Erodoto108 n° 3

Page 146

Avrei dormito lì, ci stavo così

Firenze, la sulla Luna

[ 146 ]

Firenze, via della Luna. Dalle parti di piazza Beccaria, appena fuori i viali. Nel cortile un grande affresco murale, una maestosa paulonia, vasi di fiori. La porta è aperta e tre signore discutono animatamente. Di politica! Non è la sede di un partito e nemmeno un circolo culturale, siamo nella biblioteca di centroanziani. Anna Cardini è seduta alla sua scrivania e almeno una volta a settimana, da Bellariva e dal Campo di Marte, Luisa e Ornella vengono a trovarla. Per parlare. Ora stanno discutendo animatamente del governo “di larghe intese”, della sinistra ‘a pezzetti’. Altre volte sono stato ore ad ascoltarle mentre parlavano di teatro e di musica. Attorno alle tre donne, ci sono gli scaffali di metallo con i libri ordinati e catalogati. Due grandi tavoli sono destinati alla lettura e agli incontri. Ma è la scrivania di Anna il centro della biblioteca: qui si riunisce la cellula anarchica di letteratura politica e teatro. Così la chiama la bibliotecaria. Anna ha ottanta anni,

è cresciuta a ribollita, politica e cultura nella trattoria del padre. Il celebre “Cesarino” di via de’ Pepi, là nel quartiere di Santa Croce. Renaioli e avvocati (i veri comunisti e i veri democristiani) pranzavano con il fornaio e il calzolaio. E se c’erano Mutolino, Omerone e Pallucce si riuniva il parlamento di Cesarino. Per discutere di Firenze e dell’Italia intera. Di pomeriggio si giocava a carte, e la sera era dedicata ‘al culturale’. Pratolini incontrava Romano Bilenchi e Alfonso Gatto. E le discussioni finivano a notte inoltrata, come quelle fra i pucciniani e i verdiani del tavolo accanto. Quando il padre abbassò il bandone della trattoria, Anna si trovò a fare la sarta e poi la mamma. Rischiò la depressione per solitudine: Mi salvò Mennonna:* seguita così e fai una brutta fine. Si iscrisse alle scuole serali e così entrò in comune, alla biblioteca del Quartiere 2, in piazza Alberti. Anna inizia la sua vita in mezzo ai libri, e legge tanto. Legge e parla, trasmette cultura e