Page 136

l

ERODOTO108 • 13

136

udovicu è scomparso. da sette anni abitava a montescaglioso, un paese delle colline attorno a matera. era arrivato, con la sua famiglia, dalla romania. in un giorno di dicembre di due anni fa, inverno lucano, settimane di freddo e di pioggia, ludovicu è uscito di casa e non è più tornato. allora aveva 57 anni e da tempo soffriva di alzheimer. da quel giorno, nessuno lo ha più visto, nessuno sa dove possa essere andato. un uomo può scomparire. veronica, sua moglie, lo ha atteso per ore. alla fine ha raccolto tutto il suo coraggio ed è venuta alla nostra caserma.

montescaglioso, fotografo per passione profonda, non volevo che questa storia fosse dimenticata. ludovicu, da subito, non è stata solo un’indagine e una ricerca. è qualcosa che ha toccato la mia anima. e ho provato a raccontarla. un tentativo difficile: ero protagonista, volevo ritrovare quell’uomo, era il mio mestiere e il mio dovere e, allo stesso tempo, sono stato l’osservatore coinvolto in una storia che avveniva nella mia terra. una storia che, alla fine, è entrata a far parte di me.

in inverno, dalle mie parti, la notte arriva con troppa velocità. in quei giorni il buio mi sembrava ancora non so come sia successo. ma io, carabiniere a più veloce. più denso, più

spesso. lavoravamo con i colleghi dell’unità cinofila. avevamo bisogno dei vestiti di ludovicu. entrammo nella sua casa. al centro del paese. tutto aveva il sapore della povertà. le mura umide e scrostate. e, allo stesso tempo, vi era una cura disperata. il letto ben rifatto, tessuti alle pareti a coprire le grinze dell’intonaco. e poi il dolore di veronica. la sua stanchezza. i suoi occhi affranti. appariva invecchiata di colpo. ha tirato fuori con lentezza i pantaloni di ludovicu, i maglioni, la biancheria. veronica ha dovuto spiegare al nipote. un abbraccio. il pianto improvviso. i carabinieri sanno di violare l’intimità più nascosta di una famiglia. entrano in quelle stanze che veronica non avrebbe mai voluto mostrare a estranei. dobbiamo saper vincere diffidenze e vergogne. sono una famiglia di migranti rumeni, da tempo nel paese. diversi. noi siamo di questa terra, loro di una regione lontana. sono lo specchio invisibile del nostro destino antico. dobbiamo, vogliamo dare una speranza a veronica.

Profile for Erodoto108

Erodoto108 n°13  

ERODOTO È UNA FRONTIERA, salta di qua e di là. Ma dove siamo arrivati camminando per capannoni vuoti o varcando soglie di case disabitate?...

Erodoto108 n°13  

ERODOTO È UNA FRONTIERA, salta di qua e di là. Ma dove siamo arrivati camminando per capannoni vuoti o varcando soglie di case disabitate?...

Advertisement