Issuu on Google+

BUSINESS/REPORT

INTEGRATI E VINCENTI

Il fashion business fatica ad adeguarsi alle nuove tecnologie. Nuovi sistemi informativi possono modernizzare un settore che – almeno in questo ambito - non guarda al futuro. / The fashion business is often slow to embrace the latest technology. New IT systems can boost management, sales and production and modernize a segment that is not so forward-minded. By Maria Cristina Pavarini

L

a crescente competizione tra le aziende, i processi di globalizzazione e delocalizzazione, i gusti sempre più mutevoli dei consumatori e l’empasse economico-finanziario degli ultimi mesi hanno portato l’industria del fashion a riconoscere come fondamentale il bisogno di modernizzare il proprio modo d’operare e d’interagire con fornitori, negozianti e clienti finali. Molte aziende hanno iniziato ad apportare alcuni cambiamenti ai loro sistemi informativi da inizio 2000, in coincidenza del passaggio al nuovo millennio e dell’arrivo dell’Euro.“I nuovi sistemi informativi, almeno per le aziende più avanzate da un punto di vista tecnologico, hanno portato due principali cambiamenti,” spiega Walter Taccardi, Fashion & Retail Unit Business manager di E-One Group, azienda italiana specializzata nell’utilizzo del sistema gestionale SAP, uno dei principali sistemi ERP usato dalle aziende di moda. “Queste imprese sono passate dalla gestione ‘manuale’ alla gestione integrata delle informazioni passando da una logica organizzata per reparti a una logica per processo integrato. Inoltre, alle strutture mainframe hanno preferito architetture più recenti sulle quali si basano i sistemi ERP.” Continua l’esperto: “Grazie all’impiego di questi sistemi le aziende hanno potuto ottenere strutture più snelle e moderne, oltre a ridurre i costi di gestione dei sistemi informativi.” Il management

ha potuto uniformare la gestione e l’organizzazione quotidiana della propria struttura potendo operare scelte strategiche, ma anche interventi e pianificazioni più tempestivi. Inoltre, in seguito alla globalizzazione, hanno potuto gestire in maniera più agile organizzazioni multi-societarie, multi-valuta e multilingua. La tecnologia, un tempo considerata fattore secondario alla creatività e all’innovazione di prodotto, sta assumendo un ruolo sempre più centrale nello sviluppo del fashion business. Non basta più concentrarsi solo sulla qualità per essere competitivi, ma è necessario rendere più agili i processi, ridurre i costi e fornire nuovi servizi alla clientela. Per questa ragione diverse aziende hanno modificato la loro gestione aziendale e rivolto l’attenzione a soluzioni informatiche flessibili, verticalizzate e in grado di soddisfare esigenze quali la gestione di repentini cambiamenti imposti dalla produzione, di organizzazioni commerciali articolate e complesse, ma soprattutto la gestione della “supply chain” aziendale. Circa 100 aziende top del fashion business internazionale hanno scelto SAP. Questo sistema offre la possibilità di seguire l’intero processo produttivo dalla fase di progettazione a quello delle vendite, della distribuzione, delle consegne, ma anche della raccolta delle materie FOTO PHOTO: ASSYST BULLMER

PAG. 32 / GIUGNO 2009 / SPORTSWEAR INTERNATIONAL NEWS


BUSINESS/REPORT

prime e delle fasi produttive. Tra le più note ci sono Prada, Reebok, Benetton, Oakley, Boss, Etam, Conbipel, J.Crew e Adidas. General Pants è un marchio streetwear australiano rivolto principalmente ai 16-28enni. L’azienda, che impiega circa 1.500 persone e registra vendite annue per circa €150milioni, ha notato un immediato miglioramento nell’efficienza con scambi d’informazioni più veloci, migliorati processi finanziari e analitici e una gestione dati più accurata, ma, soprattutto, un incremento complessivo di vendite del 15%, un risparmio del 25% e un ROI (Return Over Investment) del 15,8%. Anche i software relativi alla gestione dei campionari e dello sviluppo del prodotto si sono evoluti. Tra le aziende specializzate nell’ambito software CAD-CAM, cioè relativi alla modellistica e allo sviluppo taglie, e PLM (Product Lifecycle Management), le più note e preferite dagli addetti del settore sono Lectra e Assyst Bullmer. Il marchio Arena, per esempio, utilizza Lectra da oltre due anni. Commenta Vincenzo Gamberale, Global IT Coordinator Arena Group: “Lavoriamo attraverso diverse Business Unit locali. Ideazione, ingegnerizzazione e controllo qualità sono gestite dalla sede centrale di Tolentino, mentre la produzione avviene soprattutto nel Far East. I principali benefici di questa soluzione sono stati la riduzione dei tempi di sviluppo delle collezioni, l’ottimizzazione della struttura dei costi, la capitalizzazione del knowhow interno e un miglioramento complessivo per quanto riguarda i livelli qualitativi del prodotto.” Assyst Bullmer fornisce i suoi software anche a Max Mara e Diesel. “Il 90% del design e dello sviluppo prodotto avviene in Italia,” commenta Peter Stampfli, CEO Assyst Bullmer Italia. “Oltre

ai software CDA-CAM e PLM possiamo fornire sistemi personalizzati sulla base delle esigenze dei singoli clienti e particolari software pensati per attivare il piazzamento automatico del modello sempre disponibili via internet.” Anche sul versante della distribuzione esistono software che permettono di raggiungere nuovi mercati in maniera efficace. Società Italia, azienda distributrice di marchi italiani in Russia, ha sviluppato un progetto di geomarketing. Spiega Tatiana Soutcheva, CEO Società Italia: “Abbiamo ideato un software complesso e articolato che consente la gestione del mercato sotto tutti gli aspetti - sociali, commerciali, informativi e analitici, città per città, via per via, cliente per cliente.” DALL’ALTO IN SENSO ORARIO LEFT CLOCKWISE: LECTRA SOFTWARE, TER ET BANTINE SFILATA SHOW, ASSYST BULLMER IMPIANTO SYSTEM

Through the barricades Increased competition among companies, globalization, consumers’ rapidly changing tastes and the current financial crisis are just some of the reasons why the fashion business needs to modernize its IT systems to communicate and operate with suppliers, retailers and end consumers. Among the top players in this segment is, for instance, SAP, which already works with 100 fashion companies including Prada, Benetton, Oakley and Adidas. Likewise, Lectra and Assyst Bullmer are specialists in integrated technology in CAD/CAM and PLM solutions, specifically developed for each individual market. Società Italia, a distributor of Italian fashion brands in Russia, developed gemarketing software that can map all shopping streets in Russia.

PAG. 34 / GIUGNO 2009 / SPORTSWEAR INTERNATIONAL NEWS


Business Report - Integrati e Vincenti