__MAIN_TEXT__

Page 46

UN MURAL COME UN CORTEO

QUADERNI A QUADRETTI

Colombia, mural a Bogotà e Cartagena

Opere d'arte vissute, curate, realizzate dai cittadini stessi che a volte si concedono il lusso, sacrosanto, di ignorarle. foto di Nathalie Vigini testo di Alberto Bile

ERODOTO108 • 22

“Un angelo che dipinge in cielo perché in terra non gliel'hanno permesso”. Il 19 agosto 2011 Diego Felipe Becerra, 16 anni, stava dipingendo su un muro di Bogotà con due amici, quando l'arrivo di una pattuglia li mise in fuga. Fu abbattuto da un proiettile. Quelli della pattuglia provarono a far credere che fosse armato, a creare un altro “falso positivo”, terribile abitudine delle forze armate colombiane che, am46 mazzato un innocente, lo fanno passare per delinquente o guerrigliero. Nel luogo dove è caduto Felipe, l'intera comunità “grafitera” del paese l'ha omaggiato di scritte e disegni. Persino i genitori hanno realizzato la propria versione del gatto Felix, alter ego e soggetto preferito del figlio. La morte di Felipe è così divenuta l'occasione per una rivendicazione collettiva: che l'arte sia lasciata libera. Da allora l'attenzione delle amministrazioni colombiane verso la pittura “callejera”, della strada, è aumentata. Bogotà cambia mese dopo mese. Il quartiere Los Puentes, poggiato sul versante di una collina, è diventato esso

Profile for Erodoto108

Erodoto108 n°22  

Un sottile filo primaverile. Con le note di una pianista ci facciamo condurre nella vita privata di Genny, una modella fra le mura domestich...

Erodoto108 n°22  

Un sottile filo primaverile. Con le note di una pianista ci facciamo condurre nella vita privata di Genny, una modella fra le mura domestich...

Advertisement