Page 1

Enrico Bivi

PORTFOLIO 2014 - 2018

enricobivi@gmail.com


Enrico Bivi

email enricobivi@gmail.com birhdate 16-05-1992 residence San Michele al Tagliamento (VE) domicile Roma

Education and training July 2018

Master’s degree in Architecture - Urban project Università degli studi di Roma3 110 Lode March 2015

Bachelor’s degree in Science in Architecture Università Iuav di Venezia 108/110

Digital skills Autocad Archicad Allplan Rhinoceros Keyshot V-ray

Photoshop Illustrator Indesign Word Excel Qgis

Lingual skills Italian: Mothertongue English: Level B2


Work experience April - June 2017

Anci - Associazione Nazionale Comuni Italiani Via dei Prefetti, 46 00186 Roma Internship

September - December 2014

Beraldo e Marras Architetti Associati Via delle Industrie, 21/2 30175 Venezia Internship

March 2014

Barcelona Regional – Agència Desenvolupament Urbà Carrer 60, 25-27 08040 Barcelona LLP Erasmus

July - September 2013

La Biennale di Venezia

San Marco 1364/A 30175 Venezia Internship

Workshop June 2017 Uniroma3

July 2013 Iuav - Columbia University

July 2014 Iuav

July 2012 Iuav

Oltre i centri storici

Performing the library

Architettura Sine Terra

Camminare sull’acqua

Pubblications Andrès Bellera, Enrico Bivi, Antoine Horenbeek, Engy Khaled, Filippo Marchiori, Fernando Montoya Martinez, Laura Rijsbosch (2014).

Upcycling incubator. In Up Cycle Barcelona, European Commission Lifelong Learning Programme.


Selection of the

academic projects


masterplan 01 bologna_ bolognina district International design competition for the “Ex Caserma Sani” masterplan

05 tor sapienza eAST PARK URBAN RENEWAL PROJECT FOR THE ORIENTAL EDGES OF THE CITY

RELIGIOUS

RESIDENTIAL

02 roma_ decima district PARISH complex

03 VENEZIA_ SESTIERE SANTA MARTA PROJECT FOR “CAMPO DEI SECHI”

INFRASTRUCTURES AND PUBLIC SPACE

RESEARCH

04 increAsed closeness AND WIDESPREAD ACCESSIBILITY IN SOUTHEAST ROMA

06 ROMA - RIONE CAMPITELLI Philological RECOMPOSITION and VIRTUAL RECONSTRUCTION of the DESTROYED urban fabric


bologna_bolognina district International design competition for the “Ex Caserma Sani” masterplan

The Ex Caserma Sani is a disused military complex located to the north of the historical centre of Bologna, inside the district of Bolognina, between via Stalingrado and via Ferrarese. As for many other urban realities, the urban fabric of Bologna has been emptying of obsolete functions related to manufacturing activities, transportation, security, and defence. Consequently, the buildings and large areas which were dedicated to those functions – which are tightly integrated with the existing city – represent now an important opportunity for regenerating parts of the city. The Ex Caserma Sani represents one of these “urban holes” which still mark the current phase of transformation of Bologna and need to be transformed. The Masterplan that has been realised proposes to restore the existing buildings which were declared historical and artistic heritage and integrate them with new buildings. The basic settlement adopted takes inspiration from the structure of Bologna’s urban patterns, especially as regards the different gradients of open spaces determined by court buildings.

L’Ex Caserma Sani è un complesso militare dismesso ubicato nel quartiere Bolognina, tra le vie Stalingrado e Ferrarese, a nord del centro storico di Bologna. Così come per tante altre realtà urbane, il tessuto urbano di Bologna si è andato svuotando di funzioni obsolete riguardanti attività produttive, trasporti, sicurezza e difesa del territorio. Si sono quindi resi disponibili edifici e ampie aree strettamente integrate con la città esistente, che rappresentano importanti opportunità per rigenerare parti di città. La Ex Caserma Sani si caratterizza come uno di questi “buchi urbani” che segnano ancora l’attuale fase di trasformazione di Bologna. Il Masterplan che è stato realizzato propone di recuperare i manufatti esistenti dichiarati di interesse storico e artistico e integrarli con manufatti di nuova edificazione. Il principio insediativo adottato prende ispirazione dalla conformazione dei tessuti urbani di Bologna, in particolar modo per quanto riguarda i differenti gradienti degli spazi aperti determinati dagli impianti a corte.


Axonometric view

Mineral open spaces

Green open spaces

Built


Ground level


Climate adaption measures and energy saving

Pre-existing buldings

Loggia system on the south side

Ideal sloping roof for solar panels

Water gatering and rain gardens

New buildings

Wet square

Commercial, business and public premises

Permeable ground and high solar reflection

Water square


roma_decima district

parish complex

Sacred architecture represents one of the most complex fields in the project composition, since it claims an elevation compared to the usual architecture. The project is located inside the INCIS quarter of Decima, an urban area that assumes outskirt characters. This perception is not caused by uncertainties on the architectural and urban quality but rather by the marginal location – as compared to the principal infrastructural connections, and also for the poor functional mix. In this context , the “curtain concept” becomes the object of study and planning application. The “curtain concept “represents the archetype of a process of monumentalisation of the form that fits into the framework of the genesis of architecture, in which Rome became for centuries a laboratory of architectural experimentation.

L’architettura sacra rappresenta uno degli ambiti più complessi nella composizione progettuale, in quanto reclama un’elevazione rispetto alla consueta architettura. Il progetto si colloca all’interno del quartiere INCIS di Decima, un’area urbana che assume i caratteri di periferia, sicuramente non per incertezze sulla qualità architettonica e urbana ma piuttosto per la marginalità rispetto ai principali collegamenti infrastrutturali oltre che per la carenza di mix funzionale. In questo contesto, il “tema della tenda” diventa oggetto di studio e applicazione progettuale, in quanto archè di un processo di monumentalizzazione della forma che si inserisce nel quadro della genesi dell’architettura, in cui proprio Roma divenne per secoli laboratorio di sperimentazione architettonica.


Planivolumetric


Exploded axonometric view

South elevation


B

C

B’

C’

B

C

B’

C’

Section B-B’

Ground floor

First floor

Section C-C’


VENEZIA_SESTIERE SANTA MARTA

PROJECT FOR “CAMPO DEI SECHI”

Observing the urban configuration of Santa Marta, Campo dei Sechi can be considered the core of this district. The perception of this centrality, however, is hampered by the presence of areas which are inconsistent with each other: this characteristic prevents a unified and homogeneous vision, making the field a space that is simply allowed to cross. The settlement principle of the project aims to recalibrate the centrality of this area through both the “built” and the “unbuilt”. The project programme consists of the construction of two luxury homes and four minimum housing units, which will rise respectively along the edge of the Rio di Santa Marta and in place of the current sport facility. Of the same importance is precisely the reconfiguration of the open spaces that make up this area: starting from the space in front of the Santa Marta theater, passing through the Campo dei Sechi and finally the Rio’s shore.

Osservando la configurazione urbana di Santa Marta, Campo dei Sechi può essere considerato il nucleo centrale di questo sestiere. La percezione di questa centralità risulta però ostacolata dalla presenza di ambiti incoerenti tra loro che ne impediscono una visione unitaria, rendendo il campo uno spazio che si lascia semplicemente attraversare. Il principio insediativo del progetto ha l’obiettivo di ricalibrare la centralità di quest’area sia attraverso i pieni che i vuoti. Il programma di progetto prevede la realizzazione di due abitazioni di lusso e quattro unità abitative minime che dovranno sorgere rispettivamente lungo il bordo del Rio di Santa Marta e al posto dell’attuale campo sportivo. Della stessa importanza è appunto la riconfigurazione dei vuoti che costituiscono quest’area: a partire dallo spazio di fronte al teatro di Santa Marta, passando per il Campo dei Sechi e infine la riva del Rio.


Planivolumetric


2b

1a

2a

3 1b

Ground floor

1. Minimum residential units 2. Luxury homes

2a. Home for a writer 2b. Home for an artist 3. Campo dei Sechi

North elevation


Sezione A-A’

East elevation


2b

2a

3 1

Ground floor

Section A-A’


1. Minimum residential units 2. Luxury homes 2a. Home for a photographer 2b. Home for an art curator 3. Exhibition centre

Section B-B’ 39


UniRoma3 -Tesi di laurea prof. Simone Ombuen increAsed closeness AND WIDESPREAD ACCESSIBILITY IN SOUTHEAST ROMA The work of this thesis highlights the role of sustainable mobility in enriching the possibilities for using the city and at the same time recompose urban places. “What is it that makes it pleasant living in a city? The calmness of the residential neighborhoods? The order of the work areas? The vastness of the cultural activities? The multiplicity of equipment fun? The amount of green spaces? All of this is not enough. For take advantage of all the offers inside the city, one must first be able to access it. Accessibility is one of the first conditions for the well-being of a city”. The thesis path has begginning through this reflection on the city, supported by Jean-Paul Bally. Rome is examined in all its complexity, studyng the relationship between infrastructure and settlement system. The strong dichotomy between urban and rural, and a modal split of travel based on private mobility are two features of Rome in the strong relationship and rarely found in other urban areas. Assuming the importance of integrating the different modes of sustainable mobility, the concept of “increased closeness” becomes the fundamental strategy to promote accessibility in the urban area of Rome.

Il lavoro di tesi mette in luce il ruolo della mobilità sostenibile nell’arricchire le possibilità d’uso della città e allo stesso tempo ricomporre i luoghi urbani. “Che cos’è che rende piacevole la vita in una città? La tranquillità dei quartieri residenziali? L’ordine delle zone di lavoro? La vastità delle attività culturali? La molteplicità delle attrezzature di divertimento? La quantità degli spazi verdi? Tutto ciò non è sufficiente. Per poter approffittare di tutte le offerte della città bisogna innanzitutto potervi accedere. L’accessibilità è una delle prime condizioni per il benessere di una città”. E’ attraverso questa riflessione sulla città sostenuta da Jean Paul Bally che ha avuto inizio il percorso di tesi, in cui Roma viene presa in esame nella sua complessità, analizzando le relazioni tra infrastrutture e sistema insediativo. La forte dicotomia tra urbano e rurale e una ripartizione modale degli spostamenti incardinata sulla mobilità privata risultano essere due peculiarità di Roma in forte relazione e difficilmente riscontrabili in altri ambiti urbani. Assumendo l’importanza di integrare fra loro i diversi modi della mobilità sostenibile, il concetto di “prossimità aumentata” diventa quindi la strategia fondante per poter diffondere l’accessibilità nell’ambito urbano di Roma.


How Rome moves?

Roma

Modal split

Roma compared with european cities

Metro network kilometers ever 100.000 inhabitants

Roma compared with italian cities

Time spent in traffic


Space distances

Fall and rebirth of the european tram networks

Time distances


San Paolo - Montagnola area Lungo il tracciato tranviario presecelto, oggetto di approfondimento progettuale sono i brani di cittĂ attraversati da Viale Cristoforo Colombo, compresi tra le centralitĂ  locali di Valco San Paolo e Montagnola.


San Paolo - Montagnola area Current structure of the city

Design scheme


Masterplan


Axonometric view

Section A-A’

Section B-B’


tor sapienza eAST PARK URBAN RENEWAL PROJECT FOR THE ORIENTAL EDGES OF THE CITY Tor Sapienza is a neighborhood located in the east area from the urban centre of Rome, inside and close to the Grande Raccordo Anulare, which was born as an agricultural town. After an urban analysis of the area, it was possible to notice that the urban margins were one of the themes that were more relevant to critical issues that have been detected. The presence of barriers along the eastern edge of the residential fabric of Tor Sapienza has totally obstruct the visibility and accessibility, thus creating a series of blind streets. Along this border, there are also a sequence of residual areas and abandoned buildings, whose recovery could reshape the entire town. The strategy of the project consists in redesigning this area, identifying a sequence of transverse paths to those currently used, in order to create new social polarities. On a preliminary basis, it is therefore expected the construction of a road system that attaches to existing blind streets. In addition to the road system, is also provided a system of slow mobility inside a linear park. The characterising element of this park is a path that holds together the heterogeneity of functions within the project.

Tor Sapienza è un quartiere che si colloca ad est rispetto al centro urbano di Roma, a ridosso ed internamente il Grande Raccordo Anulare, che nasce come borgata agricola. Dopo aver effettuato un’analisi urbana di quest’area, è stato possibile notare che uno dei temi più affini alle criticità che sono state rilevate, è quello dei margini urbani. La presenza di barriere lungo il bordo orientale del tessuto residenziale di Tor Sapienza ostruisce totalmente la visibilità e l’accessibilità, creando quindi una serie di vie cieche. Lungo questo bordo sono presenti inoltre una serie di spazi residuali e edifici dismessi, il cui recupero potrebbe ridare forma all’intero centro abitato. La strategia di progetto consiste nel riconfigurare quest’area, individuando una sequenza di tracciati trasversali a quelli usufruiti attualmente, al fine di creare delle nuove polarità sociali. Si prevede quindi, a livello preliminare, la realizzazione di un sistema di viabilità che si aggancia alle attuali vie cieche. Oltre al sistema di viabilità, è previsto anche un sistema di percorribilità lenta. Si tratta di un parco lineare, il cui elemento caratterizzante è un percorso che tiene assieme l’eterogenità delle funzioni inserite all’interno del progetto.


Overall masterplan of the intervertions


Urban project


Re-stitching of the streets

Row buildings aggregated complex

Density distribution according to the current urban fabric

Row residential buildings

Linear park

Low density row residential buildings

Permeability between the linear park and the city

Coworking and companies buildings


06

ROMA - RIONE CAMPITELLI

Philological RECOMPOSITION and VIRTUAL RECONSTRUCTION of the DESTROYED urban fabric

The construction of the Monument to Vittorio Emanuele II (1885-1935) involved the demolition of an extensive part of the city, certainly more extensive than initials and too optimistic supposed forecasts of the work. This research work has as an objective the reinterpretation and the philologic recomposition of the part of the city before the construction of the Monument. This work has returned evidently the loss artistic and architectural heritage suffered by the city. To reconstitute the preunification order of this urban area, the historical documentation of the Capitolian Archives of Rome and the photographic documentation have been the principal sources. This phase has been preceded by the cartography study of the different ages that its have led to the definition of the genesis and the transformations of this urban area, from the origins to the current state. The virtual reconstruction of a Rione Campitelli’s portion has shown the great importance of an historical, artistic and identity heritage of which currently there isn’t trace. In this area, one of the oldest and most densely populated areas of the historic centre of Rome, were established, without distinction, expropriation decrees, for the realization of the most monumental and impressive construction site of Rome built in past 150 years.

La costruzione del Monumento a Vittorio Emanuele II (1885-1935) ha coinvolto la demolizione di un settore piuttosto esteso della città, certamente più vasto di quanto le iniziali e troppo ottimistiche previsioni dei lavori lasciavano ipotizzare. Questo lavoro di ricerca ha avuto come obiettivo la rilettura e ricomposizione filologica dei brani di città precedenti alla realizzazione del Monumento, che ha reso evidente le perdite artistico‐architettoniche subite dalla città. La documentazione storica dell’Archivio Capitolino di Roma e la documentazione fotografica sono state le principali fonti per poter ricostituire l’assetto preunitario di questo ambito urbano. Questa fase è stata preceduta dallo studio della cartografia delle differenti epoche che hanno portato alla definizione della genesi e delle trasformazioni di questo ambito urbano, dalle origini allo stato attuale. La ricostruzione virtuale di una porzione del Rione Campitelli ha messo in luce la grande rilevanza di un patrimonio storico, artistico e identitario di cui attualmente non vi è più traccia. In questa zona infatti, una delle più antiche e densamente popolate del centro storico di Roma, si abbatteranno indistintamente decreti di esproprio per la realizzazione del cantiere della più monumentale e imponente opera architettonica di Roma realizzata negli ultimi centocinquant’anni.


Demolitions / new constructions

S. DuperĂ c, Veduta di Roma, 1577

Plan view of the built on Via della Pedacchia, 4-38

Axonometric section of the built on Via della Pedacchia, 4-38


Portfolio Enrico Bivi__2014 - 2018  
Portfolio Enrico Bivi__2014 - 2018  
Advertisement