Page 1

Rassegna Stampa XIII Premio Socialis - 2015 Il Premio Socialis è il primo e unico riconoscimento italiano per le migliori tesi di laurea realizzate da studenti delle Università di tutta Italia su temi come la responsabilità sociale delle imprese, lo sviluppo sostenibile, l’impegno per l’ambiente, il sostegno alla cultura, l’etica nell’economia, l’attenzione alle risorse interne delle organizzazioni, il marketing sociale, le iniziative non profit e il sostegno umanitario..

L'Ed. 2015 ha visto la partecipazione di: FS Italiane, Prioritalia, Sanofi Pasteur MSD

Con il patrocinio di:


INDICE

Agenzie www.primapaginanews.it www.adnkronos.it www.primapaginanews.it

Quotidiani e Periodici cartacei Il Centro, ed. L'Aquila La Voce di Rovigo La Sicilia

26/11/2015 03/12/2015 04/12/2015 06/12/2015 07/12/2015 14/12/2015

Web www.unime.it www.unifi.it www.studenti.unige.it www.unical.it www.cor.unipv.eu/site/home.html www.unimore.it www.polito.it www.spsc.uniroma1.it www.osservatoriosocialis.it www.osservatoriosocialis.it www. web.uniud.it www.unite.it www.uninews24.it www.unive.it www.web.uniud.it www.unistrada.it www.informannunci.it www.unimib.it www.libertadifrequenza.it www.redattoresociale.it www.animaperilsociale.it www.sociale.it www.csr.unioncamere.it www.prioritalia.it www.focus.it www.laquila1.it

www.osservatoriosocialis.it

01/10/2015 01/10/2015 01/10/2015 02/10/2015 02/10/2015 02/10/2015 02/10/2015 02/10/2015 03/12/2015 03/12/2015 06/10/2015 06/10/2015 06/10/2015 06/10/2015 09/10/2015 13/10/2015 13/10/2015 15/10/2015 20/10/2015 26/10/2015 26/10/2015 28/10/2015 26/11/2015 26/11/2015 03/12/2015 04/12/2015

2


www.ilcentro.gelocal.it/laquila www.siciliainrosa.it www.ecopsicologia.it www.cutgana.unict.it www.newsicilia.it www.uninews24.it www.tusciaweb.eu

www.osservatoriosocialis.it

06/12/2015 07/12/2015 07/12/2015 07/12/2015 07/12/2015 08/12/2015 09/12/2015

3


QUOTIDIANI

www.osservatoriosocialis.it

4


Il Centro - Ed. L'Aquila Data: 06/12/2015

www.osservatoriosocialis.it

5


La Sicilia Data: 14/12/2015

www.osservatoriosocialis.it

6


WEB

www.osservatoriosocialis.it

7


Web: www.unime.it Data: 01/10/2015

"Premio Socialis" per tesi di laurea

E' stato pubblicato il bando di concorso della XIII edizione del Premio Socialis, l’unico riconoscimento italiano dedicato alle migliori tesi di laurea sul tema della Responsabilità Sociale, della Governance, dello Sviluppo Sostenibile e delle varie modalità di crescita della CSR nelle imprese e nella PA. Il Premio Socialis è sostenuto da diverse imprese multinazionali e vanta un’ampia adesione istituzionale. L’iniziativa ha valenza nazionale e territoriale, coinvolge le Università di tutta Italia e rappresenta una opportunità per i giovani vincitori. Il termine ultimo per inviare le tesi è venerdì 6 novembre 2015. Il bando è consultabile anche online al seguente indirizzo: http://www.premiosocialis.it/upload/files/LOCANDINA%20PREMIO%20SOCIALIS%202015.pdf

www.osservatoriosocialis.it

8


Web: Data:

www.unifi.it 01/10/2015

Pubblicato l'annuncio sulla pagina dell'UniversitĂ dedicata a borse, premi e concorsi.

www.osservatoriosocialis.it

9


Web:

www.studenti.unige.it Data: 01/10/2015

Pubblicato l'annuncio sulla pagina dell'UniversitĂ dedicata a borse, premi e opportunitĂ .

www.osservatoriosocialis.it

10


www.unical.it Data: 02/10/2015

Web:

Pubblicato l'annuncio sulla pagina dell'UniversitĂ dedicata alle news.

www.osservatoriosocialis.it

11


Web:

http://cor.unipv.eu/site/home.html Data: 02/10/2015

Pubblicato l'annuncio sulla pagina dell'UniversitĂ dedicata a borse di studio, premi di laurea, programmi di tirocinio, graduate programs e concorsi.

www.osservatoriosocialis.it

12


Web: www.unimore.it Data: 02/10/2015

Pubblicato l'annuncio sulla pagina dell'UniversitĂ dedicata alle news.

www.osservatoriosocialis.it

13


Web: www.spsc.uniroma1.it Data: 02/10/2015

Pubblicato l'annuncio sulla pagina dell'UniversitĂ dedicata alle news.

Web: www.unite.it 06/10/2015

Data:

www.osservatoriosocialis.it

14


Web: www.polito.it Data: 02/10/2015

Pubblicato l'annuncio sulla pagina dell'UniversitĂ dedicata a stage e job placement.

www.osservatoriosocialis.it

15


Web: www.unite.it Data: 06/10/2015

Pubblicato l'annuncio sulla pagina dell'UniversitĂ dedicata alle news.

www.osservatoriosocialis.it

16


Web: www.informannunci.it Data: 13/10/2015

“Errepi Comunicazione”, società promotrice dell’Osservatorio Socialis e specializzata in progetti di formazione e informazione nelle aree sociale, culturale e scientifica, indice la XIII edizione del “Premio Socialis”, in favore di tesi sul tema della responsabilità sociale d’impresa e dello sviluppo sostenibile. Sono ammessi al concorso tutti coloro che si siano laureati o che stiano per laurearsi con tesi su argomenti quali: responsabilità sociale d’impresa; corporate governance; codici etici; metodologie di rendicontazione e di valutazione; finanza etica; bilancio sociale; analisi dei comportamenti; economia dell’ambiente, della cultura e dello sviluppo sostenibile; rapporti tra profit e non profit; rapporti con gli stakeholders; fund raising; pubblica amministrazione e servizi al cittadino; risparmio delle risorse; impegno nei confronti dei dipendenti; attività per la sicurezza sul lavoro; marketing sociale; formazione per la responsabilità sociale d’impresa; cultura di gestione delle organizzazioni complesse. I lavori dovranno essere successivi al 1° Gennaio 2012. Per poter partecipare al “Premio Socialis”, le tesi devono avere come temi predominanti argomenti quali le attività nel sociale e nello sviluppo sostenibile delle aziende, delle associazioni non profit o della Pubblica Amministrazione in una o tutte le loro diverse espressioni, la governance, i codici etici, le iniziative per la salvaguardia dell’arte e dell’ambiente, per lo sviluppo della cultura, per il sostegno della solidarietà e dei progetti umanitari, per la crescita del territorio, per lo sviluppo interno dell’organizzazione aziendale, per l’integrazione tra responsabilità sociale, innovazione e sviluppo delle risorse umane. Le tesi presentate dovranno affrontare in maniera esaustiva almeno uno dei temi indicati nel bando, fornendo ad esempio un quadro completo del fenomeno della responsabilità sociale, dell’impatto a favore dei dipendenti, dell’ambiente, della comunità e del territorio, del contributo alla società civile in generale per poi focalizzare l’attenzione su uno o più casi esemplificativi. Ferma restando la qualità del contenuto, saranno privilegiate le tesi che indicheranno percorsi nuovi atti a favorire un’ulteriore evoluzione della cultura della responsabilità sociale di impresa e dello sviluppo sostenibile nonché a sottolineare aspetti meno conosciuti e prospettive di sviluppo e di applicazione pratica negli anni futuri. Il Premio sarà riconosciuto a 3 candidati (vincitori); ai lavori comunque meritevoli di nota sarà la giuria potrà attribuire una menzione speciale. I 3 vincitori potranno partecipare alla cerimonia di premiazione e saranno coinvolti nelle attività di redazione e di ricerca condotte dall’Osservatorio Socialis. La partecipazione al concorso è gratuita. Scadenza 6/11/2015. Bando completo al sito: Premio Socialis

www.osservatoriosocialis.it

17


Web: www.unistrada.it Data: 13/10/2015

Si comunica agli studenti laureati e ai laureandi che è aperto il bando di concorso della XIII edizione del Premio Socialis, l’unico riconoscimento italiano dedicato alle migliori tesi di laurea sul tema della Responsabilità Sociale, della Governance, dello Sviluppo Sostenibile e delle varie modalità di crescita della CSR nelle imprese e nella PA. Il Premio Socialis è sostenuto da diverse imprese multinazionali e vanta un’ampia adesione istituzionale. L’iniziativa ha valenza nazionale e territoriale, coinvolge le Università di tutta Italia e rappresenta una opportunità per i giovani vincitori. Il termine ultimo per inviare le tesi è venerdì 6 novembre 2015. Il bando è consultabile anche online al seguente indirizzo: http://www.premiosocialis.it/upload/files/LOCANDINA%20PREMIO%20SOCIALIS%202015.pdf

www.osservatoriosocialis.it

18


Web: www.unimib.it Data: 15/10/2015

Pubblicato l'annuncio sulla pagina dell'UniversitĂ dedicata alle news.

www.osservatoriosocialis.it

19


Web:

www.libertadifrequenza.it Data: 20/10/2015

Premio Socialis, il bando di concorso della XIII edizione Il Premio Socialis è l’unico riconoscimento italiano dedicato alle migliori tesi di laurea realizzate da studenti delle Università di tutta Italia su temi come la responsabilità sociale delle imprese, lo sviluppo sostenibile, l’impegno per l’ambiente, il sostegno alla cultura, l’etica nell’economia , l’attenzione alle risorse interne delle organizzazioni, il marketing sociale, le iniziative non profit e il sostegno umanitario. L’iniziativa ha valenza nazionale e territoriale e rappresenta una opportunità per i giovani vincitori. Il termine ultimo per inviare le tesi è venerdì 6 novembre 2015. Info sul bando di concorso: www.premiosocialis.it

www.osservatoriosocialis.it

20


Web:

www.redattoresociale.it Data: 26/10/2015

Premio Socialis, in scadenza il bando sulla responsabilità sociale d'impresa E' in scadenza (6 novembre) il termine per presentare la domanda al concorso per tesi di laurea su Csr e sviluppo sostenibile. Il Premio Socialis è l'unico riconoscimento alle migliori tesi di laurea su argomenti che riconducono alla responsabilità sociale d'impresa. Un appuntamento annuale che pone al centro della riflessione sociale e imprenditoriale la necessità di un'economia più attenta allo sviluppo sostenibile. Tutte le informazioni: www.premiosocialis.it

www.osservatoriosocialis.it

21


Web:

www.animaperilsociale.it Data: 26/10/2015

XIII edizione del Premio Socialis – 3 dicembre 2015 ore 10.30 – Porta Futuro – Via Galvani 108, Roma Con la partecipazione di FS Italiane, Prioritalia e Sanofi Pasteur MSD, giovedi 3 dicembre alle ore 10,30 a Porta Futuro, in Via Galvani 108 a Roma, vengono premiati i giovani vincitori della XIII edizione del Premio Socialis, l’unico riconoscimento italiano riservato alle migliori tesi di laurea su responsabilità sociale d’impresa e sviluppo sostenibile. L’evento è patrocinato da Regione Lazio, Roma Capitale, Segretariato Sociale RAI, Unioncamere. Oltre 800 le tesi pervenute dal 2003, anno della prima edizione del Premio, 37 aziende sostenitrici e particolarmente impegnate nella promozione della cultura della responsabilità sociale, 67 atenei di provenienza dei lavori accademici, 18 enti patrocinanti, 36 vincitori e 40 menzioni speciali. Per partecipare è gradita la registrazione a questo link Per ulteriori informazioni Scarica il comunicato stampa

www.osservatoriosocialis.it

22


Web: www.sociale.it Data: 28/11/2015

Concorso per tesi di laurea su responsabilità sociale di impresa (CSR) Scadrà il 6 novembre prossimo il termine per presentare la domanda per il Premio Socialis, il primo concorso per tesi di laurea su responsabilità sociale di impresa (CSR) e sviluppo sostenibile. Il consueto appuntamento annuale organizzato da Errepi Comunicazione, società promotrice dell’Osservatorio Socialis, che cerca di promuovere presso le imprese, le università e le istituzioni i concetti di responsabilità sociale d’impresa, solidarieta’, ambiente, cultura e sviluppo sostenibile.

L’ Osservatorio Socialis L’ Osservatorio Socialis consiste in una serie di progetti per l’analisi, lo studio e la diffusione delle tematiche legate alla responsabilità sociale, allo sviluppo sostenibile, al rapporto tra profit e non profit, al coinvolgimento delle istituzioni, ai cambiamenti del mondo del lavoro. Compie diversi studi sulla buone pratiche aziendali in Italia, organizza convegni sulla materia e nello stesso tempo è specializzato in progetti di formazione e informazione nelle aree sociale, culturale e scientifica. Ha ha lo scopo di individuare e promuovere presso le imprese, le istituzioni e le associazioni sostenitrici figure professionali con competenze specifiche sull’argomento e pronte per il lavoro nell’ambito del settore.

I temi da sostenere Il premio è riservato a giovani che si siano laureati o stiano per laurearsi con tesi su argomenti quali responsabilità sociale d’impresa, corporate governance, codici etici, metodologie di rendicontazione e di valutazione, finanza etica, bilancio sociale, analisi dei comportamenti, economia dell’ambiente, della cultura e dello sviluppo sostenibile. Ma anche su rapporti tra profit e non profit, rapporti con gli stakeholders, fund raising, pubblica amministrazione e servizi al cittadino, risparmio delle risorse, impegno nei confronti dei dipendenti, attività per la sicurezza sul lavoro, marketing sociale, formazione per la CSR, cultura di gestione delle organizzazioni complesse. L’abstract delle tre tesi vincitrici sarà inserito nell’apposita sezione del sito dell’ Osservatorio Socialis. I tre vincitori illustreranno il contenuto dell’elaborato alla cerimonia di premiazione. Tutte le informazioni e le iscrizioni su www.premiosocialis.it o a segreteria@premiosocialis.it

www.osservatoriosocialis.it

23


Web:

www.csr.unioncamere.it Data: 26/11/2015

Roma, 3 dicembre 2015: Premiazione XIII Premio Socialis Con la partecipazione di FS Italiane, Prioritalia e Sanofi Pasteur MSD, giovedi 3 dicembre alle ore 10,30 a Porta Futuro, in Via Galvani 108 a Roma, vengono premiati i giovani vincitori della XIII edizione del Premio Socialis, l’unico riconoscimento italiano riservato alle migliori tesi di laurea su responsabilità sociale d’impresa e sviluppo sostenibile. L’evento è patrocinato da Regione Lazio, Roma Capitale, Segretariato Sociale RAI, Unioncamere. Oltre 800 le tesi pervenute dal 2003, anno della prima edizione del Premio, 37 aziende sostenitrici e particolarmente impegnate nella promozione della cultura della responsabilità sociale, 67 atenei di provenienza dei lavori accademici, 18 enti patrocinanti, 36 vincitori e 40 menzioni speciali. Info: www.premiosocialis.it Per l'accredito è necessario iscriversi qui: ACCREDITO Fonte: www.premiosocialis.it

www.osservatoriosocialis.it

24


Web: www.prioritalia.it Data: 26/11/2015

Prioritalia è tra gli enti sostenitori della 13a Edizione del Premio Socialis, organizzato dall’Osservatorio Socialis. All’evento di premiazione, che si svolge a Roma il 3 dicembre, Marcella Mallen interviene come relatrice alla tavola rotonda “CSR e territorio”. Il Premio Socialis è il primo e unico riconoscimento italiano per le migliori tesi di laurea realizzate da studenti delle Università di tutta Italia su temi come la responsabilità sociale delle imprese, lo sviluppo sostenibile, l’impegno per l’ambiente, il sostegno alla cultura, l’etica nell’economia, l’attenzione alle risorse interne delle organizzazioni, il marketing sociale, le iniziative non profit e il sostegno umanitario. Per partecipare accreditati qui.

www.osservatoriosocialis.it

25


Web:

www.primapaginanews.it Data: 26/11/2015

Lz - Roma, si assegna il 13° Premio Socialis Roma, 26 nov (Prima Pagina News) Il Premio Socialis è il primo e unico riconoscimento italiano per le migliori tesi di laurea realizzate da studenti delle Università di tutta Italia su temi come la responsabilità sociale delle imprese, lo sviluppo sostenibile, l’impegno per l’ambiente, il sostegno alla cultura, l’etica nell’economia, l’attenzione alle risorse interne delle organizzazioni, il marketing sociale, le iniziative non profit e il sostegno umanitario. Con la partecipazione di FS Italiane, Prioritalia e Sanofi Pasteur MSD, giovedi 3 dicembre alle ore 10,30 a Porta Futuro, in Via Galvani 108 a Roma, vengono premiati i giovani vincitori della XIII edizione del Premio Socialis, l’unico riconoscimento italiano riservato alle migliori tesi di laurea su responsabilità sociale d’impresa e sviluppo sostenibile. L’evento è patrocinato da Regione Lazio, Roma Capitale, Segretariato Sociale RAI, Unioncamere. Oltre 800 le tesi pervenute dal 2003, anno della prima edizione del Premio, 37 aziende sostenitrici e particolarmente impegnate nella promozione della cultura della responsabilità sociale, 67 atenei di provenienza dei lavori accademici, 18 enti patrocinanti, 36 vincitori e 40 menzioni speciali.

www.osservatoriosocialis.it

26


Web: www.adnkronos.it Data: 03/12/2015

Quasi 1 miliardo di euro di investimenti, è l’impegno sociale delle aziende italiane i dati diffusi dall’Osservatorio Socialis CSR Pubblicato il: 03/12/2015 17:26 L’impegno sociale da parte delle aziende italiane vale quasi un miliardo di euro di investimenti (più del doppio rispetto a dieci anni fa): 920 milioni di euro investiti nell’ultimo anno da più del 70% delle aziende con più di 100 dipendenti che hanno destinato in media 158.000 euro ciascuna a risparmio energetico e contenimento degli sprechi (65%), iniziative in favore dei dipendenti (55%), contrasto dell’inquinamento e allo smaltimento dei rifiuti (53%), solidarietà e impegno umanitario (38%), a favore della pratica sportiva (31%), sostegno di arte e cultura (24%). Lo dicono i dati diffusi dall’Osservatorio Socialis in occasione della cerimonia di consegna del premio per le migliori tesi di laurea italiane su Csr e sviluppo sostenibile. Ora poi, con il recepimento della Direttiva Ue 95/2014, entro fine 2016 l’attività delle imprese sarà regolata da una norma che riguarda appunto le comunicazioni non finanziarie: si dovrà rendicontare anche in tema di ambiente, politiche di genere, anticorruzione, diversità e diritti umani. “Il 2016 sarà un anno chiave per la responsabilità sociale d’impresa - dichiara Roberto Orsi, direttore dell'Osservatorio Socialis - La tendenza è andare decisamente verso un nuovo modo di intendere il lavoro, il mercato, il territorio, il rapporto con i dipendenti e i consumatori, sostenuti da una Direttiva europea come la 95/2014 che può rappresentare una grande opportunità per il nostro Paese. E’ necessario però che si avvii un sistema premiante per le aziende più virtuose, in modo che l’adeguamento a comportamenti responsabili venga incentivato da vantaggi concreti”.

www.osservatoriosocialis.it

27


Web: Data:

www.focus.it 03/12/2015

Quasi 1 miliardo di euro di investimenti, è l’impegno sociale delle aziende italiane i dati diffusi dall’Osservatorio Socialis Roma, 3 dic. - (AdnKronos) - L’impegno sociale da parte delle aziende italiane vale quasi un miliardo di euro di investimenti (più del doppio rispetto a dieci anni fa): 920 milioni di euro investiti nell’ultimo anno da più del 70% delle aziende con più di 100 dipendenti che hanno destinato in media 158.000 euro ciascuna a risparmio energetico e contenimento degli sprechi (65%), iniziative in favore dei dipendenti (55%), contrasto dell’inquinamento e allo smaltimento dei rifiuti (53%), solidarietà e impegno umanitario (38%), a favore della pratica sportiva (31%), sostegno di arte e cultura (24%). Lo dicono i dati diffusi dall’Osservatorio Socialis in occasione della cerimonia di consegna del premio per le migliori tesi di laurea italiane su Csr e sviluppo sostenibile. Ora poi, con il recepimento della Direttiva Ue 95/2014, entro fine 2016 l’attività delle imprese sarà regolata da una norma che riguarda appunto le comunicazioni non finanziarie: si dovrà rendicontare anche in tema di ambiente, politiche di genere, anticorruzione, diversità e diritti umani. “Il 2016 sarà un anno chiave per la responsabilità sociale d’impresa - dichiara Roberto Orsi, direttore dell'Osservatorio Socialis - La tendenza è andare decisamente verso un nuovo modo di intendere il lavoro, il mercato, il territorio, il rapporto con i dipendenti e i consumatori, sostenuti da una Direttiva europea come la 95/2014 che può rappresentare una grande opportunità per il nostro Paese. E’ necessario però che si avvii un sistema premiante per le aziende più virtuose, in modo che l’adeguamento a comportamenti responsabili venga incentivato da vantaggi concreti”

www.osservatoriosocialis.it

28


Web:

www.osservatoriosocialis.it 03/12/2015

Data:

“Alle nuove generazioni dico: il mondo è quello che costruite voi. Se esce brutto, non prendetevela con la televisione, la società o l’America. Sappiate che qualunque faccia avrà, vi somiglierà”. (Indro Montanelli) Si conclude con questa citazione la cerimonia di consegna del XIII Premio Socialis per le migliori tesi di laurea italiane su CSR e sviluppo sostenibile, che si svolge a Roma nella sala convegni di Porta Futuro con la partecipazione di FS Italiane, Prioritalia, Sanofi Pasteur MSD, Federsolidarietà Confcooperative e il patrocinio di Presidenza del Consiglio, Regione Lazio, Roma Capitale, Segretariato Sociale RAI e Unioncamere.

www.osservatoriosocialis.it

29


Web:

www.osservatoriosocialis.it Data: 03/12/2015

Premio Socialis: i vi “Per l’Italia una grande opportunità di valorizzare il sistema Paese con il recepimento della Direttiva UE 95/2014. Per i giovani una nuova prospettiva: cresce l’offerta formativa universitaria su CSR e sviluppo sostenibile” Si è conclusa la cerimonia di consegna del XIII Premio Socialis per le migliori tesi di laurea italiane su CSR e sviluppo sostenibile, svoltasi a Roma nella sala convegni di Porta Futuro con la partecipazione di FS Italiane, Prioritalia, Sanofi Pasteur MSD, Federsolidarietà Confcooperative e il patrocinio di Presidenza del Consiglio, Regione Lazio, Roma Capitale, Segretariato Sociale RAI e Unioncamere. E su questi temi sono stati premiati i lavori accademici insigniti del Premio Socialis:

Università degli Studi dell’Aquila – Elisa Masci, Il bilancio sociale come strumento etico: il caso dell’ateneo dell’Aquila (Relatore: Prof.ssa Francesca Mandanici)

www.osservatoriosocialis.it

30


Università degli Studi di Bologna - Vincenzo Ienuso, Responsabilità sociale d’impresa nel settore petrolifero. Il caso angolano (Relatore: Prof. Mario Zamponi)

Università Cattolica di Milano – Federica Bertelé, Corporate Social Responsibility e capacità di assorbimento: un’indagine sulle aziende quotate italiane (Relatore: Prof. Matteo Pedrini)

Università degli Studi di Catania – Veronica Leotta, L’ecopsicologia applicata all’educazione ambientale: un nuovo modello per l’etica dell’ambiente (Relatore: Prof.ssa Venera Cardile).

5 le menzioni speciali:

Università LUISS Guido Carli – Giulia Cipolloni, Etica, responsabilità aziendale e performance economico-sociale. Il caso del Credito Cooperativo (Relatore: Prof. Franco Fontana)

Università degli Studi di Urbino Carlo Bo’ - Ilario Lucio Falcone, L’innovazione nei Paesi emergenti: il fenomeno della frugal innovation (Relatore: Prof. Antonello Zanfei)

Università degli Studi di Bologna – Benedetta Grizzo, Per una pianificazione territoriale sostenibile: il ruolo della partecipazione nel progetto “Pordenone più facile” (Relatore: Prof. Gabriele Manella)

Università degli Studi di Roma Tor Vergata – Flaminia Rossi, Social Innovation: collaborare per l’economia del futuro. Joinjob e il lavoro a portata di clic (Relatore: Prof.ssa Gloria Fiorani)

Università degli Studi di Roma Tor Vergata – Camilla Serlupi Crescenzi, Il contributo delle teorie organizzative alla Responsabilità Sociale d’Impresa (Relatore: Prof. Alessandro Hinna).

www.osservatoriosocialis.it

31


Secondo i dati diffusi dall’Osservatorio Socialis l’impegno sociale delle imprese già ora vale quasi un miliardo di euro di investimenti (più del doppio rispetto a dieci anni fa) da parte delle aziende italiane: 920 milioni di euro investiti nell’ultimo anno da più del 70% delle aziende con più di 100 dipendenti che hanno destinato in media 158.000 euro ciascuna a risparmio energetico e contenimento degli sprechi (65%), a iniziative in favore dei dipendenti (55%), al contrasto dell’inquinamento e allo smaltimento dei rifiuti (53%), a solidarietà e impegno umanitario (38%), a favore della pratica sportiva (31%), al sostegno di arte e cultura (24%). Ora poi, con il recepimento della Direttiva UE 95/2014, entro fine 2016 l’attività delle imprese sarà regolata da una norma che riguarda appunto le comunicazioni non finanziarie: si dovrà rendicontare anche in tema di ambiente, politiche di genere, anticorruzione, diversità e diritti umani. “Si può ben dire che il 2016 sarà un anno chiave per la responsabilità sociale d’impresa – ha detto Roberto Orsi, Presidente di Errepi Comunicazione e Direttore dell’Osservatorio Socialis -. La tendenza è andare decisamente verso un nuovo modo di intendere il lavoro, il mercato, il territorio, il rapporto con i dipendenti e i consumatori, sostenuti da una Direttiva europea come la 95/2014 che può rappresentare una grande opportunità per il nostro Paese. E’ necessario però – ha continuato Orsi – che si avvii un sistema premiante per le aziende più virtuose, in modo che l’adeguamento a comportamenti responsabili venga incentivato da vantaggi concreti”. Alcune evidenze dei relatori della tavola rotonda:

www.osservatoriosocialis.it

32


Fabrizio Torella, Responsabile Attività Sociali d’Impresa FS Italiane: “Fare responsabilità sociale per il Gruppo FS significa avere relazioni sempre più strette con una variegata platea di stakeholder. Tra questi stakeholder abbiamo scelto oggi il mondo accademico e gli studenti come interlocutori privilegiati con i quali intendiamo approfondire le ricadute dei nostri progetti sociali con un approccio olistico e sistemico. Stiamo passando rapidamente dal concetto di CSR (Corporate Social Responsibility) a quello di CSV (Creating Shared Value), è un passaggio che ha bisogno di idee innovative e di nuovi strumenti di rendicontazione. È questo l’apporto che chiediamo alle nuove generazioni e alle Università”. Rosanna Flammia, Responsabile Comunicazione Sanofi Pasteur MSD: “Sanofi Pasteur MSD si conferma fra le aziende sostenitrici del Premio Socialis, che supporta per il terzo anno consecutivo”, afferma Rosanna Flammia, Responsabile della Comunicazione di Sanofi Pasteur MSD. “Il Premio è anche un momento di confronto con le imprese che hanno inserito la CSR nella propria mission aziendale in tutti i suoi vari aspetti e nei confronti dei diversi stakeholder, in primis i dipendenti. Sanofi Pasteur MSD, unica azienda europea dedita esclusivamente alla prevenzione attraverso la vaccinazione per tutte le fasi della vita, crede fortemente nella Corporate responsibility, asse portante di un’impresa attenta al sociale, all’etica e alla sostenibilità, anche in considerazione del particolare prodotto di cui si occupa: la protezione della salute attraverso la vaccinazione“. Marcella Mallen, Presidente Prioritalia: “Prioritalia vuole raccogliere la sfida di un progetto culturale dei manager italiani per un futuro di innovazione sociale e di leadership civica, promuovendo le persone e le idee che agiscono in modo innovativo, responsabile ed etico“. Il Premio Socialis è l’unico riconoscimento alle migliori tesi di laurea su argomenti che riconducono alla responsabilità sociale d’impresa, un appuntamento www.osservatoriosocialis.it

33


annuale che pone al centro della riflessione sociale e imprenditoriale la necessità di un’economia piÚ attenta allo sviluppo sostenibile. Oltre 800 le tesi pervenute dal 2003, anno della prima edizione del Premio, 65 atenei di provenienza dei lavori accademici, 16 enti patrocinanti, 86 vincitori.

www.osservatoriosocialis.it

34


Web: www.laquila1.it Data: 04/12/2015

Assegnato a Roma il 13° Premio Socialis alle migliori tesi di laurea su CSR e sviluppo sostenibile: tra i vincitori Elisa Masci dell’Università dell’Aquila L'AQUILA: - Elisa Masci, dell'Università de L'Aquila, è una dei 4 vincitori della XIII edizione del Premio Socialis con la tesi Il bilancio sociale come strumento etico: il caso dell'ateneo dell'Aquila. Dopo il sisma che ha colpito la città nel 2009 è venuto a mancare un luogo di aggregazione (il centro storico) che non era solo fisico ma anche emotivo e culturale. Con questa tesi si evidenzia come questo ruolo aggregatore possa essere ora svolto dall'università. Il Premio Socialis è l’unico riconoscimento alle migliori tesi di laurea su argomenti che riconducono alla responsabilità sociale d’impresa, un appuntamento annuale che pone al centro della riflessione sociale e imprenditoriale la necessità di un’economia più attenta allo sviluppo sostenibile. Ideato nel 2002 poco dopo la pubblicazione della prima direttiva comunitaria in tema di Corporate Social Responsibility (Responsabilità Sociale di Impresa), il Premio ha lo scopo promuovere la cultura della responsabilità sociale di impresa e della sostenibilità ambientale e di favorire la diffusione e la conoscenza di studi e ricerche di giovani talenti di tutte le Università italiane ed estere. Nel 2015 è giunto alla XIII edizione. Dal 2002 ad oggi la segreteria organizzativa del Premio ha ricevuto poco meno di 800 tesi di laurea magistrale e triennale provenienti complessivamente da 65 atenei italiani. lavori accademici, 16 enti patrocinanti, 86 vincitori. L'edizione 2015 ha ricevuto il sostegno di FS Italiane, Prioritalia, Sanofi Pasteur MSD, Federsolidarietà Confcooperative e il patrocinio di Presidenza del Consiglio, Regione Lazio, Roma Capitale, Segretariato Sociale RAI e Unioncamere.

www.osservatoriosocialis.it

35


Secondo i dati diffusi dall’Osservatorio Socialis l’impegno sociale delle imprese già ora vale quasi un miliardo di euro di investimenti (più del doppio rispetto a dieci anni fa) da parte delle aziende italiane: 920 milioni di euro investiti nell’ultimo anno da più del 70% delle aziende con più di 100 dipendenti che hanno destinato in media 158.000 euro ciascuna a risparmio energetico e contenimento degli sprechi (65%), a iniziative in favore dei dipendenti (55%), al contrasto dell’inquinamento e allo smaltimento dei rifiuti (53%), a solidarietà e impegno umanitario (38%), a favore della pratica sportiva (31%), al sostegno di arte e cultura (24%). Ora poi, con il recepimento della Direttiva UE 95/2014, entro fine 2016 l’attività delle imprese sarà regolata da una norma che riguarda appunto le comunicazioni non finanziarie: si dovrà rendicontare anche in tema di ambiente, politiche di genere, anticorruzione, diversità e diritti umani. “Si può ben dire che il 2016 sarà un anno chiave per la responsabilità sociale d’impresa - ha dettoRoberto Orsi, Presidente di Errepi Comunicazione e Direttore dell'Osservatorio Socialis . La tendenza è andare decisamente verso un nuovo modo di intendere il lavoro, il mercato, il territorio, il rapporto con i dipendenti, sostenuti da una Direttiva europea come la 95/2014 che può rappresentare una grande opportunità per il nostro Paese. È necessario però – ha continuato Orsi – che si avvii un sistema premiante per le aziende più virtuose, in modo che l’adeguamento a comportamenti responsabili venga incentivato da vantaggi concreti”. I programmi 2016 dell’Osservatorio Socialis L’Osservatorio Socialis è un cantiere di promozione culturale della responsabilità sociale d’impresa, affianca imprese nel percorso di analisi e applicazione della CSR. Nel 2016 ha programmato l’avvio di incontri istituzionali periodici sullo stato di avanzamento del recepimento della Direttiva UE, la realizzazione del VII Rapporto sull’impegno sociale delle aziende in Italia, rilevazioni tematiche sulla CSR focalizzate su 8 diversi settori: Energia, Alimentazione, Automotive, Pubblica Amministrazione, ICT, Chimico Farmaceutico, Università e Non Profit.

www.osservatoriosocialis.it

36


Web:

www.primapaginanews.it Data: 04/12/2015

Lz - Roma. Assegnato Premio Socialis 2015 per migliori tesi di laurea Roma, 4 dic (Prima Pagina News) Questi i lavori accademici insigniti del XIII Premio Socialis, l’unico riconoscimento alle migliori tesi di laurea italiane su CSR e sviluppo sostenibile, promosso dall'Osservatorio Socialis: Elisa Masci, Il bilancio sociale come strumento etico: il caso dell'ateneo dell'Aquila (Università dell’Aquila), Vincenzo Ienuso, Responsabilità sociale d'impresa nel settore petrolifero. Il caso angolano (Università degli Studi di Bologna), Federica Bertelé, Corporate Social Responsibility e capacità di assorbimento: un'indagine sulle aziende quotate italiane (Università Cattolica di Milano), Veronica Leotta, L'ecopsicologia applicata all'educazione ambientale: un nuovo modello per l'etica dell'ambiente (Università degli Studi di Catania). La XIII edizione si è svolta con la di FS Italiane, Prioritalia, Sanofi Pasteur MSD, Federsolidarietà Confcooperative e con il patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri, Regione Lazio, Roma Capitale, Segretariato Sociale RAI e Unioncamere. La consegna del premio è stata anche l'occasione per fare il punto su alcuni degli aspetti della CSR in Italia: Fabrizio Torella, Responsabile Attività Sociali d'Impresa FS Italiane: “Fare responsabilità sociale per il Gruppo FS significa avere relazioni sempre più strette con una variegata platea di stakeholder. Tra questi stakeholder abbiamo scelto oggi il mondo accademico e gli studenti come interlocutori privilegiati con i quali intendiamo approfondire le ricadute dei nostri progetti sociali con un approccio olistico e sistemico. Stiamo passando rapidamente dal concetto di CSR (Corporate Social Responsibility) a quello di CSV (Creating Shared Value), è un passaggio che ha bisogno di idee innovative e di nuovi strumenti di rendicontazione. È questo l’apporto che chiediamo alle nuove generazioni e alle Università”. Rosanna Flammia, Responsabile Comunicazione Sanofi Pasteur MSD: "Sanofi Pasteur MSD si conferma fra le aziende sostenitrici del Premio Socialis, che supporta per il terzo anno consecutivo", afferma Rosanna Flammia, Responsabile della Comunicazione di Sanofi Pasteur MSD. "Il Premio è anche un momento di confronto con le imprese che hanno inserito la CSR nella propria mission aziendale in tutti i suoi vari aspetti e nei confronti dei diversi stakeholder, in primis i dipendenti. Sanofi Pasteur MSD, unica azienda europea dedita esclusivamente alla prevenzione attraverso la vaccinazione per tutte le fasi della vita, crede fortemente nella Corporate responsibility, asse portante di un'impresa attenta al sociale, all'etica e alla sostenibilità, anche in considerazione del particolare prodotto di cui si occupa: la protezione della salute attraverso la vaccinazione". Marcella Mallen, Presidente Prioritalia: "Prioritalia vuole raccogliere la sfida di un progetto culturale dei manager italiani per un futuro di innovazione sociale e di leadership civica, promuovendo le persone e le idee che agiscono in modo innovativo, responsabile ed etico". I programmi 2016 dell’Osservatorio Socialis L’Osservatorio Socialis è un cantiere di promozione culturale della responsabilità sociale d’impresa, affianca imprese nel percorso di analisi e applicazione della CSR. Nel 2016 ha programmato l’avvio di incontri istituzionali periodici sullo stato di avanzamento del recepimento della Direttiva UE, la realizzazione del VII Rapporto sull’impegno sociale delle aziende in Italia, rilevazioni tematiche sulla CSR focalizzate su 8 diversi settori: Energia, Alimentazione, Automotive, Pubblica Amministrazione, ICT, Chimico Farmaceutico, Università e Non Profit.

www.osservatoriosocialis.it

37


www.ilcentro.gelocal.it/laquila Data: 06/12/2015

Web:

Premio Socialis a studentessa aquilana L’AQUILA. Elisa Masci, dell'Università dell’Aquila è una dei 4 vincitori della XIII edizione del premio Socialis con la tesi “Il bilancio sociale come strumento etico: il caso dell'ateneo dell'Aquila L’AQUILA. Elisa Masci, dell'Università dell’Aquila è una dei 4 vincitori della XIII edizione del premio Socialis con la tesi “Il bilancio sociale come strumento etico: il caso dell'ateneo dell'Aquila”. Dopo il sisma che ha colpito la città nel 2009 è venuto a mancare un luogo di aggregazione (il centro storico) che non era solo fisico ma anche emotivo e culturale. Con questa tesi si evidenzia come questo ruolo aggregatore possa essere ora svolto dall'università. Il Premio Socialis è l’unico riconoscimento alle migliori tesi di laurea su argomenti che riconducono alla responsabilità sociale d’impresa, un appuntamento annuale che pone al centro della riflessione sociale e imprenditoriale la necessità di un’economia più attenta allo sviluppo sostenibile. Ideato nel 2002 poco dopo la pubblicazione della prima direttiva comunitaria in tema di Corporate Social Responsibility (Responsabilità Sociale di Impresa), il Premio ha lo scopo promuovere la cultura della responsabilità sociale di impresa e della sostenibilità ambientale e di favorire la diffusione e la conoscenza di studi e ricerche di giovani talenti di tutte le Università italiane ed estere. Nel 2015 è giunto alla XIII edizione. Dal 2002 ad oggi la segreteria organizzativa del Premio ha ricevuto poco meno di 800 tesi di laurea magistrale e triennale provenienti complessivamente da 65 atenei italiani. lavori accademici, 16 enti patrocinanti, 86 vincitori- Secondo i dati diffusi dall’Osservatorio Socialis l’impegno sociale delle imprese già ora vale quasi un miliardo di euro di investimenti (più del doppio rispetto a dieci anni fa) da parte delle aziende italiane: 920 milioni di euro investiti nell’ultimo anno da più del 70% delle aziende con più di 100 dipendenti che hanno destinato in media 158.000 euro ciascuna a risparmio energetico e contenimento degli sprechi (65%), a iniziative in favore dei dipendenti (55%), al contrasto dell’inquinamento e allo smaltimento dei rifiuti (53%), a solidarietà e impegno umanitario (38%), a favore della pratica sportiva (31%), al sostegno di arte e cultura (24%).

Web:

www.osservatoriosocialis.it

www.newsicilia.it 38


Data:

07/12/2015

Catania, “Premio Socialis”: vince tesi di laurea di Veronica Leotta CATANIA - Il Premio “Socialis”, primo ed unico riconoscimento italiano riservato alle migliori tesi di laurea realizzate dagli studenti universitari sui temi della responsabilità sociale delle imprese, sviluppo sostenibile, impegno per l’ambiente, sostegno alla cultura, etica nell’economia, attenzione alle risorse interne delle organizzazioni, marketing sociale, iniziative non profit e sostegno, è stato assegnato a Veronica Leotta. Quest’ultima è esperta del Cutgana dell’Università di Catania per la Riserva naturale orientata Isola Bella di Taormina gestita dal centro di ricerca dell’Ateneo. Veronica ha conquistato la tredicesima edizione del premio, ex aequo con altri 3 vincitori (Federica Bertelè, Vincenzo Ienuso e Elisa Masci), grazie alla tesi “L’Ecopsicologia applicata all’Educazione ambientale: un nuovo modello per l’Etica dell’ambiente” dell’anno accademico 2013/2014 del corso di laurea in Scienze ecologiche ed educazione ambientale del dipartimento di Scienze biologiche, geologiche e ambientali dell’Università di Catania (relatore la docente Venera Cardile, correlatore Marcella Danon). Il premio, bandito ogni anno da Errepi Comunicazione, società promotrice dell’Osservatorio Socialis e specializzata in progetti di formazione e informazione nelle aree sociale, culturale e scientifica, ha visto assegnare dalla commissione ben altre 5 menzioni speciali. Le tesi pervenute dal 2003, anno della prima edizione del concorso, ad oggi, sono state oltre 800. Inoltre, sono state ben 37 le aziende sostenitrici e particolarmente impegnate nella promozione della cultura e della responsabilità sociale, 67 atenei di provenienza dei lavori accademici e 18 enti patrocinanti. Sempre alla vincitrice, nel mese di ottobre, era stato assegnato il riconoscimento speciale sezione “Etica e Ambiente” del Premio Ecologia Laura Conti. Veronica, inoltre, sarà adesso coinvolta nelle attività di redazione e di ricerca condotte dall’Osservatorio Socialis. Nei giorni scorsi, nei locali di Porta Futuro a Roma, si è tenuta la cerimonia di premiazione dell’evento coordinato da Roberto Orsi, direttore dell’Osservatorio Socialis e presidente di Errepi Comunicazione, e patrocinato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, Regione Lazio, Roma Capitale, Segretariato sociale Rai e Unioncamere.

Web:

www.osservatoriosocialis.it

www.siciliainrosa.it

39


Data:

07/12/2015

E’ stato assegnato a Veronica Leotta, esperta del Cutgana dell’Università di Cataniaper la Riserva naturale orientata Isola Bella di Taormina gestita dal centro di ricerca d’Ateneo, il premio “Socialis”, il primo e unico riconoscimento italiano riservato alle migliori tesi di laurea realizzate dagli studenti universitari sui temi della responsabilità sociale delle imprese, sviluppo sostenibile, impegno per l’ambiente, sostegno alla cultura, etica nell’economia, attenzione alle risorse interne delle organizzazioni, marketing sociale, iniziative non profit e sostegno umanitario. Veronica Leotta ha conquistato la tredicesima edizione del premio, ex aequo con altri 3 vincitori (Federica Bertelè, Vincenzo Ienuso e Elisa Masci), grazie alla tesi “L’Ecopsicologia applicata all’Educazione ambientale: un nuovo modello per l’Etica dell’ambiente” dell’anno accademico 2013/2014 del corso di laurea in Scienze ecologiche ed educazione ambientale del dipartimento di Scienze biologiche, geologiche e ambientali dell’Università di Catania (relatore la docente Venera Cardile, correlatore Marcella Danon). La commissione giudicatrice del premio – bandito ogni anno da Errepi Comunicazione, società promotrice dell’Osservatorio Socialis e specializzata in progetti di formazione e informazione nelle aree sociale, culturale e scientifica – ha assegnato anche 5 menzioni speciali. Oltre 800 le tesi pervenute dal 2003, anno della prima edizione del premio, ad oggi, ben 37 le aziende sostenitrici e particolarmente impegnate nella promozione della cultura e della responsabilità sociale, 67 atenei di provenienza dei lavori accademici e 18 enti patrocinanti. Veronica Leotta – alla quale era stato assegnato nel mese di ottobre il riconoscimento speciale sezione “Etica e Ambiente” del Premio Ecologia Laura Conti - sarà adesso coinvolta nelle attività di redazione e di ricerca condotte dall’Osservatorio Socialis. Nei giorni scorsi, nei locali di Porta Futuro a Roma, si è tenuta la cerimonia di premiazione dell’evento coordinato da Roberto Orsi, direttore dell’Osservatorio Socialis e presidente di Errepi Comunicazione, e patrocinato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, Regione Lazio, Roma Capitale, Segretariato sociale Rai e Unioncamere.

www.osservatoriosocialis.it

40


Web:

www.cutgana.unict.it Data: 07/12/2015

Assegnato a Veronica Leotta del Cutgana il Premio “Socialis” E' stato assegnato a Veronica Leotta, esperta del Cutgana dell'Università di Catania per la Riserva naturale orientata Isola Bella di Taormina gestita dal centro di ricerca d'Ateneo, il Premio "Socialis", il primo ed unico riconoscimento italiano riservato alle migliori tesi di laurea realizzate dagli studenti universitari sui temi della responsabilità sociale delle imprese, sviluppo sostenibile, impegno per l'ambiente, sostegno alla cultura, etica nell'economia, attenzione alle risorse interne delle organizzazioni, marketing sociale, iniziative non profit e sostegno umanitario. Veronica Leotta ha conquistato la tredicesima edizione del premio, ex aequo con altri 3 vincitori (Federica Bertelè, Vincenzo Ienuso e Elisa Masci), grazie alla tesi "L'Ecopsicologia applicata all'Educazione ambientale: un nuovo modello per l'Etica dell'ambiente" dell'anno accademico 2013/2014 del corso di laurea in Scienze ecologiche ed educazione ambientale del dipartimento di Scienze biologiche, geologiche e ambientali dell'Università di Catania (relatore la docente Venera Cardile, correlatore Marcella Danon). La commissione giudicatrice del premio - bandito ogni anno da Errepi Comunicazione, società promotrice dell'Osservatorio Socialis e specializzata in progetti di formazione e informazione nelle aree sociale, culturale e scientifica - ha assegnato anche 5 menzioni speciali. Oltre 800 le tesi pervenute dal 2003, anno della prima edizione del Premio, ad oggi, ben 37 le aziende sostenitrici e particolarmente impegnate nella promozione della cultura e della responsabilità sociale, 67 atenei di provenienza dei lavori accademici e 18 enti patrocinanti. Veronica Leotta - alla quale era stato assegnato nel mese di ottobre il riconoscimento speciale sezione "Etica e Ambiente" del Premio Ecologia Laura Conti - sarà adesso coinvolta nelle attività di redazione e di ricerca condotte dall'Osservatorio Socialis. Nei giorni scorsi, nei locali di Porta Futuro a Roma, si è tenuta la cerimonia di premiazione dell'evento coordinato da Roberto Orsi, direttore dell'Osservatorio Socialis e presidente di Errepi Comunicazione, e patrocinato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, Regione Lazio, Roma Capitale, Segretariato sociale Rai e Unioncamere.

www.osservatoriosocialis.it

41


Web:

www.ecopsicologia.it Data: 07/12/2015

L'ecotuner, formatasi a Ecopsiché, ed educatrice ambientale Veronica Leotta è stata premiata a Roma il 3 dicembre 2015 con il "Premio Socialis per tesi di Laurea sulla responsabilità sociale e lo sviluppo sostenibile", arrivando, ex equo, tra i primi tre finalisti con la sua tesi sull'Ecopsicologia applicata all'Educazione ambientale presentata con 110, nel 2014, all'Università degli Studi di Catania.

www.osservatoriosocialis.it

42


Web: www.uninews24.it Data: 08/12/2015

Premio Socialis, studentessa Univaq tra i vincitori L'Aquila - Elisa Masci, dell'Università dell’Aquila, è una dei 4 vincitori della XIII edizione del premio Socialiscon la tesi “Il bilancio sociale come strumento etico: il caso dell'ateneo dell'Aquila”. Dopo il sisma che ha colpito la città nel 2009 è venuto a mancare un luogo di aggregazione (il centro storico) che non era solo fisico ma anche emotivo e culturale. Con questa tesi si evidenzia come questo ruolo aggregatore possa essere ora svolto dall'università. Il Premio Socialis è l’unico riconoscimento alle migliori tesi di laurea su argomenti che riconducono alla responsabilità sociale d’impresa, un appuntamento annuale che pone al centro della riflessione sociale e imprenditoriale la necessità di un’economia più attenta allo sviluppo sostenibile. Ideato nel 2002 poco dopo la pubblicazione della prima direttiva comunitaria in tema di Corporate Social Responsibility (Responsabilità Sociale di Impresa), il Premio ha lo scopo promuovere la cultura della responsabilità sociale di impresa e della sostenibilità ambientale e di favorire la diffusione e la conoscenza di studi e ricerche di giovani talenti di tutte le Università italiane ed estere. Nel 2015 è giunto alla XIII edizione. (Il Centro)

www.osservatoriosocialis.it

43


Web:

www.tusciaweb.eu Data: 09/12/2015

La ragazza montefiasconese ha ricevuto il riconoscimento per la sua tesi di laurea Premio Socialis, menzione speciale per Giulia Cipolloni Montefiascone - Riceviamo e pubblichiamo - 980 milioni di euro investiti nell’ultimo anno in Italia. E’ questo l’impegno sociale delle aziende in Italia secondo l’osservatorio Socialis, il cantiere di promozione culturale della responsabilità sociale d’impresa promosso da Errepi comunicazione, ha consegnato il XIII Premio Socialis, che costituisce il primo e unico riconoscimento italiano per le migliori tesi di laurea realizzate da studenti delle Università di tutta Italia su temi come responsabilità sociale d’impresa e dello sviluppo sostenibile, l’impegno per l’ambiente, il sostegno alla cultura, l’etica nell’economia, l’attenzione alle risorse interne delle organizzazioni, il marketing sociale, le iniziative non profit e il sostegno umanitario. L’evento, con la partecipazione di Fs Italiane, Prioritalia e Sanofi Pasteur Msd, si è tenuto giovedì 3 dicembre, alle 10,30 a Porta Futuro, in via Galvani 108 a Roma. Esso è patrocinato da Regione Lazio, Roma Capitale, Segretariato sociale Rai, Unioncamere e presenta 37 aziende sostenitrici particolarmente impegnate nella promozione della cultura della responsabilità sociale, 67 atenei di provenienza dei lavori accademici. In un panorama qualitativamente alto e ampio per punti di vista e temi trattati, la giuria ha conferito il premio a tesisti che si sono distinti per originalità e qualità del lavoro presentato: tra questi una menzione speciale è stata attribuitaalla montefiasconese Giulia Cipolloni con “Etica, responsabilità aziendale, performance economicosociale. Il caso del Credito cooperativo”, facoltà di Economia dell’Università Luiss Guido Carli di Roma. Apprendiamo, inoltre, la notizia che il prorettore alla didattica, professor Roberto Pessi, e il prorettore alla Ricerca, professor Leonardo Morlino, della Luiss Guido Carli di Roma hanno comunicato l’intenzione di pubblicare la Tesi nella collana on line dei Working paper della Luiss che accoglie le migliori “Tesi d’eccellenza”, discusse nel corso dell’anno accademico 2014/2015 e selezionate tra quelle che avranno ricevuto la speciale menzione.

www.osservatoriosocialis.it

44

Rassegna stampa Premio Socialis XIII (2015)  
Advertisement