Page 1

1


Dentro Tango Argentino La Storia del pi霉 Importante Tango Show di Tutti i Tempi Ant贸n Gazenbeek

2


Libri, ebook, DVD, CD - mp3 rari di Tango: http://tango-dancers.com edizione di: Enrico Massetti Plublishing ebook ISBN: 978-1-304-83168-2 Dentro Tango Argentino Š 2014 Anton Gazenbeek traduzione Enrico Massetti

3


4


Ringraziamenti

Questo libro è dedicato a Claudio Segovia e alla sua visione, al compianto Hector Orezzoli, ed a tutti gli artisti che hanno reso Tango Argentino il successo che è stato. Possano il loro duro lavoro, talento e maestria essere ricordati - per sempre. Un ringraziamento particolare anche a Sergio Segura per tutto il suo duro lavoro, il sostegno infinito a questo progetto, la sua bellissima grafica di questo libro e le tante ore condivise in interviste, ricerche, e nella preparazione di questo libro. Gracias chabon!

5


Non responsabilità Questo libro è il risultato di oltre otto anni di intense ricerche condotte a Buenos Aires e in tutto il mondo. Interviste personali sono state condotte con ciascuno dei membri sopravvissuti del cast dello show, e innumerevoli documenti, programmi, giornali e archivi di riviste, film, video, registrazioni audio, e fotografie sono state consultate. Questo materiale accumulato costituisce la maggior parte del materiale di base per questo libro. Questo libro riflette gli eventi come si sono verificati al meglio delle mie conoscenze, e nessuna opinione personale da parte mia è stata inclusa. Si tratta di uno studio non-polarizzato dei fatti vigenti in materia di spettacolo. Questo libro è destinato a mostrare grande rispetto per ogni membro del cast, sia sul palco che fuori. Anton Gazenbeek

6


Prefazione Il tango ci dà sempre delle sorprese. Che un giovane ragazzo olandese potesse essere attratto così dalla musica e dalla danza del Rio de la Plata, come è accaduto con lui, mi sembrava strano e quasi come se fosse una favola, finché un giorno non l'ho incontrato personalmente e ho scoperto in modo convincente che il fatto che sia nato in Olanda, con tutto il rispetto dovuto, sia stato un errore, come il tango è presente in tutto il suo corpo e la sua mente e che, attraverso lo studio, il sacrificio e una dedizione che merita il pieno rispetto e ammirazione come "lavoro" che ha fatto dal cuore, spero che la diffusione di questo libro sarà un successo e spero che sarà accettata e compresa nella sua vera dimensione. Come io, Juan Carlos Copes gli auguro il meglio dei trionfi in tutte le sfaccettature della sua carriera di tanguero. Un abbraccio con forza, e che il suo "messaggio", continui la conquista dei paesi e degli ammiratori in tutto il mondo. Con i migliori auguri, Juan Carlos Copes Buenos Aires Ottobre 2008 El Tango siempre nos depara una sorpresa. Que un joven holandés, se sienta atraído por la música y danza, del Rió de la Plata, como ha sucedido con él, me sonaba extraño y hasta casi una fábula, hasta que lo conocí personalmente y comprobar fehacientemente, que haber nacido en holanda, con todo respeto, fué un accidente, ya que en todo su cuerpo y mente, el tango esta presente, a base de estudio, sacrificio y una dedicación digna de todo respeto y admiración como “trabajo”, esta hecho con el corazón,espero que su difusión y éxito sea entendido y comprendido, en su verdadera 7


dimensión; como hago yo, Juan Carlos Copes, que le desea el mayor de los triunfos, en todos sus ciclos tangueros. Fuerza, un abrazo y que su “mensaje”, siga conquistando plazas y admiradores en todo el mundo. Lo Mejor. Juan Carlos Copes Buenos Aires Octubre 2008

8


Introduzione Trentatre popolari artisti argentini si riuniscono a Parigi per suonare, cantare e ballare il tango. Un'orchestra di dodici musicisti. Cinque cantanti. Sei coppie di ballerini. Un attore. Lo scenario: Bordello, Cabaret Europeo, Cabaret di Buenos Aires, Dance Salon, Club di quartiere. Uno sfondo nero. Il cielo di Buenos Aires. Una selezione di tanghi che racconta la vera storia del tango. Ogni artista ha il suo proprio ruolo. Ogni artista è un Porteño autentico. Questo era Tango Argentino. Cos'era Tango Argentino? Perché è stato così importante? Chi lo ha creato? Che ha recitato in esso? Perché ha avuto tale successo in tutto il mondo? Perché è finito? Nelle pagine di questo libro troverete le risposte a tutte queste domande e altre ancora. “Dentro Tango Argentino” è uno studio accademico, quasi scientifico del primo e più importante spettacolo internazionale di tango del mondo, Tango Argentino. Tango Argentino è stata la creazione di due direttori e designer di teatro di grande talento, Claudio Segovia e Hector Orezzoli. È stato il più magnifico spettacolo che il mondo avesse mai visto a suo tempo, e ha girato il mondo per dieci anni. È apparso in Francia, Italia, Stati Uniti, Canada, Broadway, Giappone, Austria, Svizzera, Germania, in più di 52 città del Nord America, Venezuela, Olanda, Inghilterra e nella sua patria Argentina. 9


Ha avuto un tale successo senza precedenti in tutto il mondo che sembrava che un intero "tangomanía" o tango mania fosse stata attivata. La gente ha cominciato a scendere in strada e ad andare al teatro vestita in abiti che imitavano i ballerini nello spettacolo. Gli uomini cominciarono a lisciare i capelli indietro con il gel lucido per lo stesso stile degli uomini dello spettacolo. Le donne cominciarono a indossare lunghi, eleganti, abiti neri con spacchi alti, modellandosi dietro le donne dello spettacolo. Gli stilisti hanno cominciato a salire su questo trend e hanno progettato linee di abbigliamento "di ispirazione tango". La rivista Vogue ha fotografato il cast dello show in più di tre occasioni. Personaggi famosi provenienti da tutti i campi sono diventati ciò che si potrebbero chiamare "groupies" dello spettacolo. Liza Minelli lo ha visto in numerose occasioni, Robert Duvall (che in seguito, grazie a questo spettacolo, è diventato un fanatico del tango, e continua a danzare fino ad oggi), Anthony Quinn, Andy Warhol, la principessa Diana, e altri sono solo alcuni di quelli che caddero sotto l'incantesimo dello show. Oltre alla moda ed alle acconciature, la parte più importante di tutta questa mania è che Tango Argentino ha iniziato un boom di interesse a ballare il tango. Migliaia di persone chiedevano a gran voce davanti alla porta del palcoscenico dopo ogni esibizione, implorando i ballerini di dare loro lezioni di autentico tango argentino. Dopo essersi trattenuti e aver resistito per un tempo abbastanza lungo, i ballerini hanno infine capitolato e tutta una mania di tango danza è decollata da Broadway a Parigi a Tokyo, e di nuovo a Buenos Aires, dove la danza era nata, ma era stata dimenticata ed aveva sofferto molti anni di abbandono. Lezioni di tango furono avviate ovunque in studi di danza e sale da ballo. Professori Tango sono spuntati come funghi con la pretesa di insegnare tango autentico. Milongas (danze di tango sociale) furono avviate in molte città di tutto il mondo, e continuano ancora oggi. Come risultato di tutto questo interesse per il tango, un enorme 10


turismo d'affari di tango è cominciato a Buenos Aires. Nel 1986 c'erano stati tre americani che andarono in Argentina specificamente per studiare tango: Robert Duvall è stato il primo, e la prossima era una coppia di nome Al e Barbara Garvey, che in seguito continuò fino a diventare importanti maestri di tango e fondatori della comunità di tango di San Francisco. Dopo il 1986 un costante aumento del turismo di tango ha iniziato che crebbe in migliaia entro due anni. Sembrava che ogni città dove Tango Argentino è andato sia stata ispirata da quello che ha visto nello spettacolo e abbia avuto un appetito per saperne di più. E Tango Argentino, o più specificatamente la sua storia, è stimolante. È la storia della lotta di due uomini. La lotta per mantenere viva una forma d'arte morente e presentarla al mondo. Questa è la storia di Tango Argentino.

11


1 - I CREATORI: CLAUDIO SEGOVIA ED HECTOR OREZZOLI La storia di Tango Argentino inizia con la storia dei suoi creatori Claudio Segovia e Hector Orezzoli. Entrambi erano porteños, o nativi di Buenos Aires, Argentina, ed entrambi sono cresciuti in stretto contatto con il tango. Segovia proveniva da una famiglia molto artistica e fin da piccolo ha avuto un grande interesse per il teatro, musica, danza, canto e ogni forma d'arte. È cresciuto accanto a un peña flamenco andaluso. Molti anni dopo, questo l’ha ispirato per creare insieme a Héctor Orezzoli lo spettacolare spettacolo di Flamenco Puro che, come Tango Argentino, ha avuto grande successo internazionale e ha trionfato in tutto il mondo. All'età di 20 anni, Claudio Segovia si è laureato presso la Escuela Nacional de Bellas Artes di Buenos Aires, dove ha studiato design teatrale, scenografia, costumi ed altre arti. Si è inoltre laureato presso l'Escuela Superior de Bellas Artes. Nel 1965 ha iniziato il suo lavoro come scenografo, e già mostrando talento straordinario per il suo mestiere, ha disegnato le scene e i costumi per opere di Shakespeare, Victor Hugo, e Ibsen, tra gli altri. Tuttavia Segovia ha sempre avuto un forte interesse per le forme d'arte popolare, e questo lo ha portato a creare nel 1966 lo spettacolare spettacolo Baguala con Mercedes Sosa, con il quale ha viaggiato in tutta Europa, negli Stati Uniti e nell'allora Unione Sovietica. Segovia si è rapidamente trasformato in uno dei più grandi registi di music-hall in Argentina del momento e ha avuto l'opportunità di lavorare con alcuni dei più grandi artisti argentini del suo tempo, come Astor Piazzolla, Ernesto 12


Sabato, Antonio Gasalla, Nélida Lobato e Eduardo Falu.

Con la collaborazione del suo socio di lunga data ed amico Jorge Lavelli, Segovia ha lavorato per molti anni ad un'importante produzione lirica nei teatri di tutto il Brasile, Argentina e Francia. A dispetto di tutto il suo lavoro nelle arti più nobili, Segovia non ha mai dimenticato quel piccolo flamenco Peña nei pressi della sua casa d'infanzia. Nel 1980, dopo molti anni di duro lavoro e di indagine, Segovia, insieme al suo partner di lunga data e collaboratore Héctor Orezzoli, ha presentato lo spettacolo di Flamenco Puro a Siviglia, Spagna. Flamenco Puro ha riunito i più autentici artisti gitani di flamenco in Spagna e ha presentato la musica, il canto e la danza sul palcoscenico nella sua forma più autentica. I più raffinati abiti, i 13


costumi e il trucco sono stati utilizzati, il tutto senza perdere le autentiche radici di " terra " del genere. Questa era la base di tutto il lavoro che Segovia e Orezzoli hanno fatto insieme: portare una morente forma d'arte popolare dimenticata sul palco con i suoi più autentici e veri cantanti, ballerini e musicisti, presentando uno spettacolo di alta qualità con costumi senza precedenti, di squisita illuminazione progettazione e capelli e trucco spettacolari, e condividere il cuore e l'anima della forma d'arte e gli artisti con il mondo. Segovia ha fatto questo in più di un’occasione. Dopo che Flamenco Puro ha debuttato a Siviglia, ha continuato al Festival d'Automne di Parigi, con un tour in Europa, e in più di 50 città del Nord America, tra cui Broadway. Segovia ha proseguito nell'idea di spettacoli come Flamenco Puro ed ha continuato a ideare, dirigere e produrre altri quattro grandi mega-show: Tango Argentino, Black and Blue, Noche Tropical, e Brasil Brasileiro. Tutti questi spettacoli hanno sempre conservato l'impegno e la determinazione di presentare l’autenticità di Segovia in tutta la sua opera. Nel mondo di oggi, dove l'autenticità è scarsa e quasi impossibile da trovare, ciò è una caratteristica molto ammirevole. Héctor Orezzoli Non dobbiamo dimenticare che Tango Argentino non era solo la creazione di Claudio Segovia. È stata anche la creazione di un partner di lunga data di Segovia, Héctor Orezzoli. Orezzoli è nato e cresciuto a Buenos Aires. Orezzoli era un bel bambino diverso da Segovia e aveva un modo diverso di vedere il mondo. Anche se estremamente artistico, aveva un modo più business-like di vedere le cose. Era, insomma, quello che a ogni grande artista manca e di cui ha bisogno: il lato economico dell'arte, il lato organizzativo, il cervello. 14


Orezzoli ha studiato letteratura, psicologia e teatro presso l'Università di Buenos Aires, dove si è laureato nei primi anni del 1970. Orezzoli ha sempre lavorato in teatro. Nel 1974 ha creato costumi e scenografie per lo spettacolo "Luna di Miele" di Sonia Delaunay. Ha continuato a progettare altri spettacoli importanti e di successo.

Nei primi anni 1970, come se portati dal destino, i percorsi di Claudio Segovia e Hector Orezzoli si sono incrociati. E 'stato l'incontro di due grandi uomini, due grandi artisti e due grandi amanti, che insieme avrebbero cambiato il punto di vista del mondo del teatro. Insieme Segovia e Orezzoli hanno lavorato su molte produzioni teatrali e hanno vinto molti premi prestigiosi per il loro lavoro. Hanno vinto il primo premio alla 15


Biennale de Sao Paulo, il Premio Molière, e il premio premier dal Fond National des Arts. Nel 1974 Orezzoli e Segovia hanno presentato lo spettacolo Carnaval de Venise al Festival di Aixen-Provence, con scene e costumi disegnati dai due, e regia di Jorge Lavelli. Nel 1975 hanno fatto un giro in Europa e America Latina, con alcuni dei grandi spettacoli che hanno creato. Nel 1980 arrivò il debutto di Flamenco Puro, dopo molti anni di duro lavoro e profonda indagine sulle radici della forma d'arte flamenco. Intorno al 1976 Segovia ha iniziato a giocare con l'idea di mettere insieme uno spettacolo di tango su larga scala che avesse messo tutti i migliori ballerini, cantanti e musicisti sullo stesso palco, allo stesso tempo. Questo non era mai stato fatto prima, e aveva pensato che fosse un'idea interessante. Ha parlato con alcune persone nel settore dello spettacolo ed è stato accolto con una risposta unanime: impossibile. Hanno tutti pensato che sarebbe stato impossibile convincere tanti artisti, che avevano un ego delle dimensioni della Luna, a comparire sullo stesso palco, allo stesso tempo. Segovia, tuttavia, essendo tenace come lui, non ha rinunciato all'idea. In quel momento il grande Juan Carlos Copes e la sua compagna Maria Nieves e il loro balletto di tango stavano esibendosi nel Club Sans Souci a Corrientes e 9 de Julio a Buenos Aires. Segovia avvicinò Copes dopo lo spettacolo, spiegando la sua idea, i due si scambiarono i biglietti da visita e si separarono. Copes disso a Maria: "Che stupida idea. Quest'uomo è pazzo. Non potrà mai realizzarla." Ma nessuna quantità di scoraggiamento era sufficiente per uccidere l'idea nella testa di Segovia. Ha continuato a svilupparla nella sua immaginazione, modificandola, e perfezionandola. Ha continuato con altri progetti nel frattempo, ma era sempre nella sua mente. Non dobbiamo dimenticare che Tango Argentino (e quindi altri 16


spettacoli come Flamenco Puro e Black and Blue) hanno avuto non solo questi due grandi creatori. C'erano intere squadre di artisti di grande talento, ognuno un maestro nel suo campo, che hanno contribuito alla magia, all'eccellenza, ed al successo di Tango Argentino. Hilda Curletto Hilda Curletto è nata e cresciuta a Buenos Aires, Argentina. Ha mostrato segni di estremo talento da un'età molto giovane. Hilda è molto speciale, una donna molto generosa. Molto tranquilla, attenta, estremamente intelligente e selvaggiamente creativa, è una donna che sa come prendere un'idea e renderla realtà. Ascolta, e poi crea. Hilda è stato il creatore e restauratore dei costumi di Tango Argentino, così come Black and Blue, Noche Tropical e Brasil Brasileira. Lei è meglio conosciuta per il suo straordinario lavoro nel campo del restauro del costume d'epoca, riparazione e ri-creazione. Ha la capacità di prendere un pezzo di abbigliamento vecchio di 200 anni e ripristinarlo nella sua forma originale fino a che sembri così spettacolare come il primo giorno in cui è stato indossato. Questo era il suo talento in Tango Argentino. Ha anche aiutato Segovia nella progettazione di molti dei costumi e ha aggiunto la sua esperienza per aiutare Claudio a scegliere i tessuti giusti, colori e texture per ciò che era necessario. Jean-Luc Don Vito Jean-Luc Don Vito era un giovane francese di talento, truccatore e parrucchiere che aveva già avuto grande esperienza come uno degli stilisti top per i servizi fotografici delle più importanti riviste di moda francesi ed europee. Era molto richiesto per il trucco delle modelle importanti del tempo e raramente si è trovato senza lavoro. Attraverso un rapporto con il regista teatrale argentino Alfredo Arias, che per molti anni risiedeva a Parigi, Jean-Luc ha trovato il 17


suo modo di Tango Argentino. Arias, un caro amico di Segovia, lo raccomandò come una buona scelta per essere il truccatore e parrucchiere per lo spettacolo. Segovia ha visto il suo lavoro, gli è piaciuto molto ed i piani erano in preparazione per discutere il look che Segovia e Orezzoli volevano per il loro spettacolo.

18


2 - La Preparazione Claudio Segovia ha trascorso anni perlustrando l'Argentina alla ricerca dei migliori ballerini, cantanti e musicisti per far parte del suo show. Andò notte dopo notte per tutte le case degli spettacoli turistici, come la Casa Blanca, Michelangelo, El Viejo Almacén e Rugantino, cercando i migliori ballerini che riuscisse a trovare. Con il suo occhio severo per il talento e la sua conoscenza di ciò che voleva per il suo show, dopo anni di attento scouting Segovia ha trovato cosa e chi voleva. I primi ballerini con i quali Segovia parlò nella prima parte del 1983 sono stati Juan Carlos Copes e Maria Nieves. Copes e Nieves, che erano già ben conosciuti e rispettati ballerini, coreografi e artisti, erano al lavoro nel Sans Souci, una popolare casa di spettacolo di tango a Buenos Aires. Nel 1976 Segovia andò a vedere lo spettacolo e poi andò dietro le quinte nello spogliatoio a parlare con loro. Copes ascoltato quello che Segovia aveva da dire, disse: "Ci terremo in contatto", e disse a Nieves quando Segovia ha lasciato, "Questo ragazzo è pazzo. La sua idea è stupida e lui non sarà mai in grado di realizzare un progetto del genere. Non succederà mai." Beh, sette anni più tardi Segovia tornò a vedere Copes, gli disse che il suo progetto era una realtà e che stava per accadere, e che voleva Juan Carlos e María come una coppia principale dello spettacolo. Inoltre invitò Juan ad essere coreografo dei numeri di gruppo dello spettacolo, così come il finale e un certo numero di brani solistici. Juan accettò e iniziò a lavorare fianco a fianco con un uomo che pochi anni prima aveva pensato che fosse pazzo. Copes presto si rese conto che quell'uomo non era pazzo, ma piuttosto un genio e un visionario con una magnifica idea e 19


concetti che erano in anticipo sui tempi. Ad esempio, per la scena de La Cumparsita, che era di mostrare il tango come sarebbe stato ballato a Parigi nel 1913, poiché non c'erano documenti o film del modo in cui si ballava il tango a quel tempo, Segovia ha mostrato a Copes molte vecchie cartoline di coppie francesi di tango d'annata in posa. Copes li dispose sul pavimento con Segovia, li organizzò, li ri-arrangiò in un ordine diverso, e da quelle pose, con pochi passi di collegamento, è nata la coreografia di La Cumparsita. Copes e Nieves andavano bene, ma Segovia aveva bisogno di altri cinque coppie. Reclutò Nélida e Nelson, che all'epoca erano i direttori artistici e coreografi al Michelangelo. Erano già una coppia nota in Argentina e all'estero, dato che avevano lavorato dal 1971 nel settore dello spettacolo di tango. Erano apparsi sul palcoscenico, in televisione e in teatro con le migliori orchestre e cantanti, e avevano il loro balletto in cabaret grandi e importanti come King ed il Rugantino. Erano ben noti per la loro danza ad alta velocità ed i loro passi acrobatici, che erano insoliti per quel tempo, ma tutto questo sarebbe presto stato modificato da Segovia, che era alla ricerca di un diverso tipo di danza per il suo show - una più elegante, dignitosa, una danza rispettosa del palcoscenico. Carlos e María Rivarola sono poi stati aggiunti al cast, anche se erano considerevolmente più giovani rispetto al resto dei ballerini. Carlos è stato considerato (ed è ancora considerato fino ad oggi) essere un uomo fisicamente molto attraente e bello. Era alto ed elegante, con estremamente forti tratti del viso e scuri occhi obliqui, quasi asiatici. È stato abbastanza sorprendente nel suo aspetto, e sua moglie Maria lo era ancora di più. Con le sue lunghe gambe, il corpo da danzatrice formosa e penetranti occhi azzurri, era un fatto ben noto che María riusciva a provocare incidenti per le strade di Buenos Aires, dato che gli occhi di tutti gli autisti maschi (ed anche 20


alcune donne) erano su di lei e non sul traffico quando attraversava la strada! Carlos doveva ballare in uno dei ruoli principali nello show, La Cumparsita, con una vedette showgirl allora famosa di nome Cecilia Narova. Segovia aveva lavorato con Narova in varie Revistas porteñas che aveva diretto nel Teatro Maipo con Antonio Gasalla, Nélida Lobato e altri grandi artisti. Alla fine del 1982, quando Lobato, la top showgirl, al momento in Argentina, si ammalò e morì improvvisamente, Cecilia, che era una ballerina nel coro, è stata chiamata a rimpiazzarla. Questo era un passo molto importante per Cecilia, e uno che avrebbe potuto portarla ad alta fama. Ma poco dopo la sua promozione, Segovia la chiamò per il suo nuovo progetto. Era esattamente quello che aveva immaginato per due ruoli nel suo spettacolo: l'elegante ballerina del salone di alta classe parigino di La Cumparsita, e la scura, morocha, ragazza del barrio diventata prostituta per Milonguita. Narova doveva ballare La Cumparsita con Carlos Rivarola e Milonguita con María Nieves e tutti i ballerini nello show. Narova si adattò al suo ruolo, e divenne uno dei ruoli più riconosciuti della sua carriera. La successiva coppia aggiunta al cast è stata Mayoral e Elsa María. Entrambi erano già ballerini molto noti in Argentina e all'estero, ma non tanto negli show turistici così come lo erano gli altri ballerini. Mayoral aveva avuto il suo balletto per molti anni, Ballet Instrumental, in cui tutti i membri hanno ballato, cantato e suonato uno strumento musicale. Il balletto ebbe grande successo nel 1970 e ha viaggiato in tutto il Sud e America Latina. Ha vinto numerosi premi e riconoscimenti importanti ed è apparso in tutti i principali festival. Mayoral e Elsa María avevano anche girato una serie di programmi televisivi che insegnavano un semplice tango Salon. Questi programmi sono stati trasmessi in tutto il Sud America e non 21


solo hanno contribuito a diffondere il tango danzato al grande pubblico, ma hanno anche aiutato Mayoral e la moglie ad ottenere il riconoscimento su scala più grande. Lo stile di Mayoral e Elsa Maria era quella di tango salón, un ballo molto semplice ma altamente dignitoso pieno di piccoli movimenti giocosi di Mayoral. Mayoral aveva un grande senso dell'umorismo e giocosità nella sua danza, e questo era un piacere da vedere. Invece del tipico tango rigido, straightforward che era popolare in quel momento, la sua era una danza piena di carattere e personalità. Gloria ed Eduardo erano stati originariamente chiamati da Segovia, ma poiché Gloria stava per dare alla luce il loro primo figlio, viaggiare in un grande tour non era un'opzione fattibile. Sarebbe venuto il loro tempo pochi anno dopo, quando si sarebbero uniti allo spettacolo per un secondo tour. Gloria e Rodolfo Dinzel furono chiamati da Segovia per prendere parte al primo show. Andò a vederli esibirsi al El Viejo Almacén, gli piacque il loro aspetto sul palco ed organizzò un incontro con loro. Dopo lunghi negoziati, i Dinzels deciso di non fare il tour. Segovia non voleva dare loro un numero assolo di danza. Dovevano essere come tutti gli altri ballerini e danzare come parte di un insieme. Gli unici assoli sono stati dati a Copes e Nieves, Nélida e Nelson, e Mayoral e Elsa María. Ai Dinzels, soprattutto a Gloria, questo non piaceva per niente, ed entrambi rifiutarono l'offerta di Segovia. Anche loro, come Gloria e Eduardo, avrebbero avuto una seconda possibilità dopo un anno di aderire allo spettacolo. Una giovane coppia era necessaria, così Segovia ha invitato Mónica Canda e Luciano Frías. Mónica e Luciano, sebbene entrambi fossero poco più che ventenni, avevano già costruito una carriera impressionante. Entrambi avevano danzato nel balletto di Copes, eseguito importanti programmi televisivi 22


come Grandes Valores del Tango, girato in Colombia, Brasile, Cile, suonato con orchestre come il Sexteto Mayor e il Sexteto Tango, e interpretato gli spettacoli del molto importante attore argentino Hugo del Carril. Mónica e Luciano erano ben noti sulla scena per due cose: la loro estrema bellezza fisica, e la loro forte presenza scenica. Luciano era famoso per i suoi capelli neri pettinati all'indietro, che davano l'impressione di uno specchio estremamente riflettente. Era piuttosto uno spettacolo da vedere, e nessun altro ballerino di tango maschio dopo di lui è stato in grado di replicare il look. Monica, invece, era una bellezza inusuale. Anche se lei non possedeva il tipico "corpo della ballerina", aveva un paio di occhi che avrebbero potuto illuminare il faro di Alessandria! Con i suoi lunghi, capelli ricci, seno abbondante e gambe tornite, era proprio quello che Segovia stava cercando. Così entrarono nel cast. Mancava un'altra coppia. Segovia aveva visto tutte le maggiori e minori coppie di tango a Buenos Aires, ma non aveva trovato l'ultima coppia di cui aveva bisogno. Un giorno, parlando con Nelson, Nélida gli disse: «E quel grande uomo che è tuo amico. Qual è il suo nome? Quello che abbiamo visto ballare in strada per pochi centesimi? Dove si trova? "Quel" grande uomo ", naturalmente era Virulazo. A Nelson piaceva molto l'idea e partì con un amico per cercare Virulazo e sua moglie, Elvira. Sarebbe risultato essere compito non facile. Virulazo aveva rinunciato al tango ed era stanco di ballare per così poco denaro. Aveva una famiglia da mantenere e non era più interessato alla vita dura che aveva sofferto a causa del tango. Siccome era piuttosto bohemien, lui e la sua famiglia si trasferivano spesso, quindi era piuttosto difficile rintracciarli. Nelson e il suo amico andarono in giro nel vecchio quartiere di Virulazo a bussare alle porte, chiedendo del danzatore. 23


Nessuno sapeva nulla fino a che a San Justo (un quartiere alla periferia di Buenos Aires), un uomo disse: "Oh, sì! El Gordo (il ciccione)! Lavora nel negozio di macelleria all'angolo." Così andarono all'angolo e trovarono Viru coperto di sangue, che lavorava al suo nuovo lavoro. Gli spiegarono quello che stava accadendo con Segovia e il suo nuovo progetto. Virulazo non voleva avere niente a che fare, a lui non importava se lo avessero fatto a Buenos Aires, o Parigi oppure sulla luna. Disse che non danzava più, non aveva voglia di ballare e non sarebbe andato a ballare. Quando menzionarono l'idea di un provino, quasi colpì il soffitto. Disse: "Io sono Virulazo e non faccio un provino per nessuno! Soprattutto non per un designer frou-frou di teatro! " Alla fine Nelson convinse Virulazo a farlo. Così un giorno, mentre le prove per lo spettacolo erano a buon punto, Nelson portò Virulazo ed Elvira al El Viejo Café Nacional dove c'era un piccolo palco dove l'audizione si sarebbe tenuta. José Libertella era lì con alcuni dei suoi musicisti, e Segovia fu introdotto a Virulazo ed Elvira. In un primo momento lui era molto scettico. Virulazo e Elvira non erano la tipica immagine di un ballerino di tango. Non erano l'immagine tipica di qualsiasi tipo di ballerino! Virulazo era alto più di due metri, sovrastava le persone di dimensioni più medie ed era in sovrappeso di circa sessanta chili. Come molti argentini della sua generazione, viveva con una dieta di asado (carne di manzo alla griglia), birra e sigarette. Elvira, d'altra parte, era anche lei alta oltre due metri, snella, nerboruta e muscolosa, con gambe lunghe e sottili, lunghe braccia e un volto un po' "bello". Con i suoi corti capelli neri, da ragazzo, "femminile" non era una parola che la descriveva bene. 24


Segovia era estremamente titubante e aveva i suoi dubbi, ma accettò di farli ballare. Chiese loro quale canzone volessero e Virulazo disse, "Tanguera". L'orchestra suonò Tanguera, loro fecero del loro meglio, ma non fu la migliore audizione di tutti i tempi. Semplicemente non era la scelta musicale giusta per la loro personalità. Così Segovia chiese loro di farne un'altra, e questa volta Virulazo scelse Orgullo Criollo. La musica cominciò, Virulazo e Elvira danzarono, e tutti si gelarono nella caffetteria, fermandosi in quello che stavano facendo, si avvicinarono al palco, e rimasero lì ipnotizzati da ciò che stavano vedendo. La musica finì, e Segovia, in stato di shock, si alzò in piedi, applaudì selvaggiamente, e li assunse immediatamente. "El Gordo" di San Justo stava per debuttare a Parigi. Ci sono state, naturalmente, molte coppie di ballerini che si sono fatte in quattro per entrare nello spettacolo in quel momento. È noto che un giovane muratore di nome Miguel Ángel Zotto ha tentato di far parte del cast nel 1983, ma è stato rifiutato, così come lo sono state altre coppie importanti come Los de Cobre, Los del Plata, Marinel e altri. Con le coppie di ballerini già scelte, dovevano essere trovati un'orchestra e un direttore musicale. Segovia aveva inizialmente parlato con il leggendario bandoneonista Aníbal Troilo "Pichuco" perché fosse direttore musicale dello show, ma poco dopo il 18 maggio 1975, Pichuco é scomparso lasciando dietro di sé un'eredità musicale indimenticabile. Poi Segovia parlò con Astor Piazzolla. Tuttavia, Astor iniziò a porre condizioni: avrebbe fatto parte dello show solo se tutti i pezzi musicali fossero stati suoi. Questo, naturalmente, era impossibile, dato che l'idea dello show era quella di portare il pubblico in un viaggio attraverso la storia del tango e l'evoluzione del genere. Piazzolla era anche troppo ansioso di finalizzare tutto e firmare un contratto, un'altra condizione 25


impossibile, dato che Segovia non aveva completato la progettazione del suo show, per non parlare del casting di artisti. Non aveva nemmeno scritto il suo contratto. Segovia prese la decisione di non sceglierlo, e Astor continuò il suo cammino. L'orchestra Sexteto Mayor debuttò presso la Casa de Carlos Gardel a Buenos Aires il 29 aprile 1973 e ha suonato ogni notte per il tutto esaurito. L'orchestra divenne immediatamente un successo di pubblico e di stampa. Seguirono Tour internazionali in tutta l'America Latina, Sud e Centro America, così come tour in Giappone, Asia ed Europa. Intorno al 1981/1982 l'orchestra riscuoteva un grande successo al Trottoirs de Buenos Aires a Parigi. Il Trottoirs è stato un leggendario vecchio café di tango aperto da Susana Rinaldi, Antonio Cantone e Tomás Barna, ed era il luogo dove tutti i migliori musicisti e cantanti di tango di tutto il mondo si presentavano quando erano a Parigi. Il Sexteto Mayor ha suonato nella prima rappresentazione del Trottoirs il 19 novembre 1981. In quel momento Claudio Segovia, che aveva vissuto e lavorato a Parigi per molti anni, ebbe notizia di questa nuova orchestra e andò a ascoltarli. Segovia ha parlato con José Libertella, che insieme a Luís Stazo era il direttore d'orchestra. Il Sexteto aveva un grande repertorio e avrebbe potuto dare a Segovia quello di cui aveva bisogno, così è stato deciso di includerli nel cast dello show. Le discussioni hanno preso il via e Segovia ha spiegato a Libertella la sua idea di presentare tutti gli stili musicali ed i periodi di tango dalle prime Milongas alle più moderne composizioni di Astor Piazzolla e Horacio Ferrer. Fin dall'inizio la maggior parte degli arrangiamenti musicali sono stati adattati da José Libertella. Libertella è nato in Italia, ma si trasferì in Argentina quando aveva solo pochi mesi. Egli era molto conosciuto per il suo talento come arrangiatore musicale. Segovia era già stato a vederlo nel 1976 quando ha 26


originariamente voluto debuttare con il suo show. Inizialmente Segovia voleva che il grande Aníbal Troilo fosse il direttore musicale dello show e avere la sua orchestra sul palcoscenico. Tuttavia, a causa della morte di Troilo nel 1974, ciò non era una possibilità. Una nota interessante è che ogni prestazione di Tango Argentino è iniziata e si è conclusa con Quejas de Bandoneón come un omaggio al grande "Pichuco". La maggior parte degli arrangiamenti musicali nello show sono quelli di Troilo che Libertella ha "adattato", ma fondamentalmente sono nelle modalità di Troilo. Poi Segovia ha chiamato Horácio Salgán, un magnifico pianista e compositore di tango che ha suonato in un duo di successo con Ubaldo de Lío. Salgán e de Lío avevano suonato insieme nel Trottoirs de Buenos Aires a Parigi nel 1982 e causato una tale sensazione che era stata fatta una registrazione live del concerto. Ci sono ancora parigini che da quel giorno ricordano vividamente quei concerti. Salgán è stato e sempre sarà una leggenda nella storia della musica argentina, ha scritto canzoni come A Fuego Lento, A Don Augustín Bardi, e Oratorio Carlos Gardel. Salgán aveva uno stile estremamente moderno per il tempo e aveva fatto parte di molte orchestre importanti, come quelle di Roberto Firpo, Edmundo Rivero ed altri. Nel 1960 aveva creato il Quinteto Real, che ha avuto un enorme successo in tutto il mondo. In seguito ha creato il Nuevo Quinteto Real, che ha avuto un successo ancora maggiore del primo. Ubaldo de Lío aveva sempre suonato in duo con Salgán in tutti i suoi concerti e recital. Entrambi avevano registrato molti dischi LP e cassette, e la loro musica era conosciuta in tutto il mondo, soprattutto in Giappone dove hanno avuto un gran numero di seguaci. Entrambi sono stati aggiunti al cast. Con il cast al completo e l'organizzazione dello show a buon 27


punto, lo spazio per le prove è stato un altro problema che la compagnia ha dovuto affrontare. In un'intervista di Luís Tarantino con Gloria e Rodolfo Dinzel nella rivista Tango XXI, la coppia ha detto: "Molte persone hanno negato a Segovia l'utilizzo delle sale prove per la prima di Tango Argentino. Abbiamo provato nel vecchio Cano 14. Anche con il trionfo e il successo è stato così. In realtà il primo a darci qualche attenzione quando siamo tornati da Parigi è stato Alejandro Romay a Canal 9. Ci ha dato una targa. Credo che nessuno capì cosa era successo, non eravamo ancora andati a Broadway. Romay ha realizzato che qualcosa stava per accadere

28


INDICE Dentro Tango Argentino - 1 Libri, ebook, DVD, CD, mp3 di Tango: - 3 Ringraziamenti - 5 Non responsabilità - 6! Prefazione - 7 Introduzione - 9 1 I CREATORI: C LAUDIO SEGOVIA E D H ECTOR O REZZOLI - 12 2 La Preparazione - . 19 3 Il Sogno: Parigi 1983 - 29 4 Il Ritorno: Italia/Parigi 1984 - 49 5 Il M iracolo: B roadway 1985 - 57 6 Il B oom : Giappone 1987 - 77 7 Il Giro del Mondo: 1988, 1989, 1991 - 81 8 L Inizio della Fine: B uenos Aires 1992. 94 9 Lo Show - .103 10 All Interno dello Show: - 137 La Musica - . 137 La Coreografia - 139 I Costumi - . 149 I Capelli ed il Makeup - 160 Scenografie e I l l u m i n a z i o n e - 166 Los Papelones* de Jean5Luc - 172

11 Gli Artisti - 180 Juan Carlos Copes e María Nieves Rego - 181 Nélida e Nelson - 185 Carlos e María Rivarola - 186 Gloria Barrios - 187 Gloria e Rodolfo Dinzel - 189 Mayoral e Elsa María - . 190 Cecilia Narova - 192 Mónica e Luciano - 194 Naanim Timoyko - . 196 Omar Mazzei - 198 Giselle Anne Zorzenon de Naveira . 199 Carolina Iotti - . 203 Norma Acosta e Luís Pereyra - 205

29


Gloria e Eduardo - 207 Cristina Cinza - . 209 Virulazo e Elvira - 211 Jorge Reeves - 212 Miguel Ángel Zotto e Milena Plebs - 215 Carlos e Ines Borquez - 219 Horácio Salgán - 223 José Libertella - 227 Luís Stazo - . 228 Osvaldo Berlingieri - 231 Sexteto Mayor - 233 Ubáldo de Lío - . 235 Orlando Trípodi - 236 Mario Abromovich - . 237 Lisandro Adrover - 237 Enrique Diaz - 238 Elba Berón - . 241 Raúl Lavié - 245 Roberto Goyenéche - 247 María Graña - 249

12 Epilogo - 251 Appendici - 257 C ast di Tango A rgentino - 257 Città in c u i Tango Argentino ha trionfato - 264 Cur ios ità - . 265

INDICE - 270

30

Dentro Tango Argentino  

Tango Argentino è stato lo spettacolo innovativo che ha portato alla rinascita di interesse per il Tango Argentino. Ha debuttato a Parigi, p...

Dentro Tango Argentino  

Tango Argentino è stato lo spettacolo innovativo che ha portato alla rinascita di interesse per il Tango Argentino. Ha debuttato a Parigi, p...

Advertisement