Parametri e personalizzazioni” (TB1203).

Integrazione alla guida utente PAGHE 2009.1.6

23


IMPLEMENTAZIONI

Gestione eventi tutelati

TLMA01

Denuncia infortunio telematica A decorrere dal 2.10.2009, l’Inail ha aggiornato il tracciato record della denuncia di infortunio telematica, con riferimento alle tabelle ISTAT-ASL e Sedi INAIL. Sulla base di tale aggiornamento, in Gestione Denuncia Infortunio (sezione 1 “Dati infortunato”), i campi “Codice ISTAT” e “Codice ASL” sono stati allineati alla nuova codifica fornita dall’INAIL. Inoltre, il programma in oggetto è stato implementato al fine di prelevare i codici Istat del comune di nascita e di residenza del dipendente, dal nuovo campo “Cod. Comune/Provincia ISTAT” introdotto nella tabella “Anagrafica comuni” (v. pag. 19).

Stampe

STQUA

Stampa cedolino riepilogativo Ampliata la colonna “Ore/giorni” del cedolino riepilogativo al fine di contenere fino ad un massimo di 7 cifre intere e 2 decimali.

Integrazione alla guida utente PAGHE 2009.1.6

24


IMPLEMENTAZIONI

INPS

TESR41 Domanda di CIG in deroga con pagamento diretto Nell’apposita sezione del sito internet INPS (www.inps.it > ‘Servizi online’ > ‘Aziende, consulenti e professionisti’ > ‘Servizi per le aziende e consulenti’ > ‘Domande CIGS e CIG in deroga’), sono stati messi a disposizione degli utenti abilitati all’accesso, le procedure ed i supporti informatici utili all’elaborazione ed all’invio telematico delle domande di cassa integrazione in deroga, nonché dell’eventuale richiesta di pagamento diretto dell’integrazione salariale da parte dell’Istituto. Per la domanda di CIG in deroga con pagamento diretto, è richiesta la trasmissione all’INPS, per via telematica, della seguente documentazione: 1. Domanda di CIG in deroga (Mod. IG15/Deroga – COD. SR100) Tale modello deve essere elaborato in formato xml mediante il software Inps DigiWeb (‘Area download’ > ‘Procedura di acquisizione (DigiWeb)’) ed inviato con l’apposita funzione presente nella medesima sezione (‘Domande CIGS’ > ‘Invia domande’). 2. Richiesta pagamento diretto (Mod. IG STr. Aut COD. SR41) In tale modello sono contenute le informazioni anagrafiche e retributive di ciascun lavoratore interessato dall’intervento, necessarie per la determinazione e l’erogazione dell’integrazione salariale spettante. Tale modello deve essere elaborato ed inviato in formato txt, sulla base delle specifiche tecniche fornite dall’Inps, nonché stampato e conservato dall’azienda, debitamente controfirmato dal rispettivo dipendente. 3. Lista beneficiari Elenco dei lavoratori interessati dalla cassa integrazione in deroga, da elaborare ed inviare in formato xml 4. Copia dell’accordo sindacale stipulato ai fini della richiesta di CIG in deroga Nell’applicativo PAGHE è stato introdotto il nuovo comando TESR41 che consente di generare automaticamente i file relativi al modello SR41 (punto 2) ed alla lista dei beneficiari (punto 3), rispettivamente nei formati txt e xml, che dovranno essere trasmessi con le modalità previste dall’INPS.

Telematico richiesta di pagamento diretto (Mod. SR41) e lista beneficiari Nell’area riservata del sito INPS (sezione ‘Domande CIGS e CIG in deroga’ > ‘Procedura CIG a pagamento diretto’), sono stati messi a disposizione degli utenti abilitati i seguenti strumenti: a) un file Excel specificamente predisposto per l’inserimento manuale delle informazioni richieste nel mod. SR41 (area “Download applicazione” > “Kit Cig_SM” > “sm_cig.xls”); b) software da scaricare ed installare (“Download applicazione” > “Kit Cig_SM” > “Setup Cig_sm”) al fine di: ¾ convertire il file Excel in un file in formato txt corrispondente alle specifiche richieste per l’invio telematico; ¾ generare, sulla base dello stesso file .txt, il mod. SR41 in formato .pdf (uno per ciascun dipendente inserito), utile per la stampa cartacea dei modelli SR41. Nell’applicativo PAGHE è stato creato il comando TESR41 che consente di estrarre automaticamente dall’applicativo le informazioni utili alla generazione del relativo file in formato testo (.txt ) corrispondente alle specifiche tecniche Inps.

Integrazione alla guida utente PAGHE 2009.1.6

25


IMPLEMENTAZIONI In tal modo, l’utente PAGHE potrà procedere direttamente all’invio telematico del file txt senza necessità di compilare il file excel fornito dall’Inps (punto a). Rimane comunque necessario prelevare ed installare l’apposito software Inps (punto b) al fine di generare una versione stampabile (formato pdf) del modello SR41 relativo a ciascun dipendente interessato. Sulla base delle relative specifiche tecniche, il file telematico del modello SR41 risulta composto dalle seguenti tipologie di dati (Tipi record): - Tipo record 00 (obbligatorio) Dati generali relativi all’azienda/intermediario che effettua l’invio telematico; - Tipo record 10 (obbligatorio) Dati relativi all’azienda che richiede la CIG in deroga con pagamento diretto; - Tipo record 20 (obbligatorio) Dati anagrafici dei lavoratori interessati dall’evento di CIG; - Tipo record 30 Dati relativi al trattamento di fine rapporto; - Tipo record 40 Dati relativi all’orario ed alla retribuzione della mensilità corrente, utili al calcolo delle prestazioni da liquidare al lavoratore; - Tipo record 50 Dati relativi alla quantificazione delle mensilità aggiuntive; Si precisa che nel file telematico generato con il comando TESR41 non vengono mai riportati i dati relativi al Tfr (tipo record 30 del file telematico e quadro E del mod. SR41 cartaceo) ed i dati relativi alle mensilità aggiuntive (tipo record 50 e quadro D del modello); nel caso in cui si intenda comunicare anche tali informazioni l’utente dovrà necessariamente utilizzare la procedura fornita dall’Inps (compilazione manuale dell’apposito file excel e generazione del file txt mediante il software Inps). Si sottolinea che il comando TESR41 consente la creazione del file telematico (txt) con riferimento ad un’unica azienda e ad un’unica mensilità. Pertanto, tale comando deve essere ripetuto per ciascuna azienda e per ciascun mese per cui si intende effettuare la richiesta di pagamento diretto. In presenza di più filiali con diversa posizione assicurativa Inps, le informazioni riportate nel file telematico verranno raggruppate per matricola Inps, generando un record aziendale (tipo record 10) per ciascuna posizione associata all’azienda.

Integrazione alla guida utente PAGHE 2009.1.6

26


IMPLEMENTAZIONI

Eseguendo il comando TESR41 il programma propone la seguente videata nella quale, dopo aver effettuato la selezione dell’azienda e del periodo interessato, è possibile visualizzare e gestire alcune delle informazioni che verranno riportate all’interno del file telematico:

Azienda:

selezionare l’azienda interessata.

Mese:

selezionare il mese interessato dall’evento di CIG in deroga con pagamento diretto.

Sigla giustificativo:

in tale campo deve essere indicata la sigla del giustificativo utilizzato per la gestione dell’evento di CIG in deroga con pagamento diretto (v. pag. 23 note PAGHE 2009.1.2). Nel file telematico SR41 verranno riportati tutti i dipendenti dell’azienda che, nel calendario presenze del mese selezionato, presentano il suddetto giustificativo.

Data creazione:

data di elaborazione del file, da riportare nel campo “data creazione del supporto” del tipo record 00.

Intermediario:

indicare il soggetto che effettua l’invio telematico; non inserendo alcun codice nel presente campo, le relative informazioni verranno prelevate dalla tabella “Anagrafica studio/azienda” (TB0001). Se si desidera indicare un diverso intermediario, è necessario compilare il campo indicando un codice disponibile e creando la relativa tabella mediante il tasto funzione F4. Ai fini della compilazione del modello SR41 e sufficiente compilare i campi “Denominazione”, “Indirizzo/Domicilio legale”, “Codice fiscale” e “Codice sede INPS”. Si precisa che, l’indirizzo e-mail dell’intermediario viene prelevato in ogni caso dal relativo campo della tabella “Anagrafica studio/azienda”.

Numero decreto: Data decreto:

indicare il codice e la data del provvedimento di autorizzazione regionale; il programma propone per default, con possibilità di variazione, il codice 04 e la data 26/5/2009.

Numero autorizzazione: Data autorizzazione:

in tali campi è richiesto il numero e la data dell’autorizzazione rilasciata dall’Inps. Integrazione alla guida utente PAGHE 2009.1.6

27


IMPLEMENTAZIONI

Orario settimanale:

viene riportato, sia per gli operai che per gli impiegati, il valore presente al campo “Ore settimanali contrattuali” di pagina 3 di AZIE, con riferimento alla prima filiale dell’azienda selezionata.

Giorni lavorativi della settimana:

viene riportato il valore risultante dal rapporto fra le ore settimanali e le ore giornaliere indicate al campo “Coefficiente gg/ore” di pagina 3 di AZIE, con riferimento alla prima filiale dell’azienda selezionata.

Codice orario:

viene riportato il codice “00” che identifica gli orari uniformemente distribuiti su tutti i giorni lavorativi; diversamente, dovrà essere impostato manualmente un diverso codice, sulla base dell’apposita tabella allegata alle specifiche tecniche fornite dall’Inps.

I successivi campi sono utili per riportare le specifiche informazioni su tutti i dipendenti selezionati, salvo la possibilità di visualizzarle e modificarle a livello di singolo dipendente. Codice sindacato:

in tale campo va indicato il codice della sigla sindacale di riferimento per la procedura di CIG; a tal fine, mediante il tasto F2, è possibile visualizzare e selezionare la sigla interessata, sulla base dell’apposita tabella fornita dall’Inps.

Retribuzione oraria pagata:

indicare l’eventuale importo orario di retribuzione integrativa corrisposta dall’azienda per le stesse ore di CIG ed assoggettata a contribuzione.

Assegni familiari:

contrassegnare il presente campo nel caso in cui si richieda che l’Inps, contestualmente all’integrazione salariale, provveda anche alla erogazione degli assegni familiari eventualmente spettanti per il periodo di CIG. In tal caso, per i dipendenti con diritto agli assegni familiari (“S” al campo “Carichi familiari” della relativa sezione di pagina 4 di DIPE), il programma inserirà nel file telematico le relative informazioni richieste (numero figli, importo assegno, ecc.), prelevate dalla pagina 4 di DIPE.

Detrazioni:

contrassegnare il campo se si richiede l’applicazione delle detrazioni da lavoro dipendente (Detrazioni art. 11 T.U.I.R.).

Confermando le impostazioni sopra elencate, il programma procede alla verifica del calendario presenze relativo al mese selezionato, evidenziando nella videata di seguito riportata i dipendenti dell’azienda che presentano il giustificativo di CIG indicato dall’utente.

Integrazione alla guida utente PAGHE 2009.1.6

28


IMPLEMENTAZIONI

Per ciascuna settimana (o frazione di settimana) vengono evidenziate le ore di CIG rilevate.

Entrando in variazione (pulsante “Varia”) è possibile: - contrassegnare, nella colonna “Escluso”, gli eventuali dipendenti che non si desidera riportare all’interno del file telematico; - mediante il tasto funzione F4, visualizzare e gestire, a livello di singolo dipendente, le informazioni di seguito riportate.

Orario settimanale: Giorni lavorativi settimanali: Codice orario: Codice sindacato:

in tali campi vengono visualizzati, con possibilità di variazione, i valori indicati negli equivalenti campi presenti a livello di azienda (maschera iniziale del comando TESR41); i dati relativi all’orario lavorativo vengono riportati nel file telematico, fra i dati del lavoratore, solo se diversi da quelli indicati nei dati aziendali.

Integrazione alla guida utente PAGHE 2009.1.6

29


IMPLEMENTAZIONI

Dettaglio settimane:

in tale riquadro, per ciascuna settimana del mese, viene evidenziato il numero di ore CIG rilevate dal suddetto giustificativo. La casella “Accredito figurativo” viene contrassegnata nel caso in cui la settimana debba essere accreditata figurativamente anche come numero, non essendo stata erogata dall’azienda alcuna forma di retribuzione. A tal fine il programma verifica le settimane che risultano non retribuite all’interno dell’apposita sezione della testata del cedolino (campo “settimane inps” > pulsante “F4=Dettaglio settimane”). Per le settimane comprese tra due mesi (lunedì in un mese e sabato nel mese successivo), il campo relativo all’accredito figurativo viene compilato con le modalità di seguito descritte. Per la frazione di settimana che non comprende il sabato (ossia ultima settimana del mese) non viene mai contrassegnato il campo “Accredito figurativo”. Per la frazione di settimana che comprende il sabato (prima settimana del mese successivo) il suddetto campo viene contrassegnato solo se entrambe le frazioni di settimana risultano accreditabili, ovvero se nella testata del cedolino di entrambe le mensilità tali frazioni di settimana risultano ambedue non retribuite.

Retribuzione oraria:

viene riportata la retribuzione oraria del dipendente prelevata da pagina 2 di DIPE; per i dipendenti mensilizzati, il valore presente in tale sede viene diviso per il numero delle ore contrattuali mensili.

Retr. oraria pagata dall’azienda:

viene riportato il valore indicato nell’equivalente campo presente a livello di azienda (maschera iniziale del comando TESR41);

Retribuzione mensile:

viene riportato l’importo mensile della retribuzione di pagina 2 di DIPE, aumentato dei relativi ratei di mensilità aggiuntive (un dodicesimo per ciascuna delle mensilità aggiuntive risultanti dal campo “Mensilità totali” di pagina 6 di DIPE).

Assegni familiari: Detrazioni:

tali campi vengono contrassegnati in base all’impostazione inserita negli equivalenti campi presenti nella maschera iniziale del comando TESR41.

Tipo pagamento: Conto corrente:

tali informazioni vengono automaticamente compilate in base ai dati presenti in pagina 4/4 di DIPE: - se presente il codice 2 al campo “Codice pagamento” e le relative coordinate bancarie, il programma contrassegna la casella “Conto corrente” e riporta le tali coordinate; - se al campo “Codice pagamento” risulta un codice diverso da 2, il programma contrassegna il campo “Assegno presso il lavoratore”.

Escludi dal telematico:

contrassegnando tale casella è possibile escludere il singolo dipendente dal file telematico generato con il comando TESR41.

Integrazione alla guida utente PAGHE 2009.1.6

30


IMPLEMENTAZIONI

Di seguito si riportano le modalità di prelievo di alcune informazioni non presenti nella gestione del comando TESR41, ma riportate automaticamente nel file telematico come da relativo tracciato record. ¾ Tipo record 00: Dati generali invio telematico Tipo supporto:

viene riportato il codice “D”, identificativo della CIG a pagamento diretto.

¾ Tipo record 10: Dati aziendali Inizio / fine periodo integrato:

vengono riportate le date di inizio e fine del periodo di CIG, individuato verificando la presenza del relativo giustificativo nel calendario presenze di tutti i dipendenti dell’azienda. Come data inizio viene indicato il lunedì della prima settimana interessata dall’evento (o il primo giorno del mese), mentre come data fine viene indicata la domenica dell’ultima settimana interessata (o l’ultimo giorno del mese).

¾ Tipo record 20: Dati anagrafici lavoratore Qualifica:

qualifica Inps 1.

Data assunzione: Data cessazione:

vengono riportate le relative date presenti in pagina 1 di DIPE; la data di cessazione viene riportata solo se cadente nel corso del periodo di CIG (campi “Inizio / fine periodo integrato” del tipo record 10).

Titolare di pensione:

viene riportato il valore “S” nel caso in cui risulti valorizzato il campo “Trattenuta pensione” del cedolino elaborato (sezione “Totali” > “Altri dati”).

Codice qualifica:

viene riportata la qualifica composta da qualifica Inps 1, 2 e 3.

¾ Tipo record 40: Dati retributivi mensilità correnti Trattenuta pensionati:

viene riportato il valore eventualmente presente nel campo “Trattenuta pensione” del cedolino elaborato (sezione “Totali” > “Altri dati”).

Numero giorni utili per la gestione fiscale:

il campo viene valorizzato nel caso in cui sia richiesto il riconoscimento delle detrazioni spettanti (campo “Detrazioni” contrassegnato). In tal caso viene riportato il numero dei giorni di calendario per i quali il dipendente risulta in forza nel mese in questione.

Data inizio mese: Data fine mese: Data inizio applicazione detrazioni dal reddito:

non compilati (valorizzati a ‘spazio’). viene indicato il primo giorno del mese o la data di assunzione se cadente nel mese in questione.

Confermando le impostazioni, è possibile procedere alla generazione e memorizzazione del file telematico in formato txt. Il file viene generato nella cartella delle stampe di procedura (\CED\sta) con la denominazione SR41_nnnn_aaaamm.txt, dove nnnn rappresenta il codice dell’azienda mentre aaaa e mm rappresentano l’anno ed il mese interessati dall’evento di CIG per il quale si richiede il pagamento diretto. Contestualmente, viene visualizzato il pulsante “Esporta” che consente di selezionare la posizione in cui memorizzare il file, nonché i pulsanti “Copia” e “Formatta e copia” che consentono la memorizzazione su floppy disk.

Integrazione alla guida utente PAGHE 2009.1.6

31


IMPLEMENTAZIONI

Terminata l’elaborazione (e premuto il pulsante “Uscita”), il programma consente di generare anche la lista beneficiari ovvero l’elenco dei dipendenti (inseriti nel telematico SR41) per i quali si richiede il pagamento diretto dell’integrazione salariale. A tal fine viene evidenziato il seguente messaggio:

Digitando “Si” il programma procederà alla creazione del file in formato xml (SR41_nnnn_aaaamm.xml) contenente i dati dei dipendenti interessati (nome e cognome, cod. fiscale, data e luogo di nascita), che dovrà essere inviato per via telematica contestualmente alla domanda di CIG in deroga con pagamento diretto.

Integrazione alla guida utente PAGHE 2009.1.6

32


IMPLEMENTAZIONI

STACIG Stampa brogliaccio domanda di integrazione salariale E’ stato introdotto il comando STACIG che consente di produrre un prospetto da utilizzare nella compilazione nella domanda CIG. La stampa può essere effettuata indipendentemente dalla modalità di gestione della domanda CIG (manuale o automatica) in quanto le informazioni necessarie vengono ricavate sulla base dei giustificativi inseriti nel calendario presenze dei dipendenti interessati. La stampa del brogliaccio deve essere eseguita dopo aver elaborato i cedolini della mensilità in cui si verifica l’evento di CIG. Con riferimento al mese selezionato, la stampa racchiude le seguenti informazioni: ¾ Dati relativi all’azienda In testa al tabulato vengono stampati i dati relativi all’azienda che presenta la domanda. Tali dati vengono prelevati da pagina 1 di AZIE, sezione “Anagrafica” ad eccezione del numero di posizione Inps che viene prelevato da pagina 2 di AZIE. Le domande vengono suddivise per matricola inps, causa della riduzione o sospensione dell’attività (ordinaria e straordinaria), per tipo CIG (1^ richiesta o proroga) e per deroga. Il prospetto può ulteriormente essere ordinato per filiale, centro di costo o reparto in base al criterio prescelto dall’utente in fase di impostazione dei limiti di stampa.

Vengono inoltre evidenziate le seguenti informazioni: Settimane intere di calendario:

numero di settimane che, nel mese selezionato, sono interessate da CIG a zero ore (presenza di almeno un dipendente sospeso dall’attività lavorativa).

Tot. ore:

numero di ore di CIG complessivamente richieste nel periodo interessato dalla sospensione o riduzione dell’attività lavorativa.

Richiesta dal…al:

con riferimento al mese selezionato, viene evidenziato il periodo interessato dalla sospensione o riduzione dell’attività lavorativa. Se la CIG si sviluppa su più mesi, come data di fine periodo viene proposta quella dell’ultima domenica del mese selezionato. I dati riferiti alla settimana a cavallo del mese vengono esposti nella stampa riferita al mese successivo.

Causa:

causa della riduzione o sospensione dell’attività lavorativa (cig ordinaria o straordinaria).

Tipo:

viene indicato se si tratta di prima richiesta o di proroga (per i soli eventi di CIG straordinaria o di CIG in deroga); in quest’ultimo caso viene riportato anche il numero di proroga presente nella relativa domanda.

In deroga:

viene indicato “S” nel caso in cui si tratti di CIG in deroga (campo “CIG in deroga”, all’interno della domanda, compilato).

Integrazione alla guida utente PAGHE 2009.1.6

33


IMPLEMENTAZIONI

¾ Quadro D: distinta lavoratori in forza all’inizio del periodo di CIG richiesto In questa sezione vengono riportati tutti i dipendenti in forza all’inizio del periodo di CIG richiesto (compresi quelli non interessati dal trattamento di integrazione), suddivisi per tipologia di rapporto di lavoro, per qualifica ricoperta e per sesso, come previsto dal modello SR21.

Nel quadro D non vengono riportati: y i dipendenti con “Trattamento Irpef” pari a 6, 8, 9, A (DIPE, pag. 1); y i lavoratori interinali inseriti nell’archivio DIPINT. Per i dipendenti che hanno subito un trasferimento o un passaggio diretto (DIPE, pag. 1, “Stato dipendente” 8 o 9 e assenza della data di licenziamento) il programma controlla le date di entrata e uscita (DIPE , pag. 1, tasto F4 su campo “Data assunzione”). Gli apprendisti vengono considerati operai o impiegati in base al “Cod. trattamento qualifica” presente in pagina 1 di DIPE. Formazione e lavoro:

in tale colonna vengono riportati i dipendenti con posizione assicurativa (DIPE, pag. 1) compresa tra 80 e 84.

¾ Quadro E: Distinta dei lavoratori per i quali viene richiesto l’intervento In questa sezione vengono evidenziati i dipendenti per i quali viene richiesta la cassa integrazione guadagni, suddivisi per qualifica e per tipologia di lavoro. I lavoratori sospesi dal servizio vengono distinti da quelli per i quali è stata operata una riduzione di orario. Se nel corso delle varie settimane di cig a cui la domanda si riferisce, per uno stesso dipendente si verifica sia la sospensione dal servizio che la riduzione dell’attività lavorativa, tale dipendente viene esposto in entrambe le colonne (“Sospesi” e “Orario ridotto”).

¾ Quadro H: Dati relativi ai reparti e lavoratori addetti ai reparti In questa sezione vengono suddivisi i lavoratori in funzione dei reparti dell’azienda (il programma verifica il campo “Codice reparto” presente nel cedolino). I reparti interessati dalla riduzione o sospensione dell’attività lavorativa vengono evidenziati con una “X” posta a lato della descrizione del reparto.

Per ciascun reparto, suddivisi per qualifica inps, vengono riportati: y tutti i dipendenti in forza addetti al reparto; y i dipendenti addetti al reparto interessati dalla CIG; y i dipendenti assunti o licenziati nei tre mesi precedenti a quello in cui si verifica la CIG; y i dipendenti licenziati o dimessi nel corso o al termine del periodo di CIG richiesto. Integrazione alla guida utente PAGHE 2009.1.6

34


IMPLEMENTAZIONI

¾ Quadro I: Dati relativi alle ore effettuate in ciascuna settimana dai lavoratori distinti per qualifica Nel quadro I vengono riportati esclusivamente i dipendenti interessati dall’integrazione salariale con rapporto di lavoro full-time. Per ogni periodo di CIG tali dipendenti vengono suddivisi in base alla qualifica e all’orario di lavoro. Le ore/minuti e i giorni in cui si articola l’orario di lavoro vengono prelevati dal calendario settimanale base (TB1104) collegato al dipendente. N. sett:

numero progressivo identificativo della settimana interessata dalla CIG; Se la domanda ricopre più settimane, vengono compilate tanti righe (massimo 5) quante sono le settimane di CIG nel mese;

Lavoratori sospesi:

numero di dipendenti in CIG a zero ore;

Ore:

per i dipendenti con riduzione dell’orario di lavoro, vengono riportate le ore di CIG richieste e il numero di lavoratori interessati;

Totale ore:

numero di ore di CIG complessivamente richieste per gli operai e per gli impiegati che svolgono l’orario settimanale indicato in testa al quadro;

¾ Quadro L: Dati relativi alle ore effettuate in ciascuna settimana dai lavoratori distinti per qualifica con part-time In questa sezione vengono riportati esclusivamente i dipendenti interessati dall’integrazione salariale con rapporto di lavoro part-time (orizzontale, verticale e misto). Le informazioni proposte in stampa sono le stesse del quadro I. ¾ Quadro N: Dati relativi al periodo di ferie retribuite, riposi compensativi e permessi fruiti In questa sezione, riguardante i lavoratori per i quali è stata richiesta la CIG, viene stampata la situazione delle ferie e dei permessi residui aggiornata al mese precedente a quello in cui si verifica l’evento. Le informazioni per la compilazione del quadro vengono prelevate dalla sezione “Ratei” di pagina 6 di DIPE.

Nel modello SR21 la quantità residua di ferie e permessi deve essere espressa in giorni, pertanto, in caso di dipendenti con maturazione del rateo a ore, il programma effettua la conversione in giorni utilizzando come divisore il valore presente al campo “Coefficiente gg/ore” di pagina 3/1 di AZIE. Per i dipendenti con rapporto di lavoro a tempo parziale, tale coefficiente viene riproporzionato in base alla percentuale di part-time indicata a pagina 1 di DIPE. ¾ Quadro O: Festività infrasettimanali richieste per i lavoratori che non prestano attività da oltre due settimane Questa sezione viene compilata esclusivamente per i dipendenti orari per i quali la festività risulta a carico dell’Inps (presenza del giustificativo di CIG nel giorno festivo). Si ricorda che il programma genera il giustificativo di CIG in corrispondenza del giorno festivo se la festività ricade dopo il 15esimo giorno di CIG a zero ore e se sia la settimana in cui cade il giorno festivo, che le due settimane precedenti sono interessate dall’evento di CIG a zero ore (vedi note vers. PAGHE 2009.1.2, pag. 29). In presenza del giustificativo, nel quadro O viene stampata la data in cui cade la festività e il numero di dipendenti per i quali la festività rientra nelle ore integrabili dall’Inps.

Integrazione alla guida utente PAGHE 2009.1.6

35


IMPLEMENTAZIONI

DMAG Adeguamento modello DMAG alle nuove specifiche tecniche Il programma di generazione del file telematico DMAG è stato allineato alle nuove specifiche tecniche fornite dall’Inps (versione 1.7 del 29.06.2009 valide a decorrere dal 3° trimestre 2009) e pubblicate sul sito www.inps.it > Servizi Online > Aziende, Consulenti e Professionisti > Modelli DMAG: trasmissione telematica > Documentazione. In particolare, tali specifiche prevedono:

1. Dichiarazione sulla veridicità del versamento degli importi relativi alle quote a carico dei lavoratori E’ stato introdotto l’elemento <DICHTRATTQUOTALAV> nel quale il datore di lavoro dichiara di avere o di non avere trattenuto la quota contributiva a carico del lavoratore. Il Tag ammette i valori S o N ed è valido a partire dal 3° trimestre 2009. Per le competenze precedenti il 3° trimestre 2009 il Tag dovrà contenere l’insieme vuoto. Per consentire la compilazione del nuovo elemento a pagina 18 di AZIE > Parametri Aziendali è stato introdotto il campo “Contributi c/dipendente trattenuti”. Il programma di conversione CONV0920 compila il campo a “S”.

2. Progressivo pagina del Registro d’impresa Per effetto dell’abrogazione del Registro d’impresa, dal 1° trimestre 2009 il Tag <NUMEROREGISTROIMPRESA> dovrà contenere il valore “zero”. Nell’applicativo PAGHE, l’informazione presente al campo “Num. progr.” di pagina 22/1 di DIPE, verrà mantenuta invariata. A partire dal 1° trimestre 2009, il programma di prelievo dati valorizzerà il campo <NUMEROREGISTROIMPRESA> a zero.

Integrazione alla guida utente PAGHE 2009.1.6

36


IMPLEMENTAZIONI

3. Nuovo Tipo Retribuzione “E” La vers. 1.7 delle specifiche tecniche prevede l’introduzione del nuovo codice E che andrà apposto nella casella “TipoRetribuzione” del quadro F per evidenziare, da parte delle aziende agricole che versano il TFR al Fondo di Tesoreria Inps, l’importo della rivalutazione sul TFR al lordo dell’imposta sostitutiva, senza l’indicazione delle giornate. L’Inps, con circolare n. 104 del 27 agosto 2009 ha comunicato che tale importo dovrà essere indicato: y per la rivalutazione relativa l’anno 2008, a decorrere dalla presentazione del DMAG relativo al 3° trimestre 2009 (da inviare entro il 31 ottobre 2009); il modello DMAG dovrà essere di tipo V e riportare quale periodo di competenza il 4° trimestre 2008; y a regime, con il DMAG relativo al 4° trimestre di ogni anno. Nell’ipotesi che alla scadenza della presentazione della dichiarazione del 4° trimestre, le aziende non avessero ancora disponibile il dato della rivalutazione, la stessa dovrà essere dichiarata alla prima scadenza utile con DMAG di tipo V, riportante come competenza il 4° trimestre e l’anno di riferimento della rivalutazione. DMAG di variazione per il 4° trimestre 2008 Nell’applicativo PAGHE per elaborare il DMAG di variazione per il 4° trimestre 2008, contenente solo l’importo della rivalutazione sul TFR riferita a tale anno, è necessario procedere come segue: y effettuare il prelievo dati per il trimestre in oggetto (4° 2008). Alla domanda “Solo variazioni TFR?” rispondere “N”. Dopo aver selezionato le aziende da elaborare ed aver confermato i limiti impostati, viene proposto il seguente messaggio:

Rispondendo “SI” il programma genera il DMAG di variazione per tutti i dipendenti, in forza o licenziati nel corso del 2008, per i quali è presente la rivalutazione sul TFR. L’importo della rivalutazione viene prelevato da pagina 10/2 di DIPE, anno 2008 (campo “rivalutazione anno”). DMAG di variazione per il 1° e 2° trimestre 2009 in presenza di dipendenti licenziati La procedura indicata per la creazione del DMAG di tipo “V” per il 4° trimestre 2008 deve essere seguita anche per elaborare una denuncia di variazione per il primi due trimestri dell’anno 2009, in presenza di dipendenti licenziati in tale periodo. L’importo della rivalutazione viene prelevato dai cedolini dei dipendenti interessati (somma degli importi presenti nei “Totali < Tassazione separata” ai campi “INPS riv” e “I. sos. Erogata”). Prelievo a regime DMAG 4° trimestre di ogni anno L’importo della rivalutazione sul TFR per i dipendenti in essere, verrà riportato nel DMAG relativo al 4° trimestre di ogni anno. Dipendenti licenziati Per i dipendenti licenziati, l’importo della rivalutazione verrà riportato nel mese di erogazione del TFR. Integrazione alla guida utente PAGHE 2009.1.6

37


IMPLEMENTAZIONI

ANNOTAZIONI La possibilità di creare un DMAG di variazione per comunicare solo l’importo della rivalutazione sul TFR a Fondo di Tesoreria è presente esclusivamente per il 4° trimestre 2008, per il 1° e 2° trimestre 2009.

Codici ISTAT Alla luce delle modifiche apportate in tabella comuni (TB0009) relative all’aggiornamento dei codici ISTAT identificativi del comune e della provincia (vedi pag. 19), si precisa che il codice ISTAT per il modello DMAG viene prelevato dal campo “Cod. Comune/Provincia ISTAT a 103 prov”.

Integrazione alla guida utente PAGHE 2009.1.6

38


IMPLEMENTAZIONI

Altri enti

ENPALS Stampa denuncia mensile ENPALS Modificato il programma di stampa della denuncia ENPALS (analitica e sintetica) al fine di generare la stampa in ordine alfabetico di cognome/nome e non di codice fiscale. A tale scopo, nella maschera di avvio della stampa è stato inserito il campo “Ordine alfabetico” che risulterà contrassegnato di default.

CADITEL Telematico Ente C.A.DI.PROF. Adeguato il programma di generazione del file telematico alle nuove specifiche tecniche (versione 1.7.9). In particolare, sono stati inseriti i campi “Stato estero di nascita” e “Stato estero di residenza”, compilati in base ai valori presenti nei rispettivi campi di pagina 1 di DIPE.

Elaborazioni annuali

LISSD Stampa studi di settore Nella stampa studi di settore (LISSD, scelta 2) sono state inserite due nuove colonne per evidenziare i dipendenti full-time e part-time assunti con contratto di lavoro a termine.

Integrazione alla guida utente PAGHE 2009.1.6

39


IMPLEMENTAZIONI

Fondi di previdenza

TELFONDI / STAFONDI Versamenti a fondi di previdenza complementare Modificato il programma di generazione del file telematico (TELFONDI) e della stampa (STAFONDI) relativi ai versamenti a previdenza complementare al fine effettuare l’elaborazione tenendo conto dell’eventuale variazione del fondo di previdenza di riferimento. In precedenza la stampa ed il telematico venivano effettuati con riferimento al fondo collegato in pagina 4/2 di DIPE al momento dell’elaborazione, anche nel caso in cui, nel periodo di riferimento della contribuzione da versare, il contributo si riferiva ad un fondo diverso. A partire dalla presente versione, il programma verifica all’interno dei cedolini elaborati, il fondo collegato al dipendente nel singolo mese e determina di conseguenza il versamento dovuto ai diversi fondi nel rispettivo periodo di riferimento.

Vittoria Formula Lavoro (cod.512); Fondiaria Conto Previdenza (cod. 580) Sono stati introdotti i programmi di stampa del tabulato e di generazione del file telematico per i fondi Vittoria Formula Lavoro e Fondiaria Conto Previdenza. Descrizione Cod. TS Cod. Covip Licenza TS Modulo Sigla Telematico Fondo Vittoria Formula Lavoro 512 22 2838 2838 FT838 Telematico Fondiaria Conto Previdenza 580 81 2837 2837 FT837 Si ricorda che, per attivare la stampa del modello e la gestione del telematico, è obbligatorio indicare il codice associato allo specifico fondo (512 per il fondo Vittoria Formula Lavoro; 580 per il fondo Fondiaria Conto Previdenza) all’interno della sezione “codici Enti” di pagina 2 di AZIE.

Telematico Fondo “Previcooper” (Cod. 439) Il file telematico è stato allineato alle nuove specifiche tecniche (nuovo campo “Imponibile di riferimento delle contribuzioni”).

Integrazione alla guida utente PAGHE 2009.1.6

40


IMPLEMENTAZIONI

Utility procedura

IMPVOCI Creazione automatica voci di calcolo Con la presente versione, il comando IMPVOCI consente di generare e collegare in tabella dati presenze (TB1102) le seguenti voci di calcolo utilizzate nella gestione del calendario sfasato:

Cod. voce 8307 8638 8637 8091 8092 8162

Descrizione RECUPERO ASSEGNI NUCLEO FAMILIARE ORE RETR. EMENS MESE PRECEDENTE GG RETR. EMENS MESE PRECEDENTE REC.ACCANTONAMENTO TFR gg REC. ACCANTONAMENTO TFR RETTIFICA GG DETRAZIONI

Cod. quadr. e DM10 5 ---------------------

Cod. agg. dipendente --------------------34

Cod. Tabella agg. aggiornata EMENS ----TB1102 82 TB1102 81 TB1102 ----TB1102 ----TB1102 ----TB1102

Il comando IMPVOCI viene eseguito automaticamente dal programma di conversione CONV0916 (fase 5). Per gli utenti CONTRA, le voci 8637 e 8638 sono già presenti in archivio. Nonostante ciò, il programma di conversione non propone la maschera nella quale viene indicato che tali voci sono già presenti. Il comando IMPVOCI provvederà comunque a collegare tali voci nei rispettivi campi di tabella dati presenze (TB1102).

Integrazione alla guida utente PAGHE 2009.1.6

41


ANOMALIE CORRETTE

Anomalie corrette PRESEN Aziende con gestione calendario sfasato Calcolo differenze o settimane di accredito Per gli eventi tutelati non gestiti da GEMA01 (es. allattamento, donazione sangue, ecc.) le voci per il calcolo delle differenze o delle settimane di accredito venivano generate senza l’indicazione del periodo di riferimento e del tipo di copertura settimanale. Ne conseguiva la mancata compilazione dell’elemento <RetribuzioneMesePrecedente> nella denuncia EMENS. Dipendenti mensilizzati: eventi gestiti da GEMA01 y Se la liquidazione dell’evento avveniva con modalità anticipata, la voce utilizzata per stornare le relative ore di assenza veniva generata nel mese successivo. y Per gli eventi che interessavano l’intero mese, la voce di assenza non era quantificata con le ore/giorni di contratto. L’anomalia si verificava indipendentemente dalla modalità di liquidazione dell’evento (anticipata o posticipata). y Il programma non controllava la presenza del valore A al campo “Tempo retribuito” all’interno dei giustificativi generati da GEMA01. Pertanto, anche in assenza dell’indennità c/ditta le relative ore (o giorni) venivano considerate come “tempo retribuito” ai fini della compilazione della testata del cedolino. Festività godute/non godute Corretta la liquidazione con modalità anticipata delle festività godute e non godute. Se in tabella calendario sfasato (TB1106) era richiesto di anticipare l’erogazione delle sole festività godute, il programma anticipava anche le festività non godute. Se, invece, era richiesto di anticipare le festività non godute, il programma non anticipava né le festività godute né quelle non godute. Elaborazione cedolino mese successivo a quello di assunzione Per i dipendenti mensilizzati, nel mese successivo a quello di assunzione, il programma generava erroneamente una voce di assenza. L’anomalia descritta si verificava solo per i dipendenti assunti successivamente il giorno 15 del mese e se il campo “Mensilizzati assunti” di Tabella personalizzazione procedura (TB1108) era pari a C o D. Erogazione festività infrasettimanale per impiegato in maternità facoltativa Veniva erroneamente generata la voce di festività infrasettimanale generica invece che quella specifica collegata al campo “Infras. ast. facoltativa” di tabella Dati presenze (TB1102). Compilazione della sezione “Malattia – maternità – infortunio” della testata del cedolino Per i dipendenti mensilizzati, il programma non compilava correttamente la sezione “Malattia – maternità – infortunio” della testata del cedolino in presenza di variabili liquidate nel mese successivo. La compilazione della sezione in oggetto era invece corretta se la liquidazione di tali eventi veniva anticipata al mese stesso.

Determinazione Ore/Giorni Inps dipendenti mensilizzati Se in tabella “Personalizzazione procedura” (TB1108), al campo “Mens. ass/lic. no formule ore/giorni INPS” era indicato il codice “S” (compilazione della testata con lo stesso criterio di determinazione della voce di lavoro ordinario), i dati di testata risultavano errati.

Integrazione alla guida utente PAGHE 2009.1.6

42


ANOMALIE CORRETTE

Determinazione ore di straordinario Condizioni: - Dipendente orario; - Calcolo dello straordinario su base settimanale, con codice 4 al campo “Tipo straordinario” della relativa tabella “Dati presenze” (TB1102) - Anticipo dello straordinario prestato nell’ultima settimana a cavallo del mese successivo, con impostazione del codice “A” al campo “Anticipo straordinari settimanali” della tabella “Personalizzazione procedura” (TB1108) - Nel mese successivo lo straordinario anticipato nel mese precedente per la settimana a cavallo risulta non confermato in quanto le ore complessivamente lavorate in tale settimana non superano l’orario contrattuale settimanale. Anomalia: Nella situazione sopra identificata, il programma nel mese successivo non erogava le ore di straordinario eventualmente risultanti nelle settimane successive a quella a cavallo.

CRECIG: Creazione automatica domanda CIG Il programma procedeva alla creazione della/e domanda/e CIG anche in caso di cedolino bloccato (sezione “Totali” del cedolino, tasto “blocco”), determinando la conseguente modifica del cedolino stesso. Pertanto, è stato inserito un controllo durante l’esecuzione del comando in modo tale che, se per almeno uno dei dipendenti interessati, il cedolino del mese selezionato (o del mese successivo in caso di applicazione del calendario sfasato) risulta bloccato, il programma non procederà con l’elaborazione ed evidenzierà il seguente messaggio:

PDFPAG: Archiviazione su TeamPortal Eseguendo la scelta 3 del comando in oggetto, ai fini dell’archiviazione dei cedolini su portale, il programma effettuava l’archiviazione della copia dipendente anche se l’utente aveva escluso tale copia dall’elaborazione.

DMA: Denuncia mensile INPDAP ¾ Nella gestione del quadro Z2, i campi 28, 29 e 30 (rispettivamente “Sanzioni”, “Utilizzo di eccedenze” e “Somme versate in conto anticipazione”) risultavano accessibili solo in presenza dei tipi versamento 31 e 33; modificato il programma al fine di abilitare i suddetti campi con riferimento a tutti i tipi versamento. ¾ Eseguendo il ricalcolo dei quadri Z, venivano eliminati i dati già inseriti nei campi 4, 5, 6 e 7 del quadro Z2 (informazioni relative al pagamento); modificato il programma al fine di mantenere tali valori anche in seguito alla funzione di ricalcolo. In funzione di tale modifica, non è più necessario bloccare il quadro Z2 prima di effettuare la chiusura della denuncia. Integrazione alla guida utente PAGHE 2009.1.6

43


ANOMALIE CORRETTE

FLAGLUL: rimozione stato “stampato” da cedolino e presenze Il comando in oggetto, utile al ripristino del flag di stampa del cedolino e/o foglio presenze, non prendeva in considerazione i dipendenti con codice matricola superiore a 9999.

STEDIL: Stampa Cassa Edile di Cremona Nella stampa del tabulato relativo alla Cassa Edile di Cremona, l’importo della retribuzione oraria veniva riportato troncando l’eventuale cifra delle decine (ad esempio, per una retribuzione oraria di 12,30 veniva riportato il valore 2,30).

Integrazione alla guida utente PAGHE 2009.1.6

44


NOTE OPERATIVE DI RELEASE Il presente documento costituisce un’integrazione al manuale utente del prodotto ed evidenzia le variazioni apportate con la release.

Tabella riepilogativa Sistemi Operativi supportati Aggiornato al 18/07/2008 Sistema Operativo

Versione

Interfaccia richiesta linea Gecom e Gamma Plus

Moduli Cobol

Windows

2000 Professional XP Professional 2000 Server 2000 Terminal Server 2003 Server Vista Bussines * 2008 Server **

Sysint/W 20080200 SysIntWeb20080200 o TeamPortal 20080300 SysIntGateway 20080200

722-20080100

TeamLinux

1.0,1.2,1.4,1.6 *** 1.8,2.0

Sysint/U 4.4, SysIntGateway 20080200 SysIntWeb20080200 o TeamPortal 20080300

722-20080100

OpenSuse

10.3

Sysint/U 4.4, SysIntGateway 20080200 SysIntWeb20080200 o TeamPortal 20080300

722-20080100

UbunTu

7.10

Sysint/U 4.4, SysIntGateway 20080200 SysIntWeb20080200 o TeamPortal 20080300

722-20080100

Fedora

6,8

Sysint/U 4.4, SysIntGateway 20080200 SysIntWeb20080200 o TeamPortal 20080300

722-20080100

Red Hat***

9.0

Sysint/U 4.4, SysIntGateway 20080200 SysIntWeb20080200

722-20080100

Solaris Sparc

5.8 e successive

Sysint/U 4.4, SysIntGateway 20080200 SysIntWeb20080200

722-20080100

Linux PowerPC

Suse EnterPrise Server 9

Sysint/U 4.4, SysIntGateway 20080200 SysIntWeb20080200

722-20080100

* Sono escluse tutte le versioni “Home” ** Alla data attuale i prodotti forniti da Microfocus non sono stati certificati per Windows 2008. TeamSystem ha provveduto ad adeguare gli installatori dei propri programmi per supportare la piattaforma. Dai test effettuati i prodotti risultano funzionanti. Precisiamo che fino alla disponibilità delle versioni certificcate dei prodotti Cobol non sarà possibile da parte di TeamSystem, garantire il supporto completo in caso di anomalie. *** Sistemi operativi in fase di dismissione Nota: I’installazione degli applicativi può essere eseguita anche su sistemi e/o versioni diverse da quelle specificate ma in questo caso non viene data nessuna garanzia di funzionamento e relativo supporto.

Integrazione alla guida utente PAGHE 2009.1.6

45

http://www.tecnosistemi.abruzzo.it/download/paghe/2009.1.6/note/PAGHE2009.1.6  

http://www.tecnosistemi.abruzzo.it/download/paghe/2009.1.6/note/PAGHE2009.1.6.pdf

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you