Page 1

Free copy

Rivista mensile - Documento delle attività della comunità ItaloCanadese

Anno VII Gennaio 2010

HAITI: UNA TRAGEDIA IMMANE. MOSTRIAMO LA NOSTRA MATURITA’ . NON RESTIAMO INSENSIBILI AL GRIDO DI DOLORE CHE CI GIUNGE DAI CARAIBI INVITIAMO I CLUBS E LE ASSOCIAZIONI A PONDERARE LA POSSIBILITA’ DI UN EVENTO RACCOLTA FONDI A FAVORE DEI TERREMOTATI

La fiaccola olimpica a Toronto

A pranzo con Marchionne Pro-terremotati d’Abruzzo Pag.3

Foto Pavia

Pag.17

A tavola con l’Altra Italia Una sfida gastronomica Rinnovata la tradizione della Festa della Befana p.10,11,13

pag 16


PANORAMA

Italian Canadian

2

Gennaio 2010

Associazionismo: in crisi o vibrante C

avalcando l’onda di entusiasmo generata da una lettera inviata al Corriere Canadese, mesi fà, dal Console Generale Dott. Bardini, il Comites di Toronto ha tenuto, lo scorso 13 Gennaio, una mini conferenza al Columbus Centre alla quale erano stati invitati: oltre che il Console Generale anche consultori regionali, presidenti di federazioni, presidenti di club, ed altri. Complessivamente una trentina di persone per analizzare la stato dell’associazionismo italocanadese della Great Toronto Area: da qualcuno definito in stato comatoso dalla maggior parte invece ancora vibrante e pieno di risorse. Secondo l’idea del Console Generale tutte queste organizzazioni (oltre 500) dovrebbero operare di concerto per promuovere in Toronto l’italianità. “L’unione fà la forza”, “dobbiamo collaborare” “passare il timone ai giovani”, questi i concetti espressi dai presenti e che hanno indotto qualcuno a pensare ad una nuova fase dell’associazionismo: una fase di riorganizzazione e trasformazione. Ce lo auguriamo di cuore anche se l‘esperienza ci spinge a dubitarne; non che si voglia essere pessimisti ad oltranza ma sono i fatti che spingono ad essere tali. Alla conferenza hanno preso parte le stesse persone che partecipano da decenni a discussioni di questo genere; alla conferenza sono state dette le stesse cose che sivanno ripetendo da 40 anni senza mai riuscire a realizzare; nel corso della conferenza non si è potuto o voluto parlare degli ostacoli insormontabili che una trasformazione del modo

Lucia Flaim dell’Associazione Trentini di Toronto

di pensare ed operare delle organizzazioni italocanadesi incontrerebbe. Alla conferenza i pochi presidenti di clubs o federazioni presenti hanno parlato delle interessanti attività delle loro organizzazioni (vere o false); altri hanno parlato del proprio coinvolgimento nella comunità da ‘nta anni senza poi precisare cosa siano riusciti a realizzare; alla conferenza e questo, riteniamo, è l’handicap tra i più notevoli, parecchi gli intervenuti che non hanno seguito, che non hanno a chi parlare. La signora Lucia Flaim, del club Trentini di Toronto apre il suo intervento dicendo “ non ho visto alcuno a prendere appunti; come farete a riportare ai soci del vostro club? E’ qui’ che casca l’asino signora Lucia; sappi che saranno pochissimi, o forse nessuno, a parlare della conferenza ai soci dei loro clubs; al massimo qualcuno ne accennerà nell’ambito dell’esecutivo. A nessun club o associazione interessa associarsi ad altri; ciò potrebbe interessare a qualcuno in cerca di seguito o di “business”. Di quanto diciamo ne sono prova il tanto auto-decantato Congresso conosciuto nella GTA forse dallo 0.05 degli italo-canadesi e forse lo stesso COMITES. Sono pochi tra i soci di clubs paesani a sapere dell’esistenza di una federazione di clubs della propria regione. Al massimo a saperlo sono I membri dell’esecutivo del club stesso.I Clubs italo-canadesi della GTA sono interessati solamente alle loro cose che generalmente non vanno oltre la solita spaghettata e “quattro salti”. La signora Lucia del Club dei Trentini, nel corso del suo intervento, ha accennato ad una mostra di pittura che il suo club aveva organizzato al Columbus Centre solo per essere

accessibile ai tanti italocanadesi. Non si presentò nessuno che non fosse socio del Club stesso. Questo non è il solo esempio; casi come questo se ne contano a centinaia. Nel corso della conferenza si è parlato si della necessità di promuovere eventi (di una certa valenza) tendenti a promuovere l’italianità da proporre alla comunità non italiana della Great Toronto Area. Il nostro giornale ha presentato il progetto già in discussione da qualche anno e che ha trovato il favore di alcune organizzazioni importanti e cioè la programmazione di una settimana dedicata a Giovanni Caboto . Il progetto prevede la fabbricazione di un modello della “Matthew” (la nave battente bandiera inglese) con la quale Caboto approdò in Canada. Il modello “Matthew”, trasportato da un floater, partirebbe da Lakeshore per toccare la City Hall, Casa d’Italia presso la sede del Consolato, College St, Saint Clair e quindi Columbus Centre. Il tragitto durerebbe alcuni giorni e ad ogni fermata presentazione di “arte italiana”. Il progetto dovrebbe essere rinnovato ogni anno con l’intendo di rappresentare per il Canada quello che per gli USA e’ il “Columbus Day”. Un progetto imponente che puo’ essere realizzato con l’aiuto di organizzazioni dirette da menti aperte e coraggiose e con un certo seguito reale. Il COMITES, tramite il suo presidente Cucchi, ha offerto di offrire lo spazio ed aiutare con la sua segreteria a mentenere i contatti tra organizzatori di eventi. A conclusione della conferenza sono stati letti i nomi di persone ( nominate non so da chi e con quali criteri) per un comitato di lavoro e programmazione.

Una veduta panoramica della conferenza al Columbus Centre

Gianni Bardini, Console Generale d’Italia a Toronto

Carolina Di Cocco presidente della Federazione Laziale con (a sin.) il past presidente Vittorio Scala, alla sua destra, a rappressentare la Campania Tony Marcantonio

Foto sopra: Rappresentanti delle associazioni dei corpi d’arma in pensione. Foto a sin.:Amanda Ghedin, Lidia Consiglio della Federazione Giovanile presieduta da Cosmo Femia

Nella foto, da sin., Lofranco. Ripandelli. Marra, Florio e Antezza

A NEW YEAR. A NEW DECADE. A NEW REASON TO CELEBRATE FAMILY.

�������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������� ����������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������� �������������

����������

���

��������

����������

���

��������

���������������������

��� � ��� ���

���

�����������������

�����������������������


PANORAMA Italian Canadian 3

Gennaio 2010

EDITORIALE ANTONIO NICASO

Q

uando eravamo più giovani lo scorso secolo, si pensava al 2010 come ad una sorta di odissea nello spazio. Il romanzo di Arthur Clarke disegnava scenari ai confini della realtà. Oggi, invece, il 2010 sa tanto di elezioni e di conti che non tornano. Ci sono ancora le guerre, ma non sono stellari. Ora si parla di full body scanner Antonio Nicaso e di altri marchingegni per tutelare la sicurezza dei cittadini di fronte al pericolo di bombe, soprattuto dopo la psicosi seguita al fallito attentato sul volo Amsterdam-Detroit. Il terrorismo resta in agguato, ma non si riesce a mettere a punto una strategia comune per combatterlo. Troppi interessi, troppe gelosie, tante rivalità. Migliaia di “lead” che finiscono in decine e decine di database che non comunicano tra di loro e che ogni tanto sputano informazioni. Nell’era delle comunicazioni globali, dal mondo dell’Intelligence arrivano segnali poco incoraggianti. Ed allora nel 2010 torneremo a parlare di lotta al terrorismo, di Al Qaeda e del misterioso Bin Laden, l’uomo delle cave che nessuno riesce a stanare, nonostante i miliardi di dollari spesi nella lotta al terrorismo islamista. Quest’anno voteremo per rinnovare i consigli comunali e già si cominciano a delineare i primi candidati. A Vaughan tutti aspettano il botto, la candidatura di qualcuno che possa fare la differenza. Si pensa a Julian Fantino o a Maurizio Bevilacqua. Ma sono solo ipotesi. Agguerrita dovrebbe essere la presenza italocanadese a City Hall, dove sarebbero quattro i candidati alla carica di sindaco, oltre a Rocco Rossi, ci sono Joe Pantalone, Adam Giambrone e Giorgio Mammoliti. Mai così tanti. L’auspicio, al di là dei nomi, è che ritornino le idee, i programmi, le strategie, senza scaricare il rosso di bilancio solo e soltanto sui contribuenti. Di politica federale e provinciale è meglio non parlare. Non c’è nulla di nuovo, ma neanche di interessante. Pagheremo di più per beni e servizi dal prossimo luglio, e questo lo sappiamo. La nuova tassa sul valore aggiunto ha messo trasversalmente d’accordo i conservatori di Ottawa e i liberali di Toronto. Noi, ne avremmo fatto a meno, ma a comandare sono loro e noi ce lo dimentichiamo soprattutto al momento del voto, quando potremmo spazzarli e spedirli a casa. E invece ci facciamo sistematicamente abbindolare dai candidati che si presentano con la ramazza. Tutti parlano di pulizia, ma la corruzione prende sempre più piede. Gli interessi soprattutto nel settore dell’edilizia condizionano le scelte di politici e di faccendieri. Ma siccome l’edilizia è il motore dell’economia nessuno fa niente, e chi parla viene zittito. Come sarà il 2010? Una volta si leggevano le previsioni di Barbanera. Adesso neanche quelle. Non ci resta che sperare o meglio adottare la filosofia di San Bernardo che consigliava di “tutto vedere, molto sopportare ed una cosa dopo l’altra correggere”. Buon anno a tutti.

Panorama Italian Canadian

Lunch with Sergio Marchionne pro Abruzzo Earthquake Relief Fund Tickets are almost sold out for Pranzo Con Sergio Marchionne/ Lunch with Sergio Marchionne, an exclusive event in support of the Abruzzo Earthquake Relief Fund, taking place on Friday, February 12, 2010 at the Liberty Grand. “We are overwhelmed by the business community’s response to this event and we are most grateful for their support of the Abruzzo Earthquake Relief Fund,” states Sam Ciccolini, chair, Pranzo Con Sergio Marchionne. “We hope this momentum continues as much more needs to be done to help rebuild the devastated areas of L’Aquila.” Born in Abruzzo, schooled in Canada, Mr. Marchionne’s achievements have become legendary and he has most recently been named Report on Business magazine’s CEO of the Year. Since taking the helm as CEO of Fiat SpA in 2004, he has delivered one of the auto industry’s most impressive turnarounds in recent history. As current CEO of Chrysler Group LLC, Mr. Marchionne brings with him his vast professional experience and visionary business instincts to meet the many challenges of the North ket. American auto marFunds raised from Pranzo con Sergio Marchionne/Lunch with Sergio Marchionne will support the efforts of the Abruzzo Earthquake Relief Fund. In cooperation with other organizations across Canada, the Abruzzo Earthquake Relief Fund will carry out meaningful projects that will support a return to normalcy for the people of L’Aquila. The Canadian contributions may include community centres, seniors’ or children’s centres, or programs needed by the people whose lives have been so affected. A decision on a specific project should be announced in January 2010.

Honourary Chairs Commissioner Julian Fantino Hon. Frank Iacobucci C. Robert Kidder – Chrysler Group Ken Lewenza – Canadian Auto Workers Alan MacGibbon - Deloitte

Durante una cerimonia al Columbus Centre

Transit Union: $20 mila per l’AERF

Nella foto da sin. Bob Kinnear, President, Amalgamated Transit Union Local 113, Senator Con Di Nino, Chair, AERF, Joseph Mancinelli, International Vice President and Central and Eastern Canada Regional Manager, LiUNA and Vice Chair, AERF, John Di Nino, Amalgamated Transit Union and Odoardo Di Santo, patron, AERF.

L Roberto Bandiera

Enzo Di Mauro

www.panoramaital.com TORONTO EAST

ENZO DI MAURO - EDITOR 2100 Pharmacy Avenue Toronto, Ontario M1W 1H8 Tel. 416-496-0337 dimauro.enzo@gmail.com TORONTO WEST CAV. ROBERTO BANDIERA - EDITOR 327 Culford Road Toronto Ontario M6L 2V6 Tel. 416-249-8800 Fax. 416-249-2314 robertbandiera@rogers.com Managing Editor Connie Di Mauro Administrative Sales Maria Grifone Bandiera Arte e Cultura - Dott. Prof. Valdo Gamberutti

ItalcanadaFest Production Corrispondente da RomaServizi: ANSA - AGI - ADNKRONOS - INFORM SERVIZI FOTOGRAFICI: PANORAMAWWW.ITALIANI.CA

Sponsors: Ralph and Rose Chiodo - Active Green + Ross/Peel Chrysler Giovanni DeGasperis - TACC Construction/Arista Homes Remo Ferri - Ferrari Maserati of Ontario Frank Stronach/Magna International Developments Chair, Abruzzo Earthquake Relief Fund Senator Con Di Nino

o stato maggiore della LIUNA, guidato da Joseph Mancinelli, vicepresidente e manager regionale per il centro ed

est canadese del potente sindacato ha incontrato i responsabili dell’Abruzzo Earthquake Relief Fund nella Galleria del Columbus

Centre, in occasione della consegna di un assegno di 20 mila dollari a favore dei terremotati d’Abruzzo. I fondi in questione sono

stati raccolti e donate dall’Amalgamated Transit Union Local 113 di Toronto. Nel consegnare l’assegno il Mancinelli ha fatto riferimento, oltre che alla tragedia che ha colpito la regione italiana, anche al recente cataclisma che ha annientato Port au Prince e gran parte della Repubblica Aitiana. “Ci siamo fatti un abbligo a contribuire a favore dell’Abruzzo, ora non possiamo sottrarci a lavorare per i nostri fratelli aitiani” ha detto Mancinelli. Il Sen. Con DiNino, che ha ricevuto l’assegno a nome dell’AERF, ha precisato che i fondi raccolti a favore dell’Abruzzo saranno utilizzati per la ristrutturazione del grandioso patrimonio di L’Aquila andato quasi totalmente distrutto in occasione del terremoto del 6 Aprile. “Ci vorranno parecchi anni ma siamo convinti che L’Aquila ritornerà a splendere come prima” ha detto; e riferendosi poi al sisma che ha colpito Ahiti, il Sen.DiNino ha sottolineato che si tratta di una calamita’ che coinvolge il mondo intero e che la comunità italo-canadese del Canada non può e non deve restare inbsensibile al grido di dolore che ci giunge dai Caraibi.


PANORAMA

Italian Canadian

4

Gennaio 2010

Brutium Association dei Calabresi nel Mondo

Medaglia d’Oro all’On.le Mario Sergio I Veglione di Capodanno alla Meridian Hall I l 2010 è stato salutato con allegria ed ottimismo al Veglione di Capodanno organizzato dalla Meridian Banqueth Hall della famiglia Santo Peluso. L’ottima cena, con ricco antipasto bar, e il ritmo della music del valente DJ Pappa hanno contribuito a rendere indimenticabile l’evento. Nella foto sopra, un gruppo di partecipanti al veglione saluta il Nuovo Anno. Il prossimo appuntamento alla Meridian è la sagrea del pesce, organizzata

dall’Associazione Amici della Magna Grecia per Sabato 27 Marzo 2010. Sarà servita una cena tutta a base di pesce. Nella foto sotto: Enzo e Connie Di Mauro, e Roberto e Maria Bandiera di Panorama.

n occasione del 43mo anniversario della fondazione, la Brutium Association, organizzazione che riunisce i Calabresi nel Mondo, ha premiato con medaglia d’oro alcuni di quei calabresi che con il loro operato hanno reso onore alla regione calabra. Fra i premiati con medaglia d’oro l,On.le Mario Sergio deputato al Parlamento Provinciale dell”Ontario. La cerimonia della consegna, delle medaglie organizzata dalla presidente del sodalizio calabrese, Emma Gesualdi,

si è svolta a Roma alla presenza del governatore della Calabria Agazio Loiero; Damiano Gagliardi a capo dell’assessorato per il Turismo, Immigrazione e Cultura per la Calabria ed il sindaco di Roma Gianni Alemanno che ha ufficialmente aperto l’evento. Nel ricevere l’importante riconoscimento dalla sua regione d’origine l’On.le Sergio ha voluto dedicare la medaglia ai tanti calabresi della Great Toronto Area che gli hanno dato la possibilità di contribuire alla promozione della Calabria in Ontario.

Nella foto Mario Sergio riceve la medaglia con diploma dall’assessore Gagliani, alla sua sinistra la presidente della Brutium Association, Emma Gesualdi.

Happy birthday Connie Ricupero Connie Ricupero ha festeggiato il suo compleanno subito dopo lo scoccare della mezzanotte del 2010, durante il veglione di Capodanno alla Meridian. A Connie, al centro nella foto, attorniata da famigliari ed amici vanno i più fervidi auguri da parte di Panorama e dei membri della Eloro Cultural Association.

PER COMPRARE O VENDERE LA VOSTRA CASA, CHIAMATE:

Tony Galletta, Broker • YOUR ‘TOP PRODUCER’ REAL ESTATE Buying or selling your home?

LET EXPERIENCE AND AMBITION WORK FOR YOU PER SERVIZIO E RISULTATI CHIAMATE TONY:416-458-6868 Sono a vostra completa disposizione

FREE MARKET EVALUATION RESIDENTIAL • COMMERCIAL • INDUSTRIAL IL MIO IMPEGNO VERSO DI VOI....

Quando vendete o comprate con me farò tutto il possibile, entro le mie capacità ed esperienza, per farvi ottenere il più alto risultato nella vendita o compera della vostra casa.

416-690-2121

TONY GALLETTA - Broker

2177-2179 Danforth Ave., Toronto ON M4C 1K4 2760 Victoria Park Ave #205, Toronto ON M2J 4A8 8787 Woodbrine Ave. #229, Markham, ON L3R 0P4

Cellular: (416) 458-6868 www.tonygalletta.com agalletta@trebnet.com

Mario Sergio, MPP York West Dedicated to our Constituents Assisting with the following Services

• Family Responsibility Offi ce • Trillium Drug Plan • Youth Apprenticeship Programs • Property Tax Assessment

• Birth, Death & Marriage Cert. • OHIP/Health Cards • Pension Plan • ODSP

Contact us with your concerns: 2300 Finch Ave. West, Unit 38 Toronto, ON M9M 3Y3 Tel: (416) 743-7272 Fax: (416) 743-3292 msergio.mpp.co@liberal.ola.org www.mariosergio.com


PANORAMA Italian Canadian 5

Gennaio 2010

Album fotografico di Tony Pavia Album fotografico di Tony Pavia Album fotografico di Tony Pavia Album fotografico di Tony Pavia

Festa degli Alpini di North York Sant’Antonio, protettore degli animali per il tesseramento 2010

G

li alpini di North York hanno effettuato il tesseramento per l’anno sociale 2010 nel corso di una festicciola presso una sala banchetti di Toronto. A dirigere le operazioni l’immancabile Ivana Fracasso. A conclusione dell’operazione tessera 2010 gli alpini, con tanto di beretto e penna nera hanno posato per la foto ricordo. Il comitato esecutivo dell’assciazione Alpini di North York è composto da: Adolfo D’Intino (presidente); vice-presidente Alpino Colangelo; tesoriere Nello D’Intino; segretario Ferdinando Battistelli. Altri “directors” sono: Fabrizio Capovilla, Gino D’Antoni, Evangelista Cannavicci, Domenico Guardiani e Cesidio Di Giovanni. Il prossimo 30 Gennaio l’Associazione Nazionale Alpini di Toronto presenterà nel corso di una serata di Gala presso la Famee Furlane di Islington e Steeles saranno presentate le bozze di un libro sulla storia degli Alpini dell’A.N.A. scritto da Gino Vatri (presidente della commissione intersezionale ANA per il Canada e gli USA. Il libro è stato anche tradotto in lingua inglese a cura di padre Marco Bagnarol.

Veglione di Capodanno alla Riviera Parque

La storia Antonio nacque intorno al ‘250 in Egitto, da una nobile famiglia di fede cristiana. A 20 anni rimase orfano e questo doloroso evento segnò la svolta della sua vita. Vendette i beni paterni, distribuì ai poveri quello che gli restava e si ritirò a vivere in luogo solitario. Cominciò a condurre una vita da eremita, dedita al lavoro dei campi, alla preghiera e alla penitenza; si nutriva solo di pane e acqua e dormiva sulla nuda terra. Nel ‘285, a 35 anni, si trasferì in un vecchio rudere abbandonato, sul monte Pispir, a est del Nilo, e interruppe qualsiasi relazione umana; visse isolato per circa 20 anni; solo un amico gli portava i viveri al di sopra del muro di cinta. Dove non giungevano più le minacce di uomini, si moltiplicavano le tentazioni del Demonio. Le legioni di Satana si scatenarono contro le sentinelle di Dio. Sant’Antonio fu il Santo delle tentazioni: il nemico gli apparve sotto parvenze angeliche, umane e bestiali. Ed egli lo vinse sempre, non senza fatica, tanto che una volta disse a Gesù, dopo aver superato una delle più forti tentazioni: “Dove eri tu buon Gesù? Perché da principio non fosti presente, per aiutarmi?”. Gesù rispose: “Io ero qui, ma aspettavo di vedere la tua battaglia; ora, però, poiché tu hai combattuto francamente, per tutto il mondo ti farò ricordare”. Trascorso questo periodo, molti cominciarono a recarsi da lui per condurre una simile vita ascetica. Fu cosi che in quei luoghi sorsero i primi monasteri abitati dai monaci che si mettevano sotto la guida spirituale di Antonio, detto per questo “abate” (dall’armonia “abba”, padre). Antonio lasciò la solitudine solo nel 311 per assistere ad Alessandria i fratelli cristiani reduci delle persecuzioni e nel 338, a 87 anni, per combattere l’eresia ariana condannata dal concilio di Nicca del 325. Ritiratosi infine sul monte Quazum, si mantenne coltivando un piccolo terreno, i cui prodotti divideva con i suoi monaci, chiamati “Antoniani”. La fama della sua santità era ormai nota in tutta la regione e molti gli chiedevano grazie e guarigioni. Oltre che come guaritore dell’herpes zoster, Antonio è invocato anche contro la peste, lo scorbuto e altre malattie che hanno manifestazioni analoghe al “fuoco di S. Antonio”. Antonio si spense il 17 gennaio del 356, all’età di 105 anni, dopo aver lasciato un testamento con la proibizione di non rendere noto il luogo della sua sepoltura per sottrarre la sua salma agli onori. Dopo varie traversie, nel corso dei secoli, le reliquie del Santo riposano ora nella cattedrale di Saint Trophime ad Arles in Francia. Fin da subito S.Antonio fu considerato il protettore degli animali. Fu la gente dei campi, gli umili contadini, ad eleggerlo quale protettore degli animali domestici, fondamentali nella società esclusivamente agricola di allora. Lo stesso S.Antonio e i suoi monaci si erano dedicati al lavoro della terra e all’allevamento degli animali domestici, in particolare di maiali, necessari al loro sostentamento. Proprio per questo alla base della statua del santo è collocato un maialino. Questa presenza può rappresentare sia la protezione del santo sugli animali, sia il demonio che sconfitto dal santo è condannato a seguirlo docilmente o ancora, può dipendere dall’usanza degli Antoniani di trarre dai maiali il grasso per curare la malattia nota come “fuoco di S.Antonio”.

Il Club Vallelonga e S. Antonio Abate

A

nnualmente il Club “ Villa Vallelonga” organizza dei festeggiamenti in onore di Sant’Antonio Abate. Nell’occasione il santo è interpretato da un socio del sodalizio e fa l’ingresso trionfale nel salone della festa accompagnato da una serie di cantori e dal suono di fisarmonica. Quest’anno il ruolo di Sant’Antonio è stato ricoperto da Nicola Bianchi; ad acompagnarlo con la fisarmonica Tony Bianchi; il gruppo dei cantori era composto da: Mary, Rita e Roa Bianchi, Angelina e Cristina Palozzi, Elia e Linda Romano, Nicolina Lippa, Concetta Ursitti ed Nicola Lippa.

Ballo in maschera del Club Juventus Il Club Juventus “Roberto Battega” organizza un ballo in maschera il prossimo 30 Gennaio presso La Riviera Park. Oltre al ballo e prevista una gustosa cena. I proventi saranno devoluti in beneficenza.

Per informazioni telefonare a Vince al 416 899 1564 o direttamente presso la sede del sodalizio bianconero al 905 856 0929


PANORAMA

G

Italian Canadian

roup 55 and plus, è l’associazione di seniors, che si riuniscono nella parrocchia di St. Clair, a St. Clair e Dufferin. Sotto la sapiente guida e dedizione del presidente Joe De Gennario, l’associazione svolge tutta una serie di attività sociali che danno la possibilità agli anziani di socializzare, di stare insieme, condividere le proprie esperienze. Il gruppo è molto attivo nelle attività religiose della parrocchia di Santa Chiara, il cui parroco è Padre Vito Marziliano di

6

Gennaio 2010

Group 55 and Plus della Chiesa di Santa Chiara

I membri del Young Group 55 and Plus, posano per la foto di circostamza.

recente trasferito dalla All Saints. Molti ricordano Padre Vito dalla Epiphany of Our Lord di Scarborough, di cui è stato parroco per oltre 12 anni.

Festa di fine anno dei Carabinieri

Nella foto il comitato dell’Associazione Nazionale carabinieri di Toronto

Nella foto il comitato direttivo di Group 55 and plus: Piero Marcon. Caterina Martino, il presidente Joe De Gennaro, il Parroco di Santa Chiara Padre Vito Marziliano, Maria Stirpe, Josie Mancuso e Roberta Sestito.

Appuntamenti comunitari Festa di San Valentino organizzata dalla Eloro Cultural Association Sabato 13 Febbraio presso il Pleasantview Community Centre di North York. La Parrocchia di St. Margaret Mary presenta l’annuale St. Valentine Dinner Dance Sabato 20 Febbraio - Da Vinci Banquet Hall 5732 Hwy #7 Woodbridge, Ontario. Per informazioni e biglietti telefonare al: 905-851-2661 or 905-851-4328 Gala raccolta fondi di Vaughan in Action - L’organizzazione organizza il suo 14º gala raccolta fondi “Precious Hearts” venerdì 12 febbraio presso il Venetian Banquet and Hospitality Centre. Spettacolo di danze polinesiane, asta, lotteria, premi e ballo. Per informazioni Maria Chiarlitti al 905-264-0771 o scrivere a info@tiamodecor.com

Basilicata Cultural Society ha convocato l’assemblea generale dei soci per Domenica 18 Febbraio. Villa Mediterraneo presenta un Fashion Show domenica 25 Aprile presso l’Angus Glen Golf Club (Kennedy Road & Major Mackenzie). Cena con Ballo degli Alpini - Il Gruppo Centro della Sezione di Toronto dell’Associazione Nazionale Alpini organizza sabato 30 gennaio alle 6.30 pm una cena con ballo presso la Famee Furlane Club. Festa in onore di Sant’Antonio Abate organizzata dal Supino Social and Cultural Club sabato 30 gennaio presso la Riviera Parque al 2800 Hwy 7 West, Concord. Inviare i vostri annunci comunitari robertbandiera@rogers.com dimauro.enzo@gmail.com

Eco d’Abruzzo

Programma dedicato alla comunita abruzzese dell’Ontario

CHIN Radio 100.7 FM

Giovedi’ 7:00 pm

Al centro nella foto, Tonino Giallonardo, presidente dell’Associazione Nazionale Carabinieri, posa con le benemerite.

Ivana Fracasso

Prodotto e presentato da Ivana Fracasso presidente della Federazione delle Associazioni Abruzzesi dell’Ontario

DOVE PUOI TROVARE PANORAMA ITALIAN CANADIAN 10,000

TORONTO WEST 4 Season Hairstyling -2463 Finch Ave. W. & Milvan Capri Bakery - 173 Millwick Dr. - 80 Oakdale Rd Cataldi Supermarket - 2542 Keele Street Classic Ceramic Tile - 18 Duflaw Road Club Vallelonga 2845 Dufferin St. South of Lawrence Columbus Centre/Centro Scuola - 901 Lawrence W. Community Action Centre -1928 Eglinton Ave.W. Consolato Generale d’Italia -136 Beverley St. 416-977-1566 Constituency office - Mike Colle - Dufferin St Const. office Judy Sgro - 2201 Finch Ave. W. Ste. 25 Da Gianni e Maria Trattoria -794/6 St.Clair Ave.W. Da Peppino Catering & Expresso Bar 2201 Finch Ave. W. # 3 (At Arrow Rd.) Dr. Giorgio Ilacqua - 4580 Dufferin St. Ste 301 Festival Variety Store (College St. West of Grace) Gippino Hot Table/Laiola Supermarket 2889 Dufferin St. Granravine Community Centre - Keele & Granravine Istituto Italiano di Cultura – 496 Huron Street Librital Italian Book Center - 2908 Dufferin Street M&E Quality Meat - 193 Millwick Drive (at Islington) Macelleria Potenza - Islington e Albion Road Nino D’aversa Bakery - Keele & Toro Road Master Video Productions - 604 College Street Patronato ACLI - 732 Wilson Ave Patronato ENASCO - 1337 St. Clair Ave. West Patronato INCA - Lawrence e Dufferin Patronato EPASA - 756 Ossington Avenue Rome Travel 792 St Clair Avenue West Royal Radiator -Tony Carabetta - 1145 Barmac Dr Rustic Italian Bakery - 321 Rustic Ave. (Keele & 401) St. Andrew Catholic Church - 2547 Kipling Ave. St. Fidelis Church - 33 Connie St St. Jane Frances Parish -2747 Jane St.(N. Sheppard) Toronto City Hall – 100 Queen Streeet West Tre Mari Bakery - St. Clair Ave. West Villa Colombo - 40 Playfair Ave Vin Bon - 191 Toryork Dr. Weston TORONTO EAST Associazione Famiglia Italiana 2231 Lawrence Ave. E. Autolino Service -1110 Birchmount Rd. Unit 13

COPIE DISTRIBUITE NELLA

GREATER TORONTO

Bona Via Italian Bakery & Café 308 Painted Post Drive Brothers Colangelo 2387 -Midland Ave. (S.Sheppard) Eloro Cultural Ass’n - Pleasantview Community Centre Epiphany Church - 3200 Fharmacy Ave. - Scarborough Esperia Grape Juice - 753 Warden Ave. S. of Eglinton Francesca Bakery 2 Invergordon Ave. (McCowan South Sheppard) Mediterranean Social Club - 2215 Danforth Avenue Milliken Wholesale Meat - 3447 Kennedy Rd. Unit 1 Monteleone Social Club - 829 O’ Connor Drive O’Connor Florist - 550 Danforth Road- Scarborough Patronato INCA -2760 Victoria Park Ave. (S. Finch) Tel. 416-499-2010 Vittoria Park Recreation Centre - Pleasantview Community Centre 545 Vanhorne Ave - North York West Hill Social Activities Club - Scarborough West Scarborough Com. Centre - Pharmacy Ave WOODBRIDGE Associazione Naz. Carabinieri -7007 Islington Ave. #22 CICA -Canadian Italian Cultural Association 3300 Steeles W. Unit 14 Cilento Wines - 672 Chrislea Rd. 905-264-9463 Creme Rotyale - 8000 Highway 27, Unit 11 Dr. Joseph Mendolia - Dentist 4585 HWY 7, Unit 1 IC Savings and Credit Union - 53 Woodbridge Ave Italiani.ca - 80 Hanlan Road, Unit 3 Famee Furlane - Islignton Avenue at Steeles Federazione delle Associazioni Molisane 62 Winges Rd. Woodbridge Grande Cheese - Jevlan & Langstaff Rd Immaculate Conception Parish -300 Ansley Grove Rd La Paloma Gelateria - Plaza del Sol-HWY & Weston Rd Longo Supermarket - 8401 Weston Rd Messinesi Club of Ontario - 510 Rowntree Dairy Rd Monte Carlo Inn - 705 Applewood Cres, Vaughan Nino D’Aversa Bakery - Kipling & Woodbridge Ave Pane Vittoria Bakery e Trattoria - 8733 Weston Rd. #16 Optima Medical Pharmacy - Dr. Carmelo Moriana 8333 Weston Rd Patronato ACLI - 8401 Weston Road Patronato EPASA -200 Whitmore Ave. (#7 & Weston Rd)

Patronato INAS - 7700 Pine Valley & Hwy #7 Primavera Convention Center - 77 Woodstream Blvd. St. Phillips Bakery 5100 Rutherford Rd. (At Islington) St. Phillips Bakery 2563 Major McKenzie Dr., Unit 6 Suore Minime della Passione - 7543 Kipling Ave South #7 Technobrass - 7500 Martingrove Unit 7 Villa Colombo - Vaughan Hwy#27 & Nashville Rd Villa Leonardo Gambin - 40 Friuli Court West Finch Bakery - 1107 Barmac Drive Weston Produce HWY 7 & Martingrove CONCORD Il Fornaio - Bakery-Cafè -Deli-Pizzeria 2781 Hwy 7 Sicilia Bakery - 399 Four Valley Drive Unit 1 & 2 MAPLE Fortino’s Supermarket - (Jane e Major Mackenzie) On. Maurizio Bevilacqua M.P. 20 Cranston Park Ave. #10 (Major Mackenzie & Keele) - 905-303-5000 Highland Farms Supermarket Ratherford & 400 Long’s Supermarket - Major Mackenzie & 400 RICHMOND HILL Weston Produce - Yonge St. North of 16th Ave Grande Cheese - 9737 Yonge St MARKHAM Festa Tour & Travel Serv. -29 Laidlaw Blvd #104B La Valle Del Savuto Club -7725 Birchmount Rd #46 Longo’s Supermarket - HWY 7 & Woodbine Markvillee Chevrolet - 5336 Hwy #7 W. of McCowan Novello’s 166 Bullock Dr Raymerville Deli and Bakery - 1 Raymerville Dr MISSISSAUGA Patronato EPASA - 1110 Central Parkway West Longo Supermarket - Derry Rd. & Goreway HAMILTON Dr. Giorgio Ilacqua - 20 Jackson Street West #310 Patronato INCA - 211 Centennial Pkwy, Unit 2A


Gennaio 2010

PANORAMA Italian Canadian 7

Lettera aperta di Pippo Callipo al Presidente della Repubblica On. Giorgio Napolitano “La Calabria rischia di diventare la Somalia dell’Occidente” Illustrissimo Signor Presidente Napolitano, dopo i terribili fatti di Rosarno, che anzitutto chiedono il rispetto per l’umanità delle persone, intervenga Lei per la Calabria abbandonata. La Sua decisione di venire in Calabria in qualche modo è rincuorante. La reazione di alcuni Ministri, l’inesistenza della Regione persino sul fronte dell’assistenza socio-sanitaria, l’impotenza del volontariato e di tutte le benemerite “agenzie” in favore degli immigrati, dopo il fuoco e le fiamme di Rosarno nella Piana di Gioia Tauro, ci dicono che vi è una sottovalutazione drammatica del “caso” Calabria. Rosarno non è che un punto critico di un quadro regionale che oggi è già fuori dalle regole democratiche. Chi Le scrive non è una “Cassandra” ma un imprenditore che vive ed opera in Calabria. Non soltanto Rosarno è un problema grave, ma la Calabria intera è una polveriera sociale. Se le Istituzioni nazionali, compresi i vertici dei partiti, non interverranno per tempo, la Calabria ha il destino segnato: sarà un’area senza sviluppo, senza regole, con un’infima qualità della vita, con ampie sacche del territorio inquinate e con una delle mafie più pericolose; e la Calabria è Italia, Europa. L’Occidente, egregio Presidente, sta lasciando che la Calabria diventi la sua Somalia. Ecco il punto su cui, sommessamente, La invito a riflettere. Non si diventa la Somalia solo per i rifiuti tossici lì scaricati in cambio di armi. Si diventa come la Somalia per l’estrema povertà di larghe fasce della popolazione; per l’erosione di affidabilità di un sistema istituzionale ed economico in cui la politica, chiusa nel Palazzo, è separata dalla società civile; per l’assenza di regole e per l’alto tasso di corruzione, nonché per la presenza di una criminalità invasiva e ostativa a qualsiasi forma di sviluppo. Ecco a cosa l’Italia sta andando incontro. Altro che festeggiamenti per il 150mo anniversario dell’Unità. A Lei, che rappresenta autorevolmente il Paese, rivolgo un appello ad intervenire, per evitare che la solitudine della Calabria si tramuti in rancore sociale e dopo la protesta violenta di Rosarno, le cui condizioni erano a tutti note da anni, possano accadere episodi di ribellione più gravi o che la Calabria si consegni mani e piedi alla ‘Ndrangheta. La bomba al portone della Procura Generale di Reggio Calabria, l’esplosione violenta della guerriglia di Rosarno, la crisi dello scalo di Gioia Tauro il più importante porto del Mediterraneo: queste sono soltanto alcune delle criticità sulle quali l’attenzione del Governo dovrebbe essere straordinaria e non, com’è al momento, effimera e interamente indirizzata a fabbricare slogan come il Ponte sullo Stretto e la Banca del Sud. La democrazia in Calabria è sospesa e di fatto sono sospesi alcuni dei più importanti diritti costituzionali dei cittadini: il lavoro, la libertà, la sicurezza, la salute. Dinanzi agli indicatori economici che la pongono agli ultimi posti di ogni classifica, al divario crescente di sviluppo rispetto al Paese e alle stesse regioni del Sud, alla fuga dei cervelli e dei giovani, il silenzio delle Istituzioni è inquietante. Dinanzi a tutto ciò non c’è alcuna mano tesa dello Stato alla Calabria migliore che chiede un aiuto e un sostegno che chiede di poter stringere un “patto” per uscire dal tunnel e guardare con speranza alla vita. Da Roma, anzi, si guarda agli inciuci della politica politicante calabrese con indifferenza o condivisione, si assiste all’esclusione dei giovani, delle donne e dei talenti dalla politica senza operare alcuna correzione nei metodi di selezione prevalenti, che esigono servilismo, dedizione ai voleri dei cacicchi, nessun senso critico ma obbedienza e ossequio. Egregio Presidente, questa è diventata la mia regione! Eppure le risorse dello Stato e dell’Unione europea non sono mancate, anzi sono state e sono massicce ma finiscono nelle tasche di “prenditori” che non il rischio d’impresa hanno in animo, bensì le ruberie e le truffe di ogni colore. A questo punto, c’è da domandarsi: cosa aspetta ancora l’Italia? Cos’altro deve accadere, in Calabria, perché l’Italia intervenga risolutamente per tranciare il connubio fra la malapolitica e il malaffare? La parte migliore del Paese che ha compreso, dovrebbe dare un appoggio alla parte migliore che vive nell’inferno calabrese per aiutarla a venire fuori, ad avere magari più coraggio, più fiducia. Ma se questo non dovesse accadere, sono del parere che ci aspettano giorni peggiori. In queste condizioni difficilmente, in Calabria, il cittadino crederà che l’unica via da percorrere sia quella del rispetto delle leggi. Pippo Callipo, Imprenditore. 13 gen. 2010

Callipo: rientro dei cervelli e spesa pubblica e senza il quale nessun sistema regionale può avere prospettive. Per fare tutto ciò, occorrono risorse, ma le risorse non mancano, perché dobbiamo trovarle nel caravanserraglio della spesa pubblica, al momento fuori controllo e in preda a pulsioni centrifughe che impediscono alla Calabria una sua utilizzazione ottimale in grado di risolvere i problemi strutturali della Cav. Pippo Callipo, candidato alla Presidenza regione.” “Credo che – ha della Regione Calabria dichiarato ancora Callipo -, sulla scorta di valutazioni “La Regione dovrà, il più autorevoli circa l’uso dispresto possibile, iniziare torto della spesa pubblica a predisporre un Piano di in Calabria, il cui fine è rientro dei cervelli, oltre stato, fin qui, quello di fare a migliorare e potenziare ingrassare l’esercito delle i provvedimenti volti a bloccare la fuga dei talenti clientele che poi è utilizzato elettoralmente, occorra di cui disponiamo”. Lo urgentemente chiedere una ha detto l’imprenditore Commissione Parlamentare Pippo Callipo, candid’inchiesta sulla spesa pubdato alla Presidenza della blica calabrese che faccia, Regione, intervenendo nel assieme a un team d’esperti pomeriggio a Spezzano Sila al convegno “Sviluppo di chiara fama, un’analisi della spesa, punto per calabrese e monitoraggio punto, del suo impiego o dei fondi pubblici” orgadel suo uso criminogeno, nizzato dall’associazione Abc Calabria e dai giovani specie in tutti quei casi in cui la spesa incrocia di Idv. “Unendo le due comitati d’affari di cui forze (i cervelli di fuori sono protagonisti ‘prendiche vogliano rientrare e le tori’, politicanti e crimimigliori intelligenze che nali. Su questo terreno si vivono in Calabria) – ha aggiunto Callipo – otterre- gioca una grande partita mo due risultati: neutraliz- per la moralizzazione della zare la mafia con la penna, politica e per restituire che si annida nella burocra- alla Calabria ciò che è suo e che finora le è stato zia; valorizzare il capitale sociale, che nell’economia colpevolmente sottratto. Oggi è semplicemente post-moderna è strategico

paradossale quanto sta accadendo in Calabria, dove assistiamo, da un lato, ad un dibattito straripante che mette al centro le infinite chiacchiere della politica e, dall’altro, la stessa politica – vista come onnipotente – è del tutto assente laddove c’è bisogno di risposte: mercato del lavoro e sviluppo, sanità, edilizia, legalità. Questa Regione è ridotta così male che non è capace neppure di rappresentare i rischi che la Calabria corre con il federalismo fiscale. Non vorrei che l’accordo tacito tra la Giunta regionale e il Governo sulla sanità, che andava commissariata visto il debito che si aggira all’incirca sui 3 miliardi, sia stato possibile sulla base di una richiesta espressa del Governo alla Regione di tacere sulla gravità dell’entrata in vigore del federalismo fiscale. Come dire: il Governo non commissaria una Regione che ha sfasciato la sanità mentre la Giunta regionale tace sui provvedimenti osceni del Governo contro il Sud. Questa politica calabrese mostra i muscoli nel rivendicare candidature e posti di comando, ma è impotente quando si tratta di mettere a frutto risorse finanziarie nell’interesse generale (Piano Casa) o di assicurare ai cittadini il diritto alla salute (Piano sanitario) e alla sicurezza (Rosarno insegna).


PANORAMA

Italian Canadian

8

Gennaio 2010

AuguriAuguriAuguriAuguriAuguriAuguriAuguriAuguriAuguriAuguriAuguri

Nico Navarra di Radio CHIN

I 100 anni di Zi Carluccio

Da 50 anni la “Voce” nella comunità

Nico Navarra

I

nizia alla CHWD, passa alla CKFH e quindi l’unione indissolubile con la CHIN. Da 50 anni il buon Nico Navarra, con la sua voce limpida e forte, raggiunge le nostre case dai microfoni della stazione radio che ha sposato nel lontano 1960, per ricordarci quanti giorni mancano alla fine dell’anno; per parlarci delle personalità nate in quel determinato giorno, per raccontarci quello che di buono accade qua’ e la’, a farci ascoltare bella musica del passato. C’e’ chi dice che fosse di origine pachinesi; chi lo vuole napoletano o calabrese, infatti Nico Navarra nasce a Roma il

6 Gennaio del 1930 da genitori siciliani: la madre originaria di Bagheria in provincia di Palermo, di Salaparuta, in provincia di Trapani, il padre. Nel 1935 si trasferisce in Sicilia dove rimane fino al 1943 per fare nuovamente ritorno a Roma. Rimane nella Citta’ Eterna fino al 1958 quando, per delle coincidenze, giunge in Canada, a Toronto. Negli anni romani frequenta l’accademia d’arte drammatica “Silvio D’Amico” dove ha l’opportunita’ di conoscere Vittorio Gasman, Massimo Girotti e tanti altri artisti di successo. Con “Garinei e Giovannini” partecipa al programma radiofonico della domenica “Chiamate Roma” prestando la voce a Fiorenzo Fiorentini. Fa parte del cast de “Il carro” insieme a Corrado Pani con la regia di Luchino Visconti. Dal 56 al 58

Nella foto da sin. Benito ed Emilia Serino, Vincenza e Nicola Casbarro, zio Carluccio, Cristina e Mario Casbarro. Nico Navarra, al centro della foto) ha festeggiato l’80mo compleanno con un gruppo ristretto di amici in un ristorante della nostra citta’. Accanto a lui notiamo Maria Bandiera, alle sue spalle i cognati e la moglie Esther, ed il maestro Tony Silvani e la moglie.

lavora con Carlo Croccolo su testi di Corbucci e Grimaldi fino a che, l’11 Marzo del 1958 , viene in “tournee” a Toronto con Croccolo, Rino Salviati e Nella Colombo. Dopo una serie di spettacoli di successo, Nico si rende conto che il Canada è la sua nuova terra. A Toronto organizza spettacoli di varietà al Cinema Italia di St Clair e Old Weston Road, con Danilo Danesi, Gaetano Giorno ed Enrico Farina.

Nasce in quel periodo la grande amiciziasodalizio con il cantante sorano Enrico Farina che li leghera’ fino alla prematura scomparsa del grande Enrico. Verso la fine del 1958 Nico approda alla CHWD del professor Mazzotta; nel 1960 alla CKFH di Johnny Lombardi e quindi, definitivamente, alla nuova stazione radio multilingue di Johnny Lombardi: la CHIN RADIO.

Carlo Casbarro ha festeggiato alla grande il suo ennesimo compleanno: oltre 200 invitati ed una festa da capogiro presso una celeberrima sala banchetti di Toronto. Non si trattava di un compleanno qualsiasi: Carlo festeggiava il suo 100mo compleanno circondato dall’affetto dei 3 figli, nuore, genero, gli undici nipoti, i 17 pronipoti

Enrico Pallotta, per il Club Guardiaregia, consegna una targa a ricordo dei suoi 100 anni a Carlo Casbarro a nome dei tantissimi compaesani guardioli.

e tantissimi paesani guardioli che lo ricordano da sempre. Carlo Casbarro è nato l’o Gennaio del 1910 a Guardiaregia, una fiorente cittadina di montagna in provincia di Campobasso nel Molise (in via Ospedale accanto alla cappelletta di San Nicola) tiene a precisare. Nel 1937, sempre a Guardiaregia, sposa Franceschina Albanese che gli da 4 figli: Emilia, Matteo (morto precocemente), Nicola e Mario. Nel 1965 si trasferisce in Canada con nel cuore la sua bella Guardiaregia che non manca mai di rivisitare quando si presenta l’occasione. Nel 2009 Carlo perde la compagna della sua vita, l’amata Franceschina, ma gli rimane l’affetto dei figli, nipoti, i tanti pronipoti, i tantissimi compaesani guardioli e i ricordi di una vita lunga.

Da sin: Matteo Giannantonio (giunto dall’Italia per l’occasione) Nicola Giannantonio, Carlo Casbarro, Mario Giannantonio e Mariam Giannantonio.

L’On Bucchino presenta una proposta di legge sulla sanatoria degli indebiti pensionistici Il Deputato Gino Bucchino ha presentato alla Camera una proposta di legge “bipartisan” che prevede la sanatoria degli indebiti a favore dei pensionati residenti all’estero. “La proposta di legge – spiega Bucchino – dispone l’abbandono del recupero delle prestazioni pensionistiche e familiari erogate indebitamente dall’Inps ai pensionati residenti all’estero per i periodi fino al 31 dicembre 2008. Di norma si tratta di indebiti che si sono costituiti a causa dei ritardi con cui l’Istituto Nazionale della Previdenza Sociale ha acquisito le informazioni reddituali dei pensionati residenti all’estero ed effettuato la ricostituzione delle prestazioni legate al reddito (trattamento minimo, maggiorazioni sociali, prestazioni familiari). Nel corso della precedente legislatura – rileva il parlamentare – era stato presentato un progetto di legge di sanatoria degli indebiti pensionistici dei residenti all’estero assegnato alla XI Commissione Lavoro il 17 aprile 2007 che non ebbe seguito a causa dello scioglimento anticipato delle Camere”. “Dobbiamo ora augurarci – auspica il deputato eletto all’estero - che questo Parlamento faccia propria l’esigenza di sanatoria per i pensionati residenti all’estero, anche alla luce del fatto che esponenti politici di maggioranza ed opposizione, enti ed istituzioni e lo stesso Inps hanno più volte espresso un orientamento favorevole alla sanatoria alla luce delle difficoltà pratiche incontrate nelle operazioni di rilevazione reddituale e di recupero degli indebiti di residenti all’estero e delle conseguenze molto penalizzanti rappresentate dalle operazioni di recupero”.


PANORAMA Italian Canadian 9

Gennaio 2010

A Golden Moment: Bevilacqua celebrates Canada’s Olympic pride with medalists and the Vaughan community

Maurizio Bevilacqua , Vaughan MP

Maurizio Bevilacqua and Barbara Ann Scott

Maurizio Bevilacqua and Lori Dupuis

aughan MP Maurizio Bevilacqua has seen a lot of things in Parliament over the past 21 years, but it was an historic first when the Olympic torch made a visit into the House of Commons. Carrying the torch was Barbara Ann Scott, Canada’s well known Olympian and figure skating gold medalist in the 1948 games in St. Moritz, Switzerland. Ms. Scott is 81 years old now, and she is tiny.

the Parliament buildings.” The flame that Ms. Scott carried was from one of the lanterns carrying the flame that was initially lit last October in Athens, Greece. “Having the Olympic Torch in the House of Commons will certainly remain as one of my most memorable experiences in the House,” said Bevilacqua. “The Olympics draw a lot of interest from people all over the world because the games are about more than just sports, it is an event that brings ath-

V

Weighing only 89 pounds, she said organizers had trouble finding her a suit that would fit. But she had no trouble hoisting the flame, walking up the centre aisle of the chamber to a standing ovation from MPs. Later Ms. Scott told reporters she was thrilled to be back in her hometown of Ottawa and in Canada. She lives in the United States now. “I can’t tell you what a thrill this has been,” she said. “Imagine an 81-year-old gal being invited to carry the torch into

letes and nations together providing an opportunity to showcase the very best of humanity.” An enthusiastic supporter of sports and culture, Mr. Bevilacqua is also pleased that the Olympic spirit is strong in the City of Vaughan, which was demonstrated in large part by the thousands of residents who swelled the streets of Kleinburg and Woodbridge during the Olympic torch relay’s passing through the City. Equally excited about the winter games is Lori

Dupuis, Vaughan’s own two-time Olympic medalist who helped the Canadian Women’s hockey team win silver at the 1998 Olympic Winter Games in Nagano and gold at the 2002 Winter Olympics in Salt Lake City. Bevilacqua met with Dupuis where she shared stories of her Olympic experience as well as the sym-

bols of her hard work for her Olympic medals. “I am very excited that our country is hosting the 2010 Olympic Games and I am glad that visitors who will attend the Games will see the majestic beauty of our nation and the feel the warmth of Canadian hospitality. Let’s Go for Gold Canada!” said Bevilacqua.

Bevilacqua’s Toy Drive puts 5000 smiles on our children’s faces

School Speaking Tour gives youth a voice in Parliament: Bevilacqua

MP Maurizio Bevilacqua speaking to Our Lady of Fatima students.

E

ducation is the essential key for a successful future. In 1988 Maurizio Bevilacqua began his School Speaking Tour and has continued this tradition ever since. The Tour has provided the MP with the great opportunity to speak and listen to over 80,000 students to date. It is in those classrooms and gymnasiums that students have articulated their views on issues ranging from the environment, health care, education, poverty and Canada’s place in the world. During the dialogue, Bevilacqua is often faced with everything from complex queries to simple ques-

Bevilacqua speaks at St. Michael’s College School tions, but always an insightful perspective on issues, proving that our children are highly inquisitive, eager

to learn and consistently contributing their ideas for the greater good of our community and country.

When Mr. Bevilacqua first ran for public office at the age of 28, he was motivated by a desire to give young people a greater voice in Parliament. He dedicated the first five years of his political journey to Canada’s youth and, thanks to their input, was able to draft the Youth Employment Strategy which has helped millions of Canadian youth obtain career information, develop skills, further their education find good jobs and stay employed. This national strategy offered a broad range of initiatives. When asked about his impressive contribution to youth programs in Canada he stated, “I really don’t deserve praise for my efforts but I am happy that my contribution has made a positive difference to the lives of many young people.” Since conditions and realities for today’s youth are constantly changing, it is important to maintain an open dialogue with students in order to address their needs and aspirations. “Every school I visit is a unique experience and I am always very impressed by the students’ knowledge and willingness to accept responsibility and seize opportunities to make our country and our world a better place to live in. I have no doubt that this generation will provide great leadership for the future of our country.” concluded Bevilacqua.

Vaughan MP Maurizio Bevilacqua would like to thank the residents of Vaughan and the GTA for making his 6th Annual Toy Drive in partnership with the CHUM/ CP24 Christmas Wish a great success. With the help of local schools, businesses and residents, over 5,000 toys were collected at his community office. “It is great to see our Vaughan community respond to the Annual Toy Drive in such an impressive fashion,” said Bevilacqua. “We believe that every child deserves a toy on Christmas Day and every child deserves to smile. No child should be left behind and no child should be forgotten. Through the kindness and generosity of the community, we have been able to bring happiness and hope to children who would otherwise be left without a gift on Christmas. Over the years we have collected tens of thousands of toys. As a resident of Vaughan I am always humbled by the spirit of generosity that defines our city.” concluded Mr. Bevilacqua. The Annual Toy Drive Team is looking forward to next year’s drive with the certainty that the Vaughan community will once again do its best to make Christmas Day a very special day for our children.


PANORAMA

Italian Canadian

10

Gennaio 2010

Sempre più popolare la tradizione della Befana nella nostra comunità

La Befana a Villa Colombo La Befana vien di notte con le scarpe tutte rotte. Viva viva la Befana

La scrittrice e poeta Gianna Patriarca racconta ai bambini la leggenda della Befana. (vedi sotto)

La Befana, al secolo Marisa Buffone fa il suo ingresso in Sala Caboto accolta dai tanti bambini.

La poetessa Bertone con la nipotina e altri bambini.

Face painting per i piu’ piccini nell’attesa della Befana.

G

iornata particolare lo scorso 6 Gennaio a Villa Colombo: anziani e piccini insieme ad aspettare l’arrivo della Befana. Due piccioni con una fava: con un unico evento avvicinare l’infanzia ai residenti di Villa Colombo e celebrare una delle più antiche tradizioni italiche. Oltre 300 persone hanno partecipato all’evento dal più giovane (un bimbo nato lo scorso 24 Dicembre) ad un’anziana nonna di 105 anni. Ben organizzata la festa della Befana ha avuto inizio nella tarda mattinata con lo spettacolo per giovanissimi con Stylamanders (più noto come Mr Dress-up); continuava poi con la Poetessa Gianna Patriarca che narrava (in italiano ed inglese) ai bambini che la seguivano estasiati, la storia della befana. La Befana, finalmente, faceva il suo ingresso a suon di tarantella nel salone di Villa Colombo subito dopo il pranzo. Subito attorniata da bambini la befana, impersonata da Marisa Buffone, distribuiva doni e abbracci prima della sessione fotografica con Photos by Jack sponsorizzata dall’Imperial Home Hardware. Nel corso dell’evento, i cui proventi vanno a favore di Villa Charities sono stati venduti palloncini con sorprese e biglietti per sorteggi di regali offerti da vari sponsors. Tra i regali anche una pecora viva vinta da Rinaldo Saccotelli.

Il popolare Tony di Columbus Centre con alcuni dei tanti genitori e bambini che hanno partecipato all’evento.

Joe Martinello con Luca, Matteo, Samanta, Alessandra e Francesco.

Alcuni dei tanti volontari che hanno aiutato lo svolgimento dell’evento.

Foto sopra: Mr. Dressup diverte grandi e piccini. Foto sotto: Nonni e nipoti a ballar la tarantella.

TANTE BEFANE Anche quest’anno tante organizzazioni italocanadesi hanno festeggiato, il 6 Gennaio, la festa della Befana. Molto attesa dai bambini in Italia, in Canada questa tradizione si era persa, al massimo si ricordava in famiglia. Circa dieci anni fa, quando ero presidente della Federazione Molisana introdussi l’ idea di organizzare la festa della “Befana”. La prima edizione fu un grandissimo successo e vide la partecipazione di circa 400 persone e tanti tanti bambini che furono allietati dalla presenza di questa vecchia bonaria che distribuiva regalini a tutti. Da allora la FAMCO ha ogni anno mantenuto la tradizione e sono felicissima che anche quest’anno l’abbia fatto. In seguito alla nostra iniziativa molte altre associazioni e Clubs di Toronto hanno adottato questa bella tradizione. Speriamo che continui....(Maria Grifone Bandiera)

G.A. (Joe) Guglietti Tel.: 905-951-3900 - Fax: 905-951-3901 Toll free- 1-800-371-5344 E-mail - gapwastemanagement@bellnet.ca

Joe Martinello, un palloncino sorpresa per $10, posa con Raffaella Vavasour e la piccola Julia.

Genitori e bambini, tanti, che hanno partecipato alla prima edizione della Festa della Befana organizzata a Villa Colombo.

N

ella più pura tradizione popolare Italiana la befana, scende nelle case attraverso le cappe dei camini, che simbolicamente raffigurano un punto di comunicazione tra la terra e il cielo e distribuisce due tipi di doni:quelli buoni che sono il presagio di buone novità della stagione che verrà e il carbone, che, invece, è il residuo del passato. Ai bambini buoni lascia caramelle e dolcetti, a quelli cattivi lascia pezzi di carbone. “La Befana ha portato un po’ di carbone perché siete stati un po’ cattivi, però, ha portato anche i dolci perché dovete essere buoni”: erano queste le frasi che accompagnavano la mattina l’apertura delle calze dove, immancabilmente tra dolci, e fichi secchi, trovavano posto, oltre al carbone, anche cipolle, castagne, patate, mele, noci, noccioli e altri prodotti della terra. La Befana chiude le vacanze natalizie e si festeggia nel giorno dell’Epifania, Una leggenda spiega la coincidenza così “Quando i Re Magi partirono per portare doni a Gesù Bambino, solo una vecchietta si rifiutò di seguirli. Quando, pentita, cercò di raggiungerli, non ci riuscì. Da allora, nella notte tra il 5 e il 6 gennaio, volando su una scopa con un sacco sulle spalle, passa per le case a portare ai bambini i doni che non è riuscita a dare a Gesù Bambino”. A Toronto, come del resto in gran parte del Mondo, regnava incontrastato Babbo Natale (alias Santa; alias SantaKlaus etc) come massimo distributore di regali natalizi; la Befana, a fargli concorrenza, venne introdotta per la prima volta una decina d’anni fa dalla Federazione delle Associazioni Molisane allora diretta da Maria Bandiera.


PANORAMA Italian Canadian 11

Gennaio 2010

Veneto La Befana al Veneto Centre

D

Nella foto La Befana (Loredana Semenzin) posa con un gruppetto di bimbi soddisfatti dei doni ricevuti.

opo aver sorvolato lo spazio aereo metropolitano, con sosta al Columbus Centre, la Befana, a bordo della sua scopa volante “dash 1200” si è diretta a nord per far sosta al Veneto Centre dove erano ad attendere all’incirca una centinaio di bambini trevisani chiamati a raccolta dalla presidente dei Trevisani nel Mondo: la signora Loredana Basso. Anche al Veneto Centre la vecchietta volante ha distribuito doni ai piccoli esortandoli a continuare ad essere bravi, obbedienti, generosi e soprattutto a rispettare e promuovere le vecchie tradizioni italiane come per l’appunto la “festa della Befana”.

Nella foto sopra i bambini trevisani posano per la foto di circostanza insieme alla Befana, le orgnizzatrici dell’evento (la Basso e la Sanvido) ed alcuni genitori.

Nella foto a sin. la presidente del sodalizio Veneto, la signora Loredana Basso, la Befana (al secolo Loredana Semenzin) e Loriana Sanvido

Concerto di fisarmoniche nella Sala Rialto

U John Lettieri, (nella foto) inizia la sua carriera musicale giovanissimo come allievo di Neil Pupulin,, proseguendo all’Università di Toronto sotto la guida del Maestro Macerollo. Ha vinto molte competizioni di fisarmonica e suonato in innumerevoli concerti. Nel 2008 ha rappresentato il Canada in un campionato mondiale in Italia, dove si è fatto molto onore. Attualmente e` “Music Director” alla Scuola Padre Bressani di Woodbridge e alla “Saint Elizabeth School for the Arts” a Thornhill.

n centinaio di persone ha partecipato Domenica 17 Gennaio al concerto di fisarmonica organizzato dalla Federazione Veneta nella Sala Rialto del Veneto Centre. Un concerto d’alta classe con due dei più grandi virtuosi di fisarmonica del Canada: Neil Pupulin e John Lettieri. Al concerto ha partecipato anche la giovane promessa Daniela Bortoluzzi che, accompagnata dalla fisarmonica di Pupulin, ha eseguito diverse arie di bel canto. Ad aprire il concerto e’ Neil Pupulin che in un’ora ed un quarto di spettacolo porta un pubblico in religioso silenzio, in giro per tutta l’Europa dalla Russia alla Spagna passando attraverso Romania, Ungheria, Polonia, Austria, Slovenia, Grecia e Italia. Tutta la maestria di Pupulin si esalta poi con l’interpretazione di “staccato per violino” e brani tratti dalle opere di Johannes Brahms, J.Sebastian Bach, Amedeus Mozart e Beethoven per poi passare alla “Vedova allegra” di Franz Lehar e “Il paese dei campanelli”. Pupulin conclude la sua esibizione con una carrellata sui celebri Valzers di Johan Strauss. La seconda parte dello spettacolo vede l’esibizione della Bortoluzzi e quindi John Lettieri che da solista da un saggio della sua bravura passando attraverso le più grandi tra le opera di Verdi: dall’Aida al Nabucco, all’Otello ed altri brani, quindi, insieme al suo primo maestro Pupulin si esibisce in una carrellata di successi internazionali suscitando commozione nell’attento pubblico. Un’ottima cena, buona compagnia ed un eccellente concerto di due ore per la modica spesa di 50 dollari. Peccato che ci fossero solamente un centinaio di persone. Nella foto a lato, Neil Pupulin, nativo di Fiume Veneto, è un fisarmonicista di grande esperienza. Nella sua carriera si è esibito in moltissimi luoghi molto prestigiosi, troppi da enumerare tutti, ma per esempio alla radio: CBC, ad Ontario Place, a Roy Thompson Hall, per 15 anni al locale Mocambo.

Una fase del concerto con Pupulin Nella foto a destra, la giovane soprano Daniela Bortoluzzi riceve un bouquet donato da Gatto Florist dalle signore Ceolin e Berton, organizzatrici della serata. Daniela Bortoluzzi ha studiato musica da giovanissima. Laureatasi presso l’Università Western Ontario, dopo un anno di studi specializzati in Australia, consegue la laurea in “Music Education”. Daniela si è esibita in vari posti: lo Skydome (Rogers Centre), Roy Thompson Hall ed ha ottenuto prestigiosi premi in competizioni canore. Prossimi eventi al Centro Veneto 13 Febbraio –Festa di Carnevale e San Valentino (dinner dance) 13-15 Febbraio – Gita ad Ottawa organizzata dai Giovani: “ Family Day Long Weekend”. 7 Marzo – Festa della Donna: pranzo alle ore 13:00 seguito da intrattenimento 30 Maggio – Festival dei Cori con la partecipazione della Corale Veneta, del Coro Bimbi Veneti e di altri due gruppi ospiti. Seguite ogni venerdi alle 10:30 del mattino a Radio CHIN (1540 A.M.) “Ciacoe Venete” , programma radiofonico condotto da Clara Ceolin e Giorgio Beghetto


PANORAMA

Italian Canadian

12

Gennaio 2010

How to Obtain Grants and Credits for Ontario Seniors On July 1, 2010, the PST is being combined with the GST to create one sales tax. It will mean more investment in Ontario, more jobs and greater prosperity.

These changes also mean significant tax breaks, particularly for our seniors.

Tax Relief •

93% of Ontarians will receive permanent income tax cuts;

Eligible families (including senior couples) earning less than $160,000 will receive three payments totaling $1,000;

Individuals earning less than $80,000 will receive three payments totaling $300;

Helping low and middle-income seniors through the Ontario Sales Tax Credit – providing up to $260 per adult each year, beginning in July 2010.

Additional Ontario Property and Sales Tax Credits for Senior Couples The Ontario Property and Sales Tax Credits will be improved to better reflect circumstances facing low-income seniors. Senior couples receiving the minimum level of income from governments will be able to receive the full benefit from these credits. •

A new Ontario Property Tax Credit has been established to provide an additional $270 in property tax relief for Ontario homeowners and seniors.

Senior Homeowners’ Property Tax Grant The Ontario Senior Homeowners’ Property Tax Grant is an annual amount provided to help offset property taxes for seniors with low and moderate incomes who own their own homes. For 2010 and subsequent years, we have doubled the maximum grant to $500, ensuring that seniors can stay in their own homes longer.

You can apply for this property tax grant if, on December 31, 2009: •

You were a resident of Ontario;

You owned and occupied your principal residence for which you paid property taxes in 2009;

You were 64 or older;

Your spouse or common-law partner has not received a property tax grant for 2010;

You meet the income requirements. Single seniors with incomes of up to $35,000 will receive the maximum grant of $500. Single seniors with incomes between $35,000 and $50,000 will receive a smaller grant.

Senior couples with combined incomes of up to $45,000 will receive the maximum grant of $500. Senior couples with combined incomes between $45,000 and $60,000 will receive a smaller grant.

***IN ORDER TO RECEIVE THIS GRANT, YOU MUST APPLY FOR IT EACH YEAR WHEN FILING YOUR PERSONAL INCOME TAX RETURN. MAKE SURE THE PERSON FILING YOUR TAX RETURN COMPLETES FORM ON479 – ONTARIO CREDITS AND SENIOR HOMEOWNERS’ PROPERTY TAX GRANT, WHICH IS INCLUDED IN YOUR PERSONAL INCOME TAX RETURN. YOUR GRANT FOR 2010 WILL BE BASED ON THE INFORMATION PROVIDED IN YOUR TAX RETURN. You should receive your grant by cheque or direct deposit within 4 to 8 weeks after you receive your 2009 Notice of Assessment from Canada Revenue Agency. ere is an example of the money you can receive:

Images of Mike Colle, MPP EglintonLawrence, with Villa Colombo seniors

For further information on how to take advantage of the property tax grant and tax credits, please contact your local MPP, or feel free to contact my office. Telephone: 416-781-2395 Email: mcolle.mpp.co@liberal.ola.org

Mike Colle, MPP Eglinton-Lawrence

Constituency Office 2882 Dufferin Street Toronto Ontario, M6B 3S6 416-781-2395 Fax: 416-781-4116

Mike Colle, MPP Eglinton-Lawrence

Email: mcolle.mpp.co@liberal.ola.org

Queen’s Park, Room 251 Toronto, Ontario M7A 1A4 Tel: 416-325-4091 Fax: 416-325-4136


PANORAMA Italian Canadian 13

Gennaio 2010

Premio letterario Molise 70 indetto dal

Movimento Molisani nel Mondo

Modalità del concorso Per la narrativa si può partecipare con un racconto, di qualsiasi genere, di una lunghezza non superiore a 1500 parole. Per la poesia è ammesso un singolo testo poetico, di qualsiasi genere, di non oltre 500 parole, o vari testi che nell’insieme non superino 500 parole. La partecipazione al concorso è aperta ad autori le cui origini sono legate a qualsiasi regione italiana o di origine straniera, aventi un’età non superiore ai trentacinque anni e residenti in Canada.

Il primo premio consiste di 1000 dollari canadesi, il secondo di 500 dollari, e il terzo di 250.

I lavori devono essere inviati alla segreteria dell’associazione, entro e non oltre il 31 maggio, 2010, al seguente indirizzo: PREMIO MOLISE 70 - 1395 Lawrence Ave. West P.O. BOX 20009 Toronto, Ontario M6L 1A0 Essi possono anche essere inviati tramite posta elettronica al seguente indirizzo:telematico: premiom olise70@rogers.com I lavori devono essere accompagnati da una nota biografica o da una nota biobibliografica qualora il candidato abbia al proprio attivo delle pubblicazioni.

La Giuria La Giuria sarà composta da membri dell’associazione e da esponenti della cultura italiana operanti in Canada. La decisione della Giuria è definitiva e insindacabile. I premi saranno assegnati in merito all’originalità dei lavori, all forza della scrittura, e alle problematiche da essi sollevate. L’assegnazione dei premi avrà luogo nell’autunno del 2010. Per ulteriori informazioni si è pregati di rivolgersi alla segreteria dell’associazione via Canada Post o inviando un messaggio all’indirizzo elettronico di cui sopra.

Amici della Magna Grecia in collaborazione con

Meridian Banquet & Convention Centre 2301 Keele Street Toronto (South of Lawrence) organizza

Cena a base di pesce

Sabato 27 Marzo, 2010 - ore 6:30 pm Ballo con Automatic D.J.

Per informazioni

Patronato INCA - CGIL Ufficio pensioni - Ontario

ASSISTENZA OFFERTA GRATUITAMENTE Rivolgetevi ad una di queste sedi:

793 Lawrence Ave. W Toronto, ON. M6A 1C2 416-781-0712 Da lunedi a venerdi dalle 10 am alle 4 pm

2760 Victoria Park Ave. Suite 200B Toronto, ON M2J 4A8

211 Centennial Parkway Unit 2A Hamilton, ON L8A 1H2

245 Simcoe St. South Oshawa, ON L1H 4H3 Due volte al mese per appuntamento 416-781-0712

905-547-4497

Da lunedi a venerdi dalle 10 am alle 4 pm

416-499-2010

Da lunedi a venerdi dalle 10 am alle 4 pm

416-242-7100 - 416-249-8800 647-669-4486

A tavola con Maria Rubrica gatronomica a cura di Maria Bandiera Maria Grifone Bandiera

Linguini San Giovanni

Ingredienti per 5 persone In una casseruola mettere a rosolare in olio 3 spicchi d’aglio ed il peperoncino; poi aggiungere 5 acciughe salate, lavate e spinate, e uno scatolo di pomodori pelati a pezzetti e far cuocere un po’ con un pizzico di sale, aggiungendo alcune olive nere snocciolate prima di togliere dal fuoco la salsa. A parte scaldare la pasta, preferibilmente linguini, condire e servire.

Spaghetti al tonno e olive Ingredienti per 4 persone

500 di spaghetti, l00 grammi di tonno sott’olio,l00 grammi di olive nere,50 grammi di capperi,2 spicchi d’aglio,un ciuffetto di prezzemolo tritato, pepe, sale e olio quanto basta. Mentre si cuoce la pasta in una casseruola con mezzo bicchiere di olio si fa indorare t’aglio(un po’ schiacciato)assieme ai capperi, le olive snocciolate e tagliuzzae a pezzetti, qualche cucchiaiata di brood di pasta, il prezzemolo tritato ed una manciata di pepe, aggiungervi il tonno sminuzzato. Scolare la pasta e condirla con la salsetta ancora calda.

Ziti alla Napoletana

450 gr. di ziti -850 g. di pomodori a pezzettini 85 g di burro 4 cucchii di olio-basilico-mezza cipolla- 5 cucchiai di caciocavallo grattugiato (si puo’ sostituire con il pecorino) sale e pepe. Fate scaldare in una casseruola ‘olio e meta’ del burro unite la cipolla tagliata a fette piuttosto spesse e fatela soffriggere; quindi toglietela e sostituitela con I pomodori pelati e tritati. Unite 5 o 6 foglie di basilica,salate,pepate e fate cuocere su fuoco vivo per 10 minuti finche’ il sugo si sara’ ristretto. Nel frattempo fate lessare gli ziti in abbondante acqua bollente, scolateli e trasferiteli in una terrina preriscaldata. Conditeli con il burro rimasto, con il sugo preparate e cospargeteli con il caciocavallo (o pecorino) Mescolate e servite subito ben caldo.

Penne e Melanzane

Ingredienti per 6 persone 450 g.di penne-uno spicchio d’aglio-2 melanzaneun peperone -450 g. di pomodori pelati-un ciuffo di prezzemolo-basilico – 4 o 5 cucchiai di olio-4 cucchiai di grana grattugiato-sale-pepe Lavate le melanzane poi tagliatele a dadini;lavate anche il peperone, eliminate I semi e il pcciolo, poi tagliatelo a striscioline;tritate i pomodori eliminando i semi. Fate scaldare l’olio in una casseruola,unite l’aglio, quendo sarea’ dorato eliminatelo e aggiungete le melanzane e I pepperoni. Fate insaporire le verdure, quindi agiungete I pomodori e il basilica. Salate,pepate fate cuocere a fuoco basso per circa 40 minuti.Pochi minuti prima di spegnere il fuoco cospargete con I prezzemolo mondato, lavato e tritato. Nel frattempo avrete cotto la pasta in abbondante acqua bollente salate. Scolatela al dente, cospargetela con I grana e conditela con il sugo preparato.

Salsiccie di maiale con fagioli DOMANDE DI PENSIONE PER ITALIA - FRANCIA - BELGIO - GERMANIA SVIZZERA - LUSSEMBURGO - AUSTRALIAINGHILTERRA - U.S.A. CANADA: Enti locali canadesi CPP - OAS Disabilità -Pensioni Unione e Private Foglio matricolare - posizioni assicurative ripristino pagamenti - pensioni - cambi di indirizzi - certificati anagrafici italiani e canadesi COMPILAZIONE DI MODULI: Assistenza sanitaria - certificati esistenza in vita passaporti italiani - immigrazione (landed immigrant) PR cards - dichiarazioni reddituali ecc.

Ingredienti per 6 persone

600 g. di salsiccie di maiale 400 g. di fagioli bianchi. 4 cucchiaiate d’olio. Un trito composto da 2 cipolle mezza foglia di lauro, mezzo spicchio d’aglio, una costola di sedano. Uno scatolo di pomodori pelati e tritati, un po’ di pepe. Punzecchiare le salsiccie in parecchie parti, metterle in una padella e farle cuocere pian piano, sgocciolarle ben cotte e tenerle in caldo. Passare Il grasso che hanno cacciato le salsiccie mescolarvi l’olio e fate rosolare il trito di cipolla, sedano, aglio e lauro. A questo punto aggiungete la polpa di pomodoro condite con sale e pepe. Dopo una decina di minuti di cottura del pomodoro unite le salsiccie e I fagioli far insaporire per circa l0 minuti e servire ben caldo.


PANORAMA

Italian Canadian

14

Gennaio 2010

Basilicata Cultural Society

Sagra del maiale

Nella foto, John Zagaria di Dolce Lucano, taglia la porchetta mentre i bambini osservano incuriositi.

I

l maiale è stato il re della tavola alla sagra del suino organizata dal Basilicata Cultural Society presso la propria sede al 28 di Roytec Road, in Woodbridge. E’ stata un’occasione per degustare pasta e fagioli, il cotechino alla lucana e le salsiccie alla brace, il tutto accompagnato da un buon vino. Il momento clue della serata l’arrivo di una gustosa porchetta preparata da John Zagaria, proprietario della macelleria Dolce Lucano. “In Basilicata l’uccisione del maiale rappresenta tutt’oggi un giorno di grande festa” ha detto Pat Tremamunno, vice presidente del sodalizio che conta oltre 350 soci e continua a crescere. Particolarmente soddisfatto il presidente Emanuele Di Lecce per il successo della serata e sopratutto per l’attiva partecipazione dei soci del Basilicata che di recente ha acquistato l’edificio, attrezzato con cucina, bar e sala riunioni e feste. La serata si è conclusa con i classici quattro salti al ritmo della musica DJ. Il prosimo appuntamento della Basilicata Cultural Society la Festa di San Giuseppe, sabato 20 marzo.

I cuochi della sagra del maiale Enzo Policelli e Joe Galante posano con le cameriere che che hanno servito i piatti tipici a base di maiale.

Le immagini dell’allegra sagra lucana

Nella foto (a destra) il Presidente della Basilicata Cultural Society Emanuele Di Lecce, insieme a famigliari ed amici.

Paola Zagaria serve la porchetta insieme al marito John.

Nella foto si riconosce Pat Tremamunno, Vice Presidente della Basilicata Cultural Society assieme a famigliari ed amici.

La Befana al Basilicata Pat Tremamunno President • Stainless Steel Vessel • Piping - Fitting • Process Systems 60 Summerlea Road Brampton, ON L6T 4X3

(905) 799-9996 ext.301 Fax (905) 799-9788 pat@inoxindustries.com www.inoxindustries.com


PANORAMA Italian Canadian 15

Gennaio 2010

Joe Pantalone, candidato a Sindaco di Toronto

J

oe Pantalone, tre giorni dopo aver annunciato ufficialmente la sua candidatura a Sindaco di Toronto ha incontrato i soci della Eloro Cultural Association per illustrare, per sommi capi, la sua visione di Toronto. Pantalone, ribadendo quanto aveva affermato in una recente intervista a Panorama, ha sottolineato che ha tutta l’intenzione di succedere a David Miller e che non abbandonerà la campagna a metà percorso, per concorrere per il vecchio posto di consigliere. “Qualora non dovessi diventare sindaco, usciro’ definitivamente dalla scena politica comunale”, ha detto Pantalone.

Joe Panttalone

Joe Pantalone, 57 anni, da sei anni vice sindaco di Toronto ha detto di avere l’esperienza necessaria per aspirare alla poltrona di primo cittadino. Tra le idee presentate nell’incontro con i soci della Eloro: la creazione di una diecina di “green storefronts” cioè centri in cui le persone possono

ricevere informazioni per programmi ecologici, come acquistare una nuova caldaia del riscaldamento o istallare pannelli solari. Egli ha anche detto che Toronto dovrebbe far tesoro dei legami delle varie comunità etniche con le nazioni di origine al fine di incrementare le relazioni commerciali e culturali con la città di Toronto. Pantalone ha detto di essere favorevole allo sviluppo di partenariati con il settore privato cosi’ come ha fatto quale presidente del consiglio di amministrazione dell’Exhibition Place per lo sviluppo di strutture come lo stadio di calcio BMO e dell’Allstream Centre.

Joe Pantalone (di spalle) parla ai soci della Eloro Cultural Association nel salone del Pleasantview Community Centre di North York

Nella foto Joe Pantalone posa con il direttivo della Eloro Cultural Association. Da sin. Connie Di Mauro, Connie Ricupero, Joe Ricupero, Joe Pantalone, Luigi Spatola, Carmela Spatola, Rosa Ricupero, Rita Bazzano ed Enzo Di Mauro, presidente della Eloro.

Conferenza dei Lucani a Potenza

Programmi culturali e informazione di ritorno per i Lucani all’estero

S

ono i tagli ai capitoli per gli italiani all’estero, la riforma dell’associazionismo e il rinnovamento delle procedure per il riconoscimento della cittadinanza i temi più a cuore ai lucani all’estero ed emersi durante la conferenza che si è svolta a Potenza l’8 e il 9 gennaio scorsi. Lo ha spiegato il presidente della Commissione regionale dei lucani all’estero Pietro Simonetti, alla conclusione della conferenza e dell’approvazione del programma triennale e annuale a favore delle

comunità all’estero. Tante le attività che la Regione Basilicata porterà avanti o avvierà durante il 2010 per i corregionali nel mondo. Prima fra tutte l’apertura del museo dell’emigrazione “Nino Calice” entro la fine dell’anno presso il Castello federiciano di Lagopesole. “Entro l’anno – ha aggiunto Simonetti – il museo si collegherà on line con gli altri musei regionali dell’emigrazione e appena sarà possibile anche con il Museo nazionale dell’emigrazione italiana” attualmente allestito al

Vittoriano di Roma. E poi iniziative e incentivi per assistenza sociale, sanitaria e culturale per gli emigrati e i loro discendenti. Tra questi gli sconti “del 25% sul prezzo dei biglietti aerei per incentivare il turismo di ritorno”, spiega il presidente della Commissione. Non meno importante l’informazione per i lucani all’estero e quella di ritorno: “abbiamo già un tg-web e un radiogiornale per le comunità nel mondo – afferma Simonetti – ma da quest’anno ci sarà un’innovazione: le federa-

zioni dei lucani verranno dotate di strumenti informatici per potersi collegare direttamente con il tgweb, ma anche con il telegiornale regionale”; in questo modo saranno le stesse comunità all’estero a fornire l’informazione di ritorno. Nell’ambito di una riduzione complessiva delle risorse per gli italiani all’estero, la Basilicata ha attuato alcuni progetti per “tamponare i tagli”, investendo su corsi di lingua e interscambi, ma non solo: “La Regione Basilicata – ha affermato Simonetti - non solo ha mantenuto gli inves-

timenti a favore dei lucani all’estero, che ammontano a circa 1 milione di euro, ma li ha anche sviluppati”, in particolare per giovani e donne. Per quanto riguarda lo “Sportello Basilicata”, l’iniziativa per promuovere turismo, formazione ed export, al momento sono stati già attivati gli sportelli di Buenos Aires e Montevideo. Le prossime aperture saranno a Berlino, San Paolo

e Santiago del Cile. Aprono anche nuove associazioni raggiungendo così quota 180 in Italia e nel mondo (27 solo in Italia): le inaugurazioni più recenti quelle delle associazioni nella Pampa e a Pisa. Ad oggi i lucani nel mondo sono circa 1milione 600mila tra espatriati e discendenti. Gli emigrati sono 734mila, mentre 242mila sono i lucani tornati in regione.

Fondato 12 anni fa, da sempre il portavoce della comunita’ lucana, per far conoscere la Basilicata agli italiani e ai canadesi.

L’angolo della Basilicata

Per i vostri inserti pubblicitari nel mensile

Panorama

In onda alla CHIN 100.7 FM ogni martedi’ alle ore 7:00 pm Condotto e diretto da Rocco Lofranco coadiuvato da Filippo Gravina Tel.: 905-532-0922

ItalianCanadian

contattate la nostra redazione Rocco Lofranco espande in SudOntario. Infortunati sul lavoro nelle zone di London, Kitchener, Waterloo, Windsor ed altri centri limitrofi questo messagio e per voi

Si porta alla vostra attenzione che il Cav. Rocco Lofranco sara’ al London Marconi Club ogni secondo Giovedi di ogni mese. La nuova sede di Oshawa sarà aperta il 21 Febbraio e servirà le zone di Oshawa, Whitby, Pickering e Ajax. Hamilton London Oshawa

905.532.0922 www.lofrancogroup.com Cav. Rocco Lofranco Toronto 2780 Highway 7, Unit 103 Concord, ON L4K 3R9

ogni primo Giovedi di ogni mese 9 A.M. ogni secondo Giovedi di ogni mese 10 A.M. ogni terzo Giovedi di ogni mese 9 A.M.

Telefonate al numero verde 1-877-532-0923 per un appuntamento!

Hamilton

Presso gli uffici legali di Bartolini, Berlingieri, Barrafato e Fortino

154 Main St. East, Suite 101 Hamilton, ON L8N 1G9

London Presso London Marconi Club 120 Clarke Rd. London, ON N5W 5E1

Oshawa Presso Oshawa Italian Club 245 Simcoe St. S Oshawa, ON L1H 7K8


PANORAMA

Italian Canadian

16

Gennaio 2010

Retrospettiva dedicata a Lina Wertmüller, una delle figure più controverse del cinema italiano

S

i terrà da giovedì 14 gennaio a giovedì 4 marzo 2010, presso la Dante Alighieri Academy di Toronto la retrospettiva di otto film dedicati a Lina Wertmüller, una delle figure più controverse del cinema italiano. La rassegna è organizzata dall’Istituto Italiano di Cultura di Toronto, con l’ormai consolidata collaborazione Lina Wertmüller del Centro Scuola e Cultura Italiana/Columbus Centre. Nata il 14 agosto 1928, Lina Wertmüller è una sceneggiatrice e regista italiana discendente da un’aristocratica famiglia svizzera. Nel 1976 è stata la prima donna a candidarsi per un Academy Award, per la regia di “Pasqualino Settebellezze”. I suoi capelli corti e gli occhiali da sole con montatura bianca sono il marchio di fabbrica che la contraddistingue, un look che conserva dalla metà degli anni Sessanta. Nel 1972 Lina Wertmüller ha ottenuto un duraturo successo internazionale con una serie di quattro film con Giancarlo Giannini come protagonista. L’ultimo e il più acclamato è stato “Pasqualino Settebellezze”, che ha guadagnato 4 nomination agli Oscar ed è stato un successo internazionale.

In generale, i film della Wertmüller risentono molto del suo impegno politico: i protagonisti sono anarchici convinti, comunisti o femministe, o le tre cose insieme, e l’azione principale è incentrata su conflitti di natura politica o socioeconomica. Nonostante ciò, i film della Wertmüller sono raramente didattici e spesso riflettono la sua sensibilità iconoclastica. Ad aprire la retrospettiva, in programma ogni giovedì alle ore 19.30, nella sede della Dante Alighieri, sarà la pellicola “Mimì metallurgico ferito nell’onore” (1972), interpretata da Travolti da un insolito destino Giancarlo Giannini, nell’azzurro mare d’agosto Mariangela Melato, Agostina Belli ed Elena Fiore. Una farsa politica e sessuale in cui un operaio siciliano si trova nei guai sia in famiglia che fuori quando si rifiuta di collaborare con la mafia locale. Seguiranno il 21 gennaio “Film d’amore e d’anarchia” (1973) ancora con Giannini e la Melato, come pure “Travolti da un insolito destino nell’azzurro mare d’agosto” (1974), il 28 gennaio. A febbraio si continua, il 4 del mese, con “Pasqualino Settebellezze” (1975) con l’immancabile Giannini, Fernando Rey e Shirley Stoler, l’11 con “Notte d’estate” (1986) con Mariangela Melato, Michele Placido, Roberto Herlitzka e Massimo Wertmuller, il 18 febbraio con “Io speriamo che me la cavo” (1992), interpretato da uno straordinario Paolo Villaggio, ed il 25 febbraio con “Ninfa plebea” (1996) con Stefania Sandrelli e Raoul Bova. Chiuderà le proiezioni, tutte ad ingresso gratuito, “Ferdinando e Carolina” (1999) con Sergio Assis, Gabriella Pession, Lola Pagnani e Nicole Grimaudo, in programma giovedì 4 marzo, sempre alle ore 19.30.

Cinema con l’Altra Italia

A cena con L’Altra Italia L’associazione L’Altra Italia sta organizzando una sfida culinaria tra le regioni italiane: Sicilia ed Emilia Romagna a base di ricette regionali preparate da “chefs” provenienti dalle due regioni e una vasta selezione di vini d’oc. A rappresentare le due regioni saranno anche personalità del mondo della musica, dello sport e: i fratelli Occhipinti ed il vice-sindaco Pantalone per la Sicilia e il prestigioso cestista dei Raptors, Andrea Bargnani per la Romagna. L’evento culinario si svolgerà presso il noto ristorante Romagna Mia il prossimo 5 Febbraio.

PROGRAMMA: Giovedì 14 Gennaio, 19,30 Mimì metallurgico ferito nell’onore (1972) Durata: 107’ Cast: Giancarlo Giannini, Mariangela Melato, Agostina Belli, Elena Fiore Sinossi: una farsa politica e sessuale in cui un operaio siciliano si trova nei guai sia in famiglia che fuori quando si rifiuta di collaborare con la mafia locale Giovedì 21 Gennaio, 19,30 Film d’amore e d’anarchia (1973) Cast: Giancarlo Giannini, Mariangela Melato Giovedì 28 Gennaio, 19,30 Travolti da un insolito destino nell’azzurro mare d’agosto (1974) Cast: Giancarlo Giannini, Mariangela Melato Giovedì 4 Febbraio, 19,30 Pasqualino Settebellezze (1975) Cast: Giancarlo Giannini, Fernando Rey, Shirley Stoler Giovedì 11 Febbraio,19,30 Notte d’estate (1986) Cast: Mariangela Melato, Michele Placido, Roberto Herlitzka, Massimo Wertmuller Giovedì 18 Febbraio, 19,30 Io speriamo che me la cavo (1992) Durata: 110’ Cast: Paolo Villaggio, Isa Danieli, Sergio Solli, Paolo Bonacelli Giovedì 25 Febbraio, 19,30 Ninfa plebea (1996) Cast: Stefania Sandrelli, Raoul Bova Giovedì 4 marzo, 19,30 Ferdinando e Carolina (1999) Cast: Sergio Assis, Gabriella Pession, Lola Pagnani, Nicole Grimaudo Orari: 19,30 - Luogo: DANTE ALIGHIERI ACADEMY 60, Playfair Ave. Toronto Organizzato da: Istituto Italiano di Cultura In collaborazione con: Centro Scuola e Cultura Italiana/Columbus Centre; Dante Alighieri Academy - Ingresso gratuito


PANORAMA Italian Canadian 17

Gennaio 2010

Organizzata dall’Istituto Italiano di Cultura di Toronto, Centro Scuola e Dante Alighieri Academy Sulla via di Vancouver

La fiamma olimpica attraversa Toronto Servizio fotografico di Tony Pavia

U

n’evento eccezionale, quasi passato inosservato nell’ambito della comunita’ italiana di Toronto, si e’ verificato nella Great Toronto Area . Ci riferiamo al passaggio della fiamma olimpica diretta a Vancouver per accendere la grande fiaccola in occasione delle”Olimpiadi Invernali” che si terranno in quella citta’. Un evento straordinario che si verifica nello stesso posto generalmente ogni “quasi cento anni”; un evento che rimane impresso nella mente di chi lo ha vissuto. Quattro anni fa’ tocco’ all’Italia con le Olimpiadi invernali di Torino. Ancora in Italia 50 anni fa’ per le Olimpiadi estive di Roma; quelle Olimpiadi che videro trionfare i vari Berruti (medaglia d’oro nei 200 piani), i fratelli Piero e Raimondo D’Inzeo nell’equitazione e che videro sorgere la stella del piu’ grande pugile del secolo: Classius Clay alias Mohammed Ali. Io, allora, ebbi l’occasione di vedere la fiamma olimpica, proveniente direttamente da Atene, toccare il suolo italico per la prima volta. La fiamma olimpica giunse

La torcia olimpica scortata da quattro atleti attraversa Lakeshore in prossimita’ di Mimico.

a bordo della nave scuola italiana Amerigo Vespucci nel porto”Grande” di Siracusa in Sicilia; scortata dai cadetti della marina militare, scese dal veliero ed accese il grandioso tripode posto nel piazzale della “capitaneria di porto” al Foro Italico zeppo con all’incirca 30 mila persone. Io era la’ col corpo , confuso tra quelle 30 mila persone, la mia mente invece spaziava negli immensi stadi di Olimpia dove uomini di razze diverse gareggiavano con onore ed in pace. Nell’antica Grecia, infatti , in occasione delle Olimpiadi cessava ogni azione di guerra tra i popoli.

FRANCESCA

Italian Bakery & Delicatessen

Una folla entusiasta assiepata ai margini della strada attende il passaggio della fiaccola olimpica; un evento straordinario che, chissa’ quando si ripetera’ nella citta’ di Toronto.

Il tedoforo di turno saluta la folla che lo acclama. La fiaccola olimpica e’ riconosciuta come simbolo di pace nel mondo. Nell’antica Grecia, durante i Giochi Olimpici cessavano tutte le ostilita’ belliche.

Famiglie intere sfidando le intemperie in strada per salutare la fiamma olimpica, mentre l’infaticabile Ralph Chiodo distribuisce le baandierine con la foglia d’acero. La fiamma e’ passata dinanzi alla concessionaria Peel Chrysler della famiglia Chiodo al 212 di Lakeshore West, a Mississauga.

��� ����� ��������������� ��������������������������

��������������������������������������������������������������������������������������� ������������������������������������������������������������������������������������� �����������������������������������������������������������������

Angelo owner TEL.; (416) 299-1174

Specializing in: Bread • Cakes • Pastries • Ice Cream 2 Invergordon Ave., Scarborough, Ont. M1S 2Y8

���������������������������������������������������������� ������������������������������������������������������������������ ��������������������������������� ��������������������������������������������������������������� ������������������ ���������������������������������������������� ���������������������������

Leggete e diffondete

Panorama ItalianCanadian

������������������� ���������������������� ��������������������

���������������������������

�������������������� �����������

������������

�������������������� ���������

������������

�������������������������������������

������������

������������������������������

������������


PANORAMA

Italian Canadian

18

Gennaio 2010

Storia della Sicilia La Sicilia normanna

G

li Arabi in Sicilia cedono il posto ai Normanni nell’anno 1091. I Normanni (gente del nord), di origine scandinava, avevano ottenuto dai re franchi un pezzo di territorio al nord della Francia che avevano chiamato Normandia. Da qui’ si spinsero in Gran Bretagna e in Italia in aiuto,come mercenari, di questo e quell’altro signore in difficolta. Nel 1035 tre fratelli Guglielmo, Drogone e Umfredo di Hauteville (Altavilla) seguiti da un folto gruppo di baldi giovani si pongono al servizio del Principe di Salerno impegnato nella riconquista della Sicilia. Insoddisfatti del trattamento ricevuto da parte del principe i 3 fratelli decidono di mettersi in proprio e iniziano la conquista delle Puglie. Guglielmo (detto Braccio di Ferro) e’ acclamato conte di Puglia e richiama alla sua corte i fratellini minori dalla Normandia :Roberto (detto il Guiscardo) e Ruggero. Nel 1046 muore prima Gugliemo e poi,assassinato,il fratello Drogone. Prende le redini della situazione il fratello Umfredo che, aiutato dal giovane Roberto si libera dei nemici( i baroni pugliesi e il Papato). Addirittura nel 1053 Roberto a Civita sbaraglia le truppe pontificie e fa prigioniero anche il Papa. Il Papa comunque perdona e ufficialmente riconosce Umfredo e Roberto signori delle terre di Puglia conquistate. Alla morte di Umfredo, Roberto e’ proclamato Duca di Puglia e di Calabria; il fratello minore Ruggero è proclamato Conte di Calabria. Consolidata la loro posizione in territorio italiano i due fratelli si lanciano alla conquista della Sicilia cosa che completano nel 1091 con la conquista degli ultimi baluardi musulmani: Noto e Butera. Roberto tiene per se Palermo, Messina e la parte nord-orientale e cede a Ruggero tutto il resto dell’isola. Alla morte di Roberto il Guiscardo Ruggero consolida la sua posizione in Sicilia assumendo il titolo di Gran Conte Ruggero I. Con la conquista normanna la Sicilia assume una nuova fisionomia e diventa l’anima di uno stato che per fasto, per saggezza e per potenza,gareggia con le più importanti monarchie d’Europa. Prima preoccupazione dei normanni fu di amalgamare ed armonizzare le popolazioni, differente tra

Carlo d’Angio’ era venuto in Italia chiamato da Papa Clemente (francese) per soffiare il regno di Sicilia agli Svevi. Carlo svolge il suo compito con impegno e dopo aver letteralmente sterminato in Sicilia i sostenitori degli Svevi si fa incoronare re.

C Alla morte di Enrico VI di Germania- che aveva regnato in Sicilia grazie alle noze con Costanza d’Altavilla, ultima discendente legittimaa dei Normanni - saliva al trono dell’isola Federico II. Sopra, in braccio alla madre in una miniatura di “De Rebus siculis”. loro per stirpe, religione, tradizioni e cultura, subordinando le contrastanti esigenze dei singoli gruppi ad un superiore e comune interesse politico. A Ruggero I morto nel 1101 succede il figlio Ruggero II degno continuatore della saggia politica paterna. Sagace ed accorto uomo di stato riesce ad unificare sotto la sua persona il Ducato di Puglia e le altre conquiste normanne in Italia. In questo fu aiutato dalla fortuna(era morto il cugino Guglielmo Duca di Puglia. Nel 1130 (a Natale) Ruggero II è incoronato Re di Sicilia. E’opportuno ricordare che Ruggero II è stato il primo re di Sicilia. Muore nel 1154 a Palermo dopo aver rafforzato la posizione della Sicilia in tutti i campi con tante guerre condotte vittoriosamente in ogni angolo del Mediterraneo. La saggezza giuridica di Ruggero, pari al suo valore militare, diede alla Sicilia un ordinamento amministrativo che ben poteva servire da modello ai piu’ progrediti stati europei dell’epoca . A Ruggero II succede il figlio Guglielmo I il Malo che si fa ricordare per la sua spietatezza.Alla sua morte nel 1166 gli succede Guglielmo II di animo nobile e valoroso sul campo di battaglia. Da stabilità e tranquillità al suo regno. Sul fronte italico costringe l’imperatore tedesco Federico Barbarossa a giurare pace con la Sicilia; sul fronte orientale infligge una sonora sconfitta al Saladino. Non avendo figli crede di assicurare la successione al trono ed evitare guerre tra i baroni, favorendo il matrimonio di sua zia Costanza con Arrigo VI figlio del Barbarossa imperatore. Alla sua morte, nel 1189 il Parlamento siciliano affida il trono a Tancredi Conte di Lecce, figlio naturale di Ruggero figlio di Re Ruggero. Tancredi muore poco dopo di crepacuore per l’improvvisa morte del figlio,un altro Ruggero. Approfittando della confusione e del tradimento

dei baroni di Puglia, Arrigo VI scende in Italia, invade la Sicilia e a Palermo, nel 1194, si fa incoronare re di Sicilia. Finisce cosi la dinastia normanna ed inizia la dinastia sveva. Arrigo, una volta incoronato re, crede di sistemare le cose e consolidare il suo potere massacrando i suoi rivali politici e lasciando ai tedeschi al suo seguito il compito di derubare e spogliare la Sicilia di quanto piu’ potevano.

Re Federico II “splendor mundi”

F

ortunatamente mori’ presto (nel 1197) lasciando alla moglie Costanza d’Altavilla la reggenza in nome dell’erede al trono: il piccolo Federico. Nel 1209 Federico viene acclamato Imperatore dai tedeschi e Re di Sicilia dal Parlamento siciliano. Il suo regno dura 41 anni. Federico II fu un sovrano assoluto. Il suo assolutismo fu comunque illuminato e tendente a sostituire la legge all’arbitriodei privilegiati. Quando ancora le nazioni europee non avevano codici ma andavano avanti a via di usi e costumi e consuetudini, Federico II si fa promotore di un’opera legislativa che da’ assetto moderno allo stato, che abolisce i privilegi dei feudatari, degli ecclesiastici e rende i cittadini tutti uguali di fronte alle leggi. Grande mecenate e ricco di vasta cultura re Federico si circonda del meglio di quanto la “cultura” siciliana ha da offrire in quel tempo. Con la sua morte finisce la dinastia sveva in Sicilia. Il figlio Arrigo, al quale aveva lasciato il regno di Sicilia, moriva ancora dodicenne; suo fratello Corrado, che avrebbe voluto unificare i dominii tedeschi con quelli italiani e la Sicilia, moriva un anno dopo (nel 1254) e nel 1268 moriva Corradino (il figlio) fatto decapitare da Carlo D’Angio’ fratello di re Luigi IX di Francia.

I Vespri siciliani

on i D’Angio’ la Sicilia fa due passi indietro. La capitale del regno viene trasferita da Palermo a Napoli e in Sicilia viene rinstaurato l’ordinamento feudale arretrato alla francese, concedendo diritti e prepotenza alle classi privilegiate: feudatari e ecclesiastici. Il malcontento popolare esplose all’improvviso il 31 Marzo del 1281. Era il martedi di Pasqua e quel giorno i palermitani erano soliti andare in gita e spendere la giornata tra danze e canti. Un soldato francese, con la scusa di accertarsi che un gruppo di gitanti fosse disarmato, prese a toccare il seno ad una fanciulla accompagnata dal fidanzato, costui, disgustato dal comportamento del francese, gli toglie la spada dal fianco e gliela conficca nel petto ammazzandolo al grido di: ”Morte ai francesi.”. Tutta l’Isola insorge e vendica sedici anni di angherie trucidando quanti piu’ francesi e’ possibile .

La Sicilia

agli Aragonesi

L

e città insorte, in un primo momento si reggono a “comune” in un secondo momento decidono di offrire la corona di Sicilia a Pietro III di Aragona sposato con Costanza figlia di Manfredi a sua volta figlio naturale di Federico II. Pietro accetta ma deve vedersela prima con Carlo D’Angio’ per niente rassegnato a perdere la Sicilia. Ne scaturisce la guerra del Vespro che si conclude con la pace di Caltabellotta nel 1302 ed assegna definitivamente la Sicilia agli Aragonesi che la governano fino al 1515 con la morte di Ferdinando il Cattolico. Nel 1516 ascende al trono un giovane di 16 anni di nome Carlo. Una posizione invidiabile la sua. La madre (Giovanna la pazza) gli lascia: I regni di Castiglia e d’Aragona, di Sicilia, di Napoli e della Sardegna, in più tutti i nuovi territori scoperti nel continente americano. Dal padre (un Asburgo) eredita: i possedimenti d’Austria, Stiria, Carinzia, Tirolo, i Paesi Bassi, le Fiandre, l’Artois e la Franca Contea. 3 anni dopo gli muore il nonno (Massimiliano d’Austria) che gli lascia la corona imperiale e i possedimenti di

Germania. A buona ragione il giovane Carlo (noto come Carlo V) si vantava che sui suoi dominii non calava mai il sole. Gli Asburgo regnano in Sicilia per quasi due secoli durante i quali la Spagna dilapida gran parte delle sue fortune ed porta la Sicilia ai limiti della miseria. Verso la fine del 17mo secolo e gli inizi del 18mo l’Europa è travagliata dalle guerre di successione di Spagna, Polonia e Austria. Queste guerre vedono schierate da una parte l’Austria, l’Inghilterra e l’Olanda dall’altra Francia e Spagna e vengono combattute più

Fu umano e generoso e fu il solo Borbone che lascio’ un vivo rimpianto nell’animo dei suoi sudditi. Sfortunatamente per il regno di Napoli e di Sicilia nel 1759 muore il re di Spagna, Ferdinando IV figlio di Filippo V e fratellastro di Don Carlos. Questi lascia la Sicilia e il regno di Napoli al terzogenito Ferdinando, (e appena di 9 anni) e si trasferisce in Spagna dove viene proclamato Re Carlo III. Durante il regno di Ferdinando, che preferisce restarsene a Napoli, la Sicilia e’ affidata a vari vicere’. che tentarono in buona fede di portare una ventata di aria nuova. Vengono approvate tante riforme; furono aboliti tanti privilegi dell’aristocrazia, vengono incamerati possedimenti dei Gesuiti espulsi dall’ Isola; fu decretata la soppressione del Sant’Uffizio (Sacra Inquisizione) introdotto in Sicilia I Vespri Siciliani, in un dipinto della Galleria d’Arte Moderna di Palermo, causati dalla prepotenza di un soldato francese. I da Ferdinando Vespri esplosero a Palermo il 31 Marzo 1882; presto la rivolta si diffuse in tutta l’isola assumendo i colori di una violenta opil Cattolico re di posizione al fiscalismo degli angioini. Spagna nel 1487 come struttura che altro da un gruppo di inquisitoriale a servizio della nazioni contro altri gruppi corona. Una sorta di polizia nel tentativo di evitare segreta che controllava tutta grosse concentrazione di la società dell’Isola con il potere in un solo stato o una risultato di aver abituato la sola casata. gente di Sicilia, volente o nolente, al soffocamento del senso civico, alla sfiducia nei confronti del potere costituito, alla paura delle urante le 3 guerre di novità e della circolazione successione la Sicilia delle idee e del pensiero, alla cambia padrone diffidenza verso il proprio parecchie volte. Fra i tanti vicino e verso I membri della anche Vittorio Amedeo di propria famiglia, al mutismo Savoia che, nell’intendo preziozo più del pane ai fini di ampliare i suoi domini, della sopravvivenza fisica, si era alleato prima con i ad una mentalitaà passiva e francesi e poi con l’Austria, subalterna, allo spegnimento viene incoronato Re di dello spirito critico. Tutti I Sicilia nel Dicembre del documenti dell’Inquisizione, 1713. Re Vittorio illude i più o meno compromettenti, siciliani con tante promesse furono dati alle fiamme il 27 ma in realtà non vede l’ora Marzo del 1782 durante una di abbandonare l’isola solenne cerimonia presieduta affidandola ad un vicere’. dal vicere Caracciolo in Nel 1720 la Sicilia passa persona. agli Asburgo (Carlo IV) fino al 1735 quando, dopo numerosissimi intrighi, la corona viene ceduta a Carlo V di Borbone Parma. Chi urante il regno di era costui?. Era figlio di Ferdinando l’Europa Filippo V re di Spagna e di tutta è infuocata Elisabetta Farnese del Ducato dalla rivoluzione francese di Parma. Filippo aveva e dalle conseguenze che sposato Elisabetta dopo ne derivarono. Ferdinando essere rimasto vedovo. Don si schiera a favore della Carlos speranze di diventare Coalizione di Stati contro la re di Spagna ne aveva Francia e contro Napoleone veramente poche percui la con il risultato che nel 1798 madre si era data da fare per è costretto ad abbandonare trovargli una sistemazione Napoli e rifugiarsi in confacente al lignaggio. Sicilia. Caduto Napoleone, Don Carlos si impossessa Ferdinando se ne ritorna a prima del Ducato di Parma e Napoli e, forte dell’appoggio Piacenza e di la volge il suo degli stati vincitori, prepara sguardo verso sud. Invade il una riforma legislativa che regno di Napoli e nel 1735 si elimina il suo stato di re fa incoronare re di Napoli e costituzionale in Sicilia e di Sicilia. Don Carlos fu assoluto a Napoli. Unisce un buon sovrano. Cerco’ i due regni e si proclama in tutti i modi possibili di Ferdinando I re delle due correggere gli errori di secoli Sicilie. di cattiva amministrazione.

La Sicilia dai Savoia ai Borboni

D

Il Regno delle 2 Sicilie

D


Gennaio 2010

Questione.....di classe

Per fare un buon lavoro ci vuole serietà e professionalità; se poi c’è anche un bel pò di classe, non si può sbagliare: successo inevitabile, garantito. Ce lo dimostra Ralph Chiodo uomo d’affari di successo nonchè grande mecenate: Ralph Chiodo. Ralph e’ il fondatore e presidente della Active Green+Ross, una tra le più importanti catene di auto-officine in Canada e specializzata in pneumatici.

PANORAMA Italian Canadian 19

Nella serie di foto vediamo Ralph Chiodo all’opera. Innanzitutto non tuta blu ma un elegante tuxedo, e per finire, non un bicchiere di vino ma addirittura una cassa di buon “Amarone” per il cliente soddisfatto.

Monja Polesel Cake Artist www.bonaviabakery.ca

416-439-4209 bonaviabakery@yahoo.com

10462 Islington Ave. Unit 3 - Kleinburg ON L0J 1C0 -Tel. 905-893-5499


PANORAMA

Italian Canadian

20

Gennaio 2010

�������

���������������������������������� ���������������������������������� �����������������������������������

������������ ������������ ������������

���������������������������������� ����������������������������� �������������������������������������� �������������������������������������� ����������������������������������

������������ ������������ ������������ ������������ ������������

������������������������������� ������������������������� ������������������������������ ������������������������������������������������ ������������������������������������� ������������������������������������������������

������������ ������������ ������������ ������������ ������������ ������������

������������������������������������� ������������������������������������������� ������������������������������ ��������������������������������� ����������������������������������� �������������������������������������� ��������������������������������������������

������������ ������������ ������������ ������������ ������������ ������������ ������������

������������������������������ ��������������������������������������������

������������ ������������

������������������������ �������������������������������������

������������ ������������

������������������������������������

������������

����������������������������������� ���������������������������� ����������������������������������������� �������������������������������������

������������ ������������ ������������ ������������

�������������������������������������� ����������������������� ����������������������������������������

������������ ������������ ������������

�������������������������������

�������������

����������������������������������� ���������������������������������

������������ ������������

�������������������������������� ���������������������������������������

������������ ������������

���������

����������

�����������

�������

�������������� ������

�����������

�������� ��������

���������� ������

���������������������������� ���������������������������������������������� ��������������������������������������� ������������������������������ ������������������������������ �������������������������������

������������ ������������ ������������ ������������ ������������

�����������������������������������������

������������

��������������������������������

������������

����������������������������������������� ����������������������������������������� ������������������������������ ����������������������������������� ������������������������������������������ ��������������������������������������

������������ ������������ ������������ ������������ ������������ ������������

�������������������������������������

������������

���������������������������������� ��������������������������� ������������������������������

������������ ������������ ������������

���������������������������������� ������������������������������������������

������������ ������������

��������������������������������������

������������

�������������������������������� ����������������������������������� �������������������������������������

������������ ������������ ������������

������������������������������������

������������

�������������������������������������

������������

�������������������������������������

������������

������������������������������������� ������������������������������������������ ��������������������������������������

������������ ������������ ������������

������������������������������������

������������

������������������������������������������ �������������������������������������������

������������ ������������

������������������������������������������

������������

�������������������������������� ���������������������������������� �������������������������������������� ���������������������������������

������������ ������������ ������������ ������������

������

��������� ��������

������������

��������������

������������� �������

��������� ������

��������� ��������� ������ ������

�������

����������

����������������������

CANADA’S FAMOUS BARGAIN CENTRE LOCATED AT... 212 Lakeshore Road West (Lakeshore at Mississauga Rd.)

������������������������������������

(905) 278.6181 • 1 (866) 449.7335

Panorama ItalianCanadian  

Panorama ItalianCanadian is a monthly magazine featuring social and cultural activities of the italian community in the Greater Toronto Area...

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you